TRADING SYSTEMS. Premessa. Principi di base. Progettazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRADING SYSTEMS. Premessa. Principi di base. Progettazione"

Transcript

1 TRADING SYSTEMS Premessa Man mano che, nel corso degli anni, l'analisi tecnica deludeva sempre di più, non per mancanza di validità intrinseca, ma per la discutibile soggettività delle sue risultanze, gli operatori cominciavano a sentire l'esigenza di introdurre un elemento che sottraesse il più possibile le segnalazioni operative agli effetti dell'emotività personale. Dapprima presero a parlare di autodisciplina, riferendosi a un'autoimposizione a seguire le indicazioni dell'analisi tecnica, anche quando non convinti sotto il profilo razionale, senza rendersi probabilmente conto che il problema restava ugualmente senza soluzione: intanto con l'autodisciplina, comunque la si intendesse, non veniva ancora risolta l'eterna questione del conflitto tra i vari indicatori; inoltre, qualsiasi sforzo interiore l'analista facesse, continuava a non esserci modo di svincolare l'operatività da grafici e calcoli soggetti a interpretazione. Con la diffusione dei personal computers, però, si è scoperto che, trasformando in algoritmo il processo valutativo, poteva essere delegato alla macchina il compito di analizzare le informazioni disponibili e di generare dei segnali operativi direttamente utilizzabili. L'oggettività veniva così assicurata e l'autodisciplina acquistava il senso dell'osservanza, senza discussioni, del responso del computer; erano nati i trading systems. Non bisogna naturalmente equivocare: un trading system non presuppone necessariamente un lavoro al computer; l algoritmo può essere, nei casi più semplici, sviluppato anche dall operatore, ma è solo quando quest ultimo non interferisce in alcuna maniera nell elaborazione dei fattori decisionali che può essere assicurata l obiettività di valutazione necessaria per fare la differenza tra un sistema meccanico e uno discrezionale. Principi di base Nei trading systems vengono fondamentalmente forniti al computer tre tipi di informazioni: * una serie storica di quotazioni; * dei parametri da utilizzare per il calcolo degli indicatori prescelti; * delle regole da utilizzare per la generazione dei segnali operativi. Benché, a rigore, sia sufficiente la predisposizione di un solo indicatore, i trading systems sono di solito programmati per la elaborazione congiunta di più strumenti di analisi tecnica; il problema della eventuale conflittualità tra le risultanze viene risolto con il ricorso a un algoritmo di calcolo che produce segnalazioni di acquisto o di vendita solo nei casi in cui queste siano compatibili con tutte le regole prefissate. Progettazione La realizzazione di un trading system passa attraverso una serie di fasi. Intanto la progettazione. Un'intuizione, una lettura, un'emulazione fanno talvolta scattare la convinzione che, combinando opportunamente certe tecniche di analisi, si possa aumentare la frequenza dei successi. Non è esattamente così, non almeno in assoluto. Anzitutto il trading system deve essere progettato con specifico riferimento alle caratteristiche intrinseche di un mercato o di un indice o di un titolo, alla frequenza connessa al tipo di attività, alla strategia che si intende adottare. Anche il grado di predisposizione al rischio da parte dell'operatore costituisce fattore fondamentale da prendere in considerazione, perché da esso dipende lo spessore dei filtri che il sistema deve superare prima di produrre i suoi segnali. La progettazione richiede, poi, un'oculata scelta degli indicatori sulla cui azione congiunta dovrà basarsi l'elaborazione. Dovranno essere quindi scelti degli strumenti che siano in grado non solo di rilevare con sufficiente approssimazione l'esistenza di una tendenza o di una fase di congestione, ma anche di rapportare alle varie situazioni di mercato le segnalazioni operative. Dovrà, infine, essere pianificato un equilibrato criterio di gestione delle uscite dal mercato sia in caso di guadagno che in caso di perdita. ( ) ( ) I concetti relativi alla scelta del momento di uscita dal mercato in funzione dei guadagni conseguiti o delle perdite subite formeranno oggetto di trattazione specifica in un capitolo a parte.

2 Insomma, prima di procedere alla realizzazione di un trading system o, ancor più, al suo utilizzo operativo, è necessario ricercare con estrema attenzione l'esistenza della massima compatibilità tra il prodotto e le proprie strategie di investimento. Realizzazione L'idea progettuale prende corpo con la identificazione degli indicatori e dei parametri di massima che devono essere utilizzati dal programma computerizzato di analisi tecnica per la generazione dei segnali operativi. Anche se la progettazione è stata accurata, è comunque necessario porre estrema attenzione a non mettere in piedi un modello in grado di funzionare ottimamente, in sede di simulazione, su un determinato andamento storico, ma privo di qualsiasi capacità di valutazione del presente. E' facile, infatti, ed avviene solitamente quando si usano troppi indicatori oppure indicatori fortemente correlati l'uno all'altro, arrivare attraverso successivi aggiustamenti alla realizzazione di un sistema capace di produrre utili favolosi nella sperimentazione su dati passati, ma del tutto inidoneo a cogliere le dinamiche di mercato o, come comunemente si dice, a generalizzare. In ogni caso, per quanta attenzione si possa dedicare alla costruzione del sistema, non esiste alcuna garanzia che un modello che ha funzionato in passato possa continuare a funzionare in futuro; è tuttavia molto difficile, al contrario, che un modello inefficace in fase di simulazione possa poi funzionare bene nella realtà operativa. Ottimizzazione E' sicuramente la fase più delicata. Consiste nell'aggiustamento dei parametri, successivamente alla loro fissazione su valori di massima, per renderli idonei a raggiungere contemporaneamente il duplice scopo di massimizzare i profitti e di dimostrare efficienza su tutto il periodo di simulazione. Occorre quindi procedere sperimentando le varie possibilità fino all'individuazione di quella che produce i migliori risultati. E' intuibile che più numerosi sono i parametri da ottimizzare, più lungo è il processo di aggiustamento; bastano pochi valori, da provare in tutte le combinazioni possibili, per rendere interminabile questa fase, anche con l'uso di un computer potente. Per poter confidare, poi, nelle capacità di generalizzazione del sistema, cioè nella sua attitudine a funzionare nell'operatività reale, è necessario che esso venga provato, con risultati soddisfacenti, su più intervalli temporali che riflettano condizioni di mercato differenti; da respingere senza esitazione quei modelli sulla base dei quali vengono conseguiti utili favolosi i quali, a un'attenta analisi, si rivelano dovuti a ben precise situazioni di mercato di natura eccezionale. In proposito, è abbastanza diffuso un convincimento insidioso il cui vizio di fondo, evidentemente, sfugge a molti. In pratica, si prova un modello su un determinato periodo di tempo (training) e, quando i risultati sono soddisfacenti, lo si riprova su un diverso periodo (testing). Se l esito è positivo anche questa volta il modello viene adottato, altrimenti si ricomincia daccapo. Ora, la ripetuta ricerca di parametri che soddisfino anche l intervallo di test significa che quest ultimo, in effetti, non diventa altro che un prolungamento del periodo di training o, in altri termini, che il vero test può essere effettuato solo con l applicazione pratica del modello. Una buona via d uscita può essere trovata, come detto più sopra, nella suddivisione dell intero periodo in più intervalli temporali (3 o 4) e nella ricerca di risultati soddisfacenti in ognuno di essi tenendo presente che, in presenza di più soluzioni apparentemente simili, va privilegiata quella che garantisce maggiore stabilità di risultati, quella cioè che consegue una maggiore omogeneità nella distribuzione dei profitti su tutti i periodi presi in esame. E' necessario verificare, in fase di ottimizzazione, che la frequenza delle operazioni sia adeguata al tipo di attività che il modello è chiamato a disciplinare e che esista un rapporto favorevole tra numero di operazioni in utile e numero di operazioni in perdita e tra utile medio e perdita media per operazione, tenuto conto dell'entità delle commissioni operative. Da non sottovalutare, ovviamente, il fenomeno per il quale al trading system viene richiesto di produrre segnali su quotazioni che, al momento poi dell'intervento operativo, per quanto tempestivo, non sono più attuali.

3 Errato il concetto, per la verità piuttosto diffuso, relativo all'esigenza di una riottimizzazione frequente del trading system. Infatti, o il modello ha la capacità di generalizzare, cioè di cogliere aspetti diversi del mercato, e in tal caso possiede già delle caratteristiche di autoadattamento, oppure è stato male progettato. Non esistono alternative. Se l'operatore avverte l'esigenza di monitorarne frequentemente l'adeguatezza, vuol dire che i risultati non sono soddisfacenti. In tal caso è probabilmente meglio rivedere l'intera struttura piuttosto che i parametri. Esempio Nell'esempio che segue non possono essere rigorosamente rispettati tutti i principi sopra esposti in quanto: * manca il presupposto fondamentale della definizione di una strategia operativa; * non si conoscono i costi relativi all'attività che scaturisce dai segnali del trading system. La dimostrazione, tuttavia, pur non prefiggendosi alcun obiettivo operativo, propone un modello che può essere agevolmente integrato o modificato nella sua struttura per essere adattato a diversi tipi di esigenze. L oggetto della sperimentazione è l'indice Comit, ( ) del quale è disponibile una lunga serie storica, e si suppone che l'intervento venga effettuato sul valore di chiusura del giorno successivo a quello di generazione del segnale. Il modello, pertanto, tiene già conto delle divergenze, prima evidenziate, che possono esistere tra il livello della quotazione al momento della generazione del segnale e quello dell'epoca di intervento. Gli strumenti di analisi tecnica prescelti sono il rate of change (ROC), per la rilevazione della velocità ( ) Trattandosi di esempio didattico, non ha alcuna importanza il fatto che l indice Comit non sia direttamente negoziabile.

4 della tendenza, e il relative strength index (RSI), per l'individuazione delle situazioni di maggior forza del mercato, corrispondenti a un livello posto in prossimità della zona di ipercomprato; non esiste alcuna valida controindicazione al fatto che si tratta di due indicatori di momento fortemente correlati tra loro, visto che la struttura dell uno è completamente diversa da quella dell altro. L'adozione di parametri piuttosto lenti fa emergere un sistema non molto aggressivo ma solido, con segnali di acquisto in presenza di un mercato fortemente orientato al rialzo e segnali di azzeramento delle posizioni in caso di indebolimento della tendenza. Fissato un livello abbastanza elevato dell'rsi, il sistema genera, infatti, un segnale di acquisto non appena il valore dell'indicatore o di una sua media mobile viene a trovarsi sopra tale livello e, contemporaneamente, il valore del ROC viene a trovarsi in posizione superiore a quello di una sua media mobile; genera, invece, un segnale di vendita quando il valore del ROC perfora al ribasso la sua media mobile. Per la definizione esatta di ciascun parametro, viene fissato un minimo ed un massimo lasciando al programma di ottimizzazione l'incombenza di provare iterativamente tutte le combinazioni possibili e di scegliere quella che massimizza il profitto. Le sole condizioni poste, dopo aver suddiviso il periodo di ottimizzazione (dall' al ) in tre intervalli di uguale lunghezza, prevedono il conseguimento di utili in ciascuno di essi e una distribuzione la più equa possibile. La suddivisione in più intervalli soddisfa pienamente la necessità, generalmente avvertita, di provare il trading system su un periodo e di verificarlo su un altro al fine di misurarne l efficacia, come già detto sopra, in condizioni di mercato differenti. Il programma realizza il massimo profitto proponendo l'adozione dei seguenti valori limite: * media mobile a 2 giorni dell'rsi su base di 14 giorni rapportata al valore di 74; * ROC a 13 giorni riferito alla sua media mobile a 56 giorni. L'utile conseguibile, complessivamente del 107,85% su base 1000 (a fronte di un indice rimasto complessivamente invariato) con 22 operazioni di acquisto e altrettante di vendita, risulta così suddiviso ( ) : / sedute di Borsa: +10,69% su base 1000 (buy and hold: -38,06%) / sedute di Borsa: +59% su base 1106,90 (buy and hold: +51,28%) / sedute di Borsa: +18,10% su base 1759,96 (buy and hold: -5,87%) Tenuto conto che il sistema è stato progettato per la sola gestione di posizioni lunghe nell'ambito di tendenze al rialzo e che la liquidità risulta impegnata solo per poco più del 21% dell'intero periodo (330 giorni su 1522), i risultati possono essere considerati ampiamente soddisfacenti. Nella figura che segue si può rilevare chiaramente come il grafico dell'andamento dei profitti cumulati (equity line), sovrapposto a quello dell'indice Comit, formi regolarmente dei gradini in salita in occasione dei rialzi di mercato e si stabilizzi in occasione dei ribassi. ( ) Se non fosse stata tenuta presente l esigenza di una buona distribuzione dell utile tra i vari periodi, sarebbe stato possibile ottenere risultati ancora migliori.

5 Nel periodo , non incluso nel training, il sistema suindicato avrebbe conseguito un utile dell 11,13% a fronte di un aumento dell indice del 26,94%, con un impegno della liquidità per 67 giorni su 250. Nel periodo , infine, il profitto sarebbe stato del 45,98% a fronte di un incremento dell indice del 70,64% e un impegno della liquidità per 90 giorni su 250. Conclusioni Non abbiamo la pretesa di aver trattato adeguatamente l ampia problematica connessa alla costruzione di un trading system: non era questo lo scopo. Ci prefiggevamo, invece, di dare indicazioni di larga massima, da approfondire eventualmente su pubblicazioni specializzate, in merito alla possibilità di progettare dei sistemi meccanici idonei a sostituire proficuamente l operatore nella individuazione dei momenti appropriati per un intervento sul mercato. Aggiungiamo, in chiusura, che i trading systems più evoluti non si limitano alla generazione di segnali sulla sola base dell'elaborazione di alcuni indicatori con parametri statici, così come fatto nell esempio, ma incorporano fattori di adattamento che imprimono una tempestività di segnalazione variabile in funzione della volatilità corrente.

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano LIVE TRADING 09/10/2015 Milano Contatti 2 www.cminvesting.com www.shortandlongtrading.com matteo.maggioni@cminvesting.com alessandro.delorenzo@gmail.com Indice 3 1. Mercati & Trading (Matteo Maggioni)

Dettagli

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter.

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. GLOSSARIO dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. Accumulazione. La fase che precede quella del rialzo vero e proprio. Caratterizzato dal

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base ARCHIVI CLASSICI Concetti di base Per svolgere una qualsiasi attività gestionale, amministrativa, o statistica è necessario utilizzare grandi quantità di dati e scegliere per essi una opportuna organizzazione,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI TECNICA. L analisi tecnica

INTRODUZIONE ALL ANALISI TECNICA. L analisi tecnica L analisi tecnica L analisi tecnica è la disciplina che studia l andamento del mercato attraverso lo studio dei grafici di avvenimenti passati allo scopo di fare delle previsioni. Il concetto che sta alla

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 52 del 7 luglio 2014 Il tentativo di recupero del Ftse Mib si è fermato a ridosso della resistenza a 21900 punti e ha configurato tre massimi relativi decrescenti. Possibile un ulteriore

Dettagli

Media mobile di Kaufman

Media mobile di Kaufman Media mobile di Kaufman La Kama (Kaufman Adaptive Moving Average) fu discussa per la prima volta nel 1998 in un intervista al suo creatore Perry Kaufman (su STOCKS & COMMODITIES, anche se l articolo originale

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA

ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA 1 SOMMARIO Definizione di analisi tecnica come sistema...3 Supporti e resistenze...3 Trend: definizione e tipologie...4

Dettagli

Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria

Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria Emanuele Pera Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria Un metodo per la previsione dei prezzi azionari è l analisi tecnica che consiste nello studio dei prezzi storici per cercare di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Supertrend Il concetto di supporto e resistenza costituisce uno dei principi più importanti in assoluto per l'analisi tecnica e

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

Visual Trader Realtime

Visual Trader Realtime Visual Trader Realtime Visual Trader, il tradizionale sistema esperto di analisi tecnica, e' stato rinnovato e ristrutturato, per rendere più flessibile, facile e veloce il tuo trading. Tutto nella stessa

Dettagli

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 9 Edizione marzo / luglio 2015 Ottimizzazione di un sistema

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA HIT LIST DI LOMBARDREPORT.COM

GUIDA ALLA LETTURA DELLA HIT LIST DI LOMBARDREPORT.COM Supplemento di LombardReport.com, quotidiano di informazione finanziaria, direttore responsabile Emilio Tomasini, Aut. 1403 15/9/97 Tribunale di Modena LombardReport.com s.r.l. - Via Pascoli 7-41057 Spilamberto-Mo

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

Cosa sono le Butterfly

Cosa sono le Butterfly MAX SEVERI 2 INTRODUZIONE Dopo aver affrontato i primi basilari aspetti del mondo delle opzioni, iniziamo ad andare nel dettaglio con una prima struttura molto semplice, sia da capire che soprattutto da

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

Guida all analisi tecnica

Guida all analisi tecnica Guida all analisi tecnica Guida all analisi Tecnica AVA MT4 REAL http://www.avatrade.it/join-ava/real-account?tradingplatform=2&dealtype=1&mtsrv=mt2&tag=55163&tag2=~profile_default AVA MT4 REAL FLOATING

Dettagli

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio Capitolo 2: I guadagni dallo scambio 2.1: Introduzione Questo capitolo, sebbene di natura introduttiva, permette di raggiungere importanti conclusioni. In esso si mostra come lo scambio possa dare vantaggi

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

TC2 TREND CONFIRMATION OSCILLATOR

TC2 TREND CONFIRMATION OSCILLATOR TC2 TREND CONFIRMATION OSCILLATOR L'Oscillatore che centra tutti i minimi ed i massimi di ogni Time Frame di Titoli, Indici, Valute e Commodities 2 Titolo TC2 Trend Confirmation Oscillator Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI I valori del bilancio d'esercizio emersi nel corso della precedente trattazione possono essere oggetto di varie elaborazioni e correlazioni, opportunamente effettuate,

Dettagli

del processo/prodotto. permettere la valutazione delle performance

del processo/prodotto. permettere la valutazione delle performance 2 Il Controllo Statistico di Processo Il Controllo Statistico dei Processi è un insieme di strumenti statistici utili per impostare e risolvere problemi concreti afferenti a diverse aree funzionali dell

Dettagli

PADOVA, 21 Novembre 2015

PADOVA, 21 Novembre 2015 TRADERS TOUR PADOVA, 21 Novembre 2015 Domenico Dall Olio Direttore di QuantOptions Prof. a contratto in Mercati e Strumenti Finanziari Università di Venezia Ca Foscari www.quantoptions.it I vantaggi delle

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

www.futuretrader.it PRESENTAZIONE FUTURE TRADER

www.futuretrader.it PRESENTAZIONE FUTURE TRADER PRESENTAZIONE FUTURE TRADER 1 Introduzione Future Trader è un software di trading e di investimento per prendere posizioni mediante strumenti derivati sui mercati azionari e per effettuare strategie di

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK di Francesco Fabi Trader Professionista e Responsabile di Joe Ross Trading Educators Italia PREMESSA Il Ross Hook è una delle formazioni grafiche che sono

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID III Incontro Compliance AICOM-Dexia Crediop Strategies, governance, compliance: le sfide della direttiva MiFID e l integrazione del mercato finanziario europeo La Funzione di Compliance tra Basilea II

Dettagli

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA)

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Enrico Ghidoni 1 La nuova legge sui disturbi specifici di apprendimento (legge n. 170 del 8/10/2010) è indubbiamente un elemento nuovo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

Cambio Euro - Dollaro e Indice Assoluto del Dollaro. Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario

Cambio Euro - Dollaro e Indice Assoluto del Dollaro. Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario Di Corrado M. Cantore Fondatore e Managing Director di TK Trading Knowledge

Dettagli

Percorsi. Percorsi progettuali Softing. Progettare edifici isolati sismicamente

Percorsi. Percorsi progettuali Softing. Progettare edifici isolati sismicamente Percorsi 4 Percorsi progettuali Softing Progettare edifici isolati sismicamente Percorsi Progettare edifici isolati sismicamente giugno 2006 rev. 0 2006, Softing srl. Questo testo è stato redatto a cura

Dettagli

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S.

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S. Corso di Gestione dei sistemi di trasporto Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container S. Sacone, S. Siri - DIST Introduzione Negli ultimi anni si è fatta sempre più pressante l esigenza

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente A1- Alternativa Prudente Produrre rendimenti superiori ai tassi di interesse a breve termine. Proteggere il capitale nelle fasi di mercato avverso e dal deterioramento inflazionistico. Medio - alto Investitori

Dettagli

09/12/2013 Riconoscimento facciale 2

09/12/2013 Riconoscimento facciale 2 Lezione 10: Misure delle Prestazioni Sistemi Multibiometrici Docente: Michele Nappi mnappi@unisa.it biplab.unisa.it 089-963334963334 Verifica e Riconoscimento Verifica: Confronto Uno a Uno. Conferma l

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali

Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali UN ALTRA EDIZIONE È PREVISTA NEL 2012 È recentemente terminato (il traguardo

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Borsa Italiana S.p.A. Sede Legale Piazza degli Affari, 6 20123 Milano Italia Telefono +39 02 72426 1 Fax +39 02 72004333 www.borsaitaliana.it Oggetto: DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 3 I PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

SERVIZIO 'ANALISI GLOBALE' APPROFONDIMENTO DEL 18 MAGGIO 2014

SERVIZIO 'ANALISI GLOBALE' APPROFONDIMENTO DEL 18 MAGGIO 2014 REPORT SETTIMANALE GUIDA ALLA LETTURA E GLOSSARIO Cicli temporali: i cicli sono particolari periodi di tempo di durata variabile(da 1 giorno a 1 anno) dove i prezzi possono segnare un importante minimo

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

TEST TESTO E FOTO: THEO EGBERTS, ANDERSOM TESTING

TEST TESTO E FOTO: THEO EGBERTS, ANDERSOM TESTING TEST TESTO E FOTO: THEO EGBERTS, ANDERSOM TESTING La tecnologia Remote di Crown consente di ottenere un rilevante incremento di produttività e un notevole risparmio di energia nelle operazioni di commissionamento.

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

Ottimizzazione non Vincolata

Ottimizzazione non Vincolata Dipartimento di Informatica e Sitemistica Università di Roma Corso Dottorato Ingegneria dei Sistemi 15/02/2010, Roma Outline Ottimizzazione Non Vincolata Introduzione Ottimizzazione Non Vincolata Algoritmi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Optimization and control: CFD as a design tool

Optimization and control: CFD as a design tool Relazione di attività del PhD student Samuele Zampini Supervisore: Prof. Maurizio Quadrio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aereospaziali Optimization and control: CFD as a design tool Attività di

Dettagli

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL Natalia Distefano*, Giuseppe Falsaperla**, Salvatore Leonardi*, Salvatore Montessuto*** * D.I.C.A. Università degli Studi

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Manuale Utente 5 Quotazioni La sezione consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Essa prevede alcune modalità

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Costruire un trading system profittevole: i trucchi da seguire ma soprattutto gli errori da evitare. Daniele Bernardi DIAMAN Sicav

Costruire un trading system profittevole: i trucchi da seguire ma soprattutto gli errori da evitare. Daniele Bernardi DIAMAN Sicav Costruire un trading system profittevole: i trucchi da seguire ma soprattutto gli errori da evitare Daniele Bernardi DIAMAN Sicav Milano, 10/03/2011 Giusto per iniziare 2 La matematica non è un opinione,

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione

Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Concetti preliminari: struttura del dataset negli

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Dottorato di Ricerca in Gestione nei Mercati Finanziari ed Assicurativi VII Ciclo Nuova Serie Tesi di dottorato Internazionalizzazione

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

La costruzione di un Project Work

La costruzione di un Project Work CORSO DI ALTA FORMAZIONE Il lavoro sociale nei contesti della complessità: gli assistenti sociali verso nuovi saperi A.A 2007/2008 La costruzione di un Project Work Materiale didattico a cura di Dante

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia IL MONDO CHE VERRÁ 21 maggio 2015 Più rischio e meno rendimento per tutti Il mondo degli investitori si divide in due, quelli che hanno cavalcato il rialzo di

Dettagli

SIBIL. Stock Identify Board for Intraday Leveraging. Previsioni per Intraday Trading

SIBIL. Stock Identify Board for Intraday Leveraging. Previsioni per Intraday Trading SIBIL Stock Identify Board for Intraday Leveraging Previsioni per Intraday Trading 1 10 19 28 37 46 55 64 73 82 91 100 109 118 127 136 145 154 163 172 181 190 199 208 217 226 235 244 60,00 40,00 20,00

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

SERVIZIO "BRUNCH FTSE MIB"

SERVIZIO BRUNCH FTSE MIB SERVIZIO "BRUNCH FTSE MIB" by Team Sviluppo Sistemi Algoritmica.pro Srl Il servizio "Brunch Ftse Mib" è a cura del "Team Sviluppo Sistemi" di Algoritmica.pro Srl, una società attiva nello sviluppo, programmazione,

Dettagli

READY-TO-GO PRODUZIONE

READY-TO-GO PRODUZIONE READY-TO-GO PRODUZIONE Modulo Standard QlikView OBIETTIVO Le aziende che fabbricano prodotti hanno la necessità di avere un controllo efficiente delle loro attività produttive e di assemblaggio. Questo,

Dettagli