TRADING SYSTEMS. Premessa. Principi di base. Progettazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRADING SYSTEMS. Premessa. Principi di base. Progettazione"

Transcript

1 TRADING SYSTEMS Premessa Man mano che, nel corso degli anni, l'analisi tecnica deludeva sempre di più, non per mancanza di validità intrinseca, ma per la discutibile soggettività delle sue risultanze, gli operatori cominciavano a sentire l'esigenza di introdurre un elemento che sottraesse il più possibile le segnalazioni operative agli effetti dell'emotività personale. Dapprima presero a parlare di autodisciplina, riferendosi a un'autoimposizione a seguire le indicazioni dell'analisi tecnica, anche quando non convinti sotto il profilo razionale, senza rendersi probabilmente conto che il problema restava ugualmente senza soluzione: intanto con l'autodisciplina, comunque la si intendesse, non veniva ancora risolta l'eterna questione del conflitto tra i vari indicatori; inoltre, qualsiasi sforzo interiore l'analista facesse, continuava a non esserci modo di svincolare l'operatività da grafici e calcoli soggetti a interpretazione. Con la diffusione dei personal computers, però, si è scoperto che, trasformando in algoritmo il processo valutativo, poteva essere delegato alla macchina il compito di analizzare le informazioni disponibili e di generare dei segnali operativi direttamente utilizzabili. L'oggettività veniva così assicurata e l'autodisciplina acquistava il senso dell'osservanza, senza discussioni, del responso del computer; erano nati i trading systems. Non bisogna naturalmente equivocare: un trading system non presuppone necessariamente un lavoro al computer; l algoritmo può essere, nei casi più semplici, sviluppato anche dall operatore, ma è solo quando quest ultimo non interferisce in alcuna maniera nell elaborazione dei fattori decisionali che può essere assicurata l obiettività di valutazione necessaria per fare la differenza tra un sistema meccanico e uno discrezionale. Principi di base Nei trading systems vengono fondamentalmente forniti al computer tre tipi di informazioni: * una serie storica di quotazioni; * dei parametri da utilizzare per il calcolo degli indicatori prescelti; * delle regole da utilizzare per la generazione dei segnali operativi. Benché, a rigore, sia sufficiente la predisposizione di un solo indicatore, i trading systems sono di solito programmati per la elaborazione congiunta di più strumenti di analisi tecnica; il problema della eventuale conflittualità tra le risultanze viene risolto con il ricorso a un algoritmo di calcolo che produce segnalazioni di acquisto o di vendita solo nei casi in cui queste siano compatibili con tutte le regole prefissate. Progettazione La realizzazione di un trading system passa attraverso una serie di fasi. Intanto la progettazione. Un'intuizione, una lettura, un'emulazione fanno talvolta scattare la convinzione che, combinando opportunamente certe tecniche di analisi, si possa aumentare la frequenza dei successi. Non è esattamente così, non almeno in assoluto. Anzitutto il trading system deve essere progettato con specifico riferimento alle caratteristiche intrinseche di un mercato o di un indice o di un titolo, alla frequenza connessa al tipo di attività, alla strategia che si intende adottare. Anche il grado di predisposizione al rischio da parte dell'operatore costituisce fattore fondamentale da prendere in considerazione, perché da esso dipende lo spessore dei filtri che il sistema deve superare prima di produrre i suoi segnali. La progettazione richiede, poi, un'oculata scelta degli indicatori sulla cui azione congiunta dovrà basarsi l'elaborazione. Dovranno essere quindi scelti degli strumenti che siano in grado non solo di rilevare con sufficiente approssimazione l'esistenza di una tendenza o di una fase di congestione, ma anche di rapportare alle varie situazioni di mercato le segnalazioni operative. Dovrà, infine, essere pianificato un equilibrato criterio di gestione delle uscite dal mercato sia in caso di guadagno che in caso di perdita. ( ) ( ) I concetti relativi alla scelta del momento di uscita dal mercato in funzione dei guadagni conseguiti o delle perdite subite formeranno oggetto di trattazione specifica in un capitolo a parte.

2 Insomma, prima di procedere alla realizzazione di un trading system o, ancor più, al suo utilizzo operativo, è necessario ricercare con estrema attenzione l'esistenza della massima compatibilità tra il prodotto e le proprie strategie di investimento. Realizzazione L'idea progettuale prende corpo con la identificazione degli indicatori e dei parametri di massima che devono essere utilizzati dal programma computerizzato di analisi tecnica per la generazione dei segnali operativi. Anche se la progettazione è stata accurata, è comunque necessario porre estrema attenzione a non mettere in piedi un modello in grado di funzionare ottimamente, in sede di simulazione, su un determinato andamento storico, ma privo di qualsiasi capacità di valutazione del presente. E' facile, infatti, ed avviene solitamente quando si usano troppi indicatori oppure indicatori fortemente correlati l'uno all'altro, arrivare attraverso successivi aggiustamenti alla realizzazione di un sistema capace di produrre utili favolosi nella sperimentazione su dati passati, ma del tutto inidoneo a cogliere le dinamiche di mercato o, come comunemente si dice, a generalizzare. In ogni caso, per quanta attenzione si possa dedicare alla costruzione del sistema, non esiste alcuna garanzia che un modello che ha funzionato in passato possa continuare a funzionare in futuro; è tuttavia molto difficile, al contrario, che un modello inefficace in fase di simulazione possa poi funzionare bene nella realtà operativa. Ottimizzazione E' sicuramente la fase più delicata. Consiste nell'aggiustamento dei parametri, successivamente alla loro fissazione su valori di massima, per renderli idonei a raggiungere contemporaneamente il duplice scopo di massimizzare i profitti e di dimostrare efficienza su tutto il periodo di simulazione. Occorre quindi procedere sperimentando le varie possibilità fino all'individuazione di quella che produce i migliori risultati. E' intuibile che più numerosi sono i parametri da ottimizzare, più lungo è il processo di aggiustamento; bastano pochi valori, da provare in tutte le combinazioni possibili, per rendere interminabile questa fase, anche con l'uso di un computer potente. Per poter confidare, poi, nelle capacità di generalizzazione del sistema, cioè nella sua attitudine a funzionare nell'operatività reale, è necessario che esso venga provato, con risultati soddisfacenti, su più intervalli temporali che riflettano condizioni di mercato differenti; da respingere senza esitazione quei modelli sulla base dei quali vengono conseguiti utili favolosi i quali, a un'attenta analisi, si rivelano dovuti a ben precise situazioni di mercato di natura eccezionale. In proposito, è abbastanza diffuso un convincimento insidioso il cui vizio di fondo, evidentemente, sfugge a molti. In pratica, si prova un modello su un determinato periodo di tempo (training) e, quando i risultati sono soddisfacenti, lo si riprova su un diverso periodo (testing). Se l esito è positivo anche questa volta il modello viene adottato, altrimenti si ricomincia daccapo. Ora, la ripetuta ricerca di parametri che soddisfino anche l intervallo di test significa che quest ultimo, in effetti, non diventa altro che un prolungamento del periodo di training o, in altri termini, che il vero test può essere effettuato solo con l applicazione pratica del modello. Una buona via d uscita può essere trovata, come detto più sopra, nella suddivisione dell intero periodo in più intervalli temporali (3 o 4) e nella ricerca di risultati soddisfacenti in ognuno di essi tenendo presente che, in presenza di più soluzioni apparentemente simili, va privilegiata quella che garantisce maggiore stabilità di risultati, quella cioè che consegue una maggiore omogeneità nella distribuzione dei profitti su tutti i periodi presi in esame. E' necessario verificare, in fase di ottimizzazione, che la frequenza delle operazioni sia adeguata al tipo di attività che il modello è chiamato a disciplinare e che esista un rapporto favorevole tra numero di operazioni in utile e numero di operazioni in perdita e tra utile medio e perdita media per operazione, tenuto conto dell'entità delle commissioni operative. Da non sottovalutare, ovviamente, il fenomeno per il quale al trading system viene richiesto di produrre segnali su quotazioni che, al momento poi dell'intervento operativo, per quanto tempestivo, non sono più attuali.

3 Errato il concetto, per la verità piuttosto diffuso, relativo all'esigenza di una riottimizzazione frequente del trading system. Infatti, o il modello ha la capacità di generalizzare, cioè di cogliere aspetti diversi del mercato, e in tal caso possiede già delle caratteristiche di autoadattamento, oppure è stato male progettato. Non esistono alternative. Se l'operatore avverte l'esigenza di monitorarne frequentemente l'adeguatezza, vuol dire che i risultati non sono soddisfacenti. In tal caso è probabilmente meglio rivedere l'intera struttura piuttosto che i parametri. Esempio Nell'esempio che segue non possono essere rigorosamente rispettati tutti i principi sopra esposti in quanto: * manca il presupposto fondamentale della definizione di una strategia operativa; * non si conoscono i costi relativi all'attività che scaturisce dai segnali del trading system. La dimostrazione, tuttavia, pur non prefiggendosi alcun obiettivo operativo, propone un modello che può essere agevolmente integrato o modificato nella sua struttura per essere adattato a diversi tipi di esigenze. L oggetto della sperimentazione è l'indice Comit, ( ) del quale è disponibile una lunga serie storica, e si suppone che l'intervento venga effettuato sul valore di chiusura del giorno successivo a quello di generazione del segnale. Il modello, pertanto, tiene già conto delle divergenze, prima evidenziate, che possono esistere tra il livello della quotazione al momento della generazione del segnale e quello dell'epoca di intervento. Gli strumenti di analisi tecnica prescelti sono il rate of change (ROC), per la rilevazione della velocità ( ) Trattandosi di esempio didattico, non ha alcuna importanza il fatto che l indice Comit non sia direttamente negoziabile.

4 della tendenza, e il relative strength index (RSI), per l'individuazione delle situazioni di maggior forza del mercato, corrispondenti a un livello posto in prossimità della zona di ipercomprato; non esiste alcuna valida controindicazione al fatto che si tratta di due indicatori di momento fortemente correlati tra loro, visto che la struttura dell uno è completamente diversa da quella dell altro. L'adozione di parametri piuttosto lenti fa emergere un sistema non molto aggressivo ma solido, con segnali di acquisto in presenza di un mercato fortemente orientato al rialzo e segnali di azzeramento delle posizioni in caso di indebolimento della tendenza. Fissato un livello abbastanza elevato dell'rsi, il sistema genera, infatti, un segnale di acquisto non appena il valore dell'indicatore o di una sua media mobile viene a trovarsi sopra tale livello e, contemporaneamente, il valore del ROC viene a trovarsi in posizione superiore a quello di una sua media mobile; genera, invece, un segnale di vendita quando il valore del ROC perfora al ribasso la sua media mobile. Per la definizione esatta di ciascun parametro, viene fissato un minimo ed un massimo lasciando al programma di ottimizzazione l'incombenza di provare iterativamente tutte le combinazioni possibili e di scegliere quella che massimizza il profitto. Le sole condizioni poste, dopo aver suddiviso il periodo di ottimizzazione (dall' al ) in tre intervalli di uguale lunghezza, prevedono il conseguimento di utili in ciascuno di essi e una distribuzione la più equa possibile. La suddivisione in più intervalli soddisfa pienamente la necessità, generalmente avvertita, di provare il trading system su un periodo e di verificarlo su un altro al fine di misurarne l efficacia, come già detto sopra, in condizioni di mercato differenti. Il programma realizza il massimo profitto proponendo l'adozione dei seguenti valori limite: * media mobile a 2 giorni dell'rsi su base di 14 giorni rapportata al valore di 74; * ROC a 13 giorni riferito alla sua media mobile a 56 giorni. L'utile conseguibile, complessivamente del 107,85% su base 1000 (a fronte di un indice rimasto complessivamente invariato) con 22 operazioni di acquisto e altrettante di vendita, risulta così suddiviso ( ) : / sedute di Borsa: +10,69% su base 1000 (buy and hold: -38,06%) / sedute di Borsa: +59% su base 1106,90 (buy and hold: +51,28%) / sedute di Borsa: +18,10% su base 1759,96 (buy and hold: -5,87%) Tenuto conto che il sistema è stato progettato per la sola gestione di posizioni lunghe nell'ambito di tendenze al rialzo e che la liquidità risulta impegnata solo per poco più del 21% dell'intero periodo (330 giorni su 1522), i risultati possono essere considerati ampiamente soddisfacenti. Nella figura che segue si può rilevare chiaramente come il grafico dell'andamento dei profitti cumulati (equity line), sovrapposto a quello dell'indice Comit, formi regolarmente dei gradini in salita in occasione dei rialzi di mercato e si stabilizzi in occasione dei ribassi. ( ) Se non fosse stata tenuta presente l esigenza di una buona distribuzione dell utile tra i vari periodi, sarebbe stato possibile ottenere risultati ancora migliori.

5 Nel periodo , non incluso nel training, il sistema suindicato avrebbe conseguito un utile dell 11,13% a fronte di un aumento dell indice del 26,94%, con un impegno della liquidità per 67 giorni su 250. Nel periodo , infine, il profitto sarebbe stato del 45,98% a fronte di un incremento dell indice del 70,64% e un impegno della liquidità per 90 giorni su 250. Conclusioni Non abbiamo la pretesa di aver trattato adeguatamente l ampia problematica connessa alla costruzione di un trading system: non era questo lo scopo. Ci prefiggevamo, invece, di dare indicazioni di larga massima, da approfondire eventualmente su pubblicazioni specializzate, in merito alla possibilità di progettare dei sistemi meccanici idonei a sostituire proficuamente l operatore nella individuazione dei momenti appropriati per un intervento sul mercato. Aggiungiamo, in chiusura, che i trading systems più evoluti non si limitano alla generazione di segnali sulla sola base dell'elaborazione di alcuni indicatori con parametri statici, così come fatto nell esempio, ma incorporano fattori di adattamento che imprimono una tempestività di segnalazione variabile in funzione della volatilità corrente.

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK di Francesco Fabi Trader Professionista e Responsabile di Joe Ross Trading Educators Italia PREMESSA Il Ross Hook è una delle formazioni grafiche che sono

Dettagli

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano LIVE TRADING 09/10/2015 Milano Contatti 2 www.cminvesting.com www.shortandlongtrading.com matteo.maggioni@cminvesting.com alessandro.delorenzo@gmail.com Indice 3 1. Mercati & Trading (Matteo Maggioni)

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Supertrend Il concetto di supporto e resistenza costituisce uno dei principi più importanti in assoluto per l'analisi tecnica e

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 1.7 Servizi informatici. Un negozio di servizi informatici stima la richiesta di ore di manutenzione/consulenza per i prossimi cinque mesi: mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 All inizio

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Media mobile di Kaufman

Media mobile di Kaufman Media mobile di Kaufman La Kama (Kaufman Adaptive Moving Average) fu discussa per la prima volta nel 1998 in un intervista al suo creatore Perry Kaufman (su STOCKS & COMMODITIES, anche se l articolo originale

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 52 del 7 luglio 2014 Il tentativo di recupero del Ftse Mib si è fermato a ridosso della resistenza a 21900 punti e ha configurato tre massimi relativi decrescenti. Possibile un ulteriore

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

_COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA.

_COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. CAPITOLO 1 VUOI IMPARARE AD OPERARE IN BORSA CON IL METODO CICLICO? VISITA IL LINK: http://www.fsbusiness.net/metodo-ciclico/index.htm _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA

LA RICERCA OPERATIVA LA RICERCA OPERATIVA Il termine Ricerca Operativa, dall inglese Operations Research, letteralmente ricerca delle operazioni, fu coniato per esprimere il significato di determinazione delle attività da

Dettagli

Giovane, dinamica, ecologica

Giovane, dinamica, ecologica Giovane, dinamica, ecologica di Massimiliano Luce Proporre prodotti green e innovativi è da sempre il mestiere di J-Teck3. Con il lancio del nuovo J-Eco Pigmet G l azienda conferma e rafforza la propria

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA

UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA adblue financial systems GmbH Gruenberger Str. 44 10245 Berlin / Germany Tel.: +49 (0) 30 243 42-0 Fax: +49 (0) 30 243 42-29 service@adblue.de www.adblue.de UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

CELLULARE, CHE PASSIONE!

CELLULARE, CHE PASSIONE! CELLULARE, CHE PASSIONE! COSTRUIRE MODELLI PER IL PRIMO GRADO ( E NON SOLO...) Un esempio che mostra come un modello matematico possa essere utile nella vita quotidiana Liberamente tratto dall attività

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi)

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) 1. DEFINIZIONE I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) Gli IOS sono sistemi che supportano tramite le ICT, e in alcuni casi rendono automatici, i flussi di messaggi, dati,

Dettagli

Visual Trader Realtime

Visual Trader Realtime Visual Trader Realtime Visual Trader, il tradizionale sistema esperto di analisi tecnica, e' stato rinnovato e ristrutturato, per rendere più flessibile, facile e veloce il tuo trading. Tutto nella stessa

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA n. 43/2011 novembre in questo numero: A proposito di Granaio CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia

Dettagli

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Dr Maria Federico Programmazione dinamica Solitamente usata per risolvere problemi di ottimizzazione il problema ammette

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 9 Edizione marzo / luglio 2015 Ottimizzazione di un sistema

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 L4, Corso Integrato di Psicometria - Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 18/04/2011 Inferenza statistica Formulazione

Dettagli

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter.

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. GLOSSARIO dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. Accumulazione. La fase che precede quella del rialzo vero e proprio. Caratterizzato dal

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ

190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ 190 LA DUALITÀ NELLA PROGRAMMAZIONE LINEARE 7.2 INTERPRETAZIONE DELLA DUALITÀ [Questo paragrafo non fa parte del programma di esame] Nei modelli reali le variabili (primali) possono rappresentare, ad esempio,

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Titolo LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Autore Dove Investire Siti internet www.doveinvestire.com Servizi necessari: ADVFN dati in tempo reale gratuiti e indicatori ATTENZIONE: tutti i

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Bayer. Vodafone Global Enterprise

Bayer. Vodafone Global Enterprise Vodafone Global Enterprise Bayer Studio del Caso Bayer S.p.A. (Italia) & Vodafone Global Enterprise sviluppano la formula corretta per aumentare la produttività degli impiegati Vodafone Global Enterprise

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012 Macro Volatility Marco Cora settembre 2012 PERDITE E GUADAGNI Le crisi sono eventi con bassa probabilità e alto impatto - La loro relativa infrequenza non deve però portare a concludere che possano essere

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Manuale Utente 5 Quotazioni La sezione consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Essa prevede alcune modalità

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14 Paniere FTSE Mib Livelli tecnici e operatività H: 08.14 Nota giornaliera Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Analisi Tecnica Corrado Binda Analista Tecnico Sergio Mingolla Analista Tecnico Fonte:

Dettagli

Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali

Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali Si è concluso con successo il Corso Bocconi di formazione manageriale offerto dall AAROI-EMAC ai propri dirigenti sindacali UN ALTRA EDIZIONE È PREVISTA NEL 2012 È recentemente terminato (il traguardo

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

Ottimizzazione non Vincolata

Ottimizzazione non Vincolata Dipartimento di Informatica e Sitemistica Università di Roma Corso Dottorato Ingegneria dei Sistemi 15/02/2010, Roma Outline Ottimizzazione Non Vincolata Introduzione Ottimizzazione Non Vincolata Algoritmi

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Analisi e diagramma di Pareto

Analisi e diagramma di Pareto Analisi e diagramma di Pareto L'analisi di Pareto è una metodologia statistica utilizzata per individuare i problemi più rilevanti nella situazione in esame e quindi le priorità di intervento. L'obiettivo

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria

CAPITOLO 3. 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria CAPITOLO 3 ANALISI DEI VALORI PATRIMONIALI 1. Introduzione 2. Analisi della situazione finanziaria 3. Analisi della struttura finanziaria 1. INTRODUZIONE Una volta che abbiamo apportato al bilancio le

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI I valori del bilancio d'esercizio emersi nel corso della precedente trattazione possono essere oggetto di varie elaborazioni e correlazioni, opportunamente effettuate,

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli