ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE eduta in data : 29/08/2014 Atto n. 36 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'APERTURA DI ALE GIOCHI, AGENZIA DI RACCOLTA COMMEE PORTIVE E IPPICHE, INTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, EMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA TRATTENIMENTO E GIOCO E TUTELA DELLA INCOLUMITA', ICUREZZA, RIPOO, QUIETE PUBBLICA E QUALITA' DELLA VITA L'anno DUEMILAQUATTORDICI, il giorno VENTINOVE del mese di AGOTO alle ore 21:00, nella sala delle adunanze consiliarie della ede Comunale, in seguito di invito diramato dal indaco, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione ordinaria e in seduta pubblica di prima convocazione. Presiede l'adunanza Arch.DI FLAVIO GIULIANO nella qualità di indaco. Procedutosi all'appello nominale, risultano: 1) DI FLAVIO GIULIANO INDACO 8) DI GIUEPPE TEFANIA 2) FOCHI BERNARDINA 9) CORINI MAURIZIO 3) DI PIETRO PIERINO 10) LAURENZI DANIELE 4) GIOVANNELLI ALEANDRA 11) FREZZA GRAZIANA N 5) MITICHELLI GIACOMO 12) FAGOTTI GIUEPPE 6) DI FELICE VINCENZO 13) AMABILI DONATELLA 7) CLEMENTI CLAUDIO N = Presenti n. 11 N = Assenti n. 2 Assiste il segretario Dott. CICCHEE ENRICO GIUEPPE incaricato della redazione del verbale. Il Presidente, constatato il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta e designa alle funzioni di scrutatore i Consiglieri igg. IL CONIGLIO COMUNALE Premesso che sulla proposta della presente deliberazione: - il responsabile del servizio interessato, per quanto concerne la regolarità - il responsabile di Ragioneria, per quanto concerne la regolarità contabile; hanno espresso, ai sensi dell'art.49 del Decreto L.vo n 267 del , parere FAVOREVOLE. CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 1 di 17

2 Interviene il indaco: Con l' approvazione del presente regolamento si intende scoraggiare l' apertura di nuove sale giochi, in particolare non permettere di aprirle nella zone sensibili frequentate dai giovani, in particolare dove sono ubicate le scuole, in considerazione del fatto che Nereto è frequentato da un numero elevato di studenti. Interviene il Vice indaco, Di Felice, il quale relaziona in merito (al termine dell' intervento consegna l' allegata nota). Interviene il Consigliere comunale, sig.ra Amabili Donatella, anche per tale regolamento si auspicava un coinvolgimento di tutti i Consiglieri comunali, comunque esprime voto favorevole. Il problema della ludopatia, anche a livello di movimento politico Cinque telle è alquanto sentito ed oggetto di notevole interessamento. Interviene il Consigliere comunale Fagotti Giuseppe. Condivisibile la relazione del Vice indaco, in particolare sulla problematica relativa alla ludopatia. La distanza di 750 mt. dalle zone sensibili, potrebbe essere non una grande distanza ma se rapportato al Comune di Nereto diventa una distanza enorme. i annota l' impossibilità per l' apertura di sale nel prevedere una superficie utile netta non inferiore a metri 150. Con questi parametri diventa impossibile l' apertura di nuove sale. Interviene il Consigliere comunale Laurenzi Daniele: è opportuno precisare che trattasi di giochi leciti, regolamentati da leggi dello tato. La ludopatia è di certo un problema serio. Non si dimentichi che lo tato attinge da tali attività cospicue risorse finanziarie. Tale regolamento contingenta in maniera rigida l' apertura di nuove sale da giochi e/o scommesse. Chiede di rinviare il punto all' O.D.G. in oggetto, al fine di una più attenta riflessione, ad esempio sulle distanze. Interviene il indaco: Di certo trattasi di giochi leciti, ma non condivide tali attività. L' Amministrazione comunale non intende assecondare l' apertura di nuove sale giochi, preferisce vedere qualche locale sfitto e non locali affittati ove si esplicano attività di giochi e/o scommesse. L' economia del Comune di Nereto deve basarsi su altre attività economiche. Il indaco chiede la sospensione della seduta consiliare per circa n. 10 minuti per la presentazione di un eventuale emendamento. Il Consiglio Comunale, all' unanimità, delibera la sospensione della seduta per n. 10 minuti. Risultano all' appello n. 11 Consiglieri Comunali, assenti n. 2 (Clementi Claudio e Frezza Graziana). Il indaco propone l' approvazione del seguente emendamento previa integrazione CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 2 di 17

3 dell' articolo 14 e precisamente dopo le parole di cui all'art. 7 si aggiunge la seguente dicitura : escluse quelle di cui alla lettera b). Detta disciplina transitoria non trova applicazione nei casi di cessioni, fusione o subentro attività, che prevedono il trasferimento della stessa in nuovi locali. In tal caso si applica integralmente quanto previsto dal presente regolamento IL CONIGLIO COMUNALE PREMEO che: - l' apertura delle sale giochi é disciplinata dagli art. 86 e 110 del testo unico delle Leggi di pubblica sicurezza approvato con R. D. del , n. 773; - la suddetta normativa é stata oggetto di successivi adeguamenti nel corso degli anni a seguito delle innovazioni tecnologiche che hanno interessato la materia degli apparecchi di intrattenimento e dei videogiochi, delineando un quadro molto complesso riguardo alla quantità e qualità di gioco offerti; - Il Ministero dell' Economia e delle Finanze attraverso l' Amministrazione Autonoma dei Monopoli di tato, per conferire attuazione alle disposizioni del T.U.L.P.. ha emanato i decreti per individuare: le regole tecniche di produzione e le metodologie di verifica degli apparecchi da trattenimento; le regole per la gestione telematica dei congegni di cui all' art. 110 del T.U.L.P.. che possono essere installati presso pubblici esercizi, circoli privati e punti di raccolta di altri giochi autorizzati; Ritenuto necessario approvare l' allegato regolamento che disciplina l' apertura delle sale giochi, agenzia di raccolta scommesse sportive e ippiche, installazione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e gioco e tutela dell' incolumita', sicurezza, riposo, quiete pubblica e qualita' della vita, composto da n. 16 articoli; ATTEO che la deliberazione in questione non comporta alcuna spesa trattandosi di atto regolamentare; ACQUIITO il prescritto parere di regolarità tecnica a norma dell' art. 49, c. 1, D.lvo 267/2000; Il indaco mette ai voti il regolamento di cui all' oggetto con l' approvazione del seguente emendamento previa integrazione dell' articolo 14 e precisamente dopo le parole di cui all'art. 7 si aggiunge la seguente dicitura : escluse quelle di cui alla lettera b). Detta disciplina transitoria non trova applicazione nei casi di CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 3 di 17

4 cessioni, fusione o subentro attività, che prevedono il trasferimento della stessa nuovi locali. In tal caso si applica integralmente quanto previsto dal presente regolamento A maggioranza di voti, astenuti n. 2 Consiglieri (Fagotti e Laurenzi), DELIBERA DI APPROVARE l' allegato Regolamento Comunale che disciplina l' apertura delle ale giochi, Agenzia di raccolta scommesse sportive e ippiche, installazione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e gioco e tutela dell' incolumità, sicurezza, riposo, quiete pubblica e qualità della vita, composto da n. 16 articoli; Di pubblicare il presente Regolamento nel rispetto della normativa vigente. i esprime parere favorevole parere di regolarità tecnica a norma dell' art. 49, c. 1, D.lvo 267/2000; Il Responsabile del ettore Amministrativo Rino Ferramini CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 4 di 17

5 COMUNE DI NERETO REGOLAMENTO PER L'APERTURA DI ALE GIOCHI, AGENZIA DI RACCOLTA COMMEE PORTIVE E IPPICHE, INTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, EMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA TRATTENIMENTO E GIOCO E TUTELA DELL'INCOLUMITA', ICUREZZA, RIPOO, QUIETE PUBBLICA E QUALITA' DELLA VITA. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 29/08/2014 CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 5 di 17

6 Indice Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Obiettivi Articolo 3 Definizioni Articolo 4 Domanda per l'apertura di sala giochi e agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari Articolo 5 Requisiti Articolo 6 Rilascio e validità dell'autorizzazione di sala giochi e agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari Articolo 7 Prescrizioni d'esercizio Articolo 8 Rilascio, revoca e sospensione dell'autorizzazione di sala giochi e agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari Articolo 9 Orario di apertura e chiusura Articolo 10 Autorizzazione apertura sale giochi e agenzie ed esercizi di CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 6 di 17

7 somministrazione di alimenti e bevande Articolo 11 Installazione di singoli apparecchi da gioco all'interno di pubblici esercizi Articolo 12 Installazione di singoli apparecchi da gioco all'interno di esercizi commerciali e circoli privati non autorizzati alla somministrazione di alimenti e bevande Articolo 13 anzioni Articolo 14 Disciplina transitoria Articolo 15 Norme finali Articolo 16 Entrata in vigore ed abrogazioni ART. 1 (Ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento del Comune di Nereto, disciplina: a) i requisiti ed il procedimento per il rilascio dell'autorizzazione per l'apertura di sale pubbliche da gioco e similari, agenzie raccolta scommesse sportive, ippiche e similari sale da biliardo e/o altri giochi leciti (di seguito definite sale giochi e agenzie ), nonché le modalità per la loro gestione; b) i requisiti ed il procedimento per effettuare l'installazione di apparecchi da trattenimento automatici, semiautomatici ed elettronici, come definiti dall'art.110 del T.U.L.P.., r.d n.773, da collocare negli esercizi in possesso di licenze ai sensi degli articoli 86 ed 88 del T.U.L.P.., ovvero negli altri esercizi commerciali e nei circoli privati, nonché le modalità per la loro gestione. ART. 2 (Obiettivi) 1. La gestione delle sale giochi e dei singoli apparecchi da trattenimento sono sottoposte alla disciplina del T.U.L.P.., r.d n.773 e del relativo Regolamento di Esecuzione, r.d n. 635, nonché della normativa complementare in materia di gioco lecito, in particolare, in tema di contingentamento, del Decreto Interdirettoriale del Ministero dell'economia e delle Finanze del e del Decreto Direttoriale del Ministero dell'economia e delle Finanze del CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 7 di 17

8 2. Il Comune, con il presente Regolamento, si prefigge l'obiettivo di garantire che la diffusione dei locali nei quali si pratica il gioco lecito garantisca i limiti di sostenibilità con l'ambiente circostante oltre al corretto rapporto con l'utenza, la tutela dei minori e delle fasce più a rischio ed incentivi un accesso responsabile al gioco che non porti fenomeni di dipendenza. 3. I vincoli imposti sulla base del presente Regolamento sono posti nel rispetto della normativa nazionale attenendosi ai seguenti principi: a) adeguamento degli esercizi esistenti alle disposizioni legislative vigenti; b) trasparenza e qualità del mercato; c) libera concorrenza e qualità dell'impresa; d) tutela degli utilizzatori, in particolare quelli minori di età; e) semplificazione dei procedimenti; f) tutela dell'ordine pubblico e della collettività a cui vanno garantiti la quiete pubblica, il risposo notturno, la sicurezza e la pubblica incolumità g) tutela e preservazione del decoro urbano, architettonico degli immobili e della loro vivibilità; h) rispetto dei vincoli di destinazione urbanistica degli immobili; i) contenere i costi sociali ed economici, oltre che umani e morali, derivanti dall'abuso del gioco d'azzardo; l) promuovere, presso la popolazione, una cultura positiva circa la funzione sociale di ogni forma di intrattenimento ludico e privilegiare pertanto i giochi che non prevedono la vincita di somme in denaro; m) controlli e vigilanza. ART. 3 (Definizioni) 1. Ai fini del presente Regolamento si intendono per: a) sala pubblica per biliardo o per altri giochi leciti, di seguito definita sala giochi, il locale allestito per lo svolgimento del gioco lecito, anche attraverso l'installazione di apparecchi da trattenimento automatici, semiautomatici ed elettronici, oltre ad eventuali altri apparecchi meccanici quali ad esempio, biliardi, biliardini, flipper, juke-box; b) giochi leciti si considerano tali: i giochi tradizionali (ad es: carte, bocce, giochi da tavolo, ecc.); apparecchi o congegni da trattenimento: ossia i dispositivi meccanici, elettromeccanici ed elettronici destinati al gioco lecito distinti in : apparecchi meccanici od elettromeccanici, attivabili a moneta o a gettone, ovvero affittati a tempo (ad es. biliardo, juke-box, flipper, gioco elettromeccanico dei dardi, kiddie rides, ruspe, ecc.); apparecchi di cui all'art.110, c. 6 lett. a) del Tulps (c.d. New slot): gli apparecchi da trattenimento che, dotati di attestato di conformità alle disposizioni vigenti rilasciato dal Ministero dell'economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei Monopoli di tato e obbligatoriamente collegati alla rete telematica di cui all'articolo 14-bis, comma 4, del D.P.R n.640 e s.m.i., si attivano con l'introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico definiti con provvedimenti del Ministero dell'economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di tato, nei quali insieme con l'elemento aleatorio sono presenti anche elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all'avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli tra quelle proposte dal gioco, CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 8 di 17

9 il costo della partita non supera 1 euro, la durata minima della partita è di quattro secondi e che distribuiscono vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro, erogate dalla macchina. Le vincite, computate dall'apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di partite, devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. In ogni caso tali apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali; apparecchi di cui all'art.110, c. 6 lett. b) del Tulps (c.d. Video Lottery Terminal): gli apparecchi da trattenimento che facenti parte della rete telematica di cui all'articolo 14-bis, comma 4, del D.P.R n.640 e s.m.i., si attivano esclusivamente in presenza di un collegamento ad un sistema di elaborazione della rete stessa; apparecchi di cui all'art.110, c. 7 lett. a) del Tulps (ad es. gru, pesche di abilità, ecc.): gli apparecchi elettromeccanici privi di monitor attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica, attivabili unicamente con l'introduzione di monete metalliche, di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, a un euro, che distribuiscono, direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita, premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie; apparecchi di cui all'art.110, c. 7 lett. c) del Tulps (ad es. videogiochi): gli apparecchi basati sulla sola abilità fisica, mentale o strategica, che non distribuiscono premi, per i quali la durata della partita può variare in relazione all'abilità del giocatore e il costo della singola partita può essere superiore a 50 centesimi di euro; c) gioco d'azzardo: gli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici, di cui è vietata l'installazione, che hanno insita la scommessa o che consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura o vincite di un valore superiore ai 100 euro, escluse le macchine vidimatici per i giochi gestiti dallo tato e gli apparecchi di cui al comma 6 del Tulps; d) area separata: è l'area specificamente dedicata alla collocazione di apparecchi di cui all'art.110 comma 6 del Tulps, che dev'essere opportunamente delimitata, segnalata e controllata e nella quale è vietato l'accesso e la permanenza di soggetti minori di 18 anni; e) esercizi autorizzati ex artt. 86 e 88 del Tulps: bar, caffè, ristoranti, osterie, trattorie ed esercizi assimilabili (in possesso di licenza di cui all'art.86 Tulps); alberghi e strutture ricettive assimilabili (in possesso di licenza di cui all'art.86 Tulps); sale giochi (in possesso di licenza di cui all'art.86 Tulps); circoli privati ed enti assimilabili di cui al D.P.R n. 235, che svolgono attività riservate ai soli associati, purchè in possesso di autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande (in possesso di licenza di cui all'art.86 Tulps); agenzie di raccolta di scommesse ippiche e sportive ed altri esercizi titolari di licenza di cui all'art.88 del Tulps; sale destinate al gioco del Bingo (in possesso di licenza di cui all'art.88 Tulps). ART. 4 (Domanda per l'apertura di sala giochi e agenzia raccolta scommesse sportive e ippiche e similari) 1. L'apertura di una sala giochi e/o di agenzie raccolta scommesse sportive e ippiche e similari è soggetta ad autorizzazione del Comune ai sensi degli artt. 86 del T.U. delle leggi di P.. approvato con R.D. 18 giugno 1931,n.773, dell'art.19 del D.P.R. 616/77. CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 9 di 17

10 2. La domanda redatta in carta legale utilizzando la modulistica predisposta dal Comune, deve contenere: a) le generalità complete del richiedente (imprenditore individuale o legale rappresentante di società) e i dati della ditta, comprensivi di denominazione o ragione sociale, sede legale e codice fiscale; b) le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art.47 D.P.R. n.445/2000 concernenti il possesso da parte dell'imprenditore individuale o dei legali rappresentanti della società, dei requisiti soggettivi di cui all'art.10 della L n.575 (antimafia) e degli artt. 11,12 e 92 del Tulps; c) l'ubicazione dell'esercizio e il titolo di disponibilità del locale; d) le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art.47 D.P.R. n.445/2000 concernenti i requisiti oggettivi dei locali (conformità dei locali alle norme in materia urbanistica, edilizia, di destinazione d'uso dei locali ivi comprese quelle relative agli scarichi delle acque reflue, di prevenzione incendi, di installazione degli impianti all'interno degli edifici, e di tutti i requisiti di cui al successivo art. 5); e) la tipologia dei giochi che si vogliono esercitare e la natura e il numero degli apparecchi da intrattenimento da installare; f) l'autocertificazione concernente la sorvegliabilità dei locali ai sensi del D.M. n. 564/1992 e s.m.i. e art.153 del Regolamento Tulps; g) l'impegno del titolare all'applicazione delle misure di cui all'art.7; 3. Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti: n. 2 planimetrie dei locali (in scala non inferiore a 1:100), sottoscritte da un tecnico abilitato, indicanti la destinazione e la superficie di ciascun vano e quella complessiva, evidenziando le aree riservate all'installazione degli apparecchi da gioco di cui al comma 6 dell'art.110 del TULP, la capienza della sala giochi ai fini della prevenzione incendi e l'ubicazione dei parcheggi di pertinenza dell'attività. copia dei Nulla Osta di messa in esercizio rilasciati dall'amministrazione Autonoma dei Monopoli di tato per gli apparecchi di cui all'art.110, comma 6 e 7 lett. a) e c) del Tulps; documentazione di previsione di impatto acustico redatta dal tecnico competente in acustica ambientale, secondo la normativa nazionale, regionale vigente. copia del Certificato di Prevenzione Incendi ove previsto e relativa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà - ai sensi art. 47 D.P.R. n. 445/2000 relativa alla capienza della sala giochi; copia del Certificato di Agibilità dei locali o relativa dichiarazione sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art. 47 D.P.R. n. 445/2000; copia dell'autorizzazione allo scarico delle acque reflue o relativa dichiarazione sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art.47 D.P.R. n.445/2000; dichiarazione di Conformità dell'impianto elettrico e messa a terra (D.M. 37/2008 per impianti nuovi o modificati L. 46/90 per impianti preesistenti); copia del Permesso di soggiorno per i cittadini non appartenenti all'unione Europea; copia di un documento di riconoscimento valido di tutti coloro che hanno sottoscritto autocertificazioni. ART. 5 (Requisiti) 1. I locali destinati all'attività di sala giochi e agenzia raccolta scommesse sportive, ippiche e similari devono essere in possesso dei seguenti requisiti: CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 10 di 17

11 a) possesso dei requisiti previsti dalla vigente normativa edilizia, urbanistica e di destinazione d'uso dei locali e dalla normativa sullo scarico delle acque reflue; b) distanza minima di 750 metri dai seguenti luoghi sensibili: scuole di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti e servizi sportivi, centri parrocchiali, attrezzature e servizi religiosi, attrezzature e servizi ospedalieri, sanitari e socio-assistenziali, associazioni di volontariato sociale con finalità educative e/o socio-assistenziali, parchi e giardini pubblici, misurandone la distanza secondo il percorso pedonale più breve che collega i rispettivi accessi più vicini tra loro. c) possesso dei requisiti di sorvegliabilità dei locali; d) conformità dell'impianto elettrico alle vigenti norme di sicurezza; e) conformità alle norme di prevenzione incendi; f) rispetto della normativa in materia di impatto acustico. g) la sala giochi non sia comunicante con un pubblico esercizio o con qualsiasi altro esercizio commerciale o attività; h) non devono insistere nel complesso architettonico di strutture immobiliari che abbiano anche destinazione abitativa o residenziale, a salvaguardia delle unità immobiliari, del loro decoro, del riposo degli occupanti e della loro sicurezza e incolumità. i) avere una superfice utile netta non inferiore a 150 metri, esclusi servizi igienici, locali ripostiglio, magazzini, cantine o altri vani. 2. I locali destinati all'attività di sala giochi e agenzia raccolta scommesse sportive, ippiche e similari sono vietati nelle zone e negli edifici dove lo strumento urbanistico non consente tali attività e nelle zone e negli edifici compresi negli ambiti di salvaguardia degli insediamenti e nei centri storici. ART. 6 (Rilascio e validità dell'autorizzazione di sala giochi e agenzie di raccolta scommesse, sportive, ippiche e attività similari) 1. Il provvedimento di rilascio dell'autorizzazione viene adottato dal Responsabile dell'ufficio ed è soggetto al regime del silenzio-assenso che si perfeziona nel termine di 60 giorni decorrenti dalla data di presentazione della domanda ai sensi dell'art. 20 della L. 241/1990, salvo interruzioni. 2. Eventuali richieste di documentazione integrativa dovranno essere trasmesse al Comune entro 30 giorni dalla richiesta dell'ufficio competente, salvo proroga per motivi di comprovata necessità, pena il rigetto dell'istanza. 3. L'autorizzazione ha carattere permanente ai sensi dell'art. 11 del r.d n. 635, Regolamento di esecuzione del Tulps ed ha validità in relazione ai locali in essa indicati. 4. In caso di: cessione di attività, chiusura e riapertura da parte di stessa società o altra società, subingresso e trasferimento a qualsiasi altro titolo, varrà quanto contenuto del presente Regolamento. I principi contenuti nel presente Regolamento trovano applicazione anche nel caso di modifica, alla data di entrata in vigore del Regolamento, della superficie utile all'apertura di sale giochi e agenzie. ART. 7 (Prescrizioni d'esercizio) 1. Nelle sale da gioco e negli esercizi autorizzati alla pratica del gioco od all'installazione di apparecchi da intrattenimento, compresi i circoli privati autorizzati alla somministrazione, l'offerta complessiva di gioco tramite congegni da intrattenimento non può riguardare esclusivamente l'installazione di apparecchi di cui all'art.110, comma 6 del Tulps. Nelle sale da gioco il numero di apparecchi o congegni di cui all'art.110, comma 6 del Tulps, non può, CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 11 di 17

12 comunque, essere superiore al numero complessivo delle atre tipologie di apparecchi o congegni presenti nell'esercizio stesso. 2. I congegni di cui all'art.110, comma 6 del Tulps inoltre: a) essendo riservati ai maggiorenni, devono essere collocati in area separata ed opportunamente delimitata rispetto ad altri giochi od alle attività di diversa natura praticate nel locale. L'esercente deve prevedere idonea sorveglianza ed è tenuto a far rispettare il divieto di utilizzazione ai minorenni anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido. b) i congegni contemplati dall'articolo 110 del Tulps non possono essere installati in esercizi situati all'interno dei luoghi di cura, scuole di ogni ordine e grado, impianti sportivi, negli immobili in cui insistono unità alloggiative di civile abitazione, negli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande che operino in edifici in cui esistono unità immobiliari di civile abitazione e nelle pertinenze degli edifici dedicati al culto. Parimenti, luoghi di cura, scuole di ogni ordine e grado, impianti sportivi, negli immobili in cui insistono unità alloggiative di civile abitazione, negli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande che operino in edifici in cui esistono unità immobiliari di civile abitazione e nelle pertinenze degli edifici dedicati al culto, non possono essere autorizzate aperture di agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari nonché di sale giochi. c) non possono essere autorizzate aperture di agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari nonché di sale giochi qualora nel raggio di 500 metri dal locale commerciale in cui si intende avviare nuove aperture di sale giochi o agenzie siano già attive attività della stessa natura. 3. Nelle sale da gioco e negli esercizi autorizzati alla pratica del gioco od all'installazione di apparecchi da intrattenimento, compresi i circoli privati autorizzati alla somministrazione, dovrà essere rispettato il rapporto tra la superficie del locale e il numero di apparecchi massimo installabile stabilito con D.I e s.m.i., D.D e s.m.i. e D.D e s.m.i.; 4. All'ingresso delle sale giochi e degli esercizi dove sono installati apparecchi da intrattenimento di cui all'art.110, comma 6, del Tulps, deve essere esposto un cartello che ne indichi il divieto di utilizzazione ai minori di 18 anni anche mediante l'esibizione di un documento d'identità; tale divieto deve essere chiaramente segnalato anche all'esterno di ciascun apparecchio. 5. All'interno delle sale giochi devono essere esposti in modo ben visibile: a) la tabella dei giochi proibiti ai sensi della art.110 del ulps; b) la tabella dei prezzi e delle tariffe praticate; c) l'autorizzazione rilasciata dal Comune ai sensi dell'art.180 del Regolamento Tulps; 6. u ciascun apparecchio da intrattenimento di cui all'art.110, comma 6 e 7 del Tulps devono essere permanentemente apposti, in modo ben visibile al pubblico, il nulla osta di distribuzione e messa in esercizio. Esternamente a ciascun apparecchio, inoltre, devono essere apposte, in modo chiaro e visibile al pubblico, le informazioni relative al costo della partita, al funzionamento del gioco, alle regole che presiedono alla formazione delle combinazioni vincenti ed alla distribuzione dei premi. 7. In nessun caso è consentita l'installazione di apparecchi di cui all'art.110, comma 6 e 7 del Tulps all'esterno dei locali autorizzati al gioco. 8. I locali dove sono installati apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro non possono utilizzare nell'insegna od in messaggi pubblicitari il termine Casinò, in quanto riservato alle case da gioco autorizzate con legge dello tato, né altri termini che richiamino CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 12 di 17

13 il concetto del gioco d'azzardo. 9. Per evitare che la degenerazione del gioco provochi, nei soggetti più vulnerabili, pericolose forme di assuefazione, i gestori dei locali dove sono installati apparecchi da trattenimento con vincita in denaro si impegnano ad esporre all'ingresso ed all'interno materiale promozionale che incoraggi il gioco responsabile, secondo le indicazioni fornite dall'a.a.m.. e dalle principali società concessionarie dei giochi pubblici. In particolare il concessionario avrà cura di evidenziare ai giocatori l'opportunità di utilizzare i dispositivi che consentono di definire un limite d'importo da giocare o un tempo massimo di utilizzo dell'apparecchio e fornirà i recapiti di associazioni che possono assicurare assistenza nel settore delle dipendenze patologiche. ART. 8 (Rilascio, revoca e sospensione dell'autorizzazione di sala giochi e agenzie di raccolta scommesse sportive, ippiche e attività similari) 1. Il presente regolamento ha effetto anche e nei confronti di tutte le richieste eventualmente pervenute all'ente e non ancora rilasciate. 2. oltre che nei casi previsti dalla normativa vigente, l'autorizzazione è revocata: a) qualora il titolare sospenda l'attività per un periodo di tempo superiore a: otto giorni senza averne dato motivato preavviso; tre mesi con preavviso, salvo proroga in caso di comprovata necessità; b) qualora al titolare vengano a mancare, in tutto o in parte, i requisiti soggettivi di cui agli artt e 92 del T.U.L.P.. ovvero incorra in una delle cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all'art.10 della L n.575 (antimafia); c) qualora il locale perda i requisiti di sorvegliabilità di cui all'art.153 del Regolamento di esecuzione del Tulps; d) qualora il titolare dell'autorizzazione, salvo proroga in caso di comprovata necessità, non attivi l'esercizio entro 180 giorni dal rilascio dell'autorizzazione; e) qualora i locali non posseggano più i requisiti edilizi e/o igienico sanitari prescritti dalle norme vigenti. In tal caso l'amministrazione Comunale assegna all'interessato un termine perentorio per l'adeguamento dei locali, disponendo, in caso di mancato adeguamento, l'automatica decadenza; f) per reiterata violazione delle norme del presente regolamento, previa contestazione dell'addebito nelle forme e con le garanzie procedimentali di cui alla Legge 241/1990 e s.m.i.; g) con provvedimento del indaco in occasione di particolari eventi o circostanze a tutela dell'ordine pubblico, della viabilità e della quiete della collettività. 3. L'autorizzazione può essere sospesa per motivi d'igiene, per inosservanza delle norme contenute nel presente regolamento e per abuso della persona autorizzata intendendosi per tale ogni comportamento in contrario con il pubblico interesse o con le prescrizioni generali o particolari imposte dalla legge e dalla Autorità. 4. Qualora il titolare non provveda al ripristino delle condizioni prescritte dall'autorità nei termini dalla medesima stabiliti (salvo proroghe per accertata necessità) l'autorizzazione può essere revocata. 5. Il Comune ha facoltà di disporre in qualsiasi momento ispezioni per accertare la continuazione delle condizioni di sicurezza, di igiene e di polizia urbana o di richiedere la produzione di analoga documentazione. 6. L'autorizzazione è revocabile in qualsiasi momento per motivi di ordine pubblico e sicurezza pubblica, per inosservanza delle prescrizioni in essa contenute nonché delle altre norme di legge in materia o per abuso da parte del titolare. CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 13 di 17

14 ART. 9 (Orario di apertura e di chiusura) 1. L'orario di apertura e di chiusura delle sale giochi è stabilito con ordinanza sindacale. 2. La chiusura infrasettimanale è obbligatoria. 3. Gli orari di apertura e chiusura e la giornata di chiusura infrasettimanale dovranno essere resi noti al pubblico mediante esposizione di appositi cartello. 4. Il indaco, con proprio provvedimento, può ridurre la fascia oraria prescelta dall'operatore, quando ciò si renda necessario per motivi di pubblico interesse o per la tutela dell'ordine pubblico sia con riferimento ai singoli esercizi che all'insieme dei medesimi. 5. Le sale giochi inserite in un centro commerciale devono inoltre osservare gli orari dello stesso. ART. 10 (Autorizzazione apertura sale giochi e agenzie ed esercizi di somministrazione di alimenti e bevande) 1. Alla data del presente regolamento, non saranno ammesse domande di apertura di nuovi esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande che prevedano in modo prevalente o non prevalente anche la richiesta di apertura di sale giochi, agenzie scommesse e similari secondo quanto stabilito dal presente regolamento. 2. Non saranno ammissibili le domande dei titolari di esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande che alla data del presente regolamento, chiedano l'installazione di giochi di qualsiasi natura e titolo di cui al Tulps ed al presente regolamento. Ciò anche in caso di subingresso, cessione di attività, trasferimento in altro locale anche attiguo, chiusura e nuova apertura. 3. Per tutte le nuove aperture di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, subingresso, cessione attività a qualsiasi titolo che prevedano o meno, l'installazione di giochi di cui all'articolo 110 del Tulps, e che insistano su immobili anche e a prevalenza residenziale, è richiesto intervento di insonorizzazione acustica certificata del locale da adibire a tale attività. ART. 11 (Installazione di singoli apparecchi da gioco all'interno di pubblici esercizi) 1. L'esercente già in possesso di licenza ex artt. 86, comma 1 e 2, e 88 del Tulps che intende installare apparecchi da gioco di cui ai commi 6, lett a) e 7 dell'art.110 del Tulps non deve chiedere un nuovo titolo e potrà liberamente farlo nel rispetto delle prescrizioni d'esercizio contenute nell'art. 7 del presente Regolamento. ART. 12 (Installazione di singoli apparecchi da gioco all'interno di esercizi commerciali e circoli privati non autorizzati alla somministrazione di alimenti e bevande) 1. Chi intende installare apparecchi automatici o semiautomatici da gioco o da intrattenimento all'interno di esercizi commerciali e circoli privati non autorizzati alla somministrazione deve presentare in duplice copia, su apposita modulistica predisposta dal Comune, una egnalazione certificata di inizio attività ai sensi dell'art.86, comma 3, lett. c) del Tulps e art.19 della L.241/ La CIA, con la quale viene attestata la sussistenza dei requisiti previsti e la conformità alle normative di riferimento, deve contenere in particolare i seguenti dati essenziali: a) le generalità complete del richiedente (imprenditore individuale o legale rappresentante di società) e i dati della ditta, comprensivi di denominazione o CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 14 di 17

15 ragione sociale, sede legale e codice fiscale; b) le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art.47 D.P.R. n.445/200 concernenti il possesso da parte dell'imprenditore individuale o dei legali rappresentanti della società, dei requisiti soggettivi di cui all'art.10 della L n.575 (antimafia) e degli artt. 11,12 e 92 del Tulps; c) l'ubicazione dell'esercizio e il titolo di disponibilità del locale; d) le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà - ai sensi art.47 D.P.R. n.445/200 concernenti i requisiti oggettivi dei locali: - conformità dell'impianto elettrico alle vigenti norme di sicurezza; - rispetto della normativa in materia di impatto acustico. e) la tipologia e il numero degli apparecchi da intrattenimento da installare; f) l'impegno del titolare all'applicazione delle misure di cui all'art Alla CIA dovranno essere allegati i seguenti documenti: a) copia dei Nulla Osta di messa in esercizio rilasciati dall'amministrazione Autonoma dei Monopoli di tato per gli apparecchi di cui all'art.110, comma 6 e 7 lett. a) e c) del Tulps; b) documentazione di previsione di impatto acustico ai sensi della L.R. 16/2007, secondo i criteri contenuti nel DGR N ; c) dichiarazione di Conformità dell'impianto elettrico e messa a terra (D.M. 37/2008 per impianti nuovi o modificati L. 46/90 per impianti preesistenti); d) copia del Permesso di soggiorno per i cittadini non appartenenti all'unione Europea; e) copia di un documento di riconoscimento valido di tutti coloro che hanno sottoscritto autocertificazioni. ART.13 (anzioni) 1. Le violazioni al presente regolamento sono sanzionate ai sensi del TULP approvato con R.D. n. 773 del 18/06/31 e s.m.i. 2. Tutte le altre violazioni non contemplate nel precedente comma 1 sono sanzionate ai sensi dell'art. 7 bis del D.L.vo 267/00 e s.m.i., il cui importo, stabilito dall'art. 16 comma 2 della Legge 689/81 e s.m.i., va da un minimo di euro 25,00 ad un massimo di euro 500,00. Per il procedimento sanzionatorio si farà riferimento alla Legge 689/81 s.m.i. 3. Per la determinazione e l'irrogazione delle sanzioni si applica quanto previsto dalla Legge , n. 1. ART.14 (Disciplina transitoria) Le sale giochi attive e gli esercizi che già detengono apparecchi per il gioco, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del presente Regolamento devono conformarsi alle prescrizioni di cui all'art. 7, escluse quelle di cui alla lettera b). Detta disciplina transitoria non trova applicazione nei casi di cessioni, fusione o subentro attività, che prevedono il trasferimento della stessa in nuovi locali. In tal caso si applica integralmente quanto previsto dal presente regolamento Art. 15 (Norme finali) 1. Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si applicano le disposizioni di legge e/o di regolamento vigenti, anche successive, nella materia, CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 15 di 17

16 purchè compatibili. Art. 16 (Entrata in vigore ed abrogazioni) 1. E' abrogata ogni altra disposizione incompatibile con il presente Regolamento. CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 16 di 17

17 Il presente verbale viene così sottoscritto: IL PREIDENTE Arch. DI FLAVIO GIULIANO IL EGRETARIO COMUNALE Dott. CICCHEE ENRICO GIUEPPE ATTETATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione viene pubblicata oggi 04/09/2014 all'albo Pretorio, come prescritto dall'art. 124, comma 1, del T.U. n 267/2000, per quindici giorni consecutivi dal 04/09/2014 IL EGRETARIO COMUNALE Dott. CICCHEE ENRICO GIUEPPE EECUTIVA La presente deliberazione è divenuta esecutiva il poichè 13/09/2014 : Dichiarata immediatamente esecutiva. Decorsi 10 giorni dall'ultimo di pubblicazione. art. 134, comma 3, del T.U. n 267/2000. Lì... IL EGRETARIO COMUNALE Dott. CICCHEE ENRICO GIUEPPE Atto dell Consiglio del 29/08/2014 n. 36 CONIGLIO COMUNALE Atto n.ro 36 del 29/08/ Pagina 17 di 17

18

19

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Ufficio Regionale del (1) /Sede distaccata di

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Ufficio Regionale del (1) /Sede distaccata di ALLEGATO A Apparecchi meccanici o elettromeccanici Dichiarazione di liquidazione dell imposta sugli intrattenimenti (Da compilarsi a cura del gestore) All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

P.IVA tel. cell.. e mail.. PREMESSO. che con atto del... Rep. n... racc. n... del notaio... (3)

P.IVA tel. cell.. e mail.. PREMESSO. che con atto del... Rep. n... racc. n... del notaio... (3) AL COMUNE DI BRINDISI SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI DOMANDA di rilascio licenza di locale per pubblico spettacolo o trattenimento ai sensi dell art. 68 del T.U.L.P.S. per trasferimento

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 mod. Com 9 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE BOLLO Euro 14,62 ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (soggetti a criteri di autorizzazione) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Timbro Protocollo cod. istat Al Comune di V E R G I A T E 0 1 2 1 3

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli