LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE. di Claudia Fazzari avvocato in Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE. di Claudia Fazzari avvocato in Roma"

Transcript

1 LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE 1. Il principio di legalità di Claudia Fazzari avvocato in Roma Il principio nullum crimen, nulla poena sine lege, contenuto nell art. 1 del codice penale, secondo cui nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente previsto come reato dalla legge, né con pene che non siano da essa stabilite, ha ricevuto riconoscimento costituzionale con l art. 25 comma 2 della Costituzione, il quale basa la potestà punitiva dello Stato esclusivamente su una legge entrata in vigore prima del fatto commesso. La giurisprudenza costituzionale e quella di merito hanno pacificamente ammesso che l art. 25 comma 2 citato della Costituzione ha dato fondamento al principio di legalità in materia penale, oltre a stabilire l irretroattività della norma incriminat r i c e 1. Il primo contenuto di tale principio è dato dalla riserva di legge in materia penale, vale a dire dall unificazione delle fonti normative penali nelle mani del potere legislativo e nel conseguente divieto di disposizioni penali che abbiano fonte in norme di grado inferiore alla legge ordinaria e formale, cioè quella formata ai sensi degli artt della Costituzione. La giurisprudenza della Corte Costituzionale ha inoltre pacificamente ammesso che fonte del diritto penale possono anche essere i decreti legislativi ed i decreti legge formati ai sensi degli artt. 76 e 77 Cost. ed aventi appunto valore di legge ordinaria 2. È notoria la crescente portata legislativa che di momento in momento acquistano le leggi regionali. Per ciò che concerne le norme di diritto comunitario quali regolamenti e direttive della Comunità Europea mentre illustri giuristi escludono a priori la stessa legittimità di una loro diretta efficacia nella creazione di fattispecie incriminatrici, 1 V. BRICOLA, 1981, 247; PICOTTI, La legge penale, 9; in giurisprudenza Corte Cost n. 127, in GC 1979, V. Corte Cost n. 169 in GC, 1963,

2 essendo le sanzioni delle relative violazioni di natura extrapenale ovvero determinate mediante rinvio a norme penali interne dei singoli Stati membri 3, viene riconosciuta in giurisprudenza una loro diretta efficacia impeditiva dell applicazione di norme penali interne dei singoli Stati contrastanti con disposizioni di diritto comunitario direttamente a p p l i c a b i l i 4. Si precisa che la disapplicazione può avvenire da parte dello stesso giudice ordinario anche senza previo ricorso alla Corte di Giustizia perché dopo la scadenza del termine stabilito per la attuazione di una direttiva, gli Stati membri non possono applicare la propria normativa nazionale non ancora adeguata a quest ultima a chi si sia conformato alle disposizioni della direttiva stessa 5. Si tratta di un potere che deriva direttamente dai trattati istitutivi della Comunità Europea e contemporaneamente dall art. 11 della Costituzione. Tale articolo affermerebbe infatti il primato del diritto internazionale sul diritto interno, conferendo allo Stato stesso il potere di limitare la propria sovranità. 2. Prospettive di formazione di un diritto penale europeo. Cenni Circa quaranta anni fa in uno scritto di grande rilievo scientifico H.H. Jescheck affermava che la costruzione del diritto penale sovranazionale avrebbe dovuto costituire l impegno della futura generazione di penalisti 6. In realtà questa ottimistica previsione viene smentita dall attuale sviluppo delle competenze della Comunità Europea, poiché, come abbiamo visto, il diritto penale rientra ancora nelle competenze di ciascun Stato membro. Ma il diritto comunitario esercita molteplici influenze sui sistemi penali statali: un esempio è dato dall efficacia disapplicativa attribuita a regolamenti e direttive, cui si è sopra accennato. Inoltre, le nuove esigenze di protezione dei possibili oggetti di tutela penale hanno originato tutta una giurisprudenza della Corte di Giustizia in materia di garanzia dei diritti fondamentali. La Corte, 3 V. GRASSO G., 1982, Principio desunto dal primato del diritto comunitario, affermato dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea, , Simmenthal, FI, 1978, IV, Corte di Giustizia , Ratti, FI, 1979, IV, JESCHECK, Die Strafgezalt ubernationaler Gemeinschaften, in ZStW, 65m

3 attraverso una lenta evoluzione giurisprudenziale, è pervenuta alla conclusione che i beni giuridici fondamentali fanno parte di quei principi generali di diritto di cui essa è chiamata a garantire l osservanza, e che essa provvede alla tutela di tali diritti ispirandosi alle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri ed alle convenzioni internazionali alle quali essi hanno cooperato ed aderito 7. Sul piano istituzionale il riconoscimento dei diritti fondamentali nell ordinamento comunitario ha ricevuto consacrazione nel preambolo dell Atto Unico, nella risoluzione del Parlamento Europeo del e soprattutto nel Trattato sull Unione Europea, entrato in vigore il 1 novembre Nel Trattato in menzione il tema dei rapporti tra il diritto comunitario ed il diritto penale viene considerato come una delle questioni fondamentali nella vita delle istituzioni comunitarie, nella prospettiva di una armonizzazione delle disposizioni incriminatrici nazionali con la tutela degli interessi della Comunità. A tal fine, il Trattato dedica un apposito titolo (il VI) alla cooperazione nei settori della giustizia o degli affari interni, dando vita al c.d. terzo pilastro della costruzione europea. Le disposizioni del titolo VI considerano questioni di interesse comune la lotta contro la frode internazionale, la lotta contro la tossicodipendenza, la cooperazione giudiziaria in materia penale, la cooperazione doganale, la cooperazione a livello di polizia al fine della prevenzione e della lotta contro il terrorismo, il traffico illecito di droga ed altre forme gravi di criminalità internazionale. In questi settori è possibile che il Consiglio delle Comunità adotti posizioni od azioni comuni, non certo che emani norme penali, stante il contrasto con il principio di legalità e la insufficiente legittimazione democratica di tale organo. Fondamentale è quindi il potere spettante alla Corte di Giustizia Europea di interpretare le norme del Trattato Europeo e di verificare la lesione dei beni giuridici ivi tutelati da parte di norme legislative statali, consentendo al giudice nazionale di sospendere il processo 7 Sui riflessi di tale giurisprudenza nel diritto penale, v. GRASSO, La protezione dei diritti fon - damentali nell ordinamento comunitario ed i suoi riflessi sui sistemi penali degli Stati membri, in riv. int. Dir. Dell uomo, 1991,

4 affinché venga decisa la questione pregiudiziale. Di preciso, è un potere che deriva dagli artt. 177 e 234 del Trattato CE e che autorizza il magistrato italiano ai sensi dell art. 479 c.p.p. a sospendere il giudizio per risolvere la questione concernente l interpretazione delle norme del Trattato CE e successivamente gli consente di non applicare l atto normativo statale quando questo contrasti con la fonte normativa comunitaria. L interpretazione pregiudiziale dettata dalla Corte europea ai sensi dell art. 234 del Trattato è rilevante e vincolante per il giudice italiano, in quanto realizza una forma di cooperazione tra giudici nazionali e Corte di Giustizia e configura un meccanismo centralizzato di interpretazione del diritto comunitario teso a garantire la certezza del diritto 8, in tutti i casi in cui si deve fare applicazione della norma in esame. Il giudice comunitario ha quindi un monopolio interpretativo del diritto comunitario, ma non ha competenza sul diritto nazionale 9, nel senso che non può procedere alla valutazione o alla qualificazione della fattispecie concreta e delle relative norme di diritto interno 10 e gli rimane preclusa l applicazione al caso concreto delle norme comunitarie da essa interpretate 11 : spetta invece al giudice nazionale valutare la pertinenza delle questioni di diritto poste dalla controversia di cui è investito e la necessità di una pronuncia pregiudiziale ex art , nonché l applicazione nel caso da giudicare. 3. Le scommesse clandestine e la sentenza Gambelli della Corte di Giustizia Con ordinanza del 30 marzo 2001 il Tribunale di Ascoli Piceno sottoponeva alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, una questione pregiudiziale relativa all interpretazione degli artt. 43 CE e 49 CE. La questio- 8 Così recita la sentenza delle Sezioni Unite di Cassazione n /04, oltre esaminata. 9 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-33/ Corte di Giustizia, sentenza , causa C-52/76, Benedetti; Corte di Giustizia, sentenza , causa C-17/81, Pabst. 11 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-137/84, Mutsch; da ultimo Corte di Giustizia, sentenza , causa C-6/01, Anomar. 12 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-172/92, Enderby. 74

5 ne veniva sollevata nell ambito di un procedimento penale a carico del Sig. Gambelli e di altri 137 indagati accusati di aver organizzato abusivamente scommesse clandestine. In particolare si rilevava l esistenza di una organizzazione diffusa di agenzie italiane, collegate via Internet con il bookmaker Stanley International Betting Ltd con sede in Liverpool, e si contestava al Gambelli ed agli altri di aver collaborato sul territorio italiano con un bookmaker straniero nell attività di raccolta di scommesse di regola riservata per legge allo Stato, in violazione della Legge 401/89. Tale attività, considerata in contrasto con il regime di monopolio sulle scommesse sportive attribuito al CONI, si svolge con le seguenti modalità: comunicazione da parte del giocatore al responsabile dell Agenzia italiana delle partite sulle quali intende scommettere e indicazioni della somma giocata; invio da parte della predetta agenzia, via Internet, della richiesta di accettazione al bookmaker con indicazione degli incontri di calcio nazionali in questione e conferma dell accettazione della scommessa; trasmissione di tal conferma, da parte dell agenzia italiana, al giocatore e pagamento di quest ultimo del corrispettivo dovuto all agenzia, inoltrato poi al bookmaker su apposito conto estero. Giova sapere che la Stanley è una società di capitali di diritto britannico registrata nel Regno Unito e che svolge attività di bookmaker sulla base di una licenza rilasciata dalla Città di Liverpool ai sensi del Betting Gaming and Lotteries Act, con facoltà di svolgere tale attività nel Regno Unito ed all estero. La Stanley paga le imposte previste nel Regno Unito ed è soggetta a controlli rigorosi quanto alla regolarità delle attività svolte, controlli effettuati da una società privata di revisione nonché dall Inland Revenue e dal Customs & Excise. La presenza della Stanley in Italia si concretizza in accordi commerciali con intermediari italiani, relativi alla creazione di centri di trasmissione dati in cui come si è accennato si pongono a disposizione degli utenti alcuni mezzi telematici per la raccolta delle scommesse. I titolari delle agenzie italiane sono iscritti alla Camera di Commercio, quali proprietari di imprese per l avvio di un centro di trasmissione dati e sono autorizzati dal Ministero delle Poste e Comunicazioni alla trasmissione di dati. Il Tribunale di Ascoli Piceno, investito del riesame relativo ad un 75

6 decreto di sequestro preventivo di alcune agenzie Stanley, decideva di sottoporre alla Corte di Giustizia la seguente questione pregiudiziale: se vi sia incompatibilità, con conseguenti effetti nell ordinamento giuridico interno, tra gli artt. 43 e segg. e 49 e segg. del Trattato CE in materia di libertà di stabilimento e di libertà di prestazione dei servizi trasfrontalieri, da un canto, e, d altro canto, una normativa nazionale quale quella italiana di cui agli artt. 4 comma primo e segg., 4 bis e 4 ter della legge 401/89 (come modificata dalla legge 388/00) contenente divieti penalmente sanzionati di svolgimento delle attività, da chiunque e ovunque effettuate, di raccolta, accettazione, prenotazione e trasmissione di proposte di scommessa, in par - ticolare su eventi sportivi, in assenza di presupposti concessori e autorizza - tori prescritti dal diritto interno. 4. Contesto normativo nazionale e comunitario Ai sensi dell art. 88 del regio decreto 773/31 (Testo unico leggi di Pubblica Sicurezza) 1 3, non può essere concessa licenza per l esercizio di scommesse, salvo alcune eccezioni, quando l esercizio delle scommesse costituisce una condizione necessaria per l utile svolgimento della gara. Ai sensi dell art. 37 Legge Finanziaria 388/00 14, la licenza di esercizio delle scommesse è accordata solo ai concessionari o autorizzati da un ministero o altro ente al quale la legge riserva la facoltà di organizzare o accettare scommesse. Le scommesse possono riguardare tanto il risultato di eventi sportivi posti sotto il controllo del CONI, quanto il risultato delle corse di cavalli organizzate tramite l UNIRE. L art. 4 (che persegue l esercizio abusivo dell organizzazione di scommesse che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario, nonché chi organizza scommesse su attività sportive gestite dal CONI o dall UNIRE, chi ne fa pubblicità o partecipa all attività di scommessa), l art 4 bis (che persegue chiunque, privo di concessione, autorizzazione o licenza ai sensi dell art. 88 TUPS, svolge in Italia qualsiasi attività organizzata al fine di raccogliere scommesse anche per via telefonica o 13 In GURI del n In GURI del supplemento ordinario. 76

7 telematica) e l art. 4 ter (che persegue chiunque effettui la raccolta di scommesse per via telefonica o telematica ove sprovvisto di apposita autorizzazione all uso di tali mezzi) della legge 401/ come mod i f i c a t a dalla legge 388/00 completano il quadro normativo nazionale. L articolo 43 Trattato CE (che prevede il divieto delle restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini di uno Stato membro nel territorio di un altro Stato membro, divieto esteso alle restrizioni relative all apertura di agenzie, succursali e filiali, e prevede l accesso alle attività non salariate ed al loro esercizio, nonché la costituzione e la gestione di imprese alle condi - zioni definite dalla legislazione del paese di stabilimento nei confronti dei pro - pri cittadini), l articolo 48 (che prevede per le società costituite conforme - mente alla legislazione di uno Stato membro ed aventi la sede sociale, l am - ministrazione centrale o il centro di attività principale all interno della Comunità, l equiparazione alle persone fisiche aventi cittadinanza degli Stati membri), l articolo 46 (che prevede l impregiudicata applicabilità delle disposizioni giustificate da motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza e sanità pubblica o instauranti un regime particolare per i cittadini stranieri), l articolo 49 (che vieta le restrizioni alla libera prestazione dei servizi all in - terno della Comunità, nei confronti dei cittadini stabiliti in un paese della Comunità che non sia quello destinatario della prestazione) costituiscono il quadro normativo comunitario in materia. 5. La pronuncia della Corte emessa il 6 novembre 2003 La Corte di Giustizia, pronunciandosi sulla questione sottopostale dal Tribunale di Ascoli Piceno, dichiara: una normativa nazionale contenente divieti penalmente sanzionati di svolgere attività di raccolta, accettazione, prenotazione e trasmissione di proposte di scommessa, relative, in particolare, a eventi sportivi, in assenza di concessione o autorizzazione rilasciata dallo Stato membro interessato, costituisce una restrizione alla libertà di stabilimento ed alla libera prestazione dei servizi, previste rispettivamente agli artt. 43 CE e In GURI del n

8 CE. Spetta al giudice del rinvio verificare se tale normativa, alla luce delle sue concrete modalità di applicazione, risponda realmente ad obiettivi tali da giustificarla e se le restrizioni che essa impone non risultino sproporzionate rispetto a tali obiettivi 16. La Corte osserva nella motivazione che la normativa italiana sulle scommesse, ed in particolare l art. 4 l. 401/89, costituisce una restrizione alla libertà di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi, e che tale restrizione può essere ammessa solo a titolo di misure derogatorie previste dagli artt. 45 e 46 CE, ovvero se giustificata da motivi imperativi di interesse generale. Richiamandosi alla propria giurisprudenza ed alle osservazioni presentate in giudizio dagli Stati membri, ricorda che non possono considerarsi tali la riduzione delle entrate fiscali 17, le considerazioni di ordine morale, religioso, culturale, nonché le conseguenze dannose per l individuo o la società collegate alle s c o m m e s s e 18. In ogni caso per risultare giustificate, le restrizioni debbono presentare i requisiti previsti dalla giurisprudenza della Corte: devono essere basate su motivi di interesse generale, devono essere idonee a garantire il conseguimento dello scopo perseguito ed in terzo luogo non andare oltre quanto necessario per il raggiungimento dell obiettivo. Comunque devono essere applicate in modo non discriminatorio. Nelle sentenze già emesse in materia di attività di giuoco 1 9, la Corte ricorda di aver considerato giustificabili le esigenze di tutela del consumatore e la prevenzione della frode, in quanto fondate anche sulla necessità di prevenire turbative all ordine sociale, purché le attività di scommessa fossero limitate in modo coerente e sistematico. Non esita a rilevare, tuttavia, che l autorità italiana persegue una politica di forte espansione del gioco, allo scopo di raccogliere fondi (come attestano i lavori preparatori della legge 388/00) e che quindi il giudice di rinvio deve valutare se la sanzione penale di cui agli articoli richiamati sia spro- 16 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-243/01, Gabelli. 17 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-264/96, ICI, Racc. pag. I-4695, punto Corte di Giustizia, sentenza , causa C-67/98, Zenatti, Racc. pag. I-7289; sentenza , causa C-275/92 Schindler, Racc. pag. I-1039; sentenza , causa C-1124/97, Laara, Racc. pag. I V. sentenze Zenatti, Schindler e Laara, menzionate. 78

9 p o rzionata, visto che lo stesso Stato italiano incoraggia al gioco e alle scommesse, laddove organizzate dal CONI o da altri enti autorizzati. Un attenta lettura della sentenza, in effetti, attenua le clamorose reazioni degli operatori Stanley. Da una parte, nell immediato la sentenza emessa in Lussemburgo non cambia la sostanza della legislazione italiana, che per essere modificata necessita di un intervento parlamentare o governativo di modifica, anche se è vero che i vari magistrati italiani, chiamati in causa in occasione dei sequestri sulle agenzie Stanley, acquistano la facoltà di rifarsi al dettato della Corte e di disapplicare la legge italiana. Tuttavia, in molti 2 0 hanno ribadito che la Corte di Giustizia non si è allontanata dai precedenti giurisprudenziali (ad es. la sentenza Zenatti rispetto alla quale ha coinvolto innovativamente anche la libertà di stabilimento ex art. 43 CE), garantendo l esistenza ed il mantenimento di norme nazionali restrittive. A ben vedere, lo Stato italiano non limita le occasioni di gioco ma incanala il desiderio di giocare nei circuiti controllati, previo controllo dei requisiti previsti dal TUPS e rilascio di autorizzazione da parte dell autorità di PS. 6. La sentenza del emessa dalle Sezioni Unite di Cassazione Le Sezioni Unite penali della Cassazione, intervenute in sede di ricorso contro l annullamento del sequestro preventivo di un agenzia Stanley emesso dal Tribunale del riesame di Frosinone, ritengono che la esigenza di prevenzione della criminalità e la tutela dell ordine pubblico possono giustificare una restrizione dei principi comunitari. Il diritto comunitario, infatti, salvaguarda il potere di ricorrere alla sanzione penale per r a f f o rzare precetti imposti o consentiti dallo stesso diritto. Il richiamo, da parte del difensore della Stanley, alla decisione della Corte di Giustizia Gabelli e l asserita mancanza nella normativa italiana di obiettivi tali da giustificare le restrizioni imposte alle attività di raccolta di scommesse, ha indotto la Corte di Cassazione ad assegnare il 20 V. Convegno i nuovi orientamenti della UE in materia di gioco pubblico, intervento dell Avv.to dello Stato Maurizio Greco, in Forum PA

10 ricorso alle Sezioni Unite. Infatti, la sezione assegnataria ravvisava accenti di novità nella citata decisione Gabelli, rispetto alle precedenti sentenze della Corte di Giustizia Europea, in base alle quali la Corte di Cassazione aveva costantemente ritenuto la compatibilità della legislazione italiana rispetto ai principi tutelati nel diritto comunitario. La decisione in esame ha rilevato elementi di novità in alcuni passaggi argomentativi della motivazione della sentenza Gabelli, in modo particolare laddove prende in esame alcuni motivi di restrizione di cui il giudice nazionale deve valutare la portata giustificativa. Come si è visto, la Corte di Giustizia esclude le finalità fiscali o l esigenza di finanziare attività sociali con i proventi delle scommesse, al contrario ritiene valide le esigenze di carattere sociale o criminale, quali la tutela del consumatore, la prevenzione della frode, il contenimento della propensione al gioco, ma solo se idonee allo scopo e perseguite in modo coerente e sistematico. Ma le Sezioni Unite ritengono che l argomentazione più suggestiva sia fornita dalla Corte di Giustizia laddove sottolinea che lo Stato italiano persegue una politica di forte espansione al gioco per raccogliere fondi e che pertanto non può invocare l ordine pubblico e sociale con riguardo alle necessità di ridurre le occasioni di gioco al fine di giustificare le proprie norme restrittive. E invero, ammettono le Sezioni Unite, non si può negare che l Italia abbia perseguito una politica chiaramente espansiva in questo settore, per incrementare il gettito fiscale. Tuttavia, questa politica espansiva, se pur contraddice lo scopo sociale di limitare la ludopatia, è conforme all obiettivo di evitare le infiltrazioni criminali: non è cioè incompatibile con i motivi di ordine pubblico e di pubblica sicurezza previsti dallo stesso Trattato CE. L ultimo elemento di innovazione evidenziato dalla Gabelli consiste secondo la sentenza della Cassazione nell invito ad effettuare un esame delle sanzioni penali in materia di scommesse, esame relativo alla loro adeguatezza e proporzionalità rispetto allo scopo di tutela dell ordine pubblico. Le Sezioni Unite ritengono a tal proposito che il giudizio di congruità della sanzione penale debba essere lasciato alla discrezionalità politica del legislatore, essendo sottratto alla valutazione del giudice. Costui, quando sia chiamato a compiere questa valuta- 80

11 zione di congruità, non può comunque fare a meno di ricorrere alla sanzione penale per rafforzare precetti imposti o consentiti dallo stesso diritto comunitario, anche perché il bilanciamento degli interessi in gioco nella soggetta materia si presenta talmente delicato da giustificare il ricorso a strumenti più o meno intensi di deterrenza penale. 7. Conclusioni Solo l applicazione concreta della sentenza della Corte di Giustizia ci dirà quali saranno i progressi della materia. Bisognerà pertanto attendere le sentenze irrevocabili della magistratura, per sapere se nel caso concreto verranno raccolte le indicazioni delle Sezioni Unite o se verrà disapplicata la normativa italiana, con conseguente proscioglimento degli imputati 21. Attualmente possiamo limitarci a registrare le esultanze della Stanley, secondo cui la pronuncia della Corte di Giustizia ha pienamente ammesso la concorrenza on-line dell operatore straniero 22. Restano le perplessità derivanti dalla constatazione che tale concorrenza implicherebbe una ridistribuzione antisociale dei fondi raccolti tramite il gioco, dal momento che tali fondi tenderebbero a spostarsi da paesi in cui il complesso degli importi delle scom- 21 Per correttezza nei confronti del lettore, l Autore intende omettere l indicazione delle pronunce, di carattere ambivalente, dei giudici che hanno già esaminato la questione Stanley, sia perché nella maggior parte dei casi si tratta di provvedimenti relativi alle mere questioni cautelari (impugnazioni dei sequestri) o al solo rinvio a giudizio, sia perché al momento non è possibile formulare un giudizio di prevalenza di un orientamento giurisprudenziale rispetto ad un altro. Si è ritenuto preferibile, quindi, attendere che il quadro giurisprudenziale venga definito con delle sentenze irrevocabili e menzionare esclusivamente in nota alcune pronunce di cui i protagonisti della querelle hanno reso nota per sommi capi la motivazione. 22 Si registrano numerosi dibattiti sulle testate giornalistiche e via Internet in relazione alle sentenze menzionate. In replica ad un precedente commento che valutava la attività della Stanley come contraria alla legislazione vigente, Il Giornale del 24 agosto 2004 ha pubblicato una lettera dell Avv.to Daniela Agnello, legale della Stanley, in cui quest ultimo ribadisce la liceità dei centri trasmissione dati collegati con Stanley International Betting e fa presente quanto segue: Sia prima che dopo la sentenza delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, numerosi giudici si sono apertamente dissociati dalle relative conclusioni, hanno disapplicato la normativa italiana, escluso il reato, disposto il dissequestro e consentito l attività delle agenzie collegate con il bookmaker inglese. Il Tribunale di Catania, a titolo esemplifi - cativo, in data ha testualmente affermato che: con tutta evidenza devono ritenersi diretta - 81

12 messe è modesto, a paesi in cui tale importo è più considerevole e quindi l ammontare dei premi è più interessante 23. Esiste, infine, il pericolo che venga avviata una procedura di infrazione nei confronti dello Stato italiano, per violazione agli obblighi del Trattato CE in materia di stabilimento e di libera prestazione dei servizi. A tal proposito, per completezza, è necessario accennare che la Commissione delle Comunità Europee ha presentato un ricorso in tal senso. È indubbio che gli sviluppi futuri della situazione in esame, sotto molteplici aspetti, si riveleranno di particolare interesse e di notevole risonanza. mente efficaci le disposizioni del Trattato CE la cui applicazione è dunque obbligatoria per il giudi - ce, come per le amministrazioni statali. Nonostante il tenore della motivazione della richiamata pro - nuncia delle Sezioni Unite di Cassazione, questo Tribunale rimane tenuto ad accertare in concreto se la normativa italiana in materia di scommesse sia finalizzata realmente a tutelare l ordine pubblico e quindi a valutare la proporzionalità e l adeguatezza delle restrizioni rispetto agli scopi perseguiti ( ). Pertanto, una volta riconosciuta l incompatibilità della normativa italiana, ne consegue l obbligo per questo giudice di non applicazione sia della norma primaria, che di quella sanzionatoria, di cui all art. 4 bis L.401/89 (sotto questo profilo non condividendosi affatto l interpretazione operata dalla Suprema Corte nella sentenza da ultimo richiamata). Il provvedimento impugnato risulta emesso in difetto dei requisiti di legge e deve essere per ciò annullato. In risposta a queste parole, Il Giornale, nella persona del giornalista Filippo Grassia, precisa che alla luce della sentenza della Corte di Cassazione l atteggiamento della Stanley può definirsi contrario alla legislazione vigente e ricorda la decisione con la quale il il GIP presso il Tribunale di Roma disponeva il rinvio a giudizio di 62 imputati fra cui vari gestori Stanley per violazione dell art. 4 della legge 401/ È evidente l efficacia distorsiva di questo fenomeno che in alcuni Stati renderebbe necessario finanziare altrimenti l azione sociale pubblica, aumentando inevitabilmente le imposte. 82

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO

CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO MANFREDI BONTEMPELLI Il doppio binario sanzionatorio in materia tributaria e le garanzie europee (fra ne bis in idem processuale e ne bis in idem sostanziale) * SOMMARIO:

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli