LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE. di Claudia Fazzari avvocato in Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE. di Claudia Fazzari avvocato in Roma"

Transcript

1 LA NORMATIVA EUROPEA ED IL DIRITTO PENALE NAZIONALE. LE SCOMMESSE CLANDESTINE 1. Il principio di legalità di Claudia Fazzari avvocato in Roma Il principio nullum crimen, nulla poena sine lege, contenuto nell art. 1 del codice penale, secondo cui nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente previsto come reato dalla legge, né con pene che non siano da essa stabilite, ha ricevuto riconoscimento costituzionale con l art. 25 comma 2 della Costituzione, il quale basa la potestà punitiva dello Stato esclusivamente su una legge entrata in vigore prima del fatto commesso. La giurisprudenza costituzionale e quella di merito hanno pacificamente ammesso che l art. 25 comma 2 citato della Costituzione ha dato fondamento al principio di legalità in materia penale, oltre a stabilire l irretroattività della norma incriminat r i c e 1. Il primo contenuto di tale principio è dato dalla riserva di legge in materia penale, vale a dire dall unificazione delle fonti normative penali nelle mani del potere legislativo e nel conseguente divieto di disposizioni penali che abbiano fonte in norme di grado inferiore alla legge ordinaria e formale, cioè quella formata ai sensi degli artt della Costituzione. La giurisprudenza della Corte Costituzionale ha inoltre pacificamente ammesso che fonte del diritto penale possono anche essere i decreti legislativi ed i decreti legge formati ai sensi degli artt. 76 e 77 Cost. ed aventi appunto valore di legge ordinaria 2. È notoria la crescente portata legislativa che di momento in momento acquistano le leggi regionali. Per ciò che concerne le norme di diritto comunitario quali regolamenti e direttive della Comunità Europea mentre illustri giuristi escludono a priori la stessa legittimità di una loro diretta efficacia nella creazione di fattispecie incriminatrici, 1 V. BRICOLA, 1981, 247; PICOTTI, La legge penale, 9; in giurisprudenza Corte Cost n. 127, in GC 1979, V. Corte Cost n. 169 in GC, 1963,

2 essendo le sanzioni delle relative violazioni di natura extrapenale ovvero determinate mediante rinvio a norme penali interne dei singoli Stati membri 3, viene riconosciuta in giurisprudenza una loro diretta efficacia impeditiva dell applicazione di norme penali interne dei singoli Stati contrastanti con disposizioni di diritto comunitario direttamente a p p l i c a b i l i 4. Si precisa che la disapplicazione può avvenire da parte dello stesso giudice ordinario anche senza previo ricorso alla Corte di Giustizia perché dopo la scadenza del termine stabilito per la attuazione di una direttiva, gli Stati membri non possono applicare la propria normativa nazionale non ancora adeguata a quest ultima a chi si sia conformato alle disposizioni della direttiva stessa 5. Si tratta di un potere che deriva direttamente dai trattati istitutivi della Comunità Europea e contemporaneamente dall art. 11 della Costituzione. Tale articolo affermerebbe infatti il primato del diritto internazionale sul diritto interno, conferendo allo Stato stesso il potere di limitare la propria sovranità. 2. Prospettive di formazione di un diritto penale europeo. Cenni Circa quaranta anni fa in uno scritto di grande rilievo scientifico H.H. Jescheck affermava che la costruzione del diritto penale sovranazionale avrebbe dovuto costituire l impegno della futura generazione di penalisti 6. In realtà questa ottimistica previsione viene smentita dall attuale sviluppo delle competenze della Comunità Europea, poiché, come abbiamo visto, il diritto penale rientra ancora nelle competenze di ciascun Stato membro. Ma il diritto comunitario esercita molteplici influenze sui sistemi penali statali: un esempio è dato dall efficacia disapplicativa attribuita a regolamenti e direttive, cui si è sopra accennato. Inoltre, le nuove esigenze di protezione dei possibili oggetti di tutela penale hanno originato tutta una giurisprudenza della Corte di Giustizia in materia di garanzia dei diritti fondamentali. La Corte, 3 V. GRASSO G., 1982, Principio desunto dal primato del diritto comunitario, affermato dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea, , Simmenthal, FI, 1978, IV, Corte di Giustizia , Ratti, FI, 1979, IV, JESCHECK, Die Strafgezalt ubernationaler Gemeinschaften, in ZStW, 65m

3 attraverso una lenta evoluzione giurisprudenziale, è pervenuta alla conclusione che i beni giuridici fondamentali fanno parte di quei principi generali di diritto di cui essa è chiamata a garantire l osservanza, e che essa provvede alla tutela di tali diritti ispirandosi alle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri ed alle convenzioni internazionali alle quali essi hanno cooperato ed aderito 7. Sul piano istituzionale il riconoscimento dei diritti fondamentali nell ordinamento comunitario ha ricevuto consacrazione nel preambolo dell Atto Unico, nella risoluzione del Parlamento Europeo del e soprattutto nel Trattato sull Unione Europea, entrato in vigore il 1 novembre Nel Trattato in menzione il tema dei rapporti tra il diritto comunitario ed il diritto penale viene considerato come una delle questioni fondamentali nella vita delle istituzioni comunitarie, nella prospettiva di una armonizzazione delle disposizioni incriminatrici nazionali con la tutela degli interessi della Comunità. A tal fine, il Trattato dedica un apposito titolo (il VI) alla cooperazione nei settori della giustizia o degli affari interni, dando vita al c.d. terzo pilastro della costruzione europea. Le disposizioni del titolo VI considerano questioni di interesse comune la lotta contro la frode internazionale, la lotta contro la tossicodipendenza, la cooperazione giudiziaria in materia penale, la cooperazione doganale, la cooperazione a livello di polizia al fine della prevenzione e della lotta contro il terrorismo, il traffico illecito di droga ed altre forme gravi di criminalità internazionale. In questi settori è possibile che il Consiglio delle Comunità adotti posizioni od azioni comuni, non certo che emani norme penali, stante il contrasto con il principio di legalità e la insufficiente legittimazione democratica di tale organo. Fondamentale è quindi il potere spettante alla Corte di Giustizia Europea di interpretare le norme del Trattato Europeo e di verificare la lesione dei beni giuridici ivi tutelati da parte di norme legislative statali, consentendo al giudice nazionale di sospendere il processo 7 Sui riflessi di tale giurisprudenza nel diritto penale, v. GRASSO, La protezione dei diritti fon - damentali nell ordinamento comunitario ed i suoi riflessi sui sistemi penali degli Stati membri, in riv. int. Dir. Dell uomo, 1991,

4 affinché venga decisa la questione pregiudiziale. Di preciso, è un potere che deriva dagli artt. 177 e 234 del Trattato CE e che autorizza il magistrato italiano ai sensi dell art. 479 c.p.p. a sospendere il giudizio per risolvere la questione concernente l interpretazione delle norme del Trattato CE e successivamente gli consente di non applicare l atto normativo statale quando questo contrasti con la fonte normativa comunitaria. L interpretazione pregiudiziale dettata dalla Corte europea ai sensi dell art. 234 del Trattato è rilevante e vincolante per il giudice italiano, in quanto realizza una forma di cooperazione tra giudici nazionali e Corte di Giustizia e configura un meccanismo centralizzato di interpretazione del diritto comunitario teso a garantire la certezza del diritto 8, in tutti i casi in cui si deve fare applicazione della norma in esame. Il giudice comunitario ha quindi un monopolio interpretativo del diritto comunitario, ma non ha competenza sul diritto nazionale 9, nel senso che non può procedere alla valutazione o alla qualificazione della fattispecie concreta e delle relative norme di diritto interno 10 e gli rimane preclusa l applicazione al caso concreto delle norme comunitarie da essa interpretate 11 : spetta invece al giudice nazionale valutare la pertinenza delle questioni di diritto poste dalla controversia di cui è investito e la necessità di una pronuncia pregiudiziale ex art , nonché l applicazione nel caso da giudicare. 3. Le scommesse clandestine e la sentenza Gambelli della Corte di Giustizia Con ordinanza del 30 marzo 2001 il Tribunale di Ascoli Piceno sottoponeva alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, una questione pregiudiziale relativa all interpretazione degli artt. 43 CE e 49 CE. La questio- 8 Così recita la sentenza delle Sezioni Unite di Cassazione n /04, oltre esaminata. 9 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-33/ Corte di Giustizia, sentenza , causa C-52/76, Benedetti; Corte di Giustizia, sentenza , causa C-17/81, Pabst. 11 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-137/84, Mutsch; da ultimo Corte di Giustizia, sentenza , causa C-6/01, Anomar. 12 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-172/92, Enderby. 74

5 ne veniva sollevata nell ambito di un procedimento penale a carico del Sig. Gambelli e di altri 137 indagati accusati di aver organizzato abusivamente scommesse clandestine. In particolare si rilevava l esistenza di una organizzazione diffusa di agenzie italiane, collegate via Internet con il bookmaker Stanley International Betting Ltd con sede in Liverpool, e si contestava al Gambelli ed agli altri di aver collaborato sul territorio italiano con un bookmaker straniero nell attività di raccolta di scommesse di regola riservata per legge allo Stato, in violazione della Legge 401/89. Tale attività, considerata in contrasto con il regime di monopolio sulle scommesse sportive attribuito al CONI, si svolge con le seguenti modalità: comunicazione da parte del giocatore al responsabile dell Agenzia italiana delle partite sulle quali intende scommettere e indicazioni della somma giocata; invio da parte della predetta agenzia, via Internet, della richiesta di accettazione al bookmaker con indicazione degli incontri di calcio nazionali in questione e conferma dell accettazione della scommessa; trasmissione di tal conferma, da parte dell agenzia italiana, al giocatore e pagamento di quest ultimo del corrispettivo dovuto all agenzia, inoltrato poi al bookmaker su apposito conto estero. Giova sapere che la Stanley è una società di capitali di diritto britannico registrata nel Regno Unito e che svolge attività di bookmaker sulla base di una licenza rilasciata dalla Città di Liverpool ai sensi del Betting Gaming and Lotteries Act, con facoltà di svolgere tale attività nel Regno Unito ed all estero. La Stanley paga le imposte previste nel Regno Unito ed è soggetta a controlli rigorosi quanto alla regolarità delle attività svolte, controlli effettuati da una società privata di revisione nonché dall Inland Revenue e dal Customs & Excise. La presenza della Stanley in Italia si concretizza in accordi commerciali con intermediari italiani, relativi alla creazione di centri di trasmissione dati in cui come si è accennato si pongono a disposizione degli utenti alcuni mezzi telematici per la raccolta delle scommesse. I titolari delle agenzie italiane sono iscritti alla Camera di Commercio, quali proprietari di imprese per l avvio di un centro di trasmissione dati e sono autorizzati dal Ministero delle Poste e Comunicazioni alla trasmissione di dati. Il Tribunale di Ascoli Piceno, investito del riesame relativo ad un 75

6 decreto di sequestro preventivo di alcune agenzie Stanley, decideva di sottoporre alla Corte di Giustizia la seguente questione pregiudiziale: se vi sia incompatibilità, con conseguenti effetti nell ordinamento giuridico interno, tra gli artt. 43 e segg. e 49 e segg. del Trattato CE in materia di libertà di stabilimento e di libertà di prestazione dei servizi trasfrontalieri, da un canto, e, d altro canto, una normativa nazionale quale quella italiana di cui agli artt. 4 comma primo e segg., 4 bis e 4 ter della legge 401/89 (come modificata dalla legge 388/00) contenente divieti penalmente sanzionati di svolgimento delle attività, da chiunque e ovunque effettuate, di raccolta, accettazione, prenotazione e trasmissione di proposte di scommessa, in par - ticolare su eventi sportivi, in assenza di presupposti concessori e autorizza - tori prescritti dal diritto interno. 4. Contesto normativo nazionale e comunitario Ai sensi dell art. 88 del regio decreto 773/31 (Testo unico leggi di Pubblica Sicurezza) 1 3, non può essere concessa licenza per l esercizio di scommesse, salvo alcune eccezioni, quando l esercizio delle scommesse costituisce una condizione necessaria per l utile svolgimento della gara. Ai sensi dell art. 37 Legge Finanziaria 388/00 14, la licenza di esercizio delle scommesse è accordata solo ai concessionari o autorizzati da un ministero o altro ente al quale la legge riserva la facoltà di organizzare o accettare scommesse. Le scommesse possono riguardare tanto il risultato di eventi sportivi posti sotto il controllo del CONI, quanto il risultato delle corse di cavalli organizzate tramite l UNIRE. L art. 4 (che persegue l esercizio abusivo dell organizzazione di scommesse che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario, nonché chi organizza scommesse su attività sportive gestite dal CONI o dall UNIRE, chi ne fa pubblicità o partecipa all attività di scommessa), l art 4 bis (che persegue chiunque, privo di concessione, autorizzazione o licenza ai sensi dell art. 88 TUPS, svolge in Italia qualsiasi attività organizzata al fine di raccogliere scommesse anche per via telefonica o 13 In GURI del n In GURI del supplemento ordinario. 76

7 telematica) e l art. 4 ter (che persegue chiunque effettui la raccolta di scommesse per via telefonica o telematica ove sprovvisto di apposita autorizzazione all uso di tali mezzi) della legge 401/ come mod i f i c a t a dalla legge 388/00 completano il quadro normativo nazionale. L articolo 43 Trattato CE (che prevede il divieto delle restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini di uno Stato membro nel territorio di un altro Stato membro, divieto esteso alle restrizioni relative all apertura di agenzie, succursali e filiali, e prevede l accesso alle attività non salariate ed al loro esercizio, nonché la costituzione e la gestione di imprese alle condi - zioni definite dalla legislazione del paese di stabilimento nei confronti dei pro - pri cittadini), l articolo 48 (che prevede per le società costituite conforme - mente alla legislazione di uno Stato membro ed aventi la sede sociale, l am - ministrazione centrale o il centro di attività principale all interno della Comunità, l equiparazione alle persone fisiche aventi cittadinanza degli Stati membri), l articolo 46 (che prevede l impregiudicata applicabilità delle disposizioni giustificate da motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza e sanità pubblica o instauranti un regime particolare per i cittadini stranieri), l articolo 49 (che vieta le restrizioni alla libera prestazione dei servizi all in - terno della Comunità, nei confronti dei cittadini stabiliti in un paese della Comunità che non sia quello destinatario della prestazione) costituiscono il quadro normativo comunitario in materia. 5. La pronuncia della Corte emessa il 6 novembre 2003 La Corte di Giustizia, pronunciandosi sulla questione sottopostale dal Tribunale di Ascoli Piceno, dichiara: una normativa nazionale contenente divieti penalmente sanzionati di svolgere attività di raccolta, accettazione, prenotazione e trasmissione di proposte di scommessa, relative, in particolare, a eventi sportivi, in assenza di concessione o autorizzazione rilasciata dallo Stato membro interessato, costituisce una restrizione alla libertà di stabilimento ed alla libera prestazione dei servizi, previste rispettivamente agli artt. 43 CE e In GURI del n

8 CE. Spetta al giudice del rinvio verificare se tale normativa, alla luce delle sue concrete modalità di applicazione, risponda realmente ad obiettivi tali da giustificarla e se le restrizioni che essa impone non risultino sproporzionate rispetto a tali obiettivi 16. La Corte osserva nella motivazione che la normativa italiana sulle scommesse, ed in particolare l art. 4 l. 401/89, costituisce una restrizione alla libertà di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi, e che tale restrizione può essere ammessa solo a titolo di misure derogatorie previste dagli artt. 45 e 46 CE, ovvero se giustificata da motivi imperativi di interesse generale. Richiamandosi alla propria giurisprudenza ed alle osservazioni presentate in giudizio dagli Stati membri, ricorda che non possono considerarsi tali la riduzione delle entrate fiscali 17, le considerazioni di ordine morale, religioso, culturale, nonché le conseguenze dannose per l individuo o la società collegate alle s c o m m e s s e 18. In ogni caso per risultare giustificate, le restrizioni debbono presentare i requisiti previsti dalla giurisprudenza della Corte: devono essere basate su motivi di interesse generale, devono essere idonee a garantire il conseguimento dello scopo perseguito ed in terzo luogo non andare oltre quanto necessario per il raggiungimento dell obiettivo. Comunque devono essere applicate in modo non discriminatorio. Nelle sentenze già emesse in materia di attività di giuoco 1 9, la Corte ricorda di aver considerato giustificabili le esigenze di tutela del consumatore e la prevenzione della frode, in quanto fondate anche sulla necessità di prevenire turbative all ordine sociale, purché le attività di scommessa fossero limitate in modo coerente e sistematico. Non esita a rilevare, tuttavia, che l autorità italiana persegue una politica di forte espansione del gioco, allo scopo di raccogliere fondi (come attestano i lavori preparatori della legge 388/00) e che quindi il giudice di rinvio deve valutare se la sanzione penale di cui agli articoli richiamati sia spro- 16 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-243/01, Gabelli. 17 Corte di Giustizia, sentenza , causa C-264/96, ICI, Racc. pag. I-4695, punto Corte di Giustizia, sentenza , causa C-67/98, Zenatti, Racc. pag. I-7289; sentenza , causa C-275/92 Schindler, Racc. pag. I-1039; sentenza , causa C-1124/97, Laara, Racc. pag. I V. sentenze Zenatti, Schindler e Laara, menzionate. 78

9 p o rzionata, visto che lo stesso Stato italiano incoraggia al gioco e alle scommesse, laddove organizzate dal CONI o da altri enti autorizzati. Un attenta lettura della sentenza, in effetti, attenua le clamorose reazioni degli operatori Stanley. Da una parte, nell immediato la sentenza emessa in Lussemburgo non cambia la sostanza della legislazione italiana, che per essere modificata necessita di un intervento parlamentare o governativo di modifica, anche se è vero che i vari magistrati italiani, chiamati in causa in occasione dei sequestri sulle agenzie Stanley, acquistano la facoltà di rifarsi al dettato della Corte e di disapplicare la legge italiana. Tuttavia, in molti 2 0 hanno ribadito che la Corte di Giustizia non si è allontanata dai precedenti giurisprudenziali (ad es. la sentenza Zenatti rispetto alla quale ha coinvolto innovativamente anche la libertà di stabilimento ex art. 43 CE), garantendo l esistenza ed il mantenimento di norme nazionali restrittive. A ben vedere, lo Stato italiano non limita le occasioni di gioco ma incanala il desiderio di giocare nei circuiti controllati, previo controllo dei requisiti previsti dal TUPS e rilascio di autorizzazione da parte dell autorità di PS. 6. La sentenza del emessa dalle Sezioni Unite di Cassazione Le Sezioni Unite penali della Cassazione, intervenute in sede di ricorso contro l annullamento del sequestro preventivo di un agenzia Stanley emesso dal Tribunale del riesame di Frosinone, ritengono che la esigenza di prevenzione della criminalità e la tutela dell ordine pubblico possono giustificare una restrizione dei principi comunitari. Il diritto comunitario, infatti, salvaguarda il potere di ricorrere alla sanzione penale per r a f f o rzare precetti imposti o consentiti dallo stesso diritto. Il richiamo, da parte del difensore della Stanley, alla decisione della Corte di Giustizia Gabelli e l asserita mancanza nella normativa italiana di obiettivi tali da giustificare le restrizioni imposte alle attività di raccolta di scommesse, ha indotto la Corte di Cassazione ad assegnare il 20 V. Convegno i nuovi orientamenti della UE in materia di gioco pubblico, intervento dell Avv.to dello Stato Maurizio Greco, in Forum PA

10 ricorso alle Sezioni Unite. Infatti, la sezione assegnataria ravvisava accenti di novità nella citata decisione Gabelli, rispetto alle precedenti sentenze della Corte di Giustizia Europea, in base alle quali la Corte di Cassazione aveva costantemente ritenuto la compatibilità della legislazione italiana rispetto ai principi tutelati nel diritto comunitario. La decisione in esame ha rilevato elementi di novità in alcuni passaggi argomentativi della motivazione della sentenza Gabelli, in modo particolare laddove prende in esame alcuni motivi di restrizione di cui il giudice nazionale deve valutare la portata giustificativa. Come si è visto, la Corte di Giustizia esclude le finalità fiscali o l esigenza di finanziare attività sociali con i proventi delle scommesse, al contrario ritiene valide le esigenze di carattere sociale o criminale, quali la tutela del consumatore, la prevenzione della frode, il contenimento della propensione al gioco, ma solo se idonee allo scopo e perseguite in modo coerente e sistematico. Ma le Sezioni Unite ritengono che l argomentazione più suggestiva sia fornita dalla Corte di Giustizia laddove sottolinea che lo Stato italiano persegue una politica di forte espansione al gioco per raccogliere fondi e che pertanto non può invocare l ordine pubblico e sociale con riguardo alle necessità di ridurre le occasioni di gioco al fine di giustificare le proprie norme restrittive. E invero, ammettono le Sezioni Unite, non si può negare che l Italia abbia perseguito una politica chiaramente espansiva in questo settore, per incrementare il gettito fiscale. Tuttavia, questa politica espansiva, se pur contraddice lo scopo sociale di limitare la ludopatia, è conforme all obiettivo di evitare le infiltrazioni criminali: non è cioè incompatibile con i motivi di ordine pubblico e di pubblica sicurezza previsti dallo stesso Trattato CE. L ultimo elemento di innovazione evidenziato dalla Gabelli consiste secondo la sentenza della Cassazione nell invito ad effettuare un esame delle sanzioni penali in materia di scommesse, esame relativo alla loro adeguatezza e proporzionalità rispetto allo scopo di tutela dell ordine pubblico. Le Sezioni Unite ritengono a tal proposito che il giudizio di congruità della sanzione penale debba essere lasciato alla discrezionalità politica del legislatore, essendo sottratto alla valutazione del giudice. Costui, quando sia chiamato a compiere questa valuta- 80

11 zione di congruità, non può comunque fare a meno di ricorrere alla sanzione penale per rafforzare precetti imposti o consentiti dallo stesso diritto comunitario, anche perché il bilanciamento degli interessi in gioco nella soggetta materia si presenta talmente delicato da giustificare il ricorso a strumenti più o meno intensi di deterrenza penale. 7. Conclusioni Solo l applicazione concreta della sentenza della Corte di Giustizia ci dirà quali saranno i progressi della materia. Bisognerà pertanto attendere le sentenze irrevocabili della magistratura, per sapere se nel caso concreto verranno raccolte le indicazioni delle Sezioni Unite o se verrà disapplicata la normativa italiana, con conseguente proscioglimento degli imputati 21. Attualmente possiamo limitarci a registrare le esultanze della Stanley, secondo cui la pronuncia della Corte di Giustizia ha pienamente ammesso la concorrenza on-line dell operatore straniero 22. Restano le perplessità derivanti dalla constatazione che tale concorrenza implicherebbe una ridistribuzione antisociale dei fondi raccolti tramite il gioco, dal momento che tali fondi tenderebbero a spostarsi da paesi in cui il complesso degli importi delle scom- 21 Per correttezza nei confronti del lettore, l Autore intende omettere l indicazione delle pronunce, di carattere ambivalente, dei giudici che hanno già esaminato la questione Stanley, sia perché nella maggior parte dei casi si tratta di provvedimenti relativi alle mere questioni cautelari (impugnazioni dei sequestri) o al solo rinvio a giudizio, sia perché al momento non è possibile formulare un giudizio di prevalenza di un orientamento giurisprudenziale rispetto ad un altro. Si è ritenuto preferibile, quindi, attendere che il quadro giurisprudenziale venga definito con delle sentenze irrevocabili e menzionare esclusivamente in nota alcune pronunce di cui i protagonisti della querelle hanno reso nota per sommi capi la motivazione. 22 Si registrano numerosi dibattiti sulle testate giornalistiche e via Internet in relazione alle sentenze menzionate. In replica ad un precedente commento che valutava la attività della Stanley come contraria alla legislazione vigente, Il Giornale del 24 agosto 2004 ha pubblicato una lettera dell Avv.to Daniela Agnello, legale della Stanley, in cui quest ultimo ribadisce la liceità dei centri trasmissione dati collegati con Stanley International Betting e fa presente quanto segue: Sia prima che dopo la sentenza delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, numerosi giudici si sono apertamente dissociati dalle relative conclusioni, hanno disapplicato la normativa italiana, escluso il reato, disposto il dissequestro e consentito l attività delle agenzie collegate con il bookmaker inglese. Il Tribunale di Catania, a titolo esemplifi - cativo, in data ha testualmente affermato che: con tutta evidenza devono ritenersi diretta - 81

12 messe è modesto, a paesi in cui tale importo è più considerevole e quindi l ammontare dei premi è più interessante 23. Esiste, infine, il pericolo che venga avviata una procedura di infrazione nei confronti dello Stato italiano, per violazione agli obblighi del Trattato CE in materia di stabilimento e di libera prestazione dei servizi. A tal proposito, per completezza, è necessario accennare che la Commissione delle Comunità Europee ha presentato un ricorso in tal senso. È indubbio che gli sviluppi futuri della situazione in esame, sotto molteplici aspetti, si riveleranno di particolare interesse e di notevole risonanza. mente efficaci le disposizioni del Trattato CE la cui applicazione è dunque obbligatoria per il giudi - ce, come per le amministrazioni statali. Nonostante il tenore della motivazione della richiamata pro - nuncia delle Sezioni Unite di Cassazione, questo Tribunale rimane tenuto ad accertare in concreto se la normativa italiana in materia di scommesse sia finalizzata realmente a tutelare l ordine pubblico e quindi a valutare la proporzionalità e l adeguatezza delle restrizioni rispetto agli scopi perseguiti ( ). Pertanto, una volta riconosciuta l incompatibilità della normativa italiana, ne consegue l obbligo per questo giudice di non applicazione sia della norma primaria, che di quella sanzionatoria, di cui all art. 4 bis L.401/89 (sotto questo profilo non condividendosi affatto l interpretazione operata dalla Suprema Corte nella sentenza da ultimo richiamata). Il provvedimento impugnato risulta emesso in difetto dei requisiti di legge e deve essere per ciò annullato. In risposta a queste parole, Il Giornale, nella persona del giornalista Filippo Grassia, precisa che alla luce della sentenza della Corte di Cassazione l atteggiamento della Stanley può definirsi contrario alla legislazione vigente e ricorda la decisione con la quale il il GIP presso il Tribunale di Roma disponeva il rinvio a giudizio di 62 imputati fra cui vari gestori Stanley per violazione dell art. 4 della legge 401/ È evidente l efficacia distorsiva di questo fenomeno che in alcuni Stati renderebbe necessario finanziare altrimenti l azione sociale pubblica, aumentando inevitabilmente le imposte. 82

COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E

COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E SCOMMESSE CON I PRINCIPI COMUNITARI Sommario: 1. Introduzione 2. Il quadro normativo italiano che regola l attività di raccolta delle scommesse

Dettagli

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE DELLO STATO E I RIFLESSI SUL LIBERO MERCATO Intervento dell'avvocato dello

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 03-06-2010 nel procedimento C-203/08 Art. 49 CE Restrizioni alla libera prestazione dei servizi Giochi d azzardo Esercizio del gioco d azzardo su Internet Normativa che riserva

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse

Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse Giovanni MIGLIORELLI Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse CONTRIBUTI E SAGGI Tutti sanno che la disciplina

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi Concessioni di servizio pubblico Rinnovo di 329 concessioni

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CAPITOLO VI L OSCURAMENTO. 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento

CAPITOLO VI L OSCURAMENTO. 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento CAPITOLO VI L OSCURAMENTO 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento Allo sviluppo del gioco on line si è affiancato il fenomeno dell offerta di gioco transfrontaliera da parte di operatori

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

GIUOCO E SCOMMESSE ON LINE: LA NORMATIVA ITALIANA CONTRASTA CON I PRINCIPI EUROPEI.. MA NON TROPPO!!

GIUOCO E SCOMMESSE ON LINE: LA NORMATIVA ITALIANA CONTRASTA CON I PRINCIPI EUROPEI.. MA NON TROPPO!! GIUOCO E SCOMMESSE ON LINE: LA NORMATIVA ITALIANA CONTRASTA CON I PRINCIPI EUROPEI.. MA NON TROPPO!! Nota critica alla sentenza n 11/04 del 26.04.04 resa dalle Sezioni Unite della Cassazione. * Sergio

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Sentenza 1 Le presenti domande di pronuncia pregiudiziale vertono sull interpretazione degli articoli 46 e 49 CE, divenuti

Dettagli

[Carlo Parodi Francesco Vigano'] DPC.IT

[Carlo Parodi Francesco Vigano'] DPC.IT Una (problematica) sentenza della Cassazione in tema di raccolta abusiva di scommesse e di rapporti tra diritto interno e diritto dell Unione europea Nota a Cass. pen., Sez. III, 16 maggio 2012 (ud. 8

Dettagli

MOTIVI DELLA DECISIONE

MOTIVI DELLA DECISIONE MOTIVI DELLA DECISIONE Con sentenza in data 8.3.2011 il Tribunale di Lecce sezione di Tricase riconosceva XXXXXX XXXXXXXX responsabile del reato di cui all art. 4, co. 1 e 4 bis, L. nr. 401/1989 e, con

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem).

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem). Roma, 3 maggio 2010 Agli Uffici Regionali e loro Sezioni distaccate Loro sedi Agli Uffici della Direzione per i giochi Sede Prot. n1325 /Strategie/UCA Al Responsabile per le attività normative, legali

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

Mio legale.it. Cassazione civile, sez. I, 27 settembre 2012, n. 16511. Svolgimento del processo

Mio legale.it. Cassazione civile, sez. I, 27 settembre 2012, n. 16511. Svolgimento del processo Sì alla delibazione di sentenza straniera di condanna al pagamento di un debito attinente al gioco d azzardo legalmente esercitato nel paese estero Cassazione civile, sez. I, 27 settembre 2012, n. 16511

Dettagli

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust a cura di: Dott.ssa Stefania Palumbo Pagina 1 La responsabilità oggettiva

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III PENALE Composta dagli IlI.mi Sigg.: Dott. Lupo Ernesto Dott. Teresi Alfredo Dott.a Squassoni Claudia Dott. Amoroso

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08 Omissis In fatto (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per la distribuzione, attraverso reti telematiche, del gioco del lotto

Dettagli

contro Questura di Taranto, Ministero dell'interno, rappresentati e difesi dall'avvocatura Distrettuale Stato, domiciliata in Lecce, via F.

contro Questura di Taranto, Ministero dell'interno, rappresentati e difesi dall'avvocatura Distrettuale Stato, domiciliata in Lecce, via F. N. 00358/2012 REG.PROV.COLL. N. 01874/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Prima ha pronunciato

Dettagli

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee Dipartimento di Economia e Diritto Sez. Diritto dell economia Facoltà di Economia Dottorato di ricerca in Diritto pubblico dell economia Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo Presidente avv. Maurizio Consoli e il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Le novità del periodo in materia doganale

Le novità del periodo in materia doganale Le novità del periodo in materia doganale Avv. Sara Armella, Armella & Associati, Milano e Genova www.studioarmella.com Nel corso degli ultimi mesi, la materia doganale è stata interessata da importanti

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14 Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011 61987J0186 SENTENZA DELLA CORTE DEL 2 FEBBRAIO 1989. - IAN WILLIAM COWAN CONTRO TRESOR PUBLIC. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DI PARIGI. - TURISTI IN QUANTO

Dettagli

CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-305/08, del 23 dicembre 2009, CoNISMA CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-357/06, del 18 dicembre 2007, Frigerio L.

CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-305/08, del 23 dicembre 2009, CoNISMA CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-357/06, del 18 dicembre 2007, Frigerio L. CAMBIA LA NOZIONE DI OPERATORE ECONOMICO: LA CORTE DI GIUSTIZIA CONFERMA LA PARTECIPAZIONE ALLE GARE PUBBLICHE DI UNIVERSITÀ, ENTI NO PROFIT, IMPRESE SOCIALI, FONDAZIONI ED ALTRE ORGANIZZAZIONI Nota del

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA N. 998/2010 S 28 Il Magistrato di Sorveglianza, letto il reclamo presentato ex art. 69 O.P. da G. V. n. il detenuto CR Opera in espiazione della

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

CASINO ON-LINE A cura di Dott. Francesco Cannizzaro

CASINO ON-LINE A cura di Dott. Francesco Cannizzaro CASINO ON-LINE A cura di Dott. Francesco Cannizzaro Indubbiamente il mezzo Internet, in tutte le sue forme, ha rivoluzionato la comunicazione transnazionale, dando la possibilità a tutti gli utenti, sia

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING Audizione del 23.09.2015 Commissioni riunite Giustizia e Lavoro Camera dei Deputati PREMESSA Transparency International Italia è la sede italiana dell organizzazione

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM

CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM Requisiti generali Per essere iscritti all Elenco Fornitori CTM è necessario essere in possesso dei requisiti di carattere generale previsti dagli artt.38

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito.

Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito. Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito. Si invita Codesto Istituto, a presentare la propria migliore

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Ossevatorio sulla Corte di cassazione

Ossevatorio sulla Corte di cassazione Ossevatorio sulla Corte di cassazione Sequestro preventivo La questione Sequestro preventivo - Sito web Ammissibilità Manifestazione del pensiero Libertà di stampa Testata giornalistica telematica registrata

Dettagli

1. Premessa. L assetto delle fonti nel diritto del lavoro.

1. Premessa. L assetto delle fonti nel diritto del lavoro. SEZIONE II LE FONTI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE E DELL UNIONE EUROPEA SOMMARIO: 1. Premessa. L assetto delle fonti nel diritto del lavoro. - 2. Il diritto internazionale. - 3. Il diritto dell Unione europea.

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2006/7902/GIOCHI/UD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse del bingo e

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Libera prestazione dei servizi Restrizioni Normativa tributaria Redditi costituiti da vincite da giochi d azzardo Differenza

Dettagli

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche.

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche. Sicurezza sul lavoro: posizione di garanzia del datore di lavoro ed elementi essenziali della delega di funzioni (Cass. pen. n. 41063/2012) Rinaldi Manuela Diritto.it Massima Il socio amministratore di

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista.

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. PROFESSIONE E PUBBLICITÀ PROFESSIONALE La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. Tuttavia: >>

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa

Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Le sentenze della Corte di Giustizia dell'unione Europea rilevanti in materia di asilo analizzate da Asilo in Europa Mohamed M'Bodj c. État belge C-542/13, 18 dicembre 2014 La sentenza trae origine dalla

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario @bollettinoadapt, 23 febbraio 2015 La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario di Giovanna Carosielli Tag: #distaccocomunitario #tariffeminimesalariali

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.6026/08 Reg.Dec. N. 7116 Reg.Ric. ANNO 2006 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole La Corte di Giustizia Europea ha dichiarato non punibile l utilizzatore finale che dimostra di non essere parte dell

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 Dott. Luca Poniz Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano Parma 19 febbraio 2007

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa Dopo la sentenza del TAR Lazio, che si è apertamente discostata

Dettagli

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO UFFICIALI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I Medici e il personale Tecnico addetto ai servizi

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 Fiscalità Direttiva 2003/49/CE Regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni effettuati tra società consociate

Dettagli

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto.

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Allegato 1/a Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Il sottoscritto........ nato a...prov. il...

Dettagli

Allo stato attuale, la semplice. Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante?

Allo stato attuale, la semplice. Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante? Normative a cura dell Avv. Giorgio Caramori g.caramori@clex.it Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante? Nel settore della fabbricazione e commercializzazione di macchine, così

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli