La fiscalità delle NewSlot: quadro europeo e ipotesi di modifica del modello di imposizione italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fiscalità delle NewSlot: quadro europeo e ipotesi di modifica del modello di imposizione italiano"

Transcript

1 La fiscalità delle NewSlot: quadro europeo e ipotesi di modifica del modello di imposizione italiano

2 Indice L INDUSTRIA DEL GIOCO IN ITALIA 3 La raccolta dei giochi: 309 miliardi di euro in otto anni 3 Il peso dell industria del gioco sull economia italiana 5 La rete di distribuzione: caratteristiche e performance economica 9 Il ruolo di primo piano delle NewSlot 12 IL QUADRO EUROPEO DELLA FISCALITÀ DEI GIOCHI PUBBLICI: FOCUS SU APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO 13 La normativa comunitaria 13 La normativa degli Stati membri: casi di studio 15 - Italia 15 Il quadro di riferimento 15 Il Prelievo erariale unico (PREU) sulle NewSlot 19 I nuovi comparti di gioco: on line e Vlt 23 - Spagna 25 Il quadro di riferimento 25 La fiscalità dei giochi pubblici e delle scommesse sportive 27 Ordinamento nazionale 29 Ordinamento delle Comunità Autonome 30 - Francia 31 Il quadro di riferimento 31 I giochi on line 33 La fiscalità dei giochi pubblici e delle scommesse sportive 35 - Inghilterra 37 Il quadro di riferimento 37 Cenni sulla causa principale della riforma 2001 della General betting duty 38 Elementi essenziali delle imposte inglesi sul gioco 39 Conclusioni 41 1

3 IPOTESI DI MODIFICA DELL ATTUALE MODELLO DI IMPOSIZIONE FISCALE SULLE NEWSLOT 43 Introduzione 43 Le ipotesi di modifica: descrizione ed implicazioni erariali 43 - Ipotesi A: aliquote d imposta a scaglioni sulla raccolta (art. 30-bis, comma 1, del Dl n.185 del 2008) 44 Descrizione 44 Implicazioni erariali 45 Sintesi 46 - Ipotesi B: nuove aliquote d imposta a scaglioni sulla raccolta (+10% raccolta - sconto 2 punti PREU) 47 Descrizione 47 Implicazioni erariali 47 Sintesi 49 - Ipotesi C: aliquota d imposta sulla raccolta unica e inferiore rispetto all aliquota media del 2009 (12,4%) 50 Descrizione 50 Implicazioni erariali 50 Sintesi 52 - Ipotesi D: quota fissa su ciascun apparecchio da intrattenimento 52 Descrizione 52 Implicazioni erariali 53 Sintesi 54 Quadro riassuntivo 55 Appendice statistica 58 - A.1 - Ipotesi A - anno di riferimento della raccolta A.2 - Ipotesi A - anno di riferimento della raccolta B.1 - Ipotesi B - anno di riferimento della raccolta B.2 - Ipotesi B - anno di riferimento della raccolta Note bibliografiche 62 2

4 L industria del gioco in Italia LA RACCOLTA DEI GIOCHI: 309 MILIARDI DI EURO IN OTTO ANNI Un primo indicatore significativo dell evoluzione del comparto dei giochi pubblici e delle scommesse sportive da settore marginale dell economia ad industria in grado di generare notevoli effetti economico-occupazionali sul sistema paese è la crescita costante registrata dalla raccolta complessiva e pro capite: - l intero comparto dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, che nel 2003 aveva generato una raccolta complessiva di 15,4 miliardi di euro, ha visto aumentare i volumi di raccolta ad un tasso medio annuo del 23% tra il 2003 e il 2009 (da 15,4 a 54,3 miliardi di euro) e del 13% nel 2010, raggiungendo la cifra record di 61,4 miliardi di euro (+296% rispetto al 2003); - contestualmente alla raccolta complessiva, è cresciuta sensibilmente anche la spesa pro capite dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, che nel 2003 era di 270 euro e che, con un tasso medio annuo del 20,9%, ha raggiunto i euro nel 2010; - la raccolta del primo trimestre del 2011 è stata pari a 18 miliardi di euro, con un incremento del 17,65% rispetto allo stesso periodo del 2010, quando i giochi incassarono 15,3 miliardi di euro. A guidare la classifica dei giochi più generosi ci sono sempre le new slot, che nei tre mesi hanno raccolto 7,7 miliardi di euro, seguite dalle Lotterie (soprattutto i Gratta e Vinci) con 2,7 miliardi e dalle Videolottery che hanno conquistato il terzo posto, con una raccolta di quasi 2,2 miliardi di euro. Gli apparecchi da intrattenimento, quindi, da soli, hanno incassato nel primo trimestre 9,9 miliardi di euro, il 55% dell intera raccolta del comparto giochi. - degli milioni di euro di entrate erariali totali relative al primo trimestre 2011, le entrate relative ai giochi (che includono varie imposte classificate sia come imposte dirette che come indirette) si legge nel bollettino del Ministero dell Economia sono risultate milioni di euro (+613 milioni di euro pari a +20,7%). Considerando solo le imposte indirette, il gettito delle attività da gioco (lotto, lotterie e delle altre attività di gioco) è di milioni di euro (+625 milioni di euro, pari a +22,2%). Hanno contribuito in maniera significativa «i proventi del lotto che hanno registrato milioni di euro (+547 milioni di euro, pari a +45,4%) e quelli degli apparecchi e congegni di gioco milioni di euro (+183 milioni di euro, pari a +22,2%)». 3

5 GRAFICO 1 Raccolta complessiva e pro capite dei giochi Anni Valori assoluti Raccolta (milioni di euro) Raccolta pro-capite Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Aams La ripartizione della raccolta per tipologia di giochi pubblici e scommesse sportive, rileva come la costante crescita di questo settore economico sia attribuibile ad un effetto di compensazione tra dinamiche di segmento di gioco notevolmente differenziate tra loro: - il comparto degli apparecchi da intrattenimento ha registrato la migliore performance del settore, con un incremento costante del volume di raccolta su base annua (32 miliardi di euro nel 2010, 7 volte superiore rispetto al 2004), cui ha corrisposto un incremento notevole dell incidenza di questo segmento di gioco sul totale della raccolta (dal 2,4% del 2003, al 52,1% del 2010). Trend positivo di raccolta anche per lotterie, trainate dai Gratta e vinci (da a 9,4 miliardi di euro), SuperEnalotto (da 2 a 3,5 miliardi di euro) e giochi a base sportiva (da 1,6 a 4,5 miliardi di euro); - la raccolta di altri segmenti di gioco risulta, viceversa, in tendenziale diminuzione. In particolare: la raccolta del lotto, che nel 2004 aveva registrato la cifra record di 11,6 miliardi di euro, è scesa a 5,2 miliardi di euro nel 2010 (con un incidenza dell 8,5% sulla raccolta complessiva, contro il 44,8% del 2003); la raccolta del Bingo, in crescita del 39,6% tra il 2003 e il 2006, ha registrato una flessione di circa 240 milioni di euro nel triennio successivo (con un incidenza del 2,8% sulla raccolta 2009, contro l 8,1% del 2003), per poi tornare ad aumentare nel 2010 (1,9 miliardi di euro di raccolta, 3,2% del totale) per effetto di una dimuzione della pressione fiscale. 4

6 GRAFICO 2 Raccolta dei giochi per tipologia Anni Valori percentuali ,1% 8,1% 2,4% 44,8% 3,2% 2,8% 52,1% 7,3% 10,5% 1,8% 13,3% 15,2% 5,7% 8,5% 5,1% Lotto Superenalotto Lotterie Giochi a base ippica Apparecchi da intrattenimento Giochi a base sportiva Bingo Giochi di abilità a distanza Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Aams. IL PESO DELL INDUSTRIA DEL GIOCO SULL ECONOMIA ITALIANA Un possibile parametro per valutare quale sia il peso dell industria dei giochi pubblici e delle scommesse sportive sull economia italiana è dato dal rapporto tra la raccolta complessiva generata ogni anno dai diversi comparti del settore e il Prodotto interno lordo, entrambi espressi in valori nominali. Come risulta dal grafico 3, tale rapporto è cresciuto costantemente nell arco temporale che va dal 2003 al 2010, con un incidenza della raccolta dei giochi pubblici e delle scommesse sportive sul Pil triplicata (dall 1,16% del 2003 al 3,86% del 2010). In particolare: - tra il 2003 e il 2008, Prodotto interno lordo e raccolta hanno entrambi registrato un incremento in valore nominale, ma il trend di crescita della raccolta è stato più che proporzionale rispetto all aumento del Pil (rispettivamente +207% e +17,4%), determinando un incremento del rapporto raccolta/pil di 1,8 punti percentuali; - l ulteriore incremento del rapporto raccolta/pil nel 2009 (dal 3% al 3,58%) è, viceversa, attribuibile ad una diminuzione in valore nominale del Pil ed un contestuale aumento della raccolta; 5

7 - nel 2010, la raccolta è aumentata più che proporzionalmente rispetto al Pil, determinando un ulteriore incremento del rapporto tra le due grandezze (dal 3,58% al 3,86%). GRAFICO 3 Incidenza della raccolta dei giochi pubblici e scommesse sportive sul Prodotto interno lordo Anni Valori percentuali 4% 3,58% 3,86% 3% 2% 1,78% 1,99% 2,37% 2,73% 3,03% 1,16% 1% 0% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Aams, Eurostat, Istat. Un secondo parametro identificativo del ruolo dell industria dei giochi pubblici e delle scommesse sportive in Italia, è rappresentato dal numero di imprese attive nei diversi comparti del settore. In particolare, i dati Unioncamere relativi al 2009 evidenziano la presenza sul territorio nazionale di imprese attive nel settore dei giochi pubblici e scommesse sportive, con particolare riferimento a: - attività riguardanti lotterie, scommesse e case da gioco (1.304 imprese attive, 47,3% del totale); - ricevitorie del Lotto, SuperEnalotto, Totocalcio, etc. (980 imprese attive, 35,5% del totale); - gestione di apparecchi da intrattenimento che consentono vincite in denaro (349 imprese attive, 12,7% del totale); - altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (125 imprese attive, 4,5% del totale). 6

8 GRAFICO 4 Numero imprese attive nel settore dei giochi pubblici e scommesse sportive Anno 2009 Valori percentuali Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco 12,7% 4,5% 47,3% Ricevitorie del Lotto, SuperEnalotto, Totocalcio etc. Gestione di apparecchi da intrattenimento Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse 35,5% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere. La distribuzione territoriale delle imprese attive nel settore dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, evidenzia una maggiore concentrazione nel Sud (1.342 unità d impresa, 48,7% del totale), rispetto al Centro (608 unità d impresa, 22% del totale) e, soprattutto, al Nord-Ovest e Nord-Est (rispettivamente 17,9% e 11,4% del totale delle imprese attive). A livello regionale, il primato spetta alla Campania, al Lazio e alla Lombardia (rispettivamente 558, 328 e 303), mentre la provincia con il più alto numero di imprese attive è Napoli (350 unità d impresa, 12,7% del totale), seguita da Roma, Bari, Milano e Palermo. 7

9 GRAFICO 5 Distribuzione territoriale delle imprese attive nel settore dei giochi pubblici e scommesse sportive Anno 2009 Valori assoluti e percentuali Nord-Est Nord-Est Nord-Ovest Nord-Ovest Centro Centro Sud Sud ,4% 17,9% Sud Sud 48,7% 48,7% Centro Nord-Ovest Nord-Est 22,0% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere. Regione Imprese Campania 558 Lazio 328 Lombardia 303 Puglia 267 Sicilia 261 Toscana 187 Emilia Romagna 122 Veneto 119 Piemonte 108 Calabria 99 Liguria 80 Abruzzo 79 Marche 66 Friuli Venezia Giulia 53 Sardegna 40 Basilicata 29 Umbria 27 Trentino Alto Adige 20 Molise 9 Valle d'aosta 3 Totale Rispetto al contesto imprenditoriale generale, le imprese attive nei diversi settori sopra menzionati si caratterizzano, anzitutto, per un maggiore contributo delle società di capitali (31,2% del totale, contro il 17,1% registrato con riferimento al numero complessivo di imprese attive in Italia) e un contestuale minore contributo delle ditte individuali (51,1% del totale, contro il 63,2% registrato con riferimento al numero complessivo di imprese attive in Italia) e società di persone (16,6% del totale contro il 17,4% registrato con riferimento al numero complessivo di imprese attive in Italia). Ulteriori elementi specifici del settore rispetto al contesto imprenditoriale generale riguardano le dinamiche tra imprese iscritte e cessate nel 2009 e nel primo trimestre 2010, per le quali risulta: - un saldo positivo nel 2009 (263 imprese iscritte contro 233 cessate), in un contesto generale che ha registrato, viceversa, un salto negativo ( imprese iscritte contro imprese cessate); - una conferma del trend di crescita del numero di imprese attive nella gestione di apparecchi da intrattenimento o attività connesse a lotto, lotterie, scommesse, etc. nel primo trimestre 2010 (2.815, +2% rispetto a fine 2009), contro una riduzione del numero complessivo di imprese italiane dello 0,6%. 8

10 GRAFICO 6 Ripartizione delle imprese attive nel settore dei giochi pubblici e scommesse sportive per forma giuridica Anno 2009 Valori percentuali 51,1% 1,1% 31,2% Società di capitali Società di persone Ditte individuali Altre forme 16,6% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere. LA RETE DI DISTRIBUZIONE: CARATTERISTICHE E PERFORMANCE ECONOMICA Contestualmente alla raccolta e al numero di imprese attive, l industria dei giochi pubblici e delle scommesse sportive ha registrato il costante sviluppo della rete commerciale di vendita dei singoli prodotti di gioco, che attualmente può contare su: - oltre punti vendita Lottomatica, il 72% dei quali è anche in grado di offrire servizi diversi dalla raccolta delle giocate quali, ad esempio, servizi di ricarica di telefonia mobile e fissa, pagamento del bollo auto ed alcuni servizi Inps; - oltre punti di raccolta scommesse Snai; punti raccolta Sisal, composti essenzialmente da edicole, bar e rivendite di tabacchi, nei quali oltre alle scommesse possono essere effettuate, a titolo di esempio, operazioni di pagamento di vario genere, acquisto di biglietti e trasferimento di denaro; - circa 220 sale Bingo; - 4 casinò; - 44 ippodromi; - circa NewSlot attive in oltre punti vendita (bar, alberghi, sale giochi, etc.). Come accennato poc anzi, va ricordato come insieme ai punti di raccolta delle scommesse si sia sviluppata una rete, ad oggi composta di diverse decine di migliaia di punti vendita, che offre ulteriori servizi non strettamente inerenti il 9

11 gioco, quali il pagamento di bollette, multe e tributi, servizi finanziari di money transfer, spedizioni, ticketing per il trasporto ferroviario, etc. Questa diversificazione dell offerta è in grado di generare un insieme di benefici economici/sociali, in quanto: - consente agli esercenti e ai gestori del servizio di soddisfare la domanda di un numero di clienti ragionevolmente maggiore di quello dei clienti giocatori, riducendo il rischio che il proprio bacino di utenza risulti essere insufficiente rispetto alle aspettative di recupero dei costi sostenuti per l acquisto e la gestione dei terminali di gioco; - favorisce l assunzione di personale addetto ai diversi strumenti di raccolta o la stabilizzazione di rapporti di lavoro altrimenti precari, in quanto l esercente può ragionevolmente attendersi di dover servire un numero di clienti maggiore di quello che accoglierebbe offrendo solo il servizio di raccolta delle scommesse. I dati inerenti le caratteristiche strutturali/occupazionali e le performance dei gestori di apparecchi da intrattenimento che consentono vincite in denaro (desunti dagli studi di settore realizzati dal Sose nel 2006 e nel 2009 sulle imprese che operano nella gestione di apparecchi da gioco, sale giochi e biliardi), mostrano anch essi segnali di sviluppo della rete commerciale di vendita dei singoli prodotti di gioco, in particolare per quel che attiene gli apparecchi da intrattenimento che prevedono vincite in denaro: - numero medio apparecchi di cui all art.110, comma 6, Tulps. Tra il 2006 e il 2009 il numero medio di apparecchi da intrattenimento con vincite in denaro installati presso gli esercizi pubblici risulta in costante crescita, in particolare nel caso di aziende di grandi dimensioni che gestiscono apparecchi presso terzi (media apparecchi da 163 a 263, +61%) e altri gestori presso terzi (media apparecchi da 32 a 46, +43%); - numero medio addetti. Le aziende di grandi dimensioni che gestiscono apparecchi presso terzi occupano un più alto numero medio di addetti, anch esso in crescita (6 nel 2006, 9 nel 2009), mentre gli altri gestori presso terzi e i gestori presso esercizi propri occupano mediamente 2 addetti; - superficie media (magazzini, uffici, depositi). Nel 2006, le aziende di grandi dimensioni che gestivano apparecchi presso terzi disponevano mediamente di 400 mq tra magazzini e uffici, contro gli 80 mq degli altri gestori presso terzi e i 170 mq dei gestori presso esercizi propri. Nel 2009, la superficie media delle aziende di grandi dimensioni è cresciuta del 60% rispetto al 2006 (da 400 a 641 mq) e quella degli altri gestori presso terzi del 15% (da 80 a 92 mq); 10

12 - % ricavi da apparecchi di cui all art.110, comma 6, Tulps. Nel 2009, il contributo economico degli apparecchi con vincite in denaro, in termini di incidenza media sui ricavi complessivi delle aziende del settore, è compreso tra il 48% riscontrato nelle sale giochi (51% nel 2006) e l 81% degli altri gestori presso terzi (76% nel 2006), valore quest ultimo di poco superiore a quello delle aziende di grandi dimensioni che gestiscono apparecchi da intrattenimento con vincite in denaro presso terzi (77% dei ricavi, in linea con il 2006). TABELLA 1 Caratteristiche e performance dei gestori di apparecchi da intrattenimento (art.110, comma 6, Tulps) Anni Valori assoluti Tipologia Media apparecchi Gestori di grandi dimensioni presso terzi Altri gestori presso terzi Gestori presso esercizi propri 6 8 Sale giochi 6 7 Tipologia Addetti Gestori di grandi dimensioni presso terzi 6 9 Altri gestori presso terzi 2 2 Gestori presso esercizi propri 2 2 Sale giochi - - Tipologia Superficie (Magazzini/ Uffici/ Depositi) Gestori di grandi dimensioni presso terzi Altri gestori presso terzi Gestori presso esercizi propri Sale giochi Tipologia % ricavi da apparecchi Gestori di grandi dimensioni presso terzi 76,0 77,0 Altri gestori presso terzi 76,0 81,0 Gestori presso esercizi propri 87,0 62,0 Sale giochi 51,0 48,0 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Sose. 11

13 Lo sviluppo della rete di distribuzione dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, l incremento delle ricadute occupazionali dell intero settore e, nel caso specifico delle aziende di gestione delle NewSlot, del numero medio di apparecchi, delle dimensioni medie dei locali (ad uso magazzino, ufficio, deposito) e del numero di addetti, non sarebbero stati possibili senza gli investimenti che le imprese del settore hanno sostenuto negli ultimi anni in attività di ricerca e sviluppo, brevetti e software applicativi sempre più all avanguardia. IL RUOLO DI PRIMO PIANO DELLE NEWSLOT Il comparto dei giochi pubblici e delle scommesse sportive ha assunto e consolidato nel tempo le proprie dimensioni di industria di primaria importanza nel panorama economico italiano, con un incremento del 296% della raccolta negli ultimi otto anni, con un numero sempre maggiore di attori coinvolti (concessionari, imprese di distribuzione, gestori, etc.), di imprese (2.758 nel 2009) e addetti. In questo contesto, il comparto degli apparecchi da intrattenimento assume un ruolo di primo piano ed in costante crescita, in quanto: - è in grado di generare un volume di raccolta che, nel solo 2010, ha raggiunto i 30,7 miliardi di euro; - è una componente sempre più importante della rete di distribuzione dei giochi pubblici, con circa apparecchi da intrattenimento autorizzati (di cui attivi), la cui raccolta contribuisce in maniera significativa ai ricavi dei circa esercizi commerciali coinvolti (bar, alberghi, sale giochi); - ha fondato e fonda il proprio successo e le proprie prospettive di sviluppo nel medio/lungo termine, sull attenzione e sul costante impegno delle aziende del settore nel miglioramento tecnologico degli apparecchi, nel potenziamento della rete di distribuzione, nella ricerca e nello sviluppo di nuovi prodotti di gioco (in primis le videolotterie). Data la centralità nel panorama italiano dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, si è ritenuto opportuno focalizzare l attenzione sul comparto degli apparecchi da intrattenimento e, in particolare, sul sistema impositivo ad esso applicato, confrontando l attuale normativa italiana con quella dei principali paesi europei. 1 Dati al 1 maggio 2011-Fonte AAMS. 12

14 Il quadro europeo della fiscalità dei giochi pubblici: focus su apparecchi da intrattenimento LA NORMATIVA COMUNITARIA Il comparto dei giochi pubblici e le scommesse sportive è regolamentato in maniera profondamente diversa nei singoli Stati membri dell Unione europea, non essendo prevista, allo stato attuale, alcuna normativa che disciplini questo specifico settore a livello comunitario. Nella maggior parte dei paesi comunitari, è previsto un regime di riserva legale sul gioco: lo Stato riserva a se stesso l organizzazione dei giochi e in seguito rilascia una licenza per operare sul proprio territorio, assoggettata al rispetto di vari vincoli e norme che possono riguardare, ad esempio, la forma giuridica delle società interessate ad entrare nel settore oppure la non cumulabilità delle licenze. La ratio di una presenza dello Stato così pervasiva nel settore dipende dal fatto che l organizzazione dei giochi è un attività che assicura all erario un flusso di entrate finanziarie aggiuntive rispetto a quelle tributarie, e rappresenta sostanzialmente il motivo ultimo per i quali i giochi stessi vengono istituiti. L imposizione di un elevato grado di regolamentazione sul settore ha come conseguenza diretta l allontanamento da forme concorrenziali e l introduzione di un certo grado di potere monopolistico per gli operatori, dal momento che la previsione di un regime autorizzatorio si sostanzia in barriere di tipo amministrativo imposte al mercato, che impediscono l ingresso ai potenziali concorrenti. L assenza di una regolamentazione unica a livello comunitario ha comportato il manifestarsi e l accentuarsi di una eterogeneità significativa tra normative nazionali. Per questo motivo, il commissario per il Mercato Interno e i Servizi dell Unione europea, Michel Barnier, ha dato avvio nel 2010 ad una consultazione pubblica sul mercato del gioco online allo scopo di definire un quadro dei diversi modelli regolamentari nazionali all interno dell Ue. Ciò ha portato, nel marzo 2011, alla presentazione da parte della Commissione Europea del cosiddetto Libro Verde sul gioco d azzardo on-line nel mercato interno, per definire in modo unitario le regole del gioco telematico e le modalità di assegnazione delle licenze agli operatori a livello europeo. Tra gli altri obiettivi del Libro Verde: la definizione delle modalità con le quali gli Stati potranno concedere nuove licenze; l adozione di misure mirate alla salvaguardia dei 13

15 giocatori contro i pericoli della dipendenza; la tutela dei minorenni; la lotta alle frodi ed il contrasto dell impiego di fondi illeciti. Dal punto di vista fiscale, le differenze maggiori riguardano, anzitutto, la tipologia di prelievo effettuata sui singoli segmenti di gioco, che assume forme quali: quota percentuale sulla raccolta; quota percentuale sul margine operativo lordo (differenza tra raccolta e ammontare delle vincite corrisposte ai giocatori); tassa fissa annua o mensile (ad esempio sugli apparecchi da intrattenimento); combinazione tra una quota percentuale (sulla raccolta o sul margine operativo lordo) e una tassa fissa. Tale eterogeneità normativa rende difficile, se non impossibile, la piena applicazione, al settore dei giochi pubblici e delle scommesse sportive, dei princìpi di libera circolazione delle merci, imprese, persone e dei capitali previsti nei Trattati fondanti dell Unione europea. Sulla base di tali princìpi, nessuno Stato membro dell Unione può, infatti, impedire ad operatori provvisti di regolare autorizzazione nel proprio paese di origine, lo stabilimento di una attività o la libera prestazione di servizi, a meno che questa inibizione non sia giustificata da ragioni sociali meritevoli di particolare tutela. In sostanza si sancisce il divieto ad ogni tipo di limitazione al libero scambio di merci e servizi. A questo riguardo l articolo 43 del Trattato costitutivo della Unione europea afferma che: - le restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini di uno Stato membro nel territorio di un altro Stato membro vengono vietate; - tale divieto si estende altresì alle restrizioni relative all apertura di agenzie, succursali o filiali, da parte di cittadini di uno Stato membro sul territorio di un altro Stato membro. Nell articolo 49 dello stesso Trattato si precisa, inoltre che «( ) le restrizioni alla libera prestazione di servizi all interno della Comunità sono vietate nei confronti dei cittadini degli Stati membri stabiliti in un paese della Comunità che non sia quello del destinatario della prestazione ( )». L unico caso in cui la normativa comunitaria permette ad uno Stato membro di derogare ai princìpi sopra esposti, e quindi di limitare la libera circolazione di merci e cittadini e la libera prestazione di servizi, è per motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza e di sanità pubblica. In sostanza, le restrizioni alle libertà fondamentali sono ammesse solo se soddisfano un superiore obiettivo di interesse pubblico, che la Corte di Giustizia Europea ha definito come tutela dei consumatori, dei creditori, tutela dell ambiente, sicurezza, stabilità finanziaria del sistema sociale, protezione della salute. 14

16 A questo proposito si può citare l articolo 46 del Trattato, nel quale si precisa che «( ) le prescrizioni del presente capo e le misure adottate in virtù di queste ultime lasciano impregiudicata l applicabilità delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative che prevedano un regime particolare per i cittadini stranieri e che siano giustificate da motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza e di sanità pubblica ( )». LA NORMATIVA DEGLI STATI MEMBRI: CASI DI STUDIO ITALIA Il quadro di riferimento Nel precedente capitolo si è più volte sottolineato la centralità del settore degli apparecchi da intrattenimento nel più ampio panorama dei giochi pubblici e scommesse sportive italiano, in termini di volume di raccolta, numero di imprese coinvolte, investimenti sostenuti in beni strumentali e in immobilizzazioni e ricadute occupazionali. Contestualmente all evoluzione degli apparecchi da intrattenimento da comparto marginale a vera e propria industria del gioco, si sono moltiplicati gli interventi normativi, di carattere amministrativo e fiscale, per una più sistematica regolamentazione del settore (imposta sugli intrattenimenti, relativa imposta sul valore aggiunto). Dall anno 2004 sono, inoltre, attivi apparecchi che erogano vincite in denaro, che non sono soggetti a queste due imposte, ma seguono uno specifico trattamento. Il trattamento fiscale dell attività di gestione degli apparecchi da gioco è differenziato a seconda della tipologia di apparecchio, con o senza vincita di denaro. Gli apparecchi senza vincita in denaro possono essere installati nei luoghi pubblici o aperti al pubblico ovvero nei circoli o associazioni di qualunque specie, senza necessità di richiedere licenze al questore. Gli apparecchi con vincita in denaro possono essere installati in tutti gli esercizi assoggettati ad autorizzazione ai sensi degli articoli 86 e 88 del T.U.L.P.S., ovvero: - bar, caffè ed esercizi assimilabili, che hanno come attività prevalente la vendita al minuto e la somministrazione di cibi e bevande; - ristoranti, fast-food, osterie, trattorie ed esercizi assimilabili, che hanno come attività prevalente la somministrazione di pasti; 15

17 - stabilimenti balneari, che hanno come attività prevalente la messa a disposizione di servizi per la balneazione; - sale pubbliche da gioco, chiamate convenzionalmente sale giochi, ovvero locali allestiti specificamente per lo svolgimento del gioco lecito e dotati di apparecchi da divertimento ed intrattenimento automatici, semiautomatici o elettronici, oltre ad eventuali altri apparecchi meccanici quali, ad esempio, biliardi, biliardini, flipper o juke-box; - esercizi che raccolgono scommesse su incarico di concessionari di giochi, titolari di autorizzazione ai sensi dell articolo 88 del T.U.L.P.S.; - alberghi, locande ed esercizi assimilabili, che hanno come attività prevalente l offerta di ospitalità; - circoli privati, organizzazioni, associazioni ed enti collettivi assimilabili, di cui al Dpr 4 aprile 2001, n. 235, che svolgono attività sociali e ricreative riservate ai soli soci, purché in possesso della licenza per la somministrazione di cibi e bevande; - agenzie di raccolta delle scommesse ippiche e sportive ed altri esercizi titolari di autorizzazione ai sensi dell articolo 88 del T.U.L.P.S. Per gli apparecchi di puro intrattenimento cioè senza vincita di denaro l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato Aams ha stabilito linee guida per la verifica tecnica. Si tratta di indicazioni che sono fornite agli enti di verifica già convenzionati con l Amministrazione per l omologa delle NewSlot, sulla base delle quali si procede al rilascio del nulla osta di produzione. La norma, introdotta nel 2005, prevede che tali apparecchi possano essere immessi sul mercato solo se preventivamente autorizzati dall Aams e quindi dotati di certificazione rilasciata da Sogei. Tale disposizione si è rivelata essere di difficile applicazione e oltre modo onerosa. I tempi di verifica sono stati giudicati eccessivamente lunghi anche dalla Commissione Europea che, per questi e altri motivi, ha avviato una procedura di infrazione nei confronti dell Italia. Dopo una serie di confronti tra le autorità italiane e i funzionari della Commissione, è stato convenuto di affidare agli enti di verifica le operazioni di verifica tecnica per garantire la conformità degli apparecchi da gioco alla norma di riferimento. Con l adesione delle sei società (Applus, GLI, NMI CERTIN, QUINEL, SGS e SIQ) si potrebbe pensare ad una definitiva soluzione dei problemi e allo sblocco del mercato dell apparecchio di puro intrattenimento. Questa soluzione tecnica liberalizzerebbe un mercato che è stato bloccato per anni dalla conformità tecnica che era eseguita esclusivamente dalla Sogei e poi da queste sei società. 16

18 I videogiochi e gli apparecchi di puro intrattenimento, che per la normativa italiana dal 2003 sono esclusivamente apparecchi comma7 in quanto disciplinati dal comma 7 dell'art. 110 del T.U.L.P.S, sono circa in Italia e, sia per la generale crisi del settore sia per le norme ultrarestrittive introdotte dallo Stato italiano, sono apparecchi sempre più difficili da trovare nei pubblici esercizi anche se la legge prevede l obbligo della loro presenza laddove vengono installate le slot a vincita. Succede così che dei videogiochi da sala si parli sempre meno, e spesso per niente, preferendo concentrare l attenzione su offerte di gioco capaci di generare business da record. Cifre a molti zeri, come nel caso della raccolta di gioco delle slot, che non sono certo paragonabili al giro d affari dei giochi da intrattenimento ma che potrebbero presto servire a pagare una salata sanzione pecuniaria alla Commissione Europea se l Amministrazione dei Monopoli di Stato non sarà in grado di giustificare l introduzione di norme per la regolamentazione di questo mercato che hanno determinato l apertura di una procedura di infrazione contro il nostro Paese. Lo scopo di questa ricerca però riguarda gli apparecchi che erogano vincite in denaro, poiché il trattamento tributario risulta alquanto difforme rispetto agli altri paesi europei e tale da rendere il settore poco competitivo. L art. 110, comma 6 del T.U.L.P.S. e il decreto delle regole tecniche del 4 dicembre 2003, individuano una prima categoria di apparecchi con vincita in denaro, specificandone le caratteristiche: - gli elementi di abilità o di intrattenimento sono preponderanti rispetto all aleatorietà (non condizionati, quindi, solo dalla fortuna); - l attivazione del gioco avviene soltanto con l introduzione di moneta metallica del valore massimo di 50 centesimi di euro; - la durata media di una partita è di 7 secondi; - la distribuzione di vincite in denaro, ciascuna di valore non superiore a 50 euro, avviene subito dopo la conclusione della partita ed esclusivamente in monete metalliche; - la restituzione in forma di vincita, computata dall apparecchio su un ciclo complessivo di partite, non deve essere inferiore al 75 per cento delle somme giocate; - l uso di tali apparecchi è vietato ai minori di anni 18; - gli apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali. L art. 110, comma 6, lettera a) del T.U.L.P.S., unitamente al decreto 4 dicembre 2003, così come modificato dal decreto interdirettoriale 19 settembre 2006, definiscono la nuova categoria di apparecchi,che ha sostituito i comma 6,specificandone le caratteristiche. 17

19 In linea di massima, per tali apparecchi: - insieme con l elemento aleatorio sono presenti anche elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli tra quelle proposte dal gioco; - ciascun apparecchio di gioco può funzionare unicamente se collegato alla rete telematica di AAMS, si attiva con l introduzione di moneta nella divisa corrente (euro) e prevede un costo, per ciascuna partita, non superiore a 1 euro; - la durata della partita non può essere inferiore a 4 secondi; - la distribuzione di vincite in denaro, ciascuna di valore non superiore a 100,00 (cento) euro, avviene subito dopo la conclusione della partita esclusivamente in monete; - le vincite, computate dall apparecchio, in modo non predeterminabile, su un ciclo complessivo di non più di partite, non devono risultare inferiori al 75% delle somme giocate; - l uso di tali apparecchi è vietato ai minori di 18 anni; - gli apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali. Gli apparecchi che erogano vincite in denaro hanno le seguenti caratteristiche: sono collegati alla rete telematica dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e si attivano con l introduzione di moneta metallica o altri appositi strumenti di pagamento. L attività di gestione di questi apparecchi vede interessati in genere tre soggetti: - il concessionario, al quale l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato ha affidato la gestione della rete telematica per la raccolta di tutti i dati riferiti alle giocate svolte mediante gli apparecchi; è anche il soggetto al quale l Amministrazione stessa rilascia il nulla osta per la messa in esercizio degli apparecchi; - il gestore che corrisponde all impresa proprietaria degli apparecchi; - l esercente del locale presso il quale gli apparecchi sono stati collocati. Il gestore e l esercente possono collaborare con il concessionario, ma non assumono un ruolo indipendente nella gestione e nell esercizio del gioco. Questo significa che l Amministrazione dei Monopoli assegna il ruolo preminente ai concessionari. Infatti, anche se questi soggetti danno al gestore l incarico di svolgere tutte le operazioni relative alla gestione effettiva degli apparecchi, restano responsabili, nei confronti dell Amministrazione, del 18

20 corretto svolgimento di tutte le operazioni ed, in particolare, del versamento del Prelievo erariale unico (PREU). Il Prelievo erariale unico (PREU) sulle NewSlot Il Prelievo erariale unico (di seguito PREU) ha natura tributaria, in quanto «sostitutivo dell imposta sugli intrattenimenti, della quale, pur nella sua autonomia, ha mantenuto le caratteristiche essenziali (vedasi, in generale, per le caratteristiche dei tributi, le sentenze n. 73 del 2005, n. 37 del 1997, n. 11 del 1995, n. 2 del 1995, n. 63 del 1990, n. 26 del 1982)». (Sentenza del 19 ottobre 2006, n. 334 dalla Corte Costituzionale). In particolare, il PREU è assolto dai soggetti passivi di imposta, con riferimento a ciascun anno solare, mediante versamenti periodici relativi ai singoli periodi contabili e mediante un versamento annuale a saldo. L anno solare è suddiviso in sei periodi contabili e ogni periodo contabile è formato da due mesi solari. I mesi relativi a ciascuno dei sei periodi contabili sono: gennaio-febbraio; marzo-aprile; maggio-giugno; luglio-agosto; settembreottobre; novembre-dicembre. I concessionari assolvono il PREU, dovuto per ciascun periodo contabile, mediante quattro versamenti, da effettuarsi alle seguenti scadenze: - il primo versamento, entro il giorno 28 del primo mese del periodo contabile; - il secondo versamento, entro il giorno 13 del secondo mese del periodo contabile; - il terzo versamento, entro il giorno 28 del secondo mese del periodo contabile; - il quarto versamento, entro il giorno 22 del primo mese del periodo contabile successivo. Il quarto versamento del sesto periodo contabile è effettuato entro il giorno 22 gennaio dell anno solare successivo. Con riferimento a ciascun anno solare, i concessionari effettuano il versamento del PREU dovuto a titolo di saldo, entro il 16 marzo dell anno successivo. Il PREU è determinato applicando l aliquota d imposta alla base imponibile costituita, per ciascun apparecchio di gioco, dalle somme giocate. Un analisi delle entrate erariali dagli apparecchi da intrattenimento, dal 2003 al 2010, mostra un evoluzione dell imposizione fiscale in netta controtendenza rispetto al quadro generale dei giochi pubblici e delle scommesse sportive. In particolare, a fronte di un incremento della raccolta complessiva del 297%, le entrate erariali dal settore dei giochi pubblici e scommesse sportive 19

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18 Note Esplicative Di seguito vengono riportate brevi note esplicative sulle attività connesse all esercizio e all utilizzo degli apparecchi di cui al comma 6 lettera a), art. 110 T.U.L.P.S. Ai soli fini

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ELABORAZIONE DATI A CURA DEL CENTRO STUDI AUTOMAT INDICE DEL DOCUMENTO AUDIZIONE DR. MAGISTRO ALLA COMMISSIONE FINANZE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI...2 SCENARIO

Dettagli

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111 Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 21111 Il mese di Luglio ha visto in attività 3 ippodromi: 1 hanno ospitato corse al e 2 corse al. Le giornate disputate sono state in totale 18, rispettivamente

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 93 Operativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza.. Pubblica sicurezza e ordine pubblico

Dettagli

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18. Al Sindaco del Comune di OSTUNI APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.06.1931, N. 773 Denuncia

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Protocollo n 2011/30011/giochi/UD Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Dettagli

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia COMUNE DI BRESCIA Settore Statistica, audit, programmazione e controllo di gestione Servizio Statistica New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia Documentazione per la Commissione Consiliare Commercio,

Dettagli

PRESSO BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI - ESERCIZI COMMERCIALI

PRESSO BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI - ESERCIZI COMMERCIALI AL COMUNE DI ANDORNO MICCA SCIA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI ELETTRONICI DI CUI ALL ART. 110 T.U.L.P.S. O EFFETTUAZIONE DI GIOCHI LECITI E RICHIESTA

Dettagli

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI (da presentare in duplice copia: 1 originale per il Comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Scommesse e concorsi a pronostico

Scommesse e concorsi a pronostico Scommesse singole ippiche e sportive Scommesse e concorsi a pronostico La percentuale di probabilità di vincita si ricava dal rapporto tra il singolo esito e il numero di esiti possibili, ovvero: (Singolo

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 10 19.03.2014 Contabilità e fiscalità delle sale slot Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Anche quest anno è tornata puntuale la scadenza del 17.03

Dettagli

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 )

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Ente cui è attribuita la riserva Governance Esercizio Scelte politiche Art. 1 D.Lvo. 496 del 14/4/48 L'organizzazione e l'esercizio di giuochi di abilità e

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario...

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario... 1 DEFINIZIONI ECONOMICHE... 2 1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2 2 RIPARTIZIONE TRA I DIVERSI SOGGETTI DEL PRELIEVO / RACCOLTA

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO Approvato con deliberazione Consiglio Comunale del 27.11.2014 n. 64 INDICE

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

IL MERCATO DEL GIOCO IN ITALIA (elaborazioni AGICOS su dati Aams) The Italian Gaming Sect or (prepared by Agicos with data released by AAMS)

IL MERCATO DEL GIOCO IN ITALIA (elaborazioni AGICOS su dati Aams) The Italian Gaming Sect or (prepared by Agicos with data released by AAMS) IL MERCATO DEL GIOCO IN ITALIA (elaborazioni AGICOS su dati Aams) The Italian Gaming Sect or (prepared by Agicos with data released by AAMS) GIOCHI 2006 2007 2008 2009 2010 Var. % 10/09 Lotto 6.588 6.177

Dettagli

Fine del modello italiano dei giochi?

Fine del modello italiano dei giochi? Fine del modello italiano dei giochi? C O N V E G N O 1 8 N O V E M B R E 2 0 1 4 S A L A O R L A N D O, C O N F C O M M E R C I O P I A Z Z A G I U S E P P E G I O A C C H I N O B E L L I, 2, 0 0 1 5

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE UFFICIO SEGRETERIA - COMMERCIO VIA ROMA N. 46 33037 PASIAN DI PRATO - TEL. 0432/645953 FAX 0432/645918 E-MAIL: segreteria@comune.pasiandiprato.ud.it Ord. n.

Dettagli

Illegalità e gioco d azzardo

Illegalità e gioco d azzardo Gioco d azzardo: alla ricerca di possibili integrazioni tra servizio pubblico, privato sociale e territorio Illegalità e gioco d azzardo Arezzo, 11 maggio 2007 Tipologie di apparecchi o congegni Le tipologie

Dettagli

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Artt. 86 e 110 T.U.L.P.S.) CHIEDE

DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Artt. 86 e 110 T.U.L.P.S.) CHIEDE MODULISTICA MARCA DA BOLLO 16,00 P54 MD14 Rev. 1 del 11/09/07 ALL UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA COMANDO POLIZIA LOCALE PIAZZA 9 NOVEMBRE 1989 20090 SEGRATE (MI) DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Delegazioni Regionali > Campania La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Negli ultimi anni abbiamo assistito al susseguirsi

Dettagli

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPRACCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

Lo schema di Conto giudiziale riporterà le seguenti espressioni per le motivazioni indicate:

Lo schema di Conto giudiziale riporterà le seguenti espressioni per le motivazioni indicate: NOTA ILLUSTRATIVA PER LA COMPILAZIONE DEI CONTI GIUDIZIALI RELATIVI ALLA GESTIONE DEI SEGUENTI GIOCHI: - GIOCHI DI ABILITA A DISTANZA NONCHE DEI GIOCHI DI SORTE A QUOTA FISSA E DEI GIOCHI DI CARTE ORGANIZZATI

Dettagli

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1).

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). Determinazione dei criteri e parametri numerico quantitativi per l'installabilità di apparecchi di cui all'articolo 110, comma 6 del T.U.L.P.S. (2) (1) Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Approvato con Delibera di C.C. n. 46 del 08.08.2011 INDICE CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE FINANZIARIA 2005 Sommario: 1. - Premessa. - 2. Rideterminazione delle misure destinate al finanziamento dello sport. - 3. Modifiche alla disciplina

Dettagli

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Circolare N.93 del 22 Giugno 2011 Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

APPENDICI APPENDICI 67

APPENDICI APPENDICI 67 APPENDICI APPENDICI 67 RELAZIONE SUL CONTO CONSOLIDATO DI CASSA DELLE AA.PP. AL 30 GIUGNO 2015 68 APPENDICI Appendice A IL BILANCIO DELLO STATO CONSISTENZA, STRUTTURA E SMALTIMENTO DEI RESIDUI A.1 Situazione

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento in attuazione di quanto disposto

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani PROT. N. TERZO SETTORE SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Via Giovanni Falcone n. 134 76012 Canosa di Puglia (BT) Tel.. 0883/610309-610312

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 OTTOBRE 2009. ANALISI DEI DATI

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 OTTOBRE 2009. ANALISI DEI DATI Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato UFFICIO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 OTTOBRE 29. ANALISI DEI DATI Presentiamo in queste pagine

Dettagli

LE SCOMMESSE SPORTIVE A NOVEMBRE 2011. ANALISI DEI DATI.

LE SCOMMESSE SPORTIVE A NOVEMBRE 2011. ANALISI DEI DATI. Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i Giochi Ufficio15 Scommesse sportive ed ippiche a quota fissa e scommesse ippiche

Dettagli

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento: 22/09/2014 ALLEGATO B-16 SCIA Produzione/Importazione/Distribuzione/ Installazione giochi Sale giochi (Regio Decreto 18/06/1931, n. 773 - art. 86 e 110)

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali -

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali - 1 IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) 3.000.000 2.500.000 2.490.570 2.159.465 2.000.000 1.749.740 1.500.000 1.304.345 1.000.000 2007-2013 calo 47,7 % 500.000 0 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLE SCOMMESSE A TOTALIZZATORE SULLE CORSE DEI CAVALLI DENOMINATE VINCENTE NAZIONALE ED ACCOPPIATA NAZIONALE.

REGOLAMENTAZIONE DELLE SCOMMESSE A TOTALIZZATORE SULLE CORSE DEI CAVALLI DENOMINATE VINCENTE NAZIONALE ED ACCOPPIATA NAZIONALE. VISTO il decreto legislativo 14 aprile 1948, n. 496, e successive modificazioni ed integrazioni, concernente la disciplina delle attività di gioco; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica del

Dettagli

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ 1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO IL DIRITTO ALLO STUDIO I FINANZIAMENTI E IL PERSONALE DELLA RICERCA I DOCENTI E IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO L OFFERTA DIDATTICA

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA PROBABILITA DI VINCITA La probabilità di vincita è qui definita, gioco per gioco, in funzione delle singole specificità. Per i giochi

Dettagli

Indice. Introduzione pag. 11

Indice. Introduzione pag. 11 Indice Introduzione pag. 11 1 L offerta del gioco lecito in Italia» 15 1.1 Brevi cenni alla disciplina codicistica» 16 1.2 Brevi cenni al Codice penale: i giochi vietati» 20 1.3 L offerta del gioco lecito:

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI MOD. DIA1 DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI (art. 19, L. 241/1990; art. 86 110 T.U.L.P.S.). da presentare in 2 esemplari: ( 1 originale per il comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8 Sommario 1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale.... 8 Demografie delle imprese... 8 Le imprese artigiane in Sardegna... 9 La situazione economica e finanziaria delle imprese...

Dettagli

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 11 Aprile 2002 Circolare n. 76 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento

Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento tenimento APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 8 DEL 17/3/2011 E MODIFICATO CON DELIBERA- ZIONE C.C, N. 17 DEL 26/4/2012

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL COMUNE DI CAROVIGNO (BR) PROV. BRINDISI Settore Gestione del Territorio Urbanistica LL. PP. Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa Commercio AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 05 Modello WG6G 46..0 Agenti e rappresentanti di carburanti, gpl, gas in bombole e simili; lubrificanti 46..0 Agenti e rappresentanti di combustibili solidi 46..03 Agenti e rappresentanti di minerali,

Dettagli

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) 0 70..09 - Altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale 8.9.0 - Agenzie di informazioni commerciali 85.60.0 - Consulenza scolastica

Dettagli

iche nel mese di Luglio 2010

iche nel mese di Luglio 2010 Andamento dellle e scommesse e ippiche iche nel mese di Luglio 21 721 Approfondimenti statistici L andamento delle scommesse ippiche nel mese di luglio non sembra discostarsi rispetto al trend dei mesi

Dettagli

11 2010 Approfondimenti statistici

11 2010 Approfondimenti statistici 11 21 Approfondimenti statistici Andamento dellle e scommesse e ippiche iche nel mese di Novembre 21 Il movimento delle scommesse ippiche del mese di novembre 21 chiude registrando un decremento pari a

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014)

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) 25 giugno 2015 Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) Valori in Milioni di euro 90.000 RACCOLTA TUTTI I GIOCHI 90.000 RIPARTIZIONE RACCOLTA 80.000 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 Raccolta

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA N. 9 Del 29/01/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI CON VINCITA

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 03 Modello UG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli

UNICO 2014. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO 2014. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività 04 Modello VG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) 009 Modello TG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PRESSO BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI - ESERCIZI COMMERCIALI

PRESSO BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI - ESERCIZI COMMERCIALI Esente da bollo (Risoluzione Ministero Economia e Finanze n. 96/E del 27/06/2001) AL COMUNE DI ARIANO IRPINO SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER INSTALLAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5262 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELFINO, NARO Istituzione della Lega ippica italiana e disposizioni per la promozione del

Dettagli

UNICO 2015. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO 2015. Modello VG91U. ntrate. genzia. Studi di settore. Imprese. QUADRO A Personale addetto all attività 05 Modello VG9U 64.9.0 - Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi 66.9. - Promotori finanziari 66.9. - Agenti, mediatori e procacciatori in prodotti finanziari 66.9.40 - Attività di Bancoposta

Dettagli