Agricoltura Responsabile TM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agricoltura Responsabile TM"

Transcript

1 Protagonisti oggi dell Agricoltura di domani Agricoltura Responsabile TM IL RUOLO DI SYNGENTA Syngenta è impegnata attivamente nel promuovere un Agricoltura Responsabile TM, l approccio culturale volto a coniugare benefici economici, attenzione alla salvaguardia dell ambiente e responsabilità sociale in agricoltura. L Agricoltura Responsabile TM rappresenta per Syngenta il modo professionale di vivere l agricoltura attraverso progetti sviluppati sul territorio nazionale. L Agricoltura Responsabile TM abbraccia i tre business in cui Syngenta opera - sementi, agrofarmaci e insetti ausiliari - e si basa su tre principali aree di interesse: GESTIONE RESPONSABILE DEGLI AGROFARMACI AGRICOLTURA SOSTENIBILE RESPONSABILITÀ SOCIALE gestione responsabile degli agrofarmaci 1 Gestione e utilizzo sicuro, sostenibile, responsabile ed etico di un prodotto durante tutto il suo ciclo di vita, dalla sua scoperta fino al suo utilizzo e oltre. La gestione di un prodotto ha inizio ancor prima che esso venga immesso sul mercato. Per essere commercializzati, i prodotti necessitano dell autorizzazione rilasciata dalle Autorità competenti che prevede un approfondita valutazione del rischio, basata su criteri stabiliti da normative europee e nazionali. Questo a garanzia che gli usi autorizzati non comportino rischi e siano quindi sicuri per l uomo, gli animali e l ambiente. la gestione responsabile dei prodotti è parte fondamentale e intrinseca delle attività di syngenta. Per questo, sono state sviluppate attività specifiche in ogni fase di utilizzo del prodotto con indicazioni su trasporto, stoccaggio, tecniche di applicazione, fino allo smaltimento delle confezioni vuote. Per supportare gli agricoltori in un adeguata gestione quotidiana degli agrofarmaci Syngenta ha sviluppato una serie di strumenti: Trasporto in azienda Lavaggio attrezzature e smaltimento rifiuti/reflui Conservazione stoccaggio in luogo idoneo 1 GESTIONE RESPONSABILE DEGLI AGROFARMACI 6 Esecuzione del trattamento 2 5 Pianificazione del trattamento e preparazione della miscela 3 4 Trasferimento in campo agricoltura responsabile 1/6

2 Il Quaderno Agricoltura Responsabile Un manuale che riporta dieci regole d oro per un utilizzo sicuro, responsabile e sostenibile degli agrofarmaci. Per approfondire ---> > MEDIA > PUBBLICAZIONI 1 Gli agrofarmaci autorizzati sono sicuri per uomo, animali e ambiente 6 Preparare la miscela e riempire l irroratrice evitando sversamenti 2 Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di Sicurezza (SDS) 7 Eseguire il trattamento prestando attenzione a proteggere l ambiente 3 Indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) 8 Verificare la qualità della distribuzione 4 Movimentare l agrofarmaco con cautela e stoccarlo in luogo dedicato 9 Gestire adeguatamente le acque di lavaggio e la miscela residua 5 Pianificare il trattamento e verificare il buon funzionamento dell irroratrice 10 Smaltire correttamente i contenitori vuoti Linee Guida per un Uso Sostenibile dei prodotti fitosanitari Un manuale realizzato per fornire re raccomandazioni per l utilizzo responsabile, sicuro e sostenibile degli agrofarmaci attraverso la formazione e l aggiornamento delle diverse figure professionali. Le Linee guida sono il frutto di una stretta partnership tra syngenta, università cattolica del sacro cuore di piacenza, servizio Fitosanitario regionale dell Emilia romagna, centro di ricerca per l agricoltura sostenibile Opera e Horta e si inseriscono nel contesto della prossima applicazione della Direttiva 128/2009 sull uso sostenibile degli agrofarmaci, mirando ad agevolarne l implementazione. Lo strumento è composto da un manuale operativo, da una check-list e un software on-line. Il manuale operativo è articolato in 6 capitoli che corrispondono alle 6 fasi di vita di un agrofarmaco. 1 Acquisto e trasporto Con l acquisto, ogni responsabilità in ordine a trasporto, conservazione, utilizzo e manipolazione dei prodotti fitosanitari viene totalmente trasferita dal venditore all acquirente. Il trasporto dei prodotti fitosanitari dal rivenditore all azienda è il primo di una serie di processi durante i quali possono verificarsi rischi di contaminazione puntiforme e per questo motivo deve essere realizzato con cura e attenzione rispettando sia le normative vigenti che le buone pratiche di trasporto. Durante le operazioni di carico, trasporto e scarico devono essere prese quindi tutte le precauzioni per evitare perdite accidentali che possano contaminare il mezzo di trasporto e l ambiente. 2 stoccaggio In questa fase è necessario prevedere la corretta strutturazione e gestione del locale preposto alla conservazione degli agrofarmaci, così da prevenire eventuali contaminazioni dei corpi idrici e della rete fognaria e attuare tutte le misure di sicurezza per la protezione dell operatore e delle persone che lo circondano. 3 pianificazione trattamento e preparazione miscela Il trattamento deve essere pianificato esclusivamente in funzione delle effettive esigenze della coltivazione e prevedere diverse azioni preliminari quali il controllo dell irroratrice, la mappatura dei terreni, lo sviluppo di conoscenze nell ambito della difesa integrata e la realizzazione di strutture atte a prevenire la contaminazione dei corpi idrici. Ad ogni trattamento, che deve necessariamente rispettare i principi e i criteri della difesa integrata, occorre effettuare le necessarie verifiche e attuare tutte le precauzioni per impedire eventuali contaminazioni dell ambiente o delle persone. agricoltura responsabile 2/6

3 4 Trasferimento in campo Il trasferimento in campo dei prodotti fitosanitari rappresenta una fase delicata: esso deve essere fatto in assoluta sicurezza e devono essere prese tutte le precauzioni per evitare perdite durante il percorso. Ogni momento del trasporto del prodotto deve essere svolto con attenzione affinché non si verifichino fenomeni di contaminazione dovuti a perdite accidentali (gocciolamenti da raccordi, dal coperchio del serbatoio riempito eccessivamente, ecc.). 5 Esecuzione del trattamento Una buona distribuzione della miscela fitoiatrica mira a ottenere la massima efficacia biologica e la minima esposizione ai prodotti fitosanitari per l uomo e per l ambiente. Fondamentale è quindi il rispetto della sicurezza delle persone e dei centri abitati e la protezione delle risorse naturali attraverso misure strutturali e comportamentali e l impiego corretto dell irroratrice al fine di prevenire contaminazioni accidentali. 6 Operazioni successive al trattamento La fine di un trattamento va gestita in maniera razionale e sicura. Innanzitutto, occorre rendere minima la frazione di miscela rimasta a fine trattamento attraverso un ottima pianificazione e l adozione di comportamenti corretti. Successivamente deve essere gestita, ad esempio in strutture adeguate. Ogni tipo di residuo dei trattamenti (rimanenze, acque di lavaggio, prodotti scaduti, contenitori vuoti) deve essere correttamente gestito al fine di evitare danni alle persone, agli animali e all ambiente. Al termine dell esecuzione dei trattamenti occorre realizzare una serie di operazioni durante le quali è necessario porre particolare attenzione per evitare possibili contaminazioni: 1. Smaltimento della miscela rimasta 2. pulizia interna dell irroratrice 3. pulizia esterna dell irroratrice 4. ricovero dell irroratrice 5. smaltimento dei contenitori vuoti Per maggiori informazioni ---> Corsi di formazione certificati sull uso sostenibile degli agrofarmaci Syngenta considera fondamentale la formazione di tutti gli operatori professionali del settore agricoltori, tecnici e consulenti e per questo motivo organizza corsi di formazione volti a offrire strumenti pratici e operativi in grado di facilitare l operatore nelle attività quotidiane. Gli argomenti trattati nei corsi corrispondono a quelli richiesti dalla Direttiva sull Uso Sostenibile, tra cui: la normativa, la contraffazione, i metodi per salvaguardare l ambiente nonché la cura e l attenzione da riporre nei confronti della salute degli operatori stessi. L attività di formazione comprende una prima parte svolta in aula, caratterizzata da una spiccata interattività tra docente e partecipanti grazie all utilizzo di video e strumenti informatici innovativi e da una seconda parte, sul campo, che permette di affrontare aspetti più pratici come la taratura delle irroratrici e la verifica della qualità di distribuzione degli agrofarmaci sulla coltura. La struttura del corso prevede la verifica del livello di conoscenza dei partecipanti, la programmazione del corso in funzione delle esigenze dell aula e alcune verifiche post-corso. Questo processo garantisce la misurazione dell efficacia dei corsi Syngenta. Syngenta ha intrapreso, già dal 2008, un rigoroso processo di standardizzazione e sistematizzazione dell intero programma di formazione dedicato all uso sostenibile degli agrofarmaci ottenendone la validazione da parte di DNV Business Assurance, uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale. agricoltura responsabile 3/6

4 agricoltura SoStenibile L Agricoltura sostenibile consiste nella promozione di un agricoltura intensiva, produttiva e profittevole, rispettosa dell ambiente e attenta all uomo e alle esigenze delle comunità in cui si opera. Biodiversità, conservazione del suolo e salvaguardia dell acqua sono elementi indispensabili per un agricoltura sostenibile. La degradazione del valore delle risorse naturali oggi, ha dirette implicazioni sulla produttività agricola di domani e Syngenta è fortemente impegnata al fianco di agricoltori, produttori, autorità regionali, ASL, enti locali, con l obiettivo di salvaguardare queste risorse. Suolo Un suolo fertile è il requisito fondamentale per la crescita delle colture. Ogni anno una vasta superficie di suolo va persa a causa del fenomeno dell erosione, al centro dei target europei indicati nel VI Programma di Azione per l Ambiente. Syngenta ha investito a livello internazionale ingenti risorse in progetti in questo ambito e le attività locali vogliono valorizzarne i risultati ottenuti. Attraverso sperimentazioni in campo e formazione, vuole fornire gli strumenti più idonei per mantenere alta la fertilità dei suoli. 2 acqua L agricoltura non può esistere senza acqua. La produttività è strettamente vincolata alla disponibilità idrica eventualmente integrata dall irrigazione. La qualità delle acque è però suscettibile alla contaminazione. Le iniziative di Syngenta mirano a promuovere Buone pratiche Agricole per salvaguardare le Acque. Per approfondire: ---> BiOdivErsiTà La Convention on Biological Diversity definisce diversità biologica la variabilità tra gli organismi viventi terrestri, marini e di altri ecosistemi acquatici e la complessità ecologica della quale sono parte; questo include diversità all interno delle specie, tra le specie e gli ecosistemi. Gli obiettivi principali sono: la conservazione della diversità BiOlOgicA l uso sostenibile delle sue componenti la giusta Ed EQuA divisione dei BEnEFici dell utilizzo di QuEsTE risorse genetiche Nella Convenzione rientrano diversi programmi di intervento tra i quali alcuni sulla biodiversità in agricoltura. Syngenta promuove programmi pensati e realizzati per dimostrare che l agricoltura intensiva profittevole può coesistere con un ambiente vivo e ricco in termini di biodiversità. Progetto Operation Pollinator Operation pollinator, sviluppato a livello internazionale in 13 Paesi in Europa e negli Stati Uniti, ha l obiettivo di dimostrare che un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco in termini di biodiversità possono e devono coesistere. Il progetto nasce dal presupposto che gli insetti impollinatori sono cruciali per molti habitat naturali e per la produttività della maggioranza delle colture alimentari. Più dell 80% delle coltivazioni europee dipende direttamente da questi insetti per l impollinazione. Oggi però stiamo assistendo alla progressiva diminuzione degli impollinatori a causa della scomparsa dei loro habitat naturali. agricoltura responsabile 4/6

5 Il progetto si basa sulla gestione di aree aziendali poco produttive o marginali (come i bordi campo) seminate con essenze selezionate ricche in nettare e polline (es. erba medica, trifogli, lupinella, ecc.), che attirano e forniscono alimento agli insetti impollinatori, oltre ad essere un valido rifugio anche per piccoli mammiferi e uccelli. Operation Pollinator porta in sé un messaggio forte in grado di creare una percezione positiva dell agricoltura, dimostrando come le attività agricole possano coesistere con una gestione ambientale adeguata. I principali risultati ottenibili sono: incrementare significativamente le popolazioni di insetti impollinatori FAvOrirE lo sviluppo di FArFAllE E AlTri insetti migliorare la resa E la QuAliTà delle colture grazie A una migliore impollinazione creare HABiTAT per piccoli mammiferi E uccelli TErricOli garantire misure per proteggere suolo E AcQuE stabilire sistemi AgricOli EcOnOmicAmEnTE più sostenibili Per maggiori informazioni: ---> Tecniche di applicazione e qualità della distribuzione (Application technology) L efficacia di un agrofarmaco dipende dalla scelta appropriata del prodotto, dalla sua applicazione e dalla qualità del trattamento. La regolazione ottimale delle irroratrici aumenta la qualità del trattamento permettendo una corretta distribuzione degli agrofarmaci con conseguente riduzione del residuo da eliminare dalla botte, oltre che un risparmio economico e la salvaguardia dell ambiente. Con Application Technology si intende in generale, lo studio di tutte le tecniche e le tecnologie per la distribuzione degli agrofarmaci sulle colture, per conseguire un efficacia ottimale contro i parassiti riducendo l impatto ambientale dei trattamenti, migliorando così l efficacia e la sostenibilità complessiva delle pratiche fitoiatriche. Costituisce l anello di congiunzione tra la tecnologia ingegneristica delle macchine e degli strumenti di irrorazione, con la necessità della difesa delle colture. Tra i requisiti di base la corretta scelta dell attrezzatura, la sua calibratura, la funzionalità degli accessori di distribuzione (barre, ugelli, deflettori, ecc.) e la buona regolazione dei parametri applicativi (quantità d acqua, pressione, velocità, ecc.). Benefici apportati dall adozione di un opportuna Application Technology: miglioramento dell EFFicAciA difesa dell AmBiEnTE possibilità di una gestione modulata dei dosaggi degli AgrOFArmAci riduzione del residuo di soluzione da EliminArE maggiore sicurezza per gli OpErATOri L impegno di Syngenta per la qualità dell applicazione degli agrofarmaci si concretizza nel mondo con un team internazionale di persone dedicate allo studio e alla divulgazione delle migliori tecniche applicative. Il Team Syngenta Application Technology, oltre a vantare numerosi brevetti internazionali di ugelli e componentistica varia, si occupa in tutto il mondo di formazione e divulgazione a servizio degli agricoltori. Nel 2012, Syngenta ha ottenuto anche la certificazione del proprio processo di Application Technology da parte di Det Norske Veritas Business Assurance. Il processo garantisce, se seguito correttamente, che l agrofarmaco sia distribuito adeguatamente sulla coltura, minimizzando gli sprechi nell ambiente e limitando l esposizione degli operatori. Per approfondire: ---> > AGRICOLTURA RESPONSABILE > I NOSTRI PROGETTI agricoltura responsabile 5/6

6 RESPONSABILITà SOCIALE Syngenta aspira a favorire lo sviluppo e il benessere dei propri collaboratori e delle comunità in cui opera. Per esempio con: Fondazione Syngenta per l Agricoltura Sostenibile Costituita nel 2001 con l intento di sostenere lo sviluppo tecnologico attraverso la ricerca e la creazione di strutture che consentano agli agricoltori di incrementare le produzioni, oggi la fondazione aiuta a capitalizzare gli aumenti produttivi garantendo un miglior accesso al mercato e fornendo le conoscenze commerciali e finanziarie necessarie. Per maggiori informazioni: ---> 3 La didattica per le scuole Syngenta, in collaborazione con Agripoint, è da anni attiva nel settore dell educazione con progetti volti a promuovere l importante ruolo dell agricoltura. Il progetto Didattica in Fattoria offre alle scuole primarie la possibilità di svolgere attività didattiche attraverso la visita in aziende agricole/agrituristiche. A supporto delle attività didattiche Syngenta ha realizzato una collana di libri pensati per spiegare in modo semplice e divertente il mondo dell agricoltura. Ad oggi sono già disponibili: Alla scoperta dell orto, In viaggio con Ulisse - dal chicco al pane, La fragola e i suoi parenti, Gli impollinatori - l ape e i suoi amici. AGRICOLTURA RESPONSABILE 6/6

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola La sfida nel reparto ortofrutta Nel momento dell acquisto di ortofrutta, la scelta dei prodotti da parte del consumatore è fondamentale per creare fidelizzazione

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Cascina San Vittore in Canale Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Azienda agricola aderente al progetto Operation Pollinator Premessa La perdita

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Seminario Agenzie Regionali di Protezione dell Ambiente (ARPA-APPA) 3-5 ottobre 2012 Sala Conferenze ISPRA - Roma Agricoltura

Dettagli

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa La qualità di distribuzione degli agrofarmaci La qualità della distribuzione degli agrofarmaci sulle colture rappresenta un aspetto fondamentale per il conseguimento di un ottimale efficacia biologica

Dettagli

Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Torino, 19 Novembre 2012

Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Torino, 19 Novembre 2012 Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Torino, 19 Novembre 2012 Moderatore dei lavori pomeridiani Giacomo Michelatti Settore Fitosanitario Direzione Agricoltura della Regione Piemonte

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola I registri dell agricoltore Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola Agricoltura Responsabile TM Promuoviamo la sostenibilità in agricoltura 2 Decalogo dell uso sostenibile 3 I registri

Dettagli

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Articolo 1 Principi e quadro normativo di riferimento

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI (COME STABILITO DALL ARTICOLO 6 DEL D.LGS 14/08/2012, N. 150 RECANTE: ATTUAZIONE

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Linee tecniche di DIFESA INTEGRATA per l anno 2015 NORME GENERALI Le Linee Tecniche di difesa integrata predisposte dalla Provincia Autonoma di Trento e approvato dal Gruppo

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Elena Anselmetti Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio Le nuove norme nell ambito degli Agrofarmaci Biella, 2 febbraio 2016

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa. 1 Public Document

Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa. 1 Public Document Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa 1 Public Document Syngenta: unico gruppo interamente dedicato all Agricoltura Syngenta è uno dei principali attori dell'agro-industria mondiale, impegnata nello

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.)

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Inquadramento generale, Formazione ed Informazione REGIONE PIEMONTE SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE PIERO CORDOLA ODAF Alessandria

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari. Piacenza 22 novembre 2013

L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari. Piacenza 22 novembre 2013 L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari Piacenza 22 novembre 2013 Obiettivo La 128/2009/CE istituisce un quadro per realizzare un uso sostenibile dei PF per: assicurare

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Simply. Grow. Together.

Simply. Grow. Together. Simply. Grow. Together. Una storia, un viaggio di imprenditori creativi. Adama tra le società leader a livello internazionale nella fornitura di agrofarmaci. Stiamo progettando un nuovo futuro per la nostra

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura LIFE08 ENV/IT/00432 Paola Colla, M. Lodovica Gullino Centro di Competenza per l innovazione in campo agro-ambientale

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

PAR 2016 per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari approfondimenti. Beniamino Cavagna Crema 2 dicembre 2015

PAR 2016 per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari approfondimenti. Beniamino Cavagna Crema 2 dicembre 2015 PAR 2016 per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari approfondimenti Beniamino Cavagna Crema 2 dicembre 2015 Obiettivi PAN ridurre i rischi e gli impatti dei prodotti fitosanitari sulla salute umana,

Dettagli

DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo

DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo LINEE GUIDA PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI CONTROLLO FUNZIONALE E REGOLAZIONE DELLE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Il nuovo sito web. www.colturaecultura.it

Il nuovo sito web. www.colturaecultura.it Il nuovo sito web www.colturaecultura.it 2007 15 600 - - Nasce Coltura & Cultura 15 volumi pubblicati Oltre 600 autori coinvolti La comunicazione si evolve www.colturaecultura.it.anche Coltura & Cultura

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Decreto di attuazione della direttiva 128/2009

Decreto di attuazione della direttiva 128/2009 Gli inoculi di funghi micorrizici e la loro importanza per una agricoltura sostenibile Decreto di attuazione della direttiva 128/2009 Giovedì 31 Ottobre 2013 Rosarno (RC) Laura Critelli ARSAC Calabria

Dettagli

LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005

LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005 LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005 PER CIO CHE CONTA E Il Sistema Coop PRINCIPALI PARAMETRI ECONOMICO-STRUTTURALI 2003 2002 variazione % Cooperative 175 178-1,7% PdV 1.280 1.265 + 1,2% Mq x 1000 1.320 1.230

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

Punti critici dell impiego dei prodotti fitosanitari in viticoltura: risultati di un indagine condotta nel Chianti

Punti critici dell impiego dei prodotti fitosanitari in viticoltura: risultati di un indagine condotta nel Chianti Punti critici dell impiego dei prodotti fitosanitari in viticoltura: risultati di un indagine condotta nel Chianti Dr.ssa Marina Carli ARPAT Dipartimento di Firenze - U.O. Agroecosistemi Servizio Fitosanitario

Dettagli

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais , doppia azione insetticida contro i parassiti del mais La soluzione di Syngenta per il controllo della piralide del mais Doppia efficacia insetticida è un prodotto insetticida con rapida efficacia e lunga

Dettagli

LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE

LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE (2009/127/CE E 2009/128/CE): I CONTENUTI, I COMPITI E I VANTAGGI PER L UTILIZZATORE L DELLA MACCHINE IRRORATRICI Quaderno n 1 n Novembre 2012 A cura di Paolo Balsari, Gianluca

Dettagli

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale;

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale; COS È BIO? Sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti

Dettagli

LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it

LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it COME SI STA EVOLVENDO IL QUADRO NORMATIVO NEL SETTORE DELLE MACCHINE PER

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

Alto livello igienico

Alto livello igienico La separazione fra aree che necessitano livelli igienici diversi viene definita zoning. Lo studio del zoning diventa molto importante nella prevenzione contro l entrata di potenziali contaminanti in specifiche

Dettagli

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento 11 dicembre 2015 GERARDO CARICATO Responsabile Registrazioni SOMMARIO Panoramica sulle normative in vigore CLP: cosa è cambiato nelle nostre

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

REGIONE MARCHE LA DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI ALLA LUCE DELLE RECENTI NORMATIVE

REGIONE MARCHE LA DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI ALLA LUCE DELLE RECENTI NORMATIVE REGIONE MARCHE LA DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI ALLA LUCE DELLE RECENTI NORMATIVE Controllo funzionale e Taratura delle Macchine irroratrici Servizio Ambiente e Agricoltura Dr. Angelo Zannotti

Dettagli

Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli

Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli Ing. Zoe GODOSI Prof. Pietro picuno OBIETTIVI Analisi e Valorizzazione dei flussi di rifiuti plastici agricoli, con particolare attenzione

Dettagli

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Dr. Giuseppe CACOPARDI MIPAAF Direzione Generale Sviluppo Rurale PRIORITÀ DELL UNIONE IN MATERIA

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager

La corretta applicazione degli agrofarmaci. Massimiliano Mochetti Stewardship Manager La corretta applicazione degli agrofarmaci Massimiliano Mochetti Stewardship Manager Iniziative Stewardship Servizi per l impiego sicuro e sostenibile degli agrofarmaci Smartline il nuovo packaging pratico

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE VENETO AGRICOLTURA E L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE Attraverso l attività dei propri Centri Sperimentali ed Aziende Pilota, promuove la ricerca applicata alle produzioni agro-alimentari studiando sistemi

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2991 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disposizioni per la riduzione dell impatto ambientale nelle operazioni di distribuzione

Dettagli

CONSUMABILI DI STAMPA

CONSUMABILI DI STAMPA CONSUMABILI DI STAMPA #2012 L AZIENDA 39 35 37.00-16 11 17.07 Fin dal 1995, Sanzo Srl, è un azienda leader nel settore della produzione di consumabili di stampa che fornisce servizi e soluzioni integrate

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari 24 Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Nicola Zucchiatti Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA

IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA Milano 29 Maggio 2014 Beniamino Cavagna Direttiva 2009/128/CE Del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Certificazione per i Partner di canale di Axis

Certificazione per i Partner di canale di Axis Axis Communications Academy Certificazione per i Partner di canale di Axis Il nuovo requisito per i Partner esperti di soluzioni è anche uno dei loro maggiori benefici. Axis Certification Program lo standard

Dettagli

Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti Applicativi

Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti Applicativi Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti Applicativi Fabio Berta - Syngenta Crop Protection S.p.A. Indice dei contenuti 36 Strumenti delle Linee guida Check-list Software

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni Codice Ambientale Scopo e campo di applicazione Il presente documento, regola le norme che il personale della Società Nava deve rispettare nell esecuzione dei servizi di pulizia in merito alle modalità

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

Systems. Components. Services. Facility Management. www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4

Systems. Components. Services. Facility Management. www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4 Components Services Facility Management www.sauteritalia.it Con riserva di modifiche 2008 Fr. Sauter AG 70010970004 V4 Systems Services SAUTER Services A salvaguardia del patrimonio tecnologico. Systems

Dettagli

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE Aurora Polare Sede legale: Viale Sapri 24/A Marina di Ravenna (RA) 48122 Italy C.F.92081660398.com A TU PER TU CON IL PIANETA MARE MODULI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBEINTALE DEDICATI ALLE SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000

Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000 Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000 Carlo Jacomini*, Susanna D Antoni* e Laura Pettiti** * ISPRA Dip. Difesa della

Dettagli

Consulenza, Progettazione e Realizzazione. Nuove Tecnologie per la Didattica

Consulenza, Progettazione e Realizzazione. Nuove Tecnologie per la Didattica Via C.L. Maglione 151/A 80026 Casoria (NA) Tel 081 19718013 Mobile 334 8349047 Fax 081 19718013 info@dfrsystem.it www.dfrsystem.it Casoria 80026 (NA)www.techinform-an.it Consulenza, Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici

Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici NORMATIVA COMUNITARIA CHE REGOLAMENTA L UTILIZZO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI E DEI MEZZI DI DISTRIBUZIONE Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli