(Vedi pag.6)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "info@lineadivita.it. (Vedi pag.6)"

Transcript

1

2 2

3 La società LineaVita, sistemi di protezione contro le cadute dall alto, è il marchio registrato dalla società CO.M.ED leader nel mercato della sicurezza nei lavori in quota che sviluppa e propone tre linee di prodotto: sistemi di ancoraggio dispositivi di protezione individuale e collettiva corsi di formazione e addestramento. Tutti hanno in comune la grande esperienza maturata in anni di lavoro sul campo, investimenti nella ricerca e sviluppo assicurando prodotti e servizi in eccellenza. Ricerca e sviluppo E il settore chiave della nostra società. Investiamo molte risorse per realizzare nuovi sistemi e nuove applicazioni per rispondere al meglio alle esigenze operative degli addetti ai lavori in quota. Proponiamo sistemi sempre più modulari, semplici da installare ed utilizzare, garantendo l efficacia delle misure di prevenzione e protezione per la sicurezza degli addetti. Consulenza Il nostro servizio, di grande supporto agli operatori del settore, fornisce consulenze tecniche basate su un esperienza consolidata. Il nostro obbiettivo è quello di fornire e garantire scelte tecniche complete ed efficaci ad un minimo costo. Progettazione E il nostro punto di forza. I nostri tecnici qualificati elaborano in tempo reale progetti di installazione, dimensionamenti, computi metrici e preventivi. L eccellenza dei nostri servizi unisce la nostra professionalità alla cortesia dei nostri tecnici. Ottenerli è semplice: basta il contatto con il nostro ufficio tecnico inviando i dati previsti nella procedura di richiesta preventivo e progetto a: (Vedi pag.6) 3

4 4

5 Produzione La nostra produzione ci permette di realizzare ancoraggi strutturali (pali o supporti) per applicazioni specifiche, con forme e materiali diversi, ma sempre con tempi e prezzi competitivi, mantenendo la qualità più elevata. Formazione La nostra società, riconosciuta come centro specialistico CAPCA (Campus Nazionale Prevenzione Caduta dall Alto), eroga corsi specialistici di eccellenza e utilizza docenti qualificati e formati in ATECO 3. Il nostro centro di addestramento ci permette di eseguire una formazione realistica ed efficace. I nostri corsi: Addetti ai lavori in quota Progettisti qualificati Installatori qualificati Utilizzo DPI III categoria Ambienti confinati Addetti ai lavori su fune Per informazioni e dettagli visitate il nostro sito Vendita Disponiamo di una vasta gamma di prodotti sempre disponibili a magazzino per una rapida evasione degli ordini e possiamo soddisfare le più diverse esigenze di tipo commerciale per prodotti speciali. Inoltre nei punti di vendita autorizzati potete trovare tutti i nostri prodotti con l assistenza di personale competente in grado di rispondere alle vostre esigenze e fornire tutta la documentazione tecnica necessaria. La nostra società è garante del servizio post vendita per le manutenzioni e verifiche. Installazione La nostra società organizzata e strutturata, fornisce la garanzia ai committenti,operando in ambito del D.Lgs 8/08 smi articolo 26 idoneità tecnico professionale in ambito del modello organizzativo ai sensi del D.Lgs 23/0, eseguendo i lavori in messa in opera attraverso la competenza e la professionalità dei nostri installatori. 5

6 PROCEDURA RICHIESTA PREVENTIVO E PROGETTO Progetto e preventivo con computo metrico IL SERVIZIO E GRATUITO. Inviare la richiesta a: SPECIFICARE I SEGUENTI DATI Pianta e sezione delle coperture in formato DWG Indicazioni del posizionamento del punto d accesso alla copertura Indicazioni strutturali della composizione della copertura (struttura e manto di copertura) Dati riferimento cantiere (indirizzo) Dati del progettista o coordinatore progettuale Dati del richiedente DATI FACOLTATIVI Nome e numero telefonico del referente di cantiere Dati del committente 2 Preventivo di massima IL SERVIZIO E GRATUITO. Inviare la richiesta a: SPECIFICARE I SEGUENTI DATI Pianta e sezione delle coperture (fotografie e disegni cartacei) Indicazioni strutturali della composizione della copertura (materiali e dimensione della struttura di supporto) Dati di riferimento cantiere (indirizzo) Dati del richiedente I preventivi prodotti saranno eseguiti in base ai dati da voi forniti e saranno confermati solo in seguito ad un rilievo in cantiere, che avverrà successivamente alla conferma di incarico. 6

7 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI INDICE ANCORAGGI PUNTUALI FISSI NORMA UNI EN 795 CLASSE A La classe A comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate, per esempio pareti, colonne, architravi. CLASSE A2 La classe A2 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati. CLASSE A Anello AM 200 Pag. 8 Anello AM 20 Pag. 9 Anchor Clamp Pag. Gancio Omega Pag. 2 Flangia girevole Pag. 3 DEFINIZIONI Punto di ancoraggio: Elemento a cui il dispositivo di protezione individuale può essere applicato dopo l installazione del dispositivo di ancoraggio. ANCORAGGI STRUTTURALI PER A Contropiastra Pag. 0 Pali con flangia Pag. 4 Dispositivo di ancoraggio: Elemento o serie di elementi o componenti contenente uno o più punti di ancoraggio. Ancoraggio strutturale o di interfaccia: Elemento del dispositivo di ancoraggio necessario per il fissaggio del punto di ancoraggio alla struttura di supporto in modo permanente. CLASSE A2 Punto di ancoraggio Kean Pag. 7 Piastra inox per lamiera Pag. 8 Ercolino Pag. 20 Gancio Coppo Pag. 22 Gancio Lamery Pag. 24 Gancio Coppo Inox Pag 25 ANCORAGGI STRUTTURALI PER A2 Kit fissaggio a Cravatta Pag. 26 Piastra per massetto in CLS Pag. 27 Regolo Pag. 28 Regolo doppia pendenza Pag. 29 Distanziatori Pag. 30 PUNTI DEVIAZIONE CADUTA Pali con anello AM20 Pag. 32 7

8 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A COD. DESCRIZIONE R=KN CONF ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 5* Il punto di ancoraggio cod può essere utilizzato come ancoraggio strutturale per linee di ancoraggio temporanee. R massimo =30 kn nella direzione sotto riportata. R NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: alluminio. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. *R = CARICO MINIMO A ROTTURA APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 8

9 CLASSE A ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE R=KN CONF ANELLO IN ACCIAIO INOX AM NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio inox AISI 304. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. R = CARICO MASSIMO A ROTTURA APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 9

10 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI ANCORAGGI STUTTURALI PER CLASSE A COD. DESCRIZIONE CONF. CONTROPIASTRA 00x00 mm FORO ø 5 SP 0 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi possono variare. 0

11 CLASSE A ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE R=KN CONF. NAC34000 PUNTO PERMANENTE ANCHOR CLAMP NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio inox. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. PESO: 2,5 Kg. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a tubi metallici. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare.

12 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A COD. DESCRIZIONE F=KN CONF GANCIO OMEGA H 330 mm CONTROPIASTRA PER GANCIO OMEGA 50x00 NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio inox AISI 304. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 2

13 CLASSE A ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE R=KN CONF FLANGIA GIREVOLE 0 NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.4 della EN 362:992 relativo alla protezione contro la corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile su tutti i nostri tipi di pali ø 4 e pali ø 80. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 3

14 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DRITTO SP 5 ø 4 H500 PIASTRA 250x250 SP 5 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 0 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO INCLINATO SP 5 ø 4 H500 PIASTRA 250x250 SP 5 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 0 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DOPPIA INCLINAZIONE SP 5 ø 4 H500 PIASTRA 250x250 SP 5 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 0 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DA GETTO SP 5 ø 4 H400/700 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 0 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. ESEMPI DI APPLICAZIONI I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 4

15 ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DRITTO SP 5 ø 80 H500 PIASTRA 250x60 SP 0 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 5 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DOPPIA INCLINAZIONE SP 5 ø 80 H500 PIASTRA 250x60 SP 0 CON FLANGIA E ROMPI- GOCCIA 5 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO INCLINATO SP 5 ø 80 H500 PIASTRA 250x60 SP 0 CON FLANGIA E ROMPIGOCCIA 5 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PALO DA GETTO SP 5 ø 80 H400/700 CON FLANGIA E ROMPI- GOCCIA 5 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. ESEMPI DI APPLICAZIONI I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 5

16 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI IMMAGINI I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 6

17 CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE R=KN CONF DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO KEAN 0 5 L articolo è comprensivo di piastra inox (cod ), elemento distanziatore (cod ), punto di ancoraggio (cod ) e kit di rivetti con mastice. NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 GENERALITA MATERIALE: acciaio inox AISI 304 e acciaio S 235 JR. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo e la sua struttura di supporto possono subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI La verifica della resistenza della struttura di supporto e l elaborazione del progetto di installazione devono essere effettuate da tecnico abilitato Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. Permette una doppia regolazione in altezza, una rotazione a 360 e una traslazione rispetto al centro pia stra. Applicazione speciale per evitare l ombreggiatura sui panelli fotovoltaici. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 7

18 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PIASTRA INOX 280x230x3 mm (Ancoraggio strutturale) PIASTRA INOX 280x230x3 mm CON 8 RIVETTI, MASTICE E AM *Ancoraggio strutturale associato al punto di ancoraggio AM20 applicato alle coperture inclinate, rientra nella classificazione dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795 A2. Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in metallo (lamiere grecate, lisce, coibentate) NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2* GENERALITA MATERIALE: acciaio inox AISI 304 PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo e la sua struttura di supporto possono subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI La verifica della resistenza della struttura di supporto e l elaborazione del progetto di installazione devono essere effettuate da tecnico abilitato Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 8

19 CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PIASTRA INOX 380x250x3 mm (Ancoraggio strutturale) PIASTRA INOX 380x250x3 mm CON RIVETTI, MASTICE E AM *Ancoraggio strutturale associato al punto di ancoraggio AM20 applicato alle coperture inclinate, rientra nella classificazione dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795 A2. Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in metallo (lamiere grecate, lisce, coibentate) NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 * GENERALITA MATERIALE: acciaio inox AISI 304 PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo e la sua struttura di supporto possono subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI La verifica della resistenza della struttura di supporto e l elaborazione del progetto di installazione devono essere effettuate da tecnico abilitato Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 9

20 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF. 050 Ercolino L Ercolino L Ercolino L Ercolino L Dispositivo di ancoraggio flessibile applicabile alle coperture inclinate, rientra nella classificazione UNI EN 795 A2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 GENERALITA MATERIALE: cavo in acciaio inox AISI 304 e piastra di fissaggio in alluminio PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo e la sua struttura di supporto possono subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. Fissaggio alla struttura di supporto mediante : n.02 viti FM WOOD PRO Ø0xh20 o superiori Fissaggio alla struttura di supporto con : n.0 barra M2 cl 4.8 o superiore con resina LV345V Fissaggio alla struttura di supporto con. n.0 barra o bullone passante con contro piastra I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 20

21 CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI UTILIZZO Come punto di ancoraggio per persona a cui può essere associato un dispositivo di protezione individuale conformemente a EN 363. Applicabile su tetti con o senza isolamento in qualsiasi fase della realizzazione della copertura e sulla maggior parte delle strutture purché in grado di sostenere le sollecitazioni esercitate o trasmesse. Dispositivo di ancoraggio strutturale compatibile con la maggior parte dei manti di copertura in commercio (es. coppi, tegole, portoghesi, marsigliesi, lamiera). 2

22 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF. 040 GANCIO COPPO GANCIO COPPO GANCIO COPPO (IN SCATOLA DA 50 PZ) NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno e calcestruzzo armato. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 22

23 CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI VANTAGGI Facilità nel collegamento grazie alla sua ampia asola Lunghezza maggiore per permettere una maggiore regolazione in fase di installazione Maggiore visibilità sulla copertura in coppi Migliore finitura estetica della saldatura che risulta non visibile Associabili agli elementi strutturali per classe A2 INFORMAZIONI L adozione della soluzione adeguata si deve basare sulla valutazione del rischio e del lavoro che deve essere svolto, effettuata da una persona qualificata che accerta le condizioni del luogo di lavoro. La protezione anticaduta, garantita da un sistema di ancoraggio di sicurezza approvato, è un elemento particolarmente rassicurante per i lavoratori e li aiuta a eseguire il loro lavoro in modo produttivo ed efficiente. I lavoratori non dovrebbero essere esposti a rischi inutili e, tutte le volte che è possibile, si devono adottare i più alti standard di dispositivi di sicurezza che consentano di ridurre al minimo i livelli di rischio. I dispositivi di ancoraggio strutturale in classe A2 sono progettati per un utilizzo limitato per piccoli spostamenti, per il collegamento di un solo operatore, per contenere i costi e l impatto architettonico. IMMAGINI 23

24 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF GANCIO LAMERY 0 0 NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno e calcestruzzo armato. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 24

25 CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF. 030 GANCIO COPPO INOX GANCIO COPPO INOX 0 50 NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A2 GENERALITA MATERIALE: acciaio INOX AISI 304 PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno e calcestruzzo armato. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 25

26 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE CONF KIT FISSAGGIO A CRAVATTA 5 IL KIT E COMPOSTO DA PIASTRA E CONTROPIASTRA. SONO ESCLUSI I FISSAGGI GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi possono variare. 26

27 ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PIASTRA PER MASSETTO IN CLS 300x200 mm SP 6 mm 0 5 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in calcestruzzo armato C20/25 spessore minimo 4 cm con rete elettrosaldata ø 6. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 27

28 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF REGOLO SP 6 mm 0 0 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 28

29 ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF REGOLO DOPPIA PENDENZA SP 6 mm 0 GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno e calcestruzzo armato. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 29

30 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 COD. DESCRIZIONE F=KN CONF PIASTRINA IN ALLUMINIO KIT DISTANZIATORE 30 mm KIT DISTANZIATORE 50 mm KIT DISTANZIATORE 80 mm KIT DISTANZIATORE 00 mm 0 0 GENERALITA MATERIALE: alluminio. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 30

31 ANCORAGGI STRUTTURALI PER CLASSE A2 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF DISTANZIATORE FISSO AD S H 50 mm *KIT DISTANZIATORE REGOLABI- LE DA H 20 A H 80mm **KIT DISTANZIATORE REGOLABI- LE DA H 90 A H 250 mm * Il kit è composto dall elemento cod e l elemento cod ** Il kit è composto dall elemento cod e l elemento cod GENERALITA MATERIALE: acciaio con zincatura galvanica. Elemento indispensabile per il collegamento alla struttura in presenza di forti spessori di isolamento. Grazie alla sua deformazioni rende possibile l applicazione F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: l elemento subisce una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno. L elemento non deve essere esposto direttamente agli agenti atmosferici. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 3

32 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI PUNTO DI DEVIAZIONE CADUTA COD. DESCRIZIONE F=KN CONF DEVIAZIONE CADUTA PALO DRITTO SP 5 ø 80 H 250 PIASTRA SP 0 60x60 CON SGOCCIOLATOIO E AM20 DEVIAZIONE CADUTA PALO DRITTO SP 5 ø 80 H 350 PIASTRA SP 0 60x60 CON SGOCCIOLATOIO E AM20 DEVIAZIONE CADUTA PALO DRITTO SP 5 ø 80 H 500 PIASTRA SP 0 60x60 CON SGOCCIOLATOIO E AM NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 32

33 PUNTO DI DEVIAZIONE CADUTA ANCORAGGI PUNTUALI FISSI COD. DESCRIZIONE F=KN CONF DEVIAZIONE CAUDTA PALO INCLINATO SP 5 ø 80 H 250 PIASTRA SP 0 60x60 CON SGOCCIOLATOIO E AM20 DEVIAZIONE CAUDTA PALO INCLINATO SP 5 ø 80 H 350 PIASTRA SP 0 60x60 CON SGOCCIOLATOIO E AM NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE A GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato a caldo. PROTEZIONE CONTRO LA CORROSIONE: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi alla 4.2 della EN 795 requisiti generali e 4.5 della EN 362 resistenza alla corrosione. F = CARICO MASSIMO DI ESERCIZIO: il dispositivo può subire una deformazione permanente tale da pregiudicarne il successivo funzionamento. In caso di intervento di arresto di caduta va sostituito. APPLICAZIONI Indicazioni generali: dispositivo applicabile a strutture in legno, calcestruzzo armato e metallo. Gli installatori si devono attenere alle prescrizioni del fabbricante indicate nel manuale tecnico. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 33

34 ANCORAGGI PUNTUALI FISSI IMMAGINI DI CLASSE A - A2 I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 34

35 DISPOSITIVI PROVVISORI NORMA UNI EN 795 CLASSE B La classe B comprende dispositivi di ancoraggio provvisori portatili. CLASSE E La classe E comprende dispositivi di ancoraggio a corpo morto da utilizzare su superfici orizzontali. Per l uso di ancoraggi a corpo morto, una superficie si intende orizzontale, se devia dall orizzonte per non più di 5. DEFINIZIONI I dispositivi provvisori, per le loro caratteristiche di utilizzo, rientrano nella normativa dei D.P.I. ai sensi del D.Lgs 475/992 in quanto vengono utilizzati per breve periodo di tempo e alla fine dei lavori vengono rimossi. Dunque necessitano di marcatura CE. INDICE CLASSE B Dispositivo Trepiedi Pag. 36 Anchor Beam Pag. 37 Alu Anchor Beam Pag. 37 Gru CICLOPE Pag. 38 Linea di ancoraggio temporanea AE300 Pag. 46 Linea di ancoraggio temporanea AE320 Pag. 47 Temporary Lifeline regolabile Pag 48 CLASSE E DISPOSITIVI PROVVISORI Ancoraggio mobile IM200 Pag. 44 Ancoraggio mobile Sala Pag. 45 I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 35

36 CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI COD. DESCRIZIONE CONF. NAT0 DISPOSITIVO TREPIEDE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA Carico di lavoro ammissibile: 500 Kg Forza di strappamento: 22 kn Altezza di lavoro: da 30 a 228 cm COD. DESCRIZIONE CONF. NAT05020 VERRICELLO CON CAVO DA 20 M GENERALITA Freno di intervento automatico che permette di evitare l abbassamento autonomo del lavoratore COD. DESCRIZIONE CONF. NAT30002 CINGHIA DI SALVATAGGIO I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 36

37 mm CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI mm COD. DESCRIZIONE CONF. NAT0600 ANCHOR BEAM NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA MATERIALE: acciaio zincato PESO: 6,9 Kg mm COD. DESCRIZIONE CONF. NAT06002 ALU ANCHOR BEAM + BAG NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA MATERIALE: allumino PESO: 6,7 Kg I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 37

38 GRU CICLOPE DISPOSITIVI PROVVISORI I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 38

39 CLASSE B COD. DESCRIZIONE CONF GRU CICLOPE DISPOSITIVI PROVVISORI NORMATIVA DI RIFERIMENTO Gru Ciclope: EN 795 classe B Dispositivi di ancoraggio provvisori portatili GENERALITA Carico di lavoro ammissibile: 20 Kg DISPOSITIVO CON CONTRAPPESO Carico a resistenza 0kN Questo sistema è composto da una unità base centrale in grado di supportare diverse opzioni di ancoraggio fornendo una sicura staticità del sistema in relazioni alle sollecitazioni che vi possono essere trasmesse.. Sistema autoportante in grado di sostenere una massa complessiva fino a 20kg (carico nominale) 2. Sistema con contrappesi in grado di sostenere le sollecitazioni a seguito di un arresto di caduta (0kN) 3. Sistema ancorato alla struttura di supporto (senza la base centrale ma direttamente con il supporto centrale) in grado di lavorare per la discesa, recupero e arresto di una caduta. CARATTERISTICHE TECNICHE La gru CICLOPE ha una rotazione di 360 grazie allo snodo del montante. La sua rotazione è facilitata dall utilizzo della leva che permette un minor sforzo dell operatore. La base è dotata di punto di ancoraggio EN 795 A per il collegamento in sicurezza del manovratore, mediante idoneo DPI. La base può essere dotata di grigliato a completamento per rendere più agile lo spostamento dell operatore. La parte posteriore della base può ospitare comodamente un volume di m³ per la zavorra. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 39

40 CLASSE B COMPOSIZIONE GRU CICLOPE DISPOSITIVI PROVVISORI COD. DESCRIZIONE PESO KG FIG BASE CENTRALE E DI SUPPORTO ZAVORRA x200 SUPPORTO MONTANTE CENTRALE CON PIASTRA 2 PIANA E CONTROPIASTRA BRACCIO GRU SUPERIORE L MONTANTE CENTRALE H LEVA DI FORZA 5 FIG 4 FIG 5 FIG 3 FIG 2 FIG I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 40

41 CLASSE B CONFIGURAZIONI COD. DESCRIZIONE CONF Gru CICLOPE Argano CAROL TM 20m Supporto argano CAROL TM DISPOSITIVI PROVVISORI Gru Ciclope: EN 795 classe B (dispositivi di ancoraggio provvisori portatili) Argano CAROL TM EN 496 A dispositivi di sollevamento per il salvataggio, vale a dire per farla risalire durante un operazione di salvataggio. Carico massimo 20 kg COD. DESCRIZIONE CONF Gru CICLOPE Dispositivo recupero + arresto caduta blokfor R Supporto dispositivo R20 Gru Ciclope: EN 795 classe B (dispositivi di ancoraggio provvisori portatili) Argano del BLOKFOR 20 EN 496 B dispositivi di sollevamento per il salvataggio, vale a dire per far risalire o discendere una persona durante un operazione di salvataggio. COD. DESCRIZIONE CONF Gru CICLOPE Argano CAROL TM 20m Supporto argano CAROL TM NCR20000 Dispositivo retrattile CR 200 m0 Gru Ciclope: EN 795 classe B (dispositivi di ancoraggio provvisori portatili) Argano CAROL TM EN 496 A dispositivi di sollevamento per il salvataggio, vale a dire per farla risalire durante un operazione di salvataggio. Carico massimo 20 kg I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 4

42 CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI Accessori COD. DESCRIZIONE PESO KG FIG Dispositivo recupero + arresto caduta Blokfor R Supporto dispositivo R Argano CAROL TM 20m Supporto argano CAROL TM Grigliato pedana Contrappeso in cls Supporto montante centrale con piastra verticale Supporto montante centrale con piastra fissa da getto 25 8 Fig. Fig. 2 Fig. 5 Fig. 3 Fig. 4 Fig. 6 Fig. 7 Fig. 8 I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 42

43 CLASSE B Esempi di utilizzo DISPOSITIVI PROVVISORI I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 43

44 CLASSE E DISPOSITIVI PROVVISORI COD. NIM200 DESCRIZIONE ANCORAGGIO MOBILE IM 200 CON CONTRAPPESI DA 25,50 Kg CONF. NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE E GENERALITA PESO: 374 Kg MATERIALE: - Paletto in acciaio zincato - Piastre di contrappeso in gomma - Anello a D : Acciaio fucinato CARATTERISTICHE: La sua conformazione non richiede l attacco alla superficie riducendo la possibilità di danni. Progettato per arrestare la caduta ad un operatore. Certificato per un utilizzo su: - Calcestruzzo - Acciaio - Asfalto - Membrane a strato singolo - Membrane bituminose Ideale per l utilizzo su superfici piatte con pendenza massima di 5 APPLICAZIONE L installazione del sistema di ancoraggio è semplice ed efficace. Grazie alla struttura modulare, l installatore non dovrà mai sollevare più di 25,5 Kg. In alcune applicazioni, è possibile sollevare l intero sistema (tramite carrello elevatore o gru) per un installazione e un utilizzo immediato. Per informazioni complete e dettagliate fare riferimento al manuale di istruzioni. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 44

45 CLASSE E DISPOSITIVI PROVVISORI COD. LE DESCRIZIONE DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A CON- TRAPPESO LIBERO (INCLUDE 6 PIASTRE DA 20,3 Kg, PALO, BASE ED ANELLO D ) CONF. NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE E GENERALITA PESO: 335 Kg MATERIALE: - Piastre contrappeso: ghisa, galvanizzata - Basi in gomma: Rivestimento in acciaio al carbonio - PVC Bulloni a L : Acciaio al carbonio zincato - Palo: verniciato in acciaio inox - Base: verniciata in acciaio al carbonio - Anello a D : Acciaio fucinato La sua conformazione non richiede l attacco alla superficie riducendo la possibilità di danni. Progettato per arrestare la caduta ad un operatore. Certificato per un utilizzo su: - Calcestruzzo - Acciaio - Asfalto - Membrane a strato singolo - Membrane bituminose Ideale per l utilizzo su superfici piatte con pendenza massima di 5. APPLICAZIONE L installazione del sistema di ancoraggio è semplice ed efficace. Grazie alla struttura modulare, l installatore non dovrà mai sollevare più di 20,3 Kg. In alcune applicazioni, è possibile sollevare l intero sistema (tramite carrello elevatore o gru) per un installazione e un utilizzo immediato. Per informazioni complete e dettagliate fare riferimento al manuale di istruzioni. I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 45

46 CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI COD. DESCRIZIONE CONF. NAE3000 LINEA VITA TEMPORANEA AE300 DA 0 m NAE30020 LINEA VITA TEMPORANEA AE300 DA 20 m NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA La linea orizzontale regolabile AE 300 è un componente di equipaggiamento contro le cadute dall alto e viene utilizzata durante l esecuzione di lavori che esigono spesso la movimentazione sul piano orizzontale. La linea orizzontale regolabile AE 300 è un dispositivo di ancoraggio temporaneo a norma UNI EN795 Classe B e certificata CE La linea AE 300 è utilizzabile per la PROTEZIONE di UNA SOLA PERSONA. APPLICAZIONI La linea orizzontale regolabile AE 300 deve essere installata tra due PUNTI di ANCORAGGIO STRUTTURA- LE con una resistenza statica minima di 5kN e una pretensione della fune di 2kN. M (m) f (m) 2,5,5 5,0 2,0 8,0 2,5 0,0 3,5 5,0 4,5 20,0 6,5 I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 46

47 CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI COD. DESCRIZIONE CONF. NAE3200 LINEA VITA TEMPORANEA AE320 DA 0 m NAE32020 LINEA VITA TEMPORANEA AE320 DA 20 m NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA La linea orizzontale regolabile AE 320 è un componente di equipaggiamento contro le cadute dall alto e viene utilizzata durante l esecuzione di lavori che esigono spesso la movimentazione sul piano orizzontale La linea orizzontale regolabile AE 320 è un dispositivo di ancoraggio temporaneo a norma UNI EN795 Classe B e certificata CE La linea AE 320 è utilizzabile per la PROTEZIONE di TRE PERSONE in lavoro contemporaneo. APPLICAZIONI La linea orizzontale temporanea AE 320 deve essere collegata a PUNTI di ANCORAGGIO STRUTTURALE collocati sullo stesso livello e devono avere una resistenza statica minima di: - PERSONA min 24 kn - 2 PERSONE min 27 kn - 3 PERSONE min 29 kn FRECCIA DEFLESSIONE DEL CAVO La linea temporanea AE 320 deve essere pretensionata tramite la leva del tenditore con la forza manuale da 0,5 kn a,5 kn per eliminare il rilassamento del nastro. NR OPERATORI 5 m 7 m 0 m 5 m 20 m 0,65 m 0,9 m,30 m,94 m 2,59 m 2 0,68 m 0,96 m,37 m 2,05 m 2,73 m 3 0,72 m,00 m,43 m 2,5 m 2,86 m I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 47

48 CLASSE B DISPOSITIVI PROVVISORI Fornita con: 2 connettori e 2 fettuce COD. CP0950 DESCRIZIONE TEMPORARY LIFELINE REGOLABILE DA 5 mt A 30 mt CONF. NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE B GENERALITA Temporary lifeline è un dispositivo di ancoraggio temporaneo portatile utilizzando per installare una linea di ancoraggio flessibile orizzontale. Lunghezza regolabile da 5 a 30m. L utilizzo senza ancoraggi intermedi è possibile e certificato. APPLICAZIONI FRECCIA DEFLESSIONE DEL CAVO La linea temporanea AE 320 deve essere pretensionata tramite la leva del tenditore con la forza manuale da 0,5 kn a,5 kn per eliminare il rilassamento del nastro. NR OPERATORI 5m 8m 30 m 0,70 m,50 m 2,24 m 2 0,80 m 2.50 m 3,98 m I disegni delle applicazioni sono puramente indicativi, possono variare. 48

49 LINEA DI ANCORAGGIO INDICE NORMA UNI EN 795 CLASSE C CLASSE C La classe C comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano linee di ancoraggio flessibili orizzontali. Ai fini della presente norma per linea orizzontale si intende una linea che devia dall orizzonte per non più di 5. CLASSE D La classe D comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano rotaie di ancoraggio rigide orizzontali. NORMA UNI EN Dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio flessibile DEFINIZIONI Punto di ancoraggio: Elemento a cui il dispositivo di protezione individuale può essere applicato dopo l installazione del dispositivo di ancoraggio. Dispositivo di ancoraggio: Elemento o serie di elementi o componenti contenente uno o più punti di ancoraggio. Linea Winter Pag. 50 Linea METAL LINE Pag. 60 Linea Evolution Pag. 72 Cavo inox per linee di ancoraggio Pag. 8 ANCORAGGI STRUTTURALI PER C Anchor X Pag. 64 Pali ø 80 Pag. 88 Pali ø 4 Pag. 88 Contropiastre, staffe, collari Pag. 98 CLASSE D Linea Unirail Pag. 06 Linea Hercule Pag. 2 LINEA DI ANCORAGGIO Ancoraggio strutturale o di interfaccia: Elemento del dispositivo di ancoraggio necessario per il fissaggio del punto di ancoraggio alla struttura di supporto in modo permanente. LINEA VERTICALE UNI EN353-2 Linea Vertical Fall Pag. 6 Linea di ancoraggio flessibile: Linea flessibile tra ancoraggi strutturali, a cui si può applicare il dispositivo di protezione individuale. Linea di ancoraggio rigida: Linea rigida tra ancoraggi strutturali, a cui si può applicare il dispositivo di protezione individuale o attraverso un punto di ancoraggio mobile. 49

50 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER GENERALITA Linea di ancoraggio che permette tre persone contemporaneamente di spostarsi in piena sicurezza, lungo un piano orizzontale, senza doversi staccare. NORMATIVA DI RIFERIMENTO La linea di ancoraggio WINTER è stata concepita, realizzata e testata in funzione delle disposizioni della normativa EN classe C. LINEA DI ANCORAGGIO CARATTERISTICHE Protezione per il lavoro contemporaneo di tre operatori Distanza massima tra due ancoraggi: 20 m (da un estremità a un intermedio o tra due intermedi) Gli elementi sono tutti in Acciaio Inox AISI 36 Nella confezione viene allegato un manuale contenente: Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Certificazione dei prodotti Progetto del fabbricante Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio ( in funzione del supporto utilizzato) Istruzioni di montaggio PUNTI DI FORZA Viene progettata e realizzata con un numero ridotto di componenti per evitare errori di montaggio e facilitarne l assemblaggio. Può essere installata in diverse configurazioni per l applicazione su pareti, coperture e soffitti. È stata concepita con la tecnologia di deformabilità per assorbire l energia in caso di caduta. L energia viene assorbita dagli elementi della linea e preserva quindi la struttura sulla quale è stata installata. Si può configurare sia con linee dritte che con linee curve oltre alla possibilità di evitare eventuali ostacoli. Il concetto degli elementi intermedi consente agli utilizzatori di percorrere liberamente lungo tutta la linea di ancoraggio senza doversi sganciare. Tutti i componenti della linea di ancoraggio sono garantiti per 0 anni. Viene installata unicamente da installatori qualificati o da tecnici competenti che garantiranno la qualità di un installazione professionale, di un prodotto sicuro e conforme alle norme di sicurezza vigenti. APPLICAZIONI La linea di ancoraggio WINTER viene ancorata direttamente alla struttura di supporto o ad ancoraggi strutturali, in modo permanente per essere usata come punto sicuro per il collegamento di operatori mediante appositi Dispositivi di Protezione Individuale a norma UNI EN

51 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LA NOSTRA PRIORITA E LA SICUREZZA NEL LAVORO IN QUOTA Un sistema anticaduta garantisce la massima sicurezza all utilizzatore nell esecuzione dei lavori in quota, avvalendosi di un presidio fisso, economico e pratico. La linea di ancoraggio WINTER riduce costi per la sicurezza per la manutenzione sulle coperture e sulle postazioni di lavoro dove non è possibile adottare misure di protezione collettiva. SCEGLIERE IL SISTEMA GIUSTO E ESSENZIALE La maggior parte dei sistemi di ancoraggio sono funzionali e forniscono un livello di sicurezza accettabile, ma esistono sostanziali differenze progettuali ed applicative. Il sistema di ancoraggio ottimale, si ottiene valutando i contenuti dell elaborato tecnico della copertura, le esigenze operative, la praticità del sistema verificando l idoneità della struttura di supporto. CERTIFICAZIONE DEL PRODOTTO La linea di ancoraggio WINTER è stata testata secondo i criteri e le prescrizioni delle norme Europee da parte di un laboratorio prove certificato. Avete quindi la garanzia di un livello massimo di sicurezza verificato da un autorità competente ed indipendente. LINEA DI ANCORAGGIO 5

52 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LINEA DI ANCORAGGIO LW9000 LINEA DI ANCORAGGIO A MURO WINTER 9000 CONFIGURAZIONE () nr 2 Piastra universale (2) nr Tendicavo (3) nr Elemento intermedio (ogni 20 m) (4) nr Cavo inox (5) nr Dissipatore di energia (6) nr 4 Morsetti e nr Redance NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE C 52

53 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LINEA DI ANCORAGGIO LW LW LW LW LINEA DI ANCORAGGIO A MURO WINTER 9000 CON CAVO DA 0 m LINEA DI ANCORAGGIO A MURO WINTER 9000 CON CAVO DA 5 m LINEA DI ANCORAGGIO A MURO WINTER 9000 CON CAVO DA 20 m LINEA DI ANCORAGGIO A MURO WINTER 9000 CON CAVO DA 30 m E INTERMEDIO Composizioni complete fornite in confezione 53

54 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LINEA DI ANCORAGGIO LW900 LW900I LINEA DI ANCORAGGIO A PALETTI WINTER 900 LINEA DI ANCORAGGIO A PALETTI WINTER 900 CON HL509 (piastrine per paletti inox) CONFIGURAZIONE () nr 2 Piastra universale (2) nr Tendi cavo (3) nr Elemento intermedio ( ogni 20 m) (4) nr Cavo inox (5) nr Dissipatore di energia (6) nr 4 Morsetti e nr Redance NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 795 CLASSE C 54

55 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LW90000P LW90005P LW900020P LW900030P LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DRITTI (cod.66050) CON CAVO DA 0 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DRITTI (cod.66050) CON CAVO DA 5 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DRITTI (cod.66050) CON CAVO DA 20 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DRITTI (cod.66050) CON CAVO DA 30 m, INTERMEDIO E ROMPIGOCCIA LW90000D LW90005D LW900020D LW900030D LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DOPPIA INCLINAZIONE (cod.67050) CON CAVO DA 0 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DOPPIA INCLINAZIONE (cod.67050) CON CAVO DA 5 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DOPPIA INCLINAZIONE (cod.67050) CON CAVO DA 20 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI DOPPIA INCLINAZIONE (cod.67050) CON CAVO DA 30 m, INTERMEDIO E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO LW90000I LW90005I LW900020I LW900030I LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI INCLINATI (cod.68050) CON CAVO DA 0 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI INCLINATI (cod.68050) CON CAVO DA 5 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI INCLINATI (cod.68050) CON CAVO DA 20 m E ROMPIGOCCIA LINEA DI ANCORAGGIO WINTER 900 CON PALI INCLINATI (cod.68050) CON CAVO DA 30 m, INTERMEDIO E ROMPIGOCCIA Composizioni complete fornite in confezione. 55

56 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER COD. HL40 DESCRIZIONE TENDITORE INOX CON CANNULA DOPPIA FORCELLA CONF. LINEA DI ANCORAGGIO COD. DESCRIZIONE CONF. HL504 MORSETTO INOX ø 8 4 HL502 REDANCE INOX ø 8 COD. DESCRIZIONE CONF. HL090 CONNETTORE A MAGLIA INOX ø 8 EN 362 HL09 CONNETTORE A MAGLIA INOX ø 0 EN 362 COD. DESCRIZIONE CONF. HL508 PIASTRA ANCORAGGIO PER PALETTI HL509 PIASTRA ANCORAGGIO PER PALETTI INOX HL300 ASSORBITORE DI ENERGIA COD DESCRIZIONE PIASTRA DI ANCORAGGIO UNIVERSALE A MURO CONF. 56

57 LINEA DI ANCORAGGIO WINTER COD. DESCRIZIONE CONF. HL202 ELEMENTO INTERMEDIO DOUBLE COD. DESCRIZIONE CONF. HL200 SUPPORTO ELEMENTO INTERMEDIO COD. DESCRIZIONE CONF. HL745 KIT ELEMENTO A CURVA LINEA DI ANCORAGGIO COD. DESCRIZIONE CONF. LFAN507 ANGOLO ESTERNO FISSO LFAN506 ANGOLO INTERNO FISSO Fino ad esaurimento scorta (sostituzione con HL790) HL790 ELEMENTO CURVA UNIVERSAL ELEMENTI DI FISSAGGIO CON ROTAZIONE A 360 COD. DESCRIZIONE CONF. AC002 CARTELLO SEGNALETICO 57

58 IMMAGINI LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LINEA DI ANCORAGGIO 58

59 IMMAGINI LINEA DI ANCORAGGIO WINTER LINEA DI ANCORAGGIO 59

60 LINEA DI ANCORAGGIO GENERALITA Linea di ancoraggio che permette il collegamento fino a 5 persone contemporaneamente di spostarsi in piena sicurezza, lungo un piano orizzontale, senza doversi staccare. NORMATIVA DI RIFERIMENTO La linea di ancoraggio è stata concepita, realizzata e testata in funzione delle disposizioni della normativa EN classe C. LINEA DI ANCORAGGIO CARATTERISTICHE Protezione per il lavoro contemporaneo di cinque operatori Distanza massima tra due ancoraggi: 20 m (da un estremità a un intermedio o tra due intermedi) Gli elementi sono tutti in Acciaio Inox AISI 36 e AISI 304 Nella confezione viene allegato un manuale contenente: Manuale d uso e di manutenzioni Dichiarazione di conformità dei prodotti Certificazione di idoneità all impiego dei dispositivi di ancoraggio strutturali (certificato rilasciato da laboratorio prove) Scheda prodotto Relazione delle azioni vincolari Manuale di installazione Certificato rilasciato da laboratorio prove PUNTI DI FORZA E stata progettata e realizzata con un numero ridotto di componenti per evitare errori di montaggio e facilitarne l assemblaggio. E stata studiata per risolvere le criticità di applicazione su lamiera. L assorbitore di energia garantisce una notevole riduzione dei carichi generati nel momento dell arresto di caduta preservando quindi la struttura sulla quale è stata installata. La capacità di assorbimento dei carichi viene mantenuta anche dopo 5 cicli di arresto caduta. La flessibilità del dispositivo permette di ottenere diverse configurazione geometriche. Tutti i componenti della linea di ancoraggio sono garantiti per anni. La durabilità del dispositivo è garantita dal materiale di costruzione. Il tenditore dotato di controllo di tensione permette di verificare la corretta installazione e indicare eventuali anomalie/interventi. APPLICAZIONI La linea di ancoraggio viene ancorata direttamente alla struttura di supporto o ad ancoraggi strutturali, in modo permanente per essere usata come punto sicuro per il collegamento di operatori mediante appositi Dispositivi di Protezione Individuale a norma UNI EN

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 CLASSE A O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 5 Il punto di ancoraggio cod 03000 può essere utilizzato come ancoraggio strutturale per linee di ancoraggio temporanee. R=30 kn nella direzione sotto riportata.

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag.

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag. PRODOTTI SOSTEGNI GENERICI... pag. 4 PALI TELESCOPICI... pag. 5 PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5 PIASTRA A PARETE... pag. 5 DOPPIA PIASTRA REGOLABILE... pag. 8 GANCIO ANTIPENDOLO E ANCORAGGIO...

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture Convegno Busto Arsizio LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO Relatore: Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture ing. Alberto Pincigher A norma di legge il presente elaborato non può

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Accessori funzionali Linea VITA

Accessori funzionali Linea VITA Accessori funzionali Linea VITA La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si deve agganciare chiunque acceda alla copertura.

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Sistemi Anticaduta ha un'esperienza decennale nel progettare, produrre, installare, collaudare e certificare dispositivi di ancoraggio a norma UNI EN 795. Produciamo dispositivi

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio LA SOCIETA Negli ultimi anni, vista la forte incidenza di infortuni per le cadute in quota, è stato introdotto l obbligo di installare sulle coperture adeguati

Dettagli

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E

PUNTI D ANCORAGGIO Classe A e Classe E PUNTI D ANCORAGGIO Cla se A e Cla se E classe A e classe E punti d ancoraggio Duomo di MIlano Punti d ancoraggio in classe A ed E per la messa in sicurezza di coperture e pareti classe A e classe E punti

Dettagli

ANTINFORTUNISTICA LINEE VITA SCALE DI SICUREZZA PARAPETTI RETI ANTICADUTA GRIGLIATI ANTICADUTA. La sicurezza che resiste nel tempo MADE IN ITALY

ANTINFORTUNISTICA LINEE VITA SCALE DI SICUREZZA PARAPETTI RETI ANTICADUTA GRIGLIATI ANTICADUTA. La sicurezza che resiste nel tempo MADE IN ITALY ANTINFORTUNISTICA La sicurezza che resiste nel tempo LINEE VITA SCALE DI SICUREZZA PARAPETTI RETI ANTICADUTA GRIGLIATI ANTICADUTA PRODUTTORI LINEE VITA CERTIFICATE UNI EN 795 MADE IN ITALY LINEE VITA MICO

Dettagli

Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch

Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch Sicurezza a tutti i livelli. Gamma di prodotti. Safe Post II Safe Post II, utilizzabile come punto di ancoraggio singolo o integrato in

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

PALO CON BASE DI ANCORAGGIO PIANA PALO CON BASE DI ANCORAGGIO SAGOMATA

PALO CON BASE DI ANCORAGGIO PIANA PALO CON BASE DI ANCORAGGIO SAGOMATA La GUALDI LUCA vanta un'esperienza pluriennale nell'ambito di rifacimento coperture e installazione di sistemi di sicurezza, avvalendosi della collaborazione di tecnici qualificati e formati. Tutti i componenti

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera SISTEMI ANTICADUTA Progettazione e realizzazione di pali, piastre, ganci in acciaio a catalogo e/o specifici Assistenza alla posa in opera Dimensionamento e verifica dei fissaggi Progettazione dello schema

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361 ANTICADUTA 168 AB01 AB05 Cintura di posizionamento in poliammide 45 mm con schienalino termoformato 2 ancoraggi laterali a "D" in acciaio saldato Munita di 2 anelli di servizio con passante scorrevole

Dettagli

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA Si tratta di dispositivi di ancoraggio flessibili e rigidi orizzontali, costituiti generalmente da cavi metallici (esecuzione fissa), tessili (esecuzione temporanea) oppure

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE LINEE VITA: LA PROGETTAZIONE E L INSTALLAZIONE ing. Massimiliano Granata Coordinatore tecnico area edilizia Romeo Safety Italia srl 1 SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE A. LA NORMATIVA B. LA PROGETTAZIONE C.

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA AVVERTENZE Verificare sempre che il marchio ATLAS sia presente su ogni prodotto a garanzia della qualità Rifornirsi solo presso la rete dei RIVENDITORI AUTORIZZATI ATLAS, sapranno consigliarvi e risolvere

Dettagli

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota

Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Il punto di riferimento per la sicurezza in quota Servizi e sistemi certificati anticaduta per ogni tetto d Italia Linea Vita strutturale Soluzioni personalizzate ad alta prestazione Le linee vita HBSecurity

Dettagli

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity INDICE LINEA VITA HBSecurity 2 LINEA VITA HBCap 3 LINEA VITA A BINARIO HBSecurity 4 PALO GIREVOLE HBSecurity 5 HBFlex HBSecurity 6 PUNTO GOLFARE HBSecurity

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT CONTROPISTRE ccessori per prodotti della linea 795 Robust 1 2 4 3 in acciaio inox 2 (ISI 304) per il fi ssaggio di punti di ancoraggio tramite sistema ad incravattatura

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

SICUREZZA AL PRIMO POSTO

SICUREZZA AL PRIMO POSTO SICUREZZA AL PRIMO POSTO Og g i p i ù c h e m a i la pa r o l a d o r d i n e è s i c u r e z z a! Per n o i la s i c u r e z z a n e l l av o r o è u n i m p e g n o civile, u n o b i e t t i v o u m

Dettagli

Guida. Sistemi di Supporto per pannelli fotovoltaici. energia dalla natura

Guida. Sistemi di Supporto per pannelli fotovoltaici. energia dalla natura Guida Sistemi di Supporto per pannelli fotovoltaici energia dalla natura La Gaia Energy offre accurate strutture e vari sistemi di montaggio per pannelli fotovoltaici Strutture e Sistemi di Supporto Veste

Dettagli

Tetto in legno. dimensione minima travetto 80 x 80 fissaggio con n. 2 viti HBS Ø 8. punto di ancoraggio singolo per 2 persone

Tetto in legno. dimensione minima travetto 80 x 80 fissaggio con n. 2 viti HBS Ø 8. punto di ancoraggio singolo per 2 persone Sistemi anticaduta Tetto in legno zincato zincato zincato zincato inossidabile ADATTATORE PER COLMO dimensione minima travetto 80 x 80 fissaggio con n 12 viti HBS Ø 8 per punto singolo EN 795 A per linea

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ Ogni prodotto BREBE viene realizzato in conformità alle normative vigenti in materia di prevenzione dalle cadute dall alto rispettando in oltre tutti i più alti standard di qualità.

Dettagli

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali.

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. DISTRIBUTORE AUTORIZZATO Nieuw! Nuovo! Neu! Neu! Söll Sistema anticaduta linea vita orizzontale Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. Söll Sistema anticaduta

Dettagli

LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI FOTOVOLTAICI

LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI FOTOVOLTAICI UNAE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti LE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER I PANNELLI

Dettagli

SI.AL.srl SIstemi Anticaduta Linea Vita

SI.AL.srl SIstemi Anticaduta Linea Vita 1 SI.AL.srl è un'azienda produttrice di sistemi anticaduta, riconosciuta come punto di riferimento nel settore della sicurezza e prevenzione contro le cadute dall'alto. 2 Questo traguardo è stato raggiunto

Dettagli

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 > SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line. Una scelta di vita. 1 Sicurezza - Indispensabile per lavorare sul tetto con tranquillità

Dettagli

Metal Roof. sicurezza anticaduta. garanzia UNI EN-795. 10 anni. Certificato

Metal Roof. sicurezza anticaduta. garanzia UNI EN-795. 10 anni. Certificato sicurezza anticaduta Metal Roof garanzia 0 anni UNI EN-795 Certificato delle prestazioni Il mercato dei prodotti per coperture di tipo metallico risulta articolato e variegato nella produzione, con numerosi

Dettagli

Parapetti fissi e recrinabili con contrappeso

Parapetti fissi e recrinabili con contrappeso Le norme vigenti in materia di sicurezza, come ad esempio il D.Lgs.81/2008, invitano gli addetti ai lavori a preferire, dove possibile, le misure di protezione collettiva rispetto a quelle di protezione

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WDIR Componente di classe 1 secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: descrizione

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone

Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone Sicurezza SISTEMI ANTICADUTA Linee di vita e punti di ancoraggio Con il contributo di Tractel Italiana questo articolo si pone l obiettivo di fornire riflessioni e indicazioni per individuare i rischi

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda Indice 2 Azienda 3 Profili in alluminio 6 Profili in acciaio zincato a 9 Staffe per tetti a falda Staffe per fissaggio moduli su profili 3 Cavallette e zavorre per tetti piani 5 Staffe per coperture grecate

Dettagli

Dispositivi Anticaduta Possagno

Dispositivi Anticaduta Possagno Dispositivi Anticaduta Possagno Quando sei al lavoro, resta sempre in linea con la sicurezza. La lunga esperienza che abbiamo acquisito nel mondo delle coperture ci consente di conoscere a fondo i rischi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER COPERTURE E LINEE VITA G.F. Sicurezza Via A. Grandi, 57-41011 Campogalliano (MO) Web: www.gfsicurezza.com mail: info@gfsicurezza.com G.F. Sicurezza

Dettagli

NORMATIVE D.L. 81 ISO 14122 PASSERELLE DI SICUREZZA

NORMATIVE D.L. 81 ISO 14122 PASSERELLE DI SICUREZZA SICUREZZA GARANZIA 10 anni Una soluzione totale per la messa in conformità dei camminamenti e dei cambiamenti di livello nelle aree di lavoro o di passaggio! Un sistema strutturale combinato di robuste

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002.

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002. 100246 REV. 0 OTTOBRE 2010 www.tipografia.com 01234 Tutti i dispositivi di ancoraggio della linea Pro.Tetto sono stati progettati nel rispetto della norma UNI EN 795:2002 e testati dal Laboratorio Sigma,

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ex ISPESL Dispositivi di ancoraggio e punti di ancoraggio Arch. Davide Geoffrey Svampa Ing. Francesca Maria Fabiani

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti C I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de Il superamento delle scale è cosa difficile e faticosa quando si tratta di movimentare

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

Il Polim-cryl è il materiale utilizzato per la produzione delle lastre Cover-Life.

Il Polim-cryl è il materiale utilizzato per la produzione delle lastre Cover-Life. Il Polim-cryl è il materiale utilizzato per la produzione delle lastre Cover-Life. Prodotto con una tecnologia tutelata da brevetti internazionali, il Polim-cryl è il risultato della ricerca e dello sviluppo

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

PERCHÈ SCEGLIERE IL SISTEMA WÜRTH?

PERCHÈ SCEGLIERE IL SISTEMA WÜRTH? ZEBRA SOLAR PERCHÈ SCEGLIERE IL SISTEMA WÜRTH? Il sistema: Immediato e preciso - sistema di fi ssaggio a scatto easy click Semplice fi ssaggio dei profi li lateralmente o nella parte superiore Sicuro grazie

Dettagli

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 1- Premesse generali 2- Tipologie di strutture di copertura degli edifici; 3- Tipologie di impianti integrati, considerazioni estetiche e tecniche 4- Dispositivi di sicurezza

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C. ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.) ESEMPLIFICAZIONE DI E.T.C. SU PROGETTI REALMENTE ESEGUITI,

Dettagli

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Impianti e sistemi tecnologici Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Relatore: p.i. Paolo Casali Qualificato Formatore AIAS ACADEMY Rif. n 15932 by La circolare del Ministero del

Dettagli

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60 Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO Questa guida contiene una serie di suggerimenti per installare i prodotti Abba Solar della serie ASP60 ed è rivolta

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

DISPOSITIVI DI SICUREZZA PER COPERTURE E INDIVIDUALI

DISPOSITIVI DI SICUREZZA PER COPERTURE E INDIVIDUALI DISPOSITIVI DI SICUREZZA PER COPERTURE E INDIVIDUALI Paletto di ancoraggio EN 795 CLASSE C con base quadrata T072008 Paletto in acciaio zincato a caldo con base quadrata per fissaggio su travi di colmo

Dettagli

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6.

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6. INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati tecnici 7. Voce di capitolato 1/5 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: LUC51-1075

Dettagli

Schlet-Top. Il sistema di montaggio rapido per impianti fotovoltaici. Massima qualità. Risparmio tramite montaggio rapido

Schlet-Top. Il sistema di montaggio rapido per impianti fotovoltaici. Massima qualità. Risparmio tramite montaggio rapido Schlet-Top Il sistema di montaggio rapido per impianti fotovoltaici Massima qualità Risparmio tramite montaggio rapido Per tetti inclinati, tetti piani, facciate www.donauer-solar.de Il sistema di montaggio

Dettagli

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E 85-110 reti anticaduta e divisorie 85-110 RAL 1021 Paracolpi lamiera GIALLO FLUORESCENTE Paracolpi polietilene ZINCATO Fiancate, correnti e accessori Scaffalatura interamente realizzata in lamiera di acciaio

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Casale Monferrato Provincia di Alessandria LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDIFICI COMUNALI DURATA BIENNALE 2013/2015

COMPUTO METRICO. Comune di Casale Monferrato Provincia di Alessandria LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDIFICI COMUNALI DURATA BIENNALE 2013/2015 Comune di Casale Monferrato Provincia di Alessandria pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDIFICI COMUNALI DURATA BIENNALE 2013/2015 ONERI PER LA SICUREZZA COMMITTENTE: Comune

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 Mibos srl Via Molveno, 10 35035 MESTRINO (PD) Tel 049 9070191 Fax 049 9070191 www.mibos.it info@mibos.it

Dettagli