Origine ed evoluzione del genere Homo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Origine ed evoluzione del genere Homo"

Transcript

1 Origine ed evoluzione del genere Homo Dispensa del corso di Preistoria modulo A a.a. 2006/2007 ultima revisione: gennaio 2007 prof. Raffaele C. de Marinis Università Dipartimento di Scienze dell Antichità Sezione di Archeologia v. Festa del Perdono, 7 I Milano Typeset by LATEX 2ε G. Mantegari

2 Indice 1 Dai miti delle origini alla teoria dell evoluzione biologica e alla nascita dell archeologia preistorica Dal Medioevo all età moderna Le scienze naturali nell età dei Lumi Due nuove discipline scientifiche: la paleontologia e la geologia Il trasformismo di Lamarck Darwin e la teoria dell evoluzione L origine dell uomo alla luce della teoria dell evoluzione Nascita dell archeologia preistorica Darwin affronta il tema dell origine dell uomo Evoluzionismo e religione La Paleontologia umana Metodi di datazione Metodo Potassio / Argon Le ere geologiche Difficoltà insite nello studio dei fossili Classificazione zoologica dell uomo Gli sviluppi della paleontologia umana da Darwin ad oggi Qualche nozione di anatomia comparata tra scimmie antropomorfe e uomo Hominidae, Homo, Homo sapiens La documentazione fossile dei più antichi Ominidi Gli Ominidi pre-umani: i più antichi bipedi Orrorin tugenensis Ardipithecus ramidus Australopithecus anamensis Australopithecus afarensis Australopithecus bahrelghazali i

3 3.7 Australopithecus africanus Le caverne di Sterkfontein Il genere Paranthropus (Australopiteco robusto) Australopithecus garhi Il significato evolutivo della bipedia Australopithecus / Homo habilis L Homo erectus Homo ergaster ovvero i più antichi Homo erectus africani L Homo erectus in Asia L Homo erectus dell isola di Giava L Homo erectus in Cina Il significato evolutivo dell Homo erectus Il comportamento culturale dei più antichi membri del genere Homo Ambrona-Torralba Bilzingsleben Gli Ominidi fossili europei della fine del Pleistocene inferiore e del Pleistocene medio Gli Ominidi fossili europei della seconda metà del Pleistocene medio L uomo di Neandertal Un po di storia Le caratteristiche dell uomo di Neandertal Indici di umanità per i Neandertal Il destino dell uomo di Neandertal e l origine dell uomo moderno 149

4 Elenco delle tabelle 1.1 La tassonomia linneana Suddivisione delle ere geologiche Suddivisione del Quaternario Suddivisione degli animali sulla base degli organi di relazione, di presa e di locomozione Funzione locomotoria e campo di relazioni anteriore negli animali e nell uomo La memoria negli animali e nell uomo Capacità dei crani rinvenuti a Sterkfontein (tra parentesi sono riportate le stime iniziali successivamente corrette) Ritrovamenti dell Africa Orientale relativi a Paranthropus Capacità craniche calcolate su reperti di Paranthropus Capacità craniche stimate su alcuni reperti di Homo erectus Specchietto riassuntivo dei principali reperti di Giava (crani) Specchietto riassuntivo dei principali reperti di Giava (mandibole) Capacità craniche stimate su reperti pertinenti allo stadio classico dell Homo erectus di Giava Capacità craniche stimate su reperti pertinenti allo stadio più evoluto dell Homo erectus di Giava Stratigrafia della caverna maggiore della collina Ossa del drago, nei pressi del villaggio di Chu Ku Tien iii

5 1... alla ricerca di legami profondi... l uomo è stato considerato sotto l aspetto zoologico della sua natura. Ne è risultato che l uomo zoologico non continuava solo ad avere in comune con gli altri mammiferi l organizzazione propria agli animali a sangue caldo, ma che i suoi comportamenti, con l umanizzazione, restavano identici a quelli di un mammifero sociale, onnivoro, per il quale i condizionamenti derivanti dal territorio, dalla ricerca del cibo e dalla riproduzione continuavano a essere concepibili e interpretabili in termini zoologici. Un simile atteggiamento che può essere indifferentemente considerato lapalissiano o pieno di un bestialismo eccessivo, sembra giustificarsi per due ragioni. La prima è che nel corso della evoluzione umana, soprattutto dopo la scrittura, si è formata una immagine non materializzata, indispensabile allo sviluppo spirituale e al progresso, ma che, in particolare nelle scienze umane, ha fatto sì che l uomo perdesse qualsiasi legame con il vasto mondo. Sull esempio dell antenato scimmia ci siamo sforzati di dimostrare a prezzo di quali difficoltà l immagine reale dell antenato umano fosse emersa nell ultimo secolo. La seconda ragione è che la distanza a cui si è giunti oggi fra l uomo che tende a divenire l unico mammifero terrestre di qualche importanza numerica e il resto del globo rende necessaria una presa di coscienza di quello che è realmente l homo sapiens, nato al tempo delle steppe per la caccia al cavallo selvatico e adattatosi a poco a poco alla locomozione seduta in un atmosfera di petrolio bruciato. La paleontologia umana e la preistoria, che destano curiosità per motivi che vanno molto al di là del punto di vista scientifico, assumono il valore di scienze applicate quando si arriva alla constatazione che tutta l ascesa delle civiltà si è realizzata con quello stesso uomo fisico e intellettuale che faceva la posta al mammut e che la nostra cultura elettronica, che ha appena cinquant anni, si regge su un apparato fisiologico che risale invece a quarantamila anni fa. Se c è motivo di avere fiducia nelle possibilità di adattamento, tuttavia la distorsione esiste ed è evidente la contraddizione fra una civiltà dai poteri quasi illimitati e un civilizzatore la cui aggressività è rimasta immutata dal tempo in cui uccidere la renna significava sopravvivere. (A. Leroi Gourhan, Il gesto e la parola, pp ).

6 CAPITOLO 1 Dai miti delle origini alla teoria dell evoluzione biologica e alla nascita dell archeologia preistorica Il bisogno di rispondere ai profondi interrogativi sulla nostra identità e origine e sul senso ultimo della nostra esistenza ha certamente assillato la mente umana fin dai tempi più remoti, da quando esiste l uomo dotato di linguaggio articolato, autocoscienza e facoltà razionali. Anche i popoli senza scrittura, le cd. popolazioni di interesse etnografico, con cui gli Europei sono venuti in contatto nelle Americhe, in Africa, nell Asia settentrionale, in Australia e in Oceania avevano elaborato sistemi di spiegazione del mondo che li circondava 1, avevano creato cosmogonie, miti della creazione e delle origini, miti escatologici. I cacciatori e raccoglitori del Paleolitico Superiore, vissuti tra e anni fa, hanno lasciato traccia del proprio pensiero nell arte parietale, che André Leroi Gourhan ha interpretato come mitogramma, espressione di un pensiero religioso e di una visione del mondo sotto forma di un insieme strutturato di simboli. Ma soltanto a partire dal momento in cui sorgono civiltà urbane complesse, dotate di scrittura, possiamo conoscere direttamente i pensieri che gli uomini avevano elaborato su temi quali l origine del cosmo, della natura e della stessa umanità. Lo strumento con cui gli uomini della preistoria e delle più antiche civiltà hanno cercato di rispondere alle domande che essi si ponevano di fronte ai grandi fenomeni della natura o agli interrogativi sul significato della vita e della morte, sull origine del mondo e della società, è quello del mito, un racconto costruito con immaginazione e fantasia, che non intende esporre avvenimenti storici, ma offrire 1 A. Leroi-Gourhan, Le fil du temps. Ethnologie et Préhistoire, Paris 1983 (Fayard), p. 292 sgg.

7 3 una spiegazione di ordine filosofico ed etico 2. La verità del mito, quindi, non è di carattere storico o scientifico. Il pensiero speculativo e filosofico dei popoli senza scrittura e delle più antiche civiltà, come quella egizia o quelle mesopotamiche, è un pensiero mitopoieico. Soltanto nel VI secolo a.c. nell ambiente ricco di fermenti culturali della Jonia greca cominciò a maturare una nuova visione razionale del mondo, nacquero allora la filosofia e la storiografia. La liberazione del pensiero scientifico dalle maglie del mito fu un processo lento e faticoso. La storiografia antica si ferma sempre a un passato molto recente, del quale sono rimaste testimonianze scritte o del quale gli stessi storici sono stati spettatori. Quando gli storici antichi debbono affrontare il tema delle origini o delle epoche più remote della loro stessa storia non possono far altro che utilizzare come fonti i miti, le leggende, le tradizioni, a volte cercando di razionalizzarle e sistemarle criticamente. Io scrivo qui come mi sembra vero, poiché le tradizioni dei Greci si contraddicono e mi sembrano ridicole, così Ecateo verso il 500 a.c. Pur essendo arkaiologhia una parola greca che significa discorso sulle cose antiche, gli antichi non hanno mai fatto opera di archeologia, vale a dire non hanno mai interrogato gli archivi storici sepolti sotto terra per ricostruire il passato, anche quello più remoto. Il problema dell origine dell umanità e della sua cultura non fu oggetto di studi e ricerche specifici, ma fin dall Antichità si possono rintracciare due concezioni fondamentali che cercano di dare risposta a questi interrogativi. La prima è quella di una decadenza o di una caduta dell uomo. Decadenza rispetto a una felice età dell oro, ormai tramontata per sempre (Esiodo, Le opere e i giorni, 106 sgg.), o caduta da una condizione originaria di bontà e di innocenza, si pensi, ad es., al racconto della Genesi secondo cui l uomo, collocato da Dio nel paradiso terrestre, è decaduto prestando ascolto alle tentazioni del serpente. Nella Genesi confluiscono due storie sacre, una più antica, detta il racconto dello Yahvista, l altra più recente, detta il documento sacerdotale. Soltanto lo Yahvista narra la storia del paradiso e del peccato originale, a cui il documento sacerdotale non fa il minimo accenno 3. Naturalmente gli avvenimenti che sono raccontati non hanno alcun carattere storico, si tratta di un mito che ha lo scopo di rispondere a una tremenda domanda: unde malum, qual è l origine del male. La propensione al male è connaturata nell uomo fin dalla sua creazione o l uomo, creato buono, è diventato malvagio? Secondo la Genesi Dio creò l uomo al sesto giorno, modellandolo con 2 Per una rassegna esemplificativa di miti delle origini e cosmogonie cfr. Origine ed evoluzione dell Uomo, a c. di Henry de Lumley, ediz. italiana a c. di G. Giacobini, Milano 1985, p. 21 sgg. 3 J. Bottero, Naissance de dieu. La Bible et l historien, Paris (Gallimard), 1986, p. 155 sgg.

8 4 della creta tratta dalla terra, soffiandogli poi nelle narici il soffio della vita, di modo che l uomo divenne un essere vivente; quindi lo pose in Eden, terra pianeggiante e verdeggiante ricca di ogni genere di alberi, belli da vedersi e buoni da mangiare, fra cui l albero della vita e l albero della conoscenza del bene e del male. Dio impartì al primo uomo l ordine di non mangiare il frutto dell albero della conoscenza. In seguito, mentre Adamo era immerso in un sonno profondo, Dio creò dalla sua costola la prima donna, Eva. Eva si fece indurre dal serpente, simbolo di Satana, a mangiare il frutto dell albero proibito e lo fece mangiare anche ad Adamo. Dal quel momento Adamo ed Eva persero la loro condizione originaria di innocenza e di santità. Dio li cacciò dal paradiso e gli uomini furono condannati a vivere del faticoso lavoro dei campi e a sopportare innumerevoli sofferenze. In questo racconto bisogna distillare dall involucro letterario il contenuto dottrinario: il dolore e la morte sono conseguenza della disobbedienza a Dio. Il racconto biblico, che tanta importanza avrà nella storia della civiltà occidentale, per alcuni aspetti affonda le sue radici nelle letterature mesopotamiche, in particolare in quella sumerica, la più antica di tutte. Nel racconto epico Enmerkar e il Signore di Aratta un passo di una ventina di versi descrive una mitica età dell oro, quando tutti gli uomini parlavano una sola lingua e vivevano in pace e senza pericoli, fino a quando il dio Enki con un malefizio fece cadere l uomo da quello stato di grazia, suscitando guerre e conflitti. In un altro poema sumerico, Enki e Ninhursag, viene descritto un paese puro, pulito e splendente, in cui non si conoscono la malattia e la morte, il paese di Dilmun. Il dio Enki ordina a Utu, il dio sole, di far sgorgare dalla terra l acqua e di irrigare il paese, che si trasforma in un giardino lussureggiante. Il paese di Dilmun è forse all origine della concezione ebraica dell Eden, il paradiso terrestre. Lo stesso poema sumerico getta luce sulla creazione di Eva dalla costola di Adamo. In ebraico Hawwah (Eva) significa colei che fa vivere. Nel poema sumerico Enki si ammala e una delle parti ammalate è la costola. Ninhursag crea una dea che guarisce la costola di Enki, Nin ti, la signora della costola, che significa anche la signora che fa vivere, poiché ti in sumerico significa tanto costola, quanto far vivere. In ebraico il bisticcio letterario perde significato, ma il fatto che nel racconto dello Yahvista la prima donna, colei che fa vivere, nasca dalla costola di Adamo, rivela un influsso della mitologia sumerica 4. La concezione di una duplice natura dell uomo, formato dall argilla, e perciò miserabile e caduco, e da qualcosa di divino, dunque superiore a tutti gli altri esseri viventi, trova alcuni riscontri nella letteratura sumerica. La dea 4 S.N. Kramer, I Sumeri agli esordi della storia, Milano 1958, p. 138 sgg.

9 5 Nintu mescola all argilla la carne e il sangue di un dio per far nascere l uomo 5. Per quanto riguarda il racconto del peccato originale è possibile che lo Yahvista abbia utilizzato una storia pre esistente, ma un vero parallelo nelle letterature mesopotamiche non è ancora stato rintracciato. L idea della decadenza dell umanità è presente anche nell antica Grecia. Ne Le opere e i giorni Esiodo (VII secolo a.c.) racconta il mito delle diverse età dell uomo. Nell età dell oro gli uomini vivevano come dei, avendo il cuore tranquillo, liberi da fatiche e da sventure, né incombeva la miseranda vecchiaia... la fertile terra dava spontaneamente numerosi e abbondanti frutti (vv ). Nella successiva età dell argento visse una seconda generazione di uomini che non veneravano gli Dei, peggiore e per nulla simile sia nell aspetto che nell animo a quella precedente (vv ). Nella terza età, l età del bronzo, gli uomini erano violenti e terribili, in perpetua guerra (vv ). La quarta generazione di uomini, più giusta e divina, fu quella dell età degli eroi, che combatterono a Tebe e a Troia. Infine, venne l età del ferro, per Esiodo la peggiore di tutte: mai io avrei voluto trovarmi con la quinta stirpe di uomini: meglio prima morire o essere nato prima... di giorno non cessano mai la fatica e l inganno... (vv ). L altra concezione sulle origini è quella secondo cui l umanità si sarebbe perfezionata a poco a poco grazie a sempre nuove scoperte e invenzioni. L idea del progressivo sviluppo culturale dell umanità, implicita anche in alcuni miti come quello di Prometeo, l eroe civilizzatore (a questo proposito si vedano Esiodo ed Eschilo), si rintraccia nelle riflessioni di storici come Tucidide e Senofonte e di filosofi come Aristotele e soprattutto Epicuro ( a.c.). Le concezioni epicuree troveranno espressione poetica in Lucrezio (98 54 a.c.), autore del de rerum natura, che contiene in nuce la periodizzazione della storia umana in età della pietra, del bronzo e del ferro (cfr. vv. 951 e sgg., 1280 e sgg.). I primi uomini scrive Lucrezio erano di una razza più dura, con ossa più robuste e più grandi, capaci di sopportare maggiormente il freddo e il caldo, vivevano dei prodotti spontanei della natura, davano la caccia agli animali usando clave di legno o lanciando sassi con le fionde, vagavano nudi, non avevano leggi. In seguito scoprirono il fuoco, cominciarono a vestirsi di pelli animali, scoprirono l agricoltura, costruirono capanne e adottarono l istituto della famiglia. Nacque la religione, si costruirono altari e templi, sorsero città e sovrani, fece la sua comparsa anche la guerra. Gli uomini scoprirono dapprima l oro e il bronzo e soltanto in un secondo tempo il ferro: Arma antiqua manus ungues dentesque fuerunt 5 J. Bottero, Naissance de Dieu cit., p. 214.

10 6 et lapides et item silvarum fragmina rami et flamma atque ignes, post quam sunt cognita primum. Posterius ferri vis est aerisque reperta. Et prior aeris erat quam ferri cognitus usus, quo facilis magis est natura et copia maior. (libro V, vv ). Un identica concezione, esposta forse con chiarezza ancora maggiore, si trova in Cina nell opera di Yüan K ang s (52 d.c.), che la attribuisce a Feng Hu Tzu, filosofo vissuto qualche secolo prima, all epoca della dinastia dei Chou orientali ( a.c.): Nell età di Hsüan Yüan, Shen Nung e Ho Hsü, armi e strumenti erano fatti di pietra per tagliare gli alberi e costruire le case e venivano seppellite con i morti... Nell età di Huang Ti le armi e gli strumenti erano fatti di giada per tagliare alberi, costruire case e scavare il terreno... e venivano seppellite con i morti; Nell età di Yü armi e strumenti erano fatti di bronzo per costruire canali... e case... Nell epoca attuale armi e strumenti sono fatti di ferro 6. Ma né in Grecia né a Roma e neppure in Cina si giunse mai a fare vera e propria opera di ricerca archeologica 7. Le nozioni intorno al passato più remoto dell umanità derivavano dalla sopravvivenza di tradizioni di età precedenti, da intuizioni filosofiche e dal confronto con i popoli barbari contemporanei. Per es., Tucidide ritiene che i Greci dei tempi più antichi avessero un grado di civiltà paragonabile a quello dei barbari suoi contemporanei (Guerra del Peloponneso, I, 6). Ebbe invece un certo sviluppo presso i Greci e i Romani l etnografia: Erodoto descrisse le tribù degli Sciti e degli Etiopi, notando che questi ultimi usavano ancora armi di pietra; Diodoro Siculo descrisse i trogloditi del golfo arabico; Cesare e Tacito i modi di vita, gli usi e i costumi delle popolazioni galliche e germaniche. La nozione che nell età degli eroi, vale a dire all epoca della civiltà micenea (II millennio a.c.), non si conoscesse ancora il ferro era diffusa nel mondo antico e traeva spunto, oltre che dai poemi omerici, in cui gli eroi combattono esclusivamente con armi di bronzo, anche da occasionali scoperte archeologiche, come, per es., nel a.c. l apertura della presunta tomba 6 K. Chang, The archaeology of Ancient China, New Haven, Ct., 1968, p. 1 ss. 7 E.D. Phillips, The Greek vision of prehistory, in Antiquity, xxxviii, 1964,

11 1.1 Dal Medioevo all età moderna 7 di Teseo nell isola di Sciro, da parte di Cimone in ossequio alle prescrizioni dell oracolo di Delfi: la tomba fu identificata in un piccolo tumulo che racchiudeva un corpo di grandi dimensioni e si poté constatare che la spada e la lancia erano di bronzo (Plutarco, Vita di Teseo, 36). D altro canto, già presso i Romani non si conosceva più l esatto significato delle punte di freccia in selce scheggiata e delle asce di pietra verde levigata, e si pensava che fossero il prodotto della caduta dei fulmini: per questo motivo venivano denominate ceraunia, che significa pietre del fulmine (dal gr. keraunós). Utilizzate spesso come amuleti, veniva loro attribuito un valore magico e terapeutico (Plinio, Naturalis historia, libri xxxiii e xxxvii) Dal Medioevo all età moderna Con la fine del mondo antico e la perdita di una buona parte del suo patrimonio storico, scientifico e artistico, i testi sacri diventarono la fonte pressoché esclusiva per conoscere il passato degli uomini. Durante il Medioevo il pensiero storico si cristallizzò intorno al racconto biblico inteso in senso letterale, cioè si riteneva e molti lo ritengono ancora oggi, ma questa interpretazione letterale non costituisce più dogma di fede che i fatti, gli avvenimenti e i personaggi del Pentateuco, fossero storicamente veri. Come conseguenza la questione delle origini umane si ridusse a una questione di cronologia biblica, sulla quale esistevano valutazioni disparate. Dai primi padri della Chiesa fino a Lutero si fornirono computi differenti, ma alla fine si realizzò un consenso sulla cifra di circa 6000 anni, che ebbe larga diffusione. In Così è se vi pare, commedia scritta da Shakespeare nel 1600, nell atto IV, scena I, Rosalinda dice: Questo povero mondo è vecchio di almeno seimila anni e in tutto questo tempo non c è stato un solo uomo che sia morto di persona, videlicet, per causa d amore. James Ussher ( ), arcivescovo di Armagh, in un opera pubblicata postuma nel 1658, Gli Annali del mondo dalle origini dei tempi... fino alla dispersione degli Ebrei, stabilì che la creazione del mondo da parte di Dio era avvenuta nel 4004 a.c. Poco dopo il vice cancelliere dell università di Cambridge, John Lightfoot, stabilì anche la stagione e il giorno preciso della creazione, il 23 ottobre del 4004 a.c. 9 alle nove del 8 Gli studi più importanti sui ceraunia nell antichità e in rapporto alle superstizioni medievali e alle credenze popolari, sono: E. Cartailhac L âge de la pierre dans les souvenirs et les superstitions populaires, Parigi l877; La France préhistorique, ivi 1889; T. Hamy, Matériaux pour servir à l histoire de l archéologie prehistorique, i, Le mémoire de Mahudel sur les pierres de foudre, 1737, in Revue archéologique, iv serie, vii, 1906, ; e CH. S. Blinkenberg, The thunderweapon in religion and folklore, a study in comparative archaeology, Cambridge G. Daniel, The Idea of Prehistory cit., p. 12 sgg.

12 1.1 Dal Medioevo all età moderna 8 mattino, mentre l uomo era stato creato venerdì 28 ottobre 4004 a.c., giorno, mese e ora coincidevano con la data di inizio dell anno accademico! Questa cronologia continuò a essere sostenuta dalle varie chiese cristiane per tutto il XVIII e XIX secolo, ma era destinata a entrare in conflitto con i progressi compiuti dalle scienze naturali. Il problema del passato più remoto dell umanità tornò ad affacciarsi nella cultura europea con la scoperta dell America e le grandi esplorazioni e navigazioni dell età moderna, che misero gli europei in contatto con le popolazioni cosiddette selvagge. Nello stesso tempo cominciarono a svilupparsi le scienze naturali, in particolare quelle della terra. Per la nascita dell archeologia preistorica 10 ebbero particolare importanza le discussioni su ceraunia e glossopetra (queste ultime erano punte di freccia di selce, che venivano ritenute denti fossili di squali o lingue di serpenti pietrificate). Michele Mercati ( ), direttore dell orto botanico vaticano, fu il primo a sostenere che le selci scheggiate e le asce di pietra levigata, che si scoprivano così frequentemente nei campi in seguito ai lavori agricoli, erano prodotti dell attività umana, risalenti a popolazioni primitive ancora ignare dell uso del metallo. Purtroppo, la sua opera, un catalogo delle collezioni di minerali, fossili, oggetti archeologici ed etnografici del papa Clemente VIII, fu pubblicata molto tempo dopo la sua morte (Metallotheca, Roma 1717). Parlando dei ceraunia Mercati afferma che intorno alla loro natura circolano due opinioni, la prima, che è anche la più diffusa, sostiene che queste pietre siano state prodotte dal fulmine, la seconda, sostenuta dagli storici, ritiene che si tratti invece di manufatti prodotti dall uomo, prima della conoscenza del ferro, per percussione delle selci. I più antichi uomini ebbero per coltelli delle schegge di selce. Mercati cerca poi di conciliare i dati della Bibbia con quelli dell antiquaria e dell etnografia. Secondo la Bibbia lo scopritore del ferro fu Tubalcain, appartenente alla settima generazione dopo Adamo, ma anteriore al diluvio universale. Mercati formulò l ipotesi che la conoscenza del ferro dopo il diluvio fosse rimasta appannaggio di una cerchia ristretta di uomini e che invece le popolazioni che con le loro migrazioni ripopolarono la terra dopo il diluvio avessero perduto questa conoscenza e fossero ritornate all uso di armi e strumenti di pietra. Stranamente, mentre Mercati riconobbe la vera natura delle cuspidi di freccia in selce, per quanto 10 La storia della nascita dell archeologia preistorica può essere seguita attraverso i lavori di A. Laming-Emperaire, Origines de l archéologie préhistorique en France, Parigi 1964; G. Daniel, 150 years of archaelogy, London, 1950; Id., The Idea of Prehistory, London 1962, trad. italiana Firenze 1968; Id., The origins and growth of archaeology, Harmondsworth 1967; Id., A hundred and fifty years of archaelogy, London 1975; Id., A short history of Archaeology, London 1981, trad. italiana Storia dell archeologia, Milano 1982; O. Klindt- Jensen, A history of Scandinavian archaeology, Londra 1975.

13 1.1 Dal Medioevo all età moderna 9 riguarda le asce di pietra levigata non si discostò dall opinione tradizionale che si trattasse di pietre cadute dal cielo insieme ai fulmini. Il naturalista Ulisse Aldrovandi ( ), nonostante il fatto che raffigurasse strumenti di pietra degli Indiani d America e istituisse un paragone tra gli strumenti e le armi delle popolazioni selvagge e i ceraunia, rimase fermo all idea che le punte di freccia in selce fossero prodotte dai fulmini (Musaeum metallicum, Bologna 1648). Ma ormai un numero sempre maggiore di antiquari confrontava i ceraunia con i manufatti degli Indiani d America. Nel corso del Seicento e del Settecento si diffuse, specie in Inghilterra, Francia, Germania e ancor più nei paesi nordici, il gusto per il collezionismo e si formarono, presso antiquari, nobili e sovrani, numerose raccolte o gabinetti di curiosità, tra i quali un posto di rilievo era occupato dagli oggetti archeologici provenienti dalle scoperte occasionali. Accanto alla figura dello storico tradizionale comparve così quella dell antiquario, mentre di tanto in tanto venivano effettuati veri e propri scavi, come, per es, nel 1685 quello di una tomba dolmenica a Cocherel nel dipartimento dell Eure (Francia), che portò al rinvenimento di asce di pietra levigata, fra cui una di giadeite. Il secolo XVIII è ricco di descrizioni di scoperte di sepolture pagane (così era denominato tutto ciò che risaliva a epoca anteriore alla diffusione del cristianesimo) nell Europa centrale: in particolare si trattava di tombe rnegalitiche e di campi di urne. L idea che le pietre del fulmine fossero in realtà opera dell uomo e che le antiche popolazioni europee fossero vissute in condizioni simili a quelle dei selvaggi contemporanei, è sostenuta con grande chiarezza da Antoine de Jussieu (De l origine et des usages de la pierre de foudre, Parigi 1723). All Accademia Reale delle Scienze de Jussieu presentò un ascia di pietra levigata proveniente dai Caraibi e un altra ascia e tre punte di freccia provenienti dal Canada e le confrontò con le pietre del fulmine della collezione reale, dimostrando che si trattava di manufatti prodotti dall uomo. È questo il primo esempio dell utilizzo dell etnografia per la comprensione del significato dei resti archeologici preistorici. De Jussieu si spinse ancora più avanti. Poiché nella maggior parte dei paesi in cui si rinvengono le pietre del fulmine, non vi sono cave o ciottoli che possano essere stati utilizzati per fabbricarle in loco, bisogna ritenere che uomini provenienti da regioni in cui si trovava la materia prima venissero a scambiarle con altri prodotti ed è lo stesso fenomeno che si poteva osservare presso le popolazione selvagge delle Americhe. Larga eco ebbe l opera del missionario gesuita J.F. Lafitau, Moeurs des sauvages amériquains, comparées aux moeurs des premiers temps, Parigi 1724, 2 voll., lodata da Voltaire. Il padre Lafitau metteva a confronto le no-

14 1.1 Dal Medioevo all età moderna 10 tizie tramandate dall Antichità sulle popolazioni barbare e i fatti che erano stati osservati presso le contemporanee popolazioni selvagge. L idea che lo stato di natura rappresentasse una condizione originaria e un tempo comune a tutta l umanità è ampiamente diffusa nel pensiero settecentesco insieme al mito del buon selvaggio. La cultura illuministica e l idea di progresso nella storia, le prime concezioni evoluzionistiche della natura e un nuovo concetto di tempo, prepararono il terreno favorevole allo sviluppo della ricerca preistorica (cfr. per es. G.L. Buffon, Les époques de la nature, Parigi 1778, dove si afferma che le pietre ritenute un tempo cadute dalle nuvole e generate dal fulmine altro non sono che i primi monumenti dell arte dell uomo allo stato di natura). Le esplorazioni e le navigazioni dell età moderna, dal doppiaggio del Capo di Buona Speranza alla scoperta dell America e alla circumnavigazione del globo fecero entrare gli Europei in contatto non solo con popolazioni selvagge, ma per la prima volta anche con le scimmie antropomorfe, il gorilla e lo scimpanzé in Africa centrale, l orang utang e il gibbone nel sud est asiatico. In realtà gli Europei conoscevano molto male tutte le scimmie, ma certamente la scoperta delle grandi scimmie antropomorfe rivelò per la prima volta agli Europei animali che mostravano una curiosa ed anche imbarazzante somiglianza con l uomo, sia dal punto di vista dell aspetto fisico che ancor più da quello del comportamento: le scimmie antropomorfe, infatti, ridono, sono curiose, manipolano oggetti, giocano e comunicano tra loro, hanno espressioni di gioia e di collera. Nello stesso tempo ciò che li divide dall uomo è molto profondo: non hanno un linguaggio articolato e l aspetto, pur presentando molte somiglianze con l uomo, è comunque troppo bestiale per poter ammettere facilmente un legame di parentela. Andrew Battell, un marinaio inglese che, fatto prigioniero dai portoghesi nel 1559 dopo un naufragio, fu costretto ad arruolarsi nelle loro truppe coloniali, visse per diversi anni presso il fiume Maiombe nell Africa occidentale. In un libro apparso soltanto dopo la sua morte, nel 1625, una raccolta di storie di viaggi pubblicata da Samuel Purchas, viene riportato il racconto di Battell, che parla in maniera piuttosto confusa di due grandi scimmie, definite come mostri pericolosi che vivevano nelle foreste equatoriali. Nella lingua delle popolazioni locali erano chiamati Pongo ed Engeco. La descrizione del Pongo, pur contenendo alcune notizie poco verosimili, permette di identificarlo con il gorilla. Risale al 1641 la prima descrizione di un orango ad opera del anatomista olandese Nicolaas Tulp e al 1658 quella di un orango femmina da parte del medico olandese Jakob de Bondt 11. Uno 11 G.B. Schaller, L anno del gorilla (1964), Bari 1968, p. 12 sgg.; J.C. Greene, La morte di Adamo (1959), Milano 1971, p. 211 sgg. e pp

15 1.2 Le scienze naturali nell età dei Lumi 11 studio sistematico e comparativo fu realizzato nel 1699 da Eduard Tyson, autore dell opera Orangutang or the anatomy of a pigmy compared with that of a monkey, an ape and a man, London 1699, 2nd ed Il pigmeo in realtà era un piccolo scimpanzé portato a Londra dall Angola e morto pochi mesi dopo il suo arrivo nella capitale inglese. Tyson individuò 48 caratteri per cui il pigmeo assomigliava all uomo e 34 per cui assomigliava alla scimmia. Tyson analizzò anche un orango venuto dall Indonesia 12. È a partire da quest epoca che nella lingua inglese si afferma il termine ape per indicare le scimmie antropomorfe, distinguendole dalle comuni scimmie, che sono chiamate monkey, distinzione che manca completamente nella lingua italiana. Uno scimpanzé fu portato a Londra nel 1738, mentre nonostante numerose segnalazioni precedenti, la scoperta ufficiale del gorilla avvenne soltanto nel 1846, quando due missionari inglesi spedirono a Londra alcuni scheletri di un primate di dimensioni maggiori dello scimpanzé e appartenenti a una nuova scimmia antropomorfa che aveva la fama di non fuggire l uomo e di essere particolarmente feroce, il gorilla. Nel 1855 per la prima volta un giovane esemplare di gorilla femmina arrivò vivo a Londra. 1.2 Le scienze naturali nell età dei Lumi Nel XVIII secolo, l età dell Illuminismo, le scienze naturali conobbero un grande sviluppo. Fu allora che si cominciò a conoscere in maniera più approfondita e sistematica il mondo della natura e ad avere un idea più precisa dell enorme varietà degli organismi viventi. L ampliarsi degli orizzonti, l intensificarsi delle conoscenze, il prevalere di uno spirito razionale nello studio della natura sfociarono nella nascita della sistematica botanica e zoologica. Il merito principale è dello svedese Carlo Linneo ( ) che con la sua opera monumentale Systema naturae ideò un sistema gerarchico di classificazione degli organismi viventi fondato sulle somiglianze e differenze, un sistema che dalla distinzione più generale, regno animale e regno vegetale, conduce via via fino alla singola specie 13. Linneo, forma italianizzata di Carl von Linné, dopo aver studiato alle università di Lund e di Uppsala, compì viaggi di ricerca in Lapponia e nella regione di Dalarna, quindi si trasferì in Olanda per completare gli studi 12 J.C. Greene, La morte di Adamo cit., p. 213 sgg.; S.J. Gould, Lo scimpanzè di Tyson, in S.J. Gould, The Flamingo s smile. Reflections on Natural History, New York 1985, trad. Italiana Il sorriso del fenicottero, Milano, 1987, pp ; J. Marks 2004, pp Sull opera di Linneo cfr. J.C. Greene, La morte di Adamo cit., p. 155 sgg.

16 1.2 Le scienze naturali nell età dei Lumi 12 di medicina e fu in Olanda che diede alle stampe la prima edizione del suo Systema naturae. Fu poi in Inghilterra e in Francia. Nominato professore all università di Uppsala nel 1741, fece ritorno in patria, dove rimase fino alla sua morte. La sua opera Systema naturae gli procurò larga fama, Linneo lavorò assiduamente per arricchire e completare questo sistema di classificazione della natura, e ne fece ben dodici edizioni diverse. Per quanto non abbia viaggiato molto, Linneo si avvalse di un ampia schiera di collaboratori, che aveva mandato in giro per il mondo a raccogliere campioni botanici e animali. Alcuni collaboratori di Linneo, ad es., parteciparono ai primi viaggi del capitano James Cook, il grande navigatore ed esploratore inglese (1 o viaggio nel , 2 o viaggio nel ), altri non fecero più ritorno. Per rendersi conto del graduale e progressivo ingrandirsi dell opera di Linneo, basti pensare che le specie animali considerate erano 549 nella prima e 5897 nell undicesima edizione. La più importante è la decima edizione, apparsa negli anni in due volumi, perché vi fu introdotto per la prima volta il sistema della nomenclatura binaria per designare le specie, sistema che fu ben presto universalmente adottato e che rappresentò una svolta nel campo delle scienze naturali. In precedenza, infatti, non vi erano criteri uniformi per definire le specie e da ciò derivava una non piccola confusione: moltiplicazione del numero delle specie partendo da semplici varietà oppure raggruppamento di specie diverse in una sola specie, se si accentuava l importanza di un carattere piuttosto che di un altro. La nomenclatura binaria comprende il genere e la specie indicati con nomi latini: ad es., il leone nella classificazione scientifica viene designato con la formula binomia Panthera leo, in cui Panthera indica il genere, leo la specie; la tigre è Panthera tigris; l orango è Pongo pigmaeus, lo scimpanzè Pan paniscus, l uomo Homo sapiens, e così via. La tassonomia linneana comprendeva 6 unità principali disposte in senso gerarchico, da quelle più generali ed estese fino a quelle più particolari che coincidono con la singola specie (tabella 1.1) unità principale Regno Classe Ordine Genere Specie Varietà animali mammiferi carnivori Pantheraoppure Felis Panthera leo, cioè il leone, oppure Felis sylvestris, cioè il gatto corrisponde più o meno al concetto di razza Tabella 1.1 La tassonomia linneana.

17 1.2 Le scienze naturali nell età dei Lumi 13 La nomenclatura trinomia comprende anche la definizione della varietà o sottospecie, ad es. Homo sapiens sapiens. Nella sistematica di Linneo manca un importante unità tassonomica, quella della famiglia. Linneo era convinto che ogni specie costituisse una entità fissa creata da Dio e quindi inserire nella sistematica un concetto come quello di famiglia, che implica parentela, non poteva certo essere conforme all esigenza di armonizzare la scienza con la teologia. Tuttavia, se inizialmente Linneo considerava la specie come il tipo primordiale creato da Dio e immutabile, tranne che per variazioni temporanee prodotte dall ambiente e dal clima da qui il concetto di varietà, nelle sue ultime opere ammise la possibilità che le specie potessero essersi formate per ibridazione di generi diversi. In un altro punto Linneo venne a trovarsi ai confini dell ortodossia, quando rifletteva sulla durata della storia della terra. Era intimamente convinto che il mondo fosse molto più antico di quanto comunemente si ammettesse in base alle sacre scritture. Già la collocazione dell uomo fra i quadrupedi, cioè fra i mammiferi, aveva provocato violente reazioni. Alle unità fondamentali di classe, ordine, genere, specie si sono in seguito aggiunte altre unità, innanzitutto la famiglia, un gruppo di generi tra loro imparentati, e in seguito altre unità intermedie come sottotipo, sottoclasse, sotto ordine, infra ordine, super famiglia o sotto famiglia. La nomenclatura scientifica è in latino e si usa il suffisso idae per designare la famiglia, ad es. Hominidae, Felidae, il suffisso ea, per la super famiglia, ad es. Anthropoidea o Hominoidea e quello inae per la sottofamiglia, ad es. Ponginae, Homininae. Attualmente si usano le seguenti unità tassonomiche: Regno Phylum (un tempo: Tipo) Sub phylum Superclasse Classe Sottoclasse Ordine Sotto ordine Infra ordine

18 1.2 Le scienze naturali nell età dei Lumi 14 Superfamiglia Famiglia Sottofamiglia Genere Specie Varietà, Razza Nella tassonomia linneana si rivela pienamente lo spirito razionale e sistematico dell età dei lumi. Alla base della classificazione per unità sempre più ampie vi è la maggiore o minore somiglianza che le innumerevoli singole specie presentano tra loro. In questo modo l incredibile e straordinaria varietà degli organismi viventi animali e vegetali veniva identificata e raggruppata secondo principi logici e razionali, in base ai diversi livelli di affinità che essi presentano tra loro. Per Linneo la specie era una entità fissa creata da Dio, poiché ogni individuo genera soltanto individui simili a se stesso. I diversi livelli di affinità che gli animali mostravano di possedere rispecchiavano una sorta di parentela ideale corrispondente al pensiero di Dio all atto della creazione. Soltanto un secolo più tardi la teoria evoluzionista di Darwin farà comprende come la tassonomia linneana era molto di più che una semplice classificazione in base alle reciproche somiglianze e differenze, dal momento che rispecchiava un legame ben più profondo esistente fra tutti gli organismi viventi, quello della comune ascendenza. Un altro grande naturalista del XVIII secolo è stato Georges Louis Leclerc, conte di Buffon ( ), autore di una monumentale Histoire naturelle in 44 volumi, pubblicata a partire dal 1749 e a lungo ristampata anche nel corso del XIX secolo. A Buffon si deve la formulazione del concetto biologico di specie, che supera il criterio della somiglianza, criterio che applicato al campo del mondo degli organismi viventi può rivelarsi insufficiente o problematico a causa delle differenze a volte profonde dovute al dimorfismo sessuale o agli stadi di sviluppo per gli invertebrati (larve e individui adulti) o al contrario al fatto che organismi viventi morfologicamente simili possono presentare adattamenti ecologici e comportamenti differenti e costituire quindi specie distinte. La specie è costituita da un gruppo di individui che sono in grado di accoppiarsi e generare una prole fertile, capace a sua volta di riprodursi. Specie diverse possono accoppiarsi tra loro e produrre prole, che tuttavia risulta sterile. L esempio classico è quello del cavallo che feconda un asina,

19 1.3 Due nuove discipline scientifiche: la paleontologia e la geologia 15 da cui nasce il bardotto oppure dell asino che feconda una cavalla, da cui nasce il mulo. Mulo e bardotto sono sterili. Ogni specie ogni successione di individui che si possono riprodurre con successo l un con l altro sarà considerata come un unità... La specie è una successione costante di individui simili che si possono riprodurre l un con l altro. 1.3 Due nuove discipline scientifiche: la paleontologia e la geologia Due nuove discipline scientifiche avranno un importanza fondamentale per la comprensione del problema dell origine dell uomo, la paleontologia, ovvero lo studio dei fossili, e la geologia. La prima citazione di fossili risale a Senofone di Colofone (ca a.c.), uno dei filosofi della scuola ionica sorta nel VI secolo a.c. nelle colonie greche dell Asia Minore. Sembra che Pitagora secondo quanto riporta Ovidio, Metamorfosi, XV, 60 ss. ed Erodoto conoscessero il significato dei fossili. Ad es., Erodoto a dimostrazione della sua idea che un tempo la valle del Nilo fosse una grande e lunga insenatura marina, cita il ritrovamento di conchiglie sui monti circostanti (Erodoto, II, 11 12). L idea medievale dei fossili come lusus naturae, giochi o scherzi di natura, si appoggiava ad Aristotele, a cui Avicenna attribuisce la teoria che i fossili fossero formazioni inorganiche prodotte da una forza interna alla terra, una non meglio precisata vis plastica. Nel Medioevo era diffusa anche l opinione a lungo sopravvissuta nelle credenze popolari che i fossili fossero opera del demonio o delle streghe. Ad es., l impronta di una conchiglia fossile in una roccia era ritenuta l impronta dello zoccolo del diavolo. La prima comprensione della reale natura dei fossili si deve, in maniera indipendente l uno dall altro, a Leonardo da Vinci ( ), Girolamo Fracastoro ( ) e Bernard Palissy ( ). Un appunto di Leonardo da Vinci, nel codice di Leicester, ci mostra chiaramente come egli avesse compreso la vera natura dei fossili: Il limo dei fiumi ha ricoperto queste conchiglie fossili, penetrando anche nel loro interno, quando erano ancora sul fondo del mare presso la costa. Si pretende che queste conchiglie si siano formate sulle colline per influsso degli astri, ma mi domando dove sono oggi le stelle che formano sulle colline conchiglie di età e specie differenti? D altra parte come potrebbero le stelle spiegare l origine delle ghiaie, che sembrano essere state arrotondate dal movimento dell acqua corrente? Come spiegare, infine, per mezzo di una simile causa la pietrificazione su queste stesse colline di foglie di piante e di alberi marini?. La natura organica dei fossili e la tesi che non potevano essere stati de-

20 1.3 Due nuove discipline scientifiche: la paleontologia e la geologia 16 positati dal diluvio universale furono sostenute da Palissy, agrimensore e ceramista 14. Il suo mestiere gli fornì l occasione di compiere molte osservazioni sui terreni, le loro stratificazioni e i fossili che contenevano. Palissy espose le proprie idee sulla natura dei fossili in una serie di lezioni pubbliche tenute a Parigi nel 1575 e 1576 e in uno scritto del 1580, senza incontrare molta fortuna tra le autorità accademiche della Sorbona. Palissy finirà i suoi giorni alla Bastiglia nel Doveva passare ancora un secolo prima che venisse generalmente accettata l idea che i fossili sono resti di organismi animali e vegetali un tempo vissuti sulla terra, anche se la loro deposizione era attribuita al diluvio universale. Le scienze naturali erano costrette a cercare di conciliare le osservazioni e i dati di fatto accertati con il racconto biblico dalla creazione del mondo fino al diluvio di Noè, ritenuto il paradigma storico assiomatico, a cui comunque la scienza doveva rimanere subordinata. Nonostante la forza delle osservazioni scientifiche e delle scoperte che andavano sempre più accumulandosi, ci vollero secoli per liberarsi definitivamente da questo paradigma, un processo che si è compiuto molto gradualmente. Il primo passo fu la consapevolezza di una nuova dimensione del tempo geologico e della enorme durata delle diverse tappe in cui si articolava la storia della terra. Il termine giorno della Genesi non poteva essere interpretato che in chiave metaforica. Lo sviluppo della geologia darà un contributo fondamentale alla comprensione della storia della vita sulla terra e quindi anche al problema dell origine dell uomo. Grazie alla geologia nacque una nuova concezione del tempo. Importante a questo proposito fu l opera di Buffon, Époques de la nature, Paris Per stimare l antichità della terra Buffon fece ricorso a due calcoli. Se un sottile foglietto di ardesia una roccia argillosa debolmente metamorfosata corrisponde a una marea, una collina con una formazione di ardesia dello spessore di centinaia di metri può avere impiegato anni a formarsi. Il secondo calcolo concerne il tempo di raffreddamento dei solidi. La terra in origine era una sfera di materia allo stato incandescente e poi si è progressivamente raffreddata. Buffon fece riscaldare fino al calor bianco alcune sfere di metallo e di pietra nelle sue fucine di Montbard (Côte d Or), il paese di cui era signore, e poi calcolò il tempo di raffreddamento. In questo modo, facendo le proporzioni con le dimensioni del globo terrestre, arrivò a calcolare per la terra un età di anni. Per Buffon era una stima minima, in realtà nei suoi manoscritti si trova la cifra di 3 milioni di anni per l età della terra. Il grande operaio della natura è il tempo:... egli fa tutto. Negli Atti dell Accademia di Digione, presso la quale Buffon presentò il suo libro, è riportata questa frase attribuita a Buffon: Collochiamo un certo 14 A. Laming-Emperaire, Origines de l archéologie cit., pp

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche ERA GEOLOGICA Periodo in milioni anni Regno vegetale Regno animale Anello di congiunzione Fossile guida Eventi geologici Era Archeozoica 4600 570 Alghe (acqua)

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo:

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo: il testo: 01 Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens La foto a pag.18 fa vedere un immagine del film 2001 Odissea nello spazio. Nella foto si vede un ominide che tiene in mano un osso.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014 Progettazione annuale di STORIA Classe 3 a A Insegnante Floris Silvia Premessa La storia ha un grande valore formativo,

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità.

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. 2. All inizio del romanzo la madre di Alice dice alla figlia Basta

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra Visita alla mostra Prima di cominciare Queste diapositive raccolgono, come in un diario, le impressioni di noi bambini di fronte alle riproduzioni dei dinosauri ammirate durante la visita. In ogni pagina

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

LA SELEZIONE ARTIFICIALE

LA SELEZIONE ARTIFICIALE LA SELEZIONE ARTIFICIALE MENTRE LA SELEZIONE NATURALE E OPERATA DALLA NATURA CHE FA SOPRAVVIVERE SOLO GLI ORGANISMI PIU ADATTI A VIVERE IN UN CERTO AMBIENTE, LA SELEZIONE ARTIFICIALE E OPERATA DALL UOMO.

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 La preistoria raccontata da noi bambini Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 AFRICA circa 30 milioni di anni

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Storia delle Scienze Prof. R. Zingales. La trasformazione della specie: Teorie pre-evoluzionistiche e Charles Darwin

Storia delle Scienze Prof. R. Zingales. La trasformazione della specie: Teorie pre-evoluzionistiche e Charles Darwin Master di II Livello in Didattica delle Scienze per insegnanti delle d scuole elementari e medie Storia delle Scienze Prof. R. Zingales La trasformazione della specie: Teorie pre-evoluzionistiche e Charles

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero

Attività di potenziamento e recupero Attività di potenziamento e recupero 7. Dio e l uomo Dio e l uomo (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Utilizzando un motore di ricerca in Internet, o materiale fornito dal tuo insegnante,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Chiediamo di raffigurare il mosaico la sul quaderno apponendo una didascalia che sintetizzi la teoria creazionistica. Il creazionismo è una teoria

Chiediamo di raffigurare il mosaico la sul quaderno apponendo una didascalia che sintetizzi la teoria creazionistica. Il creazionismo è una teoria IL NEOZOICO E I PRIMI UOMINI Suggerimenti didattici Come sempre iniziamo ad orientarci datando sulla linea del tempo l era che ci porta alla conoscenza dell origine dell uomo e definiamo le caratteristiche

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB)

Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Progetto ARACNE Laboratorio di Eccellenza Certificato LICEO CLASSICO MARIO PAGANO (CB) Il termine ENERGIA deriva dal tardo latino energīa, che a sua volta deriva dal greco ἐνέργεια (energheia). L energia

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI STORIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO STORIA - Ambito disciplinare STORIA Storia Scuola Primaria CLASSE

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Le Piramidi di Teotihuacán, Giza e Xianyang

Le Piramidi di Teotihuacán, Giza e Xianyang L INSOSTENIBILE LEGG EREZZA DELLE COINCIDENZE Le Piramidi di Teotihuacán, Giza e Xianyang Con i dati oggi in nostro possesso, è facile constatare ed è già stato dimostrato da diversi studiosi1 che quanto

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli