SERVIZIO DI VERIFICA E MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTI ASCENSORE, MONTACARICHI, SERVOSCALA E MONTAVIVANDE INSTALLATI IN EDIFICI DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO DI VERIFICA E MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTI ASCENSORE, MONTACARICHI, SERVOSCALA E MONTAVIVANDE INSTALLATI IN EDIFICI DI"

Transcript

1 SERVIZIO DI VERIFICA E MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTI ASCENSORE, MONTACARICHI, SERVOSCALA E MONTAVIVANDE INSTALLATI IN EDIFICI DI PROPRIETÀ E/O COMPETENZA COMUNALE. PERIODO 1 APRILE DICEMBRE CODICE CIG: ZEF13AE6D4 SCHEMA DI CONTRATTO E CAPITOLATO PRESTAZIONALE ******** TRA Il Comune di Lecco, rappresentato dal Direttore del Settore Lavori Pubblici e Patrimonio, Arch. Antonello Longoni, domiciliato per la carica in Lecco, presso la Sede Municipale di Piazza Diaz n. 1, Codice Fiscale e Partita I.V.A , che agisce in forza dell art. 107 del T.U , n. 267, dell art. 26 del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 177 in data , modificato per ultimo con deliberazione di Giunta Comunale n. 150 del ; E la Ditta, rappresentata dal Sig., con sede in ( ), Via N., Codice Fiscale e Partita Iva PREMESSA : - si è ritenuto opportuno procedere all affidamento del servizio di verifica e manutenzione ordinaria degli impianti ascensore, montacarichi, servoscala e montavivande installati presso gli edifici di proprietà e/o competenza comunale per il periodo al secondo la disciplina stabilita dal Regolamento comunale per l acquisizione in economia di beni, lavori e servizi; 1

2 - Con Determinazione dirigenziale n. del è stata approvata la documentazione di gara ed individuata la disponibilità finanziaria per l attivazione della procedura SINTEL; - In data è stata attivata sulla piattaforma Sintel-ARCA Lombardia, la procedura del cottimo fiduciario (RdO) identificativo n., invitando un unico fornitore ; - In data, la società di che risulta accreditata sulla piattaforma e-procurament SINTEL (ARCA Lombardia) alla categoria ATECO F ( installazione, riparazione e manutenzione di ascensori e scale mobili) corrispondente al codice CPV ( impianti meccanici) e (Servizi di riparazione e manutenzione di scale mobili), ha sottoscritto in segno di accettazione, i documenti inerenti la procedura ed inviando apposita offerta - Con determinazione dirigenziale n. del è stato conclusa la procedura Sintel dell Agenzia Regionale Centrali Acquisti (ARCA) identificativo n., accettando l offerta presentata dalla società ed impegnando la spesa complessiva di euro al netto dell IVA TUTTO CIÒ PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ART. 1 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Il Comune di Lecco affida alla società il contratto di appalto avente per oggetto il servizio di verifica e manutenzione ordinaria degli impianti ascensore, montacarichi, servoscala e montavivande installati in edifici di proprietà e/o competenza comunale per il periodo L appalto ha per oggetto l effettuazione di tutti i controlli e verifiche periodiche obbligatorie ai sensi della vigente normativa (con particolare riferimento al D.P.R , n. 162 e s.m.) nonché la manutenzione ordinaria di tutti gli impianti compresa la riparazione, con sostituzione ordinaria di alcune delle apparecchiature non più idonee al normale utilizzo, al fine di mantenerli in perfetta efficienza e a garantirne il corretto funzionamento. Il contratto ha altresì per oggetto la manutenzione degli impianti anche qualora, per le loro caratteristiche tecniche, non rientrano nell ambito di applicazione del D.P.R. n. 162/

3 In tal caso le prescrizioni tecniche del presente contratto-capitolato prestazionale si applicano in quanto compatibili. Gli impianti installati in edifici di proprietà e/o competenza comunale, sono quelli di seguito elencati: Stabile Indirizzo N di impianto N di matricola (n ASL) Artimedia centro diurno per disabili Via Raffaello Servoscala Artimedia centro diurno per disabili Via Raffaello 8 Asilo nido "Arca di Noè" - San Giovanni V.le Adamello TIPO DI IMPIANTO Servoscala (Pedana) montacarichi (Montavivande) Asilo nido "Arca di Noè" - San Giovanni V.le Adamello 15 I19196 Servoscala Asilo nido "Arca di Noè" - San Giovanni V.le Adamello Servoscala 6 Asilo Nido Arcobaleno - Pescarenico via Ghislanzoni, montacarichi (Montavivande) 7 8 Asilo Nido Arcobaleno - Pescarenico via Ghislanzoni, A96 Servoscala Asilo Nido Arcobaleno - Pescarenico via Ghislanzoni, B96 Servoscala 9 Biblioteca Civica Via Bovara CO 4467 Ascensore 10 C.D.D. Via Tagliamento 5 M-18/ /05 servoscala (montapersone) 11 C.D.D. Via Tagliamento servoscala (montapersone) 12 Centro sociale Germanedo via dell Eremo CO 4397 Ascensore 13 Cimitero di Castello Via U. Foscolo 4628 LC 183/42 Ascensore 14 Cimitero di Castello Via U. Foscolo L7N00525 LC 03/2007 Ascensore 15 Cimitero monumentale Via Parini 285 Servoscala 16 Cimitero monumentale Via Parini 612 Servoscala 17 Coop. Agricola Handicappati Via Montessori LC 273/42 Ascensore 18 Edificio Comunale - uffici via Sassi n.18 NI LC 190/42 Ascensore 19 Fabbricato di Via Legnano Via Legnano 6 54NN4966 LC 581/42 Montacarichi (Piattaforma) 20 Palazzo Belgioioso C.so Matteotti n LC 197/42 Ascensore 21 Palazzo delle identità culturali Piazza XX settembre n LC 12/2011 (LC 720/42 x ASL) Ascensore 3

4 22 Palazzo delle identità culturali Piazza XX settembre n LC 13/2011 (LC 719/42 x ASL) Ascensore 23 Palazzo di Giustizia Via Cornelio n.2 CO 2545 Ascensore 24 Palazzo Municipale piazza Diaz, CO 78/93 Ascensore 25 Palazzo Municipale piazza Diaz, 1 montacarichi (Montavivande) 26 Palestra ex T. Grossi Via Ghislanzoni LC 539/42 Montacarichi (Elevatore) 27 Protezione Civile Via B. Buozzi n CO 1231/89 Ascensore 28 S. Elem. "S. Pellico" - Malnago Via Ai Poggi LC 28/2004 (LC 538/42 x asl) Ascensore 29 S. Elem. "A. Diaz" - San Giovanni C.so Monte Santo LC 102/42 Ascensore 30 S. Elem. "A. Diaz" - San Giovanni C.so Monte Santo Servoscala 31 S. Elem. "A. Diaz" - San Giovanni C.so Monte Santo Servoscala 32 S. Elem. "A. Diaz" - San Giovanni C.so Monte Santo 22 I Servoscala 33 S. Elem. "C. Battisti" - Acquate V.le Montegrappa LC 157/42 Ascensore 34 S. Elem. "F. Filzi" - Bonacina Via Timavo Servoscala 35 S. Elem. "G. Carducci" - Castello Piazza Carducci 376 LC 105/42 Ascensore 36 S. Elem. "Pio XI" - Laorca C.so Monte S. Gabriele, n LC 32/2003 (LC 478/42 x ASL) Ascensore 37 S. Elem. "Pio XI" - Laorca C.so Monte S. Gabriele, n Servoscala 38 S. Elem. "S. Stefano" via De Gasperi 20 (2 ingresso Via Ca Rossa 35) 2468 LC 156/42 Ascensore 39 S. Elem. "T. Tarelli" - Chiuso via Gemelli n LC 106/42 Ascensore 40 S. Elem. "Toti" - Maggianico Via Zelioli LC 271/42 Ascensore 41 S. Elem. De Amicis Via Amendola 5127 LC 272/42 Ascensore 42 S. Elem. G. Oberdan - Belledo Via Don Consonni, n LC 33/2003 (LC 477/42 x ASL) Ascensore 43 S. Elem. G. Oberdan - Belledo 44 S. Elem. N. Sauro - Germanedo Via Don Consonni, n. 1 Via Alla Chiesa, 16 - via Lombardia (n elenco 63786/8175?) Servoscala LC/27/2004 (LC 739/42 x ASL) Ascensore 45 S. Materna "Damiano Chiesa" Via Ghislanzoni LC 159/42 Ascensore 46 S. Media Via Ghislanzoni LC 160/42 Ascensore S. Media "A. Ponchielli" - 47 Maggianico Via Puccini CO 4372 Ascensore S. Media "A. Ponchielli" - 48 Maggianico Via Puccini Servoscala 4

5 49 S. Media "A. Stoppani" Via A. Grandi 22 22N S. Media "A. Stoppani" Via A. Grandi 22 22N66365 LC 37/2006 (LC 543/42 x ASL) Ascensore LC 36/2006 (LC 542/42 x ASL) Ascensore 51 S. Media "A. Stoppani" Via A. Grandi /GSL/06 Servoscala 52 S. Media "Don Ticozzi" Via Mentana LC 158/42 Ascensore 53 S. Media "Don Ticozzi" Via Mentana Montacarichi LC 687/42 (Elevatore) Scuola civica di Musica - villa 54 Gomez Via Gomez 2428 LC 161/42 Ascensore 55 Condominio "Nettuno" - (auditorium) via Ugo Foscolo LC 15/14 Ascensore 56 Don Guanella Ascensore L'Amministrazione Comunale si riserva, durante il corso dell'appalto, la facoltà di modificare l'elenco sopra esposto, inserendo gli impianti di nuova costruzione/acquisizione ed eliminando quelli dismessi o non utilizzati, previa comunicazione scritta alla Ditta manutentrice, aggiornando di conseguenza il corrispondente canone di manutenzione; Le caratteristiche tecniche del servizio sono individuate nei presente contratto di servizio. Con la sottoscrizione del presente contratto, la Ditta assuntrice del servizio dichiara la completa accettazione del progetto in funzione della perfetta esecuzione dell intervento. Nel costo complessivo dell intervento sono compresi i seguenti oneri: - Spese di trasferta vitto e alloggio di tutte le maestranze; - Stesura e applicazione dei piani di sicurezza previsti dalla normativa vigente; - Ogni altro onere per svolgere il servizio a regola d arte. La Ditta manutentrice, tramite personale regolarmente abilitato e specializzato a norma di legge, dovrà provvedere: A) OGNI 2 MESI PER TUTTI GLI IMPIANTI: 1. alla verifica del regolare funzionamento di tutti i dispositivi di comando, protezione, sicurezza, allarme e combinatore telefonico; 2. alla verifica del regolare funzionamento dei dispositivi meccanici, idraulici, elettrici ed elettronici quali: ingranaggi elicoidali, cuscinetti, carrucole, pulegge, leve, guarnizioni del freno, tenditore e relativi attacchi, pulegge, nastro selettore, pistone, cilindro, tubazioni rigide e relative guarnizioni, limitatore di velocità e valvole per impianti oleodinamici, spazzole e porta spazzole, avvolgimenti statorici/rotorici, collettori, cavi flessibili, linee elettriche e relative apparecchiature di comando e protezione. 5

6 3. alla verifica del regolare funzionamento, compresa l eventuale sostituzione di componenti danneggiati, delle porte di piano e di cabina, delle bottoniere, delle segnalazioni luminose, delle sospensioni delle porte, degli impulsori, dei contatti di livellamento e delle fotocellule; 4. alla pulizia ordinaria e lubrificazione delle parti meccaniche in movimento; 5. alla verifica della corretta installazione, delle istruzioni per interventi in emergenza nel locale macchine. In caso di mancanza o di non leggibilità la Ditta provvederà ad una nuova installazione; 6. all aggiornamento costante della documentazione di funzionamento dell impianto con l inserimento di verbali d intervento o verifica, in originale o in copia, nel libro matricola riposto nell apposita cassetta porta documenti; 7. al controllo del regolare funzionamento delle apparecchiature di illuminazione (cabina, vano corsa e locale macchine) e segnalazione compresa la sostituzione delle lampade bruciate o asportate; B) ALMENO UNA VOLTA OGNI 6 MESI PER GLI ASCENSORI E ALMENO UNA VOLTA ALL ANNO PER I MONTACARICHI, I MONTAPERSONE, I SERVOSCALA ED I MONTAVIVANDE: 1. alla verifica dell'integrità ed efficienza del paracadute, del limitatore di velocità e degli altri dispositivi di sicurezza, nonché delle componenti essenziali dell impianto; 2. alla verifica minuta delle funi, delle catene e dei loro attacchi; 3. alla verifica dell'isolamento dell'impianto elettrico e dell'efficienza dei collegamenti alla rete di messa a terra, con dichiarazione scritta dei valori di resistenza e della funzionalità dell impianto medesimo; 4. all annotazione dell'esito delle predette verifiche/visite sul libretto prescritto dalla Legge, (con tutti i dati riepilogativi e la relazione tecnica contenente lo stato degli impianti, gli interventi effettuati o consigliati per poter migliorare l efficienza e la sicurezza). C) ALMENO UNA VOLTA ALL ANNO: 1. alla pulizia e sanificazione semestrale delle fosse dei vani corsa e dei locali macchina. L operazione di pulizia comprende la rimozione e lo smaltimento di qualsiasi materiale estraneo che possa ritrovarsi negli ambienti citati. D) OGNI VOLTA IN CUI SI RENDA NECESSARIO: - all assistenza tecnica durante le visite periodiche e ogni qualvolta richiesto dal direttore del servizio; 6

7 - predisporre ogni genere di documentazione, relativa gli impianti ascensori, da presentare all A.S.L., all I.S.P.E.S.L. o agli ENTI NOTIFICATI, per la richiesta di visite straordinarie e per consentire le verifiche e i collaudi ecc., inviando inoltre personale abilitato in assistenza al funzionario preposto alle verifiche straordinarie; - all assistenza ad altre imprese per lavori di qualsiasi natura; - all assistenza per l eliminazione dell'acqua dalla fossa dell impianto eseguita da altre imprese, inclusa la predisposizione degli impianti per l eliminazione dell'acqua; - alla sostituzione delle parti di usuale consumo, come contatti di carboni, fusibili, connessioni flessibili, pulsanti, mollette e lampadine varie su pulsantiere cabine e vani corsa e in generale delle parti rotte e logorate. - rimuovere, smaltire e sostituire parti di impianto contenenti materiali tossici o nocivi pericolosi per la salute degli utenti e dei manutentori. Per ogni impianto l appaltatore dovrà rilasciare una dichiarazione attestante l assenza di tali parti. E) dovrà segnalare all amministrazione comunale la necessità di riparazione e/o sostituzione delle parti rotte o logorate, non comprese nelle lettere precedenti del presente articolo, trasmettendo tempestivamente il relativo preventivo di spesa al tecnico competente dell amministrazione comunale, e ad effettuarne, solo dopo specifico ordine, l intervento, nonché a verificarne l avvenuta corretta esecuzione; se detti lavori richiedessero la sospensione d esercizio dell impianto, per un periodo superiore ai quindici giorni, verrà sospeso il corrispondente canone di manutenzione. I pezzi guasti che verranno sostituiti resteranno di proprietà dell Amministrazione Comunale, salava diversa indicazione. La garanzia sui ricambi, che dovranno possedere caratteristiche tecniche almeno eguali a quelli rimossi e perfettamente compatibili con la componentistica dell impianto, sarà di anni uno. Al termine di ogni intervento dovrà essere rilasciata la dichiarazione di conformità ai sensi del D.M. 37/2008 e s.m. L ufficio manutenzione potrà comunque affidare detti interventi a terzi senza che l appaltatore abbia a pretendere alcunchè. F) nel caso la ditta manutentrice rilevi situazioni di pericolo in atto, è tenuta a fermare l impianto fino a quando esso sia stato riparato, informando il tecnico competente dell amministrazione comunale per i provvedimenti di competenza ed il soggetto incaricato delle verifiche periodiche biennali 7

8 G) in caso di interruzione del servizio, dovrà inviare personale specializzato, ad ogni richiesta, per ripristinare l esercizio dell impianto. Detto personale dovrà intervenire entro le 2 (due) ore successive alla chiamata, sia nel normale orario di servizio sia per le chiamate in orario serale, notturno e festivo, senza alcuna maggiorazione di compenso, dalle ore alle ore 24.00; H) dovrà provvedere alla manovra di emergenza e ad istruire il personale di custodia dello stabile ad effettuarla; I) apporre ed a mantenere tutte le targhe e cartelli indicatori previsti dalla legislazione vigente, esponendo in ogni impianto, all interno della cabina e nella zona presidiata all ingresso, un codice identificativo dell impianto, l indirizzo ed il recapito telefonico della Ditta di manutenzione dell impianto. Tale segnaletica dovrà essere ripristinata ad ogni eventuale danneggiamento. L) fornire, aggiornare e completare, dove necessario, la documentazione tecnica di impianto (schemi elettrici, disegni, caratteristiche tecniche ). M) redigere, ogni volta che viene richiesto dalla direzione del servizio, una dettagliata Relazione Tecnica sullo stato dell impianto con l indicazione delle carenze riscontrate, delle prestazioni e/o delle sostituzioni effettuate, dall inizio dell appalto ed eventuali interventi che si ritengono necessari al fine di assicurare il miglioramento del funzionamento. ART. 2 AMMONTARE DEL SERVIZIO L importo presunto per le attività in oggetto, da considerarsi forfetario ed omnicomprensivo delle prestazioni oggetto del contratto, ammonta ad euro = al netto dell IVA, determinato come segue: - controlli e verifiche periodiche di nove mesi per ascensori: costo unitario euro,00.=, oltre IVA (n. 30 impianti); - controlli e verifiche periodiche di nove mesi per elevatori, montacarichi e montavivande: costo unitario euro,00.=, otre IVA (n. 6 impianti); - controlli e verifiche periodiche di nove mesi per servo scala: costo unitario euro,00.=, oltre IVA (n.18 impianti); 8

9 L ammontare del servizio di manutenzione ordinaria, relativo a quanto non compreso nei controlli e verifiche periodiche è pari a ,00= (diconsi euro diecimila/00), al netto dell IVA. Oneri della sicurezza come da DUVRI, euro 900,00. ART. 3 INVARIABILITA DEL PREZZO Il prezzo individuato per i controlli e verifiche periodiche è invariabile e si intende comprensivo di tutte le spese e gli oneri necessari per erogare il servizio previsto a perfetta regola d arte, nel rispetto di tutte le fonti normative vigenti in materia, fatta salva la facoltà di modificare in aumento o in difetto il compenso complessivo qualora vengano aggiunti o eliminati impianti da sottoporre a manutenzione. Per quanto attiene il compenso per la manutenzione ordinaria, relativa a quanto non compreso nei controlli e verifiche periodiche, lo stesso deve considerarsi presunto in base al fabbisogno medio, pertanto si precisa fin d ora che verranno liquidate e pagate le sole prestazioni effettivamente effettuate, contabilizzate mediante l elenco prezzi facente parte del progetto. L impresa appaltatrice, con la sottoscrizione del presente contratto, dichiara, a seguito di verifica effettuata relativamente alle singole quantità ed ai prezzi inerenti, di ritenere congruo il prezzo offerto, assumendosi, senza eccezione e per intero, ogni e qualsiasi responsabilità inerente e conseguente l esecuzione del servizio, restandone sollevata l Amministrazione Comunale ed il suo personale preposto alla direzione ed alla sorveglianza. Qualsiasi osservazione riguardante le modalità con cui si è addivenuti alla determinazione del prezzo di cui all art. 2 deve essere fatta valere dall impresa appaltatrice per atto scritto e prima della sottoscrizione del presente contratto. ART. 4 QUALITÀ DEI MATERIALI E DEI COMPONENTI. CONFORMITÀ DEI MATERIALI E TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AL DIRETTORE DEL SERVIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE. I materiali in genere occorrenti per l esecuzione degli interventi previsti saranno scelti dall Impresa affidataria, sentito il direttore del servizio dell amministrazione comunale, purché rispondano ai requisiti previsti dalle vigenti norme in materia. I materiali forniti/posati che, ai sensi delle vigenti normative, necessitano di certificazioni dimostranti le caratteristiche tecniche e/o di posa, potranno essere contabilizzati 9

10 esclusivamente dopo la trasmissione, al direttore del servizio dell amministrazione comunale, della idonea documentazione attestante le caratteristiche richieste, in particolare nel caso di classificazione di reazione al fuoco, salvo modifiche successive alla data del presente Contratto, dovrà essere così composta: la dichiarazione di conformità degli impianti alla regola dell arte ai sensi della normativa vigente; l elenco dei materiali ed apparecchiature installati, compreso le relative dichiarazioni di conformità CE dei produttori, i relativi cataloghi e le schede tecniche; copia dell atto di omologazione del materiale rilasciato dal Ministero dell Interno alla Ditta costruttrice; certificazione di reazione al fuoco del materiale rilasciato da laboratorio autorizzato; dichiarazione di conformità rilasciata dalla Ditta costruttrice attestante la conformità dello specifico lotto di materiale del prodotto omologato; dichiarazione di conformità rilasciata dalla Ditta posatrice/installatrice che certifichi: a) il rispetto dei criteri di posa descritti nel certificato di prova; b) i quantitativi posati; c) gli estremi della Ditta fornitrice con le relative bolle/fatture allegate; d) la classe di reazione al fuoco. Tutti i materiali utilizzati (pitture, smalti, collanti, pavimenti e rivestimenti non ceramici) dovranno essere certificati atossici secondo i vigenti metodi di classificazione. Nel caso in cui la documentazione di cui sopra non venga presentata entro dieci giorni dalla data del verbale di ultimazione del servizio, l importo relativo al materiale soggetto a certificazione non verrà inserito nel conto finale, senza che l appaltatore possa avanzare eccezione alcuna. ART. 5 ANDAMENTO DEL SERVIZIO Il programma del servizio sarà elaborato secondo le prescrizioni del responsabile del servizio dell amministrazione comunale. L inizio del servizio avverrà entro e non oltre 10 giorni dalla comunicazione di affidamento dello stesso mediante compilazione di apposito verbale. L ultimazione del servizio verrà attestata con specifico verbale sottoscritto dall Impresa e dal tecnico responsabile dell amministrazione comunale. L attestazione di regolare esecuzione sarà redatta e sottoscritta entro 45 giorni dall ultimazione del servizio. 10

11 ART. 6 - SUBAPPALTO 1. È ammesso il ricorso al subappalto a soggetti in possesso dei requisiti di carattere generale di cui all art. 38 del D.Lgs. n.163/2006 e dei requisiti di qualificazione tecnicoorganizzativa ed economico-finanziaria, in osservanza dell articolo 118 del D.Lgs. n. 163/ La stazione appaltante predispone, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, appositi modelli da compilare a cura dell appaltatore per l istruttoria finalizzata all autorizzazione del subappalto. La predetta modulistica contiene i riferimenti normativi e gli adempimenti obbligatori per Legge a carico dell appaltatore e del subappaltatore necessari al rilascio dell autorizzazione da parte della Stazione appaltante. 3. Il subappalto deve essere autorizzato preventivamente dalla Stazione appaltante in seguito a richiesta scritta dell'appaltatore; il termine per il rilascio dell autorizzazione viene sospeso qualora l istanza o la relativa documentazione sia incompleta o non correttamente compilata ovvero qualora manchi uno o più dei presupposti di Legge per il rilascio dell autorizzazione medesima. 4. L'appaltatore resta in ogni caso responsabile nei confronti della Stazione appaltante per l'esecuzione delle prestazioni oggetto del subappalto, sollevando la Stazione appaltante medesima da ogni pretesa dei subappaltatori o da richieste di risarcimento danni avanzate da terzi.. 5. Il subappalto non autorizzato comporta inadempimento contrattualmente grave ed essenziale anche ai sensi dell articolo 1456 del codice civile con la conseguente possibilità, per la Stazione appaltante, di risolvere il contratto in danno dell appaltatore, ferme restando le sanzioni penali previste dall articolo 21 della Legge 13 settembre 1982, n. 646, come modificato dal Decreto Legge 29 aprile 1995, n. 139, convertito dalla Legge 28 giugno 1995, n. 246 (ammenda fino a un terzo dell importo dell appalto, arresto da sei mesi ad un anno). La Stazione appaltante non provvede al pagamento diretto dei subappaltatori e l appaltatore è obbligato a trasmettere alla stessa Stazione appaltante, entro 20 giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato a proprio favore, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da esso corrisposti ai medesimi subappaltatori o cottimisti, con l indicazione delle eventuali ritenute di garanzia effettuate. 11

12 Qualora l appaltatore non trasmetta le fatture quietanziate del subappaltatore o del cottimista entro il termine di cui al comma 1, la stazione appaltante sospende il successivo pagamento a favore dell appaltatore. ART. 7 VARIANTI DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI Salvo quanto previsto dall art. 7 del Regolamento comunale per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, non sono ammesse varianti che incidano economicamente sull importo complessivo stabilito nel quadro economico dell intervento. ART. 8 DURATA DEL CONTRATTO E PENALE PER IL RITARDO La decorrenza delle attività avverrà dal 1 aprile 2015 con durata nove mesi ( 31 dicembre 2015). Non sono ammesse sospensioni del servizio, se non per richieste motivate dal responsabile tecnico dell amministrazione comunale. Per ogni giorno di ritardo, l Impresa Appaltatrice sarà passibile di una penale pecuniaria pari a 50,00.= (diconsi cinquanta/00), salvo il diritto dell Appaltatore al risarcimento degli eventuali maggiori danni e alla risoluzione del contratto nel caso stabilito nei successivi commi. Viene precisato che la penale per ritardo viene applicata anche nel caso di mancata o ritardata effettuazione delle verifiche periodiche rispetto alle scadenze di ciascun impianto oggetto di manutenzione. La stazione appaltante valuterà il calendario e la programmazione degli interventi pianificati dall appaltatore. Gli importi relativi alle penali saranno dedotti direttamente dalla Stazione Appaltante in sede di liquidazione del corrispettivo concordato. ART. 9 PAGAMENTI Il compenso per la prestazione eseguita verrà corrisposto come segue: 100% alla conclusione del servizio compresa la consegna della documentazione certificativa. Il pagamento avverrà con mandato di pagamento, tramite la Tesoreria comunale, sul conto corrente dedicato, comunicato dall assegnatario del servizio di cui al presente contratto, ai sensi dell art.3 della L. 13 agosto 2010 n Dal pagamento verranno detratte eventuali penali applicate. 12

13 Il pagamento avverrà entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricevimento della fattura, previo accertamento della regolare esecuzione del servizio e delle prestazioni ad essa connesse ed acquisizione del DURC attestante la regolarità contributiva del fornitore. Le fatture dovranno essere emesse e trasmesse esclusivamente in forma elettronica per il tramite del Sistema di Interscambio di cui al Decreto MEF 7 marzo 2008 all indirizzo PEC della stazione appaltante, riportato sul sito Ciascuna fattura dovrà contenere il riferimento degli estremi del procedimento amministrativo di affidamento del servizio e l assunzione dell impegno di spesa comunicato dall Amministrazione comunale, il codice identificativo gara (CIG) nonché il periodo di riferimento del servizio prestato. Il committente dovrà inoltre emettere apposita fattura per ogni tipologia di immobile oggetto d intervento (Uffici giudiziari, asili nido, Musei, Scuola civica di Musica, Cimiteri, Centro sociale, Centro socio educativo). ART. 10 ONERI A CARICO DELL IMPRESA Risultano a carico dell Impresa Appaltatrice dei lavori: Presentazione di idonea polizza assicurativa di responsabilità civile per danni a terzi nell esecuzione del servizio; La fornitura e manutenzione di cartelli di avviso e di quanto altro venisse particolarmente indicato dal tecnico responsabile dell amministrazione, a scopo di sicurezza; I danni arrecati a terzi in conseguenza dell esecuzione del servizio, nessuno escluso; Ogni obbligo nei confronti dei lavoratori presenti in cantiere; Il rispetto di ogni norma antinfortunistica; Ogni onere connesso all attività del servizio; Il pagamento di ogni tassa e/o onere inerente ai materiali e mezzi d opera da impiegarsi; Il provvedere a sua cura e spese e sotto la completa responsabilità, al ricevimento in cantiere, al carico, allo scarico ed al trasporto dei materiali nei luoghi di deposito e/o alle Pubbliche Discariche, secondo le indicazioni del tecnico responsabile dell amministrazione; La pulizia ordinaria durante il periodo di esecuzione del servizio, degli spazi interessati dall intervento; 13

14 ART DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA Il presente contratto è stato valutato in base all art. 26 del D.Lgs. 81/2008 ed è stato rilevato che vi sono rischi connessi all interferenza tra le attività. Pertanto il Comune committente ha redatto il DUVRI ("Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze") che prevede le misure necessarie a ridurre o eliminare i rischi da interferenza. Prima dell inizio del servizio le parti contraenti procederanno all effettuazione di un sopralluogo congiunto al fine di adempiere alle disposizioni di cui all art.26 del D.Lgs. n.81/2008. ART. 12 OSSERVANZA DI LEGGI - REGOLAMENTI L Impresa si impegna a rispettare nell esecuzione del servizio le disposizioni contenute in tutte le leggi e regolamenti relativi e in particolare: D.P.R. 214 del 5 ottobre 2010, recante Regolamento recante modifiche al D.P.R. 162 del 30 aprile 1999, per la parziale attuazione della dir. n. 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la dir. n. 95/16/CE relativa agli ascensori D.Lgs. n. 163/2006 e D.P.R. n. 207/2010; Decreto Legislativo n.81/2008 e del Decreto legislativo , n. 528 e successive modificazioni ed integrazioni; D.P.R. n.162/1999; D.M. n.37/2008; Regolamento Comunale per l acquisizione in economia di servizi, lavori e forniture, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 17 in data L Amministrazione si riserva in ogni momento la facoltà di verificarne la veridicità di quanto dichiarato dall Impresa. ART ADEMPIMENTI AI SENSI DELLA LEGGE 13/08/2010 N.136 L Appaltatore si assume l obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi di quanto previsto dall art.3 comma 8 della legge 13 agosto 2010 n.136. Il contratto d appalto sarà risolto, ai sensi ed effetti di quanto stabilito dall art c.c., nel caso in cui l Appaltatore esegua transazioni finanziarie inerenti il contratto d appalto (pagamenti/incassi) senza avvalersi di banche o della società Poste Italiane s.p.a secondo 14

15 le modalità dell art.3 comma 1 della legge 13 agosto 2010 n.136 (riportando, ove assegnato dal CIPE. Il CUP su ogni bonifico bancario o postale). L Appaltatore nel caso in cui dovesse avere notizia che un suo subappaltatore o subcontraente non abbia dato corso agli obblighi di tracciabilità finanziaria di cui alla legge n.136/2010, deve informare la stazione appaltante e la Prefettura Ufficio territoriale del Governo competente per territorio; in difetto Iride potrà procedere alla risoluzione del contratto di appalto ai sensi ad effetti dell art c.c. Inoltre l Appaltatore si impegna, nei contratti che andrà se del caso a stipulare con subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate all oggetto dell appalto, ad inserire a pena di nullità assoluta del contratto di subappalto/subfornitura, una clausola con la quale ciascuna parte del subappalto/subcontratto si assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge n.136/2010. Lecco, li Per Accettazione L IMPRESA IL DIRETTORE DEL SETTORE (Arch. Antonello Longoni) Agli effetti degli artt e 1342 del Codice Civile, la sottoscritta Impresa dichiara di approvare specificatamente le disposizioni contenute nell art. 3 del Contratto d Appalto ad oggetto: invariabilità del prezzo. Lecco, li L IMPRESA 15

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli