Violenza contro le donne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Violenza contro le donne"

Transcript

1 Violenza contro le donne La violenza contro le donne, in ogni sua forma, viola i diritti umani e rappresenta un ostacolo significante per l'eguaglianza fra donne e uomini, crea un problema di salute pubblica e costi elevati per la società. La violenza rimane uno dei maggiori problemi a livello dell'ue, dove circa 1 donna su 4 subisce violenze fisiche e più del 10% violenze sessuali. Inoltre i dati non riflettono accuratamente l'estensione del problema a causa del basso livello di denunce. In alcuni sistemi legali e culture alcune forme di violenza contro le donne non sono trattate come crimini ma come un affare familiare privato (come i crimini d'onore). Questa distinzione fra pubblico e privato è una delle prime ragioni per cui non sempre le violenze vengono perseguite. Per questa ragione, inoltre, è difficile la raccolta di statistiche nazionali comparabili, anche se la raccolta di dati rimane una necessità per identificare l'estensione del problema. La definizione stessa di violenza contro le donne non è semplice. le definizioni usate dalle Nazioni Unite e dal Consiglio d'europa coprono tutte le forme di violenza basate sul genere. Evidenziano tre grandi categorie di violenze: dentro la famiglia, nella società e la violenza perpetrata o condonata dallo Stato. Nella pratica la violenza di genere assume varie forme. Secondo il Consiglio d'europa non meno del 45% delle donne sono vittime di qualche forma di violenza da parte degli uomini. Un'attenzione crescente viene data alla violenza domestica, la forma di violenza più seria e diffusa. Viene stimato che, in Europa, fra 12% e il 15% delle donne sono vittime di abusi domestici che risulta essere la prima causa di morte per le donne fra i 16 e i 44 anni. Contesto internazionale Nazioni Unite - La Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne (CEDAW) del 1979 precede la Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne del 1983 che è stato il primo strumento internazionale indirizzato esclusivamente alla violenza contro le donne. Secondo la Dichiarazione gli Stati dovrebbero condannare la violenza contro le donne e non invocare nessuna consuetudine, tradizione o considerazione religiose per evitare i loro obblighi rispetto a questa eliminazione. - La Quarta Conferenza Mondiale sulle Donne (Pechino 1995) ha incluso l'eliminazione della violenza contro le donne nei suoi 12 obiettivi strategici, elencando le misure che dovrebbero essere prese dagli Stati, le organizzazioni internazionali e non governative con lo scopo di prevenire ed eliminare il problema. - Con la risoluzione 54/134 del 1999 l'assemblea Generale ha proclamato la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Consiglio d'europa La lotta alla violenza contro le donne è una delle priorità del Consiglio d'europa.

2 - Aprile 2002 è stata adottata una raccomandazione su questo tema, si tratta del primo strumento internazionale per definire una strategia di prevenzione della violenza e protezione delle vittime : campagna per combattere la violenza contro le donne, compresa quella domestica. Ue - Trattato di Lisbona: riafferma i principi di eguaglianza fra donne e uomini e non discriminazione. - Trattato Funzionamento Ue: Pe ha più potere in materia - Carta dei Diritti Fondamentali riafferma i dirtti di dignità e uguaglianza. Daphne Nato nel 2000 mira alla prevenzione e lotta di tutte le forme di violenza (fisica, sessuale e psicologica) che avvengono sia nel pubblico che nel privato contro donne, adolescenti e bambine. I progetti possono coinvolegere tutti gli Stati membr, quelli candidati e i Paesi EEA. Daphne III copre il periodo dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2013, con un budget totale di milioni di euro. Parlamento europeo - Nella sua risoluzione del 26 novembre 2009 chiedeva alla Ce di presentare una proposta per una direttiva sulla prevenzione e lotta a ogni forma di violenza contro le donne. Sollecitava inoltre gli Stati membri a riconoscere la violenza sessuale e lo stupro, anche all'interno del matrimonio e relazioni intime, come un crimine. Gli Stati membri dovrebbero inoltre stabilire un sistema di raccolta dati comparabili sulla violenza contro le donne. - Nella risoluzione del 10 febbrario 2010 il Pe ha chiesto nuovamente una direttiva in questo ambito. Protezione delle vittime La protezione delle vittime rappresenta un diritto che l'unione europea deve garantire del quadro dello sviluppo di un'area di libertà, sicurezza e giustizia. Le vittime hanno il diritto di accedere alla giustizia, alla compensazione del danno subito, come all'assistenza, che sia finanziaria, psicologica, medica o sociale. Inoltre hanno il diritto di essere al sicuro da ulteriori aggressioni commesse dalla stessa persona. 1 europeo su 4 è vittima di violenza. La reiterazione dei reati può avvenire in ogni settore criminale, ed è particolarmente frequente nel caso della violenza di genere: è stato stimato che donne residenti nell'ue sono coperte da ordini di protezione in risposta a violenze di questo tipo. Nel 2009 il Consiglio ha chiesto agli Stati membri di fornire il numero di casi di ordine di protezione che si avvicina per tipologia alla nuova proposta di direttiva. Hanno risposto 13 Paesi (65% della popolazione europea) e secondo i dati raccolti per nel 2008 il totale degli ordini di protezione era di , la maggior parte dei quali

3 legati a violenza di genere. Da questo dato è stato stimato che a livello Ue, nel 2008, sono stati emanati circa ordini di protezione. Strumenti internazionali Nazioni Unite Dichiarazione di principi di base per la giustizia delle vittime di crimini e abuso di potere - adottata nel sottolinea l'importanza delle misure per assicurare la sicurezza delle vittime. Consiglio d'europa Il Consiglio d'europa ha introdotto un numero sostanzioso di strumenti legali e testi in relazione ai diritti delle vittime. In particolare: - Raccomandazione sull'assistenza alle vittime di crimini (2006) - fissa gli standard e i principi applicabili in questa area e sottolinea che gli Stati devono assicurare la protezione del buon stato di salute fisico e psicologico delle vittime. Il testo raccomanda inoltre misure di protezione particolari per le vittime che devono testimoniare. - Raccomandazione N. R (85) 11 sulla posizione della vittima nel quadro della legislazione penale e della procedura (1985). Raccomanda agli Stati membri di rivedere la loro legislazione e le politiche nel rispetto delle linee guida secondo le quali alla vittima e alla sua famiglia dovrebbe essere fornita protezione contro le intimidazioni e il rischio di reiterazione del crimine. - Convenzione europea sull'indennizzo delle vittime di crimini violenti (1983) Politiche europee - La base legale per la protezione della vittima proviene dal diritti di libera circolazione della persone. Tenendo in considerazione l'aumento della mobilità dei cittadini, la Commissione europea ha adottato, nel 1999, una comunicazione sulle vittime di crimini nell'ue, focalizzata sui problemi affrontati dalle vittime di un atto criminale perpetrato in uno Stato membro diverso da quello di appartenenza. - Nel 2001 il Consiglio ha adottato una decisione quadro sulla posizione delle vittime nelle procedure penali, mirante ad armonizzare i diritti fondamentali delle vittime di crimini in tutta l'unione. A questo scopo, gli Stati membri erano stati chiamati a coordinare le loro leggi penali per offrire alle vittime alcuni diritti minimi. Tra questi il diritto di un'adeguata protezione per le vittime e le loro famiglie, specialmente in relazione alla loro sicurezza legata alla protezione della privacy. - Complementare a quest'ultima, la direttiva sull'indennizzo delle vittime di crimini adottata dal Consiglio nel 2004, che prevede anche risarcimenti transfrontalieri. - Secondo il Programma di Stoccolma alle vittime di crimini o ai testimoni che sono a rischio possono essere offerte misure di protezione che devono essere effettive all'interno dell'unione.

4 Situazione giuridica dello stalking negli nell'ue Lo stalking in Eruopa è diventato oggetto di preoccupazione sociale e accademica verso la metà degli anni '90 e la legislazione in materia è diventata parte di dibattiti in alcuni Paesi. Nel 1997 il Regno Unito è stato il primo Paese Ue ad adottatare una legislazione antistalking (fa eccezione la Danimarca dove una legge del 1933 contiene già una misura che tocca lo stalking). Altri Stati che fino ad ora hanno adottato una legislazione contro lo stalking sono: Belgio, Olanda, Germania, Malta, Irlanda, Austria e Italia. Dove esiste una legislazione in materia di stalking i legislatori hanno aggiunto un nuovo articolo nel codice penale o hanno emendato un articolo ancora in vigore per una condotta simile, o hanno introdotto un Atto specifico contro le molestie o la violenza domestica che intende coprire anche lo stalking. Negli altri Paesi, dove ancora non esistono leggi anti-stalking, è possibile perseguire tale reato solo quando rientra in un'altra categoria di reato già esistente. Dati Paesi: - GB: % di donne e 1,7% di uomini sono stati vittime di attenzioni persistenti. - Germania: 11,6% di persone - Svezia: 9% (¾ donne e ¼ uomini) (2006) - Olanda: dall'entrata in vigore della legge ancti-stalking le corti hanno riconosciuto 1947 casi, 1811 di questi si sono conclusi con una sentenza di stalking. - Danimarca: nel 2005 la sezione del codice penale che prevedere il reato di stalking è stata violata 935 volte da cui sono derivate 840 condanne. Legislazioni esistenti in Europa: Danimarca Può essere considerata la pionera della legislazione anti-stalking in quanto già una legge del 1933 lo prevede. Il codice fa riferimento alla violazione della quiete di una persona, utilizzando un termine che implica la ripetizione si tale comportamento e differenti tipi di azioni. La Polizia può dare un avvertimento o un ordine restrittivo a discrezione e il carcere è previsto per un massimo di 2 anni. La legge è stata emendata 2 volte (1964 e 2004) per coprire casi più seri, con un relativo inasprimento delle pene. Regno Unito Criminalizzato dal 1997 con il Protection from Harassment Act. Questo atto non è rivolto direttamente allo staliking ma considera due tipi di comportamenti: molestia (fino a sei mesi di prigione e/o ammenda) e il mettere una persona sotto la pressione con la violenza (fino a 5 anni di prigione e/o ammenda). Belgio Nel 1998 è stato inserito un nuovo articolo nel Codice penale (442 bis) che mostra due aspetti principali nella definizione di stalking: il disturbo della quiete di una

5 persona e l'utilizzo di una parola differente da stalking belaging. La legge ha adottao una definizione molto generica dando ai giudici grande potere discrezionale. Pene fino a due anni e non sono previste misure specifiche rigiuardo le restrizioni. Irlanda Dal 1997 The Non-Fatal Offences Against Person Act che mira a coprire tutte le forme di molestie. Per perseguire una persona sono necessarie due o più circostanze di intrusioni indesiderate. Il tribunale penale può emettere un ordine restrittivo e oltre a incarcerazione fino a 7 anni e/o ammenda. Olanda 2000 introduzione dell'art 285b nel Codice penale. Lo stalking viene definito come una violazione della privacy di una persona e l'istigazione alla paura della vittima e viene punito con un massimo di 3 anni di prigione o un'ammenda. Il tribunale può emettere anche un ordine restrittivo. Malta 2005 due nuovi articoli del codice penale riguardanti le molestie includono anche lo stalking. La definizione del crimine include la paura della violenza non solo contro la persona ma anche contro le prioprietà e allarmare la persona o causarle ansia/angoscia. Pene fino a sei mesi di carcere e un'ammenda e ordini di protezione specifici per lo stalking. Austria Entrata in vigore nel 2006 sezione 107a del Codice penale. Elemento essenziale dell'offesa è l'invasione della privacy della vittima e la reazione della vittima non è rilevante. Sono previste 4 forme: - Cercare la prossimità della vittima - Entrare in contatto con la vittima attraverso mezzi di comunicazione o attraverso persone terze - Ordinare beni o servizi per la vittima utilizzando i sui dati - Spingere altre persone a contattare la vittima La denuncia della vittima non è necessaria e lo stalking è punibile con l'incarcerazione fino ad un anno. Sono previsti anche ordini di restrizione. Durante il procedimento penale la vittima ha diritto a supporto legale e psicologico e sono previsti corsi di formazione professionale specifici. Germania 2007 articolo 238 del Codice penale e prevede: - cercare prossimità fisica - Entrare in contatto con la vittima attraverso mezzi di comunicazione o attraverso persone terze - Ordinare beni o servizi per la vittima utilizzando i sui dati o convincere altre persone a contattare la vittima - minacciare la vita, l'integrità fisica, la salute fisica o la libertà della persona - agire in modo da compromettere la libertà personale

6 Carcere fino a 3 anni o ammenda. In casi di seri danni fisici o pericolo di morte la pena può arrivare a un massimo di 10 anni e in ogni caso almeno tre anni se la vittima viene uccisa. Italia Legge specifica sullo stalking nuovo articolo nel codice penale carcere fino a 4 anni. Possibilità di ordini di restrizione. Portogallo Per il momento non c'è una nuova legge ma la proposta di un nuovo Codice Penale contiene alcune misure che posso essere applicate anche ai casi di stalking. Slovenia Dal 2006 può essere parzialmente perseguito con il riconoscimento di alcune forme di condotte simil. In generale si evince che la maggior parte degli Stati membri non sono in grado di prevedere un supporto legale per le vittime di stalking. Solo 9 Paesi hanno una legge anti-stalking. Secondo alcuni studi tra i Paesi che non hanno una legislazione specifica alcuni considerano la necessità o l'eventualità di averla e altri no, perchò ritengono che sia già compreso in altre categorie di reati o perchè il reato non è conosciuto o considerato un problema sociale o accademico. (in Spagna, nonostante sia stata approvata una legge contro la violenza domestica lo stalking non è ancora considerato un problema sociale, di salute o legale) Nei Paesi che hanno adottato le legislazioni specifiche hanno avuto un ruolo molto importante i mezzi di comunicazione e le associazioni femminili. Le varie leggi sono caratterizzate da differenti definizioni legali del reato e una considerevole varità di parole e espressioni linguistiche per identificarlo. Nei Paesi dove esiste una legislazione resta comunque necessaria una valutazione dell'implementazione per misurarne l'impatto e l'efficacia.

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

Eliminazione della violenza contro le donne

Eliminazione della violenza contro le donne 21.10.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 285 E/53 Eliminazione della violenza contro le donne P7_TA(2009)0098 Risoluzione del Parlamento europeo del 26 novembre 2009 sull'eliminazione della

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE COLTIVAZIONE PRODUZIONE SPACCIO E TRAFFICO STATI MEMBRI CONSUMO POSSESSO DI DROGA Austria: possesso di droghe proibito e sanzionabile penalmente Stupefacenti:

Dettagli

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 1 ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 2 Sono caduta dalle scale : dietro questa affermazione si nasconde spesso una realtà ben più tragica: una violenza subita da

Dettagli

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe:

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: NEL 1946 L ONU COSTITUISCE LA COMMISSIONE DEI DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI Meno omicidi in Italia. Ma non al Sud Il rischio più alto nei grandi centri urbani Gli uomini principali vittime degli omicidi, ma in famiglia

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n.

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n. Piano d azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere Sala Polifunzionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma, 7 maggio 2015 Il Piano attua la Convenzione sulla prevenzione e la lotta

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002. Dec. 2002/465/GAI del 13 giugno 2002 (1). Decisione quadro del Consiglio relativa alle squadre investigative comuni. (1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno

Dettagli

MOZIONE N.170 ... OGGETTO: PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE

MOZIONE N.170 ... OGGETTO: PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE ... ~ N.170 OGGETTO: INIZIATIVE ISTITUZIONALI E POLITICHE DI CONTRASTO ALLE VIOLENZE SULLE DONNE. PRESENTATA DAI CONSIGLIERI: RAUTI - RODANO - FIORITO - MIELE - GATTI - CETRONE - COLOSIMO BATTISTONI -

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

RISOLUZIONE SULLE PARITÀ DI DIRITTI PER GLI OMOSESSUALI NELLA COMUNITÀ APPROVATA DAL PARLAMENTO EUROPEO L'8.2.1994

RISOLUZIONE SULLE PARITÀ DI DIRITTI PER GLI OMOSESSUALI NELLA COMUNITÀ APPROVATA DAL PARLAMENTO EUROPEO L'8.2.1994 Parlamento Europeo (continua) RISOLUZIONE A3 0028/94 RISOLUZIONE SULLE PARITÀ DI DIRITTI PER GLI OMOSESSUALI NELLA COMUNITÀ APPROVATA DAL PARLAMENTO EUROPEO L'8.2.1994 Relatrice: Claudia Roth Il Parlamento

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Umberto Stipa Clarissa Valdez Arianna Pintus Alessandro Norcia Jacopo Cappella Gianmarco Ferrara Eugenio de Battistis Violenza contro le donne Tra gli argomenti di

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro Seminario sulla prevenzione e la tutela dalle molestie nei luoghi di lavoro Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Gli studi su campioni di popolazione

Gli studi su campioni di popolazione Gli studi su campioni di popolazione Permettono di conoscere l estensione di un fenomeno all interno della società: sono particolarmente utili per monitorare il trend nel tempo, costruire consapevolezze

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

«Diritti umani» e violenza maschile contro le donne

«Diritti umani» e violenza maschile contro le donne UNIBO 18 marzo 2015 LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE PROBLEMATICA DEI SESSI E DIRITTI UMANI Maria (Milli) Virgilio mariavirgilio.wordpress.com «Diritti umani» e violenza maschile contro le donne 1 - Diritti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE Le pari opportunità e le politiche di genere in ambito UE Parità di opportunità tra le donne e gli uomini L'uguaglianza tra le donne e gli uomini rappresenta uno dei principi fondamentali sanciti dal diritto

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE CALABRIA LA VIOLENZA SULLE DONNE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE CALABRIA LA VIOLENZA SULLE DONNE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 Un giornale per l'europa Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità Isabel Recavarren Malpartida PhD Nel 1945, le Nazioni Unite dichiararono l impegno di lavorare per la parità

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW)

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW) Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW) PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE Il seguente Protocollo Facoltativo è stato approvato dallassemblea

Dettagli

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ CARTA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE AFFETTE DA DIABETE Federazione Internazionale del Diabete INTRODUZIONE Il diabete rappresenta una vera sfida nel campo della sanità

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

14.11.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

14.11.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 273 E/119 TESTO DELLA COMMISSIONE EMENDAMENTI DEL PARLAMENTO stessa misura, onde verificare la buona armonizzazione delle procedure di controllo adottate. I risultati di tale verifica devono figurare

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 121 Prot. n. 11279/2.6 del 15.09.2006 Testo sostitutivo PdL 121 Interventi regionali a contrasto

Dettagli

MGF problematiche giuridiche

MGF problematiche giuridiche MGF problematiche giuridiche 1 La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo (1948) Convenzione contro ogni forma di discriminazione contro le donne (1979) Convenzione sui diritti dell infanzia (1990)

Dettagli

Camera dei deputati. Violenza sulle donne Una sfida per tutti. Bruxelles, 5 marzo 2014. 26 febbraio 2014. Documentazione per le Commissioni

Camera dei deputati. Violenza sulle donne Una sfida per tutti. Bruxelles, 5 marzo 2014. 26 febbraio 2014. Documentazione per le Commissioni Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Documentazione per le Commissioni RIUNIONI INTERPARLAMENTARI Violenza sulle donne Una sfida per tutti Bruxelles, 5 marzo 2014 n. 26 febbraio 2014 Il dossier è stato

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.05.2014 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 436/2012, presentata da Mark Walker, cittadino britannico, sulla consulenza legale transfrontaliera

Dettagli

Attività di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere.

Attività di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 219 18 novembre 2015 Oggetto : Attività di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione ed il contrasto della

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA

LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA DATI, NORME E PROSPETTIVE FUTURE 25 gennaio 2012 Giovanna Castagna La violenza nei confronti delle donne è considerata una violazione dei diritti umani fondamentali riconosciuti

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLE VIOLENZE DOMESTICHE

PROVINCIA DI NOVARA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLE VIOLENZE DOMESTICHE PROVINCIA DI NOVARA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE DELLE VIOLENZE DOMESTICHE L anno 2007, il giorno otto del mese di marzo, alle ore 12 nella Sala Consiliare della Provincia di Novara sita in P.zza

Dettagli

Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri

Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri DFAE 00-6-0 Linee guida contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro nel Dipartimento federale degli affari esteri del settembre 0 secondo la Legge del marzo 000 sul personale della Confederazione (LPers)

Dettagli

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano

La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità. Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano La violenza sulle donne Storia-Irc A.S. 2012-2013 Etiche della responsabilità Francesca Coppolecchia Federica Dominoni Marta Franzino Rodolfo Ravano LA VIOLENZA E un'azione molto intensa che ha come fine

Dettagli

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA PARTECIPA ANCHE TU IL CUG ISPRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Interventi - Discussione - Confronto Lunedì 25 Novembre Sala Conferenze Brancati 48 Ore 10.00 Il CUG ISPRA ha

Dettagli

d) della necessità di riequilibrare la presenza dei centri antiviolenza e delle case-rifugio in ogni regione, riservando un terzo dei fondi

d) della necessità di riequilibrare la presenza dei centri antiviolenza e delle case-rifugio in ogni regione, riservando un terzo dei fondi Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, recante Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

Commissione giuridica. destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori

Commissione giuridica. destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione giuridica 13.7.2011 2011/2084(INI) PARERE della commissione giuridica destinato alla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori sul gioco

Dettagli

La tutela della persona offesa

La tutela della persona offesa La tutela della persona offesa La disattenzione del legislatore nei confronti delle vittime: la marginalità del ruolo Il termine vittima compare una sola volta nel codice di procedura all art. 498, comma

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA LA CONVENZIONE DI BARCELLONA Introduzione: Venti paesi rivieraschi del Mediterraneo (Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Jugoslavia, Libano, Libia,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti Traduzione 1 Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti 0.312.5 Conclusa a Strasburgo il 24 novembre 1983 Approvata dall Assemblea federale il 20 giugno 1991 2 Istrumento

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.8.2011 COM(2011) 543 definitivo 2011/0235 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che sospende in parte l'applicazione dell'accordo di cooperazione tra la Comunità economica

Dettagli

Campagna europea contro la violenza domestica

Campagna europea contro la violenza domestica Campagna europea contro la violenza domestica Rompere il silenzio 3 Perché una campagna europea? Da secoli la violenza domestica è considerata un tema tabù. Nessuno ne parla, nessuno ammette di esserne

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione R (2001)16 sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento sessuale (Adottata dal Comitato dei Ministri il 31 Ottobre 2001 alla 771 a riunione

Dettagli

PUBLIC 7488/2/10 REV 2

PUBLIC 7488/2/10 REV 2 Conseil UE CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 9 aprile 2010 (20.04) (Or. en) PUBLIC 7488/2/10 REV 2 LIMITE ENFOPOL 60 NOTA della: al: Oggetto: presidenza Gruppo "Cooperazione di polizia" Manuale

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

LA RIVOLUZIONE COPERNICANA NELLA TUTELA DEI MINORI: IL TRATTATO DI LANZAROTE ED IL PROGETTO CURE

LA RIVOLUZIONE COPERNICANA NELLA TUTELA DEI MINORI: IL TRATTATO DI LANZAROTE ED IL PROGETTO CURE LA RIVOLUZIONE COPERNICANA NELLA TUTELA DEI MINORI: IL TRATTATO DI LANZAROTE ED IL PROGETTO CURE Piero Forno Procuratore Aggiunto Milano Nel dicembre 2009 l Italia ha partecipato, a Stoccolma, insieme

Dettagli

Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne

Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne Calci nel cuore Abusi e violenze sulle donne Lesina 17/12/2007 I problemi non sono disgiunti da quelli del resto dell umanit umanità La violenza si combatte con la volontà e l impegno di tutti Dove esista

Dettagli

In tale occasione essi hanno preso atto delle seguenti dichiarazioni unilaterali:

In tale occasione essi hanno preso atto delle seguenti dichiarazioni unilaterali: VERBALE DI FIRMA DELLA CONVENZIONE RELATIVA ALL'ADESIONE DELLA REPUBBLICA CECA, DELLA REPUBBLICA DI ESTONIA, DELLA REPUBBLICA DI CIPRO, DELLA REPUBBLICA DI LETTONIA, DELLA REPUBBLICA DI LITUANIA, DELLA

Dettagli

Donne: quali diritti?

Donne: quali diritti? Donne: quali diritti? Avv. Simona Molisso A partire dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo del 1948 fino al recente Protocollo aggiuntivo alla Convenzione per l eliminazione di tutte le forme

Dettagli

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori.

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori. Conferenza internazionale contro la violenza sulle donne e sui minori "Famiglia moderna. Formazione culturale della non-violenza " Minsk, 14-15 aprile 2011 DOCUMENTO DI SINTESI I giorni 14-15 Aprile 2011

Dettagli