ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12."

Transcript

1 ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il ) 1) Una forma peculiare di emigrazione bellunese: i gelatieri del Cadore e della Val di Zoldo Soggetto attuatore: Comunità Montana Cadore, Longaronese e Zoldo Costo complessivo: ,00 euro In provincia di Belluno a partire dalla seconda metà del XIX secolo prese l avvio un importante fenomeno migratorio legato alla produzione e alla vendita di gelato. Dalle valli del Cadore e di Zoldo, dal Longaronese e da alcune aree contermini della Valcellina in Friuli Venezia Giulia, migliaia di uomini e donne sono partiti, e partono ancora oggi, verso il nord Europa per fare i gelatieri. L origine di questo mestiere sembra si debba cercare nei venditori ambulanti di dolciumi, di caldarroste e perracottai che già nel Settecento giravano le piazze venete e del nord Italia a proporre le loro prodotti. In questi anni sono state realizzate numerose ricerche volte a ricostruire la storia e documentare il fenomeno di questa peculiare forma di emigrazione che ha segnato in maniera particolare il territorio cadorino e zoldano. Manca, tuttavia, uno studio che approfondisca specifiche tematiche (come ad esempio l impatto che questa emigrazione stagionale ha avuto sull organizzazione sociale delle piccole comunità locali, il ruolo delle donne, le trasformazioni e le dinamiche del fenomeno contemporaneo ecc.) e che dia una lettura più ampia e contestuale del fenomeno. Da alcuni anni, inoltre, è stata prospettata la possibilità di dare vita a un museo o a una mostra permanente sul tema. Prospettiva questa che necessità di un approccio scientifico e museale che porti all individuazione di un percorso espositivo costruito attraverso l interazioni di differenti linguaggi. Gli obiettivi del progetto sono: - indagare, attraverso i metodi della ricerca storico-etnografica, il tema dell emigrazione dei gelatieri bellunesi con particolare attenzione al fenomeno contemporaneo; - acquisire nuovi dati e materiali documentali, anche finalizzati all allestimento di una mostra o di un museo ; - elaborare le linee guida per un progetto scientifico espositivo; -organizzare un momento pubblico di confronto e restituzione dei risultati della ricerca Per il raggiungimento degli obiettivi sono previste le seguenti attività: -riunione con tutti i rappresentanti dei Comuni delle aree interessate al tema per la condivisione del progetto e la sottoscrizione di un impegno a fornire collaborazione e assistenza, per quanto di loro competenza, nella ricerca; -affidamento dell incarico a studiosi con competenze nel campo dell etnografia, antropologia e storia per una ricerca sui temi dell emigrazione dei gelatieri. -stesura di un elaborato che restituisca i risultati della ricerca

2 -acquisizione o individuazione di materiali utili alla creazione di un percorso espositivo (mostra permanente o museo) -stesura di linee guida per l allestimento di una mostra o di un museo sul tema del progetto -organizzazione di un evento pubblico per la restituzione dei risultati della ricerca. 2) Interventi per l allestimento di un ufficio e la creazione di un sito web per la Rete dei Musei del Cadore Soggetto attuatore: Magnifica Comunità di Cadore Costo complessivo: ,00 euro Il territorio del Cadore presenta un importante patrimonio museale diffuso. In questi anni è stato compiuto un grande sforzo da parte di molti Enti e Istituzioni per migliorare la qualità dei Musei sia dal punto di vista delle esposizioni sia dei servizi offerti. Un lavoro che è stato portato avanti sempre nell ottica di collaborazione tra i soggetti coinvolti con l obiettivo di porre le basi per la messa in rete dei musei locali. Oggi la creazione di una Rete è sentita come un esigenza dai Musei. C è la consapevolezza che un sistema reticolare offre maggiori opportunità per legare i Musei al territorio, per ottimizzare le spese, per comunicare verso l esterno in maniera più efficace. Gli obiettivi del progetto sono: -dare vita concretamente alla Rete dei Musei del Cadore -creare, attraverso un Ufficio Musei, un punto di informazione rivolte verso le differenti tipologie di visitatori dei Musei (cittadini, turisti, scuole, enti formativi ecc.); promuovere e coordinare attività e servizi museali comuni; -allestimento di un ufficio musei per il coordinamento delle attività della Rete dei Musei -ideazione di un sito web per migliorare la visibilità dei musei, comunicare verso l esterno, promuovere una visione unitaria del territorio e delle risorse culturali presenti 3) Installazione di un servo scala per l accessibilità al Museo G. Fontana Soggetto attuatore: Comune di Sappada Costo complessivo: ,00 euro Il Comune di Sappada ha nel corso degli ultimi anni provveduto all ampliamento e ristrutturazione di un fabbricato per accogliere il Museo etnografico G. Fontana. Il Museo, inaugurato nel 2009, rappresenta oggi un importante servizio culturale, anche rivolto ai turisti, che va ad aggiungersi alle diverse offerte per il tempo libero che il paese propone soprattutto durante la stagione estiva. Attualmente l accesso alla sezione

3 espositiva avviene attraverso un ampia scalinata priva di un servoscala a servizio dei disabili, né il Museo è servito da un ascensore. L accessibilità al primo piano dell edificio è dunque preclusa alle persone in carrozzina o con importanti problemi di deambulazione. L obiettivo del progetto è aprire il Museo a un numero di visitatori il più ampio possibile per superare qualsiasi discriminazione nel campo dell accessibilità culturale - Adeguamento del quadro elettrico per l installazione del servoscala -installazione del servoscala 4) M QUADRO Soggetto attuatore: Regole d Ampezzo Museo d arte Moderna Mario Rimoldi Costo complessivo: ,00 euro Il museo Rimoldi è stato ripensato e riallestito completamente tre anni fa. La struttura è dotata di un sistema di accesso per coloro che presentano una disabilità fisica, grazie alla presenza di un ascensore che serve tutti i piani e di bagni strutturati per consentire l utilizzo ai portatori di handicap. Il percorso di visita e i contenuti culturali (storia del museo, percorso del collezionista Mario Rimoldi cui il museo è dedicato) sono veicolati attraverso pannelli esplicativi. All ingresso del museo è presente un monitor con un video che ripercorre attraverso le immagini e una voce narrante il percorso collezionistico di Mario Rimoldi. Ogni opera è descritta da una breve didascalia che oltre ai dati tecnici dell opera ricorda la sua provenienza storica e le esposizioni cui ha partecipato. Ciò che manca è un strumento che consenta, attraverso linguaggi diversi, di apprezzare la complessità di opere e documenti presenti nella collezione del museo, testimone dello spirito di un periodo storico-artistico così importante quale è stato il XX secolo. Inoltre, non è presente alcun supporto che consenta la fruizione del patrimonio museale da parte di anziani, bambini, o persone che presentano disabilità sensoriali. Da due anni è stata inaugurata una sezione didattica stabile che coinvolge sia le scuole con i laboratori in orario scolastico sia i bambini locali e non con attività pomeridiane. Questo progetto educativo va integrato con degli strumenti che consentano a bambini e ragazzi in visita autonoma al museo di avvicinarsi alle opere con un linguaggio pensato per loro. Un altro limite che attualmente si evdenzia è l impossibilità di accedere all importante archivio costituito principalmente dal carteggio fra Mario Rimoldi e i maggiori autori e critici dell epoca, così come l impossibilità di vedere globalmente tutte le opere della collezione che vengono esposte a rotazione. L obiettivo di questo progetto è di rivolgersi ad un utenza ampliata, attraverso il superamento delle barriere percettive. Il progetto parte dalla constatazione dell importanza delle tecnologie digitali e dei supporti multimediali per agevolare la fruizione dei contenuti culturali di un museo sia per un pubblico giovane sia per un pubblico adulto, andando incontro alle possibili difficoltà delle varie categorie di utenti, in particolar modo di chi è portatore di disabilità sensoriali. Il percorso del Museo Rimoldi viene riallestito ad ogni stagione: vi sono opere che per la loro fondamentale importanza nel percorso artistico dei pittori che le hanno realizzate e nel

4 rappresentare lo spirito dell epoca di cui la collezione è espressione (il Novecento pittorico italiano) sono sempre presenti, altre, dato il numero di pezzi in collezione, sono invece esposte a rotazione. In considerazione poi del fatto che l epistolario, l importante corpus di documenti dell epoca nonché molti dipinti non sono accessibili al pubblico, si è pensato di sviluppare una piattaforma multimediale che potrà essere visitata attraverso uno schermo touch screen collocato in una postazione all ingresso del museo con un doppio percorso dedicato ai ragazzi e agli adulti che consenta di avere: - Descrizione generale dei tre musei delle Regole - Accesso ai documenti e alle immagini dell archivio - Possibilità di creare il proprio museo ideale attraverso la selezione delle immagini dei quadri e delle sculture presenti in collezione - Possibilità di sapere prima della visita quali opere si potranno vedere dal vivo - Accesso a contenuti multimediali (audio, video, sia audio che video) Parte di questi contenuti multimediali saranno consultabili anche da internet e scaricabili dai propri dispositivi portatili (smartphone e tablet), in modo da integrare la visita e le guide cartacee: nel sito web del museo si potranno trovare testi compatibili con la sintesi vocale, file audio mp3, file pdf da stampare in rilievo per l esplorazione tattile. Particolare attenzione verrà data alla leggibilità dei testi, in considerazione del fatto che i non udenti necessitano di una comunicazione scritta semplificata. Trasmettere contenuti anche complessi nel modo più semplice possibile è un accorgimento utile anche per altre tipologie di utenti come bambini e stranieri. I contenuti multimediali messi a disposizione per gli adulti includeranno anche un video che verrà proiettato nello schermo collocato all ingresso della collezione permanente, che consenta una lettura trasversale dell universo culturale, storico e artistico veicolato dalle diverse opere, attraverso un linguaggio reso immediato dall utilizzo delle immagini e della voce narrante. La possibilità di implementare nel tempo la piattaforma aprirà uno spazio per la partecipazione attiva di determinate tipologie di utenti: attraverso contatti con le comunità sorde e gli studenti di scienze del linguaggio sarà possibile predisporre la creazione di contenuti multimediali in lingua LIS, mentre quelli per il percorso di bambini e ragazzi saranno creati attraverso il coinvolgimento delle scuole. Durante il prossimo anno scolastico verrà attivato un percorso didattico coordinato dai servizi educativi rivolto agli studenti delle scuole superiori, che porterà alla realizzazione di alcuni dei contenuti multimediali che verranno caricati sulla piattaforma. Oltre all accesso al Museo e alla visione diretta delle opere in oggetto, verranno messi a disposizione anche l archivio cartaceo e fotografico nonché la fornita biblioteca. L obiettivo di questo intervento è duplice: rafforzare la conoscenza e l attaccamento al patrimonio culturale presente sul territorio e veicolare i contenuti museali ai giovani visitatori attraverso un linguaggio tra pari. Il progetto prevede anche l acquisto di un fornetto per la stampa a rilievo in modo di dotare ogni piano di mappe visivo-tattili e di schede didattiche relative ad alcune opere adatte sia alle persone con disabilità visive (ipovedenti e non vedenti) che a i bambini. -acquisto di uno schermo touch screen e creazione di una piattaforma con i contenuti del progetto che verranno offerti ai visitatori anche attraverso la lingua LIS - realizzazione di percorsi didattici con le scuole - concorso ricolto alle scuole che hanno partecipato ai percorsi didattici 5) TEATRO AL MUSEO Soggetto attuatore: Magnifica Comunità di Cadore Costo complessivo: 6.000,00 euro La Magnifica Comunità di Cadore si è fatta promotrice in questi mesi del progetto di costituzione della rete museale dell area cadorina. La mancanza di collaborazione tra le strutture museali fa sì

5 che le medesime non siano in grado di proporre una programmazione comune che consenta di ottimizzare le spese e che comunichi un immagine unitaria del territorio. Inoltre durante il periodo invernale, pur essendo l area una frequentata meta turistica, l afflusso ai musei risulta alquanto ridotto. La proposta di dare vita a iniziative comuni che invoglino a frequentare i musei anche da parte di un pubblico nuovo e normalmente poco interessato rappresenta uno strumento di promozione efficace e alternativo rispetto a quanto finora sperimentato Promuovere un progetto comune di animazione nei musei con attività volte a differenziare e aumentare l offerta culturale per: coinvolgere visitatori sia locali sia turisti frequentatori non abituali dei musei aumentare il flusso di visitatori mettere a sistema le iniziative dei musei proporre una nuova immagine del museo Organizzazione e promozione di un ciclo di spettacoli teatrali legati alle tematiche dei musei naturalistici, archeologici e etnografici da realizzarsi nelle sale espositive.

Bando a sportello. Proroga termine invio domande progettuali - 20 maggio 2014

Bando a sportello. Proroga termine invio domande progettuali - 20 maggio 2014 Bando a sportello per la presentazione di proposte progettuali nell ambito del progetto INTERREG IV I-A 2007-2013 AdMuseum Rete transfrontaliera per l accessibilità fisica e culturale ai patrimoni museale

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità L accessibilità in Piemonte Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità COSA SI INTENDE PER ACCESSIBILITA L accessibilità è la possibilità, anche per persone

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Origini del Museo LORETTA SECCHI *

Origini del Museo LORETTA SECCHI * Toccare la pittura. Percezione, cognizione ed interiorizzazione di forma e contenuto, attraverso l educazione estetica dedicata alle persone non vedenti ed ipovedenti LORETTA SECCHI * Origini del Museo

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative CERCAT Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici 1 Comune di Cerignola Il CERCAT è una infrastruttura sociale promossa dal Comune di Cerignola, finanziata dalla Regione Puglia- Assessorato

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROGRAMMA QUADRIENNALE 2015-2018

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROGRAMMA QUADRIENNALE 2015-2018 CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROGRAMMA QUADRIENNALE 2015-2018 Giornico, 20 dicembre 2014 Museo etnografico di Leventina INDICE INTRODUZIONE, BILANCIO E OBBIETTIVI... 3 1. CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL

Dettagli

VEASYT Tour. la guida multimediale Design For All

VEASYT Tour. la guida multimediale Design For All VEASYT Tour la guida multimediale Design For All www.veasyt.com info@veasyt.com INDEX Introduzione VEASYT Tour L innovatività About VEASYT Web mobile application Versione web Mecenatismo digitale Contatti

Dettagli

PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella

PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella Progetti ancora da ultimare Progetti revocati o di rinuncia

Dettagli

Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti

Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti PREMESSA La Carta dei Servizi è il mezzo attraverso il quale qualsiasi soggetto che eroga un servizio pubblico individua gli standard della propria prestazione,

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

Le sezioni. Arte: più di 2000 dipinti e 17.000 disegni di oltre 200 artisti che documentano la ricerca artistica a partire dai primi decenni del 900.

Le sezioni. Arte: più di 2000 dipinti e 17.000 disegni di oltre 200 artisti che documentano la ricerca artistica a partire dai primi decenni del 900. Progetto Paradigna Lo CSAC Lo CSAC è un archivio dedicato alla comunicazione visiva che per ricchezza e articolazione non ha eguali al mondo in ambito accademico ed è il punto di partenza del Progetto

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI

CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI CARTA DELLA QUALITÁ DEI SERVIZI DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO GENNA MARIA DI VILLANOVAFORRU LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO GENNA MARIA DI VILLANOVAFORRU 1. PREMESSA La

Dettagli

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti 25 febbraio 2012 Scuola e formazione Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti Anna 25 min 10 min 10 min Progetto didattico Animare la memoria della Grande Guerra Progetto nato all interno della Rete Trentino

Dettagli

Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma.

Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma. CSAC Centro Studi e Archivio della Comunicazione Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma.it Foto: Paolo Rosselli

Dettagli

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma)

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) I musei in Biblioteca: il progetto Spazi900 della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma Le biblioteche, spesso inserite all interno

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

PRESENTAZIONE DI CUBO CUBO

PRESENTAZIONE DI CUBO CUBO Carta dei Servizi PREMESSA La Carta dei Servizi è il documento che individua i principi, le disposizioni e gli standard qualitativi dei servizi offerti da CUBO, al fine di tutelare le esigenze dei visitatori

Dettagli

PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA

PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA PIANO PROVINCIALE 2010 INTERVENTI PRIORITARI - RISULTATI ISTRUTTORIA Soggetto attuatore REGIONE EMILIA-ROMAGNA SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE Progetto . Potenziamento delle infrastrutture

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE Museo Archeologico del Finale Complesso Monumentale di Santa Caterina 17024 Finale Ligure Borgo (SV), Italia Tel. +39.019.690020 fax +39.019.681022 www.museoarcheofinale.it info@museoarcheofinale.it REGOLAMENTO

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova Ministero per i Beni e le Attività Culturali CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova 2013 PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi risponde all esigenza di fissare principi

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 29.03.2013 Indice: Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE...3

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Sito facoltà: http://facolta.unica.it/studiumanistici Pagina web Corso: http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/

Sito facoltà: http://facolta.unica.it/studiumanistici Pagina web Corso: http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/ Pagina web : http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/ di laurea in Beni Culturali & Spettacolo L1 Beni culturali L Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda Test

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2015/2016 Docente Patrizia Gioia patrizia.gioia@uniroma1.it 28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale CULTURA E FORMAZIONE I musei rappresentano una straordinaria

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015

FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015 FONDAZIONE TEATRO LA FENICE DI VENEZIA Area formazione&multimedia FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015 In collaborazione con PREMESSA Anche per l anno scolastico 2014/2015 La Fondazione

Dettagli

I0904 - Rev 07 del 11 07 14 - Istruzione operativa tesi per studenti

I0904 - Rev 07 del 11 07 14 - Istruzione operativa tesi per studenti Pag 1 di ATTENZIONE: Lo studente del triennio che intende presentare la propria DOMANDA DI PROVA FINALE E INDICAZIONE TUTOR-RELATORE (diploma di I livello) deve avvalersi dell assistenza di un docente

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE

LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE Rotary Club Lecco Comune di Lecco Musei Civici LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE Inaugurazione ufficiale Sabato 19 Gennaio 2008 ore 11,00 Museo Storico - Palazzo Belgiojoso Lecco 2 1. Gli Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10.

CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10. CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10.2007) F O N D A Z I O N E INDICE 1. Introduzione... pag. 3 2. Presentazione

Dettagli

sms museo d arte per bambini e servizi educativi

sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini Il Museo d arte per bambini apre l arte e la cultura artistica all infanzia facendo vivere sia lo spazio museale sia le opere

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

BIENNALE ARTE INSIEME CULTURA E CULTURE SENZA BARRIERE

BIENNALE ARTE INSIEME CULTURA E CULTURE SENZA BARRIERE BIENNALE ARTE INSIEME CULTURA E CULTURE SENZA BARRIERE VI EDIZIONE 2015 La GAM aderisce alla Biennale Arteinsieme 2015 - Cultura e culture senza barriere, manifestazione promossa da TACTUS - Centro per

Dettagli

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro.

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. CARTA DEI SERVIZI CHE COS è LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. La Carta individua i servizi

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Tel. 0461 650314 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

Business. Mart Rovereto Casa d Arte Futurista Depero Galleria Civica di Trento. Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

Business. Mart Rovereto Casa d Arte Futurista Depero Galleria Civica di Trento. Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto Business Mart Rovereto Casa d Arte Futurista Depero Galleria Civica di Trento Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto Business Il Mart è un luogo molto articolato: dispone di numerosi

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

Comune di Laconi Provincia di Oristano

Comune di Laconi Provincia di Oristano Comune di Laconi Provincia di Oristano Museo della Statuaria Preistorica in Sardegna CARTA DELLA QUALITA E DEI SERVIZI CHE COS'È LA CARTA DELLA QUALITÀ E DEI SERVIZI La Carta della qualità e dei servizi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO. ATTiVITà didattica

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO. ATTiVITà didattica ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO ATTiVITà didattica MUSEo del tessuto Con i suoi 3.600 mq di superficie espositiva, il Museo del Tessuto è il più dinamico centro culturale d Italia

Dettagli

UN LUOGO DI ESPERIENZA PER TUTTI. Stefania Vannini Responsabile del Dipartimento educazione del MAXXI

UN LUOGO DI ESPERIENZA PER TUTTI. Stefania Vannini Responsabile del Dipartimento educazione del MAXXI Museo facile Università degli Studi di Cassino 8 maggio 2014 IL MAXXI UN LUOGO DI ESPERIENZA PER TUTTI Stefania Vannini Responsabile del Dipartimento educazione del MAXXI 2004: nasce il Dipartimento educazione

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici.

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

Godimento beni culturali e disabilità Questionario sottoposto ai Musei dell Emilia Romagna

Godimento beni culturali e disabilità Questionario sottoposto ai Musei dell Emilia Romagna Il gruppo di lavoro Godimento beni culturali e disabilità, a seguito della definizione del proprio piano di lavoro ha elaborato e somministrato ai musei dell Emilia-Romagna una scheda di rilevamento relativa

Dettagli

attività didattica ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

attività didattica ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO attività didattica ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO IL PERCORSO ESPOSITIVO Con i suoi 3.600 mq di superficie espositiva, il Museo del Tessuto

Dettagli

DOVE TITOLO DEL PROGETTO. una biblioteca da scoprire REQUISITI OBBLIGATORI EVENTUALI OBBLIGHI DOVE INVIARE LE DOMANDE E RICEVERE INFORMAZIONI

DOVE TITOLO DEL PROGETTO. una biblioteca da scoprire REQUISITI OBBLIGATORI EVENTUALI OBBLIGHI DOVE INVIARE LE DOMANDE E RICEVERE INFORMAZIONI TITOLO DEL PROGETTO DOVE CODICE SEDE DI ENTE PROGETTANTE COMUNE INDIRIZZO ATTUAZIONE PROGETTO N. VOLONTARI TIPO POSTO una biblioteca da scoprire AREA D'INTERVENTO REQUISITI OBBLIGATORI Comune di Brandizzo

Dettagli

SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA

SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA Associazione tra i Comuni di Bolsena, Acquapendente, Bagnoregio, Cellere, Farnese, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Lubriano, Montefiascone, Valentano

Dettagli

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale INTERREG V : ITALIA AUSTRIA 2014-2020 Asse 3 Patrimonio naturale e culturale Flavia Zuccon UCR Veneto direttore Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea IP 6 c Conservare proteggere

Dettagli

PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE

PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE PROGRAMMA N. 8: PER LA CULTURA E LA PACE 129 130 PROGETTO 8.1: UDINE CITTÀ PER LA CULTURA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Promozione della cultura partecipata e condivisa con Associazioni

Dettagli

La Fondazione Pirelli a Milano

La Fondazione Pirelli a Milano La Fondazione Pirelli a Milano La storia di Pirelli è contraddistinta da una cultura d impresa capace di coniugare innovazione tecnologica e cultura umanistica, ricerca scientifica e sperimentazione artistica,

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

Progetto Sensi Contemporanei arti visive, architettura e urbanistica, design APQ multiregionale III Atto Integrativo Regione Calabria

Progetto Sensi Contemporanei arti visive, architettura e urbanistica, design APQ multiregionale III Atto Integrativo Regione Calabria Progetto: Progetto Sensi Contemporanei arti visive, architettura e urbanistica, design APQ multiregionale III Atto Integrativo Regione Calabria Titolo documento: Workshop - Design e Beni Culturali Come

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

Uffizi Virtual Experience

Uffizi Virtual Experience Uffizi Virtual Experience Da Giotto a Caravaggio 21 GENNAIO - 10 MARZO 2016 FABBRICA DEL VAPORE MILANO 1 La prima mostra virtuale interattiva in Italia Uffizi Virtual Experience è una mostra virtuale interattiva

Dettagli

BIBLIOTECA 2.0 TITOLO DEL PROGETTO: SETTORE E AREA D INTERVENTO. Patrimonio artistico e culturale - Cura e conservazione delle biblioteche

BIBLIOTECA 2.0 TITOLO DEL PROGETTO: SETTORE E AREA D INTERVENTO. Patrimonio artistico e culturale - Cura e conservazione delle biblioteche TITOLO DEL PROGETTO: BIBLIOTECA 2.0 SETTORE E AREA D INTERVENTO Patrimonio artistico e culturale - Cura e conservazione delle biblioteche LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO

Dettagli

Questionario valutativo accessibilità delle strutture turistiche www.fondazioneamato.it

Questionario valutativo accessibilità delle strutture turistiche www.fondazioneamato.it Legenda Questionario valutativo accessibilità delle strutture turistiche www.fondazioneamato.it Valutazione accessibilità Verde accessibile in autonomia Arancione accessibile con supporto Rosso non accessibile

Dettagli

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Museo

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Museo SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI Servizio Museo D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure per l erogazione del servizio visite guidate Oggetto del Servizio: servizi di gestione

Dettagli

l identità aziendale

l identità aziendale l identità aziendale i valori cooperativi Crediamo nella CULTURA come valore di tutti. Crediamo che la COOPERAZIONE sia la forma d impresa più innovativa e funzionale alla creazione di un nuovo modello

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

Giuseppe Pitrè e la tradizione popolare siciliana attraverso eredità culturali e innovazioni (1916-2016)

Giuseppe Pitrè e la tradizione popolare siciliana attraverso eredità culturali e innovazioni (1916-2016) Comune di Caltanissetta Regione Siciliana Assessorato Creatività e Cultura Sede di Caltanissetta Assessorato Regionale Turismo Dipartimento Turismo, Sport e Spettacolo Giuseppe Pitrè e la tradizione popolare

Dettagli

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi 1 Scopo del documento Il presente documento si propone, attraverso un'attività di autovalutazione, di verificare

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Messaggio Museo unico, Allegato 03, Rapporto GDL Museo unico p. 1 Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Rapporto del Gruppo di lavoro RG 4632, novembre 2013 Premessa

Dettagli

- Energy Parking Faravelli -

- Energy Parking Faravelli - - Energy Parking Faravelli - PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI PRODUZIONE E STOCCAGGIO DI ENERGIA ELETTRICA DA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO INTEGRATO NELLA COPERTURA DI UN PARCHEGGIO MULTIPIANO ASSERVITO ALLA

Dettagli

La Sapienza per tutti

La Sapienza per tutti 800410960 800410960 Numero verde N. Verde 800410960 Numero verde La Sapienza per tutti Servizi per gli studenti disabili 800410 Numero v 1 Indice La Sapienza per tutti Servizi per gli studenti disabili

Dettagli

alcune proposte per la scuola 2014

alcune proposte per la scuola 2014 alcune proposte per la scuola 2014 mostra multimediale AUTOBIOGRAFIA DI UN MONDO EX: LE COSE RACCONTANO 3 ottobre/23 novembre concorso letterario a premi PAROLE IN ORBITA scadenza il 10/11 Il Gioco degli

Dettagli

Studio propedeutico all attivazione dell Azione 4 Interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali

Studio propedeutico all attivazione dell Azione 4 Interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali 187 PROPOSTE DEL TERRITORIO Richieste di finanziamento da parte dei Comuni ed enti appartenenti al GAL Alto Bellunese in riferimento al P.S.L. V.E.T.T.E. Misura 32/A Azione 4 - Realizzazione Studi e Censimenti.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro! ADM Associazione Didattica Museale Progetto Vederci Chiaro! Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile del Dipartimento dei Servizi Educativi del Museo Civico di Storia Naturale

Dettagli

Associazione AMICI del MUSEO della Città e del Territorio di Cori

Associazione AMICI del MUSEO della Città e del Territorio di Cori SCHEDA DI APPROFONDIMENTO DEL PROGETTO DIOSCURI - Didattica degli Oggetti Storici Come Universo di Risorse Immateriali È un progetto unitario che si articola in varie fasi progettuali che tengono conto

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Repubblica Italiana - Regione Siciliana Istituto Comprensivo Statale Federico II di Svevia Via Del Sole Massannunziata - 95030 Mascalucia (CT) Tel. 095-910718 C. F. 93105190875 - C.M. CTIC83400C - Codice

Dettagli

CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale

CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale Un progetto realizzato da CONCORSO EDUCATIVO Al fronte e nelle retrovie, l Italia durante la Prima Guerra Mondiale

Dettagli

Carta dei Servizi del Sistema Bibliotecario Urbano. Anno 2015

Carta dei Servizi del Sistema Bibliotecario Urbano. Anno 2015 Carta dei Servizi del Sistema Bibliotecario Urbano Anno 2015 PREMESSE GENERALI Direzione Cultura e Turismo Settore Musei e Biblioteche Coordinamento Sistema Bibliotecario Urbano Via del Seminario 16 16121

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo Prof. E. Galimberti SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio della Scenografia

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche STATISTICHE CULTURALI. ANNO 1 Indice delle tavole statistiche 1 Patrimonio storico-artistico Tavola 1.1 - Istituti statali di antichità e d'arte, visitatori paganti e non paganti e introiti per tipo di

Dettagli

Faq MUSE - domande frequenti

Faq MUSE - domande frequenti Faq MUSE - domande frequenti Quali sono gli orari del MUSE? Il MUSE è aperto nei seguenti orari: dal martedì al venerdì: dalle 10.00 alle 18.00; sabato, domenica e festivi: dalle 10.00 alle 19.00. tutti

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

Titolo Master: Digital Heritage. Cultural communication through digital techologies

Titolo Master: Digital Heritage. Cultural communication through digital techologies Titolo Master: Digital Heritage. Cultural communication through digital techologies Università: Sapienza Università di Roma Sede del master: Dipartimento di Storia, culture, religioni Indirizzo: P.le A.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli