VARROA CHE FARE???

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VARROA 2011.. CHE FARE???"

Transcript

1 VARROA CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011

2 In mancanza della bacchetta

3 VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale non crea grossi problemi Isolata in Italia a inizi anni 80 Parassitizza api adulte (fase foretica) e larve e pupe (fase riproduttiva) Grave infestazione: 1. rapidità di diffusione 2. danni che provoca (malformazioni, virus, calo produttività, collasso famiglia) 3. mancanza di trattamenti risolutivi al 100%

4 VARROA identikit Femmina: Forma appiattita ed ellissoidale Colore bruno rossiccio Larghezza: 1.5-1,9 mm Lunghezza: 1,1-1,7

5 VARROA identikit Maschio: + piccolo della femmina Forma + rotondeggiante Colore bianco grigiastro Larghezza 0,8-0.9 mm Lunghezza: 0,7-0.9 mm

6 VARROA Ciclo biologico sincronizzato con quello di Apis mellifera Varroa femmina responsabile della Varroasi (fase foretica) Predilige covata maschile (fase di opercolatura + lunga) Si nutre dell emolinfa dell ape indebolendola e trasmettendo virus (ali deformi ecc) La femmina vive vari mesi, variabili. il maschio muore subito dopo l accoppiamento Se l uomo non interviene l alveare collassa e va a morte

7 Deposizione uovo Nascita larva Opercolatura celletta Ingresso della varroa femmina feconda Deposizione uovo maschile Deposizione uovo femminile Uovo protoninfa deuteroninfa sfarfallamento Maschio adulto Femmina adulta Schema Unaapi

8 CI SONO NOVITA? Purtroppo no!!!! Stallo legislativo (leggi sul farmaco veterinario) Prodotti da usare ridotti (principi attivi formico, lattico, e ossalico vietati secondo normativa vigente...in attesa di registrazione del prodotto che lo contiene Ossalico: autorizzato dal 31/7/10 al 31/12/10 in via sperimentale di nuovo bandito e in attesa di registrazione defintiva del prodotto (Apibioxal) Probabile autorizzazione definitiva del Ministero della Salute entro l estate (sia gocciolato che sublimato) dell Apibioxal

9

10

11 Come si trasmette? Per contatto diretto: Bottinatrici di vari apiari sullo stesso fiore Saccheggio Il numero di varroe in un alveare raddoppia di mese in mese!!!

12 VARROA E VIROSI LA VARROA sottrae emolinfa all ape e gli trasmette. VIRUS DELLE ALI DEFORMI VIRUS DELLA PARALISI ACUTA

13 Scelta dei trattamenti da adottare: Istituti di Ricerca (Cra-Api; IZS; ) Ditte produttrici Esperienze di campo di tecnici apistici e apicoltori Il tutto confluisce in indicazioni pratiche Commissione sanitaria UNAAPI

14 Come scrollarcela di dosso?. Necessità di usare sostanze acaricide che: Non sono mai risolutive al 100% (nessuno) L uso eccessivo prolungato e ingiustificato può provocare fenomeni di resistenza alla varroa Costituiscono sempre un elemento estraneo e inquinante per le api, l alveare e il miele

15 D. Lgs 193/06 Divieto di somministrare agli animali sostanze farmacologicamente attive se non in forma di medicinali veterinari autorizzati dal Ministero della Salute oppure che le sostanze farmacologicamente attive siano incluse nell allegato I, II o III del Reg.CE 2377/90. stabilisce anche l uso in deroga del farmaco nel caso in cui non esista un farmaco autorizzato per una determinata malattia, disciplina l uso in deroga per gli animali produttori di alimenti Registrare i trattamenti sul registro del farmaco a meno che uno produca per autoconsumo

16 Fino a pochi anni fa Consigliati Trattamenti a calendario alla cieca ossia: 1)Un intervento di pulizia invernale (in assenza di covata) 2) Un intervento Tampone in estate (con covata)

17 ORA :Occorre Valutare l infestazione dei propri alveari 1)VALUTARE LA CADUTA NATURALE (stime approssimative ma indicative) Arnie con fondo antivarroa e cassettino No formiche No fondo propolizzato N medio di varroe cadute ogni giorno: X 100 famiglia debole X 200 famiglia di medie dimensioni X 300 famiglia forte

18 Valutare l infestazione 2) PRESENZA DI VARROE SU API ADULTE (metodo indaginoso) 3) DISOPERCOLARE COVATA A FUCO Almeno 50 celle Estrarre le larve Contare larve parassitate 4-5 larve (10%) 1000 varroe

19 Cercare di limitare l infestazione: 1. Asportazione covata (maschile con telai trappola; fare nuclei e spaccare le famiglie a primavera o in estate) 2. Trattamenti estivi-autunnali IN ASSENZA DI MELARIO: Apivar (amitraz) Apistan (fluvalinate) Solo per i convenzionali, efficacia incostante, fenomeni di resistenza, alternare ogni 5 anni, ricetta veterinaria per Apivar Apiguard e Apilife var (timoli): efficacia bassa Acido ossalico blocco di covata (efficacia >90%) 3. Trattamenti invernali con ossalico

20 Trattamenti in presenza di covata: il tampone Si agisce solo su fase foretica!!! La > parte delle varroe è al sicuro.nella celletta. Usare un principio attivo che perduri fino a che l ultima varroa non è uscita dall ultima celletta opercolata dall inizio del trattamento (conoscere ciclo biologico ape varroa)

21 Trattamenti in presenza di covata:il tampone Si fa ad inizio agosto Con prodotti evaporanti a base di timolo (temperature > 20 C) (massimo numero di varroe e minimo sviluppo covata) In assenza di melario (odori al miele) Precauzioni: Iniziare il trattamento a piccole dosi, meglio la sera per abituare le api all odore forte e evitare l abbandono dell alveare In caso di flusso nettarifero intenso: togliere telai nel nido e aggiungere fogli cerei per evitare intasamento

22 A) API LIFE VAR Api life var (timolo, eucaliptolo, mentolo, canfora) (1 tavoletta/sett/3-4 settimane) Ogni confezione 2 tavolette, 2 confezioni/alveare No resistenza, no tossico, buona efficacia

23 Api guard (timolo) (vaschetta da 50 g) B) API GUARD 1 vaschetta ogni 15 giorni per 2 settimane (2 conf/alveare) Aprire vaschetta, rigirare coprifavo,

24 FLUVALINATE APISTAN Facilità di impiego (2 strisce per 6-10 settimane) Attenzione: Dà fenomeni di resistenza : efficacia incostante e variabile (da usare a distanza di almeno 5 anni) Non da residui Non necessita ricetta veterinaria

25 Trattamento in assenza di Massima efficacia covata Blocco Naturale (a volte!!!) (da novembre a dicembre, va individuato il momento giusto) Blocco Artificiale, effettuato con ingabbiamento della regina (fine luglio) (in alternativa all uso del timolo, + efficace ma + laborioso) Asportazione covata in primavera o estate Sostanza più efficace è l ACIDO OSSALICO

26 Di fatto.. Acido ossalico: prodotto ad oggi più efficace, con minor fenomeni di resistenza Consentito nel bio Spesso si sente dire da alcuni professionisti vogliamo più principi attivi!!! potenti anche per i non biologici.. In realtà l acido ossalico è al momento il più potente principio attivo se viene usato con il cervello dall apicoltore Dalla prossima estate si dovrebbe essere autorizzato ufficialmente (sotto forma di Apibioxal)

27 APIBIOXAL Chemicals Life sta ultimando l Iter di registrazione Conclusa il 31/12/2010 la sperimentazione iniziata a luglio 2010 e la possibiltà di reperirlo e usarlo dopo il Divieto del Ministero all uso dell ossalico del marzo 2010 Bassa adesione popolare Confezioni small e large (per professionisti) Costo da definire (in sperimentazione era di circa 7 euro /Busta/10 alveari) Entro l estate Ministero si spera dia l ok Dati di efficacia condotti nella sperimentazione Ufficiale della Ditta e seguita dal Cra api efficacia era >90% Richiesta autorizzzione sia per il gocciolato che per il sublimato

28 Esperienze di campo di APICOLTRORI PROFESSIONISTI del sud Italia Savino Petruzzelli e Daniele Greco apicoltori pugliesi professionisti hanno portato la loro esperienza 2010 alla Commissione Sanitaria Unaapi mettendola a disposizione di tutti i colleghi: stanno dimostrando che lottando con il cervello contro la varroa si possono avere risultati accettabili per non dire invidiabili.. Di che si tratta?

29 Esperienza di Daniele Greco: Impostazione aziendale Apicoltura biologica Produzione di miele, pappa reale, polline Pacchi d ape, api regine, sciami artificiali

30 No a trattamenti a calendario alla cieca: No a rigidi schemi che si ripetono di anno in anno Quello che fai un anno non è detto che sia fattibile e ripetibile l anno successivo Verificare sempre la validità di quello che si è fatto!! Prepararsi una strategia di lotta,tenendo pronto un piano B, nel caso per qualche motivo non sia attuabile la strategia prescelta

31 Strategia di Daniele Impostare il proprio piano di lotta ottimizzando al massimo le operazioni Impostare il proprio piano di lotta in base a: 1. Propria esperienza 2. Impostazione aziendale 3. Capacità lavorativa 4. Manodopera a disposizione 5. Ambiente 6. Ogni volta è diversa dall altra!

32 Principi cardine: Uscire dall inverno con < di 10 varroe Qualsiasi prodotto si userà, ricordarsi che la massima efficacia si ha in assenza di covata Trattamento estivo e invernale sono ugualmente importanti Mantenere sempre basso il livello di infestazione

33 Metodi usati Blocco di covata Asportazione covata

34 In estate : Abbinato la smielatura alla formazione di sciami Inziato a fine luglio con la prima postazione e terminato a fine agosto con ultima postazione Per ogni postazione: 1. rimozione melari 2. Dopo 2-3 giorni formazione di sciami

35 La formazione degli sciami estivi per il trattamento: lo sciame è ottenuto mediante: 1. Asportazione di TUTTA la covata opercolata (4-5 telai/alveare) 2. Trasporto in un altra postazione 3. Dopo 3 giorni inserita cella reale di 11 giorni 4. Trattamento dopo 15 giorni dall inserimento della cella (la covata è sfarfallata) con acido ossalico gocciolato (eventuale altra cella se regina non si è fecondata) Nell alveare di partenza rimane: Solo uova e larve di 2-3 giorni e regina 4. Trattamento immediato con acido ossalico gocciolato Il lavoro è stato svolto nelle ore pomeridiane-serali

36 Sue considerazioni: Buoni risultati Famiglie in autunno con ottima popolosità e infestazione contenuta Necessità di nutrizione a causa di autunno piovoso A novembre è giunto con numero di alveari doppi, famiglie popolose, Tutte in buono stato a fine inverno (comunicazioni di marzo a piacenza) Inconvenienti: difficoltà a prelevare tutta la covata in molte famiglie (7-8 favi di covata)..in queste sono stati fatti 2 passaggi con prodotti a base di timolo oltre all ossalico

37 Altri inconvenienti possibili Disponibilità di materiale (portasciami, diaframmi, nutritori, telai Disponibilità di postazioni per trasferimento nuclei Avere celle reali al dell età giusta CAPACITA PROFESSIONALE E ORGANIZZATTIVA adeguata allo scopo Spopolamento dei nuclei in caso di forte infestazione (per debilitazione e accorciamento della vita delle api)

38 In autunno- inverno Ingabbiamento autunnale della regina per ottenere il blocco artificiale della covata e arrivare alla pulizia quasi totale (<10 varroe per cassa) Possibilità di programmare il lavoro e trattare in modo efficace Tutte le famiglie sono uscite bene dall inverno

39 Quando ingabbiare Scelta condizionata dal grado di infestazione In puglia a inizi novembre è il momento migliore per questa attività, si asseconda i ritmi fisiologici delle api In puglia anche ingabbiamenti tardivi (dicembregennaio, ma rischio per avversità atmosferiche possibile Fare bene i conti sui giorni per sgabbiare e trattare!!

40 Inserimento della regina nella gabbietta cinese (da lui utilizzata)

41 Posizionamento della gabbietta al centro della covata

42 Dati pratici Ha ingabbiato 1000 regine in 9 giorni 5 minuti in media a regina.. Qualche problema di saccheggio con gli sciami a novembre Tempo di ingabbiamento : 23 giorni 1. Allo sgabbiamento: trattamento con ossalico gocciolato 5 cc per favo popolato 2. Dopo altri 5 giorni dal gocciolato secondo trattamento con ossalico sublimato

43 Dati pratici Regine riprendono a deporre normalmente dopo 1-2 giorni Caduta in media 300 alveari per cassa Buona ripresa primaverile Efficacia sopra il 90% Perdite di regine intorno al 3% Grande lavoro ma grande soddisfazione!! secondo lui attuabile anche con un n superiore di alveari Questa è stata l esperienza del 2010 di apicoltura il Giglio, ossia Daniele Greco, dalla Puglia

44 Esperienza di Savino Petruzzelli Ingabbiamento di 180 regine in estate Durante la clausura di 21 giorni inserito porta stecche con 30 cupolini per produzione di pappa (togliendo un telaio di miele) Caduta di circa 400 varroe dopo 1 trattamento di ossalico gocciolato Ingabbiamento invernale seguito dopo 21 giorni di clausura a 3 trattamenti ogni 3 giorni di acido ossalico sublimato (sublimox, 3 g di ossalico) Media di 10 minuti a cassa per ingabbiamento

45 Metodologie di impiego: ossalico sublimato Nel Passato: Nel futuro: APIBIOXAL

46 Metodologie di impiego: ossalico (apibioxal) gocciolato Foto Pradella

47 Tipi di gabbietta: un infinità!!! Mozzato Scalvini Con favetto interno

48 Tipi di gabbietta: un infinità Bigabbia Cassian (telaio melario) Con telaio da nido e griglie escludi regine Alessandri Cinese

49 Come scegliere la gabbietta? Ognuna ha pro e contro Proprie capacità tecniche Organizzazione aziendale Costi Tutti i modelli sono utilizzati e diffusi

50 Protocolli UNAAPI Come ogni anni vengono proposte e coordinate dai tecnici nazionale di Unaapi delle prove di campo estive Sono in via definizione i protocolli: prevedono un impegno dell apicoltore : rispetto delle tempistiche e delle tecniche nonché raccolta dei dati Coordinati e in accordo con vari partner (Cra api, Izs, Ministero, ecc) per avere credibilità e efficacia e a tutela dell apicoltore che aderisce Potremmo aderire con prove sui blocchi di covata e asportazione covata o sperimentazione con i beta acidi (in via di definizione) Siamo in attesa dei protocolli Unaapi che cercheremo di mettere in pratica come Associazone Alpa

51 Buona stagione a tutti e... buon ingabbiamento!!!

I TRATTAMENTI ANTIVARROA

I TRATTAMENTI ANTIVARROA I TRATTAMENTI ANTIVARROA In pratica DR.SSA GIULIANA BONDI Aggiornato 2013 Circolare MdS 06 Febbraio 2006

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR NELLA REGIONE VENETO PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA Le caratteristiche delle tecniche di lotta nei confronti di Varroa destructor

Dettagli

Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor.

Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor. PREMESSA Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor. Le caratteristiche delle strategie e delle tecniche di lotta nei confronti di Varroa destructor disponibili impongono di intervenire,

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi a cura di Barbara Leida Materiale didattico utilizzato per i moduli formativi organizzati dall UNAAPI. Ogni riproduzione ed uso è possibile solo se precedentemente concordata

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti

Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti Rinaldo Amorosi 2a Serata a tema sull apicoltura IZSLT Roma 30/01/2014 Esperienze & dati Assistenza tecnica Sperimentazione 2012 fungo Metarhytium Monitoraggio

Dettagli

Strategie di lotta a Varroa destructor. Giovanni Formato

Strategie di lotta a Varroa destructor. Giovanni Formato Strategie di lotta a Varroa destructor Giovanni Formato Efficacia dei trattamenti con zucchero a velo (Randy Oliver, 2011-300 g. alveare/trattamento) Accrescimento varroa in caso di trattamenti mal eseguiti

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

METODI DI LOTTA A VARROA destructor A&T

METODI DI LOTTA A VARROA destructor A&T MILANO, 20 APRILE 2008 METODI DI LOTTA A VARROA destructor A&T RELATORE: DR. LORENZO SESSO G.I.P. GESTIONE INTEGRATA PARASSITOSI ACARICIDI NATURALI MISURE BIOTECNOLOGICHE MONITORAGGIO CONOSCENZE MONITORAGGIO

Dettagli

Sistema di lotta territoriale alla Varroa Destructor

Sistema di lotta territoriale alla Varroa Destructor Sistema di lotta territoriale alla Varroa Destructor Incontri con ASL, associazioni, apicoltori, presso l apiario provinciale di Siena Dr.ssa Serena Rocchi, Veterinario, esperto apistico Ghilarza-Sinnai

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Belletti PierAntonio, Università degli Studi di Udine Franco Rosa, Università Studi di Udine Andrea Chicco, Tecnico

Dettagli

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - Azienda Sanitaria Trento - PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - dott. Franco Gatti - MORI 25 MARZO 2014 I fattori che causano direttamente le malattie delle api o

Dettagli

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda)

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) I casi della seconda metà di aprile Caso 1B: La fucaiola Riferimenti teorici: Pillole di genetica Un giovane apicoltore mi aveva

Dettagli

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di conduzione dell apiario. Dopo il confinamento delle regina,

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it Patologia Apistica Andrea Besana andrebes@libero.it Avversità delle api Virus Protozoi Batteri Funghi Insetti Acari Uccelli Mammiferi DWV, APV, CPV, KBV. Malpighamoeba mallificae Peste Americana, peste

Dettagli

VARROA SOTTO CONTROLLO:

VARROA SOTTO CONTROLLO: D O S S I E R VARROA SOTTO CONTROLLO: ISTRUZIONI PER L USO EDITORIALE... PAG. II VARROA: CHI E... PAG. III STRATEGIE DI LOTTA... PAG. V LE ASSOCIAZIONI E L ASSISTENZA TECNICA... PAG. VII CALENDARIO DEI

Dettagli

DOSSIER VARROA 2001 - II

DOSSIER VARROA 2001 - II CARTA D IDENTITA DELLA VARROA Da quest anno la varroa cambia nome. È stato recentemente scoperto, infatti, che Varroa jacobsoni non si riproduce su Apis mellifera. Sconfitta la varroa? No, semplicemente

Dettagli

Le garanzie igieniche in apicoltura

Le garanzie igieniche in apicoltura RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Le garanzie igieniche in apicoltura Prof. Carlo D Ascenzi Roma, 9 Ottobre 2013 Le garanzie igieniche

Dettagli

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld Varroa Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa FFO 4. Presentazione IBH Vetsuisse 5. Presentazione CRA Liebefeld Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi Apicoltori in

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione 1. Gli allevatori scelgono, fra le regine valutate nell anno precedente, di cui possibilmente

Dettagli

VARROA. Caratteristiche della patologia

VARROA. Caratteristiche della patologia VARROA Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Varroasi (Varroatosi) E.1.2 Agente/i eziologico/i Varroa destructor Anderson & Trueman. Acaro appartenente alla famiglia

Dettagli

Varroa. dossier. lotta alla. Il consueto appuntamento

Varroa. dossier. lotta alla. Il consueto appuntamento Il consueto appuntamento annuale sul tema della varroa per consentirci di fare il punto della situazione, delle acquisizioni ed evoluzioni recenti e trarne le indicazioni operative più opportune. dossier

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

5 LOTTA ALLA VARROASI. I quaderni dell apicoltore M.I.P.A.F. A cura di Roberto Barbero Francesco Panella Barbara Leida

5 LOTTA ALLA VARROASI. I quaderni dell apicoltore M.I.P.A.F. A cura di Roberto Barbero Francesco Panella Barbara Leida Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani PROGETTO DI INIZIATIVE DI ASSISTENZA TECNICA PER LA RAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA NEL SETTORE APISTICO M.I.P.A.F. Ministero per le Politiche Agricole Forestali

Dettagli

La problematica dei residui nei prodotti dell alveare: corretto impiego del farmaco in apicoltura

La problematica dei residui nei prodotti dell alveare: corretto impiego del farmaco in apicoltura DIPARTIMENTO DI MEDICINA VETERINARIA Sezione Sicurezza degli Alimenti Evento Formativo VARROATOSI: INNOVAZIONE, INTERAZIONE OSPITE/PARASSITA E AMBIENTE Venerdi, 17 aprile 2015 Presso Sala della Cultura

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA Dr.ssa Giuliana Bondi ASL 7 Siena Tab. 1 - COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO FIGURA COMPETENTE di animali allevati per

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento Dr. Emanuele Carpana Ispezioni diagnostiche nella profilassi delle malattie infettive e parassitarie delle api Diagnosticare in

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012 Via Carlo Besta, 1 231 Sondrio (SO) Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 212 Come ogni anno, la nostra Associazione ha eseguito un'indagine relativa alla mortalità degli alveari avvenuta

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi.

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi. Ministe~o della_s_a_l_u_t_e - -~-I 0013975-P-12/07/2013 DGSAF I.1.a.e/2013/18 J -' -l -' i l DIPARTIMENTO DELLA SANIT A' PUBBLICA YETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENT ARE E DEGLI ORGAN! COLLEGIALI PER

Dettagli

Materiale Apistico http://www.materialeapistico.com/ CATEGORIE. Nutrimento, profilassi e cura malattie (74) 1 / 15

Materiale Apistico http://www.materialeapistico.com/ CATEGORIE. Nutrimento, profilassi e cura malattie (74) 1 / 15 CATEGORIE Materiale Apistico (74) 1 / 15 Prodotto:.Acido ossalico - 1 kg Modello: ACS1 Prezzo: 10,00 Prodotto:.APIFONDA alimento pastoso per api - Conf. da kg.12,5 Modello: APIFO12 Prezzo: 27,50 Prodotto:.APIFONDA

Dettagli

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie 35020 Legnaro (PD)

Dettagli

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 Programma MAQS Strisce per Alveare NOD profilo aziendale Cos è MAQS? Come MAQS ferma la Varroatosi? Ricerca su

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 La aethiniosi e la tropilaelapsosi sono patologie esotiche, entrambe inserite nell elenco delle

Dettagli

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB)

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) Aethina tumida Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) U.O. Apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana Aethina tumida Murray (1867) Classificazione Phylum:

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del prof. Giorgio Rigoni L ape è un insetto degli IMENOTTERI

Dettagli

RIVISTA BIMESTRALE D INFORMAZIONE SCIENTIFICA a cura dell Osservatorio Epidemiologico Veterinario della Regione Lombardia

RIVISTA BIMESTRALE D INFORMAZIONE SCIENTIFICA a cura dell Osservatorio Epidemiologico Veterinario della Regione Lombardia Anno 11 - n. 6 - Dicembre 2008 RIVISTA BIMESTRAE D INFORMAZIONE SCIENTIFICA a cura dell Osservatorio Epidemiologico Veterinario della Regione ombardia Regione ombardia Direzione Generale Sanità - Servizio

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile L importanza di registrare dei dati nelle prime visite In condizioni stagionali normali ai primi di marzo l apicoltore ha già effettuato almeno una visita

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA

REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA Dr.ssa ROSANNA ROSSI ASL7 SIENA Montepulciano 25/11/2011 NORMATIVA COMUNITARIA Reg. CE 178 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Dettagli

APIMARCA. Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 3402791786 c.f./p.i.94099150263 apimarca1@libero.it http://apimarca.blogspot.

APIMARCA. Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 3402791786 c.f./p.i.94099150263 apimarca1@libero.it http://apimarca.blogspot. NEWS n. 10 del 21-6-2014 APIMARCA Via Canizzano n. 104/a 31100 Treviso Tel. 3402791786 c.f./p.i.94099150263 apimarca1@libero.it http://apimarca.blogspot.com Rispetta l'ambiente. Non stampare questa mail

Dettagli

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT La società delle api è matriarcale: c è un unica madre che è l Ape Regina e che depone ogni giorno le uova dalle quali nasceranno soprattutto

Dettagli

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI

MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI 2013 MAR. ARNIE ED ACCESSORI 2013 MAR. MATERIALE APISTICO LISTINO PREZZI ARNIE ED ACCESSORI ARTISTICA SETTEMPEDANA srl VIA LORENZO D ALESSANDRO,7 62027 SAN SEVERINO MARCHE (MC) COD. FISC. P.I. 00118580430 TEL. 0039 0733 634572 FAX:

Dettagli

LISTINO PREZZI. I prezzi indicati sono comprensivi di IVA

LISTINO PREZZI. I prezzi indicati sono comprensivi di IVA LISTINO PREZZI I prezzi indicati sono comprensivi di IVA Abbeveratoio per api 1,5 litri 4,85 Affumicatore in acciaio con protezione diam. 10 cm 27,45 Affumicatore in acciaio con protezione diam. 8 cm 24,50

Dettagli

Valutazione delle infestazioni da Varroa destructor

Valutazione delle infestazioni da Varroa destructor CRA-API Unità di ricerca di Apicoltura e bachicoltura Valutazione delle infestazioni da Varroa destructor Antonio Nanetti*, Simona Russano, Riccardo Cabbri CRA-API Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura

Dettagli

Il fenomeno. I saccheggi veri e propri

Il fenomeno. I saccheggi veri e propri I saccheggi Nell'agosto 2013, durante le visite effettuate negli apiari degli associati, abbiamo trovato con una certa frequenza casi di alveari saccheggiati. Ci preme quindi ricordare alcuni aspetti di

Dettagli

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI Giugno 2007 - da applicarsi in ogni stato membro entro il 31.12. 2007-1 I N D I C E 1. Limiti di validità e principi di base 2. Collocazione delle famiglie

Dettagli

Raccolta di Tecniche Sanitarie Apistiche

Raccolta di Tecniche Sanitarie Apistiche Raccolta di Tecniche Sanitarie Apistiche di Franceso Bortot Apicoltore Professionista, Tecnico Apistico APAT - FAI Veneto PESTE AMERICANA ed EUROPEA Rientrate a pieno titolo nelle preoccupazioni degli

Dettagli

:: La lotta sanitaria In agricoltura biologica, ogni metodologia di lotta contro le patologie deve basarsi prima di tutto sulla prevenzione.

:: La lotta sanitaria In agricoltura biologica, ogni metodologia di lotta contro le patologie deve basarsi prima di tutto sulla prevenzione. Apicoltura biologica. I trattamenti sanitari :: La nutrizione artificiale La nutrizione con sostituti del miele bio non si configura piä in deroga ma Å ammessa per aiutare la sopravvivenza a rischio a

Dettagli

Applicazione dell autocontrollo nella filiera del miele nella Regione Lazio

Applicazione dell autocontrollo nella filiera del miele nella Regione Lazio NUMERO 11 GIUGNO 2014 PERIODICO DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana SEDE CENTRALE Roma/Capannelle

Dettagli

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity

Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Progetto Api per la Biodiversità Bees for Biodiversity Premessa L ape mellifera (Apis mellifera) è un insetto autoctono, suddiviso originariamente in numerose sottospecie, in Africa, gran parte dell Europa

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Strategie alternative di lotta alla varroa

Strategie alternative di lotta alla varroa Strategie alternative di lotta alla varroa breve rassegna su alcuni dei metodi alternativi (o presunti tali) proposti per combattere la varroa - arnie e metodi di allevamento - selezione - nemici IZSLT

Dettagli

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli spec Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio (I Parte) Nella Regione Lazio, per l anno 2010, l Assistenza tecnica in apicoltura

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020069-01/10/2014-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II ex DGSA Sanità animale ed anagrafi: Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Città e CAP Telefono Fax E-mail PEC P.IVA 02881870733 Dott. SILVESTRE FABIO Codice Fiscale SLVFBA80L15L049I Nazionalità Italiana Data

Dettagli

Noitiziario n. 8 maggio 2015

Noitiziario n. 8 maggio 2015 Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori val di Sole Peio e Rabbi Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Apicoltori in Vallagarina

Dettagli

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE:

CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE: ALLEGATO A/14/2B CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE: 1. Materiale necessario 2. Verifica documentale 3. Verifica Conduzione dell apiario 4. Verifica stato sanitario 5. Campionamenti

Dettagli

L a nutrizione zuccherina degli alveari. dossier

L a nutrizione zuccherina degli alveari. dossier L a nutrizione zuccherina degli alveari Nutrizione integrativa Nutrizione di emergenza Stimolazione primaverile delle colonie Stimolazione autunnale delle colonie Sostituzione completa delle scorte I nutritori

Dettagli

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Paolo AUDISIO Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin, Università di Roma La Sapienza Di cosa parleremo: Origini, ciclo

Dettagli

Come agiscono i trattamenti antivarroa e la proposta di protocollo territoriale

Come agiscono i trattamenti antivarroa e la proposta di protocollo territoriale Come agiscono i trattamenti antivarroa e la proposta di protocollo territoriale i dell AAAL Trattamenti antivarroaarroa Medicinali Apistan Apilaifvar Apiguard Apibioxal Apivar Pratiche Favo trappola Trattamento

Dettagli

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari P.R.U.S.S.T - CALIDONE PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari 1^ annualità Forestali Adempimenti Quadro

Dettagli

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)-

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- Brisighella, 13 settembre 2013 Frasnelli Dr. Matteo IZSLER Sezione di Ravenna VIROSI

Dettagli

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni).

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni). Le api e il miele Suggestioni di lavoro per l insegnante. Iniziamo l attività di studio del mondo delle api con un racconto letto dall insegnante; ai bambini il compito di ascoltare con attenzione ed elaborare,

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Messa a punto di nuovi protocolli per la lotta alla varroa

Messa a punto di nuovi protocolli per la lotta alla varroa Workshop: Nuove strategie di lotta alla Varroa destructor Palazzo Rospigliosi, Sala Paesaggi, via XXIV Maggio 43 Roma 16 giugno 2015 Messa a punto di nuovi protocolli per la lotta alla varroa Dr. Marco

Dettagli

Il miele biologico. Sondrio 18 marzo 2014

Il miele biologico. Sondrio 18 marzo 2014 Il miele biologico Sondrio 18 marzo 2014 Nei primi anni del boom commerciale dei prodotti biologici (fine secolo scorso) il miele ha fatto molta fatica ad imporsi. La sua «naturalità» è stata per molto

Dettagli

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA Considerazioni preliminari Se c è in apicoltura una patologia dai tratti confusi, indefiniti, in una parola, sconosciuti ai più, è proprio il nosema. Fino

Dettagli

Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia tel , fax , sportello tecnico: martedì

Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia tel , fax ,   sportello tecnico: martedì Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia Varroa e apicoltura: rischio default Varroa e apicoltura: rischio default Incontro FAI 2011, previsioni 2011-2012 - Difficoltà nel controllo della

Dettagli

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele Didacta Italia Tecnologie Alimentari FTC15 Linea Lavorazione Miele ISO9001:2000 Didacta Italia Srl - Strada del Cascinotto, 139/30-10156 Torino Tel. (011) 273.17.08 273.18.23 - Fax (011) 273.30.88 e-mail:

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti vegetali Sequenza di processo

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 11/07/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 11/07/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56 Deliberazione 3 luglio 2013, n. 159 Disciplina igienico-sanitaria del Settore Apistico. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Oggetto: Disciplina igienico-sanitaria del Settore Apistico.

Dettagli

L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E. Nicotplast

L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E. Nicotplast H O B B Y F A R M S.A. S. L E A D E R I T A L I A N O P E R L A F O R N I T U R A DI M A T E R I A L E A P I S T I C O P R O F E S S I O N A L E Nicotplast COSTRUTTORE FRANCESE DI MATERIALE IN PLASTICA

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

Varroa: sempre più difficile difendersi!?

Varroa: sempre più difficile difendersi!? Seminario ERSAT Sanluri, 21 maggio 2007 Prevenzione e difesa delle malattie che colpiscono le api Varroa: sempre più difficile difendersi!? Dr Duccio Pradella (ducciopr@tin.it (Tecnico A.R.P.A.T. arpat@tin.it)

Dettagli