Sportello energia: quattro anni di collaborazione Legambiente - Padova TRE. Numeri ed obiettivi raggiunti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sportello energia: quattro anni di collaborazione Legambiente - Padova TRE. Numeri ed obiettivi raggiunti"

Transcript

1 Sportello energia: quattro anni di collaborazione Legambiente - Padova TRE. Numeri ed obiettivi raggiunti 1,1 Mega Watt di potenza fotovoltaica domestica installata, 360 impianti realizzati, 838 mila euro risparmiati dalle famiglie che hanno scelto i G.A.S., barili equivalenti di petrolio che non verranno consumati grazie al funzionamento degli impianti solari. I quattro anni di Sportello energia, progetto di informazione e sensibilizzazione sul tema del risparmio energetico e a sostegno dell uso delle energie rinnovabili, svolto in collaborazione fra Padova TRE srl e Legambiente per i territori dei Bacini Padova 3 e 4, sono positivi in termini di risultati raggiunti: per numero di contatti e consulenze fornite, per numero di impianti solari realizzati grazie ai Gruppi d Acquisto Solari, per i risvolti positivi economici ed ambientali nell area. Nell estate 2012 si è aggiunto un servizio, il gruppo d acquisto del pellet di qualità, che ha coinvolto un numero contenuto di acquirenti, ma che rimane significativo per il suo valore sperimentale legato alla conoscenza di una certificazione europea volontaria. indice del report 1. Popolazione servita 1.1. Servizi on line 1. Popolazione servita 2. Gruppi d acquisto solare e gli impianti solari realizzati 2.1. Incidenza del GA.S. nel territorio 2.2. Risultati economici ed ambientali dei G.A.S. 3. Report sul Gruppo d Acquisto PELLET Il Bando di Gara 3.2 Adesioni al Gruppo d acquisto 3.3 Rapporti con le aziende e volumi generati 3.4 Valutazioni 3.5 Prospettive Nelle tre sedi di sportelli (erano quattro fino a maggio 2012) diffusi nel territorio, sono state circa le utenze registrate di cui oltre sono state le visite singole ad uno degli uffici. Inoltre è stato riscontrato un crescente numero di richieste di aggiornamento testimoniato dal database mail che ha superato quota contatti Servizi on line Da ottobre 2012 ad oggi sono state spedite 3 newsletter attraverso una piattaforma che consente la visualizzazione delle statistiche; ecco i risultati: - newsletter ottobre 2012: visualizzazioni, pari al 35,1% dei destinatari; - newsletter febbraio 2013: 2551 visualizzazioni, pari al 32,4% dei destinatari; - newsletter marzo 2013: 873 visualizzazioni, pari al 10,4% dei destinatari (dato in progress) Nuovo sito: è stato realizzato e messo on line da ottobre Nei primi 3 mesi (ottobre, novembre e dicembre) ha ricevuto visite uniche. Ad oggi (20 aprile 2013) le visite uniche sono state 4.749, con il picco di 852 visite in un giorno. I post che risultano più letti nel sito sono i seguenti: DETRAZIONI FISCALI. Al 50% anche per impianti fotovoltaici CONTO TERMICO: approvato, ecco novità e incentivi INCENTIVI PER IL SOLARE TERMICO: meglio il nuovo conto o le detrazioni fiscali? 737 lettori 555 lettori 543 lettori

2 2. Gruppi d acquisto solare e gli impianti solari realizzati In particolare sono consistenti i risultati di diffusione delle energie rinnovabili (solare e fotovoltaico) nel territorio, misurati in impianti realizzati grazie l attivazione dei Gruppi d Acquisto Solari di cui riassumiamo i dati nella tabella seguente. Complessivamente i quattro G.A.S. hanno coinvolto oltre famiglie in un percorso partecipato che ha portato all installazione di 360 impianti solari in cui lo sportello ha fornito supporto tecnico in tutte le fasi della realizzazione, per un totale di 1,1 MWp di fotovoltaico pari a 290 impianti domestici (taglia media di 3,79 kwp ciascuno) e 320 mq di solare pari a 70 impianti familiari. EDIZIONI I 2009 II 2010 III 2011 IV TOTALE Famiglie aderenti al G.A.S. Contratti stipulati Percentuale di realizzazione (contratti/aderenti) fotovoltaico 8 solare 80 fotovoltaico 35 solare 74 fotovoltaico 16 solare 76 fotovoltaico 11 solare 290 fotovoltaico 70 solare 21,5% 42,2% 30,7% 38,9% 34,5 % Fotovoltaico installato 204,86 kwp 303,9 kwp 284,43 kwp 302,2 kwp 1,1 MWp Solare installato 32,2 mq 165,76 mq 69,66 mq 52,9 mq 317,52 mq tabella 1: i risultati dei 4 G.A.S. a confronto 2.1. Incidenza del G.A.S. nel territorio Il risultato dei G.A.S. è ancor più significato se confrontato con il numero complessivo degli impianti fotovoltaici realizzati dalle famiglie nei 58 Comuni della Bassa padovana. Infatti nel periodo compreso fra giugno 2010 e febbraio 2013 quasi il 20% degli impianti fino a 4,5 kw di potenza entrati in funzione sono stati realizzati tramite il G.A.S. Tale percentuale aumenta se consideriamo tutti coloro che nei periodi in cui i G.A.S. non erano attivo hanno usufruito delle informazioni offerte da Sportello energia per avere certezza sul funzionamento degli incentivi e relativi piani di ammortamento, coloro che ci hanno chiesto consulenza su preventivi, o scoperto grazie a noi i vari prodotti finanziari che coprono fino al 100% dell investimento. 1 Dati parziali, stime aggiornate al 7 marzo 2013 con lavori ancora non conclusi.

3 aderenti contratti FV contratti ST kwp fotovoltaici mq termici Grafico 1: aderenti, contratti e impianti cumulativi nelle 4 edizioni Risultati economici ed ambientali dei G.A.S., per famiglie, imprese e territorio I Gruppi d acquisto solari hanno rappresentato anche una occasione di notevole risparmio per le famiglie che vi hanno aderito. Rispetto alle spese di installazione, il risparmio complessivo è stato di quasi euro (vedi tabella 2), calcolato rispetto ai prezzi medi di mercato del periodo di riferimento. Questo risparmio complessivo nelle installazioni, fatta la media nei quattro anni e sommando fotovoltaico e solare, significa un risparmio medio a famiglia di euro risparmio per famiglie migliaia di euro Grafico 2: : risparmio complessivo per le famiglie sull acquisto degli impianti con i G.A.S. A questo si aggiungono i risparmi e guadagni tipici del fotovoltaico (Conto Energia) e del solare (detrazioni fiscali). Ad es. per gli impianti fotovoltaici, grazie all autoconsumo elettrico ogni anno le bollette dell energia elettrica saranno complessivamente inferiori di euro 2. 2 considerando una produttività media di 1150 kwh/kwp, costo dell energia energia elettrica 0,19 euro, quota di autoconsumo = 0,4

4 Non meno importante l impatto economico ingenerato dai G.A.S. sull economia locale. Le cinque aziende, tutte con sede in provincia di Padova, che hanno vinto le varie edizioni diventando partner dei G.A.S., hanno avuto un fatturato complessivo di oltre 3,6 milioni di euro IVA esclusa (vedi tabella sotto). A dimostrazione che la green economy rappresenta l alleanza virtuosa fra risparmio nei consumi, buona economia ed occupazione e salvaguardia dell ambiente. EDIZIONI I II 2010 III 2011 IV Fatturato generato tot (IVA es.) per il FV e per il ST (IVA es.) per il FV e il ST (IVA es.) tot (IVA es.) Risparmio complessivo per le famiglie tabella 2: dati economici Non meno importanti i risvolti ambientali dei G.A.S. Considerando sia il solare che il fotovoltaico, a partire da febbraio 2013, quando cioè tutti gli impianti sono entrati in funzione, sono oltre un milione e mezzo i kwh prodotti annualmente dai nostri impianti (vedi grafico 3). Applicando il "mix energetico nazionale" e relativo fattore di conversione, significa 664,4 ton/anno di CO 2 evitata (vedi grafico 4). Tradotto in TEP (tonnellate di petrolio equivalenti), corrispondono ad un risparmio di barili di petrolio equivalenti in meno ogni anno. Se calcoliamo il vantaggio ambientale per tutta la durata di vita degli impianti (circa 30 anni) possiamo vedere che la CO 2 evitata corrisponde a 20 mila tonnellate, i barili i di petrolio non consumati sono 58 mila. kwh prodotti dagli impianti dei G.A.S Migliaia fotovoltaico solare grafico 3: produzione degli impianti che cresce di anno in anno con l aumentare degli impianti realizzati 3 Dati parziali, stime aggiornate al 7 marzo 2013 con lavori ancora non conclusi.

5 Migliaia solare fotovoltaico grafico 4: tonnellate di CO2 risparmiata ogni anno con l aumentare degli impianti realizzati Barili di petrolio equivalenti risparmiati grazie alle installazioni grafico 5: barili di petrolio equivalenti risparmiati ogni anno con l aumentare degli impianti con l aumentare degli impianti realizzati

6 3. Report sul Gruppo d Acquisto PELLET 2012 Il settore della termica da biomasse registra forti potenzialità di sviluppo offrendo una valida alternativa all utilizzo dei tradizionali combustibili fossili per il riscaldamento. Il progetto nasce dalla volontà dello Sportello energia di inserirsi in un mercato giovane in costante ascesa e supportare i cittadini nell acquisto consapevole di prodotti di qualità a minore impatto ambientale (misurato in termini di salute, emissioni, efficienza e impronta ecologica). grafico 5: : consumi di pellet in Italia (fonte AIEL 2012) L Italia rappresenta il più grande mercato a livello europeo sia per quanto riguarda il consumo che l importazione di pellet. I costanti trend di crescita, non soddisfatti dalla produzione nazionale, vedono l aumento delle importazioni (prevalentemente Austria, Germania, Romania ed extra UE). Nel 2010 sono state importate oltre ton a fronte di una produzione locale stimata in ton. In questo contesto internazionale, la qualità rappresenta sempre più un elemento determinante ed è quindi necessario individuare uno standard di prodotto, ma anche di processo, in grado di identificare chiaramente il materiale commercializzato. A tal riguardo rdo è stato approvato nel 2011 il sistema di certificazione europea ENplus basata sulla normativa EN ,, in sostituzione alle norme nazionali esistenti. Pertanto lo Sportello energia ha sviluppato un progetto in aderenza a questo standard, con l obiettivo di formare i consumatori ad un acquisto più consapevole, cercando di ottenere la migliore offerta nel rapporto qualità / prezzo. Rispetto ad altri pellet, la certificazione En plus classe A1 garantisce: salute: assenza di sostanze pericolose nel processo di combustione: L assenza di sostanze pericolose è garantita da controlli periodici che la certificazione richiede. Vengono verificati molti parametri e la presenza di sostanze quali additivi, zolfo, cloro, arsenico, metalli pesanti ecc. efficienza: minori residui di ceneri e più alto potere calorifico: Vengono superate le autocertificazioni (ad es. la dicitura generica Elevata resa ) sostituite da procedure rigorose e standard di verifica uniformi; ambiente: contributo a minori emissioni di CO2: Il ruolo principale rispetto al contenimento delle emissioni è svolto dalle stufe in base alla qualità della combustione che riescono a sviluppare. Comunque nel Conto è reso obbligatorio espressamente l'utilizzo di pellet certificato con la ENplus, ritenuto dal legislatore il miglior abbinamento con le caldaie/stufe più efficienti. sostenibilità: corretta gestione del processo:

7 Viene controllata tutta la filiera. Inoltre il produttore deve documentare la provenienza di tutta la materia prima ed indicare le emissioni di CO2 per ton di pellet prodotto. In generale i vantaggi dovuti alla certificazione sono molteplici e riguardano attori differenti del sistema: - tutela dei consumatori nel contesto del commercio internazionale; - uniformità in tutta Europa dello standard, con regole chiare per tutti; - controllo del processo produttivo e della filiera, caratteristiche costanti del prodotto; - tracciabilità e trasparenza del prodotto; - etichetta facile e completa; - costo di acquisto corrispondente ad una effettiva qualità; - migliora il livello di professionalità della filiera: tutti lavorano per la qualità. 3.1 Il Bando di Gara Nei mesi di maggio e giugno 2012 è stato sviluppato un Capitolato tecnico di gara al fine di individuare le migliori offerte. Caratteristiche principali: innovazione rispetto ai classici GdA locali; collaborazione con le aziende del territorio (rivenditori locali); forte spinta verso prodotti certificati; offerta chiavi in mano con quantità minima di 1 bancale e consegna a domicilio inclusa; prezzo fisso per minimo 3 mesi e garanzia sulle consegne; scontistica crescente in base al numero di adesioni. Il Bando pubblicato il 13 giugno 2012 e spedito ad oltre 200 contatti, ha visto la partecipazione di 12 aziende con 20 offerte complessive. Le offerte sono state analizzate secondo una griglia di valutazione sviluppata con il supporto di AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali). Sono risultate vincitrici 4 aziende distinte per le 4 aree territoriali omogenee. Tutte e 4 le offerte hanno prodotti di qualità certificata ENplus classe A1. I prezzi risultano in linea tra loro, anche se non si evidenzia un netto risparmio grazie al Gruppo d acquisito (risparmio di circa il 5-10%).

8 3.2 Adesioni al Gruppo d acquisto Stimiamo un interessamento nel periodo tra luglio e settembre di oltre 200 utenze tra segnalazioni registrate, visite agli Sportelli, telefonate, . Complessivamente gli aderenti effettivi al GAP sono stati 72 per la fornitura di 128 bancali, corrispondenti a circa 130 tonnellate. 3.3 Rapporti con le aziende e volumi generati A scadenza settimanale venivano inviate i nominativi registrati, con richiesta di contatto immediato e disponibilità per la consegna. Le consegne a domicilio sono avvenute regolarmente nel periodo di settembre/ottobre, in tempo per l inizio della stagione termica come richiesto dal Capitolato. Le segnalazioni allo Sportello energia da parte degli aderenti per mancato contatto e/o consegna, sono state 6, tutte risolte. 3.4 Valutazioni a. Partecipazione delle aziende La risposta al bando è stata discreta, considerando sia per la novità dell iniziativa (progetto pilota) sia la difficoltà concettuale nell accettare le clausole (penali) sia per la modalità di esprimere il pezzo (con scontistica) rispetto al volume generato. La scelta di suddividere il territorio in quattro aree se da un lato ha consentito di lavorare con più aziende, dall altro ha limitato il volume d affari generato e ridotto probabilmente la scontistica applicata. Inoltre l esclusione della Grande Distribuzione Organizzata e dei Consorzi Agrari ha creato qualche malumore pur garantendo maggiore partecipazione. Si aggiunga infine che sono ancora poche le aziende con pellet certificato EN plus e la concorrenza è stata bassa. Essendo la EN plus entrata a regime da poco, si prevede che un eventuale riedizione potrà vedere maggiore sviluppo. b. Prezzi Gli sconti ottenuti non sono andati oltre il 5-10%, in alcuni casi il prezzo offerto era pressoché uguale a quello offerto fuori dal GAP a dimostrazione della difficoltà da parte delle aziende di formulare un offerta convincente nella modalità proposta. 295 euro/tonnellate AZIENDA 1 AZIENDA 2 AZIENDA 3 AZIENDA 4 prezzo medio di mercato 255 FASCIA 1 FASCIA 2 FASCIA 3 Ritiro a magazzino Grafico 6: prezzi a confronto nelle offerte GAP / mercato In generale il mercato del pellet è da considerarsi un mercato povero in cui i margini sono già di per sé particolarmente ridotti e gli sconti si giocano nell ordine di pochi decimi di euro/sacco, pertanto la modalità proposta offriva basse possibilità di sconto.

9 c. Partecipazione utenti Vista l ampia diffusione di stufe e caldaie a pellet nel territorio (cfr. grafico sotto riportato) si riscontra una partecipazione bassa al GAP, dovuta alla combinazione di vari fattori: scarsissima conoscenza delle certificazioni in generale e degli standard di qualità; costante ricerca del prezzo migliore anche a scapito della qualità; prezzi non competitivi rispetto ad altri prodotti non certificati ma ampiamente commercializzati; clienti fidelizzati su vecchi fornitori ed assenza di un mercato competitivo; scarsa previsionalità da parte dei consumatori sulla variazione di prezzo stagionale; mancanza di pubblicità specifica nella fase autunnale. Nei mesi successivi al GAP (chiuso a metà settembre) allo Sportello energia sono continuate ad arrivare richieste di informazioni; ; ciò accadeva nel pieno della stagione invernale e con numeri quasi pari a quelli del periodo di adesione. Attualmente il file conta oltre 150 potenziali interessati all acquisto per il prossimo periodo invernale, per circa 270 tonnellate di pellet camino aperto stufa tradiz a legna caminetto chiuso stufa autom a pellet stufa innovativa o avanzata forno a legna Grafico 7: : uso di biomasse in Veneto in apparecchi domestici (in migliaia di tonnellate) Fonte: Gruppo apparecchi domestici - AIEL 3.5 Prospettive Visti i risultati ottenuti in questo primo anno esistono ampi margini quantitativi di miglioramento. Inoltre rimane importante condurre una azione comunicativa e formativa rivolta ai consumatori di biomasse circa la qualità del prodotto combustibile. L attività culturale di Sportello energia rimane uno degli obiettivi. i. In questo settore specifico è bene insistere per fare crescere una maggiore consapevolezza fra i consumatori. Mantenendo lo stesso schema di azione del 2012, ma migliorando in comunicazione e tempistica, per l inverno 2013 si può fissare come obiettivo del GaP la vendita di almeno 500 tonnellate di pellet di qualità. Alternativamente si possono prendere in considerazione modifiche strutturali al progetto GaP. Una prima ipotesi riguarda un accordo esclusivo con pochi fornitori; secondariamente è possibile valutare l opportunità dell acquisto diretto realizzabile grazie alla disponibilità economica e organizzativa del committente (la Padova TRE srl). In entrambi i casi si migliorerebbe il rapporto qualità/prezzo, aumenterebbero i margini di promozione dei prodotti di qualità e la filiera dell acquisto risulterebbe maggiormente controllata. Monselice, aprile 2013

I punti cardine del risparmio energetico

I punti cardine del risparmio energetico IL RISPARMIO COME FONTE DI ENERGIA Tezze sul Brenta, mercoledì 21 gennaio 2009 Ing. Luca Cuccarollo I punti cardine del risparmio energetico La gestione accurata dei sistemi energetici come mezzo per ridurre

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Contenuti Il 5 Conto Energia I punti principali Genesi Opportunità

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa. Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets

Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa. Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets Milano, 10 Gennaio 2012 Cos è il Conto Termico? Un decreto Legislativo che è entrato

Dettagli

L Efficienza Energetica: un opportunità per il Paese, i consumatori e le imprese

L Efficienza Energetica: un opportunità per il Paese, i consumatori e le imprese L Efficienza Energetica: un opportunità per il Paese, i Enel Energia Efficienza Energetica Fabio Tentori Motore di sviluppo sostenibile e di risparmio per il Paese Risparmio nel consumo primario di energia

Dettagli

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Direttore generale AIEL Associazione di filiera Associazione di filiera. dal bosco al camino Produzione/distribuzione

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 SunergySOL soluzioni per l energia RISPARMIO ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 L agenda Perché le nostre case hanno costi energetici elevati? L importanza della diagnosi energetica Nuove energie

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Clima Expo Roma punta sulle pompe di calore

Clima Expo Roma punta sulle pompe di calore Clima Expo Roma punta sulle pompe di calore Presente anche Aermec, primo marchio italiano del settore della climatizzazione, che fornisce un interessante insight sul mercato. Dal 10 al 12 novembre 2011

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Pellet per il riscaldamento domestico: un gigante del consumo italiano

Pellet per il riscaldamento domestico: un gigante del consumo italiano Pellet per il riscaldamento domestico: un gigante del consumo italiano Annalisa Paniz 1 Sommario I numeri del mercato italiano Il vantaggio competitivo del pellet Che numeri caratterizzano ENplus? Conclusioni

Dettagli

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE!

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! perché il fotovoltaico sul mio tetto? 50% detrazione irpef Le soluzioni Enerpoint IMPIANTO FOTOVOLTAICO CHIAVI IN MANO 1 OPZIONE

Dettagli

ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE DEGLI INTERVENTI

ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE DEGLI INTERVENTI REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA ABITATIVE PRIVATE ALLEGATO C SCHEDE TECNICHE DEGLI INTERVENTI Oggetto: Schede tecniche degli interventi. Il/la

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

PERCHÉ CONTINUARE A MANDARE IN FUMO I SOLDI DELL AZIENDA?

PERCHÉ CONTINUARE A MANDARE IN FUMO I SOLDI DELL AZIENDA? linea industria e terziario commerciale PERCHÉ CONTINUARE A MANDARE IN FUMO I SOLDI DELL AZIENDA? OGGI C È L INVESTIMENTO REDDITIZIO E A RISCHIO ZERO CHE TAGLIA A METÀ LA BOLLETTA ENERGETICA TAGLIARE LA

Dettagli

Il mercato del pellet e degli apparecchi termici in Italia

Il mercato del pellet e degli apparecchi termici in Italia PELLET DAY I mercati del pellet, gli aspetti tecnici e filiere alternative, gli incentivi Il mercato del pellet e degli apparecchi termici in Italia Annalisa Paniz Torino, 25 settembre 2015 PELLET DAY

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 5 Conto Energia: opportunità e criticità introdotte dal nuovo Decreto Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 Obbiettivi raggiunti Il contributo del fotovoltaico in Italia influisce

Dettagli

Elettrodomestici e sostenibilità: Priorità efficienza energetica

Elettrodomestici e sostenibilità: Priorità efficienza energetica Industria e efficienza energetica Elettrodomestici e sostenibilità: Priorità efficienza energetica Luigi Campello Università Bocconi Milano, 15 maggio 2008 IL QUADRO GENERALE: CECED ITALIA CECED Italia

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile il Fotovoltaico Eticamente Sensibile Coopwork è un impresa sociale no-profit che realizza integrazione sociale e lavorativa offrendo servizi alla persona finalizzati all inserimento lavorativo di persone

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

Fondazione UniVerde. Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011. Gianfranco Schiava : ELECTROLUX

Fondazione UniVerde. Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011. Gianfranco Schiava : ELECTROLUX Fondazione UniVerde Convegno Turismo Sostenibile ed Ecoturismo Milano, 18 febbraio 2011 Gianfranco Schiava : ELECTROLUX 1 I RISULTATI OTTENUTI: TOTALE EUROPA In 10 anni (1995-2005) nell Unione europea:

Dettagli

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Nuove opportunità per l utilizzo razionale dell energia attraverso le ESCO Rimini 22 settembre 2005 ING. RICCARDO TENTI A&B-Ambientebenessere

Dettagli

Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale.

Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale. di riferimento Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale. MILANO 27.5.2009 GRANDI APPARECCHI DOMESTICI di riferimento I CONSUMI FINALI ELETTRICI NEL RESIDENZIALE Servizi generali 7% Illuminazione

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

Le fonti di energia rinnovabile

Le fonti di energia rinnovabile Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA EOLICA SOLARE FOTOVOLTAICO E TERMICO IDROELETTRICO 26 novembre 2007 26 Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA GEOTERMICA ENERGIA DALLE MAREE IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Il riscaldamento delle serre

Il riscaldamento delle serre Il riscaldamento delle serre Indice 1. Misure di risparmio energetico 2. Perchè passare al riscaldamento con biomassa? 3. Costi energetici a confronto 4. Criteri di corretta progettazione 5. Tipologie

Dettagli

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica La certificazione energetica, oggi, è tra i documenti più importanti e tra quelli obbligatori nel mercato immobiliare. Cosa bisogna sapere?

Dettagli

"Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano"

Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano "Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano" Organizzato dal Kyoto Club nell ambito della Campagna di sensibilizzazione del

Dettagli

Il rendimento degli impianti solari:

Il rendimento degli impianti solari: Il rendimento degli impianti solari: Con il termine impianto solare s intendono tutti i sistemi finalizzati alla produzione energetica che sfruttano quella solare, trasformata in altre forme, come energia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE

Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE Corso di Alta Formazione CTI LA CO-GENERAZIONE DISTRIBUITA A COMBUSTIBILE FOSSILE E/O RINNOVABILE Coordinatori Scientifici: Prof. M. Bianchi e Prof. P. R. Spina Con il patrocinio di Milano, 9 10 e 11 Febbraio

Dettagli

La politica energetica della Provincia di Torino

La politica energetica della Provincia di Torino La politica energetica della Provincia di Torino il Programma Energetico Provinciale Sommario: La politica energetica provinciale: il quadro delle competenze Il percorso seguito nella definizione del Programma

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016 2016 IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale Sala Aulo Vibenna ASSTRA

Dettagli

Sistemi per la produzione di energia rinnovabile nella Smart City. (focus su fotovoltaico e servizio energia)

Sistemi per la produzione di energia rinnovabile nella Smart City. (focus su fotovoltaico e servizio energia) Sistemi per la produzione di energia rinnovabile nella Smart City (focus su fotovoltaico e servizio energia) CHI SIAMO Toscana Energia Green nasce nell aprile del 2009 da un'operazione che vede coinvolti

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw

Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw AZIENDE e OPERATORI del Comparto riscaldamento a biomasse. FATTURATO della filiera produzione/commercio/installazione/manutenzione.

Dettagli

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA Pianezza, 7 maggio 2009 Andrea Camarlinghi, Corintea soc. coop. Sommario

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESONE DI FINANZIAMENTI DI INTERVENTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE DESTINATA ALL AUTOCONSUMO A SERVIZIO DEL SETTORE COMMERCIALE - ARTIGIANALE - INDUSTRIALE -

Dettagli

5 Conto Energia: novità e prospettive. Gert Gremes, Consigliere ANIE/GIFI Bolzano, 25 luglio 2012

5 Conto Energia: novità e prospettive. Gert Gremes, Consigliere ANIE/GIFI Bolzano, 25 luglio 2012 5 Conto Energia: novità e prospettive Gert Gremes, Consigliere ANIE/GIFI Bolzano, 25 luglio 2012 Citazioni Il contributo del fotovoltaico in Italia influisce sul sistema dei prezzi: se prima il differenziale

Dettagli

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi CITTA DI LODI Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi I comuni, l'energia, l ambiente e la tutela del cittadino: esperienze, innovazioni e finanziamenti Simone Uggetti Assessore

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006

Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006 Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006 Paolo Rocco Viscontini 1 Cosa è il GIFI? Fondata nel 1999, fa parte di ANIE (Associazione Nazionale Industrie

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

PROGETTO FUOCO 2012, il successo della biomassa

PROGETTO FUOCO 2012, il successo della biomassa di Sara Falsetti PROGETTO FUOCO 2012, il successo della biomassa Si è svolta a Verona l 8^ edizione di Progetto Fuoco, confermandosi fiera leader mondiale, tra le specializzate in impianti e attrezzature

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE

GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE 1. 2. 3. GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE !"#$%&#'!%% ()(''(&&!%(** Sviluppo dei Paesi emergenti e consumo crescente di energia !+%$")(+(*,+("!+)! Dati

Dettagli

Energia Decreto 19 Febbraio 2007

Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Guida al Conto Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Aenergy S.r.l. Via G. Porzio N.4 Isola E3 Centro Direzionale 80143 Napoli P.IVA 05582431219 Tel 0828-1962327 Fax 0828-1962415 E-Mail info@aenergy.it Web

Dettagli

PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del

PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del 17% è scomposto nei tre settori principali calore,

Dettagli

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI

LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI LA CORRETTA GESTIONE AMBIENTALE: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI PER LE PMI TRAPANI 26.09.2012 relatori: GIULIA CIARAMELLI FRANCESCO BARBATO ECOTEC-CONSULTING OBIETTIVI DELL INCONTRO PMI e Ambiente Dare supporto

Dettagli

We save energy for a better future.

We save energy for a better future. environment, efficiency, economy We save energy for a better future. Conserviamo energia, per un futuro migliore. RIQUALIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO PROGETTAZIONE E GESTIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI.

Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI. Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI. NESSUNO ESCLUSO I FONDI DELLA REGIONE LAZIO PER LA PROMOZIONE DELLE ENERGIE DA FONTI

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

Impianto di riscaldamento del Palazzo Comunale. Relazione sulla prima stagione termica.

Impianto di riscaldamento del Palazzo Comunale. Relazione sulla prima stagione termica. Impianto di riscaldamento del Palazzo Comunale. Relazione sulla prima stagione termica. Nel corso del 2012 è stato sostituito l impianto termico del Municipio. La vecchia caldaia ha lasciato il posto a

Dettagli

Banca Popolare di Milano per l Ambiente

Banca Popolare di Milano per l Ambiente Banca Popolare di Milano per l Ambiente Finanziamenti Fonti Rinnovabili & Risparmio Energetico 0 Carta d identità Banca Popolare di Milano è una Banca Cooperativa fondata a Milano nel 865 Quotata alla

Dettagli

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Luigi Guerra, Ufficio Energia di Acer Reggio Emilia Alcuni numeri Il settore civile è

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Impianti Fotovoltaici. Opportunità offerte dal Conto Energia. ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti

Impianti Fotovoltaici. Opportunità offerte dal Conto Energia. ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti Impianti Fotovoltaici Opportunità offerte dal Conto Energia ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti Il Conto Energia Viene introdotto dal Dm 28/07/2005 (Ministero dell'ambiente e delle Attività

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

FOTOVOLTAICO 2.0 RISPARMIO E AUTOCONSUMO FOTOVOLTAICO 2.0 SCAMBIO SUL POSTO G LI INCENTIVI SONO FINITI UN IMPIANTO O FOTOVOLTAICO OGGI CONVIENE PIÙ

FOTOVOLTAICO 2.0 RISPARMIO E AUTOCONSUMO FOTOVOLTAICO 2.0 SCAMBIO SUL POSTO G LI INCENTIVI SONO FINITI UN IMPIANTO O FOTOVOLTAICO OGGI CONVIENE PIÙ Energie Rinnovabili Energy Service Company FOTOVOLTAICO 2.0 CAMBIARE MENTALITÀ PER P RISPARMIARE RISPARMIO E AUTOCONSUMO CERTIFICATI BIANCHI FOTOVOLTAICO 2.0 AGEVOLAZIONI FISCALI SCAMBIO SUL POSTO G LI

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro COMUNICATO Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro Milano, 29 settembre 2015 Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell anno, in aumento le bollette nell ultimo trimestre,

Dettagli

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Seminario Strumenti finanziari ed incentivi a supporto del risparmio energetico Incentivi statali la Finanziaria 2007 La Finanziaria 2007 ha introdotto

Dettagli

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Pubblica Amministrazione e risparmio Le Pubbliche Amministrazioni possono essere un modello per i cittadini anche in termini di efficienza

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica dell Università di Bari Carlo Gadaleta Caldarola ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l

Dettagli

Fotovoltaico: le opportunità di oggi e le possibilità di domani

Fotovoltaico: le opportunità di oggi e le possibilità di domani Fotovoltaico: le opportunità di oggi e le possibilità di domani Per Ubisol s.r.l. Ing. Francesco Rinaldi Vigolo Vattaro 6 ottobre 2010 Sommario Tecnologia Fotovoltaica Criteri base per dimensionamento

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana. Rimini, 07 Novembre 2013

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana. Rimini, 07 Novembre 2013 Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana Rimini, 07 Novembre 2013 GS-001 1/4/00-1 Davide Castagna Caminetti e stufe a biomassa ad uso domestico NASCE NEL 2004 PER: RAPPRESENTARE

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli

Alternatives for Today

Alternatives for Today Alternatives for Today Nell attuale contesto politico europeo, volto alla promozione delle fonti energetiche rinnovabili, AS Solar sostiene e propone iniziative a livello nazionale e internazionale attraverso

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI

PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI Produrre acqua calda sanitaria con il sole EmpowEr your future. Indice degli argomenti I costi energetici Cos è un impianto solare termico Perchè scegliere

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 2 715.840 kw Relazione economica Ipotesi con finanziamento (tasso 6% con finanziamento di

Dettagli

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori DEFINIZIONI Solare Termico: utilizzo della radiazione solare per produrre acqua calda Solare Fotovoltaico: utilizzo della radiazione solare per

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009 Solar Energy Italia Building a solar future Aprile 2009 1 La società Investire in un impianto fotovoltaico significa avere la garanzia di un ritorno certo per 20 anni se ci si affida ad un partner di provata

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia?

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia? 28 QM 4 1) Non è una tecnologia di cogenerazione: Turbina a vapore con spillamento di vapore Turbina a vapore in contropressione Ciclo combinato gas-vapore Motore alternativo con recupero sui gas di scarico

Dettagli

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana Terza Conferenza Nazionale sulle rinnovabili termiche Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana Roma, 30 Maggio 2012 GS-001 1/4/00-1 Ing. Denis De Marchi Gruppo Unicalor Ceced Italia

Dettagli

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 1 Il progetto Il progetto acquisti centralizzati è stato studiato da e-globalservice per offrire ai consorziati del Consorzio

Dettagli

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca 30 settembre 2007 Agenda La situazione della produzione di energia rinnovabile in Italia

Dettagli

A2Power Srl sviluppare una nuova concezione della produzione e gestione dell energia

A2Power Srl sviluppare una nuova concezione della produzione e gestione dell energia S.r.l. A2Power Srl è una realtà giovane e dinamica che opera nel settore delle energie rinnovabili, con lo scopo di costituire il punto di incontro tra l innovazione tecnologica e le esigenze di privati

Dettagli

100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra RECS. certificati

100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra RECS. certificati 100% energia pulita 100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra la cui origine è tracciata e garantita grazie al sistema di certificazione RECS (Renewable

Dettagli

Quadro legislativo e normativo relativo all EE nell industria

Quadro legislativo e normativo relativo all EE nell industria Quadro legislativo e normativo relativo all EE nell industria I. Il legislatore italiano fa il suo primo accenno all EE nella Legge 11/91 che raccomanda un uso razione dell energia. Passano ancora diversi

Dettagli