55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1"

Transcript

1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO. DISCUSSIONE MENGHI Comitato Anna Menghi per la illustrazione E una mozione semplicissima che credo non richieda molto tempo ne per presentarla, ne per sapere se l Amministrazione sia in grado di accoglierla, e si riferisce al progetto del percorso meccanizzato in galleria del commercio. Vi ricordo che è stato affrontato all epoca durante la discussione di bilancio, e vi ricordo che io dissi in quella situazione, al di la delle motivazioni legate alla galleria in quanto privata ecc., comunque in quella occasione ebbi modo di evidenziare un problema quello della inacessibilità della scala mobile. Allora abbiamo ritenuto opportuno e doveroso presentare una mozione che impegnasse l amministrazione a rivedere il progetto del percorso meccanizzato in modo da consentirne l accesso anche alle persone disabili. E solo una questione di voglia e di volontà per cui pongo questa mozione all attenzione di tutto il Consiglio Comunale. COMPAGNUCCI ASSESSORE Prima che inizi la discussione su questa mozione premeva all amministrazione far

2 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N conoscere lo stato dell arte rispetto all argomento, e cioè innanzitutto stiamo parlando di un progetto di fattibilità, commissionato per poter avere due pareri che riteniamo fondamentali al fine di non passare ad una progettazione preliminare e poi dopo doversi accorgere delle difficoltà o dell impossibilità di ottenere pareri positivi in merito. Questi due pareri preliminari che volevamo ottenere riguardano sovrintendenza beni ambientali architettonici e vigili del fuoco, la sovrintendenza per i noti problemi di inserimento per il tessuto storico di questi meccanismi moderni, vigili del fuoco per i problemi relativi alla sicurezza. Per cui nulla abbiamo affrontato rispetto a quest altro problema, è evidente che abbiamo fatto una scelta, abbiamo scelto le scale mobili e non l ascensore perché abbiamo ritenuto che l afflusso continuo di traffico potesse essere meglio ricevuto con le scale mobili anziché con l ascensore. Pensando comunque che per quando riguardasse il problema posto dalla consigliera Menghi questo potesse essere risolto così come lo stesso ufficio ci consiglia, cioè una volta ricevuti questi pareri se positivi procedere ad ulteriori fasi di progettazione, in questa fase sarà valutata la possibilità di realizzare la meccanizzazione anche per disabili attraverso l inserimento di servo scala, oppure studiare soluzioni alternative come la dotazione di tutti i servizi urbani che raggiungano piazza dei necessari ausili per il trasporto di persone anche su carrozzina, ed eventuali incrementi di posteggi auto per disabili nelle zone più carenti. Allo stato la situazione è questa che stiamo valutando il parere dei vigili del fuoco e stiamo vedendo a fronte di questo parere se è possibile soddisfare queste soluzioni ed inserire le scale mobili. Gli uffici sono impegnati nel vedere come poter contemperare l inserimento di queste nuove strutture con le uscite di sicurezza delle attività commerciali che sono in quella zona. Se riusciremo a svolgere positivamente la soluzione la troveremo attraverso servo scala ecc., altrimenti dovremmo rinunciare a realizzare questa struttura perché i pareri in quel caso non ci permetterebbero di realizzare sia l una che l altra delle due soluzioni. Grazie.

3 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N TACCONI PPE Su questa mozione io ho ascoltato attentamente l assessore, io quasi su questa struttura meccanizzata ci ho messo bocca anche perché il lato Rampa Zara sappiamo tutti i problemi del centro storico. Io sono entusiasta di questa struttura che facilita l ingresso del servizio urbano prima di tutti capolinea al parcheggio Silos, galleria del commercio è una facilitazione per tutti con questa struttura, per carità non torniamo indietro le esigenze tecniche si superano. Per quanto riguarda la mozione per l handicap io dico la verità odio il servo scala perché al posto di chi lo dovrebbe usare non lo userei mai, preferisco non andarci, perché il servo scala avete visto che fine ha fatto anche sui grandi palazzi, il servo scala serve i palazzi fatiscenti dell antica Roma ecc, però io la risposta dell ufficio tecnico la risposta della mozione del gruppo Menghi la ritengo frettolosa, forse non c è l esperienza sufficiente perché l handicap l abbiamo sempre trascurato. Io dico anche che la sovrintendenza non ci dovrebbe creare problemi su una struttura come la galleria del commercio che è una struttura moderna (VOCI DI FONDO NON COMPRENSIBILI) io non credo che ci siano problemi. Per i vigili del fuoco queste tecnologie non li conosco, però queste scale mobili ci fanno volare alto, non penso che adesso per una scena in più. Ecco ripeto, Assessore rispedisca al mittente quella relazione con il servo scala perché scoraggia, non viene utilizzato al 100%, se l ascensore non è possibile si deve trovare un sistema tecnico perché le due rampe facilitano la risalita e quindi il servizio richiesto dalla mozione di Anna Menghi che io voto. MAULO I Democratici Città dell Uomo I Consiglieri ricorderanno che il gruppo i Democratici città dell Uomo quando si trattò di discutere lo stanziamento per quanto riguarda il percorso meccanizzato sotto la galleria del commercio disse che era favorevole e qualora quella fosse la terza fase di un percorso di cui la seconda fase era già stata realizzata dentro l autosilos e la prima fase è quella che dovrebbe riguardare un impianto di risalita dal parcheggio a raso di

4 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N Fontemaggiore fino all altezza di Viale Leopardi. Solo in questo senso noi crediamo che abbia una funzione autentica per la città, come un continuo che va dalle zone di sosta al pieno centro della città. In ogni caso qualora non fosse questa la soluzione l intenzione dell amministrazione, noi in subordine diciamo che se si realizza l impianto di risalita dentro la galleria del commercio occorre tenere presente per prima cosa un no secco al servo scala perché in realtà non risolve i problemi se non per pochissime persone. Diciamo anche no a quel surrogato che è altra forma di surrogato per chi è persona disabile che viene al centro con altri sistemi con particolari attenzioni, il che significa che questo impianto di risalita serve soltanto per chi non ne avrebbe bisogno. Allora ci domandiamo a che serve? Quando si dice di fare l ascensore al posto dell impianto di risalita sotto forma di scala mobile ci domandiamo ma serve ancora un ascensore per un percorso così breve? (VOCE DI FONDO NON COMPRENSIBILE) si sarà importante quanto ti pare ma con l ascensore interrompe il flusso di traffico, crea attese tali a non fare niente. Nel caso specifico poi mi domando una cosa, ma alcuni giorni fa io ho letto un intervista dell Assessore Di Pietro in cui diceva che i finanziamenti per gli impianti di televisione fissa per l accesso alla città, i finanziamenti venivano presi dal finanziamento per l ascensore o per la scala mobile, al che mi sono domandato non è per caso che quella ipotesi che sta dicendo l Assessore Compagnucci che eventualmente non si fa niente è quella che sta camminando? CARANCINI DS Io mi limiterei a raccogliere la sollecitazione che la mozione ci propone, al di la degli sviluppi e dell evoluzione l ampliamento del discorso a proposito dei parcheggi attracchi, accessi più ampi rispetto di quelli attuali. La sollecitazione della mozione è quella di poter rendere l attracco meccanizzato anche fruibile per persone disabili. Io premetto che sono assolutamente d accordo nel merito e nella sostanza, faccio però

5 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N una ulteriore riflessione che mi viene spontanea dalle parole dell assessore il quale ci dice oggi che quell intervento è in dubbio perché si è in attesa su una via libera formale da parte degli organi competenti per poter realizzare quella struttura che è questione prioritaria ed antecedente rispetto al problema che ci pone con la mozione. Allora premettendo che sulla sostanza della mozione sono d accordo, non eludendo neanche il concetto a cui faceva riferimento l assessore, che cioè qualora li fosse realizzato l attracco meccanizzato lo strumento per poter permettere l accesso alle persone disabili potrebbe essere esclusivamente solo il servo scala, credo in ogni caso che la mozione possa essere sospesa e rinviata al momento in cui l amministrazione ci dirà se quel progetto è realizzabile oppure no. A quel punto naturalmente si potrà votare in maniera definitiva, votare questo tipo di indicazione che a me vede d accordo. MENGHI Comitato Anna Menghi per la replica Per puntualizzare alcune cose, questa amministrazione ha adottato una delibera per un accordo di massima per l abbattimento delle barriere architettoniche, non ricordo con quale soggetto, ma so che l architetto Calzolaio è un collaboratore di questa associazione con cui l amministrazione ha fatto questo progetto. Allora mi viene da dire che dovrebbe essere stato non dico naturale ma non ci doveva essere neanche bisogno di questa mozione perché se si sposa il progetto per fare un piano di abbattimento di barriere architettoniche nella città io credo che il problema va posto all inizio. Lo dico perché allora evidentemente qua a livello culturale non siamo riusciti a fare un passo avanti, se io sono costretta ancora oggi ad una amministrazione non accetto una soluzione tanto per essere in regola con la legge che viene proposta quando viene presentata una mozione ad hoc. Per cercare di venire incontro a quello che diceva il consigliere Carancini, non di sospenderla per riproporla, ma a questo punto suggerisco di aggiungere alla fine qualora l intervento verrà realizzato un inciso che salva l ipotesi della non realizzazione.

6 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N La votazione è riportata nella delibera s:\segrcons\anno 2003\discussioni\tracc055.rtf

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO ALLE ASSUNZIONI DI PERSONALE ATTRAVERSO PROCEDURE PUBBLICHE DA PARTE

Dettagli

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DA DIVERSI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA RELATIVO AL PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DELLE POSTE SPA.

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DA DIVERSI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA RELATIVO AL PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DELLE POSTE SPA. 1 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DA DIVERSI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA RELATIVO AL PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DELLE POSTE SPA. DISCUSSIONE PANTANETTI RIFONDAZIONE COMUNISTA per l illustrazione

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE MAULO DEI DEMOCRATICI IN MERITO AL PIANO DEL TRAFFICO. DISCUSSIONE

OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE MAULO DEI DEMOCRATICI IN MERITO AL PIANO DEL TRAFFICO. DISCUSSIONE 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE MAULO DEI DEMOCRATICI IN MERITO AL PIANO DEL TRAFFICO. DISCUSSIONE MAULO I Democratici per la illustrazione - Credo che questa mozione anche se casualmente

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri).

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 53 avente per oggetto: Approvazione del progetto comportante variante agli strumenti urbanistici, relativo alla riqualificazione e potenziamento

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

CITTA' di GALATONE Prov. di Lecce

CITTA' di GALATONE Prov. di Lecce CITTA' di GALATONE Prov. di Lecce DELIBERA DELLA GIUNTA N. 14 DEL 22/01/2015 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO AI FINI DELL'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO LA SCALA

Dettagli

32 del 30 e 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2607

32 del 30 e 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2607 1 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI. ------------------- L anno duemilacinque il giorno TRENTA del mese di MAGGIO nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 16,00 si è

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte Massimino e Cusano Rocco - Sdemanializzazione - Rinvio del

Dettagli

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015 COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015 1 PRESIDENTE: Buongiorno iniziamo i lavori con le interrogazioni, la prima interrogazione è l interrogazione protocollo 2411 del

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Interventi dei Sigg. Consiglieri Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Passiamo al decimo punto dell ordine del giorno: Approvazione delle modifiche al regolamento

Dettagli

OGGETTO: ISTITUZIONE MACERATA CULTURA BIBLIOTECA E MUSEI - VARIAZIONI AL BILANCIO 2009 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE DEL 22 SETTEMBRE

OGGETTO: ISTITUZIONE MACERATA CULTURA BIBLIOTECA E MUSEI - VARIAZIONI AL BILANCIO 2009 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE DEL 22 SETTEMBRE PAG. 1 OGGETTO: ISTITUZIONE MACERATA CULTURA BIBLIOTECA E MUSEI - VARIAZIONI AL BILANCIO 2009 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE DEL 22 SETTEMBRE Maulo Presidente per commemorazioni (riportate in delibera) Maulo

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 25/05/2006 OGGETTO: D.L. n. 444 del 27.10.1995,

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Il Sindaco-Presidente pone in discussione il presente punto dell o.d.g. e affida la parola all Assessore di Reparto che relaziona nei seguenti termini: ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Le Leggi finanziarie 2002

Dettagli

OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI.

OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI. PAG. 1 OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI. ------------------- L anno duemilasette il giorno VENTOTTO del mese di GIUGNO nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 16,00

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2008 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE

OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2008 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE PAG. 1 OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2008 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE MAULO Presidente Le commemorazioni sono riportate in delibera MUNAFÒ Comitato Menghi per mozione d ordine Formalmente

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 FEBBRAIO 2015

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 FEBBRAIO 2015 COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 FEBBRAIO 2015 1 PRESIDENTE: Iniziamo i lavori con le interrogazioni, la prima interrogazione è il protocollo 36347/2015 Avente per oggetto

Dettagli

228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1

228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1 228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1 OGGETTO: Abbattimento barriere architettoniche nella Pinacoteca Comunale. Fornitura e posa in opera di pedana e montascale. Autorizzazione spesa. L anno millenovecentonovantanove,

Dettagli

COMUNE DI GALATINA CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 NOVEMBRE 2008

COMUNE DI GALATINA CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 NOVEMBRE 2008 COMUNE DI GALATINA CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 NOVEMBRE 2008 PUNTO 1 O.D.G. aggiuntivo Art. 11 del vigente regolamento di Consiglio comunale. Seconda commissione consiliare permanente Sostituzione componente

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 18 In data 23/05/2012 Prot. N. 7819 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri).

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri). Il presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 16 avente per oggetto: Sostegno al disegno di legge per il finanziamento statale della manutenzione delle Mura Venete e trasferimento della

Dettagli

Blanchi Comunisti Italiani per la Federazione della Sinistra per l illustrazione

Blanchi Comunisti Italiani per la Federazione della Sinistra per l illustrazione PAG. 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI LATTANZI E BLANCHI DEI COMUNISTI ITALIANI PER LA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA IN MERITO ALL ADEGUAMENTO TARIFFA PER L INUMAZIONE PRESSO IL CIVICO CIMITERO

Dettagli

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI.

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI. Servizio Lavori Pubblici e Progetti Ufficio Lavori Pubblici DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 044 del 30.03.2010 OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI. L anno duemiladieci

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

N. 151 DEL 19.03.2008

N. 151 DEL 19.03.2008 N. 151 DEL 19.03.2008 U.T. LEGGE 09.01.1989 N. 13 RICHIESTA DI CONTRIBUTI STATALI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ANNO 2008 Premesso: LA GIUNTA COMUNALE che l art.

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 LUGLIO 2014 Consiglio comunale del 31.07.2014 Pag. 1 PRESIDENTE: Buongiorno a tutti, iniziamo i lavori del Consiglio, invito i Consiglieri

Dettagli

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PRESIDENTE Nell analizzare le criticità e le potenzialità per una riqualificazione del centro antico di Fasano, l associazione ha fatto emergere

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 46 DATA 05.08.2014 OGGETTO: Richiesta autorizzazione occupazione suolo pubblico

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 15 DICEMBRE 2003

CONSIGLIO COMUNALE DEL 15 DICEMBRE 2003 112 del 15 dicembre 2003 PROT. N. 37239 1 OGGETTO: CONFERIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI DI MANUTENZIONE VERDE, PULIZIA, GESTIONE OPERAZIONI NECROFORE E ILLUMINAZIONE VOTIVA, CON RISCOSSIONE DEI RELATIVI

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

COMUNE DI CITTA' SANT'ANGELO

COMUNE DI CITTA' SANT'ANGELO COMUNE DI CITTA' SANT'ANGELO PROVINCIA DI PESCARA Seduta in data : 21/10/2014 Oggetto: DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Atto n. Mozione presentata dal Gruppo Consiliare "Responsabilità Comune" avente

Dettagli

Comune di Treviglio. Consiglio Comunale del 02.02.2009. Apertura di seduta

Comune di Treviglio. Consiglio Comunale del 02.02.2009. Apertura di seduta Comune di Treviglio Consiglio Comunale del 02.02.2009 Apertura di seduta Buona sera. Iniziamo i lavori di questo Consiglio Comunale del 2 febbraio 2009. Essendo raggiunto il prescritto numero legale,la

Dettagli

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Un abitare di qualità, per tutti A.S. Annalisa Rolli Come nasce il Centro Delibera Consiglio Regionale n.514/2003 I Centri di informazione

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 Verbale allegato alla delibera consiliare n. 44 avente all oggetto: Mozione relativa a Abbandono dei minori, adozione internazionale

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI.

OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI. PAG. 1 OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI. L anno duemilasette, addì ventisei del mese di settembre

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILI

SCHEDA REQUISITI AUSILI ALLEGATO F4) SCHEDA REQUISITI AUSILI Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

1 96 del 26 NOVEMBRE 2002 PROT. N. 32784 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A.

1 96 del 26 NOVEMBRE 2002 PROT. N. 32784 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A. 1 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A. ------------------- L anno duemiladue il giorno VENTISEI del mese di NOVEMBRE nella Sala Consiliare della Civica

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

Programma abbattimento barriere architettoniche

Programma abbattimento barriere architettoniche COMUNE DI QUARRATA PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO URBANISTICO Progettisti: Indagini geologiche: Arch. Riccardo Bartoloni Arch. Riccardo L. Breschi Dott. Geol. Ferruccio Capecchi Dott. Geol. Gaddo Mannori

Dettagli

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia.

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia. Percorsi Palermo microinterventi di ricucitura del tessuto urbano Pedonalizzare il centro storico di Palermo: cosa ne pensi? risultati del questionario arch. Michelangelo Pavia febbraio 2013 spazio al

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA N. d'ord. 138 reg deliberazioni Prot. n. 2010/ 27.692 GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 10/03/2010 L'anno DUEMILADIECI, questo giorno DIECI

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 106 del 11.09.2014

COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 106 del 11.09.2014 Gli Assessori signori: Denis Fantinuoli, Alice Carli, Sara Bellotti, Stefano Parmiani, Sergio Provasi, presenti in aula, partecipano all'odierna seduta consiliare senza il diritto di voto e senza essere

Dettagli

C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano

C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A N. 15 DEL 22.04.2015 OGGETTO: Proposta al Consiglio Comunale

Dettagli

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 Indice Premessa Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1 Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 L utilizzo delle bicicletta nella Città di Torino pag. 6 Bicicletta in Città gruppi a confronto

Dettagli

COSA DEVI SAPERE LA SOSTA ALL OSPEDALE

COSA DEVI SAPERE LA SOSTA ALL OSPEDALE LA SOSTA ALL OSPEDALE COSA DEVI SAPERE Diamo risposta alle domande più frequenti ed offriamo informazioni utili ad inquadrare meglio quanto è stato affrontato anche nell ambito del Tavolo tecnico istituito

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 3 Sala Maraldi 19/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 11 uditori (3 tecnici del Comune di Ravenna +1 Lepida + Assessore Cameliani) GENERE: 10 uomini e 1 donna ETA MEDIA: 47 NAZIONALITA : italiana

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 28/01/2004 GC N. 23 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Abbattimento delle barriere

Dettagli

INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO

INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO Relazione illustrativa preliminare Conegliano, 11/06/2014 Premessa Una delle

Dettagli

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 59 DEL 15/06/2010

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 59 DEL 15/06/2010 Piazza 28 Ottobre 1918 nr. 1 Telefono (0438) 466111 Telefax (0438) 466190 Codice fiscale: 82002770269 Partita Iva: 00670660265 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Provincia di TREVISO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 8 In data 27.02.2014 Prot. N. 4234 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

COMUNE DI VAIANO. Programma abbattimento barriere architettoniche scala 1:5000 REGOLAMENTO URBANISTICO - LR 1/2005

COMUNE DI VAIANO. Programma abbattimento barriere architettoniche scala 1:5000 REGOLAMENTO URBANISTICO - LR 1/2005 COMUNE DI VAIANO REGOLAMENTO URBANISTICO - LR 1/2005 Arch. Bianca Ballestrero Arch. Alessandro Bertini Arch. Alessandra Blanco Consulente: Prof. Arch. Piero Paoli Programma abbattimento barriere architettoniche

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE

OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE PAG. 1 OGGETTO: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E SUOI ALLEGATI. DISCUSSIONE MARCONI Assessore per la illustrazione La delibera attiene a due tipi di variazione, una riguarda degli storni di

Dettagli

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato Cari amici, illustri ospiti, Voglio innanzitutto ringraziarvi tutti per

Dettagli

Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri

Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri Ai Dirigenti degli Istituti di ogni ordine e grado della Puglia Loro SEDI E p.c. Al Sovrintendente Fondazione Petruzzelli Maestro Massimo

Dettagli