Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione"

Transcript

1 Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione FOCUS La formazione dei volontari di Protezione civile, settore che dal 2002 è in continua crescita ed evoluzione, rappresenta il fiore all occhiello dell Agenzia di Protezione civile della Regione Emilia Romagna. Nel 2013, un ottimo lavoro è stato, infatti, fatto e condotto dal Settore Formazione dell Agenzia, in collaborazione con il volontariato per mettere a punto un pacchetto di modelli formativi da rendere disponibili agli enti e alle organizzazioni sul territorio. Dando attuazione a quanto previsto dalle direttive del Dipartimento nazionale, la formazione rappresenta il canale principale attraverso cui veicolare le informazioni essenziali per promuovere la cultura della sicurezza dei volontari. Il 1 marzo scorso è stato inaugurato il primo dei numerosi corsi previsti: un corso laboratorio per volontari-formatori in materia di sicurezza e comportamenti di autotutela di Franco Pasargiklian Foto: Giulio Crescini 20 PPer tutto il 2014 il volontariato della Regione Emilia Romagna in collaborazione con il Settore Formazione dell Agenzia regionale sarà impegnato nel dare concretezza all attività di studio e ideazione finora svolta, promuovendo corsi nelle varie province in collaborazione con gli enti locali e le realtà associative. Tra questi, rientrano le attività formative previste da un progetto predisposto dal Centro Servizi regionale del Volontariato in collaborazione con l Agenzia, recentemente finanziato dal Dipartimento nazionale e che si articolerà su diverse tipologie formative tra cui: i formatori in materia di sicurezza, la logistica e la gestione della segreteria in caso d emergenza. Non bisogna dimenticare, infatti, che il decreto legislativo n. 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza, ha portato all emanazione di una serie di direttive ad hoc per il volontariato, che si fondano su alcuni principi cardine che obbligano le organizzazioni e le amministrazioni a formare, informare e addestrare adeguatamente i volontari. Obiettivo: diffondere una nuova consapevolezza della sicurezza incentrata soprattutto su comportamenti di autotutela da parte del volontario. Mezzi e attrezzature, di per sé, non sono sufficienti. Vanno abbinati alla conoscenza. Serve una consapevolezza diffusa sui rischi possibili e su come

2 Bologna, 1 marzo Inaugurazione del corso per volontari-formatori in materia di sicurezza. L intervento di Roberto Giarola, dirigente Servizio Volontariato del Dipartimento della Protezione civile nazionale affrontarli. Necessarie, dunque, una serie di proposte e di azioni a tutto tondo sul tema, di cui abbiamo parlato con Carmela Buonopane, responsabile della formazione dell'agenzia regionale di Protezione civile dell Emilia Romagna. Negli ultimi due anni - ha detto - l Agenzia regionale di Protezione civile ha rivisto e riconsiderato tutta la formazione che viene fatta a livello regionale. In applicazione delle direttive previste, alla fine del 2012 il Centro Servizi regionale del Volontariato PC, supportato dall Agenzia regionale, ha presentato al Dipartimento la richiesta di un finanziamento per un progetto specifico relativo alla formazione del volontariato in materia di sicurezza nei vari ambiti di intervento e rispetto alle diverse tipologie di rischio. Il progetto finanziato dal Dipartimento è partito nel mese di marzo con il primo di una serie di numerosi e variegati corsi. Si tratta, per alcuni, di corsi sperimentali presentati per la prima volta a livello nazionale, tra cui il corso-laboratorio per volontari-formatori specializzati in materia di sicurezza e comportamenti di autotutela, inaugurato il 1 marzo scorso. Per la prima volta - ha affermato Carmela Buonopane - il nostro obiettivo è quello di formare un discreto gruppo di volontari sui temi della sicurezza del volontariato. I formatori, una volta specializzati, saranno in grado di formare i volontari sui comportamenti più idonei da tenere nei vari ambiti di intervento e su quali DPI adoperare a tutela della propria sicurezza. Si tratta - continua - di una esperienza molto particolare e impegnativa, dal momento che non esistono valutazioni dei rischi specifici fatti dagli enti. Il corso formatori, iniziato sabato 1 marzo con un test 21 La Protezione civile ITALIANA aprile

3 Rimini, 8 marzo. Un momento del corso tenuto da Carmela Buonopane, responsabile formazione dell Agenzia regionale di Protezione civile dell Emilia Romagna. Accanto alla funzionaria, Roberto Giarola FOCUS 22 di accesso per verificare le conoscenze pregresse, ha una durata complessiva di 48 ore e impegnerà i futuri formatori per quattro weekend consecutivi. Il corso-laboratorio realizzato su più moduli formativi - ha tenuto a precisare la funzionaria - è partito con l illustrazione delle direttive da parte del Dipartimento in materia di sicurezza. In particolare, il laboratorio che si terrà a Rimini per due fine settimana, sarà incentrato sui diversi ambiti di intervento (idro, AIB, sismico, logistica, magazzini e cucine) e consentirà di comprendere quali siano i comportamenti di autotutela, ovvero di auto-protezione che devono tenere i volontari a seconda della tipologia di rischio a cui sono sottoposti. Altra caratteristica distintiva del corso è la piattaforma informatica dedicata ai volontari per la formazione a distanza. Al termine del progetto, i futuri formatori avranno disponibile un copioso e abbondante materiale di supporto, fatto di pacchetti didattici che utilizzeranno nei vari corsi per formare i volontari in materia di sicurezza. Requisiti rigidi per accedere al corso-laboratorio per formatori

4 Nel Comitato di gestione del progetto - ha proseguito Carmela Buonopane - abbiamo fissato dei requisiti di accesso al corso-laboratorio, stabilendo un numero massimo di volontari. A tale proposito, abbiamo chiesto ai coordinamenti provinciali del volontariato e alle associazioni regionali con proprie dislocazioni su tutto il territorio regionale, di candidare da 2 a 5 volontari. Abbiamo effettuato la nostra scelta - continua - secondo un criterio rigido e ben preciso, ovvero i volontari dovevano essere iscritti al volontariato da almeno 5 anni e possedere almeno 5 anni di esperienza in attività di emergenza. I partecipanti al corso-laboratorio, che si basa effettivamente sull esperienza dei singoli volontari, saranno in tutto 38. A conclusione del corso riceveranno un attestato di partecipazione ed entreranno così a far parte del primo elenco di volontari-formatori in materia di sicurezza della Regione Emilia Romagna. I formatori - ha precisato Buonopane - degna rappresentanza di tutti i coordinamenti provinciali e di tutte le realtà regionali e nazionali che vi sono sul territorio (dalla Croce Rossa all Anpas), avranno il compito innanzitutto di prendere parte ai corsi previsti nell ambito del progetto finanziato dal Dipartimento, al fine di formare i volontari in materia di sicurezza. Oltre al corso formatori sono previsti una serie di corsi di tipo specialistico che vanno dalla logistica alla segreteria d emergenza (per un totale di 13 corsi), che si svolgeranno a livello interprovinciale, i seminari e i moduli di aggiornamento in materia di sicurezza. A breve inizierà il corso per responsabili della logistica che si terrà a Bologna - ha affermato sempre Buonopane - si tratta del primo di tre corsi per logisti che si realizzeranno nell arco di un anno. Seguirà, poi, un progetto-laboratorio che dovrà produrre un manuale ope-

5 FOCUS Fasi del corso 24 rativo per le segreterie d emergenza. Non solo. Alla conclusione di questi tre corsi capofila - prosegue Buonopane - vi saranno una serie di attività a livello interprovinciale, con i corsi per addetti alle cucine, alle mense e ai magazzini alimentari. Sono previsti, inoltre, entro la fine del 2014 alcuni seminari di aggiornamento in materia di antincendio e idro; moduli di aggiornamento in materia di sicurezza e seminari informativi per i presidenti delle associazioni delle varie province. Una formazione molto intensa, dunque, che fa parte del progetto presentato al Dipartimento, già approvato a

6 dicembre del La conclusione del progetto è prevista per la fine del 2014: un anno molto impegnativo durante il quale dovranno essere realizzate tutte queste attività. Centro Servizi regionale del Volontariato: prima realtà regionale a ottenere un finanziamento dal Dipartimento della Protezione civile nazionale Il progetto di formazione a livello regionale per i volontari di protezione civile, finanziato dal Dipartimento nazionale, si articola su diverse attività formative, tra cui quella in materia di sicurezza nelle varie tipologie di intervento. Fondamentale per la buona riuscita dell iniziativa è stata la sinergia tra il Centro Servizi regionale del Volontariato, il Centro Servizi Villa Tamba e l Agenzia regionale di Protezione civile. Ne abbiamo parlato con Marcello Gumina presidente del Comitato regionale di Coordinamento del Volontariato di Protezione civile. Si tratta di un progetto molto valido - ha detto - dal momento che parte dalle reali esigenze del volontariato. Il Centro Servizi regionale ha cercato di capire, consultando i coordinamenti e le diverse associazioni regionali e nazionali, quale tipo di formazione si voleva offrire con i fondi a disposizione, impegnandosi a pianificare il progetto e rinviarlo al Dipartimento, coordinandosi con l Agenzia regionale che sta a capo della formazione. L iniziativa è davvero molto sentita e sarà certamente molto partecipata, per questo ritengo che porterà a degli ottimi risultati. In particolare, è stata prevista una formazione sulle reali esigenze che hanno i vari coordinamenti e le associazioni, con una serie di corsi relativi alla sicurezza in cucina, e alla sicurezza idraulica, che si svolgeranno sul campo. Nel complesso il progetto è stato possibile anche grazie alla collaborazione

7 FOCUS tra il volontariato e Villa Tamba, la struttura che raggruppa organizzazioni su tutto il territorio della provincia di Bologna e che si occupa della formazione del volontariato. Attualmente Villa Tamba si occupa esclusivamente di formazione - ha proseguito Marcello Gumina - a differenza del Centro Servizi regionale, un organismo di terzo livello che collabora con le associazioni di secondo livello come i coordinamenti e le consulte provinciali o le associazioni nazionali o regionali. Il Centro servizi continua - è la struttura che offre un servizio al volontariato. In questo caso ha studiato e pianificato e successivamente presentato al Dipartimento, un progetto unico e valido per tutti i coordinamenti e le associazioni regionali. Il suo ruolo di capo gruppo tra tutte le associazioni, le ha consentito di concentrare in un unico progetto tutti i finanziamenti e di gestire la spesa in modo più efficiente ed efficace. Il Centro Servizi regionale del Volontariato è stata la prima realtà regionale di protezione civile a ottenere un finanziamento dal Dipartimento. Solitamente in Italia - ha affermato - sono le singole organizzazioni o i singoli coordinamenti che, presentando un progetto al Dipartimento, ottengono un finanziamento. L Emilia Romagna rappresenta attualmente il primo caso di Regione che ha ottenuto un finanziamento, e questo grazie all esistenza e all impegno dimostrato dal Centro Servizi Regionale del volontariato. In virtù della famosa Carta d Intesa - conclude Gumina - insieme ai coordinamenti si è stabilito quali siano le reali esigenze comuni, convogliandole in un unico progetto alla volta ed evitando così la frammentazione in singoli e innumerevoli iniziative, che spesso sono caratterizzati da un percorso burocratico assai più complesso e dalla difficile e incerta realizzazione. 26 Riunione Consiglio direttivo del Centro Servizi regionale Volontariato di Protezione civile. Da sinistra: Alfredo Torelli, consigliere regionale Agesci; Gabriele Russo, vice presidente Coordinamento provinciale Volontariato PC Forlì/Cesena; Marcello Gumina, presidente del Comitato regionale Volontariato di Protezione civile; Gaetano Lo Presti, coordinatore regionale dell Associazione Nazionale Carabinieri; Stefano Camin, presidente Coordinamento provinciale Volontariato PC di Parma e Carlo Castellucci, consigliere regionale ANPAS

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI SEZIONE DI MODENA REGOLAMENTO SEZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO DALLA PROTEZIONE CIVILE - SEDE NAZIONALE Il xx/xx/xxxx ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI SEZIONE DI MODENA

Dettagli

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia Il I convegno dei Coordinamenti provinciali del volontariato di Protezione civile della Puglia CONVEGNI Quale futuro per il volontariato di Protezione civile pugliese? : è stato questo il tema di un interessante

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

QUALIFICA PROFESSIONALE ESTETISTA 2016-2018. (Percorso 2016-2018 in corso di presentazione per il riconoscimento All Amministrazione Regionale)

QUALIFICA PROFESSIONALE ESTETISTA 2016-2018. (Percorso 2016-2018 in corso di presentazione per il riconoscimento All Amministrazione Regionale) QUALIFICA PROFESSIONALE ESTETISTA 2016-2018 (Percorso 2016-2018 in corso di presentazione per il riconoscimento All Amministrazione Regionale) ECIPAR Società Consortile a responsabilità limitata è una

Dettagli

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE L iscrizione del volontario ad un Associazione è il primo

Dettagli

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità InfoJobs.it fornisce in anteprima uno spaccato della ricerca di personale in Emilia Romagna, confrontando i dati relativi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

E nato STARP REGIONE EMILIA ROMAGNA. di Franco Pasargiklian

E nato STARP REGIONE EMILIA ROMAGNA. di Franco Pasargiklian E nato STARP Lo scorso 6 maggio a Bologna, l Agenzia regionale di Protezione civile ha presentato il nuovo sistema web per la gestione informatizzata dell Elenco regionale del Volonta - riato di Protezione

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Con l assessore Paola Gazzolo abbiamo rappresentato il percorso storico - legislativo e le motivazioni dell istituzione del nuovo elenco regionale

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Premessa L'attenzione agli aspetti psicosociali è alla base della stessa missione di Croce Rossa, in quanto preparando gli interventi a favore delle persone

Dettagli

Direzione Generale UFFICIO V. Prot. MPI AOODRER n. 14960 Dirigente: Giancarlo Cerini Bologna, 23 settembre 2008

Direzione Generale UFFICIO V. Prot. MPI AOODRER n. 14960 Dirigente: Giancarlo Cerini Bologna, 23 settembre 2008 Ai Dirigenti scolastici delle scuole statali dell infanzia e primaria Ai Coordinatori e gestori delle scuole paritarie dell infanzia e primaria p.c. Ai Dirigenti responsabili degli Uffici Scolastici Provinciali

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI (ANA), in conformità con quanto stabilito dal suo Statuto ed in accordo con le disposizioni di legge,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI 1 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

Dettagli

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Marco Lombardi Milano, 5 aprile 2014 SSPC Chi siamo Regione Lombardia con d.g.r. n. 14117 dell 8 agosto 2003 ha

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Premessa La Croce Rossa Italiana riconosce nella formazione continua e permanente dei propri Soci il valore aggiunto dell'associazione.

Dettagli

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE CAPP Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE Iniziativa co-finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Guida per il formatore

Guida per il formatore Sistema flessibile di formazione al ruolo di Capocantiere dell edilizia storica PON IT 053-PO 007- Avviso 1/01 Fasc. 37 Guida per il formatore La formazione del Capocantiere edilizia storica 1. Gli elementi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE Il Comitato Italiano

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

COMITATO REGIONALE CALABRIA COMMISSIONE REGIONALE ALLENATORI

COMITATO REGIONALE CALABRIA COMMISSIONE REGIONALE ALLENATORI COMITATO REGIONALE CALABRIA COMMISSIONE REGIONALE ALLENATORI PIANO REGIONALE DI FORMAZIONE CNA CALABRIA 2011 INTRODUZIONE Il piano di regionalizzazione della formazione nasce con il chiaro intento di favorire

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

la cittadella della Protezione Civile

la cittadella della Protezione Civile 34 edizione Riccione 24-25-26 settembre 2015 Palazzo dei Congressi la cittadella della Protezione Civile Premessa La Polizia Locale è parte del sistema di Protezione Civile e spesso di due servizi istituzionali

Dettagli

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE L'accreditamento è un atto con cui l amministrazione pubblica competente riconosce ad un organismo la possibilità di proporre e realizzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia Primaria Sec. I grado di Santa Teresa di Riva

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia Primaria Sec. I grado di Santa Teresa di Riva Regione Siciliana M.P.I. Educazione degli Adulti Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia Primaria Sec. I grado di Santa Teresa di Riva Presidenza:094/7991-Uffici Amministrativi: 094/79140- Fax:094/7909

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Una rete per la protezione civile

Una rete per la protezione civile Una rete per la protezione civile Sedi d attuazione del progetto: Ente presso il quale si realizza il progetto ed a cui indirizzare le domande SPES- Promozione e Solidarietà La Benemerita ANC CEPRANO Comune

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale

Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Approvato con Delibera di Consiglio comunale n. 9 del 11 marzo 2011 INDICE Premessa

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS.

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Approvato dal Consiglio Nazionale il 10 settembre 2005 Art.1 - L A.N.P.AS. svolge attività di Protezione Civile direttamente o attraverso i Comitati Regionali

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Assemblea annuale CNA Est Romagna. Non vedi occasioni di crescita? Conta su CNA 23 novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. Assemblea annuale CNA Est Romagna. Non vedi occasioni di crescita? Conta su CNA 23 novembre 2015 RASSEGNA STAMPA Assemblea annuale CNA Est Romagna. Non vedi occasioni di crescita? Conta su CNA 23 novembre 2015 A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì-Cesena COMUNICATO STAMPA Occasioni di crescita

Dettagli

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse.

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse. Marzo 2012 ACTA Consulting S.r.l. P.IVA: 08697660010 Sede legale: Via Des Ambrois 4 Sede Uffici: Via Cavour 1 10123 TORINO Tel. +39 011 08 88 190 Fax: +39 011 08 88 181 http://www.actaconsulting.it acta@actaconsulting.it

Dettagli

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile - Lainate 29 Novembre 2010 OBIETTIVI dell Incontro 1.Conoscere in generale, il contesto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE partecipativo della val di bisenzio Conoscere il rischio per vivere in sicurezza GIORNATA INFORMATIVA PER I RESIDENTI DEL COMUNE DI VERNIO 17 giugno 2015 REPORT Il terzo incontro

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1902 Prot. n. 13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Sicurezza e salute dei lavoratori. Approvazione del documento recante le "Linee

Dettagli

Servizi e prevenzione sul tema antincendio

Servizi e prevenzione sul tema antincendio Servizi e prevenzione sul tema antincendio Ogni azienda ed ogni istituzione deve essere necessariamente formata sul tema antincendio, non a caso nella moderna ed evoluta società la prevenzione lavorativa

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Bologna

Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Bologna Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Bologna FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Indice OBBLIGO FORMATIVO... 3 Riferimenti normativi... 3 Cos'è e in cosa consiste... 3 EVENTI FORMATIVI...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO 1. Il contesto del nuovo processo formativo Il nuovo processo formativo nell ambito della Campagna nazionale Io non rischio

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE

Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE approvato dal Consiglio nazionale di lega il 28 aprile 2008 Art. 1 Ai sensi e per gli effetti degli articoli specifici dello Statuto dell UISP, è

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

5/6/7 GIUGNO 2015 Organizzatori: Media Partner:

5/6/7 GIUGNO 2015 Organizzatori: Media Partner: Organizzatori: Media Partner: L ufficio Protezione Civile del Comune di Monza promuove EMERlab: la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile e della Sicurezza. Contenitore nel quale i vari

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lombardia Il Presidente DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI IL PRESIDENTE REGIONALE

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

Il documento è stato discusso e condiviso con le parti sociali e gli Enti componenti il Comitato Provinciale ex art. 7 del D. Lgs 81/08.

Il documento è stato discusso e condiviso con le parti sociali e gli Enti componenti il Comitato Provinciale ex art. 7 del D. Lgs 81/08. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Direttore: Dr. Giovanni Achille Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Servizio Sicurezza e Impiantistica G. Tubi 43 23900 Lecco -:- via G. Tubi 43 23900

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Manuale di gestione della Qualita

Manuale di gestione della Qualita SOMMARIO 6. 6.1. Messa a disposizione delle risorse 6.2. Risorse umane 6.3. Infrastrutture 6.4. Ambiente di lavoro 6.1 Messa a disposizione delle risorse L organizzazione di volontariato Croce Bianca di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE Approvato dal Consiglio Direttivo Sezionale in data 19.09.2013 P R I M A P A R T E Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE

DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE GABRIELE BARTOLINI TIPO ANNO NUMERO REG. CFR. FILE SEGNATURA.XML DEL CFR. FILE SEGNATURA.XML

Dettagli

Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte

Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte Si è svolta lo scorso 8 aprile, presso il presidio regionale di Druento in provincia di Torino, la consegna ufficiale di mezzi e attrezzature al Coordinamento

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO!

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! COME SCEGLIERE IL CORSO PER DIVENTARE ASSISTENTE NOTARILE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! 1 CORSO PROFESSIONALE PER ASSISTENTE NOTARILE. COME SCEGLIERE IL CENTRO DI FORMAZIONE. Il

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

C.C.V. BS REGOLAMENTO

C.C.V. BS REGOLAMENTO ALLEGATO PROVINCIA DI BRESCIA COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE C.C.V. BS REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Le Organizzazioni presenti sul territorio

Dettagli

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta De Sensi e Università

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA in data 1 giugno 2006 con Prot. N DPC/VRE/000002 CORSO BASE PER OPERATORI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CALENDARIO CORREDATO DI PROGRAMMA 2015 Le lezioni si svolgono in orario serale dalle ore 20.0 alle

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL DISTRETTO DI PROTEZIONE CIVILE VR5 DELLE VALLI (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 13 del 18.02.2013) 2 PREMESSA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA

Dettagli

Le caratteristiche del servizio sono principalmente:

Le caratteristiche del servizio sono principalmente: www.coopmatch.it Cos è CoopMatch? CoopMatch è un portale che offre un servizio di matching tra cooperative sociali e figure professionali che operano negli ambiti lavorativi di loro pertinenza, consentendo

Dettagli

Il DIM 6 marzo 2013 fissa i criteri di qualificazione del formatore in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Il DIM 6 marzo 2013 fissa i criteri di qualificazione del formatore in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. presentazione Corso Formatori Il DIM 6 marzo 2013 fissa i criteri di qualificazione del formatore in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Il corso risulta abilitante alla conduzione della

Dettagli

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore).

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore). Re.T.I. Reti territoriali informative per l integrazione FEI 2013 Azione 5 PROG -106412 Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEL RECUPERO CREDITI

LA GESTIONE EFFICACE DEL RECUPERO CREDITI DEL RECUPERO CREDITI Bologna Luglio 2011 Il recupero degli insoluti è un nodo centrale della vita di ogni azienda. Qualsiasi azienda che commercializzi prodotti o servizi è inevitabilmente esposta finanziariamente

Dettagli

Le criticità per sicurezza e salute nell impiego delle attrezzature

Le criticità per sicurezza e salute nell impiego delle attrezzature Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? Le criticità per sicurezza e salute nell impiego delle attrezzature Giuliano

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini

CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile. di Dario Pasini Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile di Dario Pasini OBIETTIVI dell Incontro ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ANPAS Pubbliche Assistenze Toscane Regolamento Formazione Perché iniziare un regolamento, che si presenta principalmente come strumento tecnico per disciplinare una serie di attività, con la parola Etica?

Dettagli

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 0 LIBERTAS AREA FORMATIVA Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 Pagina 1 di 31 2013/2016 Revisione n. 4 approvata dalla Giunta Nazionale del 12 dicembre 2013 Pagina 2 di 31 STRUTTURA DIPARTIMENTO FORMAZIONE

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015. Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015. Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015 Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive Bologna, 9 dicembre 2015 Ai Dirigenti responsabili degli Uffici di ambito territoriale p.c. Ai referenti Uffici

Dettagli