Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione"

Transcript

1 Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione FOCUS La formazione dei volontari di Protezione civile, settore che dal 2002 è in continua crescita ed evoluzione, rappresenta il fiore all occhiello dell Agenzia di Protezione civile della Regione Emilia Romagna. Nel 2013, un ottimo lavoro è stato, infatti, fatto e condotto dal Settore Formazione dell Agenzia, in collaborazione con il volontariato per mettere a punto un pacchetto di modelli formativi da rendere disponibili agli enti e alle organizzazioni sul territorio. Dando attuazione a quanto previsto dalle direttive del Dipartimento nazionale, la formazione rappresenta il canale principale attraverso cui veicolare le informazioni essenziali per promuovere la cultura della sicurezza dei volontari. Il 1 marzo scorso è stato inaugurato il primo dei numerosi corsi previsti: un corso laboratorio per volontari-formatori in materia di sicurezza e comportamenti di autotutela di Franco Pasargiklian Foto: Giulio Crescini 20 PPer tutto il 2014 il volontariato della Regione Emilia Romagna in collaborazione con il Settore Formazione dell Agenzia regionale sarà impegnato nel dare concretezza all attività di studio e ideazione finora svolta, promuovendo corsi nelle varie province in collaborazione con gli enti locali e le realtà associative. Tra questi, rientrano le attività formative previste da un progetto predisposto dal Centro Servizi regionale del Volontariato in collaborazione con l Agenzia, recentemente finanziato dal Dipartimento nazionale e che si articolerà su diverse tipologie formative tra cui: i formatori in materia di sicurezza, la logistica e la gestione della segreteria in caso d emergenza. Non bisogna dimenticare, infatti, che il decreto legislativo n. 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza, ha portato all emanazione di una serie di direttive ad hoc per il volontariato, che si fondano su alcuni principi cardine che obbligano le organizzazioni e le amministrazioni a formare, informare e addestrare adeguatamente i volontari. Obiettivo: diffondere una nuova consapevolezza della sicurezza incentrata soprattutto su comportamenti di autotutela da parte del volontario. Mezzi e attrezzature, di per sé, non sono sufficienti. Vanno abbinati alla conoscenza. Serve una consapevolezza diffusa sui rischi possibili e su come

2 Bologna, 1 marzo Inaugurazione del corso per volontari-formatori in materia di sicurezza. L intervento di Roberto Giarola, dirigente Servizio Volontariato del Dipartimento della Protezione civile nazionale affrontarli. Necessarie, dunque, una serie di proposte e di azioni a tutto tondo sul tema, di cui abbiamo parlato con Carmela Buonopane, responsabile della formazione dell'agenzia regionale di Protezione civile dell Emilia Romagna. Negli ultimi due anni - ha detto - l Agenzia regionale di Protezione civile ha rivisto e riconsiderato tutta la formazione che viene fatta a livello regionale. In applicazione delle direttive previste, alla fine del 2012 il Centro Servizi regionale del Volontariato PC, supportato dall Agenzia regionale, ha presentato al Dipartimento la richiesta di un finanziamento per un progetto specifico relativo alla formazione del volontariato in materia di sicurezza nei vari ambiti di intervento e rispetto alle diverse tipologie di rischio. Il progetto finanziato dal Dipartimento è partito nel mese di marzo con il primo di una serie di numerosi e variegati corsi. Si tratta, per alcuni, di corsi sperimentali presentati per la prima volta a livello nazionale, tra cui il corso-laboratorio per volontari-formatori specializzati in materia di sicurezza e comportamenti di autotutela, inaugurato il 1 marzo scorso. Per la prima volta - ha affermato Carmela Buonopane - il nostro obiettivo è quello di formare un discreto gruppo di volontari sui temi della sicurezza del volontariato. I formatori, una volta specializzati, saranno in grado di formare i volontari sui comportamenti più idonei da tenere nei vari ambiti di intervento e su quali DPI adoperare a tutela della propria sicurezza. Si tratta - continua - di una esperienza molto particolare e impegnativa, dal momento che non esistono valutazioni dei rischi specifici fatti dagli enti. Il corso formatori, iniziato sabato 1 marzo con un test 21 La Protezione civile ITALIANA aprile

3 Rimini, 8 marzo. Un momento del corso tenuto da Carmela Buonopane, responsabile formazione dell Agenzia regionale di Protezione civile dell Emilia Romagna. Accanto alla funzionaria, Roberto Giarola FOCUS 22 di accesso per verificare le conoscenze pregresse, ha una durata complessiva di 48 ore e impegnerà i futuri formatori per quattro weekend consecutivi. Il corso-laboratorio realizzato su più moduli formativi - ha tenuto a precisare la funzionaria - è partito con l illustrazione delle direttive da parte del Dipartimento in materia di sicurezza. In particolare, il laboratorio che si terrà a Rimini per due fine settimana, sarà incentrato sui diversi ambiti di intervento (idro, AIB, sismico, logistica, magazzini e cucine) e consentirà di comprendere quali siano i comportamenti di autotutela, ovvero di auto-protezione che devono tenere i volontari a seconda della tipologia di rischio a cui sono sottoposti. Altra caratteristica distintiva del corso è la piattaforma informatica dedicata ai volontari per la formazione a distanza. Al termine del progetto, i futuri formatori avranno disponibile un copioso e abbondante materiale di supporto, fatto di pacchetti didattici che utilizzeranno nei vari corsi per formare i volontari in materia di sicurezza. Requisiti rigidi per accedere al corso-laboratorio per formatori

4 Nel Comitato di gestione del progetto - ha proseguito Carmela Buonopane - abbiamo fissato dei requisiti di accesso al corso-laboratorio, stabilendo un numero massimo di volontari. A tale proposito, abbiamo chiesto ai coordinamenti provinciali del volontariato e alle associazioni regionali con proprie dislocazioni su tutto il territorio regionale, di candidare da 2 a 5 volontari. Abbiamo effettuato la nostra scelta - continua - secondo un criterio rigido e ben preciso, ovvero i volontari dovevano essere iscritti al volontariato da almeno 5 anni e possedere almeno 5 anni di esperienza in attività di emergenza. I partecipanti al corso-laboratorio, che si basa effettivamente sull esperienza dei singoli volontari, saranno in tutto 38. A conclusione del corso riceveranno un attestato di partecipazione ed entreranno così a far parte del primo elenco di volontari-formatori in materia di sicurezza della Regione Emilia Romagna. I formatori - ha precisato Buonopane - degna rappresentanza di tutti i coordinamenti provinciali e di tutte le realtà regionali e nazionali che vi sono sul territorio (dalla Croce Rossa all Anpas), avranno il compito innanzitutto di prendere parte ai corsi previsti nell ambito del progetto finanziato dal Dipartimento, al fine di formare i volontari in materia di sicurezza. Oltre al corso formatori sono previsti una serie di corsi di tipo specialistico che vanno dalla logistica alla segreteria d emergenza (per un totale di 13 corsi), che si svolgeranno a livello interprovinciale, i seminari e i moduli di aggiornamento in materia di sicurezza. A breve inizierà il corso per responsabili della logistica che si terrà a Bologna - ha affermato sempre Buonopane - si tratta del primo di tre corsi per logisti che si realizzeranno nell arco di un anno. Seguirà, poi, un progetto-laboratorio che dovrà produrre un manuale ope-

5 FOCUS Fasi del corso 24 rativo per le segreterie d emergenza. Non solo. Alla conclusione di questi tre corsi capofila - prosegue Buonopane - vi saranno una serie di attività a livello interprovinciale, con i corsi per addetti alle cucine, alle mense e ai magazzini alimentari. Sono previsti, inoltre, entro la fine del 2014 alcuni seminari di aggiornamento in materia di antincendio e idro; moduli di aggiornamento in materia di sicurezza e seminari informativi per i presidenti delle associazioni delle varie province. Una formazione molto intensa, dunque, che fa parte del progetto presentato al Dipartimento, già approvato a

6 dicembre del La conclusione del progetto è prevista per la fine del 2014: un anno molto impegnativo durante il quale dovranno essere realizzate tutte queste attività. Centro Servizi regionale del Volontariato: prima realtà regionale a ottenere un finanziamento dal Dipartimento della Protezione civile nazionale Il progetto di formazione a livello regionale per i volontari di protezione civile, finanziato dal Dipartimento nazionale, si articola su diverse attività formative, tra cui quella in materia di sicurezza nelle varie tipologie di intervento. Fondamentale per la buona riuscita dell iniziativa è stata la sinergia tra il Centro Servizi regionale del Volontariato, il Centro Servizi Villa Tamba e l Agenzia regionale di Protezione civile. Ne abbiamo parlato con Marcello Gumina presidente del Comitato regionale di Coordinamento del Volontariato di Protezione civile. Si tratta di un progetto molto valido - ha detto - dal momento che parte dalle reali esigenze del volontariato. Il Centro Servizi regionale ha cercato di capire, consultando i coordinamenti e le diverse associazioni regionali e nazionali, quale tipo di formazione si voleva offrire con i fondi a disposizione, impegnandosi a pianificare il progetto e rinviarlo al Dipartimento, coordinandosi con l Agenzia regionale che sta a capo della formazione. L iniziativa è davvero molto sentita e sarà certamente molto partecipata, per questo ritengo che porterà a degli ottimi risultati. In particolare, è stata prevista una formazione sulle reali esigenze che hanno i vari coordinamenti e le associazioni, con una serie di corsi relativi alla sicurezza in cucina, e alla sicurezza idraulica, che si svolgeranno sul campo. Nel complesso il progetto è stato possibile anche grazie alla collaborazione

7 FOCUS tra il volontariato e Villa Tamba, la struttura che raggruppa organizzazioni su tutto il territorio della provincia di Bologna e che si occupa della formazione del volontariato. Attualmente Villa Tamba si occupa esclusivamente di formazione - ha proseguito Marcello Gumina - a differenza del Centro Servizi regionale, un organismo di terzo livello che collabora con le associazioni di secondo livello come i coordinamenti e le consulte provinciali o le associazioni nazionali o regionali. Il Centro servizi continua - è la struttura che offre un servizio al volontariato. In questo caso ha studiato e pianificato e successivamente presentato al Dipartimento, un progetto unico e valido per tutti i coordinamenti e le associazioni regionali. Il suo ruolo di capo gruppo tra tutte le associazioni, le ha consentito di concentrare in un unico progetto tutti i finanziamenti e di gestire la spesa in modo più efficiente ed efficace. Il Centro Servizi regionale del Volontariato è stata la prima realtà regionale di protezione civile a ottenere un finanziamento dal Dipartimento. Solitamente in Italia - ha affermato - sono le singole organizzazioni o i singoli coordinamenti che, presentando un progetto al Dipartimento, ottengono un finanziamento. L Emilia Romagna rappresenta attualmente il primo caso di Regione che ha ottenuto un finanziamento, e questo grazie all esistenza e all impegno dimostrato dal Centro Servizi Regionale del volontariato. In virtù della famosa Carta d Intesa - conclude Gumina - insieme ai coordinamenti si è stabilito quali siano le reali esigenze comuni, convogliandole in un unico progetto alla volta ed evitando così la frammentazione in singoli e innumerevoli iniziative, che spesso sono caratterizzati da un percorso burocratico assai più complesso e dalla difficile e incerta realizzazione. 26 Riunione Consiglio direttivo del Centro Servizi regionale Volontariato di Protezione civile. Da sinistra: Alfredo Torelli, consigliere regionale Agesci; Gabriele Russo, vice presidente Coordinamento provinciale Volontariato PC Forlì/Cesena; Marcello Gumina, presidente del Comitato regionale Volontariato di Protezione civile; Gaetano Lo Presti, coordinatore regionale dell Associazione Nazionale Carabinieri; Stefano Camin, presidente Coordinamento provinciale Volontariato PC di Parma e Carlo Castellucci, consigliere regionale ANPAS

E nato STARP REGIONE EMILIA ROMAGNA. di Franco Pasargiklian

E nato STARP REGIONE EMILIA ROMAGNA. di Franco Pasargiklian E nato STARP Lo scorso 6 maggio a Bologna, l Agenzia regionale di Protezione civile ha presentato il nuovo sistema web per la gestione informatizzata dell Elenco regionale del Volonta - riato di Protezione

Dettagli

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Con l assessore Paola Gazzolo abbiamo rappresentato il percorso storico - legislativo e le motivazioni dell istituzione del nuovo elenco regionale

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI SEZIONE DI MODENA REGOLAMENTO SEZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO DALLA PROTEZIONE CIVILE - SEDE NAZIONALE Il xx/xx/xxxx ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI SEZIONE DI MODENA

Dettagli

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità InfoJobs.it fornisce in anteprima uno spaccato della ricerca di personale in Emilia Romagna, confrontando i dati relativi

Dettagli

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE L iscrizione del volontario ad un Associazione è il primo

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC

Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Workshop per formatori di Protezione civile. La Scuola Superiore di Protezione Civile SSPC Marco Lombardi Milano, 5 aprile 2014 SSPC Chi siamo Regione Lombardia con d.g.r. n. 14117 dell 8 agosto 2003 ha

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL DISTRETTO DI PROTEZIONE CIVILE VR5 DELLE VALLI (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 13 del 18.02.2013) 2 PREMESSA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE

DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE DIREZIONE GENERALE CURA DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE SERVIZIO GEOLOGICO, SISMICO E DEI SUOLI IL RESPONSABILE GABRIELE BARTOLINI TIPO ANNO NUMERO REG. CFR. FILE SEGNATURA.XML DEL CFR. FILE SEGNATURA.XML

Dettagli

Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile

Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia Il I convegno dei Coordinamenti provinciali del volontariato di Protezione civile della Puglia CONVEGNI Quale futuro per il volontariato di Protezione civile pugliese? : è stato questo il tema di un interessante

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Domande inoltrate dalle Famiglie con intermediazione delle scuole

COMUNICATO STAMPA. Domande inoltrate dalle Famiglie con intermediazione delle scuole Bologna, 18 Febbraio 2015 COMUNICATO STAMPA ISCRIZIONE ALUNNI IN REGIONE: PERVENUTE OLTRE 112 MILA DOMANDE OLTRE l 80% DELLE FAMIGLIE HA USUFRUITO DELLA PROCEDURA DI ISCRIZIONE ON LINE DISPONIBILI DA OGGI

Dettagli

Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte

Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte Nuove attrezzature alla Protezione civile del Piemonte Si è svolta lo scorso 8 aprile, presso il presidio regionale di Druento in provincia di Torino, la consegna ufficiale di mezzi e attrezzature al Coordinamento

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani

Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani Progetti nazionali e regionali Nel questionario erano anche presenti domande rivolte alle scuole che hanno partecipato a progetti

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna. Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI

Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna. Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI Corso Base di Protezione Civile COSA SIGNIFICA SICUREZZA? Auto protezione

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA Allegato al Decreto (DDUO) n 12172 del 17-12-2012 MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA 0. Premessa 1. Mission della Colonna Mobile

Dettagli

Calendario corsi 2015 Sede di Scandiano

Calendario corsi 2015 Sede di Scandiano 1 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI - PARTE GENERALE GENNAIO Giovedì 29 Gennaio 9-13 60 + IVA 51 + IVA Martedì 17 Marzo 9-13 60 + IVA 51 + IVA Martedì 5 Maggio 9-13 60 + IVA 51 + IVA LUGLIO Mercoledì

Dettagli

5 Meeting di Protezione civile Città di Lonigo REGIONE VENETO

5 Meeting di Protezione civile Città di Lonigo REGIONE VENETO 5 Meeting di Protezione civile Città di Lonigo REGIONE VENETO 2004 REGIONE VENETO 2004 Meeting della Protezione civile Città di Lonigo 44 I tre giorni di Lonigo In Veneto, dal 19 al 21 marzo scorsi, tutta

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli

APPROVAZIONE DEGLI STANDARD MINIMI PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN MATERIA DI SICUREZZA E COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA.

APPROVAZIONE DEGLI STANDARD MINIMI PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN MATERIA DI SICUREZZA E COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA. Progr.Num. 1193/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 21 del mese di luglio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

1. La segreteria del Master ha sede presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell Università degli Studi Roma Tre.

1. La segreteria del Master ha sede presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell Università degli Studi Roma Tre. PROPOSTA DI ISTITUZIONE O ATTIVAZIONE CORSI di MASTER di I e II LIVELLO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO PARTE I - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE. Per l anno accademico 05/06 è attivato

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 203 Anno 45 5 agosto 2014 N. 251 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare CORSO 2012-2014. www.itsparma.it ITS CORSO 2012-2014 TECNICO RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGRO-INDUSTRIALI www.itsparma.it TECNICI DI ALTO PROFILO PER IL SETTORE AGROALIMENTARE il nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE. Settore Formazione Tecnici e Sicurezza

REGOLAMENTO NAZIONALE. Settore Formazione Tecnici e Sicurezza REGOLAMENTO NAZIONALE Settore Formazione Tecnici e Sicurezza REGOLAMENTO Pagina 1 SETTORE FORMAZIONE TECNICI E SICUREZZA STRUTTURA CONSIGLIO FEDERALE COMMISSIONE TECNICI SICUREZZA ALBO NAZIONALE STUTTURE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELL ANA Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI (ANA), in conformità con quanto stabilito dal suo Statuto ed in accordo con le disposizioni di legge,

Dettagli

Igiene e sicurezza del lavoro

Igiene e sicurezza del lavoro CORSO AVANZATO GESTIONE DEI PROCESSI DI SUPPORTO: Igiene e sicurezza del lavoro CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE DEI PROCESSI DI SUPPORTO: Igiene e sicurezza del lavoro Cod. corso MA08A01 Il corso fornisce

Dettagli

Vincitrice di borsa di studio Nemetria Centro Formazione Foligno (PG) Il Post-produttivo nella gestione d impresa

Vincitrice di borsa di studio Nemetria Centro Formazione Foligno (PG) Il Post-produttivo nella gestione d impresa CURRICULUM VITAE Dott.ssa Diodorina VALERINO INFORMAZIONI PERSONALI Nome DIODORINA VALERINO Indirizzo VIA G. ARRIVABENE, 48 46100 MANTOVA Telefono 0376 32 13 40 cell.: 338 33 70 113 E-mail diodora.valerino@gmail.com

Dettagli

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 I quaderni di ED n.1 Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 Chiuso in redazione il 20 luglio 2010 ed- energia pulita e dintorni direttore responsabile Giuseppe Musilli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE Approvato dal Consiglio Direttivo Sezionale in data 19.09.2013 P R I M A P A R T E Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

Dettagli

STANDARD MINIMI PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN MATERIA DI SICUREZZA E COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA

STANDARD MINIMI PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN MATERIA DI SICUREZZA E COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA ALLEGATO A AGENZIA REGIONALE di PROTEZIONE CIVILE STANDARD MINIMI PER LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN MATERIA DI SICUREZZA E COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA (LINEE GUIDA E MODELLI FORMATIVI)

Dettagli

Direzione Generale UFFICIO V. Prot. MPI AOODRER n. 14960 Dirigente: Giancarlo Cerini Bologna, 23 settembre 2008

Direzione Generale UFFICIO V. Prot. MPI AOODRER n. 14960 Dirigente: Giancarlo Cerini Bologna, 23 settembre 2008 Ai Dirigenti scolastici delle scuole statali dell infanzia e primaria Ai Coordinatori e gestori delle scuole paritarie dell infanzia e primaria p.c. Ai Dirigenti responsabili degli Uffici Scolastici Provinciali

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

C.C.V. BS REGOLAMENTO

C.C.V. BS REGOLAMENTO ALLEGATO PROVINCIA DI BRESCIA COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE C.C.V. BS REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Le Organizzazioni presenti sul territorio

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie

ARES, la risposta marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie REGIONE MARCHE ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie Ripercorriamo la storia dell Associazione creata dal dottor Marco Esposito nel 1999. Da una precisa idea di sanità

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

IN EMILIA ROMAGNA AUMENTA LA RICERCA DI PERSONALE NEL SETTORE TELECOMUNICAZIONI

IN EMILIA ROMAGNA AUMENTA LA RICERCA DI PERSONALE NEL SETTORE TELECOMUNICAZIONI IN EMILIA ROMAGNA AUMENTA LA RICERCA DI PERSONALE NEL SETTORE TELECOMUNICAZIONI + 15,3% le richieste in Telecomunicazioni rispetto al 2011 Bologna e Modena le città con più annunci online 26-30 anni l

Dettagli

2 CORSO: GESTIONE TECNICA DELL EMERGENZA SISMICA, RILIEVO AVVERTENZE E REGOLAMENTAZIONE

2 CORSO: GESTIONE TECNICA DELL EMERGENZA SISMICA, RILIEVO AVVERTENZE E REGOLAMENTAZIONE 2 CORSO: GESTIONE TECNICA DELL EMERGENZA SISMICA, RILIEVO DEL DANNO E VALUTAZIONE DELL AGIBILITA AVVERTENZE E REGOLAMENTAZIONE 1) La frequenza del corso non porta automaticamente ad alcuna prospettiva

Dettagli

LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI

LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI LA COLONNA MOBILE PROVINCIALE PER LE EMERGENZE RILEVANTI DEL NOSTRO TERRITORIO E SU SCALA NAZIONALE PROCEDURE E MODULI OPERATIVI Simone Segna / Daniele Radaelli Stato di Fatto Approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

Il Centro Formativo Nazionale - Bresso RENDE NOTO. che è stato organizzato il Corso LOGISTICA

Il Centro Formativo Nazionale - Bresso RENDE NOTO. che è stato organizzato il Corso LOGISTICA Il Centro Formativo Nazionale - Bresso RENDE NOTO che è stato organizzato il Corso LOGISTICA in conformità con il Regolamento Corsi di Formazione nel Settore Emergenza (rev. 2013) che si svolgerà i giorni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI 1 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

Dettagli

Curriculum Vitae Europeo

Curriculum Vitae Europeo Curriculum Vitae Europeo Informazioni personali Nome Cognome Telefono 0523 795244 Cittadinanza Italiana Data di nascita 25/04/1974 Sesso Settore professionale M Geologo Esperienza professionale Date Lavoro

Dettagli

PIANO OPERATIVO REGIONALE VENETO Approvato dal Consiglio Regionale AGESCI VENETO Marzo 2012

PIANO OPERATIVO REGIONALE VENETO Approvato dal Consiglio Regionale AGESCI VENETO Marzo 2012 AGESCI VENETO Settore Protezione Civile PIANO OPERATIVO REGIONALE VENETO Approvato dal Consiglio Regionale AGESCI VENETO Marzo 2012 Piano Operativo Regionale AGESCI VENETO Pagina 1 Indice 1 Introduzione...

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ( r_emiro ) Giunta ( AOO_EMR ) PG/2016/0474566 del 22/06/2016

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ( r_emiro ) Giunta ( AOO_EMR ) PG/2016/0474566 del 22/06/2016 Direzione Generale Cura del Territorio e dell'ambiente Servizio, Geologico, Sismico e dei Suoli il Responsabile Gabriele Bartolini Reg. del tipo anno numero cfr. file SEGNATURA.XML cfr. file SEGNATURA.XML

Dettagli

Prof. Antonio Cocozza Direttore Master di II livello Processi Organizzativi e Direttivi nella Scuola dell autonomia

Prof. Antonio Cocozza Direttore Master di II livello Processi Organizzativi e Direttivi nella Scuola dell autonomia Master di II livello Processi Organizzativi e Direttivi nella Scuola dell autonomia Roma, 5 ottobre 05 Alla c.a. del Dirigente scolastico Ai collaboratori del D.S. Alle Figure Strumentali A tutti i Docenti

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto: ANche tu Puoi Aiutare Se vuoi Promozione e formazione Pubbliche Assistenze Reggio Emilia 1. Tipologia del progetto che si intende

Dettagli

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Lo scorso sabato 1 dicembre 2012 i padiglioni fieristici di Pordenone hanno

Dettagli

Studi Internazionali (1500 h 60 CFU)

Studi Internazionali (1500 h 60 CFU) Master di I livello in Studi Internazionali (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2015/2016 II edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 3 a EDIZIONE FEBBRAIO 2013 - LUGLIO 2014 in collaborazione con

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale

Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale Salute e sicurezza sul lavoro per il volontariato di protezione civile la formazione gli standard minimi il collegamento con l elenco territoriale Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA

LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA ALLEGATO 4 LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA I dati sui quali si basa la presente elaborazione statistica fanno riferimento al numero di partecipazioni

Dettagli

Quando crescere resta l obiettivo primario

Quando crescere resta l obiettivo primario Quando crescere resta l obiettivo primario Nell intervista a Lucia Di Lauro, responsabile della Pro - tezione civile della Regione Puglia, le tappe di una carriera interamente dedicata alla Pubblica amministrazione

Dettagli

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI Arch. Walter Baricchi Il sisma 2012 in Emilia. Il 20 maggio 2012 una vastissima area compresa tra

Dettagli

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011)

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) Nel periodo analizzato, la Scuola Provinciale Antincendi ha garantito lo svolgimento di

Dettagli

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena La FAD per il D. Lgs. 626/94: criteri, metodologie e STD minimi di qualità. Proposte dell Università e delle AUSL

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

Vincitrice di borsa di studio Nemetria Centro Formazione Foligno (PG) Il Post-produttivo nella gestione d impresa

Vincitrice di borsa di studio Nemetria Centro Formazione Foligno (PG) Il Post-produttivo nella gestione d impresa C U R R I C U L U M V I T A E Dott.ssa Diodorina VALERINO INFORMAZIONI PERSONALI Nome DIODORINA VALERINO Indirizzo VIA G. ARRIVABENE, 48 46100 MANTOVA Telefono 338 33 70 113 E-mail diodora.valerino@gmail.com

Dettagli

Comunicato stampa inaugurazione Emergency Simulation Training Academy CRI

Comunicato stampa inaugurazione Emergency Simulation Training Academy CRI Emergency Simulation Training Academy Bologna, 18/9/2015 Via Emilia Ponente 56 - Bologna Comunicato stampa inaugurazione Emergency Simulation Training Academy CRI Nasce per il volere del Comitato Provinciale

Dettagli

Programma culturale anno 2015

Programma culturale anno 2015 COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Servizio Attività Economiche Ufficio Biblioteca Programma culturale anno 2015 Allegato alla deliberazione giuntale n. 39 dd. 01/04/2015. Programma culturale anno

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

via Provinciale, 210-44100 Voghiera FE Telefono(i) 0532 818303 Mobile: 349 34 09 833 Fax E-mail isabellam2002@libero.it

via Provinciale, 210-44100 Voghiera FE Telefono(i) 0532 818303 Mobile: 349 34 09 833 Fax E-mail isabellam2002@libero.it Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) MASINA ISABELLA via Provinciale, 210-44100 Voghiera FE Telefono(i) 0532 818303 Mobile: 349 34 09 833 Fax E-mail isabellam2002@libero.it

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE MATTEO GAGGI

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE MATTEO GAGGI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MATTEO GAGGI Data di nascita 31/10/1969 Qualifica Dirigente Amministrazione UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SAVIO Incarico attuale Dirigente

Dettagli

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo ATTUALITÀ Presente e vicina alle popolazioni aquilane ed emiliane duramente colpite dai terremoti, Barilla - orgoglio

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai

SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. LIVELLO 2 Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 ACCADEMIA MOD.A.I.

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE LEGISLATIVI I corsi di formazione risultano conformi (per contenuti e durata) a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 (e s.m.i.)

Dettagli

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA REP. /2010 CONVENZIONE TRA L'UNIONE DI COMUNI VALLE DEL SAMOGGIA ED I COMUNI DI BAZZANO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CRESPELLANO, MONTE SAN PIETRO, MONTEVEGLIO E SAVIGNO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI UN SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE IN MATERIA DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELL'EMILIA- ROMAGNA.

REGOLAMENTO REGIONALE IN MATERIA DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELL'EMILIA- ROMAGNA. Progr.Num. 1692/2010 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 15 del mese di Novembre dell' anno 2010 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

"Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU)

Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 edizione I sessione III Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS

Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS Percorsi per l arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali delle Fondazioni ITS CULTURA E SVILUPPO DELL INNOVAZIONE Le attività sono gratuite in quanto finanziate dalla Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE (delibera del Comitato Centrale C.R.I. del 29 aprile 2006 n.39) Articolo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE PORTALE BOSELLI ECDL Patente Europea del Computer

FUNZIONE STRUMENTALE PORTALE BOSELLI ECDL Patente Europea del Computer Anno scolastico 2014/2015 FUNZIONE STRUMENTALE PORTALE BOSELLI ECDL Patente Europea del Computer Marco Paolini - Anna Tarello Portale Boselli Parametri Descrizione Note 1.1 OBIETTIVI FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

La Chimica della sicurezza e dello sviluppo sostenibile

La Chimica della sicurezza e dello sviluppo sostenibile La Chimica della sicurezza e dello sviluppo sostenibile Aula Magna Beniamino Andreatta Università della Calabria Arcavacata di Rende (Cosenza) 22 23 giugno 2015 Presentazione Un occasione insolita offerta

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado

COMUNICATO STAMPA. Secondaria di Secondaria di II grado Bologna, 24 Febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA A.S. 2016/17 - ISCRIZIONE ALUNNI AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE STATALI E PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO. IN REGIONE SONO PERVENUTE OLTRE 112 MILA DOMANDE. IN

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Approvato con Delibera di Consiglio comunale n. 9 del 11 marzo 2011 INDICE Premessa

Dettagli

5/6/7 GIUGNO 2015 Organizzatori: Media Partner:

5/6/7 GIUGNO 2015 Organizzatori: Media Partner: Organizzatori: Media Partner: L ufficio Protezione Civile del Comune di Monza promuove EMERlab: la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile e della Sicurezza. Contenitore nel quale i vari

Dettagli