IL NOSTRO PARTNER: MST

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NOSTRO PARTNER: MST"

Transcript

1 PALESTINA L azione di ARCS nei Territori Occupati Palestinesi ha inizio alla fine degli anni 80, durante la prima intifada. Da allora ogni intervento è stato pensato in un ottica di solidarietà e di continuo dialogo e scambio con la popolazione palestinese e contro l occupazione israeliana. Il principale focus del lavoro di ARCS in Palestina è la promozione dei diritti dell infanzia, come chiave di sviluppo dell intera società. A partire da questa visione, si sono sviluppati negli anni interventi di supporto e collaborazione con le ONG locali di vario tipo: - creazione e sviluppo di servizi educativi e ricreativi dedicati a bambini e ragazzi; - attività di promozione della partecipazione giovanile alla vita delle comunità locali; - azioni di contrasto del disagio giovanile tra la popolazione di Gerusalemme Est; - progetti di supporto allo sviluppo socio economico integrato di un villaggio agricolo che è stato isolato dalla costruzione del muro di annessione. IL NOSTRO PARTNER: Youth Development Department (YDD) E un organizzazione ombrello attiva dal 2000 presso l Orient House cui fanno riferimento numerose altre organizzazioni attive nel settore delle politiche giovanili e degli interventi a favore dei giovani. Svolge attività di supporto ad organizzazioni locali, pubblicazioni e studi, interventi educativi, seminari e corsi di formazione, programmi culturali e sociali (social media) implementati in tutta la West Bank con diversi partner locali e internazionali, ecc. Come area di riferimento ha Gerusalemme Est e aree limitrofe e la West Bank. Lo YDD ha sede a Beit Hanina, quartiere a nord di Gerusalemme Est, negativamente influenzato dalla costruzione del muro di separazione. Principali attività del partner: - Identità, comunità e social media: laboratori di formazione per gli studenti delle scuole superiori sui social media come spazi di espressione, di informazione e di confronto che possano incanalare l energia, le idee e le proposte dei giovani stessi, trasformando i media in strumenti concreti di cambiamento sociale. - Lotta alla povertà: supporto alle famiglie palestinesi di Gerusalemme Est che vivono al di sotto della soglia di povertà anche attraverso progetti di microcredito per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile/femminile;

2 - Campi Estivi: organizzazione di campi estivi per bambini e per ragazzi e gestione di attività educative legate alla promozione dell identità culturale palestinese e della partecipazione giovanile; - Promozione del diritto allo studio: attività educative e ricreative all interno delle scuole dell Autorità Nazionale Palestinese finalizzate alla promozione del diritto allo studio tra i bambini, gli insegnanti e le famiglie di Gerusalemme Est; - Prevenzione della violenza nelle scuole: programma di sensibilizzazione e prevenzione del bullismo nelle scuole dell Autorità Nazionale Palestinese di Gerusalemme Est. LIBANO ARCS è attiva in Libano dagli anni 80 strutturando la sua presenza nel paese nel 2006 grazie all intervento promosso finanziato dalla DGCS MAE in partenariato con la RMF in favore dei bambini lavoratori nel quartiere periferico di Tripoli Bab El Tabbene. L intervento è stato implementato in stretta connessione con l ufficio internazionale di ARCI Toscana ed ha inoltre coinvolto il comitato di Milano. In occasione dell aggressione israeliana del 2006 ARCS e ARCI Toscana si sono immediatamente mobilitate partecipando alla delegazione della società civile italiana per solidarizzare con la popolazione colpita dai bombardamenti e in sostegno della società civile libanese. Le attività della delegazione ebbero un grosso rilievo sul piano mediatico e politico richiamando l attenzione della comunità italiana. I partecipanti alla delegazione furono interpellati per delineare quello che fu il successivo intervento della Cooperazione Italiana in Libano a favore delle popolazioni colpite dalla guerra. I fondi ROSS diedero alla ONG la possibilità di radicarsi sul territorio attivando interventi nell area di Hermel, in Akkar, nel Sud, nel Monte Libano ed a Tripoli. La struttura della ONG crebbe enormemente arrivando ad avere nel paese nel cooperanti, nel cooperanti e un rappresentante di ARCI Toscana, nel 2009 e 2010 un cooperante, 4 volontari in servizio civile e un referente Toscano. Allo stesso modo gli ambiti di azioni si sono moltiplicati: sviluppo locale, diritti delle donne, istitutional building, sostegno all associazionismo, tutela dei minori. Terminati i fondi ROSS, e in corrispondenza di una grossa contrazione dei fondi destinati alla cooperazione internazionale, la ONG non è riuscita a dare continuità al suo lavoro. Nel tempo i rapporti con patner quali mada e l associazione culturale sono diventati solo di facciata, in particolare l associazione culturale è stata completamente abbandonata. Lo stesso dicasi per l associazione di donne di Sana a e la cooperativa Assyndian di Hermel.

3 La crisi siriana ha fatto ripiombare il paese in una situazione delicatissima: i profughi rappresentano attualmente circa il 18% della popolazione del paese influendo drammaticamente sia sulle risorse a disposizione che sui già delicati equilibri politici. Il flusso di rifugiati è in continua crescita e in un paese che ha deciso di non aprire campi questi sono alloggiati alla bene e meglio in 1400 località sparse su tutto il territorio nazionale. Al momento ARCS è impegnata nell elaborazione di un progetto volto a prevenire e combattere la violenza di genere e un progetto di sostegno alla popolazione rifugiata siriana nell area di Hermel. Il progetto ha come focus i minori e l attivazione di servizi di educazione informale. MOZAMBICO L Arcs è presente in Mozambico fin dal 1996 con progetti volti a sostenere la prevenzione e la lotta all HIV-AIDS e alle forme di esclusione sociale, dando un importante rilievo alle attività di formazione e sensibilizzazione. Nell area dell infanzia l Arcs ha sostenuto le attività educative e formative che la Cruz Vermelha Mozambique (CVM) ha attive nei centri aperti per bambini/e orfani a Maputo e Beira. In particolare la CVM segue il processo di scolarizzazione dei bambini/e orfani ed organizza attività ludico-ricreative e di formazione preprofessionale all interno dei centri. L impegno di Arcs in Mozambico continua con l appoggio alla società civile mozambicana impegnata nelle battaglie per l affermazione dei diritti ed in particolare dei diritti delle donne. Arcs ha collaborato con alcune associazioni del Forum Mulher (rete che riunisce molte associazioni di donne e ONG mozambicane che lavorano per la promozione dell empowerment delle donne) ed in particolare con WLSA (Women and Law in Southern Africa) che cura le principali campagne di comunicazione e sensibilizzazione sui temi di genere. Negli ultimi anni l Arcs ha stretto relazioni con NAFEZA, la rete di associazioni di donne attive nella Regione nord del Mozambico (la Zambézia, una delle più povere del Paese) sostenendo le sue attività di lobby politica, di formazione agli organi istituzionali e di polizia sui diritti delle donne, di campagne di comunicazione sociale attraverso le Radio Comunitarie, di programmi di promozione socioeconomica e di empowerment per le donne in diversi Distretti rurali. L approccio delle relazioni tra comunità, che innesca interessanti meccanismi di partenariato e sviluppo sociale ed umano, è elemento fondante delle nostre

4 relazioni e della nuova progettualità in Mozambico, che nasce proprio grazie alla sinergia tra associazioni mozambicane messe in rete da NAFEZA, con il dialogo con le istituzioni locali, con scambi tra la società civile mozambicana e italiana (la rete dei circoli e dei comitati territoriali Arci; la rete dei Centri Antiviolenza; l Unione Donne Italiane; le Aziende Sanitarie Locali; Radio Popolare Network, il sostegno delle Coop alla campagna AttivArci, l ONG Mani Tese, i sindacati CGIl e CISL attraverso le loro ONG Nexus e Iscos) e le relazioni con alcuni enti locali italiani (Comune di Roma, Provincia di Milano, Provincia di Modena, Regione Emilia Romagna, Regione Umbria). ARCS fa parte, insieme a Mani Tese, Iscos E.R., Nexus E.R., del Consorzio Zambézia che lavora per la promozione dei diritti di genere, l agricoltura e l educazione informale nella Regione della Zambézia. ARCS dal 2005 organizza campi di lavoro e conoscenza e promuove il turismo responsabile come modalità alternativa di viaggio in Mozambico. PROGETTO DI ARCS Il progetto, co-finanziato dalla Regione Emilia Romagna, si inserisce nel quadro di programmi e iniziative di cooperazione e solidarietà per il Mozambico che ARCS, ISCOS E.R., Mani Tese, Nexus E.R. con i partner locali NAFEZA e UPCZ portano avanti nelle zone rurali della Zambézia, nei Distretti di Mopeia, Nicoadala, Morrumbala, Namacurra e Municipio di Quelimane. Per promuovere lo sviluppo di comunità contadine sviluppando attività generatrici di reddito, si lavora in parallelo su vari aspetti: da quello educativo attraverso la promozione di percorsi di supporto all alfabetizzazione a quello tecnico mirato all acquisizione di competenze specifiche in materia agricola e commerciale a quello organizzativo in seno alle associazioni di riferimento. La figura della donna è centrale nell intero percorso, considerata elemento promotore di cambiamento e crescita all interno del nucleo familiare e della comunità. Il progetto prevede anche azioni di monitoraggio dei gruppi, prevalentemente gruppi di donne, che hanno lavorato negli anni passati e grazie anche al sostegno dei nostri progetti, sul risparmio e credito rotativo (PCR) perché possano trasformarsi in agenti moltiplicatori e promotori della nascita di nuovi gruppi. Il teatro come mezzo di comunicazione sociale e di coinvolgimento comunitario sarà protagonista di alcune azioni nelle comunità. Verrà promossa un esperienza di turismo responsabile in Mozambico. Saranno realizzate attività di promozione in Italia (in particolare in Emilia- Romagna). Attività del progetto:

5 Supporto alle associazioni di contadini nella scrittura di progetti AGR (attività generatrici di reddito) e monitoraggio dei progetti già finanziati con lo scorso progetto. Teatro e alfabetizzazione. Attività di teatro comunitario ed attività di alfabetizzazione e diffusione del teatro nelle comunità. Turismo Responsabile. Preparazione attività per viaggio di turismo responsabile dall Italia. BRASILE L impegno di ARCS nel paese prende avvio alla fine degli anni 90 con l esperienza EURALAT una rete di organizzazioni europee e latino americane dirette a promuovere l imprenditoria sociale. Grazie anche a questa esperienza che permette una conoscenza approfondita del contesto locale, ARCS individua come priorità di intervento il settore giovanile e quello delle donne nelle aree urbane degradate come le favelas e il sostegno agli agricoltori sem terra nelle aree rurali in particolare del nord est del paese. Fino al 2012 ARCS ha garantito una presenza continua nel paese a Rio de Janeiro con progetti di inclusione sociale e lavorativa per giovani e donne delle favela con finanziamenti MAE e della Regione Emilia Romagna, e nello stato del Maranaho con progetti di sostegno allo sviluppo dell agroecologia negli accampamenti del movimento sem terra, con finanziamenti della regione liguria. Nel corso degli anni inoltre sono stati realizzati vari scambio di volontariato sia a rio de janeiro che nel maranhao e work shop di fotografia sociale da cui sono scaturite mostre, articolo su riviste internazionali, iniziative. Attualmente, anche sulla spinta delle trasformazioni del paese, ARCS mantiene uno stretto contatto con il MST del Maranaho dove continuano a realizzarsi scambi di volontari e work shop fotografici anche se non vi sono al momento progetti di cooperazione attivi in corso. il focus di ARCS nel paese anche per il futuro rimane quello dell inclusione sociale di giovani e donne, che rappresenta anche un enorme problema per il paese soprattutto nelle aree rurali del nord est, anche con azioni che promuovano l aggregazionismo e l associazionismo nei settori della cultura e dell agricoltura ecologica che vengono intesi come mezzi di inclusione sociale. IL NOSTRO PARTNER: MST

6 I progetti del MST nello stato del Maranhao sono diretti a sostenere il processo della riforma agraria con azioni realizzate negli accampamenti dei lavoratori rurali sem terra e indirizzati tanto alla promozione di un agricoltura sostenibile e comunitaria in contrapposizione con quella massima realizzata ad opera delle grandi multinazionali tanto al sostegno di azioni culturali ed educative negli accampamenti che in molti casi si trovano molto lontano dalla città. Il principale partner dei progetti è l AESCA l Associazione Statale della Cooperazione Agricola, una associazione di tecnici che fornisce supporto ai contadini, altri partner che prendono parte alla attività sono l Università Federale di Sao Luis che garantisce professionalità per ricerche sul campo, formazione, assistenza tecnica e l INCRA organo statale deputato a gestire la riforma agraria. I principali progetti in cui è impegnato il partner in questo sono: - Realizzazione di due agroindustrie, una per la lavorazione del latte nell accampamento California nel municipio di Açailandia e una per la lavorazione del riso nell accampamento Diamente nel municipio Igarapè do Meio (sono entrambe luoghi dove in passato sono stati realizzati progetti ARCS e campi di lavoro) - Impulso alla produzione e trasformazione di latte e dell agricoltura biologica nell area di Açailandia - Strutturazione di un ufficio progettazione : il governo federale come quello statale, come del resto finanziatori internazionali, mettono ogni anno a disposizione fondi per la realizzazione di progetti soprattutto diretti allo sviluppo agricolo e la lotta alla povertà. Del resto sono molte le relazioni internazionali che il MST ha costruito nel corso degli anni. La strutturazione di un ufficio progettazione garantirebbe l organizzazioni di un azione sistematica nel campo della progettazione e non disgregata e senza punti di riferimento come è attualmente comportando un forte impulso alla crescita attraverso la captazione di fondi dai finanziatori, lo scambio delle buone prassi, la promozione dell intercambio tecnico e comunitario.

7 SERBIA Arcs lavora in Serbia, con un ufficio proprio, dal Si è interessata di rientro dei profughi, integrazione rom, occupazione giovanile, cultura giovanile, legalità (è stata tappa della Carovana Antimafie Europea nel 2011) 2000/ Programma di emergenza, finanziato da UNDP, Regione Lazio 2001/ Programmi di sviluppo, finanziati dal Ministero degli Affari Esteri italiano, UNOPS, Regione Marche, Regione Emilia Romagna, Regione Lombardia, Regione Toscana. 2005/ Cooperazione decentrata e cooperazione internazionale, programmi esterni finanziati dal Ministero degli Affari Esteri Italiano, CE, Regione Marche, Regione Emilia Romagna, Regione Lombardia, Regione Toscana, Regione Umbria, CGIL. Nel corso del 2012 ARCS e i suoi partner locali hanno lavorato per facilitare una migliore comprensione del ruolo della società civile nel limitare e controllare il potere delle istituzioni nazionali e nell'aumentare la partecipazione della stessa società civile e delle Ong alla pianificazione dei governi locali, nel processo decisionale e per migliore inclusione e pluralismo. Il nostro programma di lavoro nel paese prevede attualmente tre temi: legalità, impresa e cultura. Nel quadro della strategia di partenariato e del piano a breve termine, per il periodo 2013/2015, sono sei gli obiettivi strategici da perseguire: - integrazione effettiva delle competenze dei partner nella pianificazione del programma per il nuovo triennio, attuazione e valutazione; - creazione delle condizioni di sostenibilità delle azioni previste e delle capacità dei singoli soggetti coinvolti; - realizzazione di indicatori di strategie di formazione innovative capaci di mantenere in pari il rapporto costo-efficacia; - rafforzamento delle organizzazioni della società civile; - educazione dei giovani e degli attori delle comunità locali riguardo il processo di integrazione europea; - divulgazione delle politiche per influenzare il cambiamento attraverso la comunicazione creativa.

Progetto 40017. Mamme a lavorare, bimbi a scuola! RELAZIONE INTERMEDIA

Progetto 40017. Mamme a lavorare, bimbi a scuola! RELAZIONE INTERMEDIA Progetto 40017 Mamme a lavorare, bimbi a scuola! RELAZIONE INTERMEDIA Sintesi del progetto: L'educazione e le attività generatrici di reddito sono i settori che principali di questo progetto. Il partenariato,

Dettagli

Relazione sulle attività svolte da EducAid nel 2012

Relazione sulle attività svolte da EducAid nel 2012 Relazione sulle attività svolte da EducAid nel 2012 Nel corso del 2012 si sono realizzate attività nelle diverse aree di intervento, in risposta ai bisogni socioeducativi rilevati in collaborazione con

Dettagli

Rendiconto raccolta fondi 2012

Rendiconto raccolta fondi 2012 Rendiconto raccolta fondi 2012 ARCS Arci Cultura e Sviluppo Redatto in data 10/01/2013 Approvato dal Consiglio Direttivo in data 10/05/2013 Indice Premessa..3 Donazioni rilevanti in natura..3 Sintesi delle

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO ENTE 1) Ente proponente il progetto: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

Giovani del non profit per lo sviluppo del Mezzogiorno

Giovani del non profit per lo sviluppo del Mezzogiorno Giovani del non profit Roma, 13 settembre 2012 #BarcaRiccardi L iniziativa Giovani del non profit Il Piano di Azione Coesione (PAC) prevede un intervento mirato a favore dei Giovani attraverso la promozione

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio

Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio Foto di Mattia Zoppellaro FONDAZIONE COOPI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE COOPI -

Dettagli

1) Progetto : Formazione al femminile - come creare nuove opportunità produttive autosostenibili nella Regione del Gash Barka (Eritrea)

1) Progetto : Formazione al femminile - come creare nuove opportunità produttive autosostenibili nella Regione del Gash Barka (Eritrea) Elenco attività di cooperazione internazionale ed educazione allo sviluppo realizzate dai seguenti Comuni della Provincia di Reggio Emilia (in ordine alfabetico): Bagnolo in Piano Cadelbosco di Sopra Campagnola

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 21 settembre 2014 - ore 10.00-13.00 Faenza, Festa del Riuso di Mani Tese, presso la Fiera di Faenza - Via Risorgimento Report dell incontro

Dettagli

ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO

ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO FEBBRAIO 2013 ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO COME SCEGLIERE IL GIUSTO La buona volontà e l entusiasmo sono importanti, ma non bastano. Per trascorrere un periodo

Dettagli

RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002

RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002 Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002 TITOLO PROGETTO: Sostegno alla salute riproduttiva

Dettagli

Di favorire lo sviluppo economico, sociale, tecnico e culturale dei lavoratori dei paesi in via di sviluppo

Di favorire lo sviluppo economico, sociale, tecnico e culturale dei lavoratori dei paesi in via di sviluppo ISCOS è l'istituto di Cooperazione e Solidarietà Internazionale fondato nel 1983 a livello nazionale e nel 1990 in Emilia Romagna. E' lo strumento della Cisl per la realizzazione concreta della solidarietà

Dettagli

INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE INIZIATIVE DGCS SUL TEMA DELLA LOTTA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE Lo sfruttamento del lavoro minorile nelle sue peggiori forme Ancora oggi, secondo le stime ufficiali dell ILO sarebbero almeno

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

Il centro di valorizzazione della plastica

Il centro di valorizzazione della plastica Il centro di valorizzazione della plastica Nel Centro di valorizzazione la plastica è pesata e acquistata dalle donne che, grazie alla formazione inizialmente dispensata dalla LVIA, sono in grado di selezionarla

Dettagli

- Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B. N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito

- Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B. N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito - Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito 1 ARCS 2 STC 3 AAI 4 ICU Inclusione sociale, formazione e salute riproduttiva per donne e bambini dell'area

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE)

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) Codice: Titolo: Tipo: Durata: IFO2014MAPMOZ Fair Play: un itinerario di crescita, formazione e socializzazione per i bambini e bambine e adolescenti in un

Dettagli

Turismo Sostenibile nella Lotta allo Sfruttamento Sessuale Commerciale Infantile. Firenze, 24 Ottobre 2008

Turismo Sostenibile nella Lotta allo Sfruttamento Sessuale Commerciale Infantile. Firenze, 24 Ottobre 2008 Turismo Sostenibile nella Lotta allo Sfruttamento Sessuale Commerciale Infantile Firenze, 24 Ottobre 2008 1 ICEI Istituto Cooperazione Economica Internazionale Associazione senza fini di lucro impegnata

Dettagli

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali.

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. 1. Ente capofila ANCI Toscana 2. Altri soggetti: Regione

Dettagli

DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO

DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO Comunicato Stampa DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO Il progetto raccoglie ed estende a nuovi Paesi il know how di Fondazioni4Africa Milano, 2 ottobre 2012. In occasione del suo intervento

Dettagli

Il Mozambico - indicatori di sintesi

Il Mozambico - indicatori di sintesi CeTAmb Centro di documentazione e ricerca sulle tecnologie appropriate per la gestione dell ambiente nei Paesi in Via di Sviluppo Giovani costruttori di un mondo sostenibile tra tecnologie appropriate

Dettagli

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore PROGRAMMA Modulo 1) Economia dello sviluppo: teorie economiche prevalenti, istituzioni e ruolo del commercio internazionale nello sviluppo economico a livello locale. Docente: Prof. Mario Pianta (Università

Dettagli

::: Settore Solidarietà internazionale e Pace :::

::: Settore Solidarietà internazionale e Pace ::: ARCI Comitato provinciale di Genova Ufficio Solidarietà internazionale e Pace Report delle attività :: Anno 2005 :: a cura di Laura Testoni :: Arci Genova Responsabile Settore Solidarietà internazionale

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG NEXUS

RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG NEXUS 2013 RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG NEXUS SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE EMILIA ROMAGNA AD OPERARE NEL

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 Supporto tecnico organizzativo alle PES FSE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 Servizio di supporto tecnico organizzativo alle

Dettagli

promuovere una migliore gestione dei

promuovere una migliore gestione dei PLANNING NETWORKS /12 Newsletter bimestrale pubblicata da Focus Europe nel quadro del progetto cofinanziato dall'unione Europea Planning Networks: innovative instruments for the urban planning management

Dettagli

Notizie Flash Maggio - Agosto 2007. Consolato Generale d Italia Gerusalemme

Notizie Flash Maggio - Agosto 2007. Consolato Generale d Italia Gerusalemme Notizie Flash Maggio - Agosto 2007 Consolato Generale d Italia Gerusalemme NOTIZIE FLASH Maggio - Agosto 2007 NUOVO PROGRAMMA DI AIUTI lanciato dall ITALIA a sostegno del POPOLO PALESTINESE Obiettivi:

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

Esperienza di una ONG italiana nei progetti di cooperazione decentrata in America Latina. Maria Cristina Negro 11 luglio 2006

Esperienza di una ONG italiana nei progetti di cooperazione decentrata in America Latina. Maria Cristina Negro 11 luglio 2006 Esperienza di una ONG italiana nei progetti di cooperazione decentrata in America Latina Maria Cristina Negro 11 luglio 2006 1 ACRA e la cooperazione 1. La storia di ACRA 2. Le parole chiave di ACRA: Partenariato

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con Relazione illustrativa del progetto PartecipAttivo Organismi proponenti in partenariato con le Amministrazioni Provinciali di Brescia, Cosenza, Mantova, Pesaro-Urbino, Rieti e Verbano Cusio Ossola le Amministrazioni

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

Programma Minori Serbia

Programma Minori Serbia Programma Minori Serbia ``Supporto in favore delle politiche minorili in Serbia - Rafforzamento istituzionale per il decentramento dei servizi sociali e del servizio nazionale per la protezione dei diritti

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Una straordinaria opportunità per ragazzi e ragazze in Italia e all estero

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Una straordinaria opportunità per ragazzi e ragazze in Italia e all estero SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Una straordinaria opportunità per ragazzi e ragazze in Italia e all estero KOSOVO CASCHI BIANCHI: INTERVENTI UMANITARI IN AREE DI CRISI ASIA EUROPA 2012 SCHEDA SINTETICA Volontari

Dettagli

CURRICULUM VITAE. 1988 Laurea in Storia Moderna e Contemporanea (110 e lode). Università La Sapienza, Roma

CURRICULUM VITAE. 1988 Laurea in Storia Moderna e Contemporanea (110 e lode). Università La Sapienza, Roma CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI FRANCO LA TORRE Nato a Palermo il 25 giugno 1956, residente in Via Napoleone III, 75 00185 ROMA tel. 065756326 Coniugato STUDI 1988 Laurea in Storia Moderna e Contemporanea

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

NUOVI PARADIGMI DI WELFARE SPAZIALE Tendenze e pratiche intorno ai luoghi e alle vie di trasporto

NUOVI PARADIGMI DI WELFARE SPAZIALE Tendenze e pratiche intorno ai luoghi e alle vie di trasporto NUOVI PARADIGMI DI WELFARE SPAZIALE Tendenze e pratiche intorno ai luoghi e alle vie di trasporto TIZIANA BIANCHINI CONSORZIO NOVA ICPC COLLOQUIUM 18-19 NOVEMBRE 2014 PALERMO Sfide di convivenza tra socialità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani AZIONI ALL'INTERNO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani - Monitoraggio delle attività legate ai progetti sulla pace e sulla cooperazione

Dettagli

Curriculum vitae amministrativo

Curriculum vitae amministrativo Curriculum vitae amministrativo FRANCESCO BRENDOLISE Via Ricciardino Langosco, 48 27100 Pavia Mobile +39 320 9224XXX fbrendolise@alice.it Nazionalità: italiana Data di nascita: 18.09.1969 Luogo di Nascita:

Dettagli

Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà

Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà a cura di silvia marchelli Mani Onlus 1 sviluppo sostenibile Il diritto ad uno sviluppo sostenibile

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Finanziamenti DGCS (dati in euro) SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA ANNO TOTALE (doni + crediti) DONI (MULTIBILATERALE) DONI (BILATERALE) CREDITI Deliberato

Dettagli

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze Capitalizzare le esperienze DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 Nel 2007 quattro tra le principali Fondazioni di origine bancaria italiane, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Premesse La Cooperazione allo Sviluppo è parte integrante della politica estera italiana e strumento che può influire

Dettagli

L area dei Balcani è al centro delle attività della Cooperazione Italiana.

L area dei Balcani è al centro delle attività della Cooperazione Italiana. L AZIONE DELLA COOPERAZIONE ITALIANA NEI BALCANI Progetti di Institutional Capacity Building L area dei Balcani è al centro delle attività della Cooperazione Italiana. Dopo la sanguinosa guerra che ha

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action

Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action Giovanni Casula giovanni.casula@focuseurope.it Luca Bortolussi luca.bortolussi@focuseurope.it CORSO DI FORMAZIONE Youth For Europe 1988 Trattato di Maastricht

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE Relatrice _ Angela Martinez Centro Studi ed Iniziative Europeo CE.S.I.E CESIE - ONG- non profit

Dettagli

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in America Latina per l anno 2012

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in America Latina per l anno 2012 ALLEGATO B ALLEGATO B2 Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale - Settore Governo Clinico, Programmazione e Ricerca D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle

Dettagli

Data Coop percorsi e prospettive della formazione

Data Coop percorsi e prospettive della formazione Il concreto è concreto perché è sintesi di molteplici determinazioni Data Coop percorsi e prospettive della formazione Educazione non formale: la D.C. gestisce progetti educativi finalizzati all'inserimento

Dettagli

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 1 La proposta di EMAS III individua per gli stati membri una serie di obblighi (Capo VII): Assistenza alle organizzazioni ai fini del rispetto degli obblighi normativi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI Sostegno a progetti transnazionali riguardanti almeno una delle seguenti priorità e relativi obiettivi specifici. Priorità 1. Migliorare la qualità della

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

SETTORE LOGISTICO-GESTIONALE

SETTORE LOGISTICO-GESTIONALE Progetti Caschi Bianchi: interventi umanitari in aree di crisi Aree di competenza dei volontari SETTORE LOGISTICO-GESTIONALE Ambito di attività: raccolta ed elaborazione dati, informazione, collegamento

Dettagli

Trento, 21 dicembre 2005

Trento, 21 dicembre 2005 Trento, 21 dicembre 2005 SOLIDARIETÀ, SVILUPPO, NUOVA LEGGE: BILANCIO DI UN ANNO DI VOLONTARIATO Il punto della situazione e gli obiettivi futuri oggi con l assessore provinciale Iva Berasi Ottantanove

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 DELIBERE ELENCO INIZIATIVE APPROVATE Contributi volontari 111. BMVO - Libano AID 9957 Sostegno all Appello globale al Piano di Risposta Regionale (RRP) per i rifugiati

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009)

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Indice: Sintesi Generale 1 Sintesi mappatura progetti regionali su fondi comunitari in ambito

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary

L associazione. Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary L associazione Nata nel 1991 dall incontro tra uno studente di medicina italiano e il dott. Sujit Bramochary Dal 1993 si attiva in Italia un gruppo di studenti per sviluppare progetti di cooperazione a

Dettagli

Insieme per gli Obiettivi del Millennio: 8 modi per cambiare il mondo

Insieme per gli Obiettivi del Millennio: 8 modi per cambiare il mondo Costruzione di una rete europea per la sensibilizzazione e l educazione allo sviluppo sugli Obiettivi del Millennio nelle autorità locali e nei sistemi di educazione formale Insieme per gli Obiettivi del

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Giuseppe Arcucci Torino, 24 Febbraio 2011 Il quadro

Dettagli

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori Un villaggio di idee llll percorso IInFormatiivo dii sviilluppo llocalle SIICIILIIA 2015 Processo Informale di Concertazione verso la creazione della Rete delle Comunità per lo sviluppo sostenibile e integrato

Dettagli