Le indicazioni delle Regioni e dei Centri di Orientamento e Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le indicazioni delle Regioni e dei Centri di Orientamento e Formazione"

Transcript

1 LAVORO INTERINALE E FORMAZIONE ANALISI DEL FENOMENO DEL LAVORO INTERINALE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI FABBISOGNI FORMATIVI DEI LAVORATORI OCCUPATI ED OCCUPABILI E DELLE IMPRESE UTILIZZATRICI, E ALL INDIVIDUAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI MODELLI E PERCORSI DI QUALIFICAZIONE E RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE Le indicazioni delle Regioni e dei Centri di Orientamento e Formazione Dicembre 2004 A cura di Daria Broglio (Irs), Daniela Oliva (Irs), Nicoletta Poli (Irs).

2

3 INDICE 1. OBIETTIVI E METODOLOGIA I FABBISOGNI FORMATIVI DELL OFFERTA E DELLA DOMANDA DI LAVORO La rilevanza attribuita al tema del fabbisogno formativo nella letteratura empirica I fabbisogni formativi delle aziende che utilizzano lavoratori interinali I fabbisogni formativi dei lavoratori interinali L OFFERTA DI FORMAZIONE FINANZIATA DA FORMA.TEMP Gli obiettivi e il funzionamento di Forma.Temp L offerta formativa finanziata da Forma.Temp Evoluzione delle attività dalla nascita di Forma.Temp ad oggi Articolazione dei corsi finanziati da Forma.Temp secondo la tipologia formativa Le caratteristiche socio-anagrafiche dei partecipanti ai corsi finanziati da Forma.Temp Prospettive e sbocchi occupazionali delle azioni formative Le prospettive future L OFFERTA DI FORMAZIONE PRIVATA L offerta formativa destinata ai lavoratori interinali Le caratteristiche dell offerta formativa Le procedure di attivazione e di controllo dei corsi Le principali criticità E le best practice Quale futuro? Riflessioni conclusive I Centri di Formazione Professionale coinvolti nella rilevazione I Centri di Formazione Professionale non attivi nella formazione per i lavoratori interinali

4 5. IL LAVORO INTERINALE L OFFERTA DI FORMAZIONE PUBBLICA Premessa Le Agenzie regionali per il Lavoro (ARPL) ed il lavoro interinale: i risultati delle interviste Obiettivi e modalità della rilevazione Modalità operative dirette di intervento I prodotti realizzati dalle ARPL sul tema del lavoro interinale Le banca dati con gli avviamenti dei lavoratori interinali Verso l attivazione di rapporti stabili: definizione di indirizzi/orientamenti regionali, accordi programmatici e politici, protocolli, tavoli tecnici Modalità di comunicazione ARPL agenzie interinali sull offerta formativa diretta ai lavoratori interinali Stato di avanzamento relativo all accreditamento delle agenzie del lavoro che possono compiere somministrazione di manodopera ai fini autorizzativi In sintesi ALCUNE CONSIDERAZIONI DI SINTESI

5 1. OBIETTIVI E METODOLOGIA Obiettivo di questo documento è fare il punto su come il tema della domanda e dell offerta di formazione è percepito/trattato nei diversi ambiti e da parte dei diversi attori che interagiscono con il lavoro interinale. Questo spiega la natura articolata dei capitoli che lo compongono, delle metodologie e degli strumenti utilizzati. Ponendosi la finalità generale di comprendere la natura e le caratteristiche delle attività formative rivolte ai lavoratori interinali e considerata la sostanziale marginalità di questo tema fino a poco tempo fa, è stato necessario allargare il campo di analisi alla natura e alle caratteristiche delle competenze esplicitamente richieste e alla natura e alle caratteristiche dei lavoratori avviati, come rappresentazione implicita e come proxi del fabbisogno di formazione, attraverso una operazione di identificazione concettuale tra fabbisogno occupazionale e fabbisogno formativo, là dove l assenza di dati e informazioni ci poneva nella impossibilità di più corrette distinzioni. Dunque, a conferma di quanto appena detto, il secondo capitolo ci offre una panoramica di come il tema dei fabbisogni formativi sia stato, fino ad oggi, trattato nella letteratura empirica che ha studiato il fenomeno del lavoro interinale in Italia. Fabbisogni formativi espliciti o impliciti, visti da parte dei lavoratori, delle agenzie di lavoro interinale, delle imprese, di attori significativi (sindacati, associazioni imprenditoriali, esperti). Si tratta di una analisi di secondo livello, focalizzata sulle produzioni maggiormente significative sul tema in oggetto. In allegato al capitolo, alcune schede descrittive dei lavori analizzati, con una sintesi focalizzata sul tema della formazione. Il terzo capitolo sintetizza e valuta l attività formativa realizzata da Forma.Temp, dalla sua attivazione ad oggi. Anche in questo caso si tratta di una analisi di secondo livello, effettuata su dati in parte già pubblicati e in parte forniti direttamente da Forma.Temp. Il quarto capitolo è focalizzato sull offerta privata di formazione per lavoratori interinali. I dati e le informazioni si riferiscono a Enti privati di formazione che gestiscono l offerta solitamente per conto delle Agenzie interinali stesse. La scelta degli Enti di formazione da intervistare è avvenuta sulla base delle conoscenze pregresse dello staff di ricerca. Allo stato attuale, infatti, non è disponibile alcun dato strutturato circa l offerta formativa per il lavoro interinale presente sul mercato 3

6 privato. All inizio dell anno Forma.Temp ha effettuato una rilevazione specifica presso tutte le Agenzie di lavoro interinale finalizzata a censire tutti gli Enti di formazione con i quali esse intrattengono rapporti per la progettazione e/o l erogazione di attività formative. Tali dati, al momento, non sono stati resi pubblici e non sono stati resi disponibili. Inoltre, gli stessi Enti intervistati hanno sostenuto di non conoscere il proprio mercato concorrente su questa linea di attività. In tale contesto, dunque, non essendo possibile conoscere l universo di riferimento, la selezione degli Enti formativi da intervistare ha seguito criteri di causalità consentendo, tuttavia, di fare una ricognizione piuttosto ampia di quanti sono impegnati o meno in queste attività che viene presentata in allegato al capitolo. Infine, il quinto capitolo fa il punto sull offerta di formazione pubblica. In verità, se questo era l obiettivo iniziale, lo stato dei fatti ha ridefinito il contenuto di questo capitolo nella direzione di come il soggetto pubblico affronta il tema del lavoro interinale più in generale, e non solo della formazione per questa categoria di lavoratori. Non si è rilevata, infatti, l esistenza di una offerta formativa pubblica esplicitamente dedicata a lavoratori interinali. Le ragioni, come più chiaramente espresse nel corso della ricerca, sono da riportare all esistenza stessa di Forma.Temp, nel senso che le Regioni e le Province hanno preferito, da un lato, non creare sovrapposizioni di competenze, dall altro, indirizzare le risorse e l offerta formativa a fasce di lavoratori atipici meno coperti su questo versante, pur senza discriminare la frequenza da parte di lavoratori interinali. Il capitolo, pertanto, si è focalizzato su tutto il resto dell attività delle Regioni rispetto a questo tema. Sono state fatte delle interviste telefoniche ai referenti regionali e, in allegato al capitolo, sono state redatte delle schede di sintesi per ogni Regione/Provincia Autonoma. 4

7 2. I FABBISOGNI FORMATIVI DELL OFFERTA E DELLA DOMANDA DI LAVORO 2.1 La rilevanza attribuita al tema del fabbisogno formativo nella letteratura empirica La rilevanza attribuita al tema della formazione professionale nell ambito del lavoro interinale è legata alla funzione di raccordo che l investimento in formazione dovrebbe svolgere fra le diverse missioni al fine di favorire una certa omogeneità delle attività svolte ed evitare la parcellizzazione delle competenze. Il panorama complessivo è, però, quello di uno scarso investimento nella formazione dei lavoratori interinali sia da parte delle agenzie sia da parte delle imprese. Tali lavoratori vengono quindi considerati spesso dalle imprese utilizzatrici come poco competenti a livello europeo 1. Peraltro, il tema della formazione ha delle implicazioni per tutti gli attori coinvolti nel rapporto di lavoro interinale: agenzie, imprese e lavoratori. In questo capitolo appunteremo la nostra attenzione in particolare sui fabbisogni formativi espressi sia sul lato della domanda sia sul lato dell offerta. E ciò anche a partire dalle indagini sulla tematica del lavoro interinale realizzate in questi anni in Italia, in particolare dalle Regioni e/o da suoi organismi/enti strumentali, quali le Agenzie regionali per il lavoro (ARPL). Più in specifico - come si denota dall allegato dedicato alle schede relative alle indagini considerate - sono eccezioni gli studi che hanno affrontato in maniera specifica ed approfondita il tema del fabbisogno formativo. In particolare, su 10 indagini analizzate relative a studi sul campo o di desk sulla tematica dell interinale, una sola 2 (tavola 2.2) ha affrontato in maniera specifica ed approfondita la tematica sul lato dell offerta, tre (tavole 2.4, 2.10, 2.11) hanno fatto alcune considerazioni approfondite in mezzo ad altre tematiche sull argomento, quattro (tavole 2.3, 2.5, 2.6, 2.7) hanno affrontato l argomento in maniera molto sintetica, due (tavola 2.8 e 2.9) non hanno fatto alcuna considerazione al proposito. 1 Unica eccezione riguarda la Gran Bretagna dove, secondo l indagine Forza Lavoro, il 21% dei lavoratori interinali aveva ricevuto formazione nelle 13 settimane precedenti l intervista, rispetto al 39% dei lavoratori con contratto a tempo determinato e al 28% di quelli con contratto a tempo indeterminato. 5

8 La tavola 2.1 riporta le indagini che hanno affrontato sia tramite interviste ai diretti interessati e/o elaborazioni ad hoc sia in maniera indiretta con studi econometrici e/o altro- il punto di vista delle aziende e/o dei lavoratori sulla tematica dei fabbisogni formativi: Tavola 2.1 Tematica del fabbisogno formativo affrontato da aziende e lavoratori nelle ricerche analizzate - RICERCHE/STUDI 1) I lavoratori interinali in Emilia Romagna. Caratteristiche e fabbisogni formativi ) Il lavoro interinale in Emilia-Romagna ) Il lavoro interinale in Emilia-Romagna )Il lavoro mobile FABBISOGNO FORMATIVO DA PARTE DELLE AZIENDE FABBISOGNO FORMATIVO DA PARTE DEI LAVORATORI 5)Rapporto 2002 dell Osservatorio sul lavoro interinale in Provincia di Parma ) Ci penserò domani ) Il lavoro interinaleprime analisi su dati amministrativi ) Il lavoro interinale in Italia Trappola del precariato o trampolino verso un impiego stabile? 9) Il lavoro interinale in Italia: uno sguardo all offerta ) Ragioni ed articolazione territoriale del lavoro interinale Se ne deduce che: a) il maggiore interesse degli studi esaminati si è focalizzato di più sui fabbisogni formativi dei lavoratori (7 su 10) rispetto a quelli percepiti dalle imprese (4 su 10); 2 I lavoratori interinali in Emilia-Romagna. Caratteristiche e fabbisogni formativi, A.T.I. Ismeri Europa- 6

9 b) nel corso degli anni - a parte l eccezione dell Emilia-Romagna che si è interessata di lavoro interinale sotto diversi aspetti, sia sul fronte delle imprese sia sul fronte dei lavoratori nel 2001, 2002 e 2004 questa tematica sembra continuare ad avere un generale limitato interesse; c) appare ancora contenuta la rilevanza del tema della formazione e del fabbisogno formativo. 2.2 I fabbisogni formativi delle aziende che utilizzano lavoratori interinali Certamente questo della formazione è un nodo critico del lavoro interinale. E ciò anche alla luce delle ricerche che, a diverso titolo, se ne sono occupate. Per le aziende spesso si tratta di recuperare manodopera che fornisca prestazioni soprattutto nel grande settore manifatturiero ove il lavoro interinale è maggiormente adottato immediatamente efficaci, in quanto derivanti da fabbisogni generalmente temporanei, espressi da aziende che devono risolvere tensioni, anche improvvise, determinate da picchi produttivi o da assenze di lavoratori. L impresa potrebbe anche ricorrere all agenzia interinale quando non riesce assolutamente a reperire con i canali a sua disposizione particolari professionalità. Per le agenzie interinali, peraltro, la formazione sarebbe un investimento rischioso: più un lavoratore è qualificato, maggiore è la possibilità che venga assunto dall impresa utilizzatrice o che sia inviato in missione da un agenzia concorrente. Inoltre, le agenzie fornitrici cercherebbero di fare fronte alla mancata qualificazione degli aspiranti lavoratori effettuando in proprio dei corsi formativi di base, seguiti da brevi periodi di addestramento nel quale vengono trasmesse competenze strettamente connesse al contesto aziendale generalmente di basso profilo - in cui il lavoratore svolgerà la missione. La figura più ricercata sarebbe quella del manovale generico, conferma del fatto che altre figure specializzate sono in minoranza e che, dunque, sono reperite soprattutto figure con competenze basse o, comunque, acquisibili in poco tempo. Da parte loro, gli imprenditori soprattutto quelli appartenenti ad aziende grandi - dichiarano che sarebbero disposti ad assumersi l obbligo di formazione e addestramento a certe condizioni sine qua non. IRS in collaborazione con l Agenzia del Lavoro dell Emilia-Romagna. 7

10 In entrambi i casi, la qualità delle risorse umane interinali, sembrerebbe fortemente trascurata. L indagine IRES (tavola 2.11) riporta alcuni risultati riguardo alla disponibilità, da parte delle imprese, ad assumersi l onere della formazione e dell addestramento degli interinali: mentre le grandi aziende si rivelano disponibili (65% delle imprese oltre i 200 addetti), i piccoli imprenditori sarebbero decisamente contrari (60% delle imprese con meno di 20 addetti). Nel complesso, le imprese sarebbero disponibili ad assumersi gli oneri della formazione, perché ritengono necessario che i percorsi di formazione siano calibrati sulle esigenze effettive dell azienda (45% dei casi) e, soprattutto in Lombardia, emergerebbe come elemento rilevante la necessità di ovviare alla scarsa formazione e competenza dei lavoratori (35% dei casi) che vengono avviati in missione dalle agenzie. Qui lo skill gap è evidentissimo. Nel complesso, le imprese utilizzatrici sostengono che le agenzie hanno finora svolto una buona azione di marketing tralasciando, però, la funzione di previsione sui fabbisogni professionali, che tanto potrebbe limitare i problemi legati alla mancanza di formazione e di competenze adeguate da parte dei lavoratori interinali avviati in missione. Elementi di ulteriore riflessione vengono dall indagine presso un campione di 500 imprese utilizzatrici di lavoro interinale (aprile 2004), realizzata nell ambito del progetto di ricerca di cui fa parte questo stesso progress report 3. I risultati mostrano che oltre i tre quarti delle aziende svolgono regolari attività di formazione 4 per i proprio lavoratori. La percentuale di aziende che non fanno formazione è costante al variare del settore, mentre è particolarmente differente al variare della dimensione aziendale. Tra le aziende fino a 15 dipendenti, infatti, l incidenza di quante non fanno formazione è molto più elevata della media e si attesterebbe sul 42%, un valore quasi triplo di quello riferito alle aziende di dimensione maggiore, tra le quali si riduce al 16%. Dati, questi, che confermerebbero riflessioni già note, ossia che spesso le piccole aziende valutano uno scarso ritorno atteso dagli investimenti in formazione o non sono in condizioni di affrontarli sotto il profilo economico. 3 Si rimanda al report sull azione A per ulteriori dettagli sulle caratteristiche ed i risltati dell indagine. 4 Non si è distinto tra aziende che fanno formazione per i lavoratori standard o per gli atipici o ancora per gli interinali, ma semplicemente tra aziende che investono nella formazione delle proprie risorse umane, indipendentemente dal tipo di rapporto di lavoro, e aziende che al contrario non lo fanno. 8

11 Peraltro, non sembra esistere un problema di scolarità, considerato che le aziende hanno impiegato lavoratori interinali che mediamente avevano livelli di scolarità analoghi al resto della forza lavoro. E se la dimensione aziendale non avesse nessun tipo di relazione con questo aspetto, qualche lieve differenza si osserverebbe tra i diversi settori. Nell industria la percentuale di aziende che assumono interinali meno scolarizzati è quasi doppia di quanto avviene tra le aziende dei servizi. È nell industria quindi che, con maggiore frequenza, i lavoratori interinali avrebbero livelli di scolarità inferiori rispetto ai propri colleghi dipendenti a tempo indeterminato. Una certa differenza si osserva tra le aziende che fanno formazione e quelle che non svolgono questo tipo di attività. Tra quelle che non investono nel proprio capitale umano, infatti, sarebbe maggiore la quota dei meno scolarizzati rispetto a quanto accade nell altro gruppo, delle aziende che fanno formazione. È, quindi, possibile distinguere tra aziende che pongono una elevata attenzione al proprio capitale umano, sia sotto il profilo della formazione pregressa (livello di scolarità) che della formazione finanziata e svolta in azienda. Se si distingue tra aziende che svolgono o meno attività di formazione, si osserva inoltre un andamento speculare delle due classi estreme: tra le aziende che fanno formazione la percentuale di giovanissimi è maggiore che tra le aziende che non investono nella formazione dei propri dipendenti. E viceversa, i lavoratori interinali maturi (35 50 anni) sono maggiormente presenti nelle aziende che non fanno formazione. Anche in questo caso, quindi, si evidenzierebbe una certa separazione tra un gruppo di aziende attento allo sviluppo delle proprie risorse umane e che quindi investe maggiormente nei giovani e nella formazione - ed aziende meno sensibili a queste tematiche. Relativamente alle professionalità richieste, si rileverebbe, inoltre e questo dato non sembrerebbe così scontato - una compresenza di livelli di professionalità differenti e diversificati, pur con una maggioranza di profili bassi. Anche lo svolgimento o meno di attività di formazione si accompagnerebbe ad interessanti differenze nella durata media prevalente delle missioni di lavoro interinale. Le aziende che fanno formazione si caratterizzerebbero per una maggiore prevalenza di missioni oltre i tre mesi (circa il 39%) rispetto a quelle che non fanno formazione (32%). E sarebbero, fra l altro, le aziende con una maggiore professionalità del personale ad aver proceduto al maggior numero di assunzioni. Significativi elementi di valutazione verrebbero anche dal giudizio degli imprenditori sulla preparazione dei lavoratori interinali impiegati in azienda. Solamente il 25% 9

12 indica che erano pronti per svolgere la mansione prevista, mentre il 59% sostiene la necessità di un addestramento iniziale. Differenziali analoghi, anche se leggermente minori, si osservano distinguendo tra aziende che svolgono attività formative e aziende che non fanno formazione. Questi dati lascerebbero pensare che le aziende più interessate alla qualità delle risorse umane (quindi quelle che investono in formazione) collaborerebbero attivamente con l agenzia di lavoro interinale nella costruzione di un profilo preciso tale da richiedere con minore frequenza interventi formativi immediatamente successivi. Si tratterebbe, peraltro, di profili specifici e dettagliati e per i quali, quindi, aumenterebbe la probabilità di una selezione efficace. Considerazioni analoghe andrebbero fatte pure se si guarda ai settori ed alle classi dimensionali, con differenziali significativi e simili per entità. Tra le aziende fino a 15 dipendenti è minore la quota di quanti dichiarano la necessità dell addestramento iniziale e maggiore la quota dei pienamente soddisfatti, rispetto a quanto accade fra le aziende con oltre 15 dipendenti. Tra i settori, è nei servizi che è maggioritaria la quota di quanti dichiarano che la formazione degli interinali era adeguata, e, viceversa, tra le aziende dell industria cresce la percentuale delle aziende che denuncia la necessità dell addestramento iniziale. Sulle problematiche eventuali inerenti sia il livello inadeguato di cultura generale sia la insufficiente preparazione per la specializzazione professionale richiesta dei lavoratori interinali, i livelli di cultura generale sono indicati come problematici da appena il 3% degli intervistati; ma minoritaria sarebbe la quota di coloro che indicano nella scarsa specializzazione una problematica rilevante: precisamente il 9% degli intervistati. Dato, questo, che andrebbe letto innanzitutto alla luce del fatto che, come si vede nei dati riguardanti le professionalità richieste agli interinali, esse sono di livello basso nella maggioranza dei casi, e si tratta quindi di situazioni in cui sarebbe anomalo parlare di specializzazioni. Per gli altri casi, invece, tale dato andrebbe letto come un successo dell attività di ricerca e selezione del personale da parte delle agenzie, che, nella restante maggioranza delle situazioni, riescono a fornire lavoratori preparati, eccetto, appunto, nel 9% dei casi. Peraltro, il dato che emergerebbe fortemente è che le aziende che utilizzano molto l interinale lo apprezzano particolarmente per le ampie possibilità di flessibilità gestionale ed organizzativa, piuttosto che per la rapidità di reperimento del personale. L impresa paga l agenzia interinale perché vengano forniti nel 10

13 brevissimo tempo i lavoratori immediatamente utilizzabili e inseribili nel contesto aziendale. Dal punto di vista dell impresa, dunque, la formazione del lavoratore interinale rappresenterebbe spesso un puro costo, poiché il lavoratore permane generalmente nell organico aziendale per un breve periodo. L impresa utilizzatrice potrebbe avere una certa convenienza nell effettuare formazione e qui portiamo a compimento il discorso iniziato in apertura sulle condizioni sine qua non - solo nel caso in cui il ricorso al lavoro interinale sia strumentale all ottenimento di una migliore conoscenza del lavoratore in vista di un suo successivo inserimento stabile in azienda. 2.3 I fabbisogni formativi dei lavoratori interinali Alcune delle analisi realizzate sul lato dell offerta mettono in evidenza quanto necessiti una messa a punto di politiche attive del lavoro entro le quali la formazione professionale assuma un ruolo essenziale. Ed alcuni punti fermi si sarebbero raggiunti anche sulle condizioni sine qua non che determinano la crescita professionale del lavoratore interinale. Intanto, non sarebbe il frequente cambiamento di lavoro ad accrescere le competenze, ma, al contrario, l autonoma attività di aggiornamento e perfezionamento da parte del singolo a permettere il mantenimento della posizione nel mercato del lavoro, spesso migliorandola. Certo, una formazione il più possibile personalizzata, individualizzata, sarebbe l optimum. E sembrerebbe anche condiviso da molti il fatto che chi si affaccia al lavoro interinale non riesce, se non in minima parte, a trasferire nei contenuti professionali ed economici della missione il valore del capitale umano accumulato nelle precedenti esperienze lavorative e nello studio. Il trascorrere del tempo, per questi lavoratori, verrebbe in qualche modo azzerato ogni volta che inizia una nuova missione. Anche se, secondo alcune analisi, la frequenza a corsi di specializzazione e le esperienze professionali maturate avrebbero un effetto positivo sulla probabilità di avviamento. Al contrario, i livelli di istruzione non sarebbero significativi ai fini dell avviamento. In questo contesto, allora, l agenzia interinale troverebbe conveniente effettuare, accollandosene i costi diretti, investimenti in capitale umano generico sui propri candidati allo scopo di ottenere informazioni sulla loro qualità. L offerta di salari iniziali inferiori - ma accompagnati da formazione professionale - indurrebbe un autoselezione dei candidati più abili. 11

14 Secondo alcuni studi realizzati dall Agenzia Emilia-Romagna Lavoro nel 2001, il fenomeno della flessibilità sembra emergere come una forma di selezione e formazione on the job dei giovani. Dall analisi di questi aspetti è stato formulato il concetto di carriera esterna, intendendo, con tale termine, il periodo più o meno lungo di transizione dalla scuola al lavoro, durante il quale si vive una continua alternanza di esperienze lavorative e formative. E sempre L Agenzia Emilia- Romagna Lavoro nel 2001 (periodo transitorio di attivazione di Forma.Temp) indicava in le persone formate, in costante crescita nel 2002 (9.252). Ma qual è il profilo caratterizzante del lavoratore interinale oggi in Italia? E quali le caratteristiche e le modalità dei suoi fabbisogni formativi? Al di là delle differenze regionali, il lavoratore interinale sembra avere queste caratteristiche principali: uomo, al di sotto dei 30 anni, con titolo di studio mediobasso 5. In particolare, l Agenzia Emilia-Romagna Lavoro che già dal 2001 aveva iniziato un monitoraggio su questa forma di lavoro ha in corso di pubblicazione la citata indagine sul campo condotta da IRS ( I lavoratori interinali in Emilia-Romagna. Caratteristiche e fabbisogni formativi, aprile 2004, tavola 2.2) su un campione stratificato di 2331 soggetti interinali intervistati. L indagine fornisce molti elementi di riflessione relativamente all interrogativo posto sulle caratteristiche e le modalità dei fabbisogni formativi del lavoratore interinale. Il quadro che emerge in questo studio delinea un mondo estremamente articolato, dove convivono lavoratori con caratteristiche diverse, situazioni occupazionali molto differenti tra loro e percorsi professionali altrettanto differenziati. Uno dei principali risultati che emerge dall analisi condotta è che l esperienza di lavoro interinale non sembra modificare in misura significativa i percorsi occupazionali e professionali dei lavoratori intervistati, ma, piuttosto, appare uno degli strumenti attraverso cui individui, con scarse reti di relazioni, riescono a entrare in circuiti e reti di relazioni più ampie. Anche qui, come già detto, emergerebbe un effetto di persistenza e di trascinamento della situazione precedente il lavoro interinale che viene solo marginalmente modificata e da cui si ricomincerebbe quasi ogni volta daccapo. 5 Per ulteriori dettagli sulle caratteristiche socio-professionali dell offerta, si rimanda al report sull azione B. 12

15 Peraltro, nell ambito del lavoro interinale, l esperienza formativa ha coinvolto una quota minoritaria di intervistati, anche se, all interno del campione, una percentuale significativa di avviati ha partecipato ad attività formative non legate all esperienza di lavoro interinale. Un lavoratore ogni quattro ha, infatti, partecipato ad un corso di formazione negli ultimi quattro anni, con una partecipazione più marcata degli individui più giovani, di cui molti studenti. Opposta, invece, la situazione degli individui che erano in cerca di occupazione per i quali, forse, la brevità dello stato di disoccupazione potrebbe spiegare il perché non abbiano cercato una riqualificazione attraverso dei corsi di formazione. Rispetto alla tipologia di corsi frequentati, emergono alcune peculiarità che sembrano delineare una connessione diretta con la facilità di inserimento dei lavoratori che vi partecipano. Ai corsi di breve durata hanno, infatti, partecipato in modo più diffuso i lavoratori con una più rapida operatività, come gli individui over 30, mentre le donne, ad esempio, avrebbero partecipato più frequentemente a corsi strutturati. Chi ha fatto formazione come lavoratore interinale nel 2001, in circa la metà dei casi (47,8%) ha partecipato a corsi di breve durata (meno di 8 ore) tenuti in azienda. I temi affrontati avrebbero riguardato prevalentemente, tematiche non strettamente legate all attività lavorativa specifica. Più frequentemente, invece, la formazione si è concentrata sulle nozioni di base, come la disciplina del rapporto di lavoro, l organizzazione del lavoro e, soprattutto la tutela della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro, impartita in oltre la metà dei corsi. Anche rispetto al contenuto dei corsi, riemerge la variabile età. Si rileva, infatti, un coinvolgimento relativamente superiore degli adulti nei corsi che prevedono tematiche propedeutiche alla missione (tutela della salute e disciplina del lavoro, in particolare), oltre che in quelli che trattano tematiche tecniche (qualificazione e aggiornamento dell uso dei macchinari). I giovani, al contrario, risulterebbero più coinvolti in corsi di alfabetizzazione informatica e in tecniche di comunicazione. Peraltro, le quattro tipologie di lavoratori interinali individuate 6 mostrano tutte una forte attenzione verso uno sviluppo delle proprie competenze, soprattutto di quelle 6 La ricerca individua quattro profili di lavoratori interinali: gli addetti con una precedente occupazione stabile (19% del campione intervistato) E il gruppo più forte tra gli interinali, composto da uomini adulti, con livelli di istruzione bassi, ma precedenti esperienze di lavoro a tempo indeterminato; i giovani con esperienze di lavoro a termine (19,6% del campione), composto da giovani con meno di 29 anni, diplomati e precedenti esperienze di lavoro a tempo determinato; 13

16 trasversali. Queste sembrano rilevanti, sia per svolgere in maniera più proficua le proprie mansioni all interno dell attività interinale, sia per progredire nel proprio percorso professionale. Meno interessanti apparirebbero, invece, le competenze tecniche, generalmente ritenute di scarsa utilità per lo svolgimento dell attività interinale, dove l elementarità delle mansioni non richiede competenze ulteriori rispetto a quelle già maturate. In particolare, poi, le competenze relative all organizzazione del lavoro risulterebbero le meglio spendibili in più situazioni lavorative, data l elevata instabilità occupazionale in più situazioni lavorative. Se si allarga lo sguardo alla crescita professionale complessiva di questi individui, acquistano una forte rilevanza altre competenze trasversali come quelle relazionali o comunicative, alle quali si uniscono abilità che possiamo definire di base per svolgere un qualsiasi lavoro professionalizzato: la lingua inglese e l informatica. Posto che l obiettivo latente resta il raggiungimento di una posizione lavorativa stabile, il mezzo è senza dubbio quello di arrivarci con il maggior numero di strumenti. La difficoltà di orientarsi all interno del mercato del lavoro, che colpisce giovani quanto gli adulti, gli occupati quanto i disoccupati, peraltro desumibile dalla ampia presenza di persone che hanno svolto l interinale per difficoltà di inserimento, spingono, inoltre, una buona parte di individui ad attribuire un importanza considerevole alle tecniche di stesura di un curriculum vitae, piuttosto che di approccio ad un colloquio di lavoro o di orientamento nel mercato del lavoro. Un altro elemento significativo su cui appuntare l attenzione è costituito dal fatto che, per una parte minoritaria, ma consistente di individui, vi sarebbe la previsione, già nell immediato ed anche per coloro che nel 2003 avevano un occupazione stabile, di partecipare a corsi di formazione. E ancor più significativo appare il fatto che un gruppo minoritario, ma non marginale di individui (89 unità pari al 3,8% del campione), soprattutto maschi e giovani, si sia distinto per una più consistente attività di formazione, legata sia all esperienza di lavoro interinale sia ad una scelta esterna. Peraltro, la strumentalità dell interinale rispetto al processo di perfezionamento professionale, anche per questi individui, risulterebbe di una rilevanza marginale. gli adulti disoccupati (35,9% del campione). E il gruppo più debole, composto da adulti con bassi livelli di istruzione, attivamente alla ricerca di un lavoro; gli studenti (23,4% del campione intervistato). 14

17 Infine, i dati a disposizione di Forma.Temp (cfr. capitolo 3) a livello nazionale (2002) permettono - al di là dei numeri 7 alcune riflessioni. Uno dei punti di forza riguarderebbe senz altro il fatto che, di recente, i tempi di approvazione si siano sensibilmente ridotti (da 12 a 3 giorni). Ma non basta. Risulta ancora una scarsa attenzione nei confronti della formazione continua e di altre forme di formazione maggiormente mirate. Gran parte dei corsi finanziati sono stati di formazione on the job e di formazione di base, mentre marginale è il finanziamento di iniziative di formazione continua. Una formazione continua che pare ancora prerogativa di poche regioni 8. E poi la contenuta durata media dei corsi di formazione (rispettivamente di 8 ore per i corsi formativi di base, di 59 ore per i corsi di formazione professionale, di 30 ore per le azioni formative on the job e di 33 ore per le iniziative di formazione continua) dimostra ancora una volta la necessità di un maggiore e più serio investimento su questo versante. Peraltro, sul lato dell offerta, a detta di molte indagini sul campo, il far crescere le proprie competenze professionali appare l elemento al quale i lavoratori interinali coinvolti attribuiscono una grande attenzione. E ciò, nonostante la formazione svolta, pur essendo ritenuta in qualche maniera utile, non sembri avere portato ad un lavoro in senso stretto. Sicuramente, nei prossimi anni, la programmazione delle attività formative dovrà sempre più attagliarsi alla specifica tipologia di destinatari. Non è possibile immaginare una sola formazione specifica per i lavoratori interinali, in quanto le tipologie di individui (in termini di caratteristiche anagrafiche, livelli di istruzione, motivazioni, ecc.) che utilizzano questo strumento contrattuale sono molteplici e alquanto differenziate tra di loro. Inoltre, va ricordato qui, e questa volta sul lato della domanda, come vi sia una tendenza 9, ad orientare sempre di più la formazione per i lavoratori (formazione continua) nella direzione delle esigenze espresse, appunto, dalla domanda di lavoro che lamenta, per parte sua, un parco lavoratori non sempre adatto alle mansioni richieste. 7 Dal monitoraggio del Fondo Forma.Temp è emerso che: - i progetti presentati nel corso del 2002 sono stati alcuni di questi sono stati annullati dalle stesse imprese (9%) e altri ritenuti non ammissibili (1%); - le attività formative attivate nel 2002 sono state circa , il 150% in più rispetto alle iniziative svolte nel corso del 2001, ed hanno coinvolto circa lavoratori nel complesso; - gli allievi iscritti ai corsi di formazione sono equamente divisi fra uomini e donne, con una sovrarappresentazione della componente maschile nelle attività di formazione on the job (70% del totale degli allievi) e di formazione continua (65%). 8 La Calabria è la Regione più rappresentativa con 12 iniziative realizzate sulle 40 totali e con il coinvolgimento del 50% degli allievi totali in Italia per questo tipo di formazione. 9 Vedasi Fondi strutturali e Programmi comunitari come Adapt. 15

18 Sembrano, dunque, esserci oltre a problemi di skill gap forti discrasìe di intenti fra lavoratori ed imprese, non sempre, almeno al momento, sanabili. Basti ricordare che, in un contesto in cui la formazione erogata sembra che debba servire di più all azienda piuttosto che allo sviluppo individuale del lavoratore, il lavoratore e le indagini citate lo sottolineano spingerebbero prepotentemente nel senso contrario: la formazione, a loro, interessa e serve nella misura in cui va a riempire la cassetta degli attrezzi personali. Allora sì, che investono. È anche vero, però, che bisogna distinguere tra aziende che pongono una elevata attenzione al proprio capitale umano, sia sotto il profilo della formazione pregressa (livello di scolarità) che della formazione finanziata e svolta in azienda. E su queste bisogna fare leva. Insomma, in uno scenario che dovrebbe vedere sempre più l affermarsi di un offerta formativa gestita dai Fondi interprofessionali, sarà necessario porsi il problema di come rispondere alle esigenze formative dei singoli lavoratori che esprimono il bisogno di arricchire in maniera continua e coerente - il proprio patrimonio professionale. Che è poi il senso ultimo della formazione lungo tutto l arco della vita. Ma chi si farà carico di tutto ciò? Le Regioni ed alcuni suoi organi strumentali di programmazione, quali le Agenzie Regionali del Lavoro (ARPL), si stanno attrezzando, ma probabilmente necessita l affermazione di una politica e di un offerta di formazione continua concertata tra le Parti sociali - orientata a prevenire e non ad agire dopo come tappabuchi - il rischio di emarginazione delle fasce deboli e svantaggiate del mercato del lavoro, fra cui alcuni gruppi di lavoratori interinali. 16

19 Tavola 2.2 Titolo della ricerca I lavoratori interinali in Emilia-Romagna. Caratteristiche e fabbisogni formativi Autore A.T.I. ISMERI EUROPA-IRS in collaborazione con l Agenzia Emilia-Romagna Lavoro Anno di pubblicazione 2004 Obiettivi della ricerca La finalità principale che lo studio vuole perseguire è quella di identificare i percorsi professionali dei lavoratori interinali, individuando le relazioni con le caratteristiche tipologiche preminenti (anagrafiche, sociali, economiche e professionali) dei soggetti coinvolti. L indagine è stata rivolta, in particolare, a tutte le persone che hanno svolto almeno una missione di lavoro interinale nel 2001 all interno di un azienda attiva nella regione Emilia-Romagna. Tra gli obiettivi prioritari si può annoverare sia un confronto delle caratteristiche dei lavoratori interinali rispetto a quanto emerso dalle ricerche svolte sul tema sia in ambito nazionale, sia in ambito regionale sia l individuazione della presenza di tipologie di lavoratori particolarmente svantaggiati, cercando di discernere i fattori che condizionano negativamente il loro approccio con il mondo del lavoro e la loro stabilizzazione occupazionale. Più nel dettaglio, questi i macro-obiettivi: 1. studiare le principali caratteristiche socio-professionali dei lavoratori interinali (sesso, età, titolo di studio, precedenti esperienze lavorative), evidenziando l esistenza di ideal-tipi di lavoratori interinali, eventualmente differenti a seconda del particolare contesto socio-economico di ciascuna provincia della Regione, caratterizzati da una particolare combinazione di caratteristiche personali e d impresa; 2. indagare le transizioni che caratterizzano il percorso occupazionale e formativo del lavoratore temporaneo. Infatti, appare assai rilevante - anche in funzione dei compiti del decision maker comprendere se e verso quali soggetti il lavoro temporaneo costituisce una trappola della precarietà o se, piuttosto, risulta essere una forma di flessibilità in entrata nel mercato del lavoro, che tende ad evolvere verso forme di lavoro stabili (sia dal punto di vista della tipologia contrattuale, sia retributivo); 3. far emergere i fabbisogni di formazione dei lavoratori interinali sia alla luce del bagaglio di competenze già acquisito sia nei tradizionali percorsi formativi sia all interno dei corsi di formazione organizzati dalle Agenzie di somministrazione di lavoro temporaneo sia con la formazione on the job. L analisi dei fabbisogni professionali dovrebbe, inoltre, evidenziare su quali tipologie di competenze i lavoratori interinali si sentono più carenti (competenze tecniche generali, tecniche specifiche, relazionali, etc) e verificare l eventuale esistenza di specificità territoriali/locali nelle caratteristiche dei lavoratori coinvolti, in relazione ai percorsi e alle tipologie di lavoratori interinali. 17

20 METODOLOGIA Partendo da una ricognizione degli esiti delle più recenti ricerche sul lavoro interinale a livello nazionale, lo studio focalizza i suoi ambiti di indagine su aspetti che allo stato conoscitivo attuale risultano largamente inesplorati. Tra questi rientrano i meccanismi che portano ad intraprendere missioni di lavoro interinale, quelli che governano le transizione al lavoro e nel lavoro, ed i fabbisogni formativi che i lavoratori interinali esprimono sulla base della loro situazione socio-professionale. Adottando l ottica dei lavoratori, l indagine si è articolata secondo uno schema logico temporale. Partendo dalle condizioni immediatamente precedenti alla esperienza di lavoro interinale del 2001, il quadro conoscitivo è stato arricchito con informazioni relative alle missioni realizzate in quell anno e a tutto il periodo successivo, ponendo un attenzione specifica all attività formativa svolta (dentro e fuori l ambito interinale) ed ai fabbisogni ritenuti strategici per lo sviluppo professionale. Periodo della rilevazione febbraio-marzo 2004 Metodo di rilevazione Interviste telefoniche Campione Modalità di selezione del campione Strumenti utilizzati Bacino territoriale di riferimento Livello di disaggregazione territoriale 2331 lavoratori interinali Campionamento casuale stratificato. Per arrivare alla costruzione del campione si è proceduto alla realizzazione di due banche dati costruite sui nominativi dei lavoratori interinali, contenenti le informazioni relative a: età, sesso, durata delle missioni, attività economica (ATECO), prov. (LUOG_AVV). Questionario strutturato Emilia-Romagna Provinciale 18

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli