Integrazione e pari opportunità PROGETTO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrazione e pari opportunità PROGETTO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITA"

Transcript

1 PROGETTO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITA 1

2 Sommario CAPITOLO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITÀ: LE DONNE NEL MERCATO DEL LAVORO... 3 Par Le Normative a sostegno dell occupazione femminile... 3 Par. 1.2 Le donne nel mercato del lavoro italiano Par. 1.3 Donne e Formazione Par. 1.4 Considerazioni finali CAPITOLO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITÀ: LAVORO E DISABILITA Par. 2.1 Premessa Par. 2.2 La normativa di riferimento: il quadro normativo Internazionale Par. 2.3 La normativa di riferimento: il quadro normativo Comunitario Par. 2.4 La normativa di riferimento: la legislazione Italiana Par. 2.5 La formazione professionale Par. 2.6 La formazione continua Par. 2.7 Analisi del quadro attuale Par. 2.8 Considerazioni finali CAPITOLO INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITÀ: I MIGRANTI Par. 3.1 Premessa Par. 3.2 La presenza delle lavoratrici e dei lavoratori stranieri nel MDL Par. 3.3 I migranti e il mondo delle imprese Par. 3.4 Lavoro e Sicurezza Par. 3.5 La formazione come leva dei percorsi di integrazione

3 CAPITOLO 1 INTEGRAZIONE E PARI OPPORTUNITÀ: LE DONNE NEL MERCATO DEL LAVORO Par Le Normative a sostegno dell occupazione femminile Numerosi ed impegnativi e non solo a livello nazionale ed europeo i riferimenti normativi cui è possibili richiamarsi per sostenere azioni ed interventi anche in ambito formativo, tesi a colmare il gap quantitativo e qualitativo che ancora segna la presenza delle donne nel mercato del lavoro. In questa sede si ritiene utile richiamare per titoli il lungo percorso realizzato nel tempo a partire dalla fine del secondo conflitto mondiale, per poi soffermarsi, sempre dal punto di vista normativo, all ultimo importante intervento legislativo nazionale assunto in tal senso: ci si riferisce alla Legge 53/2000 Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. E questa infatti, non solo la legge più recente ma è anche quella che mette il dito nella piaga, intervenendo all interno di quello snodo culturale dato dall incontro (scontro) tra genitorialità e mercato del lavoro. Inoltre, e non è meno importante, su un terreno più operativo, è una normativa che mette in campo risorse e interviene direttamente nella promozione e finanziamento di attività di formazione continua. Ripercorrendo la strada intrapresa a metà del secolo scorso, il primo passo compiuto è a livello internazionale con l approvazione il 10 dicembre del 1948 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Sempre a questo livello è, poi, importante richiamare la Convention on the Elimination of All Forms of Discrimination against Women approvata dalla Assemblea dell ONU il 18 Dicembre Per quel che riguarda l Unione Europea invece, i pilastri normativi e dei principi sono sicuramente: 3

4 il Trattato di Roma, del 25 marzo Art. 119; La Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori del 9 dicembre Art. 16 Il Trattato sull Unione Europea del 7 febbraio Art "Trattato di Maastricht" Il Trattato di Amsterdam (97/C 340/01) che modifica il trattato sull'unione Europea, i trattati che istituiscono le Comunità Europee e alcuni atti connessi - Artt. 2-3, 13, Mentre sul piano attuativo sempre a livello europeo è importante fare riferimento alle Direttive: Direttiva 2006/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio Attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego Direttiva 2004/113/CE del Consiglio del 13 dicembre Parità di trattamento tra uomini e donne sull accesso a beni e servizi Direttiva 2003/88/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 novembre su aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro Direttiva 2002/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 settembre Modifica alla direttiva 76/207/CEE del Consiglio relativa all'attuazione del principio della parità di trattamento tra gli uomini e le donne per quanto riguarda l'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e le condizioni di lavoro Direttiva 97/80/CE del Consiglio del 15 dicembre Riguardante l'onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso Direttiva 97/81/CE del Consiglio del 15 dicembre Relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall'unice, dal CEEP e dalla CES Direttiva 96/97/CE del Consiglio del 20 dicembre 1996 che modifica la direttiva 86/378/cee relativa all'attuazione del principio della parità di 4

5 trattamento tra gli uomini e le donne nei regimi professionali di sicurezza sociale Direttiva 96/34/CE del Consiglio del 3 giugno Concernente l'accordo quadro sul congedo parentale concluso dall'unice, dal CEEP e dalla CES Direttiva 86/378/CEE del Consiglio del 24 luglio Relativa all'attuazione del principio della parità di trattamento tra gli uomini e le donne nel settore dei regimi professionali di sicurezza sociale Direttiva 79/7/CEE del Consiglio del 19 dicembre Relativa alla graduale attuazione del principio di parità di trattamento tra gli uomini e le donne in materia di sicurezza sociale Direttiva 75/117/CEE del Consiglio del 10 febbraio Per il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative all'applicazione del principio della parità delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile Direttiva 76/207/CEE del Consiglio del 9 febbraio 1976, relativa all'attuazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne per quanto riguarda l'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e le condizioni di lavoro Direttiva 86/613/CEE del Consiglio (MS-Word, 12 kb) 11 dicembre 1986, relativa all'applicazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un'attività autonoma, ivi comprese le attività nel settore agricolo, e relativa altresì alla tutela della maternità Direttiva 92/85/CEE del Consiglio del 19 ottobre 1992, concernente l'attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento. 5

6 A livello nazionale, invece, si richiamano qui di seguito gli interventi legislativi più rilevanti che, come si vede, datano a partire dai primi anni 70, 22 anni dopo la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: Legge 6 dicembre 1971, n "Piano quinquennale per l'istituzione di asili-nido comunali con il concorso dello Stato" Legge 18 dicembre 1973, n. 877 "Nuove norme per la tutela del lavoro a domicilio" Legge 9 dicembre 1977, n. 903 Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 10 aprile 1991, n. 125 "Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro" L. 25 febbraio 1992, n. 215 "Azioni positive per l'imprenditoria femminile" D. Lgs. 26 novembre 1999, n. 532, "Disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell'articolo 17, comma 2, della Legge 5 febbraio 1999, n. 25" D. Lgs. 25 febbraio 2000, n. 61 "Attuazione della direttiva 97/81/CE relativa all'accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall'unice, dal CEEP e dalla CES" Legge 15 ottobre 2003, n. 289 Modifiche all articolo 70 del testo unico di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, in materia di indennità di maternità per le libere professioniste D.Lgs. 30 maggio 2005, n. 145 "Attuazione della direttiva 2002/73/CE in materia di parità di trattamento tra gli uomini e le donne, per quanto riguarda l'accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionale e le condizioni di lavoro" Legge 24 febbraio 2006, n. 104 Modifica della disciplina normativa relativa alla tutela della maternità delle donne dirigenti 6

7 D. Lgs. 11 aprile 2006, n. 198 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna" Articoli 21/22-42/50-52/55 Dalle normative nazionali sopra riportate manca la Legge 53 dell 8 marzo 2000 che, come accennato sopra, vale la pena di vedere più da vicino. La Legge infatti introduce alcune novità rilevati, soprattutto per Paesi come l Italia, anche sul piano culturale, in considerazione della introduzione della possibilità di utilizzazione dei congedi parentali anche per i padri. Per la prima volta, cioè, in una legge volta a favorire l occupazione femminile, entrano in ballo anche gli uomini seppure, poi, nell applicazione, l attenzione è rivolta ancora volta solo verso le donne indebolendo così il suo portato innovativo. Approfondirne l analisi è, poi, ancora più importante in questa sede bilaterale: la legge, infatti, nasce dall accordo quadro del 3 giugno 1996 tra l UNICE (Associazione Europea datoriale) e i sindacati europei, fatta propria dall Italia con il D. Lgs. 25 febbraio 2000, n. 61, pochi giorni prima cioè della approvazione della più compiuta, rispetto alla assunzione della Direttiva Europea, Legge 53/00. Scaturisce quindi, da un accordo tra le parti sociali. La dimensione negoziale della gestione dei congedi parentali e della azioni di conciliazione la ritroviamo, infatti, anche nella nostra legge nella quale anche la promozione e il finanziamento di attività di formazione continua devono essere negoziate dalle parti sociali. E dal dibattito europeo, quindi, che viene una spinta forte a promuovere un riequilibrio tra gli impegni di donne e uomini nella loro doppia condizione di lavoratori e lavoratrici e esseri umani a tutto tondo a partire dalla loro scelta genitoriale.. Così il testo dell accordo: 1....considerando che la risoluzione del Consiglio del 6 dicembre 1994 riconosce che una politica effettiva di pari opportunità presuppone una strategia globale integrata, la quale consenta una migliore organizzazione degli orari di lavoro, una maggiore flessibilità e un più agevole ritorno alla vita 7

8 professionale e prende atto del ruolo importante che svolgono le parti sociali sia in tale campo sia nell'offrire, agli uomini e alle donne, la possibilità di conciliare le loro responsabilità professionali e i loro obblighi familiari; 2. considerando che le misure volte a conciliare la vita professionale familiare dovrebbero promuovere l'introduzione di nuovi modi flessibili di organizzazione del lavoro e dell'orario, più adattati ai bisogni della società in via di mutamento, e rispondenti sia alle esigenze delle imprese che di quelli dei lavoratori; considerando che gli uomini dovrebbero essere incoraggiati ad assumere uguali responsabilità familiari, ad esempio, proponendo loro di prendere congedi parentali con mezzi quali programmi di sensibilizzazione;... L accordo stabilisce: prescrizioni minime volte ad agevolare la conciliazione delle responsabilità professionali e familiari dei genitori che lavorano.... e si applica a tutti i lavoratori, di ambo i sessi, aventi un contratto o un rapporto di lavoro definito dalla legge, da contratti collettivi o dalle prassi vigenti in ciascuno Stato membro Da qui, quattro anni dopo, i congedi parentali e la promozione di azioni volte alla conciliazione approdano nel nostro Paese seguiti da ulteriori interventi regolamentari e modificativi fino all ultimo del maggio del 2009 relativo all art. 9 della legge. Di quella parte cioè che finanzia interventi concordati tra le parti sociali tesi ad introdurre modifiche organizzative, di orario od altro capaci di permettere a padri e madri di poter svolgere al meglio il proprio lavoro senza rinunciare, per questo, ad esercitare il proprio diritto-dovere alla cura e alla crescita dei figli. - Circolare del Ministero del Lavoro, 7 luglio 2000, n. 43 "Art. 12, Legge 8 marzo 2000, n. 53, recante disposizioni in materia di flessibilità dell'astensione obbligatoria nel periodo di gestazione e puerperio della donna lavoratrice" 8

9 - D.M. 21 luglio 2000, n. 278 "Regolamento recante disposizioni di attuazione dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53, concernente congedi per eventi e cause particolari" - Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, recante testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n D. Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della Legge 8 marzo 2000, n. 53" - Art Legge 18 giugno 2009, n. 69 Misure per conciliare tempi di vita e tempi di lavoro Modifica dell'articolo 9 della legge 8 marzo 2000, n. 53 Gli articoli della Legge su cui concentrare l attenzione in relazione all oggetto di questo lavoro sono due 1 : l art. 6 e l art. 9: - art. 6 congedi per la formazione continua quale diritto di proseguire i percorsi di formazione per tutto l arco della vita. E la contrattazione a definire il monte ore da destinare ai congedi, i criteri per l individuazione dei lavoratori e le modalità di orario nonché retributive connesse alla partecipazione ad attività di formazione; - art. 9 - nell'ambito del Fondo per l'occupazione (...), è destinata una quota fino a lire 40 miliardi annue a decorrere dall'anno 2000, al fine di erogare contributi, di cui almeno il 50 per cento destinato ad imprese fino a cinquanta dipendenti, in favore di aziende che applichino accordi contrattuali che prevedono azioni positive per la flessibilità, ed in particolare: a) progetti articolati per consentire alla lavoratrice madre o al lavoratore padre, anche quando uno dei due sia lavoratore autonomo, ovvero quando 1 Anche l art 5 finanzia attività di formazione. Questa non viene qui analizzata in quanto attine a congedi per formazione finalizzati al completamento della scuola dell obbligo, al conseguimento del titolo di studio di II grado, del diploma di laurea universitario. 9

10 abbiano in affidamento o in adozione un minore, di usufruire di particolari forme di flessibilità degli orari e dell'organizzazione del lavoro, tra cui part time reversibile, telelavoro e lavoro a domicilio, orario flessibile in entrata o in uscita, banca delle ore, flessibilità sui turni, orario concentrato, con priorità per i genitori che abbiano bambini fino ad otto anni di età o fino a dodici anni, in caso di affidamento o di adozione; b) programmi di formazione per il reinserimento dei lavoratori dopo il periodo di congedo; c) progetti che consentano la sostituzione del titolare di impresa o del lavoratore autonomo, che benefici del periodo di astensione obbligatoria o dei congedi parentali, con altro imprenditore o lavoratore autonomo. Entrando nel merito della applicazione dei due articoli, consideriamo per primo l art. 6 facendo riferimento a quanto troviamo nei Rapporti annuali dell Isfol sulla formazione continua che ne descrivono lo stato di attuazione seppure senza riferimenti ai soggetti che ne hanno beneficiato. Leggendo il Rapporto 2005 nella parte che riguarda le attività finanziate con l articolo 6 si scopre che a fronte di 46 milioni di euro stanziati, ne sono stati erogati alle regioni 23,5 milioni. Le regioni interessate sono soprattutto quelle del Centro Nord. Queste ultime, ovunque siano collocate geograficamente, privilegiano finanziamento della formazione individuale sicuramente più semplici da mettere in circolo visto che non presuppongono accordi contrattuali e possono essere gestiti attraverso una ormai consolidata concessione di voucher. D altra parte solo 5 CCNL su 15 rinnovati nell ultimo biennio hanno recepito l art 6 della L. 53/00 (Industria chimica Gomma e plastica, tessile/calzaturiero, quadri ed impiegati agricoli, contoterzismo in agricoltura, porti) 2. Più in generale, però, i dati a disposizione degli stessi Ministeri del lavoro e dell Economia non consentono di ricomporre un quadro esaustivo. Il Rapporto 2 Rapporto 2005 sulla formazione continua. 10

11 2005 sulla formazione continua riporta pochi dati di monitoraggio relativi ad attività svolte nel 2001 (appena un anno dopo l entrata in vigore della normativa), a cui si aggiunge una tabella sulla ripartizione dei fondi seguiti a due Decreti interministeriali emanati nel Le due tabelle confermano la prevalenza dei finanziamenti destinati alla formazione individuale rispetto a quella contrattata evidenziandone, contemporaneamente, l accentuazione di questo orientamento nel corso del tempo. Ad esempio, una Regione importante per quel che riguarda la promozione e il sostegno alla formazione professionale come l Emilia Romagna, se nel 2001 finanzia 58 progetti di tipologia A (contrattata con quote di riduzione di orario di lavoro), nel 2004 destina il 100% delle risorse della L. 53 alla tipologia B (formazione individuale). In senso opposto si muovono comunque Regioni come le Marche che nel 2001 hanno erogato finanziamento solo per la formazione individuale mentre nel 2004 destinano il 53,30% delle risorse alla tipologia A o la Toscana che nel 2004 destina il 25,30% mentre nel 2001 ha finanziato solo la formazione individuale. Diversa la scelta della Provincia Autonoma di Trento che sia nel 2001 che nel 2004 destina il 100% delle risorse alla tipologia A. Sempre dal Rapporto sulla Formazione continua (2005) si evince che ad usufruire della formazione sulle due tipologie sono soprattutto uomini in possesso di titoli di studio elevati. Il Rapporto non quantifica il dato per sesso ( forte prevalenza di uomini ), cosa che d altra parte non fa in termini pressoché assoluti. Leggendo il rapporto nel suo insieme infatti, si scopre che un solo grafico (Figura 21, pag. 78) propone una lettura del dato distinta per sesso. Nei rapporti successivi l Isfol propone qualche dato relativo ai lavoratori che hanno usufruito della formazione continua, in senso lato, distinti per genere 3 Rapporto 2005 sulla formazione continua, citato, pag. 94 e pag

12 (cui si farà riferimento più avanti), ma per quel che riguarda quella finanziata dall art. 6 della Legge 53/00 questa classificazione non è presente. D altra parte nel Rapporto 2008 non viene nemmeno scritto se la prevalenza dei formati sia di genere femminile o maschile. Vale comunque la pena verificare se, rispetto al 2005, vi siano differenze significative nell utilizzo dei finanziamenti anche perchè ciò che viene messo immediatamente in evidenza è la.. difficoltà di spesa: sono, infatti, appena 43 i milioni che risultano erogati dal Ministero del Lavoro alle Regioni (tabelle dal 2.46 a 2.49). In particolare la quota scende drasticamente con i due decreti del 2007, dove si registra un trasferimento alle Regioni di circa 2,9 milioni a fronte degli oltre 30 impegnati. Naturalmente il meccanismo di trasferimento alle Regioni non implica che alcune di esse, in particolare tra le Regioni del Nord, non abbiano già emanato Avvisi, ma certamente le risorse non sono state ancora distribuite sul territorio 4. Come nel 2004, inoltre, le regioni del Sud fanno registrare vistose differenze rispetto alla emanazione di Avvisi e conseguentemente nell utilizzo dei fondi: Molise, Campania, Puglia, Calabria e Basilicata non hanno ricevuto i finanziamenti e alcune di loro non hanno emesso alcun Avviso 5. Per quel che riguarda poi gli anni successivi e, più precisamente, il 2005 e il 2006 la situazione rispetto all impegno e all erogazione dei fondi è la seguente: ,97 di euro sono risorse impegnate dal Governo di cui ,85 erogate ,01 di euro sono risorse impegnate dal Governo di cui ,87 erogate 4 Rapporto 2008 sulla formazione continua 5 il Ministero del Lavoro non ha ancora erogato le risorse del 2004 a molte Regioni del Mezzogiorno, anche perchè alcune di queste ultime non hanno ancora emanato Avvisi. (Rapporto 2008, pag

13 Le ragioni di queste difficoltà di spesa sono individuate, sempre nel Rapporto 2008, nella scarsa organizzazione dell offerta formativa soprattutto delle regioni del Sud, oltre ché nel fatto che queste risorse sono destinate ad occupati piuttosto che a sostenere nuova occupazione, sempre per le regioni del Sud. Un ulteriore differenziazione nell uso delle risorse di cui si sottolinea la criticità è data dalle due tipologie di possibile utilizzo dei finanziamenti: Tipologia A - Progetti di formazione presentati dalle imprese che sulla base di accordi contrattuali prevedano quote di riduzione dell orario di lavoro; Tipologia B - Progetti di formazione presentati direttamente dai singoli lavoratori. Le Regioni, come facile immaginare, hanno privilegiato l utilizzo delle risorse di Tipologia B in quanto, la prima presuppone sia un accordo sindacale che quote di riduzione di orario di lavoro. E infatti i due Decreti succedutesi nel 2007 indicano 8 regioni che hanno impegnato risorse nell ambito della Tipologia B e solo 4 per la Tipologia A. Il secondo Decreto coinvolge meno regioni per entrambe le Tipologie ma probabilmente non tutte hanno chiuso gli iter di impegno. Interessante notare come le più importanti regioni del Nord (Piemonte, Lombardia, Veneto e Emilia-Romagna), utilizzino i fondi in modo integrato con le altre risorse a loro disposizioni compresi quindi i fondi FSE, così come l Emilia Romagna sia l unica regione che impegna queste risorse a cavallo tra le due tipologie. Infine, se andiamo a guardare le caratteristiche dei Bandi emanati dalle regioni notiamo che pochissime regioni selezionano la destinazione dei fondi individuando quali priorità accordi di riduzione dell orario di lavoro funzionali all aggiornamento delle competenze. Ancora una volta le scelte del Trentino Alto Adige si presentano tra le più interessanti: Lavoratori collocati in CIG 13

14 ordinaria e/o straordinaria, e/o iscritti nelle liste di mobilità; Lavoratori con più di 45 anni; Lavoratori con basso titolo di studio; Lavoratori diversamente abili. Ma va segnalato anche il Veneto che pone esplicitamente il vincolo di destinatari che si reinseriscono al lavoro dopo periodi di congedi parentali o per astensione obbligatoria o volontaria di lavoratori e lavoratrici ( progetti di formazione per il reinserimento dei lavoratori/trici durante e dopo il periodo di congedo parentale o di astensione obbligatoria; progetti che consentano la sostituzione del lavoratori/trici che beneficiano del periodo di astensione obbligatoria o dei congedi parentali con altro lavoratore/trice; progetti di formazione finalizzati all attuazione di forme di orario di lavoro flessibile - da tempo pieno a tempo parziale, telelavoro etc. ). E infine la Sicilia che si rivolge a donne che ricoprano o si apprestano a ricoprire ruoli dirigenziali o comunque finalizzati allo sviluppo di carriera in aziende/ ruoli/ professioni nei quali sono sotto rappresentate; soggetti fuori dai percorsi formativi da oltre 10 anni; lavoratori atipici. Passando ora ad analizzare l art. 9 che finanzia progetti condivisi dalle parti sociali finalizzati alla introduzione, nell ambito della organizzazione del lavoro, di flessibilità volte alla conciliazione, nonché progetti di formazione che facilitino il reinserimento al lavoro dopo periodi di congedo, ad oggi non si può che prendere atto delle notevoli difficoltà di attuazione. Questo nonostante il regolare finanziamento della legge e due scadenze annue per la presentazione dei progetti. A fronte di queste difficoltà universalmente riconosciute, nel giugno di quest anno è stata approvata una modifica legislativa (segnalata sopra). Le novità introdotte da una parte ampliano i soggetti che possono accedere ai finanziamenti includendo tra questi anche imprese sotto i cinquanta dipendenti fino a comprendere privati iscritti ai pubblici registri, e dall altra amplia le tipologie delle azioni su cui è possibile richiedere il finanziamento. Le modifiche introducono, inoltre, una priorità per quei progetti che prevedono forme di valutazione innovative delle prestazioni e/o dei risultati. 14

15 Le azioni di conciliazione, inoltre, possono essere rivolte anche ai dirigenti. Ulteriori importanti novità riguardano le lavoratrici autonome. In prospettiva, poi, si attende che con i decreti attuativi si semplifichino le modalità di richiesta dei finanziamenti e della valutazione degli stessi. Se questo è lo scenario normativo di riferimento entro il quale la Legge 53/00 svolge un ruolo primario le difficoltà di attuazione e gli scarsi risultati ottenuti in questi anni chiedono a tutti i soggetti coinvolti quanto meno di interrogarsi sulle ragioni di queste resistenze. Non si deve dimenticare infatti, che oltre ai fondi messi a disposizione dalle normative italiane, in questi primi anni del secolo sono state notevoli anche le risorse messe a disposizione dal FSE e numerosi, e talvolta considerevoli nei contenuti, i progetti realizzati in e da diverse aziende italiane per poi essere stati, spesso, lasciati cadere immediatamente dopo la loro conclusione 6. Par. 1.2 Le donne nel mercato del lavoro italiano E infatti, lo scenario relativo alla presenza delle donne nel mercato del lavoro ad oggi è tutt altro che soddisfacente qualsiasi sia il punto di vista di chi lo osserva: Il tasso di occupazione femminile in Italia, 46%, resta uno dei più bassi in Europa. Nella classifica dei 27 paesi dell Unione fa peggio di noi solo Malta. A peggiorare la situazione si aggiungono le cifre che si riferiscono alla conciliazione lavoro e maternità e alle differenze salariali. Le donne guadagnano in media il 15% in meno, ma nel caso di uno o più figli la penalizzazione è maggiore. 6 Il volume Teoria e prassi per la conciliazione lavoro e famiglia Guida alla legge 8 marzo 2000 n. 53, art. 9, Quaderni Spinn a cura di Gabrilla Natoli cataloga fino a febbraio del 2004: 41 progetti di flessibilità organizzativa (Tipologia A), di questi 6 prevedono anche attività formative volte a sostenere gli interventi previsti nel progetto; 14 di formazione al rientro (Tipologia B); 20 progetti di sostituzione dell imprenditore (Tipologia C). Si segnala, poi, a mo di esempio: dal sito della Regione Emilia-Romagna: Sitografia e documentazione di buone prassi - Focus: Conciliazione. Le buone prassi 15

16 A fronte del più contenuto calo del tasso di occupazione femminile al 46,3 per cento, sei decimi di punto in meno rispetto a un anno prima, quello maschile manifesta una significativa flessione passando dal 69,7 % del primo trimestre 2008 al 68,5%. In Italia più che altrove, le possibilità di affermazione e valorizzazione dipendono meno dalle effettive potenzialità individuali e sono invece più condizionate dalla generazione di appartenenza, dall essere uomo piuttosto che donna, dal vivere al Nord rispetto al Sud il tasso di occupazione al Nord 56.7%, Centro 52.3%, Mezzogiorno 30.2% (fonte Istat) Tutto questo non solo penalizza i singoli, ma comprime le possibilità di crescita del Paese. La differenza tra i tassi di occupazione maschile e femminile è del 22.2% (fonte Istat). A esporre questi dati è la responsabile dell APID, e quindi di una Associazione datoriale, la quale, come si vedrà più avanti, non fa sconti nemmeno guardando alle difficoltà di attuazione delle Legge 53/00. Par. 1.3 Donne e Formazione Non si ritiene in questa sede di doversi soffermare a lungo sui numeri delle donne nell ambito del mercato del lavoro. Quanto riassunto con la citazione riportata appena sopra, ne descrive i punti salienti. Volendo si potrebbero richiamare i dati sempre più preoccupanti, delle donne che abbandonano il lavoro entro il primo anno successivo alla nascita di un figlio, fenomeno in crescita proprio in questi ultimi anni. 7 O guardare le posizioni e i ruoli lavorativi di donne e uomini sia nelle imprese che, più in generale, in ambito 7 Merelli M., Nava P., Ruggerini MG., Maternità, paternità e lavoro: una conciliazione possibile, Parma,

17 pubblico, politico o anche sindacale, o ancor più rimanere sconcertati nel verificare il persistere di pesanti differenziali retributivi tra uomini e donne. 8 Più direttamente legata al contesto qui considerato, e insieme conseguente ai dati su cui un eventuale azione di un Fondo Paritetico di gestione di attività di formazione continua, possa auspicabilmente incidere, è una fotografia più ampia relativa alla fruizione della formazione da parte delle lavoratrici. A questo proposito i dati più recenti sono quelli contenuti nel Rapporto Isfol 2008, già più volte citato che, seppure non particolarmente generosi in termini di distinzione di genere, offrono qualche utile informazione. Questi nella sostanza confermano un coinvolgimento minore delle donne nelle attività di formazione, coerente certo, con la minore presenza nel mondo del lavoro ma sicuramente contraddittoria rispetto ai migliori risultati quantitativi e qualitativi che si registrano nell ambito dei percorsi formativi in senso lato. La partecipazione ad attività formative è maggiore per gli uomini (44,1%) rispetto alle donne (39,5%), ma questo dato è ancor più significativo se messo in relazione con quanto descritto nella tabella sottostante che descrive in generale la partecipazione di donne e uomini ad attività di formazione formale e informale, corsi di studio o di formazione, nonché attività di autoformazione di uomini e donne. In sostanza ciò ci consente di verificare (e confermare) la maggiore frequenza femminile ad attività di studio e formazione in senso lato per constatare, poi, che questa non solo non ha una ricaduta equivalente nel mercato del lavoro, ma la stessa frequenza alla formazione si modifica in relazione al genere tanto più questa è collegata con l attività lavorativa soprattutto nel privato, a partire, per altro, proprio dalla formazione continua. 8 LeNove, Sistemi organizzativi e differenze retributive fra donne e uomini, in Isfol, Esiste un differenziale retributivo di genere in Italia?, Roma, I libri del Fondo Sociale Europeo, 2007, ma anche LeNove, Differenziali retributivi di genere e organizzazione del lavoro. Una indagine qualitativa, Isfol,

18 Tabella 1 Occupati di 18 anni e più per frequenza di corsi di studio, e/o formazione e/o autoformazione classe di età e sesso. Anno 2006 (per 100 occupati di 18 anni e più della stessa età e dello stesso sesso) CLASSI DI ETÀ No Frequenta corsi di studio, e/o formazione, e/o autoformazione di cui Sì Corsi di studio Corsi di formazione Attività di autoformazione Solo corsi di studio e/o di formazione Hanno effettuato Solo autoformazione Sia corsi di studio e/o di formazione, sia autoformazione MASCHI e più Totale FEMMINE e più Totale MASCHI E FEMMINE e più Totale Fonte: Istat AES (Adult Education Survey) Italia

19 Sempre da un rapporto Isfol ma questa volta del 2006, traiamo la seguente tabella: Tabella 2. Caratteristiche dei/delle partecipanti ad attività di formazione continua nel 2004 (%) Caratteristiche Tipologia lavoratori/lavoratrici Media dei formati Dipendenti Dipendenti indipendenti lavoratori/trici privati pubblici formati Media formati 26,7 53,1 27,6 32,7 Genere Uomini 28,7 49,2 29,0 31,9 Donne 23,3 56,2 24,3 33,9 Fonte: Rapporto Isfol 2006 sulla formazione continua Come si vede, salvo nel Pubblico Impiego, il rapporto uomo/donna vede sempre una più ridotta frequenza femminile alle attività formative 9. Un ulteriore approfondimento sulla partecipazione delle donne alla formazione è stato realizzato dall Istat all interno di una indagine multiscopo 10 da cui Patrizia Dandolo del Dipartimento Formazione Ricerca CGIL ricava una dettagliata analisi su Formazione e partecipazione femminile. I dati ripresi da questa nota ci consentono di ampliare le informazioni in nostro possesso. Per prima cosa, si trova la conferma del quadro riassunto con la Tab. 2: le donne occupate nella Pubblica Amministrazione: hanno dei tassi di partecipazione più elevati di quelli degli uomini: le occupate partecipano ad attività formative nel 58,1% dei casi rispetto al 52,3% degli uomini e tali differenze permangono anche a parità di livello professionale. Ad esempio le donne direttive, quadri e impiegate partecipano ad attività formative nel 67,9% dei casi rispetto al 65,9% dei maschi nella stessa posizione professionale, mentre le distinzioni in negativo riemergono se si va a guardare l ambito privato e, in generale, quando vengono svolte le diverse attività di studio e formazione: 9 M. G. Ruggerini e A. Bozzoli, Le donne nella formazione continua e in Fondimpresa, pubblicata in Contrattare e valutare la formazione: il caso di Fondimpresa, a cura di F. Bednarz e R. Pettenello Ed. Ediesse, Istat AES (Adult Education Survey) Italia La tabella 1. è stata tratta dall indagine qui citata. 19

20 Sono più gli uomini che le donne a seguire i corsi di studio durante le ore lavorative (40,4% dei maschi rispetto al 36,1%), anche a parità di posizione nella professione. Il divario è più elevato tra dirigenti, imprenditori e liberi professionisti e diminuisce tra i direttivi, quadri e impiegati e tra gli operai mentre tra i lavoratori in proprio e coadiuvanti la situazione si inverte (42,3% delle donne contro il 30,8% degli uomini). Per gli occupati che hanno svolto corsi durante l orario di lavoro, le ore del corso sono state considerate nel 59,5% dei casi completamente o in parte come orario di lavoro. La quota più alta di occupati che hanno potuto conteggiare le ore di corso in tutto o in parte come orario di lavoro si registra tra i direttivi, quadri, impiegati (65,4%), seguiti dagli operai e apprendisti (55,8%) e dai dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (50%). Anche in questo caso si registrano delle forti differenze di genere a favore degli uomini, differenze che non sono comunque costanti al variare della posizione nella professione. Il vantaggio maschile è forte se consideriamo i direttivi, quadri, impiegati (72,4% dei maschi rispetto al 60,2% delle femmine) e gli operai e apprendisti (62,5% rispetto al 47,4% delle donne) mentre tra i dirigenti, imprenditori e liberi professionisti e i lavoratori in proprio e coadiuvanti sono le donne ad aver potuto considerare più degli uomini le ore di corso come orario di lavoro. Esistono, inoltre, delle differenze di genere tra gli occupati per quanto riguarda la partecipazione ai corsi svolti in ambito lavorativo e/o proposti dal datore di lavoro. Tra gli uomini impiegati, direttivi o quadri, il 71% segue dei corsi in ambito lavorativo contro il 63,7% delle donne nella stessa condizione professionale: Inoltre, il tasso di partecipazione tra gli operai uomini è del 62,1% contro il 49,2% delle loro colleghe donne. Tra i dirigenti, gli imprenditori e i liberi professionisti emerge un vantaggio femminile (46,7% contro 42,7%). 20

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Legge 8 marzo 2000, n.53

Legge 8 marzo 2000, n.53 Legge 8 marzo 2000, n.53 Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. (G.U. n. 60 del 13.03.2000)

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Onorevoli colleghi! La presente proposta di legge muove da due considerazioni. La prima attiene allo storico ritardo dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile,

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Indice Obiettivi della ricerca Caratteristiche socio demografiche del campione I risultati della ricerca Percezione della discriminazione di Esperienze

Dettagli

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Contributo della CISL a cura di: - Sociale, Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Una Garanzia PER i Giovani

Una Garanzia PER i Giovani Una Garanzia PER i Giovani Lo stato dell arte dalla Raccomandazione al Jobs Act Giulia Rosolen Cos è e cosa non è la Garanzia Giovani La Garanzia Giovani non è una misura contro la disoccupazione giovanile,

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Il welfare aziendale in Italia

Il welfare aziendale in Italia Il welfare aziendale in Italia Alcuni spunti dal primo rapporto sul Secondo welfare in Italia In quale quadro si inseriscono le misure regionali lombarde in ordine allo sviluppo del welfare aziendale e

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56)

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) Art. 1. Principi generali. 1. La presente legge è diretta a promuovere l'uguaglianza

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro

Conciliare famiglia e lavoro Conciliare famiglia e lavoro La conciliazione famiglia-lavoro nella L. 53/2000 Il tema della conciliazione tra lavoro e famiglia ha guadagnato una centralità strategica nel dibattito politico europeo e

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Convenzione Elba Regione Lombardia Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Sintesi del rapporto di ricerca 1 Parte prima Il quadro istituzionale e normativo 2

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Fondo ex art. 52 Dlgs 81/08

Fondo ex art. 52 Dlgs 81/08 ALLEGATO 7 13.7.09 Fondo ex art. 52 Dlgs 81/08 Obiettivo strategico Il Fondo istituito dall articolo 52 del decreto legislativo 81/08 ha origine come strumento per garantire a tutti i lavoratori e lavoratrici

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli