CURRICULUM VITAE. Corsi di Formazione. Maria Elena Montenegro nata a Messina il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITAE. Corsi di Formazione. Maria Elena Montenegro nata a Messina il 09-12-1969."

Transcript

1 Dott.ssa Maria Elena Montenegro Psicologa - Psicoterapeuta CURRICULUM VITAE Maria Elena Montenegro nata a Messina il Specializzata in Psicologia Clinica e Psicoterapia Presso la Scuola di Specializzazione quadriennale dell Università degli Studi di Bologna il 5/12/2001 con abilitazione alla Psicoterapia. Corso di Perfezionamento Post Laurea "Genitorialità e Età Evolutiva: interventi psicologici e psicoterapeutici" a.a. 1996/97 Università degli Studi di Padova. Direttrice del Corso Prof.ssa G. Fava Vizziello. Ordine degli Psicologi della Regione Emilia Romagna iscrizione n del Borsa di Studio dell' Università degli Studi di Bologna, della durata di 18 mesi a decorrere dal 01/05/96; finanziata dall'associazione "S.O.S. Telefono Azzurro" Tirocinio annuale post-lauream, presso A. U.S.L. Bologna Sud, dal al nel Servizio di Neuropsichiatria infantile, Psicologia e riabilitazione;dal al nel Servizio di Salute Mentale; Laurea in Psicologia conseguita presso l'università degli Studi di Padova il '95 con la votazione di 110/110 indirizzo di Psicologia Clinica e di Comunità. Tesi di Laurea di ricerca "Costruzione di una storia e rappresentazioni nel bambino in età prescolare". Ricerca sullo sviluppo affettivo-relazionale, la narrazione e il gioco condotta su un gruppo di bambini di 4-6 anni; con la videoregistrazione delle situazioni proposte: Gioco libero, Sceno-test, interazioni genitore-bambino/a e la conduzione di interviste semistrutturate con le figure di accudimento. Relatrice Prof.ssa Graziella Fava Vizziello. Corsi di Formazione Formazione/Aggiornamento Professionale dal titolo: "Relazione di coppia e genitorialità disposta dall Azienda U.S.L. di Bologna, Dip. Cure Primarie, tenutosi a Bologna via S.Isaia, 94 svoltosi dal 27/06/2003 al 28/11/2003 con un impegno orario di complessive ore 20 su 20 totali con superamento di esame finale e conseguimento di 20 crediti formativi. Formazione/Aggiornamento Professionale dal titolo: "L'evoluzione delle Famiglie e evoluzione dell'offerta da parte dei Sevizi Sanitari" organizzata e disposta dall A. USL "Città di Bologna", Dip. Cure Primarie, tenutosi in Bologna via S.Isaia, 94 svoltosi dal 07/06/2002 al 20/12/2002 con un impegno orario di complessive ore 56 su 60 totali con superamento di esame finale e conseguimento di 50 crediti formativi.

2 Corso di Formazione Procedure giudiziarie in tema di maltrattamento e abuso sessuale, Bologna, 29 e 30 settembre 2000 (16 ore). "Abuso all'infanzia: percorsi diagnostici" organizzato dal CBM Milano dal al (6 incontri di 1 giornata - tot. 42 ore) docente Dott.ssa M. Malacrea. Formazione specialistica sulla Validation procedura per la psicodiagnosi nelle ipotesi di abuso sessuale ai minori. "La conduzione del gruppo" organizzato dall' Istituzione "G.F. Minguzzi" Provincia di Bologna dal 26 marzo al 1 ottobre 1998 (9 incontri di 3 ore). Infant Strange Situation tenuto dalla Prof.ssa Patricia Crittenden dal 20 al 27 ottobre 1997 (40 ore); organizzato nell ambito del Corso di Perfezionamento Genitorialità e età evolutiva. Training formativo e abilitazione per l utilizzo dello strumento che permette la valutazione del legame di attaccamento nei bambini dal primo anno ai tre anni. Esperienze lavorative Attività Clinica Psicologa presso l'a.usl di Bologna dal 25/01/2000 con i seguenti contratti: Dal 1/10/2003 Contratto libero professionale in qualità di Psicologa con Azienda USL Città di Bologna disp. n. 303 del 26/09/2003 con rapporto esclusivo e a tempo pieno (38 ore settimanali) presso l'unità Operativa Consultori Familiari Dipartimento Cure Primarie, Pol. via S. Isaia 94 Bologna, dal 1/10/2003 al 31/12/2003. Proroga incarico con disposizione n. 377 del 18/12/2003 dall' 01/01/2004 al 30/04/2004. Proroga incarico con deliberazione n. 116 del 29/04/2004 fino al 30/09/2004 Azienda U.S.L. di Bologna Distretto di Proroga incarico con determinazione n. 621 del 28/09/2004 fino al 31/12/2004 Proroga incarico con determinazione n. 965 del 30/12/2004 per il periodo 01/01/ /06/2005 Proroga incarico con determinazione n. 596 del 29/06/2005 per il periodo 01/07/ /12/2005 Proroga incarico con determinazione n del 27/12/2005 per il periodo 01/01/ /06/2006 Proroga incarico con determinazione n. 554 del 15/06/2006 per il periodo 01/07/ /12/2006 attualmente in corso. Dall'11/12/2000 al 30/09/2003 Contratto libero professionale in qualità di Psicologa con il Centro di riabilitazione AXIA convenzionato con L'Azienda U.S.L. "Città di Bologna" per un massimo di 35 ore settimanali presso: - Settore "Tutela Psichica dei minori e della Famiglia Dipartimento "Famiglie e Minori" Distretto Saragozza-Porto via della Grada 2/2 fino al 31/10/2001 e - Dal 1/11/2001 presso l'unità Operativa Consultori Familiari dell A.USL Città di Bologna Pol. via S. Isaia 94/a Dal 25/01/2000 al 30/06/2000 e dal 24/07/2000 al 30/11/2000 Contratto a tempo determinato con il Centro di riabilitazione AXIA convenzionato con L'Azienda U.S.L. "Città di Bologna" in qualità di Psicologa del Settore Tutela Psichica dei minori e della Famiglia Dipartimento "Famiglie e Minori" Distretto Saragozza-Porto, via della Grada 2/2. Servizio territoriale di Psicologia dell età evolutiva dell A.USL Città di Bologna per 20 ore settimanali. Tipologia attività professionali La collaborazione professionale prevede interventi rivolti ad adulti, a bambini ed adolescenti, in specifico: prime visite, consultazione psicologica, diagnosi psicologica, osservazione psicologica infantile, osservazione delle relazione genitore-figlio, valutazione delle competenze genitoriali, progetti ed interventi terapeutici, sostegno psicologico, psicoterapia individuale, di coppia e della famiglia, consulenze ad altri

3 servizi (Servizio Sociale del Comune, Autorità giudiziaria, scuola) e stesura di relazioni in particolare per quanto riguarda situazioni di pregiudizio di minori (maltrattamento ed abuso, progetti di collocazione eterofamigliare, eventuali percorsi di affido). Tutoring di Psicologi per l attività di Tirocinio previste dalle Scuole di Specializzazione in Psicologia e Psicoterapia convenzionate con l Azienda U.S.L. di Componente stabile dell équipe centralizzata sull affido in rappresentanza dell'azienda USL di Bologna, partecipazione al Coordinamento tecnico provinciale sull'affido. Dal 5 giugno 2006 attività clinica presso "Il Faro" Centro Specialistico Provinciale contro gli abusi e i maltrattamenti all'infanzia Dipartimento dell'integrazione Sociale e Sanitaria Azienda USL di Bologna per 10 ore settimanali Predisposizione e coordinamento dell'attività di Osservazione infantile dell'u.o. Consultorio. Psicologa referente dell'a. USL per l'area Emergenza del Servizio Sociale Minori del Comune. Psicologa referente dell'a. USL per il Progetto Cicogna: accoglienza di bambini 0-3 anni in situazioni di grave pregiudizio e la costruzione del progetto di intervento. Partecipazione ai tavoli di lavoro dei piani di Zona in rappresentanza dell'u.o. Consultori. Componente del gruppo Progetto Europeo Daphne sulla Violenza intrafamiliare e alle Donne. Dal 01/01/2002 al 30/06/2002 Contratto libero professionale in qualità di Psicologa con il Centro di riabilitazione AXIA per Consulenza Psicologica presso gli "Sportelli di Ascolto" degli Istituti Scolastici dei Comuni di Calderino e Monte S. Giovanni fino per 6 ore mensili. Da settembre 2001 a dicembre 2002 Collaborazione libero professionale con Casa delle Donne per non subire violenza-onlus di Bologna in qualità di Psicologa e Responsabile del Servizio di Accoglienza e sostegno per minori vittime di maltrattamento e violenza sessuale e loro madri per 10 ore settimanali. Progetto finanziato dal Comune di Bologna nell ambito della legge 285/97, in qualità di Psicologa e Psicoterapeuta con funzioni di diagnostiche e di sostegno terapeutico ai minori che hanno subito violenza e alle loro famiglie. Da settembre 2000 a Febbraio 2001 Contratto di collaborazione occasionale con il Centro di Accoglienza per donne tossicodipendenti La Rupe, a Bologna, in qualità di Psicologa esperta nella relazione madre-bambino, attività di supporto psicologico presso le Comunità. Da luglio 1999 a Marzo 2000 Collaborazione con la "Casa delle donne per non subire violenza " di Bologna in qualità di Psicologa per l'accoglienza e i colloqui con Donne che si trovano in situazioni di maltrattamento familiare. Dal 01/05/1996 al 31/10/1997 Borsa di Studio dell'università degli Studi di Bologna presso l'associazione "S.O.S. Il Telefono Azzurro" istituita al fine di sviluppare iniziative di studio e di ricerca relative al problema dell'abuso e della violenza all'infanzia. Attività di consulenza telefonica. Attività di Formazione Docenza di 8 ore il giorno 05/06/2004 all interno del Master Pedagogista in ambito sociale, penale e di prevenzione della devianza Università degli Studi di Padova, Facoltà Scienze della Formazione, lettera di incarico del 21/04/2004. Docenza di 3 ore il giorno 15 novembre 2003 presso la Scuola di Specializzazione quadriennale in Psicoterapia C.I.PS.PS.I.A. Centro Italiano di Psicoterapia Psicanalitica per l'infanzia e per l'adolescenza di Bologna

4 Collaborazione professionale con la "Casa delle donne per non subire violenza" di Bologna per l'organizzazione, realizzazione e docenza nel Progetto di sensibilizzazione per educatori scuola dell infanzia (nidi e materne) e insegnanti primo ciclo elementari sul Tema "Maltrattamento e Abuso alle Bambine e ai Bambini", 2 gruppi ognuno con 3 incontri di 3 ore, promosso nel 99 dall Assessorato Politiche Sociali, Sanità, Sicurezza del Comune di Bologna nella sua attuazione sono state coinvolte l A.USL Città di Bologna, la Casa delle Donne per non subire violenza, a cui è stata affidata l organizzazione, Assessorato Istruzione del Comune stesso. Collaborazione Coordinata Continuativa con ECIPAR BOLOGNA in qualità di Tutor d aula per P.O.M. Gestione e animazione di centri gioco infantili finanziato dal Fondo Sociale Europeo dal Ministero del Lavoro; da ottobre 98 a luglio 99. Docenze all interno del P.O.M. per la parte dell Orientamento Socializzazione. Nov. 98 gen. 99 Esperienze professionali Psicologa frequentatrice volontaria presso il Dipartimento Famiglie e minori Poliambulatorio Grada Distretto Saragozza-Porto dell' Azienda USL "Città di Bologna" (dal 1 giugno 1998 al ). Attività clinica: colloqui con i genitori, valutazioni psicodiagnostiche per i bambini, sostegno psicologico genitori e bambini, partecipazione al Progetto Ulisse. Attività Clinica presso il Servizio Clinico per l età evolutiva dell Università di Bologna nell ambito della Scuola di Specializzazione di Psicologia Clinica. (a.a. 98/99, 99/2000, 2000/2001) Attività Clinica Consultazioni diagnostiche e Psicoterapia presso il Servizio di Aiuto Psicologico agli Studenti dell Università di Bologna nell ambito della Scuola di Specializzazione di Psicologia Clinica. (a.a. 98/99, 99/2000, 2000/2001) Collaborazione con la "Casa delle donne per non subire violenza " di Bologna nel Gruppo sulla violenza ai minori. Ideazione e Progettazione del Servizio di Accoglienza e sostegno per minori vittime di maltrattamento e violenza sessuale e loro madri. Frequenza volontaria presso l'azienda U.S.L. Bologna Nord al Servizio di Consultazione Clinica per i disturbi relazionali precoci 0-3 anni. (da ottobre 1996 a dicembre 97). Partecipazione al gruppo di lavoro del Consultorio Giovani dell'azienda U.S.L. Bologna Sud distretto di San Lazzaro (da dicembre 1995 a dicembre 1996). Partecipazione al "Progetto Genitori Anno 1996" dell'azienda Bologna Sud distretto di San Lazzaro. Progetto costituito da una ricerca e dall'attivazione di piccoli gruppi con genitori e insegnanti centrati sulla relazione educativa. Partecipazione a Convegni e Seminari Relazioni Bricci C., Moscati F., Pullini, F., Montenegro M.E., Il lavoro con i gruppi di bambini testimoni di violenza nell esperienza dell Associazione Artemisia di Firenze e della Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna realazione al convegno Infanzia violata: quale protezione? Università della Calabria, Rende (Cs) settebre 2001.

5 Montenegro M.E., "L'intervento dello Psicologo del Consultorio con Genitorialità Fragili" Relazione al Workshop "Maternità in-dipendente", organizzato dal Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza; 8 Giugno 2005; ; Garavini C.M., Montenegro M.E., "L'accoglienza in struttura di bambini e adolescenti con precedenti esperienze di affido familiare e adozione" Relazione al Seminario "Le risorse per l'accoglienza dei bambini e degli adolescenti: un'indagine conoscitiva nella provincia di Bologna"; organizzato da "Il Faro" Dipartimento dell'integrazione Sociale e Sanitaria Azienda USL di Bologna e Provincia di Bologna Servizi Sociali e Sanità; 9 Giugno 2006, 9-13; Pubblicazioni a cura di Gruppo sulla violenza ai minori, 1999, "Deve essere stata colpa mia - normalitá della violenza all'infanzia nella famiglia". Gruppo di lavoro e ricerca sulla violenza alle donne, a cura di Gruppo sulla violenza ai minori, 2003, Per una scuola dell ascolto- prevenzione ed intervento sul maltrattamento e sull abuso sessuale all infanzia, Casa delle donne per non subire violenza. Convegni e Seminari Seminario di una giornata formativa Nuovi strumenti nella psicodiagnosi dei bambini abusati e maltrattati, organizzato dal centro TIAMA Tutela Infanzia Adolescenza Maltrattata, via G. Pacini, 20 Milano, martedï 16 gennaio 2007 dalle e IV Congresso nazionale C.I.S.M.A.I Dal Trauma Infantile all et adulta, organizzato dal C.I.S.M.A.I. Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'abuso all'infanzia, dal 14 al 16 dicembre 2006, Montesilvano, Pescara (Abruzzo). Seminario "Le risorse per l'accoglienza dei bambini e degli adolescenti: un'indagine conoscitiva nella provincia di Bologna"; organizzato da "Il Faro" Centro Specialistico Provinciale contro gli abusi e i maltrattamenti all'infanzia Dipartimento dell'integrazione Sociale e Sanitaria Azienda USL di Bologna e Provincia di Bologna Servizi Sociali e Sanità; 9 Giugno 2006, 9-13, Bologna; relatrice. Seminario clinico "Esperienze traumatiche infantili: abuso e conseguenze psicopatologiche" organizzato da Il Faro Centro Specialistico Provinciale contro gli abusi e i maltrattamenti all'infanzia dell'azienda USL di Bologna e Clinica Pediatrica "Gozzadini" Policlinico S.Orsola-Malpighi Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, 12 Maggio 2006, 10-17, Formazione "La violenza domestica nell'intervento delle agenzie territoriali", organizzato da A.USL di Bologna, Commissione Europea, Progetto Daphne "Young people say no to violence" , Casa delle Donne per non subire violenza; il 4/11/18/25 maggio 2006 ore , per un impegno di n. ore frequentate 12 su 16; in via S.Isaia 94/a a Corso di formazione "Azioni di sostegno e di cura per le famiglie in difficoltà", organizzato dal Coordinamento Tecnico Provinciale per l'affidamento Familiare Provincia di Bologna Servizi Sociali e Sanità, 14 e 22 Febbraio 2006; 10-17, (14 ore); Formazione "Il bambino coinvolto in relazioni familiari violente come riconoscerlo e tutelarlo", organizzato da "Il Faro" Centro Specialistico Provinciale contro gli abusi e i maltrattamenti all'infanzia Dipartimento dell'integrazione Sociale e Sanitaria Azienda USL di Bologna, 11 Gennaio 2006, ; 25 Gennaio 2006, , 7 ore,

6 Seminario "Le depressioni dopo il parto", organizzato da Progetto Regionale di Integrazione tra Pediatria e Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, 5 Novembre 2005, , Workshop "Maternità in-dipendente", organizzato dal Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza; 8 Giugno 2005; ; Seminario sull'affidamento famigliare " Per tornare a casa..." organizzato dalla Regione Emilia Romagna Assesorato alle Politiche Sociali; 4 Febbraio 2005, , Corso di formazione sulla violenza alle donne "Il metodo autobiografico" organizzato dall'u.o. Consultori A.USL di Bologna, nell'ambito del Progetto Europeo Daphne sulla violenza intrafamiliare e sulle donne, il marzo 2005, dalle 9-13 e per un impegno di n. ore frequentate 21, via S.Isaia 94/a Giornata Formativa "Workshop e inaugurazione del Faro" organizzato da "Il Faro" Centro Specialistico Provinciale contro gli abusi e i maltrattamenti all'infanzia Dipartimento Cure Primarie Azienda USL di Bologna, 10 dicembre 2004, , Seminario di Studi "Bambini mal-trattati e organizzazione dei servizi: quali scenari futuri?", organizzato dal C.I.S.M.A.I. Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'abuso all'infanzia in collaborazione con la Regione Emilia Romagna; 23 Novembre 2004, 9-17, Assemblea Soci C.I.S.M.A.I. Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'abuso all'infanzia settembre ottobre 2004, Roma. Seminario "Interventi con la Triade" organizzato da Master in "Genitorialità e sviluppo dei figli: interventi preventivi e psicoterapeutici" e Dipartimento dello Sviluppo e della Socializzazione Università degli Studi di Padova, 23 Ottobre 2004, , Padova. Convegno "Il Consultorio Familiare" organizzato dall'azienda U.S.L. di Bologna, Dip. Cure Primarie Città di Bologna, Unità Operativa Consultori, 22 e 23 Gennaio 2004, 3 Congresso Nazionale C.I.S.M.A.I. "Bambini che assistono alla violenza domestica"organizzato dal Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'abuso all'infanzia, 11, 12 e 13 Dicembre 2003, Firenze. Corso di Formazione " L'accoglienza del bambino in difficoltà" organizzato dalla Provincia di Bologna, Servizio Sicurezza Sociale, il 26/11/2003, il 17/12/2003, e il 14/01/ per complessive 24 ore a Seminario "Guardare per vedere. La tutela e la cura dei minori vittime di abuso e di maltrattamento" organizzato dal Comune di Bologna, Settore Sicurezza, il 04 Dicembre 2003, Formazione/Aggiornamento "La psicologia per il benessere organizzativo e l'innovazione", organizzata dall A.USL Città di Bologna, il 26 Novembre 2003 a Seminario "L'accoglienza dei bambini in età 0-6 in stato di abbandono" organizzato dalla Provincia di Bologna, Servizio Sicurezza Sociale, il 05 Novembre 2003 a Bologna, per complessive 8 ore. Convegno "Abuso sui minori e giustizia sugli adulti" organizzato dalla Provincia di Bologna 15 Maggio 2003,

7 Seminario di Formazione I disturbi del comportamento alimentare in adolescenza rel. Prof. P. Jeammet organizzato dall Azienda USL di Forlì dal 12 al 13 febbraio 2003 a Forlì con verifica dell apprendimento e conseguimento di n. 14 crediti formativi. Formazione/Aggiornamento Professionale "L'evoluzione delle Famiglie e evoluzione dell'offerta da parte dei Sevizi Sanitari" svoltasi dal 07/06/2002 al 20/12/2002 disposta dall A. USL "Città di Bologna", Dip. Cure Primarie, per complessive ore56 su 60 totali con il conseguimento di 50 Crediti Formativi, Seminario "Il passaggio alla genitorialità come crisi evolutiva della coppia" Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Psicologia, 26 Ottobre 2002, Bologna, con assegnazione di N. 5 Crediti Formativi E.C.M. Formazione/Aggiornamento La consultazione Terapeutica Prof. Juan Manzano il 12 Luglio 2002, Prof. B. Solca il 13 Settembre 2002, , organizzato dall U.O. NPI dell'a.usl Città di Bologna e Ospedale Maggiore, Seminario Strumenti psicoanalitici in Psichiatria- Fobie e panico: dall angoscia di castrazione al sentimento di dissoluzione del sé, organizzato dal Centro Psicoanalitico di Bologna, 29 giugno, 14 Settembre 2002, Bologna, con il conseguimento di N. 7 Crediti Formativi. Congresso internazionale dalla prima alla seconda nascita ovvero dal bebè all adolescente, organizzato dall A.USL di Forlì, Università degli Studi di Bologna, Comune di Forlì, Associazione Pareimi di Forlì, 1l 18/19/20 Ottobre 2001, Forlì. 2 Congresso CISMAI Infanzia violata: quale protezione?, organizzato dal CISMAI e dall Universit della Calabria, Rende (CS), settembre 2001; relatrice. Seminario di Studio Le scale di sviluppo Bayley (0-42 mesi) nell utilizzo clinico e nella ricerca, organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell'universitá degli Studi di Bologna 21 maggio 2001, , Convegno Internazionale Le terapie in Psichiatria dell Età Evolutiva, organizzato da Aepea e A.USL Città di Bologna, Bologna 16 e 17 marzo Corso di Formazione Lavorare in rete con gli adolescenti primo incontro La consultazione con l adolescente: quali contesti e quali metodologie. organizzato dall Azienda USL Città di Bologna, Bologna, 24 novembre Formazione/Aggiornamento Professionale Aggiornamento e supervisione progetti di intervento a bambini con gravi deficit visivi e plurihandicap disposta dall A. USL Città di Bologna dal 30/11/2000 al 31/12/2000 per complessive 22 ore su 25. Formazione/Aggiornamento professionale Supervisione progetto interventi individuali a bambini con problematiche complesse ad esordio precoce disposta dall A. USL Città di Bologna dal 14/04/2000 al 31/12/2000 per complessive 16 ore su 18. Seminario "Le relazioni precoci genitori-bambino: Il mandato transgenerazionale" 19 Ottobre 2000 "Le relazioni precoci genitori-bambino: I disturbi dello sviluppo" 20 Ottobre 2000 Prof. Bertrand Cramer, Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Psicologia, Cesena. Corso di formazione Procedure giudiziarie in tema di maltrattamento e abuso sessuale, organizzato dal CISMAI a Bologna, 29 e 30 settembre Seminario di studio Il contesto e gli strumenti nell intervento contro il maltrattamento infantile, CISMAI, 25 marzo 2000, Roma.

8 1 Seminario di Studi La diagnosi e la presa in carico dei disturbi dello sviluppo tra 0 e 6 anni organizzato dal Dip. Salute Mentale dell Azienda Bologna Nord Novembre 1999 Castello di Bentivoglio. Seminario Professione Bebé: la relazione precoce genitori-bambino tra passato e futuro Forlì Ottobre 1999 org. Ass. Pareimi e Comune di Forlì. Congresso del CISMAI Bambini Maltrattati 4 e 5 giugno 1999 Bergamo. Seminario "Abuso sessuale e maltrattamento verso i minori" organizzato dal "Gruppo studio violenza ai minori" della "Casa delle Donne per non subire violenza", svoltosi a Bologna il 16 maggio 1998 Associazione Artemisia Firenze; 23 maggio 1998 Dott. A. Pinna Servizio Sociale A.USL Ferrara; il 6 giugno 1998 Dott.ssa M. Malacrea CBM Milano. Seminario "I disturbi affettivi nel bambino" tenuto dal Prof. J. Manzano organizzato dal distretto S. Stefano- Savena A.USL Città di Bologna, Bologna 29 maggio Seminario "L'approccio psicoanalitico alla terapia della coppia madre - bambino" Dip. di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Università degli Studi di Padova, 20 aprile Convegno internazionale "Errori terapeutici e guarigioni dei disturbi mentali", organizzato dal Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'università degli Studi di Padova, Padova 17 e 18 aprile Convegno "La tutela del minore maltrattato e abusato. L'intervento in una dimensione di rete multidisciplinare: La Comunità".organizzato da Istituti Educativi Bologna, Sasso Marconi (BO), 27 novembre Convegno Farsi e disfarsi della malattia mentale organizzato dal Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'università degli Studi di Padova, Padova, ottobre Convegno "L' abuso nell' infanzia", organizzato dal Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'università degli Studi di Padova, Padova, 19 settembre Workshop "L'attaccamento: modelli di ricerca ed implicazioni cliniche", organizzato dal Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Famiglia dell'università degli Studi di Padova, Padova, 9-10 maggio Convegno "Il lavoro Clinico con gli Adolescenti" organizzato dall' Azienda USL della Città di Bologna, Bologna, aprile Seminario di Studio "Trauma e abuso all'infanzia" docente F. Borgogno, organizzato dal Centro Studi Hänsel e Gretel, Torino, 12 aprile Primo Congresso Europeo di Psicopatologia del Bambino e dell'adolescente, organizzato dall' Associazione Europea di psicopatologia del bambino e dell'adolescente, Venezia, ottobre Corso tenuto dal Prof. J. Manzano sul tema "I disturbi di apprendimento", organizzato dall' Università degli Studi di Padova, Padova, ottobre 1996.

9 Lezione del Prof. R. Misès "Le patologie limite nell'infanzia", organizzato dall' Università degli Studi di Padova, Padova, 15 ottobre Convegno Tematico di Psicologia di Comunità "L'adolescenza: bisogni soggettivi e risorse sociali", organizzato dall' Università degli Studi di Bologna, Cesena, 30 settembre - 2 ottobre Seminario tenuto dal Prof. M.Soulé e dal Prof. B. Golse "La qualità delle cure materne come fattore di prevenzione", organizzato dall'azienda USL di Modena e dalla Regione Emilia Romagna, nell'ambito del Corso di -Formazione "La psicoterapia coi Tossicomani. La Clinica delle Tossicomanie, Reggio Emilia, 10 giugno Seminario "La tutela del bambino figlio di tossicodipendenti", organizzato dall'azienda USL di Modena e dalla Regione Emilia Romagna nell'ambito del Corso di Formazione "La psicoterapia coi Tossicomani. La Clinica delle Tossicomanie, Modena, 19 aprile ai sensi della legge 15/68 e della legge 127/97 e a conoscenza di quanro previsto dall art. 76 del DPR 445 del dichiaro di possedere i documenti elencati e di impegnarsi a presentare gli stessi nel momento in cui la commissione esaminatrice ne riterrà opportuna la visione. Bologna, 30/01/2007 Dott.ssa Maria Elena Montenegro

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Iscrizione Albo Regione Sardegna n. 259

Iscrizione Albo Regione Sardegna n. 259 CURRICULUM VITAE EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Data e luogo di nascita ESPERIENZE LAVORATIVE ANTONELLO CATOGNO 13/06/1974 - Alghero (SS) Indirizzo Via Degli Orti, 68 Cap, Città 07041 Alghero

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il sottoscritto Salvatore Silvano Lopez, nato a Milano, il 10 ottobre 1954, residente in

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Anche gli uomini possono cambiare. Il percorso del centro LDV di Modena

Anche gli uomini possono cambiare. Il percorso del centro LDV di Modena Anche gli uomini possono cambiare Anche gli uomini possono cambiare A cura di Marco Deriu Con i contributi di: Gabriella Alboresi, Silvana Borsari, Viola Damen, Paolo De Pascalis, Marco Deriu, Alessandro

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli