RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002"

Transcript

1 Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti RELAZIONE FINALE per progetti di cooperazione decentrata finanziati dalla Regione Emilia Romagna Legge 12/2002 TITOLO PROGETTO: Sostegno alla salute riproduttiva e sessuale e alla lotta all infezione HIV/AIDS nel Comune di Ziguinchor Senegal NUMERO: Atto n del Comunicazione del Reg. Pg/2007/70979 SOGGETTO TITOLARE: ONG COSPE Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti Via Lombardia, Bologna 1

2 RENDICONTO NARRATIVO PARTE A: DATI ANAGRAFICI DEL PROGETTO Titolo del progetto: Sostegno alla salute riproduttiva e sessuale e alla lotta all infezione HIV/AIDS nel Comune di Ziguinchor Senegal Paese: Senegal Il progetto è stato: X integralmente realizzato parzialmente realizzato motivazioni A.1. OBIETTIVI GENERALI 1) Contribuire alla promozione del diritto alla salute attraverso la tutela dell integrità psicofisica, l accesso ai servizi di salute materna e riproduttiva; 2) Contribuire alla riduzione dell impatto e dell incidenza delle malattie sessualmente trasmissibili (MST) e delle infezioni da HIV/AIDS nelle fasce più vulnerabili in Senegal; 3) Contribuire alla riduzione delle pratiche di mutilazione dei genitali femminili (MGF); 4) Contribuire al rafforzamento del ruolo politico delle donne. 2

3 A.3. AREA DI INTERVENTO (MAX 20 RIGHE) Il progetto è stato realizzato in quattro quartieri periferici della città di Ziguinchor, Regione di Ziguinchor in Senegal. Il Paese è classificato tra i Meno Avanzati (PMA) occupando, secondo il Rapporto Mondiale sullo Sviluppo Umano, il 157 posto. Dal 1983 la Regione di Ziguinchor, vive una crisi dovuta alla tensione fra lo Stato senegalese ed il Movimento delle Forze Democratiche della Casamance (M.F.D.C.) che rivendica l indipendenza della Regione Questo conflitto ha generato il fenomeno dello sfollamento e la disgregazione dei villaggi con ricadute socioeconomiche negative, tra cui: i) una riduzione del tasso di scolarizzazione; ii) l aumento di situazioni di rischio per i minori, bambini/e ed adolescenti, rispetto alla diffusione di malattie, AIDS, malattie sessualmente trasmissibili (MST) e violenze; iii) la ripresa di mutilazioni genitali femminili (MGF) dovute al degrado e alla povertà; iv) la chiusura o la distruzione di strutture sanitarie; v) l insufficienza di risorse umane nelle strutture sanitarie; vi) la difficoltà economica d accesso alle cure mediche; vii) l aumento delle gravidanze precoci; viii) l aumento della prostituzione clandestina, con alta incidenza tra le minorenni. Da ciò, un aumento di: tassi di mortalità materno-infantile, MST e infezioni da HIV/AIDS (prevalenza del 2,3% nelle donne incinta e 30% nelle prostitute), prostituzione e MGF. Gli effetti sono più evidenti nei quartieri periferici della città di Ziguinchor e in particolare per le donne e i giovani lavoratori inseriti (o a rischio di inserimento) nei circuiti della prostituzione che soffrono del disagio sociale, economico e sanitario dovuto all impoverimento conseguenza della crisi socio-politica e del conflitto in atto nella Regione. Il progetto ha permesso di ridurre la vulnerabilità delle fasce più deboli della città di Ziguinchor favorendo l accesso ai servizi sanitari di base, la lotta contro la diffusione delle infezioni sessualmente trasmissibili e da HIV/AIDS e la pratica dell escissione e promovendo al contempo politiche di genere in una dinamica che lega le Istituzioni, i Servizi dello Stato e la Società civile. PARTE B: EFFICACIA DELL INTERVENTO B.1. RISULTATI PER OBIETTIVO SPECIFICO ( Per ogni obiettivo specifico indicare risultati attesi e conseguti) Obiettivo specifico 1: Ridurre la vulnerabilità delle fasce più deboli della città di Ziguinchor favorendo l accesso ai servizi sanitari di base, la lotta contro la diffusione delle infezioni sessualmente trasmissibili e da HIV/AIDS e la pratica dell escissione promuovendo al contempo politiche di genere in una dinamica che lega le Istituzioni, i Servizi dello Stato e la Società civile. RISULTATI ATTESI RISULTATO 1 - Le fasce sociali più deboli (donne e giovani) hanno acceso all informazione sulla salute riproduttiva, pianificazione familiare e conseguenze nefaste delle mutilazioni genitali femminili, strumenti di prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, infezione da HIV/AIDS, tumori al seno e all utero RISULTATO 2 Le donne e la popolazione in genere sono informate sulle politiche di genere e sul ruolo della donna RISULTATI CONSEGUITI RISULTATO 1 - Le fasce sociali più deboli (donne e giovani) hanno avuto acceso all informazione sulla salute riproduttiva, pianificazione familiare e conseguenze nefaste delle mutilazioni genitali femminili, strumenti di prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, infezione da HIV/AIDS, tumori al seno e all utero e maggiori possibilità di accesso alle cure mediche. RISULTATO 2 Le donne, la popolazione e le Istituzioni sono informate sulle politiche di genere e sul ruolo della donna anche nel conflitto della Regione 3

4 B.2. ATTIVITA PREVISTE/ATTIVITA REALIZZATE effettivamente realizzate) (Per ogni risultato conseguito indicare le attività previste e le attività RISULTATO 1 - Le fasce sociali più deboli (donne e giovani) hanno acceso all informazione sulla salute riproduttiva, pianificazione familiare e conseguenze nefaste delle mutilazioni genitali femminili, strumenti di prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, infezione da HIV/AIDS, tumori al seno e all utero Attività 1 - Riduzione della prostituzione e prevenzione delle MST/AIDS - Costituzione e formazione di un gruppo di 20 promotori sociosanitari che opererà in stretto coordinamento con i centri sanitari della città di Ziguinchor e in particolare con il centro di - Formazione di un gruppo di 20 promotori socio-sanitari, provenienti da quattro quartieri di Ziguinchor (Nema, Lindiane, kandialang, Tilene) sui temi della salute riproduttiva, delle malattie sessualmente trasmissibili, prevenzione delle MST/AIDS Colette infezione da HIV/AIDS e conseguenze nefaste delle Senghor : mutilazioni genitali femminili (MGF). Il corso ha avuto una durata di 8 giorni. - Formazione e informazione su salute riproduttiva, malattie sessualmente trasmissibili, infezione da HIV/AIDS di gruppi a rischio (donne prostitute o a rischio di prostituzione) e conseguenze nefaste delle mutilazioni genitali femminili (MGF) - Distribuzione di preservativi maschili e femminili. - Dotazione di un piccolo stock di medicinali per interventi d urgenza (boite à pharmacie) - Produzione e distribuzione di materiale informativo in lingua locale e nazionale - Visite e incontri sul terreno con i gruppi vulnerabili - Formazione e informazione su salute riproduttiva, malattie sessualmente trasmissibili, infezione da HIV/AIDS a gruppi di persone a rischio identificate nella città di Ziguinchor (donne prostitute o a rischio di prostituzione). - Distribuiti preservativi maschili e femminili nei 4 quartieri di Tilene, Lyndiane, Kandialang, Nema II. - Dotazione di uno stock di medicinali per interventi d urgenza agli operatori socio-sanitari formati in collaborazione con i dispensari sanitari dei relativi quartieri. - Produzione e distribuzione materiale informativo in lingua locale (allegato 1) - Viisite e incontri sul terreno con i gruppi vulnerabili effettuate dall equipe del progetto e dai promotori sociosanitari. Diretti: - 20 promotori sociosanitari formati su MST/SIDA, salute riproduttiva e conseguenze delle MGF donne prostitute o a rischio di prostituzione sono state formate e informate su MST e AIDS, hanno avuto accesso alle cure e sono state orientate verso il centro di prevenzione IST/AIDS. Indiretti - gruppi di donne di quartiere e associazioni locali (circa 500 persone) - circa persone facenti parte delle famiglie delle donne e dei giovani coinvolti nell iniziativa 4

5 Attività 2 -Rafforzamento del centro di prevenzione delle MST/AIDS «Colette Senghor» di Ziguinchor Rafforzamento delle risorse umane e materiali del centro di prevenzione delle MST/AIDS «Colette Senghor». In particolare: - Formazione di 15 ostetriche e agenti dei centri di pianificazione familiare sui temi della salute materna e riproduttiva. - Rafforzamento degli strumenti sanitari del centro per analisi e cure. - Dotazione di strumenti per la comunicazione l educazione e l informazione: depliant, manifesti, cassette audiovisive, televisore e video registratore, kit di contraccettivi, ecc. - Formazione di 15 ostetriche su pianificazione familiare, salute materna e riproduttiva. La formazione della durata di 8 giorni si è svolta in collaborazione con il Distretto medico regionale e l Associazione delle ostetriche di Ziguinchor. - Fornitura di strumenti sanitari al centro «Colette Senghor», rafforzamendone le possibilità di effettuare analisi e cure. - Dotazione di strumenti di comunicazione: video camera, video registratore, materiale audiovisivo. Diretti : - 15 donne (ostetriche e agenti dei centri di pianificazione familiare) formati in salute materna e riproduttiva ; Indiretti - gruppi di donne di quartiere e associazioni locali (circa 500 persone) Attività 3 - Prevenzione e informazione su MST/AIDS, conseguenze nefaste delle pratiche di MGF, pianificazione familiare per i giovani e le comunità locali Educazione delle fasce vulnerabili della popolazione e in particolare: studenti, giovani lavoratori (Enfants et Jeunes Travailleurs) e le intere comunità locali (donne, uomini, giovani, autorità locali e notabili di quartiere) di quattro quartieri periferici di Ziguinchor, su:: MST e AIDS, conseguenze nefaste delle MGF, pianificazione familiare e gravidanze precoci. In particolare: - Un programma di formazione per gli studenti e i giovani lavoratori (Enfants et Jeunes Travailleurs) - Un programma di 8 giornate educative delle comunità locali (donne, uomini, giovani, autorità locali e notabili di quartiere). - La distribuzione di preservativi e materiale informativo in almeno 10 luoghi di aggregazione di giovani e adolescenti (bar, discoteche, ecc.) - 24 giornate di formazione (6 x 4 quartieri) su MST e AIDS, conseguenze nefaste delle MGF, pianificazione familiare e gravidanze precoci, rivolte a studenti e giovani lavoratori. Ad ogni giornata, animata dall equipe degli operatori socio-sanitari formati nell ambito del progetto hanno partecipato in media 25 persone. - Realizzazione di un festival teatrale La Femme Africane, della durata di 2 giorni, sui temi svolti durante il programma di educazione, in partenariato con la troupe teatrale Bousaana. Protagonisti i bambini della scuole alternative (scuole per bambini che non hanno accesso alla scuola pubblica o che hanno difficoltà di apprendimento) e l Associazione dei giovani lavoratori - Distribuzione di preservativi e materiale informativo in 10 luoghi di aggregazione di giovani e adolescenti (bar, discoteche, ecc.) 5 Diretti : studenti e 150 EJT (ragazzi e giovani lavoratori) informati su MST/AIDS e salute riproduttiva e che avranno accesso a strumenti di prevenzione persone in quattro quartieri che hanno preso parte alle giornate educative Indiretti - gruppi di donne di quartiere e associazioni locali (circa 500 persone) - circa persone facenti parte delle famiglie delle donne e dei giovani coinvolti nell iniziativa

6 RISULTATO 2 Le donne, la popolazione e le Istituzioni sono informate sulle politiche di genere e sul ruolo della donna anche nel conflitto della Regione Attività 4 - Rafforzamento politico e organizzativo delle donne La contraccezione, l escissione, l accesso alla salute sono fortemente legati alla disinformazione delle donne sui loro diritti e al loro debole ruolo politico. A questo scopo di permettere alle donne di essere attive, responsabili, rappresentate e riconosciute nelle Istanze di decisione e capaci di manifestare i loro bisogni saranno organizzati: - Una formazione sui diritti delle donne - Seminari tematici sulle politiche e le azioni di contrasto alla discriminazione di genere - Formazione di 100 donne provenienti dai 4 quartieri di Ziguinchor, Lyndiane, Tilene, Kandialang, Nema II sui diritti umani e in particolare sull applicazione del diritto nazionale e internazionale relativo alle questioni di genere in Senegal. Sono state realizzate 12 giornate. - Realizzazione di 1 seminario sui Diritti Umani delle Donne in partenariato con l Associazione delle Giuriste Senegalesi (AJS) con il patrocinio del Comune di Ziguinchor, della Prefettura e del Servizio dello Sviluppo Comunitario (allegato 2) - Realizzazione di 1 seminario sul Ruolo della donna nel conflitto della Casamance in partenariato con l Associazione delle giuriste senegalesi e con il patrocinio del Comune di Ziguinchor, della Prefettura e del Servizio dello Sviluppo Comunitario.. (allegato 3) L attività ha suscitato notevole interesse da parte dell Unità Tecnica Locale (UTL) della Cooperazione italiana in quanto si inscrive nella politica di genere della DGCS/MAE. L iniziativa è stata quindi attuata in partenariato con la l UTL che ha apportato un contributo finanziario di euro Diretti: donne formate sui diritti e le leggi vigenti in Senegal persone partecipanti ai seminari tematici sulle politiche e le azioni contro le discriminazioni di genere ; Attività 5 - Sensibilizzazione in Italia - Percorsi didattici nelle scuole - Iniziative pubbliche - Percorsi didattici in tre scuole (scuole elementari di Monteveglio e Alfonsine; liceo psicopedagogico di Rimini); - Iniziative pubbliche a Imola e Alfonsine studenti - Circa 800 persone (cittadini italiani e senegalesi) coinvolti nelle iniziative; 6

7 PARTE C: COSTRUZIONE E ATTUAZIONE DEL PARTENARIATO C.1. CREAZIONE E CONSOLIDAMENTO DI LEGAMI TRA I TERRITORI E LE COMUNITA COINVOLTE ATTIVITÀ SOGGETTI COINVOLTI CRITICITA' RISPETTO AI RUOLI PREVISTI E QUELLI SVOLTI PIANIFICAZIONE ATTIVITÀ COSPE, Comune di Alfonsine, Comune di Rimini, MONITORAGGIO ELABORAZIONE PIANI DI LAVORO, MONITORAGGIO; FORMAZIONE PROMOTORI SOCIO-SANITARI, OSTETRICHE E PIANIFICATORI SANITARI ORGANIZZAZIONE SEMINARI INFORMAZIONE BENEFICIARI ComitatoSaõ Bernardo di Imola, COSPE, COMUNE DI ZIGUINCHOR COSPE, ONG ENDA SANTÈ, DISTRETTO MEDICO DELLA REGIONE DI ZIGUINCHOR, COSPE, SERVIZIO DELLO SVILUPPO COMUNITARIO ZIGUINCHOR, COMUNE DI ZIGUINCHOR COSPE, ENDA SANTÉ, CENTRO DI PREVENZIONE DELLE MST/AIDS SENGHOR NESSUN ELEMENTO DI CRITICITÀ SI È RISCONTRATO FRA I SOGGETTI COINVOLTI SIA IN ITALIA CHE IN SENEGAL. L INIZIATIVA INFATTI NASCE DA RAPPORTI DI PARTENARIATO CONSOLISATI FRA LA RETE DI ATTORI IN EMILIA ROMAGNA E GLI ATTORI IN SENEGAL. SI RICORDA CHE L INIZIATIVA SI INSERISCE IN UN ACCORDO DI PARTENARIATO FRA COSPE E COMUNE DI ZIGUINCHOR, STIMOLATO DALLE RELAZIONI DI GEMELLAGGIO E PARTENARIATO DEL COMUNE SENEGALESE CON I SOGGETTI DELL EMILIA ROMAGNA PARTE D: MONITORAGGIO E AUTOVALUTAZIONE D.1. DESCRIVERE LE ATTIVITA DI MONITORAGGIO SVOLTE (max 25 righe) Specificare n missioni e personale coinvolto, modalità raccolta dati In Senegal - L unità di coordinamento COSPE/ENDA ha elaborato piani di lavoro dettagliati e strumenti per monitorare le attività sia quantitativamente che qualitativamente. L equipe COSPE era composta e da animatori locali coordinati da una espatriata esperta di genere presente sul terreno durante tutta la durata del progetto. Enda ha mobilizzato un supervisore. Il monitoraggio, effettuato con visite e incontri con gli attori coinvolti, sono state garantite dall equipe tecnica del progetto con la supervisione del COSPE. Gli strumenti di monitoraggio sono stati: indagini di terreno; schede di monitoraggio per attività e gruppi beneficiari, rapporti tecnici e finanziari. Una valutazione finale partecipativa è stata effettuata con i beneficiari e i partner per verificare il raggiungimento degli obiettivi e capitalizzare l esperienza. Una missione di tre persone (rappresentanti del Comune di Alfonsine e del Comitato Sao Bernardo di Imola) ha svolto una missione di monitoraggio sul progetto. La missione è stata accompagnata dalla responsabile delle attività e del personale di Enda Santé. In Italia COSPE ha condiviso con i partners del progetto la pianificazione e lo stato d avanzamento del progetto in occasione di riunioni periodiche. Attività di sensibilizzazione sono state svolte con gli alunni di diverse scuole del territorio emiliano-romagnolo (Scuola Elementare di Monteveglio, Liceo Classico Psicopedagocico di Rimini, ecc.) e con le Comunità di senegalesi presenti sul territorio regionale. 7

8 D.2. QUESTO PROGETTO PROSEGUE UN PERCORSO GIA ATTUATO IN PRECEDENTI INIZIATIVE (finanziate o meno da bandi sulle politiche di cooperazione precedenti)? X sì no Se sì, l esperienza precedente ha agevolato l implementazione del nuovo progetto rispetto a: COINVOLGIMENTO DEI SOGGETTI PUBBLICIZZAZIONE DEL NUOVO PROGETTO PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI MATERIALE INFORMATIVO SÌ, MOLTO SÌ, UN PO NO, PER NULLA IL PARTENARIATO GIÀ ESISTENTE FRA GLI ENTI SENEGALESI (COMUNE, SERVIZI TECNICI) E LA RETE DI ATTORI DELL EMILIA ROMAGNA HA FACILITATO LA MESSA IN OPERA DEL PROGETTO, PERMETTENDO LA PUBBLICIZZAZIONE E L INFORMAZIONE D.2. POSSONO ESSERE INDIVIDUATI, AD OGGI, FATTI INTERPRETABILI COME CONSEGUENZE POSITIVE DELL ESPERIENZA ATTUATA? X sì no Se sì, di che tipo? (possibili più risposte) X costruzione di reti formali X nascita di progetti collaterali costruzione di reti informali X nascita di iniziative X costruzione di reti permanenti X tavoli di coordinamento costruzione di reti non permanenti X attivazione di sinergie extraregionali 8

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Introduzione: Riconoscendo la necessità di sviluppare un nuovo e diverso approccio alle problematiche

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

40133 BOLOGNA (BO) VIA DE CAROLIS 23 C.F. 91153320378 C.M. BOIC808009. ENTRATE Importi. Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

40133 BOLOGNA (BO) VIA DE CAROLIS 23 C.F. 91153320378 C.M. BOIC808009. ENTRATE Importi. Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. ENTRATE Voce Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.217,90 02 Vincolato 15.217,90 02 Finanziamenti

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli