2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale"

Transcript

1 REGIONANDO 2001 REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSESSORATO TURISMO.COMMERCIO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE UFFICIO QUALITA AREE TURISTICHE ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA - LE STRADE DEI VINI E DEI SAPORI Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA - LE STRADE DEI VINI E DEI SAPORI Amministrazione proponente: REGIONE EMILIA-ROMAGNA Unità organizzativa : ASSESSORATO TURISMO.COMMERCIO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE UFFICIO QUALITA AREE TURISTICHE Indirizzo:VIALE A. MORO BOLOGNA Sito web: Indirizzo internet dove esiste una descrizione del progetto: Referente Nome e Cognome:dott. Raffaele Spiga Funzione:Responsabile Ufficio qualità aree Turistiche Ente:Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo.Commercio Telefono: Fax Parte 2: Aspetti generali 2.1 Settore Agricoltura Xturismo Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale 2.2 Progetto: in corso di realizzazione Descrizione sintetica del progetto (max 15 righe) Il Programma (triennale ) è articolato nelle seguenti fasi: 1-Sensibilizzazione degli attori locali pubblici e privati: per ogni Provincia della Regione sono stati realizzati più incontri di sensibilizzazione per la costituzione di Comitati Promotori ai fini della costituzione di Organismi di gestione degli Itinerari; 2-Messa a punto di Statuti-tipo e del regolamento sui criteri e standard di qualità da utilizzare quale strumento per la qualificazione dell'offerta. Tali indicazioni inizialmente adottate in modo

2 volontario dagli Itinerari, sono state recepite in una legge regionale apposita (L.R. 23/2000) e nel successivo Regolamento di applicazione. 3- Studio e realizzazione di un marchio regionale e di una segnaletico uniforme di fini della identificazione nel territorio delle Strade dei Vini e dei Sapori realizzate. Sono state costituiti 11 Organismi di gestione in forma associata, che raccolgono oltre 650 imprese private e 80 enti pubblici. 4- Assistenza tecnica ai Comitati Promotori Sensibilizzazione: I tecnici del progetto hanno affiancato le nascenti Strade per facilitare il percorso, utilizzando nei una metodologia ed approcci omogenei. Sono stati effettuati anche corsi di formazione, seminari di aggiornamento tecnico e visite guidate ad altre realtà esemplificative, in Italia ed estero (Toscana, Piemonte, Francia). Il progetto è in corso di completamento, con l'obiettivo di creare un Club di Prodotto tra tutti gli organismi di gestione delle Strade che gestisca in forma unitarie le azioni di respiro regionale. 2.4 Motivazioni Il programma è stato avviato nel 1999 facendo seguito ad un Progetto sperimentale (finanziato dalla Direttiva LIFE/UE) svoltosi in una area rurale periurbana della regione, da cui derivò l'idea di costituire una prima Strada dei Vini e dei Sapori quale forma di valorizzazione agro-turistica ed ambientale del territorio. Numerose indagini di mercato danno indicazione della crescente propensione dei turisti, soprattutto provenienti dal Centro-nord Europa, a ricercare opportunità turistiche che abbinino in forma organizzata elementi ambientali e culturali insieme ai prodotti tipici regionali di alta qualità (giacimenti culturali enogastronomici). Le Strade dei Vini e dei sapori si pongono come vere e proprie agenzie di sviluppo turistico del territorio. 2.5 Caratteristiche del progetto (max 20 righe) La caratterista innovativa più importante è sicuramente il forte coinvolgimento delle forze locali pubbliche e private che hanno dato vita alle Strade: oltre agli enti locali, hanno aderito aziende agricole, turistiche e commerciali, artigiani, associazioni di volontariato, agenzie di sviluppo locale. Forse per la prima volta si è assistito alla realizzazione di una forma unitaria che raccogliesse figure così diverse. Non è stata imposta una sola formula ma ogni territorio ha espresso appieno le proprie potenzialità, i propri prodotti di qualità, le proprie migliori esperienze produttive. L'abbinamento vino-altri prodotti di qualità è risultato indovinato ai fini della valorizzazione di tutto il tessuto produttivo della regione, che offre una situazione vitivinicola disomogenea e non sempre allineata all'eccellenza. Finalità Creazione e strutturazione di un nuovo prodotto turistico rurale. Sensibilizzazione delle amministrazioni locali, degli operatori turistici e degli stessi turisti verso gli aspetti dello sviluppo turistico-sostenibile. 2.7 Obiettivi Diversificazione dell'offerta turistica emiliano-romagnola sul mercato nazionale ed internazionale, con valorizzazione specifica dell'enogastromia.

3 Risultati conseguiti Realizzazione di 11 Strade dei vini e dei Sapori nel territorio regionale Coinvolgimento attivo di tutte le amministrazioni locali, mediante la collaborazione continua e l interscambio di esperienze tra gli amministratori ed i tecnici. Realizzazioni di Accordi di programma tra le amministrazioni locali coinvolte Diffusione e divulgazione di una cultura dell'accoglienza e dell'ospitalità in territori a scarsa vocazione turistica Crescita culturale dei produttori ed imprenditori associati Nuove occasioni di lavoro nel settore turistico per i giovani Parte III: Aspetti specifici Risorse Indicare le risorse assegnate al progetto: finanziarie: 600 milioni personale: interno Assessorato: 1 responsabile, 1 collaboratore amministrativo esterno (vedi punto2.5) : 3 tecnici specializzati (2 agronomi 1 comunicatore) Fonte di finanziamento Il progetto è stato finanziato con fondi: X Regionali Soggetti coinvolti (partnership) La supervisione scientifica è stata assicurata da un' Equipe Tecnico Scientifica formata da docenti Universitari (Dott.ssa Magda Antonioli Corigliano - Univ. Bocconi), un rappresentante del Movimento del Turismo del Vino (Dott. Paolo Benvenuti), vari esperti del settore turistico ed enogastronomico di rilevanza regionale e nazionale. Per l attuazione di alcune fasi operative più specifiche sono stati affidati incarichi esterni alle seguenti strutture: Assessorato Agricoltura Regionale: ha cofinaziato e gestito il progetto in modo paritario APT Servizi Srl ha provveduto agli aspetti promozionali e prettamente turistici Centro Divulgazione Agricola: per le parti divulgative, per l assistenza tecnica e la formazione professionale agli operatori e per la organizzazione complessiva del progetto costa in fiore le Province (Turismo e Agricoltura) hanno partecipato attivamente e collaborato alla riuscita di tutto il precorso progettuale Stato di realizzazione realizzazione di 11 Strade dei vini e dei Sapori nel territorio regionale approvazione delibere di assegnazione fondi per segnaletica e altre azioni comuni Realizzazione Il programma è stato ideato e coordinato, nell ambito del Servizio Turismo e Qualità aree turistiche in collaborazione con il Servizio Produzioni Agro-alimentari. L Ufficio Qualità Aree Turistiche ha seguito direttamente l intera gestione. Non sono state necessarie nuove modalità organizzative del lavoro, né la costituzione di strutture

4 permanenti o di riorganizzazione interna. Il lavoro è stato svolto con lo stretto e costante collegamento con le strutture esterne coinvolte, che hanno operato in modo coordinato. 3.6 Utilizzo nuove tecnologie Internet: utilizzo del sito WEB per divulgazione conoscenze e richieste informazioni (oltre 600 in due anni) e per comunicazioni interne al progetto 3. 7 Formazione personale Azioni di formazione e aggiornamento del personale sono state predisposte nei confronti dei tecnici incaricati del progetto, agli amministratori e ai soci delle Strade, che partecipano a diverse attività formative (seminari di aggiornamento, visite guidate in Italia ed all estero, convegni. L obiettivo è quello di introdurre elementi di marketing territoriale e turistico e di abituare gli amministratori e gli operatori privati a lavorare in sinergia e nell'ottica di una "impresa territoriale allargata" Comunicazione/partecipazione Il progetto Itinerari turistici enogastronomici" dall'inizio ha puntato ad azioni di comunicazione interna (rivolta ai potenziali partecipanti pubblici e privati) ed esterna (altri territori, mailing finalizzati turistici, ecc.) con azioni differenziate: seminari locali, newsletter trimestrale "Le vie dei sapori" sia in cartaceo che in file scaricabile dal sito web regionale, cartoguida degli itinerari in grande tiratura, uscite sulla stampa specializzata, partecipazione a Fiere e manifestazioni del comparto. Sono state costruite pagine internet dedicate agli itinerari e al progetto sul sito della Regione. Sono state effettuati numerosi servizi su stampa e televisione Monitoraggio e valutazione Indicare quali sono gli strumenti di valutazione e monitoraggio previsti Ex ante: verifica delle potenzialità nel territorio regionale rispetto alla realizzazione di iniziative locali In itinere: monitoraggio continuo sull andamento dei vari interventi ed azioni attivate, e creazione di data Base specifici. Ex post: partecipazione costante alla vita associativa delle singole Strade (riunioni di verifica, Consigli di Amministrazione aperti, Seminario regionale previsto per il giugno Indicare se sono previsti sistemi di incentivazione legati ai risultati: La legge regionale 23/2000 assegna una prima quota di 500 milioni per fornire la segnaletica e altri interventi realizzati dalle Strade L'asse 3 del Piano regionale di Sviluppo Rurale (Agenda 2000) prevede l'assegnazione di fondi alle aziende aderenti agli itinerari La Legge Regionale 7/98 finanzia le attività di promozione turistiche pubbliche e cofinanzia le attività dei privati 3.10 Sostenibilità organizzativa Indicare gli elementi che garantiscono la sostenibilità organizzativa del progetto: coinvolgimento diretto delle amministrazioni locali velocità procedure amministrative

5 rapporti di fiducia e stretta collaborazione attiva con strutture esterne incaricate capacità di "creare sistema" e nuove forme imprenditoriali con rinnovato rapporto fiduciario tra pubblico e privato, rendendoli entrambi protagonisti

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia REGIONANDO 2001 Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Gestione Ambiente Rurale e Foreste Struttura Ambiente Rurale e Fauna Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

G I U N T A P R O V I N C I A L E

G I U N T A P R O V I N C I A L E Estratto dal verbale della seduta del 26/04/2006 Delibera n. 154 del 26/04/2006 Oggetto: Prot. n 57128 Pagina 1 di 10 G I U N T A P R O V I N C I A L E Il 26 Aprile 2006 alle ore 09:30 si riunisce nella

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Principi Guida per la promozione di Progetti di Sviluppo per Destinazione e Prodotti Turistici Regionali e la costituzione e il riconoscimento

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Sindaco del Comune di Massa Marittima. Membro del comitato di gestione del Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere

CURRICULUM VITAE. Sindaco del Comune di Massa Marittima. Membro del comitato di gestione del Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marcello Giuntini Data di nascita 15 Dicembre 1960 Qualifica Amministrazione Comune di Massa Marittima Incarico attuale Sindaco Numero telefonico 0566906211

Dettagli

REGIONANDO 2001. Regione Toscana

REGIONANDO 2001. Regione Toscana REGIONANDO 2001 Regione Toscana Dipartimento dello Sviluppo Economico Area delle Politiche Regionali dell Innovazione e della Ricerca Sistema Mediterraneo di Itinerari dei Parchi Naturali e Culturali P.

Dettagli

139 Strade dei vini e dei sapori; percorsi che attraversano il 15 per cento dei comuni turistici italiani;

139 Strade dei vini e dei sapori; percorsi che attraversano il 15 per cento dei comuni turistici italiani; L'enoturismo oggi, muove oltre 3,5 milioni di persone, con un indotto che, nel 2003, ha superato i 2,5 miliardi di euro; registrando una proiezione di crescita in termini di fatturato del 10% annuo. 139

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Provincia di Varese Servizio Controllo di Gestione e Reporting Pianificare per gestire Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Pianificare per gestire Amministrazione proponente:

Dettagli

REGIONANDO 2001. Progetto integrato- uso dei biocombustibili

REGIONANDO 2001. Progetto integrato- uso dei biocombustibili REGIONANDO 2001 REGIONE LOMBARDIA UNITA' ORGANIZZATIVA SERVIZI A SUPPORTO DEL SISTEMA AGRICOLO Progetto integrato- uso dei biocombustibili Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Progetto integrato- uso

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (APA/01/D-294AA) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge 27 luglio 1999, n. 268 "Disciplina delle Strade del Vino"; - il D.M. 12 luglio 2000 Fissazione degli standard minimi di

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE Sezione II PROGETTO DI APPLICAZIONE LOCALE 4. IL PROGETTO NEL CONTESTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE

PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE Sezione II PROGETTO DI APPLICAZIONE LOCALE 4. IL PROGETTO NEL CONTESTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PROGETTO DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE Sezione II PROGETTO DI APPLICAZIONE LOCALE 1. TITOLO DEL PROGETTO DI COOPERAZIONE ECO LEADER NETWORK - turismo sostenibile in connessione con la valorizzazione e

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda USL di Cesena Staff Comunicazione Aziendale Sito Internet Aziendale Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Sito Internet Aziendale Amministrazione proponente: Azienda

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE Allegato n. 3 al Piano delle Performance 2014/2016 Linea Strategica 1 INTERNAZIONALIZZAZIONE Ipotesi di programma / 1.1. Supportare le imprese nei loro progetti di internazionalizzazione volti alla penetrazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA Oggi 16 luglio 2007, presso l ex convento San Francesco di Labro si sono riuniti tutti i Soggetti partecipanti al Programma Integrato

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE TRAMITE PROCEDURA COMPARATIVA PER INCARICO PROFESSIONALE DI LAVORO AUTONOMO PER ATTIVITA DI ANIMAZIONE ASSE 4 LEADER MISURA 431 ATTUAZIONE - PIANO DI AZIONE LOCALE LEADER DELTA

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO Direzione Generale Servizio Programmazione, monitoraggio, valutazione PROT. N. 188 DETERMINAZIONE N. 9 DEL 11/01/2011 Oggetto: L. 135/2001, art. 5, comma

Dettagli

EXPOGAMING OLTREPÒ PAVESE

EXPOGAMING OLTREPÒ PAVESE EXPOGAMING OLTREPÒ PAVESE Prepararsi alle sfide di Expo Milano 2015 Nutrire il pianeta, energia per la vita Proposte formative dedicate a imprenditori del settore vinicolo Introduzione Expogaming 12 giugno

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda U.S.L. TA/1 Taranto Sviluppo Sistemi Informatici Il CUP telematico direttamente accessibile dagli Studi Medici e dalle Farmacie del territorio Parte 1: Anagrafica Titolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA Premesso che la Sezione Operativa Assistenza Tecnica n 84 di Alcamo si è fatta promotrice di un Progetto

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura Deliberazione della Giunta Regionale n. 903 del 15/05/2012 Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura 2012 2014

Dettagli

GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE

GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE Misura 411 Azione 7 Operazione 1: Studio di fattibilità

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO Relazione Tecnica Settembre 2014 SOMMARIO 2 1 PREMESSA Il presente documento rappresenta la Relazione tecnica

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori

ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori PREMESSO: - che la Legge 135/01 all art. 5 istituisce i Sistemi Turistici Locali definendoli contesti turistici

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA ULSS 21 RIPARTIZIONE ETA ADULTA E ANZIANI / SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (S.I.L.) Il Servizio di integrazione lavorativa (S.I.L.): Percorsi formativi finalizzati al

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO MA_R_TE + TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE MARE, RURALITÀ E TERRA: POTENZIARE L UNITARIETÀ STRATEGICA Favorire

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE IV APPROCCIO LEADER Gruppo di Azione Locale della SILA Via Guido Rossa, 24 87050 Spezzano Piccolo (CS) www.galsila.com - info@silasviluppo.com PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

il Sottoscritto..., in qualità di: Legale rappresentante di:... Amministratore unico di:...

il Sottoscritto..., in qualità di: Legale rappresentante di:... Amministratore unico di:... Spett.le Comitato Promotore delle Denominazioni di Origine Protette (D.O.P.) Caseus Romae, Ricotta Romana, Caciotta Romana e della Indicazione Geografica Tipica Abbacchio Romano, Promotore del P.I.F: Interventi

Dettagli

Delibera della Giunta Comunale

Delibera della Giunta Comunale Delibera della Giunta Comunale N. 105 DEL 11/09/2014 OGGETTO: BANDO PROVINCIALE PTPL 2015. APPROVAZIONE. L anno duemilaquattordici questo giorno undici del mese di settembre alle ore 15:30 su convocazione

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Risorse e Programmi dell UE e Metodologie di accesso Strumenti di Programmazione 2007-2013:

Dettagli

REGIONANDO 2001. Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante

REGIONANDO 2001. Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante REGIONANDO 2001 Regione Veneto Area Tecnico Scientifica-Servizio Prevenzione Industriale Censimento Industrie a Rischio di incidente Rilevante Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Censimento Industrie

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento

8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale,

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento stabilisce le norme generali

Dettagli

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu!

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenze (Dip. 3D)- U.O. Detenuti ed ex Detenuti Unità Operativa Detenuti ed ex Detenuti Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto:

Dettagli

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA Programma di riferimento: Progetto di Eccellenza Progettazione e realizzazione di itinerari dedicati al segmento religioso (art. comma 228 della Legge 296/2006)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 9ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 27 ottobre / 6 dicembre 2014 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Piano di attività Premessa Il territorio del Parteolla e Basso Campidano, puntando sulla qualificazione e promozione unitaria delle eccellenze locali, ha identificato

Dettagli

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge.

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge. / Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania Dott. Paolo Romano SEDE Oggetto: Trasmissione proposta di legge. Si trasmette, in allegato, Campana ad iniziativa Caldoro Presidente. la proposta

Dettagli

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari PROGETTO ANGHIARI SHOPPING Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari Progetto a valere sul Bando pubblico per l accesso ai cofinanziamenti

Dettagli

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Dalla crisi un nuovo modello di sviluppo Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell

Dettagli

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione 1 Strumenti Volontari evoluzione dal 2003 da misura e gestione delle performance ambientali certificazione di gestione: miglioramento continuo a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO TRAMITE PROCEDURA COMPARATIVA PER INCARICO PROFESSIONALE DI LAVORO AUTONOMO A PERSONA FISICA PER ATTIVITA INFORMATIVE E SUPPORTO ATTUAZIONE PROGETTO

Dettagli

Regioni. Linee Progettuali. ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15. Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto

Regioni. Linee Progettuali. ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15. Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15 Regioni Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto PROGETTTTO INTTERREGI I IONALLE ITINERARI DELLE TERME D ITALIA TRA SALUTE

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Consiglio Regionale (Iella Cani pan io Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Al Presidente della VIII e li Commissione Consiliare Permanente

Dettagli

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Comune di Faenza Comune di Ravenna dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Report finale attività formativa Faenza e Ravenna, Febbraio/Marzo 2012 A cura di M. Dalfiume 1 IL PERCORSO Da dove

Dettagli

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale 10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale Il contesto Il GAL Valli Marecchia e Conca svilupperà un piano di comunicazione della Strategia di Sviluppo Locale, e di animazione territoriale,

Dettagli

Il progetto regionale Terra dei Motori

Il progetto regionale Terra dei Motori Il progetto regionale Terra dei Motori 10 Il progetto della regione Emilia Romagna Terra dei Motori è da tempo al centro di un forte interesse dell Ente Regione e di molte categorie private e pubbliche

Dettagli

Promozione, Educazione, Informazione:

Promozione, Educazione, Informazione: PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE LAZIO 2007-2013 U N I O N E E U R O P E A Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale. L Europa investe nelle zone rurali REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Relazione di: Tiziana Nasolini Osservatorio Agroambientale Titolo dell intervento : Il turismo rurale nelle fattorie didattiche.

Relazione di: Tiziana Nasolini Osservatorio Agroambientale Titolo dell intervento : Il turismo rurale nelle fattorie didattiche. Relazione di: Tiziana Nasolini Osservatorio Agroambientale Titolo dell intervento : Il turismo rurale nelle fattorie didattiche. Osservatorio Agroambientale è un organismo promosso nel 1990 dalla Provincia

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO Approvato con deliberazione consiliare n 5 del 24 febbraio 2010 In vigore dal 17 marzo 2010 REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO CAPO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LORETI ANNA Indirizzo Telefono 0542603302 Fax E-Mail anna.loreti@provincia.bologna.it Nazionalità italiana

Dettagli

DALLA CULTURA DEL TERRITORIO AL TURISMO ENOGASTRONOMICO

DALLA CULTURA DEL TERRITORIO AL TURISMO ENOGASTRONOMICO Ministero Sviluppo Economico DPS Regione Siciliana Assessorato al turismo APQ Azioni di sistema per il turismo E Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia Federazione Strade del Vino e dei Sapori di Sicilia

Dettagli

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA #################### Art. 1 Caratteri generali della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara Art. 2 Standard di

Dettagli

Allegati seconda parte

Allegati seconda parte Allegati seconda parte Nella seconda parte degli allegati sono stati individuati sulla base della Relazione previsionale programmatica, del bilancio preventivo e del budget, gli obiettivi dell ente nel

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Nominato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 736 del 07/07/2011 nr. 580/2013 del Registro delle Determinazioni OGGETTO: PROGETTO MONTI DAUNI: VALORIZZAZIONE

Dettagli

Art. 3 Soci Art. 4 Ammissione

Art. 3 Soci Art. 4 Ammissione STATUTO Art. 1 Denominazione e Oggetto E costituita, ai sensi della legge 27 luglio 1999 n. 268, una Associazione volontaria senza scopo di lucro denominata Strada Reale dei Vini Torinesi, di seguito denominata

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 22 aprile 2014, n. 40

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 22 aprile 2014, n. 40 14056 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 22 aprile 2014, n. 40 Legge 27 dicembre 2006, n. 296 art. 1 comma 1228 e s.m.i. Partecipazione della Regione Puglia al Programma di Intervento MICE in

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU39 01/10/2015

REGIONE PIEMONTE BU39 01/10/2015 REGIONE PIEMONTE BU39 01/10/2015 Codice A20100 D.D. 17 giugno 2015, n. 256 L.R. 75/1996 Affidamento di incarico a Sviluppo Piemonte Turismo s.r.l. per la realizzazione di azioni di promozione e comunicazione

Dettagli

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 15-5-2001 - N. 44 3 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI REGOLAMENTO REGIONALE 10 maggio 2001, n. 2 Istituzione delle Strade del vino e di altri prodotti

Dettagli