Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro"

Transcript

1 Release 5.20 Manuale Operativo CONTI A RIENTRO Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro La gestione Conti a Rientro permette di gestire tutti quei movimenti di entrata/uscita di merce dal magazzino che comportano il modificarsi delle giacenze ma il non modificarsi della valorizzazione fiscale di magazzino. E il caso del conto visione, del conto lavorazione, dell uscita per riparazione etc Queste funzionalità forniscono all utente uno strumento in grado di richiamare, per esempio, delle bolle in visione presso clienti e di trasformarle (totalmente o parzialmente) in fatture da emettere sia al cliente originale che ad un eventuale altro cliente; in questo modo e possibile tenere sotto controllo sia la merce uscita che entrata a magazzino a seguito di un conto a rientro. E possibile quindi impostare n Conti a Rientro, e l utilizzo della funzionalità è estendibile anche alla gestione della lavorazione presso terzi. Durante le funzioni di valorizzazione del magazzino, la merce entrata a magazzino a seguito di un conto a rientro non viene valorizzata come propria, mentre la merce uscita (ad esempio per un conto visione) viene valorizzata come propria anche se non giacente a magazzino.

2 2 Manuale Operativo Indice degli argomenti 1 GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO DEFINIZIONE E IMPOSTAZIONE Definizione Conti a Rientro Causali di Magazzino Creazione Documenti e Legami Parametri della procedura GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO Apertura del Conto a Rientro Chiusura del Conto a Rientro Chiusura CR da INPUT MOVIMENTI DI MAGAZZINO Chiusura CR da GENERAZIONE FATTURE (CR ATTIVI) Chiusura CR da CARICAMENTO DOCUMENTI Ripartizione Bolle Conti a Rientro (CR ATTIVI) Consultazione Conti a Rientro Situazione Conti a Rientro ESEMPI DI GESTIONE E CAUSALI Esempio 1: CONTO VISIONE ATTIVO Esempio 2: CONTO VISIONE PASSIVO Esempio 3: CONTO RIPARAZIONE ATTIVO Esempio 4: CONTO RIPARAZIONE PASSIVO CONTO LAVORO Impostazioni Note sulla Chiusura del Conto Lavoro C/TO LAVORO PASSIVO: Conti e Causali Conto lavoro sulla produzione C/TO LAVORO ATTIVO: Conti e Causali Generazione Ddt terzisti: gestione quantità disponibile... 37

3 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Gestione dei CONTI A RIENTRO L attivazione degli automatismi connessi all utilizzo di questa funzionalità necessitano: in prima analisi, la creazione dell anagrafica del conto a rientro, ovvero l impostazione delle caratteristiche e della tipologia di movimentazione associate al conto. In secondo luogo, il collegamento del conto a rientro alle causali di magazzino, appositamente create per l inserimento dei relativi movimenti. Quindi, la definizione di eventuali codici di documento (per es. D.d.t.) collegati alle anzidette causali. La gestione del conto a rientro prevede due tipologie: Conto a Rientro ATTIVO : la merce esce dal proprio magazzino (Apertura del conto a rientro) e successivamente rientra (Chiusura del conto a rientro) con movimento di rientro Oppure viene venduto con l emissione della fattura cliente. USCITA MERCE APERTURA MAGAZZINO Cliente/Fornitore b) - Emissione Fattura a) - Rientro Merce CHIUSURA Conto a Rientro PASSIVO : la merce entra nel proprio magazzino (Apertura del conto a rientro) e successivamente esce con movimento di uscita/reso (Chiusura del conto a rientro). APERTURA ENTRATA MERCE Cliente/Fornitore MAGAZZINO CHIUSURA Uscita (reso) Merce

4 4 Manuale Operativo 1.1 DEFINIZIONE E IMPOSTAZIONE Definizione Conti a Rientro La prima operazione da effettuare è l impostazione del conto a rientro da associare alle movimentazioni di magazzino: la creazione di differenti conti rende più agevole l estrazione dei movimenti dalle funzioni successive di gestione e consultazione. La funzione permette la definizione del conto a rientro a livello anagrafico. Si accede alla funzione dal menù Archivi Parametri Definizione Conti a Rientro: Conto a Rientro: si inserisce il codice obbligatorio, alfanumerico di lunghezza massima 3 caratteri, con la relativa descrizione. Il conto, una volta caricato nel programma con la funzione in esame, potrà essere legato ad un movimento di magazzino specifico, agendo sulla tabella Causali di Magazzino: nella tabella è infatti presente il campo Conto a Rientro che permette di richiamare il codice, nonché il campo Tipo di Operazione che specifica se si tratta di un movimento di Apertura o di Chiusura. Naturalmente questo solo nel caso in cui la causale di magazzino dovesse prevedere un movimento a rientro. Tipo conto: campo obbligatorio in cui inserire una delle due possibili tipologie: A Attività, P Passività. Tipo di totalizzazione: campo da cui è possibile decidere il tipo di esposizione ottenibile in fase di consultazione dei conti a rientro. Tale parametro viene applicato dalla funzione Consultazione Conti a Rientro descritto nel paragrafo successivo. Le possibile scelte sono: D dettagliata / G giornaliera / M mensile / A annuale / T totale. Giorni calcolo scadenze: campo abilitato solo se si è in Tipo di Totalizzazione Dettagliata. Indica dopo quanti giorni si devono intendere scaduti i conti in oggetto: nel caso in cui non si volesse una scadenza, occorre inserire il valore zero. Deposito Preferenziale: contiene il codice del deposito che verrà proposto ogniqualvolta si inserisca il codice del conto specifico. Il pulsante ELIMINA, presente nella parte bassa della videata, procede all eliminazione solo se il codice del Conto a Rientro corrente non è in uso. Il pulsante CONFERMA salva i dati riguardanti il conto inserito/modificato.

5 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Causali di Magazzino Definiti i conti a rientro, sarà necessario creare le causali di magazzino per gestire correttamente la movimentazione; tutte le causali create per la gestione del conto a Rientro (una volta utilizzate) non devono essere né modificate né annullate. Si accede alla funzione dal menù Archivi Tabelle Causali di Magazzino: Esempio causale di magazzino RVIS: E un esempio di una causale di Chiusura del conto a rientro VIS. Lo scopo della causale è quello di provvedere alla chiusura del movimento di uscita della merce in conto visione al cliente. Tutte le relative causali utilizzate nella gestione devono avere: Conto a Rientro: l indicazione del tipo di conto al quale sono associati (prelevabile dalla lista richiamabile dal campo, che sarà composta dai codici di conti definiti nella Definizione Conti a Rientro). Tipo Operazione la specifica si tratta di una Apertura o Chiusura. La gestione dei conti può essere associata alla gestione del conto lavoro, al fine di ottenere una serie di automatismi specifici per i quali sono richiesti i seguenti dati: Causale Chiusura Conti a Rientro: associabile alle causali di vendita del bene prodotto dal conto lavoro, con la quale sarà automaticamente generato un movimento di magazzino collegato che chiude un conto lavoro. Codice CR da aggiornare con Quantità usata: codice del conto a rientro da associare al movimento di scarico per produzione, al fine di valorizzare correttamente il magazzino.

6 6 Manuale Operativo I campi Unità Da/A dovranno indicare la provenienza e la destinazione della merce (quindi, per es. per un uscita di merce in conto visione c/o clienti, l Unità A sarà C-Cliente). Il campo Causale Chiusura Conti Rientro (come più ampliamente descritto nelle pagine seguenti, nella sezione del manuale dedicata al CONTO LAVORO) va gestito per le causali che attivano i meccanismi per la movimentazione della merce in conto lavoro. Nello schema che segue, sintetizziamo le caratteristiche generali relative all impostazione delle causali di magazzino per la movimentazione della merce con conti a rientro, suddivisi per tipo di operazione e tipologia di conto a rientro associato alla causale. Conto Rientro ATTIVO Tipo di movimento da generare Carico / Scarico Segno Acquisti/Vendite ATTIVO Apertura del Conto a Rientro S - Scarico + N - Nullo ATTIVO Chiusura con rientro merce a magazzino S Scarico - N - Nullo ATTIVO Chiusura con fatturazione (causale associata al codice documento fattura) N Nullo + V - Vendite Conto Rientro PASSIVO Tipo di movimento da generare Carico / Scarico Segno Acquisti/Vendite PASSIVO Apertura del Conto a Rientro C Carico + N Nullo PASSIVO Chiusura con uscita merce a Cli/For C - Carico - N Nullo PASSIVO Chiusura con mantenimento della merce N Nullo + A Acquisti Impostate le causali, si può procedere all impostazione dei documenti eventualmente interessati dalla movimentazione, cui è possibile associare le causali di magazzino per generare in automatico i movimenti all atto dell emissione dei documenti stessi. Nota sui momenti di gestione dei conti a rientro: La gestione dei movimenti di conto a rientro è composta da due fasi principali: Apertura L Apertura del Conto a Rientro avviene inserendo dei movimenti di magazzino o dei documenti (utilizzando le tipologie appositamente create) utilizzando le causali legate al conto a rientro con Tipo Operazione = APERTURA. Chiusura La Chiusura del Conto a Rientro avviene inserendo movimenti o documenti che utilizzano causali con Tipo Operazione = CHIUSURA. Le due fasi sono definite proprio dalla struttura della causale di magazzino utilizzata.

7 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Creazione Documenti e Legami Nella tabella documenti è necessario impostare i codice documento necessari, che devono movimentare il magazzino, e definirne quindi i legami (se non già presenti). Dal menù Archivi Tabelle Documenti. La creazione dei documenti può essere effettuata liberamente, in funzione delle esigenze dell utilizzatore e delle specifiche della procedura. In questo modo, è possibile associare alla generazione del documento cartaceo anche la generazione dei movimenti di magazzino interessati. Esempio: documenti per il conto visione attivo Vediamo per esempio la struttura di una BOLVIS (Bolla in Conto Visione). E il documento da utilizzare per la generazione delle Bolle Clienti, per l apertura del Conto a Rientro Attivo (relativo alla spedizione della merce): Codice Documento BOLVIS il codice può essere deciso dall utente Tipo Documento BC = Bolle Clienti Protocollo B = protocollo utilizzato per le Bolle Causale di Magazzino VIS = causale per APERTURA Conto a Rientro Attivo Causale Contabile / (Nulla) Vediamo ora la Struttura che deve avere la FATVIS (fattura da Conto a rientro). Presenta una particolarità: è infatti indispensabile che la Fattura da Visione presenti non solo la causale contabile ma anche la CAUSALE DI MAGAZZINO (per la Chiusura del Conto a Rientro). Codice Documento FATVIS il codice può essere deciso dall utente Tipo Documento FT Fatture Clienti Protocollo V = protocollo utilizzato per le Fatture di Vendita Causale di Magazzino FVIS = causale per CHIUSURA del Conto a Rientro Attivo Causale Contabile FTV = causale utilizzata per la registrazione delle Dal menù Archivi Personalizzazione Legami Documenti. Nel caso di creazione di documenti del ciclo attivo (come BOLVIS e FATVIS) è necessario impostare anche i legami tra i due documenti (raggruppamento 03 da Bolla a Fattura).

8 8 Manuale Operativo Parametri della procedura Ai fini della gestione, è stata creata una apposita cartella nei Parametri della Procedura. Da Archivi Parametri Parametri Procedura cartella Gestione Conti a Rientro I primi due campi sono collegati alla gestione del CONTO LAVORO (si veda omonimo paragrafo): se attiva questa modalità, occorre selezionare per ogni tipo di conto da gestire come effettuare la chiusura, se Automatica o Manuale. Dai due campi è possibile operare una delle seguenti scelte: N Non Gestire: non viene prevista la gestione del Conto Lavoro; M Con chiusura manuale: selezionando questa opzione alla conferma del caricamento del DDT, fattura, dell Evasione di un Ordine o Movimento di Magazzino la cui causale prevede la chiusura di un Conto a Rientro viene visualizzata una maschera che dettaglia tutti i movimenti di apertura di conti a rientro ancora aperti per l articolo corrente: in questa maschera l utente distribuisce la quantità disponibile tra i movimenti stessi; A Con Chiusura Automatica: selezionando questa opzione alla conferma del caricamento del DDT, fattura, dell Evasione di un Ordine o Movimento di Magazzino la cui causale prevede la chiusura di un Conto a Rientro la procedura prevede la possibilità di ripartire la quantità da chiudere su più movimenti. È presente inoltre il seguente parametro, che ha un utilità generale: Ordinamento per Codice Articolo: nella griglia della maschera di Chiusura Conti A Rientro (che riporta il dettaglio delle quantità degli articoli inviate al cliente/fornitore ed ancora aperte) è possibile scegliere se visualizzare i dati ordinati per documento oppure articolo, al fine di semplificarne la ricerca. In particolare: se non selezionato, gli articoli vengono estratti e visualizzati in ordine di documento se selezionato, gli articoli vengono estratti e visualizzati in ordine di codice articolo Di base, lo stesso ordinamento scelto per la maschera di Chiusura Conti A Rientro sarà adottato anche nella generazione del dettaglio del documento di chiusura. Tuttavia, l attivazione di questa opzione abilita anche il successivo flag Riordinare la Nota per Documento che consente di ri-ordinare le righe (e le relative note) sui documenti generati in base al documento di origine. E possibile così scegliere di visualizzare gli articoli nella maschera di Chiusura Conti A Rientro in ordine di codice articolo: una volta individuati e selezionati gli articoli d interesse, i dati scelti saranno riportati sul documento di destinazione raggruppati nuovamente per documento (per garantire un dettaglio compatto).

9 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO Ai fini della gestione sono stati sviluppati diversi automatismi, ed una serie di funzionalità specifiche che consentono di monitorare la merce in magazzino o presso terzi, a video o su stampa. Le operazioni di gestione dei conti a rientro prevedono due fasi principali: l apertura del conto la successiva chiusura Apertura del Conto a Rientro L Apertura del Conto a Rientro avviene inserendo dei movimenti di magazzino o dei documenti (utilizzando le tipologie appositamente create) utilizzando le causali legate al conto a rientro con Tipo Operazione = APERTURA. L operazione di apertura può quindi avvenire da: Input Movimenti Entrata e Uscita Caricamento Ddt Caricamento Ddt Fornitore A condizione che la causale di magazzino utilizzata (o collegata al documento di trasporto, nel caso di caricamento del documento) sia una causale di apertura del conto a rientro. Le operazioni di Apertura avvengono senza particolari differenze operative in confronto alla normale registrazione dei movimenti di magazzino o emissione dei documenti di vendita/acquisto: la differenza consiste nella struttura delle causali utilizzate e collegate alla movimentazione, per le quali nei prossimi capitoli forniamo alcuni esempi analitici Chiusura del Conto a Rientro La Chiusura del Conto a Rientro avviene inserendo movimenti o documenti che utilizzano causali con Tipo Operazione = CHIUSURA. L operazione di chiusura può quindi avvenire da: Input Movimenti Entrata e Uscita Caricamento Ddt Caricamento Ddt Fornitore Generazione Fatture (o Caricamento Fatture) A condizione che la causale di magazzino utilizzata (o collegata al documento utilizzato, nel caso di caricamento del documento) sia una causale di chiusura del conto a rientro. La chiusura del conto a rientro può avvenire in diverse modalità, a seconda della natura del conto, ovvero se PASSIVO o ATTIVO, proponendo in ogni caso all utente l elenco della merce inviata/ricevuta con conto a rientro per il cliente/fornitore intestatario del movimento/documento. Nelle prossime pagine andiamo a verificare nel dettaglio gli automatismi collegati alla chiusura del conto a rientro, considerando che a tal fine sono stati sviluppati particolari automatismi.

10 10 Manuale Operativo Chiusura CR da INPUT MOVIMENTI DI MAGAZZINO La chiusura del conto a rientro avviene cliccando 2 volte sulla griglia di dettaglio della funzione. Inserita in testata una causale di chiusura del conto a rientro (creata come da impostazioni precedentemente descritte) e indicato il codice cliente/fornitore, cliccando due volte sulla griglia della funzione viene automaticamente visualizzata un maschera che riporta la situazione dei conti a rientro aperti per il codice cliente/fornitore indicato nella testata. Questa maschera è chiamata Chiusura del conto a Rientro: qui è possibile inserire la quantità per la quale si vuole chiudere il conto. Alla conferma dei dati inseriti, la procedura genera in automatico le righe nella griglia di dettaglio del Movimento/Documento. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Input Movimenti Entrata/Uscita: Questa maschera appare ciccando due volte sulla griglia dell Input Movimenti Entrata/Uscita e delle funzioni di Caricamento Documenti associate a causali di chiusura del conto a rientro

11 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Chiusura CR da GENERAZIONE FATTURE (CR ATTIVI) Si ha la possibilità chiudere la bolla del cliente fatturandola, utilizzando le normali funzioni di evasione degli altri documenti. Si accede alla funzione dal menù Vendite Generazione Fatture: Nel campo Documento Sorgente è necessario inserire il codice del documento di uscita della merce (es. BOLVIS): automaticamente la Procedura assegna il codice del documento di destinazione (come da Legami Documenti nell esempio FATVIS) nel campo Documento Destinazione e consente l estrazione delle bolle da chiudere (secondo le consuete modalità Ved. Man. Vendite Ordini Magazzino). Procedendo con la generazione fatture, alla Conferma dell operazione viene generata la fattura che andrà anche a chiudere il movimento di Conto a Rientro. La bolla può anche essere fatturata parzialmente procedendo con la generazione parziale (Ved. Man. Vendite Ordini Magazzino). In particolare, nel caso in cui da questa funzione venga richiamata una bolla già parzialmente fatturata, la procedura, dopo aver visualizzato il seguente messaggio: Propone automaticamente la fatturazione parziale.

12 12 Manuale Operativo Chiusura CR da CARICAMENTO DOCUMENTI La maschera di Chiusura conti a Rientro, per il richiamo dei conti ancora aperti per il cliente/fornitore intestatari del movimento, è applicabile a tutte le funzioni di Caricamento documenti: la maschera si attiva in automatico cliccando nella griglia di dettaglio della funzione, nel caso in cui il codice documento presenti l associazione ad una causale di magazzino con chiusura di un conto a rientro (es. bolla di consegna a fornitore terzista, oppure a cliente, etc ) Si ha la possibilità così di chiudere un movimento di apertura del conto a rientro con l emissione di un documento che contestualmente aggiorna la situazione di magazzino, generando un movimento di chiusura collegato: un esempio è la fatturazione di una bolla cliente fatturandola direttamente dalla funzione di Caricamento delle fatture. Chiusura Bolla di visione da Caricamento Fatture Un esempio della gestione, come accennato, è applicabile alla fatturazione delle bolle clienti. Nel caso che andremo ad affrontare va fatta un importante annotazione: la procedura che andremo a vedere provvede ad emettere un documento e ad aggiornare il magazzino (chiudendo i conti aperti) ma nel caso di bolla cliente non aggiorna lo stato del documento come fatturato. Ne consegue che i due documenti non saranno legati a livello di archivio (quindi, funzioni con la consultazione documenti sorgenti non rileveranno alcun collegamento) né le bolle gestite con questa metodologia saranno selezionate come fatturate. Si accede alla funzione dal menù Vendite Caricamento Fatture: Caricata una BOLVIS, da qui è possibile caricare direttamente la FATVIS a chiusura della bolla. Richiamato il cliente intestatario del conto, posizionandosi sulla griglia con doppio click si apre la maschera per la Chiusura del conto a rientro. Indicando nel campo Q.tà Resa la quantità da fatturare, alla conferma della maschera saranno automaticamente compilate le righe di dettaglio della fattura:

13 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 13 Esempio dettaglio fattura automaticamente compilato Abilitando il flag Riporto Prezzo in Fattura, viene prelevato il prezzo direttamente dal documento di trasporto, viceversa, il prezzo viene ripreso dal listino. Esempio di Chiusura Bolla con cliente diverso dall'originario. Un'altra particolare funzione associata ai Conti a Rientro, è la possibilità di chiudere un conto intestando il documento fattura ad un cliente diverso rispetto a quello cui era stato aperto il Conto originario. Per avvalersi della funzionalità è necessario procedere con la chiusura per fatturazione del conto dal Caricamento Fatture. Facciamo un esempio utilizzando per esempio la società Demo: da Vendite/Caricamento D.D.t. inseriamo una BOLVIS intestata a EXPERT CASA NEW, ed indichiamo nel dettaglio una riga di articolo HP_PENTIUM per 1 quantità: confermiamo Da Vendite Caricamento Fatture inseriamo una FATVIS intestata al cliente GAMMA; posizionati sulla griglia di dettaglio, clicchiamo due volte: apparirà un messaggio che avvisa che non esiste alcun conto da chiudere. La procedura ha infatti effettuato una serie di controlli dei movimenti intestati al cliente destinatario del documento, il quale nel nostro caso non ha nessun conto a rientro associato: il programma evidenzia il messaggio e abilita il campo Cliente per permette la selezione di un codice cliente con conti a rientro aperti. Selezioniamo in questo campo il codice cliente relativo a EXPER CASA NEW: quindi, indicando la quantità resa e confermando saranno riportati nel dettaglio le righe del conto a rientro di EXPERT CASA NEW, che alla conferma del documento verrà anche chiuso.

14 14 Manuale Operativo Ripartizione Bolle Conti a Rientro (CR ATTIVI) La funzione permette lo sdoppiamento di una bolla d apertura di un Conto a Rientro, relativo ad un cliente, per permetterne la fatturazione parziale. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Ripartizione Bolle Conti a Rientro: Si pensi al caso di un cliente che restituisca solo parte della merce in conto visione: con questa funzione si può procedere alla scissione della bolla di partenza (che può essere anche parzialmente chiusa) generando da questa due bolle (quella iniziale e una nuova) nelle quali dividere le quantità originali. In questo modo, è possibile procedere alla gestione separata dei due documenti, ad esempio fatturandone uno e chiudendone l altro con un reso. Le fasi da compiere hanno quindi lo scopo di sdoppiare il movimento originario generando un nuovo movimento del Conto a Rientro pari alla quantità di merce che il cliente decide di tenere. Dal campo Bolla da ripartire è possibile aprire la lista dei documenti di tipo bolla cliente, e selezionare il documento da ripartire: richiamato il documento, nel dettaglio appaiono le righe di dettaglio degli articoli, con: Articolo: codice dell articolo; Descrizione / UM : descrizione e unità di misura dell articolo; Q.tà Mov: quantità originale indicata nel dettaglio del documento da sdoppiare; Q.tà Chiusa: quantità già chiusa (ricevuta/venduta) relativa alla riga di dettaglio; Q.tà Nuova: quantità da riportare sul documento nuovo da generare. Confermando i dati inseriti, viene creato un nuovo documento di tipo Bolla, che avrà la stessa tipologia e protocollo di quello di origine e le quantità pari a quelle indicati nella colonna Q.tà nuova. Sul documento di origine, su ogni riga le quantità saranno decurtate delle quantità nuove. Nel caso di gestione delle Matricole, verrà visualizzata anche la colonna Matr., che serve per la definizione delle stesse: se il valore è selezionato, con un doppio clic in corrispondenza della casella di spunta si ottiene l apertura della relativa finestra per l associazione dei codici matricola.

15 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Consultazione Conti a Rientro La funzione procede all interrogazione e alla visualizzazione dei movimenti a rientro, eventualmente estratti per Data Scadenza: vengono visualizzati tutti i movimenti di apertura del conto a rientro, con il dettaglio della quantità trasferita, quantità resa e lo stato del conto (aperto/chiuso). Si accede alla funzione dal Menù Magazzino Consultazione Conti a Rientro: I limiti per l estrazione si basano sull articolo, sul codice conto, sulle date di apertura e sulle date di scadenza: quest ultima opzione in particolare permette di controllare i movimenti dei conti a rientro per i quali si approssima la scadenza. È possibile impostare inoltre il tipo di ordinamento degli articoli estratti, scegliendo tra le seguenti opzioni: - Per Conto Articolo (opzione impostata di default) - per Conto Data Movimento - per Data Movimento. Di default è selezionato il flag Movimenti Aperti, che permette l estrazione dei conti per i quali non si è ancora avuto un movimento di merce di segno contrario, a chiusura del conto a rientro (ad esempio ad un movimento in uscita di merce in conto visione, ancora non corrisponde un movimento di rientro merce da conto visione). Selezionando l opzione Movimenti Chiusi la procedura procedere all estrazione anche dei movimenti che sono stati chiusi. I check Conti Attivi/ Conti Passivi permettono l estrazione dei movimenti di conti a rientro a seconda della loro natura

16 16 Manuale Operativo Cliccando sul pulsante Estrai vengono visualizzati in griglia tutti i movimenti di apertura dei conti a rientro che rientrano nei parametri di selezione; per ogni riga di articolo vengono visualizzati: il tipo di Conto a rientro collegato; la Data di Apertura, quale data di registrazione del movimento di apertura; la Data di Scadenza, calcolata in base ai Giorni calcolo scadenze indicati nell anagrafica del conto associato alla movimentazione; il Documento di apertura, che può essere una bolla o un movimento di magazzino. In entrambi i casi, viene estratto il Numero movimento e la data; il Cli/For, Articolo, Descrizione indicati sul documento di apertura; Q.tà Trasf: riporta la quantità trasferita, ovvero movimentata dal documento di apertura; Q.tà Resa: riporta la quantità resa, ovvero rientrata/resa da un documento di chiusura; Chiuso: indica lo stato del conto a rientro, se Chiuso o Aperto (Sì/No). In fondo alla maschera sono presenti i pulsanti Pulisci, Esci e: Excel : per esportare i dati esposti in griglia in un foglio excel per essere elaborati Stampa : fornisce una stampa dei dati estrapolati e visibili in griglia

17 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Situazione Conti a Rientro La funzione Situazione Conti a Rientro consente di stampare un resoconto analitico dei Conti a Rientro (sia attivi che passivi) Aperti o Chiusi ordinati per Cliente /Fornitore/Articolo con la possibilità di impostare intervalli di date (scadenza o apertura) o clienti, fornitori. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Situazione Conti a Rientro: Nella maschera di filtro è possibile impostare diversi parametri di selezione, tra i quali: Conto Rientro: la stampa viene elaborata suddivisa per ogni conto. E possibile effettuare un elaborazione anche per un solo conto, indicando nel campo il dato di interesse. Stato: è possibile estrarre i movimenti Aperti, Chiusi o Tutti. Ordinamento: la stampa è ordinabile secondo i seguenti parametri - Ordinato per Cliente - Ordinato per Fornitore - Ordinato per Articolo La stampa riporta l elenco di tutti i movimenti di apertura di conti a rientro, selezionate secondo i criteri di filtro impostati. Con l opzione Stampa Dettaglio Movimenti Chiusura viene estratto anche il dettaglio del movimento/ti di chiusura. Con Conferma si visualizza l anteprima di stampa, con Esci si annulla il processo. Dall anteprima, cliccando sul pulsante si procede alla Stampa.

18 18 Manuale Operativo 1.3 ESEMPI DI GESTIONE E CAUSALI La gestione dei Conti a Rientro presenta aspetti differenti a seconda della natura del Conto stesso: per questo, la procedura permette l impostazione di diversi parametri, per adattare le funzionalità alle reali esigenze di ogni azienda. Al fine di comprendere meglio la logica appena descritta, proponiamo degli schemi di impostazione da adottare per la gestione dei conti di rientro Attivi e Passivi, prendendo come esempio i casi più comuni. Ogni schema descrive per ogni momento le operazioni da effettuare, e le impostazioni da eseguire: gli esempi utilizzano in parte i dati inseriti sulla Società DEMO, in parte dei conti 1 e delle causali creati appositamente ai fini della spiegazione. Ricordiamo che ogni caso di uscita di merce (per reso o per consegna) può essere gestito non solo dall Input Movimenti Entrata/Uscita (Magazzino) ma anche creando documenti di vendita che, associati alle stesse causali di magazzino, permettono all utente di ottenere con un'unica operazione sia la generazione del movimento di chiusura che la stampa del documento di trasporto. Indipendentemente dalla gestione adottata, per monitorare la situazione dei conti a rientro è possibile utilizzare le seguenti funzioni di controllo: Consultazione Conti a Rientro; Stampa Situazione Conti a Rientro. Gli esempi di seguito esposti sono indicativi: ricordiamo al lettore che l impostazione e la struttura di causali e documenti è libera, e può essere costruita secondo le diverse esigenze. E possibile costruire quindi l iter più adatto e aderente alla singola realtà aziendale, considerando che gli esempi riportati nel seguito sono stati studiati componendo le diverse variabili per ottenere movimentazioni di magazzino corrette. 1 - il termine Conto rappresenta CONTI A RIENTRO, non conto contabile.

19 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 1: CONTO VISIONE ATTIVO E caratterizzato dall uscita di merce per conto visione. E associato al conto a rientro VIS. Il destinatario del conto visione è tipicamente il CLIENTE. Il ciclo si apre con l uscita di merce con una bolla in conto visione. Si chiude con il rientro o la fatturazione (o entrambi) della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: USCITA DELLA MERCE (apertura) Emissione Emissione Ddt in conto visione Dal Caricamento Ddt Viene generato il movimento di: scarico della merce apertura del conto RIENTRO/FATTURAZIONE DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Rientro della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: rettifica dello scarico precedente chiusura del conto Caso 2: Fatturazione della merce Dalla Generazione Fatture (o dal Caricamento Fatture) Viene generato il movimento di: chiusura del conto Caso 3: Rientro e Fatturazione parziale della merce

20 20 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLVIS da Caricamento DDt (bolla di uscita in c/to visione) La BOLVIS ha associata la causale di magazzino VIS che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico + (più) <N - Nullo> M Magazzino C Cliente VIS Apertura CHIUSURA DEL CONTO Rientro della Merce RVIS da Input Movimenti Mentre la BOLVIS ha la seguente struttura: Tipo BC (bolle clienti) C. Magazzino VIS C. Contabile <nullo> La causale RVIS ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico - (meno) <N - Nullo> C Cliente M Magazzino VIS Chiusura Vendita della Merce FATVIS da Caricamento Fatture La FATVIS ha associata la causale di magazzino RVIS che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione <N - Nullo> + (più) V - Vendite M Magazzino C Cliente VIS Chiusura Mentre la FATVIS ha la seguente struttura: Tipo FT (fatture clienti) C. Magazzino RVIS C. Contabile FTV (o in base al protocollo) Note sulla gestione: Altre operazioni di gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. E possibile gestire anche un rientro parziale, suddiviso in momenti diversi, e fatturazioni parziali. Ripartizione Bolle da Conti a Rientro Per creare una nuova bolla da una già esistente, ripartendone le quantità tra le due

21 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 2: CONTO VISIONE PASSIVO E caratterizzato dall entrata di merce per conto visione. E associato al conto a rientro VIP. Il soggetto che invia la merce è tipicamente il FORNITORE. Il ciclo si apre con l entrata di merce con una bolla in conto visione. Si chiude con l acquisto o con il reso (o entrambi) della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: ENTRATA DELLA MERCE (apertura) Emissione Entrata Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: carico della merce apertura del conto RESO/ACQUISTO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Reso della merce Dal Caricamento Ddt Fornitori Viene generato il movimento di: rettifica del carico della merce chiusura del conto Caso 2: Acquisto della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: chiusura del conto Caso 3: Reso e Acquisto parziale della merce

22 22 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce EVIP da Input Movimenti (bolla di entrata in c/to visione) La causale EVIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C - Carico + (più) <N - Nullo> F Fornitore M Magazzino VIP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Reso della Merce BOLVIP dal Caricamento Ddt Fornitori (bolla di reso) La BOLVIP ha associata la causale di magazzino RVIP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico - (meno) <N - Nullo> M Magazzino F Fornitore VIP Chiusura Mentre la BOLVIP ha la seguente struttura: Tipo BF (bolle fornitori) C. Magazzino VIP C. Contabile <nullo> Acquisto della Merce CVIP da Input Movimenti (entrata definitiva) La causale CVIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione <N - Nullo> + (più) A - Acquisti F Fornitore M Magazzino VIP Chiusura Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. E possibile gestire anche un reso parziale, suddiviso in momenti diversi, e acquisti parziali.

23 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 3: CONTO RIPARAZIONE ATTIVO E caratterizzato dell uscita di merce per conto riparazione. E associato al conto a rientro RIP. Il destinatario del conto visione è tipicamente il FORNITORE. Il ciclo si apre con l uscita di merce con una bolla in conto riparazione. Si chiude con il rientro della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: USCITA DELLA MERCE (apertura) Emissione Emissione Ddt in conto riparazione Dal Caricamento Ddt Fornitori Viene generato il movimento di: scarico della merce apertura del conto RIENTRO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Rientro della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: rettifica dello scarico precedente chiusura del conto

24 24 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLRIP da Caricamento DDt Fornitori (bolla di uscita ) La BOLRIP ha associata la causale di magazzino RIP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico + (più) <N - Nullo> M Magazzino F Fornitore RIP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Rientro della Merce RRIP da Input Movimenti Mentre la BOLVIS ha la seguente struttura: Tipo BF (bolle fornitori) C. Magazzino RIP C. Contabile <nullo> La causale RRIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico - (meno) <N - Nullo> F Fornitore M Magazzino RIP Chiusura Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. L evento trattato può prevedere un rientro parziale, suddiviso in momenti diversi.

25 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 4: CONTO RIPARAZIONE PASSIVO E caratterizzato dall entrata di merce per conto riparazione. E associato al conto a rientro RPP Il soggetto che invia la merce è tipicamente il CLIENTE. Il ciclo si apre con l entrata di merce con una bolla in conto riparazione si chiude con il reso della quantità di merce ricevuta Sintetizzando, il flusso è il seguente: ENTRATA DELLA MERCE (apertura) Emissione Ricevimento della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: carico della merce apertura del conto RESO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Emissione della bolla di consegna Dal Caricamento Ddt Viene generato il movimento di: rettifica del carico precedente chiusura del conto

26 26 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce ERPP da Input Movimenti La causale ERPP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico + (più) <N Nullo> C Cliente M Magazzino RPP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Reso della Merce BOLRPP da Caricamento DDt (bolla di consegna) La BOLRPP ha associata la causale di magazzino RRPP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico - (meno) <N - Nullo> M Magazzino C Cliente RPP Chiusura Mentre la BOLRPP ha la seguente struttura: Tipo BC (bolle clienti) C. Magazzino RPP C. Contabile <nullo> Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. L evento trattato può prevedere un reso parziale, suddiviso in momenti diversi.

27 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro CONTO LAVORO E possibile associare la gestione dei Conti a Rientro al Conto lavoro. In particolare, a seconda del tipo di conto lavoro, si possono presentare due casi: CONTO LAVORO ATTIVO : è il caso della consegna dei componenti ad un fornitore utilizzati per la realizzazione di un prodotto finito (o semilavorato); quando il fornitore fornisce il prodotto, si chiudono i conti a rientro aperti, relativi ai componenti. APERTURA USCITA COMPONENTI MAGAZZINO FORNITORE Ricevimento prodotto /semilavorato CHIUSURA CONTO LAVORO PASSIVO : è il caso del ricevimento dei componenti del cliente utilizzati per la realizzazione del prodotto finito; alla consegna del prodotto finito si esegue la chiusura dei conti a rientro dei componenti. APERTURA CLIENTE ENTRATA COMPONENTI MAGAZZINO Invio prodotto finito CHIUSURA La Gestione del conto lavoro prevede la movimentazione di articoli componenti (in entrata \ uscita) e il rientro di articoli prodotti finiti \ semilavorati (in rientro) che presentano una distinta base contenete i componenti precedentemente movimentati, nelle quantità richieste dalla stessa distinta. Solo in questo caso si attivano gli automatismi nel seguito descritti.

28 28 Manuale Operativo Impostazioni Per utilizzare la gestione del Conto lavoro, è necessario impostare: Da Archivi Parametri Parametri Procedura cartella Gestione Conti a Rientro: Selezionare per ogni tipo di conto da gestire come effettuare la chiusura, se Automatica o Manuale, come descritto nel paragrafo Parametri della procedura. Da Archivi Tabelle Società Causali di Magazzino Le causali per la movimentazione della merce in conto lavoro si collegano al campo Causale Chiusura Conti Rientro, come più ampliamente descritto nelle pagine seguenti Note sulla Chiusura del Conto Lavoro La chiusura del conto lavoro cambia in funzione delle scelte operative nei Parametri. Alla chiusura del conto lavoro, nel caso in cui l operazione di chiusura dei Conti a Rientro impostata nei Parametri della procedura sia in modalità Manuale, all atto della conferma della generazione del Ddt viene visualizzata la seguente maschera in cui sono riportati i movimenti di apertura di conti a Rientro ancora aperti per l articolo corrente.

29 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 29 L utente può ripartire tra i movimenti aperti la Quantità Totale disponibile: ovviamente viene eseguito il controllo che le quantità immesse non superino la differenza tra quantità totale e rientrata per l articolo corrente: Quantità: quantità che il cliente ha inviato; Qtà Rien.:quantità che il cliente ha già restituito; Qtà da Movimentare: quantità da immettere e da ripartire tra la quantità totale disponibile (nel caso di più movimenti aperti per il cliente, per ripartire la quantità relativa agli articoli già prodotti sui diversi documenti aperti); Da trattare: flag che si abilita alla digitazione della quantità da movimentare; Alla Conferma viene generato il movimento di chiusura necessario contenente tanti dettagli quanti sono i componenti dell articolo corrente da trattare, con la somma delle quantità movimentate pari a quella da evadere: per ognuno dei dettagli del movimento di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di chiusura è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di chiusura non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso. Nel caso in cui l operazione di chiusura dei Conti a Rientro venga impostata nei Parametri della procedura sia in modalità Automatica, all atto della conferma del Caricamento Ddt (evasione un ordine cliente, generazione di un movimento di magazzino o di una fattura o una fattura accompagnatoria) relativo all articolo o componente della distinta la cui causale preveda la chiusura del Conto a Rientro, viene generato il movimento di chiusura necessario contenente tanti dettagli quanti sono i componenti dell articolo corrente da trattare. Inoltre: per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di chiusura è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di chiusura non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso.

30 30 Manuale Operativo C/TO LAVORO PASSIVO: Conti e Causali Questo tipo di gestione è caratterizzato dall entrata di merce per conto lavorazione. Il soggetto che invia la merce è il cliente: il ciclo parte con l entrata del materiale con bolla da cliente, e prevede la produzione di un bene con distinta base per il quale parte dei componenti (necessari per la produzione) sono forniti dal cliente stesso. Si conclude con la consegna al cliente del prodotto finito, che può avvenire gestendo un documento DDt Cliente il quale ha collegato un particolare movimento di magazzino che provvede ad effettuare in automatico la chiusura del conto a rientro dei materiali forniti dal cliente. Le impostazioni ai fini della gestione sono diverse, e riguardano: Impostare i conti in Definizione Conti a Rientro, es. il conto a rientro LAP Impostare le distinte associate agli articoli in Distinta Base: Per gestire questa tipologia di conto, è necessario attivare il flag ContoLav sui componenti della distinta base dell articolo prodotto che devono essere forniti dal cliente: solo per i componenti abilitati verrà eseguita la chiusura del Conto a Rientro. Nota: la selezione dei componenti che vengono forniti dal cliente è fondamentale ai fini della velocità di gestione. Ovviamente, il flag non implica che la merce debba essere obbligatoriamente consegnata dal cliente. E importante sottolineare che la ricerca dei componenti di cui chiudere il conto a rientro non si ferma al primo livello.

31 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 31 Impostare le causali nella tabella Causali di Magazzino: Definire una causale di Ricevimento merce in c/lav cui sarà associato il conto a rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Apertura: Campo Valore CODICE RCLA TIPO Carico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA C Cliente UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO LAP È il conto a rientro passivo OPERAZIONE Apertura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Al ricevimento della merce a magazzino, seguirà la produzione del prodotto finito. Al termine della produzione, sarà caricato il prodotto finito e saranno scaricati i componenti. Quindi, il prodotto sarà consegnato con bolla di vendita al cliente e sarà chiuso il conto a rientro aperto. Definire quindi una causale per lo scarico dei componenti utilizzati nel conto lavoro cui sarà associato il conto a rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Chiusura. Campo Valore CODICE RECL TIPO <nullo> Nb: lo scarico è già avvenuto * SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA M Magazzino UNITÀ A C Cliente C/TO RIENTRO LAP È il conto a rientro passivo OPERAZIONE Chiusura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA * Nota: la causale sopra descritta considera che lo scarico dei componenti è già avvenuto (infatti, a livello logica la produzione del prodotto finito è già avvenuta, quindi si presuppone l avvenuta rilevazione del carico e dello scarico dei componenti).

32 32 Manuale Operativo Per completare la gestione, è necessario associare la causale di Chiusura RECL alla causale standard associata alle vendite (es. VEN). Questa causale avrà la struttura standard, e presenterà in più il campo CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO compilato. Campo CODICE C/TO RIENTRO OPERAZIONE CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Valore VEN RECL È il conto a rientro passivo Il campo Causale Chiusura Conti Rientro consente di aggiornare i movimenti di apertura con la causale specificata. Con questa impostazione, al momento in cui viene generato un movimento di magazzino (direttamente o tramite bolla, eventualmente evasa da un ordine cliente) la procedura effettua un controllo sulla causale di vendita del documento che si sta generando verificando la eventuale presenza della causale di chiusura associata, e di conti a rientro aperti per il cliente. * Nota: la causale sopra descritta effettua la vendita e la chiusura del conto aperto. Riepilogando, l iter è il seguente: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce RCLA da Input Movimenti Per registrare bolla di entrata CHIUSURA DEL CONTO Restituzione della Merce BOLCLI da Caricamento DDt Dove il Ddt ha associato la causale VEN a sua volta collegata alla RECL: VEN + RECL Note sulla gestione: Se parte della merce consegnata dal cliente venga RESA: Per gestire l eventuale reso a cliente di parte dei componenti ricevuti (per esempio, in quanto superflui ai fini della produzione) è possibile utilizzare una causale di reso a cliente, collegata al c/to LAP utilizzato, che presenterà la rettifica del carico precedente, ovvero: Tipo Carico Segno - Acq/Ven <nullo> Unità Da Magazzino Unità A Cliente C/to rientro LAP Operazione Chiusura

33 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Conto lavoro sulla produzione La gestione del Conto Lavoro è stata sviluppata anche per ottimizzare le operazioni di avanzamento della produzione quando viene eseguito uno scarico dei componenti per aggiornare le quantità utilizzate di ogni componente. Per ottenere una valorizzazione di magazzino corretta, che non consideri giacenti quegli articoli ricevuti con movimenti di conto lavoro ancora aperti ma effettivamente già scaricati dal magazzino a seguito della produzione, occorre indicare sulla causale di scarico per produzione il riferimento al conto a rientro coinvolto. E necessario procedere con la definizione del Codice CR da aggiornare con Q.tà Usata della Causale di Magazzino per lo Scarico per Produzione: tale dato non emetterà alcun movimento, ma sarà considerato durante l valorizzazioni di magazzino La registrazione della quantità utilizzata per la produzione viene eseguita secondo i seguenti passi: quando viene stampata la Lista di Prelievo, o si riceve la produzione a magazzino, o vengono scaricati i componenti usati in produzione, o viene eseguita la consuntivazione della produzione, viene controllata la causale di chiusura associata alla causale di magazzino del documento che si sta generando; se è prevista la gestione del Conto a Rientro, viene controllato che venga valorizzato il campo per la gestione della quantità utilizzata in produzione con il codice di Conto a Rientro; in caso di Scarico dei componenti utilizzati in produzione non viene esplosa al primo livello la distinta base di ogni articolo riportato nel documento che si sta generando (in tutti gli altri casi si effettua un esplosione della distinta al primo livello); per ogni componente, vengono prelevati tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente;

34 34 Manuale Operativo Se la chiusura dei Conti a Rientro è stata impostata con la modalità automatica nei Parametri della Procedura, si potrà procedere nel seguente modo: per ognuno dei movimenti di apertura viene calcolata la quantità usata soggetta a movimentazione che sarà determinata dalla differenza tra Quantità e valore maggiore tra QtaRien e QtaUsata; per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la Quantità utilizzata in quanto viene sommata alla quantità riportata nel documento che si sta generando per quel tipo di componente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Quantità coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di scarico è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di scarico non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; per ogni movimento di apertura interessato, viene duplicato il dettaglio del movimento di scarico per il componente corrente; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso. Se la chiusura dei Conti a Rientro è stata impostata in modalità manuale dai Parametri della procedura si potrà procedere nel seguente modo: i movimenti di apertura vengono visualizzati su una maschera in cui l utente può distribuire la quantità da evadere tra i vari movimenti; a questo punto viene generato il movimento di scarico necessario, contenente tanti dettagli quanti sono quelli dei movimenti di apertura selezionati e con la somma delle quantità movimentate pari a quella da scaricare; per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di scarico è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di scarico non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Q.ta e Q.taRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso.

35 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro C/TO LAVORO ATTIVO: Conti e Causali Questo tipo di gestione è caratterizzato dall uscita di merce per conto lavorazione. Il soggetto che invia la merce è tipicamente il magazzino: il ciclo inizia con l invio al fornitore/terzista della merce in conto lavoro, che può avvenire anche con un DDt fornitore, per la produzione di un bene con distinta base cui parte dei componenti (necessari per la produzione) sono inviati dal magazzino stesso. Si conclude con il ricevimento del prodotto finito (o semilavorato) dal fornitore/terzista, rilevando un movimento di magazzino che provvede ad effettuare in automatico la chiusura del conto a rientro dei materiali inviati al fornitore La logica dell automatismo considera l invio di tutta la merce necessaria alla produzione del bene al fornitore/terzista (in quanto eventuali altri materiali non inviati saranno aggiunti e gestiti dal fornitore/terzista), con la possibilità di ricollegarsi alle distinte terzista, per differenziarle da quelle di produzione interna. Le impostazioni ai fini della gestione sono diverse, e riguardano: Impostare i conti in Definizione Conti a Rientro, es. il conto a rientro LAA Impostare le causali nella tabella Causali di Magazzino: Definire una causale di uscita in c/lavorazione cui sarà associato il Conto a Rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Apertura: Campo Valore CODICE UCLA TIPO Scarico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA M - Magazzino UNITÀ A Fornitore C/TO RIENTRO LAA È il conto a rientro attivo OPERAZIONE Apertura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA La causale può essere collegata ad una Ddt fornitore per l invio della merce (da creare in tabella Documenti)

36 36 Manuale Operativo Definire una causale l operazione di Chiusura del conto lavoro: Campo Valore CODICE RICL TIPO <nullo> SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA Fornitore UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO LAA È il conto a rientro attivo OPERAZIONE Chiusura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA La quale sarà collegata alla causale di carico a magazzino del prodotto finito/semilavorato Campo Valore CODICE RLAV (o ACQ) TIPO Carico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE Acquisti UNITÀ DA Fornitore UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO OPERAZIONE CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO RICL COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Riepilogando, l iter è il seguente: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLCLA da Caricamento DDt Fornitori Dove il Ddt ha associato la causale UCLA CHIUSURA DEL CONTO Note sulla gestione: Rientro della Merce RLAV da Input Movimenti Se parte della merce consegnata al fornitore venga RESA: Per gestire l eventuale reso dal fornitore di parte dei componenti inviati (per esempio, in quanto difettosi) è possibile utilizzare una causale di reso da fornitore, collegata al c/to LAA utilizzato, che presenterà la rettifica del precedente scarico, ovvero: Tipo Scarico Segno - Acq/Ven <nullo> Unità Da Fornitore Unità A Magazzino C/to rientro LAA Operazione Chiusura

37 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Generazione Ddt terzisti: gestione quantità disponibile La gestione della quantità disponibile presso il terzista in fase di generazione Ddt terzisti viene visualizzata impostando nei Parametri della Procedura i Conti a Rientro Attivi. La funzione Generazione Ddt Terzista presenta il flag Gestisci Quantità disponibile presso il terzista che, se attivato, consente di calcolare e di conseguenza proporre la quantità residua da inviare se i conti a rientro attivi vengono impostati in modalità automatica, mentre nel caso di definizione manuale viene solo visualizzata la quantità disponibile. Il calcolo viene effettuato per tutti i componenti presenti nella bolla che si sta generando. Ad esempio: nel caso di gestione automatica della generazione della bolla, viene calcolata la quantità da inviare come la minore tra la differenza tra la quantità totale necessaria per il componente e quella già scaricata e la quantità disponibile presso il terzista. Se il valore è negativo, la quantità da inviare viene posta a zero: cioè la quantità disponibile presso il terzista è maggiore di quella necessaria. L attivazione del flag consente altresì la visualizzazione nel dettaglio componenti della colonna Q.ta Presso Terzista. Il medesimo componente può essere presente in più posizioni della bolla (nel senso che diversi codici di prodotto finito potrebbero avere lo stesso componente): la quantità disponibile presso il terzista viene calcolata al momento in cui viene caricata la bolla e ogni qualvolta vengono calcolate o inserite manualmente le quantità da inviare per le varie righe; inoltre viene anche ricalcolata tale quantità disponibile presso il terzista anche se rimane visualizzata quella calcolata all apertura.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100 Gestione degli Ordini Indice generale Gestione degli Ordini...1 Introduzione...1 Associare una Casa Editrice ad un Distributore...1 Creazione della scheda cliente nella Rubrica Clienti...2 Inserimento

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

IMPORT EXPORT CONTABILITA GENERALE

IMPORT EXPORT CONTABILITA GENERALE IMPORT EXPORT CONTABILITA GENERALE Premesse : Obblighi e Procedure di Sicurezza: 1. Il soggetto che invia gli archivi DEVE avere una versione di contabilità uguale o inferiore a chi riceve gli archivi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria:

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria: Statistiche e Query partire dalla versione 63_01_006 LabPro ver 5.0 si è arricchito di 2 nuove funzionalità rispettivamente di estrazioni flessibili personalizzabili dei dati storicizzati nel database

Dettagli

Gestione dei Centri di Assistenza Tecnica. Un prodotto: LOGICA.Studio. Pagina 1

Gestione dei Centri di Assistenza Tecnica. Un prodotto: LOGICA.Studio. Pagina 1 Gestione dei Centri di Assistenza Tecnica Un prodotto: LOGICA.Studio Pagina 1 Ultima release 13/08/2010 La stampa di questo manuale è prevista su formato A5 in fronte/retro Pagina 2 INDICE Introduzione

Dettagli

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE IL MONDO CAMBIA IN FRETTA. MEGLIO ESSERE DINAMICO Siamo una società vicentina, fondata nel 1999, specializzata nella realizzazione di software gestionali

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 24.00.00 GAMMA EVOLUTION

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Gamma EVOLUTION. L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale

Gamma EVOLUTION. L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale Gamma EVOLUTION L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale Gamma Evolution Caratteristiche Tecniche Linguaggio di programmazione: ACUCOBOLGT Case di sviluppo: TOTEM Sistema operativo: WINDOWS,

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

INDICE NEWSLETTER. ELATOS SRL, Viale Andreis 74, Desenzano del Garda (BS) - 030 2071562 - commerciale@elatos.net - w w w.elatos.

INDICE NEWSLETTER. ELATOS SRL, Viale Andreis 74, Desenzano del Garda (BS) - 030 2071562 - commerciale@elatos.net - w w w.elatos. INDICE NEWSLETTER 30/03/12 Agenti: provvigioni fisse Controllo partite aperte Elenco Primanota Gestione collaudi IVA esigibilità differita Mastrini clienti e fornitori: situazione partite Primanota: importazione

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SpA Sede Legale: Via Lungarno - 52028 - Terranuova Braccioini (AR) - Tel. 055/9197.1 (R.A.) - Fax 055/9197515 Filiale di Parma Via B. Franklin n.31 43100 Tel. 0521/606272 Fax.

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12

Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12 Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12 PREMESSA L AGGIORNAMENTO PUO ESSERE EFFETTUATO SOLO SU SUPER MISTER HORECA 5.0 L INSTALLAZIONE RICHIEDE L ATTIVAZIONE TELEFONICA TRAMITE KEY CODE PRIMA DI EFFETTUARE

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Card fidelity Interfaccia di vendita: risolto errore nella configurazione card fidelity se non si inserivano le soglie punti automatiche

Card fidelity Interfaccia di vendita: risolto errore nella configurazione card fidelity se non si inserivano le soglie punti automatiche AGGIORNAMENTO Programma Retail Shop Release 2.3.35 Data 18/11/2013 Tipo UPDATE NOTE DI INSTALLAZIONE Per installare l UPDATE è sufficiente eseguire il file RetailShopAutomationUpdate2335.exe. Questo UPDATE

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli