Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro"

Transcript

1 Release 5.20 Manuale Operativo CONTI A RIENTRO Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro La gestione Conti a Rientro permette di gestire tutti quei movimenti di entrata/uscita di merce dal magazzino che comportano il modificarsi delle giacenze ma il non modificarsi della valorizzazione fiscale di magazzino. E il caso del conto visione, del conto lavorazione, dell uscita per riparazione etc Queste funzionalità forniscono all utente uno strumento in grado di richiamare, per esempio, delle bolle in visione presso clienti e di trasformarle (totalmente o parzialmente) in fatture da emettere sia al cliente originale che ad un eventuale altro cliente; in questo modo e possibile tenere sotto controllo sia la merce uscita che entrata a magazzino a seguito di un conto a rientro. E possibile quindi impostare n Conti a Rientro, e l utilizzo della funzionalità è estendibile anche alla gestione della lavorazione presso terzi. Durante le funzioni di valorizzazione del magazzino, la merce entrata a magazzino a seguito di un conto a rientro non viene valorizzata come propria, mentre la merce uscita (ad esempio per un conto visione) viene valorizzata come propria anche se non giacente a magazzino.

2 2 Manuale Operativo Indice degli argomenti 1 GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO DEFINIZIONE E IMPOSTAZIONE Definizione Conti a Rientro Causali di Magazzino Creazione Documenti e Legami Parametri della procedura GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO Apertura del Conto a Rientro Chiusura del Conto a Rientro Chiusura CR da INPUT MOVIMENTI DI MAGAZZINO Chiusura CR da GENERAZIONE FATTURE (CR ATTIVI) Chiusura CR da CARICAMENTO DOCUMENTI Ripartizione Bolle Conti a Rientro (CR ATTIVI) Consultazione Conti a Rientro Situazione Conti a Rientro ESEMPI DI GESTIONE E CAUSALI Esempio 1: CONTO VISIONE ATTIVO Esempio 2: CONTO VISIONE PASSIVO Esempio 3: CONTO RIPARAZIONE ATTIVO Esempio 4: CONTO RIPARAZIONE PASSIVO CONTO LAVORO Impostazioni Note sulla Chiusura del Conto Lavoro C/TO LAVORO PASSIVO: Conti e Causali Conto lavoro sulla produzione C/TO LAVORO ATTIVO: Conti e Causali Generazione Ddt terzisti: gestione quantità disponibile... 37

3 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Gestione dei CONTI A RIENTRO L attivazione degli automatismi connessi all utilizzo di questa funzionalità necessitano: in prima analisi, la creazione dell anagrafica del conto a rientro, ovvero l impostazione delle caratteristiche e della tipologia di movimentazione associate al conto. In secondo luogo, il collegamento del conto a rientro alle causali di magazzino, appositamente create per l inserimento dei relativi movimenti. Quindi, la definizione di eventuali codici di documento (per es. D.d.t.) collegati alle anzidette causali. La gestione del conto a rientro prevede due tipologie: Conto a Rientro ATTIVO : la merce esce dal proprio magazzino (Apertura del conto a rientro) e successivamente rientra (Chiusura del conto a rientro) con movimento di rientro Oppure viene venduto con l emissione della fattura cliente. USCITA MERCE APERTURA MAGAZZINO Cliente/Fornitore b) - Emissione Fattura a) - Rientro Merce CHIUSURA Conto a Rientro PASSIVO : la merce entra nel proprio magazzino (Apertura del conto a rientro) e successivamente esce con movimento di uscita/reso (Chiusura del conto a rientro). APERTURA ENTRATA MERCE Cliente/Fornitore MAGAZZINO CHIUSURA Uscita (reso) Merce

4 4 Manuale Operativo 1.1 DEFINIZIONE E IMPOSTAZIONE Definizione Conti a Rientro La prima operazione da effettuare è l impostazione del conto a rientro da associare alle movimentazioni di magazzino: la creazione di differenti conti rende più agevole l estrazione dei movimenti dalle funzioni successive di gestione e consultazione. La funzione permette la definizione del conto a rientro a livello anagrafico. Si accede alla funzione dal menù Archivi Parametri Definizione Conti a Rientro: Conto a Rientro: si inserisce il codice obbligatorio, alfanumerico di lunghezza massima 3 caratteri, con la relativa descrizione. Il conto, una volta caricato nel programma con la funzione in esame, potrà essere legato ad un movimento di magazzino specifico, agendo sulla tabella Causali di Magazzino: nella tabella è infatti presente il campo Conto a Rientro che permette di richiamare il codice, nonché il campo Tipo di Operazione che specifica se si tratta di un movimento di Apertura o di Chiusura. Naturalmente questo solo nel caso in cui la causale di magazzino dovesse prevedere un movimento a rientro. Tipo conto: campo obbligatorio in cui inserire una delle due possibili tipologie: A Attività, P Passività. Tipo di totalizzazione: campo da cui è possibile decidere il tipo di esposizione ottenibile in fase di consultazione dei conti a rientro. Tale parametro viene applicato dalla funzione Consultazione Conti a Rientro descritto nel paragrafo successivo. Le possibile scelte sono: D dettagliata / G giornaliera / M mensile / A annuale / T totale. Giorni calcolo scadenze: campo abilitato solo se si è in Tipo di Totalizzazione Dettagliata. Indica dopo quanti giorni si devono intendere scaduti i conti in oggetto: nel caso in cui non si volesse una scadenza, occorre inserire il valore zero. Deposito Preferenziale: contiene il codice del deposito che verrà proposto ogniqualvolta si inserisca il codice del conto specifico. Il pulsante ELIMINA, presente nella parte bassa della videata, procede all eliminazione solo se il codice del Conto a Rientro corrente non è in uso. Il pulsante CONFERMA salva i dati riguardanti il conto inserito/modificato.

5 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Causali di Magazzino Definiti i conti a rientro, sarà necessario creare le causali di magazzino per gestire correttamente la movimentazione; tutte le causali create per la gestione del conto a Rientro (una volta utilizzate) non devono essere né modificate né annullate. Si accede alla funzione dal menù Archivi Tabelle Causali di Magazzino: Esempio causale di magazzino RVIS: E un esempio di una causale di Chiusura del conto a rientro VIS. Lo scopo della causale è quello di provvedere alla chiusura del movimento di uscita della merce in conto visione al cliente. Tutte le relative causali utilizzate nella gestione devono avere: Conto a Rientro: l indicazione del tipo di conto al quale sono associati (prelevabile dalla lista richiamabile dal campo, che sarà composta dai codici di conti definiti nella Definizione Conti a Rientro). Tipo Operazione la specifica si tratta di una Apertura o Chiusura. La gestione dei conti può essere associata alla gestione del conto lavoro, al fine di ottenere una serie di automatismi specifici per i quali sono richiesti i seguenti dati: Causale Chiusura Conti a Rientro: associabile alle causali di vendita del bene prodotto dal conto lavoro, con la quale sarà automaticamente generato un movimento di magazzino collegato che chiude un conto lavoro. Codice CR da aggiornare con Quantità usata: codice del conto a rientro da associare al movimento di scarico per produzione, al fine di valorizzare correttamente il magazzino.

6 6 Manuale Operativo I campi Unità Da/A dovranno indicare la provenienza e la destinazione della merce (quindi, per es. per un uscita di merce in conto visione c/o clienti, l Unità A sarà C-Cliente). Il campo Causale Chiusura Conti Rientro (come più ampliamente descritto nelle pagine seguenti, nella sezione del manuale dedicata al CONTO LAVORO) va gestito per le causali che attivano i meccanismi per la movimentazione della merce in conto lavoro. Nello schema che segue, sintetizziamo le caratteristiche generali relative all impostazione delle causali di magazzino per la movimentazione della merce con conti a rientro, suddivisi per tipo di operazione e tipologia di conto a rientro associato alla causale. Conto Rientro ATTIVO Tipo di movimento da generare Carico / Scarico Segno Acquisti/Vendite ATTIVO Apertura del Conto a Rientro S - Scarico + N - Nullo ATTIVO Chiusura con rientro merce a magazzino S Scarico - N - Nullo ATTIVO Chiusura con fatturazione (causale associata al codice documento fattura) N Nullo + V - Vendite Conto Rientro PASSIVO Tipo di movimento da generare Carico / Scarico Segno Acquisti/Vendite PASSIVO Apertura del Conto a Rientro C Carico + N Nullo PASSIVO Chiusura con uscita merce a Cli/For C - Carico - N Nullo PASSIVO Chiusura con mantenimento della merce N Nullo + A Acquisti Impostate le causali, si può procedere all impostazione dei documenti eventualmente interessati dalla movimentazione, cui è possibile associare le causali di magazzino per generare in automatico i movimenti all atto dell emissione dei documenti stessi. Nota sui momenti di gestione dei conti a rientro: La gestione dei movimenti di conto a rientro è composta da due fasi principali: Apertura L Apertura del Conto a Rientro avviene inserendo dei movimenti di magazzino o dei documenti (utilizzando le tipologie appositamente create) utilizzando le causali legate al conto a rientro con Tipo Operazione = APERTURA. Chiusura La Chiusura del Conto a Rientro avviene inserendo movimenti o documenti che utilizzano causali con Tipo Operazione = CHIUSURA. Le due fasi sono definite proprio dalla struttura della causale di magazzino utilizzata.

7 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Creazione Documenti e Legami Nella tabella documenti è necessario impostare i codice documento necessari, che devono movimentare il magazzino, e definirne quindi i legami (se non già presenti). Dal menù Archivi Tabelle Documenti. La creazione dei documenti può essere effettuata liberamente, in funzione delle esigenze dell utilizzatore e delle specifiche della procedura. In questo modo, è possibile associare alla generazione del documento cartaceo anche la generazione dei movimenti di magazzino interessati. Esempio: documenti per il conto visione attivo Vediamo per esempio la struttura di una BOLVIS (Bolla in Conto Visione). E il documento da utilizzare per la generazione delle Bolle Clienti, per l apertura del Conto a Rientro Attivo (relativo alla spedizione della merce): Codice Documento BOLVIS il codice può essere deciso dall utente Tipo Documento BC = Bolle Clienti Protocollo B = protocollo utilizzato per le Bolle Causale di Magazzino VIS = causale per APERTURA Conto a Rientro Attivo Causale Contabile / (Nulla) Vediamo ora la Struttura che deve avere la FATVIS (fattura da Conto a rientro). Presenta una particolarità: è infatti indispensabile che la Fattura da Visione presenti non solo la causale contabile ma anche la CAUSALE DI MAGAZZINO (per la Chiusura del Conto a Rientro). Codice Documento FATVIS il codice può essere deciso dall utente Tipo Documento FT Fatture Clienti Protocollo V = protocollo utilizzato per le Fatture di Vendita Causale di Magazzino FVIS = causale per CHIUSURA del Conto a Rientro Attivo Causale Contabile FTV = causale utilizzata per la registrazione delle Dal menù Archivi Personalizzazione Legami Documenti. Nel caso di creazione di documenti del ciclo attivo (come BOLVIS e FATVIS) è necessario impostare anche i legami tra i due documenti (raggruppamento 03 da Bolla a Fattura).

8 8 Manuale Operativo Parametri della procedura Ai fini della gestione, è stata creata una apposita cartella nei Parametri della Procedura. Da Archivi Parametri Parametri Procedura cartella Gestione Conti a Rientro I primi due campi sono collegati alla gestione del CONTO LAVORO (si veda omonimo paragrafo): se attiva questa modalità, occorre selezionare per ogni tipo di conto da gestire come effettuare la chiusura, se Automatica o Manuale. Dai due campi è possibile operare una delle seguenti scelte: N Non Gestire: non viene prevista la gestione del Conto Lavoro; M Con chiusura manuale: selezionando questa opzione alla conferma del caricamento del DDT, fattura, dell Evasione di un Ordine o Movimento di Magazzino la cui causale prevede la chiusura di un Conto a Rientro viene visualizzata una maschera che dettaglia tutti i movimenti di apertura di conti a rientro ancora aperti per l articolo corrente: in questa maschera l utente distribuisce la quantità disponibile tra i movimenti stessi; A Con Chiusura Automatica: selezionando questa opzione alla conferma del caricamento del DDT, fattura, dell Evasione di un Ordine o Movimento di Magazzino la cui causale prevede la chiusura di un Conto a Rientro la procedura prevede la possibilità di ripartire la quantità da chiudere su più movimenti. È presente inoltre il seguente parametro, che ha un utilità generale: Ordinamento per Codice Articolo: nella griglia della maschera di Chiusura Conti A Rientro (che riporta il dettaglio delle quantità degli articoli inviate al cliente/fornitore ed ancora aperte) è possibile scegliere se visualizzare i dati ordinati per documento oppure articolo, al fine di semplificarne la ricerca. In particolare: se non selezionato, gli articoli vengono estratti e visualizzati in ordine di documento se selezionato, gli articoli vengono estratti e visualizzati in ordine di codice articolo Di base, lo stesso ordinamento scelto per la maschera di Chiusura Conti A Rientro sarà adottato anche nella generazione del dettaglio del documento di chiusura. Tuttavia, l attivazione di questa opzione abilita anche il successivo flag Riordinare la Nota per Documento che consente di ri-ordinare le righe (e le relative note) sui documenti generati in base al documento di origine. E possibile così scegliere di visualizzare gli articoli nella maschera di Chiusura Conti A Rientro in ordine di codice articolo: una volta individuati e selezionati gli articoli d interesse, i dati scelti saranno riportati sul documento di destinazione raggruppati nuovamente per documento (per garantire un dettaglio compatto).

9 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro GESTIONE DEI CONTI A RIENTRO Ai fini della gestione sono stati sviluppati diversi automatismi, ed una serie di funzionalità specifiche che consentono di monitorare la merce in magazzino o presso terzi, a video o su stampa. Le operazioni di gestione dei conti a rientro prevedono due fasi principali: l apertura del conto la successiva chiusura Apertura del Conto a Rientro L Apertura del Conto a Rientro avviene inserendo dei movimenti di magazzino o dei documenti (utilizzando le tipologie appositamente create) utilizzando le causali legate al conto a rientro con Tipo Operazione = APERTURA. L operazione di apertura può quindi avvenire da: Input Movimenti Entrata e Uscita Caricamento Ddt Caricamento Ddt Fornitore A condizione che la causale di magazzino utilizzata (o collegata al documento di trasporto, nel caso di caricamento del documento) sia una causale di apertura del conto a rientro. Le operazioni di Apertura avvengono senza particolari differenze operative in confronto alla normale registrazione dei movimenti di magazzino o emissione dei documenti di vendita/acquisto: la differenza consiste nella struttura delle causali utilizzate e collegate alla movimentazione, per le quali nei prossimi capitoli forniamo alcuni esempi analitici Chiusura del Conto a Rientro La Chiusura del Conto a Rientro avviene inserendo movimenti o documenti che utilizzano causali con Tipo Operazione = CHIUSURA. L operazione di chiusura può quindi avvenire da: Input Movimenti Entrata e Uscita Caricamento Ddt Caricamento Ddt Fornitore Generazione Fatture (o Caricamento Fatture) A condizione che la causale di magazzino utilizzata (o collegata al documento utilizzato, nel caso di caricamento del documento) sia una causale di chiusura del conto a rientro. La chiusura del conto a rientro può avvenire in diverse modalità, a seconda della natura del conto, ovvero se PASSIVO o ATTIVO, proponendo in ogni caso all utente l elenco della merce inviata/ricevuta con conto a rientro per il cliente/fornitore intestatario del movimento/documento. Nelle prossime pagine andiamo a verificare nel dettaglio gli automatismi collegati alla chiusura del conto a rientro, considerando che a tal fine sono stati sviluppati particolari automatismi.

10 10 Manuale Operativo Chiusura CR da INPUT MOVIMENTI DI MAGAZZINO La chiusura del conto a rientro avviene cliccando 2 volte sulla griglia di dettaglio della funzione. Inserita in testata una causale di chiusura del conto a rientro (creata come da impostazioni precedentemente descritte) e indicato il codice cliente/fornitore, cliccando due volte sulla griglia della funzione viene automaticamente visualizzata un maschera che riporta la situazione dei conti a rientro aperti per il codice cliente/fornitore indicato nella testata. Questa maschera è chiamata Chiusura del conto a Rientro: qui è possibile inserire la quantità per la quale si vuole chiudere il conto. Alla conferma dei dati inseriti, la procedura genera in automatico le righe nella griglia di dettaglio del Movimento/Documento. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Input Movimenti Entrata/Uscita: Questa maschera appare ciccando due volte sulla griglia dell Input Movimenti Entrata/Uscita e delle funzioni di Caricamento Documenti associate a causali di chiusura del conto a rientro

11 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Chiusura CR da GENERAZIONE FATTURE (CR ATTIVI) Si ha la possibilità chiudere la bolla del cliente fatturandola, utilizzando le normali funzioni di evasione degli altri documenti. Si accede alla funzione dal menù Vendite Generazione Fatture: Nel campo Documento Sorgente è necessario inserire il codice del documento di uscita della merce (es. BOLVIS): automaticamente la Procedura assegna il codice del documento di destinazione (come da Legami Documenti nell esempio FATVIS) nel campo Documento Destinazione e consente l estrazione delle bolle da chiudere (secondo le consuete modalità Ved. Man. Vendite Ordini Magazzino). Procedendo con la generazione fatture, alla Conferma dell operazione viene generata la fattura che andrà anche a chiudere il movimento di Conto a Rientro. La bolla può anche essere fatturata parzialmente procedendo con la generazione parziale (Ved. Man. Vendite Ordini Magazzino). In particolare, nel caso in cui da questa funzione venga richiamata una bolla già parzialmente fatturata, la procedura, dopo aver visualizzato il seguente messaggio: Propone automaticamente la fatturazione parziale.

12 12 Manuale Operativo Chiusura CR da CARICAMENTO DOCUMENTI La maschera di Chiusura conti a Rientro, per il richiamo dei conti ancora aperti per il cliente/fornitore intestatari del movimento, è applicabile a tutte le funzioni di Caricamento documenti: la maschera si attiva in automatico cliccando nella griglia di dettaglio della funzione, nel caso in cui il codice documento presenti l associazione ad una causale di magazzino con chiusura di un conto a rientro (es. bolla di consegna a fornitore terzista, oppure a cliente, etc ) Si ha la possibilità così di chiudere un movimento di apertura del conto a rientro con l emissione di un documento che contestualmente aggiorna la situazione di magazzino, generando un movimento di chiusura collegato: un esempio è la fatturazione di una bolla cliente fatturandola direttamente dalla funzione di Caricamento delle fatture. Chiusura Bolla di visione da Caricamento Fatture Un esempio della gestione, come accennato, è applicabile alla fatturazione delle bolle clienti. Nel caso che andremo ad affrontare va fatta un importante annotazione: la procedura che andremo a vedere provvede ad emettere un documento e ad aggiornare il magazzino (chiudendo i conti aperti) ma nel caso di bolla cliente non aggiorna lo stato del documento come fatturato. Ne consegue che i due documenti non saranno legati a livello di archivio (quindi, funzioni con la consultazione documenti sorgenti non rileveranno alcun collegamento) né le bolle gestite con questa metodologia saranno selezionate come fatturate. Si accede alla funzione dal menù Vendite Caricamento Fatture: Caricata una BOLVIS, da qui è possibile caricare direttamente la FATVIS a chiusura della bolla. Richiamato il cliente intestatario del conto, posizionandosi sulla griglia con doppio click si apre la maschera per la Chiusura del conto a rientro. Indicando nel campo Q.tà Resa la quantità da fatturare, alla conferma della maschera saranno automaticamente compilate le righe di dettaglio della fattura:

13 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 13 Esempio dettaglio fattura automaticamente compilato Abilitando il flag Riporto Prezzo in Fattura, viene prelevato il prezzo direttamente dal documento di trasporto, viceversa, il prezzo viene ripreso dal listino. Esempio di Chiusura Bolla con cliente diverso dall'originario. Un'altra particolare funzione associata ai Conti a Rientro, è la possibilità di chiudere un conto intestando il documento fattura ad un cliente diverso rispetto a quello cui era stato aperto il Conto originario. Per avvalersi della funzionalità è necessario procedere con la chiusura per fatturazione del conto dal Caricamento Fatture. Facciamo un esempio utilizzando per esempio la società Demo: da Vendite/Caricamento D.D.t. inseriamo una BOLVIS intestata a EXPERT CASA NEW, ed indichiamo nel dettaglio una riga di articolo HP_PENTIUM per 1 quantità: confermiamo Da Vendite Caricamento Fatture inseriamo una FATVIS intestata al cliente GAMMA; posizionati sulla griglia di dettaglio, clicchiamo due volte: apparirà un messaggio che avvisa che non esiste alcun conto da chiudere. La procedura ha infatti effettuato una serie di controlli dei movimenti intestati al cliente destinatario del documento, il quale nel nostro caso non ha nessun conto a rientro associato: il programma evidenzia il messaggio e abilita il campo Cliente per permette la selezione di un codice cliente con conti a rientro aperti. Selezioniamo in questo campo il codice cliente relativo a EXPER CASA NEW: quindi, indicando la quantità resa e confermando saranno riportati nel dettaglio le righe del conto a rientro di EXPERT CASA NEW, che alla conferma del documento verrà anche chiuso.

14 14 Manuale Operativo Ripartizione Bolle Conti a Rientro (CR ATTIVI) La funzione permette lo sdoppiamento di una bolla d apertura di un Conto a Rientro, relativo ad un cliente, per permetterne la fatturazione parziale. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Ripartizione Bolle Conti a Rientro: Si pensi al caso di un cliente che restituisca solo parte della merce in conto visione: con questa funzione si può procedere alla scissione della bolla di partenza (che può essere anche parzialmente chiusa) generando da questa due bolle (quella iniziale e una nuova) nelle quali dividere le quantità originali. In questo modo, è possibile procedere alla gestione separata dei due documenti, ad esempio fatturandone uno e chiudendone l altro con un reso. Le fasi da compiere hanno quindi lo scopo di sdoppiare il movimento originario generando un nuovo movimento del Conto a Rientro pari alla quantità di merce che il cliente decide di tenere. Dal campo Bolla da ripartire è possibile aprire la lista dei documenti di tipo bolla cliente, e selezionare il documento da ripartire: richiamato il documento, nel dettaglio appaiono le righe di dettaglio degli articoli, con: Articolo: codice dell articolo; Descrizione / UM : descrizione e unità di misura dell articolo; Q.tà Mov: quantità originale indicata nel dettaglio del documento da sdoppiare; Q.tà Chiusa: quantità già chiusa (ricevuta/venduta) relativa alla riga di dettaglio; Q.tà Nuova: quantità da riportare sul documento nuovo da generare. Confermando i dati inseriti, viene creato un nuovo documento di tipo Bolla, che avrà la stessa tipologia e protocollo di quello di origine e le quantità pari a quelle indicati nella colonna Q.tà nuova. Sul documento di origine, su ogni riga le quantità saranno decurtate delle quantità nuove. Nel caso di gestione delle Matricole, verrà visualizzata anche la colonna Matr., che serve per la definizione delle stesse: se il valore è selezionato, con un doppio clic in corrispondenza della casella di spunta si ottiene l apertura della relativa finestra per l associazione dei codici matricola.

15 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Consultazione Conti a Rientro La funzione procede all interrogazione e alla visualizzazione dei movimenti a rientro, eventualmente estratti per Data Scadenza: vengono visualizzati tutti i movimenti di apertura del conto a rientro, con il dettaglio della quantità trasferita, quantità resa e lo stato del conto (aperto/chiuso). Si accede alla funzione dal Menù Magazzino Consultazione Conti a Rientro: I limiti per l estrazione si basano sull articolo, sul codice conto, sulle date di apertura e sulle date di scadenza: quest ultima opzione in particolare permette di controllare i movimenti dei conti a rientro per i quali si approssima la scadenza. È possibile impostare inoltre il tipo di ordinamento degli articoli estratti, scegliendo tra le seguenti opzioni: - Per Conto Articolo (opzione impostata di default) - per Conto Data Movimento - per Data Movimento. Di default è selezionato il flag Movimenti Aperti, che permette l estrazione dei conti per i quali non si è ancora avuto un movimento di merce di segno contrario, a chiusura del conto a rientro (ad esempio ad un movimento in uscita di merce in conto visione, ancora non corrisponde un movimento di rientro merce da conto visione). Selezionando l opzione Movimenti Chiusi la procedura procedere all estrazione anche dei movimenti che sono stati chiusi. I check Conti Attivi/ Conti Passivi permettono l estrazione dei movimenti di conti a rientro a seconda della loro natura

16 16 Manuale Operativo Cliccando sul pulsante Estrai vengono visualizzati in griglia tutti i movimenti di apertura dei conti a rientro che rientrano nei parametri di selezione; per ogni riga di articolo vengono visualizzati: il tipo di Conto a rientro collegato; la Data di Apertura, quale data di registrazione del movimento di apertura; la Data di Scadenza, calcolata in base ai Giorni calcolo scadenze indicati nell anagrafica del conto associato alla movimentazione; il Documento di apertura, che può essere una bolla o un movimento di magazzino. In entrambi i casi, viene estratto il Numero movimento e la data; il Cli/For, Articolo, Descrizione indicati sul documento di apertura; Q.tà Trasf: riporta la quantità trasferita, ovvero movimentata dal documento di apertura; Q.tà Resa: riporta la quantità resa, ovvero rientrata/resa da un documento di chiusura; Chiuso: indica lo stato del conto a rientro, se Chiuso o Aperto (Sì/No). In fondo alla maschera sono presenti i pulsanti Pulisci, Esci e: Excel : per esportare i dati esposti in griglia in un foglio excel per essere elaborati Stampa : fornisce una stampa dei dati estrapolati e visibili in griglia

17 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Situazione Conti a Rientro La funzione Situazione Conti a Rientro consente di stampare un resoconto analitico dei Conti a Rientro (sia attivi che passivi) Aperti o Chiusi ordinati per Cliente /Fornitore/Articolo con la possibilità di impostare intervalli di date (scadenza o apertura) o clienti, fornitori. Si accede alla funzione dal menù Magazzino Situazione Conti a Rientro: Nella maschera di filtro è possibile impostare diversi parametri di selezione, tra i quali: Conto Rientro: la stampa viene elaborata suddivisa per ogni conto. E possibile effettuare un elaborazione anche per un solo conto, indicando nel campo il dato di interesse. Stato: è possibile estrarre i movimenti Aperti, Chiusi o Tutti. Ordinamento: la stampa è ordinabile secondo i seguenti parametri - Ordinato per Cliente - Ordinato per Fornitore - Ordinato per Articolo La stampa riporta l elenco di tutti i movimenti di apertura di conti a rientro, selezionate secondo i criteri di filtro impostati. Con l opzione Stampa Dettaglio Movimenti Chiusura viene estratto anche il dettaglio del movimento/ti di chiusura. Con Conferma si visualizza l anteprima di stampa, con Esci si annulla il processo. Dall anteprima, cliccando sul pulsante si procede alla Stampa.

18 18 Manuale Operativo 1.3 ESEMPI DI GESTIONE E CAUSALI La gestione dei Conti a Rientro presenta aspetti differenti a seconda della natura del Conto stesso: per questo, la procedura permette l impostazione di diversi parametri, per adattare le funzionalità alle reali esigenze di ogni azienda. Al fine di comprendere meglio la logica appena descritta, proponiamo degli schemi di impostazione da adottare per la gestione dei conti di rientro Attivi e Passivi, prendendo come esempio i casi più comuni. Ogni schema descrive per ogni momento le operazioni da effettuare, e le impostazioni da eseguire: gli esempi utilizzano in parte i dati inseriti sulla Società DEMO, in parte dei conti 1 e delle causali creati appositamente ai fini della spiegazione. Ricordiamo che ogni caso di uscita di merce (per reso o per consegna) può essere gestito non solo dall Input Movimenti Entrata/Uscita (Magazzino) ma anche creando documenti di vendita che, associati alle stesse causali di magazzino, permettono all utente di ottenere con un'unica operazione sia la generazione del movimento di chiusura che la stampa del documento di trasporto. Indipendentemente dalla gestione adottata, per monitorare la situazione dei conti a rientro è possibile utilizzare le seguenti funzioni di controllo: Consultazione Conti a Rientro; Stampa Situazione Conti a Rientro. Gli esempi di seguito esposti sono indicativi: ricordiamo al lettore che l impostazione e la struttura di causali e documenti è libera, e può essere costruita secondo le diverse esigenze. E possibile costruire quindi l iter più adatto e aderente alla singola realtà aziendale, considerando che gli esempi riportati nel seguito sono stati studiati componendo le diverse variabili per ottenere movimentazioni di magazzino corrette. 1 - il termine Conto rappresenta CONTI A RIENTRO, non conto contabile.

19 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 1: CONTO VISIONE ATTIVO E caratterizzato dall uscita di merce per conto visione. E associato al conto a rientro VIS. Il destinatario del conto visione è tipicamente il CLIENTE. Il ciclo si apre con l uscita di merce con una bolla in conto visione. Si chiude con il rientro o la fatturazione (o entrambi) della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: USCITA DELLA MERCE (apertura) Emissione Emissione Ddt in conto visione Dal Caricamento Ddt Viene generato il movimento di: scarico della merce apertura del conto RIENTRO/FATTURAZIONE DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Rientro della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: rettifica dello scarico precedente chiusura del conto Caso 2: Fatturazione della merce Dalla Generazione Fatture (o dal Caricamento Fatture) Viene generato il movimento di: chiusura del conto Caso 3: Rientro e Fatturazione parziale della merce

20 20 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLVIS da Caricamento DDt (bolla di uscita in c/to visione) La BOLVIS ha associata la causale di magazzino VIS che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico + (più) <N - Nullo> M Magazzino C Cliente VIS Apertura CHIUSURA DEL CONTO Rientro della Merce RVIS da Input Movimenti Mentre la BOLVIS ha la seguente struttura: Tipo BC (bolle clienti) C. Magazzino VIS C. Contabile <nullo> La causale RVIS ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico - (meno) <N - Nullo> C Cliente M Magazzino VIS Chiusura Vendita della Merce FATVIS da Caricamento Fatture La FATVIS ha associata la causale di magazzino RVIS che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione <N - Nullo> + (più) V - Vendite M Magazzino C Cliente VIS Chiusura Mentre la FATVIS ha la seguente struttura: Tipo FT (fatture clienti) C. Magazzino RVIS C. Contabile FTV (o in base al protocollo) Note sulla gestione: Altre operazioni di gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. E possibile gestire anche un rientro parziale, suddiviso in momenti diversi, e fatturazioni parziali. Ripartizione Bolle da Conti a Rientro Per creare una nuova bolla da una già esistente, ripartendone le quantità tra le due

21 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 2: CONTO VISIONE PASSIVO E caratterizzato dall entrata di merce per conto visione. E associato al conto a rientro VIP. Il soggetto che invia la merce è tipicamente il FORNITORE. Il ciclo si apre con l entrata di merce con una bolla in conto visione. Si chiude con l acquisto o con il reso (o entrambi) della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: ENTRATA DELLA MERCE (apertura) Emissione Entrata Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: carico della merce apertura del conto RESO/ACQUISTO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Reso della merce Dal Caricamento Ddt Fornitori Viene generato il movimento di: rettifica del carico della merce chiusura del conto Caso 2: Acquisto della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: chiusura del conto Caso 3: Reso e Acquisto parziale della merce

22 22 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce EVIP da Input Movimenti (bolla di entrata in c/to visione) La causale EVIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C - Carico + (più) <N - Nullo> F Fornitore M Magazzino VIP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Reso della Merce BOLVIP dal Caricamento Ddt Fornitori (bolla di reso) La BOLVIP ha associata la causale di magazzino RVIP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico - (meno) <N - Nullo> M Magazzino F Fornitore VIP Chiusura Mentre la BOLVIP ha la seguente struttura: Tipo BF (bolle fornitori) C. Magazzino VIP C. Contabile <nullo> Acquisto della Merce CVIP da Input Movimenti (entrata definitiva) La causale CVIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione <N - Nullo> + (più) A - Acquisti F Fornitore M Magazzino VIP Chiusura Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. E possibile gestire anche un reso parziale, suddiviso in momenti diversi, e acquisti parziali.

23 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 3: CONTO RIPARAZIONE ATTIVO E caratterizzato dell uscita di merce per conto riparazione. E associato al conto a rientro RIP. Il destinatario del conto visione è tipicamente il FORNITORE. Il ciclo si apre con l uscita di merce con una bolla in conto riparazione. Si chiude con il rientro della quantità di merce consegnata. Sintetizzando, il flusso è il seguente: USCITA DELLA MERCE (apertura) Emissione Emissione Ddt in conto riparazione Dal Caricamento Ddt Fornitori Viene generato il movimento di: scarico della merce apertura del conto RIENTRO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Rientro della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: rettifica dello scarico precedente chiusura del conto

24 24 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLRIP da Caricamento DDt Fornitori (bolla di uscita ) La BOLRIP ha associata la causale di magazzino RIP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico + (più) <N - Nullo> M Magazzino F Fornitore RIP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Rientro della Merce RRIP da Input Movimenti Mentre la BOLVIS ha la seguente struttura: Tipo BF (bolle fornitori) C. Magazzino RIP C. Contabile <nullo> La causale RRIP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione S Scarico - (meno) <N - Nullo> F Fornitore M Magazzino RIP Chiusura Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. L evento trattato può prevedere un rientro parziale, suddiviso in momenti diversi.

25 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Esempio 4: CONTO RIPARAZIONE PASSIVO E caratterizzato dall entrata di merce per conto riparazione. E associato al conto a rientro RPP Il soggetto che invia la merce è tipicamente il CLIENTE. Il ciclo si apre con l entrata di merce con una bolla in conto riparazione si chiude con il reso della quantità di merce ricevuta Sintetizzando, il flusso è il seguente: ENTRATA DELLA MERCE (apertura) Emissione Ricevimento della merce Dal Input Movimenti Entrata/Uscita Viene generato il movimento di: carico della merce apertura del conto RESO DELLA MERCE (chiusura) Caso 1: Emissione della bolla di consegna Dal Caricamento Ddt Viene generato il movimento di: rettifica del carico precedente chiusura del conto

26 26 Manuale Operativo Le impostazioni di causali e documenti sono i seguenti: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce ERPP da Input Movimenti La causale ERPP ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico + (più) <N Nullo> C Cliente M Magazzino RPP Apertura CHIUSURA DEL CONTO Reso della Merce BOLRPP da Caricamento DDt (bolla di consegna) La BOLRPP ha associata la causale di magazzino RRPP che ha la seguente struttura: Tipo Segno Acq/Ven Unità Da Unità A C/to rientro Operazione C Carico - (meno) <N - Nullo> M Magazzino C Cliente RPP Chiusura Mentre la BOLRPP ha la seguente struttura: Tipo BC (bolle clienti) C. Magazzino RPP C. Contabile <nullo> Note sulla gestione: Le causali sopra menzionate collegate ai documenti possono anche essere utilizzate direttamente dall Input Movimenti di magazzino. L evento trattato può prevedere un reso parziale, suddiviso in momenti diversi.

27 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro CONTO LAVORO E possibile associare la gestione dei Conti a Rientro al Conto lavoro. In particolare, a seconda del tipo di conto lavoro, si possono presentare due casi: CONTO LAVORO ATTIVO : è il caso della consegna dei componenti ad un fornitore utilizzati per la realizzazione di un prodotto finito (o semilavorato); quando il fornitore fornisce il prodotto, si chiudono i conti a rientro aperti, relativi ai componenti. APERTURA USCITA COMPONENTI MAGAZZINO FORNITORE Ricevimento prodotto /semilavorato CHIUSURA CONTO LAVORO PASSIVO : è il caso del ricevimento dei componenti del cliente utilizzati per la realizzazione del prodotto finito; alla consegna del prodotto finito si esegue la chiusura dei conti a rientro dei componenti. APERTURA CLIENTE ENTRATA COMPONENTI MAGAZZINO Invio prodotto finito CHIUSURA La Gestione del conto lavoro prevede la movimentazione di articoli componenti (in entrata \ uscita) e il rientro di articoli prodotti finiti \ semilavorati (in rientro) che presentano una distinta base contenete i componenti precedentemente movimentati, nelle quantità richieste dalla stessa distinta. Solo in questo caso si attivano gli automatismi nel seguito descritti.

28 28 Manuale Operativo Impostazioni Per utilizzare la gestione del Conto lavoro, è necessario impostare: Da Archivi Parametri Parametri Procedura cartella Gestione Conti a Rientro: Selezionare per ogni tipo di conto da gestire come effettuare la chiusura, se Automatica o Manuale, come descritto nel paragrafo Parametri della procedura. Da Archivi Tabelle Società Causali di Magazzino Le causali per la movimentazione della merce in conto lavoro si collegano al campo Causale Chiusura Conti Rientro, come più ampliamente descritto nelle pagine seguenti Note sulla Chiusura del Conto Lavoro La chiusura del conto lavoro cambia in funzione delle scelte operative nei Parametri. Alla chiusura del conto lavoro, nel caso in cui l operazione di chiusura dei Conti a Rientro impostata nei Parametri della procedura sia in modalità Manuale, all atto della conferma della generazione del Ddt viene visualizzata la seguente maschera in cui sono riportati i movimenti di apertura di conti a Rientro ancora aperti per l articolo corrente.

29 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 29 L utente può ripartire tra i movimenti aperti la Quantità Totale disponibile: ovviamente viene eseguito il controllo che le quantità immesse non superino la differenza tra quantità totale e rientrata per l articolo corrente: Quantità: quantità che il cliente ha inviato; Qtà Rien.:quantità che il cliente ha già restituito; Qtà da Movimentare: quantità da immettere e da ripartire tra la quantità totale disponibile (nel caso di più movimenti aperti per il cliente, per ripartire la quantità relativa agli articoli già prodotti sui diversi documenti aperti); Da trattare: flag che si abilita alla digitazione della quantità da movimentare; Alla Conferma viene generato il movimento di chiusura necessario contenente tanti dettagli quanti sono i componenti dell articolo corrente da trattare, con la somma delle quantità movimentate pari a quella da evadere: per ognuno dei dettagli del movimento di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di chiusura è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di chiusura non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso. Nel caso in cui l operazione di chiusura dei Conti a Rientro venga impostata nei Parametri della procedura sia in modalità Automatica, all atto della conferma del Caricamento Ddt (evasione un ordine cliente, generazione di un movimento di magazzino o di una fattura o una fattura accompagnatoria) relativo all articolo o componente della distinta la cui causale preveda la chiusura del Conto a Rientro, viene generato il movimento di chiusura necessario contenente tanti dettagli quanti sono i componenti dell articolo corrente da trattare. Inoltre: per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di chiusura è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di chiusura non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso.

30 30 Manuale Operativo C/TO LAVORO PASSIVO: Conti e Causali Questo tipo di gestione è caratterizzato dall entrata di merce per conto lavorazione. Il soggetto che invia la merce è il cliente: il ciclo parte con l entrata del materiale con bolla da cliente, e prevede la produzione di un bene con distinta base per il quale parte dei componenti (necessari per la produzione) sono forniti dal cliente stesso. Si conclude con la consegna al cliente del prodotto finito, che può avvenire gestendo un documento DDt Cliente il quale ha collegato un particolare movimento di magazzino che provvede ad effettuare in automatico la chiusura del conto a rientro dei materiali forniti dal cliente. Le impostazioni ai fini della gestione sono diverse, e riguardano: Impostare i conti in Definizione Conti a Rientro, es. il conto a rientro LAP Impostare le distinte associate agli articoli in Distinta Base: Per gestire questa tipologia di conto, è necessario attivare il flag ContoLav sui componenti della distinta base dell articolo prodotto che devono essere forniti dal cliente: solo per i componenti abilitati verrà eseguita la chiusura del Conto a Rientro. Nota: la selezione dei componenti che vengono forniti dal cliente è fondamentale ai fini della velocità di gestione. Ovviamente, il flag non implica che la merce debba essere obbligatoriamente consegnata dal cliente. E importante sottolineare che la ricerca dei componenti di cui chiudere il conto a rientro non si ferma al primo livello.

31 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro - 31 Impostare le causali nella tabella Causali di Magazzino: Definire una causale di Ricevimento merce in c/lav cui sarà associato il conto a rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Apertura: Campo Valore CODICE RCLA TIPO Carico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA C Cliente UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO LAP È il conto a rientro passivo OPERAZIONE Apertura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Al ricevimento della merce a magazzino, seguirà la produzione del prodotto finito. Al termine della produzione, sarà caricato il prodotto finito e saranno scaricati i componenti. Quindi, il prodotto sarà consegnato con bolla di vendita al cliente e sarà chiuso il conto a rientro aperto. Definire quindi una causale per lo scarico dei componenti utilizzati nel conto lavoro cui sarà associato il conto a rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Chiusura. Campo Valore CODICE RECL TIPO <nullo> Nb: lo scarico è già avvenuto * SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA M Magazzino UNITÀ A C Cliente C/TO RIENTRO LAP È il conto a rientro passivo OPERAZIONE Chiusura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA * Nota: la causale sopra descritta considera che lo scarico dei componenti è già avvenuto (infatti, a livello logica la produzione del prodotto finito è già avvenuta, quindi si presuppone l avvenuta rilevazione del carico e dello scarico dei componenti).

32 32 Manuale Operativo Per completare la gestione, è necessario associare la causale di Chiusura RECL alla causale standard associata alle vendite (es. VEN). Questa causale avrà la struttura standard, e presenterà in più il campo CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO compilato. Campo CODICE C/TO RIENTRO OPERAZIONE CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Valore VEN RECL È il conto a rientro passivo Il campo Causale Chiusura Conti Rientro consente di aggiornare i movimenti di apertura con la causale specificata. Con questa impostazione, al momento in cui viene generato un movimento di magazzino (direttamente o tramite bolla, eventualmente evasa da un ordine cliente) la procedura effettua un controllo sulla causale di vendita del documento che si sta generando verificando la eventuale presenza della causale di chiusura associata, e di conti a rientro aperti per il cliente. * Nota: la causale sopra descritta effettua la vendita e la chiusura del conto aperto. Riepilogando, l iter è il seguente: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Entrata della merce RCLA da Input Movimenti Per registrare bolla di entrata CHIUSURA DEL CONTO Restituzione della Merce BOLCLI da Caricamento DDt Dove il Ddt ha associato la causale VEN a sua volta collegata alla RECL: VEN + RECL Note sulla gestione: Se parte della merce consegnata dal cliente venga RESA: Per gestire l eventuale reso a cliente di parte dei componenti ricevuti (per esempio, in quanto superflui ai fini della produzione) è possibile utilizzare una causale di reso a cliente, collegata al c/to LAP utilizzato, che presenterà la rettifica del carico precedente, ovvero: Tipo Carico Segno - Acq/Ven <nullo> Unità Da Magazzino Unità A Cliente C/to rientro LAP Operazione Chiusura

33 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Conto lavoro sulla produzione La gestione del Conto Lavoro è stata sviluppata anche per ottimizzare le operazioni di avanzamento della produzione quando viene eseguito uno scarico dei componenti per aggiornare le quantità utilizzate di ogni componente. Per ottenere una valorizzazione di magazzino corretta, che non consideri giacenti quegli articoli ricevuti con movimenti di conto lavoro ancora aperti ma effettivamente già scaricati dal magazzino a seguito della produzione, occorre indicare sulla causale di scarico per produzione il riferimento al conto a rientro coinvolto. E necessario procedere con la definizione del Codice CR da aggiornare con Q.tà Usata della Causale di Magazzino per lo Scarico per Produzione: tale dato non emetterà alcun movimento, ma sarà considerato durante l valorizzazioni di magazzino La registrazione della quantità utilizzata per la produzione viene eseguita secondo i seguenti passi: quando viene stampata la Lista di Prelievo, o si riceve la produzione a magazzino, o vengono scaricati i componenti usati in produzione, o viene eseguita la consuntivazione della produzione, viene controllata la causale di chiusura associata alla causale di magazzino del documento che si sta generando; se è prevista la gestione del Conto a Rientro, viene controllato che venga valorizzato il campo per la gestione della quantità utilizzata in produzione con il codice di Conto a Rientro; in caso di Scarico dei componenti utilizzati in produzione non viene esplosa al primo livello la distinta base di ogni articolo riportato nel documento che si sta generando (in tutti gli altri casi si effettua un esplosione della distinta al primo livello); per ogni componente, vengono prelevati tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente;

34 34 Manuale Operativo Se la chiusura dei Conti a Rientro è stata impostata con la modalità automatica nei Parametri della Procedura, si potrà procedere nel seguente modo: per ognuno dei movimenti di apertura viene calcolata la quantità usata soggetta a movimentazione che sarà determinata dalla differenza tra Quantità e valore maggiore tra QtaRien e QtaUsata; per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la Quantità utilizzata in quanto viene sommata alla quantità riportata nel documento che si sta generando per quel tipo di componente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Quantità coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di scarico è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di scarico non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Qta e QtaRien e viene segnalata l incongruenza; per ogni movimento di apertura interessato, viene duplicato il dettaglio del movimento di scarico per il componente corrente; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso. Se la chiusura dei Conti a Rientro è stata impostata in modalità manuale dai Parametri della procedura si potrà procedere nel seguente modo: i movimenti di apertura vengono visualizzati su una maschera in cui l utente può distribuire la quantità da evadere tra i vari movimenti; a questo punto viene generato il movimento di scarico necessario, contenente tanti dettagli quanti sono quelli dei movimenti di apertura selezionati e con la somma delle quantità movimentate pari a quella da scaricare; per ognuno dei movimenti di apertura viene aumentata la QtaRien della quantità esplosa per il componente, a partire dal documento corrente; se la quantità chiude esattamente il movimento di apertura, il campo Qta coinciderà con QtaRien e si passerà all analisi del componente successivo; se la quantità del movimento di scarico è maggiore di quella del movimento di apertura, si passa al movimento di apertura successivo se ne esistono, mentre in caso contrario viene segnalata l incongruenza; se, infine, la quantità del movimento di scarico non è sufficiente a chiudere il movimento di apertura relativo, viene effettuato l aggiornamento di Q.ta e Q.taRien e viene segnalata l incongruenza; se sono stati chiusi tutti i movimenti di apertura collegati al Conto a Rientro corrente, quest ultimo viene chiuso.

35 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro C/TO LAVORO ATTIVO: Conti e Causali Questo tipo di gestione è caratterizzato dall uscita di merce per conto lavorazione. Il soggetto che invia la merce è tipicamente il magazzino: il ciclo inizia con l invio al fornitore/terzista della merce in conto lavoro, che può avvenire anche con un DDt fornitore, per la produzione di un bene con distinta base cui parte dei componenti (necessari per la produzione) sono inviati dal magazzino stesso. Si conclude con il ricevimento del prodotto finito (o semilavorato) dal fornitore/terzista, rilevando un movimento di magazzino che provvede ad effettuare in automatico la chiusura del conto a rientro dei materiali inviati al fornitore La logica dell automatismo considera l invio di tutta la merce necessaria alla produzione del bene al fornitore/terzista (in quanto eventuali altri materiali non inviati saranno aggiunti e gestiti dal fornitore/terzista), con la possibilità di ricollegarsi alle distinte terzista, per differenziarle da quelle di produzione interna. Le impostazioni ai fini della gestione sono diverse, e riguardano: Impostare i conti in Definizione Conti a Rientro, es. il conto a rientro LAA Impostare le causali nella tabella Causali di Magazzino: Definire una causale di uscita in c/lavorazione cui sarà associato il Conto a Rientro precedentemente creato e il tipo di operazione Apertura: Campo Valore CODICE UCLA TIPO Scarico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA M - Magazzino UNITÀ A Fornitore C/TO RIENTRO LAA È il conto a rientro attivo OPERAZIONE Apertura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA La causale può essere collegata ad una Ddt fornitore per l invio della merce (da creare in tabella Documenti)

36 36 Manuale Operativo Definire una causale l operazione di Chiusura del conto lavoro: Campo Valore CODICE RICL TIPO <nullo> SEGNO + ACQUISTI / VENDITE <nullo> UNITÀ DA Fornitore UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO LAA È il conto a rientro attivo OPERAZIONE Chiusura CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA La quale sarà collegata alla causale di carico a magazzino del prodotto finito/semilavorato Campo Valore CODICE RLAV (o ACQ) TIPO Carico SEGNO + ACQUISTI / VENDITE Acquisti UNITÀ DA Fornitore UNITÀ A M Magazzino C/TO RIENTRO OPERAZIONE CAUSALE CHIUSURA CONTI A RIENTRO RICL COD.CR PER AGGIORNARE Q.TA USATA Riepilogando, l iter è il seguente: Evento Struttura delle causali APERTURA DEL CONTO Uscita della merce BOLCLA da Caricamento DDt Fornitori Dove il Ddt ha associato la causale UCLA CHIUSURA DEL CONTO Note sulla gestione: Rientro della Merce RLAV da Input Movimenti Se parte della merce consegnata al fornitore venga RESA: Per gestire l eventuale reso dal fornitore di parte dei componenti inviati (per esempio, in quanto difettosi) è possibile utilizzare una causale di reso da fornitore, collegata al c/to LAA utilizzato, che presenterà la rettifica del precedente scarico, ovvero: Tipo Scarico Segno - Acq/Ven <nullo> Unità Da Fornitore Unità A Magazzino C/to rientro LAA Operazione Chiusura

37 CONTI A RIENTRO: Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Generazione Ddt terzisti: gestione quantità disponibile La gestione della quantità disponibile presso il terzista in fase di generazione Ddt terzisti viene visualizzata impostando nei Parametri della Procedura i Conti a Rientro Attivi. La funzione Generazione Ddt Terzista presenta il flag Gestisci Quantità disponibile presso il terzista che, se attivato, consente di calcolare e di conseguenza proporre la quantità residua da inviare se i conti a rientro attivi vengono impostati in modalità automatica, mentre nel caso di definizione manuale viene solo visualizzata la quantità disponibile. Il calcolo viene effettuato per tutti i componenti presenti nella bolla che si sta generando. Ad esempio: nel caso di gestione automatica della generazione della bolla, viene calcolata la quantità da inviare come la minore tra la differenza tra la quantità totale necessaria per il componente e quella già scaricata e la quantità disponibile presso il terzista. Se il valore è negativo, la quantità da inviare viene posta a zero: cioè la quantità disponibile presso il terzista è maggiore di quella necessaria. L attivazione del flag consente altresì la visualizzazione nel dettaglio componenti della colonna Q.ta Presso Terzista. Il medesimo componente può essere presente in più posizioni della bolla (nel senso che diversi codici di prodotto finito potrebbero avere lo stesso componente): la quantità disponibile presso il terzista viene calcolata al momento in cui viene caricata la bolla e ogni qualvolta vengono calcolate o inserite manualmente le quantità da inviare per le varie righe; inoltre viene anche ricalcolata tale quantità disponibile presso il terzista anche se rimane visualizzata quella calcolata all apertura.

Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro

Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro Release 4.90 Manuale Operativo CONTI A RIENTRO Entrata/Uscita Merce in C/Rientro e C/Lavoro La gestione Conti a Rientro permette di gestire tutti quei movimenti di entrata/uscita di merce dal magazzino

Dettagli

VENDITE E MAGAZZINO. Gestione Prezzi Sconti e Listini. Release 5.20 Manuale Operativo

VENDITE E MAGAZZINO. Gestione Prezzi Sconti e Listini. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo VENDITE E MAGAZZINO Gestione Prezzi Sconti e Listini La gestione dei prezzi può essere personalizzata, grazie ad una serie di funzioni apposite per l impostazione di diversi

Dettagli

CONTABILITÀ ANALITICA

CONTABILITÀ ANALITICA Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ ANALITICA Gestione dei Centri di Costo e delle Commesse Il modulo Contabilità Analitica abilita la gestione dei Centri di Costo e delle Commesse su tre procedure

Dettagli

ASSISTENZA. Indice degli argomenti. Gestione Contratti e Interventi

ASSISTENZA. Indice degli argomenti. Gestione Contratti e Interventi 2 Manuale Operativo Release 4.60 Manuale Operativo ASSISTENZA Gestione Contratti e Interventi GESTIONE ASSISTENZA è il modulo applicativo pensato e realizzato per soddisfare le esigenze delle diverse tipologie

Dettagli

CONTABILITÀ ANALITICA

CONTABILITÀ ANALITICA Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITÀ ANALITICA Gestione dei Centri di Costo e delle Commesse Il modulo Contabilità Analitica abilita la gestione dei Centri di Costo e delle Commesse su tre procedure

Dettagli

Gestione e allineamento delle Giacenze

Gestione e allineamento delle Giacenze Release 5.20 Manuale Operativo INVENTARIO Gestione e allineamento delle Giacenze Il modulo permette la contemporanea gestione di più inventari, associando liberamente ad ognuno un nome differente; può

Dettagli

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo COLLI Gestione dei Colli di Spedizione La funzione Gestione Colli consente di generare i colli di spedizione in cui imballare gli articoli presenti negli Ordini Clienti;

Dettagli

LOTTI DI MAGAZZINO. Gestione dei Lotti di Magazzino. Release 5.20 Manuale Operativo

LOTTI DI MAGAZZINO. Gestione dei Lotti di Magazzino. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo LOTTI DI MAGAZZINO Gestione dei Lotti di Magazzino In questo manuale sono descritte le procedure per gestire correttamente i lotti di magazzino ed i lotti di trasformazione.

Dettagli

RINTRACCIABILITA' MATERIALI

RINTRACCIABILITA' MATERIALI Release 5.20 Manuale Operativo RINTRACCIABILITA' MATERIALI Integrato a Produzione, Lotti e Matricole Il manuale descrive una serie di funzionalità che vengono attivate con il moduli Lotti di magazzino,

Dettagli

In questo manuale sono indicate le procedure per utilizzare correttamente la gestione delle offerte dei fornitori.

In questo manuale sono indicate le procedure per utilizzare correttamente la gestione delle offerte dei fornitori. Release 5.20 Manuale Operativo ORDINI PLUS Gestione delle richieste di acquisto In questo manuale sono indicate le procedure per utilizzare correttamente la gestione delle offerte dei fornitori. La gestione

Dettagli

Stampa Statistiche, Gestione Provvigioni

Stampa Statistiche, Gestione Provvigioni Release 5.20 Manuale Operativo VENDITE E MAGAZZINO Stampa Statistiche, Gestione Provvigioni Il presente manuale fornisce le informazioni necessarie al fine di ottenere le stampe delle statistiche annuali

Dettagli

5.16.4 [5.0.1H4/ 10] Ordini Clienti: Definizione piano di fatturazione

5.16.4 [5.0.1H4/ 10] Ordini Clienti: Definizione piano di fatturazione Bollettino 5.00-229 5.16.4 [5.0.1H4/ 10] Ordini Clienti: Definizione piano di fatturazione Per risolvere l esigenza delle aziende di manutenzione (che operano su impianti), che richiedono la fatturazione

Dettagli

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo Release 5.00 Manuale Operativo CODICI IVA Adeguamento aliquote d'imposta Per rendere funzionale e veloce l adeguamento dei codici Iva utilizzati nel sistema gestionale, e rispondere così rapidamente alle

Dettagli

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo RECUPERO CREDITI Gestione del Credito Clienti Programma pensato per la funzione di gestione del credito: permette di memorizzare tutte le informazioni relative alle azioni

Dettagli

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo BARCODE Gestione Codici a Barre La gestione Barcode permette di importare i codici degli articoli letti da dispositivi d inserimento (penne ottiche e lettori Barcode) integrandosi

Dettagli

Gestione delle commesse collegate a cantieri

Gestione delle commesse collegate a cantieri Release 5.20 Manuale Operativo COMMESSE \ CANTIERI Gestione delle commesse collegate a cantieri Il modulo COMMESSE/CANTIERI è stato appositamente realizzato per fornire un agile e valido strumento di controllo

Dettagli

PRODUZIONE. Indice degli argomenti. Dal MRP alla Schedulazione a Capacità Finita

PRODUZIONE. Indice degli argomenti. Dal MRP alla Schedulazione a Capacità Finita 2 Manuale Operativo Release 4.60 Manuale Operativo PRODUZIONE Dal MRP alla Schedulazione a Capacità Finita Il modulo Produzione è concepito per ottimizzare la gestione dei materiali e della produzione,

Dettagli

CONTABILITA' Gestione Effetti. Release 5.20 Manuale Operativo

CONTABILITA' Gestione Effetti. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITA' Gestione Effetti La gestione degli effetti permette, attraverso una serie di funzionalità fornite dalla procedura, di tener traccia del percorso di ogni effetto

Dettagli

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10]

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] - 88 - Manuale di Aggiornamento 4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] È ora possibile importare i listini fornitori elencati in un file Excel. Si accede alla funzione dal menù Magazzino

Dettagli

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti:

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: GESTIONE INVENTARI La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: 1. CHIUSURA DI MAGAZZINO: il classico inventario di fine anno o cambio gestione.

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2D DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 14 - Manuale di Aggiornamento 4 VENDITE ORDINI MAGAZZINO 4.1 Definizione e Destinazione Copie: Controllo in stampa

Dettagli

2.1 CAUSALI: Implementazione sui diritti degli utenti [5.20.1E]

2.1 CAUSALI: Implementazione sui diritti degli utenti [5.20.1E] Bollettino 5.2.0-27 2 CONTABILITA 2.1 CAUSALI: Implementazione sui diritti degli utenti [5.20.1E] L implementazione permette di visualizzare nella consultazione e nella stampa dei mastrini solo le causali

Dettagli

Stampe Contabili, Registri IVA e Bollati

Stampe Contabili, Registri IVA e Bollati Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITA' Stampe Contabili, Registri IVA e Bollati Nel presente manuale verranno analizzate tutte le stampe contabili, quali ad esempio la stampa del bilancio, quella

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2E DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 1.1 Aggiornamento Patch Storica...

Dettagli

Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo

Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo Prerequisiti Mon Ami 3000 Conto Lavoro Gestione del C/Lavoro attivo e passivo L opzione Conto lavoro è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro. Introduzione L opzione Conto lavoro permette

Dettagli

Novità Principali - 1/2011

Novità Principali - 1/2011 Novità Principali - 1/2011 1 Contabilità e BlackList... 2 1.1 Nuovo nodo gestione IVA 2011... 2 1.2 Elenco... 2 1.3 Black List... 3 1.3.1 Cliente/Fornitore per Black List... 3 1.3.2 Periodo di riferimento

Dettagli

Gestione Cantieri. Manuale operativo. Rel. 4.40

Gestione Cantieri. Manuale operativo. Rel. 4.40 Gestione Cantieri Manuale operativo Rel. 4.40 INDICE GUIDA UTENTE...3 INTRODUZIONE...3 FLUSSO OPERATIVO...4 Gestione Dati...4 Stampe...4 Archivi...4 Utilità...4 GESTIONE DATI...5 Preventivi...5 Passaggio

Dettagli

Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo

Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo EASYGEST - GESTIONE ANAGRAFICA MAGAZZINO Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo posizionati

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.1.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.1.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.1.0 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 CONTABILITA... 3 1.1 Consultazione Mastrini: Richiamo movimenti di anni

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2C. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2C. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2C DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 2 3 4 5 6 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 4 1.1 Aggiornamento Patch Storica...

Dettagli

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Release 5.20 Manuale Operativo CLIENTI PLUS Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Il modulo Clienti Plus è stato studiato per ottimizzare la gestione amministrativa dei clienti, abilitando la gestione

Dettagli

Conto Lavoro Release 4.0

Conto Lavoro Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Conto Lavoro Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Ecco come si presenta la maschera della Scheda Anagrafica Articoli

Ecco come si presenta la maschera della Scheda Anagrafica Articoli MANUALE D'USO MENU' BASE ANAGRAFICA ARTICOLI Con questa funzione, l utente può gestire le anagrafiche degli articoli di magazzino consentendone l inserimento e la modifica. Gli articoli possono essere

Dettagli

EASYGEST COME FARE L INVENTARIO

EASYGEST COME FARE L INVENTARIO Procedura di Inventario : EASYGEST COME FARE L INVENTARIO Punto 1 : QUADRATURE DI MAGAZZINO Effettuare le quadrature di magazzino Punto 2 : STAMPA INVENTARIO DA STAMPE MAGAZZINO Effettuare la stampa lista

Dettagli

ASCENSORI. Gestione Aziende Ascensoriste. Release 5.20 Manuale Operativo

ASCENSORI. Gestione Aziende Ascensoriste. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo ASCENSORI Gestione Aziende Ascensoriste La GESTIONE ASCENSORISTI è pensata per soddisfare le esigenze delle aziende che gestiscono Contratti di manutenzione su impianti di

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.20.1D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.20.1D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.20.1D DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 2 CONTABILITA... 5 2.1 Stampa scadenziario

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.0.1H3. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.0.1H3. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.0.1H3 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 2 ARCHIVI E GENERALE... 5 2.1 Gestione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Lotti & Matricole. www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Lotti & Matricole. www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Lotti & Matricole www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Configurazione... 6 Personalizzare le etichette del modulo lotti... 6 Personalizzare i campi che identificano

Dettagli

INTRA. Elenchi Cessioni ed Acquisti. Release 4.90 Manuale Operativo

INTRA. Elenchi Cessioni ed Acquisti. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo INTRA Elenchi Cessioni ed Acquisti La procedura consente di gestire gli acquisti e le cessioni all interno dei paesi appartenenti dell Unione Europea: il modulo è interamente

Dettagli

Mon Ami 3000 Conto Deposito Gestione e tracciabilità degli articoli consegnati o ricevuti in C/Deposito

Mon Ami 3000 Conto Deposito Gestione e tracciabilità degli articoli consegnati o ricevuti in C/Deposito Mon Ami 3000 Conto Deposito Gestione e tracciabilità degli articoli consegnati o ricevuti in C/Deposito Prerequisiti L opzione Conto deposito è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro.

Dettagli

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI INTRODUZIONE Il progetto nasce dall esigenza dei clienti di sviluppare

Dettagli

Manuale Operativo ESTRATTO CONTO. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale Operativo ESTRATTO CONTO. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale Operativo ESTRATTO CONTO Rel. 4.90 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale Operativo Sommario 1 NUOVI PROGRAMMI 2009... 3 1.1 ESTRATTI CONTO BANCARI... 3 1.1.1 Scomposizione di

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte. Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte. Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa del magazzino, estratti, inventari, scorte Rev. 2014.3.2 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 I movimenti di magazzino... 5 Registrare un movimento di magazzino

Dettagli

Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 D.L. 138/2011: Aumento aliquota IVA al 21%... 3 1.1 Tabella Codici Iva... 3 1.1.1

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE

CONTROLLO DI GESTIONE KING Manuale Operativo CONTROLLO DI GESTIONE Rel. 4.90 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale Operativo Sommario 1 CONTROLLO DI GESTIONE... 3 1.1 Funzione Riepilogo Analitica per conto... 5

Dettagli

Fatture in Ambito CEE e Modello Intra

Fatture in Ambito CEE e Modello Intra Release 4.90 Manuale Operativo PASSAGGIO DATI INTRA Fatture in Ambito CEE e Modello Intra Il modulo Intra permette il passaggio dei dati di ogni fine periodo delle fatture attive e passive in ambito CEE,

Dettagli

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit EDIFACT Manuale Operativo DATALOG EDI Rel. 4.90 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale Operativo Sommario 1 DATALOG EDI... 3 1.1 EDIFACT... 3 1.1.1 Installazione Componenti... 3 1.1.2 Inserimento

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.1. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.1. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.1 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 4 1.1 Per completare l aggiornamento...

Dettagli

Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.2 Avvertenza

Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.2 Avvertenza Avvertenza Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.2 In questo documento sono contenute informazioni tecniche riservate ai distributori ZUCCHETTI. Tali informazioni sono ad uso esclusivo del destinatario della

Dettagli

La gestione della produzione avanzata richiede Mon Ami 3000 Azienda Pro oltre alle opzioni Produzione base e Produzione avanzata.

La gestione della produzione avanzata richiede Mon Ami 3000 Azienda Pro oltre alle opzioni Produzione base e Produzione avanzata. Mon Ami 3000 Produzione avanzata Distinta base multi-livello e lancio di produzione impegno di magazzino, emissione ordini e schede di lavorazione gestione avanzamento di produzione Prerequisiti La gestione

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1B. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1B. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.30.1B DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 2 3 4 5 6 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 CONTABILITA... 5 2.1 Apertura

Dettagli

Statistiche Release 4.0

Statistiche Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Statistiche Release 4.0 - COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE

CONTROLLO DI GESTIONE Release 5.20 Manuale Operativo CONTROLLO DI GESTIONE Budget, Dipendenti e Rapporto di Gestione Modulo che integra la contabilità analitico (di base) con il controllo di gestione dell aspetto economico,

Dettagli

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014)

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) Sommario: 1) Attivazione del prodotto; 2) Configurazione; 3) Contribuente; 4) Gestione operazioni rilevanti ai

Dettagli

King Shop. Gestione Negozi

King Shop. Gestione Negozi King Shop Gestione Negozi Gestione Negozi... 3 Elenco delle funzionalità di KING SHOP... 3 Velocizzazione delle attività del negozio... 4 Inserimento dello Scontrino... 6 Gestione dei Buoni... 7 Inserimento

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2E DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 2 3 4 5 6 7 8 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 1.1 Aggiornamento Patch

Dettagli

PROFESSIONISTI. Caratteristiche e Impostazioni. Release 5.20 Manuale Operativo

PROFESSIONISTI. Caratteristiche e Impostazioni. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo PROFESSIONISTI Caratteristiche e Impostazioni In questo manuale verranno descritte tutte le caratteristiche della contabilità professionisti, sia in regime ordinario sia

Dettagli

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici Release 5.20 Manuale Operativo BONIFICI Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici La gestione dei bonifici consente di automatizzare le operazioni relative al pagamento del fornitore tramite bonifico bancario,

Dettagli

PROFESSIONISTI. Caratteristiche e Impostazioni. Release 4.90 Manuale Operativo

PROFESSIONISTI. Caratteristiche e Impostazioni. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo PROFESSIONISTI Caratteristiche e Impostazioni In questo manuale verranno descritte tutte le caratteristiche della contabilità professionisti, sia in regime ordinario sia

Dettagli

Versione 2015I PROTOCOLLO: CRS/SG-PAC/151021

Versione 2015I PROTOCOLLO: CRS/SG-PAC/151021 MyDB - Anagrafiche estensioni dei Documenti di Magazzino e delle Parcelle Nella definizione delle anagrafiche MyDB è ora possibile estendere direttamente anche le TESTATE e le RIGHE delle varie tipologie

Dettagli

MANUALE UTENTE Fattura Free

MANUALE UTENTE Fattura Free MANUALE UTENTE Fattura Free Le informazioni contenute in questa pubblicazione sono soggette a modifiche da parte della All Services srl. Il software descritto in questa pubblicazione viene rilasciato in

Dettagli

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it PROCEDURE SOFTWARE PER LA GESTIIONE DELLE AZIIENDE METALLURGIICHE//SIIDERURGIICHE BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it Nord Computers

Dettagli

Mon Ami 3000 Multimagazzino Gestione di più magazzini fisici e/o logici

Mon Ami 3000 Multimagazzino Gestione di più magazzini fisici e/o logici Prerequisiti Mon Ami 3000 Multimagazzino Gestione di più magazzini fisici e/o logici L opzione Multimagazzino è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro. Introduzione L opzione Multimagazzino

Dettagli

Tibet. Manuale Centri di Costo. Tibet R 1

Tibet. Manuale Centri di Costo. Tibet R 1 Tibet Manuale Centri di Costo Tibet R 1 Che cosa è la gestione dei Centri di Costo La gestione dei Centri di Costo consente alle aziende di controllare in modo analitico l'aspetto economico della gestione

Dettagli

Gestione delle scorte Agosto 2012

Gestione delle scorte Agosto 2012 Documenti Tecnici Informatica e Farmacia Vega S.p.A. Gestione delle scorte Agosto 2012 Sommario 1. Premessa...2 2. Magazzino...3 3. Gestione delle scorte...3 3.1. Gestione...3 3.2. Dettaglio Magazzino...4

Dettagli

EasyCo News 02/2007 (marmisti) 25/05/2007

EasyCo News 02/2007 (marmisti) 25/05/2007 NOVITA INTRODOTTE DALLA VERSIONE 5.7.21.1 Tabelle: o Anagrafiche Clienti / Fornitori: aggiunta una richiesta di conferma per la creazione di un nuovo magazzino intestato al cliente/fornitore, in caso di

Dettagli

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11.

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11. Sommario 1. SOMMARIO... 3 1. Guida introduttiva... 3 2. L ACCESSO... 3 1. MASCHERA PRINCIPALE... 4 1.1 Codice... 4 1.2 Marca... 4 1.3 Descrizione... 4 1.4 Descrizione 2... 4 1.5 Taglia o Confezione...

Dettagli

GESTIONE DEI BENI USATI

GESTIONE DEI BENI USATI GESTIONE DEI BENI USATI Di seguito vengono elencate le modalità per gestire l acquisto e la cessione dei beni usati OPERAZIONI PRELIMINARI Per gestire l acquisto e la cessione di beni usati è necessario:

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.0 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 ARCHIVI E GENERALE... 5 1.1 Gestione Utenti: abilitazione fido cliente ed

Dettagli

ESTRATTI CONTO BANCARI

ESTRATTI CONTO BANCARI Release 5.20 Manuale Operativo ESTRATTI CONTO BANCARI Caricamento automatico da File Il modulo permette di semplificare ed automatizzare la gestione contabile degli estratti conto bancari su files: con

Dettagli

HELP DESK. Questa finestra serve per impostare le classi tariffarie, che dovranno essere associate ai clienti ed hai contratti ad essi applicati.

HELP DESK. Questa finestra serve per impostare le classi tariffarie, che dovranno essere associate ai clienti ed hai contratti ad essi applicati. HELP DESK Il modulo della gestione Help Desk di Target Cross ha lo scopo di fornire agli utenti uno strumento integrato per la gestione dei servizi di assistenza post vendita quali, ad esempio, chiamate

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1E. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.30.1E DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 2 CONTABILITA... 5 2.1 Definizione

Dettagli

Manuale utente Revisione del 06/04/2010

Manuale utente Revisione del 06/04/2010 Manuale utente Revisione del 06/04/2010 Team Power s.r.l. v.le E. Garrone, 16/A Città Giardino 96010 Melilli tel./fax 0931.744575 0931.713517 www.teampower.it Introduzione Congratulazioni per la scelta

Dettagli

PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0)

PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0) PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0) (Da effettuare non prima del 01/01/2011) Le istruzioni si basano su un azienda che ha circa 1000 articoli, che utilizza l ultimo

Dettagli

King Commesse e Servizi. Redditività delle Commesse

King Commesse e Servizi. Redditività delle Commesse King Commesse e Servizi Redditività delle Commesse Redditività delle Commesse... 3 I moduli scalabili di KING CONTRACT... 3 Preventivi, Commesse e Time sheet... 5 Il caricamento del preventivo / commessa...

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.20.1F. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.20.1F. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.20.1F DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 2 3 4 5 6 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 ARCHIVI E GENERALE... 5 2.1

Dettagli

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA 2011 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 Comunicazione Operazioni rilevanti IVA per

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD... 2 MODALITA DI AGGIORNAMENTO... 2 AVVERTENZE... 3 ADEGUAMENTO ARCHIVI... 3 INTERVENTI EFFETTUATI CON L UPD 001_2012 DI LINEA AZIENDA... 4 IMMISSIONE AZIENDA

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.2.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.2.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.2.0 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 ARCHIVI E GENERALE... 4 1.1 Gestione Parametri Comune... 4 1.1.1 Gestione

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa

9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa Bollettino 5.00-335 9 VERTICALI 9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa Con l attuale release è ora possibile rilevare in modo più dettagliato i costi a carico della commessa

Dettagli

Gestione dello scadenzario

Gestione dello scadenzario Gestione dello scadenzario La gestione dello scadenzario consente di conoscere i debiti e crediti dell azienda in un intervallo di date, di verificare il dettaglio delle fatture da incassare da clienti

Dettagli

*** Note di rilascio aggiornamento Fattura Free vers 1.9.8 ***

*** Note di rilascio aggiornamento Fattura Free vers 1.9.8 *** *** Note di rilascio aggiornamento Fattura Free vers 1.9.8 *** Ultimo rilascio vers. 1.9.8 del 08-10-2013 Nella Gestione Listini abbiamo aggiunto la funzione di Sostituzione aliquota IVA. (n.b. prima di

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DELLA PROCEDURA ISOIVA Il programma utilizza una directory principale denominata ISOIVA. Durante la fase di installazione del programma viene creata un altra directory: IVASALVA.

Dettagli

Aggiornamento 15/04/2010. www.novainformatica.eu

Aggiornamento 15/04/2010. www.novainformatica.eu Aggiornamento 15/04/2010 - PARLEREMO DI : Presentazione Azienda Nova Informatica. Panoramica generale del Gestionale Facile!Plus Presentazione Verticale sviluppato per la gestione SKY. Presentazione Piattaforma

Dettagli

CONTABILITÀ. Gestione Attività Multipunto. Release 5.20 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Gestione Attività Multipunto. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITÀ Gestione Attività Multipunto L art. 10, Legge 8 maggio 1998, n. 146 ha previsto l obbligo di annotazione separata dei costi e dei ricavi relativi alle diverse

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.30.1D. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.30.1D DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 3 2 ARCHIVI E GENERALI... 5 2.1 Tasto

Dettagli

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Il programma Gestione Negozi permette la gestione del materiale presso i clienti Benetton tramite le sue funzionalità di gestione anagrafica

Dettagli

Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna

Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna Mon Ami 3000 Produzione interna/esterna Gestione della produzione interna/esterna Introduzione Questa guida illustra tutte le funzioni e le procedure da eseguire per gestire correttamente un ciclo di produzione

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2B. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2B. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2B DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Bollettino 5.10.2B - 15 2.3 Contabilità Analitica Plus: Nuove funzioni Con l attuale release sono state aggiunte

Dettagli

Gestione Vendite al banco per Negozi

Gestione Vendite al banco per Negozi Release 4.90 Manuale Operativo SHOP Gestione Vendite al banco per Negozi SHOP si basa sulla struttura standard del programma, dando la possibilità all utente di sfruttare le potenzialità offerte dal gestionale

Dettagli

HORIZON SQL FATTURAZIONE

HORIZON SQL FATTURAZIONE 1-1/8 HORIZON SQL FATTURAZIONE 1 FATTURAZIONE... 1-1 Impostazioni... 1-1 Meccanismo tipico di fatturazione... 1-2 Fatture per acconto con fattura finale a saldo... 1-2 Fattura le prestazioni fatte... 1-3

Dettagli

Manuale utente ECS Web

Manuale utente ECS Web Manuale utente ECS Web Informazioni sul documento: Tipo documento: Redazione: Manuale utente Team Power S.r.l ECS-Manuale_utente.doc Pagina 1 di 60 INDICE 1. Avvio dell applicazione... 3 2. Autenticazione...

Dettagli

www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D

www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D M www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D SOMMARIO INTRODUZIONE...3 I comandi di base...5 I comandi di base...6 Avvio...7 Gestione Clienti...7 Gestione Fornitori...8 Gestione Prodotti...9 Help...10

Dettagli

OdontoX BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA. Software per la gestione di uno studio odontotecnico. Albano Software

OdontoX BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA. Software per la gestione di uno studio odontotecnico. Albano Software BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA OdontoX Software per la gestione di uno studio odontotecnico 1 INDICE PREMESSA...4 CENNI SUL PROGRAMMA...5 REQUISITI MINIMI DEL PC...6 LA FINESTRA PRINCIPALE...7

Dettagli

Riepilogo Aggiornamenti ApP Informatica S.r.l. IMPOSTAZIONI GENERALI. Roma, 19 Settembre 2011

Riepilogo Aggiornamenti ApP Informatica S.r.l. IMPOSTAZIONI GENERALI. Roma, 19 Settembre 2011 Roma, 19 Settembre 2011 Riepilogo Aggiornamenti ApP Informatica S.r.l. IMPOSTAZIONI GENERALI Per i Clienti ed i Fornitori è possibile inserire note per data e settore interessato Con F8 viene data la possibilità

Dettagli

Gestione del Punto Vendita (POS) Manuale operativo

Gestione del Punto Vendita (POS) Manuale operativo Gestione del Punto Vendita (POS) Manuale operativo Rel. 4.10 INDICE GUIDA UTENTE...3 PREMESSA...3 Menu e Scelte Operative...3 GESTIONE DATI...4 Registrazione Vendite...4 STAMPE...6 Riepilogo Giornaliero...6

Dettagli

RITENUTE. Ritenute e Certificazioni. Release 4.90 Manuale Operativo

RITENUTE. Ritenute e Certificazioni. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo RITENUTE Ritenute e Certificazioni Il modulo per una gestione completa delle ritenute d acconto, dalla rilevazione fino alla stampa delle certificazioni, per una compilazione

Dettagli