What s APP E-R. Ferrara, 26 febbraio Camera di Commercio di Ferrara. Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca in Emilia-Romagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "What s APP E-R. Ferrara, 26 febbraio 2015. Camera di Commercio di Ferrara. Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca in Emilia-Romagna"

Transcript

1 What s APP E-R Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca in Emilia-Romagna Ferrara, 26 febbraio 2015 Camera di Commercio di Ferrara

2 Il progetto Stefania Greco - Aster

3 Il progetto WAPPER WHAT S APPRENTICESHIP IN EMILIA ROMAGNA Promosso e coordinato da ASTER e finanziato dalla Commissione europea (Lifelong Learning Program- LLP) IN PARTENARIATO CON: Regione Emilia-Romagna ER.GO Azienda Regionale per il diritto agli Studi Superiori Confindustria Emilia Romagna Consorzio Formazione & Lavoro Legacoop Emilia-Romagna

4 Il progetto OBIETTIVI Promuovere l utilizzo dell Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca in Emilia Romagna, creando una consapevolezza diffusa sulle opportunità ed i vantaggi di questa tipologia contrattuale Creare, quale effetto conseguente all attività di promozione, comunicazione, sensibilizzazione, una consapevolezza diffusa sul territorio sui vantaggi e le opportunità per le imprese e per i giovani, peculiari a questa tipologia contrattuale Avviare un dibattito istituzionale sul tema al fine consolidare l impregno delle forze sociali e degli stakeholder al pieno utilizzo dello strumento.

5 Il Progetto ATTIVITA PREVISTE Realizzazione di iniziative di promozione territoriale e «virale» rivolta all opinione pubblica ed ai media nazionali CORNER INFORMATIVI (Open day, Career day) settembre marzo 2015 ROADSHOW TERRITORIALI novembre marzo 2015 TURBOBLOGGING SULL AAFR 10 dicembre 2014

6 Il Progetto PROSSIMI APPUNTAMENTI (APRILE 2015) FORUM ANNUALE NAZIONALE SULL APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA CONVEGNO FINALE Maggiori informazioni

7 Apprendistato di alta formazione e ricerca - ex art. 5 del D.lgs. 167/2011 in REGIONE EMILIA-ROMAGNA Rosanna Altizio Servizio Lavoro

8 Il Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 167 Testo Unico, modifica la disciplina dell apprendistato: Definendo tre tipologie diverse di apprendistato, ciascuna caratterizzata da finalità, utenti e durate differenti; Fornendo la possibilità all'impresa di intervenire come soggetto erogatore della formazione direttamente al proprio interno.

9 Attuazione del dispositivo: L Apprendistato di alta formazione si sta realizzando attraverso Accordi tra Regione, Parti Sociali e Università che ne hanno definito obiettivi, responsabilità, modalità di integrazione del partenariato, regolamentazione del percorso formativo (project work, formazione in azienda ). E stato preceduto da piccole sperimentazioni realizzate tramite accordi nel 2004 ( Master) e 2011 (Dottorato di ricerca).

10 Gli Accordi della Regione Emilia Romagna: Il 19 giugno 2012 sono stati siglati tre Protocolli d intesa tra la Regione E-R, le Università e le Parti Sociali che definiscono i profili formativi nei percorsi di alta formazione per il conseguimento dei titoli di studio universitari di: Laurea triennale e magistrale Master di primo e di secondo livello Dottore di ricerca Il 12 settembre 2014 è stato siglato un nuovo Protocollo per il conseguimento del titolo di Laurea M. e T.

11 Gli Accordi della Regione Emilia Romagna: Tutti gli Atenei aventi sedi nella regione hanno siglato i Protocolli: Alma Mater Studiorum Università di Bologna Università di Modena e Reggio Emilia Università di Parma Università di Ferrara Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Piacenza Politecnico di Milano sede di Piacenza

12 Il ruolo della Regione Emilia Romagna: Promuovere l utilizzo del contratto di Apprendistato di Alta formazione e di ricerca in quanto strumento che si pone al centro della transizione dalla formazione al lavoro di tutti i giovani. Sostenere l utilizzo dell apprendistato di alta formazione partecipando finanziariamente alla realizzazione della formazione attraverso il riconoscimento di un voucher all apprendista differenziato a seconda del titolo da acquisire. Favorire l utilizzo del contratto di apprendistato di alta formazione attraverso l erogazione di un incentivo alle imprese, valorizzato sulla base della durata del percorso formativo.

13 Apprendistato di alta formazione e ricerca: Caratteristiche generali Destinatari: giovani di età compresa fra i 18 e i 29 anni Settori produttivi: Si applica a tutti i settori di attività Durata: deve essere stabilita, per i soli profili formativi, dalla Regione in accordo con le Parti Sociali, le Università o le Istituzioni formative coinvolte Piano Formativo Individuale quale parte integrante del contratto, costituito dal percorso previsto per il titolo da conseguire

14 Caratteristiche generali dei percorsi da attuare Titolarità della formazione in capo alle Università Progettazione ad hoc in sinergia con le esigenze dell impresa Conseguimento di un titolo di studio universitario compreso tra quelli oggetto dei Protocolli del 19 giugno 2012 e del 12 settembre 2014 Metodologia dell alternanza formativa (studio-lavoro) Valorizzazione del percorso in azienda attraverso il riconoscimento da parte dell Università di crediti formativi per le acquisizioni maturate in impresa Tutoraggio formativo e aziendale dedicati a sostegno dell apprendimento da parte delle Università

15 Caratteristiche specifiche dei percorsi da attuare : Laurea triennale e magistrale/1 Durata del contratto per l acquisizione del titolo di Laurea da 12 a 36 mesi; 240 ore annue di attività didattica e di formazione formale, di cui 150 in azienda e 90 di permessi retribuiti a fronte di attività accademiche svolte dallo studente; Alle attività di apprendimento formale svolte in azienda, l Ateneo riconoscerà da 12 a 36 CFU ; Gli Atenei possono stabilire un numero di CFU di accesso al contratto previo parere della RER; Gli Atenei possono attribuire alle attività di apprendimento formale in azienda un numero di CFu superiore a 36 previo parere della RER;

16 Caratteristiche specifiche dei percorsi da attuare : Laurea triennale e magistrale/2 L articolazione e le modalità di erogazione del percorso formativo e la metodologia adottata saranno stabilite tra Università e Impresa. Il progetto così definito costituisce il Piano Formativo Individuale dell apprendista, parte integrante del contratto di apprendistato; Le attività formative devono essere erogate lungo l intero arco di durata del contratto; Attivazione di servizi di tutoraggio formativo e aziendale, curati dall Università, a supporto dell apprendimento del giovane.

17 Caratteristiche specifiche dei percorsi da attuare : Master di primo e di secondo livello Durata del contratto per l acquisizione del titolo di Master da 12 a 24 mesi ore pari a 60 CFU, di cui 480 ore di attività didattica secondo l accordo tra Università e azienda, 500 ore di formazione in azienda e 520 ore di studio individuale. Alle attività di apprendimento formale svolte in azienda, l Ateneo riconoscerà almeno il 30% dei CFU del master. L articolazione e le modalità di erogazione del percorso formativo e la metodologia adottata saranno stabilite tra Università e Impresa. Il progetto così definito costituisce il Piano Formativo Individuale dell apprendista, parte integrante del contratto di apprendistato. Le attività formative devono essere erogate lungo l intero arco di durata del contratto. Attivazione di servizi di tutoraggio formativo e aziendale, curati dall Università, a supporto dell apprendimento del giovane.

18 Caratteristiche specifiche dei percorsi da attuare : Dottorato di ricerca Durata del contratto per l acquisizione del titolo di Dottore di ricerca tra 24 e 48 mesi Non meno di 120 ore annue di attività didattica e di formazione formale, secondo la metodologia adottata nell accordo tra Università e Impresa, erogate lungo l intero arco di durata del contratto Il progetto di ricerca costituisce il Piano Formativo Individuale, parte integrante del contratto di apprendistato, dove sono descritti gli obiettivi e i contenuti dell azione formativa Attivazione di servizi di tutoraggio formativo e aziendale, curati dall Università, a supporto dell apprendimento del giovane

19 Partecipazione finanziaria della Regione Emilia- Romagna alla realizzazione della formazione per gli apprendisti in alta formazione Agli apprendisti assunti con contratto di alta formazione, ai sensi dell art.5 D.Lgs. 167/2011, iscritti ad un Corso universitario inserito nell elenco dell offerta formativa regionale per l apprendistato di alta formazione, la Regione assegna un voucher formativo.

20 Partecipazione finanziaria della Regione Emilia- Romagna alla realizzazione della formazione per gli apprendisti in alta formazione: LAUREE/1 L assegno formativo attribuito all apprendista è finalizzato al rimborso delle spese dirette ed accessorie sostenute in relazione alla fruizione dei Corsi di Laurea. E di valore massimo di euro per ogni annualità frequentata, fino al conseguimento della Laurea e comunque per non oltre 3 annualità.

21 Partecipazione finanziaria della Regione Emilia- Romagna alla realizzazione della formazione per gli apprendisti in alta formazione: LAUREE/2 Il voucher comporta il riconoscimento del diritto al rimborso delle seguenti categorie di spesa inerenti od accessorie alla fruizione del servizio formativo: Spese sostenute per le tasse annuali di iscrizione Contributi aggiuntivi relativi ai servizi personalizzati e di tutoraggio erogati dall Università ( di cui allo schema di Convenzione tra Azienda e Università allegato alla DGR 860/2012) per un importo massimo di euro Costo eventuale della garanzia fidejussoria a beneficio dell Amministrazione regionale.

22 Partecipazione finanziaria della Regione Emilia- Romagna alla realizzazione della formazione per gli apprendisti in alta formazione:master di I e II livello Agli apprendisti in possesso dei requisiti la Regione assegna un voucher formativo. Il valore dell assegno formativo (voucher) è finalizzato al rimborso del costo delle spese di partecipazione ai Corsi di Master. Tale costo è riconosciuto per un importo non superiore a euro. Il costo dei servizi di tutoraggio formativo e aziendale messi in atto dalle Università per l apprendista-studente è compreso all interno del valore del voucher.

23 Partecipazione finanziaria della Regione Emilia- Romagna alla realizzazione della formazione per gli apprendisti in alta formazione:dottorato di ricerca Agli apprendisti in possesso dei requisiti la Regione assegna un voucher formativo. Il valore dell assegno formativo (voucher) è finalizzato al rimborso del costo delle spese di partecipazione ai Corsi di Dottorato di ricerca. Tale costo è riconosciuto per un importo non superiore a euro, per ogni annualità, per un massimo di euro per tre annualità. Il costo dei servizi di tutoraggio formativo e aziendale messi in atto dalle Università per l apprendista-studente sono compresi all interno del valore del voucher.

24 AAF: Vantaggi per l apprendista Opportunità di incrementare la professionalità e le competenze mediante l acquisizione di un titolo di studio universitario nell ambito di un contratto di lavoro subordinato; Inoltre: accedere al lavoro attraverso un contratto di lavoro subordinato che assicura l applicazione di istituti (ferie, tredicesima, tfr, ) e protezioni sociali ( copertura previdenziale- pensionistica, assicurazione in caso di malattia e sostegno alla maternità, assegni familiari, assicurazione contro l invalidità, nonché accesso alla cig in deroga ed all ASPI) tipici dell area protetta del mondo del lavoro.

25 AAF: Vantaggi per il datore di lavoro Costruire percorsi secondo le proprie esigenze e fabbisogni formativi Condividere con l Università l articolazione e le modalità di erogazione della formazione Beneficiare di un giovane formato attraverso un percorso universitario finanziato dalla Regione Inoltre: Testare effettivamente le capacità professionali del giovane assunto Risparmiare sui costi del lavoro Fruire degli incentivi contributivi, previdenziali e fiscali previsti dalla legge.

26 I Servizi erogati dalla Regione Emilia-Romagna di supporto all apprendistato di alta formazione/1 All interno del sito regionale dedicato all apprendistato: È stata predisposta una sezione specifica: ato-per-lacquisizione-di-un-diploma-e-per-laltaformazione e realizzata una Guida informativa all apprendistato di alta formazione rivolta agli studenti e alle aziende

27 I Servizi erogati dalla Regione Emilia-Romagna di supporto all apprendistato di alta formazione/2 agli atenei Servizi informativi relativi alla tipologia e caratteristiche del contratto di alta formazione e al finanziamento della formazione formale tramite voucher al personale universitario (operatori del placement, del post-laurea, docenti, coordinatori universitari, ) realizzati tramite seminari, incontri, , Supporto nella compilazione e messa a disposizione della modulistica: Fac-simile convenzione ateneo-impresa, Facsimile piano formativo individuale dell apprendista Servizi di consulenza sulla corretta comprensione e applicazione della legislazione vigente relativa l apprendistato

28 I Servizi erogati dalla Regione Emilia-Romagna di supporto all apprendistato di alta formazione/3 agli studenti Servizi informativi relativi alla tipologia e caratteristiche del contratto di alta formazione e al finanziamento della formazione formale tramite voucher; Elenco dei Referenti universitari per l apprendistato di alta formazione che svolgono un ruolo di promotori dell intervento regionale presso i vari dipartimenti/singoli professori, aziende, studenti;

29 I Servizi erogati dalla Regione Emilia-Romagna di supporto all apprendistato di alta formazione/4 per le imprese Servizi di consulenza per l accensione del contratto Servizi di consulenza per la corretta comprensione e applicazione della legislazione vigente e degli adempimenti di legge Elenco dei Referenti universitari per l apprendistato di alta formazione che svolgono un ruolo di promotori dell intervento regionale presso i vari dipartimenti/singoli professori, aziende, studenti Supporto alla compilazione e messa a disposizione della modulistica: Fac-simile convenzione ateneo-impresa, Fac-simile piano formativo individuale dell apprendista

30 Sostegno all inserimento lavorativo in particolare attraverso un contratto di apprendistato Fra le opportunità del programma regionale Garanzia Giovani è previsto che alle imprese che assumono giovani con il contratto di Apprendistato di alta formazione per il conseguimento di un titolo di studio tra quelli compresi nei Protocolli (Laurea, Master e Dottorato) la Regione riconosce un incentivo pari a euro

31 I dati delle prime sperimentazioni Ateneo Laurea triennale Laurea magistrale Master I livello Master II livello Dottorato di ricerca BO FE MO-RE PR UNICATT PC POLIMI TOT

32 AAF: normativa regionale/1 DGR 775 dell 11/06/2012 attuazione delle norme sull apprendistato di cuial D.Lgs.n.167/2011, Testo unico dell apprendistato, a norma dell art.1,c.30, della L.n.247/2007; DGR 860 del 25/06/2012 Presa d atto della sottoscrizione dei Protocolli d intesa tra Regione, Università e Parti Sociali per la regolamentazione regionale dell apprendistato di alta formazione e precisazioni in merito alla DGR 775/2012 di attuazione delle norme sull apprendistato di cui al D.Lgs.n.167/2011;

33 AAF: normativa regionale/2 DGR 1151/2012 Approvazione degli avvisi e delle modalità di acquisizione dell offerta formativa per il conseguimento dei titoli universitari di Dottore, Dottore magistrale, Master di primo e di secondo livello, in apprendistato di alta formazione e di ricerca,ai sensi dell art,5 D.Lgs. 167/2011 e dell art.5 L.R. 17/2005, e delle modalità di assegnazione ed erogazione degli assegni formativi (voucher); DGR 1021/2013 Approvazione dell avviso relativo alle modalità di acquisizione dell offerta formativa per il conseguimento del titolo universitario di Dottore di ricerca in apprendistato di alta formazione e di ricerca,ai sensi dell art,5 D.Lgs. 167/2011 e dell art.5 L.R. 17/2005, e delle modalità di assegnazione ed erogazione degli assegni formativi (voucher) e modifica alla DGR 1151/2012; DD 6989/2013 Linee Guida per la gestione dell offerta formativa nell ambito dei contratti di apprendistato di alta formazione e di ricerca per l acquisizione dei titoli universitari di Dottore, Dottore magistrale, Dottore di ricerca, Master di I e di II livello; DGR 1151/2014 Approvazione schema di protocollo d intesa tra RER, Univ e Parti Soc.per definire profili formativi in percorsi di alta formaz.per il conseguimento titoli di laurea trienn. E laurea magistr.nell ambito dei contratti di apprendistato di alta formazione e di ricerca, e dell avviso e modalità di individuazione dei corsi di laurea triennale e magistrale per acquisizione titolo di dottore e dottore magistrale in apprendistato di A.F.e R.- seconda sperimentazione ;

34 Riferimenti

35 L Offerta Formativa Regionale di Corsi di Apprendistato di Alta Formazione Si trova sul sito: sezione Apprendistato di alta formazione e di ricerca

36 Grazie.

37 L Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca tra innovazione formativa ed organizzativa Mariaelena Romanini CF&L

38 Alto Apprendistato. AAFR: una definizione L Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca: L Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca (o Alto Apprendistato) è una delle tre principali tipologie di contratto di apprendistato previste e regolamentate dal D.L.gs. N. 167/11, «Testo Unico per l Apprendistato». Questa tipologia consente ai giovani nella fascia di età anni di conseguire un diploma di scuola secondaria superiore, titoli di studio universitari e di alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, titoli di specializzazione tecnica superiore, per l attività di ricerca in genere, per l attivazione del praticantato nelle professioni ordinistiche [ex art. 5]. PLURALITA DI PERCORSI

39 Alto Apprendistato. AAFR: i vantaggi I vantaggi per i giovani Hanno la possibilità di formarsi ed acquisire titoli lavorando; Hanno la possibilità di «sperimentare» ciò che hanno imparato nei percorsi di istruzione e formazione fin da subito, inserendosi in un contesto produttivo, e di forte «alternanza formativa»; Possono inserirsi nel mondo del lavoro attraverso un percorso ed una forma contrattuale concepita ad «hoc»; Possono avvalersi degli assegni di studio regionali (voucher) per la formazione (laurea, master, dottorato).

40 Alto Apprendistato. AAFR: i vantaggi I vantaggi per le imprese Hanno la possibilità di inserire giovani con competenze elevate al proprio interno e di «completarne la formazione» in contesto; Possono inserire nuove figure professionali in organico, qualificando ulteriormente il personale; Possono avvalersi degli incentivi all assunzione e agli sgravi e delle agevolazioni previste dalla normativa vigente per chi assume con contratto di Alto Apprendistato e per chi investe in ricerca; Possono vedere valorizzata la figura del tutor aziendale, lavoratore esperto interno all azienda e più in generale, «la propria capacità formativa».

41 Alto Apprendistato. AAFR: i vantaggi I vantaggi per i consulenti Possono affiancare le aziende nella fase di valutazione del sistema di vantaggi ed opportunità che la forma contrattuale dell AAFR per l assunzione di giovani può rappresentare; Possono fornire consulenza specifica in fase di formalizzazione e sottoscrizione dei contratti, operando per una maggiore e diffusa accessibilità delle informazioni; Possono supportare l impresa nell identificazione e nell accesso ad agevolazioni ed incentivi disponibili a livello regionale e nazionale per chi assume in Alto Apprendistato; Possono partecipare al dibattito tra stakeholder, nell ottica di miglioramento e valorizzazione dello strumento nel quadro delle politiche attive e delle priorità di Europa 2020 per l IF.

42 Alto Apprendistato. AAFR: i vantaggi I vantaggi per l università Può offrire percorsi strutturati su una forte «alternanza formativa»; Ha la possibilità di progettare percorsi di formazione «più vicini» al mondo del lavoro, rafforzando il legame con le imprese; Ha la possibilità di definire offerte formative che rispondano ai fabbisogni del mercato del lavoro e che dunque contribuiscano a contrastare il fenomeno crescente dello «skills shortage» da cui deriva una crescente inattività anche dei giovani laureati, fenomeno messo in evidenza in fase di promozione ed avvio della misura nazionale della «Garanzia Giovani»; Può sostenere la diffusione dell AAFR anche sviluppando i protocolli attuativi regionali e sottoscrivendo intese tra le parti in via migliorativa e di reale semplificazione.

43 Alto Apprendistato. AAFR: il processo REGIONE Assunzione Assolvimento dell obbligo formativo Conclusione del contratto Contratto di lavoro formalizzato Per corso di formazione formale in AAFR Convenzione PFI Laurea Master Dottorati mesi mesi mesi 240 ore FF (150 azienda, 90 D.U.) 1500 ore FF (500 azienda, 520 SI, 480 D.U.) Almeno 120 annue di FF. PROTOCOLLI D INTESA TRA REGIONE EMILIA ROMAGNA, PARTI SOCIALI, ATENEI

44 AZIENDA PERSONA AAFR, innovazione organizzativa e qualificazione risorse umane CONTRATTO DI ALTO APPRENDISTATO AAFR: Il Piano Formativo FABBISOGNI DI COMPETENZADELL IMPRESA ASPETTATIVE DEL GIOVANE SISTEMA DI COMPETENZE DELL IMPRESA PFI PERCORSO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE DEL GIOVANE CARATTERSITICHE DISTINTIVE DELL IMPRESA COMPETENZE PROFESSIONALI IN INGRESSO DEL GIOVANE PERCORSO DI FORMAZIONE FORMALE IN ALTERNANZA FORMAZIONE AZIENDALE What s APP COME E-R - FORMAZIONE CURRICULARE

45 VALUTAZIONE AAFR, innovazione organizzativa e qualificazione risorse umane AAFR: innovazione RECLUTAMENTO SELEZIONE INSERIMENTO NEL CONTESTO PRODUTTIVO Piano Formativo individuale FORMAZIONE ESTERNA UNIVERSITARIA AFFIANCAMENTO INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA FORMAZIONE INTERNA ALL AZIENDA MONITORAGGIO PRATICA QUALIFICAZIONE RISORSE UMANE

46 Alto Apprendistato. AAFR: innovazione E innovativo perchè: Si configura come percorso di «alternanza formativa» forte, dove la formazione interna all impresa è parte integrante della formazione formale necessaria all assolvimento degli obblighi di legge; Il Piano Formativo è un progetto calibrato sui fabbisogni specifici di ciascun giovane; Il tutor aziendale interviene nella contestualizzazione della formazione all interno dell azienda di appartenenza, valorizzandone la «capacità formativa» e contribuendo fattivamente all attuazione del progetto formativo; Il PFI potrà integrarsi nel più ampio piano formativo, identificandosi come percorso di inserimento di nuove risorse e nuove competenze «alte» in impresa, coerentemente con le strategie ed i percorsi di ricerca e sviluppo aziendali; Prevede il coinvolgimento e l identificazione di forme di dialogo ed integrazione per la regolamentazione e l attuazione: DISPOSITIVO A FORTE DENSITA RELAZIONALE.

47 Grazie.

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Apprendistato

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI Che cos è la Formazione professionale continua? E l attività obbligatoria di aggiornamento, approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle competenze

Dettagli