Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio del Commissario straordinario per le iniziative italiane di supporto all Albania Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania Corso di formazione professionale per la realizzazione del catalogo territoriale elettronico

2 SCHEDA RIASSUNTIVA PREMESSA INDICE A. LA PROPOSTA TECNICA 1. ORGANIZZAZIONE E LOGISTICA 1.1. PROGETTO ESECUTIVO MODULI DIDATTICI E CAMPAGNE DI CATALOGAZIONE 1.2. SELEZIONE DEL PERSONALE 1.3. ALLESTIMENTO DELLA SEDE OPERATIVA 1.4. ASSISTENZA SISTEMISTICA 2. FIGURE PROFESSIONALE STAFF 2.1. DIRETTORE ESECUTIVO 2.2. TUTOR 2.3. ASSISTENTE INFORMATICO 3. FIGURE PROFESSIONALI CATALOGAZIONE 3.1. DOCENTI FORMAZIONE 3.2. ESPERTI DI CATALOGAZIONE NEI DIVERSI SETTORI 3.3. OPERATORI DELLA CATALOGAZIONE 4. CONDIZIONI AMMINISTRATIVE 5. DURATA DEI LAVORI 6. SUGGERIMENTI AL CLIENTE 7. ASSISTENZA AI LAVORI DA PARTE DEL CLIENTE B. LA PROPOSTA ECONOMICA C. CURRICULA 2

3 SCHEDA RIASSUNTIVA Denominazione del progetto: Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania. Committente: Governo italiano, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Paese beneficiario: Albania. Valore dei servizi: Lire Durata dei lavori: 10 mesi. Obiettivo dei lavori: Attraverso questa prima campagna di catalogazione si rafforza l Ufficio Catalogo preposto alla conservazione delle informazioni e si crea, attraverso la formazione professionale, un forte nucleo di operatori esterni in grado di operare sul terreno, anche in futuro, secondo metodiche e standard scientifici collaudati al servizio del processo continuo di implementazione della base di dati. Operatori locali: Si tratta di due tipologie di operatori: la prima è costituita da 8 esperti nelle varie discipline, la seconda è composta da 24 giovani laureati con compiti operativi. Contenuti della formazione: Il progetto di formazione dovrà essere in grado di sostenere le forze locali ad operare mediante l utilizzo di standard internazionali opportunamente adattati alle esigenze locali per il recupero e l implementazione delle informazioni esistenti realizzate in passato. La formazione dovrà essere indirizzata in un primo momento verso gli 8 esperti nelle varie discipline e, con l aiuto di questi, verso i 24 operatori esterni. I moduli di formazione saranno articolati in «lezioni in aula» ed in «esercitazioni pratiche». Direttore Esecutivo: Francesco Lavecchia (esperto direzione progetti di catalogazione territoriale informatizzata di aree vaste). Altro Personale Memar: 1. Federico Ranuzzi (schede di catalogo e data base), 2. Sergio Orselli (documentazione fotografica), 3. Julien Mathieu (schedatura e documentazione grafica), 4. Stéphane Niepceron (stampa-archiviazione), 5. Michele Deserti (organizzazione del lavoro). 3

4 PREMESSA La gestione dei beni culturali richiede la realizzazione di un vero e proprio sistema informativo del patrimonio architettonico, archeologico e artistico: si tratta di una banca dati cartacea ed informatizzata contenente i dati già presenti nei vari archivi e i dati da integrare mediante la raccolta diretta sul campo. Un archivio statale del patrimonio culturale sottintende la presenza di personale qualificato locale in grado prima di realizzare il catalogo del patrimonio culturale e poi di gestire questa considerevole massa di informazioni, anche attraverso l aggiornamento quotidiano. Il personale qualificato potrà essere presente solo in parte all interno degli uffici dell Amministrazione Statale («UFFICIO CATALOGO»): in questo caso dovrà essere adeguatamente preparato anche il personale di piccole società e liberi professionisti in grado di realizzare, di volta in volta, il lavoro di documentazione del patrimonio culturale su tutto il territorio nazionale. Gli uni e gli altri possono partecipare insieme ai lavori di raccolta dei dati sul campo, ricevendo la stessa formazione professionale di tipo «operativo», mentre in parallelo gli operatori all interno della Pubblica Amministrazione potranno ricevere un supplemento di formazione professionale di tipo «gestionale», mirato alla conservazione e all implementazione del sistema informativo. Il progetto è, in ogni caso, articolato in due parti funzionalmente connesse e temporalmente distinte: CONSULENZA: fase di coordinamento con il Cliente, necessaria per la messa a punto della metodologia di inventario cartaceo e informatizzato, mediante la definizione delle fasi operative, con l individuazione puntuale del contenuto della formazione, anche sulla base del profilo professionale del: personale esperto all INTERNO dell Ufficio Catalogo dedicato alla pianificazione delle campagne catalografiche, alla direzione scientifica dei lavori, al collaudo del materiale prodotto all esterno, all introduzione delle informazioni nel sistema informativo; personale ESTERNO, a contratto, dedicato all armonizzazione dei dati esistenti, alla raccolta delle informazioni sul terreno e alla loro informatizzazione. FORMAZIONE: seconda fase caratterizzata dall erogazione della formazione per «operatore beni culturali» articolata in lezioni in aula ed esercitazioni sul campo, dedicata sia agli operatori esterni (formazione di tipo «operativo») che agli operatori interni all Ufficio Catalogo (formazione di tipo «gestionale»). 4

5 A - PROPOSTA TECNICA 1. ORGANIZZAZIONE E LOGISTICA 1.1. PROGETTO ESECUTIVO MODULI DIDATTICI E CAMPAGNE DI CATALOGAZIONE Benché la definizione a livello esecutivo dell organizzazione sia demandata, successivamente all affidamento dell incarico, sembra opportuno delineare per sommi capi il contenuto della formazione e delle fasi operative della campagne di catalogazione che MEMAR intenderebbe mettere in atto. La proposta tecnica ed economica di seguito esposta prende le mosse da una precisa metodologia operativa sperimentata dallo staff di MEMAR a lungo in Italia 1 per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in particolare in Emilia- Romagna e nelle Marche, e all estero, per la Banca Mondiale 2 e per il Ministero degli Affari Esteri italiano. La Banca Mondiale ha affidato, di recente, a MEMAR in Romania e in Tunisia progetti formativi per il rafforzamento dei locali uffici dedicati al catalogo del patrimonio. A partire dalla medesima metodologia operativa, sempre la Banca Mondiale con i fondi del Ministero degli Affari Esteri italiano, ha invitato la nostra società nell ottobre del 1999 a presentare una proposta tecnico-economica per l avvio di una campagna di catalogazione nello Yemen. 3 MODULI DIDATTICI Il progetto di formazione è articolato in due moduli didattici in grado di sostenere le forze locali ad operare mediante l utilizzo di standard internazionali opportunamente integrati: il progetto nel suo complesso dovrà funzionare sia che si tratti di operatori della Pubblica Amministrazione sia che si tratti di operatori esterni. 1 Importo complessivo dei servizi forniti al Min. per i Beni e le Attività Cuturali negli ultimi 10 anni: ca.20 miliardi di Lire. 2 Importo complessivo di tre commesse della Banca Mondiale (due in Tunisia e una in Romania) a partire dal 1997: 650,000 USD. Valore della fornitura di servizi in Yemen per la quale Memar è stata invitata a presentare una proposta economica e tecnica: 500,000 USD. 3 Siamo in attesa degli esiti della proposta. 5

6 Il primo modulo formativo è di tipo «operativo», il secondo di tipo «gestionale». I moduli di formazione sono articolati in «lezioni in aula» ed in «esercitazioni pratiche». FORMAZIONE DI TIPO OPERATIVO Si tratta di un tipo di formazione che permetta agli operatori che dovranno lavorare sul terreno, di realizzare la documentazione del patrimonio culturale del paese recuperando tutte le informazioni già prodotte e procedendo nel rispetto di standard operativi e scientifici internazionali. LEZIONI IN AULA: Le fasi operative del catalogo territoriale La normativa per la compilazione delle schede cartacee L informatica di base e gli applicativi Il data entry delle schede Le immagini numeriche ESERCITAZIONI: La ricognizione delle fonti documentarie La compilazione delle schede cartacee La documentazione fotografica La documentazione grafica L archiviazione delle schede, delle foto e dei rilievi. FORMAZIONE DI TIPO GESTIONALE Alla fine dei lavori sul terreno, alcuni operatori potranno imparare a conservare i dati. Quindi si potrà procedere mediante la definizione di un programma didattico specifico (moduli di formazione gestionale ). I COMPITI DELL UFFICIO CATALOGO Si presuppone che gli addetti dell UFFICIO CATALOGO siano in grado di eseguire ad arte tutta una serie coordinata di operazioni per soddisfare i seguenti compiti: 1. fornire assistenza a tutte le categorie di utenti per quanto attiene l accesso ai dati; 2. completare i dati (in particolare: le fonti documentarie); 3. aggiornare i dati (in particolare: la proprietà); - ampliare i dati (in particolare: la documentazione fotografica), 4. realizzare altre schede: 6

7 - individuando le aree di intervento componendo gli elenchi dei beni da censire sulla base degli indirizzi programmatici stabiliti dall Amministrazione, - realizzando la ricognizione delle fonti documentarie, - predisponendo i dossier dedotti dalle fonti documentarie e necessari per la ricognizione sul territorio, - redigendo lo studio di fattibilità (tempi, personale interno, fornitori esterni e, quindi, i costi) per la realizzazione dei singoli programmi, - contribuendo direttamente alla produzione (schede e foto), - partecipando al collaudo del materiale prodotto da terzi (schede, foto e rilievi topografici), - redigendo gli stati d avanzamento lavori delle commesse affidate a fornitori esterni - informatizzando, stampando ed archiviando il materiale prodotto anche dai fornitori esterni. 5. implementare gli strumenti operativi di supporto ai lavori (vocabolari e repertori controllati delle fonti documentarie). In particolare gli operatori dovranno frequentare corsi con i seguenti contenuti: La formazione dell archivio informatizzato La gestione dell archivio informatizzato 7

8 MATERIALE DIDATTICO Memar ha già predisposto la più parte del materiale didattico di seguito elencato. INDICE A. Il catalogo territoriale B. Norme per la compilazione delle schede Sito Monumento - Oggetto Mobile C. La documentazione fotografica del patrimonio culturale D. La cartografia e la documentazione grafica del patrimonio culturale E. Archivio-dossier Il catalogo territoriale 1 Metodologia 1.1 Il catalogo territoriale 1.2 Le fasi operative 1.3 Le unità operative ed i profili professionali 1.4 Direzione, coordinamento, esecuzione dei lavori Norme per la compilazione delle schede Sito Monumento - Oggetto Mobile 1 Le schede SITO MONUMENTO - OGGETTO MOBILE 1.1 La compilazione del modello cartaceo 1.2 Schema della struttura dei dati 1.3 Le norme 1.4 Fonti documentarie La documentazione fotografica del patrimonio culturale 1. La documentazione fotografica 1.1 La documentazione dei Siti 1.2 La documentazione delle Architetture 1.3 La documentazione degli Oggetti Mobili 1.4 Riprese degli elementi e dei particolari Archivio - dossier 1 La creazione dell Archivio cartaceo ed elettronico 1.1 Schede 1.2 Allegati cartografici, grafici e fotografici 1.3 Fonti documentarie 8

9 CAMPAGNA DI CATALOGAZIONE La realizzazione di un sistema informativo, mediante il recupero dei dati esistenti e mediante campagne di catalogazione sul terreno, si articola in più fasi. PRIMA FASE: individuazione del patrimonio culturale da catalogare sulla base della documentazione già esistente negli archivi dell amministrazione pubblica. In questa fase è richiesto un particolare impegno formativo per la consultazione degli archivi e la valutazione delle informazioni. Individuazione del comprensorio da catalogare Definizione dell ambito territoriale e degli oggetti in esso contenuti da catalogare. Ricognizione delle fonti documentarie Attività preliminare all interno degli archivi per l individuazione delle fonti bibliografiche, cartografiche e fotografiche necessarie all individuazione dei beni contenuti nel progetto di schedatura ed alla compilazione e descrizione dei beni stessi. Progetto di catalogazione territoriale Programma operativo in termini di risorse umane, attrezzature e tempi. SECONDA FASE: completamento della compilazione delle schede e della documentazione fotografica e/o grafica mediante ricognizione negli archivi e, se necessario, sul campo. Documentazione schedografica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] Raccolta, su modello cartaceo, delle informazioni sui beni da catalogare, desunte in parte dalle fonti documentarie e in parte sul territorio. Nel caso di beni archivistici e di fonti documentarie, le informazioni potranno naturalmente essere inserite direttamente nei personal in dotazione. Documentazione fotografica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] La documentazione fotografica delle stato attuale viene realizzata, di norma, a colori, con alcuni particolari in B/N. Documentazione grafica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] Sulla base del tipo di progetto si definisce il livello della documentazione : possono essere realizzati semplici schizzi di supporto alla documentazione fotografica al fine di memorizzare il punto di ripresa, ovvero si possono realizzare rilievi in scale di dettaglio, anche se di tipo «speditivo». 9

10 Posizionamento topografico Posizionamento georeferenziato degli oggetti rilevati in funzione del grado di dettaglio della cartografia prescelta. Creazione di un archivio cartaceo [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] I dati sono raccolti ed organizzati per dossier. TERZA FASE: Immissione nella banca dati delle schede prodotte in formato cartaceo e delle immagini realizzate in formato digitale. Il lavoro consisterà nel guidare e controllare il processo di acquisizione dei dati e del delicato processo di collegamento fra le informazioni di diverso formato (file alfanumerici e file immagini). Creazione di archivi informatizzati Tutto il materiale cartaceo viene contemporaneamente reso disponibile su supporto informatico suddiviso per tipo di fonte documentarie : schede, foto (documentazione, storiche ed aeree), cartografia (attuale e storica), bibliografia. Creazione di un S.I.T. Tutti i dati che sono stati acquisiti in fase di catalogazione sono collegati tra loro e vengono resi disponibili su cartografie orientate SELEZIONE DEL PERSONALE PREREQUISITI DEGLI OPERATORI Agli operatori dovrebbero essere richiesti alcuni precisi prerequisiti in rapporto al tipo di lavoro da svolgere e alla quantità di ore di formazione previste complessivamente. In generale gli operatori dovranno avere, oltre ad una spiccata attitudine a lavorare in gruppo in modo coordinato, anche la capacità di lavorare individualmente in modo sistematico: in ogni caso gli addetti devono saper operare seguendo precise metodiche codificate con chiarezza che permettano loro di valorizzare a pieno il proprio bagaglio scolastico di conoscenze di base. Gli operatori dovranno inoltre acquisire nel corso della formazione specifiche nozioni sulla documentazione fotografica, anche se non dovessero in seguito operare direttamente sul campo, all interno del corso delle lezioni teoriche prima e, in seguito, nel corso delle esercitazioni. Alla fine delle lezioni teoriche e delle esercitazioni, prima dell inizio dei lavori, gli addetti saranno sottoposti ad un test predisposto da MEMAR, già utilizzato in altre occasioni, in grado di valutare il livello di ogni singolo discente ed il ruolo da assumere all interno delle singole unità operative. 10

11 La nostra esperienza ci dice che, benché tutti gli operatori debbano conoscere perfettamente tutte le fasi operative, occorre predisporre una organizzazione del lavoro di gruppo che sappia utilizzare al meglio il livello di competenza acquisito. Inoltre gli operatori dovranno essere in grado di informatizzare i dati di catalogo a livello «utente»: anche in questo caso, si ritiene indispensabile che gli operatori posseggano nozioni di base di primo livello. Prima dell inizio delle lezioni teoriche del settore informatico gli allievi saranno sottoposti ad un test predisposto da MEMAR, già utilizzato in altre occasioni, in grado di valutare il livello di ogni singolo discente al fine di stabilire almeno due gruppi di lavoro con lezioni ed esercitazioni diverse al fine di ottenere gli stessi risultati finali ALLESTIMENTO DELLA SEDE OPERATIVA Per tutta la durata del progetto MEMAR si impegna ad apprestare una sede operativa-foresteria attrezzata con: 1 Telefono fax - modem 2 PC - stampante scanner - internet 3 Fotocopiatrice - fascicolatrice - taglierina 4 Lavagna luminosa videoregistratore registratore - 5 Sede per la formazione e la revisione dei lavori: scrivanie (2), tavoli (5), armadi (2), sedie (30), attaccapanni, arredi vari 6 Foresteria attrezzata con 2 stanze da letto (letti, armadi, comodini, sedie, ecc.) 1.4. ASSISTENZA SISTEMISTICA Si tratta del canone di assistenza hardware-software per tutta la durata del progetto da corrispondere alla ditta realizzatrice degli applicativi. 2. FIGURE PROFESSIONALE STAFF PRESENTAZIONE DELLO STAFF Il gruppo di lavoro è sicuramente qualificato per il loro impegno in sede nazionale ed internazionale nel campo del catalogo territoriale. Per le singole esperienze di lavoro si rimanda alla descrizione dell Equipe: qui si vuole sottolineare che questo gruppo lavora insieme, dal 1988, nello sviluppo di importanti progetti in campo nazionale e internazionale del valore complessivo di ca 20 milioni di US$. La società mette a disposizione un gruppo di persone 11

12 molto motivate. Con i consulenti che potrebbero andare in Albania lavoriamo ininterrottamente dal Contemporaneamente essi, oltre ad aver lavorato con noi in Italia e in Tunisia, attualmente lavorano anche in Libia, Turchia e Siria in scavi archeologici e corsi di formazione sull inventario e il restauro dei monumenti. Qui di seguito si ricorderà solo la qualifica professionale, il ruolo nel progetto, cenni sull esperienza nazionale ed internazionale, mentre per una conoscenza di dettaglio dei singoli operatori si fa riferimento ai Curricula. 1. Francesco Lavecchia architetto urbanista / General Manager 2. Federico Ranuzzi assistenza sotware / gestione data base 3. Mathieu Julien architetto / documentaz. d architettura 4. Sergio Orselli fotografo beni culturali 5. Michele Deserti esperto organizzazione 6. Stéphane Niepceron stampa / archiviazione L intero staff è organizzato da MEMAR società che opera da dieci anni nel settore della catalogazione informatizzata del patrimonio italiano con una notevole esperienza in campo internazionale (vedi PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA ) 4 In Italia : dal 1980, senza soluzione di continuità, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. In campo internazionale : Partecipazione al Convegno di Nantes organizzato dal Consiglio d Europa sul tema «Architectural heritage : inventory and documentation methods in Europe / General Manager del Progetto di ricerca sulla catalogazione armonizzata fra Italia-Francia-Inghilterra nel programma IMACT 2 per la Comunità Europea (1993) / Consulente per l Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (Italia) e per l Inventario (Francia) per l armonizzazione delle schede delle due istituzioni (1993) / General Manager del Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia»(1998). 5 In Italia : dal 1988, senza soluzione di continuità, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. In campo internazionale : Partecipazione alla consulenza all Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione-Italia e all Inventario-Francia per l armonizzazione delle schede delle due istituzioni (1993) / Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di esperto GIS. 6 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di catalogatore del patrimonio storico (1998). 7 In Italia : da molti anni, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. 8 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto EU-PHARE Programma della Commissione Europea. «Provision of Technical Assistance and Procurement of Services Institutional Strengthening» (1999); EU-PHARE Programma della Commissione Europea, «Technical Assistance to the BiH State Institutions» (1998). 9 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di responsabile della «redazione» (1998). 12

13 2.1. DIRETTORE ESECUTIVO Ha gestito progetti di catalogazione territoriale in Emilia-Romagna e Marche (Min. Beni e Attività Culturali), Sardegna (Regione) e Tunisia (Banca Mondiale). E candidato alla direzione del progetto Yemen e Romania (Banca Mondiale) (vedi Curriculum allegato) TUTOR Il Tutor garantirà la propria presenza per almeno 40 giorni: 20 gg. per la preparazione e l avvio del progetto, gli altri distribuiti in 5 mesi. Il Tutor sarà individuato all interno dello Staff (vedi Curricula allegati) sulla base delle specificità del progetto esecutivo o professionista esterno con curriculum adeguato ASSISTENTE INFORMATICO Questa figura è già presente nello Staff: si tratta di Federico Ranuzzi (vedi Curriculum allegato) esperto in schede di catalogo sotto l aspetto delle strutture informatiche, in sistemi di data entry e nei protocolli ICCD per lo scambio dei file alfanumerici e dei file immagini. 3. FIGURE PROFESSIONALI CATALOGAZIONE 3.1. DOCENTI FORMAZIONE Lo Staff predisposto da Memar (vedi Curricula allegati) è in grado di rispondere alle esigenze del progetto formativo per l esperienza acquisita nell arco degli ultimi anni anche in campo internazionale sul tema della catalogazione ESPERTI DI CATALOGAZIONE NEI DIVERSI SETTORI I funzionari albanesi saranno affiancati dallo Staff Memar per la definizione del contenuto della formazione operativa, nell individuazione dei beni da catalogare, nel predisporre le modalità operative, nella vidimazione dei dati e nel predisporre l output di stampa OPERATORI DELLA CATALOGAZIONE Il personale selezionato sarà ingaggiato con regolare contratto da parte di Memar per la durata del progetto: prima dell inizio dei lavori gli operatori riceveranno formazione in aula e assistenza nel corso delle esercitazioni sul terreno. 13

14 4. CONDIZIONI AMMINISTRATIVE Le modalità di svolgimento del servizio sono descritte nella presente PROPOSTA TECNICA. Le figure professionali impiegate sono illustrate negli allegati Curricula. I costi sono illustrati nell allegata PROPOSTA ECONOMICA. 5. DURATA DEI LAVORI LA DURATA DEL PROGETTO I lavori si svilupperanno nell arco di 10 mesi. In considerazione del fatto che i moduli formativi sono 2, si suggerisce di non tentare di svilupparli in parallelo, ma di procedere nel seguente modo: 1) iniziare con la FORMAZIONE OPERATIVA, 2) continuare con la CAMPAGNA DI CATALOGAZIONE, 3) terminare con la FORMAZIONE GESTIONALE. 1 mese - Predisposizione della Sede operativa (STAFF MEMAR) - Progetto esecutivo (STAFF MEMAR in coordinamento con il Cliente) - Impostazione selezione del personale (criteri, avviso a mezzo stampa, ecc.) (STAFF MEMAR in coordinamento con il Cliente) 2 mese - Selezione del personale (STAFF MEMAR) - Presa in consegna degli strumenti software-hardware (STAFF MEMAR e ditta fornitrice WH-SW) 3 mese - Lezioni in aula Modulo operativo per 24 operatori (STAFF MEMAR + esperti locali) - Ricognizione fonti documentarie (esperti locali) - Progetto di catalogazione territoriale (STAFF MEMAR + esperti locali) 4 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) 5 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 6 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 7 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 8 mese - Correzione dei dati da parte degli operatori (operatori locali) - Validazione, Stampa e Archiviazione (esperti locali) 9 mese - Stampa e Archiviazione delle schede (esperti locali) 10 mese - Lezioni in aula Modulo gestionale in aula del personale dell Ufficio Catalogo (STAFF MEMAR) Si sottolinea il fatto che il tempo di formazione e di lavoro sul terreno degli operatori locali è pari a sei mesi. 14

15 6. SUGGERIMENTI AL CLIENTE LA METODOLOGIA SCIENTIFICA Per la raccolta delle nuove informazioni e per la eventuale riconversione dei dati esistenti, si suggerisce al Cliente l utilizzazione di una metodologia scientifica di valenza internazionale, come quella messa a punto dal Consiglio d Europa a Strasburgo 10 per l inventario del patrimonio architettonico e per gli Oggetti Mobili, opportunamente integrata al fine di soddisfare sino in fondo le esigenze dettate dalle specificità del patrimonio Albanese. Nello stesso tempo la struttura dei dati delle schede messe a punto a Strasburgo è compatibile con la struttura delle schede messe a punto dall Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) del Min. per i Beni e le Attività Culturali italiano. A questo proposito si fa notare che la Banca Mondiale per lo sviluppo dei progetti organizzati con la Cooperazione per lo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri italiano utilizza tali standard: per la Tunisia nel 1998 e per lo Yemen nel Le attività di cooperazione da realizzare all estero nel settore del patrimonio culturale e promosse nel corso del convegno di Firenze svoltosi dal 3 al 5 novembre 1999 e organizzato dal Ministero degli Affari Esteri con la Banca Mondiale richiedono una forte integrazione negli obbiettivi e nel metodo. Gli obbiettivi contenuti nella lettera d invito per la presentazione di una proposta tecnico-economica per la realizzazione della campagna di catalogazione in Albania sono certamente coerenti con quanto previsto dalle linee generali della cooperazione fra l Italia e la Banca Mondiale (vedi Convegno di Firenze novembre 99). Sarebbe importante che le metodologie operative e scientifiche da mettere in atto in Albania fossero coerenti anche con quanto già realizzato in TUNISIA e con quanto è in fase di realizzazione in YEMEN e in ROMANIA da parte della cooperazione Banca Mondiale - Italia nel settore della catalogazione. 10 Si fa riferimento, in particolare a «La Recommandation n R (95) 3, du Comité des Ministres du Conseil de l Europe» e a «La documentation du Patrimoine Culturel. Sites archéologiques, objets culturels, édifices historiques»

16 Il modello di sistema informativo del Consiglio d Europa, utilizzato in questi progetti dalla Banca Mondiale, può essere esemplificato col seguente schema: 1 livello Sito 2 livello Monumenti 3 livello Oggetti Mobili Si sottolinea un fattore importante dell utilizzo di uno standard internazionale in quanto il valore della formazione aumenta in modo esponenziale. Sarà necessario «armonizzare» la metodologia da impiegare in Albania con quanto previsto a Strasburgo dal Consiglio d Europa, salvaguardando sino in fondo il contenuto informativo dei dati già raccolti in sede locale. L utilizzo di uno standard scientifico unico permette l individuazione e il consolidamento di figure professionali «certificate», dai contenuti in parte tradizionali ed in parte nuovi. Se si vuole favorire l organizzazione della conoscenza del patrimonio culturale, per operare celermente sul terreno anche quando si hanno a disposizioni poche risorse, sarà necessario che le informazioni siano raccolte e organizzate in maniera «armonizzata», utilizzando metodiche e strumenti operativi già collaudati in sede internazionale: in questo modo sarà possibile individuare con certezza il profilo delle nuove figure professionali e, di conseguenza, sarà possibile rendere efficace e riproponibile anche altrove lo stesso processo formativo del personale locale. Pertanto, dopo la Tunisia, la Banca Mondiale potrà, nello sviluppo dei propri programmi sul patrimonio, far precedere o affiancare progetti di inventario, continuando ad utilizzare la stessa metodologia scientifica e operativa a garanzia di uniformità nei risultati e nella certezza del costo dei prodotti e per la diffusione di nuove figure professionali in tutta l area. La Tunisia ha dimostrato come sia necessario realizzare un modello articolato se si vuole operare con successo in un settore di così grande rilevanza per il paese. A questo punto, quanto messo in atto per lo sviluppo del progetto, può 16

17 essere considerato una vera risorsa in quanto si tratta, nel suo insieme, di un modello scientifico e operativo applicabile anche altrove mediante la formazione di operatori locali e l assistenza ai lavori di catalogazione sul terreno. 7. ASSISTENZA AI LAVORI DA PARTE DEL CLIENTE Il progetto si dipana nell arco di soli 10 mesi e, pertanto, è necessario che le assistenze del Cliente si sviluppino con estrema precisione nella loro concatenazione temporale. In particolare risulta particolarmente importante per un buon avvio del progetto che, alla data della consegna dei lavori da parte del Cliente, sia stati individuati: 1 i componenti dello Staff locale per progettare insieme a MEMAR, nel primo mese, il contenuto della formazione e le fasi operative; 2 - gli otto esperti locali nelle varie discipline che dovranno affiancare le attività di formazione e di collaudo delle informazioni raccolte. 17

18 memar monteassegni Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania C - CURRICULA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ MEMAR SIT Sistemi informativi territoriali, società fondata nel 1989, opera dal 1990 nel settore della catalogazione informatizzata dei beni culturali, organizzando campagne su aree vaste, elaborando programmi di data entry e strumenti per la gestione ed il collaudo di data base di schede informatizzate. Nel mese di dicembre 1998 è avvenuta la fusione con la società Memar S.r.l. e nel 1999 con la società Monteassegni S.r.l. Altri settori di applicazione della società sono la cartografia raster e vettoriale, la documentazione fotografica ed il trattamento immagini in forma numerica. In dettaglio: ( ) PRECATALOGO DEL TERRAGLIO: progetto generale dell intera area e schedatura del patrimonio architettonico del comune di Preganziol, in provincia di Treviso: schedatura operata secondo gli standard del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per conto del Centro Regionale di Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali della Regione Veneto in coordinamento con la SBAS del Veneto Orientale. ( ) CAMPAGNE DI SCHEDATURA: (fondi ordinari), documentazione fotografica con le Soprintendenze di tre regioni: SBAS Modena e Reggio Emilia, SBAS Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna; SBAA Marche, SBAA Veneto orientale. ( ) PRECATALOGO DELLE MARCHE: (fondi straordinari ex L. 84/90 - capofila ATI Marche), per conto delle SBAAAAS delle Marche, della diocesi di Ancona e dell'assessorato alla Cultura della Regione Marche. ( ) PRECATALOGO EMILIA-ROMAGNA: progettazione e Direzione Esecutiva per conto dell'ati Emilia-Romagna. ( ) PROGRAMMA DESC (Data-entry Stampa e Consultazione) programma elaborato su commessa del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per l informatizzazione delle schede di catalogo ( A, PG, OA-D-N, S-Mi, "RA", "AUT-BIB", ecc.), sistema attualmente in uso presso tutte le Soprintendenze statali. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1993) PROGETTO MULTIMEDIALE "EUROPART" realizzato nell'ambito del programma IMPACT 2 finanziato dalla CEE. Si tratta di un software multilingue in grado di permettere lo scambio dei dati fra gli stessi partner 18

19 istituzionali del progetto: Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per l'italia, l'inventaire per la Francia, la Royal Commission (RCHME) per l'inghilterra. Il software è stato realizzato mediante SQLWindows e Highway della 3D-Informatica. Nell ambito del progetto sono state digitalizzate di proprietà dei tre partner istituzionali. ( ) CARTOGRAFIA RASTER E VETTORIALE elaborata all interno del progetto ex L.84/90 denominato "Basi per l'appoggio cartografico dei dati relativi ai Beni Culturali e Ambientali elaborato sotto la direzione tecnicoscientifica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Per sviluppare il progetto la società ha dovuto acquisire capacità specifiche nel settore della cartografia per la rappresentazione dei progetti di catalogazione e dei beni architettonici e ambientali. (1994) PROGRAMMA DESC FOTOTECA 1 realizzato all interno di un progetto speciale ex L. 84/90 per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1995) PROGRAMMA FOTOTECA-2 per la Fototeca del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software elaborato a partire da ACCESS-Visual Basic è dedicato all'archiviazione delle schede foto e delle didascalie. (1995) PROGRAMMA TPA-EVENTI realizzato per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software è dedicato all'archiviazione e allo scambio dei dati relativi ai furti dei beni culturali; è elaborato a partire da ACCESS-Visual Basic. (1995) PROGRAMMA DESC SCHEDA A (ARCHITETTURA) versione inglese per CAS-MED C Formation de spécialistes pour l inventaire informatisé du patrimoine culturel immobilier et C.I.R.P.S. - Centro Interuniversitario di ricerca sui Paesi in via di Sviluppo. Utilizzato in Siria e Turchia nell ambito di progetti internazionali di collaborazione. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1996) PROGRAMMA GESTORE DATI Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1996) SCHEDA FKO BENI DEMO-ANTROPOLOGICI (per ambiente operativo Windows 95) per il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (in fase di collaudo). La scheda è dedicata alla catalogazione d'oggetti demo-antropologici. Programma realizzato in ACCESS-Visual Basic. 19

20 ( ) PROGRAMMA DESC SCHEDA SITO (SITI ARCHEOLOGICI). Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. ( ) PROGRAMMA TDF (TRASMISSIONE DATI FOTOGRAFICI). Prodotto finalizzato alla trasmissione dei dati informatizzati e delle immagini digitalizzate. Il programma permette di importare le schede informatizzate (con il programma DESC) e le immagini digitalizzate, di effettuare o collaudare il collegamento tra schede ed immagini, di consultare e visualizzare contemporaneamente le schede e le immagini, di organizzare la spedizione del materiale all ICCD secondo gli standard e le normative ministeriali. Realizzato in ACCESS 97 e Visual Basic per WIN95/98, permette anche la consultazione dei dati e delle immagini collegate, ed il collaudo delle spedizioni ricevute dall ICCD. ( ) TUNISIE: PROJET DE GESTION DU PATRIMOINE CULTUREL Ente appaltante : la Banca Mondiale con il contributo economico del Ministero degli Esteri italiano Paese beneficiario : la Tunisia Importo dei lavori : USD Oggetto dei lavori : la costituzione di un primo nucleo di dati informatizzati sul patrimonio storico ed archeologico della Tunisia a partire dalla ricognizione su circa monumenti localizzati in tutto il paese anche al fine di verificarne lo stato di conservazione. Gli standard catalografici utilizzati sono quelli stabiliti dal Consiglio d Europa. Esito della gara d appalto : il lavori sono stati aggiudicati da Memar Sit, società di Reggio Emilia che opera da anni nel settore dei beni culturali. Sviluppo dei lavori : sono iniziati a settembre 1997 con un primo periodo di preparazione e di formazione di circa 10 operatori locali; sono continuati su tutto il territorio del paese con il lavoro diretto di operatori tunisini affiancati sul territorio da tre italiani (un archeologo, un fotografo ed un topografo) e da un architetto francese. In Italia altri 6 operatori contribuiscono allo sviluppo del progetto. Il lavoro è stato svolto sul territorio nell arco di 5 mesi. Altri 5 mesi sono stati impiegati per la fase di in organizzazione per l archiviazione e la realizzazione di una banca dati informatica supportata da un sistema informativo geografico. Esito dei lavori : sono stati visitati e schedati 300 siti per un totale di ca monumenti con la realizzazione di ca foto e immagini di fonti archivistiche (foto storiche, mappe, cartografia, foto aeree, testi fondamentali, ecc.) per un totale di 100 CD Rom. Al Ministero della Cultura tunisino è stata consegnata una vera biblioteca cartacea composta da trecento dossier, uno per ogni sito, e una banca dati territoriale (schede, foto e carte) di facile uso da parte dell amministrazione tunisina. La fusione delle tre società da vita a tre aree : ACQUISIZIONE BENI CULTURALI ARCHIVIAZIONE 20

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Via della Grada 17/4 40122 Bologna Telefono(i) +39 051 521933 Cellulare: +39 339 4307490 E-mail ranuzzi@hotmail.com f.ranuzzi@docartis.com

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

MEMAR MONTEASSEGNI S.p.A Divisione SIT Sistemi informativi territoriali del patrimonio culturale

MEMAR MONTEASSEGNI S.p.A Divisione SIT Sistemi informativi territoriali del patrimonio culturale MEMAR MONTEASSEGNI S.p.A Divisione SIT Sistemi informativi territoriali del patrimonio culturale Memar-Monteassegni è presente nel settore della documentazione dei beni culturali e artistici, architettonici

Dettagli

Ufficio Centrale per il Catalogo

Ufficio Centrale per il Catalogo Ufficio Centrale per il Catalogo Argomenti La metodologia generale La formazione degli operatori Il posizionamento Il rilievo fotografico L implementazione del SIT Project de gestion du patrimoine culturel

Dettagli

Lo stato dell arte del catalogo

Lo stato dell arte del catalogo Lo stato dell arte del catalogo Argomenti Il Catalogo nel mondo Il Catalogo in Italia Perché il Catalogo del patrimonio Quale patrimonio? Il patrimonio culturale si può suddividere in due categorie: beni

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

Comune di Padria Provincia di Sassari

Comune di Padria Provincia di Sassari CURRICULUM VITAE Ingegnere Civile Edile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Andrea Pinna Telefono 079.807018 Tel/Fax 079.807323 E-mail ufficiotecnico@comune.padria.ss.it Nazionalità Italiana Data di nascita 9

Dettagli

Modulo 1 - Richiesta

Modulo 1 - Richiesta Modulo 1 - Richiesta Alla Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Oggetto: Richiesta di iscrizione all elenco di (Società / Cooperative / Studi di professionisti / Collaboratori

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli

Ufficio Regionale per il Catalogo

Ufficio Regionale per il Catalogo Ufficio Regionale per il Catalogo Argomenti I compiti degli Uffici Regionali Il Progetto di Catalogazione La Ricognizione sul terreno La documentazione fotografica Project de gestion du patrimoine culturel

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDI, RAFFAELLA Indirizzo SAN PIETRO IN CASALE, BOLOGNA Telefono 051 6669554 Fax E-mail raffaella.raimondi@comune.san-pietro-in-casale.bo.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: CENASCA CISL 2) Codice di accreditamento: 3) Classe di iscrizione all albo: NZ00765 I CARATTERISTICHE

Dettagli

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino Progetto Pierangelo Cavanna, Cristina Mossetti (dir. Villa della Regina), Elena

Dettagli

Banca Mondiale. Ministero della Cultura yemenita. Memar Monteassegni SpA

Banca Mondiale. Ministero della Cultura yemenita. Memar Monteassegni SpA Mappa dell Arabia Felix Gestione: Finanziamento: Beneficiario: Direzione scientifica: Progettazione ed esecuzione lavori: Banca Mondiale Ministero degli Affari Esteri italiano Ministero della Cultura yemenita

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERNI CLAUDIA Telefono 06.67665226 Fax 06.67665282 E-mail c.berni@provincia.roma.it Data di nascita 02.05.1951

Dettagli

Categorie: Requisiti:

Categorie: Requisiti: Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Avviso pubblico per la selezione di soggetti e professionisti da inserire negli elenchi delle Società / Cooperative / Studi di professionisti,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA 24.05.1952 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA 24.05.1952 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE 24.05.1952 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROMEO MARIA GRAZIA Indirizzo VIA VECCHIA PENTIMELE N. 24, 89122 REGGIO CALABRIA Telefono 3338780852 Fax E-mail mariagrazia.romeo@beniculturali.it

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Francesca Romana Longo Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 15/05/1984 OCCUPAZIONE

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI NICOLETTA LUSUARDI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail.

INFORMAZIONI PERSONALI NICOLETTA LUSUARDI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail NICOLETTA LUSUARDI Nazionalità Luogo e data di nascita Reggio Emilia lì 19.10.1974

Dettagli

Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA.

Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA. Ragione Sociale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA. Indirizzo PIAZZA D ARMI, 16 Telefono 070/6755800 070/6755813 Fax 070/6755816 E-mail diparch@unica.it

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cugia Cristina Maria Stefania Indirizzo Piazza Tola, 1-07100 Sassari Telefono 079/2017501 Fax 079/2017505 E-mail ccugia@comune.sassari.it Nazionalità

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALETTI Giorgio Data di nascita 28 aprile 1973 Qualifica EP posizione economica EP 1 area amministrativa gestionale Amministrazione Università degli Studi di Macerata Incarico

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Salerno e Avellino Via Trotula de Ruggiero, 6/7-84121 Salerno tel. +39 089 5647201/2/3 - fax +39 089

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE DIGITALI APPLICATE AI BENI CULTURALI, ARCHEOLOGICI E MONUMENTALI. La società PRAGMA Group promuove un corso BROCHURE INFORMATIVA

NUOVE TECNOLOGIE DIGITALI APPLICATE AI BENI CULTURALI, ARCHEOLOGICI E MONUMENTALI. La società PRAGMA Group promuove un corso BROCHURE INFORMATIVA La società PRAGMA Group promuove un corso NUOVE TECNOLOGIE DIGITALI APPLICATE AI BENI CULTURALI, ARCHEOLOGICI E MONUMENTALI BROCHURE INFORMATIVA INFORMAZIONI Pragma Group srl Via Degli Aragonesi, 36 Tel/Fax

Dettagli

STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI

STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI Approvato con deliberazione del consiglio comunale n 74 in data 26/11/2010.. Art. 1.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il Tempo e le Immagini: riordino del patrimonio documentario e fotografico del Comune di Venezia SETTORE e Area di Intervento: Settore: Patrimonio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Facoltà di architettura Valle Giulia BANDO DEL MASTER

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Facoltà di architettura Valle Giulia BANDO DEL MASTER BANDO DEL MASTER GOVERNO DEL TERRITORIO DELL'AMBIENTE E SVILUPPO LOCALE Presso la Facoltà d Architettura Valle Giulia, dell Università di Roma La Sapienza, è istituito il Master Universitario di 2 livello

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Bongiovanni Maria Letizia Telefono 0516598631 Fax E-mail marialetizia.bongiovanni@provincia.bologna.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale»

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale» Allegato al decreto n. 1815/CULT. del 25 giugno 2014 Avviso di selezione tramite procedura comparativa per l affidamento di n. 4 incarichi professionali nel settore della catalogazione e della documentazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Mara Mazzoni Loreto (AN) Italiana PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Residente a

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Mara Mazzoni Loreto (AN) Italiana PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Residente a F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residente a Mara Mazzoni Loreto (AN) Data di nascita Loreto (AN), 13/12/1981 Nazionalità Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e indirizzo

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo LINEE GUIDA per la catalogazione dei beni culturali immateriali e per gli inventari del patrimonio culturale immateriale Premessa La distinzione fra catalogazione dei beni culturali immateriali e inventari

Dettagli

9. PROGETTIAMO UN GIS

9. PROGETTIAMO UN GIS 9. PROGETTIAMO UN GIS 9.1 Introduzione Abbiamo approfondito nei capitoli precedenti le singole componenti di un SIT, le funzioni necessarie nelle diverse fasi di elaborazione dei dati, la generazione di

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA 39 Area di apprendimento STORIA E SCIENZE SOCIALI 1 anno 2 anno 3 anno 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. Storia dell Architettura contemporanea Atelier

Dettagli

Funzionario amministrativo. Direttore dell Archivio di Stato di Verona. as-vr@beniculturali.it roberto.mazzei@beniculturali.it

Funzionario amministrativo. Direttore dell Archivio di Stato di Verona. as-vr@beniculturali.it roberto.mazzei@beniculturali.it C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO MAZZEI Data di nascita 4 maggio 1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio Fax dell ufficio E mail istituzionale

Dettagli

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI SEMINARIO LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI in collaborazione con SNEC Servizio Nazionale per l Edilizia di Culto della CEI Fiera di Vicenza - martedì 16 aprile 2013,

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Lettere e Filosofia CLASSE DELLE LAUREE IN BENI CULTURALI (L-1) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BENI CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO È attivato presso la Facoltà

Dettagli

Manetta Laura Provincia di Ravenna Alta Professionalità Pianificazione e Controllo P.zza dei Caduti, 2 48121 Ravenna. lmanetta@mail.provincia.ra.

Manetta Laura Provincia di Ravenna Alta Professionalità Pianificazione e Controllo P.zza dei Caduti, 2 48121 Ravenna. lmanetta@mail.provincia.ra. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Incarico attuale Sede di Manetta Laura Provincia di Ravenna Alta Professionalità Pianificazione

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICO HARDWARE, SOFTWARE E DI RETE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICO HARDWARE, SOFTWARE E DI RETE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICO HARDWARE, SOFTWARE E DI RETE Corsi di specializzazione

Dettagli

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo DI AFFIDARE al dott. Lorenzo Silipigni la responsabilità dei seguenti procedimenti amministrativi: (Affari istituzionali e amministrazione - Informazione e comunicazione) AFFARI ISTITUZIONALI E AMMINISTRAZIONE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ERCOLI MAURO Via G. da Fabriano 2/4-60125 Ancona Telefono 071 8064356 Fax 071 8064454 E-mail mauro.ercoli@regione.marche.it

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO E IL PERSONALE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO E IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO E IL PERSONALE NOTA INTRODUTTIVA L Amministrazione ha svolto una attenta analisi del fabbisogno di competenze professionali

Dettagli

MAURIZIO PUGI. Regione Toscana Corsi di formazione Gis:Arcview 3.1, Arcview 3.3, Arcgis 8.1,Estensioni 3D analyst,spatial Analyst, ArcInfo

MAURIZIO PUGI. Regione Toscana Corsi di formazione Gis:Arcview 3.1, Arcview 3.3, Arcgis 8.1,Estensioni 3D analyst,spatial Analyst, ArcInfo MAURIZIO PUGI CURRICULUM VITAE Y CARTOMAP.NET INFORMAZIONI PERSONALI Nome PUGI MAURIZIO Indirizzo 1, VIA DEL CHIESINO, 50143, FIRENZE (FI), ITALIA Telefono 347 0354165, 333 6602518 Fax 055 712997 E-mail

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

nazzareno.pedica@comune.tr.it

nazzareno.pedica@comune.tr.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica NAZZARENO PEDICA FOSSATO di VICO (PG) 5/Marzo/1953 COORDINATORE TECNICO Amministrazione COMUNE di TERNI Incarico attuale COORDINATORE TECNICO (P.O.)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RITA ENRICA MONTANARI Indirizzo Telefono 0522 456498 Fax 0522 456037 E-mail enrica.montanari@municipio.re.it

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O

C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANDREETTI EDI Telefono Uff. 0521.797236 Cell. 335.1096028 E-mail edi.andreetti@agenziapo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE E LA REGIONE PIEMONTE PER IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI DEL TERRITORIO

Dettagli

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI QUESTIONARIO Nell'ambito del Dottorato in Scienze e Tecnologie per l'archeologia e i Beni Culturali dell Università

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI NOME INDIRIZZO MAZZOLA UGO TELEFONO FAX E-MAIL ugo.mazzola@regione.sicilia.it cricd.uo9@regione.sicilia.it uo10bci@regione.sicilia.it

Dettagli

MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO

MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO MASTER DI I LIVELLO I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO Titolo del corso: I DRONI PER LA GESTIONE DELL AGROECOSISTEMA, DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO. Aula: la composizione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLARI TIZIANO Indirizzo VIALE PICENO, 60 20129 MILANO Telefono 02.7740.2569 Fax 02.7740.2499 E-mail t.cappellari@provincia.milano.it

Dettagli

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA,

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA, LE MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL LABORATORIO DI TESI DI LAUREA del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura U.E. Nuovo Ordinamento CdCS del 20-10-2010, 03-11-2010, 10-11-2010,

Dettagli

Comune di Bomporto. Responsabile Area Urbanistica ed Edilizia tempo determinato - part time Numero telefonico dell ufficio

Comune di Bomporto. Responsabile Area Urbanistica ed Edilizia tempo determinato - part time Numero telefonico dell ufficio CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MAZZUCCA ALFREDO ANTONIO Data di nascita 17.01.1956 Qualifica Funzionario Tecnico D3 Amministrazione Comune di Bomporto Incarico attuale Responsabile Area Urbanistica

Dettagli

cultura ambiente comunicazione dal 1990 per la cultura e l ambiente saf

cultura ambiente comunicazione dal 1990 per la cultura e l ambiente saf cultura ambiente comunicazione saf dal 1990 per la cultura e l ambiente chi siamo SAF per la Cultura e l Ambiente (SAFca), costituita nel 1990, è divenuta operativa come struttura dedicata alla promozione,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DOMENICHINI, RICCARDO Indirizzo SEST. CASTELLO, 13 A - 30122 VENEZIA VE Telefono 041.2571012 Fax 041.2572626

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

MICHAEL italiano nel contesto europeo

MICHAEL italiano nel contesto europeo MICHAEL e le politiche locali MICHAEL italiano nel contesto europeo Rossella Caffo MICHAEL Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe Finalità: Lanciare un servizio in linea che promuova il

Dettagli

Il sistema informativo costruzioni per la sicurezza nei cantieri: Aspetti operativi della programmazione SICO

Il sistema informativo costruzioni per la sicurezza nei cantieri: Aspetti operativi della programmazione SICO Bologna, 18 giugno 2012 Convegno Notifica Preliminare Unica Regionale Strumento digitale per la semplificazione e la sicurezza in edilizia Il sistema informativo costruzioni per la sicurezza nei cantieri:

Dettagli

Il quadro generale del sistema scolastico italiano

Il quadro generale del sistema scolastico italiano Il quadro generale del sistema scolastico italiano Dall osservatorio EENET un esempio di scheda per descrivere il sistema scolastico nei singoli paesi Stefania Bocconi, Istituto Tecnologie Didattiche -

Dettagli

GUIDA ALLA DOMANDA PER LA QUALIFICA DI RESTAURATORE

GUIDA ALLA DOMANDA PER LA QUALIFICA DI RESTAURATORE LA QUALIFICA DI RESTAURATORE DI BENI CULTURALI La qualifica di restauratore di Beni Culturali si ottiene con il raggiungimento del punteggio minimo - di 300 punti - previsto dal comma 1-ter), al partecipante

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari

Dettagli

4. ORDINAMENTI E PIANI DEL CORSO DI LAUREA

4. ORDINAMENTI E PIANI DEL CORSO DI LAUREA 4. ORDINAMENTI E PIANI DEL CORSO DI LAUREA In previsione della conclusione dell'iter legislativo che riguarda la riforma universitaria, Laurea e Laurea Specialistica (3+2), le Facoltà dell'università del

Dettagli

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Premio Tempo ritrovato Fotografie da non perdere II Edizione Conservare i frammenti

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT ALLEGATO I) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT SCHEMA PREDISPOSIZIONE PROGETTO Comune Santa Teresa Gallura Provincia

Dettagli

Categoria D, area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati. Area Tecnico Edilizia. Amministrazione e Finanza Servizio Patrimonio Immobiliare

Categoria D, area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati. Area Tecnico Edilizia. Amministrazione e Finanza Servizio Patrimonio Immobiliare C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SAPONE STEFANO Indirizzo VIALE CAMPANIA, 25 20133 MILANO Telefono 0223999328 Fax 0223999326 E-mail stefano.sapone@polimi.it

Dettagli

Attività di sviluppo, consulenza e formazione

Attività di sviluppo, consulenza e formazione F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail ferlazzo@dasein.it Nazionalità Italiana Data di nascita 29/06/1952 ESPERIENZA LAVORATIVA Attualmente

Dettagli

8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA

8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA 8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA PERSONALE Politiche del personale L ampliamento dei compiti assegnati all Autorità dagli atti di liberalizzazione dei settori regolati accresce l importanza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica. Dirigente II Fascia Amministrazione

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica. Dirigente II Fascia Amministrazione CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica Dirigente II Fascia Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Incarico attuale Dirigente - UNITA'

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GAZZANI MARIAGRAZIA Indirizzo VIA BELLINI N. 10, 42023 CADELBOSCO DI SOPRA (RE) Telefono 334 6404791 Fax E-mail mg.gazzani@comune.reggiolo.re.it

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

ips Obiettivi Destinatari Prerequisiti

ips Obiettivi Destinatari Prerequisiti CORSO CAD 2D/3D WHO 00 ips è un centro autorizzato, con esperienza ventennale, che propone corsi di formazione professionale ad alta definizione tecnologica, per privati e imprese, sempre al passo con

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Giovedì 21 febbraio 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Giovedì 21 febbraio 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Occupazione e politiche del lavoro D.d.u.o. 15 febbraio 2013 - n. 1228 Regolamentazione dei percorsi abilitanti del tecnico del restauro dei beni culturali ai sensi dell art.

Dettagli

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI Arch. Walter Baricchi Il sisma 2012 in Emilia. Il 20 maggio 2012 una vastissima area compresa tra

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Palazzolo Acreide 2) Codice di accreditamento: NZ00822 3) Albo e classe

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR

Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR Pisa, 4 ottobre 2007 Caterina Pileggi Il progetto di informatizzazione dell archivio dell ICR Riordino, catalogazione e digitalizzazione degli archivi fotografici e per la documentazione dei restauri dell

Dettagli

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private,

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private, UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ARCHITETTURA LABORATORI DI SINTESI FINALE E TESI DI LAUREA 1. Nel corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO Verso la Biblioteca digitale del patrimonio culturale molisano SETTORE e Area di Intervento: Settore: Patrimonio artistico e culturale Area

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI SCHEDA RIASSUNTIVA Direzione Direttore Scientifico: Prof. Sergio

Dettagli