Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio del Commissario straordinario per le iniziative italiane di supporto all Albania Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania Corso di formazione professionale per la realizzazione del catalogo territoriale elettronico

2 SCHEDA RIASSUNTIVA PREMESSA INDICE A. LA PROPOSTA TECNICA 1. ORGANIZZAZIONE E LOGISTICA 1.1. PROGETTO ESECUTIVO MODULI DIDATTICI E CAMPAGNE DI CATALOGAZIONE 1.2. SELEZIONE DEL PERSONALE 1.3. ALLESTIMENTO DELLA SEDE OPERATIVA 1.4. ASSISTENZA SISTEMISTICA 2. FIGURE PROFESSIONALE STAFF 2.1. DIRETTORE ESECUTIVO 2.2. TUTOR 2.3. ASSISTENTE INFORMATICO 3. FIGURE PROFESSIONALI CATALOGAZIONE 3.1. DOCENTI FORMAZIONE 3.2. ESPERTI DI CATALOGAZIONE NEI DIVERSI SETTORI 3.3. OPERATORI DELLA CATALOGAZIONE 4. CONDIZIONI AMMINISTRATIVE 5. DURATA DEI LAVORI 6. SUGGERIMENTI AL CLIENTE 7. ASSISTENZA AI LAVORI DA PARTE DEL CLIENTE B. LA PROPOSTA ECONOMICA C. CURRICULA 2

3 SCHEDA RIASSUNTIVA Denominazione del progetto: Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania. Committente: Governo italiano, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Paese beneficiario: Albania. Valore dei servizi: Lire Durata dei lavori: 10 mesi. Obiettivo dei lavori: Attraverso questa prima campagna di catalogazione si rafforza l Ufficio Catalogo preposto alla conservazione delle informazioni e si crea, attraverso la formazione professionale, un forte nucleo di operatori esterni in grado di operare sul terreno, anche in futuro, secondo metodiche e standard scientifici collaudati al servizio del processo continuo di implementazione della base di dati. Operatori locali: Si tratta di due tipologie di operatori: la prima è costituita da 8 esperti nelle varie discipline, la seconda è composta da 24 giovani laureati con compiti operativi. Contenuti della formazione: Il progetto di formazione dovrà essere in grado di sostenere le forze locali ad operare mediante l utilizzo di standard internazionali opportunamente adattati alle esigenze locali per il recupero e l implementazione delle informazioni esistenti realizzate in passato. La formazione dovrà essere indirizzata in un primo momento verso gli 8 esperti nelle varie discipline e, con l aiuto di questi, verso i 24 operatori esterni. I moduli di formazione saranno articolati in «lezioni in aula» ed in «esercitazioni pratiche». Direttore Esecutivo: Francesco Lavecchia (esperto direzione progetti di catalogazione territoriale informatizzata di aree vaste). Altro Personale Memar: 1. Federico Ranuzzi (schede di catalogo e data base), 2. Sergio Orselli (documentazione fotografica), 3. Julien Mathieu (schedatura e documentazione grafica), 4. Stéphane Niepceron (stampa-archiviazione), 5. Michele Deserti (organizzazione del lavoro). 3

4 PREMESSA La gestione dei beni culturali richiede la realizzazione di un vero e proprio sistema informativo del patrimonio architettonico, archeologico e artistico: si tratta di una banca dati cartacea ed informatizzata contenente i dati già presenti nei vari archivi e i dati da integrare mediante la raccolta diretta sul campo. Un archivio statale del patrimonio culturale sottintende la presenza di personale qualificato locale in grado prima di realizzare il catalogo del patrimonio culturale e poi di gestire questa considerevole massa di informazioni, anche attraverso l aggiornamento quotidiano. Il personale qualificato potrà essere presente solo in parte all interno degli uffici dell Amministrazione Statale («UFFICIO CATALOGO»): in questo caso dovrà essere adeguatamente preparato anche il personale di piccole società e liberi professionisti in grado di realizzare, di volta in volta, il lavoro di documentazione del patrimonio culturale su tutto il territorio nazionale. Gli uni e gli altri possono partecipare insieme ai lavori di raccolta dei dati sul campo, ricevendo la stessa formazione professionale di tipo «operativo», mentre in parallelo gli operatori all interno della Pubblica Amministrazione potranno ricevere un supplemento di formazione professionale di tipo «gestionale», mirato alla conservazione e all implementazione del sistema informativo. Il progetto è, in ogni caso, articolato in due parti funzionalmente connesse e temporalmente distinte: CONSULENZA: fase di coordinamento con il Cliente, necessaria per la messa a punto della metodologia di inventario cartaceo e informatizzato, mediante la definizione delle fasi operative, con l individuazione puntuale del contenuto della formazione, anche sulla base del profilo professionale del: personale esperto all INTERNO dell Ufficio Catalogo dedicato alla pianificazione delle campagne catalografiche, alla direzione scientifica dei lavori, al collaudo del materiale prodotto all esterno, all introduzione delle informazioni nel sistema informativo; personale ESTERNO, a contratto, dedicato all armonizzazione dei dati esistenti, alla raccolta delle informazioni sul terreno e alla loro informatizzazione. FORMAZIONE: seconda fase caratterizzata dall erogazione della formazione per «operatore beni culturali» articolata in lezioni in aula ed esercitazioni sul campo, dedicata sia agli operatori esterni (formazione di tipo «operativo») che agli operatori interni all Ufficio Catalogo (formazione di tipo «gestionale»). 4

5 A - PROPOSTA TECNICA 1. ORGANIZZAZIONE E LOGISTICA 1.1. PROGETTO ESECUTIVO MODULI DIDATTICI E CAMPAGNE DI CATALOGAZIONE Benché la definizione a livello esecutivo dell organizzazione sia demandata, successivamente all affidamento dell incarico, sembra opportuno delineare per sommi capi il contenuto della formazione e delle fasi operative della campagne di catalogazione che MEMAR intenderebbe mettere in atto. La proposta tecnica ed economica di seguito esposta prende le mosse da una precisa metodologia operativa sperimentata dallo staff di MEMAR a lungo in Italia 1 per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in particolare in Emilia- Romagna e nelle Marche, e all estero, per la Banca Mondiale 2 e per il Ministero degli Affari Esteri italiano. La Banca Mondiale ha affidato, di recente, a MEMAR in Romania e in Tunisia progetti formativi per il rafforzamento dei locali uffici dedicati al catalogo del patrimonio. A partire dalla medesima metodologia operativa, sempre la Banca Mondiale con i fondi del Ministero degli Affari Esteri italiano, ha invitato la nostra società nell ottobre del 1999 a presentare una proposta tecnico-economica per l avvio di una campagna di catalogazione nello Yemen. 3 MODULI DIDATTICI Il progetto di formazione è articolato in due moduli didattici in grado di sostenere le forze locali ad operare mediante l utilizzo di standard internazionali opportunamente integrati: il progetto nel suo complesso dovrà funzionare sia che si tratti di operatori della Pubblica Amministrazione sia che si tratti di operatori esterni. 1 Importo complessivo dei servizi forniti al Min. per i Beni e le Attività Cuturali negli ultimi 10 anni: ca.20 miliardi di Lire. 2 Importo complessivo di tre commesse della Banca Mondiale (due in Tunisia e una in Romania) a partire dal 1997: 650,000 USD. Valore della fornitura di servizi in Yemen per la quale Memar è stata invitata a presentare una proposta economica e tecnica: 500,000 USD. 3 Siamo in attesa degli esiti della proposta. 5

6 Il primo modulo formativo è di tipo «operativo», il secondo di tipo «gestionale». I moduli di formazione sono articolati in «lezioni in aula» ed in «esercitazioni pratiche». FORMAZIONE DI TIPO OPERATIVO Si tratta di un tipo di formazione che permetta agli operatori che dovranno lavorare sul terreno, di realizzare la documentazione del patrimonio culturale del paese recuperando tutte le informazioni già prodotte e procedendo nel rispetto di standard operativi e scientifici internazionali. LEZIONI IN AULA: Le fasi operative del catalogo territoriale La normativa per la compilazione delle schede cartacee L informatica di base e gli applicativi Il data entry delle schede Le immagini numeriche ESERCITAZIONI: La ricognizione delle fonti documentarie La compilazione delle schede cartacee La documentazione fotografica La documentazione grafica L archiviazione delle schede, delle foto e dei rilievi. FORMAZIONE DI TIPO GESTIONALE Alla fine dei lavori sul terreno, alcuni operatori potranno imparare a conservare i dati. Quindi si potrà procedere mediante la definizione di un programma didattico specifico (moduli di formazione gestionale ). I COMPITI DELL UFFICIO CATALOGO Si presuppone che gli addetti dell UFFICIO CATALOGO siano in grado di eseguire ad arte tutta una serie coordinata di operazioni per soddisfare i seguenti compiti: 1. fornire assistenza a tutte le categorie di utenti per quanto attiene l accesso ai dati; 2. completare i dati (in particolare: le fonti documentarie); 3. aggiornare i dati (in particolare: la proprietà); - ampliare i dati (in particolare: la documentazione fotografica), 4. realizzare altre schede: 6

7 - individuando le aree di intervento componendo gli elenchi dei beni da censire sulla base degli indirizzi programmatici stabiliti dall Amministrazione, - realizzando la ricognizione delle fonti documentarie, - predisponendo i dossier dedotti dalle fonti documentarie e necessari per la ricognizione sul territorio, - redigendo lo studio di fattibilità (tempi, personale interno, fornitori esterni e, quindi, i costi) per la realizzazione dei singoli programmi, - contribuendo direttamente alla produzione (schede e foto), - partecipando al collaudo del materiale prodotto da terzi (schede, foto e rilievi topografici), - redigendo gli stati d avanzamento lavori delle commesse affidate a fornitori esterni - informatizzando, stampando ed archiviando il materiale prodotto anche dai fornitori esterni. 5. implementare gli strumenti operativi di supporto ai lavori (vocabolari e repertori controllati delle fonti documentarie). In particolare gli operatori dovranno frequentare corsi con i seguenti contenuti: La formazione dell archivio informatizzato La gestione dell archivio informatizzato 7

8 MATERIALE DIDATTICO Memar ha già predisposto la più parte del materiale didattico di seguito elencato. INDICE A. Il catalogo territoriale B. Norme per la compilazione delle schede Sito Monumento - Oggetto Mobile C. La documentazione fotografica del patrimonio culturale D. La cartografia e la documentazione grafica del patrimonio culturale E. Archivio-dossier Il catalogo territoriale 1 Metodologia 1.1 Il catalogo territoriale 1.2 Le fasi operative 1.3 Le unità operative ed i profili professionali 1.4 Direzione, coordinamento, esecuzione dei lavori Norme per la compilazione delle schede Sito Monumento - Oggetto Mobile 1 Le schede SITO MONUMENTO - OGGETTO MOBILE 1.1 La compilazione del modello cartaceo 1.2 Schema della struttura dei dati 1.3 Le norme 1.4 Fonti documentarie La documentazione fotografica del patrimonio culturale 1. La documentazione fotografica 1.1 La documentazione dei Siti 1.2 La documentazione delle Architetture 1.3 La documentazione degli Oggetti Mobili 1.4 Riprese degli elementi e dei particolari Archivio - dossier 1 La creazione dell Archivio cartaceo ed elettronico 1.1 Schede 1.2 Allegati cartografici, grafici e fotografici 1.3 Fonti documentarie 8

9 CAMPAGNA DI CATALOGAZIONE La realizzazione di un sistema informativo, mediante il recupero dei dati esistenti e mediante campagne di catalogazione sul terreno, si articola in più fasi. PRIMA FASE: individuazione del patrimonio culturale da catalogare sulla base della documentazione già esistente negli archivi dell amministrazione pubblica. In questa fase è richiesto un particolare impegno formativo per la consultazione degli archivi e la valutazione delle informazioni. Individuazione del comprensorio da catalogare Definizione dell ambito territoriale e degli oggetti in esso contenuti da catalogare. Ricognizione delle fonti documentarie Attività preliminare all interno degli archivi per l individuazione delle fonti bibliografiche, cartografiche e fotografiche necessarie all individuazione dei beni contenuti nel progetto di schedatura ed alla compilazione e descrizione dei beni stessi. Progetto di catalogazione territoriale Programma operativo in termini di risorse umane, attrezzature e tempi. SECONDA FASE: completamento della compilazione delle schede e della documentazione fotografica e/o grafica mediante ricognizione negli archivi e, se necessario, sul campo. Documentazione schedografica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] Raccolta, su modello cartaceo, delle informazioni sui beni da catalogare, desunte in parte dalle fonti documentarie e in parte sul territorio. Nel caso di beni archivistici e di fonti documentarie, le informazioni potranno naturalmente essere inserite direttamente nei personal in dotazione. Documentazione fotografica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] La documentazione fotografica delle stato attuale viene realizzata, di norma, a colori, con alcuni particolari in B/N. Documentazione grafica [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] Sulla base del tipo di progetto si definisce il livello della documentazione : possono essere realizzati semplici schizzi di supporto alla documentazione fotografica al fine di memorizzare il punto di ripresa, ovvero si possono realizzare rilievi in scale di dettaglio, anche se di tipo «speditivo». 9

10 Posizionamento topografico Posizionamento georeferenziato degli oggetti rilevati in funzione del grado di dettaglio della cartografia prescelta. Creazione di un archivio cartaceo [Le specifiche sono da concordare con il Cliente] I dati sono raccolti ed organizzati per dossier. TERZA FASE: Immissione nella banca dati delle schede prodotte in formato cartaceo e delle immagini realizzate in formato digitale. Il lavoro consisterà nel guidare e controllare il processo di acquisizione dei dati e del delicato processo di collegamento fra le informazioni di diverso formato (file alfanumerici e file immagini). Creazione di archivi informatizzati Tutto il materiale cartaceo viene contemporaneamente reso disponibile su supporto informatico suddiviso per tipo di fonte documentarie : schede, foto (documentazione, storiche ed aeree), cartografia (attuale e storica), bibliografia. Creazione di un S.I.T. Tutti i dati che sono stati acquisiti in fase di catalogazione sono collegati tra loro e vengono resi disponibili su cartografie orientate SELEZIONE DEL PERSONALE PREREQUISITI DEGLI OPERATORI Agli operatori dovrebbero essere richiesti alcuni precisi prerequisiti in rapporto al tipo di lavoro da svolgere e alla quantità di ore di formazione previste complessivamente. In generale gli operatori dovranno avere, oltre ad una spiccata attitudine a lavorare in gruppo in modo coordinato, anche la capacità di lavorare individualmente in modo sistematico: in ogni caso gli addetti devono saper operare seguendo precise metodiche codificate con chiarezza che permettano loro di valorizzare a pieno il proprio bagaglio scolastico di conoscenze di base. Gli operatori dovranno inoltre acquisire nel corso della formazione specifiche nozioni sulla documentazione fotografica, anche se non dovessero in seguito operare direttamente sul campo, all interno del corso delle lezioni teoriche prima e, in seguito, nel corso delle esercitazioni. Alla fine delle lezioni teoriche e delle esercitazioni, prima dell inizio dei lavori, gli addetti saranno sottoposti ad un test predisposto da MEMAR, già utilizzato in altre occasioni, in grado di valutare il livello di ogni singolo discente ed il ruolo da assumere all interno delle singole unità operative. 10

11 La nostra esperienza ci dice che, benché tutti gli operatori debbano conoscere perfettamente tutte le fasi operative, occorre predisporre una organizzazione del lavoro di gruppo che sappia utilizzare al meglio il livello di competenza acquisito. Inoltre gli operatori dovranno essere in grado di informatizzare i dati di catalogo a livello «utente»: anche in questo caso, si ritiene indispensabile che gli operatori posseggano nozioni di base di primo livello. Prima dell inizio delle lezioni teoriche del settore informatico gli allievi saranno sottoposti ad un test predisposto da MEMAR, già utilizzato in altre occasioni, in grado di valutare il livello di ogni singolo discente al fine di stabilire almeno due gruppi di lavoro con lezioni ed esercitazioni diverse al fine di ottenere gli stessi risultati finali ALLESTIMENTO DELLA SEDE OPERATIVA Per tutta la durata del progetto MEMAR si impegna ad apprestare una sede operativa-foresteria attrezzata con: 1 Telefono fax - modem 2 PC - stampante scanner - internet 3 Fotocopiatrice - fascicolatrice - taglierina 4 Lavagna luminosa videoregistratore registratore - 5 Sede per la formazione e la revisione dei lavori: scrivanie (2), tavoli (5), armadi (2), sedie (30), attaccapanni, arredi vari 6 Foresteria attrezzata con 2 stanze da letto (letti, armadi, comodini, sedie, ecc.) 1.4. ASSISTENZA SISTEMISTICA Si tratta del canone di assistenza hardware-software per tutta la durata del progetto da corrispondere alla ditta realizzatrice degli applicativi. 2. FIGURE PROFESSIONALE STAFF PRESENTAZIONE DELLO STAFF Il gruppo di lavoro è sicuramente qualificato per il loro impegno in sede nazionale ed internazionale nel campo del catalogo territoriale. Per le singole esperienze di lavoro si rimanda alla descrizione dell Equipe: qui si vuole sottolineare che questo gruppo lavora insieme, dal 1988, nello sviluppo di importanti progetti in campo nazionale e internazionale del valore complessivo di ca 20 milioni di US$. La società mette a disposizione un gruppo di persone 11

12 molto motivate. Con i consulenti che potrebbero andare in Albania lavoriamo ininterrottamente dal Contemporaneamente essi, oltre ad aver lavorato con noi in Italia e in Tunisia, attualmente lavorano anche in Libia, Turchia e Siria in scavi archeologici e corsi di formazione sull inventario e il restauro dei monumenti. Qui di seguito si ricorderà solo la qualifica professionale, il ruolo nel progetto, cenni sull esperienza nazionale ed internazionale, mentre per una conoscenza di dettaglio dei singoli operatori si fa riferimento ai Curricula. 1. Francesco Lavecchia architetto urbanista / General Manager 2. Federico Ranuzzi assistenza sotware / gestione data base 3. Mathieu Julien architetto / documentaz. d architettura 4. Sergio Orselli fotografo beni culturali 5. Michele Deserti esperto organizzazione 6. Stéphane Niepceron stampa / archiviazione L intero staff è organizzato da MEMAR società che opera da dieci anni nel settore della catalogazione informatizzata del patrimonio italiano con una notevole esperienza in campo internazionale (vedi PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA ) 4 In Italia : dal 1980, senza soluzione di continuità, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. In campo internazionale : Partecipazione al Convegno di Nantes organizzato dal Consiglio d Europa sul tema «Architectural heritage : inventory and documentation methods in Europe / General Manager del Progetto di ricerca sulla catalogazione armonizzata fra Italia-Francia-Inghilterra nel programma IMACT 2 per la Comunità Europea (1993) / Consulente per l Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (Italia) e per l Inventario (Francia) per l armonizzazione delle schede delle due istituzioni (1993) / General Manager del Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia»(1998). 5 In Italia : dal 1988, senza soluzione di continuità, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. In campo internazionale : Partecipazione alla consulenza all Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione-Italia e all Inventario-Francia per l armonizzazione delle schede delle due istituzioni (1993) / Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di esperto GIS. 6 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di catalogatore del patrimonio storico (1998). 7 In Italia : da molti anni, lavora per catalogo con il Min. per i Beni e le Attività Culturali. 8 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto EU-PHARE Programma della Commissione Europea. «Provision of Technical Assistance and Procurement of Services Institutional Strengthening» (1999); EU-PHARE Programma della Commissione Europea, «Technical Assistance to the BiH State Institutions» (1998). 9 In campo internazionale : Partecipazione al Progetto «Gestione del patrimonio culturale della Tunisia» in qualità di responsabile della «redazione» (1998). 12

13 2.1. DIRETTORE ESECUTIVO Ha gestito progetti di catalogazione territoriale in Emilia-Romagna e Marche (Min. Beni e Attività Culturali), Sardegna (Regione) e Tunisia (Banca Mondiale). E candidato alla direzione del progetto Yemen e Romania (Banca Mondiale) (vedi Curriculum allegato) TUTOR Il Tutor garantirà la propria presenza per almeno 40 giorni: 20 gg. per la preparazione e l avvio del progetto, gli altri distribuiti in 5 mesi. Il Tutor sarà individuato all interno dello Staff (vedi Curricula allegati) sulla base delle specificità del progetto esecutivo o professionista esterno con curriculum adeguato ASSISTENTE INFORMATICO Questa figura è già presente nello Staff: si tratta di Federico Ranuzzi (vedi Curriculum allegato) esperto in schede di catalogo sotto l aspetto delle strutture informatiche, in sistemi di data entry e nei protocolli ICCD per lo scambio dei file alfanumerici e dei file immagini. 3. FIGURE PROFESSIONALI CATALOGAZIONE 3.1. DOCENTI FORMAZIONE Lo Staff predisposto da Memar (vedi Curricula allegati) è in grado di rispondere alle esigenze del progetto formativo per l esperienza acquisita nell arco degli ultimi anni anche in campo internazionale sul tema della catalogazione ESPERTI DI CATALOGAZIONE NEI DIVERSI SETTORI I funzionari albanesi saranno affiancati dallo Staff Memar per la definizione del contenuto della formazione operativa, nell individuazione dei beni da catalogare, nel predisporre le modalità operative, nella vidimazione dei dati e nel predisporre l output di stampa OPERATORI DELLA CATALOGAZIONE Il personale selezionato sarà ingaggiato con regolare contratto da parte di Memar per la durata del progetto: prima dell inizio dei lavori gli operatori riceveranno formazione in aula e assistenza nel corso delle esercitazioni sul terreno. 13

14 4. CONDIZIONI AMMINISTRATIVE Le modalità di svolgimento del servizio sono descritte nella presente PROPOSTA TECNICA. Le figure professionali impiegate sono illustrate negli allegati Curricula. I costi sono illustrati nell allegata PROPOSTA ECONOMICA. 5. DURATA DEI LAVORI LA DURATA DEL PROGETTO I lavori si svilupperanno nell arco di 10 mesi. In considerazione del fatto che i moduli formativi sono 2, si suggerisce di non tentare di svilupparli in parallelo, ma di procedere nel seguente modo: 1) iniziare con la FORMAZIONE OPERATIVA, 2) continuare con la CAMPAGNA DI CATALOGAZIONE, 3) terminare con la FORMAZIONE GESTIONALE. 1 mese - Predisposizione della Sede operativa (STAFF MEMAR) - Progetto esecutivo (STAFF MEMAR in coordinamento con il Cliente) - Impostazione selezione del personale (criteri, avviso a mezzo stampa, ecc.) (STAFF MEMAR in coordinamento con il Cliente) 2 mese - Selezione del personale (STAFF MEMAR) - Presa in consegna degli strumenti software-hardware (STAFF MEMAR e ditta fornitrice WH-SW) 3 mese - Lezioni in aula Modulo operativo per 24 operatori (STAFF MEMAR + esperti locali) - Ricognizione fonti documentarie (esperti locali) - Progetto di catalogazione territoriale (STAFF MEMAR + esperti locali) 4 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) 5 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 6 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 7 mese - Campagna di catalogazione (operatori locali) - Validazione delle schede (esperti locali) 8 mese - Correzione dei dati da parte degli operatori (operatori locali) - Validazione, Stampa e Archiviazione (esperti locali) 9 mese - Stampa e Archiviazione delle schede (esperti locali) 10 mese - Lezioni in aula Modulo gestionale in aula del personale dell Ufficio Catalogo (STAFF MEMAR) Si sottolinea il fatto che il tempo di formazione e di lavoro sul terreno degli operatori locali è pari a sei mesi. 14

15 6. SUGGERIMENTI AL CLIENTE LA METODOLOGIA SCIENTIFICA Per la raccolta delle nuove informazioni e per la eventuale riconversione dei dati esistenti, si suggerisce al Cliente l utilizzazione di una metodologia scientifica di valenza internazionale, come quella messa a punto dal Consiglio d Europa a Strasburgo 10 per l inventario del patrimonio architettonico e per gli Oggetti Mobili, opportunamente integrata al fine di soddisfare sino in fondo le esigenze dettate dalle specificità del patrimonio Albanese. Nello stesso tempo la struttura dei dati delle schede messe a punto a Strasburgo è compatibile con la struttura delle schede messe a punto dall Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) del Min. per i Beni e le Attività Culturali italiano. A questo proposito si fa notare che la Banca Mondiale per lo sviluppo dei progetti organizzati con la Cooperazione per lo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri italiano utilizza tali standard: per la Tunisia nel 1998 e per lo Yemen nel Le attività di cooperazione da realizzare all estero nel settore del patrimonio culturale e promosse nel corso del convegno di Firenze svoltosi dal 3 al 5 novembre 1999 e organizzato dal Ministero degli Affari Esteri con la Banca Mondiale richiedono una forte integrazione negli obbiettivi e nel metodo. Gli obbiettivi contenuti nella lettera d invito per la presentazione di una proposta tecnico-economica per la realizzazione della campagna di catalogazione in Albania sono certamente coerenti con quanto previsto dalle linee generali della cooperazione fra l Italia e la Banca Mondiale (vedi Convegno di Firenze novembre 99). Sarebbe importante che le metodologie operative e scientifiche da mettere in atto in Albania fossero coerenti anche con quanto già realizzato in TUNISIA e con quanto è in fase di realizzazione in YEMEN e in ROMANIA da parte della cooperazione Banca Mondiale - Italia nel settore della catalogazione. 10 Si fa riferimento, in particolare a «La Recommandation n R (95) 3, du Comité des Ministres du Conseil de l Europe» e a «La documentation du Patrimoine Culturel. Sites archéologiques, objets culturels, édifices historiques»

16 Il modello di sistema informativo del Consiglio d Europa, utilizzato in questi progetti dalla Banca Mondiale, può essere esemplificato col seguente schema: 1 livello Sito 2 livello Monumenti 3 livello Oggetti Mobili Si sottolinea un fattore importante dell utilizzo di uno standard internazionale in quanto il valore della formazione aumenta in modo esponenziale. Sarà necessario «armonizzare» la metodologia da impiegare in Albania con quanto previsto a Strasburgo dal Consiglio d Europa, salvaguardando sino in fondo il contenuto informativo dei dati già raccolti in sede locale. L utilizzo di uno standard scientifico unico permette l individuazione e il consolidamento di figure professionali «certificate», dai contenuti in parte tradizionali ed in parte nuovi. Se si vuole favorire l organizzazione della conoscenza del patrimonio culturale, per operare celermente sul terreno anche quando si hanno a disposizioni poche risorse, sarà necessario che le informazioni siano raccolte e organizzate in maniera «armonizzata», utilizzando metodiche e strumenti operativi già collaudati in sede internazionale: in questo modo sarà possibile individuare con certezza il profilo delle nuove figure professionali e, di conseguenza, sarà possibile rendere efficace e riproponibile anche altrove lo stesso processo formativo del personale locale. Pertanto, dopo la Tunisia, la Banca Mondiale potrà, nello sviluppo dei propri programmi sul patrimonio, far precedere o affiancare progetti di inventario, continuando ad utilizzare la stessa metodologia scientifica e operativa a garanzia di uniformità nei risultati e nella certezza del costo dei prodotti e per la diffusione di nuove figure professionali in tutta l area. La Tunisia ha dimostrato come sia necessario realizzare un modello articolato se si vuole operare con successo in un settore di così grande rilevanza per il paese. A questo punto, quanto messo in atto per lo sviluppo del progetto, può 16

17 essere considerato una vera risorsa in quanto si tratta, nel suo insieme, di un modello scientifico e operativo applicabile anche altrove mediante la formazione di operatori locali e l assistenza ai lavori di catalogazione sul terreno. 7. ASSISTENZA AI LAVORI DA PARTE DEL CLIENTE Il progetto si dipana nell arco di soli 10 mesi e, pertanto, è necessario che le assistenze del Cliente si sviluppino con estrema precisione nella loro concatenazione temporale. In particolare risulta particolarmente importante per un buon avvio del progetto che, alla data della consegna dei lavori da parte del Cliente, sia stati individuati: 1 i componenti dello Staff locale per progettare insieme a MEMAR, nel primo mese, il contenuto della formazione e le fasi operative; 2 - gli otto esperti locali nelle varie discipline che dovranno affiancare le attività di formazione e di collaudo delle informazioni raccolte. 17

18 memar monteassegni Campagna di catalogazione del patrimonio culturale dell Albania C - CURRICULA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ MEMAR SIT Sistemi informativi territoriali, società fondata nel 1989, opera dal 1990 nel settore della catalogazione informatizzata dei beni culturali, organizzando campagne su aree vaste, elaborando programmi di data entry e strumenti per la gestione ed il collaudo di data base di schede informatizzate. Nel mese di dicembre 1998 è avvenuta la fusione con la società Memar S.r.l. e nel 1999 con la società Monteassegni S.r.l. Altri settori di applicazione della società sono la cartografia raster e vettoriale, la documentazione fotografica ed il trattamento immagini in forma numerica. In dettaglio: ( ) PRECATALOGO DEL TERRAGLIO: progetto generale dell intera area e schedatura del patrimonio architettonico del comune di Preganziol, in provincia di Treviso: schedatura operata secondo gli standard del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per conto del Centro Regionale di Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali della Regione Veneto in coordinamento con la SBAS del Veneto Orientale. ( ) CAMPAGNE DI SCHEDATURA: (fondi ordinari), documentazione fotografica con le Soprintendenze di tre regioni: SBAS Modena e Reggio Emilia, SBAS Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna; SBAA Marche, SBAA Veneto orientale. ( ) PRECATALOGO DELLE MARCHE: (fondi straordinari ex L. 84/90 - capofila ATI Marche), per conto delle SBAAAAS delle Marche, della diocesi di Ancona e dell'assessorato alla Cultura della Regione Marche. ( ) PRECATALOGO EMILIA-ROMAGNA: progettazione e Direzione Esecutiva per conto dell'ati Emilia-Romagna. ( ) PROGRAMMA DESC (Data-entry Stampa e Consultazione) programma elaborato su commessa del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per l informatizzazione delle schede di catalogo ( A, PG, OA-D-N, S-Mi, "RA", "AUT-BIB", ecc.), sistema attualmente in uso presso tutte le Soprintendenze statali. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1993) PROGETTO MULTIMEDIALE "EUROPART" realizzato nell'ambito del programma IMPACT 2 finanziato dalla CEE. Si tratta di un software multilingue in grado di permettere lo scambio dei dati fra gli stessi partner 18

19 istituzionali del progetto: Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per l'italia, l'inventaire per la Francia, la Royal Commission (RCHME) per l'inghilterra. Il software è stato realizzato mediante SQLWindows e Highway della 3D-Informatica. Nell ambito del progetto sono state digitalizzate di proprietà dei tre partner istituzionali. ( ) CARTOGRAFIA RASTER E VETTORIALE elaborata all interno del progetto ex L.84/90 denominato "Basi per l'appoggio cartografico dei dati relativi ai Beni Culturali e Ambientali elaborato sotto la direzione tecnicoscientifica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Per sviluppare il progetto la società ha dovuto acquisire capacità specifiche nel settore della cartografia per la rappresentazione dei progetti di catalogazione e dei beni architettonici e ambientali. (1994) PROGRAMMA DESC FOTOTECA 1 realizzato all interno di un progetto speciale ex L. 84/90 per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1995) PROGRAMMA FOTOTECA-2 per la Fototeca del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software elaborato a partire da ACCESS-Visual Basic è dedicato all'archiviazione delle schede foto e delle didascalie. (1995) PROGRAMMA TPA-EVENTI realizzato per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il software è dedicato all'archiviazione e allo scambio dei dati relativi ai furti dei beni culturali; è elaborato a partire da ACCESS-Visual Basic. (1995) PROGRAMMA DESC SCHEDA A (ARCHITETTURA) versione inglese per CAS-MED C Formation de spécialistes pour l inventaire informatisé du patrimoine culturel immobilier et C.I.R.P.S. - Centro Interuniversitario di ricerca sui Paesi in via di Sviluppo. Utilizzato in Siria e Turchia nell ambito di progetti internazionali di collaborazione. Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1996) PROGRAMMA GESTORE DATI Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. (1996) SCHEDA FKO BENI DEMO-ANTROPOLOGICI (per ambiente operativo Windows 95) per il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (in fase di collaudo). La scheda è dedicata alla catalogazione d'oggetti demo-antropologici. Programma realizzato in ACCESS-Visual Basic. 19

20 ( ) PROGRAMMA DESC SCHEDA SITO (SITI ARCHEOLOGICI). Il software è stato sviluppato a partire da SQLWindows della Gupta. ( ) PROGRAMMA TDF (TRASMISSIONE DATI FOTOGRAFICI). Prodotto finalizzato alla trasmissione dei dati informatizzati e delle immagini digitalizzate. Il programma permette di importare le schede informatizzate (con il programma DESC) e le immagini digitalizzate, di effettuare o collaudare il collegamento tra schede ed immagini, di consultare e visualizzare contemporaneamente le schede e le immagini, di organizzare la spedizione del materiale all ICCD secondo gli standard e le normative ministeriali. Realizzato in ACCESS 97 e Visual Basic per WIN95/98, permette anche la consultazione dei dati e delle immagini collegate, ed il collaudo delle spedizioni ricevute dall ICCD. ( ) TUNISIE: PROJET DE GESTION DU PATRIMOINE CULTUREL Ente appaltante : la Banca Mondiale con il contributo economico del Ministero degli Esteri italiano Paese beneficiario : la Tunisia Importo dei lavori : USD Oggetto dei lavori : la costituzione di un primo nucleo di dati informatizzati sul patrimonio storico ed archeologico della Tunisia a partire dalla ricognizione su circa monumenti localizzati in tutto il paese anche al fine di verificarne lo stato di conservazione. Gli standard catalografici utilizzati sono quelli stabiliti dal Consiglio d Europa. Esito della gara d appalto : il lavori sono stati aggiudicati da Memar Sit, società di Reggio Emilia che opera da anni nel settore dei beni culturali. Sviluppo dei lavori : sono iniziati a settembre 1997 con un primo periodo di preparazione e di formazione di circa 10 operatori locali; sono continuati su tutto il territorio del paese con il lavoro diretto di operatori tunisini affiancati sul territorio da tre italiani (un archeologo, un fotografo ed un topografo) e da un architetto francese. In Italia altri 6 operatori contribuiscono allo sviluppo del progetto. Il lavoro è stato svolto sul territorio nell arco di 5 mesi. Altri 5 mesi sono stati impiegati per la fase di in organizzazione per l archiviazione e la realizzazione di una banca dati informatica supportata da un sistema informativo geografico. Esito dei lavori : sono stati visitati e schedati 300 siti per un totale di ca monumenti con la realizzazione di ca foto e immagini di fonti archivistiche (foto storiche, mappe, cartografia, foto aeree, testi fondamentali, ecc.) per un totale di 100 CD Rom. Al Ministero della Cultura tunisino è stata consegnata una vera biblioteca cartacea composta da trecento dossier, uno per ogni sito, e una banca dati territoriale (schede, foto e carte) di facile uso da parte dell amministrazione tunisina. La fusione delle tre società da vita a tre aree : ACQUISIZIONE BENI CULTURALI ARCHIVIAZIONE 20

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ART PROJECT MANAGER. Art Project Manager. MiniMaster in

ART PROJECT MANAGER. Art Project Manager. MiniMaster in ART PROJECT MANAGER MiniMaster in Art Project Manager 40 ore di lezione frontali prossima edizione: consultare il sito corso Artedata attivo dal 2002 sedi: Firenze; Matera > Presentazione del corso e programma

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli