LA CONTABILITÀ GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CONTABILITÀ GENERALE"

Transcript

1 LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO: IL CONTO - prospetto a due sezioni - intestato ad un dato oggetto, variabile e misurabile - con lo scopo di rilevare la dinamica dell oggetto e misurarne la consistenza in un ogni momento - variazioni positive in una sezione e negative in un altra Prof. zavani 1 IL CONTO (1 ) Dare + cassa CASSA - cassa Avere Motivi: 1) Ottenimento finanziamento 2) Vendite per contanti 3) Incasso crediti Motivi: 1) Rimborso finanziamento 2) Acquisti per contanti 3) Pagamento debiti Prof. zavani 2 1

2 IL CONTO (2 ) Dare CASSA Avere Saldo dare 20 (differenza tra le due sezioni) accendere, accreditare, addebitare, chiudere un conto struttura del conto: - sezioni divise accostate con evidenza del saldo - altre strutture: (sezioni sovrapposte, ecc.) Prof. zavani 3 IL CONTO (3 ) INSERIMENTO DI INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Conto: Cliente Almaplatisca s.r.l. (interrogazione al 16/1/01) n Data Causale dare avere Saldo dare Saldo avere 1 10/1/01 Vendita (fatt. n. 20-8/1/01) /1/01 Incasso parziale (fatt. n. 20-8/1/01) Prof. zavani 4 2

3 IL METODO DI REGISTRAZIONE (1 ) Ipotesi: si segue il SISTEMA DEL REDDITO (la contabilità generale rileva le operazione di gestione esterna ) 1 PRINCIPIO - OGNI OPERAZIONE È OSSERVATA SOTTO DUE ASPETTI (LA CAUSA E L EFFETTO) primo aspetto = aspetto originario (serve per misurare) = aspetto numerario (cassa come valore numerario certo, debiti/crediti commerciali come valori numerari assimilati) secondo aspetto = aspetto derivato (ciò di cui si misura il valore) = aspetto economico (costi e ricavi, finanziamenti a titolo di mezzi propri, debiti/crediti di finanziamento) aspetto economico come causa operazione, aspetto numerario come riflesso dell operazione se non esiste il secondo aspetto si parla di permutazione numeraria (es. incasso di un credito commerciale) Prof. zavani 5 IL METODO DI REGISTRAZIONE (2 ) 2 PRINCIPIO PER OGNI ASPETTO DI OSSERVAZIONE ESISTE UNA SERIE DI CONTI CONTI NUMERARI: CERTI, ASSIMILATI, PRESUNTI (rinvio) CONTI ECONOMICI: REDDITUALI, PATRIMONIALI, DEBITI/CREDITO DI FINANZIAMENTO (rinvio) 3 PRINCIPIO - OGNI CONTO HA DUE SEZIONI, UNA PER LE VARIAZIONI AUMENTATIVE, L ALTRA PER LE VARIAZIONI DIMINUTIVE Vedi sopra Prof. zavani 6 3

4 IL METODO DI REGISTRAZIONE (3 ) 4 PRINCIPIO - FUNZIONAMENTO ANTITETICO DELLE DUE SERIE DI CONTI = VARIAZIONI DELLO STESSO SEGNO (+/-) NEI DUE ASPETTI SONO ACCOLTE IN SEZIONI OPPOSTE DEI CONTI APPARTENENTI ALLE DUE SERIE + CASSA (SEZIONE DARE) + RICAVI VENDITA (SEZIONE AVERE) - CASSA (SEZIONE AVERE) - CAPITALE PROPRIO (SEZIONE DARE) VARIAZIONI NUMERARIE POSITIVE - DARE VARIAZIONI NUMERARIE NEGATIVE - AVERE VARIAZIONI ECONOMICHE POSITIVE - AVERE VARIAZIONI ECONOMICHE NEGATIVE - DARE Prof. zavani 7 IL METODO DI REGISTRAZIONE (4 ) Cassa Versamento soci 50 Rimborso soci Banca X c/c Ottenimento mutuo 30 Rimborso mutuo Crediti Vendita a dilazione Capitale sociale Mutui Bancari Ricavi vendita 40 Acquisto per contanti Cassa 35 Costi per materie 35 Prof. zavani 8 4

5 IL METODO DI REGISTRAZIONE (5 ) 5 PRINCIPIO USO STESSA UNITÀ DI CONTO I 5 PRINCIPI ASSIEME FORMANO IL METODO DELLA PARTITA DOPPIA CONSEGUENZE DEI PRINCIPI ( TEOREMI DELLA PARTITA DOPPIA ) 1) TOTALI ADDEBITAMENTI = TOTALE ACCREDITAMENTI 2) TOTALE SALDI DARE = TOTALE SALDI AVERE Prof. zavani 9 UN ESEMPIO APPLICATIVO (1 ) 1) Apporto di capitale sociale per 700. Conferimento per 500 in cassa e per 200 su c/c bancario Cassa Banca c/c Capitale sociale ) Ottenimento di mutuo bancario per 400 con disponibilità su c/c bancario Banca c/c Mutui bancari Prof. zavani 10 5

6 UN ESEMPIO APPLICATIVO (2 ) 3) Acquisto materie per 150, regolamento in conto Acquisti materie Debiti v/fornitori ) Regolamento parziale per 50 del debito verso fornitori. Pagamento per contanti Cassa Debiti v/fornitori Prof. zavani 11 UN ESEMPIO APPLICATIVO (3 ) 5) Vendita prodotti per 200. Regolamento differito Crediti v/clienti 200 Vendite prodotti 200 6) Incasso della metà del credito v/clienti Cassa Crediti v/clienti ) Versamento di 100 su c/c bancario Banca c/c Cassa Prof. zavani 12 6

7 UN ESEMPIO APPLICATIVO (4 ) 1) ADDEBITAMENTI = ACCREDITAMENTI CONTI Tot. Dare CONTI Tot. Avere CASSA 600 FORNITORI 150 BANCA 700 VENDITE 200 CLIENTI 200 CAP. SOCIALE 700 FORNITORI 50 CASSA 150 ACQUISTI 150 MUTUI 400 CLIENTI 100 totale totale Prof. zavani 13 UN ESEMPIO APPLICATIVO (5 ) 2) SALDI DARE = SALDI AVERE CONTI saldi Dare CONTI Saldi Avere CASSA 450 FORNITORI 100 BANCA 700 VENDITE 200 CLIENTI 100 CAP. SOCIALE 700 ACQUISTI 150 MUTUI 400 totale Totale Prof. zavani 14 7

8 LE SERIE DEI CONTI LA CONCEZIONE ZAPPIANA: 1) ECONOMICI: LUCRATIVI (COSTI/RICAVI), PATRIMONIALI, 2) CREDITI/DEBITI DI FINANZIAMENTO 3) NUMERARI: CERTI, ASSIMILATI, PRESUNTI LA CONCEZIONE DI AMADUZZI: 1) ECONOMICI: REDDITUALI (COSTI/RICAVI), PATRIMONIALI 2) FINANZIARI: NUMERARI (CERTI, ASSIMILATI, PRESUNTI), CREDITI/DEBITI DI FINANZIAMENTO Prof. zavani 15 IL PIANO DEI CONTI Sistema dei conti e delle regole di funzionamento ARTICOLAZIONE GERARCHICA SU PIÙ LIVELLI CON CODICI NUMERICI 1. ATTIVITÀ 1.1 IMMOBILIZZAZIONI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI TERRENI TERRENI AGRICOLI I CODICI: codice destinazione bilancio, codice causale movimento, ecc. Prof. zavani 16 8

9 LE RILEVAZIONI NEL LIBRO GIORNALE REGISTRAZIONI SU BASE CRONOLOGICA 1) FORMA EFFETTIVA: es. vendita per contanti di 200 Data Codice Conto Dare Avere Crediti v/clienti 200 Prodotti c/vendite 200 2) FORMA DIDATTICA VE - VE + Crediti v/clienti 200 Prodotti c/vendite 200 VF + VE- Prof. zavani 17 ACQUISTO DI MATERIE: SCHEMA BASE a) LA LIQUIDAZIONE: VE+, VF - Costo acquisto Debito v/fornitori b) IL PAGAMENTO: VF-, VF+ Debito v/fornitori Liquidità (cassa, ) Acquisto di materie per IVA. Materie c/acquisti 200 Iva ns. credito 40 Fornitori materie 240 Prof. zavani 18 9

10 GLI ONERI ACCESSORI DI ACQUISTO ONERI DOCUMENTATI E NON DOCUMENTATI COSTI DI TRASPORTO SU ACQUISTI- Non documentati = inclusi nella base imponibile da parte del venditore nella stessa fattura di acquisto delle materie inclusi o meno nel costo di acquisto delle materie Documentati = esiste fattura autonoma emessa dal vettore Clausole per costi di trasporto documentati: - Competenza economica (FRANCO MAGAZZINO VENDITORE oppure FRANCO MAGAZZINO COMPRATORE) - Competenza finanziaria: PORTO ASSEGNATO, oppure PORTO AFFRANCATO Prof. zavani 19 FMV FMC LE CLAUSOLE DI TRASPORTO (1 ) Per l acquirente: Porto assegnato Acquirente sostiene costo e paga vettore Acquirente anticipa al vettore la spesa Porto affrancato Venditore anticipa al vettore la spesa Per un acquisto di materie vi sono costi di trasporto di 10 + IVA: a) FMV, P.ASS; b) FMV, P.AFF.; c) FMC, P.ASS. a) FMV, P.ass.: fattura vettore giunge distinta. Costi trasporto 10 IVA ns. credito 2 Debito v/fornitori servizi 12 Prof. zavani 20 10

11 LE CLAUSOLE DI TRASPORTO (2 ) b) FMV, P.affr.: fattura vettore allegata alla fattura di acquisto. Debito v/venditore Costi trasporto 10 IVA ns. credito 2 Debito v/fornitori materie 12 c) FMC, P.ass.: fattura vettore intestata a venditore. Credito v/venditore stornato successivamente Fornitori c/spese anticipate 12 Debito v/fornitori servizi 12 Materie c/acquisti 100 IVA ns. credito 20 Fornitori c/spese anticipate 12 Debito v/fornitori materie 108 Prof. zavani 21 LE RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTO (1 ) (resi, sconti, abbuoni, premi) Debito v/fornitori Schema base: storno costo di acquisto storno IVA ns. credito Con emissione (da parte del fornitore di nota di variazione valida ai fini IVA (art.26, d.p.r. 633/1972) oppure senza Rettifica diretta (usando in avere il conto acquisti) Rettifica indiretta (usando conto specifico) 1) Rilevata nota di accredito per resi su acquisti per 10+IVA Debito v/fornitori 12 Resi su acquisti 10 IVA ns. credito 2 Prof. zavani 22 11

12 LE RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTO (2 ) 2) Ricevuta nota accredito per sconti per 40 + IVA Debito v/fornitori 48 Sconti su acquisti 40 IVA ns. credito 8 - Sconti condizionati e incondizionati: effetti su base IVA - Sconti contestuali a fattura o successivi 3) Pagamento debito di 400 v/fornitori materie con abbuono non documentato di 4 Abbuoni attivi 4 Debito v/fornitori 400 Cassa 396 Prof. zavani 23 LE RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTO (3 ) Premi di quantità = rettificano base IVA Premi di fedeltà in denaro = senza effetti su base IVA 4) Rilevati con nota premi di quantità per 30 +IVA Debito v/fornitori 36 Premi da fornitori 30 IVA ns. credito 6 5) Concessi premi in denaro da fornitori per 20 Cassa 20 Premi da fornitori 20 Prof. zavani 24 12

13 LE RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTO (4 ) Gli omaggi da fornitori di materie Non imponibili IVA se: 1) Previsti a contratto 2) Beni in omaggio soggetti ad aliquota non superiore a quella del bene principale (materie) Acquistate 100 unità di materie con prezzo ciascuna di 3 + IVA con offerta lancio 3x2 Materie c/acquisti 200 IVA ns. credito 40 Alternativa con storno indiretto Debiti v/fornitori 240 Prof. zavani 25 LE RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTO (5 ) Gli omaggi da fornitori di materie Se non sussistono tali condizioni, per il fornitore l omaggio di beni della propria produzione è imponibile IVA Non è detto però che eserciti la rivalsa IVA Ricevute materie in omaggio per 20. Il fornitore non esercita rivalsa Nessuna rilevazione oppure: Materie c/acquisti 20 Omaggi da fornitori 20 Ricevute materie in omaggio per 20. Il fornitore esercita rivalsa IVA ns. credito 4 Debiti v/fornitori 4 Prof. zavani 26 13

14 MODALITÀ DI PAGAMENTO Distinzione in base alla forma tecnica 1) Per cassa 2) Con emissione assegni bancari 3) Con girata di assegni bancari in portafoglio 4) Con emissione di assegni circolari (provvista per contanti o a valere sul c/c bancario) 5) Con giroconto bancario 6) Con bonifico bancario 7) Con carta di credito 8) Girando cambiali (effetti) attive Distinzione in base al tempo: a) posticipato 1) Regolamento in conto, a dilazione 2) Accettando cambiali tratte 3) Emettendo cambiali pagherò Prof. zavani 27 GLI ANTICIPI A FORNITORI Gli anticipi vanno fatturati e sono imponibili IVA Emesso assegno di 480 quale anticipo per fornitura. Il fornitore ci invia poi fattura dell anticipo. Crediti v/fornitori 480 Banca c/c 480 Anticipi v/fornitori 400 IVA ns. credito 80 Crediti v/fornitori 480 Ricevuta quindi fattura definitiva della fornitura per IVA Materie c/acquisti 800 IVA ns. credito 80 Anticipi v/fornitori 400 Debiti v/fornitori 480 Prof. zavani 28 14

15 OPERAZIONI DI VENDITA : SCHEMA BASE a) LA LIQUIDAZIONE: VF+, VE+ Ricavo di vendita Crediti v/clienti b) IL PAGAMENTO: VF-, VF+ Liquidità (cassa, ) Crediti v/clienti Vendita di prodotti per IVA Prodotti c/vendite 200 Crediti v/clienti 280 IVA ns. debito 80 Rinvio alle materie, per quanto riguarda i singoli casi Prof. zavani 29 IL BILANCIO: GENERALITÀ alla chiusura dell esercizio sorge l esigenza di redigere il bilancio, sintesi contabile nella quale risultano: - il reddito di esercizio (utile/perdita), tramite la formazione del conto economico, che riepiloga costi e ricavi di competenza dell esercizio (manifestatisi durante l esercizio) - il capitale di funzionamento, tramite la formazione dello stato patrimoniale, che riepiloga rimanenze attive e passive esistenti alla chiusura dell esercizio e che interesseranno la gestione futura (prossimi esercizi) Prof. zavani 30 15

16 IL BILANCIO: LA CHIUSURA DEI CONTI (1 ) LA DERIVAZIONE CONTABILE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO (CONTO ECONOMICO E STATO PATRIMONIALE) ricavi costi cassa debiti Conto economico xxx Reddito esercizio xxx Stato patrimoniale al 31/12/XX Prof. zavani 31 IL BILANCIO: LA CHIUSURA DEI CONTI (2 ) LE RILEVAZIONI DI RIEPILOGO A LIBRO GIORNALE Riepilogo dei costi Conto economico xxx Costo x Costo y, Rilevazione del reddito Conto economico ccc Reddito esercizio Riepilogo passivo Stato patrimoniale Debiti hhh Reddito esercizio, ccc vvv yyy ccc iii Riepilogo dei ricavi Conto economico qqq Ricavo z jjj Ricavo wx kkk Riepilogo attivo Stato patrimoniale iii Cassa jjj Crediti,. lll Prof. zavani 32 16

17 LA RIAPERTURA DEI CONTI NEL NUOVO ESERCIZIO Al 1/1 si devono riaprire i conti relativi alle rimanenze attive e passive che erano stati riepilogati nello S.P. Cassa Crediti. Debiti Reddito es.. jjj lll. hhh ccc Prof. zavani 33 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO (1 ) scopo: inserimento nel conto economico di tutti i costi ed i ricavi di competenza, anche se la loro manifestazione finanziaria è sfasata SCRITTURE DI INTEGRAZIONE: dare evidenza ad un costo/ ricavo di competenza non ancora rilevato in contabilità, in quanto non vi è stata variazione finanziaria Integrazione di ricavi Valore numerario presunto (a S.P.) Integrazione di costi Costo (a C.E.) Ricavo (a C.E.) Valore numerario presunto (a S.P.) Prof. zavani 34 17

18 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO (2 ) SCRITTURE DI STORNO: sospendere al futuro quale rimanenza la parte di costo o di ricavo già rilevata in contabilità, per l avvenuta manifestazione finanziaria, ma non di competenza Storno di costi Costo sospeso (a S.P.) Storno costo (a C.E.) Storno di ricavi Storno di ricavo (a C.E.) Ricavo sospeso (a S.P.) Prof. zavani 35 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO (3 ) nell esercizio successivo si deve riprendere il costo/ricavo precedentemente sospeso Costo ripreso (a C.E.) Storno costo sospeso (era a S.P.) Prof. zavani 36 18

19 L ASSESTAMENTO PER LE MATERIE (1 ) INTEGRAZIONE: LE FATTURE DA RICEVERE Al 31/12/x sono da ricevere fatture per 40 Materie c/acquisti 40 Fatture da ricevere 40 Il 3/1/x+1 sono ricevute le suddette fatture per 50 + IVA Sopravvenienza passiva 10 Fatture da ricevere 40 IVA ns. credito 10 Debiti v/fornitori 60 Le alternative di rilevazione: storno fatture da ricevere a 1/1 o a 31/12/x+1 Prof. zavani 37 L ASSESTAMENTO PER LE MATERIE (2 ) INTEGRAZIONE: LE NOTE DI ACCREDITO DA RICEVERE Al 31/12/x sono da ricevere note di accredito per resi per 40 Note accredito da ricevere 40 Resi su acquisti 40 Il 3/1/x+1 sono ricevute le suddette note per 50 + IVA Sopravvenienza attiva 10 Debiti v/fornitori 60 Note accredito da ricevere 40 IVA ns. credito 10 Le alternative di rilevazione: storno note da ricevere a 1/1 o a 31/12/x+1 Prof. zavani 38 19

20 L ASSESTAMENTO PER LE MATERIE (3 ) STORNO: LE RIMANENZE FINALI DI MATERIE 31/12/X: rilevate rimanenze di materie per 400 Materie 400 Rim. finali materie 400 1/1/x+1: ripresa delle rimanenze iniziali di materie Rim. Iniz. Materie 400 (a C.E.) Materie 400 La variazione delle materie = R.F. R.I. Il consumo di materie = acquisti variazione materie L uso del conto variazione materie Prof. zavani 39 LA VALUTAZIONE DELLE MATERIE (1 ) art. 2426, n. 9): le rimanenze sono iscritte al minore tra costo e valore di realizzazione desumibile dall andamento di mercato art. 2426, n.1): il costo comprende gli oneri accessori art n. 10): il costo dei beni fungibili può essere calcolato con i metodi del costo medio ponderato, del lifo, del fifo il costo dei beni infungibili Prof. zavani 40 20

21 DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI -1 Data 10/4/x 5/5 2/7 2/9 20/10 31/12 Q.acq p. acq v.acq q. usc q. rim TOT costo medio ponderato = : = 2.122,22 * 600 = Fifo = (200 * 2.200) + (400 * 2.250) = : 600 = costo unitario Lifo = (100 * 2.000) + (500 * 2.200) = : 600 = Costo unitario Prof. zavani 41 DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI-2 Data 1/1/x+1 20/1 20/4 20/11 31/12 TOT. Q.acq p. acq v.acq q. usc q. rim. C.M.P. = ( ) /( ) = 2.277,5 FIFO = (50 * 2.250) + (200 * 2.300) + (400 * 2.500) = : 650 = 2.419, 23 LIFO = (400 * 2.500) + (150 * 2.200) + (100 * 2.000) = : 650 = 2.353, Prof. zavani 42 21

22 DETERMINAZIONE DEL COSTO DEI BENI FUNGIBILI-3 IL METODO DEL LIFO A SCATTI Anno Rim. Finale Scatto C.M.P. dell anno Valore * 30 = (15* 34) = (12 * 35) = (7*34) = (13*43) = La regola lifo si evidenzia negli esercizi in cui la rimanenza diminuisce Prof. zavani 43 IL VALORE DI MERCATO E LE SVALUTAZIONI I costi unitari vanno confrontati con il valore di mercato alla chiusura dell esercizio e scegliere il minore - 31/12/x: costo 100, valore mercato 80 Valutazione = 80-31/12/x+1: costo 100, valore mercato 110 Valutazione = 100 Il minor valore non può essere mantenuto se vengono meno i motivi Svalutazione con metodo diretto o con metodo indiretto (uso fondi svalutazione) Prof. zavani 44 22

23 LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI (1) rilevazione contabili simili a quelle osservate per le materie vale la stessa regola di valutazione: cost or market valgono le stesse regole su lifo, fifo, c.m.p. per beni fungibili solo che si deve determinare il costo di produzione unitario art. 2426, n.1), Il costo di produzione comprende tutti gli oneri diretti materie 5Kg * /KG = manodopera diretta 2h * L./H = servizi esterni 8.000/pezzo = totale costi diretti unitari = e può comprendere una quota ragionevolmente imputabile di costi indiretti. Prof. zavani 45 LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI (2) DOCUMENTO N PRINCIPI CONTABILI CNDC-CNR esclusione dal costo di produzione dei costi indiretti amministrativi commerciali ricerca e sviluppo straordinari oneri finanziari (con eccezioni) Quindi devono essere inclusi come costi indiretti solo quelli industriali Ammortamenti = Manutenzioni = Manodopera indiretta = = da ripartire tra i diversi prodotti secondo una base Prof. zavani 46 23

24 LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI (3) la scelta della base deve spiegare come ogni tipo di prodotti consuma i costi indiretti industriali calcolo coefficiente imputazione: quante lire di costi indiretti per una unità della base totale costi indiretti ( ) totale base (500 ore lavoro diretto) L/h da moltiplicare per 200 ore dedicate ad A 300 ore dedicate a B ore di manodopera diretta quale base unica più utilizzata (ridotto uso basi multiple) Prof. zavani 47 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (1) rimanenze di produzione destinate a clienti che presentano i seguenti requisiti: esistenza contratto di vendita con prezzo definito (e clausole varie) durata ultrannuale art. 2426, n.11) possono essere valutati sulla base dei corrispettivi maturati con ragionevole certezza I due criteri alternativi di valutazione 1.Metodo del contratto completato (al costo) valutazione in base a costi specifici (scheda di commessa) usato in incertezza e difficoltà quantificare 2.Metodo della percentuale di completamento valutazione in base alla quota di ricavo maturata nell esercizio usato quando dati sono sicuri (contratto irrevocabile, ecc.) Prof. zavani 48 24

25 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (2) Esempio commessa per costruzione di una nave: prezzo pattuito ; costi previsti ; durata tre anni. -al 1 anno costi sostenuti ; valutazione 1 metodo = valutazione 2 metodo = (20.000/80.000) * = al 2 anno costi sostenuti ; valutazione 1 metodo = valutazione 2 metodo = (50.000/80.000) * = al 3 anno costi sostenuti ; ricavo valutazione 1 e 2 metodo = 0 Determinazione stato di avanzamento: in base al costo, alle ore lavorate, ad appropriate misurazioni fisiche, ecc. Rilevazioni contabili simili alle rimanenze di materie Per principi CNDC è obbligatorio il 2 metodo Prof. zavani 49 LA SVALUTAZIONE DEI CREDITI (1) art. 2426, n. 8): i crediti devono essere valutati in base al grado di presumibile realizzo Può sorgere quindi l esigenza di svalutarli (tanto i crediti commerciali, quanto gli altri) Contabilmente si può effettuare una svalutazione diretta (meno frequente) o indiretta, con uso del fondo Sui crediti commerciali si ritiene inesigibile un importo di 400 Accantonamento fondo svalutazione crediti 400 Fondo svalutazione crediti 400 Il fondo è portato in S.P. a diretta detrazione del credito a cui si riferisce Prof. zavani 50 25

26 LA SVALUTAZIONE DEI CREDITI (2) Rilevate perdite definitive di crediti per alternativa: rilevare subito l uso del fondo Perdite su crediti 100 Fondo svalutazione crediti 400 Crediti v/clienti alternativa: rilevare prima perdita e poi uso del fondo Perdite su crediti 500 Fondo sval. crediti 400 Crediti v/clienti 500 Utilizzo f.do sval.crediti 400 Prof. zavani 51 IL FRONTEGGIAMENTO DEI RISCHI (1) Copertura esterna (rinvio..) e interna, tramite i fondi rischi Requisiti per lo stanziamento di fondi rischi. Il rischio deve essere: Specifico Di competenza dell esercizio Probabile Misurabile Scrittura di integrazione in sede di assestamento Si stanziano 400 per un contenzioso legale con un cliente Accantonamento rischi contenzioso 400 Fondo rischi contenzioso 400 Prof. zavani 52 26

27 IL FRONTEGGIAMENTO DEI RISCHI (2) a) Rischio si verifica per cifra inferiore Fondo rischi contenzioso 400 Sopravvenienza attiva 200 Debiti v/clienti 200 b) Rischio si verifica per cifra superiore Multe e sanzioni 100 Fondo rischi contenzioso 400 Debiti v/clienti 500 Possibilità di evidenziare distintamente a C.E. l uso del fondo Art bis, 3 comma Caratteristiche dei fondi rischi Prof. zavani 53 I FONDI SPESE (1) Accantonamento per costi che si tradurranno sicuramente in uscite ma con incertezze sul momento e sull importo Art bis, 3 comma Gli accantonamenti per rischi e oneri sono destinati soltanto a coprire perdite o debiti di natura determinata, di esistenza certa o probabile, dei quali tuttavia alla chiusura dell esercizio sono indeterminati o l ammontare o la data di sopravvivenza Accantonato importo di 800 per manutenzioni da svolgersi nel prossimo esercizio Acc.to spese manutenzioni 800 F.do spese manutenzioni 800 Prof. zavani 54 27

28 I FONDI SPESE (2) Nell esercizio successivo si riceve quindi fattura per spese di manutenzione per IVA a) Con evidenza a C.E. dell uso del fondo Costi manutenzioni IVA ns. credito 400 Fornitori di servizi F.do spese manutenzioni 800 Utilizzo f.do spese man.800 Costi manutenzioni F.do spese manutenzioni 800 IVA ns. credito 400 b) Con uso contestuale del fondo Fornitori di servizi Prof. zavani 55 ACQUISTO DI SERVIZI: SCHEMA BASE a) LA LIQUIDAZIONE: VE-, VF - Costo acquisto Debito v/fornitori b) IL PAGAMENTO: VF-, VF+ Debito v/fornitori Liquidità (cassa, ) Ricevuta fattura per riparazioni per IVA. Costi di manutenzione 200 IVA ns. credito 40 Debito v/fornitori servizi 240 Prof. zavani 56 28

29 LAVORAZIONI DI TERZI Inviate materie per 400 a terzisti per lavorazioni TERZISTI PER LAVORAZIONI 400 Ns. MATERIE IN LAVORAZIONE 400 Ritornano materie dalle lavorazioni assieme a fattura per IVA Ns. MATERIE IN LAVORAZIONE 400 TERZISTI PER LAVORAZIONI 400 Lavorazioni di terzi 400 IVA ns. credito 80 Debito v/fornitori 480 Prof. zavani 57 I CONTI D ORDINE I SISTEMI MINORI DI SCRITTURE: - beni nostri presso terzi - beni di terzi in nostro possesso -rischi -impegni NASCITA: In Dare oggetto che entra: bene di terzi, rischio, impegno In Avere soggetto collegato CHIUSURA: storno dei conti accesi Prof. zavani 58 29

30 ASSICURAZIONI (copertura esterna del rischio) Liquidato premio per assicurazione annuale contro furti per 80 Premi assicurativi 400 Debito v/fornitori 400 Subito furto di denaro per 160 risarcito integralmente Insussistenze attive 160 Cassa 160 Crediti diversi 400 Risarcimenti assicurativi 400 Il caso del furto di rimanenze di magazzino Prof. zavani 59 INTERMEDIAZIONI COMMERCIALI (1) Fatturate da un rappresentante provvigioni per IVA Provvigioni passive 600 IVA ns. credito 120 Fornitori di servizi 720 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI 5,75% provvigioni a carico azienda 5,75% provvigioni a carico agente (trattenute sul compenso) da versare a Enasarco ogni trimestre Contributi Enasarco 34,5 Fornitori di servizi 34,5 Debiti v/enasarco 69 Prof. zavani 60 30

31 INTERMEDIAZIONI COMMERCIALI (2) RITENUTE ERARIALI da trattenere al pagamento 3,6% (18% sul 20%) se si avvale di ausiliari 9% (18% sul 50%) se non si avvale di ausiliari Pagamento rappresentante (non si avvale di ausiliari) Fornitori di servizi 685,5 Erario c/ritenute 54 Banca c/c 631,5 Prof. zavani 61 LEASING (1) Leasing finanziario e leasing operativo: i soggetti coinvolti ASPETTI CONTABILI DELL OPERAZIONE oneri istruttoria (o meno) maxicanone (2-6 canoni) canoni periodici riscatto come opzione al termine Stipulato leasing su attrezzature: maxicanone IVA pagato il 1/10/X; 24 canoni mensili di 100 a partire dal 1/10/x a) Accensione conto d ordine Beni in leasing Cedenti beni in leasing Prof. zavani 62 31

32 b1) Fattura maxicanone LEASING (2) Canoni di leasing 400 IVA ns. credito 80 Fornitori di servizi 480 b2) Storno conto d ordine Cedenti beni in leasing Beni in leasing c1) Fattura canone mensile Canoni di leasing 100 IVA ns. credito 20 Fornitori di servizi 120 A cui seguirà storno ulteriore del conto d ordine Prof. zavani 63 SERVIZI DA LAVORATORI AUTONOMI (1) Occasionali (non iscritti ad albi; non soggetti IVA) Professionisti (con o senza albi; soggetti IVA) Collaboratori coordinati e continuativi Prestazioni di lavoro autonomo occasionale prestazioni non soggette ad IVA ritenuta erariale: 20% su compenso trattenuta al momento del pagamento Prof. zavani 64 32

33 SERVIZI DA LAVORATORI AUTONOMI (2) Professionisti iscritti ad albi contributo previdenziale (2%) addebitato al cliente base imponibile IVA: compenso comprensivo dei contributi previdenziali e dei rimborsi spese forfetari Ricevuta notula da avvocato per % contributi + IVA; pagamento su c/c bancario Spese legali 408 IVA ns. credito 81,6 Pagamento Fornitori di servizi 489,6 Fornitori di servizi 489,6 Erario c/ritenute 80 Banca c/c 409,6 Prof. zavani 65 SERVIZI DA LAVORATORI AUTONOMI (3) Professionisti senza albi possono esercitare rivalsa del 4% (assoggettata ad iva e ritenuta su redditi) su aziende committenti per fronteggiare il contributo previdenziale INPS da essi dovuto (che non coinvolge contabilmente l azienda) Consulente senza albi fattura con rivalsa 4% Spese legali IVA ns. credito 416 Pagamento Fornitori di servizi Fornitori di servizi Erario c/ritenute 416 Banca c/c Prof. zavani 66 33

34 SERVIZI DA LAVORATORI AUTONOMI (4) Collaboratori coordinati e continuativi (cenni) Trattamento previdenziale: contributo 14% (13,5% a fini previdenziali e 0,5% a fini assistenziali) su reddito imponibile IRPEF materialmente versato all INPS dall azienda committente; 1/3 contributo grava sul fornitore (arrotondato a 4,67%), 2/3 grava sull azienda (arrotondato a 9,33%). Trattamento fiscale: assimilazione a lavoro dipendente Prof. zavani 67 SERVIZI DA LAVORATORI AUTONOMI (5) RIMBORSI SPESE FORFETARI sempre con IVA, se il fornitore è soggetto IVA, e ritenuta A PIÈ DI LISTA ritenuta IRPEF solo per professionisti SPESE ANTICIPATE IN NOME E PER CONTO DEL CLIENTE né IVA, né ritenuta Prof. zavani 68 34

35 L ASSESTAMENTO PER I SERVIZI: I RATEI 31/12 - Un immobile è stato preso in affitto il 10/11; canone trimestrale per 600 scadente in via posticipata il 10/2 dell esercizio successivo 1. costo matura in base a tempo fisico 2. parte del costo di competenza dell esercizio in chiusura, parte del prossimo esercizio 3. liquidazione nel prossimo esercizio In presenza di questi tre requisiti sorge l esigenza di stanziare un rateo (in questo caso passivo), tipica scrittura di integrazione Valore numerario presunto che consente di integrare una quota di un costo di competenza dell esercizio Prof. zavani 69 I RATEI calcolo quota costo da liquidare nell esercizio in chiusura: (totale costo/tempo di riferimento) * tempo maturato al 31/12 = (600/90)*50 = /12 10/2 10/11 31/12 10/2 Fitti passivi 333 Fitti passivi 267 Ratei passivi 333 IVA ns. credito 120 Ratei passivi 333 Fornitori di servizi 720 Prof. zavani 70 35

36 L ASSESTAMENTO PER I SERVIZI: I RISCONTI 31/12 - un premio di assicurazione annuale per è stato pagato anticipatamente il 20/10 1. costo matura in base a tempo fisico 2. parte del costo di competenza dell esercizio in chiusura, parte del prossimo esercizi 3. liquidazione già avvenuta nell esercizio in chiusura In presenza di questi tre requisiti sorge l esigenza di stanziare un risconto (in questo caso attivo), tipica scrittura di storno Valore economico reddituale (costo sospeso) che consente di stornare una quota di un costo non di competenza dell esercizio rinviandolo al futuro Prof. zavani 71 I RISCONTI calcolo quota costo da liquidare nell esercizio in chiusura: (totale costo/tempo di riferimento) * tempo da maturare al 31/12 = (1.000/360)*290 = /10/x 31/12 20/10/X+1 31/12/x Risconti attivi 805 Premi assicurativi 805 1/1/x+1 Premi assicurativi 805 Risconti attivi 805 Prof. zavani 72 36

37 RATEI E RISCONTI (1) RATEO PASSIVO U RATEO ATTIVO E 31/12 31/12 Il rateo introduce un costo (passivo) o un ricavo (attivo) U RISCONTO ATTIVO E RISCONTO PASSIVO 31/12 31/12 Il risconto rettifica un costo (attivo) o un ricavo (passivo) Prof. zavani 73 RATEI E RISCONTI (2) Il risconto come rettifica diretta (alternativa: storno indiretto) Le alternative di rilevazione: la chiusura dei ratei e risconti alla fine dell esercizio successivo La regola civilistica art 2424 bis, 5): Nella voce ratei e risconti attivi devono essere iscritti i proventi di competenza dell esercizio esigibili in esercizi successivi e i costi sostenuti entro la chiusura dell esercizio ma di competenza di esercizi successivi. possono essere iscritti in tali voci soltanto quote di costi e proventi, comuni a due o più esercizi, l entità dei quali varia in ragione del tempo Prof. zavani 74 37

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMPENSO IN MISURA FISSA

COMPENSO IN MISURA FISSA AMMINISTRATORI Per gli amministratori può essere previsto un compenso: a) in misura fissa; b) variabile in base agli utili (partecipazione agli utili); c) misto, base fissa più variabile in base agli utili;

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli