LE VERIFICHE PRELIMINARI E LE SCRITTURE DI CHIUSURA DEL BILANCIO 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE VERIFICHE PRELIMINARI E LE SCRITTURE DI CHIUSURA DEL BILANCIO 2010"

Transcript

1 INFORMATIVA N MARZO 2011 BILANCIO LE VERIFICHE PRELIMINARI E LE SCRITTURE DI CHIUSURA DEL BILANCIO 2010 Art bis, C.c. Artt. 64 e 110, TUIR In sede di predisposizione del bilancio d'esercizio, prima di procedere alla rilevazione delle scritture di chiusura, è necessario effettuare alcuni controlli sulle voci contabili che sono state movimentate nel corso dell'anno. Con la presente Informativa si riepilogano le principali verifiche e scritture che le imprese in contabilità ordinaria devono effettuare con riferimento al bilancio chiuso al

2 IF n pagina 2 di 9 In sede di predisposizione del bilancio d esercizio chiuso al , prima di procedere alla rilevazione contabile delle scritture di chiusura è necessario effettuare alcuni controlli sulle voci del c.d. "bilancio di verifica" (situazione contabile che evidenzia i saldi dei conti movimentati nel corso dell'esercizio). VERIFICHE PRELIMINARI Di seguito si evidenziano alcune voci, presenti nel bilancio di verifica al , per le quali è opportuno eseguire alcuni controlli. CASSA Il conto "Cassa" deve sempre presentare saldo DARE sia alla chiusura dell esercizio che in corso d anno e deve corrispondere all'effettiva consistenza fisica, costituita da denaro contante, assegni e valori bollati. Eventuali differenze devono essere rilevate nel conto "Sopravvenienze attive / passive". N.B. La cassa con saldo negativo (AVERE), anche in corso d anno, oltre a rappresentare un anomalia contabile, costituisce una presunzione dell esistenza di ricavi non contabilizzati in misura almeno pari al disavanzo e legittima l accertamento induttivo da parte dell Ufficio, come affermato anche dalla Corte di Cassazione nelle sentenze , n e , n BANCA C/C Con riferimento al saldo del conto "Banca c/c" è necessario: verificare la rilevazione contabile degli interessi attivi e/o passivi risultanti dall'estratto conto nonché della ritenuta d'acconto subìta sugli interessi attivi; effettuare la c.d. riconciliazione tra il saldo contabile e quello risultante dall'estratto conto. Tale operazione consente di avere certezza della corretta rilevazione contabile delle movimentazioni bancarie, considerato lo "sfasamento" temporale esistente tra la data di rilevazione delle operazioni in contabilità e quella del loro accreditamento/addebitamento sull'estratto conto. A tal fine può essere utilizzato il seguente schema: SALDO CONTABILE AL IMPORTI ACCREDITATI IN C/C MA NON ANCORA RILEVATI IN CONTABILITÀ (ad esempio, bonifici da clienti) ASSEGNI EMESSI E RILEVATI IN CONTABILITÀ MA NON ADDEBITATI IN C/C INTERESSI PASSIVI QUARTO TRIMESTRE 2010 RILEVATI IN CONTABILITÀ MA NON ADDEBITATI SUL C/C INTERESSI ATTIVI QUARTO TRIMESTRE 2010 RILEVATI IN CONTABILITÀ MA NON ACCREDITATI SUL C/C DISPOSIZIONI PER L'INCASSO DI EFFETTI ATTIVI RILEVATI IN CONTABILITÀ MA NON ACCREDITATI SUL C/C - = TOTALE RICONCILIATO N.B. Nel bilancio è necessario evidenziare distintamente i saldi positivi / negativi dei c/c bancari e pertanto non è possibile riportare il saldo complessivo degli stessi. Infatti, ai sensi dell'art ter, C.c., è vietato il compenso di partite (compensazione di valori di segno opposto).

3 IF n pagina 3 di 9 Esempio 1 Al la Rossi & Gialli sas presenta la seguente situazione: Banca X c/c n saldo Dare Banca Y c/c n saldo Avere I saldi dei 2 conti correnti devono essere distintamente esposti in bilancio; non è pertanto possibile evidenziare soltanto ( ) nell'attivo dello Stato Patrimoniale. CREDITI V/CLIENTI Il conto "Crediti v/clienti" deve presentare saldo DARE. Con riferimento a tale conto i controlli sono diretti a: verificare l'esistenza di crediti già saldati dal cliente che tuttavia risultano ancora aperti per un modesto importo, provvedendo alla chiusura degli stessi con la rilevazione di abbuoni o arrotondamenti attivi o passivi; verificare l'esistenza di crediti con saldo AVERE. Tale fattispecie potrebbe essere connessa alla rilevazione in contabilità dell'incasso di un credito prima della registrazione della relativa fattura. In tal caso l'importo va imputato al conto "Anticipi da clienti". Crediti v/clienti (C.II.1) a Anticipi da clienti (D.6) I crediti v/clienti potrebbero comunque presentare un saldo AVERE anche a causa dell emissione di note di credito. DEBITI V/FORNITORI Il conto "Debiti v/fornitori" deve presentare saldo AVERE. Con riferimento a tale conto i controlli sono diretti a: verificare l'esistenza di debiti già pagati al fornitore che tuttavia risultano ancora aperti per un modesto importo, provvedendo alla chiusura degli stessi con la rilevazione di abbuoni o arrotondamenti attivi o passivi; verificare l'esistenza di debiti con saldo DARE. Tale fattispecie potrebbe essere connessa alla rilevazione in contabilità del pagamento di un debito prima della registrazione della relativa fattura d'acquisto. In tal caso l'importo va imputato al conto "Anticipi a fornitori". Anticipi a fornitori (B.I.6 o B.II.5 o C.I.5 o C.II.5) a Debiti v/fornitori (D.7) I debiti v/fornitori potrebbero comunque presentare un saldo DARE a causa del ricevimento di note di credito. BENI AMMORTIZZABILI È necessario verificare la corrispondenza tra i beni ammortizzabili risultanti in contabilità e quelli iscritti nel libro cespiti, nonché, soprattutto, la relativa presenza fisica degli stessi nell'impresa. MUTUI E FINANZIAMENTI Va verificato che il debito iscritto nel passivo dello Stato patrimoniale corrisponda alla quota capitale ancora dovuta al , come risultante dal piano d'ammortamento del finanziamento. DEBITI / CREDITI ERARIALI Erario c/iva L'importo iscritto in tale conto deve corrispondere: per i contribuenti trimestrali, al saldo IVA (a debito o a credito) risultante dal mod. IVA 2011 relativo al 2010;

4 IF n pagina 4 di 9 per i contribuenti con mensili, al saldo del mese di dicembre, tenendo conto anche di eventuali differenze risultanti dal mod. IVA 2011 relativo al 2010 (ad esempio, in caso di ventilazione dei corrispettivi, di applicazione del pro-rata, ecc.). In particolare, per il credito IVA 2009 va verificata l avvenuta contabilizzazione degli utilizzi in compensazione dello stesso nel corso del Erario c/ritenute a terzi Il saldo di tale conto deve corrispondere alle ritenute operate e ancora da versare al , ossia, qualora le ritenute operate nei mesi precedenti siano state regolarmente versate, alle ritenute operate nel mese di dicembre e versate entro il , su: retribuzioni corrisposte ai dipendenti; compensi corrisposti a professionisti, collaboratori a progetto, associati in partecipazione, ecc.. Erario c/ritenute subìte Il saldo di tale conto deve corrispondere alle ritenute subite nel 2010 su: somme percepite da parte degli agenti e rappresentanti di commercio; bonifici incassati da imprese che eseguono lavori di recupero del patrimonio edilizio / interventi di risparmio energetico per i quali il cliente fruisce delle detrazioni del 36% - 55% (ritenuta 10%); contributi erogati da Enti pubblici ex art. 28, DPR n. 600/73 (ritenuta 4%). Il conto "Erario c/ritenute subìte": nelle società di capitali va stornato con il debito / credito IRES; nelle società di persone e ditte individuali è stornato rispettivamente con i prelievi dei soci e del titolare. Erario c/imposte Va verificato il saldo dei conti relativi alle imposte. In particolare, per i crediti d imposta 2009 va verificata l avvenuta contabilizzazione degli utilizzi in compensazione degli stessi nel corso del I debiti / crediti per IRES e IRAP al devono corrispondere con il saldo risultante dal mod. UNICO 2011 / mod. IRAP DEBITI V/ISTITUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI Debiti v/inps Il saldo di tale conto corrisponde al debito dell'impresa nei confronti dell'inps relativamente ai contributi previdenziali ancora da pagare al e coincide con: i contributi INPS dovuti sulle retribuzioni relative al mese di dicembre 2010; i contributi della Gestione separata INPS dovuti sui compensi dei collaboratori a progetto, ecc. riferiti al mese di dicembre Debiti v/inail Il saldo di tale conto corrisponde al conguaglio del premio INAIL relativo al 2010 versato entro il Debiti v/fondo Tesoreria INPS e Fondi di previdenza complementare Per le imprese il cui TFR dei dipendenti è destinato al Fondo di Tesoreria dell INPS (imprese con almeno 50 dipendenti per le quota maturate dall ) ovvero ai Fondi di previdenza complementare, è necessario verificare il debito esistente verso tali enti al

5 IF n pagina 5 di 9 DEBITI V/DIPENDENTI - COLLABORATORI Debiti v/dipendenti Il debito nei confronti dei dipendenti che deve risultare dal bilancio al è rappresentato dalle retribuzioni relative al mese di dicembre corrisposte nel mese di gennaio Debiti v/collaboratori, ecc. Tale conto rappresenta il debito al per i compensi ancora da corrispondere, relativi a prestazioni rese nel 2010 da: collaboratori a progetto; amministratori; componenti del Collegio sindacale; ecc. PATRIMONIO NETTO Va verificato che siano state contabilizzate la destinazione dell utile / perdita 2009 nonché eventuali distribuzioni, nel corso del 2010, di utili / riserve. N.B. Per le società di capitali, con riguardo agli accantonamenti di utili realizzati dall esercizio successivo a quello in corso al (2008 per le società con esercizio coincidente con l anno solare) è opportuno creare un apposita riserva, distinta rispetto a quella formata dagli accantonamenti degli utili di precedenti esercizi, considerato il diverso trattamento fiscale delle distribuzioni a seconda della data di formazione dell utile stesso. Va inoltre verificata la consistenza del capitale sociale, tenendo conto di eventuali operazioni sullo stesso effettuate nel 2010 (ad esempio, aumenti / riduzioni di capitale, ecc.). SCRITTURE DI CHIUSURA Dopo la verifica della correttezza dei saldi dei conti evidenziati nel bilancio di verifica al , è necessario procedere alla contabilizzazione delle scritture di chiusura dirette alla rilevazione delle operazioni secondo il principio di competenza. Le stesse si distinguono in scritture di integrazione, di rettifica e di ammortamento. Di seguito si riepilogano le principali scritture di chiusura da rilevare con riferimento al FATTURE DA EMETTERE / DA RICEVERE È necessario rilevare i ricavi / costi riferiti ad operazioni di competenza del 2010, ancorché l'emissione / registrazione della fattura sia avvenuta nel In particolare tale rilevazione riguarda: i beni consegnati / spediti nel 2010 con emissione del ddt per i quali è stata emessa la fattura differita entro il ; le prestazioni di servizi ultimate entro il la cui fattura stata è emessa nel Per le prestazioni di servizi che prevedono corrispettivi periodici il ricavo / costo va rilevato in relazione al momento di maturazione del corrispettivo. Esempio 2 La ditta individuale Gianni Verdi ha consegnato della merce alla Dedra srl in data , con emissione del ddt. La fattura relativa a tale cessione è stata emessa in data Rilevazione contabile della ditta Verdi (cedente): Clienti c/fatture da emettere (C.II.1) a Diversi Merci c/vendite (A.1) IVA a debito (D.12) (*) (*) Va rilevata anche l'iva in quanto la stessa deve confluire nella liquidazione del mese di dicembre.

6 IF n pagina 6 di 9 Rilevazione contabile della Dedra srl (acquirente): Merci c/acquisti (B.6) a Fornitori c/fatture da ricevere (D.7) Esempio 3 La Alfa sas ha ultimato in data una prestazione di servizi nei confronti della Gamma snc. Il pagamento di tale prestazione è stato effettuato il e in tale data è stata emessa la relativa fattura. Rilevazione contabile della Alfa sas (prestatore): Clienti c/fatture da emettere (C.II.1) a Ricavi da prestazioni (A.1) Rilevazione contabile della Gamma snc (committente): Costi per prestazioni di servizi (B.7) a Fornitori c/fatture da ricevere (D.7) RATEI / RISCONTI ATTIVI E PASSIVI Consentono di rilevare per competenza quote di costi e ricavi comuni a più esercizi che hanno manifestazione finanziaria (incasso/pagamento) anticipata (risconti) o posticipata (ratei). Tali rilevazioni devono essere effettuate, in particolare, con riferimento ai c.d. contratti di durata in cui l'ammontare del costo / ricavo varia in funzione del tempo, come ad esempio nel caso degli interessi maturati su contratti di mutuo, dei premi di assicurazione, dei canoni di locazione, ecc. INTERESSI ATTIVI E PASSIVI Come sopra accennato, è necessario rilevare per competenza gli interessi attivi e passivi maturati sui c/c bancari nel quarto trimestre Con riferimento agli interessi attivi deve essere rilevata anche la ritenuta d'acconto subìta. Interessi passivi (C.17) Diversi Banca c/c (C.IV.1) Erario c/ritenute subìte (C.II.4-bis) a Banca c/c (C.IV.1) a Interessi attivi (C.16.d) Vanno altresì rilevati i c.d. interessi di mora automatici maturati nel 2010 con riferimento ai crediti / debiti relativi ad operazioni commerciali per i quali l'incasso / pagamento non è stato realizzato alla scadenza prevista. COSTI DEL PERSONALE Con riferimento al personale dipendente, in sede di scritture di chiusura 2010, va rilevato: l'accantonamento al fondo TFR maturato nel 2010 (Informativa SEAC , n. 268). In tale sede è necessario considerare la destinazione del TFR, ossia se lo stesso è stato: mantenuto in azienda. In tal caso è necessario distinguere tra le aziende con meno di 50 dipendenti, per le quali l intero TFR rimane effettivamente in azienda, e quelle con almeno 50 dipendenti, per le quali il TFR maturato fino al è rimasto in azienda e il TFR maturato dall è mensilmente girato al Fondo di tesoreria dell INPS ; destinato ad un Fondo di previdenza complementare. Va tenuto conto anche delle rilevazioni relative al pagamento, entro il , dell'acconto dovuto per il 2010 per l'imposta sostitutiva sul TFR, il cui saldo, da rilevare quale debito nel bilancio al , è stato corrisposto al ;

7 IF n pagina 7 di 9 il costo (retribuzioni e relativi oneri previdenziali ed assistenziali) delle ferie e dei permessi maturati nel 2010 e non ancora usufruiti; la rettifica del costo (retribuzioni e relativi oneri previdenziali ed assistenziali) delle ferie e dei permessi usufruiti nel 2010 che matureranno nel 2011; il "rateo della 14esima mensilità di competenza dell esercizio. ACCANTONAMENTO AL FONDO RISCHI SU CREDITI Con riferimento ai crediti commerciali è necessario verificare il rischio di mancato incasso degli stessi e procedere all'eventuale accantonamento al "Fondo rischi su crediti". Il fondo sarà utilizzato al verificarsi di perdite per inesigibilità. Accant. fondo rischi su crediti (B.10.d) a Fondo rischi su crediti (C.II.1) Se si riscontrano dei crediti per i quali il mancato incasso è certo va rilevata una perdita su crediti, ovvero, se esistente, va utilizzato il fondo svalutazione crediti precedentemente costituito fino a capienza dello stesso, con le seguenti scritture: Fondo rischi su crediti (C.II.1) a Crediti v/clienti (C.II.1) ovvero, se il fondo svalutazione crediti è insufficiente: Diversi Fondo rischi su crediti (C.II.1) Perdita su crediti (B.14) a Crediti v/clienti (C.II.1) Con riferimento ai debiti va verificata l'esistenza di importi per i quali è decaduto l'obbligo di pagamento (ad esempio, a seguito di rinuncia volontaria da parte del creditore ovvero di prescrizione) procedendo allo stralcio degli stessi con rilevazione in contropartita di una sopravvenienza attiva. Debiti v/fornitori (D.7) a Sopravvenienza attiva (E.20) ALTRI ACCANTONAMENTI Vanno rilevati gli stanziamenti: ai fondi spese (ad esempio, l'accantonamento al "Fondo garanzia prodotti" ovvero, in caso di affitto d'azienda, l accantonamento al "Fondo ripristino beni in affitto d'azienda"); ai fondi rischi (ad esempio, l'accantonamento al "Fondo rischi su cambi"). BENI AMMORTIZZABILI AMMORTAMENTO È necessario rilevare gli ammortamenti relativi: alle immobilizzazioni materiali (macchinari, impianti, immobili, attrezzature, ecc.), iscrivendo in contropartita il relativo "Fondo": Ammortamento macchinari (B.10.b) a Macchinari (B.II.2) alle immobilizzazioni immateriali (diritti di brevetto, licenze, costi d'impianto e d'ampliamento, avviamento, ecc.), riducendo direttamente l'importo iscritto nell'attivo dello Stato patrimoniale: Ammortamento avviamento (B.10.a) a Avviamento (B.I.5)

8 IF n pagina 8 di 9 Beni rivalutati ex DL n. 185/2008 Si rammenta che i soggetti che si sono avvalsi della rivalutazione ex art. 15, commi da 16 a 23, DL n. 185/2008 devono calcolare gli ammortamenti civilistici sul valore del bene rivalutato, mentre ai fini fiscali devono considerare il maggior valore attribuito all immobile a decorrere dal quinto esercizio successivo a quello di rivalutazione, ossia in caso di esercizio coincidente con l anno solare, a partire dal 2013, a condizione che sia stata versata l imposta sostitutiva dell IRPEF, IRES, IRAP ed eventuali addizionali. Di conseguenza per il 2010 l ammortamento fiscale di tali beni va ancora effettuato sul valore ante rivalutazione. Terreni In generale, dal punto di vista civilistico i terreni, essendo beni la cui utilità non si esaurisce nel tempo, non devono essere ammortizzati. Se il valore del fabbricato incorpora anche quello del terreno, è necessario procedere allo scorporo al fine di determinare l ammortamento esclusivamente con riferimento al fabbricato. Lo scorporo è previsto anche ai fini fiscali, considerato che il DL n. 223/2006 ha disposto l indeducibilità dell ammortamento del terreno su cui il fabbricato insiste. RILEVAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO Vanno rilevate le giacenze di magazzino esistenti al RILEVAZIONE LAVORI IN CORSO Vanno rilevate le rimanenze di prodotti in corso di lavorazione e di opere e servizi in corso di esecuzione al IMPOSTE DELL ESERCIZIO Le imposte devono essere rilevate per competenza e pertanto è necessario contabilizzare quanto risultante dal mod. UNICO 2011 / mod. IRAP 2011, nonché, eventualmente, le imposte anticipate / differite. Relativamente all IRAP tale rilevazione dovrebbe essere effettuata da ogni soggetto passivo, indipendentemente dalla forma giuridica. Relativamente alle imposte dirette la rilevazione interessa esclusivamente le società di capitali (IRES). Si rammenta che ai fini fiscali l IRAP è deducibile nella misura del 10% di quanto pagato nell anno qualora il contribuente abbia sostenuto spese per il personale e/o oneri finanziari. OPERAZIONI IN VALUTA Le attività e passività in valuta, ossia le partite monetarie rappresentate dagli importi da incassare o pagare (crediti / debiti), sono rilevati in contabilità al tasso di cambio della data di effettuazione dell'operazione (c.d. cambio storico). Dopo la rilevazione iniziale va considerato che i crediti / debiti sorti durante l'anno, possono essere riscossi / pagati: prima della chiusura dell'esercizio. In tal caso va determinato l'utile / perdita effettiva (realizzata), quale differenza tra il valore al cambio della data di effettuazione dell'operazione e il valore al cambio della data di riscossione / pagamento; successivamente alla chiusura dell'esercizio. In tal caso al è necessario determinare per ogni singolo credito / debito, l'utile / perdita da valutazione (non realizzata) quale differenza tra il valore al cambio della data dell'operazione e il valore al cambio del

9 IF n pagina 9 di 9 Alla data di riscossione / pagamento si dovrà determinare l'utile / perdita su cambi effettiva. In particolare, qualora il credito al non sia stato ancora incassato, in sede di redazione del bilancio lo stesso va adeguato al tasso di cambio alla chiusura dell esercizio. Ciò determina un utile o una perdita su cambi da valutazione e quindi non realizzato. In particolare: nel caso di utile su cambi si rileva: Crediti esteri v/x (C.II.1) a Utili su cambi da valutazione (C.17-bis) nel caso di perdita su cambi si rileva: Perdite su cambi da valutaz. (C.17-bis) a Crediti esteri v/x (C.II.1) Qualora il debito al non sia stato ancora pagato, in sede di redazione del bilancio va adeguato al tasso di cambio alla chiusura dell esercizio. Ciò determina un utile o una perdita su cambi da valutazione e pertanto non realizzato. In particolare: in caso di utile su cambi si rileva: Debiti esteri v/x (D.7) a Utili su cambi da valutazione (C.17-bis) in caso di perdita su cambi si rileva: Perdite su cambi da valutaz. (C.17-bis) a Debiti esteri v/x (C.II.1) N.B. La valutazione al cambio del riguarda tutti i crediti dell'attivo circolante e quelli immobilizzati nonchè i debiti, sia a breve sia a lungo termine (così, ad esempio, anche un mutuo contratto in valuta va adeguato al tasso di cambio alla data di chiusura dell'esercizio). MODALITÀ DI RILEVAZIONE DELLE SCRITTURE DI CHIUSURA Si rammenta che, come specificato dall'agenzia delle Entrate nella Risoluzione , n. 9/E la rilevazione sul Libro giornale delle scritture di chiusura, qualora realizzata nell esercizio successivo a quello di riferimento, va effettuata: seguendo la numerazione progressiva dell esercizio in cui sono annotate; indicando la data della loro effettiva rilevazione; specificando che si tratta di operazioni di chiusura dell anno precedente.

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Check list scritture fine esercizio

Check list scritture fine esercizio CASSA Controllare la corrispondenza del saldo contabile con l effettiva consistenza di cassa. Controllare che il conto cassa non presenti valori negativi neppure per un solo giorno. Suddividere il conto

Dettagli

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO Descrizione Verifiche Sì No Crediti verso soci Sono stati controllati gli importi ancora dovuti da parte dei Versamenti soci relativamente al capitale sottoscritto ma non

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Bilancio 2000 Check List

Bilancio 2000 Check List Bilancio 2000 Check List AREE DI BILANCIO ELENCO VERIFICHE E CONTROLLI CREDITI VERSO SOCI PER DECIMI RESIDUI VERIFICARE IMPORTO DEI CREDITI CHE LA SOCIETÀ VANTA VERSO SOCI PER VERSAMENTI DI CAPITALE SOCIALE

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * *

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * * AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG Codice fiscale 02101190169 * * * * * NOTA INTEGRATIVA ABBREVIATA 2013 EX ART. 2427 E 2435 BIS CODICE CIVILE Signori Soci,

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali A L.7-8-9 Scritture di assestamento e di chiusura dei conti 29 La Situazione contabile al /n della S.n.c. Antonio

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

PROSPETTO DI BILANCIO CEE - Forma ordinaria ESERCIZIO 2012

PROSPETTO DI BILANCIO CEE - Forma ordinaria ESERCIZIO 2012 Pagina 1 ATTIVO 235.751 B) IMMOBILIZZAZIONI 1.538 I - IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 422 1) Costi di impianto e di ampliamento 422 11.01.01 Spese societarie 1.267,32 D 65.01.01 F.do ammortamento spese societarie

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

LE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

LE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 12 aprile 2011 LE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA Le attività e le passività in valuta esistenti al 31 dicembre devono essere valutate al tasso di

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü I crediti di natura commerciale ü Le partite da liquidare ü I crediti dubbi e in contenzioso ü i crediti tributari ü I crediti verso altri 2 1 COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

BERGAMO SVILUPPO BILANCIO DI CHIUSURA STATO PATRIMONIALE al 31/12/2014 (come da all.i) del DPR n.254/2005)

BERGAMO SVILUPPO BILANCIO DI CHIUSURA STATO PATRIMONIALE al 31/12/2014 (come da all.i) del DPR n.254/2005) A) 11 IMMOBILIZZAZIONI: ATTIVO BERGAMO SVILUPPO STATO PATRIMONIALE al (come da all.i) del DPR n.254/2005) a) 110 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI: 110000 Licenze d'uso Software 0 0 0 110300 Oneri pluriennali

Dettagli

Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in

Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in Circolare n. 5 11 Marzo 2013 Approfondimenti in tema di: CONTROLLI CONTABILI PER IL BILANCIO Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in L.26.06.1990, n. 165-

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

VIA BLIGNY 1/A 42124 REGGIO NELL'EMILIA RE 01586410357 01586410357 STATO PATRIMONIALE

VIA BLIGNY 1/A 42124 REGGIO NELL'EMILIA RE 01586410357 01586410357 STATO PATRIMONIALE 11620 REGGIO CHILDREN S.R.L. Data di stampa 9/06/2014 Pagina 1 di 5 Riferimenti bilancio Esercizio: 2013.0 Esercizio 2013 Bilancio di Verifica: BDV2013.0 Bilancio di verifica al 31/12/2012 Piano dei Conti:

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS 1 website: www.quickmanager.it - e-mail: info@quickmanager.it (Marchio registrato Registered Trade Mark) Il sistema di gestione qualità adottato dallo Studio è certificato IMQ/CSQ a norma UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Esercitazione per la 4ª classe IGEA e la 5ª classe IPSC di Lidia Sorrentino La Fontana & Robotti s.n.c. con capitale

Dettagli

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014 STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO AL 31 DICEMBRE 2014 41 STATO PATRIMONIALE 2014 ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI CON SEPARATA INDICAZIONE DELLA PARTE GIA' RICHIAMATA B) IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008 Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 01/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

Associazione 21 Luglio Onlus

Associazione 21 Luglio Onlus Associazione 21 Luglio Onlus Sede in Roma, Via Bassano del Grappa n.24 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 Criteri di formazione Il bilancio è redatto in forma abbreviata ed è composto da

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE

NOTA INTEGRATIVA CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE NOTA INTEGRATIVA Si illustrano di seguito tutte le informazioni utili per una migliore lettura del Conto Consuntivo 2010 costituito dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico. La struttura dello Stato

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014

PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014 PIANO DEI CONTI - STATO PATRIMONIALE - ALER LODI - ANNO 2014 ELENCO VOCI CONTABILI 2013 2013 sp1 ATTIVO 63.654.073,00 60.522.723,00 10 CREDITI PER CAPITALE DI DOTAZIONE DELIBERATO DA VERSARE 10.01 Crediti

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 C.F. 80000150518 P.I. 02106220516 FONDAZIONE THEVENIN - Onlus Sede in via Sassoverde n.32-52100 AREZZO (AR) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Premessa Attività svolte La Fondazione svolge

Dettagli

Dottore commercialista seconda sessione 2012

Dottore commercialista seconda sessione 2012 Dottore commercialista seconda sessione 2012 Prima prova scritta seconda sessione 2012 Tema n. 1 non sorteggiato Il candidato illustri le motivazioni strategiche ed economiche che possono essere alla basedi

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 Piano dei conti ATTIVITA' CREDITI PER QUOTE ASSOCIATIVE DA INCASSARE Crediti per quote associative da incassare Crediti

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

CITTA' DI CAMPOSAMPIERO CONTO ECONOMICO ANNO 2012

CITTA' DI CAMPOSAMPIERO CONTO ECONOMICO ANNO 2012 CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO PROSPETTO DI CONCILIAZIONE 2012 CITTA' DI CAMPOSAMPIERO Provincia di PD CONTO ECONOMICO ANNO 2012 CITTA' DI CAMPOSAMPIERO Data di stampa 04-03-2013 Pagina 2 CONTO ECONOMICO

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

VELIA INGEGNERIA E SERVIZI SRL UNIPERSONALE

VELIA INGEGNERIA E SERVIZI SRL UNIPERSONALE VELIA INGEGNERIA E SERVIZI SRL UNIPERSONALE Sede legale: LOCALITA' PIANO DELLA ROCCA PRIGNANO CILENTO (SA) Iscritta al Registro Imprese di SALERNO C.F. e numero iscrizione 04346820659 Iscritta al R.E.A.

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti prime applicazioni del metodo della partita doppia Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti.../ /200n VEN Merci c/ acquisti D 300,00.../ /200n VFN Cassa A 300,00 D Cassa A D Merci

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

La contabilizzazione delle fatture di acquisto, di vendita e dei corrispettivi

La contabilizzazione delle fatture di acquisto, di vendita e dei corrispettivi La contabilizzazione delle fatture di acquisto, di vendita e dei corrispettivi Importanza del momento in cui si contabilizza una fattura di acquisto, di vendita o in cui si contabilizzano i corrispettivi

Dettagli

INGHILTERRA N. 63/67 Movimenti dal 1/01/2013 al 30/06/2013 58100 GROSSETO GR Data 30/06/2013 Pagina 1 STATO PATRIMONIALE

INGHILTERRA N. 63/67 Movimenti dal 1/01/2013 al 30/06/2013 58100 GROSSETO GR Data 30/06/2013 Pagina 1 STATO PATRIMONIALE Pagina 1 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 10 1 Cassa contanti 1.627,50 10 3 Cassa contanti Farmacie 69.545,23 10 4 Incassi contanti Batignano 2.023,05 10 9 C/c postale 41,47 10 CASSA E C/C POSTALE --------------------

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI

PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI PROSPETTI ECONOMICO - PATRIMONIALI ANNO: 2010 Procedura realizzata da PUBLISYS S.p.A. Via della Tecnica, 18 Potenza PROSPETTO DI CONCILIAZIONE (ENTRATA) Titolo I ENTRATE TRIBUTARIE Accertamenti Risconti

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento I principi contabili internazionali (IAS), attualmente in Italia obbligatori per le società quotate, sono regole tecnico-ragioneristiche che stabiliscono : A. Le modalità di contabilizzazione degli eventi

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n.

SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n. Reg. Imp. 00941910788 Rea 243862 SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n. 03600700870 Bilancio al 31/12/2012 STATO

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014

Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014 Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014 1 PROCEDURE AMMINISTRATIVE CONTABILI A) ACQUISIRE LA DOCUMENTAZIONE DI OGNI FATTO DI GESTIONE B) RISPETTARE

Dettagli

il rendiconto di gestione 2014, sottoposto alla Vostra visione per l approvazione, evidenzia un

il rendiconto di gestione 2014, sottoposto alla Vostra visione per l approvazione, evidenzia un ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Milano 20129 Viale Piceno 18 NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO GESTIONALE DELL ESERCIZIO 2014 Gentili Colleghe, Egregi Colleghe, il rendiconto

Dettagli