Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo"

Transcript

1 Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Premessa Chi gestisce la contabilità di un impresa lo fa perché alla fine di ogni anno di gestione ha bisogno di conoscere due cose fondamentali relative alla sua impresa: a) quanto vale l impresa; b) se alla fine di un anno di attività c è un utile o una perdita. Per trovare una risposta alla prima domanda il nostro bravo contabile deve calcolare quanto denaro c è in cassa, quanto c è in banca, se ci sono degli assegni da incassare, quanto valgono i beni posseduti come fabbricati, merci in magazzino, automezzi, mobili, quanti sono i crediti da riscuotere cioè fatture e cambiali, ecc.. Deve cioè calcolare le cosiddette attività: i beni di cui l impresa ha la proprietà e quello che l impresa deve avere (crediti). Poi deve calcolare le passività: quello che l impresa deve dare (i debiti: verso i fornitori, verso lo Stato per l Iva e le altre imposte da pagare, verso le banche es. mutui da pagare, verso gli istituti previdenziali, eccetera, eccetera). Dopodiché fa una semplice operazione: totale attività (detto patrimonio lordo) meno totale passività e ottiene il cosiddetto patrimonio netto, cioè quanto vale contabilmente l impresa. (Il patrimonio netto è in realtà un valore composto da diverse parti : il patrimonio iniziale - i prelevamenti effettuati dal titolare + l utile di esercizio [- la perdita di esercizio] ). Per mostrare e far capire a tutti i calcoli che ha fatto il nostro bravo contabile usa un prospetto, detto Stato Patrimoniale, diviso in due sezioni: a sinistra elenca le attività con a fianco il loro valore e quindi calcola l attivo (il totale delle attività) e a destra elenca le passività con a fianco il loro valore e quindi calcola il passivo (il totale delle passività) e infine scrive il patrimonio netto. Con questo prospetto, che viene fatto regolarmente al 31/12, si fotografa il patrimonio aziendale finale cioè viene mostrata la composizione del patrimonio aziendale e si quantifica il patrimonio netto cioè il valore contabile dell impresa alla fine di un anno di gestione. Il nostro bravo contabile così risponde alla prima domanda (anche se in maniera ancora approssimativa), ma per rispondere alla seconda domanda (qual è il reddito di esercizio, ovvero il risultato economico di un anno di gestione è un utile o una perdita?) come fa? Posto che l utile o guadagno è dato dalla formula: ricavi costi = utile (naturalmente se i ricavi sono maggiori dei costi altrimenti c è una perdita), il nostro contabile usa un prospetto chiamato Conto Economico, dove a sinistra mette tutti i costi relativi all anno trascorso (i cosiddetti componenti negativi di reddito: costi di acquisto di merce, interessi passivi, spese di luce, telefono, fitti passivi, imposte, retribuzioni del personale, ecc. ecc.), a destra mette tutti i ricavi relativi allo stesso anno (i cosiddetti componenti positivi di reddito: ricavi per la vendita di merce, interessi attivi, ecc. ecc.. ). Fatto questo, fa la differenza tra totale ricavi e totale costi: se il totale dei ricavi è maggiore del totale dei costi si ha un utile, viceversa si ha una perdita. Quindi con questi due prospetti Stato Patrimoniale e Conto Economico il nostro bravo contabile riesce a rispondere alle due domande chiave che si era posto all inizio. (Purtroppo finora nessuno è riuscito a inventare un modo più semplice di questo per rispondere a quelle due domande) Bene, ma a questo punto vi chiederete: ma come fa questo contabile a tenere il conto di tutte queste voci che si trovano nello Stato Patrimoniale e nel Conto Economico? Come fa a registrare le variazioni di queste voci durante l anno e quindi sapere alla fine dell anno quanto c è in cassa, quanti costi, quante cambiali, assegni, quanti crediti, quanti debiti, eccetera, eccetera, senza uscire pazzo!!!??? Come fa a tenere tutta questa contabilità? C è un sistema, un metodo? ( suspense.). Dopo questa semplice premessa entriamo nel vivo con qualche esempio pratico, riferito al tipo di azienda più elementare: l impresa individuale. 1

2 Situazione Patrimoniale di un'impresa individuale al 31/12 ATTIVITA' PASSIVITA' costi d'impianto fondo ammortamento costi d'impianto software fondo ammortamento software fabbricati fondo ammortamento fabbricati attrezzature commerciali fondo ammortamento attrezzature comm automezzi fondo ammortamento automezzi arredamento fondo ammortamento arredamento macchine d'ufficio fondo ammortamento macchine d'ufficio merci debiti v/fornitori imballaggi fatture da ricevere crediti v/clienti debiti diversi fatture da emettere cambiali passive crediti diversi 600 debiti per IVA crediti insoluti debiti v/erario per ritenute cambiali attive debiti v/istituti previdenziali cambiali all'incasso banca c/c passivo denaro in cassa mutui passivi banca c/c debiti per TFR c/c postale fondo per imposte assegni fondo svalutazione crediti valori bollati 500 fondo rischi su crediti ratei attivi 500 ratei passivi risconti attivi risconti passivi TOTALE PASSIVITA' patrimonio netto iniziale prelevamenti del titolare titolare c/ritenute subite utile di esercizio PATRIMONIO NETTO FINALE TOTALE ATTIVITA' totale a pareggio TOTALE ATTIVITA' TOTALE PASSIVITA' = PATRIMONIO NETTO FINALE (totale a pareggio = totale passività + patrimonio netto finale) [quelli scritti in grassetto sono valori finanziari (cioè che possono essere espressi solo in moneta), tutti gli altri sono valori economici] Il Patrimonio Netto finale (cioè al 31/12 alla chiusura dell'esercizio) è un valore composto derivato cioè dalla somma algebrica dei suoi componenti. Esso ci dice in sintesi quanto vale l azienda. [Ma attenzione il patrimonio netto è un valore contabile cioè sulla carta, il valore reale spesso è diverso. Se infatti compro un impresa devo pagare anche il fatto che è una azienda avviata e funzionante, conosciuta, organizzata, con un giro d'affari: il cosiddetto avviamento]. Ma c è differenza tra Situazione Patrimoniale e Stato Patrimoniale? Nella Situazione Patrimoniale, che è un prospetto informale a uso interno, le voci possono non avere un ordine preciso. Lo Stato Patrimoniale, invece è un prospetto obbligatorio, previsto dal Codice Civile per le società, dove le voci sono raggruppate secondo un ordine preciso e non modificabile. Nel caso di impresa individuale lo Stato Patrimoniale potrebbe essere così: 2

3 Attività Stato Patrimoniale al 31/12/09 dell'azienda X Passività Immobilizzazioni Debiti Immobilizzazioni immateriali Debiti a breve termine costi d'impianto debiti v/fornitori software fatture da ricevere debiti diversi cambiali passive totale debiti per IVA Immobilizzazioni materiali debiti v/erario per ritenute fabbricati debiti v/istituti previdenziali attrezzature commerciali banca c/c passivo automezzi arredamento totale macchine d'ufficio Debiti a medio-lungo termine mutui passivi totale totale Attivo circolante Debiti per TFR Rimanenze merci Fondi ammortamento imballaggi fondo ammortamento costi d'impianto fondo ammortamento software fondo ammortamento fabbricati totale fondo ammortamento attrezzature comm Crediti fondo ammortamento automezzi crediti v/clienti fondo ammortamento arredamento fatture da emettere fondo ammortamento macchine d'ufficio crediti diversi 600 totale crediti insoluti Fondi per rischi e oneri cambiali attive fondo per imposte cambiali all'incasso totale Fondi svalutazione fondo svalutazione crediti fondo rischi su crediti totale totale Disponibilità liquide denaro in cassa Ratei e risconti passivi banca c/c ratei passivi c/c postale risconti passivi assegni totale valori bollati 500 Totale Passività Patrimonio netto totale patrimonio netto iniziale Ratei e risconti attivi prelevamenti del titolare ratei attivi 500 titolare c/ritenute subite risconti attivi utile di esercizio totale Totale Patrimonio Netto Totale Attività Totale a pareggio

4 Come si può vedere la sostanza è la stessa, cambia solo la presentazione, più precisa e formale: in questo Stato Patrimoniale le Classi dell Attivo sono: Immobilizzazioni, Attivo circolante e Ratei e risconti attivi. Le Classi del Passivo sono: Debiti, Fondi per rischi e oneri, Debiti per TFR, Ratei e risconti passivi, Patrimonio Netto (i fondi ammortamento e i fondi svalutazioni non sono classi ma sono solo delle rettifiche di voci dell Attivo qui inserite per una maggiore chiarezza). Gli elementi del patrimonio quindi si classificano in vari modi: o secondo il segno: in attività e passività o secondo la destinazione: immobilizzazioni (sono i beni destinati a rimanere nell azienda per lungo tempo) e attivo circolante (sono i beni destinati a rimanere nell azienda per breve tempo). L attivo circolante comprende: le rimanenze di magazzino, i crediti, le disponibilità liquide. o secondo il modo in cui possono essere espressi: valori finanziari (che possono essere espressi solo in moneta) denaro, assegni, cambiali, crediti, debiti, ratei e valori economici (rimanenze, immobilizzazioni e relativi fondi ammortamenti, risconti, parti del Patrimonio Netto). (Le merci per esempio possono essere espresse anche in quantità fisiche: kilogrammi, litri, ) Possiamo a questo punto dare una definizione di patrimonio aziendale. Il patrimonio aziendale è costituito da: 1) l insieme dei beni (investimenti e disponibilità), a disposizione di diritto e di fatto del soggetto aziendale 2) le fonti di finanziamento necessari per svolgere l attività aziendale (finanziamenti di capitale proprio, conferiti cioè dal proprietario o dai soci + finanziamenti di capitale di credito, capitale cioè prestato da terzi, nel nostro esempio il capitale di credito è costituito da: passività consolidate, cioè a medio-lungo termine (mutui passivi, debiti per TFR) e passività correnti, cioè a breve termine (banca c/c passivo, debiti v/fornitori, fatture da ricevere, debiti diversi, cambiali passive, debiti tributari [debiti per Iva e debiti v/erario per ritenute], debiti v/istituti previdenziali, ratei passivi, risconti passivi, fondo per imposte). Nel prospetto previsto dal Codice Civile (obbligatorio per le società per azioni e le società a responsabilità limitata) le poste del bilancio sono raggruppate in classi (lettere maiuscole: A,B,C,D,E), sottoclassi (numeri romani: I, II,III,IV), voci (numeri arabi: 1,2,3,4...), sottovoci (lettere minuscole: a,b,c,d,...). Nel caso di azienda individuale le parti del Patrimonio Netto sono: Patrimonio netto iniziale, prelievi del titolare, titolare c/ ritenute subite, utile (perdita) di esercizio. Nel caso di società per azioni le parti principali del Patrimonio Netto sono: Patrimonio (o Capitale) sociale, riserva legale, riserve statutarie, riserva sovraprezzo azioni, utile (perdita) di esercizio, utili (perdite) esercizi precedenti. 4

5 Conto Economico di un'impresa individuale al 31/12 componenti negativi componenti positivi acquisti di merci resi su acquisti acquisti imballaggi ribassi e abbuoni attivi costi di trasporto interessi attivi bancari 900 costi per energia elettrica interessi attivi da clienti interessi passivi bancari 300 plusvalenze ordinarie interessi passivi su mutui vendite di merci sopravvenienze e insussistenze passive 600 vendita di imballaggi fitti passivi rimborsi costi di trasporto canoni di leasing variazione rimanenze merci retribuzioni variazione rimanenze imballaggi oneri sociali sopravvenienze e insussistenze attive trattamento fine rapporto ammortamento attrezzature comm ammortamento automezzi svalutazione crediti perdite su crediti imposte dell'esercizio costi di pubblicità costi di assicurazione spese telefoniche spese postali 400 commissioni bancarie resi su vendite ribassi e abbuoni passivi ammortamento costi d' impianto ammortamento fabbricati TOTALE COSTI utile di esercizio Totale a pareggio TOTALE RICAVI TOTALE RICAVI TOTALE COSTI = utile di esercizio ( totale costi + utile di esercizio = totale a pareggio) I valori inseriti nel Conto Economico sono ovviamente tutti valori economici. ( e non te lo fare ripetere più!!!) Nel Bilancio ufficiale il C.E. può assumere una forma diversa. Anziché i costi a sinistra e i ricavi a destra [sezioni contrapposte: forma orizzontale] può presentare sopra i ricavi e sotto i costi [sezioni sovrapposte: forma verticale]. L insieme delle operazioni, tra loro coordinate e collegate, svolte per raggiungere gli obiettivi dell azienda, è detto gestione. E suddivisa in periodi di durata annuale detti esercizi. Può essere analizzata sotto diversi aspetti: a) aspetto tecnico (relativo alla trasformazione materiale e/o alla trasformazione nello spazio e nel tempo); b) aspetto economico (riguardante i costi sostenuti e i ricavi conseguiti); c) aspetto finanziario (relativo alle variazioni dei valori finanziari cioè alle uscite-entrate finanziarie e all aumento-diminuzione di crediti e debiti). 5

6 Il risultato economico della gestione di un esercizio è detto reddito di esercizio e può essere positivo (utile di esercizio) o negativo (perdita di esercizio). Si determina per mezzo del Conto Economico come differenza tra i ricavi e i costi relativi all esercizio. Se i ricavi sono maggiori dei costi il reddito è positivo (utile). Se invece i costi sono maggiori dei ricavi il reddito è negativo (perdita). Questo procedimento non solo determina il reddito di esercizio ma spiega anche come si è arrivati a ottenere questo risultato. Il reddito di esercizio risulta sia nello Stato Patrimoniale sia nel Conto Economico. Nella pratica operativa prima si determina il reddito di esercizio per mezzo del Conto Economico e poi lo si riporta nello Stato Patrimoniale. Il costo è la spesa che l azienda deve sostenere per procurarsi i fattori produttivi. E misurato dalla quantità di mezzi monetari necessari per l acquisto. Il ricavo è quello che si ottiene dalla vendita di beni e/o servizi. E misurato dai mezzi monetari ottenuti in cambio dei beni e/o servizi ceduti. Ma i costi non sono tutti uguali. Costi di esercizio sono i costi sostenuti per acquistare beni e servizi acquistati e utilizzati/rivenduti nello stesso esercizio/anno. Costi pluriennali sono i costi sostenuti per acquisire i fattori produttivi di lunga durata come i macchinari, gli automezzi, i brevetti, i costi di impianto, eccetera. (i COSTI di IMPIANTO sono costi pluriennali immateriali [costi di costituzione dell impresa (notaio, commercialista), costi di allacciamento luce, acqua, telefono. ecc..]) Sono chiamati anche immobilizzazioni. L insieme delle immobilizzazioni costituisce il cosiddetto capitale fisso o attivo immobilizzato. Il valore dei costi pluriennali viene alla fine di ogni anno rettificato indirettamente scrivendo nel relativo Fondo ammortamento il valore consumato nell esercizio. Risultano nello Stato patrimoniale nelle Attività. La parte di costo pluriennale competente all esercizio ( consumata cioè nell esercizio) è detta quota di ammortamento e risulta tra i costi di esercizio nel Conto Economico. Costi futuri ( o presunti) sono quelli che si riferiscono a beni o servizi già utilizzati ma non ancora pagati. Costi sospesi ( o anticipati) sono i costi relativi a fattori produttivi già pagati ma non utilizzati o rivenduti entro l esercizio (esempio le rimanenze al 31/12 di merci, materie prime, materiali di consumo, risconti attivi). Il bilancio di esercizio è il documento contabile più importante dell'azienda. Viene redatto al termine del periodo amministrativo allo scopo di rappresentare la situazione patrimoniale e finanziaria dell'impresa e il risultato economico dell'esercizio. 6

7 Il bilancio di esercizio si compone di tre parti tra loro strettamente connesse e costituenti un tutto inscindibile: 1. lo Stato Patrimoniale, prospetto che mette in evidenza gli elementi attivi e passivi che compongono il patrimonio esistente alla fine del periodo amministrativo e il patrimonio netto. La funzione dello S.P. è mostrare la composizione del patrimonio aziendale e determinare l entità del patrimonio netto. 2. il Conto economico, prospetto che mette in evidenza il processo di formazione del risultato economico di esercizio (utile o perdita di esercizio). La funzione del C.E. è determinare il reddito di esercizio attraverso il confronto tra i costi e i ricavi competenti all esercizio. 3. la Nota integrativa, che svolge, attraverso un'analisi espositiva e con tabelle, una funzione esplicativa di completare e chiarire le informazioni fornite dallo S.P. e dal C.E. che essendo dei prospetti molto sintetici non possono chiarire tutto. Lo S.P. è fondamentale perché: 1) in esso si possono vedere i rapporti giuridici che ha l azienda (diritti di proprietà, diritti di credito, obbligazioni assunte [cioè i debiti], beni di terzi in uso, ecc.) 2) rappresenta la continuità tra un esercizio e l altro (poiché le attività e le passività che ci sono alla fine di un esercizio [31/12/2010] coincidono con le attività e le passività che ci sono all inizio dell esercizio successivo [1/1/2011] ). Il C.E. è molto importante invece ai fini interni della gestione per capire come si è arrivati a quel risultato economico. L analisi e l interpretazione dei valori inseriti nello Stato patrimoniale e nel Conto economico consente di esprimere un giudizio più approfondito sul reale valore del patrimonio e sulla capacità dell impresa di produrre nel tempo un reddito positivo (analisi di bilancio). Nelle imprese individuali e nelle società di persone il bilancio è un documento interno all'azienda (la legge non richiede infatti che sia portato a conoscenza dei terzi ma solo del fisco). Deve essere quindi redatto e conservato ai fini fiscali e può essere richiesto in visione dalle banche in sede di istruttoria per la concessione di prestiti/fidi). Nelle società per azioni e nelle società a responsabilità limitata (dette società di capitali) invece il bilancio di esercizio assume importanza all esterno: E un documento redatto dagli amministratori secondo gli schemi obbligatori previsti dal Codice Civile, approvato dall assemblea dei soci, pubblicato e depositato presso l Ufficio del Registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio. Dopo questa importante premessa possiamo finalmente addentrarci nel misterioso mondo della contabilità ovvero come arrivare a ottenere gli importi da inserire nel bilancio. E vai!!!! 7

8 Non si può gestire un azienda e redigere il bilancio senza tenere una contabilità. La contabilità generale registra tutti i fatti di gestione che avvengono in una azienda che riguardano le voci che poi risulteranno nel bilancio. Si chiama contabilità generale per distinguerla dalle contabilità speciali che si occupano di un oggetto particolare (esempi: contabilità del personale, contabilità di magazzino, contabilità dei costi, ). Per tenere la contabilità c è bisogno dei conti. Il conto è l insieme delle registrazioni riguardanti un determinato oggetto contabile. Ha la forma di un prospetto a due sezioni. Sopra si scrive il nome del conto. La sezione di sinistra si chiama dare, la sezione destra si chiama avere (sono dei nomi convenzionali). Quando si scrive un importo nella sezione dare si dice che il conto è stato addebitato. Quando si scrive un importo nella sezione avere si dice che il conto è stato accreditato. Attenzione: sono termini convenzionali, non vanno interpretati letteralmente cioè addebitare un conto non significa assolutamente che aumentano i debiti ma solo che abbiamo scritto l importo nella sezione sinistra. NOME DEL CONTO sezione sinistra DARE sezione destra AVERE Per tenere la contabilità generale c è bisogno di : a) un sistema contabile b) un metodo di registrazione Il sistema contabile ci dice come si classificano i conti. Il sistema contabile più usato classifica i conti in conti finanziari e conti economici. I conti finanziari sono quelli intestati agli oggetti finanziari cioè tutto quello che rappresenta denaro, crediti e debiti. Esempio: Denaro in cassa, Cambiali attive, Cambiali passive, Banca c/c, Assegni, Crediti v/clienti, Debiti v/fornitori, Mutui passivi, Valori bollati, IVA a credito, IVA a debito, eccetera. I conti economici (praticamente tutti gli altri conti) sono quelli intestati ai costi, ai ricavi e alle parti del patrimonio netto. Esempio: acquisto merci, vendita merci, fitti attivi, fitti passivi, interessi attivi, interessi passivi, costo del personale, spese di trasporto, spese telefoniche, costi energia, automezzi, fabbricati, macchinari, arredamento, patrimonio netto, utile di esercizio, perdita di esercizio, prelevamenti del titolare, eccetera. 8

9 Nel Bilancio i conti finanziari vanno tutti nello Stato Patrimoniale. I conti economici invece, vanno in parte nello Stato Patrimoniale e in parte nel Conto Economico. Vanno nel C.E. i costi e ricavi di competenza dell'esercizio, vanno nello S.P. i costi e ricavi che riguardano due o più esercizi (i costi pluriennali, i costi sospesi, i ricavi sospesi) e i conti che rappresentano le parti del patrimonio netto. Il reddito di esercizio risulta sia nello S.P. che nel C.E. Ma perché due tipi di conti (finanziari ed economici)? Perché la gestione presenta due aspetti tra loro inscindibili: l'aspetto finanziario e l'aspetto economico che sono come le due facce di una stessa moneta. Quando acquisto della merce ho un costo (purtroppo non me la regalano): aspetto economico. Da cosa viene misurato questo costo? Dall'aumento di debiti verso il fornitore (aspetto finanziario) documentato dalla fattura che mi consegna per farmi conoscere quanto devo pagare. Senza la variazione finanziaria non si potrebbe misurare, quantificare nessun costo e nessun ricavo. Se c'è un costo o un ricavo quindi ci deve essere necessariamente una variazione finanziaria che lo misura. I conti finanziari funzionano così: quando si ha una variazione finanziaria positiva (VF+) l importo va scritto nella sezione sinistra ( cioè dare e si dice che il conto viene addebitato), quando si ha una variazione finanziaria negativa (VF-) l importo va nella sezione destra (cioè avere e si dice che il conto viene accreditato). Esempio n.1: si ha una entrata di denaro in cassa di 200 euro: nel conto DENARO IN CASSA bisogna scrivere 200 nella sezione sinistra (dare); si ha una uscita di cassa di 140 euro: bisogna scrivere 140 nella sezione di destra (avere). In parole semplici il conto DENARO IN CASSA funziona così: le entrate di cassa si scrivono a sinistra (dare) le uscite di cassa di scrivono a destra (avere) DENARO IN CASSA DENARO IN CASSA D A D A entrate uscite VF+ VF- VF+ VF- (+ denaro) (- denaro) Esempio n.2: paghiamo una fattura di 600 ad un fornitore in contanti: deve risultare con la registrazione di questo fatto che i debiti v/fornitori sono diminuiti di 600 ( - debiti = variazione finanziaria positiva + sezione sinistra dare) ma nello stesso tempo è diminuito il denaro in cassa ( uscita di cassa = variazione finanziaria negativa - sezione destra avere) pertanto il fatto sarà così registrato : DEBITI V/FORNITORI DENARO IN CASSA debiti VF+ - denaro VF- 9

10 Esempio n.3: paghiamo una cambiale passiva di 69 in scadenza emettendo un Assegno Bancario (A/B) di 69 : con la registrazione di questo fatto deve risultare che le cambiali passive sono diminuite di 69 (- cambiali passive da pagare = variazione finanziaria + sezione sinistra dare) ma nello stesso tempo l emissione dell A/B (Assegno Bancario) comporta una diminuzione del denaro sul c/c bancario ( - denaro sul c/c bancario = variazione finanziaria - sezione destra avere). CAMBIALI PASSIVE BANCA C/C cambiali passive - denaro in banca VF+ VF- I conti economici invece funzionano al contrario. Quando si ha una variazione economica positiva (VE+) [aumento di ricavi o diminuzione di costi] l importo va in avere, quando si ha una variazione economica negativa (VE-) [aumento di costi o diminuzione/rettifica di ricavi] l importo va in dare. Per esempio: abbiamo un costo di 50 euro per fitti passivi, dobbiamo scrivere 50 nella sezione sinistra dare del conto Fitti Passivi perché è una variazione economica negativa (+ costi); abbiamo un ricavo per vendita di merci per 900 euro, dobbiamo scrivere 900 nella sezione destra avere del conto Merci c/vendite perché è una variazione economica positiva (+ ricavi); abbiamo un costo per acquisto di merci per 80 euro, dobbiamo scrivere 80 nella sezione sinistra dare del conto Merci c/acquisti perché è una variazione economica negativa (+costi). (Quasi tutti i conti economici, come avrete già intuito, sono unilaterali, cioè accolgono valori solo in una sezione) DARE CONTI ECONOMICI AVERE VE- VE+ aumento di costi rettifiche di ricavi diminuzione di patrimonio aumento di ricavi rettifiche di costi aumento di patrimonio MERCI C/VENDITE FITTI PASSIVI D A D A VE+ VE- (+ ricavi per vendita merci (+ costi per fitti)

11 Attenzione alla terminologia dei conti: Quando si scrive un importo nella sezione dare si dice che il conto è stato addebitato. Quando si scrive un importo nella sezione avere si dice che il conto è stato accreditato. Sono termini convenzionali, non vanno interpretati letteralmente. (Altrimenti i neuroni nel cervello si riscaldano troppo e vi esce il fumo dalle orecchie). Il metodo di registrazione è l insieme delle regole e degli strumenti per registrare i fatti di gestione. Il metodo usato è quello della Partita Doppia. Le regole della Partita Doppia sono: 1) quando si registra un fatto sono interessati minimo due conti, da cui il nome di partita (= importo) doppia. 2) quando si registra un fatto di gestione il totale degli addebitamenti (importi in dare ) deve essere uguale al totale degli accreditamenti (importi in avere ). [questa regola è fondamentale se no i conti non tornano e si impazzisce]. Gli strumenti della Partita Doppia sono: 1) il piano ( o quadro) dei conti (cioè l elenco dei conti divisi in gruppi) 2) il libro Mastro (che contiene l insieme dei conti, detti anche mastrini) 3) il Libro Giornale dove i fatti sono registrati in ordine cronologico in una certa forma (articoli). Ogni volta che rileviamo un fatto di gestione dobbiamo registrarlo sia nei conti interessati (minimo 2) del libro mastro, sia nel libro giornale. Perché 2 libri per registrare le stesse cose? Perché ogni libro ha una sua funzione: se vogliamo conoscere la situazione di un singolo conto (per esempio Debiti v/ fornitori) ci serve il libro mastro, se vogliamo invece sapere le operazioni fatte in dato giorno allora ci serve il libro giornale, dove gli articoli sono in ordine cronologico. I conti non sono uguali per tutte le aziende, ma variano secondo il tipo di azienda: un'impresa industriale ha conti diversi dai conti di un'impresa commerciale. 11 1

12 Esempi di fatti di gestione registrati nei conti e sul libro giornale: 1) 21/03/2009 emessa una fattura per vendita di merci per euro + IVA 20% 2) 29/03/2009 incassata la fattura di euro da un cliente: 200 euro in denaro, 400 euro con un assegno bancario, 600 euro con una cambiale 1 fatto libro mastro: Crediti v/clienti IVA a debito Vendita merci libro giornale: data Codice Denominazione conti DARE AVERE 21/03/2009 CREDITI V/ CLIENTI /03/2009 VENDITA MERCI /03/2009 IVA A DEBITO fatto libro mastro: Denaro in cassa Assegni Cambiali attive Crediti v/clienti libro giornale: data Codice Denominazione conti DARE AVERE 29/03/2009 DENARO IN CASSA /03/2009 ASSEGNI /03/2009 CAMBIALI ATTIVE /03/2009 CREDITI V/CLIENTI (Nel piano dei conti a ogni conto viene assegnato un codice numerico)

13 Quando acquistiamo beni e servizi, l' IVA che paghiamo al nostro fornitore, è IVA A CREDITO, perché lo Stato ce la deve rimborsare. Viceversa quando vendiamo beni e servizi, l' IVA che incassiamo dai nostri clienti, è IVA A DEBITO in quando dobbiamo versarla allo Stato. Praticamente chi ha la Partita IVA deve versare periodicamente allo Stato la differenza tra l' IVA incassata sulle vendite (a debito) e l'iva pagata sugli acquisti (a credito). Alla fine dell esercizio amministrativo (al 31/12) i conti vanno chiusi per poter fotografare la situazione patrimoniale ed economica dell'azienda nel bilancio. Per chiudere un conto bisogna fare in modo che i totali delle due sezioni risultino in pareggio. Per fare ciò si calcola il totale della sezione dare e il totale della sezione avere. La differenza tra i due totali, chiamata saldo, va registrata nella sezione dove il totale è minore. A questo punto si scrivono i totali delle due sezioni che quindi risultano in pareggio. I conti e i relativi saldi vanno quindi riportati, inseriti ovviamente nella esatta classe, sottoclasse, voce, sottovoce dello Stato Patrimoniale o del Conto Economico, che (insieme alla relazione dell amministratore e ai vari allegati) costituiscono il Bilancio di esercizio: il documento contabile fondamentale. esempio di come si chiude un conto: Denaro in cassa il totale della sezione sinistra DARE è il totale della sezione destra AVERE è Denaro in cassa saldo (cioè quello che serve a pareggiare i due totali, va nella sezione opposta all'eccedenza, quindi dove il totale è minore) questo CONTO adesso è CHIUSO morale della storia: è meglio alla fine chiudere i conti e vivere in pace se questa dispensa vi è piaciuta sono graditi i complimenti niente fiori

14 Riassunto variazioni finanziarie / economiche Conti finanziari DARE AVERE V F + V F - + denaro in cassa (entrate) - denaro in cassa (uscite) + denaro sul c/c bancario - denaro sul c/c bancario + denaro sul c/c postale - denaro sul c/c postale + cambiali attive - cambiali attive - cambiali passive + cambiali passive + crediti - crediti - debiti + debiti + valori bollati - valori bollati + assegni (ricevuti) - assegni (girati o versati) Conti economici DARE AVERE V E V E + + costi - costi - ricavi + ricavi - utili + utili + perdite - perdite - patrimonio netto + patrimonio netto + spese extragestione - spese extragestione (detti anche prelevamenti del titolare) (o prelevamenti del titolare) DARE AVERE VF+ (variazione finanziaria positiva) VF- (variazione finanziaria negativa) VE- (variazione economica negativa) VE+ (variazione economica positiva)

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

Il bilancio civilistico

Il bilancio civilistico Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 1 Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Stefano Coronella Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 2 1. Considerazioni

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli