Le principali scritture di fine esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le principali scritture di fine esercizio"

Transcript

1 Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo

2 Prima di procedere con la rilevazione delle scritture di assestamento è opportuno effettuare una serie di controlli che consentano di verificare la correttezza dei dati già inseriti. Check list CASSA. Verificare: - che il saldo contabile alla data di chiusura del bilancio coincida con l effettiva esistenza di denaro in cassa a tale data - che nel corso dell esercizio il saldo del mastro cassa non sia mai negativo. BANCHE E C/C POSTALI. Effettuare la riconciliazione tra il saldo dei conti intestati alle banche e alle poste e i relativi estratti conto Scritture di assestamento: in sede di scritture di assestamento occorre procedere a rilevare gli interessi attivi e passivi maturati su tali conti relativi all ultimo trimestre. Per gli interessi attivi è necessario rilevare anche le ritenute subite.

3 IVA. Effettuare il giroconto dei saldi relativi ai conti IVA c/debito e IVA c/credito al conto Erario c/iva. Verificare che il saldo del conto Erario C/IVA coincida con il valore indicato nella dichiarazione IVA dell anno. CLIENTI E FORNITORI. Effettuare un controllo sui conti relativi ai clienti e ai fornitori rimasti aperti. Contabilizzare eventuali abbuoni attivi e passivi. Scritture di assestamento: procedere allo stralcio di eventuali crediti inesigibili e all accantonamento al fondo svalutazione crediti. Inoltre occorre procedere a rilevare eventuali fatture da emettere e da ricevere e note credito da emettere e da ricevere. GIROCONTI. Verificare che nel corso dell esercizio siano stati chiusi i seguenti conti rilevati con le scritture di chiusura redatte al termine dell esercizio precedente: ratei attivi e passivi, salvo il caso di operazioni la cui competenza economica si protrae nel corso di più esercizi; fatture da emettere e da ricevere; note credito da emettere e da ricevere.

4 COSTI E RICAVI CON MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ANTICIPATA O POSTICIPATA. Verificare la presenza di costi e ricavi la cui manifestazione finanziaria è anticipata o posticipata. I componenti di reddito che, più di frequente, possono generare ratei o risconti sono: fitti attivi e passivi, assicurazioni, leasing, vigilanza notturna, contributi INAIL, spese per personale dipendente (per ciò che concerne la rilevazione del rateo relativo alla tredicesima e quattordicesima mensilità), interessi su mutui passivi e altri finanziamenti. Scritture di assestamento: occorre procedere a rilevare i ratei e i risconti attivi e passivi. ACCANTONAMENTI. Qualora nel corso dell esercizio ci siano stati licenziamenti verificare che il pagamento del TFR sia stato correttamente contabilizzato. Scritture di assestamento: procedere all accantonamento al fondo TFR. Procedere all accantonamento al fondo imposte e tasse e ad altri eventuali accantonamenti a fondi rischi e fondi spese. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ED IMMATERIALI. Nel caso in cui, nel corso dell esercizio, siano stati vendute delle immobilizzazioni materiali ed immateriali occorre verificare che le eventuali plusvalenze conseguite o minusvalenze subite siano state correttamente contabilizzate. Scritture di assestamento: effettuare il calcolo delle quote di ammortamento. Se sono

5 state sostenute spese di manutenzione e riparazione straordinarie occorre procedere ad una loro capitalizzazione. RIMANENZE DI MAGAZZINO. Procedere ad un inventario fisico per eliminare eventuali divergenze tra le rimanenze risultanti contabilmente e quelle effettivamente esistenti in magazzino. Tali divergenze possono essere dovute a cali, avarie, furti che vanno adeguatamente rilevati. Scritture di assestamento: procedere alla rilevazione delle rimanenze finali di magazzino. ALTRI CONTROLLI DA EFFETTUARE. Prima di procedere con le scritture di assestamento può essere utile effettuare i seguenti ulteriori controlli: - controllare il saldo del conto INPS C/ CONTRIBUTI e verificare che coincida con quello versato nel mese di gennaio dell anno successivo; - controllare il saldo dei conti ERARIO C/RITENUTE LAVORO AUTONOMO e ERARIO C/RITENUTE LAVORO DIPENDENTE con l importo versato nel mese di gennaio dell anno successivo

6 Scritture di fine esercizio L ammortamento e la vendita delle immobilizzazioni Le scritture di ammortamento Definizione: sono scritture di assestamento che comportano delle rettifiche alle attività aventi vita pluriennale, al fine di poter attribuire ai singoli esercizi la quota di costo di competenza.

7 L ammortamento è il procedimento tecnico-contabile mediante il quale il costo d acquisto di un immobilizzazione viene ripartito tra gli esercizi della sua vita utile. N.B.: TUTTE LE IMMOBILIZZAZIONI TECNICHE VANNO ASSOGGETTATE AD AMMORTAMENTO AD ECCEZIONE DI QUELLE LA CUI UTILITA ECONOMICA NON SI ESAURISCE (es. I TERRENI) L AMMORTAMENTO INIZIA DAL MOMENTO IN CUI L IMMOBILIZZAZIONE E DISPONIBILE E PRONTA PER L USO

8 Il calcolo dell ammortamento presuppone la determinazione dei seguenti elementi: 1) il valore da ammortizzare: dato dalla differenza tra il costo di acquisto dell immobilizzazione e il suo presumibile valore residuo al termine del periodo di vita utile (così esiguo che, in genere, non se ne tiene conto) 2) la vita utile dell immobilizzazione: è il periodo (espresso in numero di esercizi) durante il quale si prevede di utilizzare l immobilizzazione nell attività produttiva Dipende da: DURATA FISICA: periodo oltre il quale non è più conveniente mantenere in funzione il bene OBSOLESCENZA: il superamento tecnologico determinato dall introduzione sul mercato di modelli innovativi in grado di fornire prestazione più efficienti o di qualità più elevata 3) il criterio di ammortamento: modo con il quale ripartire il valore da ammortizzare nell arco della vita utile

9 ESEMPIO: Le scritture di ammortamento Al 31 dicembre del suo primo esercizio la Congregazione XXXX presenta la seguente situazione contabile: DARE AVERE Fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature Automezzi Mobili e arredi I fabbricati, i macchinari, i mobili e gli arredi, le attrezzature, gli automezzi hanno partecipato all attività produttiva dell anno; occorre assegnare all'esercizio la quota di competenza del costo dei fattori produttivi a utilizzo pluriennale (ammortamento) Per ciascuna immobilizzazione bisogna determinare la misura in cui essa ha contribuito all'attività produttiva dell'anno e ripartire il costo storico fra tutti gli esercizi in cui il bene verrà utilizzato

10 L Ente determina le seguenti quote di ammortamento: FABBRICATI Euro 100 MACCHINARI Euro 500 MOBILI E ARREDI Euro 200 ATTREZZATURE Euro 100 AUTOMEZZI Euro La rilevazione della scrittura di ammortamento a Libro Giornale sarà: 31/12 DARE AVERE AMMORTAMENTO a FONDO

11 Dopo tale rilevazione la situazione contabile sarà: DARE AVERE Fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature Automezzi Mobili e arredi Fondo amm.to imm.ni materiali Ammortamento imm.ni materiali 1.900

12 L alienazione delle immobilizzazioni tecniche LA DISMISSIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ORIGINA UN COMPONENTE DI REDDITO PER LA DIFFERENZA TRA IL RICAVO DI REALIZZO E IL VALORE NETTO CONTABILE. RICAVO DI REALIZZO > VALORE CONTABILE NETTO si avrà un componente positivo di reddito detto PLUSVALENZA RICAVO DI REALIZZO < VALORE CONTABILE NETTO si avrà un componente negativo di reddito detto MINUSVALENZA

13 VALORE NETTO CONTABILE = differenza tra costo di acquisto di una immobilizzazione e il suo fondo ammortamento ESEMPIO La Congregazione XXX decide di vendere i macchinari egli automezzi in vista della loro sostituzione con modelli più efficienti. Con gli acquirenti concorda di vendere: i macchinari per Euro (costo storico 3000, fondo ammortamento 500) gli automezzi per Euro (costo storico 4000, fondo ammortamento 1000) Quali saranno le rilevazioni contabili? Come si modificherà la situazione contabile? MACCHINARI AUTOMEZZI COSTO STORICO FONDO AMMORTAMENTO VALORE NETTO CONTABILE RICAVO DI REALIZZO VALORE NETTO CONTABILE PLUSVALENZA/MINUSVALENZA

14 Con riferimento alla vendita dei macchinari le rilevazioni a Libro Giornale saranno: DIVERSI a DIVERSI F.DO AMM.TO IMMOB. MATERIALI 500 CREDITI DIVERSI a IMPIANTI E MACCHINARI a IVA ns. DEBITO PASSIVITA 560 a PLUSVALENZE 300 Con riferimento alla vendita degli automezzi le rilevazioni a Libro Giornale saranno: DIVERSI a DIVERSI F.DO AMM.TO IMMOB. MATERIALI CREDITI DIVERSI MINUSVALENZA 100 a AUTOMEZZI a IVA ns. DEBITO PASSIVITA 580

15 Scritture di fine esercizio Le rimanenze Definizione: sono scritture di assestamento che comportano la rettifica di componenti di reddito già rilevati dall azienda, ma di competenza dell esercizio successivo. Riguardano la rilevazione delle rimanenze di magazzino per le quali è già stato sostenuto il costo, ma che nel corso dell esercizio non sono state utilizzate o vendute.

16 ESEMPIO Gli acquisti e le vendite di merci effettuate nell anno dalla Congregazione XXX sono state: MERCI MERCI C/ACQUISTI C/VENDITE QUANTITA pz 990 pz PREZZO UNITARIO AL PEZZO 16,5 27,30 FATTURE RICEVUTE PER EMESSE PER Euro Euro RICAVI: tutti quelli registrati concorrono alla determinazione del risultato (vendite di 990 pz). COSTI: solo i costi relativi alla merce venduta partecipano alla determinazione del risultato d esercizio (990 pz).

17 Al 31 dicembre giacciono in magazzino 10 pzdi merce, il cui costo deve essere tolto dai costi di esercizio e iscritto tra i fattori produttivi disponibili per le vendite del prossimo esercizio. EURO 16,5 x 10pz = EURO 165 La registrazione a Libro Giornale sarà: 31/12 ATTIVITA RETTIFICA COSTI MERCI a MERCI C/RIMANENZE FINALI IL CONTO merci c/rimanenze finali RAPPRESENTA IL COSTO SOSPESO, OSSIA IL COMPONENTE POSITIVO DI REDDITO CHE RETTIFICA INDIRETTAMENTE IL CONTO merci c/acquisti. ATTIVITA = PASSIVITA + PATRIMONIO NETTO + RICAVI - COSTI

18 Le rimanenze di magazzino: presupposti La rilevazione delle rimanenze di fine anno presuppone: LA DETERMINAZIONE avviene mediante inventario fisico DELLE QUANTITA LA VALORIZZAZIONE in base a determinati criteri di valutazione DELLE QUANTITA

19 Scritture di fine esercizio I ratei e i risconti Con l'iscrizione in bilancio di un rateo o di un risconto si vuole scindere un costo o un ricavo comune a due o più esercizi, al fine di attribuire a ciascuno degli esercizi la quota di costo o di ricavo che gli compete. Possono essere iscritte nelle voci "ratei e risconti" soltanto quote di costi e ricavi l'entità dei quali varia in relazione al decorrere del tempo (in genere, i ratei e i risconti si calcolano con riguardo a: interessi, affitti, premi di assicurazione). La ripartizione dei costi e dei ricavi avviene, quindi, in ragione del tempo.

20 I risconti attivi e passivi Definizione: I risconti sono quote di costi o di ricavi rilevati anticipatamente nell'esercizio che si chiude (o in precedenti esercizi), ma di competenza di esercizi successivi. Trattandosi di rettifiche, i risconti partecipano al reddito dell'esercizio in chiusura con segno contrario rispetto a quello del componente a cui si riferiscono. Per cui si distinguono in: Attivi, se relativi a costi da rettificare Passivi, se si riferiscono a ricavi

21 ESEMPIO La Congregazione XXX ha pagato affitti passivi di Euro che si riferiscono ad un canone semestrale corrisposto anticipatamente per il periodo 15 settembre 15 marzo. Vediamo qual è la situazione ipotizzata con il ricorso ad un grafico. Occorre togliere dall affitto registrato il canone di affitto relativo al periodo 1 gennaio 15 marzo, di competenza del futuro esercizio. Graficamente indichiamo il risconto con il colore giallo.

22 Ecco come occorre procedere per il calcolo del risconto. Occorre impostare la seguente proporzione: fitto semestrale: risconto = giorni che compongono il semestre: giorni non decorsi dal 01/01 al 15/03

23 Nel nostro caso la proporzione da impostare sarà: : x = 181: 74 x = ( x 74)/ 181 = Ecco come sono stati conteggiati i giorni: Giorni che compongono il semestre Giorni dal 01/01 al 15/03 Sett. Ott. Nov. Dic. Gen. Feb. Mar. Tot Poiché, al termine dell esercizio, dobbiamo sospendere una parte di costo e rinviarlo all esercizio successivo, la contropartita da usare è un risconto attivo.

24 La rilevazione della scrittura di rettifica a Libro Giornale sarà: 31/12 ATTIVITA RETTIFICA COSTI RISCONTI ATTIVI a AFFITTI PASSIVI Storno affitto relativo al periodo 1 gennaio- 15 marzo IL risconto attivo RAPPRESENTA LA QUOTA DEI COSTI GIA RILEVATI, MA DI COMPETENZA DEL FUTURO ESERCIZIO ATTIVITA = PASSIVITA + PATRIMONIO NETTO + RICAVI - COSTI

25 ESEMPIO Il 1 novembre la Congregazione XXX cede in affitto un proprio immobile ricevendo il versamento anticipato del canone quadrimestrale di Euro Vediamo qual è la situazione ipotizzata con il ricorso ad un grafico. Occorre, allora, determinare la parte di ricavo da rinviare all esercizio successivo con le scritture di rettifica da redigersi al 31/12.

26 Ecco come occorre procedere per il calcolo del risconto. Occorre impostare la seguente proporzione: interesse trimestrale: risconto = giorni che compongono il trimestre: giorni non decorsi dal 01/01 al 01/02 Nel nostro caso la proporzione da impostare sarà: Ecco come sono stati conteggiati i giorni: 100: x = 92: 31 x = (100 x 31)/ 92 = 33 Giorni che compongono il trimestre Giorni dal 01/01 al 01/02 Nov. Dic. Gen. Tot

27 Poiché, al termine dell esercizio, dobbiamo sospendere una parte di ricavo e rinviarlo all esercizio successivo, la contropartita da usare è un risconto passivo. La registrazione contabile sarà: 31/12 RETTIFICA RICAVI PASSIVITA AFFITTI ATTIVI a RISCONTI PASSIVI Stornato affitto relativo al periodo gennaio - marzo IL risconto passivo RAPPRESENTA LA QUOTA DEI RICAVI GIA RILEVATI, MA DI COMPETENZA DEL FUTURO ESERCIZIO ATTIVITA = PASSIVITA + PATRIMONIO NETTO + RICAVI - COSTI

28 I ratei attivi e passivi Definizione: I ratei sono quote di costi o di ricavi rilevabili posticipatamente negli esercizi successivi, ma di competenza dell'esercizio che si chiude. Trattandosi di integrazioni, i ratei partecipano al reddito dell'esercizio in chiusura con lo stesso segno del componente del reddito al quale si riferiscono. Per cui si distinguono in: Attivi, se relativi a ricavi di competenza dell esercizio in chiusura Passivi, se si riferiscono a costi

29 ESEMPIO La Congregazione XXX, in data 15/09, prenda in affitto un capannone pagando un canone semestrale di euro. Il canone viene pagato posticipatamente alla scadenza del semestre, ovvero il 15/03 dell anno successivo. Vediamo qual è la situazione ipotizzata con il ricorso ad un grafico. Come si può notare dal grafico, l Ente ha sostenuto un costo che darà luogo ad un uscita nell esercizio successivo. Il costo, però, è in parte di competenza di questo esercizio (per la parte che va dal 15/09 al 31/12) e in parte di competenza dell esercizio successivo (per la parte che va dal 31/!2 al 15/03).

30 Occorre, allora, determinare la parte di costo di competenza dell esercizio che deve essere rilevata al 31/12 tra le scritture di integrazione. Ecco come occorre procedere per il calcolo del rateo. Occorre impostare la seguente proporzione: canone: rateo = giorni che compongono il semestre: giorni decorsi dal 15/09 al 31/12 Nel nostro caso la proporzione da impostare sarà: : x = 181: 108 x = ( x 108)/ 181 = 7.160

31 Ecco come sono stati conteggiati i giorni: Giorni che compongono il semestre Giorni dal 15/09 al 31/12 Sett. Ott. Nov. Dic. Gen. Feb. Mar Tot Poiché, al termine dell esercizio, dobbiamo rilevare un costo non ancora registrato ma di competenza, la contropartita è costituita da un rateo passivo.

32 La registrazione sul Libro Giornale sarà: 31/12 INTEGRAZIONE COSTI PASSIVITA FITTI PASSIVI a RATEI PASSIVI Per FITTI PASSIVI 15/09 31/12 I FITTI PASSIVI SONO DI COMPETENZA DELL ESERCIZIO PER LA PARTE RELATIVA AL PERIODO 15/9 31/12; QUINDI DOVRANNO ESSERE RILEVATI E ATTRIBUITI AL CONTO ECONOMICO DELL ANNO. LA REGISTRAZIONE DELL INTERA FATTURA E IL SUO PAGAMENTO AVVERRANNO COMUNQUE NEL SUCCESSIVO ESERCIZIO.

33 ESEMPIO La Congregazione XXX, in data 01/11 cede in affitto un proprio immobile ricevendo il versamento posticipato del canone trimestrale di Euro Vediamo qual è la situazione ipotizzata con il ricorso ad un grafico. Come si può notare dal grafico, l Ente incassa per la prima volta il fitto in data 01 febbraio dell anno successivo. Tuttavia il ricavo conseguito ha in parte competenza in questo esercizio (per la parte che va dal 01/11 al 31/12). Occorre, allora, determinare la parte di ricavo di competenza dell esercizio che deve essere rilevata al 31/12 tra le scritture di integrazione.

34 Ecco come occorre procedere per il calcolo del rateo. Occorre impostare la seguente proporzione: interesse trimestrale: rateo = giorni che compongono il trimestre: giorni decorsi dal 01/11 al 31/12 Nel nostro caso la proporzione da impostare sarà: : x = 92: 61 x = ( x 61)/ 92 = Ecco come sono stati conteggiati i giorni: Giorni che compongono il trimestre Giorni dal 01/11 al 31/12 Nov. Dic. Gen. Tot

35 Poiché, al termine dell esercizio, dobbiamo rilevare un ricavo non ancora registrato ma di competenza, la contropartita è costituita da un rateo attivo. La registrazione sul Libro Giornale sarà: 31/12 ATTIVITA INTEGRAZIONE RICAVI RATEI ATTIVI a FITTI ATTIVI I FITTI ATTIVI SONO DI COMPETENZA DELL ESERCIZIO PER LA PARTE RELATIVA AL PERIODO 1/11 31/12; QUINDI DOVRANNO ESSERE RILEVATI E ATTRIBUITI AL CONTO ECONOMICO DELL ANNO. LA REGISTRAZIONE DELL INTERA FATTURA E IL SUO INCASSO AVVERRANNO COMUNQUE NEL SUCCESSIVO ESERCIZIO.

36 I ratei e i risconti: confronto ASPETTI COMUNI 1) misurano fatti economici posti a cavallo di due esercizi 2) entrambi si calcolano proporzionalmente al tempo DIFFERENZE 1) i ratei misurano quote di costi o ricavi già maturati. I risconti riguardano quote di costi o di ricavi non ancora maturati 2) i ratei sono poste di integrazione, i risconti sono poste di rettifica 3) i ratei hanno lo stesso segno del componente direddito cui si riferiscono mentre i risconti hanno segno contrario

37 Le scritture di fine esercizio Le fatture da emettere e da ricevere (scritture di integrazione) ESEMPIO Prima del 31 dicembre la Congregazione XXX ha emesso documenti di trasporto e, quindi, ha inviato ai clienti merci per Euro 200, per le quali non ha ancora emesso le relative fatture. Qual è l esercizio di competenza di tali vendite? Quali saranno le rilevazioni contabili?

38 La registrazione sul Libro Giornale sarà: 31/12 FATTURE DA EMETTERE a Diversi 240 Per merce spedita e non ancora fatturata a IVA NS. DEBITO 40 a MERCI C/VENDITE 200 COMPARE L IVA A DEBITO, POICHE L IVA DEVE ENTRARE NELLA LIQUIDAZIONE DELLO STESSO MESE DI CONSEGNA DELLE MERCI, INDIPENDENTEMENTE DALLA DATA DI EMISSIONE DELLA FATTURA LA RILEVAZIONE CREDITI V/CLIENTI AVVERRA ALL EMISSIONE DELLA FATTURA NEL CORSO DEL PROSSIMO ESERCIZIO.

39 ESEMPIO Prima del 31 dicembre la Congregazione XXX ha ricevuto merci per Euro 150, in relazione alle quali le fatture non sono ancora pervenute. Qual è l esercizio di competenza di tali acquisti? Quali saranno le rilevazioni contabili? La registrazione sul Libro Giornale sarà: 31/12 MERCI C/ACQUISTI a FATTURE DA RICEVERE Per merce ricevuta il in attesa di fattura L IVA A CREDITO NON PUO ESSERE REGISTRATA SE LA FATTURA PERVIENE OLTRE IL 16/01 (GIORNO DELLA LIQUIDAZIONE IVA). IL CONTO FATTURE DA RICEVERE RAPPRESENTA IL DEBITO VERSO IL FORNITORE; E ASSILABILE AL CONTO DEBITI VERSO FORNITORI.

40 ESEMPIO Le scritture di fine esercizio Fondi rischi (scritture di integrazione) Dall analisi dei crediti v/clienti, la Congregazione XXX si rende conto che alcuni saranno difficilmente incassabili. L Ente prevede di non incassare Euro 400. Qual è l esercizio di competenza di tali costi? Quali saranno le rilevazioni contabili?

41 La registrazione sul Libro Giornale sarà: 31/12 SVALUTAZIONE CREDITI a FONDO SVALUTAZIONE I FONDI RISCHI accolgono costi di competenza dell esercizio legati a eventi futuri di probabile manifestazione, ma relativamente ai quali non si conosce l epoca di sostenimento e l ammontare dei costi che comporteranno. TALE PERDITA, SEBBENE INCERTA ALLA FINE DELL ESERCIZIO, COMPETE ALL ESERCIZIO IN CORSO PERCHE CORRELABILE AI RICAVI CHE HANNO FATTO SORGERE I CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA. IL CONTO CREDITI V/CLIENTI SI RIDURRA QUANDO L INESIGIBILITA SARA DEFINITIVA.

42 Le scritture di fine esercizio La chiusura dei conti e la formazione del bilancio Dopo le scritture di assestamento occorre predisporre: - le scritture di epilogo - le scritture di chiusura - il bilancio d esercizio

43 La chiusura dei conti: le scritture di epilogo Con queste registrazioni si fanno confluire al Conto Economico tutti i costi e i ricavi di competenza dell esercizio Scopo: OTTENERE COME SALDO L UTILE O LA PERDITA DELL ESERCIZIO N.B. Il Conto Economico, quale conto di epilogo, funziona solo a fine anno

44 Con una prima scrittura si epilogano in DARE del CONTO ECONOMICO i saldi dei conti accesi ai costi, che verranno chiusi, iscrivendo in Avere il saldo dei singoli conti Con una seconda scrittura si epilogano in AVERE del CONTO ECONOMICO i saldi dei conti accesi ai ricavi, che verranno chiusi, iscrivendo in Dare il saldo dei singoli conti Si è aperto il CONTO ECONOMICO che riepiloga in Dare tutti i componenti negativi di reddito e in Avere quelli positivi. Se il TOTALE AVERE > TOTALE DARE UTILE D ESERCIZIO 31/12 CONTO ECONOMICO a UTILE D ESERCIZIO Per utile d esercizio NEI CONTI DI MASTRO IL CONTO ECONOMICO E STATO CHIUSO SCRIVENDO L UTILE IN DARE IN MODO DA PAREGGIARE IL CONTO E SI E ACCESO IN AVERE IL CONTO UTILE D ESERCIZIO (CONTO DI PATRIMONIO NETTO )

45 Se il TOTALE DARE > TOTALE AVERE PERDITA D ESERCIZIO 31/12 PERDITA D ESERCIZIO a CONTO ECONOMICO Per perdita d esercizio NEI CONTI DI MASTRO IL CONTO ECONOMICO E STATO CHIUSO SCRIVENDO LA PERDITA IN AVERE IN MODO DA PAREGGIARE IL CONTO E SI E ACCESO IN DARE IL CONTO PERDITA D ESERCIZIO (CONTO DI PATRIMONIO NETTO ) Dopo la rilevazione del reddito il Conto Economico risulta chiuso, sia nel caso di utile che di perdita, avendo esaurito la sua funzione di determinazione del risultato economico dell esercizio.

46 La chiusura dei conti: le scritture di chiusura Con queste registrazioni si fanno confluire a Stato Patrimoniale i saldi dei conti ancora aperti: - conti alle attività - conti alle passività - conti di patrimonio netto Questi conti si chiudono nello Stato Patrimoniale Finale e rappresentano gli elementi che formano il patrimonio. Sono chiamati conti patrimoniali. A libro giornale le rilevazioni di chiusura generale dei conti avvengono con la chiusura delle attività e poi delle passività con due articoli utilizzando il conto transitorio Stato Patrimoniale Finale

47 La chiusura dei conti: Il bilancio d esercizio Dopo la chiusura dei conti si procede alla redazione del bilancio d esercizio formato da: STATO PATRIMONIALE mette in evidenza il patrimonio commerciale esistente alla fine del periodo amministrativo. Comprende le Attività, le Passività e il Patrimonio Netto, rappresentati secondo la struttura prevista dall articolo 2424 del Codice Civile. CONTO ECONOMICO rappresenta il risultato economico della gestione e i componenti positivi e negativi che hanno contribuito a determinarlo. Assume la configurazione prevista dall articolo 2425 del Codice Civile.

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO CHIAREZZA, VERITÀ, CORRETTEZZA, I CONTI D ORDINE, IL BUDGET D ESERCIZIO, IL CONTROLLO DI GESTIONE, LA RICERCA DEL DATO FALSO O INATTENDIBILE: IL FALSO IN BILANCIO Relatore:

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli