INTRODUZIONE. Per informazioni e iscrizioni CE.SVI.P. LOMBARDIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE. Per informazioni e iscrizioni CE.SVI.P. LOMBARDIA"

Transcript

1 CATALOGO DEI PERCORSI DELLA PROVINCIA DI PAVIA.. RIMANI AGGIORNATO CON LA PROVINCIA FORMAZIONE IN PROVINCIA PER IL PERSONALE DELLE UNITÀ D OFFERTA SOCIALI E SOCIOSANITARIE Soggetto incaricato per la realizzazione dei percorsi CE.SVI.P. Lombardia

2 INTRODUZIONE La Provincia di Pavia propone al territorio, attraverso questo catalogo formativo rivolto al personale delle Unità d Offerta Sociali e Sociosanitarie, un offerta coerente e completa per supportare le figure professionali che quotidianamente sono impegnate sul territorio. Per porre all attenzione della realtà pavese questa opportunità, la Provincia vuole sottolineare l importanza di un aggiornamento costante degli operatori impegnati in ambiti delicati del vivere sociale, andando oltre alla semplice delega che la Regione ha affidato alle Province in riferimento alla normativa regionale L.R. 3/2008 Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e socio sanitario". Se infatti la Regione stabilisce le linee di indirizzo relative all attività di formazione e aggiornamento del personale che opera nelle unità d offerta sociali e sociosanitarie, la Provincia di Pavia dopo avere rilevato ed analizzato il fabbisogno formativo del personale che opera nelle unità di offerta sociali e sociosanitarie, e dopo aver programmato interventi formativi di qualificazione e di aggiornamento professionale, nel rispetto della normativa nazionale e delle linee di indirizzo regionali, ha incaricato CE.SVI.P. Lombardia, per la progettazione e la realizzazione di un programma di formazione tecnica e di aggiornamento rivolta al personale delle unità d offerta sociali e socio - sanitarie. Il presente catalogo raccoglie i percorsi di formazione tecnico - professionale a cui possono accedere gli Operatori di strutture del settore Socio Assistenziale, Socio Sanitario e Socio Educativo della Provincia di Pavia. Per informazioni e iscrizioni CE.SVI.P. LOMBARDIA Sede di Pavia VIA REZIA 11, PAVIA Tel. 0382/ mail: referente: Dott.ssa Valentina Firmo 2

3 CORSO 1 - LA GESTIONE DELLE CRITICITÀ E DELLO STRESS (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 1) OBIETTIVI: Il corso consente di acquisire conoscenze e abilità che aiutano l operatore a riconoscere e gestire i sintomi da stress e da burn out, utilizzare strumenti e strategie relazionali volte ad utilizzare le emozioni come risorsa per gestire lo stress in maniera efficace, anziché come elemento disturbante, comprendere il concetto di giusta distanza quale strumento di protezione. I diversi tipi, processi e strumenti della prevenzione Ascolto e ascolto attivo dei segnali pericolosi Concetto di sé professionale e personale Motivazione e aspettative rispetto al lavoro e al servizio Lavoro in équipe e capacità professionale di lavorare in gruppo Metodi di gestione dello stress e del burn out DESTINATARI: operatori di strutture del settore socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo DATE: avvio a Pavia 26/06/2013, avvio a Voghera 09/07/2013, avvio a Vigevano 02/07/2013. La Dott.ssa Marta Marabelli è laureata in Psicologia all'università di Pavia e specializzato in Psicoterapia Cognitivo-Neuropsicologica (orientamento cognitivo post razionalista). Ha maturato esperienza nell ambito della formazione, svolge attività clinica presso due studi (Pavia, Milano), e attività di supervisore individuale e di gruppo presso una cooperativa di Pavia. 3

4 CORSO 2 - IL TEAM BUILDING (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 1) OBIETTIVI: Il corso consente di comprendere e gestire i meccanismi che stanno alla base di un team di lavoro di successo; sviluppare le potenzialità del team in cui si è inseriti; mantenere sempre alta la motivazione e l energia del gruppo di lavoro anche in momenti difficili o di forte cambiamento. Le diverse tipologie ed obiettivi dei team di lavoro L individuo e il gruppo: passare da un insieme di persone ad un gruppo efficace I diversi ruoli all interno del team Le condizioni efficaci per costruire un team di successo Sviluppare le potenzialità del gruppo di lavoro Creare un clima di fiducia e di collaborazione reciproca all interno di un team; DESTINATARI: operatori di strutture del settore socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo La Dott.ssa Loredana Agnello è in possesso di laurea magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, conseguita presso l Università degli studi di Pavia. Da differenti anni svolge il ruolo di docente per corsi di organizzazione aziendale, problem solving, decision making, team building, team working e analisi delle dinamiche di gruppo. 4

5 CORSO 3 - LA RELAZIONE D AIUTO CON L UTENTE E LA FAMIGLIA (Obiettivo prioritario di intervento reg. n 1) Il percorso prevede il riconoscimento crediti ECM OBIETTIVI: Il corso consente all operatore di acquisire conoscenze tali da riconoscere il contesto di una relazione d aiuto e adottare gli strumenti necessari per gestirla in modo positivo nei confronti dell utente e della famiglia Il concetto di relazione L intelligenza emotiva: la condivisione sociale delle emozioni L ascolto empatico La comunicazione verbale e non verbale L osservazione del contesto La risposta al bisogno di aiuto: la condivisione La relazione d aiuto in ambito assistenziale, sanitario ed educativo Gestione delle relazioni e dei conflitti con le famiglie degli utenti Il ruolo dell amministratore di sostegno DESTINATARI: operatori di strutture del settore socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo La Dott.ssa Silvia Maggi è laureata in Psicologia dello sviluppo presso l Università degli Studi di Pavia, nella sua esperienza professionale ha svolto il ruolo formatrice, educatrice e progettista. Ha gestito percorsi personalizzati riguardanti il trattamento delle difficoltà di apprendimento, potenziamento cognitivo, percorsi di empowerment motivazionale per adolescenti e adulti. La Dott.ssa Debora Moscardini è laureata in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Pavia, pratica il ruolo di Avvocato, inoltre dal 2007 è stata nominata dal Tribunale di Voghera come Amministratore di Sostegno, dal 2008 è stata nominata in ausilio di differenti persone bisognose di tale istituto. 5

6 CORSO 4 I PERCORSI DI CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA: BUONE PRASSI DI CONCILIAZIONE IN COERENZA CON LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL WELFARE REGIONALE (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 2) OBIETTIVI: Il corso è pensato per incentivare la progettazione e l introduzione di strumenti innovativi di conciliazione all interno dei servizi così da facilitare i lavoratori rispetto agli obblighi di cura che possono esistere all interno dei loro contesti familiari CONTENUTI La conciliazione: cos è, a cosa serve, a chi serve La conciliazione come strumento di welfare nelle politiche regionali La normativa e i finanziamenti a supporto della conciliazione Panoramica delle buone prassi in tema di conciliazione DESTINATARI: responsabili di struttura, coordinatori, operatori interessati Docenti incaricati: Francesca Malagoli, direttore generale di Liberatempo, società di consulenza per il Welfare aziendale e la conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro. Ha esperienza decennale nell'ambito della consulenza alle imprese per l'implementazione di misure di conciliazione, dal punto di vista sia organizzativo che di gestione/attivazione di servizi. Elisabetta Maggi dal 1997 gestisce il coordinamento editoriale e la redazione delle newsletter di numerosi progetti europei sulle tematiche femminili e le pari opportunità, inoltre dal 2002 svolge attività di docenza all interno di corsi e seminari sui temi delle Pari Opportunità, Mercato del Lavoro e Responsabilità Sociale di Impresa e Pari Opportunità. 6

7 CORSO 5 - LA GESTIONE DEI PROCESSI DI GOVERNANCE: IL LAVORO DI RETE (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 3) OBIETTIVI: Il corso è finalizzato a comprendere verso quale direzione si sta muovendo il concetto di rete e di governance del territorio Il concetto di governance locale e di integrazione istituzionale Il pubblico e il privato Il Welfare di comunità e l istituzionale, professionale e sociale La centralità del cittadino-utente DESTINATARI: responsabili di struttura, coordinatori, altre figure di responsabilità Docenti incaricati: Francesca Malagoli, direttore generale di Liberatempo, società di consulenza per il Welfare aziendale e la conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro. Ha esperienza decennale nell'ambito della consulenza alle imprese per l'implementazione di misure di conciliazione, dal punto di vista sia organizzativo che di gestione/attivazione di servizi. Elisabetta Maggi dal 1997 gestisce il coordinamento editoriale e la redazione delle newsletter di numerosi progetti europei sulle tematiche femminili e le pari opportunità, inoltre dal 2002 svolge attività di docenza all interno di corsi e seminari sui temi delle Pari Opportunità, Mercato del Lavoro e Responsabilità Sociale di Impresa e Pari Opportunità. 7

8 CORSO 6 - COPROGETTAZIONE E PROGETTAZIONE SOCIALE INTEGRATA (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 3) OBIETTIVI: Il corso consente l acquisizione di conoscenze e strumenti per inserirsi con innovazione nei processi di co-progettazione che sempre di più caratterizzano il rapporto pubblico-privato. CONTENUTI Il concetto di co-progettazione e le fasi del processo di condivisione: ideazione, gestione e realizzazione dell intervento La co-progettazione e la promozione di sistemi di protezione sociale e di miglioramento della qualità della vita dei cittadini Il ruolo del pubblico e il ruolo del privato Il territorio locale e programmazione sociale integrata DESTINATARI: responsabili di struttura, coordinatori, altre figure di responsabilità Il Dott. Davide Marino è laureato in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche presso l Università degli Studi di Pavia. Ha maturato una pluriennale esperienza come formatore e consulente. La sue esperienze come formatore riguardano corsi di progettazione sociale, comunicazione (intersoggettiva e aziendale), marketing, self marketing, soft skills, orientamento al lavoro. 8

9 CORSO 7 - LA QUALITÀ NEI SERVIZI ALLA PERSONA (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 4) OBIETTIVI: Il corso supporta l introduzione di processi di valutazione della qualità del servizio erogato quale criterio programmatorio e organizzativo. Il marketing applicato al settore sanitario e il concetto di qualità dei servizi Dal welfare state al welfare mix: la qualità dei servizi alla persona La centralità del paziente-cliente La customer satisfaction Valutare la qualità percepita nei servizi: il marketing conoscitivo e la ricerca qualitativa DESTINATARI: responsabili di struttura, coordinatori, altre figure di responsabilità La Dott.ssa Maria Luisa Martinoli è in possesso di qualifica di caposala con specializzazione in Geriatria (attuale Laurea in Infermieristica), conduzione équipe infermieristica e Riabilitazione dell anziano emiplegico. Ha anche svolto le mansioni di responsabile controllo qualità presso differenti ASL dell Oltrepò Pavese, referente e responsabile del servizio infermieristico. Parallelamente a queste attività svolge il ruolo di formatrice di personale sanitario. 9

10 CORSO 8 - TECNICHE DI ASCOLTO E COSTRUZIONE DELLA RELAZIONE E COMUNICAZIONE DELLA FAMIGLIA (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 1) Il percorso prevede il riconoscimento crediti ECM OBIETTIVI: Fornire strumenti e tecniche per comunicare efficacemente con le famiglie dei bambini, al fine di costruire una opportuna e positiva relazione. Elementi e caratteristiche della relazione con la famiglia nel contesto educativo Le varie fasi della relazione, modalità e strumenti per osservare, interpretare, calibrare, guidare Elementi della comunicazione: verbale, non verbale, paraverbale Modalità di organizzazione di una comunicazione in rapporto al contesto di riferimento, agli obiettivi, alle caratteristiche degli interlocutori/destinatari La comunicazione empatica e la capacità di ascolto attivo Distorsioni ed errori nel processo di comunicazione e la gestione efficace delle obiezioni La gestione della comunicazione nei contesti di gruppo (riunioni, incontri, ecc.) DESTINATARI: operatori, educatori e professionisti che, operando in campo socio-educativo, hanno come parte integrante del loro agire professionale la relazione con le famiglie. La Dott.ssa Silvia Maggi è laureata in Psicologia dello sviluppo presso l Università degli Studi di Pavia, nella sua esperienza professionale ha svolto il ruolo formatrice, educatrice e progettista. Ha gestito percorsi personalizzati riguardanti il trattamento delle difficoltà di apprendimento, potenziamento cognitivo, percorsi di empowerment motivazionale per adolescenti e adulti. 10

11 CORSO 9 - TEAMWORKING E DINAMICHE DI GRUPPO (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 1) Il percorso prevede il riconoscimento crediti ECM OBIETTIVI: Favorire l acquisizione di capacità necessarie per poter operare efficacemente in una dimensione di gruppo nel contesto di lavoro. Dinamiche di gruppo: da gruppo a gruppo di lavoro La collaborazione e la comprensione, la capacità di integrazione delle diversità Comunicare efficacemente all'interno del proprio gruppo di lavoro, le difficoltà comunicative Riconoscere e risolvere problemi in gruppo, definire e valutare programmi di gruppo Adottare modalità cooperative per produrre un risultato collettivo Metodi e strumenti per il lavoro di gruppo efficace: metodologie del lavoro di gruppo e la partecipazione nei diversi ruoli; la partecipazione attiva Il lavoro all interno di un equipe: metodi e tecniche di problem setting e solving Tecniche e strumenti per la gestione dei conflitti all interno del gruppo di lavoro Processi di decisione di gruppo: riconoscere e risolvere problemi in gruppo, produrre soluzioni e risultati collettivi DESTINATARI: operatori, educatori e professionisti che necessitano di padroneggiare metodologie e strumenti per gestire efficacemente le dinamiche di gruppo. La Dott.ssa Loredana Agnello è in possesso di laurea magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, conseguita presso l Università degli studi di Pavia. Da differenti anni svolge il ruolo di docente per corsi di organizzazione aziendale, problem solving, decision making, team building, team working e analisi delle dinamiche di gruppo. 11

12 CORSO 10 - LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA: IL PROGETTO PEDAGOGICO E IL PROGETTO EDUCATIVO (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 2) OBIETTIVI: Fornire metodologie, pratiche, tecniche e strumenti di progettazione in campo educativo. Fornire strumenti pratici per poter sviluppare, condurre e valutare un Progetto Educativo Individualizzato. Inquadramento normativo, gli ambiti applicativi della Progettazione Educativa Programmazione educativa e programmazione didattica, i metodi della progettazione psicoeducativa Il P.E.I, la sua redazione, le forme ed i modi di verifica e di valutazione L equipe multidisciplinare e la rilevazione dei bisogni Gli obiettivi educativi/riabilitativi e di apprendimento, i tempi di scansione degli interventi, gli spazi I materiali, i sussidi con cui organizzare le proposte di intervento Esempi di buone prassi e casi di studio DESTINATARI: destinatari tra le figure professionali con ruoli educativi che necessitano di acquisire tecniche e strumenti di progettazione educativa individualizzata. La Dott.ssa Sara Moruzzi è laureata in Psicologia Clinica e delle Comunità, presso l Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, sempre presso la stessa Università è stata cultore delle materie riguardanti l apprendimento e psicologia dello sviluppo, attualmente svolge attività clinica ed è socio fondatore di un associazione che promuove progetti sociali e interventi psicologici e psicoeducativi. 12

13 CORSO 11 - NUOVI MODELLI DI CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA NEI SERVIZI ALL'INFANZIA (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 3) OBIETTIVI: Fornire elementi di riflessione in materia di conciliazione lavoro-famiglia con attenzione ai servizi all infanzia, presentando esperienze e casi pratici di buone prassi. La conciliazione famiglia-lavoro nella produzione normativa e di indirizzo dell Unione Europea I diversi significati della conciliazione e i modelli culturali Il ruolo delle imprese nella conciliazione famiglia-lavoro La flessibilità e il tempo di lavoro I servizi all infanzia, reti territoriali, la valorizzazione delle buone pratiche DESTINATARI: operatori, educatori e professionisti dei servizi all infanzia. Paola Castelli è Counsellor nel Case Management in area socio-sanitaria ed educativa, ha maturato esperienza come docente per corsi per Educatori e Assistenti di Infanzia, nella sue esperienza professionale ha svolto il ruolo di Supervisor per nidi e scuole di Infanzia, coordinatrice delle attività didattiche ed educative e responsabile della formazione per l équipe educativa. 13

14 CORSO 12 - INNOVAZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DI NIDI E SERVIZI ALL INFANZIA (Obiettivo prioritario di intervento regionale n 4) OBIETTIVI: Fornire strumenti di lettura dell evoluzione del concetto di servizi all infanzia, nonché presentare casi e soluzioni innovative che consentono maggiormente di andare incontro alle attuali esigenze di conciliazione delle famiglie e delle donne. La domanda di servizi e professionalità nel settore dei servizi all infanzia La richiesta di servizi flessibili e capillari L esigenza di conciliazione delle donne e la gestione dei figli minori Le alternative ai servizi comunali e lo stato dell arte in regione Servizi sperimentali: Servizi domiciliari - Micro nidi Tagesmutter La creazione di figure professionali nuove DESTINATARI. operatori, educatori e professionisti dei servizi all infanzia interessati a conoscere nuove modalità di gestione dei servizi. Paola Castelli è Counsellor nel Case Management in area socio-sanitaria ed educativa, ha maturato esperienza come docente per corsi per Educatori e Assistenti di Infanzia, nella sue esperienza professionale ha svolto il ruolo di Supervisor per nidi e scuole di Infanzia, coordinatrice delle attività didattiche ed educative e responsabile della formazione per l équipe educativa. 14

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT.14

SCHEDA TECNICA INT.14 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT.14 TITOLO AZIONE OBIETTIVI Formazione e Supervisione (Altravisione) per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Formare per aprire le porte Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Safety experience nasce dal lavoro di un team di professionisti

Dettagli

italiana Codogno (LO)

italiana Codogno (LO) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marina CASSONI Nazionalità Luogo di nascita italiana Codogno (LO) Data di nascita 07-02-1962 PROFILO PROFESSIONALE GENERALE Dal 1989 mi occupo di formazione aziendale e consulenza

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO Facoltà di Lettere Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma Formazione ed Aggiornamento Master Universitario di I^livello in MANAGEMENT

Dettagli

IL RUOLO DEL COORDINATORE

IL RUOLO DEL COORDINATORE IL RUOLO DEL COORDINATORE NELLE COOPERATIVE SOCIALI Percorso formativo per laureati GENNAIO MAGGIO 2015 VICENZA A CURA DI OBIETTIVI Il settore dell economia sociale, ed in particolare la cooperazione,

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9142 - FORMAZIONE PER FORMATORI

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9142 - FORMAZIONE PER FORMATORI CORSO A CATALOGO 2011 Corso ID: 9142 FORMAZIONE PER FORMATORI Dati principali Corso ID: 9142 FORMAZIONE PER FORMATORI ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link dettaglio Master: Master di 1 livello o 2

Dettagli

RESPONSABILE SCIENTIFICO Carmen Primerano Settore Welfare, terzo settore e sostegno disabilità e fragilità

RESPONSABILE SCIENTIFICO Carmen Primerano Settore Welfare, terzo settore e sostegno disabilità e fragilità Cod. 3018 Conduttori di gruppi di sostegno e/o mutuo aiuto rivolti a caregiver di anziani e non solo I gruppi di auto/mutuo aiuto e i gruppi di sostegno rappresentano strumenti di estrema efficacia nell'aiutare

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Imperia Giocare per crescere 2014 Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Minori Giorni /ore di servizio N.

Dettagli

Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale

Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale ACCADEMIA PER UFFICIALI E SOTTUFFICIALI DI POLIZIA LOCALE Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale Codice APL3003/AE Sede: Colonia Enrichetta, Via

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Assessorato all Educazione Servizi all infanzia Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Giovanna Malavolti Coordinamento pedagogico Servizi

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Catalogo ECM. Attività formative e servizi

Catalogo ECM. Attività formative e servizi Catalogo ECM Attività formative e servizi Il sistema di Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) nasce con lo scopo di mantenere elevate le competenze dei professionisti della Sanità che rappresentano

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) ANNARITA BERGIANTI Indirizzo(i) REGGIO EMILIA Telefono(i) +39 Cellulare: +39 3357370286 http://www.linkedin.com/in/annaritabergianti

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ In collaborazione con CENTRO CLINICO GIURIDICO MILANESE CENTRO DI PSICOLOGIA EVOLUTIVA ADHD DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ DALL INQUADRAMENTO OPERATIVO AL TRATTAMENTO GIUGNO 2014 - MILANO

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto PARLA CON NOI Settore ed area di intervento del progetto Settore E) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

www.facebook.com/annarita.bergianti Coachdicuore ANNARITA.BERGIANTI@GMAIL.COM

www.facebook.com/annarita.bergianti Coachdicuore ANNARITA.BERGIANTI@GMAIL.COM Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) ANNARITA BERGIANTI Indirizzo(i) REGGIO EMILIA Telefono(i) +39 Cellulare: +39 3357370286 http://www.linkedin.com/in/annaritabergianti

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: A SCUOLA CON EMMANUEL GARANZIA GIOVANI SETTORE e Area di Intervento: Settore E - EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE; Area d intervento: 06.

Dettagli

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. Supporto psicologico a favore degli operatori e dei familiari coinvolti nel lavoro di assistenza

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "8 MARZO K. LORENZ" Via Matteotti, 42A/3-30035 Mirano - Venezia Tel. 041430955 Fax 041434281 C. F. 90164450273 e-mail: veis02800q@istruzione.it info@8marzolorenz.it pec:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ==============

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== 2 0 1 5 s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

CRESCERE COME SQUADRA Lavoro d equipe, empowerment e processi decisionali nei contes@ organizza@vi complessi

CRESCERE COME SQUADRA Lavoro d equipe, empowerment e processi decisionali nei contes@ organizza@vi complessi AREA RELAZIONALE - PSICOLOGICA EVENTO RESIDENZIALE ECM CRESCERE COME SQUADRA Lavoro d equipe, empowerment e processi decisionali nei contes@ organizza@vi complessi 17-18 maggio 2013 R.S.A Corte Briantea

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress Chi si Forma non si ferma! www.snapform.it info@snapform.it Corsi LIFE IN PROGRESS Il counseling per la vita di tutti i giorni

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

Master Psicologia: creazione ente di formazione e di counseling

Master Psicologia: creazione ente di formazione e di counseling Master Psicologia: creazione ente di formazione e di counseling Mettiti in gioco diventa socio di una vera società di formazione e servizi in psicologia Primo master che parte dal basso per chi ama e desidera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Catalogo formativo COM01 COM02 COM03 COM04 COM05 COM06 COMUNICARE Team working L arte di ascoltare - modulo 1 L arte di ascoltare

Dettagli

Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie

Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Project manager di interventi educativi innovativi per le famiglie Corsi di specializzazione.200,00 CORSO A CATALOGO

Dettagli

Dipartimento di Chirurgia. Formazione Residenziale Interattiva ANALISI DEL CLIMA ORGANIZZATIVO NELLE UU.OO.CC. UROLOGIA OCULISTICA - ORL

Dipartimento di Chirurgia. Formazione Residenziale Interattiva ANALISI DEL CLIMA ORGANIZZATIVO NELLE UU.OO.CC. UROLOGIA OCULISTICA - ORL SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA Dipartimento di Chirurgia All.2 P2-FORM MODULO PROGRAMMA FORMAZIONE RESIDENZIALE Formazione Residenziale Interattiva ANALISI DEL CLIMA ORGANIZZATIVO NELLE UU.OO.CC. UROLOGIA

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio Strada Vallazza 6-43100 parma coinetica@libero.it www.coinetica.it associazione culturale ISTIUTO DI PSICOTERAPIA SISTEMICA INTEGRATA Premesse Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice Amaranta Associazione di promozione sociale PERCORSI FORMATIVI PER INSEGNANTI 2007-2008 Amaranta, associazione di promozione sociale Tel. 320-4456915 Sede amm. via Oss Mazzurana 54 38100 Trento C.F. 96073950220

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Boni Roberto F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME Indirizzo abitazione Comune abitazione CAP abitazione Telefono abitazione Telefono cellulare E-mail

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt.

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO Laurea magistrale www.unicatt.it Piacenza a.a. 2014-2015 www.unicatt.it INDICE Scienze della formazione 3 Laurea magistrale in Progettazione

Dettagli

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio - LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici per

Dettagli

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio

Dettagli

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE

AREA CLINICO - ASSISTENZIALE FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Corsi per aziende del Settore Ospedalità Privata Enti formativi erogatori: ASSOSERVIZI e ISTUD Referente per Assoservizi: Gianluca Manzo

Dettagli

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO LINEE GUIDA DISABILITÀ ALLEGATO 3 IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO 1. DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Il vento: energia per le idee

Il vento: energia per le idee Il vento: energia per le idee Essere manager delle energie rinnovabili: l energia eolica Introduzione Diverse sono le problematiche che devono affrontare coloro che desiderano occuparsi di Energia rinnovabile:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE PREMESSA PERCORSO DI FORMAZIONE AUTOFORMAZIONE PER OPERATORI DEI SERVIZI TERRITORIALI E DELLA TUTELA MINORI DELL'AMBITO DICREMA La proposta di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo (per la funzione) VIA LIBERTA, 12 - PONTERANICA (BG) Telefono Ufficio: 035-571026 (+6+1) Fax 035-573575

Dettagli

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio Mariagrazia Santagati Università Cattolica, Fondazione Ismu Mariagrazia Santagati Università Cattolica Fondazione Ismu

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES Il modello metodologico seguito per la progettazione di questo corso privilegia la centratura sull'apprendimento degli adulti inseriti in

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI SPECIALISTI. Scuola Superiore di Studi Sociali - Università degli Studi di Urbino

ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI SPECIALISTI. Scuola Superiore di Studi Sociali - Università degli Studi di Urbino CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DANIELA PISCITELLI Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita CITTA DI CASTELLO (PG) 4 MAGGIO 1957 ISTRUZIONE E FORMAZIONE conseguito conseguito conseguito

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. LABORATORIO SCUOLA COOPERATIVA SOCIALE Via Santa Maria, 17-33087 Azzanello di Pasiano

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Newsletter Aprile 2012

Newsletter Aprile 2012 Newsletter Aprile 2012 Lo IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro della Campania, da sempre attento alle richieste formative e di aggiornamento che arrivano dai giovani e dal mercato del lavoro, con questa

Dettagli

MANZINI ELIANA Via Aguzzafame, 27 27029 Vigevano. emanzini@comune.vigevano.pv.it

MANZINI ELIANA Via Aguzzafame, 27 27029 Vigevano. emanzini@comune.vigevano.pv.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANZINI ELIANA Via Aguzzafame, 27 27029 Vigevano Telefono 329/3194501 Fax E-mail emanzini@comune.vigevano.pv.it

Dettagli

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO - da operatore a promotore sociale - Dott. Marcello Candotto L IDENTITÀ DELL ASSISTENTE SOCIALE L assistente sociale è un operatore sociale

Dettagli

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita Quando la destinazione di un viaggio è la crescita destinazione sviluppo Quando la destinazione di un viaggio è la crescita, il cambiamento della propria organizzazione, anche il viaggiatore più avventuroso

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 18 novembre 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI Il valore della formazione è assicurato e nutrito dal significato originario dell impegno formativo favorire processi vitali, sostenerli nei momenti di cambiamento, orientare le potenzialità, offrire strumenti

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Laura Benvenuto via Giosuè Carducci, 24055 Cologno al Serio, Bergamo Telefono(i) +39 34 02 78 98 63 Fax 03 63 42 35 16

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Iscritta al 2 anno della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica C.O.I. R.A.G.

CURRICULUM VITAE. Iscritta al 2 anno della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica C.O.I. R.A.G. CURRICULUM VITAE Anna Maria Paladino nata a Perugina il 18/09/1956 residente a Perugina in via XX Settembre n. 47/O cell 347 9033740 e-mail annamaria.paladino@libero.it Iscritta al 2 anno della Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

PADOVA Via V.Bellini, 12

PADOVA Via V.Bellini, 12 CORSO TRIENNALE IN COUNSELING RELAZIONALE ORGANIZZATIVO PADOVA Via V.Bellini, 12 Inizio del corso: SABATO 10 MAGGIO 2014 Formula per professionisti: 1 WEEK END AL MESE SPERIMENTA NUOVI ED EFFICACI MODI

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BONI PATRIZIA Telefono Ufficio 0695950621 Fax ufficio 0687720493 E-mail ufficio patrizia1.boni@comune.roma.it

Dettagli