UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE Dal manifatturiero ai prodotti in metallo: l'andamento del settore nell'ultimo decennio. RELATORE: CH.MO PROF. Brunello Giorgio LAUREANDO/A: LIONELLO VALERIA MATRICOLA N Data Approvazione: 24 Giugno 2013

2 Azienda ospitante Azienda ospitante: Buson Srl Tutor professionale: Buson Consuelo Denominazione sociale: Buson Srl Comune sede operativa: Pernumia PD Comune sede principale: Telefono: istituzionale dell'azienda: Ruolo organizzativo del supervisore: Responsabile Amministrativo del supervisore: Sito aziendale: Forma giuridica: Srl Settore di appartenenza: Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) Settore in cui opera l'azienda (eventuale codice ATECO): C Lavori di meccanica generale Attività svolta: Lavorazioni di meccanica generale, carpenteria leggera e taglio laser su specifiche del cliente Altre sedi aziendali: Organico (anno precedente a quello in corso): 42 Fatturato (anno precedente a quello in corso): Eventuali altre informazioni:

3 Contesto Competitivo Contesto competitivo: BUSON SRL ANALISI DEL CONTESTO COMPETITIVO L azienda si occupa di lavorazioni meccaniche di precisione, carpenteria leggera e taglio laser, operando su specifiche del cliente. Si rivolge principalmente a clienti nel Triveneto, mentre il commercio con l estero rappresenta l equivalente di circa il 10% del fatturato. Al fine di comprendere il contesto competitivo in cui opera, di seguito si propone una breve analisi delle cinque forze di Porter, dove verranno presentate le principali forze esterne in grado di minacciarne la redditività. ANALISI DI PORTER: 1 POTERE DEI CLIENTI Come spesso avviene nelle piccole imprese, la maggior parte del fatturato è determinata da un ristretto numero di clienti. C è dunque il rischio che il cliente possa avere troppo potere nella determinazione del prezzo e delle modalità di pagamento, e allo stesso tempo perdere il cliente potrebbe significare una consistente riduzione del fatturato aziendale. Per arginare tale minaccia vi è la continua ricerca di nuovi clienti e il monitoraggio della situazione economico-finanziaria dei clienti principali, nonché il periodico invio di questionari per valutare il livello di soddisfazione riguardo ai servizi offerti e alla qualità del prodotto. Non vi è un forte rischio di integrazione a monte da parte dei clienti, data la grande varietà di lavorazioni necessarie alla produzione. 2 POTERE DEI FORNITORI Per i materiali più comuni, i fornitori di cui si avvale l azienda sono facilmente sostituibili. Per un ristretto numero di materiali (e per alcuni tipi di trattamenti superficiali sui prodotti) è invece costretta a rivolgersi ad un fornitore che lavora in condizioni di monopolio; in questo caso ha quindi scarso potere nella definizione dei termini di pagamento. 3 MINACCE DI ENTRATA Le barriere all entrata sono piuttosto elevate: occorrono molti investimenti iniziali per impianti e macchinari, soprattutto per le lavorazioni più sofisticate. Il know-how tecnico è consistente, ed è necessaria una costante formazione del personale. Anche le certificazioni, utili per differenziare il prodotto e fare in modo che il cliente lo percepisca di qualità superiore, sono costose. 4 PRODOTTI SOSTITUTIVI Non vi è questo tipo di minaccia, in quanto l azienda lavora su specifiche del cliente e non offre una propria linea di prodotti. 5 CONCORRENZA TRA LE IMPRESE I concorrenti, prendendo in considerazione l area del Triveneto, non sono molti: l impresa, differenziandosi dalla maggioranza, offre diversi tipi di lavorazioni che permettono di coprire l intero ciclo di fabbricazione dei prodotti. Le imprese concorrenti infatti generalmente competono solo su alcune lavorazioni (mentre altre vengono esternalizzate o non offerte al cliente), quindi su prodotti che richiedono un numero minore di fasi per la loro realizzazione. Nome file grafico pdf:

4 Job description Job Title: Assistente del Responsabile Amministrativo Area o funzione di appartenenza: Ufficio amministrativo, subordinato alla Direzione Dipendenza gerarchica: Dipendenza diretta dal Responsabile Amministrativo Relazioni interfunzionali interne ed esterne: Internamente si relaziona con l'ufficio acquisti e con la direzione, mentre esternamente con i consulenti aziendali, e con le banche e i fornitori per incassi e pagamenti. Scopo: Collaborare con il Responsabile Amministrativo al controllo dei costi di gestione e di acquisto. Descrizione delle attività: Ho affiancato il responsabile amministrativo in alcune delle sue attività tipiche: contabilizzazione degli ordini di acquisto e pagamento dei fornitori, fatturazione, rendicontazione dell andamento finanziario e gestionale alla direzione. Ho inoltre seguito il ciclo degli acquisti anche nelle fasi precedenti la contabilizzazione e ho partecipato attivamente alla gestione della documentazione necessaria ai fini della certificazione della qualità. Responsabilità: Correttezza della documentazione contabile ai fini della redazione del bilancio di esercizio; esattezza dei dati inseriti nel software gestionale relativi ad operazioni di acquisto/vendita. Conoscenze di base: Conoscenze informatiche, della lingua inglese e delle procedure aziendali Conoscenze specifiche: Conoscenza approfondita del software gestionale e della documentazione relativa alla certificazione della qualita Competenze: Competenze relazionali e di comunicazione; competenze amministrativo/contabili; gestione delle priorità

5 Competenze sviluppate 1 - Competenza: 4 - Quali sono gli aspetti giuridici e commerciali della gestione aziendale Esempio: QUAL È L ITER PROCEDURALE DA SEGUIRE NEL PROCESSO DI ACQUISTO Su indicazione del responsabile acquisti, ho seguito il ciclo degli acquisti per alcune commesse, contattando i fornitori per richieste d offerta, emettendo gli ordini e registrando i relativi documenti di trasporto e i certificati sui materiali. 2 - Competenza: 4 - Quali sono gli aspetti giuridici e commerciali della gestione aziendale Esempio: COME VENGONO GESTITI I DATI PERSONALI Mi è stato affidato l incarico di occuparmi della documentazione che attesta le procedure richieste ai fini della tutela della privacy. Fino allo scorso anno, le informazioni venivano raccolte in un Documento programmatico sulla sicurezza; tale documento da quest anno è stato eliminato, ma le imprese sono comunque tenute a comunicare, tramite una procedura on-line, le misure adottate per il trattamento dei dati personali, anche sensibili e/o giudiziari. È stato necessario catalogare gli archivi fisici ed elettronici dell impresa, indicare le misure adottate per la salvaguardia dei dati ed individuare le precise responsabilità di ogni membro del personale, nonché elencare i collaboratori esterni all azienda (ad esempio consulenti legali) che potrebbero venirne a conoscenza. 3 - Competenza: 6 - Come si fa l attività di audit e revisione contabile Esempio: Ho assistito a un attività di audit interno negli uffici amministrativo e acquisti, e ho avuto la possibilità di prendere visione sia del Programma che del Rapporto di Audit. 4 - Competenza: 16 - Interpretare e applicare nuove normative a casi concreti Esempio: Nel corso dello stage, ho compilato il MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale), un documento (Comunicazione) che l azienda deve presentare alla Camera di Commercio di riferimento, nel quale vengono indicati i rifiuti speciali prodotti nel corso del periodo. A partire da quest anno, quindi in riferimento al 2012, c è stata una modifica nella normativa che regola tanto i dati da inserire quanto le modalità di presentazione, e mi è stato richiesto di confrontarla con la precedente e di preparare la documentazione di conseguenza. 5 - Competenza: 19 - Reperire e utilizzare informazioni da banche dati e letteratura Esempio: Nel programma gestionale mi sono occupata della creazione di anagrafiche di nuovi fornitori, ad alcuni dei quali avrei poi dovuto inviare degli ordini, reperendo informazioni dalle banche dati delle relative Camere di Commercio. 6 - Competenza: 42 - Come si progetta un indagine campionaria o una ricerca di mercato Esempio: Ho preparato e inviato dei questionari per rilevare il livello di soddisfazione dei clienti (in merito a indicatori quali rapporto qualità-prezzo, tempi di consegna, cortesia del personale ). Per la selezione dei clienti ho seguito le procedure aziendali, andando ad individuare quelli con le caratteristiche che meglio corrispondevano a quelle richieste, ad esempio in termini di volume di fatturato e di frequenza e storicità delle transazioni. 7 - Competenza: 20 - Come si gestisono e si analizzano i dati Esempio: A seguito dell indagine campionaria, ho raccolto i dati relativi ai livelli di soddisfazione della clientela. Li ho confrontati con quelli dei periodi precedenti, analizzandone il trend e andando a verificare che eventuali azioni di miglioramento attuate nell anno precedente avessero portato effetti positivi. 8 - Competenza: 43 - Come si fa il controllo e la certificazione della qualità

6 Esempio: L azienda presso cui ho svolto lo stage è certificata UNI EN ISO 9001:2008, e mi è stata data la possibilità di assistere alla verifica ispettiva finalizzata al rinnovo della certificazione per la qualità. Ho avuto inoltre modo di visionare i documenti necessari ad ottenere la certificazione, cioè Manuale della Qualità, Procedure (la conoscenza delle quali mi è stata utile anche nelle mie attività quotidiane), Istruzioni Operative e Documentazione di supporto. 9 - Competenza: 43 - Come si fa il controllo e la certificazione della qualità Esempio: COME SI ORGANIZZANO I DOCUMENTI PER LA GESTIONE DELLA QUALITA AI FINI DELLA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 Nelle settimane precedenti la verifica ispettiva mi sono occupata dell aggiornamento e del controllo della correttezza e completezza di tale documentazione. In particolare, ho controllato che le norme sulla gestione della qualità, sulle caratteristiche dei materiali e sulle lavorazioni fossero sempre presenti nell ultima revisione disponibile; che non vi fossero, a breve, scadenze relative a controlli sulla sicurezza; che fossero registrati tutti i corsi di formazione frequentati dal personale durante l anno; che fossero presenti tutte le certificazioni della qualità dei fornitori Competenza: - Esempio: COME VENGONO GESTITE LE NON CONFORMITA NEI PRODOTTI Sempre nell ottica del sistema di gestione della qualità, ho registrato alcune non conformità relative agli ultimi mesi, evidenziate da reclami di un cliente o rilevate dal responsabile della qualità nel corso del processo produttivo. A queste sono seguite le corrispondenti azioni correttive (che nel caso di reclami vengono comunicate al cliente tramite un apposito modulo), per evitare il ripresentarsi delle non conformità.

7 Argomento: Descrizione della prova finale: L'elaborato analizza l'andamento dei settori manifatturiero e della fabbricazione dei prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) nel periodo dal 2000 ad oggi. Vengono osservati con particolare attenzione gli anni della crisi economica, sia in riferimento alla situazione nazionale che ai rapporti di scambio con l'estero, confrontando i settori di interesse con il settore industriale nella sua totalità. Nome file pdf della prova finale: prova finale.pdf.pdf

8 Letteratura: 1 - Fonte: BLANCHARD, O., AMIGHINI, A., GIAVAZZI, F., Macroeconomia: Una prospettiva europea. 5 ed. Bologna: Il Mulino Descrizione: Il testo (che ho incontrato nel corso Economia Politica 2 ) tratta dei fondamenti della macroeconomia, includendo eventi macroeconomici correnti con particolare attenzione ai Paesi europei. Per il mio elaborato ho utilizzato i capitoli 2 e 7; il primo espone i concetti macroeconomici principali e le principali variabili macroeconomiche, mentre il secondo si focalizza sul mercato del lavoro. Mi sono stati dunque utili per introdurre i concetti di Pil e valore aggiunto, nonché per ricavare alcuni dati in merito alla composizione della forza lavoro e al tasso di partecipazione femminile. 2 - Fonte: DE GRAUWE, P., Economics of Monetary Union. 9 ed. Oxford: Oxford University Press. pp Descrizione: Ho avuto modo di utilizzare questo testo nel corso Monetary and Fiscal Policy in the European Monetary Union. Suddiviso in due sezioni, tratta dei costi e dei benefici a cui va incontro un Paese che voglia fare parte di un unione monetaria, e della politica monetaria e fiscale nell Unione Monetaria Europea. Mi è stato utile, ai fini del mio elaborato, un approfondimento sulla divergenza della competitività nei paesi dell Eurozona. In riferimento al costo del lavoro, mette in luce come in ogni Paese questo sia mutato in relazione agli altri, determinandone un aumento/riduzione della competitività. 3 - Fonte: ISTAT, Sistema informativo sulla qualità dei processi statistici: indagine mensile sulla produzione industriale. Roma. Disponibile su < Descrizione: Il SIQual (Sistema Informativo sulla Qualità), contiene informazioni sul modo in cui vengono eseguite le rilevazioni e le elaborazioni da parte dell ISTAT, e sulle attività che vengono svolte al fine di garantire la qualità dell informazione statistica prodotta. Prima di descrivere l andamento dell indice della produzione industriale, ho cercato in SIQual le modalità con le quali vengono raccolti i dati per il calcolo di questo, al fine di rendere più chiaro il significato dell indice stesso. 4 - Fonte: ISTAT, Classificazione delle attività economiche Ateco2007. Roma. Disponibile su <http://sistemaclassificazioni.istat.it> Descrizione: Il testo descrive la classificazione delle attività economiche utilizzata nelle rilevazioni statistiche correnti. All interno viene spiegata non solo la struttura della classificazione con le relative differenze rispetto alla precedente (Ateco2002) e le tavole di raccordo, ma anche i criteri adottati e le regole da seguire nella classificazione. Ho utilizzato questa fonte per individuare esattamente quali attività fossero incluse nel settore oggetto della mia osservazione, e di conseguenza per andare a raccogliere dati che fossero coerenti dal punto di vista delle attività di riferimento. 5 - Fonte: ISTAT, 2011 (Comunicato stampa 15 aprile). Contabilità nazionale. Conti economici nazionali: anni Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/archivio> Descrizione: Questa fonte riporta la contabilità nazionale, espressa attraverso una serie di Conti i quali riassumono le cifre relative alla situazione economica del Paese. I principali Conti che ho consultato, e dai quali ho ricavato alcune serie di dati utili alla mia osservazione, sono stati il Conto delle risorse e degli impieghi, il Conto delle transazioni internazionali e il Conto delle generazione dei redditi primari. Per quanto riguarda il primo, in particolare, riassume i principali aggregati stimati nell ambito dei Conti nazionali (ad esempio Pil, consumi

9 nazionali ), è utile quindi a fornire un quadro economico generale; il secondo permette di ricavare il saldo della bilancia commerciale e il conseguente indebitamento o accreditamento del Paese; per quanto riguarda il terzo Conto, ne ho esaminato il saldo a pareggio (risultato lordo di gestione). 6 - Fonte: ISTAT, 2012a. Annuario statistico italiano 2012, Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it> Descrizione: L Annuario statistico riassume i dati relativi all informazione prodotta dalla statistica ufficiale, generalmente in riferimento al periodo Gli argomenti trattati spaziano dall ambiente e il territorio, alla popolazione, alla pubblica amministrazione; ai fini del mio elaborato ho però utilizzato le parti relative alla contabilità nazionale (cap.12), al commercio con l estero (cap.17) e ai risultati economici delle imprese (cap.24), le quali infatti erano comprensive di tavole di dati che ho così raccolto per condurre le mie osservazioni. 7 - Fonte: ISTAT, 2012b. Glossario dei termini statistici. Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/strumenti/definizioni-e-classificazioni> Descrizione: Il Glossario statistico, reso disponibile on-line, consiste in una raccolta di oltre 700 voci tratte dall Annuario statistico italiano. I termini non si riferiscono solo alle unità di analisi, ma comprendono anche le classificazioni utilizzate nelle indagini statistiche e i concetti e le terminologie tecnico-scientifiche di riferimento. Individuare il preciso significato dei concetti e delle variabili che ho preso in considerazione è fondamentale al fine di comprenderne la struttura e le possibili cause delle variazioni nel corso degli anni. 8 - Fonte: ISTAT, 2012c (Comunicato stampa 19 aprile). Disoccupati, inattivi, sottoccupati. Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/archivio> Descrizione: Questo report a opera dell ISTAT analizza gli indicatori complementari al tasso di disoccupazione nel periodo , tenendo dunque conto di occupati, disoccupati e inattivi, ma anche di forze lavoro potenziali e sottoccupati. Il documento mi è stato utile per la raccolta di dati relativi al mercato del lavoro e alla conseguente analisi del loro trend nel periodo di riferimento, per poter fare un successivo confronto con l andamento degli stessi nel mio settore oggetto di osservazione. 9 - Fonte: ISTAT, 2012d (Comunicato stampa 4 ottobre). Contabilità nazionale. Conti economici nazionali: anni Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/archivio> Descrizione: Anche questa fonte riporta i Conti economici nazionali, di conseguenza è del tutto analoga alla precedente (ISTAT 2011). Tuttavia vi sono riportati dati più recenti: mentre la prima si ferma al 2010, questa include l anno 2011, permettendo così di estendere al periodo successivo le serie storiche degli indicatori economici precedentemente presi in considerazione Fonte: ISTAT, 2012e (Comunicato stampa 23 novembre). Conti economici regionali: anni Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/archivio> Descrizione: I Conti economici regionali hanno struttura e funzione analoghe a quelle dei Conti economici nazionali (ISTAT 2011; ISTAT 2012d), solo che presentano gli aggregati principali (nella classificazione delle attività economiche Ateco2007) scomposti per singola area geografica. Utilizzandoli mi è stato quindi possibile un maggior livello di dettaglio nell analisi dei dati, riuscendo ad osservare il trend del mio settore di interesse e di quello di appartenenza individuando le aree del territorio di maggiore influenza Fonte: ISTAT, 2013a. I.Stat: il data warehouse dell Istat. Roma. Disponibile su <http://dati.istat.it/> Descrizione: I.Stat è il data warehouse dell Istat: attualmente incorpora un sottoinsieme dei dati che l ente già

10 fornisce sotto forma di banche dati, tavole di dati, serie storiche. Al suo interno le statistiche sono organizzate per temi quali lavoro, imprese, ambiente ed energia, istruzione..., e in molti casi è possibile la consultazione dei dati secondo periodi di riferimento, visionando l intera serie storica disponibile sul fenomeno di interesse. Ai fini del mio elaborato, ho utilizzato questa fonte per ricavarne dati in merito ai principali indicatori economici delle imprese, agli indici relativi alla produzione industriale, al fatturato e ai nuovi ordinativi, e infine ai livelli di occupazione nel settore oggetto di osservazione Fonte: ISTAT, 2013b. Coeweb: statistiche del commercio estero. Roma. Disponibile su <http://www.coeweb.istat.it/> Descrizione: Coeweb è un sistema informativo on-line contenente le statistiche relative al commercio con l estero. Ho potuto reperirvi informazioni circa il flusso commerciale dell Italia con il resto del mondo, in riferimento non solo ai volumi e ai valori delle merci esportate, ma anche alle imprese esportatrici nei principali mercati internazionali e ai partner commerciali dell Italia. Sono disponibili inoltre le serie storiche relative ai numeri indici del commercio con l estero, e i dati relativi alla performance esportativa di ogni singolo settore (analisi settoriale secondo la classificazione Ateco2007), che ho utilizzato al fine di integrare l osservazione dell andamento del mio settore di interesse Fonte: ISTAT, 2013c. Rapporto annuale 2013 La situazione del Paese. Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it> Descrizione: Il Rapporto annuale presenta una riflessione documentata sulla situazione economica, sociale e ambientale dell Italia. Tratta del quadro macroeconomico e sociale del Paese, della competitività e del potenziale di crescita del sistema delle imprese italiane e del mercato del lavoro, nonché della situazione psicologica della popolazione. Nel mio elaborato ho utilizzato parte del capitolo 1, dove venivano forniti dati riguardanti l andamento dell export e delle importazioni e il saldo della bilancia commerciale relativo al periodo Fonte: ISTAT, 2013d (Comunicato stampa 28 marzo). Clima di fiducia delle imprese. Roma. Disponibile su <http://www.istat.it/it/archivio> Descrizione: Questo comunicato stampa ISTAT riporta gli aggiornamenti relativi al 2012 riguardanti il clima di fiducia delle imprese; vengono presentati inoltre il metodo di elaborazione e la definizione dell indice del clima di fiducia delle imprese (con base 2005=100). Dato l argomento del mio elaborato, ho prestato particolare attenzione ai dati aggiornati riguardanti l indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere e i giudizi che vi vengono inclusi Fonte: REGOLAMENTO (CE) N. 2223/96 DEL CONSIGLIO del 25 giugno 1996 relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (GU L 310 del ) Descrizione: Tramite questo Regolamento vi è l introduzione del Sistema europeo dei conti nazionali e regionali (Sec95). Al suo interno descrive il modo in cui deve essere schematizzata la contabilità nazionale, individuando gli operatori economici, le operazioni effettuate e l insieme dei Conti (di cui fornisce la definizione delle singole componenti). Mi è stata utile proprio quest ultima parte: in riferimento ai Conti che ho utilizzato nella mia osservazione (si veda ISTAT 2011 e ISTAT 2012d), ho potuto ottenere una descrizione non solo della struttura in generale, ma anche della composizione degli aggregati che vi sono presenti, ad esempio Pil e investimenti fissi.

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE Il metodo di accertamento del reddito basato sugli studi di settore RELATORE: CH.MO PROF. Rettore

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE)

CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE) CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE) AREA 1 - DOCUMENTAZIONE DI BASE Verifica della presenza o meno dei seguenti documenti:

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA CONTABILITA

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Giampiero Siesto Viviana

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

EQM è la vostra soluzione per i Servizi di Finanza Agevolata.

EQM è la vostra soluzione per i Servizi di Finanza Agevolata. Gentile Cliente, EQM Consulting è una società che svolge attività di: Consulenza Formazione Valutazione per diffondere cultura imprenditoriale e manageriale, ponendosi l obiettivo strategico di creare

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ufficio CONSUELO PATRUNO COMUNE DI MONZA - PIAZZA TRENTO E TRIESTE, 20900, MONZA Telefono ufficio 039/2372479 Fax E-mail cpatruno@comune.monza.it

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L.

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L. Approvato e Verificato Presidente Elaborato: Resp. Personale [Data]: 18/02/14 [Data]: 18/02/14 [Firma]: [Firma]: 1. Generalità La documentazione del Sistema o è così strutturata: l Analisi Iniziale: è

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di viaggio e accompagnamento Sequenza di processo Composizione

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Sistemi Qualità Certificazione ISO9001

Sistemi Qualità Certificazione ISO9001 Certificazioni Qualità Sicurezza CQS Consulting Via A. G. Amatucci, 10 00151 Roma Tel. 06-58310622 Fax 06-5895270 Cell. 335-7759250/348-8744717 Email fabbretti.massimo@hotmail.it Sito Internet www.cqsconsulting.it

Dettagli

FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FORMULARIO PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile Allegato A Impresa singola Sì No Consorzio Sì No Contratto

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1. Scopo. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 2 8.2. Monitoraggio e misurazioni.

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. RESPONSABILITÀ 6. IDENTIFICAZIONE 7. REDAZIONE, CONTROLLO, APPROVAZIONE ED EMISSIONE 8. DISTRIBUZIONE 9. ARCHIVIAZIONE 10. MODIFICHE

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA SOSTITUZIONE DEL PERSONALE SUL LUNGO (TAVOLE DI RIMPIAZZO), MEDIO (ASSENZE PROGRAMMATE) O BREVE PERIODO (ASSENTEISMO) MARIO ROSSI: Buongiorno,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA Vito Ziccardi Amministratore Delegato 1 CHI SIAMO LA RETTA VIA UN AZIENDA CHE LAVORA PER LE AZIENDE UN ORGANIZZAZIONE NAZIONALE LA RETTA VIA CHI SIAMO In termini

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI

ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI A - DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A.1 Denominazione: 1 A.2 Natura giuridica: 2 A.3 Anno di costituzione: 3.. A.4

Dettagli

SIGEA. Via Cesare Battisti, 1-60022 Castelfidardo (AN) Telefono: 071 7823297 - E-mail: sigea@sigeasrl.it - P.IVA: 01285020424.

SIGEA. Via Cesare Battisti, 1-60022 Castelfidardo (AN) Telefono: 071 7823297 - E-mail: sigea@sigeasrl.it - P.IVA: 01285020424. SIGEA Via Cesare Battisti, 1-60022 Castelfidardo (AN) Telefono: 071 7823297 - E-mail: sigea@sigeasrl.it - P.IVA: 01285020424 Sommario 1. Finalità della Carta dei Servizi... 2 2. L Accreditamento da parte

Dettagli

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente

Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente La valutazione del merito creditizio dei soggetti richiedenti finanziamenti di Microcredito assistiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Questo documento rappresenta, in modo schematico

Dettagli

Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani

Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani Via Manzoni,45b 30014 Cavarzere (VE) tel. e fax 0426 51703 Brochure MISSION Ampi, costituita alla fine del 2007, è stata caparbiamente

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE L'evoluzione del dealer nel settore della pulizia industriale. Il caso Lindhaus. RELATORE: CH.MO

Dettagli

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi

Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi Federazione Industria Artigianato per i Servizi Amministrativi GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE - INDUSTRIALI TERZIARIE Nel 1982 l UNIONE PARMENSE DEGLI INDUSTRIALI FIASA e il GRUPPO IMPRESE ARTIGIANE costituiscono

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO Aggiornato il 31 gennaio 2009 ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice LEZIONE REDAZIONE E MODIFICA DI UNA PROCEDURA DI SISTEMA QUALITÀ DOTT. SANTE PIZZUTI Indice 1 INTRODUZIONE--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

1.1. Obiettivo fondamentale Ramo & azienda (risp. elaborare procedure economico-aziendali e/o procedure di servizi)

1.1. Obiettivo fondamentale Ramo & azienda (risp. elaborare procedure economico-aziendali e/o procedure di servizi) Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Agenzie di viaggi Avvertenze: - Per facilitarne la leggibilità il presente documento è stato redatto utilizzando la forma maschile. - Per cliente si intendono tutte

Dettagli