Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a"

Transcript

1 UNITÀ C Il sistema informativo e le contabilità aziendali Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a Sistema informativo, classificazione delle rilevazioni, scritture elementari Documento Esercizi Quesiti Vero/Falso Elementi del sistema informativo aziendale Le fasi del processo decisionale e i vantaggi del sistema informativo integrato Correlazione Q1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere oppure false a. il controllo dell attività svolta è fonte di nuove informazioni utilizzabili per assumere decisioni V F b. un informazione è il risultato che scaturisce dell elaborazione di dati raccolti V F c. il sistema informativo aziendale ha, tra gli altri, il compito di documentare le operazioni di gestione V F d. le informazioni devono essere chiare e analitiche V F e. le procedure con cui si raccolgono e si elaborano le informazioni sono uno degli elementi del sistema informativo aziendale V F f. i flussi di informazioni prodotti dal sistema informativo sono diretti anche all esterno dell azienda V F g. i sistemi che elaborano e archiviano le informazioni utilizzando gli strumenti delle moderne tecnologie informatiche prendono il nome di sistemi informativi V F h. un sistema informativo ben organizzato deve consentire ai responsabili dei vari sottosistemi aziendali di conoscere l andamento del proprio settore di attività V F Q2 Rispondi alle seguenti domande a. Che cosa sono le informazioni? In che cosa si differenziano dai dati? b. Quali caratteristiche devono avere le informazioni per essere utili al processo decisionale? c. Quali elementi compongono il sistema informativo? E qual è il ruolo svolto da ognuno di essi? d. In che cosa si differenzia un sistema informatico da un sistema informativo integrato? Q3 Rispondi alle seguenti domande a. Che cosa sono le decisioni? b. Quali sono le fasi del processo decisionale? c. A quali fini sono destinati i flussi di informazioni prodotti dal sistema informativo? d. Quali sono i vantaggi di un sistema informativo integrato? Q4 Correla i termini posti a sinistra alle espressioni riportate a destra, indicandone il corrispondente numero nella tabella sotto riportata a. accreditare un conto b. chiudere un conto c. aprire un conto d. addebitare un conto e. tenere un conto a b c d e 1. intestare il prospetto all oggetto del conto, rilevando la variazione iniziale 2. rilevare una variazione quantitativa nella sezione Dare del conto 3. rilevare una variazione quantitativa nella sezione Avere del conto 4. registrare tutte le variazioni intervenute nella consistenza dell oggetto del conto in un certo periodo di tempo 5. determinare l eccedenza iscrivendola a pareggio nella sezione dove il totale è minore 1/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

2 Analisi del conto Denaro in cassa Q5 Analizza il seguente conto Denaro in cassa Data Descrizione Dare Avere 15/02 Consistenza iniziale 750,00 15/02 Acquisto di valori bollati 400,00 15/02 Prelevamento dal c/c Monte dei Paschi di Siena 1.000,00 15/02 Pagamento della bolletta Telecom n o ,00 15/02 Riscossione della fattura n o ,00 15/02 Riscossione di un fitto semestrale da signor Ricci 4.200,00 15/02 Versamento su conto corrente Banca Popolare di Sondrio 3.500,00 E ora rispondi alle domande che seguono a. Qual è l oggetto del conto? b. Qual è e che segno ha l eccedenza del conto a fine giornata? c. Qual è invece il saldo? d. Il conto DENARO IN CASSA è un conto unilaterale o un conto bilaterale? e. Si tratta di un conto analitico o di un conto sintetico? f. Qual è la forma del conto? Individuata la forma grafica del conto e presentalo poi in una forma alternativa Compilazione di un conto con dati a scelta Nella contabilità della ditta Malinverni & Riva è aperto un conto che presenta le seguenti caratteristi- Q6 che n è intestato alla Banca X n ha una forma a sezioni accostate con esposizione del saldo n presenta un saldo iniziale di euro e, dopo alcuni movimenti, un saldo finale di euro n è un conto descrittivo Presenta il conto di cui sopra, scegliendo opportunamente i dati e immaginando le operazioni che lo hanno movimentato 2/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

3 Quesiti a risposta multipla Q7 Indica quali tra le seguenti affermazioni sono vere 1. Il sistema informativo deve essere in grado di a. reperire ed elaborare i dati in funzione dei diversi utilizzi possibili b. trasmettere le informazioni ai vari utenti c. produrre il rendiconto dell attività svolta d. fornire informazioni chiare e tempestive, anche se incomplete 2. Il sistema informativo integrato a. consente di ridurre i tempi di elaborazione dei dati b. comporta un aumento del numero dei dipendenti c. produce informazioni destinate solo ai soggetti interni all azienda d. permette di effettuare simulazioni a scopo decisionale 3. I documenti originari a. sono la base della gestione b. sono la base della rilevazione c. sono emessi soltanto all interno dell azienda d. a seconda dei casi, sono documenti di prova o documenti di autorizzazione 4. La contabilità generale a. fa parte della contabilità aziendale b. ha come obiettivo la determinazione del risultato di esercizio e del collegato patrimonio di funzionamento c. include le contabilità elementari d. si avvale anche di rilevazioni statistiche 5. Secondo l oggetto le scritture si classificano in a. scritture contabili e scritture extracontabili b. scritture cronologiche e scritture sistematiche c. scritture elementari e scritture complesse d. scritture obbligatorie e scritture facoltative 6. Il conto a. accoglie sempre sia quantità fisiche sia quantità monetarie b. è intestato a un determinato oggetto c. ha funzionamento bilaterale d. contiene solo la data e i valori delle operazioni relativi all oggetto cui è intestato 7. Se un azienda occupa del personale dipendente deve obbligatoriamente tenere a. il libro giornale e il libro paga b. il libro delle retribuzioni, il libro matricola e il libro degli infortuni c. i libri prescritti dal Codice Civile e il libro delle retribuzioni d. il libro delle retribuzioni e il libro degl infortuni 3/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

4 Registrazioni sul libro cassa Registrazioni sul libro cassa Registrazioni su una scheda di c/c bancario Q8 Registra sul libro cassa della ditta Francesco Molteni di Torino le seguenti operazioni del 29 maggio, tenendo conto di un fondo iniziale di cassa di euro n anticipati euro 75 a un dipendente quale fondo spese per una trasferta da effettuare in giornata n riscossa la fattura n o 218, dell importo di euro 695, emessa sulla ditta Ezio Ronchi n acquistati valori bollati per euro 35 n richiesto alla banca un assegno circolare di euro 800 versandone l importo in contanti n inviato l assegno circolare di cui sopra alla ditta Carlo Barzé a saldo della sua fattura n o 148, dell importo di euro 803,50 n ricevuto un assegno bancario di euro tratto sulla Banca Sella, inviato dalla ditta Aldo Romanoni a saldo della fattura n o 217 di euro 2.985,40 n riscossa una tratta di euro a firma della Saima S.r.l., scaduta il giorno precedente n presentata da un dipendente, al quale era stato corrisposto un anticipo di euro 180, una nota spese dell importo complessivo di euro 154: il dipendente restituisce la somma residua Q9 Presenta il libro cassa della ditta Michele Terruzzi di Ravenna con la registrazione delle seguenti operazioni del mese di marzo dell anno n 01/01 fondo iniziale di cassa euro /01 riscossa la fattura n o 328 sulla ditta Alberto Giannelli, dell importo di euro /01 pagata la bolletta del telefono relativa al 2 o bimestre, che ammonta a euro /01 pagata la fattura n o 412 emessa dalla ditta Bertani per euro 527,30, ottenendo un ribasso di euro 2,30 03/01 riscosso dalla ditta Tornari l importo di euro in conto 04/01 versamento di euro sul conto corrente presso l UniCredit Banca 07/01 ricevuto dalla ditta Fratelli Corti un acconto di euro /01 pagato all agenzia della RAS un premio di assicurazione incendi di euro 297,50 09/01 prelevamento di euro 900 dal conto corrente presso l UniCredit Banca 10/01 pagata alla ditta Frattini una cambiale scaduta di euro /01 pagata la nota n o 92 dello spedizioniere Aloisi, dell importo di euro /01 riscossa la fattura n o 232 sulla S.r.l. EL.COM., dell importo di euro 1.972,50, ricevendo un assegno bancario di euro /01 richiesto all UniCredit Banca un assegno circolare di euro con addebito in conto corrente 17/01 inviato l assegno circolare di cui sopra alla ditta Claudio Tenca a saldo della sua fattura n o 78 dell importo di euro 1.502,40 17/01 riscosso un effetto di euro 950 sulla ditta Mantovani 19/01 ricevuto l assegno bancario n o... sul Sanpaolo Banco di Napoli, dell importo di euro 2.480, inviatoci dalla ditta Gandolfi a saldo della nostra fattura n o 357 di euro 2.484,10 20/01 versamento di euro sul conto corrente presso l UniCredit Banca 22/01 riscossi euro a saldo della nostra fattura n o 5 sulla ditta Accornero 23/01 pagato il fitto trimestrale degli uffici, che ammonta a euro /01 ricevuti euro dalla ditta Giorgetti in conto 26/01 pagata la fattura n o 27, emessa dalla ditta Rossetti per l importo di euro 450, relativa alla riparazione di un automezzo 28/01 versati euro 700 in conto al fornitore Zavoli 29/01 riscossi euro 865 a saldo della nostra fattura n o 3 sulla ditta Boni 29/01 prelevamento di euro dal conto corrente presso l UniCredit Banca 30/01 pagati salari e stipendi per euro /01 estinto un pagherò di euro emesso a favore della ditta A. Mazzocchi Q10 Il conto corrente che la ditta Achilli intrattiene con la Banca di Roma presentava all 1/1/n un saldo attivo di euro Nella prima settimana dell anno, poi, la ditta Achilli n ha eseguito un versamento di contanti per euro e di assegni per euro n ha rilasciato un assegno di c/c di euro alla ditta Russo n ha ricevuto un bonifico di euro ordinato dal cliente Magni n ha prelevato per esigenze di cassa euro n ha ricevuto comunicazione dell addebito in conto di una ricevuta bancaria di euro Compila in forma scalare la scheda del conto BANCA DI ROMA C/C, determinandone il saldo dopo ogni operazione 4/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

5 Registrazioni su una scheda di c/c bancario Registrazioni sul giornale di magazzino e sulle schede di magazzino Scheda del partitario fornitori Scheda del partitario fornitori Q11 Presenta la scheda del conto corrente che la ditta Bensi & Rivolta intrattiene con la Banca Popolare di Milano, registrandovi le seguenti operazioni relative alla prima decade del mese di giugno (il saldo del conto al 1 o giugno ammontava a euro a credito del correntista) 02/06 versamento di contanti per euro e di assegni bancari per euro /06 emesso l assegno bancario n o 716 di euro 930 a favore della ditta Passerini 03/06 richiesto un assegno circolare di euro 800 a favore della ditta Bonelli 04/06 richiesti 2 libretti di assegni bancari contro addebito dell importo di euro 2,50 04/06 la banca comunica l avvenuto incasso di una ricevuta bancaria di euro 1.850: spese d incasso addebitate euro 4,50 05/06 effettuato tramite banca il pagamento di una rata di mutuo dell importo di euro /06 la banca restituisce protestato un effetto di euro 450, precedentemente accreditato salvo buon fine : spese addebitate euro 26 06/06 pagata a mezzo banca una bolletta ENEL di euro 386,50: commissioni addebitate euro 1,80 06/06 emesso l assegno n o 717 di euro per ottenere disponibilità di cassa 07/06 versamento di un assegno bancario di euro 925 ricevuto da un cliente 08/06 la banca comunica l avvenuto pagamento di un effetto di euro 800, presso di essa domiciliato, e addebita spese per euro 2,50 Q12 Al 30 settembre... il magazzino prodotti della ditta Carlo Venini & Francesco Bruga di Avellino era costituito da n o prodotti BA e da n o prodotti BX. Successivamente, nella prima decade del mese di ottobre, si sono verificati i seguenti movimenti 02/10 vendita di n o 520 prodotti BA alla ditta Storm 02/10 acquisto di n o 900 prodotti BA e di n o prodotti BX dalla ditta Albonico 03/10 vendita di n o 640 prodotti BA e di n o prodotti BX alla ditta Trevisan 03/10 acquisto di n o prodotti BX dalla ditta Caronti 04/10 vendita di n o 600 prodotti BA e di n o 560 prodotti BX alla ditta Marra 05/10 acquisto di n o prodotti BA e di n o prodotti BX dalla ditta Todero 05/10 vendita di n o prodotti BA alla ditta Sacchi 05/10 vendita di n o 890 prodotti BX alla ditta Girola 08/10 acquisto di n o prodotti BA e di n o prodotti BX dalla ditta Gerna 08/10 vendita di n o prodotti BA alla ditta Sacchi 09/10 vendita di n o 760 prodotti BA e di n o prodotti BX alla ditta Storm 09/10 acquisto di n o prodotti BA e di n o prodotti BX dalla ditta Frasca 09/10 vendita di n o 800 prodotti BA e di n o prodotti BX alla ditta Tonelli Presenta il giornale di magazzino nonché le schede di magazzino (a sole quantità fisiche) relative al prodotto BA e al prodotto BX Q13 Presenta la scheda di partitario intestata al fornitore Mario Santoro di Savona con la registrazione delle seguenti operazioni (applicando ove occorra l Iva ad aliquota ordinaria) 01/01 nostro residuo debito verso la ditta Santoro euro /01 nostra rimessa in conto alla ditta Santoro a mezzo dell assegno circolare n o... emesso dalla Banca di Roma di euro /01 fattura n o 35 della ditta Santoro, di euro þ Iva; regolamento con tratta a fine marzo 31/01 nostra accettazione di una tratta spiccata da Santoro a saldo della sua fattura n o 35 05/02 ricevuta la nota di accredito n o 41 della ditta Santoro, relativa a merce da noi restituita: l importo dell accredito è di euro 150 þ Iva 18/02 ricevuta la fattura n o 77 della ditta Santoro di euro þ Iva 26/02 nostra cessione di effetti alla ditta Santoro per euro /03 rilasciato l assegno n o... della Banca di Roma a saldo del nostro debito verso la ditta Santoro Q14 Presenta la scheda a sezioni accostate con esposizione del saldo, intestata al fornitore Aldo Bini, tenendo presente quanto segue 01/01 nostro residuo debito di euro /01 rilasciato un assegno bancario di euro in conto 12/01 ricevuta la fattura n o 25 emessa dalla ditta Bini per l importo di euro þ Iva ordinaria, relativa a un acquisto di merci 15/01 ricevuta una nota di variazione di euro 240 (Iva compresa) per merci rese alla ditta Bini 20/01 ordinato bonifico bancario alla ditta Bini a saldo nostro residuo debito da conto vecchio 30/01 girato alla ditta Bini un assegno bancario di euro 1.800, rilasciatoci da un cliente 5/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

6 Scheda del partitario clienti Scheda del partitario clienti Q15 Presenta la scheda di partitario intestata al cliente Carlo Alberto Tremarin di Sondrio, con la registrazione delle seguenti operazioni, tenendo conto dell Iva ad aliquota ordinaria 01/01 saldo iniziale a debito del cliente Tremarin euro (nostre fatture n o ) 08/01 Tremarin invia in conto un assegno bancario della Banca Regionale Europea di euro /01 nostra fattura n o 29 di euro þ Iva sulla ditta Tremarin 25/01 nostra nota di accredito n o 30 a favore della ditta Tremarin per merce parzialmente difettosa: l importo accreditato è di euro 150 þ Iva 10/02 Tremarin invia un assegno circolare della Banca di Roma a saldo delle fatture n o dell esercizio precedente 18/02 nostra fattura n o 83 di euro þ Iva sulla ditta Tremarin 23/02 rimessa di Tremarin in conto mediante un bonifico bancario di euro /03 nostra fattura n o 104 di euro 750 þ Iva sulla ditta Tremarin 10/03 spiccata tratta su Tremarin per euro 400 con scadenza a fine maggio 20/03 il cliente Tremarin restituisce merci per euro 150: per tale importo viene emessa la nota di variazione Iva n o /03 addebitati a Tremarin interessi per euro 35 28/03 Tremarin rilascia un pagherò di euro con scadenza a fine maggio Q16 Rileva sulla scheda del partitario clienti intestata alla ditta Tommaso Castellani di Voghera le operazioni sotto elencate 01/01 saldo iniziale a debito del cliente, relativo alla fattura n o 554, euro /01 si emette la fattura n o 4 esponendo merci per euro 920, sconto 5% þ 5%, spese a forfait per euro 50 e l Iva ad aliquota ordinaria 10/01 si riceve un assegno bancario a saldo della fattura n o 4 01/02 si riceve comunicazione dell incasso della ricevuta bancaria emessa a saldo della nostra fattura n o /02 si emette la fattura n o 120 esponendo merci per l importo di euro 1.280, imballaggi a perdere per euro 20, trasporto non documentato per euro 30, spese anticipate in nome e per conto del cliente euro 120 e l Iva ad aliquota ordinaria 01/03 si riceve comunicazione dell incasso della ricevuta bancaria emessa a saldo della nostra fattura n o /03 si emette la fattura n o 230 esponendo merci per euro soggette a Iva ad aliquota 10% e merci per euro 800 soggette a Iva ad aliquota ordinaria; spese di trasporto addebitate a forfait per euro 50 02/04 si riceve comunicazione dell incasso della ricevuta bancaria emessa a saldo della nostra fattura n o /04 si emette la fattura n o 312 per euro þ Iva 10% 18/04 si emette nota di variazione relativa alla fattura n o 312 per euro 50 þ Iva 30/04 si riceve un A/B sulla Banca di Roma emesso dal cliente a saldo del nostro residuo credito 6/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

7 Dalle operazioni ai documenti e alle relative scritture elementari Q17 Relativamente ai fatti di seguito riportati, indica i documenti originari emessi e le rilevazioni elementari cui danno luogo Fatti di gestione Documenti originari Rilevazioni elementari Ricevute merci da un fornitore che ha emesso fattura immediata Emesso un assegno bancario a saldo della fattura del fornitore di cui sopra Consegnate merci a un cliente emettendo il relativo documento di trasporto Emessa la fattura differita relativa alla spedizione di cui al punto precedente Ricevute merci in restituzione dal cliente di cui sopra ed emessa la relativa nota di accredito con variazione Iva Ricevuta fattura del trasportatore Bertani, che viene pagata in contanti Spiccata tratta su un cliente a saldo di un nostro credito; la tratta viene inviata in banca per lo sconto Ricevuta la lettera di accredito inviata dalla banca relativamente allo sconto della cambiale di cui sopra 7/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

8 Quesiti Vero/Falso Q18 Indica se le seguenti affermazioni sono vere oppure false a. la reversale è un documento mediante il quale si autorizza il cassiere a eseguire un pagamento V F b. a volte, il saldo finale di cassa non coincide con il totale della distinta di cassa V F c. il totale delle uscite annotate sul Libro cassa deve essere uguale al totale dei mandati emessi V F d. il pagamento di una fattura ENEL effettuato emettendo un assegno bancario provoca un uscita di cassa V F e. le schede di magazzino sono scritture cronologiche V F f. le fatture ricevute sono i documenti originari in base ai quali si effettuano le registrazioni sulle schede del partitario fornitori V F g. quando si restituiscono merci a un fornitore si emette una nota di accredito e la si invia allo stesso V F h. il pagamento di una fattura di acquisto si registra in Dare della scheda intestata al fornitore V F i. il libro matricola documenta le retribuzioni liquidate ai dipendenti V F l. il libro paga fornisce gli elementi necessari alla successiva registrazione in Prima nota della liquidazione delle retribuzioni spettanti ai dipendenti V F m. i prelevamenti effettuati in contanti sono rilevati in Avere della scheda di banca e in Dare del Libro cassa V F n. la riconciliazione è l operazione con cui si raccordano il saldo dell estratto conto bancario e il saldo della scheda di banca V F o. la contabilità clienti si basa su rilevazioni effettuate sul registro Iva delle fatture emesse, sul partitario clienti, sul registro delle cambiali attive e sullo scadenzario V F 8/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

9 UNITÀ C Il sistema informativo e le contabilità aziendali Operazioni Iva e obblighi connessi Quesiti a risposta multipla Q19 Indica con una crocetta quali delle seguenti affermazioni sono vere 1. Il momento impositivo di una cessione di merci è rappresentato a. dalla stipulazione del contratto b. dalla consegna o dalla spedizione c. dall emissione della fattura differita d. dalla riscossione del prezzo 2. I commercianti al minuto a. non sono mai tenuti all emissione della fattura b. emettono fattura solo per le cessioni di importo superiore a un certo ammontare c. emettono fattura solo su richiesta del cliente e non oltre il momento di effettuazione dell operazione d. possono emettere fattura su richiesta del cliente anche dopo 15 giorni dall effettuazione dell operazione 3. La fattura differita a. deve essere emessa entro 30 giorni dalla data del documento di trasporto (Ddt) b. deve essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna o della spedizione delle merci per le quali sia stato emesso il Ddt c. deve essere emessa entro la fine del mese successivo a quello della consegna o della spedizione della merce d. può essere riepilogativa delle cessioni effettuate a uno stesso cliente nel corso di un mese 4. La fattura immediata a. deve accompagnare la merce durante il trasporto b. deve essere emessa entro 24 ore dalla consegna o dalla spedizione della merce c. deve essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna o spedizione della merce d. deve essere emessa entro le ore 24 del giorno di consegna o di spedizione della merce 9/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

10 Fattura immediata: sconti, imballaggi, spese a forfait, interessi Fattura differita con sconti, spese accessorie e interessi Q20 Il 10 gennaio la Casamarket S.r.l. di Genova, grossista di articoli casalinghi, ha emesso la fattura immediata n o 32, nei confronti della Inoxa Domus di Sara Negri & C. S.n.c. di La Spezia per le seguenti merci, tutte assoggettate a Iva ordinaria n n o 50 padelle antiaderenti ILLA con manico estraibile, diametro cm 28, a euro 6 ciascuna n n o 10 pentole a pressione Aeternum da litri 7 al prezzo di euro 29 ciascuna n n o 4 batterie da cucina da 7 pezzi in acciaio porcellanato al prezzo di euro 44 per batteria n n o 5 batterie da cucina da 20 pezzi serie T in acciaio inox, al prezzo di euro 150 per batteria Condizioni di vendita n sconto del 5% su tutti gli articoli di cui sopra; ulteriore sconto del 2% sul prezzo di listino delle batterie da 20 pezzi n imballaggio fatturato al costo n consegna franco magazzino venditore n regolamento 1 / 2 per contanti il giorno della spedizione e 1 / 2 a 90 giorni data fattura mediante rilascio di un assegno bancario maggiorato degli interessi al 5% La merce è stata consegnata in data 12 gennaio al corriere Freccia della Liguria di Genova. Presenta a. la fattura immediata, nella quale figurano l addebito di imballaggi per euro 18 e di spese di carico a forfait per euro 24, nonché gli interessi per la dilazione di pagamento accordata b. l assegno bancario emesso a saldo dalla ditta compratrice Q21 In data 18 ottobre il grossista di giocattoli Mario Calligaris S.p.A. di Varese ha venduto al dettagliante Peter Pan S.r.l. di Como, con consegna franco magazzino venditore entro fine mese, i seguenti articoli soggetti a Iva in base all aliquota ordinaria n 50 castelli Playmobil al prezzo di euro 44 l uno, sconto incondizionato 10% n 80 confezioni di Meccano al prezzo di euro 25 l una, sconto incondizionato 5% regolamento a 2 mesi data fattura con interessi al tasso del 5%; imballo fatturato al costo. Il 29 ottobre la Mario Calligaris S.p.A. ha emesso il documento di trasporto n o 2347 e il 30 ottobre ha consegnato la merce al vettore La Varesina S.r.l. di Varese per l inoltro ai magazzini del compratore, anticipando in nome e per conto di questi euro 30 (Iva compresa) per spese di trasporto. Il 15 novembre la Mario Calligaris S.p.A. ha poi emesso regolare fattura addebitando al compratore, oltre alle spese di trasporto, il costo degli imballaggi per euro 7,50 e gli interessi per la dilazione di pagamento. Il 15 gennaio dell anno successivo, data di scadenza della fattura, il compratore ha ottenuto un ulteriore dilazione di pagamento fino al 31/3, rilasciando un assegno bancario per gli interessi al tasso del 6%. A fine marzo la Peter Pan S.r.l. non ha eseguito il pagamento, che è stato invece effettuato, dopo ripetuti solleciti, soltanto il successivo 15/5. Presenta a. la fattura rilasciata dal vettore b. la fattura emessa dal venditore in data 15/11 c. la nota di addebito per gli interessi relativi al periodo 15/1-31/3 d. il calcolo della somma riscossa dal venditore il 15/5, sapendo che per il periodo successivo alla scadenza della dilazione sono stati conteggiati gli interessi al tasso del 6% 10/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

11 Quesiti a risposta multipla Q22 Indica con una crocetta le risposte corrette 1. La base imponibile Iva a. è l intero importo della fattura b. è l importo sul quale si calcola l imposta c. comprende le spese e gli oneri documentati d. comprende le prestazioni accessorie fornite dal venditore 2. Quando la fattura comprende beni soggetti ad aliquote diverse, gli addebiti per prestazioni accessorie fornite dal venditore (ad esempio, il trasporto con mezzi propri) a. non sono soggetti a Iva b. sono soggetti a Iva in base all aliquota più elevata c. sono ripartiti proporzionalmente ai valori delle merci d. sono assoggettati a Iva in base all aliquota normale 3. Gli sconti incondizionati a. sono contrattualmente previsti b. dipendono dalla modalità con cui sarà eseguito il pagamento c. vanno portati in deduzione dall imponibile d. saranno detratti al momento del pagamento della fattura 4. Le spese documentate sostenute dal venditore in nome e per conto del compratore a. sono assoggettate a Iva con la stessa aliquota che colpisce i beni ceduti b. concorrono a formare l importo complesssivo della fattura c. concorrono a formare l imponibile Iva d. sono soggette a una propria aliquota Iva 5. I resi da clienti e gli abbuoni concessi dopo l emissione di una fattura a. comportano sempre la rettifica dell Iva b. possono non comportare la regolarizzazione dell Iva c. sono comprovati da una nota di accredito d. sono comprovati da una nota di addebito 6. Se il compratore di una merce paga una parte del prezzo prima della consegna, il venditore a. deve emettere fattura immediata per l anticipo ricevuto b. deve fatturare l anticipo entro la fine del mese c. deve scindere l importo ricevuto determinando l imponibile e l Iva d. deve fatturare l anticipo al momento dell emissione della fattura a saldo 11/11 ESERCIZI - Il sistema informativo e le contabilità aziendali F Mondadori Education

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva Il sistema informativo e le contabilità aziendali Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Tutorial ESERCIZIO Nel corso del mese di maggio dell anno n la ditta Giuliano Lenti

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Laboratorio di Economia aziendale

Laboratorio di Economia aziendale Cognome... Nome... Classe... Data... Laboratorio di Economia aziendale Libro cassa, scheda di c/c bancario, partitario clienti e fornitori Esercitazione di laboratorio con Excel L impresa commerciale all

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Le contabilità sezionali. Prof. Sartirana

Le contabilità sezionali. Prof. Sartirana Le contabilità sezionali Prof. Sartirana Le contabilità delle disponibilità liquide Contabilità della cassa Contabilità dei conti correnti bancari Contabilità dei conti correnti postali Per gestire la

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE Risolvi i seguenti problemi: Un impresa commerciale acquista merci per 18.360 ottenendo una dilazione di pagamento di due mesi al tasso

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c UNITÀ A Le società di persone Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c Imprese individuali e società Documento Esercizi Fonti di finanziamento e limiti allo sviluppo dell azienda individuale Q1 Dopo

Dettagli

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di dilazione Interesse Montante 21.900,00 4,25% 18 giorni (anno civile) 5% 8 mesi 6.250,00. 4,20% 3 anni e 1/2. 66.984,80 292.000,00 dal 4/05

Dettagli

5. eseguire la funzione Registrazione Movimenti Contabili e proseguire con la registrazione delle operazioni elencate;

5. eseguire la funzione Registrazione Movimenti Contabili e proseguire con la registrazione delle operazioni elencate; www.abakoslab.it Obiettivi didattici: saper registrare operazioni contabili riferite a Fatture di Acquisto e di Vendita, Pagamenti e Incassi; saper compilare i documenti di pagamento (assegni, cambiali,

Dettagli

LEZIONE: TESORERIA 1/2

LEZIONE: TESORERIA 1/2 Corso Responsabile Amministrativo E. Marcelli C. Marcelli LEZIONE: TESORERIA 1/2 Tesoreria 1/2 AGENDA 1. Tenuta cassa 1.1 Prima nota cassa 1.2 Prima nota cassa esempio 1.3 Controllo cassa 2. Banca: Tipologie

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli La fatturazione e L IVA Prof. Pietro Samarelli La fattura 2 La fattura è il documento più importante della vendita; E obbligatoria per legge; ha una funzione fiscale (contiene il calcolo dell IVA); ha

Dettagli

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici Albez edutainment production Economia Aziendale I Scambi economici 1 La compravendita Secondo l articolo 1470 del Codice Civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà

Dettagli

- Ricevuta in data 15/11 fattura per acquisto materie prime pari ad 20.000 più Iva al 20%; nella fattura vengono inseriti costi di imballaggio per

- Ricevuta in data 15/11 fattura per acquisto materie prime pari ad 20.000 più Iva al 20%; nella fattura vengono inseriti costi di imballaggio per Si costituisce in data 10/01 la società Alfa Spa con un capitale sociale di 200.000 sottoscritto come segue: socio Bianchi 55% e socio Rossi 45%. Il socio Bianchi si impegna a conferire in denaro quanto

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 1 biennio. I titoli di credito cambiari

Biblioteca di Telepass + 1 biennio. I titoli di credito cambiari Biblioteca di Telepass + 1 biennio UNITà E I documenti di regolamento degli scambi I titoli di credito cambiari Documento Esercizi 1 Indicaseleseguentiaffermazionisonovereofalse a. se effettuato alla stipulazione

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI 2. SISTEMI CONTABILI 10 Parte prima - Teoria I sistemi di rilevazione che si avvalgono di un insieme di conti, tra loro collegati e costituiti in sistema, assumono la denominazione di «sistemi contabili».

Dettagli

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità Esercitazioni di Ragioneria Generale ed Applicata Modulo 1 a cura della Dott.ssa S. Basta Materiale didattico riservato esclusivamente a circolazione interna SETTIMANA 3 ARGOMENTI: SCRITTURE CONTINUATIVE:

Dettagli

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici Cosa c è in questa guida? Le domande di base 2 i diritti 3 passi per scegliere il conto del cliente 3 7! 9 Le attenzioni del cliente Aalla

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

Scritture d esercizio e Situazione contabile

Scritture d esercizio e Situazione contabile Scritture d esercizio e Situazione contabile La Situazione contabile per totali di un azienda mercantile al 31/8/n si presenta come segue: Denaro in cassa........................... 294.800,00 292.700,00

Dettagli

Presentiamo la tratta, regolarmente accettata il 20 maggio, pagabile presso la sede di Venezia della Banca Antonveneta.

Presentiamo la tratta, regolarmente accettata il 20 maggio, pagabile presso la sede di Venezia della Banca Antonveneta. KIT DI RECUPERO DI ECONOMIA AZIENDALE CL. 2ATT a.s. 2014/2015 il lavoro deve essere svolto su un quaderno nuovo perché verrà ritirato e valutato per tutti gli studenti ammessi al terzo anno A* m 400= hm

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. La fattura Albez edutainment production Economia Aziendale I La fattura 1 La fattura E il principale documento della compravendita ed attesta l avvenuta esecuzione del contratto da parte dell impresa venditrice e

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

MANIFESTAZIONE NUMERARIA

MANIFESTAZIONE NUMERARIA LA PARTITA DOPPIA Oggetto del corso di contabilità sono le rilevazioni contabili effettuate con il metodo della Partita Doppia applicata al sistema del reddito. I principi su cui si fonda la Partita Doppia

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Dinamico Educational. Appunti vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Appunti vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Appunti vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 INDICE DINAMICO EDUCATIONAL Creazione nuova azienda 2 Selezione azienda 2 Vediamo in pratica:

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 *****

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG: 0226589B25 Art. 1 Il Servizio di Tesoreria

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF04 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF05 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

139.1 Utilizzo di «gazie.informaticalibera.net» 139.1.1 Organizzazione del sito. 139.1.2 Procedura per l acquisizione di un azienda

139.1 Utilizzo di «gazie.informaticalibera.net» 139.1.1 Organizzazione del sito. 139.1.2 Procedura per l acquisizione di un azienda 281 Capitolo 139 Esercitazioni con Gazie 139.1 Utilizzo di gazie.informaticalibera.net»...................................281 139.1.1 Organizzazione del sito............................................

Dettagli

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate Esercizio 1 In data 15/03 si costituisce a Crema la G.P.F. s.p.a., con Capitale sociale suddiviso in n. 250.000 azioni del valore nominale di 2,00. Il capitale viene interamente sottoscritto dai soci che

Dettagli

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sommario Compilazione estratto conto e staffa Sbilancio delle competenze Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Conto corrente Il conto corrente è il contratto

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

plus L ECONOMIA AZIENDALE Aggiornato alle linee guida ISTITUTI TECNICI SETTORE ECONOMICO per il primo biennioplus

plus L ECONOMIA AZIENDALE Aggiornato alle linee guida ISTITUTI TECNICI SETTORE ECONOMICO per il primo biennioplus Pietro Ghigini Clara Robecchi L ECONOMIA AZIENDALE per il primo biennioplus ISTITUTI TECNICI SETTORE ECONOMICO plus Aggiornato alle linee guida Sommario Libro più Web XVI Modulo A L attività economica

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG 6395917DAA Art. 1 Servizio di tesoreria

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

COMPITI per le VACANZE

COMPITI per le VACANZE AREA TECNICO PROFESSIONALE TECNICA ED ECONOMIA AZIENDALE 1 OAS COMPITI per le VACANZE Rispondi alle seguenti domande: 1. Che tipo di attività svolgono le aziende commerciali? Quali aziende commerciali

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

Introduzione alla contabilità

Introduzione alla contabilità Introduzione alla contabilità di Laura Mottini Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC I. Natura dei conti Indicare con una crocetta la natura dei seguenti conti. Conti COSTI DI IMPIANTO

Dettagli

Esercitazioni con ModuloWeb

Esercitazioni con ModuloWeb 161 Esercitazioni con ModuloWeb Capitolo 4 4.1.2Procedura per l acquisizione diun azienda............................. 163 4.1.3 Personalizzazione.................................................... 165

Dettagli

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente La ditta Alfa di Palermo ha i seguenti debiti per fatture

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE COMUNE DI CASANDRINO ROVINCIA DI NAPOLI SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE BILANCIO TRIBUTI E CONTROLLO DI GESTIONE SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

LA CONTABILITÀ GENERALE

LA CONTABILITÀ GENERALE LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO:

Dettagli

UNITÀ D. Telepass + 1 biennio. La compravendita: aspetti giudici, tecnici e fi scali VERIFICA 1. Test 1/18

UNITÀ D. Telepass + 1 biennio. La compravendita: aspetti giudici, tecnici e fi scali VERIFICA 1. Test 1/18 Telepass + 1 biennio UNITÀ D La compravendita: aspetti giudici, tecnici e fi scali Esercizi per il recupero e per l autovalutazione VERIFICA 1 Test 1 L Iva è un imposta che grava: a. sul reddito b. sui

Dettagli

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO Versione n. 2 di Giugno 2005 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 2 di Giugno 2005 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO 2 1 Descrizione

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente Cambio Conto Come cambiare il conto corrente INDICE Caro Cliente... 3 Cosa offre l iniziativa Cambio Conto come cambiare il conto corrente... 4 CAMBIARE IL CONTO CORRENTE IN 5 MOSSE... 5 2 1. SCEGLIERE

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

Esercitazioni con Gazie

Esercitazioni con Gazie Parte xiii Esercitazioni con Gazie Utilizzo di Google documenti per le esercitazioni con Gazie. 305 Utilizzo di gzt.nssitaly.com»............................ 307 103 Esercitazione con la contabilità generale

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Il controllo operativo nell area commerciale Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Ciclo ordini-spedizioni Ciclo vendite-incassi Ciclo ordini spedizioni 1. Acquisizione degli ordini

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Gli aspetti della gestione

Gli aspetti della gestione Esercitazioni svolte 2013 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 3 Gli aspetti della gestione Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Premessa Chi gestisce la contabilità di un impresa lo fa perché alla fine di ogni anno di gestione ha bisogno di conoscere due cose fondamentali relative

Dettagli

Termini e condizioni di acquisto

Termini e condizioni di acquisto COME ACQUISTARE Condizioni di Vendita Si applicano alle compravendite regolate dalle seguenti condizioni generali, le norme del Codice Civile Italiano e delle altre Leggi vigenti in materia nel territorio

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici Cosa c è in questa guida? Le domande di base 2 i diritti 3 passi per scegliere il conto del cliente 3 7! 9 Le attenzioni del cliente Aalla

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana L imposta sul valore aggiunto IVA Prof. Sartirana L IVA è una imposta Indiretta (in quanto non colpisce il reddito ma una sua manifestazione mediata, ovvero il consumo o la produzione di ricchezza) Proporzionale

Dettagli

ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE. 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato.

ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE. 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato. ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato. 2. Un fornitore ha concesso alla nostra impresa una dilazione

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CONTO CORRENTE

GUIDA PRATICA AL CONTO CORRENTE Allegato 2B GUIDA PRATICA AL CONTO CORRENTE COSA C È IN QUESTA GUIDA Tre domande per cominciare Tre passi per scegliere il conto I diritti del cliente Le attenzioni del cliente Il conto corrente dalla

Dettagli