Spostare la sede legale ed espandere le proprie attività in Cina

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spostare la sede legale ed espandere le proprie attività in Cina"

Transcript

1 Numero 125 giugno 2012 Da Dezan Shira & Associates Spostare la sede legale ed espandere le proprie attività in Cina IN QUESTO NUMERO: Dislocare entro o tra distretti fiscali Chiudere la società esistente e ricominciare da zero Espansione: Filiali e conversione di uffici di rappresentanza in società a totale partecipazione straniera U.S. Tour June Usate il vostro smartphone per leggere questo codice QR e accedere a Disponibile in diverse lingue

2 Benvenuti a questo numero di Asia Briefing! Nonostante i concetti di dislocazione (spostamento della sede giuridica) ed espansione siano piuttosto semplici, i processi legali sottostanti queste operazioni possono risultare a volte molto complessi. In questo numero di China Briefing discuteremo le forme in cui questi processi possono svolgersi attraverso tre articoli: Foreign Direct Investment Advice from Corporate Establishment, Tax, Accounting & Payroll Throughout Asia Dislocare entro o tra distretti fiscali...3 Chiudere la società esistente e ricominciare da zero...5 Espansione: Filiali e conversione di uffici di rappresentanza in società a totale partecipazione straniera...9 Forniremo, in questo numero, una serie di diagrammi per facilitare la comprensione del processo, come ad esempio: Costituire una società a totale partecipazione straniera...5 Chiudere un ufficio di rappresentanza...10 Ci auguriamo che questo numero possa aiutarvi a fare un po di luce sulle opportunità di dislocazione ed espansione della vostra società! Cordiali saluti, Alberto Vettoretti, Managing Partner, Dezan Shira & Associates, Editore Asia Briefing ASIA BRIEFING INDIA BRIEFING VIETNAM BRIEFING MONGOLIA BRIEFING MONGOLIA BRIEFING Usate il vostro smartphone per leggere il codice QR e scaricare le applicazioni mobile di Asia Briefing. Tutto il materiale e i contenuti sono protetti da 2012 Asia Briefing Ltd. Nessuna riproduzione, copia o traduzione di materiale è permessa senza il consenso dell'editore. The China Practice: Beijing Tianjin Dalian Qingdao Shanghai Suzhou Hangzhou Ningbo Guangzhou Zhongshan Shenzhen Hong Kong The India Practice: Delhi Mumbai The Vietnam Practice: Hanoi HCMC The Singapore Practice: Twenty years of excellence Opportunity to meet Dezan Shira & Associates Regional Director, Mr. Richard Cant, on his upcoming U.S. Tour. Mr. Cant s areas of expertise include corporate accounting, taxation, business establishment, due diligence and M&A in emerging Asia. U.S. Tour June June Chicago, Illinois June Pittsburgh & Philadelphia, Pennsylvania June Greenville, South Carolina June New York City Please contact Ms. Jessica Tou, U.S. Branch Manager, to schedule meetings La copertina artistica di questo mese porta il titolo di Simcity No.0,2009 (olio su tela, 92x122cm), dell artista di Hong Kong Sim Chan. Galleria espositiva: FQ Projects, No.76, Lane 927 Middle Huaihai Road, Shanghai, China. Aperta dal mercoledì alla domenica, dalle 11 alle Tel , sito internet:

3 Dislocare entro o tra distretti fiscali [ A cura del Tax Team dell ufficio di Shanghai, Dezan Shira & Associates ] Gli investitori stranieri p o s s o n o d e c i d e r e d i dislocare le proprie società in Cina per una serie di ragioni, ad esempio il cambiamento del modello di business precedente, l esplorazione di nuovi mercati, il convergere di diversi investimenti, l abbattimento dei costi operativi, oppure per uscire da aree che stanno rinnovando la propria struttura economica e non portano più sostanziali vantaggi all investitore. Molti businessmen stranieri costituiscono le società in Cina frettolosamente, scegliendo la sede legale in modo superficiale o persino sbagliato, e a volte con in mente già futuri piani di dislocazione in un altro distretto o in un altra città. A tal proposito consigliamo sempre la massima prudenza e accortezza poichè, quando possibile, è sempre meglio evitare lo spostamento della sede legale per questioni di tempo e di denaro. Quegli investitori stranieri, che invece stanno valutando la dislocazione per buoni motivi, devono essere consapevoli sin dall inizio che questo processo sarà molto più impegnativo di quanto immaginino. Dislocare all interno di un distretto con lo stesso regime fiscale è cosa semplice, tuttavia gli spostamenti tra diversi distretti fiscali (coordinando operazioni tra uffici governativi di diverse aree) sono di gran lunga più complicati, e richiedono diversi mesi per essere completati. Le difficoltà nel dislocare sono in gran parte collegate a tre aspetti essenziali. In primo luogo, l imposizione fiscale in Cina è molto decentralizzata e le imposte sono gestite direttamente dagli uffici tributari locali. Questi uffici non comunicano minimamente tra loro e si possono persino considerare in competizione: nessun ufficiale tributario, infatti, vuole perdere le entrate fiscali della vostra società lasciandovi trasferire facilmente in un altra circoscrizione. La seconda difficoltà insita nella dislocazione è che gli uffici tributari hanno molto più Oltre ad un preciso percorso da seguire ed alla necessità di minimizzare costi e potenziali problemi amministrativi col personale, lo spostamento tra distretti amministrativi implica l avere un idea precisa degli aspetti chiave della chiusura e della riapertura societaria... potere di quanto ci si possa aspettare. Dislocare in qualsiasi luogo al di fuori del vostro attuale distretto comporta la cancellazione della posizione dai registri fiscali: in pratica, ottenere il permesso di congedarsi da qualcuno che vorrebbe tenervi lì. Potete anche star certi che la revisione precedente la dislocazione consisterà in un dettagliato scrutinio della vostra conformità fiscale. Non avete pagato l imposta di bollo in quella piccola operazione risalente a dieci anni fa? Se non lo avete fatto, potreste avere brutte sorprese perchè l audit finale obbligatorio andrà sicuramente a spulciare tra la contabilità e fra tutte le voci di bilancio! Per tale motivo, la chiusura di una posizione fiscale può diventare un processo molto lungo. Ciò è particolarmente vero per quelle imprese straniere che godono ancora di privilegi fiscali, quali i due anni di esenzione e tre anni di riduzione del 50% delle imposte sul reddito societario in base alla vecchia normativa. Le imprese che beneficiano di queste riduzioni fiscali e che operano da meno di 10 anni, inoltre, sono tecnicamente obbligate a versare il totale delle imposte esentate o ridotte qualora decidessero di lasciare il distretto fiscale di competenza. L ultimo aspetto che rende la dislocazione in Cina piuttosto complicata è invece quello relativo all iter burocratico per lo spostamento. L investitore straniero che si trasferisce in un nuovo distretto fiscale, infatti, deve gestire attivamente gli uffici di entrambe le circoscrizioni, che ovviamente non sono coordinati fra loro. China Briefing 3

4 Dislocare entro o tra distretti fiscali Oltre alla cancellazione dei registri fiscali, il processo di trasferimento implica essenzialmente ripercorrere dall inizio tutte le fasi per la costituzione di una società a totale partecipazione straniera (WFOE). Oltre ad un preciso percorso da seguire, la necessità di minimizzare costi e potenziali passività previdenziali durante il processo di dislocazione, così come l interruzione delle operazioni (ad esempio la possibilità di emettere fatture), si traducono nella sincronizzazione degli aspetti chiave di chiusura e riapertura, inclusi la cancellazione/riemissione della licenza commerciale e la chiusura/apertura della posizione fiscale. Nel secondo articolo di questo numero, discuteremo la modalità di cambiamento di indirizzo all interno di un distretto e il trasferimento a un nuovo distretto fiscale. Analizzeremo, inoltre, l opzione 4 China Briefing standard per la dislocazione: chiusura della società esistente e costituzione di una società completamente nuova, ovvero ricominciare da zero. Questa opzione puo essere interessante per quelle società che desiderino espandere il proprio ambito di attività e/o che non temano un periodo in cui non possono emettere fatture, ma comporta anche degli svantaggi, ad esempio i costi per la locazione degli uffici, per la riassunzione del personale e per la gestione contemporanea di due sistemi contabili. Per quegli investitori che sono interessati ad espandere la propria attività, l apertura di una filiale nell area di destinazione puo essere una possibilità attraente Spostamento entro lo stesso distretto fiscale Dislocare entro lo stesso distretto fiscale risulta abbastanza semplice e fattibile in una settimana circa, ammesso che non vi siano problemi con l ufficio tributario in caso, ad esempio, di svolgimento delle attività in un luogo diverso dalla sede legale della società. Quando una società viene chiusa, l ufficio tributario ispeziona la sede della società. Quindi, il primo passo nel processo di dislocazione è verificare l indirizzo della sede legale della società. A molti investitori stranieri è erroneamente consigliato, come scorciatoia, avere una sede legale e una sede operativa, ad esempio la prima in periferia e la seconda in centro. Questo non è consentito dalla legge ed è un aspetto di cui molte società non si rendono conto e a cui dovrebbero rimediare prima di intraprendere altre azioni volte alla chiusura della società. Poiché si fa riferimento alla sede legale in ogni singola fase del processo di incorporazione di una società, ci vorranno almeno due o tre mesi per cambiarla in tutti documenti in possesso delle autorità, se tale cambiamento è necessario. Trasferimento verso un nuovo distretto fiscale Nessun funzionario fiscale vuole perdere le entrate dalla vostra società lasciandovi trasferire in un altro distretto, pertanto ci si aspetterà una certa resistenza nel processo di chiusura di una posizione fiscale. Tale resistenza si farà sentire durante la verifica fiscale, ovvero quando sarà esaminato ogni singolo aspetto di conformità fiscale della società. Oltre al ripianamento di qualsiasi privilegio fiscale goduto ( tax holidays), l investitore straniero deve aspettarsi una qualche imposta d uscita, come per esempio una contestazione su una tassa di bollo o l IRPEF per dipendenti espatriati non pagate (eventualità molto comuni che si riscontrano durante le revisioni fiscali). Il processo di trasferimento a una nuova città o una nuova provincia è simile a quello tra distretti fiscali, ma la resistenza dell ufficio tributario è generalmente di gran lunga maggiore, con la regola generale che più in là ci si sposta più è difficile il processo. Trasferire la vostra società in un nuovo distretto fiscale comporta il coordinamento tra uffici governativi in due circoscrizioni. Il primo passo è ottenere l autorizzazione dal MOFCOM locale di destinazione (che si consulterà con il MOFCOM locale della vostra circoscrizione attuale). Si passerà poi all AIC di entrambe le circoscrizioni (che si interpelleranno reciprocamente), Le filiali sono più semplici da gestire, ma sono limitate in molti aspetti, come l impossibilità di espandersi oltre l ambito di attività (oggetto sociale) della società madre. Discuteremo l apertura di filiali e un altra possibilità di espansione più comune, ovvero la conversione di un ufficio di rappresentanza (RO) in una società a totale partecipazione straniera (WFOE) nel terzo articolo di questo numero. A seguito della nuova normativa per i RO del 2010 che ha reso questi ultimi poco convenientied economici, in molti hanno deciso di cancellare il RO e di registrare una nuova WFOE. Hanno contribuito a questo numero anche Cory Lam, Victor Zheng, Dan Shu and Samantha L. Jones. Cambiare indirizzo all interno dello stesso distretto fiscale (come in tutte le altre situazioni qui descritte) potrebbe anche comportare difficoltà a livello previdenziale, in termini di trasferimento dei contratti di lavoro e della gestione dei dipendenti che non desiderano continuare a lavorare per la società in un luogo diverso. (Per ulteriori informazioni si veda l apposito paragrafo Gestire il personale nella transizione) ed in seguito agli uffici governativi per la cancellazione e la nuova registrazione della posizione fiscale. Minimizzare i costi (evitare ad esempio affitti doppi) durante il trasferimento in un nuovo distretto significa sincronizzare gli aspetti chiave dei processi di chiusura e di riapertura, inclusi la cancellazione e la riemissione della licenza commerciale e la chiusura e riapertura della posizione fiscale.

5 Chiudere la società esistente e ricominciare da zero [A cura del Tax Team dell ufficio di Shanghai, Dezan Shira & Associates ] Per evitare i ritardi connessi al trasferimento di una società in un nuovo distretto fiscale (la verifica di liquidazione fiscale può durare da sei mesi fino a diversi anni!), l opzione è la chiusura dellawfoe esistente e la riaperturain una nuova sede. Fase 1: Richiesta della licenza commerciale 1-2 mesi Questa opzione presenta i seguenti vantaggi: 1. Può essere attuata anche quando l autorizzazione al trasferimento verso un nuovo distretto è negata, e 2. Permette significativi cambiamenti nella società, inclusa l espansione del precedente ambito di attività o la variazione del capitale registrato. Costituzione di una WFOE Registrazione del nome della società Certificato di autorizzazione Al fine di evitare ogni possibile scarto temporale, in questo processo, si costituisce di norma la nuova WFOE prima di chiudere quella esistente Licenza commerciale La WFOE ufficialmente costituita Fase 2: Registrazione presso gli uffici governativi e apertura dei conti bancari 2-3 mesi Registrazione del codice d impresa Rilascio del timbro della società Registrazione presso il SAFE Registrazione ai fini fiscali Apertura dei conti bancari per valuta locale e per valuta estera Conferimento del capitale Aggiornamento della licenza commerciale (Attestante il conferimento del capitale registrato) Registrazione presso l ufficio di statistica Registrazione ai fini finanziari Costituzione completata Tempo totale: 3-4 mesi China Briefing 5

6 Chiudere la società esistente e ricominciare da zero Chiudere la società esistente e ricominciare da zero permette la continuità delle operazioni aziendali e facilita il trasferimento del nome della società in termini di tempo, che altrimenti non potrebbe essere usato per almeno sei mesi. Tuttavia,l investitore che sta considerando questa strada dovrebbe tenere a mente i relativi svantaggi: La necessità di disporre di un capitale maggiore da investire È richiesto un capitale maggiore rispetto al trasferimento tra distretti fiscali a causa degli obblighi di registrazione di capitale nel periodo in cui si sovrappongono le attività delle due società e a causa di altri costi (come ad esempio gli affitti degli uffici). Il trasferimento delle immobilizzazioni può portare ad imposte addizionali Il trasferimento delle immobilizzazioni deve avvenire al valore contabile o ad un valore maggiore e ciò può comportare l applicazione di imposte addizionali. La necessità di un nome temporaneo per la società La società deve operare sotto un nuovo nome per un certo periodo. Dopo la chiusura della precedente società, il suo nome può essere registrato nuovamente dopo sei mesi. Costituzione di una nuova WFOE La costituzione di una società a totale partecipazione straniera (WFOE) prevede l acquisizione di una licenza commerciale, la registrazione presso tutti gli uffici governativi e l apertura dei conti bancari. La costituzione di una WFOE richiede generalmente da tre a sei mesi in base alla completezza e all accuratezza dei moduli di richiesta, e anche alla tempestività con cui si è in grado di rispondere alle richieste di informazioni aggiuntive. Il processo di costituzione può presentare delle differenze minori rispetto al tipo di società a totale partecipazione straniera che si sta costituendo. Ad esempio, per una WFOE manifatturiera è richiesta una relazione d impatto ambientale, mentre le società commerciali dovranno sottoporsi alla registrazione per l ispezione doganale e delle merci. Vi sono differenze anche per i requisiti del capitale minimo ai fini fiscali: WFOE per servizi > RMB, società commerciali a partecipazione straniera (FICE) > RMB (tuttavia si consiglia sempre la verifica con gli uffici di approvazione locali sul capitale minimo da versare). Infine, il tempo di preparazione per una WFOE manifatturiera e per una FICE generalmente si allunga da uno a tre mesi rispetto ad una WFOE per servizi. Uno dei punti chiave da tenere in considerazione, quando si costituisce una nuova WFOE, è il contratto di locazione. Ad esempio, un indirizzo può essere registrato soltanto per una società alla volta ed è possibile che l indirizzo per la nuova società sia già stato registrato da un altra società, sia straniera che locale. Lo stato di registrazione di un indirizzo, in molti casi, può essere controllato presso l AIC, ma nell eventualità che ciò non sia possibile, nel contratto di locazione deve essere dichiarato che la caparra sarà restituita interamente all investitore qualora l indirizzo non sia disponibile. Liquidazione dell esistente WFOE Il processo di chiusura di una WFOE, ovvero scioglimento e liquidazione, può richiedere diverso tempo ed essere meno prevedibile dell allestimento di una nuova società. La completa liquidazione di una WFOE richiede normalmente una media di mesi. Una buona preparazione e coordinazione, e la stretta cooperazione con le autorità coinvolte (in particolare le autorità fiscali), sono fondamentali. Il diritto societario e la normativa di riferimento per le WFOE ( WFOE Implementing Rules) forniscono ampie disposizioni sullo scioglimento e sulla liquidazione delle stesse. Questi processi possono variare leggermente, nella pratica, in base all area geografica. A Pechino, per esempio, è necessario recarsi sia presso gli uffici tributari locali per l imposta sulle persone fisiche o l addizionale a supporto del sistema scolastico, sia presso gli uffici tributari nazionali per IVA e imposta sul reddito societario. L investitore straniero deve porre particolare attenzione agli oneri fiscali durante la liquidazione, come descritto dettagliatamente di seguito. Il processo di liquidazione prevede tre fasi: 1. Domanda di richiesta per la cessazione dell attività 2. Espletamento delle obbligazioni di liquidazione liquidazione del consiglio di amministrazione registrazione e verifica dei crediti distribuzione e vendita delle immobilizzazioni relazione di revisione sulla liquidazione relazione sulla liquidazione 3. Cancellazione delle licenze presso tutte le relative autorità 1. Domanda di richiesta per la cessazione dell attività Per iniziare il processo di liquidazione, la WFOE deve richiedere l autorizzazione di cessazione dell attività all autorità di approvazione originale (di norma il ministero del commercio). Al momento del rilascio dell autorizzazione, inizia il processo di liquidazione. (Per i settori o gli investimenti con restrizioni che richiedano autorizzazioni da altri uffici, le richieste devono essere inoltrate anche a questi). 2. Espletamento delle obbligazioni di liquidazione Il consiglio di amministrazione dovrà nominare un comitato di liquidazione (con il compito di gestire il processo stesso entro 15 giorni dalla data di autorizzazione alla cessazione, e presentare la lista dei membri del comitato all autorità competente). 6 China Briefing

7 Chiudere la società esistente e ricominciare da zero Il diritto societario dispone che il comitato per la liquidazione di una società a responsabilità limitata sia composto dai suoi azionisti, mentre per una società a responsabilità limitata da azioni deve essere composto dagli amministratori o dai soggetti indicati dall assemblea generale degli azionisti. È disposto nelle WFOE Implementing Rules che il comitato per la liquidazione includa il rappresentante legale, i rappresentanti dei creditori e i rappresentanti delle relative autorità competenti, così come dai revisori contabili autorizzati e dai legali. Il comitato per la liquidazione, in pratica, può includere chiunque sia stato indicato dagli azionisti. Entro 10 giorni dalla sua formazione, il comitato per la liquidazione deve inviare una comunicazione scritta relativa alla liquidazione a tutti i creditori conosciuti perché dichiarino i propri crediti. Il comitato, inoltre, deve annunciare, entro 60 giorni dalla sua costituzione, la liquidazione della società sia su un quotidiano nazionale sia su un appropriato quotidiano provinciale o municipale a beneficio dei creditori non conosciuti. Il comitato dovrà esercitare le seguenti funzioni e i seguenti poteri durante la liquidazione: Liquidare i beni della società, preparare lo stato patrimoniale e la lista dei beni e predisporre un piano di liquidazione Comunicare ai creditori della società la liquidazione tramite avviso o annuncio pubblico Completare ogni attività in essere della società Presentare la stima alla valutazione dei beni e il metodo di calcolo Versare tutte le imposte non pagate e saldare tutti i debiti Regolare tutti i debiti e i crediti della società Vendere i beni rimanenti dopo il saldo di tutti i debiti della società Rappresentare la società in ogni processo civile Presentare la relazione sulla liquidazione al consiglio di amministrazione e alle autorità per l approvazione I creditori conosciuti devono registrare presso il comitato di liquidazione le loro richieste entro 30 giorni dal ricevimento del relativo avviso di liquidazione. Tutti gli altri creditori devono registrare presso il comitato di liquidazione le loro richieste entro 45 giorni dall annuncio pubblico di liquidazione. Il comitato deve riesaminare tutti i crediti registrati e determinarne la validità, deve inoltre comunicare per iscritto ai richiedenti la propria decisione rispetto alle loro richieste. Dopo aver verificato e valutato le proprietà della società, redatto lo stato patrimoniale e la lista delle proprietà, deve preparare un piano per la liquidazione e presentarlo all assemblea degli azionisti per l approvazione. Il comitato, con questa approvazione, può cominciare a liquidare i beni residui o a procedere con la vendita degli stessi nel seguente ordine: Spese per la liquidazione; Salari o pagamento degli oneri previdenziali dei dipendenti in sospeso; Debiti d imposta sospesi; e Ogni altro debito sospeso della società Dopo aver saldato i suddetti debiti, il comitato deve distribuire ogni bene residuo agli azionisti della società in base alle loro quote. Ciò che rimane può essere convertito in qualsiasi altra valuta estera attraverso una specifica banca di cambio, e può essere liberamente rimesso o trasportato all estero. Deve essere coinvolto uno studio contabile locale per condurre il controllo della liquidazione e preparare la relazione di verifica della stessa. Anche la verifica di regolarità fiscale deve essere eseguita dall autorità tributaria competente. Questa procedura richiede parecchio tempo, di norma tra i 6 e i 12 mesi. La verifica di regolarità fiscale e la cancellazione della posizione costituiscono il maggior ostacolo durante il processo di liquidazione. L ufficio tributario, dopo che tutte le procedure di liquidazione sono state completate e le imposte versate, procederà alla cancellazione della posizione fiscale della società. Come in un normale audit di verifica, i revisori per la liquidazione si concentreranno sui seguenti aspetti: Il conto economico e le transazioni della società negli ultimi tre anni prima della data della dichiarazione di liquidazione. La completezza e la veridicità delle informazioni sui beni, inclusi: correttezza nei calcoli dei crediti autorizzazione della cancellazione dei crediti inesigibili completezza dei resoconti bancari reale proprietà dei beni materiali della società corretta approvazione delle autorità su ripianamento/perdita dei beni immobili e corretta registrazione e distribuzione degli altri beni Le passività della società, inclusi: calcolo corretto dei salari dovuti ai dipendenti corretto versamento delle imposte corretto ripianamento delle altre passività La relazione di verifica sulla liquidazione è emessa da uno studio certificato contabile e deve essere presentata all assemblea degli azionisti della società per l approvazione. U n a r e l a z i o n e d i liquidazione generalmente include informazioni sui beni e sulle passività della società e la descrizione del modo in cui tali beni sono stati liquidati Il comitato per la liquidazione, con l approvazione, deve presentare all autorità che hanno emesso le autorizzazioni in origine (di norma il ministero del commercio) una relazione di liquidazione con la prova di cancellazione presso il SAFE e l autorità doganale. 3. Cancellazione delle licenze presso tutte le relative autorità A questo punto, la società straniera può procedere alla cancellazion presso tutti gli altri uffici, inclusi: L Ufficio per l Amministrazione dell industria e del commercio (AIC); L Ufficio per l Amministrazione della qualità e del controllo tecnico Alcune società appartenenti a settori particolari devono far cancellare anche le autorizzazioni speciali in loro possesso. China Briefing 7

8 Chiudere la società esistente e ricominciare da zero Oneri fiscali durante il processo di liquidazione Le società a partecipazione straniera in Cina, in fase di liquidazione, devono far fronte sia agli oneri fiscali in sospeso sia ai nuovi oneri fiscali derivanti dalla liquidazione. Qualsiasi imposta non pagata in precedenza deve essere saldata durante la liquidazione. In questa sede, l investitore straniero deve aspettarsi una qualche imposta d uscita ( exit tax) applicabile, ad esempio, sotto forma di una tassa di bollo non pagata o dell IRPEF non pagata per dipendenti espatriati.queste sono eventualità molto comuni che si riscontrano durante le revisioni fiscali in fase di chiusura societaria. Alcune imprese straniere, inoltre, godono ancora di privilegi fiscali, quali due anni di esenzione e tre anni di riduzione del 50% delle imposte sul reddito societario in base alla vecchia normativa. Tali privilegi si applicano soltanto, di norma, a quelle società che svolgono l attività per almeno 10 anni. Le imprese che godono di queste riduzioni fiscali e tuttavia svolgono l attività per meno di 10 anni sono tecnicamente obbligate a versare il totale delle imposte esentate o ridotte. Durante il processo di liquidazione, la vendita di beni e il licenziamento di dipendenti, per citare alcuni esempi, genereranoo con ogni probabilità nuovi oneri fiscali. Poiché la cessione di beni durante la liquidazione ha come fine la distribuzione degli utili, l onere d imposta andrà considerato in modo diverso. Parte di tali oneri saranno considerati come spese di liquidazione e andranno versati preferibilmente prima delle altre spese. Calcolo degli oneri fiscali Imposta sul reddito societario Il periodo di liquidazione deve essere considerato come un periodo fiscale separato per il calcolo dell imposta sul reddito societario. Le relative formule sono le seguenti: Profitti/perdite durante la liquidazione = (profitti/perdite da vendita rimanenze) + (profitti/perdite da vendita non di rimanenze) + (profitti/perdite da vendita beni) Net Assets/Retained Assets = (Profitti/perdite da liquidazione) - (salari/contributi obbligatori di previdenza sospesi) - (spese per liquidazione) - imposte dovute - altri oneri - perdite sui crediti inesigibili + ricavi da recupero crediti Ricavi da liquidazione = Attività nette/residui attivi conservati - perdite accumulate - valore attività nette su base imponibile +(-) altre rettifiche d imposta Iva sulle importazioni e dazi doganali La dogana stabilisce il monitoraggio di vari prodotti importati per un periodo di diversi anni. Durante il periodo di monitoraggio, il valore dei beni va ammortizzato al valore effettivo se l autorità doganale ne autorizza la vendita, il trasferimento o l utilizzo ad altri fini.in questa situazione si applicano sia l Iva all importazione sia i dazi doganali. La relativa formula è la seguente: Prezzo dopo imposte = prezzo CIF x [1- numero mesi usati/(anni di utilizzo x 12) Inoltre, se la società a partecipazione straniera desidera trasferire i beni originariamente importati in regime di esenzione Iva, la dogana calcolerà l imposta sulla base dell anno di ammortamento. Imposte sul fatturato Le imposte sul fatturato, previste nei trasferimenti di beni durante la liquidazione, saranno in genere l IVA, la Business Tax e l imposta sulla rivalutazione dei terreni. Imposte sul patrimonio Queste imposte possono includere l imposta sui beni immobili e l imposta sui veicoli e imbarcazioni. Durante la fase di liquidazione, prima di trasferire detti veicoli, le società a partecipazione straniera dovranno affrontare anche queste imposte. 8 China Briefing

9 Espansione: filiali e conversione di uffici di rappresentanza in società a totale partecipazione straniera [ A cura del Tax Team dell ufficio di Shanghai, Dezan Shira & Associates ] Gli investitori stranieri già presenti attraverso una società a totale partecipazione straniera (WFOE), che stiano progettando di stabilire una presenza in un altra città, sia per espansione o dislocazione, potrebbero voler considerare la costituzione di una filiale. Una filiale è essenzialmente l ufficio di una WFOE situato in luoghi diversi dalla sede principale della società madre. Le filiali sono più semplici da registrare e gestire, ma sono limitate in molti aspetti, come l impossibilità di espandere l ambito di attività della WFOE oltre a quello specificato sulla licenza. Molte società a utilizzano le filiali per espandere la loro presenza in termini geografici. Ad esempio, i principali negozi di vendita al dettaglio in Cina sono generalmente filiali di una società commerciale a partecipazione straniera (FICE). Inoltre, possono essere interessanti quando la società ha bisogno di assumere personale locale nella città di destinazione, e quindi presentare dichiarazioni IRPEF e pagamenti previdenziali direttamente nel luogo di residenza dei dipendenti. L apertura di una filiale può quindi essere un alternativa pratica ed economica alla dislocazione di una WFOE. Le filiali hanno delle limitazioni, ma la loro facilità di registrazione e gestione le rende tuttavia un alternativa interessante per stabilire la propria presenza in un altra località Di seguito, andremo a discutere le limitazioni delle filiali e il processo di registrazione. Inoltre, menzioneremo un altra possibilità di espansione delle proprie attività, ovvero la conversione di un ufficio di rappresentanza (RO) in una società a totale partecipazione straniera (WFOE). I RO rappresentano per l investitore straniero un modo di testare il mercato cinese, in gran parte perché sono facili e veloci da costitutire e non richiedono un capitale registrato. Tuttavia, i RO hanno anche dei lati negativi, quali ad esempio un ambito di attività limitato, l impossibilità di emettere fatture e una limitata capacità di assumere personale:i dipendenti locali, infatti, possono essere assunti soltanto attraverso apposite agenzie governative (ad esempio il FESCO) e non possono superare le quattro unità di personale straniero per ufficio. Le regolamentazioni del 2010 (2010 RO Regulations), inoltre, Caratteristiche delle filiali hanno inasprito la tassazione in capo ai RO, rendendoli di fatto poco convenienti nel caso di un espansione dell attività in termini numerici e funzionali.. Molti investitori, per questa ragione, stanno valutando l ipotesi di conversione dei propri RO in WFOE. Le filiali Il processo di costituzione di una filiale è essenzialmente simile a quello di registrazione di una WFOE. Costituire una filiale non necessita di autorizzazione dal ministero del commercio: piuttosto, questa può essere registrata direttamente presso l Administration of Industry and Commerce (AIC). Una filiale non deve necessariamente aprire un conto bancario (può utilizzare quello della società madre) e, mentre una nuova filiale deve essere registrata presso l ufficio imposte locale, soltanto quelle filiali che vogliano emettere fatture (cioè le filiali operative) devono dichiarare su base mensile i propri redditi imponibili. Questo rende minima la manutenzione delle filiali non operative. Soltanto le filiali operative, inoltre, devono mantenere la loro propria contabilità e sottoporsi alla revisione annuale locale. Ambito di attività limitato L ambito di attività deve rientrare in quello della società madre Importazione ed esportazione negate: la società madre deve assumersene l incarico Non costituiscono entità giuridica Non costituiscono entità giuridica e la responsabilità ricade sulla società madre. Semplice costituzione Non è richiesta l autorizzazione dal ministero del commercio, piuttosto, possono essere registrate direttamente presso l Administration of Industry and Commerce (AIC). Non è richiesto capitale registrato. Non è necessaria l apertura di un conto bancario (può essere utilizzato quello della società madre). Facile gestione Devono essere registrate presso l ufficio imposte locale, ma soltanto le filiali che vogliono emettere fatture (filiali operative) devono dichiarare su base mensile i propri redditi imponibili, come da loro fatture emesse localmente. Soltanto le filiali operative, inoltre, devono mantenere la loro propria contabilità e sottoporsi alla revisione annuale locale.

10 Espansione: filiali e conversione di uffici di rappresentanza in società a totale partecipazione straniera Il processo di costtituzione di una filiale richiede da due a tre mesi come minimo. Per la filiale non è richiesto un capitale registrato, è piuttosto utilizzato quello della società madre a supporto. Quando si costituisce una filiale, quindi, è importante considerare se il capitale registrato e il CashFlow della WFOE siano sufficienti a supportare tale filiale. Per aumentare il capitale registrato è richiesta l autorizzazione del ministero del commercio e quindi il rinnovo della licenza commerciale della WFOE, il che significa ritornare agli stessi uffici governativi utilizzati per la costituzione della WFOE stessa. Soltanto questo processo necessita di due o tre mesi, allungando quindi in modo significativo il tempo richiesto per costituire e far funzionare una filiale. Conversione di un RO in una WFOE La regolamentazione sui RO del 2010 ha aumentato il margine di profitto presunto dal 10% al 15% e ha ribadito che ad un ufficio di rappresentanza è proibito svolgere attività a scopo di lucro. Un RO può intraprendere soltanto le seguenti attività: Analisi di mercato, esposizione di prodotti o servizi e attività promozionali collegate ai prodotti o ai servizi della propria sede centrale Attività di coordinamento per vendita di prodotti, fornitura di servizi, approvvigionamenti locali o investimenti locali per conto della sede centrale Nonostante queste disposizioni non siano state implementate ed applicate nel modo in cui molti si aspettavano hanno comunque spronato molti investitori stranieri a convertire i loro RO in WFOE. In realtà, il concetto di conversione di un RO in una WFOE di per sé non esiste, ma prevede invece due procedure separate che possono essere eseguite in qualsiasi ordine. Cancellare un RO e costituire una nuova WFOE sono due steps separati che possono essere eseguiti in qualsiasi ordine di preferenza (tuttavia, bisogna usare qualche accortezza se entrambe le strutture hanno lo stesso indirizzo legale). Poiché un RO non ha personalità giuridica, il termine cancellazione è utilizzato al posto di liquidazione, nonostante sia per molti aspetti una liquidazione. Cancellare un ufficio di rappresentanza La cancellazione di un RO può durare da sei mesi a più di due anni, a seconda del periodo di tempo richiesto per la cancellazione all ufficio imposte. La nuova WFOE può essere costituita durante il processo di cancellazione del RO La cancellazione di un RO inizia all ufficio imposte (revisione e saldo) e continua presso le altre autorità competenti, che possono variare su base geografica. Nonostante le fasi di cancellazione di un RO siano poche, la difficoltà di cancellare una posizione fiscale non deve essere sottovalutata. I RO che non abbiano adempiuto a tutti precedenti obblighi fiscali avranno delle particolari difficoltà a questo proposito. Il processo di costituzione di una WFOE è esposto a pag. 5 e descritto a pag. 6. Fase 1: Cancellazione presso l ufficio imposte Revisione contabile Saldo degli oneri fiscali Cancellazione della posizione fiscale Fase 2: Cancellazione presso le altre autorità * Cancellazione presso: State Administration Foreign Exchange (SAFE) L autorità doganale L amministrazione dell industria e del commercio (AIC); L ufficio qualità e supervisione tecnica L ufficio nazionale di statistica Chiusura dei conti bancari Ufficio di rappresentanza cancellato Tempo totale: Da sei mesi a più di due anni 10 China Briefing * Variabile su base geografica

11 Espansione: filiali e conversione di uffici di rappresentanza in società a totale partecipazione straniera Come gestire il personale durante una fase di transizione? Potrebbe essere molto difficile gestire le questioni legate al personale durante una fase di transizione, sia questa una dislocazione verso un nuovo distretto fiscale o verso una nuova città, oppure la conversione di un ufficio di rappresentanza in una società a totale partecipazione estera per servizi. Il livello di difficoltà è naturalmente maggiore in base al numero degli impiegati da trasferire. Mentre un RO o una WFOE per servizi avranno probabilmente meno dipendenti, una WFOE manifatturiera ne avrà molti di più. Per chiudere una società o un entità giuridica è necessario presentare una data di scadenza fiscale entro la quale essa non deve più avere dipendenti a libro paga. Dovranno essere intraprese azioni specifiche per gestire sia i dipendenti che continueranno ad essere impiegati sia quelli che non lo saranno. Da tenere a mente che per legge, per non incorrere in sanzioni, i dipendenti devono essere avvisati della transizione con almeno un mese di anticipo I dipendenti hanno diritto di scegliere se rimanere impiegati o meno nella nuova entità, in caso di dislocazione verso un nuovo distretto fiscale o verso una nuova città, oppure nel caso della conversione di un RO in una WFOE per. Dipendenti in non continuità di impiego Dipendenti in continuità di impiego La situazione migliore è quella in cui i dipendenti che non lavoreranno più per la società dopo la transizione (inclusi quelli che non desiderano cambiare luogo di lavoro) si dimettano. Per i dipendenti che non si dimettono, né il diritto contrattuale né il diritto del lavoro e le relative modalità di applicazione contengono disposizioni specifiche sulla dislocazione del personale. In base al diritto del lavoro, datore di lavoro e dipendente possono terminare un contratto di impiego qualora, attraverso una consultazione, raggiungano un accordo sulla questione. Il contratto può essere terminato anche quando una condizione oggettiva sottostante la conclusione dello stesso subisca un cambiamento significativo, ad esempio quando il contratto non può più essere eseguito, e se dopo la consultazione tra le parti non viene raggiunto un accordo sulla modifica dei suoi contenuti. In entrambe queste circostanze, il datore di lavoro deve risarcire il dipendente in base al numero degli anni in cui questi è stato impiegato (un mese di salario per ogni anno completo di lavoro). La società deve gestire, per i dipendenti in continuità d impiego da spostare, il trasferimento nella nuova città della registrazione ai fini della previdenza sociale (incluso il fondo per l abitazione). Oltre al nuovo contratto di lavoro, i dipendenti che lavoreranno per la nuova entità dopo la transizione dovranno firmare un contratto per il trasferimento con la nuova società. Tuttavia la società, per essere parte di questo contratto, deve avere prima ottenuto la licenza commerciale. Poiché coordinare la tempistica dell emissione della nuova licenza commerciale e della chiusura della posizione fiscale della precedente entità è particolarmente difficile, per evitare che un dipendente venga impiegato illegalmente da una delle due, è possibile incaricare un agenzia di risorse umane o di servizi professionali che assuma temporaneamente i dipendenti per conto della società durante la transizione. Alla costituzione della nuova società, l agenzia può trasferire questi dipendenti alla nuova entità, evitando le potenziali responsabilità legali connesse a tempistiche non corrette. China Briefing 11

12 Quando si ha bisogno di entrambi nel proprio business. Consulenza sugli investimenti in Cina Registrazione societaria, due diligence, consulenza legale, pianificazione fiscale, contabilità, gestione libri paga, revisione contabile e compliance aziendale Beijing: Dalian: Qingdao: Tianjin: Shanghai: Hangzhou: Ningbo: Suzhou: Guangzhou: Zhongshan: Shenzhen: Hong Kong: Scannerizzate questo QR code con il vostro smartphone per visitare Dezan Shira & Associates China India Vietnam Singapore 12 China Briefing Vent anni di Eccellenza

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA Natura giuridica e attivita dell Ufficio di Rappresentanza L ufficio di rappresentanza (Representative Office, RO) e la forma piu semplice di presenza in Cina per le imprese

Dettagli

LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO

LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO Le forme di investimento in Cina La normativa cinese sugli investimenti stranieri consente agli investitori stranieri di realizzare diversi tipi di societa. Una

Dettagli

Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale

Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale Numero 127 settembre 2012 Da Dezan Shira & Associates Le convenzioni contro la doppia imposizione fiscale IN QUESTO NUMERO Convenzioni contro la doppia imposizione fiscale per gli investimenti in Cina

Dettagli

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI*

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI* N.B.: La traduzione della presente legge, curata dall Istituto nazionale per il Commercio Estero, ha fini esclusivamente divulgativi e non è da intendersi come traduzione ufficiale. Si esclude ogni forma

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina 1 Agenda > Tutela dei diritti di proprietà individuale > Joint Venture/WOFE > Comprare e vendere in Cina > Servizi offerti dall Ufficio di Rappresentanza 2 3 Tutela dei diritti di proprietà individuale

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y CINA TASSAZIONE DEI LAVORATORI STRANIERI PRESENTI IN CINA di Avv. Francesco Misuraca Criteri di tassazione dei lavoratori stranieri presenti in Cina La normativa generale cinese, che va comparata con le

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

DISTRIBUZIONE E VENDITA AL DETTAGLIO: ASPETTI FISCALI

DISTRIBUZIONE E VENDITA AL DETTAGLIO: ASPETTI FISCALI Palazzo Giureconsulti Sala Parlamentino Piazza Mercanti No. 2 Milano DISTRIBUZIONE E VENDITA AL DETTAGLIO: ASPETTI FISCALI International Accounting and Tax Consultancy Lorenzo Torquati, Tax Manager l.torquati@diacron.cn

Dettagli

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy Data Dichiarazione d impegno unilaterale Il sottoscritto / la sottoscritta, nato il a titolare / legale rappresentante

Dettagli

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE Di seguito illustreremo le normative italiane che, riferendosi alle cosiddette blacklists hanno conseguenze importanti, in termini di oneri burocratici e perdita di

Dettagli

LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE)

LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE) LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE) Informazioni generali sulla WFOE Gli investimenti diretti esteri in Cina dal punto di vista della proprieta del capitale possono essere effettuati in collaborazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE NORMATIVA FISCALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Tassazione delle società a Singapore Le società registrate a Singapore (Private Limited Companies, Sole Proprietorships e Partnerships)

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

Promozione della proprietà d abitazioni

Promozione della proprietà d abitazioni Promozione della proprietà d abitazioni Chi vuole realizzare il sogno di una casa propria, può utilizzare per il relativo finanziamento anche i fondi risparmiati con la previdenza professionale. Di seguito

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare with the support of a company participated by Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC.

Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC. Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC Giugno 2010 DOCUMENTI 2010 INDICE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap.

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap. struttura bancaria consiste della Reserve Bank - Banca di Vanuatu, un grande numero di banche commerciali internazionali ben noti, commerciante e le banche di proprietà statale Development Bank (Divelopment

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y RUSSIA RUSSIA: PROCEDURA DI COSTITUZIONE DELLE SOCIETÀ, LE SRL di Avv. Francesco Misuraca Definizione delle forme societarie L'attività imprenditoriale in Russia può essere condotta sotto diverse forme

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

In qualità di rappresentante legale della. codice fiscale/p.iva con sede legale in. (Prov. ) indirizzo C.A.P., telefono.

In qualità di rappresentante legale della. codice fiscale/p.iva con sede legale in. (Prov. ) indirizzo C.A.P., telefono. ALLEGATO 3 A RISCOSSIONE SICILIA S.p.A. AGENTE DELLA RISCOSSIONE SEDE PROVNICIALE DI SPORTELLO DI ISTANZA DI RATEAZIONE AI SENSI DELL ART. 19 D.P.R. N. 602/1973, SUCCESSIVA AD UNA PRECEDENTE ISTANZA DI

Dettagli

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36%

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Circolare N.137 del 19 ottobre 2011 Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che l art.2,

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Gestione d impresa in Belarus

Gestione d impresa in Belarus Gestione d impresa in Belarus Contenuto Benefici da impresa di proprietà in Belarus (p. 6) Procedura della registrazione d'impresa (p. 7) Quale tipo d'impresa scegliere? (p. 8) Aziende con investimenti

Dettagli

Chiusura di un Ufficio di Rappresentanza e Liquidazione Societaria in Cina

Chiusura di un Ufficio di Rappresentanza e Liquidazione Societaria in Cina Aggiornamenti legali e fiscali da Dezan Shira & Associates www.china-briefing.com/it Chiusura di un Ufficio di Rappresentanza e Liquidazione Societaria in Cina In questo numero: La chiusura di un ufficio

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

In collaborazione con CORSO DI FORMAZIONE BUSINESS CHINA 2.0

In collaborazione con CORSO DI FORMAZIONE BUSINESS CHINA 2.0 In collaborazione con CORSO DI FORMAZIONE BUSINESS CHINA 2.0 2011 CORSO DI FORMAZIONE BUSINESS CHINA 2.0 2011 La Cina rappresenta un nuovo fattore competitivo per lo sviluppo strategico delle aziende del

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

LA JOINT VENTURE. Informazioni generali sulla Joint Venture

LA JOINT VENTURE. Informazioni generali sulla Joint Venture LA JOINT VENTURE Informazioni generali sulla Joint Venture La Joint Venture (JV) e una società giuridica cinese frutto di un investimento congiunto da parte di società, imprese e altri enti economici stranieri

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE _l _ sottoscritt Cod. Fisc. Nat_ a: il / / Residente a prov. in Via: n. C.A.P. tel. cell. e-mail Data 1^ iscrizione a previdenza complementare

Dettagli

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco di internazionalizzazione sul mercato turco International Accounting and Tax Consultancy FORUM UNICREDIT INTERNATIONAL TURCHIA 20 Giugno 2014 Palazzo Ciacchi Via Cattaneo, 34 PESARO Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y HONG KONG DIRITTO SOCIETARIO AD HONG KONG di Avv. Francesco Misuraca Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad Hong Kong Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

PG&Partners. www.pgpartners.it

PG&Partners. www.pgpartners.it PG&Partners www.pgpartners.it UN TEAM PER QUALSIASI META I contesti locali e internazionali in cui navigano le imprese sono sempre più complessi. Lo studio PG&Partners è composto da Avvocati, Dottori Commercialisti

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI L apporto di liquidità dei soci alle società partecipate può avvenire a diverso titolo, passando dal prestito (quindi con previsione di restituzione sin

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

JONES DAY COMMENTARY

JONES DAY COMMENTARY settembre 2006 JONES DAY COMMENTARY Aspetti Fiscali delle operazioni immobiliari Le novità del Decreto Bersani Negli ultimi mesi il governo italiano ha operato una importante riforma della fiscalità delle

Dettagli

Oggetto: LE REGOLE PER L EFFETTUAZIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DEI SOCI ALLE SOCIETÀ PARTECIPATE

Oggetto: LE REGOLE PER L EFFETTUAZIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DEI SOCI ALLE SOCIETÀ PARTECIPATE Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE REGOLE PER L EFFETTUAZIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DEI SOCI ALLE SOCIETÀ PARTECIPATE Molto spesso i soci persone fisiche si trovano nella condizione di sostenere

Dettagli

Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1

Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1 Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1 Prot. n del Data consegna Spett.le Comitato di Gestione EBIM Fondo Sostegno al

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Gli investimenti esteri in Cina CHIETI, 7 OTTOBRE 2013 FROSINONE, 10 OTTOBRE 2013 A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Contenuti - CINA 1. Gli Uffici di Rappresentanza

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Il manuale per i manager in Cina

Il manuale per i manager in Cina Numero 123 aprile 2012 Da Dezan Shira & Associates Il manuale per i manager in Cina IN QUESTO NUMERO: Responsabilità del rappresentante legale Obblighi e responsabilità delle posizioni chiave nelle società

Dettagli

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Premessa Indice 1. A cosa serve il Fondo di Garanzia 2 2. Quali operazioni possono essere garantite ad un libero professionista

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale Cari Colleghi, dopo un lungo periodo di analisi e discussioni, ci troviamo a confrontarci concretamente al pari di molti altri Fondi Pensione - con la possibilità di decidere direttamente le caratteristiche

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

Forme di presenza in India

Forme di presenza in India Forme di presenza in India Camera di Commercio di Cuneo 25 giugno 2007 Modello inglese Il COMPANIES ACT (1956) prevede sostanzialmente due categorie di società: PRIVATE (piccole e medie imprese) PUBBLICHE

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 22 NOVEMBRE 2010 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...7 MODELLI

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

Budget e Rendicontazione Finanziaria

Budget e Rendicontazione Finanziaria Budget e Rendicontazione Finanziaria DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO ALLA REDAZIONE DEL BUDGET 2 1. DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli