SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI. LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) di Stefania Mornati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI. LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA (1957-61) di Stefania Mornati"

Transcript

1 SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) di Stefania Mornati La sede del Ministero delle Finanze, ormai ridotta allo scheletro portante, è oggetto di un programma di totale smantellamento. Dopo una serie di importanti modifiche effettuate a più riprese per adeguarla alle normative vigenti e alle mutate esigenze funzionali, dopo anni di abbandono e la vendita da parte dell EUR Spa ad una società privata, la struttura inizia il suo effettivo declino nell agosto 2007, con l apertura del cantiere per un intervento di manutenzione straordinaria, che prelude alla totale demolizione 1. Completato dapprima lo svuotamento degli interni, i lavori hanno riguardato lo smontaggio delle facciate e, dopo notevoli ritardi dovuti alla bonifica dall amianto, lungaggini burocratiche e difficoltà tecniche, si sono infine interrotti 2. Oggi (maggio 2010), dopo circa due anni di fermo del cantiere, gli edifici si presentano nella loro nuda modernità strutturale, con le intersezioni di piani verticali e orizzontali avvolte in una rete di protezione e ancor di più dichiarano il contributo offerto alla elaborazione di una dimensione internazionale della città. Meritatosi un posto nella Carta per la Qualità 3, documento non vincolante collegato al nuovo Piano regolatore di Roma, perché considerato tra i manufatti della città contemporanea ai quali venivano riconosciuti significativi elementi di qualità architettonica, urbana, di funzione o d'uso e, quindi, degni di essere conservati con attenzione e con adeguato rispetto, il complesso ministeriale ne veniva stralciato nel 2008, deliberando, dopo l apertura del cantiere, la modifica del relativo elaborato della Carta. Tra le molte ragioni che ne hanno motivato l esclusione vi era il programma di modernizzazione architettonica e funzionale dell Eur e la rivitalizzazione di un ambito urbano di grande rilievo 4. Come esempio di originale impostazione urbanistica, di evoluzione della concezione architettonica e tipologica, di innovazioni di carattere costruttivo, la sede del Ministero delle Finanze ha rivestito un ruolo significativo nel panorama architettonico moderno, in particolare a Roma. La sua costruzione ha contribuito a delineare i tratti salienti di quella temperie sperimentale che negli anni cinquanta ha coinvolto il settore dell edilizia e ha visto nella nascita dei grattacieli un terreno privilegiato per l applicazione di tecniche innovative e oggetti ad alto valore simbolico. L interesse quindi per questo gruppo di moderni obelischi dell Eur risiede proprio nella necessità, a fronte della rinviata ma ormai i- nevitabile perdita, di documentarne il valore storico, scavando nella documentazione che, anche alla luce della disponibilità dei materiali dello studio di Cesare Ligini, confluito recentemente nell Archivio Centrale dello Stato, rimane comunque incompleta 5. La collocazione di edifici pubblici all Eur rientra nell ambito di quel complesso di iniziative che, dopo l interruzione per gli eventi bellici del progetto espositivo internazionale previsto per il 1942, è diretto ad attuare un piano di decentramento amministrativo promosso da Virgilio Testa, commissario straordinario dell Ente Autonomo Esposizione Universale di Roma. Il programma di trasloco degli uffici, che si affianca alla costruzione di alcuni importanti impianti sportivi per le Olimpiadi del 1960, è rivolto a creare un nuovo polo di attrazione che sia di impulso alla ripresa di quel quartiere ai margini della città storica, determinandone una precisa identità urbana. È lo stesso Testa ad assegnare direttamente l incarico del progetto di massima della nuova sede del Ministero delle Finanze agli architetti Vittorio Cafiero, Cesare Ligini, Guido Marinucci, Renato Venturi, dando come termine per la consegna del progetto preliminare il 1 luglio Il successivo 25 settembre viene firmata la convenzione tra l Ente e i progettisti per la redazione del progetto esecutivo e la direzione dei lavori 6. L assegnazione diretta dell incarico suscita l amara ironia di Bruno Zevi che, commentando l eccessiva autonomia decisionale di Testa, definisce l Eur uno dei tre Stati indipendenti che insistono sul territorio nazionale (oltre San Marino e il Vaticano) e che può quindi sfuggire alla legge italiana per la quale gli edifici pubblici devono essere progettati mediante concorsi nazionali 7. Chi sono i progettisti? Ligini ( ) fa le prime esperienze nella scenografia dove ha modo di esprimere le sue notevoli doti di disegnatore; aderisce al movimento razionalista e poi confluisce nell APAO. Progetta padiglioni per fiere espositive in Europa e America acquisendo una spiccata dimensione internazionale. Appena prima dell incarico per il Ministero aveva vinto il concorso per il Velodromo Olimpico dell Eur, insieme a Dagoberto Ortensi e Silvano Ricci, con un progetto che aveva suscitato e- stesi consensi. Anche Cafiero ( ), allineato dapprima sulle tesi del futurismo ma poi convinto razionalista, lavora come scenografo. Al suo attivo aveva il progetto, insieme ad altri, del Ministero dell Africa Italiana di cui, all inizio degli anni cinquanta - allorché diventa sede del-

2 LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) Fig. 1: Vista del complesso del Ministero delle Finanze le FAO - progetta l ampliamento; mentre lavora al Ministero delle Finanze partecipa anche al progetto per il Villaggio Olimpico con Libera, Moretti, Luccichenti e Monaco. Venturi ( ) e Marinucci ( ), i più giovani, sono nella compagine dell ufficio tecnico dell Ente Eur e, dal 1952, collaborano alla elaborazione del Piano di fabbricazione dell Eur. Il primo è alla Direzione dei servizi di Architettura e urbanistica ed è assistente ordinario alla Facoltà di Architettura di Roma. Marinucci, laureato da poco, nel 1952, è dal 1954 capo dell Ufficio architettura e dal 1956 vice direttore del Servizio urbanistica; anch egli è coinvolto nella didattica universitaria, in particolare nei corsi di Saverio Muratori, di cui era stato allievo e con il quale ha sporadiche collaborazioni professionali (anche Ligini e Venturi avevano svolto attività professionale con Muratori). Forti del loro ruolo all interno dell Ente, Venturi e Marinucci avevano già avuto l incarico del progetto della sede del Ministero del Commercio con l Estero, ubicata nel lotto accanto a quello del Ministero delle Finanze; l edificio a quell epoca è in costruzione e verrà ultimato all inizio del È quindi un gruppo di progettisti molto attivo, colto e ben inserito nel panorama professionale romano, che si caratterizza soprattutto per il costante lavoro di studio e per l aggiornata attività progettuale, pronta a rispondere alle opportunità offerte dal mercato, piuttosto che per il coinvolgimento diretto nel dibattito architettonico di quegli anni. Come è già stato rilevato, è difficile, in tali casi, valutare l entità del singolo contributo, ma sulla scorta delle precedenti e- sperienze dei progettisti, e forse per quella sensibilità internazionale acquisita da Ligini nell allestimento dei padiglioni fieristici, la paternità dell idea architettonica originale viene attribuita a quest ultimo 8 ; dagli appunti di studio risulta che Cafiero si sia interessato in particolare degli aspetti distributivi 9. Il complesso è situato all interno di uno dei due grandi lotti frontistanti, disposti lungo i principali assi del quartiere, destinati anche ad altri insediamenti ministeriali: in quell area sono infatti previsti il Ministero del Tesoro, gli uffici del Catasto e il Ministero per il Commercio con l Estero, l unico - come si è visto realizzato. Il Ministero delle Finanze, benché posto in posizione decentrata rispetto al cuore di quella congegnata scenografia urbana dell Eur, ne impegna un nodo nevralgico, poiché si costituisce come fondale prospettico della via Cristoforo Colombo, la maggiore arteria di attraversamento automobilistico, imponendosi come punto di fuga riconoscibile, anche in un rapido passaggio, sia in entrata che in uscita dalla città. L insolita sagoma dell organismo edilizio ministeriale si impone nella sequenza di mire prospettiche e di emergenze monumentali - costituita dalle esedre gemelle, dall obelisco intitola-

3 SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI Fig. 2: Schema della planimetria generale to a Marconi e, sorvolando l incavo del lago artificiale, dal costruendo Palazzo dello Sport - percepita più alla scala cinetica del percorso in automobile che non nel lento evolvere del tragitto pedonale. Da qui, probabilmente l idea di cogliere questa singolare condizione urbana per sviluppare in altezza alcuni dei volumi e denunciarne con chiarezza la presenza. Il complesso edilizio insiste sull intera superficie rettangolare dell isolato, estesa per circa metri quadrati, compreso tra via. C. Colombo. Viale America, Viale Boston, viale Europo. Esso è costituito da cinque corpi di fabbrica di cui due bassi (indicati negli elaborati con le lettere A e D) e tre sviluppati in altezza (B, C e C1), tutti comunicanti tra loro mediante un volume di collegamento (S) al livello del primo piano, che lascia al di sotto un percorso porticato. L edificio A, posto nell angolo sud ovest, ha pianta quadrata ed è costituito da un piano terreno porticato e tre piani superiori; ospita la sede del Ministro e gli uffici di rappresentanza. L edificio D si sviluppa su una pianta rettangolare che occupa l intero lato orientale dell area con quattro piani fuori terra e due interrati: è la sede del Comando generale della Guardia di Finanza. I tre edifici alti - diciassette piani fuori terra e due interrati - sono destinati alle direzioni generali e agli archivi e, raggiungendo l altezza di 68 metri, possono vantare la denominazione di grattacieli ; l edificio B ha una pianta pressoché quadrata con chiostrina, gli altri due hanno pianta rettangolare stretta, sono identici ma disposti in posizione tra loro ortogonale. I piani interrati, che occupano quasi interamente l area del lotto, sono destinati ai locali tecnici e all autorimessa. La presenza dei tre grattacieli qualifica immediatamente, con una nota di assoluta originalità, l impianto compositivo, diventando la principale caratteristica del progetto. L impiego di questa tipologia edilizia era da considerare innovativo per una città come Roma: è proprio in quegli anni infatti che nella capitale esordiscono le costruzioni sviluppate in altezza, tutte circoscritte al nuovo quartiere dell Eur che, dopo quello in corso di realizzazione a nord di Milano, si propone come il secondo centro direzionale del Paese. In particolare, quando si avvia la costruzione della nuova sede ministeriale era già iniziato il cantiere del primo grattacielo romano (21 piani), che fino ai primi anni settanta sfoggerà sul coronamento la scritta Grattacielo Italia 10. Questo, nonostante l aggiornamento tecnologico esibito attraverso una singolare facciata continua, era declinato con un linguaggio approssimato ad una connotazione classica dell architettura e sensibile ai temi dell ambientamento, come testimoniano gli studi di progetto e gli schizzi prospettici che rinviano con eloquenza a quell intorno urbano pensato per l evento espositivo dell E42 e che ora, in parte, viene realizzato con il completamento di alcuni degli edifici che erano stati interrotti 11. Le torri del Ministero, che seguono a ruota quel primo grattacielo, ostentano un linguaggio decisamente più innovativo affrancandosi da riferimenti compositivi di tipo classico, sanciscono un momento di rottura rispetto ai modelli edilizi che fino ad allora avevano qualificato il quartiere ed aggiungono un elemento ancor più peculiare nella volumetria urbana in via di rinnovamento: non si tratta qui di costruire un altro grattacielo all Eur, bensì di concentrarne tre in un unico lotto; tre torri vicine che richiamano esplicitamente i panorami urbani del nord America, come suggeriscono alcune suggestive riprese fotografiche. I criteri generali di dimensionamento dei corpi di fabbrica che sono alla base degli approfondimenti del progetto sono sviluppati da Ligini in una serie di schizzi di studio e in un dattiloscritto 12 - destinati all attenzione degli altri componenti del gruppo - che indicano con chiarezza alcuni orientamenti. Con piglio manualistico Ligini elabora diagrammi su diverse ipotesi distributive e individua tre nuclei funzionali autonomi (che coincideranno poi con la sede del Ministro, con quella della Guardia di Finanza e con i blocchi turriti delle direzioni generali); scarta subito l eventualità di subordinare lo sviluppo architettonico del progetto a criteri che mettano

4 LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) Fig. 3: C. Ligini, Studi per i grattacieli (ACS) in relazione le diverse sezioni del Ministero, facendo emergere invece una generica necessità di pensare ad un grosso palazzo per uffici, i cui vincoli progettuali sono determinati unicamente dal contesto ambientale, dalle volumetrie edificabili, da ragioni economiche. Mentre appare imprescindibile l organizzazione modulare del sistema per garantire la massima flessibilità degli ambienti, siano essi grandi sale o uffici, egli opera una decisa semplificazione funzionale e distributiva, per la quale prevale l iterazione di cellule uguali, dal momento che le sale di grandi dimensioni e le situazioni particolari non assumono carattere di serialità. Come diretta conseguenza scaturisce l esigenza di suggellare l atipicità del complesso facendo leva sull articolazione dei volumi, esigenza limpidamente sintetizzata nella frase: non sembra assurdo iniziare il discorso dall esterno per arrivare all interno 13. Ligini intende spostare l attenzione non più sull impaginato dei prospetti, come evidentemente era stato ipotizzato in precedenza, quanto sull efficacia simbolica dei volumi che dovranno essere chiari, stereometricamente esatti, straordinariamente emotivi, nei quali il ritmo delle bucature deve assumere solo un valore di pelle del volume stesso - (E il caso dell infisso-facciata) 14. E sul nucleo funzionale dei blocchi turriti che si concentra, quindi, il gruppo di progettazione e in particolare Ligini; egli insiste poi su alcuni criteri progettuali che dovrebbero generare la forma degli edifici; tra questi privilegia la chiarezza nei percorsi, la creazione di corridoi brevi e ben illuminati, l eliminazione di chiostrine in favore di una visuale libera per tutti gli uffici, la riduzione delle altezze dei piani al minimo consentito, la riduzione del numero delle scale a vantaggio degli ascensori, la creazione di un area a giardino. Si aggiungono considerazioni di carattere tecnico come la standardizzazione e la modularità dei divisori interni così da poter far fronte ai mutamenti imprevedibili di una disposizione ora giudicata ottima. Da queste riflessioni si origina la preferenza per un corpo di fabbrica triplo, a scapito di quello quintuplo che, secondo Ligini, avrebbe comportato la presenza delle chiostrine; la tripartizione - prosegue l architetto - a- vrebbe inoltre consentito un sensibile risparmio di spazio da destinare ai servizi, una minore e- stensione delle facciate esterne, una riduzione del volume apparente in rapporto alla superficie utile e, infine, una maggiore flessibilità degli ambienti. Ma quale geometria dare alle torri tra i 13 schemi che Ligini elenca nel suo appunto? Egli confronta alcune ipotesi di lavoro, ne valuta i vantaggi e gli svantaggi anche sul piano dei rapporti architettonici che si instaurano per la presenza degli altri due corpi bassi, ne fornisce un sommario giudizio. Buone appaiono le due soluzioni a croce, ma l incrocio dei bracci risulta scarsamente utilizzabile; anche la soluzione di un unico grattacielo lineare è interessante, anche se più impegnativa dal punto di vista volumetrico ed architettonico; ottima si dimostra invece la soluzione a tre corpi disuguali (a formare una T). Il vaglio di altre forme più complesse e articolate testimonia l attenzione riservata alla definizione dei volumi dei grattacieli; quindi Ligini verifica ancora le piante a croce ma con diverse forme e dimensioni dei bracci, la pianta ad Y, la pianta stellare, che reputa di difficile inserimento con gli altri corpi di fabbrica; si diverte esaminando la pianta a tre bracci cur-

5 SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI Fig. 4: C. Ligini, I grattacieli nella versione definitiva (ACS) Fig. 5: C. Ligini, Prime ipotesi per le piante dei grattacieli (ACS) vilinei che definisce soluzione folle, o altre forme che classifica come soluzione classicheggiante, soluzione curiosa, sino ad individuare tre corpi di fabbrica distinti, semplici, inizialmente diversi ma poi, infine, arriva alla forma definitiva che resterà sostanzialmente invariata, a meno di limitate correzioni dimensionali che deriveranno dal confronto con le istanze strutturali. Si tratta ora di passare dagli schemi al progetto e quindi di stabilire le dimensioni degli uffici; Ligini si concentra sui due edifici uguali, dalla pianta rettangolare allungata. Egli, come si è detto, imposta il progetto architettonico su un sistema modulare, in sintonia con i moderni concetti di economia e praticità, e al modulo assegna anche un valore compositivo. Per prima cosa posiziona le scale e i servizi igienici sul perimetro. Confortato delle indicazioni riportate sull Enciclopedia pratica per progettare e costruire di Ernst Neufert, in cui per dimensionare gli ambienti d ufficio l autore fa riferimento alla larghezza delle finestre, per la quale è ammessa la misura di 1,25 metri rapportata ad una profondità della stanza compresa tra 4,50 e 6 metri, Ligini individua in 1,35 metri la misura più appropriata del modulo. Essa determina la dimensione della maglia progettuale che Ligini fa coincidere con la dimensione minima longitudinale della cellula base e assume come interasse per i pannelli della facciata. La dimensione minima, associata a quella trasversale massima prevista da Neufert in 6 metri, determina una superficie di 8,10 metri quadrati, utilizzabile - secondo l architetto - per l ufficio di una dattilografa e corrispondente alla metà di un ufficio normale. L interasse strutturale è scandito dalla maglia di progetto ed è definito nella misura di quattro moduli, cioè 5,40 metri. Rimane da determinare la larghezza del corridoio centrale che taglia l intero fabbricato e, conservando l approccio modulare, essa viene individuata in prima approssimazione nella misura di 2,70 metri. La scelta del modulo era di basilare importanza poiché ad esso si sarebbero riferite tutte le altre misure strutturali e architettoniche. L argomento, benché in quegli anni oggetto frequente delle ricerche specialistiche sulla unificazione e lo standard in edilizia, non trovava soluzioni univoche. Di fatto ogni progettista sceglieva una dimensione propria, non sempre rivelata all esterno dalla divisione ritmica della facciata, privilegiando uno o più aspetti del problema: il modulo, che assume un valore generale, può regolare la distribuzione interna, lo spazio funzionale minimo o le dimensioni e la disposizione degli arredi, la trama strutturale o la larghezza delle finestre ecc. Per fare qualche esempio, il grattacielo Pirelli ( ) si basa su un modulo di 95 cm, il grattacielo Galfa ( ) su un modulo di 75 cm, la sede delle Nazioni Unite a New York ( ) utilizza un modulo di 122 cm, la Lever House ( ) ha la stessa campata strutturale dell ONU ma con un modulo di circa 142 cm, portato poi dagli stessi progettisti a 147 cm nell edificio della Chase Manhattan Bank (1960); ancora un modulo di 142 cm è impiegato da Mies nel Seagram Building ( ) e di 106 cm nei Commonwealth Promenade Apartments ( ), citati come il più immediato riferimento per i grattacieli finanziari. Le diverse dimensioni del modulo, che si differenziano a volte di pochi centimetri, evidenziano quindi non tanto la ricerca dello spazio più idoneo alla definizione dell unità minima di lavoro, quanto l individuazione di una regola interna che governi l intero organismo edilizio, coordinando in tal modo alcuni dei componenti edilizi di produzione industriale. Dagli schizzi a matita di Ligini, incentrati sulla

6 LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) Fig. 6: Piante definitive dei grattacieli determinazione degli spazi, si evince già la chiarezza dell impianto strutturale. I due edifici gemelli rettangolari, che in questa fase misurano 14,90x38 metri, devono avere tutte le facciate completamente libere da ingombri strutturali e questa scelta condiziona l ordinamento dello scheletro portante. Ligini dispone quindi una serie di pilastri rettangolari a formare sette telai, dalla bella luce di oltre 9 metri e sbalzi di circa 2,70 metri, posti, come si è detto, a distanza di 5,40 metri. Per l altro grattacielo l architetto ritorna al corpo quintuplo, della stessa lunghezza dei primi ma largo 28,40 metri. Si trova quindi a dover reintrodurre una grande chiostrina, disponendo le scale e i servizi sui suoi lati corti e il corridoio all interno, in modo che tutte le stanze siano poste sulla fascia esterna e possano continuare a godere della visuale e della luce naturale. La struttura portante si distribuisce sulla maglia progettuale che rimane invariata, prevedendo una serie di pilastri sulla chiostrina e lasciando verso l esterno lo stesso sbalzo di 2,70 metri. Gli altri edifici del complesso sono sommariamente indicati negli schizzi di studio con geometrie più o meno articolate che, a differenza delle torri, troveranno una decisa semplificazione nella definizione successiva. Il confronto con l ipotesi strutturale porta a rivedere alcuni dimensionamenti generali che poco incidono sull impianto messo a punto dai progettisti. La struttura dei vari corpi di fabbrica è in cemento armato: materiale più vicino alla consuetudine progettuale dei nostri ingegneri e ormai alla portata di tutte le imprese, tanto da far passare in secondo piano, anche per gli edifici alti, l inevitabile allungamento dei tempi di realizzazione rispetto alla struttura metallica e consente, inoltre, l insana abitudine nazionale di apportare progressivi affinamenti del progetto durante la costruzione. Anche se, in generale, nei cantieri italiani si devono registrare una progressiva razionalizzazione del lavoro, l accelerazione e una maggiore automazione del processo di confezionamento del calcestruzzo, una più spinta meccanizzazione e la semplificazione delle operazioni di sollevamento, l organizzazione complessiva del ciclo produttivo prosegue con ritmi ordinari, ben lontani da quella pianificazione del lavoro che, dal progetto alla messa in opera, distingue le costruzioni d oltreoceano. Gli investimenti delle piccole imprese italiane in impianti e macchinari rimangono comunque limitati; i materiali costruttivi impiegati sono prevalentemente quelli della tradizione. Ne deriva, in generale, un ridotto stimolo alla specializzazione e all evoluzione tecnologica dell impresa, che resta ancorata alla microdimensione. Nonostante l introduzione di tecnologie costruttive più aggiornate e la loro integrazione con quelle consolidate, l assetto organizzativo del cantiere non manifesta una reale revisione delle procedure e gli elementi che offrono un sensibile contributo all incremento della produttività, e quindi alla riduzione dei tempi di costruzione, si limitano all impiego di casseforme standardizzate e all adozione di componenti prefabbricati per alcune finiture interne ed esterne (divisori, pannelli di facciata, impianti ecc.). Il progetto delle strutture della sede ministeriale è affidato all ingegnere Alfredo Passaro. I fabbricati bassi hanno una impostazione strutturale ordinaria, con pilastri in vista al piano terreno porticato; l unica nota inconsueta è nella sede del Ministro dove i solai sono sospesi alle travi di copertura tramite tiranti. Questa soluzione si è resa necessaria, data la limitata altezza del fabbricato, per evitare la presenza di travi e- mergenti o solai di grande portata e per lasciare ampie sale prive dell ingombro dei pilastri. Le torri, dati i rilevanti carichi previsti (come si è detto erano destinate anche ad ospitare gli archivi) e la natura del sottosuolo, caratterizzato da strati di roccia silicea fessurata sovrastante un banco di argilla plastica, hanno richiesto soluzioni particolari sin dalle fondazioni. È stato necessario scendere ad oltre 25 metri di profondità, consolidare lo strato ghiaioso e adottare fondazioni a pali di grande diametro 15. Gli scavi, iniziati nel mese di settembre del 1957, si sono protratti per sei mesi. Per la struttura in

7 SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI Fig. 7: Prospetti su via C. Colombo e viale America (ACS) elevazione l ingegnere adotta uno schema non privo di interessanti caratteri di novità, soprattutto se confrontato con il grattacielo Italia. Mentre quest ultimo infatti si avvale di un sistema statico semplice, impostato su criteri prudenziali, dai caratteri assolutamente ordinari (una maglia regolare di travi e pilastri con luci ridotte e aggetti estremamente contenuti), parzialmente leggibile in facciata, i grattacieli finanziari presentano un ossatura a setti portanti; lo sbalzo dei solai previsto dagli architetti viene conservato, anche se ridotto, così che la pelle possa occultare interamente la struttura e assecondare l esigenza dei progettisti di affidare la caratterizzazione del complesso ai volumi puri. L inusuale dispositivo statico adottato da Passaro era stato impiegato per la prima volta da Milton M. Schwartz nell Executive House a Chicago, che veniva completato nel 1957, e si era rivelato particolarmente adatto a risolvere i problemi del controventamento negli edifici alti a configurazione lamellare. Anche in Italia gli usuali schemi strutturali in cemento armato erano oggetto di continue revisioni. A Milano si concentrano le soluzioni più esemplari, nelle quali peraltro Arturo Danusso è sempre presente, se non come diretto responsabile, in qualità di consulente: pezzi unici rimangono l originale configurazione strutturale della torre Velasca ( ), o il singolare impianto messo a punto da Nervi per il grattacielo Pirelli o, infine, le lastre portanti che si biforcano salendo della torre Galfa, l edificio che tra quelli citati è, sul piano del linguaggio, certamente il più allineato alle tendenze internazionali. È proprio a quest ultimo modello statico che rinvia quello u- tilizzato nelle torri delle Finanze. Setti portanti, quindi, che si comportano come mensole incastrate alla fondazione, che sostituiscono i primi pilastri rettangolari pensati da Ligini. La struttura si allinea ad un reticolo di base impostato su una maglia ortogonale il cui modulo, portato di fatto a 1,37 metri, varia di poco rispetto a quello del progetto architettonico. I setti sono armati con barre lisce e sono fittamente staffati 16. Nei grattacieli gemelli, dalle dimensioni complessive divenute ora di 38,64x13,92 metri, i setti, alla base lunghi circa 4,11 metri (3 moduli) e spessore che si rastrema con l altezza, sono posti a distanza di 8,22 metri, corrispondente a 6 moduli. Unica variazione del ritmo strutturale si ha in corrispondenza dei vani scala e ascensori, dove i ritti si infittiscono e arrivano a lambire il perimetro. Per lasciare la più completa libertà alla distribu-

8 LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) Fig. 8: Uno dei grattacieli in costruzione Fig. 9: Una prima ipotesi per la facciata continua dei grattacieli: si notano i pilastrini in calcestruzzo, l infisso in ferrofinestra e i rivestimenti con lastre di pietra (ACS). zione interna le travi sono inglobate nei solai che aggettano di un modulo sui fronti lunghi e di due moduli sulle testate. I solai sono realizzati in opera: sono del tipo Stimip B a nervature incrociate in calcestruzzo, delimitate da elementi laterali e fondelli laterizi, con tavelle superiori e inferiori a formare una intercapedine. Il terzo grattacielo, che ora misura 38,64x27,63 metri, subisce una revisione della struttura ipotizzata da Ligini. I setti hanno le stesse dimensioni di quelli degli edifici gemelli e sono disposti nelle due direzioni ortogonali, con interassi variabili da quattro a sei moduli. Una serie di pilastri sul perimetro della chiostrina, dove sono concentrati i servizi, le scale e gli ascensori, integra l impianto strutturale. Le travi sono ancora a spessore e l aggetto dei solai è quasi ovunque dell ordine di 1 modulo. Le canalizzazioni impiantistiche degli edifici si diramano a soffitto ai diversi piani dove giungono salendo all interno di una cavità che attraversa verticalmente i setti. L elemento che caratterizza il complesso è certamente il suo impianto compositivo, che è forse ciò che più lo accomuna ai Commonwealth Apartments, ma anche quella pelle che avvolge le torri, di cui Ligini disdegnava la potenzialità estetica e che dei grattacieli di Mies ripropone la serrata modularità. La documentazione dell archivio Ligini ha messo in evidenza una precedente ipotesi per le facciate delle torri che, pur proponendo la stessa trasparenza e lo stesso ritmo della soluzione definitiva, contrastava nettamente per materiali e soluzioni tecnologiche con l accentuata modernità dell organismo edilizio. Era infatti prevista una fitta intelaiatura di sottili pilastrini (11x9 cm) in cemento armato, posti sul filo dei solai a interasse di un modulo, entro la quale erano inseriti serramenti a tutta altezza in ferrofinestra tripartiti; il fronte dei solai e quello dei pilastrini erano rivestiti con lastre di pietra di 6 cm; una fascia di coronamento alta 1,10 metri, ancora in pietra, concludeva in alto i volumi. Il genius loci sembrava prevalere. In un secondo momento questa facciata, che riconduceva ai materiali e alle forme di un edilizia tradizionale, vira verso i criteri dell edilizia industrializzata e, adottando un prodotto di serie, si trasforma in un moderno curtain wall. Da mero procedimento costruttivo basato sull assemblaggio a secco di componenti prefabbricati, il curtain wall diviene uno dei linguaggi dell architettura e si arricchisce di significato. Anche se è tra le massime espressioni della presenza della grande industria in edilizia, della serialità produttiva del componente edilizio e della sua teorica possibilità di essere applicato all infinito, il curtain wall di un edificio, così come la maglia modulare, si distingue generalmente da ogni altro curtain wall nel dise-

9 SCRITTI IN ONORE DI BENEDETTO COLAJANNI Fig. 10: Vista delle torri Fig. 11: La facciata in fase di montaggio (Istituto Luce) Fig. 12: La facciata durate la fase di smontaggio: vista di dettaglio gno delle membrature e nelle dimensioni dei pannelli. Utilizzato più per ragioni di rappresentanza che non economiche, esso ristabilisce di fatto il carattere unico dell oggetto architettonico e la convenienza economica della linea di prefabbricazione è comunque legittimata dall ampiezza dell impiego. I tre grattacieli finanziari ripropongono la stessa facciata leggera indifferenziata su tutte i fronti, amplificando con ciò il concetto di serialità e di riproducibilità dell edificio, sovvertendo la tradizionale distinzione gerarchica tra fronti principali e secondari, incrementando il vantaggio economico della soluzione tecnologica e dichiarando, infine la modernità del componente industriale. Il curtain wall in metallo e vetro fascia l edificio senza soluzioni di continuità, indifferente all orientamento dei fabbricati e agli spazi interni, occulta il sistema portante fin dalla base e si distingue anche in questo dagli altri esempi italiani e dai prototipi di Chicago. Si tratta di una facciata costituita dall affiancamento di serramenti di acciaio dell altezza di un piano e della larghezza di un modulo. I moderni profili dei montanti dei telai sono ancorati sul fronte delle solette aggettanti mediante staffe annegate nel calcestruzzo. I serramenti, forniti dalla ditta Biffani di Roma, sono tripartiti verticalmente. Tutte le specchiature montano cristalli trasparenti e le due superiori, scorrevoli verticalmente, hanno una tenda oscurante all interno 17. Una fascia marcapiano di lamiera nasconde le connessioni a livello dei solai. Il complesso afferma i principi della tecnica costruttiva moderna che vede nella progettazione modulare e nell impiego del componente industriale i cardini di un nuovo linguaggio architettonico e che riconosce nella razionalizzazione del cantiere le basi per la riduzione dei tempi di costruzione e il conseguimento di maggiori e-

10 LA NUOVA SEDE DEL MINISTERO DELLE FINANZE A ROMA ( ) Fig. 13: L. Vietti?, Schizzo per l E42, 1937: veduta prospettica della via Imperiale; in primo piano le torri vetrate. conomie. A ciò concorrono anche la concezione strutturale, la semplificazione costruttiva dovuta all impiego di travi a spessore di solaio e di casseforme metalliche per il getto dei setti che riducono i tempi di realizzazione delle parti in elevazione a soli 18 mesi. I grattacieli si innalzano rapidamente e si mostrano via via nella loro essenza costruttiva poiché sono privi di ponteggi esterni; piano per piano, infatti, i ritti già eseguiti si legano alle travi principali dei solai che in fase costruttiva sono sostenuti da un banchinaggio di tavole e puntelli di legno 18. Il cantiere appare poco ingombro da opere provvisionali, con qualche piano di carico a sbalzo e due sole gru leggere a servizio dei grattacieli. All inizio del 1961 i corpi bassi risultano già costruiti e si procede al montaggio del curtain wall delle torri. I montanti, la cui lunghezza limitata all altezza di piano li rende estremamente maneggevoli nonostante sacrifichi la velocità di montaggio, vengono fissati ai solai, operando dall interno dell edificio. Anche se la presenza di lavorazioni tradizionali, come l impiego di murature laterizie per alcune partizione interne o l assemblaggio in opera dei montanti e dei traversi della facciata - che rievoca direttamente il tradizionale sistema di montaggio dei serramenti -, confermano la difficoltà delle imprese italiane nel procedere a radicali cambiamenti della propria organizzazione produttiva, i grattacieli delle Finanze erano (si deve ormai usare il passato) veri oggetti della modernità e l intreccio delle loro strutture che, ancora per poco, si offre alla vista sembra richiamare quelle prime vedute prospettiche attribuite a Luigi Vietti, poi revisionate in senso classico da Piacentini, che tratteggiavano la città futura dell E42, dove grattacieli trasparenti, destinati alle mostre della tecnica moderna, si stagliavano ai lati della via Imperiale, ostentando un avveniristico sistema urbano. NOTE 1 L attuale proprietà aveva incaricato la Renzo Piano Building Workshop di un progetto per un nuovo insediamento a destinazione mista (residenze, uffici, spazi commerciali). 2 Le difficoltà hanno riguardato, nel tempo, l autorizzazione alla demolizione, il cambio di destinazione d uso dell area da terziaria a mista (quindi anche residenziale), la revisione - a causa dei ritardi - della tecnica di demolizione, poiché le strutture sono state esposte alle intemperie per molto tempo. 3 Il responsabile scientifico dell iniziativa è Piero Ostilio Rossi. Gli elaborati della Carta della Qualità venivano acquisiti nel Nuovo Prg (articolo 16 lett. D edifici e complessi edilizi moderni ) approvato nel febbraio 2008 e divenuto efficace nel mese successivo. Confronta quanto riassunto nella Deliberazione n. 87 dell 11 aprile 2008, adottata dal Commissario Straordinario del Comune di Roma. 4 Cfr. la Deliberazione n. 87 dell 11 aprile 2008, ora ratificata dal Consiglio Comunale. 5 L archivio è tuttora in fase di ordinamento. Ringrazio la dott.ssa N. De Concilis per la cortese disponibilità. 6 Cfr. la Convenzione per la progettazione e la direzione tecnica dei lavori relativi alla costruzione di un complesso edilizio destinato a Nuova Sede del Ministero delle Finanze (25 settembre 1957), Archivio Centrale dello Stato (ACS), Fondo Ligini. La convenzione riguarda in particolare la compilazione del progetto di costruzione ( ), la direzione, contabilità, misure, liquidazione ed assistenza al collaudo dei relativi lavori, ivi compresa ogni altra attività demandata al direttore dei lavori dalla vigenti disposizioni in materia. 7 Cfr. Zevi B., Tre prismi per le Finanze, in L Espresso, 21 dicembre 1958, p. 16; ora anche in id., Vuoto baricentrico di tre prismi vitrei, in Cronache di architettura 241, Laterza, Roma Bari 1978, pp Cfr. Zevi B., op. cit. 9 Cfr. Ligini C., Ministero delle Finanze Criteri generali, s.d., (ACS), Fondo Ligini, dattiloscritto. 10 L edificio, progettato da L. Mattioni e strutture di F. Piro, è situato su un lato di piazza G. Marconi. 11 Cfr. Mornati S., La sperimentazione a Roma sul tema del grattacielo, in AA.VV (a cura di), La costruzione dell architettura. Temi e opere del dopoguerra italiano, Gangemi, Roma 2009, pp Cfr. Ligini C., Ministero delle Finanze Criteri generali, cit. 13 Ibid. 14 Ibid. 15 Cfr. Passaro A., Il complesso dei Ministeri Finanziari all Eur, in L Industria Italiana del Cemento n. 10, 1961, pp Cfr. id.; le notizie sul tipo di armatura sono tratte dagli esiti delle prove pacometriche effettuate per le indagini preliminari alla demolizione. 17 I cristalli della specchiatura inferiore furono sostituiti da pannelli multistrato in alluminio e vetro per limitare l effetto serra. 18 La direzione dei lavori strutturali fu affidata all ingegnere Giorgio Giannelli, la direzione architettonica all architetto Pietro Ferri, la direzione artistica ai progettisti. I lavori furono affidati all impresa Ing. Ugo Milone.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli