contabilità U-GOV Contabilità La nuova generazione dei sistemi contabili di Ateneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "contabilità U-GOV Contabilità La nuova generazione dei sistemi contabili di Ateneo"

Transcript

1 contabilità U-GOV Contabilità La nuova generazione dei sistemi contabili di Ateneo White Paper Aprile 2010

2 U-GOV Contabilità La nuova generazione dei sistemi contabili di Ateneo White Paper Aperile 2010

3 Titolo White Paper: Aprile 2010 S3-1 Autori: Divisione Contabilità, Relazioni Esterne Consorzio Interuniversitario Via Magnanelli 6/ Casalecchio di Reno (BO) Dipartimento Soluzioni e Servizi per l Amministrazione Universitaria Relazioni Esterne Tel: Questo documento è fornito solo a scopo informativo e i contenuti possono essere modificati senza previo avviso. Questo documento non può essere riprodotto o trasmesso in alcuna forma o attraverso alcun mezzo elettronico o meccanico, per alcun scopo, senza previa autorizzazione da parte di.

4 Indice 1. I SISTEMI CONTABILI IN ATENEO: IL PUNTO DI VISTA PRINCIPI DI SVILUPPO DELLA CONTABILITÀ IN U-GOV LE SCELTE DI BASE PER UN SISTEMA DI MASSIMA PERSONALIZZAZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA CONTABILE ANAGRAFICA DEI SOGGETTI CONTABILI FLUSSI GESTIONALI DI TIPO COMMERCIALE: CICLI GESTIONALI DI ACQUISIZIONE/EROGAZIONE La personalizzazione dei cicli Le caratteristiche dei cicli, le best practice e il modello di riferimento PROGETTI / PROGRAMMI / LINEE DI AZIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (E CONTROLLO) I MODULI DI U-GOV CONTABILITÀ LA CONTABILITÀ FINANZIARIA (COFI) IL PIANO DEI CONTI COFI LE REGISTRAZIONI COFI Sub-impegni Residui Liquidazioni Impegni/accertamenti pluriennali FONDI ECONOMALI INTERSCAMBIO CON L ISTITUTO CASSIERE CHIUSURE CONTABILI, CONSOLIDAMENTI, CONSUNTIVI Riaccertamento residui Chiusura per consuntivazione LA CONTABILITÀ GENERALE (COGE) IL PIANO DEI CONTI COGE LE REGISTRAZIONI COGE L INNOVAZIONE: CONFIGURABILITÀ E PERSONALIZZAZIONE NELLE REGISTRAZIONI COGE LE SCRITTURE DI CHIUSURA COGE INTEGRAZIONE COFI - COGE LA CONTABILITÀ ANALITICA (COAN) LE COORDINATE ANALITICHE: UNITÀ ANALITICHE E DIMENSIONI ANALITICHE LE FASI DELLA CONTABILITÀ ANALITICA, LA RIALLOCAZIONE E LA REPORTISTICA MOTORI COFI E COGE: LORO CONVIVENZA GESTIONE DEI DIVERSI MODI DI PAGAMENTO DEI DG CONTABILIZZAZIONE DEGLI STIPENDI CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI DA EROGAZIONE DEL SERVIZIO ISTITUZIONALE

5 9. ALTRI MODULI CONTABILI INVENTARIO GESTIONE FISCALE MODELLO U-GOV E APERTURA ALL ESTERNO: VERSO IL B2B

6 1. I sistemi contabili in Ateneo: il punto di vista Il dibattito per individuare il migliore Sistema Contabile all interno delle Amministrazioni Pubbliche è molto vitale e foriero di ipotesi e conclusioni anche molto diversificate tra loro. Il nocciolo della questione è la scelta, o meglio, la migliore composizione di scelta tra i vari metodi contabili per misurare le prestazioni amministrative. I metodi sul campo sono: - Contabilità Finanziaria/Pubblica (in seguito COFI), orientata al controllo autorizzativo e formale dei flussi finanziari nominali o certi; - Contabilità Generale/Aziendale (in seguito COGE), orientata alla dimostrazione del risultato economico della gestione; - Contabilità Analitica/Industriale (in seguito COAN), orientata all analisi delle ragioni e delle responsabilità dei flussi amministrativi al fine del Controllo di Gestione. Vi sono alcuni modelli di riferimento che adottano diverse composizioni di sistemi, che possiamo sintetizzare nei tre seguenti: - Enti Pubblici territoriali la cui normativa orienta verso un sistema prevalentemente finanziario/pubblico dal quale, in sede di rielaborazione consuntiva con applicazione di apposite convenzioni contabili, si ottiene anche una riclassificazione economica; - Aziende Sanitarie la cui normativa orienta verso l adozione di un sistema di Contabilità Generale puro; - Enti Pubblici di Erogazione non commerciali la cui normativa orienta verso un sistema COFI affiancato da un sistema COGE reciprocamente indipendenti. Un quarto modello, implementato in qualche realtà pubblica dotata di autonomia normativa, è quello che prevede che gli adempimenti finanziari in termini di bilancio preventivo e conto consuntivo siano derivati dal Sistema COGE. In tutti i modelli il sistema di Contabilità Analitica è comunque presente al fine di fornire il nucleo per il Controllo di Gestione, la cui modellazione è 5

7 estremamente diversificata anche in Amministrazioni della stessa tipologia Principi di sviluppo della Contabilità in U-GOV Il quadro è dunque molto frammentato e in assenza di una normativa comune applicabile agli Atenei, che godono di ampia autonomia amministrativa, la scelta di fondo deve essere particolarmente oculata. Come criterio di sviluppo ha deciso quindi di non scegliere uno standard unico, ma di adottare un sistema che consenta agli Atenei di calare le proprie scelte autonome in modo del tutto trasparente. Il Sistema Contabile di U-GOV ha dunque le seguenti caratteristiche: U-GOV Contabilità è un sistema aperto in cui i metodi contabili principali COFI, COGE sono reciprocamente indipendenti: nessun metodo è inteso come principale o di riferimento ; Il metodo COAN è fruibile in qualsiasi tipo di configurazione ed è particolarmente legato al più generale impianto di Controllo di Gestione; Il sistema di supporto alla pianificazione (contrattazione, scenari, simulazioni) è esterno ai sistemi contabili, mentre è interna la definizione della fonte autorizzativa della gestione contabile: bilancio preventivo COFI, budget COAN; E possibile spegnere un metodo contabile (COFI, COGE, COAN) con un semplice atto di configurazione senza cambiare l impianto; Esiste un'unica fonte gestionale alle registrazioni contabili nei diversi metodi, il ciclo gestionale, dal quale è possibile derivare le informazioni per riconciliare le diverse registrazioni attivate; Il mantenimento di tre sistemi contemporanei è sostenibile solo se c è particolare attenzione alla fruibilità/facilità di registrazione; L impianto di personalizzazione è molto esteso e consente di adottare logiche completamente configurate sia nel ciclo che nelle registrazioni stesse; I moduli contabili satellite ai metodi principali, ad esempio Gestione Fiscale, Inventario, Flussi Finanziari sono completi, autonomi, e adottabili per qualunque scelta contabile operata. Flessibilità e possibilità di scelta La Contabilità in U-GOV dunque non è un unica contabilità ma un sistema 6

8 composto. Non sono state implementate convenzioni o tecniche contabili a posteriori per simulare consuntivi dell uno o dell altro metodo non attivato, ad esempio per derivare rendiconti economici dalle registrazioni COFI, o, viceversa, rendiconti finanziari dalle registrazioni COGE. Questa impostazione, infatti, per quanto teoricamente possibile, presterebbe il fianco a numerose critiche sia in merito ai criteri adottati sia in merito alla correttezza dei risultati esposti: non si può derivare una vera contabilità pubblica fatta di relazioni strette tra registrazioni di Variazioni Bilancio Prenotazioni Impegni Liquidazioni Mandati partendo dalle scritture a partita doppia al momento della generazione del valore, così come non si può derivare l informazione corretta di provente o onere a partire dalle registrazioni COFI che non prevedono ad esempio il concetto di ammortamento, di risconto, rateo. Rispetto delle autonomie come punto di partenza Come elemento unificatore U-GOV Contabilità si ispira al principio dell'autonomia, sia regolamentale (non esiste una normativa generale diretta, semmai esistono dei riferimenti che non sono legati al testo unico degli Enti Locali), sia all'interno della stessa gestione. Nelle Università la figura centrale del servizio di erogazione è il docente e quindi assume molto rilievo la struttura entro la quale opera la sua attività produttiva (il Dipartimento, la Facoltà). Da questo fondamento nasce l importanza dei centri autonomi, e per questo motivo il modello contabile vi si deve conformare. Inoltre l'università può scegliere da sola quale approccio adottare nella previsione di bilancio e budget, nella gestione integrata della contabilità, nella rendicontazione finanziaria, economica, patrimoniale ed eventualmente analitica, così come le scelte sul controllo di gestione. Figura 1. Contesto contabile Dunque un Ateneo, o altro ente analogo, dal punto di vista contabile non è mai 7

9 uguale a un altro e perciò non è riconducibile a univoci fatti gestionali. Da questo principio U-GOV parte per affrontare il tema contabile. 8

10 2. Le scelte di base per un sistema di massima personalizzazione Di seguito vengono elencati 5 ambiti in cui sono state effettuate scelte determinanti per indirizzare lo sviluppo del sistema U-GOV Contabilità: - Struttura Organizzativa Contabile - Anagrafica dei Soggetti Contabili - Flussi gestionali di tipo commerciale: cicli gestionali di acquisizione/erogazione - Progetti / Programmi / Linee di azione - Fase di pianificazione (e controllo). Comprendere le soluzioni di sviluppo individuate per questi 5 ambiti permette di comprendere a pieno le novità, i benefici, le potenzialità del nuovo impianto contabile proposto da U-GOV Struttura Organizzativa Contabile U-GOV adotta una strategia molto flessibile riguardo alla strutturazione organizzativa da usare nella contabilità. Prima di tutto è operata una scelta di fondo: la struttura organizzativa contabile non deve costituire un vincolo rispetto alla struttura organizzativa di governo, cioè l organigramma aziendale. Spesso si nota infatti che le responsabilità di natura specificatamente contabile possono da una parte ricoprire di fatto anche un ruolo di gestione all interno delle strategie gestionali dell ente, oppure al contrario possono essere totalmente ignorate negli stessi processi. La complessità degli enti di riferimento è tale per cui le responsabilità di governance poggiano su una struttura apposita anche molto articolata, che ha in secondo luogo dei riflessi sulle responsabilità contabili solo quando queste sono coinvolte. Per questo motivo in U-GOV sarà presente un coordinamento di responsabilità operativa, chiamato Struttura Organizzativa, da cui si può estrarre quanto può servire alla contabilità, che entro i suoi confini costruisce anche in aggiunta, la propria strutturazione. Questi aspetti sono gestiti direttamente dal Modulo Gestione Organico appartenente all Area U-GOV Risorse Umane. 9

11 Finora abbiamo trattato la contabilità come un'unica fattispecie. In realtà U-GOV comprende, come abbiamo visto, tre tipi di contabilità: finanziaria, generale e analitica. Ognuno di questi tipi (singolarmente affrontati in seguito) avrà la propria strutturazione di unità di riferimento: - Struttura delle Unità Finanziarie - Struttura delle Unità Economiche - Struttura delle Unità Analitiche. Unità Finanziarie: sono disposte in base ai regolamenti di gestione amministrativa e contabile e realizzano le responsabilità di tipo autorizzativo connesse alle scritture di contabilità finanziaria. In particolare all interno delle Unità Finanziarie, disposte gerarchicamente, ci sono le autonomie di bilancio e quindi le ripartizioni degli stessi bilanci. Una particolare autonomia è l amministrazione centrale, che svolge le funzioni dell ente in quanto singola unità. Si noti che nel sistema non c è nessun limite alla configurazione della struttura delle unità finanziarie: l unità dotata di autonomia di bilancio può quindi appartenere a un livello qualsiasi della gerarchia. In questo modo si possono definire con semplicità anche quelle strutture in cui sono presenti, ad esempio, Poli o aggregazioni di altro tipo. Unità Economiche: rispondono a un esigenza di indipendenza tra le registrazioni di contabilità generale rispetto alle registrazioni di contabilità finanziaria. L Unità Economica è il riferimento della scrittura in partita doppia, e può coincidere o meno con l Unità Finanziaria. Si sceglie di non farle coincidere quando si vuol dare rilievo, generalmente, a macrostrutture finanziarie di tipo territoriale (sedi distaccate) o di altra natura. Unità Analitiche: sono il riferimento riguardo la destinazione analitica di un movimento (di contabilità generale). L Unità Analitica in letteratura (e nella normativa) viene spesso chiamata Centro di Responsabilità/Costo e rappresenta la coordinata di base della contabilità analitica, che oltre a definirle ne assegna anche tipologie orientate a indirizzarne le finalità produttive, gli scopi, la collocazione. E importante sottolineare fin da subito che la struttura delle Unità Analitiche assume un ruolo trainante in tutto il più ampio processo di Controllo di Gestione, a partire dal Budget fino ad arrivare all analisi multidimensionale degli scostamenti. 10

12 Le Unità Finanziarie, Economiche e Analitiche possono coincidere l una con l altra (si pensi all Amministrazione centrale) o possono essere poste in relazione reciproca. In tutti i casi la configurazione della struttura gerarchica è libera sia nella definizione dei livelli, sia nella definizione della tipologia di identificativo per ogni livello. Si può anche, da un esercizio all altro, modificare questa configurazione. Le Strutture contabili sono anch esse modificabili con l unico limite di mantenere l esercizio (anno contabile) come riferimento minimo. Al cambio di esercizio è possibile anche accorpare o scorporare le diverse Unità Anagrafica dei Soggetti Contabili L Anagrafica dei Soggetti Contabili è l archivio dei soggetti che, nelle registrazioni contabili, sono definiti Creditori e/o Debitori. U-GOV affronta questo argomento in modo trasversale: sono presenti non solo i Soggetti che agiscono in contabilità come creditori o debitori, ma anche tutte le entità, persone fisiche o soggetti collettivi, che a vario titolo interagiscono con l ente. In questo modo si ottiene l efficienza di non dover duplicare uno stesso soggetto che, allo stesso titolo, o a titolo diverso, interagisce di volta in volta con l amministrazione contabile o con l amministrazione del personale. Inoltre è possibile utilizzare l entità per quello che rappresenta rispetto all ente, studente, dipendente, ente fiscale, ente pubblico collegato, arricchendo i dati ad essa correlati in base alla funzionalità che da essa vengono richieste. Ad esempio, l immatricolazione di uno studente richiede che di esso, oltre ai dati strettamente anagrafici (nome, cognome, codice fiscale, domicilio ) siano forniti i curriculum di studi (proviene da scuole secondaria superiore o da altra università, esami sostenuti, voti ). Se allo stesso studente viene definito anche un contratto per attività legate alla ricerca o allo studio (assegno, borsa ) allora sarà necessario anche richiedere dati relativi all inquadramento economico e di carriera, quali ad esempio la situazione famigliare (coniuge, figli a carico ). Se lo studente agisce anche come fornitore di servizi, allora viene richiesta la posizione IVA ed altro. La struttura dell anagrafica segue quindi un modello a strati sovrapposti: c è un nocciolo che rappresenta il dato proprietario e invariante rispetto ad ogni ruolo ricoperto, quindi ci sono tante estensioni quante sono le funzionalità richieste nell interazione ente-soggetto. 11

13 L anagrafica dei soggetti è un archivio comune a tutti i moduli di U-GOV, e quindi condiviso anche tra i moduli contabili. Il mantenimento di questo archivio può essere gestito sia centralmente che in concorrenza. Ogni modulo ha la facoltà di arricchire l archivio centrale partendo da proprie funzioni. Il contenuto informativo dell archivio visto in tutte le sue estensioni è particolarmente ricco e ricopre ogni aspetto di una persona fisica o soggetto collettivo, in modo da assumere un valore di prodotto a se stante. All interno di questo modello, i soggetti contabili sono aggiornati riguardo le informazioni sulla loro posizione IVA, sulle loro modalità e termini di pagamento, sulla tipologia di rapporti che possono intrattenere. Per ogni soggetto contabile sarà dunque possibile ottenere un partitario relativo ai movimenti finanziari o economici Flussi gestionali di tipo commerciale: cicli gestionali di acquisizione/erogazione La personalizzazione dei cicli Il modo in cui sono affrontati i processi commerciali che stanno all origine dei movimenti contabili, Contrattazione Ordinazione - Fatturazione, costituisce una delle innovazioni più importanti di U-GOV. Questi processi hanno solitamente la caratteristica di essere a prima vista semplici ma, una volta entrati nello specifico si rivelano molto complessi e, soprattutto, diversi da caso a caso. U-GOV ha concentrato dunque molte energie nell affrontare l argomento stabilendo un modello di riferimento. I processi gestionali sono tracciati dalla sequenza di Documenti Gestionali, cioè entità che hanno lo scopo di manifestare un evento gestionale, sia a rilevanza esterna (ad esempio con un fornitore o cliente), sia a rilevanza interna. Il Documento Gestionale ha la caratteristica di essere totalmente configurabile, sia negli scopi, sia nella propria validazione, sia nella collocazione rispetto agli altri documenti. In questo paragrafo ci occupiamo dei Documenti Gestionali appartenenti ai Cicli Attivo e Passivo, cioè i cicli che fanno da riferimento alle registrazioni contabili. La configurabilità di un Documento Gestionale (DG) rispetto ai cicli attivo e passivo è la seguente: completa libertà di scelta di creazione dei Documenti appartenenti ai cicli (Fattura passiva, Documento di trasporto DDT, Richiesta di 12

14 Acquisto RDA, Contratto, eccetera) completa libertà di scelta tra attributi già disponibili (da attivare o meno per un DG) o attributi totalmente liberi completa libertà, per ogni DG, di disegnare il suo processo di definizione (autorizzazioni, possibile annullamento, chiamate ai motori di registrazioni, eccetera) completa libertà di disegno del Work Flow sulla base delle relazioni (di tipo predecessore o successore) tra DG. Alcune relazioni sono controllate, per cui pre-esistono e possono essere attivate a scelta configurabilità nella interfaccia utente e nella reportistica. In pratica in U-GOV sarà possibile definire ogni possibile ciclo, dal più semplice al più complesso, senza dover chiedere interventi di manutenzione evolutiva. In sede di fornitura iniziale saranno pre-istanziati i flussi più noti: Contratto Ordine Consegna Fattura sia nel lato attivo che passivo. In sede locale questi flussi potranno essere arricchiti di altri DG a monte o a valle di quelli indicati (per gestire ad esempio le richieste di acquisto interne, oppure per tracciare dei nulla osta, dei collaudi, dei contratti di tipo aperto e quant altro possa essere utile ad una opportuna gestione). Ogni DG garantisce che l evento è cristallizzato e sempre rintracciabile, sia per esigenze di controllo e monitoraggio, sia per esigenze legate all archiviazione elettronica dei documenti (vedi sezione apposita), sia per esigenze legate al mondo contabile. Figura 2. Cicli gestionali 13

15 Dal punto di vista più strettamente contabile, i DG costituiscono, a parte qualche limitata eccezione, il punto di inizio di una registrazione contabile, di tipo finanziario o economico/analitico, contenendo le principali indicazioni riguardo gli importi, la natura dello scambio, gli attori e i destinatari Le caratteristiche dei cicli, le best practice e il modello di riferimento Gli elementi di personalizzazione definiti nel paragrafo precedente rientrano in un più ampio modello di riferimento che ha lo scopo di fornire un sistema flessibile e capace di resistere alle modifiche anche strutturali che gli enti di riferimento sono chiamati ad affrontare, spinti dal miglioramento della fase di governance della propria gestione amministrativa. L elemento centrale di questo modello è la netta separazione tra la registrazione dell evento gestionale e il suo posizionamento all interno dei moduli (esempio i moduli contabili). Se un evento non dovesse avere un rilievo nella funzione svolta (ad esempio in contabilità finanziaria non ha una stretta rilevanza l evento di consegna della merce) allora semplicemente tale evento non dovrebbe essere tracciato. In U-GOV si è voluto rovesciare questo punto di vista: un evento è considerato perché accade in quanto tale, ed è collocato nella sua transizione all interno di un ciclo. Dunque, proseguendo nell esempio, il ricevimento della merce è sempre possibile definirlo attraverso un Documento Gestionale e posizionarlo ad esempio tra ordine e fattura (altri DG). L associazione di ogni evento, o di più eventi, a una registrazione di tipo funzionale, esempio contabile, è un aspetto che ha natura variabile e personalizzabile. In questo modello, sempre proseguendo l esempio, il documento di trasporto può attivare una registrazione contabile, può farlo in un secondo tempo, oppure può non attivarla del tutto. Inoltre lo stesso evento può attivare anche altri tipi di movimentazione, esempio la movimentazione di magazzino, di inventario, iva, eccetera (vedi sezioni apposite). 14

16 Figura 3. Esempio di fattura La personalizzazione dei Documenti Gestionali è il mezzo attraverso cui si risolve il modello: gli eventi gestionali non sono elementi fissi e noti a priori, o almeno lo sono solo in parte. Molti eventi puramente gestionali sono spesso interni e oggetto quindi di profonda personalizzazione. Inoltre possono essere diversi da caso a caso i processi entro i quali gli stessi eventi sono collocati. I risultati che si ottengono dal modello delineato sono i seguenti: flessibilità del sistema rispetto all attivazione diluita nel tempo di diversi moduli; duttilità in caso di modifiche alle funzioni: gli eventi non risentono di tali modifiche; personalizzazione, anche nel tempo, nella definizione degli eventi di rilevanza; consistenza delle informazioni quando più moduli insistono sullo stesso evento; possibilità di accendere e/o spegnere moduli concorrenti (esempio contabilità COFI, contabilità COGE eccetera). I risultati elencati garantiscono la durata nel tempo del sistema informativo. 15

17 Ovviamente non è corretto fornire un sistema che parte da zero e che richiede un attività di inizializzazione molto complessa. Per velocizzare l attivazione del sistema, mette a disposizione delle best practice, nate dalla condivisione di esperienze con Atenei e esperti di dominio, che intendono fornire una base comprendente i cicli attivo e passivo e le eventuali associazioni con i Moduli di U-GOV. Un ente può adottare queste configurazioni di fornitura con la consapevolezza che si adeguano perfettamente al modello e che costituiscono l utilizzo più comune degli elementi gestionali. Di seguito riportiamo due esempi di cicli gestionali che insistono sulle transizioni commerciali (in questo caso di acquisto) e relative transizioni verso i moduli di contabilità finanziaria e contabilità generale Progetti / Programmi / Linee di azione Un elemento determinante nell approccio contabile di U-GOV è la netta separazione dell ambito contabile rispetto all ambito gestionale: la contabilità non guida l evento, ma ne è solo uno strumento di misurazione/sistemazione. I Progetti rientrano in questa caratteristica dato che la loro gestione esce definitivamente dall ambito esclusivamente contabile, come accaduto nei precedenti sistemi, per assurgere a un ruolo trasversale e, nell ambito dei progetti di ricerca, addirittura parallelo alla contabilità. Prima di tutto si definisce un Progetto/Programma/Linea di Azione un oggetto che gestisce nel breve-medio periodo (mai nel lungo) risorse umane, finanziarie e strumentali al fine di raggiungere un obiettivo. Il Progetto è dunque un elemento che la contabilità misura ma che è distinto sia dall elemento organizzativo, che è di più lungo periodo, sia dall elemento proprio di voce del piano dei conti, che è strutturale nella contabilità. Il progetto è un anagrafica trasversale di U-GOV ed è una caratteristica attribuibile a tutte le gestioni. In particolare la contabilità si incarica di fornire elementi per la loro rendicontazione; le funzioni di pianificazione e controllo, ad esempio, si occuperanno della loro previsione e del confronto a consuntivo. In U-GOV si adotta il termine Progetto con lo stesso significato attribuibile ai termini Linee di Attività/Programmi. 16

18 L obiettivo contabile in merito ai Progetti è quello di consentire l utilizzo di una coordinata aggiuntiva e addirittura sostitutiva che sia in grado di dimostrare la misura di quanto si amministra su specifiche diverse da elementi puramente contabili spesso non immediatamente fruibili dall organo decisionale. Dare con ciò una risposta che, al di là del sistema contabile, consenta di quantificare quanto si è speso su un certo progetto, programma o linea, a fronte di quali entrate, a fronte di quale preventivo, e così via. Nel modello dei cicli gestionali che abbiamo descritto i progetti sono quindi imputati al movimento gestionale e questo movimento è poi tradotto in ciascuna contabilità: questo ancora una volta garantisce una coerenza di registrazione e soprattutto di riconciliazione assolutamente necessaria. Inoltre la definizione stessa dei progetti è personalizzabile e permette di perseguire scopi esterni (erogazione dei finanziamenti) oppure interni (monitoraggio anche contabile dei progetti di riorganizzazione) Fase di Pianificazione (e controllo) Preventivo Finanziario Coordinate Budget Analitico Coordinate Esercizio (pluriennale) Unità Finanziaria (con e senza autonomia di bilancio) Voce PDC COFI Progetto --- Importi (Cassa Competenza, ripartizioni, debiti crediti) Processo di Pianificazione Esercizio (pluriennale) Unità Analitica (Centro di responsabilità/costo) Dimensione Analitica (F.O. attività, commessa, ) Voce PDC COGE Progetto --- Importi (Economici, giuridici, cassa, patrimoniali) Allocazioni analitiche Modello di Riferimento Work Flow Concorrenza Profilazione Utenti Versioning Analisi valori Forecast What-If ETL da fonti esterne Excel Multidimensionalità Figura 4. Fase di Pianificazione 17

19 La figura 4 mostra un modello di riferimento che descrive i processi di pianificazione e budgeting. La pianificazione ha come fine la costruzione del preventivo finanziario annuale/pluriennale e/o determinazione del budget (analitico). Il budget è lo sviluppo sul piano analitico della fase di programmazione, nella quale vengono definiti gli obiettivi e si programmano le risorse, le azioni e i tempi necessari per realizzarli (vedi Principi e regole contabili del sistema di contabilità economica delle amministrazioni pubbliche Ministero dell Economia). La contabilità di U-GOV ha delle funzionalità native che consentono di predisporre sia il preventivo finanziario, in ottica annuale o pluriennale, sia il budget analitico. Inoltre ha le funzionalità per gestire le variazioni, che emergono durante la gestione, di questi due oggetti, variazioni che riporteranno distintamente l origine e la causa della modifica. Variazioni che a loro volta aderiscono al modello dei cicli, e cioè possono essere conseguenza di eventi gestionali di rilevanza tale da causare una variazione del bilancio o del budget. Ma le funzionalità offerte da U-GOV non si fermano qui. La pianificazione in Ateneo è un operazione molto delicata che tende ad avvicinare il mondo universitario e pubblico in generale a quello aziendale dove il concetto di budget e pianificazione finanziaria si estende da una mera operazione di previsione a un complesso processo di workflow, analisi what-if, forecast, consolidamenti, al fine di comprendere meglio le evoluzioni di mercato. Non è un caso che la recente crescita dei prodotti di area BPM (Business Process Management) abbia il processo di planning come punto di partenza del controllo interno ed esterno. Il risultato cui si tende è quello di utilizzare standard operativi già collaudati che garantiscono la certezza del risultato, non solo nella fase di pianificazione ma in modo completamente integrato con la successiva fase di controllo. Ovviamente la scelta del modello è determinata dai seguenti requisiti: scalabilità delle funzionalità presenti: non tutte le funzionalità presenti in un modello sono utilizzate immediatamente garanzia sulle prestazioni e sulla manutenzione completa integrazione con il modello architetturale di U-GOV completa integrabilità con le Contabilità di U-GOV. 18

20 In particolare questo ultimo punto merita una considerazione. La pianificazione, nei soggetti nostri referenti, non si limita alla produzione di un budget analitico (annuale o pluriennale a seconda dell orizzonte temporale prescelto), ma deve armonizzarsi, nel caso che la COFI sia attiva, con il concetto di elaborazione dei preventivi finanziari annuali e pluriennali nelle unità (finanziarie) con autonomia di bilancio. Un processo di pianificazione non integrato tra questi due ambienti porterebbe inevitabilmente a squilibri tali da invalidare la certificazione di quanto prodotto. Occorre dunque che il sistema proposto, se valicato in un ambiente in cui è attiva la contabilità finanziaria, sia del tutto compatibile con le attuali procedure finalizzate alla produzione del preventivo di tipo finanziario. Da un punto di vista delle funzionalità dei preventivi finanziari, elenchiamo quelle di maggior rilievo: possibilità di predisporre bilanci di previsione di competenza, cassa o misti; gestione delle ripartizione di bilanci su Unità non dotate di autonomia; gestione dei crediti/debiti da esercizio precedente; indicazione dei residui; gestione del preventivo pluriennale; gestione delle finalizzazioni tra entrate e spese. Il processo di modifica dei diversi ambienti di pianificazione, budgetaria e finanziaria, sono invece indipendenti l uno dall altro: ricordiamo infatti che ciò è imposto dalle diverse logiche cui rispondono. Il budget è uno strumento di controllo, dunque è opportuno che non sia mai variato, anche se U-GOV consente di variarlo e di mantenere traccia di queste variazioni, che sono correttamente numerate e ordinate; il preventivo finanziario è uno strumento di autorizzazione, dunque a maggior ragione può essere variato (ovviamente mantenendo traccia delle modifiche). 19

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE Come tutte le organizzazioni, le pubbliche amministrazioni, sono caratterizzate da un obiettivo da raggiungere: soddisfare i bisogni

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli