dell edificio/degli edifici dell unico insediamento da cui hanno origine gli scarichi oggetto della presente domanda;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dell edificio/degli edifici dell unico insediamento da cui hanno origine gli scarichi oggetto della presente domanda;"

Transcript

1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, DA SERVIZI, O DA ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00 I sottoscritti Spett.le Dirigente del Settore Ecologia PROVINCIA DI LECCO Piazza Lega Lombarda, LECCO Nome e Cognome Luogo e data di nascita Residenza Telefono Fax in qualità di 2 proprietario/i, amministratore 3 titolare/i dell attività svolta all interno dell edificio/degli edifici dell unico insediamento da cui hanno origine gli scarichi oggetto della presente domanda; dell edificio/degli edifici dell insediamento da cui hanno origine gli scarichi finali oggetto della presente domanda e nei quali confluiscono anche le acque reflue e/o meteoriche provenienti dagli altri insediamenti, senza che sia stato costituito un Consorzio tra insediamenti per l effettuazione degli scarichi in comune. legale rappresentante del Consorzio tra gli insediamenti da cui hanno origine gli scarichi in comune oggetto della presente domanda (in tal caso allegare, a pena di inammissibilità della domanda, copia dello Statuto del Consorzio). Visti il D. lgs. 152/06 ed il Regolamento regionale della Lombardia n. 3/06 CHIEDE il rilascio dell autorizzazione allo scarico per le acque reflue domestiche e/o assimilate alle domestiche recapitate attraverso gli scarichi descritti nelle successive schede tecniche e che si originano dall insediamento/consorzio di insediamenti ad uso residenziale 4, denominato: 1 Atteso che la presente modulistica è oggetto di periodici aggiornamenti, è necessario che il soggetto che deve presentare domanda si accerti, presso gli uffici provinciali, di essere in possesso dell ultima versione della modulistica. Non è ammessa la rielaborazione del presente modello. Domande di autorizzazione presentate utilizzando versioni modificate del modello saranno passibili di rigetto immediato. 2 La domanda deve essere presentata da: a) Nel caso di scarichi provenienti da insediamenti adibiti ad uso abitativo, scolastico, o commerciale (per quest ultima categoria nel caso in cui gli scarichi provengano esclusivamente dai servizi igienici), dal proprietario dell insediamento (o dall amministratore in rappresentanza dei proprietari). b) Nel caso di scarichi provenienti da insediamenti adibiti ad uso sportivo, turistico, sanitario, commerciale (per quest ultima categoria nel caso in cui gli scarichi non provengano solo dai servizi igienici, ma anche dall attività specifica quale ad esempio la ristorazione), ricreativo, o ad altro uso diverso da quelli di cui alla lettera a), dal titolare dell attività e non dal proprietario dell immobile, se questi due soggetti non coincidono. 3 In rappresentanza dei proprietari degli immobili presenti nell insediamento 4 Nel caso in cui l insediamento sia adibito sia ad uso residenziale che ad attività di servizio, barrare sia la presente casella che quella successiva.

2 dall insediamento/consorzio di insediamenti dove si svolgono attività di servizio 5, denominato: ubicato nel Comune di Via n. tel. fax (solo nel caso di insediamento da cui hanno origine gli scarichi finali nei quali confluiscono anche le acque reflue e/o meteoriche provenienti da altre insediamenti, senza che sia stato costituito un Consorzio) nei cui scarichi confluiscono anche le acque reflue e/o meteoriche provenienti dagli insediamenti indicati nel seguente prospetto: Denominazione Residenziale/servizio Comune Indirizzo Telefono Fax A corredo della presente domanda si allegano: N schede tecniche relative a ciascun punto di scarico delle acque reflue domestiche e/o assimilate (scheda tecnica A) e relativi allegati. N schede tecniche relative a ciascun punto di scarico delle acque meteoriche (scheda tecnica B). Planimetria (in 2 copie alla domanda riservata alla Provincia ed in una sola copia alla domanda riservata all'arpa - complessivamente, quindi, 3 copie) 6 dell insediamento 7 in scala 1:500, con indicazione: 1. di tutti i fabbricati esistenti, 2. di tutti i punti di scarico nel ricettore (con relativa numerazione), 3. dei pozzetti di prelievo dei campioni delle acque scaricate (contraddistinti da una sigla: es. P1, P2, ecc.), e di quelli di ispezione delle reti, 4. del tracciato delle reti fognarie distinte per tipologia (acque nere, acque meteoriche) con colori diversi 5. delle reti idriche potabili interne all insediamento (rappresentate con colorazione o tratteggio specifico), 6. delle reti idriche potabili pubbliche (rappresentate con colorazione o tratteggio specifico) e di tutti gli altri manufatti connessi all acquedotto pubblico (es. serbatoi), entro un raggio di 50 metri dagli eventuali sistemi di dispersione dei liquami nel strati superficiali del sottosuolo (pozzi perdenti, trincee di subirrigazione). 7. dei sistemi di trattamento e dispersione nel terreno, 8. degli eventuali pozzi privati per l approvvigionamento idrico. La planimetria deve riportare l orientamento rispetto ai punti cardinali. Ricevuta dell attestazione del pagamento della somma di 25 versata a favore dell Amministrazione provinciale di Lecco 8, in relazione alle spese di istruttoria (art. 124 c. 11 del d.lgs. 152/06 e art. 26 R.R. 3/06 e DGP 208/2006) 9. 5 Nella categoria servizi sono inclusi gli insediamenti dove si svolgono attività turistiche, sportive, ricreative scolastiche, sanitarie e commerciali (negozi, centri di vendita all ingrosso, ecc ). 6 La planimetria deve essere chiara e precisa e deve contenere un esauriente legenda. Planimetrie incomprensibili comporteranno il rigetto della domanda. 7 Nel caso in cui la domanda sia presentata da un Consorzio di insediamenti, oppure dall insediamento da cui hanno origine gli scarichi finali nei quali confluiscono anche le acque reflue e/o meteoriche provenienti da altri insediamenti (senza che sia stato costituito un Consorzio), devono essere allegate alla domanda di autorizzazione le planimetrie relative a tutti gli insediamenti le cui acque reflue o meteoriche confluiscono negli scarichi oggetto della domanda. 8 Per il pagamento di tali spese, può essere effettuato versamento sul c/c postale n intestato alla Provincia di Lecco Settore Ecologia, oppure sul c/c bancario Codice Tesoreria Provinciale - Banca Intesa Sanpaolo Spa - piazza Mazzini n. 18 Lecco IBAN: IT28Q (in ogni caso deve essere specificata quale causale di versamento: Spese di istruttoria domanda di autorizzazione allo scarico ex. d.lgs. 152/06 ). 9 In base all art. 124, c. 11, del d.lgs. 152/06, al termine dell istruttoria, il titolare dello scarico dovrà versare direttamente a favore dell A.R.P.A. l importo dovuto per le spese dell istruttoria effettuata da tale Ente, secondo le modalità da questo stabilite.

3 Si dichiara che l approvvigionamento idrico avviene attraverso una delle seguenti modalità (fornire i dati complessivi per tutto l insediamento o per tutti gli insediamenti da cui decadono gli scarichi oggetto della presente domanda): Acquedotto pubblico, per l/giorno Approvvigionamento autonomo da sorgente, per l/giorno Approvvigionamento autonomo da pozzo, per l/giorno Approvvigionamento autonomo dal lago/fiume/torrente/roggia 10 per l/giorno. Il consumo medio giornaliero complessivo è, pertanto, pari a (l/g) Della presente domanda vengono trasmesse dal sottoscritto DUE COPIE, entrambe complete di tutti gli allegati, di cui una riservata all ARPA Lecco (la copia per l ARPA verrà trasmessa a tale ente dall Amministrazione provinciale) (*). DICHIARA 1) di avere di non avere presentato domanda per l ottenimento dell autorizzazione idraulica in corso d'acqua ai sensi della DGR 31/10/2013 n X/883 Reticoli idrici regionali e revisione canoni di occupazione delle aree del demanio idrico. In caso negativo, si ricorda che il titolare dello scarico deve presentare domanda all autorità competente per tale regolarizzazione. 2) di aver preso visione della seguente informativa sulla privacy: Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Le comunichiamo che le informazioni ambientali (dati personali non sensibili in base al decreto citato) contenute nella Vostra pratica agli atti degli Uffici provinciali, e, quindi, con essa raccolte, verranno trattate per lo svolgimento delle funzioni istituzionali di questo Ente. Potranno, inoltre, su esplicita richiesta, essere comunicate a soggetti terzi, nel rispetto del D.lgs. 195/2005 (Attuazione della direttiva 2003/4/CE sull accesso del pubblico all informazione ambientale). La informiamo che, ai sensi dell articolo 18 del D.lgs. 196/2003, qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali e che a tale scopo i soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dell interessato. Per quanto concerne la comunicazione dei dati a terzi in attuazione del D.lgs. 195/2005, La informiamo che, ai sensi dell articolo 7 del D.lgs. 196/2003, ha diritto di opporsi a tale trattamento solo per motivi legittimi, intendendosi per tali i motivi di diniego che trovano fondamento in una specifica disposizione di legge. Infine, La informiamo che il titolare del trattamento dei dati suddetti, ai sensi dell articolo 4 del D.lgs. 196/2003 è la Provincia di Lecco, Piazza Lega Lombarda 4, Lecco, e che il responsabile del trattamento, ai sensi del medesimo articolo è il Dott. Luciano Tovazzi. Luogo Data Firma Indicare l esatta denominazione del corpo idrico superficiale dal quale avviene il prelievo. 11 Non è ammessa la rielaborazione del presente modello. Domande di autorizzazione presentate utilizzando versioni modificate del modello saranno passibili di rigetto immediato.

4 Nominativo del tecnico compilatore della domanda Qualifica 12 : tel. fax Firma del Tecnico compilatore: (*) La sola copia per riservata alla Provincia deve essere in marca da bollo da 14,62 12 Specificare se trattasi di consulente esterno, o di tecnico interno al soggetto che presenta la domanda. In quest ultimo caso, specificare il ruolo ricoperto

5 SCHEDA TECNICA A - ACQUE REFLUE DOMESTICHE e/o ASSIMILATE - Scarico n 13 : - (in caso di scarico in acque superficiali) Denominazione del corpo idrico ricettore 14 : affluente del Torrente/Fiume/Lago Il corso d'acqua recettore è soggetto ad asciutta in determinati periodi dell'anno? si no. Se si, specificare indicativamente il periodo - (in caso di recapito negli strati superficiali del sottosuolo) Estremi catastali del punto di recapito dello scarico: - (sempre) Coordinate geografiche Gauss - Boaga (in metri) del punto di recapito dello scarico: Nord: Est: A corredo della scheda allegare: Estratto in formato A4 della Carta Tecnica Regionale in scala 1:10.000, con l esatta ubicazione del punto di scarico 15 attestazione del Comune da cui risulti che il punto di scarico è ubicato in: - zona non individuata come zona servita da pubblica fognatura, e non risulta realizzabile l allacciamento alla rete fognaria degli scarichi oggetto della presente scheda. - (in alternativa, nel caso sia già stata effettuata l individuazione degli agglomerati ex articolo 4 R.R. 03/06) zona posizionata al di fuori dell agglomerato, o in zona posizionata in una parte dell agglomerato sprovvista di rete fognaria. (solo nel caso di recapito negli strati superficiali del sottosuolo) attestazione del Comune da cui risulti che il punto di scarico è ubicato in zona non individuata, nel Piano Regolatore vigente del Comune, quale fascia di rispetto di un punto di captazione di acqua potabile collegato all acquedotto pubblico. Situazione autorizzativa dello scarico (barrare la voce corrispondente) scarico da attivare scarico già in esercizio autorizzato con provvedimento n del, rilasciato il da, per cui si chiede il rinnovo Uso degli edifici presenti all interno dell insediamento/degli insediamenti. Formazione delle acque reflue scaricate In relazione alla seguente tematica, allegare alla scheda apposita relazione tecnica compilata secondo le indicazioni riportate nel modello 1. Sistema di depurazione, e, nel caso di recapito negli strati superficiali del sottosuolo, sistema di dispersione delle acque reflue Al fine di descrivere le caratteristiche e le modalità di esercizio del sistema di trattamento, e, nel caso di recapito negli strati superficiali del sottosuolo, del sistema di dispersione delle acque reflue, allegare, obbligatoriamente: 13 Assegnare a tutti gli scarichi finali nel recettore, oggetto di questa e di altre schede, una numerazione progressiva. Per ciascuno scarico finale compilare una scheda. 14 Indicare la denominazione esatta del corpo idrico ricettore; nel caso non ci sia una denominazione ufficiale indicare la tipologia del corpo ricettore (roggia, valletta, fosso colatore, canale artificiale) e la denominazione ufficiale del corpo idrico in cui il ricettore dello scarico si immette. 15 Nel caso di più punti di scarico è possibile allegare un unica planimetria

6 Dettagliata relazione tecnica, predisposta e sottoscritta da tecnico abilitato (Ingegnere, Chimico, Biologo, Perito industriale o chimico), sul sistema di trattamento e sul sistema di dispersione, attualmente installati o previsti. La relazione dovrà essere redatta secondo le indicazioni contenute nel modello 2. Programma di gestione, manutenzione ed autocontrollo del sistema di trattamento e, nel caso di recapito negli strati superficiali del sottosuolo, del sistema di dispersione delle acque reflue. Il programma deve indicare gli interventi di manutenzione periodicamente effettuati su tutte le fasi di trattamento del sistema depurativo, sul sistema di dispersione (qualora sia presente) e sui macchinari installati (griglie, filtri, pompe di ricircolo e sollevamento, ecc ) e la relativa frequenza. Qualora si desideri che nell autorizzazione allo scarico venga previsto un periodo per la messa a punto funzionale del sistema di trattamento secondo quanto disposto dall articolo 25 c. 2 del R.R. 3/06 (solo nel caso di impianti biologici di nuova realizzazione), il programma deve anche comprendere la procedura di avviamento dell impianto. In tal caso, devono essere illustrate in dettaglio le operazioni previste in sequenza per avviare l impianto, indicando anche un cronoprogramma relativo a tali operazioni. Devono anche essere specificate le analisi effettuate nelle diverse fasi di trattamento durante il periodo di avviamento. Deve essere specificato il personale impiegato e la presenza garantita dallo stesso presso l impianto durante l avviamento. Elenco documenti allegati alla presente scheda: 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) )

7 SCHEDA TECNICA B - ACQUE METEORICHE - Scarico n 16 : - (in caso di scarico in acque superficiali) Denominazione del corpo idrico ricettore 17 : affluente del Torrente/Fiume/Lago - (in caso di recapito negli strati superficiali del suolo) Estremi catastali del punto di recapito dello scarico: Le acque meteoriche recapitate attraverso lo scarico di cui alla presente scheda derivano 18 : dal dilavamento di coperture (tetti) dal dilavamento di superfici scoperte (nel caso in cui le acque meteoriche di cui alla presente scheda derivino anche o solo dal dilavamento di superfici scoperte) I piazzali, le cui acque meteoriche confluiscono allo scarico di cui alla presente scheda, sono adibiti a: (nel caso in cui le acque meteoriche di cui alla presente scheda derivino anche o solo dal dilavamento di superfici scoperte) Prima dello scarico sono presenti i seguenti sistemi di trattamento: decantazione disoleatura altro (specificare): Luogo Data Firma 16 Assegnare a tutti gli scarichi finali nel recettore, oggetto di questa e di altre schede, una numerazione progressiva. Per ciascuno scarico finale compilare una scheda. 17 Indicare la denominazione esatta del corpo idrico ricettore; nel caso non ci sia una denominazione ufficiale indicare la tipologia del corpo ricettore (roggia, valletta, fosso colatore, canale artificiale) e la denominazione ufficiale del corpo idrico in cui il ricettore dello scarico si immette. 18 Qualora derivino sia dal dilavamento di coperture che di superfici scoperte, barrare entrambe le caselle.

8 MODELLO 1 CONTENUTI DELLA RELAZIONE TECNICA IN CUI DEVE ESSERE DESCRITTO L USO DEGLI EDIFICI PRESENTI ALL INTERNO DELL INSEDIAMENTO/DEGLI INSEDIAMENTI, E LE MODALITÀ DI FORMAZIONE DELLE ACQUE REFLUE SCARICATE 19 Per ogni insediamento 20, la relazione deve sviluppare i seguenti punti: 1. Deve essere indicato il numero complessivo di edifici che compongono l insediamento. Nel caso in cui il numero complessivo di edifici da cui decadono acque reflue sia maggiore di 1, ad ogni edificio deve essere assegnata una numerazione univoca. 2. Per ogni edificio presente all interno dell insediamento, deve essere precisato l uso (o gli usi, se molteplici) a cui esso è adibito, con riferimento alle seguenti categorie: a. Uso residenziale b. Laboratorio di parrucchiere, barbiere, istituto di bellezza c. Lavanderia a secco a ciclo chiuso e/o stireria la cui attività sia rivolta direttamente ed esclusivamente all utenza residenziale d. Vendita al dettaglio di generi alimentari e altro commercio al dettaglio, anche con annesso laboratorio di produzione finalizzato esclusivamente alla vendita al dettaglio e. Attività alberghiera (o correlata all ospitalità turistica in generale 21 ) e di ristorazione f. altro Per ogni edificio dell insediamento deve essere specificato quanto segue: a. Se i reflui che si originano dall edificio provengono anche o solo dai servizi igienici presenti all interno dell edificio. In caso affermativo, indicare anche i seguenti dati: N massimo abitanti/persone complessivamente presenti nell edificio, precisando anche se parte degli utenti dimora stabilmente presso l insediamento Eventuali periodi durante i quali l insediamento non è frequentato da nessuno o da un numero estremamente ridotto di persone, precisando, in caso affermativo, le ore del giorno, i giorni della settimana, i mesi dell anno durante i quali si verifica la suddetta condizione. b. Se i reflui che si originano dall edificio non provengono esclusivamente dai servizi igienici dello stesso, descrivere per l edificio in questione l attività in esso svolta, precisando anche: l intervallo orario del giorno, i giorni della settimana, i mesi dell anno, durante i quali si ha l effettuazione della suddetta attività l'eventuale presenza e la relativa ubicazione di laboratori fisici, chimici o biologici all'interno dell edificio in questione il carico organico biodegradabile di punta espresso in abitanti equivalenti (secondo le indicazioni contenute all articolo 5 c. 5 del R.R. 3/06), che caratterizza i reflui derivanti dalla suddetta attività. se lo scarico proveniente dall edificio in questione è già attivo alla data di presentazione della domanda, deve essere allegato alla relazione tecnica un referto analitico a firma di analista abilitato, relativo ad un campione 23 di reflui complessivi originati nell edificio in questione prima di ogni trattamento depurativo, attestante i valori di concentrazione dei parametri di cui alla tabella 1 allegato B del R.R. 3/ (solo per le imprese agricole o impianti di acquacoltura/pescicoltura) Deve essere evidenziata l appartenenza dell azienda ad una delle seguenti categorie 24 : a. Impresa dedita esclusivamente alla coltivazione di fondi ed alla silvicoltura b. Impresa dedita all'allevamento di bestiame. 19 Nel caso in cui dall insediamento si originino più terminali distinti di scarico di acque reflue domestiche e/o assimilate, deve essere precisato il numero dello scarico, secondo la numerazione indicata nella scheda tecnica A, a cui si riferisce la relazione tecnica. 20 Nel caso in cui la domanda sia presentata da un Consorzio di insediamenti, oppure dall insediamento da cui hanno origine gli scarichi finali nei quali confluiscono anche le acque reflue e/o meteoriche provenienti da altri insediamenti (senza che sia stato costituito un Consorzio), devono essere allegate alla domanda di autorizzazione distinte relazioni relative a tutti gli insediamenti le cui acque reflue o meteoriche confluiscono negli scarichi oggetto della domanda. 21 Ad esempio campeggi, residence, seconde case. 22 In questa categoria generale sono da comprendere usi quali: sportivo, scolastico, sanitario, ricreativo (es. parchi acquatici). Nel caso in cui l edificio sia adibito ad uso scolastico o sanitario, deve essere precisato anche se nello stesso sono presenti laboratori chimici, fisici o biologici. 23 In base a quanto disposto dall articolo 35 c. 1 del R.R. 3/06 il campione sottoposto ad analisi deve essere un campione medio prelevato nell arco di tre ore. 24 Si precisa che qualora l impresa di acquacoltura/pescicoltura non soddisfi i criteri quantitativi di assimilazione di cui alla lettera d) dell articolo 101, c. 7, del d.lgs. 152/06, le acque reflue prodotte non potranno essere considerate assimilate alle domestiche ma saranno considerate acque reflue industriali (acque di processo).

9 c. Impresa dedita alla coltivazione di fondi ed alla silvicoltura o all'allevamento di bestiame che dispone di terreno agricolo funzionalmente connesso con l'attività di allevamento, che esercita attività di trasformazione o valorizzazione della produzione agricola inserita con carattere di normalità e complementarietà funzionale nel ciclo produttivo aziendale. In tal caso, va precisata la materia prima lavorata proveniente dall'attività di coltivazione dei fondi di cui si ha disponibilità a qualunque titolo, in misura percentuale rispetto alla materia prima complessivamente lavorata. d. Impianto di acquacoltura e di piscicoltura. In tal caso, va precisata la densità media di allevamento per metro quadro di specchio d acqua in Kg/m 2 e la portata d acqua complessivamente utilizzata nell impianto in l/s. In tutti i casi sopra indicati, deve anche essere indicato il carico organico biodegradabile di punta espresso in abitanti equivalenti (secondo le indicazioni contenute all articolo 5 c. 5 del R.R. 3/06), che caratterizza i reflui derivanti dalla suddetta attività. 5. Considerati il numero massimo di persone presenti in ogni edificio da cui si originano reflui provenienti solo dai servizi igienici ed il carico organico biodegradabile di punta di ogni edificio da cui si originano reflui non provenienti solo da servizi igienici, di cui al precedente punto 3 e 4, deve essere indicato il numero complessivo di Abitanti equivalenti riferibili allo scarico complessivo.

10 MODELLO 2 CONTENUTI DELLA RELAZIONE TECNICA CONCERNENTE IL SISTEMA DI TRATTAMENTO, E, NEL CASO DI RECAPITO NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO, DEL SISTEMA DI DISPERSIONE DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE 25 A) Sistema di trattamento delle acque reflue 1. Carichi idraulici ed organici affluenti all'impianto (per i sistemi di trattamento già in esercizio vanno forniti i dati reali, per gli impianti in progetto, i valori previsti ed assunti quale base della progettazione) - portata giornaliera complessiva (Q d ) in mc/d - (solo nel caso di impianti a biomassa adesa o sospesa) portata di calcolo (Q c ) in mc/h, ovvero la portata media oraria riferita al periodo della giornata di maggiore afflusso. - portata di punta oraria (Q p ) in mc/h - concentrazione media di BOD 5 (mg/l) nel liquame influente Inoltre, per gli impianti a biomassa sospesa, deve essere precisata la concentrazione di SST mantenuta nella miscela aerata. Nel caso di sistemi di trattamento già in esercizio, per quanto riguarda la portata, i dati forniti dovranno preferibilmente essere ricavati attraverso apposite misurazioni (ad esempio, mediante l impiego di misuratori di portata noleggiati 26 ) piuttosto che essere ricavati da stime teoriche. Anche per quanto riguarda il dato relativo al BOD 5, dovranno essere preferibilmente riportati i risultati delle misurazioni realmente effettuate e le modalità di esecuzione delle stesse, piuttosto che valori stimati. 2. Illustrazione dettagliata 27 dell impianto (sia per la linea acque che per la linea fanghi), indicando: Tipologia impiantistica (vasca imhoff, fitodepurazione, impianto a fanghi attivi a biomassa sospesa, Biofiltri, letti percolatori, biodischi, ecc.). Elencazione e descrizione delle fasi di trattamento sia della linea acque che della linea fanghi. Collegamenti idraulici tra le diverse fasi. Ripartitori della portata tra le diverse vasche e By-pass generali e parziali delle singole fasi. Dimensioni (altezza, lunghezza e larghezza) e caratteristiche strutturali (es. materiale di costruzione) delle vasche previste per ciascuna fase di trattamento Caratteristiche dei macchinari e dei dispositivi installati (numero, portata, potenza e sequenza di funzionamento delle pompe dell'eventuale stazione di sollevamento in testa all'impianto, indicando anche l eventuale presenza di pompe di riserva; dispositivi per l'insufflazione di aria; pompe per il ricircolo dei fanghi e per l estrazione dei fanghi di supero, indicando anche l eventuale presenza di pompe di riserva; caratteristiche strutturali e dimensionali dei mezzi di supporto nel caso di impianti a biomassa adesa; sonde in continuo, ecc ). Quantitativo di fanghi di supero (in Kg/anno ed in mc/anno) prodotti e smaltiti dall impianto. 3. Eventuali soluzioni atte a fronteggiare periodi lunghi, durante i quali il carico organico influente da trattare si riduce pressoché a zero (ad esempio, vasca di equalizzazione in testa all impianto, allacciamento di abitazioni limitrofe all insediamento, alimentazione dell impianto con substrato artificiale, tipologia di impianto di per sé in grado di fronteggiare tale circostanza, come nel caso degli impianti ad aerazione prolungata o nel caso di impianti a cariche). La relazione dovrà essere corredata da una pianta generale e da sezioni dell'impianto in scala 1:100, aggiornate al reale stato di fatto (nel caso di impianti già in esercizio), e di schema a blocchi delle diverse fasi di trattamento e di tutti i collegamenti idraulici. B) Sistema di dispersione delle acque reflue domestiche e/o assimilate negli strati superficiali del sottosuolo (solo in caso di recapito nel sottosuolo) 1. Illustrazione dettagliata 28 del sistema di dispersione, indicando: 25 Nel caso in cui dall insediamento si originino più terminali distinti di scarico di acque reflue domestiche e/o assimilate, deve essere precisato il numero dello scarico, secondo la numerazione indicata nella scheda tecnica A, a cui si riferisce la relazione tecnica. 26 In alternativa, qualora il liquame sia convogliato in testa all impianto mediante canali aperti, si potrà procedere alla misura del tirante idrico in tali canali, ricavando i valori di portata tramite l applicazione delle formule idrauliche correlate alle caratteristiche geometriche e costruttive di tali canali. 27 Per i sistemi di trattamento già in esercizio vanno fornite le caratteristiche reali, per gli impianti in progetto, le caratteristiche previste a conclusione della progettazione

11 a. Tipologia di sistema (pozzo disperdente 29, subirrigazione, ecc.). b. Descrizione della struttura e delle caratteristiche costruttive del sistema di dispersione, indicando anche tutti i collegamenti idraulici, i ripartitori della portata, ed i by-pass esistenti. c. Caratteristiche geometriche degli elementi del sistema di dispersione (diametro e profondità del pozzo, diametro e lunghezza delle condotte di dispersione del sistema di subirrigazione, granulometrica del materiale in cui risultano posate le condotte di dispersione, ecc.) d. Caratteristiche dei macchinari e dei dispositivi eventualmente installati. 2. Illustrazione delle caratteristiche idrogeologiche del sottosuolo nella zona dove avviene la dispersione delle acque reflue 30, indicando: a. Stratigrafia del terreno b. Profondità minima dell acquifero più superficiale nei periodi di maggiore alimentazione della falda Qualora non desumibile da studi geologici già disponibili o da indagini geologiche (carotaggi/prospezioni) appositamente eseguite per la compilazione della domanda, la stratigrafia del terreno nella zona di dispersione potrà essere ricavata tramite l effettuazione di test di percolazione. Il test di percolazione dovrà essere condotto: - secondo modalità non standard per quanto riguarda le dimensioni dello scavo ed il battente dell acqua all inizio del test, con l obiettivo di definire la conducibilità (o permeabilità) idraulica 31 del terreno in corrispondenza del fondo scavo del sistema di dispersione e quindi la corrispondente classificazione del terreno stesso in base alle indicazioni letteratura. In tal caso, comunque, dovrà essere citata la fonte bibliografica di riferimento per il test e per le formule di calcolo della conducibilità idraulica. - più semplicemente, secondo le modalità standard per quanto riguarda geometria del pozzetto di prova e battente all inizio della prova, indicate in U.S. Public Health Report n (descritte in allegato) 32, con l obiettivo di individuare un tempo di percolazione e quindi la corrispondente classificazione del terreno secondo le indicazioni della medesima fonte bibliografica (vedi ancora allegato). In ogni caso, le modalità di effettuazione del test dovranno essere accuratamente descritte in relazione. Il test dovrà comunque soddisfare le seguenti condizioni: nell ambito del test dovranno essere condotte almeno due prove in ciascun pozzetto ed i risultati del test ottenuti dovranno essere frutto della media dei risultati delle singole prove Il test dovrà essere effettuato realizzando almeno 2 pozzetti di prova, in caso di terreno omogeneo, e fino a 6 pozzetti, nel caso di terreno che presenta forti variazioni da un punto all altro 33. In ogni caso, la zona dove verrà installato il sistema di dispersione dovrà risultare coperta omogeneamente dai pozzetti. in occasione di ogni prova il terreno interessato dal processo di percolazione dovrà essere stato preventivamente saturato d acqua. Si anticipa che qualora il test di percolazione indichi una permeabilità del terreno molto elevata (> 1 cm/s), per la presenza di un orizzonte di terreno caratterizzato da ghiaia e/o ciottoli, la dispersione dei liquami nel terreno dopo trattamento mediante fossa settica o Imhoff non risulta ammesso, per gli elevati rischi di contaminazione della falda 34. In tal caso, qualora possibile, si dovrà provvedere ad asportare parte del terreno naturale per sostituirlo con terreno a granulometria inferiore, caratterizzato da minore permeabilità. La relazione dovrà essere corredata da una pianta generale e da sezioni del sistema di dispersione attualmente esistente o in progetto in scala 1:50; nel caso di sistemi esistenti, tali elaborati dovranno 28 Per i sistemi già in esercizio vanno fornite le caratteristiche reali, per i sistemi in progetto, le caratteristiche previste a conclusione della progettazione 29 In base al punto 3.4 della DGR 8/2318 del 5 aprile 2006, la tecnica di dispersione mediante pozzi disperdenti non è ammessa per nuove installazioni. 30 Questa parte della relazione tecnica deve essere obbligatoriamente sottoscritta da un geologo, o da un Ingegnere Civile, o Ambientale. 31 Ovvero il valore della costante K in m/s che lega, secondo la legge di Darcy, la portata per unità di superficie al gradiente idraulico (perdita di carico per unità di lunghezza). 32 Ed avendo cura di fare in modo che il fondo del pozzetto di prova sia ubicato alla stessa quota del fondo dello scavo di posa del sistema di dispersione 33 Cfr. MASOTTI LUIGI; VERLICCHI PAOLA, DEPURAZIONE DELLE ACQUE DI PICCOLA COMUNITA', Hoepli, Cfr. MASOTTI LUIGI; VERLICCHI PAOLA, DEPURAZIONE DELLE ACQUE DI PICCOLA COMUNITA', Hoepli, 2005, Tabella A1.8.

12 essere conformi al reale stato di fatto. La pianta dovrà riportare anche l ubicazione dei pozzetti di prova del test di percolazione (nel caso in cui sia stato effettuato). La relazione di cui al presente modello dovrà riportare la data di estensione, e dovrà essere firmata dal tecnico abilitato (Ingegnere, Chimico, Biologo, Perito industriale o chimico) estensore delle stessa (con timbro di iscrizione all ordine professionale). Ciò vale anche per le piante, le sezioni e gli schemi a blocchi.

13 MODELLO 2 Test di percolazione secondo le modalità indicate in U.S. Public Health Report n Il test di percolazione si effettua praticando un cavo quadrato di 30 cm di lato e profondità pari a quella del fondo dello scavo di posa della tubazione. Si riempie completamente il cavo con acqua fino a saturarne le pareti e si lascia percolare l acqua fino a suo completo assorbimento. Successivamente, mentre il fondo è ancora saturo di umidità, si riempie di nuovo il cavo con acqua per una altezza di 15 cm e si determina il tempo occorrente affinché il livello dell acqua cali di 2,5 cm. Per quanto riguarda l interpretazione dei risultati ottenuti e quindi la classificazione del terreno si farà riferimento alle seguente tabella che riporta anche il conseguente sviluppo in metri lineari delle condotte di subirrigazione (nel caso in cui questo sia il sistema di dispersione adottato).

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda)

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) ALLEGATO TECNICO S 1 Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) Coordinate geografiche Gauss Boaga 2 (in metri) del punt di recapito

Dettagli

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO COMUNE DI VOLPIANO PROVINCIA DI TORINO C.A.P. 10088 TEL. 011 995.45.11 FAX 011 995.45.12 www.comune.volpiano.to.it SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO MARCA DA BOLLO AL SINDACO

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI ALLEGATO 1 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO. NOTIZIE GENERALI SCARICO

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE Marca da Bollo Euro 14,62 Spett.le Comune di Vigone P.za Palazzo Civico 18 10067 - VIGONE (TO) OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SFIORATORI DI PIENA LUNGO LE RETI FOGNARIE, SCARICATORI DI EMERGENZA PRESSO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO E TERMINALI DI RETI METEORICHE

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO Marca da bollo Spett.le PROVINCIA DI PAVIA Divisione Agro-Ambientale Settore Tutela Ambientale Viale Taramelli, 2 27100 PAVIA MODELLO C PRIVATI/PERSONE FICHE-DITTE CON ATTIVITA REDENZIALE MODULO PER LA

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Spett.le A.M.A.G. Via Damiano Chiesa n.18 15100 Alessandria Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a il residente in Via N Tel: nella

Dettagli

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze Marca da bollo Є 16, 00 Protocollo Comune copia per il Comune AL Responsabile del Settore c copia per il Denunciante Assetto e Gestione del Territorio

Dettagli

Modulistica per autorizzazione allo scarico

Modulistica per autorizzazione allo scarico PROVINCIA DI PISA Modulistica per autorizzazione allo scarico 1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Cittadinanza Comune di residenza Indirizzo telefono

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7 ALLEGATI TECNICI NECESSARI ALL ISTANZA AUA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN FALDA (acque derivanti dal lavaggio e dalla lavorazione degli inerti naturali in falda) Lo scarico in falda potrà essere esercitato

Dettagli

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo REVISIONE 05 - del 12.07.2012 Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo La/Il sottoscritta/o codice

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo in valore legale DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Al Responsabile Ufficio Tecnico CAPALBIO (GR) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria.

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO NELLA RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE Tipo di autorizzazione: nuova rinnovo

Dettagli

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n..

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO (marca da bollo legale) (spazio riservato al protocollo) Al Sig. Sindaco del Comune di Crespellano 40056 CRESPELLANO Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali ed industriali

Dettagli

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio Marca da bollo Preg.mo Sig. SINDACO 16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio OGGETTO: ART. 15 L.R. 26/03/1990 N. 13, L.R. 48/93, L.R. 37/96, D.Lvo 152//06 e s.m.i., L.R. 6/03. Domanda di

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE ALLEGATO 2 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE Documentazione da presentare: LA SCHEDA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO NONCHE FIRMATA E

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue di tipo DOMESTICO non recapitanti in

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (1) RECAPITANTI IN : CORPO IDRICO SUPERFICIALE specificare..

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (1) RECAPITANTI IN : CORPO IDRICO SUPERFICIALE specificare.. COMUNE DI GOSSOLENGO Settore Tecnico Provincia di Piacenza Tel 0523 770777 Fax 0523 779291 e-mail: appalti.gossolengo@sintranet.it urbanistica.gossolengo@sintranet.it PEC: comune.gossolengo@legalmail.it

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6 RACCOMANDATA A.R. Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura Il/La sottoscritto/a

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00 Spett.le PROVINCIA DI MILANO Settore Risorse Idriche

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ISTRUZIONI PER L INOLTRO DELLA DOMANDA DI ASSIMILABILITA La comunicazione/richiesta di assimilazione alle acque reflue domestiche deve essere: 1. compilata utilizzando l apposito modello disponibile sul

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEFINITIVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PREVENTIVA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEFINITIVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PREVENTIVA Marca da Bollo 16,00 (timbro protocollo) Al Ufficio Tecnico Edilizia Privata e Ambiente Comune di Trebaseleghe (PD) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEFINITIVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:...,

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:..., Riservato ad AMSC S.p.A. Marca da Bollo 14,62 Al Presidente del CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE E LAGO DI COMABBIO Piazza Libertà n 1 21100 VARESE Tramite

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana PROTOCOLLO Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana e-mail: servizitecnici.comune@legalmail.it MARCA DA BOLLO DOMANDA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO Marca da bollo Al Sindaco del Comune di Galgagnano sottoscritt nat a Prov. il in qualità di legale rappresentante titolare della ditta con sede legale in via n. Cod.

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Via Rati 66 Tel. 010/91701 Fax 010/9170225 C.F. 80007570106 P.I. 00845470103 SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE Istanze di autorizzazione per scarichi derivanti da

Dettagli

Oggetto: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ED ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA O SCARICO SUL SUOLO O NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO

Oggetto: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ED ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA O SCARICO SUL SUOLO O NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO Marca da bollo euro 14,62 AL COMUNE DI FARA IN SABINA Via S. Maria in Castello n. 12 02032 Fara in Sabina (RI) Oggetto: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ED ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA O SCARICO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 COMUNE DI MERCALLO No bollo PROVINCIA DI VARESE Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 Cod.fisc.: 83003793570 - E-mail: ed.pubblica@comune.mercallo.va.it Spettabile COMUNE DI MERCALLO Via

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali

Dettagli

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO (9) AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO DA STABILIMENTO INDUSTRIALE RECAPITANTI IN ACQUE SUPERFICIALI O SUL SUOLO ai sensi del D.Lgs n. 152 dell'11

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 MATERA OGGETTO:

Dettagli

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI)

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) Data Spett.le MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE Il sotto scritto Cognome e nome: C.F. nato a residente in via Nr CAP nella sua qualità di: titolare

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Il/La sottoscritto/a: in qualità di Legale Rappresentante e/o Titolare altro della Ditta con attività di: e con insediamento

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 Questo modulo, compilato in ogni sua parte e corredato degli allegati richiesti deve essere consegnato in duplice/triplice copia al Comune/SUAP di pertinenza della

Dettagli

Comune di Baranzate -Provincia di Milano - Ufficio Ecologia

Comune di Baranzate -Provincia di Milano - Ufficio Ecologia Nota per la compilazione: La dichiarazione andrà redatta in 4 copie ripotando solo le voci e le parti che interessano. DICHIARAZIONE DI SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O DI ASSIMILABILITA' DEGLI SCARICHI

Dettagli

OGGETTO: domanda d autorizzazione allo scarico nella pubblica rete fognaria.

OGGETTO: domanda d autorizzazione allo scarico nella pubblica rete fognaria. Spett.le Via Senigallia n 18 60100 ANCONA - AN OGGETTO: domanda d autorizzazione allo scarico nella pubblica rete fognaria. IL SOTTOSCRITTO: NATO A Cognome e Nome Codice Fiscale IL RESIDENTE IN Comune

Dettagli

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 5

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 5 RACCOMANDATA A.R. Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete Il/La sottoscritto/a

Dettagli

rifiuti,scarichi provenienti da bonifiche dei siti contaminati e abbassamento falda.

rifiuti,scarichi provenienti da bonifiche dei siti contaminati e abbassamento falda. RICHIESTA 1 Autorizzazione scarichi di acque meteoriche da impianti trattamento rifiuti,scarichi provenienti da bonifiche dei siti contaminati e abbassamento falda. "testo unico ambiente" T.U. 152/06,

Dettagli

COMUNE DI ARPINO. Provincia di Frosinone

COMUNE DI ARPINO. Provincia di Frosinone COMUNE DI ARPINO Provincia di Frosinone Marca da Bollo 16,00 Al Sig. SINDACO del Comune di ARPINO OGGETTO: Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche sul suolo mediante sub-irrigazione,

Dettagli

Marca da bollo 16,00 C H I E D E

Marca da bollo 16,00 C H I E D E CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI ( Artt. 36 e 37 del Regolamento di Fognatura

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Il sottoscritto nato a il titolare o legale rappresentante dell Azienda sita nel Comune di in via CHIEDE il rinnovo dell autorizzazione

Dettagli

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1 Allegato 1 acque industriali A. Caratteristiche dell attività A1. CICLO DI LAVORAZIONE Allegare una relazione contenente una descrizione del ciclo tecnologico con schema a blocchi relativo al processo

Dettagli

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE)

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Prot. N... Rich. N. /.. O.d.L. N... RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Il sottoscritto (1)

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA PER EDIFICI OD INSTALLAZIONI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Spett.le

Dettagli

Oggetto: Domanda di Autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche che non recapitano nella rete fognaria

Oggetto: Domanda di Autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche che non recapitano nella rete fognaria RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE (ai sensi del D.Lgs. n. 152 del 03-04-2006) (MODELLO DA UTILIZZARE PER IL COMUNE DI TEOLO) Marca da bollo RISERVATO ALL'UFFICIO Protocollo:

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI

Dettagli

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6 Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete fognaria

Dettagli

Allegato B MODELLO PER LA COMUNICAZIONE/RICHIESTA DI ASSIMILAZIONE AD ACQUE REFLUE DOMESTICHE SEZIONE 1 DATI ANAGRAFICI TITOLARE DELLO SCARICO

Allegato B MODELLO PER LA COMUNICAZIONE/RICHIESTA DI ASSIMILAZIONE AD ACQUE REFLUE DOMESTICHE SEZIONE 1 DATI ANAGRAFICI TITOLARE DELLO SCARICO Allegato B MODELLO PER LA COMUNICAZIONE/RICHIESTA DI ASSIMILAZIONE AD ACQUE REFLUE DOMESTICHE (marca da bollo) Prot. n. All Ufficio d Ambito della Provincia di Como Via Borgo Vico 148 22100 Como SEZIONE

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A.

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle domestiche, acque reflue assimilate alle domestiche, acque reflue di dilavamento, acque di prima

Dettagli

(Modello A) Il sottoscritto/a. nato/aa il. residente a via. tel. e-mail. codice fiscale. in qualità di: (titolo di possesso) dell immobile posta in

(Modello A) Il sottoscritto/a. nato/aa il. residente a via. tel. e-mail. codice fiscale. in qualità di: (titolo di possesso) dell immobile posta in Settore Gestione del Territorio Servizio Edilizia Privata COMUNE DI GROSSETO SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA (Modello A) Protocollo num. del: DOMANDA PER IL NULLA OSTA PREVENTIVO

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE/RINNOVO ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI, METEORICHE

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI MODELLO Scarichi acque reflue industriali Protocollo Generale Data di presentazione Bollo 14,62 ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio

Dettagli