Provincia Autonoma di Trento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 10 settembre 2010, n Approvazione del "Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali" (fascicolo 118D10S158) Il Relatore comunica: l art. 186 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), nel testo sostituito dall art. 2, comma 23, del decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4, come da ultimo modificato dal decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito con legge 27 febbraio 2009, n. 13, reca la disciplina concernente l utilizzo delle terre e rocce da scavo. In materia, con deliberazione della Giunta provinciale n del 29 agosto 2008, successivamente modificata con deliberazione n del 22 maggio 2009, è stata formulata una serie di linee guida e di indicazioni operative per l utilizzo delle terre e rocce da scavo, al fine di assicurare un agevole e corretta applicazione del citato art. 186 del d.lgs. n. 152 del Una delle operazioni previste dalle deliberazioni della Giunta provinciale è la caratterizzazione delle terre e rocce da scavo destinate al riutilizzo, mediante l effettuazione di analisi chimiche. Questo obbligo ha portato, nel giro di pochi mesi, all individuazione sul territorio provinciale di numerosi casi di superamento dei valori limite di legge per diversi metalli e non metalli attribuibili a fenomeni di origine naturale. Per questi motivi, al fine di escludere la necessità di attivare inutilmente le procedure previste dall art. 242 del decreto legislativo n. 152 del 2006, permettendo l applicazione dell art. 186, la Giunta Provinciale, in ragione delle caratteristiche geologiche di parte del proprio territorio, caratterizzato da diffuse mineralizzazioni, ha adottato deliberazione n di data 3 luglio 2009, con la quale sono state individuate alcune macro-aree all interno delle quali, anche in assenza di evidenze analitiche, è riconosciuta la presenza di determinati analiti, in ragione di fenomeni di origine naturale. All interno di quest ultima deliberazione, in virtù dell approccio di redazione adottato, basato su evidenze di natura geologica, geomorfologia e storica, ma non analitiche, si ravvisava la necessità di prevedere successive modifiche, correzioni e integrazioni della perimetrazione così determinata in funzione di approfondimenti analitici, geologici e storici. A seguito della citata deliberazione, all interno della perimetrazione delle c.d. macro-aree, la movimentazione delle terre e rocce da scavo, fra un sito di produzione ed un sito di destino, può avvenire alla condizione che i relativi valori di concentrazione rientrino nell intervallo di variabilità pari al 20%, relativamente all elemento la cui presenza oltre le concentrazioni soglia di contaminazione definite dalla tabella 1 dell allegato 5 alla parte quarta del titolo V del d.lgs. n. 152/2006 sia ricondotta a fenomeni di origine naturale. In questo quadro, alcune Amministrazioni comunali, il cui territorio ricade parzialmente o interamente all interno delle c.d. macro-aree, hanno ritenuto opportuno promuovere studi. Disporre, infatti, di un valore numerico di riferimento, oltre a completare, con evidenze analitiche, lo studio preliminare che ha condotto alla definizione delle macro-aree, permetterà, qualora i livelli di concentrazione determinati analiticamente nel sito di produzione siano inferiori a tale valore, di effettuare la movimentazione delle terre e rocce da scavo fra un sito di produzione ed uno di destino, senza dover effettuare le determinazioni analitiche nel sito di destino. La Giunta provinciale, con propria deliberazione n di data 22 dicembre 2009, ha riconosciuto ammissibili a finanziamento e quindi ha finanziato gli studi finalizzati alla definizione di un valore di concentrazione indicativa del livello di fondo naturale promossi dalle Amministrazioni comunali. La ricerca ed il riconoscimento di un valore di concentrazione in una determinata area da adottare quale riferimento per la valutazione dei fenomeni di origine naturale è un processo complesso che necessariamente coinvolge più discipline e richiede un approccio metodologico specifico e codificato. Con-

2 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ scia di questa complessità l allora Agenzia nazionale per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici (oggi Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), nel giungo 2006, ha emanato il Protocollo Operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli dei siti d interesse nazionale. Con il precipuo scopo di stabilire le procedure tecniche e l iter amministrativo che il proponente e l Agenzia provinciale per la protezione dell ambiente devono seguire per addivenire al riconoscimento di un fondo naturale, la stessa Agenzia ha predisposto un Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali, che è stato condiviso e concordato sia con il Servizio Geologico, sia con il Servizio per le Politiche risanamento dei siti inquinati e gestione dei rifiuti della Provincia. Il Protocollo stabilisce le modalità con cui devono essere condotti gli studi e le metodologie da adottare nelle diverse indagini in campo ed in laboratorio e definisce la documentazione che deve essere prodotta e presentata agli enti ai fini della validazione ed approvazione. Tutto ciò premesso LA GIUNTA PROVINCIALE udita la relazione; visti gli artt. 63 bis, comma 2, lettera a), e 102 quater, comma 1, del decreto Presidente della Giunta provinciale 26 gennaio 1987, n. 1-41/Legisl. Approvazione del testo unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell ambiente dagli inquinamenti ; visto l art. 186 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall art. 2, comma 23, del d.lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 e da ultimo modificato dal decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito con legge 27 febbraio 2009, n. 13; visto l art. 240, comma 1, lettera b) del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152; viste le proprie deliberazioni n del 29 agosto 2008, n del 22 maggio 2009, n del 3 luglio 2009 e n del 22 dicembre 2009; a voti unanimi, espressi nelle forme di legge; delibera 1. di approvare - al fine di assicurare una corretta applicazione delle disposizioni legislative statali e delle norme provinciali in premessa citate - il testo del Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali, contenuto nell allegato alla presente deliberazione, di cui forma parte integrante e sostanziale; 2. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Trentino - Alto Adige; 3. di stabilire che le indicazioni derivanti dal Protocollo di cui al punto 1) trovano applicazione a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Trentino- Alto Adige; 4. di trasmettere copia del presente provvedimento alle strutture provinciali e agli enti locali interessati. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA LORENZO DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI PATRIZIA GENTILE

3 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Allegato parte integrante Protocollo Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali Scopo e campo di applicazione Il presente Protocollo ha la scopo di descrivere l iter tecnico amministrativo che il proponente e l Agenzia provinciale per la protezione dell ambiente, di seguito denominata anche APPA, debbono seguire per pervenire al riconoscimento di un fondo naturale. Infatti in base a quanto stabilito dall art. 240, lettera b), del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152, un sito potenzialmente contaminato in quanto caratterizzato da livelli di contaminazione superiori a quelli definiti nell Allegato 5 al titolo V della Parte IV del d.l. n. 152 del 2006, può essere considerato come non contaminato qualora venga riconosciuta la presenza di un fondo naturale. Ai fini del presente Protocollo si definisce: fondo naturale locale: un area di dimensioni limitate per la quale, sulla base del parere espresso dall APPA, si prende atto della presenza di contaminazioni di origine naturale tali da causare il superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) per la specifica destinazione d uso del sito; fondo naturale esteso: un area di dimensione comunale o sovracomunale per la quale, sulla scorta di specifiche indagini ed elaborazioni statistiche, la Giunta provinciale individua e riconosce ufficialmente, all interno di una perimetrazione ben definita, il valore numerico di fondo naturale. Al fine di giungere al riconoscimento da parte delle autorità competenti della presenza di un fondo naturale, le operazioni di caratterizzazione del sito e le elaborazioni dei risultati ottenuti devono essere condotte seguendo le procedure descritte nei seguenti paragrafi. Procedura di riconoscimento di Fondo naturale locale 1 Implicazioni Il riconoscimento della presenza di un fondo naturale locale da parte dell APPA consente gli utilizzi descritti nei seguenti paragrafi, distinti in due casi con riferimento ai valori limite riportati nella colonna A e B della Tabella 1 dell allegato 5 al titolo V della Parte IV del d.l. n. 152 del Fondo naturale locale con concentrazioni superiori al limite di colonna A e inferiori al limite di colonna B E consentito: l utilizzo del sito, indipendentemente dalla specifica destinazione d uso, senza che sia effettuata l eventuale bonifica prevista dall art. 242 del d.l. n. 152 del 2006; l utilizzo delle terre e rocce da scavo, eventualmente prodotte nell area, conformemente a quanto previsto dalla deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 maggio Fondo naturale locale con concentrazioni superiori al limite di colonna B E consentito: l utilizzo del sito, indipendentemente dalla specifica destinazione d uso, senza che si debba procedere all eventuale bonifica prevista dall art. 242 del d.l. n. 152 del 2006; l utilizzo delle terre e rocce da scavo, eventualmente prodotte nell area, all interno del sito stesso o, se utilizzate al di fuori, conformemente a quanto previsto dalla deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 maggio Procedura di riconoscimento L individuazione di contaminazioni storiche o di situazioni che possano aver causato il superamento del livello delle concentrazioni soglia di contaminazione in un sito comporta l attivazione della procedura prevista dall art. 242 del d.l. n. 152 del 2006 per i siti potenzialmente contaminati e quindi l invio della comunicazione di potenziale contaminazione rivolta al comune territorialmente competente e all APPA. Al di fuori delle macroaree, definite dalla deliberazione della Giunta provinciale n di data 3 luglio 2009, la procedura di riconoscimento di un fondo naturale locale si articola a partire dall elaborazione e presentazione di un Piano di caratterizzazione (si veda l allegato 1) che dovrà essere orientato a fornire gli elementi necessari all APPA per le relative valutazioni. Si suggerisce di riferirsi al documento redatto

4 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ da APAT e ISS titolato Protocollo operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli d interesse nazionale. In sintesi si dovrà procedere come segue: 1. il proponente presenta all APPA il Piano di caratterizzazione ; i punti di prelievo dovranno essere individuati sulla base di una preventiva identificazione di ambiti omogenei dal punto di vista litologico e geomorfologico e secondo i seguenti criteri: a) per aree con estensione uguale o inferiore ai m 2 : effettuazione di almeno 1 campione medio per ogni ambito omogeneo dal punto di vista geologico-geomorfologico o di utilizzo del sito per un totale di almeno 5 campioni medi all interno dell intero sito indagato b) per aree con estensione superiore ai m 2 : un campione aggiuntivo ogni qualvolta l estensione totale dell area indagata superi un multiplo intero di m 2 garantendo la rappresentatività dei campioni prescritta al punto a); c) nel caso di aree con estensione molto limitata è possibile concordare di volta in volta con l APPA il numero minimo di campioni; ogni campione deve essere formato da incrementi successivi la cui distribuzione sia di tipo sistematico o a griglia; d) per le metodologie di campionamento si fa riferimento alle norme serie ISO e per le determinazioni analitiche al al D.M. 13 settembre 1999 Approvazione dei Metodi Ufficiali di analisi chimica del suolo così come riportato nell appendice A eventualmente integrato da metodiche internazionalmente riconosciute; 2. nelle aree adiacenti al sito, simili dal punto di vista geologico e geomorfologico, nelle quali si abbia la certezza dell assenza di contaminazione derivante dal sito stesso e da altre attività antropiche, si devono prevedere almeno 3 campioni medi formati da incrementi successivi selezionati in modo casuale; 3. l APPA, verificata la completezza e la correttezza del Piano, esprime ed invia il parere di merito integrato da eventuali prescrizioni; 4. l APPA sulla scorta dei risultati delle analisi condotte, dopo aver effettuato la validazione secondo quanto indicato nell appendice B al presente Protocollo, sulla base della comparabilità tra le concentrazioni rilevate all esterno e all interno del sito. 5. Il parere verrà inviato per conoscenza anche al comune territorialmente competente. Procedura di riconoscimento di Fondo naturale esteso 1 Implicazioni Si distinguono due casi a seconda che il valore di fondo naturale riconosciuto dalla Giunta provinciale si collochi sopra il valore limite riportato nella colonna B della Tabella 1 dell allegato 5 al titolo V della parte quarta del d.l.n. 152 del 2006, o tra il limite di colonna A e quello di colonna B. 1.1 Valore di fondo naturale compreso tra il limite di colonna A e quello di colonna B La concentrazione soglia di contaminazione per i siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale compresi nell area perimetrata è assunta pari al valore di fondo naturale. Ciò consente: l utilizzo dei siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale senza che sia attivata la procedura prevista dall art. 242 del d.l.n. 152 del 2006, purchè non sia superato il valore di fondo naturale riconosciuto; l utilizzo delle terre e rocce da scavo, eventualmente prodotte nell area, conformemente a quanto previsto dalla deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 maggio Valore di fondo naturale superiore al limite di colonna B La concentrazione soglia di contaminazione è assunta pari al valore di fondo naturale in tutta l area perimetrata, indipendentemente dalla destinazione d uso di ogni sito ivi incluso. Ciò consente: l utilizzo di ogni sito senza che sia attivata la procedura prevista dall art. 242 del d.l.n. 152 del 2006, purchè non sia superato il valore di fondo naturale riconosciuto;

5 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ l utilizzo delle terre e rocce da scavo, eventualmente prodotte, all interno dell area per la quale è stato riconosciuto il fondo naturale esteso, purchè non sia superato il valore di fondo naturale riconosciuto, o se al di fuori di tal area, conformemente a quanto previsto dalla deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 maggio Procedura di riconoscimento La proposta per il riconoscimento di un fondo naturale esteso viene presentata alla Provincia dai comuni o dalle comunità territorialmente competenti. La proposta deve essere strutturata come un Piano di caratterizzazione finalizzato alla verifica di livelli di contaminazione superiori a quelli consentiti dalla normativa, causati dalla presenza di fenomeni naturali. In sintesi si dovrà procedere come segue: 1. Il comune territorialmente competente presenta all APPA,il Piano di caratterizzazione in triplice copia strutturato secondo l indice di cui all allegato 1 al presente Protocollo. Copia del Piano di caratterizzazione verrà inviata dall APPA all Azienda provinciale per i servizi sanitari e al Servizio Geologico per i pareri di competenza. 2. il Piano di indagine contenuto nel Piano di caratterizzazione dovrà essere uniformato al documento redatto da APAT e ISS titolato Protocollo operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli d interesse nazionale. L individuazione delle aree omogenee su cui predisporre i punti di campionamento dovrà essere definita preventivamente sulla base di una preliminare identificazione di ambiti omogenei dal punto di vista litologico e geomorfologico. 3. Dovranno essere rispettati i seguenti criteri aggiuntivi: a) i punti di campionamento devono essere scelti in aree prive di sorgenti puntuali di contaminazione, cioè in aree destinate a verde pubblico, in parchi, zone protette o aree residenziali. Devono essere perciò evitati campionamenti su riporti di natura antropica; b) il campionamento deve essere uniformemente distribuito su tutto l ambito geologicamente omogeneo di riferimento e le modalità di campionamento previste devono essere di tipo sistematico o casuale; c) in ogni stazione di campionamento si devono prevedere almeno 3 campioni: il top soil, un campione rappresentativo dello strato superficiale sottostante il top soil fino alla profondità di 1 m e almeno uno rappresentativo del terreno profondo compreso tra il primo metro e 5 metri di profondità, ferma restando la necessità di eseguire più campioni se vi è presenza di strati con eterogeneità litologiche; d) il numero minimo di sondaggi necessari per la determinazione delle concentrazioni di fondo è pari a 30 per ogni strato definito all interno del relativo ambito geologico omogeneo. Gli strati sono identificati attraverso la definizione di un modello concettuale stratigrafico di riferimento caratteristico di ogni ambito geologico omogeneo; e) dovrà essere previsto un confronto interlaboratorio prelimiare analizzando un campione in doppio con il Settore Laboratorio e controlli dell APPA al fine di ridurre all orgine possibili fonti di errore e divergenza fra laboratorio incaricato delle determinazioni analitiche e laboratorio dell Agenzia così come indicato nell allegato A; f) per le metodologie di campionamento si fa riferimento alle norme serie ISO e per le determinazioni analitiche al al D.M. 13 settembre 1999 Approvazione dei Metodi Ufficiali di analisi chimica del suolo così come riportato nell appendice A eventualmente integrato da metodiche internazionalmente riconosciute; 4. l APPA verificata la completezza e la correttezza del Piano ed acquisiti gli eventuali pareri dell Azienda provinciale per i servizi sanitari e del Servizio Geologico approva il Piano integrato da eventuali prescrizioni; 5. il comune attua il Piano dando comunicazione al Settore Laboratorio e controlli dell APPA, con un preavviso di almeno 20 giorni, della data in cui verranno effettuati i campionamenti così da poter acquisire i campioni per le analisi in contraddittorio; anche in assenza del personale degli enti di controllo, il comune avrà cura di formare per ciascun campione tre aliquote di cui solo una sarà utilizzata per le analisi di laboratorio e le altre, da lui conservate sino alla fine dello studio, resteranno a disposizione per eventuali approfondimenti e/o contraddittori. Inoltre dovrà essere garantita la conservazione delle carote fino alla data di approvazione della deliberazione di Giunta provinciale per il riconoscimento del fondo naturale; 6. il comune presenta all APPA in triplice copia i risultati della caratterizzazione mediante apposita relazione descrittiva strutturata secondo l indice di cui all allegato 2. Copia dei risultati della caratteriz-

6 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ zazione verrà inviata dall APPA all Agenzia Provinciale per i Servizi Sanitari e al Servizio Geologico per i pareri di competenza; 7. i risultati delle indagini condotte dovranno essere elaborati secondo opportune tecniche statistiche come indicato nel documento redatto da APAT e ISS titolato Protocollo operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli d interesse nazionale ; 8. l APPA esaminati i risultati delle indagini condotte e delle successive elaborazioni, dopo aver effettuato la validazione secondo quanto indicato nell appendice B al presente Protocollo, esprimerà il proprio parere in merito alla presenza di un fondo naturale determinando il nuovo valore di CSC e la perimetrazione dell area; 9. la Giunta provinciale, sulla base della validazione dello studio dell APPA e dei pareri del Servizio Geologico e dell Agenzia provinciale per i servizi sanitari, riconoscerà la presenza del fondo naturale, il nuovo valore di riferimento e l estensione dell area. Bibliografia di riferimento: APAT, ISS - Protocollo Operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli d interesse nazionale - Giugno Revisione 0 Beretta G.P. - Il trattamento e l interpretazione dei dati ambientali - Editrice Pitagora Taylor J.R. - Introduzione all'analisi degli errori - Zanichelli

7 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Appendice A - Protocollo di campionamento ed analisi 3 Premessa Ai fine di definire un valore di concentrazione di un determinato analita da attribuire a fenomeni di origine naturale è necessario seguire il seguente Protocollo di campionamento e di analisi completo delle procedure e delle registrazioni di qualità. 4 Fase di campionamento 4.1 Modalità Estratta e sistemata nelle cassette catalogatrici la carota, su di essa si esegue il campionamento nel seguente modo: 1. per ogni segmento di carota, rappresentativo rispettivamente del top soil, del primo metro di profondità e dei successi quattro metri di profondità, saranno prelevati tanti incrementi quanti necessari per formare un campione primario composito di almeno 4 dm 3 ; nel caso il materiale originario non fosse sufficiente è possibile formare un campione primario composito di almeno 2 dm 3 ; 2. il campione primario composito dovrà essere setacciato con setaccio a maglia di 2 cm, il sopra vaglio sarà scartato mentre il sotto vaglio sarà omogeneizzato e da questo ricavate, mediante quartatura o separatore meccanico, tre aliquote del volume ciascuna di 1 dm 3 o nel caso di scarsità di materiale di 0,5 dm 3 ; 3. ciascuna aliquota sarà conservata in un barattolo di vetro di adeguato volume, chiuso e sigillato; la prima servirà per le determinazioni analitiche da parte del laboratorio incaricato dal proponente, la seconda servirà per le determinazioni analitiche da parte del Settore Laboratorio e controlli dell APPA e la terza per eventuali determinazioni in contraddittorio. 4.2 Procedure e registrazioni di qualità Durante tutte le fasi del campionamento sino alla consegna dei campioni in laboratorio dovrà essere seguita la seguente procedura: 4. tutte le attrezzature impiegate per il campionamento dovranno essere in acciaio inox pulite e lavate con acqua ad ogni campionamento successivo; 5. ciascun campione sarà numerato in ordine progressivo e sul barattolo sarà apposta un etichetta contenente al minimo le seguenti informazioni: 1. numero campione e aliquota; 2. data e ora di campionamento; 3. codice sondaggio e sezione carota campionata; 4. riferimenti catastali sondaggio. 6. a corredo di ciascun campione sarà redatto apposito verbale di campionamento contenente al minimo le seguenti informazioni: 1. numero campione e aliquota; 2. data e ora di campionamento; 3. codice sondaggio e sezione carota campionata; 4. riferimenti catastali e georeferenziazione del sondaggio; 5. metodo di campionamento ed eventuale riduzione del campione; 6. eventuali problemi incontrati durante il campionamento; 7. quantità di campione raccolto; 8. modalità di conservazione del campione; 9. laboratorio di destinazione; 10. identificativi del campionatore. 7. a garanzia della c.d. catena di custodia sarà redatto apposito verbale di custodia che seguirà il campione e dove sarà annotato ciascun passaggio del campione tra persone ed organizzazioni.

8 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Fase di analisi 5.1 Metodologie Al fine di determinare la concentrazione degli analiti presenti nei campioni dovranno essere utilizzate le seguenti metodiche analitiche: 8. metodo XI.1 del D.M eventualmente integrato con metodi internazionalmente riconosciuti; 9. la frazione inferiore ai 2 mm dovrà essere sottoposta a macinazione per ottenere una granulometria inferiore o uguale a 100 µm; 10. la digestione del campione dovrà essere eseguita in apparecchiatura a microonde. 5.2 Procedure e registrazioni di qualità Il laboratorio incaricato dal proponente di eseguire le determinazioni analitiche dovrà: 11. partecipare e superare preventivamente una prova di calibrazione interlaboratorio con un campione analizzato in doppio con il Settore Laboratorio e controlli dell APPA; 12. per le determinazioni che eseguirà, predisporre e presentare all APPA, prima dell inizio delle analisi, una procedura per il controllo qualità che dovrà prevedere al minimo: 11. le modalità di controllo dei reagenti; 12. la taratura con standard; 13. la determinazione dei limiti di rilevabilità e quantificazione mediante l utilizzo dei c.d. bianchi ; 14. la determinazione analitica in duplicato; 15. l utilizzo delle carte di controllo; 16. l analisi di campioni certificati; 17. il controllo delle unità di misura e dei calcoli dei risultati.

9 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Appendice B - Validazione dei risultati analitici 1 Premessa L iter istruttorio finalizzato al riconoscimento di un fondo naturale prevede inanzitutto la validazione dei risultati analitici. Allo scopo l APPA ha adottato due distinte modalità, una semplificata riservata al riconoscimento di fondi naturali locali con un numero di campioni uguale o inferiore a otto, ed una completa applicabile a tutti gli altri casi. 2 Validazione semplificata Detta modalità prevede la validazione indiretta del risultato analitico attraverso il riesame e la verifica del processo che lo ha generato. Viene verifica la conformità: 18. delle procedure di campionamento e confezionamento mediante il verbale dell ispettore ambientale e delle registrazioni dei controlli di qualità; 19. delle procedure di analisi mediante riesame delle registrazione dei controlli di qualità; 20. dei risultati analitici mediante semplice confronto fra i valori determinati dal laboratorio incaricato delle determinazioni ed i valori determinati dal laboratorio dell Agenzia. Riscontrata la conformità dei risultati analitici l APPA passa alla successiva fase di riesame dell istanza di riconoscimento del fondo naturale. 3 Validazione completa Detta modalità prevede sia la verifica del risultato analitico mediante confronto dei valori relativi ai campioni in contradditorio sia la verifca del processo che ha generato il risultato mediante il riesame del piano di indagine e delle procedure di controllo qualità. In luogo primo viene verificata la conformità: 1. delle procedure di campionamento e confezionamento mediante il verbale dell ispettore ambientale e delle registrazioni dei controlli di qualità; 2. delle procedure di analisi mediante riesame delle registrazione dei controlli di qualità; Riscontrata la conformità al piano di indagine l APPA valida i risultati mediante confronto dei valori relativi ai campioni in contradditorio. La validazione si ritiene superata positivamente se la mediana dei valori assoluti della discordanza percentuale di ogni singolo analità ricercato è uguale o inferiore al 20% utilizzando le seguenti formule di calcolo: LE Δ % = 0,5( C ( C C ) LE SLC + C SLC *100 ) dove: Δ% percentuale di discordanza; C LE concentrazione determinata dal laboratorio utilizzato dal proponente; C SLC concentrazione determinata dal laboratorio APPA; ( Δ %) i =1 n Med,..., dove: Med mediana dei valori assoluti della discordanza percentuale di ogni singolo analità i ; Δ% i percentuale di discordanza relativa al parametro i-esimo ; Riscontrata la conformità dei risultati analitici l APPA passa alla successiva fase di riesame dell istanza di riconoscimento del fondo naturale. Qualora la validazione dei risultati dia esito negativo, si procederà all analisi in contradditorio della terza aliquota riferita ai campioni analizzati la cui discordanza percentuale è risultata maggiore del 20%. Dal confronto potrà emergere: 1. entrambi i laboratori determinano valori di concentrazione confrontabili: si utilizzerà il valore così ottenuto al posto dei valori originali e si ripeterà il procedimento di validazione; 2. i due laboratori determinano valori di concentrazione non confrontabili: si effettuerà un nuovo campionamento, formando una sola aliquota, e si ripeterà il procedimento analitico in contraddittorio sulla singola aliquota.

10 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Allegato 1 Piano di caratterizzazione per il riconoscimento di fondo naturale 1 Premessa 1. Descrizione sintetica del sito 2. Descrizione delle circostanze in base alle quali si è verificato il superamento delle CSC 3. Soggetti responsabili della caratterizzazione 2 Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti 1. Localizzazione e tipologia del sito 2. Storia del sito 3. Approvvigionamento idrico (presenza di pozzi e derivazioni) 4. Indagini e analisi preliminari e/o precedenti 3 Caratterizzazione del sito 1. Assetto geologico-geomorfologico e idrogeologico 2. Aree potenzialmente interessate dal superamento delle CSC 3. Componenti ambientali rilevanti 4 Modello concettuale preliminare 1. Possibili fonti di contaminazione naturali 2. Possibili fonti di contaminazione antropica 3. Contaminanti probabilmente presenti e loro caratteristiche 4. Possibili vie di migrazione degli inquinanti dalle fonti al sito indagato 5 Piano di investigazione 1. Numerosità, localizzazione e profondità dei punti di prelievo ( interni ed esterni al sito per i fondi locali) 2. Elenco degli analiti ricercati 3. Metodi di campionamento, di confezionamento, identificazione, trasporto, conservazione dei campioni e metodiche analitiche 4. Procedure di controllo della qualità 5. Eventuali ulteriori indagini (geognostiche, geofisiche, geologiche e idrogeologiche) 6. Modalità di interpretazione e restituzione dei risultati dell indagine 6 Letteratura scientifica consultata 7 Elaborati di progetto Planimetria sito e ambiente circostante Planimetria di dettaglio sito (strutture, reti, punti salienti) Cartografia tematica idrologica ed idrogeologica Cartografia captazioni potabili, irrigue e tecnologiche, anche dismesse, e piezometri nel sito e nell'area circostante Risultati eventuali indagini geognostiche e geofisiche già effettuate Mappatura analisi chimiche preliminari già effettuate Mappatura punti di campionamento proposti Tutta la documentazione in formato elettronico; formato pdf per i file di testo, formato microsoft excel compatibile per i fogli elettronici e formato autocad e ArcGis compatibili per gli elaborati grafici

11 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/ Allegato 2 - Struttura della relazione descrittiva dei risultati della caratterizzazione per il riconoscimento di fondo naturale 1 Integrazioni o modifiche alle informazioni contenute nel Piano di caratterizzazione 2 Piano di investigazione 1. Descrizione ed ubicazione delle indagini svolte 2. Risultati indagini esperite 3. Elaborazioni risultati 4. Valori outlier e trattamento dei dati 3 Modello concettuale definitivo 1. Fonti di contaminazione naturali 2. Contaminanti presenti e loro caratteristiche 3. Vie di migrazione degli inquinanti dalle fonti al sito indagato e modello stratigrafico di riferimento 4 Conclusioni 5 Allegati Registrazioni attestanti i controlli di qualità eseguiti Risultati analitici in formato elettronico (microsoft excel compatibile) Stratigrafie e monografie dei punti di sondaggio Tutta la documentazione in formato elettronico; formato pdf per i file di testo, formato microsoft excel compatibile per i fogli elettronici e formato autocad e ArcGis compatibili per gli elaborati grafici

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

REPORT PRESSIONI AMBIENTALI - 2014 PROVINCIA DI COSENZA PUNTI VENDITA CARBURANTI

REPORT PRESSIONI AMBIENTALI - 2014 PROVINCIA DI COSENZA PUNTI VENDITA CARBURANTI SUOLO REPORT PRESSIONI AMBIENTALI - 2014 PROVINCIA DI COSENZA PUNTI VENDITA CARBURANTI Il Dirigente del Servizio Dott. Ing. Eugenio Filice Redatto da Dott. Ing. Laura Cundari Dott. Nicola Bavasso - Dipartimento

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali

Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali Allegato parte integrante Protocollo Protocollo operativo per il riconoscimento di fondi naturali Scopo e campo di applicazione Il presente Protocollo ha la scopo di descrivere l iter tecnico amministrativo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc.

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc. DICHIARAZIONE SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO (art. 186 D.Lgs 152/2006 come modificato da D.Lgs. n. 4/08) Oggetto : Riutilizzo delle terre e rocce da scavo ai sensi

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 81750 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1594 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Aggiornamento delle direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001. 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati

De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001. 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati D.M. 16 maggio 1989 (1) Criteri e linee guida per l'elaborazione e la predisposizione, con modalità uniformi

Dettagli

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante MARCA DA BOLLO Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio di attività edilizia (SCIA)

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 329 OGGETTO ISTITUZIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO DELLA PROVINCIA DI ASTI

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 329 OGGETTO ISTITUZIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO DELLA PROVINCIA DI ASTI Proposta di deliberazione prot. N 111112 del 02/12/2010 IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 329 OGGETTO ISTITUZIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 511031/2004 del 01/03/2005 Preambolo IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visto l art. 117, comma

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente CITTÀ DI AGROPOLI Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente Approvato con deliberazione della Giunta comunale n 358 del 06.12.2012 Regolamento per

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PROGETTO.. Richiedente: Tecnico: PREMESSA Il presente Piano di Gestione delle terre è stato redatto nel rispetto e in ottemperanza delle seguenti normative specifiche in materia:

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE Settore Ambiente Adempimenti in caso di evento potenzialmente contaminante Soggetti interessati Responsabile dell inquinamento Proprietario o gestore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE PERIODICA DEGLI STRUMENTI METRICI (ART.3 DEL D.M. 182/2000)

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE PERIODICA DEGLI STRUMENTI METRICI (ART.3 DEL D.M. 182/2000) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE PERIODICA DEGLI STRUMENTI METRICI (ART.3 DEL D.M. 182/2000) ART. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI Agli effetti del presente regolamento si definiscono: a) Decreto:

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ DICHIARAZIONE IN MERITO AL RISPETTO DEI CRITERI PREVISTI IN TEMA DI RIUTILIZZO DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DAL COMMA 1 DELL ART. 41bis DEL DECRETO LEGGE 21 GIUGNO 2013, N 69, RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

CIRCOLARE n. 1 / 2006

CIRCOLARE n. 1 / 2006 CIRCOLARE n. 1 / 2006 PROT. n 326 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare. Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE SP/lv Allegato alla Determinazione 118-2012 del 21/08/2012 Pagina 1 di 9 Sommario 1. PREMESSA...3 2. OGGETTO...3 3. ESITO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA UFFICIO GESTIONE DEI RISCHI 80B STRUTTURA PROPONENTE COD. N 80B/ 2015 /D.060 DEL 12/05/2015 OGGETTO: ART.18 DELLE NORME DI ATTUAZIONE - PARERE

Dettagli

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera Bollettino Ufficiale n. 14/I-II del 03/04/2012 / Amtsblatt Nr. 14/I-II vom 03/04/2012 154 79221 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 15/I-II del 12/04/2011 / Amtsblatt Nr. 15/I-II vom 12/04/2011 58 59786 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Pag. 1 di 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative 7 Archiviazione

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI SULLE PARCELLE PROFESSIONALI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/9647 Modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è 1 2 L Assessore al Welfare e alle Politiche della Salute, sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi, come confermata dal dirigente del Servizio Accreditamento

Dettagli

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 Città di Lecco Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 SETTORE: PIANIFICAZIONE E

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

ALLEGATO ALLA Delibera di G.P. n. 50 del 16/02/2006 DOCUMENTO ISTRUTTORIO

ALLEGATO ALLA Delibera di G.P. n. 50 del 16/02/2006 DOCUMENTO ISTRUTTORIO ALLEGATO ALLA Delibera di G.P. n. 50 del 16/02/2006 DOCUMENTO ISTRUTTORIO Visto il Decreto Legislativo 5 Febbraio 1997, n.22, Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi

Dettagli

ORDINANZA N. 2 DEL 18.06.2012

ORDINANZA N. 2 DEL 18.06.2012 COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA AMBIENTALE DELLE AREE MINERARIE DEL SULCIS IGLESIENTE E DEL GUSPINESE ORDINANZA N. 2 DEL 18.06.2012 Oggetto: Convenzione tra Commissario, Regione Sardegna e società

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

Fanghi di escavazione Problema ancora senza soluzione?

Fanghi di escavazione Problema ancora senza soluzione? Fanghi di escavazione Problema ancora senza soluzione? Ordinarie operazioni di ricavatura di un corso d acqua Il problema fanghi in Toscana Per evidenziare l estensione del problema a livello regionale

Dettagli

R E G I O N E B A S I L I C A T A

R E G I O N E B A S I L I C A T A R E G I O N E B A S I L I C A T A ALLEGATO REQUISITI MINIMI E CRITERI GENERALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI LABORATORI DI ANALISI NON ANNESSI ALLE INDUSTRIE ALIMENTARI E MODALITÀ PER L ISCRIZIONE NEL REGISTRO

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 546 del 22/10/2014 Proposta: DAL/2014/566 del 22/10/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

M I N U T A IL DIRETTORE

M I N U T A IL DIRETTORE M I N U T A Prot. 140839 / R.U. IL DIRETTORE Visto il testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative approvato

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per i comuni delle Province di Cremona e Varese, la consegna del PGT in formato digitale avverrà secondo modalità stabilite dalle stesse province. Per ogni

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Finalità e caratteristiche generali Il Servizio sanitario regionale (SSR) ha identificato la ricerca

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409 DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013 Proposta n. 409 Oggetto: VARIANTE N. 47 AL P.R.G.C. VIGENTE. AFFIDAMENTO INCARICO PER RILIEVI TOPOGRAFICI. C.I.G.: Z020C4AC97 Area Urbanistica ed Edilizia Privata Proposta

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON GIANNI SALVADORI

Dettagli

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga ALLEGATO 1 - MODALITÀ APPLICATIVE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA 2011 del 25 FEBBRAIO 2011 (di seguito accordo quadro 2011 ) 1. Iter procedurale per la concessione della

Dettagli

GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA. Sergio Luzzi COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE

GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA. Sergio Luzzi COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE GIUSTIFICARE, MISURARE, PROCEDURA EX ART.191, PROCEDURA STANDARDIZZATA COME ORIENTARSI TRA LE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE Sergio Luzzi Vie En.Ro.Se. Ingegneria Firenze COME ORIENTARSI TRA

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri

CAPVT LIBERVM. Comune di Capoliveri CAPVT LIBERVM Comune di Capoliveri 1.Premessa Questa Società, Caput Liberum s.r.l., in esecuzione della Delibera di C.C. n.60 dello 03/11/2010, deve procedere, in qualità di stazione appaltante, all attribuzione

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

Aspetti normativi e procedure amministrative

Aspetti normativi e procedure amministrative Comune di Milano Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia Servizio Piani di Bonifica Aspetti normativi e procedure amministrative Ing Alba De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e

Dettagli