Parte prima INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte prima INTRODUZIONE"

Transcript

1 Parte prima INTRODUZIONE 1. Profilo istituzionale e amministrativo degli organi di governo locale Gli odierni confini comunali furono definiti nel 1927 nell ambito del riassetto territoriale del comune. A quella data, infatti Rovigo, con la soppressione dei comuni di Boara Polesine, Concadirame, Grignano Polesine, Borsea, Sant Apollinare con Selva e Buso Sarzano acquisì una parte di territorio posto a corona dei confini post unitari 1. Si data al febbraio 1927 la prima proposta di annessione dei suddetti comuni. Nel provvedimento datato 11 febbraio il commissario prefettizio di Rovigo sottolinea: «il comune si affatica e arranca in mezzo a difficoltà finanziarie dipendenti non da sperperi o da altre cause di natura antieconomica, ma dal fatto che le risorse di cui dispone sono, in via assoluta, inadeguate al costo dei servizi che egli deve mantenere. Per rimediare a questa situazione, che trova la sua origine in una insufficienza di carattere organico, si adottarono in passato vari provvedimenti, che si risolsero però sempre in palliativi, che, in luogo di sanare il male, contribuirono ad aggravarlo»; ed ancora «Rovigo con l aggregazione acquisterà un più ampio respiro e si procurerà condizioni di vita meno impossibili, ma anche i comuni aggregandi riceveranno vantaggi non indifferenti, primo tra i quali quello di poter dare alle loro popolazioni i pubblici servizi, dei quali sono sprovvisti». Nel provvedimento si spiega il motivo dell esclusione da questa proposta del comune di Costa, territorio contermine a quello di Rovigo, ma con il centro distante dieci chilometri e senza nessuna dipendenza con il capoluogo, trattandosi di «comune di tipo cittadino dotato di sufficiente autonomia fornito di un buon bilancio e provvisto di molti servizi». Si rendeva, invece necessario l inglobamento di Sant Apollinare che, 1 Si recepiva quanto disposto dal regio decreto legge 17 marzo 1927, n. 383 (pubblicato in GU del 31 marzo 1927, n. 75), in base al quale il governo assumeva la facoltà della «revisione generale delle circoscrizioni comunali per disporne l ampliamento o la riunione, o comunque la modificazione, anche all infuori dei casi previsti dagli articoli 118, 199 e 120 del testo unico della legge comunale e provinciale, approvato con regio decreto 4 febbraio 1915, n. 148, nonché dall art. 8 del regio decreto 30 dicembre 1923, n. 2839». 2 ASRo, Archivio del comune di Rovigo, Delibere del podestà, vol. 65.

2 II Introduzione per quanto non confinante, distava pochi chilometri dalla città e «col quale ha stretti ed intimi rapporti». Rovigo, nel 1926, aveva una popolazione di abitanti ed un territorio di chilometri quadrati, l aggregazione di suddetti comuni aggiunse in totale abitanti e una superficie complessiva di chilometri quadrati. Il regio decreto 29 luglio 1927, n sanciva l aggregazione e delegava al prefetto 4 di Rovigo di fissarne le condizioni, sentito il parere della Giunta provinciale amministrativa 5. Con decreto prefettizio datato 3 dicembre 1927, n vengono stabiliti gli obblighi dell unione a Rovigo dei comuni contermini fissando che essa debba avere la sua pratica attuazione a partire dal 1 gennaio 1928; in forza a tale provvedimento vengono dichiarati decaduti i podestà e i commissari prefettizi dei comuni soppressi. Il decreto stabiliva, inoltre, che in ciascuno dei territori di tali comuni fosse istituita un apposita delegazione di Stato civile e anagrafe con annessa sezione di beneficenza. Nel 1929 con l approvazione del nuovo ordinamento degli uffici e servizi, adottato in dipendenza dei poteri straordinari concessi al comune con regio decreto legge 10 ottobre, n , vennero soppresse le Delegazioni comunali. Questo evento comportò sicuramente un ampio lavoro di divisione patrimoniale e di riorganizzazione degli uffici. In particolare si dovette procedere alla revisione dei servizi di 3 Pubblicato in GU del 20 agosto 1927, n Nel periodo preso in considerazione si assiste ad un rafforzamento dei poteri prefettizi volti a consolidare la supremazia di questa figura sulle altre cariche istituzionali provinciali (legge 3 aprile 1926, n. 669). Tutte le deliberazioni del podestà (tranne alcuni casi) dovevano essere trasmesse al prefetto e, se erano di competenza della Giunta provinciale amministrativa, le trasmetteva a questo organo, dopo averne constatato la legittimità. 5 La Giunta provinciale amministrativa (GPA) venne istituita quale organo di controllo degli atti di province, comuni e opere pie con facoltà di porre il veto all esecuzione delle delibere (legge 30 dicembre 1888, n. 5965; regio decreto 10 febbraio 1889, n. 5921); era composta dal prefetto, da due consiglieri di prefettura designati dal ministro dell Interno e da quattro membri effettivi e due supplenti nominati dal consiglio provinciale. Con la legge 21 dicembre 1928, n la composizione dell organo di controllo varia a vantaggio dei membri di origine burocratica ed, infine a seguito dell emanazione del testo unico della legge comunale e provinciale del 1934 nella composizione della GPA vennero inclusi altri tre membri designati dal Partito nazionale fascista e venne meno la distinzione tra «visto di approvazione» e «visto di legittimità» sulle deliberazioni podestarili, sottoposte ora ad un unico «visto di esecutività»; a questo organo venne demandato il controllo sui bilanci dei comuni. 6 Nell archivio del Comune di Rovigo, depositato all Archivio di Stato non vi è traccia dell originale di tali disposizioni. Analogo risultato ha dato la ricerca effettuata tra le carte dell archivio della prefettura. Qui si cita quanto riportato nel provvedimento podestarile del 26 dicembre 1927, n. 442 «Nomina dei delegati nelle circoscrizioni dei cessati comuni» (ASRo, Archivio storico del comune di Rovigo, Delibere del podestà, vol. 65). 7 La richiesta era stata inoltrata dal comune al ministero di Grazia e Giustizia con provvedimento 28 settembre 1929, n

3 Introduzione III anagrafe e stato civile 8, di quelli per la leva militare, per le liste elettorali e per l esazione delle imposte. In questi stessi anni l ordinamento comunale fu completamente e radicalmente modificato attraverso le riforme del (passate poi nel testo unico della legge comunale e provinciale del ) con le quali veniva abolito completamente il sistema elettorale per la formazione degli organi comunali, attribuendone invece la nomina agli organi dello Stato. Venne istituita la figura del podestà di nomina reale che durava in carica cinque anni. Come il sindaco nel vecchio sistema, il podestà amministrava il comune ed era ufficiale di governo. In quanto amministratore unico e solo del comune esso concentrava in se tutte le funzioni deliberative ed esecutive che con il precedente ordinamento spettavano al consiglio, alla giunta e al sindaco 11. Per gli effetti del regio decreto n. 1910/1926 nei comuni capoluogo di provincia o con popolazione superiore ai diecimila abitanti veniva obbligatoriamente istituita la consulta municipale che durava in carica quattro anni. I membri della consulta formavano un organo collegiale, costituito da funzionari onorari, scelti dalle associazioni sindacali riconosciute e nominati dal ministro dell'interno con attribuzioni puramente consultive. Il podestà poteva richiedere il parere alla consulta quando lo riteneva opportuno, mentre era obbligatorio richiederlo nei casi di: approvazione del bilancio preventivo; accettazione di lasciti e donazioni; costituzioni di consorzi; applicazione dei tributi e dei regolamenti relativi; acquisto di azioni industriali e di beni immobili; locazioni e conduzioni di immobili oltre i dodici anni; prestiti; assunzione diretta di pubblici servizi; piani regolatori edilizi e di ampliamento, cambiamenti nella classificazione delle strade e progetti per la loro apertura e ricostruzione; regolamenti d uso dei beni comunali, di igiene, edilizia, polizia locale e quelli concernenti le istituzioni appartenenti al comune; ordinamento degli uffici e servizi, regolamenti concernenti le istituzioni appartenenti al comune. I pareri della consulta, non erano mai vincolanti per il podestà e si configuravano come un elemento ausiliario dell attività podestarile Provvedimento del commissario prefettizio dell 11 febbraio 1928, n. 186 bis «Nomina dei delegati per le richieste di matrimonio e per gli atti di matrimonio e cittadinanza» (ASRo, Archivio storico del comune di Rovigo, Provvedimenti del podestà, I semestre 1928, vol. 67). 9 Ciò avvenne a seguito dell emanazione della legge 4 febbraio 1926, n. 237 «Istituzione del podestà e della consulta municipale nei comuni con popolazione non eccedente i 5000 abitanti», e del regio decreto legislativo 3 settembre 1926, n «Estensione dell'ordinamento podestarile a tutti i comuni del regno». 10 Testo unico della legge comunale e provinciale del 3 marzo 1934, n Scopo di detta normativa era quello di indebolire l autonomia locale e rafforzare il ruolo centralizzatore dello Stato, trasformando il comune da organo di autogoverno a ente ausiliario dello Stato per la gestione dell ordinaria amministrazione. Sul tema si veda: G. MELIS, Storia dell amministrazione italiana ( ), Bologna 1996, p Testo unico della legge comunale e provinciale del 3 marzo 1934, n. 383, art

4 IV Introduzione Contestualmente 13 venne ridefinita anche la figura del segretario comunale. Rispetto alla legislazione precedente, che vedeva tale soggetto come un impiegato obbligatorio del comune, il segretario si configurava diretto collaboratore del podestà, ma nominato dallo Stato e da questo dipendente. In questi anni, tra il 1937 e il 1939, a Rovigo si registra la nomina di alcuni commissari prefettizi; nel periodo successivo l amministrazione del comune è affidata ad un podestà che perdura anche durante il periodo della Repubblica sociale italiana che non vede mutare nulla sotto il profilo amministrativo. La liberazione della città avvenne il 25 aprile Con l entrata in vigore del regio decreto legge 4 aprile 1944, n. 111 venne ripristinata la figura del sindaco e fu attribuito ai prefetti il compito di provvedere alla nomina temporanea dei sindaci e degli assessori, nell attesa di poter indire le elezioni amministrative per la ricostituzione degli organi rappresentativi locali. Così dal mese di maggio il comune di Rovigo fu retto dal sindaco Umberto Merlin e il 19 maggio 1945 si insediò una giunta provvisoria, nominata dal Comitato di Liberazione Nazionale, che rimase in carica fino alle elezioni amministrative del Affiancavano il sindaco nella giunta municipale due rappresentanti del Partito d azione (Alberto Borellini e Pietro Penacchietti), due del Partito socialista (Gerolamo Trebbi e Domenico Paderno), due del Partito comunista (Agostino Quacchio e Sandro Daniele), due del Partito democristiano (Ugo Rigon e Valentino Deganutti), ed, infine, due del Partito liberale (Attilio Mantovani e Angelo Maria Bezzi) 14. L Italia, dopo l esito del referendum sulla forma istituzionale dello Stato del , si trasforma in una Repubblica democratica che, come recitava l art. 114 della carta costituzionale entrata in vigore dal 1 gennaio 1948, «si riparte in Regioni, Province e Comuni» 16, mentre l art. 5 dei «Principi fondamentali» proclama ancora oggi: «La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell autonomia e del decentramento». 13 Regio decreto legge 17 agosto 1928, n La Giunta si riunì per la prima volta il 19 maggio Il sindaco non mancò di rivolgere un pensiero «reverente e commosso alla memoria di Giacomo Matteotti»; egli continuò affermando che «Rovigo avrà l onore di veder sorgere in una delle sue piazze un monumento nazionale che ricorderà il martire il cui nome è assurto a simbolo di valore mondiale». 15 Il referendum si svolse il 2 giugno La recente modifica del titolo V della Costituzione (legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; pubblicata in GU n. 248 del 24 ottobre 2001) ha riscritto in particolare l art. 114 trasformato da «La Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni» in «La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato».

5 Introduzione V Il ripristino dei vecchi ordinamenti su base elettiva avvenne con decreto legislativo luogotenenziale 7 gennaio 1946, n. 1 17, in base al quale ogni comune doveva essere amministrato da «un Consiglio, una Giunta e un Sindaco» (art. 1) organi rappresentativi a carattere collegiale i primi due, organo a carattere individuale l ultimo. Le prime elezioni si tennero il 7 aprile Rovigo elesse 18 consiglieri: Carlo Matteotti, Aurelio Balotta, Silvio Andreotti, Pietro Migliarini, Massimo Ambrosi, Francesco Bellinello, Agostino Mercuri, Umberto Merlin, Silvio Baruchello, Angelo Matteo Bordin, Umberto Franceschi, Giuseppe De Bei, Giuseppe Pietropolli, Emanuele Tosini, Alberto Banella, Romolo Maggioro, Carlo Cibotto, Francesco Guineani. La prima adunanza consiliare si tenne il 7 maggio 1946 e fu presieduta da Carlo Matteotti, figlio di Giacomo. All art. 281 del testo unico del 1915 si stabiliva che i consiglieri proclamati entrassero subito in carica alla prima riunione del consiglio comunale neo eletto. La medesima assemblea procedeva poi all accertamento delle condizioni degli eletti per verificare l esistenza dei requisiti necessari per ricoprire la carica di consigliere. Le attribuzioni assegnate al consiglio comunale, che durava in carica quattro anni 18, erano indicate in via esemplificativa dagli art. 129 e 131 del testo unico del Omettendo l elencazione delle attribuzioni del consiglio comunale è sufficiente accennare che le relative competenze corrispondono a quelle che sono le funzioni dei comuni e possono sostanzialmente ricondursi alla trattazione di affari attinenti alle istituzioni democratiche, all organizzazione del comune, all amministrazione del patrimonio e alla gestione finanziaria, all impianto dei pubblici servizi ed al loro esercizio, alla protezione degli interessi sociali del gruppo locale di popolazione. La giunta municipale costituisce un consesso più ristretto eletto in seno al consiglio comunale. Ha il compito di deliberare su determinati affari, di predisporre alcuni provvedimenti da sottoporre all esame dell assemblea consiliare, di adottare le disposizioni che eventualmente occorrono per l esecuzione dei provvedimenti del consiglio. In sede deliberativa il procedimento segue quello del consiglio, tuttavia non è circondato da quelle rigorose formalità stabilite per quest ultimo. 17 Pubblicato in GU del 10 gennaio 1946, n. 8. Salvo lievi modificazioni venne chiamato in vigore il testo unico 4 febbraio 1915, n. 148 nelle parti riguardanti le attribuzioni ed il funzionamento degli organi elettivi; successivamente è intervenuta la legge 24 febbraio 1951, n. 34, riunita, con il decreto legislativo n. 8/1946, nel teso unico approvato con decreto presidenziale 5 aprile 1951, n. 203, modificato dalla legge 22 marzo 1952, n. 173 (per la parte relativa all elezione del sindaco) e dalla legge 23 marzo 1956, n. 136 (per la parte relativa all elezione ai consiglieri nei comuni con popolazione superiore ai abitanti). 18 Ai sensi del primo comma dell art. 8 del testo unico del 1951, modificato dall art. 2 della legge 23 marzo 1956, n Inoltre, esse derivano da leggi speciali e dalla generica competenza che lo stesso art. 31 del testo unico del 1915 prevede.

6 VI Introduzione L elezione del sindaco in questo periodo è regolata dall art. 5 del testo unico del 1951, modificato nel quarto comma dalla legge 22 marzo 1952, n Il sindaco viene eletto dal consiglio nel suo seno a scrutinio segreto e in seduta pubblica; egli prima di entrare in funzione presta giuramento davanti al prefetto. Mentre il consiglio comunale ha competenza deliberativa generale per la tutela degli interessi della comunità e per l adozione di provvedimenti ad essa occorrenti e alla giunta municipale è demandato il compito di integrare l attività del consiglio negli affari di minore importanza ed in quelli delegati o di agire per suo conto nei casi di urgenza, al sindaco sono attribuite le funzioni di capo dell amministrazione comunale, funzioni che possono riassumersi nella rappresentanza del comune nei rapporti con gli altri soggetti, nella preparazione, direzione ed esecuzione dell attività deliberativa del consiglio e della giunta, nella direzione degli uffici comunali, nel compito di far osservare i regolamenti comunali ed applicare le relative sanzioni, nella certificazione dei provvedimenti comunali (art. 151 del testo unico del 1915). Al sindaco sono altresì conferite attribuzioni relative al funzionamento di servizi di interesse generale dello Stato ed al raggiungimento di scopi che, oltre l interesse della popolazione locale, toccano anche quelli della collettività nazionale. In questa ultima qualità il sindaco è ufficiale del governo (art. 152 del testo unico del 1915). I provvedimenti che il sindaco adotta come capo dell amministrazione comunale per l osservanza dei regolamenti locali o come ufficiale del governo vengono denominate «ordinanze»; tali atti si inquadrano nella categoria degli atti amministrativi di carattere negoziale. Il controllo di legittimità (vigilanza) sulle deliberazioni del consiglio e della giunta era esercitato dal prefetto 20. Si trattava di un controllo giuridico generale, di carattere successivo e repressivo degli atti risultanti contrari alle leggi. Secondo il sistema allora vigente, l efficacia delle deliberazioni non soggette a speciale approvazione era subordinata solo alla pubblicazione per quindici giorni e all invio entro otto alla prefettura. Il sindacato sul merito (tutela) competeva alla Giunta provinciale amministrativa (GPA); esso si configurava come un azione preventiva intesa ad accertare la rispondenza dell atto ai criteri di convenienza e di opportunità amministrativa L archivio 2.1 Le sedi 20 Art. 3 della legge 9 giugno 1947, n Le deliberazioni sottoposte all approvazione della GPA sono indicate negli art. 5-8 della legge n. 530/1947.

7 Introduzione VII Non è semplice tracciare le vicende dell archivio comunale di Rovigo per anni esempio, tra i tanti, di «malarchivistica», come non è facile individuare i processi decisionali che hanno condotto a trascurare quasi completamente il materiale documentario della comunità. Attualmente l archivio storico comunale è conservato in più sedi: a) La sezione più antica è conservata presso l Accademia dei Concordi 22 probabilmente dalla fine del XIX sec., in forme mai riconosciute ufficialmente 23. L archivio copre un arco cronologico compreso tra il 1440 e il , comprendendo gli atti prodotti sotto la dominazione di Venezia (comunità e rettori) 25. La documentazione di questo periodo è censita nel dettagliatissimo elenco del Cecchetti 26 che include, per l archivio antico, 59 buste, 519 registri, 3 disegni con le seguenti articolazioni 27 : «Adige» «Amministrazione» «Araldica» «Capitali» «Città» «Collegio dei dottori e Nodari» «Consiglio» «Consulta» «Culto» «Ducali» «Estimo» «Fedi» 22 Accademia dei Concordi; piazza Vittorio Emanuele II, n. 14; cap Rovigo; tel , fax ; 23 Cristina Tognon ne ha ricostruito le vicende: C. TOGNON, Rovigo, in G. BONFIGLIO-DOSIO, C. COVIZZI, C. TOGNON, L amministrazione del territorio sotto la Repubblica di Venezia: gli archivi delle comunità e dei rettori, Rovigo 2001, p ; a questo testo si rimanda anche per la bibliografia citata. 24 Traccio brevi cenni di storia di Rovigo. Le prime notizie risalgono al IX sec. quando Rovigo faceva parte dell Esarcato di Ravenna e probabilmente dell antica contea di Gavello. Passata sotto il controllo dei vescovi di Adria, subì successivamente e alternativamente le signorie del Marchesato di Toscana (con Almerigo), del Comune di Padova ( ), del Ducato estense (a fasi alterne tra il 1194 e il 1482), ed, infine della Repubblica di Venezia ( ). All invasione francese seguì quella austriaca, durante le quali Rovigo ebbe governatori militari. Divenuta vice-prefettura del Dipartimento del Basso Po, con capitale Ferrara, fu riportata a capoluogo dopo le due successive dominazioni austriache. Per il periodo considerato rimando al mio contributo, anche in relazione alla bibliografia citata C. COVIZZI, Vicende storico istituzionale del Polesine di Rovigo, in l Amministrazione, cit., p Va da se che le cesure cronologiche non sono da ritenersi rigide, poiché l Archivio di Stato conserva documentazione anche precedente il 1800 e il comune ha nel proprio archivio materiale precedente il B. CECCHETTI, Statistica degli archivi della Regione Veneta, I, Venezia 1880, p Il materiale descritto era ancora depositato presso il comune. 27 Cristina Tognon distingue la documentazione tra «Archivio della comunità» e «Archivio dei rettori veneziani» TOGNON, Rovigo, cit., p

8 VIII Introduzione «Feudi» «Gravezze» «Legislazione» «Lettere» «Livelli» «Militare» «Notifiche» «Po» «Processi» «Procure» «Sali» «Sanità» «Sentenze dei podestà» «Sequestri» «Teminazioni» «Vettovaglie» L archivio non dispone di un inventario; nel corso del XX sec. sono stati redatti alcuni strumenti parziali che facilitano l accesso alla documentazione 28. b) Presso l Archivio di Stato cittadino 29 è conservata una sezione dell archivio storico comunale dal 1800 al Il primo deposito a titolo volontario avvenne nel 1970 con le modalità spiegate più avanti. Dopo i trasferimenti, corredati da elenchi di consistenza, l archivio è stato dotato di uno strumento di accesso 30 consistente in un dettagliato elenco che descrive le serie di appartenenza e rileva analiticamente il contenuto dei pezzi. Non può definirsi un inventario canonico, ma in questi anni ha effettivamente rivestito un ruolo importante nella ricerca e nella ricostruzione della memoria cittadina. Un indice onomastico e tematico della serie «Categoria III Ornato» completa i mezzi di corredo dell archivio 31. Le serie presenti sono: «Atti del Consiglio comunale e della Giunta municipale» 28 TOGNON, Rovigo, cit., p Archivio di Stato di Rovigo; via Sichirollo, n. 9; cap Rovigo; tel ; fax ; 30 Il riordino e la redazione dell inventario vennero effettuati nel 1979 a cura di un gruppo di archivisti esterni. 31 MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI ARCHIVIO DI STATO DI ROVIGO, Guida all Archivio di Stato di Rovigo, Rovigo 1997; Guida generale degli Archivi di Stato, vol. II, Roma 1986, p

9 Introduzione IX «Protocollo e indici» «Atti d Ufficio (Referati)» ( ) «Atti d ufficio (Categorie)» ( ) «Atti d ufficio (Buste speciali)» ( ) «Anagrafi e Stato civile» «Atti contabili, registri» «Allegati ai conti consuntivi, buste» Complessivamente si tratta di b. 2199; reg. e vol Contestualmente al primo deposito del 1970 vennero trasferiti gli archivi dei comuni soppressi a seguito dell emanazione del regio decreto 29 luglio 1927, n Gli unici strumenti di accesso sono costituiti dagli elenchi di consistenza giunti a corredo della documentazione. Questa la consistenza: Comune di Boara Polesine ( ): b. 228, reg. 60 Comune di Borsea ( ): b. 28, reg. 10 Comune di Buso Sarzano ( ): b. 190, reg. 38 Comune di Concadirame ( ): b. 89, reg. 11 Comune di Grignano Polesine ( ): b. 235, reg. 28 Comune di Sant Apollinare con Selva ( ): b. 89, reg. 11 Anche l archivio della Congregazione di Carità, poi Ente comunale di assistenza (ECA) 32, venne depositato all Archivio di Stato 33 ; esso comprende la documentazione cronologicamente compresa tra il 1875 e il 1978, anno della soppressione di queste istituzioni. 34 In totale di conservano 659 buste e 118 registri. Il materiale venne corredato da un elenco di consistenza. Da ultimo, l archivio del Giudice conciliatore venne consegnato tra il 1974 e il Si tratta complessivamente di 175 pezzi non muniti di elenco, la cui documentazione copre un arco cronologico incluso tra il 1873 e il La legge sulle opere pie n. 753, del 3 agosto 1862, istituì presso i comuni del Regno Sabaudo la Congregazione di Carità, con lo scopo di amministrare i beni destinati ai poveri provenienti dai lasciti di benefattori, e le proprietà e gli archivi dei precedenti istituti di carità e beneficenza. Successivamente la legge del 3 giugno 1937, n. 847 soppresse le congregazioni di carità e istituì gli enti comunali di assistenza (ECA), aventi lo stesso compito di soccorso ai bisognosi. Tutte le competenze, l amministrazione del patrimonio e l archivio confluirono nel nuovo ente, retto da un comitato nominato dal consiglio comunale. 33 Convenzione 15 marzo Decreto del Presidente della Repubblica n. 616 del 24 luglio 1977 e successiva legge regionale 8 giugno 1978, n Con legge del 16 giugno 1892, n. 261 fu disposta la costituzione in ogni comune di un vero e proprio ufficio di conciliazione, retto da un giudice nominato dal Tribunale su proposta del Procuratore regio. L ufficio di conciliazione fu regolato poi dalla legge n. 1368, del 18 dicembre 1941 e venne soppresso in seguito all istituzione del giudice di pace con legge del 21 novembre 1991 n. 374.

10 X Introduzione c) Infine, la documentazione successiva compresa tra il 1931 al 1965 è conservata in un deposito presso l «Interporto» di Rovigo 36 ed è stata interessata dalle operazioni di riordino e inventariazione presentate con questo lavoro. 2.2 Vicende Il primo riferimento alle condizioni dell archivio è del quando il podestà, con provvedimento n. 676 del 13 dicembre delibera di prolungare l «affidamento dei lavori di sistemazione dell archivio», all impiegato Piero Gobatti. Non sappiamo quali furono gli esiti di tale riordino, certo è che nel 1935 sempre il podestà autorizzò lo scarto di documentazione. Dall elenco risulta che vennero eliminati: «Carta per richieste e ricerche anagrafiche dal 1890 al 1900; q. 0,90» «Carte che servirono all Ufficio di polizia urbana dal 1925 al 1930; q. 0,65» «Carteggio diverso anteriore al 1928 proveniente dagli ex comuni aggregati; q. 3,50» «Bollettari e note a tutto il 1927 della cessata amministrazione daziaria; q. 3» «Stampati vecchi e cartaccia cestinata a tutto il 1934 in parte già insaccata; q. 3» «Pacchi dei ruoli dal 1913 al 1932 consegnati al municipio dagli uffici esattoriali; q. 3» «Miscellanea bollettini, leggi e carteggio di Stato civile a tutto il 1930; q. 2» «Carte, memorie e minute a tutto il 1930 che servirono all ufficio tecnico; q. 0,30». Fin dal 1921 l archivio era assegnato alla «Divisione I segreteria» 38. Con l adozione del regolamento organico del personale del vengono definiti i compiti delle varie Divisioni. L archivio corrente, l archivio di deposito e il protocollo afferiscono ora alla «Divisione II Amministrazione generale», retta dal vice segretario, capo dei servizi amministrativi del comune. Il regolamento precisa che «la corrispondenza e gli atti in arrivo sono aperti dal sindaco o da chi per lui. Gli atti, quando non riguardino affari di Gabinetto o comunque riservati, passeranno, poi, previa timbratura con la data di arrivo all ufficio protocollo-archivio. L archivista dovrà controllare che gli atti ricevuti siano stati come sopra timbrati e curare che siano regolarmente protocollati, unirvi, sempre i precedenti, separarli secondo la divisione delle attribuzioni. Egli presenterà al segretario capo, per la definitiva assegnazione, quelli che non entrino nelle attribuzioni sopra indicate. I capi Divisione tratteranno gli atti da sbrigare personalmente e distribuiranno gli altri agli 36 Viale delle Industrie, 55, Porto Interno Rovigo 37 ASCRo, Serie Carteggio amministrativo, Categoria I, classe 2, b Provvedimento del commissario prefettizio del 15 marzo 1920, n. 4016; approvato dalla Giunta provinciale amministrativa il 12 aprile Deliberazioni del consiglio comunale nelle sedute del 24 e 25 febbraio 1950.

11 Introduzione XI impiegati da loro dipendenti» 40. Il regolamento raccomandava al personale dell archivio di operare in modo che «nessuna pratica sfugga al protocollo e di unire sempre tutti i precedenti essendo indispensabile che i fascicoli non vengano frazionati Il servizio di archivio e protocollo dovrà funzionare con tutta regolarità e in perfetta conformità delle disposizioni che lo riguardano. Nessuna lettera, carta o documento deve entrare in circolazione degli uffici, prima che ne sia stata curata la registrazione a protocollo Tutti gli atti devono recare le indicazioni della Divisione dalla quale appartengono». Questo era il regolamento, ma nel 1955 l archivista comunale in una nota al sindaco riferisce della situazione disastrosa in cui versava l ufficio protocollo. A partire dal 1947 l ufficio era composto dal vice segretario, dal protocollista, da un addetto allo «scarico e incasellazione» degli atti e da un impiegato preposto alla spedizione della corrispondenza. Nel 1953 un impiegato del protocollo venne destinato all ufficio sanitario a scapito del lavoro che «con lo sviluppo degli uffici andò sempre aumentando, costringendo gli impiegati a lavorare in ore straordinarie» e tralasciando l archiviazione della documentazione a fine anno 41. La situazione non sembra essere mutata nel 1959 poiché il capo ripartizione lamenta la totale mancanza di locali per la conservazione della documentazione, chiedendo la ristrutturazione di due ambienti attigui all ufficio protocollo, evidenziando «l importanza e la delicatezza, che riveste l ufficio ai fini del regolare, tempestivo funzionamento di tutti gli uffici comunali, che fanno capo all ufficio protocollo per ricerche di precedenti e di ogni altra notizia, necessaria per l istruttoria delle pratiche» 42. Ai fini di regolare il servizio dell ufficio archivio e protocollo, nell aprile del 1965, il vice segretario generale emette un ordine di servizio con il quale dispone i compiti e le attribuzioni degli impiegati. Dal documento si evince che si occupavano dell archivio tre applicati, rispettivamente con compiti di: classificazione, archiviazione, ricerche e tenuta dell indice generale del protocollo; protocollo generale; protocollo dell anagrafe e dell elettorale, scritturazioni inerenti allo scarico della corrispondenza e pratiche varie in partenza. Inoltre, un usciere era assegnato alle spedizioni. La direzione dell ufficio era assegnata a Remigio Roveron. In questi anni l archivio storico e di deposito del comune erano collocati in «in diversi, indecenti e pericolanti locali»: soffitta della sede municipale, soffitta officina elettricisti, locali 40 Il tenore del regolamento è simile a quello di un moderno «Manuale di gestione». Per quanto riguarda le attribuzioni dell ufficio protocollo tali norme sembrano essere seguite. 41 ASCRo, Serie Carteggio amministrativo, Categoria I, classe 2, Nello stesso documento si evidenzia che uno degli impiegati «ha espresso il desiderio di non essere più assegnato all ufficio protocollo» per la troppa fatica intellettiva che il lavoro richiede. 42 ASCRo, Serie Carteggio amministrativo, Categoria I, classe 2, 1959.

Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati

Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati Censimento degli archivi dei Comuni della Provincia di Lodi, degli ex E.C.A. e dei complessi archivistici aggregati Rilevazione dei dati Il presente censimento degli archivi dei Comuni della Provincia

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO approvato con deliberazione consiliare in data 1 febbraio 2006 n. 10 Indice TITOLO I - Principi fondamentali 3 Art. 1

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.L.vo 22 gennaio 2004 n. 42 e dl DPR 28

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) Regolamento delle attivit e per il funzionamento del Consiglio dell Ordine dei

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ Articolo 1 L asilo infantile del Capoluogo, oggi Scuola Materna, con sede nel Comune di Calcinato, ebbe origine nel 1898. Si costituì mediante il generoso

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Allegato alla Delibera di Consiglio n. 35 del 25.11.09 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO Ai sensi del

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TITOLO I Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 3 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico fondo uniformata locale

Dettagli

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Le disposizioni di seguito riportate per la gestione degli archivi dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano, sono state elaborate in

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 132 DEL 16 SETTEMBRE 2003 E DIVENUTO

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 52 del Reg. Delib. N. 5530 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE f.to Liliana Monchelato IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Livio Bertoia

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali

STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali STATUTO DELLA FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS (Milano, 13 marzo 2006) TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 - COSTITUZIONE È costituita la FEDERAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS attiva nell aiuto e nell assistenza

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione, sede, durata E costituita, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile, l

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO Principi fondamentali 1. Ai sensi del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, l'amministrazione Comunale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO

Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO Fondo Attività Servizi Sociali per i Lavoratori delle Aziende del Settore Energia ENI STATUTO 2004 STATUTO DEL FONDO Art. 1 COSTITUZIONE In attuazione degli accordi sindacali del 9-3-1970 e successivi,

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO ARCHIVIO STORICO COMUNALE - Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006)

STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006) STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006) ART. 1 COSTITUZIONE Su iniziativa del Coordinamento Provinciale Associazioni Handicappati (C.P.A.H.), del Comune di Treviso,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 E costituita una Organizzazione di Volontariato denominata ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA

Dettagli

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 - FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO COMUNALE 1 TITOLO I PRINCIPI FONDAMENTALI ART. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.Lgs. 29 ottobre 1999 nr. 490, e

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Denominazione È costituita l Associazione senza scopo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni ARCHIVIO DI STATO DI CREMONA Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni Inventario (1906-1973) La scuola serale maschile di commercio di Cremona fu istituita il 22 gennaio 1894, per iniziativa

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Requisiti generali di iscrizione) Regolamento regionale recante Registro regionale delle associazioni di promozione sociale e elezione dei rappresentanti presso l Osservatorio regionale (Legge regionale 7 febbraio 2006, n. 7) Art. 1. (Oggetto)

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 La Scuola d Infanzia Fondazione Pietro Caprettini ebbe origine su donazione

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI piazza I Maggio, 26-33100 Udine - Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale: 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI Articolo 1 Costituzione, sede, Fondatori 1.1 È costituita una fondazione denominata "Torino Musei", con sede in Torino, via Magenta, 31 presso la Galleria Civica d Arte

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 Il Museo Storico Italiano della Guerra, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS, fondato nel 1921,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS STATUTO Art.1 E istituita in Milano la Fondazione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA C.D.E.C. Organizzazione non lucrativa

Dettagli

STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

Compiti istituzionali dell'ordine:

Compiti istituzionali dell'ordine: ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CARTA DEI SERVIZI Cos è l Ordine dei Farmacisti e cosa fa L Ordine, a differenza delle altre organizzazioni fra farmacisti, è un Ente

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

Art. 3. Procedimento per l iscrizione delle associazioni nell elenco.

Art. 3. Procedimento per l iscrizione delle associazioni nell elenco. RR(3) 21_03.doc Pag: 1 REGOLAMENTO REGIONALE Lombardia 1 OTTOBRE 2003 N. 21 Elenco Regionale delle Associazioni dei Consumatori e degli Utenti e Comitato Regionale per la Tutela dei Diritti dei Consumatori

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE approvato con Deliberazione C. C. n 56 del 29-10-2013 Articolo 1. Impianto del Regolamento

Dettagli

STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO ISTITUZIONE E FINI Art. 1 STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO E costituito il Coordinamento delle Associazioni e dei Gruppi Comunali

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Vela Club 33"

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Vela Club 33 STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Vela Club 33" TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ

C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ STATUTO Roma, 24 ottobre 2012 TITOLO I - FINALITÀ COMPITI E MEMBRI DEL CNEC ART. 1 - E costituita, con sede legale in Roma, l Associazione denominata Centro

Dettagli

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO Articolo 1. E costituita la Fondazione apostolica (ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia) che rappresenta

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

1. Premesse normative

1. Premesse normative Capitolo 6 GLI ENTI ECCLESIASTICI So m m a r i o: 1. Premesse normative 2. Requisiti principali 3. La procedura per il riconoscimento dell ente ecclesiastico 4. Obblighi ed adempimenti successivi al riconoscimento

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Articolo 1 TITOLO I - Denominazione - Sede Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio a quanto previsto dagli artt.36

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

CARTEGGIO DELLE CANCELLERIE DELLO STATO

CARTEGGIO DELLE CANCELLERIE DELLO STATO Inventario SA 2 Archivio di Stato di Milano CARTEGGIO DELLE CANCELLERIE DELLO STATO Per la richiesta indicare: Fondo: Carteggio delle Cancellerie dello Stato Pezzo: numero della busta Carteggio delle cancellerie

Dettagli

Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi

Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi Archivio Fondazione di Studi Storici Filippo Turati I Fondi PARTITO SOCIALISTA ITALIANO COMITATO COMUNALE FIORENTINO Bb. 20, fascc. 205, pubblicazioni 5, audiovisivi 17 (1973-1986). Elenco di consistenza

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CAPITOLO 1 - GENERALITA Il presente regolamento è redatto in base all art. 42

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli