Ospedale Papa Giovanni XXIII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ospedale Papa Giovanni XXIII"

Transcript

1 Ospedale Papa Giovanni XXIII Visita della Seconda Commissione consiliare del Comune di Bergamo 1 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

2 Trucca a seguito di ampio e acceso dibattito, svoltosi attorno alla fine del 1996, il Comune di Bergamo ha deciso di spostare il nuovo ospedale dalla Martinella alla Trucca 2 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

3 Il nuovo ospedale nel contesto cittadino 3 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

4 Il reperimento delle risorse finanziarie ACCORDO DI PROGRAMMA (Roma 7 aprile 2000) ATTO INTEGRATIVO (Cernobbio 6 aprile 2004) MINISTERO DELLA SANITÀ REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO A.O. OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO 4 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

5 Quadro Finanziario dell Accordo di Programma Euro A CARICO DELL OSPEDALE (con finanziamento dello Stato e della Regione, alienazione del patrimonio e scorporo di alcune opere oggetto di esternalizzazione) A CARICO DEL COMUNE (per opere di urbanizzazione delle aree, viabilità esterna, sottopasso ferroviario, sistemazione a verde, barriere antirumore, risanamento igienico sanitario, vasche di laminazione A CARICO DELLA PROVINCIA (realizzazione parcheggi) Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

6 Le opere previste Ospedale Comune + Ospedale Comune Provincia Costruzione nuovo ospedale Interramento linea elettrica esistente Acquisizione delle aree Vasca di prima pioggia e maggiorazione della vasca a cielo aperto Raccordi con viabilità esistente Sottopasso ferrovia e sistemazione via King Sistemazione verde fuori dall ospedale Realizzazione barriere antirumore Opere igienico sanitarie fuori dall ospedale Parcheggi 6 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

7 Finanziamenti al Euro Contributo statale ex. Art. 20 L. 67/ Contributo regionale per costruzione Alienazioni sedi attuali Contributo finanziario degli aggiudicatari servizi esternalizzati Totale per Appalto Principale + Integrativo Altri Contributi Regionali autorizzati ( investimenti,parte corrente,bilancio AO) Totale disponibile al Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

8 Servizi Esternalizzati Attività in Concessione manutenzione aree realizzate in concessione (cucina, centrale sterilizzazione, centrale termica ) Servizi di: cucina, mensa e pasti degenti, logistica automatizzata, logistica di reparto, esercizi commerciali, bar e ristorante, lavanolo, centrale termica, sterilizzazione, piazzola ecologica Attività appaltate da Azienda Ospedaliera manutenzione appalto principale (torri, sale operatorie, terapie intensive, aree esterne, ) pulizie, trasporto pazienti, magazzino esterno, manutenzione apparecchiature sanitarie, gas, gestione documentale, vigilanza, segnaletica, distributori bevande, pubblicità, manutenzione arredi postazione informatizzate, tv, sistemi eliminacode, farmaci monodose 8 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

9 Planimetria generale eliporto parcheggio a raso parco piastra + torri parcheggio a raso centrali tecnologiche parcheggio multipiano 9 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

10 I nuovi ospedali Superficie complessiva Beato Giovanni XXIII - BG mq Posti letto 931 (max 1200) Sale operatorie Niguarda Ca Granda - MI mq Sant Anna di Como mq Legnano mq Vimercate mq Posti auto Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

11 Le tappe Indizione gara d appalto Aggiudicazione gara d appalto Sottoscrizione del contratto con DEC Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

12 Gli inizi: il 2005 Posa prima pietra Il 26 luglio 12 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

13 La macrorganizzazione PIASTRA di DIAGNOSI e CURA TORRI Radiodiagnostica Medicina Nucleare Fisica Sanitaria Radioterapia Sterilizzazione Studi Degenza Degenza Degenza Ambulatori Area Critica EAS, Quartiere Operatorio 13 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

14 1 livello Area Didattica AMBULATORI Laboratori Dialisi Centro prelievi Accoglienza RADIO TERAPIA MEDICINA NUCLEARE POLO Area commerciale FISICA SANITARIA RADIOLOGICO Uffici CENTRO CONGRESSI 14 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

15 Day surgery 2 livello Laboratori DEGENZE Laboratori Emodinamica Day surgery M. URG. ADULTI BLOCCO Recovery PS M.URG PEDIAT. OPERATORIO Uffici Blocco parto Day surgery 15 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

16 3 livello DEGENZE Laboratori Area colloquio AREA CRITICA Uffici Area critica pediatrica Area colloquio 16 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

17 4 livello DEGENZE Laboratori Area colloquio AREA CRITICA Uffici Area critica pediatrica Area colloquio 17 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

18 5 livello Area studi - biblioteca Laboratori Area colloquio AREA CRITICA Uffici Area critica pediatrica Area colloquio 18 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

19 Il modulo di degenza 1700 mq 24 camere di degenza con propri servizi igieni max 46 pazienti 19 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

20 Il cantiere nel settembre Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

21 7.000 mq mq TERAPIE INTENSIVE mq DIAGNOSTICA mq MEDICINA DI LABORATORIO SALE OPERATORIE SALE TRAVAGLIO Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII PRONTO SOCCORSO 980 mq mq

22 Investimenti in Tecnologia Fonti di finaziamento Decreto Regione Lombardia n del 20/10/2004 Importo finanziamento Decreto Regione Lombardia n del 24/11/ DGR n del 08/07/ IV Atto Integrativo del 23/01/ V Atto Integrativo del 11/12/ Valore capitale gare leasing Valore capitale gare rimborso a prestazione Totale finanziamenti Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

23 Acceleratore Lineare Apparecchi Anestesia Monitoraggio S.O. Colonne Videochirurgia Centrale Monitoraggio T.I. PACS PET/CT Gamma Camera Angiografo Mammografo digitale Mammografo digitale TC 64 Strati DDR Pronto Soccorso 23 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII Display 42 S.O. Videochirurgia Full HD Ecografi Ecoendoscopio Sequenziatore 16 Canali

24 24 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

25 25 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

26 26 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

27 Fine Lavori: monitoraggio attività critiche 27 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

28 Commissione di collaudo tecnico amministrativo La Commissione per poter completare i propri lavori necessita di: effettuazione di alcuni lavori di interconnessione tra appalti superamento di elementi ostativi al rilascio del certificato di collaudo La Commissione in data 17/12/2010 ha evidenziato come elemento ostativo all emissione del certificato di collaudo: le infiltrazioni a quota 0,00 28 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

29 Le infiltrazioni d acqua L'area della Trucca, individuata come localizzazione della struttura, era nota per avere certe caratteristiche idrogeologiche, ben definite nello Studio Geotecnico e nell Indagine Geognostica entrambi parte della documentazione di gara per la progettazione Nelle fasi di realizzazione, l acqua osservata nel livello interrato è stata prevalentemente ricondotta a percolazioni di acque meteoriche provenienti da possibili difetti localizzati in copertura. La Direzione Lavori ha quindi avviato un programma di lavori che ha portato a una significativa riduzione dell acqua presente al livello interrato. Rimaneva però una quantità d acqua residuale non ancora trascurabile e ricondotta alle infiltrazioni da falda. e che imponeva la definizione di soluzioni atte a risolvere tale problematica. 29 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

30 Le infiltrazioni d acqua (1) 29/09/2010 l Azienda Ospedaliera si attiva per : verificare la situazione delle falde acquifere del cantiere definire la provenienza dell acqua analizzare ipotesi di soluzioni applicabili per la protezione dei locali interrati dall acqua 27/10/2010 viene individuata una ipotesi di soluzione (trincea drenante) finalizzata ad abbattere il carico piezometrico della falda artesiana nel dicembre 2010 viene presentata ad A.O. una bozza di progetto della trincea drenante 8/02/2011 sul tema delle infiltrazioni viene istituita una Commissione a cui partecipano Regione Lombardia Direzione Generale Sanità, Infrastrutture Lombarde IL S.p.A. e la stessa A.O. 30 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

31 Le infiltrazioni d acqua (2) 15/2/2011 il RUP intima all Appaltatore di procedere alla progettazione esecutiva della trincea drenante senza che ciò comporti alcun onere per l Azienda Ospedaliera 07/03/2011 l Appaltatore presenta ilo progetto esecutivo 10/03/2011 A.O. presenta istanza di autorizzazione al Consorzio di Bonifica della media pianura Bergamasca 05/04/2001 il Consorzio di Bonifica rilascia autorizzazione 06/04/2011 A.O. presenta istanza di autorizzazione alla Provincia di Bergamo 28/04/2001 la Provincia di Bergamo rilascia autorizzazione Giugno inizio lavori per trincea drenante 31 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

32 Ulteriori attività nuovo Ospedale (19/04/11) Attività Numero Attività propedeutiche al collaudo Lavori Attività di allestimento 7 Sistemi Informatici 27 Impianti e Attrezzature Sanitarie 8 Totale Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

33 La presa in consegna L A.O. ha progressivamente preso in consegna, in anticipo rispetto all ultimazione complessiva dei lavori, le sette Torri e alcune aree della Piastra, con presenza di dipendenti e sorveglianza armata e video h24 14/02/2011 Torre 1 e 2; corpo intermedio 8; aree della Piastra (Medicina Nucleare). Attivazione della Portineria e della Guardiania, 5/03/2011 Torre 3 e 4; Corpo Intermedio 10, aree della Piastra (Emodinamica, bunker della Radioterapia, alcune parti accessorie e tratti della strada d'accesso) Torre 5, 6 e 7 e relativi corpi intermedi (12 e 13) 33 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

34 Presa in consegna: attività Torre 1 e 2 e relativo corpo intermedio: chiusura controsoffitti e sigillatura compartimentazioni REI inizio installazione rete Wi Fi Emodinamica: lavori propedeutici alla istallazione tecnologia sanitaria Torre 3 e 4 e relativo corpo intermedio: - chiusura controsoffitti e sigillatura compartimentazioni REI - inizio installazione rete Wi Fi Entro giugno: - Ingresso fornitore in Radioterapia e in Medicina Nucleare - Inizio installazione rete Wi Fi Prossime attività programmate: Pulizie e arredi nelle 7 Totti e nei Corpi intermedi relativi 34 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

35 PILOTAGE delle iniziative correlate alle attività del nuovo ospedale DOCUMENTI ATTESI PIANO DI LAVORO COMPLESSIVO Dettaglio attività Cronoprogramma (stadio iniziale) Criticità evidenti PROGETTO PER LO SVILUPPO E LA GESTIONE DEL PIANO DI LAVORO Progetto di implementazione del sistema Progetto di reporting (PROCEDURE E MODULI) Progetto di procedure di controllo AMBITI DI ATTIVITA ATTIVITA DI CANTIERE OPERE PROPEDEUTICHE LOGISTICA/SERVIZI APPROVVIGIONAMENTI 35 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

36 STRATEGIE DI ANALISI: 36 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

37 STRATEGIE DI ANALISI RISULTATI (DATI ACQUISITI): ELENCO ATTIVITA E TEMPISTICHE DI MASSIMA ELENCO ATTIVITA Attraverso un operazione di destrutturazione delle informazioni, abbiamo ottenuto l elenco delle attività. A questo punto il problema si è ridotto alla necessità di dare una struttura logica all insieme delle informazioni e determinare le precedenze/sequenze. TEMPISTICA DI MASSIMA Si fa riferimento alle date espresse nel cronoprogramma E in corso di valutazione la durata delle attività di competenza (costruttore, direttore dei lavori, commissione tecnica di collaudo, concessionario, ospedale) per tutte le funzioni tecniche e amministrative inerenti al nuovo ospedale 37 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

38 Pilotage: attività e scadenze Descrizioni attività in scadenza Q.ta Lavori 200 Collaudi e prese in consegna 50 Opere aggiuntive 550 Apparecchiature alta tecnologia nuove 200 Apparecchiature alta tecnologia da trasferire 150 Altre apparecchiature 150 Reti e impianti 100 Arredi 70 Pulizie 30 Accreditamento 70 Trasferimento 30 TOTALE Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

39 Elenco delle Attività 39 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

40 Elenco delle Attività 40 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

41 Elenco delle Attività TRASLOCO REPARTI LE ATTIVITA (standard) 01 VERIFICA TECNICO-SANITARIA 02 CONSEGNA DEL NUOVO REPARTO 03 RICHIESTA RIDUZIONE RICOVERI 04 RIDUZIONE RICOVERI 05 PRIMA PULIZIA 06 INSTALLAZIONE SEGNALETICA INTERNA 07 CONSEGNA E INSTALLAZIONE ARREDI SANITARI DI COMPETENZA OORRBG 08 CONSEGNA E INSTALLAZIONE APPARECCHIATURE 09 COLLAUDO APPARECCHIATURE 10 CONSEGNA E INSTALLAZIONE ARREDI D UFFICIO 11 SECONDA PULIZIA 12 PREPARAZIONE MATERIALE DA TRASPORTARE 13 TRASLOCO PRESIDI SANITARI 14 TRASLOCO DOTAZIONI D UFFICIO 15 INSTALLAZIONE DOTAZIONI D UFFICIO 16 PULIZIA DI FINITURA 17 TRASPORTO APPARECCHIATURE OORRBG 18 INSTALLAZIONE E NUOVO COLLAUDO APPARECCHIATURE OORRBG 19 ALLESTIMENTO FINALE 20 SIMULAZIONE 21 TRASLOCO, INSTALLAZIONE E COLLAUDO DOTAZIONI INFORMATICHE 22 TRASLOCO FARMACI 23 POPOLAMENTO DEGENTI 24 RIAPERTURA ACCETTAZIONI 41 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

42 REPORTING on line Disponibilità per un gruppo aziendale di responsabili-decisori delle seguenti informazioni: AGENDA DELLE ATTIVITA SCHEDA ATTIVITA RITARDI IMPORTANTI SITUAZIONE GARE STATUS DELLE ATTIVITA IN CORSO OGGI STATO DI OGNI ATTIVITA IN UN DATO GIORNO SCHEDA SPECIFICA PER OGNI RITARDO CON MOTIVI E AZIONI DI RIENTRO STATO DI AVANZAMENTO GARA PER GARA 42 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII

Risposte Azienda USL 4 Prato

Risposte Azienda USL 4 Prato CHIARIMENTI E APPROFONDIMENTI RICHIESTI Il documento Linee guida per la progettazione approvato nelle Delibere dei D.G. delle Aziende Usl di Prato, Pistoia, Lucca e Massa-Carrara in data 12/03/03 dichiara

Dettagli

Milano, Febbraio 2013

Milano, Febbraio 2013 CITTÀ DELLA SALUTE E DELLA RICERCA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DELL INTERVENTO Milano, Febbraio 2013 Pag. 2 La Città della Salute e della Ricerca costituirà un nuovo complesso sanitario di ricerca, clinica

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

SCHEDA CANTIERE NUOVO OSPEDALE DI BERGAMO BEATO GIOVANNI XXIII

SCHEDA CANTIERE NUOVO OSPEDALE DI BERGAMO BEATO GIOVANNI XXIII SCHEDA CANTIERE NUOVO OSPEDALE DI BERGAMO BEATO GIOVANNI XXIII COMMITTENTE: : AZIENDA OSPEDALIERA DI BERGAMO PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE: : ASTA PUBBLICA COSTO DELL OPERA OPERA: 340.200.000 METODO DI SCELTA

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI 2012

PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI 2012 PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI 2012 Il programma degli investimenti per l anno 2012 viene formulato come previsto dalle linee guida per la gestione del SSR 2012, approvate in via definitiva con la DGR n.2358

Dettagli

Relazione Illustrativa

Relazione Illustrativa 1 di 4 Relazione Illustrativa Descrizione dell intervento da realizzare In questi ultimi venti anni il notevole incremento di accessi al pronto soccorso dell ospedale San Paolo ha creato un fenomeno di

Dettagli

PERCHÉ UN PROJECT FINANCING

PERCHÉ UN PROJECT FINANCING PERCHÉ UN PROJECT FINANCING Scelta dettata sostanzialmente dall apporto da parte del privato di una quota del finanziamento dell opera pari al 46 % A compensazione dell investimento il privato ottiene

Dettagli

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Nome FABIO PEZZOLI Telefono 0352675175 E-mail Nazionalità Fax 0352674971 fpezzoli@hpg23.it ITALIANA Data di nascita Amministrazione Incarico

Dettagli

ospedaliera è al servizio dell intera provincia orobica. Il complesso si distingue per la particolare

ospedaliera è al servizio dell intera provincia orobica. Il complesso si distingue per la particolare Papa Giovanni XXIII, Bergamo Polo internazionale per le alte specialità (immagine cortesia Snob) A lungo atteso dalla cittadinanza, il nuovo ospedale di Bergamo è ormai in piena attività. Si tratta di

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

IL PROGETTO DELLA CENTRALE UNICA DI STERILIZZAZIONE DEL POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI

IL PROGETTO DELLA CENTRALE UNICA DI STERILIZZAZIONE DEL POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI IL PROGETTO DELLA CENTRALE UNICA DI STERILIZZAZIONE DEL POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI BOLOGNA, 26 gennaio 2011 Ing. Daniela Pedrini Presidente S.I.A.I.S. SOCIETA ITALIANA DELL ARCHITETTURA E DELL INGEGNERIA

Dettagli

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Dall'ospedale tradizionale all'intensità di cure: opportunità organizzative, criticità e gestione del cambiamento Ospedale Niguarda: carta

Dettagli

Programma degli investimenti - Articolazione della copertura finanziaria

Programma degli investimenti - Articolazione della copertura finanziaria Allegato B. 2 Numer o 1 1 090064 01 A05/30 Realizzazione del nuovo presidio ospedaliero Aziendale, compresi gli espropri e la realizzazione dei parcheggi (delibera giunta RAS n. 58/25 del 28.10.2008 -

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera

Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Controllo di Gestione e Processo di Budgeting in un Azienda Ospedaliera Università degli studi di Bergamo, 27 novembre 2012 Conosciamo

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

Presentazione di Daniela Pedrini. Prefazione di Ivan Masciadri

Presentazione di Daniela Pedrini. Prefazione di Ivan Masciadri Presentazione di Daniela Pedrini Prefazione di Ivan Masciadri xm xv Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola-Malpighi (a cura di ivan Masciadri) 1 Bologna Introduzione 2 II piano

Dettagli

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara C.A. Tutti i candidati procedura aperta per l acquisizione in locazione operativa di un sistema RIS/PACS per l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna Stefano Sanniti U.O. Fisica e Tecnologie Biomediche - AUSL CESENA SAN MARINO, 28 Settembre

Dettagli

Direttiva del Dipartimento della sanità e della socialità sui Servizi di "Emergenza e Pronto Soccorso" (categoria A) (del 4 giugno 2007)

Direttiva del Dipartimento della sanità e della socialità sui Servizi di Emergenza e Pronto Soccorso (categoria A) (del 4 giugno 2007) Direttiva del Dipartimento della sanità e della socialità sui Servizi di "Emergenza e Pronto Soccorso" (categoria A) (del 4 giugno 2007) 6.1.1.1.9 IL DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ - richiamato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG57U ATTIVITÀ 85.12.5 ATTIVITÀ 85.14.A ALTRI STUDI MEDICI E POLIAMBULATORI SPECIALISTICI STUDI DI RADIOLOGIA E RADIOTERAPIA

STUDIO DI SETTORE SG57U ATTIVITÀ 85.12.5 ATTIVITÀ 85.14.A ALTRI STUDI MEDICI E POLIAMBULATORI SPECIALISTICI STUDI DI RADIOLOGIA E RADIOTERAPIA STUDIO DI SETTORE SG57U ATTIVITÀ 85.12.B ALTRI STUDI MEDICI E POLIAMBULATORI SPECIALISTICI ATTIVITÀ 85.12.3 STUDI DI RADIOLOGIA E RADIOTERAPIA ATTIVITÀ 85.12.5 ALTRE ISTITUZIONI SANITARIE SENZA RICOVERO,

Dettagli

Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità

Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità 24 Maggio 2013 Corso regionale di aggiornamento sezione SIFO Liguria - IL FARMACISTA

Dettagli

DEFINIZIONI PRELIMINARI

DEFINIZIONI PRELIMINARI DEFINIZIONI PRELIMINARI PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DELLA PRIMA FASE DI ACCREDITAMENTO PROVVISORIO Si riportano di seguito alcune definizioni di termini utilizzati nel presente documento. ALLEGATO N. 2

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO Coordinamento Generale e Responsabile del Procedimento Dirigente dell A.P.O.P. Responsabile del

Dettagli

AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI

AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI APPALTO A PROCEDURA PERTA PER L AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA COPERTURA ASSICURATIVA RCT RCO DELLA ASL 7 CARBONIA AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI A seguito di richiesta di informazioni da parte di soggetti interessati

Dettagli

Relazione del Direttore Generale sulla gestione

Relazione del Direttore Generale sulla gestione 3.3 Investimenti effettuati 3.3.1 Investimenti effettuati e fonte di finanziamento degli investimenti. Nel corso dell anno 2014 l Azienda Ospedaliera di Bologna, Policlinico S. Orsola - Malpighi ha investito

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

Innovazione ed evoluzione nel panorama nazionale: L esperienza dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo

Innovazione ed evoluzione nel panorama nazionale: L esperienza dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Regione Emilia Romagna Convegno Nazionale MODELLI DI ASSISTENZA OSPEDALIERA PER INTENSITA DI CURA Confronti nazionali ed internazionali Innovazione ed evoluzione nel

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 OGGETTO: Trasformazione di spazi sanitari e socio-sanitari già autorizzati all esercizio in Ospedali di Comunità

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Programma degli investimenti di rilievo aziendale interventi edili ed impiantistici

Programma degli investimenti di rilievo aziendale interventi edili ed impiantistici Programma degli investimenti di rilievo aziendale interventi edili ed impiantistici Interventi di rilievo aziendale In attuazione dei contenuti delle Linee di Gestione per l anno 2014, le risorse rese

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI

STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI STANDARD di QUALITA dei SERVIZI EROGATI Il D.Lgs n. 33 del 14 marzo 2013, che disciplina il dettato in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni,

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra \ Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra i:\delibere\delibere da pubblicare\delib2010\0307.doc PRV Programmazione investimenti anno 2010 e succ. tb D e t e r m i n a z i o n e D i r e

Dettagli

MAPPATURA IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA E VIDEO MONITORIA PESARO

MAPPATURA IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA E VIDEO MONITORIA PESARO ELENCO DEGLI ALLEGATI Allegato 0: Dettaglio allocazione TELECAMERE INTERNE ALLA STRUTTURA OSPEDALIERA Stabilimenti di PESARO Allegato 1 Telecamere Piani interrati AO Centrale (Tunnel) : Telecamere Piano

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA

RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA 935 interventi di soccorso in 5 anni nelle strutture sanitarie della Campania sa 17% na 47% av 15% bn 7% ce 14%

Dettagli

Tecno Digit s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE ... Sviluppo Progettazione Direzione Lavori Gestione Manutenzione Convalide Ambientali Termografie

Tecno Digit s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE ... Sviluppo Progettazione Direzione Lavori Gestione Manutenzione Convalide Ambientali Termografie SEDE AMMINISTRATIVA: VIA ANTONINO PIO, 40-00145 ROMA UFFICIO: VIA CERVESINA, 77 00188 ROMA TEL. (+39) 06.33679881 FAX (+39) 06.33670866 E -Mail: info@tecnodigit-srl.it P. IVA e C.F. 05238451008 R.E.A.

Dettagli

LR 27/2012 (Legge Finanziaria 2013) art. 8 comma 3 ELENCO DEGLI INTERVENTI NON SOGGETTI A RIPROGRAMMAZIONE

LR 27/2012 (Legge Finanziaria 2013) art. 8 comma 3 ELENCO DEGLI INTERVENTI NON SOGGETTI A RIPROGRAMMAZIONE AOPN 104 San Vito Lavori di accreditamento ospedale San Vito al Tagliamento - III fase, corpo A - I stralcio 105 San Vito Lavori di manutenzione impianti idrici e fognari ospedale di San Vito al Tagliamento

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007

Ospedale e territorio: una logica di sistema Amelia Mutti* Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. Giovedì, 13 settembre 2007 Giovedì, 13 settembre 2007 I^ SESSIONE La logica Programmatoria: ruolo, dimensionamento e connessioni dei servizi sanitari Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata Ospedale e territorio:

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015 Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal:

Dettagli

Ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. - BravoSolution L acquisto dei servizi «no core» nelle aziende private e pubbliche del settore sanitario italiano Galleria di

Ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. - BravoSolution L acquisto dei servizi «no core» nelle aziende private e pubbliche del settore sanitario italiano Galleria di Ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. - BravoSolution L acquisto dei servizi «no core» nelle aziende private e pubbliche del settore sanitario italiano Galleria di esperienze sul campo UCSC sede di Roma UCSC Sede di Roma

Dettagli

Servizio di Radiologia

Servizio di Radiologia Servizio di Radiologia Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO Centralino tel 0342.521111 Ufficio Protocollo fax 0342.521024 Direzione Medica tel 0342.521030 fax 0342.521368 Ufficio Cartelle Cliniche tel 0342.521366 direzionemedica.so@aovv.it

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Semiresidenza psichiatrica il Sole

Semiresidenza psichiatrica il Sole Semiresidenza psichiatrica il Sole Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE MOL Movimento per l Ospedale del Litorale ASSOCIAZIONE Mail: movimento.ospedale.litorale@gmail.com Facebook: Movimento per l Ospedale del Litorale Sito: www.jesoloforum.com- Ospedale Sede: via Aleardi

Dettagli

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management OSPEDALE Il Governo dei Servizi di Facility Management 0 La Regione Toscana ha in atto una riorganizzazione della rete ospedaliera finalizzata a offrire servizi sanitari di qualità con strutture più funzionali

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI Servizio Sanitario Nazionale Regione Marche Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs 81/2008 Oggetto:

Dettagli

La nuova. l assistenza. 4 nuovi ospedali in Toscana. Apuane, Lucca, Pistoia, Prato. Ospedale di Lucca

La nuova. l assistenza. 4 nuovi ospedali in Toscana. Apuane, Lucca, Pistoia, Prato. Ospedale di Lucca La nuova formula per l assistenza ospedaliera. 4 nuovi ospedali in Toscana Apuane, Lucca, Pistoia, Prato Ospedale di Lucca Presentazione La realizzazione del progetto regionale dei 4 Nuovi Ospedali, Apuane,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI Servizio Sanitario Nazionale Regione Marche Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord SEDE LEGALE: V.le Trieste 391 61121 PESARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI anni 2014-2015-2016

PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI anni 2014-2015-2016 PROGRAMMA DEGLI INVESTIMENTI anni 2014-2015-2016 (Estratto dalla Deliberazione del Direttore Generale n. 2012 del 03/12/, Approvazione preliminare dei documenti di programmazione anni 2014-2016; da pag

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO Area Dipartimentale Gestione e Sviluppo Risorse Umane UOSD Comunicazione Integrata aziendale tel 0773/6553404 - fax 0773/6553461 comunicazioneintegrata@ausl.latina.it PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Emergenza-Urgenza Sanitaria: un nuovo scenario di collaborazione per la città di Milano

Emergenza-Urgenza Sanitaria: un nuovo scenario di collaborazione per la città di Milano A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda - Emergenza-Urgenza Sanitaria: un nuovo scenario di collaborazione per la città di - Direttore Sanitario AO Niguarda Direzione Generale Sanità Regione Lombardia Il sistema

Dettagli

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale AZIENDA OSPEDALIERA CTO/MARIA ADELAIDE TORINO Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale Alberto Andrion Management in Anatomia Patologica: Quale rischio? Roma 22 24

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2735 Seduta del 22/12/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2735 Seduta del 22/12/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2735 Seduta del 22/12/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO DI RADIOLOGIA Revisione Revisione 00 del 01/06/2010 Revisione 01 del 16/07/2012 Revisione 02 del 08/10/2013 Revisione 03 del 27/02/2015 Revisione 04 del 23/09/2015 Modifiche

Dettagli

I requisiti per l accreditamento : modelli a confronto

I requisiti per l accreditamento : modelli a confronto FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Per la Verifica di Qualità delle Cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare Corso Qualità e accreditamento ARESS - Regione Piemonte I requisiti per l accreditamento

Dettagli

ALLEGATO 1 - ELENCO DELLE CATEGORIE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI

ALLEGATO 1 - ELENCO DELLE CATEGORIE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI OG 1 - EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI SEZIONE A - TIPOLOGIE DI LAVORI OG 2 - RESTAURO E MANUTENZIONE DEI BENI IMMOBILI SOTTOPOSTI A TUTELA OG 3 - STRADE, AUTOSTRADE, PONTI, VIADOTTI, FERROVIE, METROPOLITANE

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

La dotazione biomedicale di AOUTs, La rete Informatica AOUTs, Pacs, Sistema di Gestione

La dotazione biomedicale di AOUTs, La rete Informatica AOUTs, Pacs, Sistema di Gestione L Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste Organizzazione e attività Pronto soccorso, Attività di ricovero, Attività ambulatoriale Dotazione tecnologica e la rete informativa aziendale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI GENNARO BRUNO Data di nascita 29/01/1954 Qualifica DIRIGENTE Amministrazione AZIENDA OSPEDALIERA SPECIALISTICA DEI COLLI - Monaldi-Cotugno-CTO Incarico Attuale

Dettagli

Indici di produttività per tipologie di ambiente

Indici di produttività per tipologie di ambiente 5 - INDICI 6-09-2006 17:08 Pagina 74 Indici di produttività per tipologie di ambiente SOMMARIO INTRODUZIONE AREE COMUNI E SERVIZI DI REPARTO DEGENZA, PRONTO SOCCORSO, AMBULATORI E LABORATORI AREE ALTO

Dettagli

Curriculum Vitae di MARIO GRATTAROLA

Curriculum Vitae di MARIO GRATTAROLA Curriculum Vitae di MARIO GRATTAROLA DATI PERSONALI nato a PARMA il 19-09-1964 PROFILO BREVE Direttore della Struttura Ospedaliera di Trento dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento TITOLI

Dettagli

Individuazione delle misure per la eliminazione le interferenze e costi della sicurezza. (art. 26, comma 3, D. lgs n. 81/2008)

Individuazione delle misure per la eliminazione le interferenze e costi della sicurezza. (art. 26, comma 3, D. lgs n. 81/2008) DUVRI APPALTO PER LA FORNITURA E INSTALLAZIONE DI VISUALIZZATORI DI IMMAGINI RADIOLOGICHE PER LE UUOO DI ORTOPEDIA NEI PPOO GIOVANNI PAOLO II E P. DETTORI DELLA ASL 2 DI OLBIA Individuazione delle misure

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Camponeschi Valerio Data di nascita 12/07/1973. Dirigente ASL I fascia - U.O.C. Tecnica e Manutentiva

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Camponeschi Valerio Data di nascita 12/07/1973. Dirigente ASL I fascia - U.O.C. Tecnica e Manutentiva INFORMAZIONI PERSONALI Nome Camponeschi Valerio Data di nascita 12/07/1973 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI RM/C Dirigente ASL I fascia - U.O.C.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 798/2015 ADOTTATA IN DATA 14/05/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 798/2015 ADOTTATA IN DATA 14/05/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 798/2015 ADOTTATA IN DATA 14/05/2015 OGGETTO: Distribuzione automatizzata di divise per sale operatorie - Avvio di una procedura negoziata per la fornitura di un distributore automatizzato

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

CATEGORIE MERCEOLOGICHE, CLASSI E SOTTOCLASSI

CATEGORIE MERCEOLOGICHE, CLASSI E SOTTOCLASSI ALLEGATO 1 1 CATEGORIE MERCEOLOGICHE, E SOTTO CODICE DESCRIZIONE FORNITURE CAT. 1 VEICOLI E MEZZI OPERATIVI 1A MEZZI USO MEDICO (AMBULANZE, VEICOLI MEDICALIZZATI ECC.) 1B MEZZI PER TRASPORTO COSE, AUTOVETTURE

Dettagli

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITÀ A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE PROVVEDITORATO

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITÀ A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE PROVVEDITORATO Ambito del Rischio: Fornitura di beni e servizi in economia sia con l utilizzo di strumenti CONSIP che con le procedure tradizionali di affidamento diretto o gara esplorativa. Tipologia Procedimento: Individuazione

Dettagli

il software che aiuta ad essere IN REGOLA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO

il software che aiuta ad essere IN REGOLA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO il software che aiuta ad essere IN REGOLA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO ...ricercare sicurezza è una filosofia di lavoro... IN REGOLA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO by ESAKON via Europa, 21 38060 Volano (TN)

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

Le fasi dei sistemi di P&C

Le fasi dei sistemi di P&C Facoltà di economia Master Universitario ECONONIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI VIII edizione LA CONTABILITA' ANALITICA PER CENTRI DI COSTO NELLE AZIENDE SANITARIE Prof. Enrico Bracci Le fasi dei sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE.

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. Bollettino Ufficiale n. 42 del 21 / 10 / 2004 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 ottobre 2004, n. 11/R. Regolamento regionale recante: Utilizzo del fondo regionale di protezione civile. IL

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA Nome Fabio Cognome Pezzoli Telefono 035.2674027 Fax 0352674027 E-mail fpezzoli@asst-pg23.it ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 1995 al 1999 Dal 16 marzo 1999 al 15 luglio 1999 Dal 16 luglio 1999 al 18 dicembre

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Security Package S.r.l. gennaio 2009

Security Package S.r.l. gennaio 2009 Security Package S.r.l. gennaio 2009 Soci Ing. Attilio E. Nulli Ing. Riccardo C. Corti Laurea in ingegneria meccanica, ha operato, fin dal 1965, nel settore Ingegneria civile del gruppo IMPREGILO, assumendo

Dettagli

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Milano, 23 Febbraio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner

Dettagli

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA. Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA Realizzazione con contratto di Partenariato Pubblico Privato Concessione di lavori Nuovo Codice Appalti (articoli: 164-178) Gian Pietro SAVOINI Direttore Amministrativo

Dettagli

Ai sensi dell Art. 26 del D.LGS. 81/2008 e s.m.i.

Ai sensi dell Art. 26 del D.LGS. 81/2008 e s.m.i. Allegato DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DELLA SUSSISTENZA DEI RISCHI INTERFERENZIALI Ai sensi dell Art. 26 del D.LGS. 81/2008 e s.m.i. 1. Valutazione preliminare rischi da interferenze per la gara di appalto

Dettagli