Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura del Sistema Qualità Ambiente"

Transcript

1 Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione aspetti ambientali Documento Preparato da: Verificato e Approvato da: Data & Firma Data & Firma INDIVIDUAZIONE E SIGNIFICATIVITÀ DEGLI ASPETTI AMBIENTALI 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo di questa procedura è quello di individuare e descrivere le responsabilità e le modalità operative messe in atto per identificare e valutare periodicamente gli aspetti (diretti ed indiretti) delle attività del Comune di Arco che possono avere significativi impatti ambientali. La procedura si applica a tutte le attività gestite direttamente o indirettamente dal Comune di Arco. Riferimento principale: Regolamento CE n 1221/2009 dd. 25/11/2009. Si riportano di seguito le definizioni (art.2 Regolamento EMAS III) dei principali concetti della presente procedura: Analisi ambientale (AA): un esauriente analisi iniziale degli aspetti, degli impatti e delle prestazioni ambientali connessi alle attività, ai prodotti o ai servizi di un organizzazione; Aspetto Ambientale: elemento delle attività dei prodotti o dei servizi di un organizzazione che può interagire con l ambiente; un aspetto ambientale significativo è un aspetto ambientale che ha o può avere un impatto ambientale significativo Impatto Ambientale: qualsiasi modifica all ambiente, positiva o negativa derivante in tutto o in parte dalle attività dai prodotti o dai servizi di un organizzazione. Aspetto Ambientale diretto: ogni aspetto sotto controllo gestionale dell organizzazione Aspetto Ambientale indiretto: un aspetto ambientale che può derivare dall interazione di un organizzazione con terzi e che può essere influenzato, in misura ragionevole, da un organizzazione 2. PROCEDURA 2.1 Individuazione delle attività Per poter analizzare e valutare gli aspetti ambientali specifici delle attività gestite direttamente o indirettamente dal Comune di Arco, occorre innanzitutto individuare gli aspetti ambientali che comportano impatti sulle differenti componenti ambientali in condizioni normali, anomale e di emergenza. COMUNE DI ARCO Documento interno

2 Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 2 di Identificazione degli aspetti ambientali La prima identificazione degli aspetti ambientali viene condotta dal Responsabile Ufficio Ambiente, in collaborazione con i Responsabili dei vari Servizi. L identificazione degli aspetti ambientali avviene utilizzando la check list Mod 75/1 Individuazione degli aspetti ambientali contenente delle apposite schede di raccolta delle informazioni relative agli aspetti ambientali in condizioni normali, anomale e di emergenza. Gli aspetti ambientali individuati possono variare in base a molteplici fattori quali ad es: condizioni operative, condizioni climatiche, stato delle conoscenze tecniche, normativa vigente. Alla luce delle considerazioni sopra esposte l elenco degli aspetti ambientali individuati non è da ritenersi statico ma dinamico e perciò dovrà essere costantemente aggiornato. 2.3 Aspetti ambientali diretti: criteri di valutazione della significatività In seguito all identificazione degli aspetti ambientali, il Responsabile Ufficio Ambiente in collaborazione con il Responsabile del Sistema di Gestione Integrato e il Comitato di Direzione, procede alla valutazione della significatività degli impatti ambientali. La valutazione della significatività degli elementi di un aspetto ambientale è riportata nel Mod 75/2 Significatività degli aspetti ambientali costantemente aggiornato. La valutazione della significatività e della criticità degli aspetti ambientali viene effettuata attribuendo un punteggio che prende in considerazione fattori ambientali sociali e tecnici e viene effettuata considerando condizioni normali, anomale e di emergenza. La valutazione scaturisce dalla combinazione di più parametri: - la probabilità che l evento accada (P); - la conformità legislativa (C) - la quantificazione dell impatto (per i consumi di risorse) / pericolosità (per le emissioni ecc.) (Q); - la migliorabilità delle attività da cui scaturisce l impatto (M); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). Per cui il fattore di significatività degli aspetti diretti (S) è espresso come: S = (C + Q + M + SC) * P I punteggi per il calcolo della significatività degli impatti ambientali vengono assegnati, secondo i criteri, descritti nella Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti COMUNE DI ARCO Documento interno

3 Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 3 di 12 ambientali diretti e relativi punteggi riportata in allegato. La valutazione dell impatto deve essere interpretata nel modo seguente: O VALUTAZIONE 0-15 NON SIGNIFICATIVO SIGNIFICATIVO > 30 MOLTO SIGNIFICATIVO 2.4 Aspetti ambientali indiretti: criteri di valutazione della significatività Il punteggio per la valutazione sugli aspetti ambientali indiretti viene attribuito valutando : - la probabilità che l evento accada (P) - la possibilità per l Amministrazione di intervenire sull aspetto ambientale (A); - la quantificazione dell impatto provocato dall aspetto ambientale (Q); - la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività, ecc.) (SC). - l impatto socio economico (oneri economici derivanti da maggiori costi, comportamenti/attività/procedure che gravano sugli stakeholders) (I) Per cui il fattore di significatività degli aspetti indiretti (Si) è espresso come: Si = (A+Q + SC + I) * P I punteggi per il calcolo della significatività degli impatti ambientali vengono assegnati, secondo i criteri, descritti nella Tabella 2 Criteri di valutazione degli impatti ambientali indiretti e relativi punteggi riportata in allegato. La valutazione dell impatto deve essere interpretata nel modo seguente: O VALUTAZIONE 0-15 NON SIGNIFICATIVO SIGNIFICATIVO COMUNE DI ARCO Documento interno

4 Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 4 di 12 > 30 MOLTO SIGNIFICATIVO Per la valutazione della significatività degli impatti ambientali positivi verso l ambiente non è stata predisposta una griglia di calcolo ma sono comunque tenuti costantemente sotto controllo attraverso tabelle 2.5 Azioni intraprese sulla base della significatività degli impatti Sulla base della valutazione degli aspetti ambientali significativi sono applicate le seguenti regole: - se un impatto ambientale individuato risulta non significativo deve essere mantenuto sotto controllo per assicurare che rimanga non significativo; - se un impatto ambientale individuato risulta significativo esso deve essere mantenuto sotto controllo e deve essere oggetto di attività di studio al fine di individuare per quanto possibile interventi di miglioramento (anche a medio o lungo termine); - se un impatto ambientale individuato risulta molto significativo esso deve essere mantenuto costantemente sotto controllo e devono essere valutati e quando possibile intrapresi progetti di intervento per il miglioramento immediato con l obiettivo di farlo rientrare nella valutazione significativo oppure non significativo. Per la priorità degli interventi da svolgere si deve fare riferimento al punteggio di significatività attribuito. Indipendentemente dal punteggio complessivo ottenuto, gli impatti ambientali che presentano non conformità di tipo normativo sono considerati molto significativi ed hanno priorità assoluta nell effettuazione della pianificazione degli interventi. 2.6 Revisione periodica degli aspetti ambientali Il Responsabile Ufficio Ambiente provvede in collaborazione con il Responsabile del Sistema di Gestione Integrato a rivalutare ed eventualmente ad identificare nuovi aspetti ambientali: - in caso di modifiche legislative, impiantistiche, di processo o di qualunque genere che comportino il modificarsi delle interrelazioni tra le attività svolte e le componenti ambientali; - in occasione del riesame della Direzione; - in caso di prescrizioni degli enti di controllo / lamentele motivate da parte di enti o cittadini; - in seguito al verificarsi di incidenti, emergenze ambientali non previsti precedentemente. Nel caso sia necessario effettuare indagini supplementari per identificare e valutare in modo corretto uno o più aspetti ambientali particolarmente rilevanti per la corretta gestione ambientale, il COMUNE DI ARCO Documento interno

5 Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 5 di 12 Responsabile Ufficio Ambiente concorda con il Comitato di Direzione l esecuzione di: - Indagini specifiche; - Audit ambientali straordinari Ogni qual volta venga identificato un nuovo aspetto ambientale significativo, il Responsabile Ufficio Ambiente provvede ad informare tutti gli uffici e le organizzazioni interessate. 3. Allegati Tabella 1 Tabella 2 Mod 75/1 Mod 75/2 Criteri di valutazione degli impatti ambientali dirette relativi punteggi Criteri di valutazione degli impatti ambientali indiretti e relativi punteggi Individuazione aspetti ambientali Significatività aspetti ambientali COMUNE DI ARCO Documento interno

6 Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali diretti e relativi punteggi VALUTAZIONE TUTTE Conformità legislativa (C) Nessuna prescrizione legale applicabile Presenti prescrizioni formali e non sono stabiliti dalla normativa dei limiti perentori L aspetto ambientale è mantenuto sotto controllo in maniera costante ed efficace Presenti prescrizioni puntuali e i limiti di legge sono ampiamente rispettati.- l aspetto ambientale è mantenuto sotto controllo costantemente. Presenti prescrizioni rispettate ma con limiti frequentemente avvicinati l organizzazione non riesce ad avere un totale controllo su tale aspetto In caso di Non conformità legislativa il punteggio assegnato all aspetto è 4 Migliorabilità del processo (M) Non esiste una migliore tecnologia disponibile sul mercato / non sono possibili interventi migliorativi Interventi migliorativi realizzabili solo a fronte di investimenti di lungo periodo o non economicamente sostenibili Interventi migliorativi a medio termine e con investimenti medi Interventi migliorativi realizzabili nel breve periodo in gestione ordinaria

7 Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali diretti e relativi punteggi VALUTAZIONE Sensibilità collettiva (SC) Non si sono mai ricevute pressioni esterne di nessun tipo il tema non interessa la sensibilità collettiva Si sono ricevute lamentele verbali il tema interessa la sensibilità collettiva in maniera limitata Sono pervenute uno o più reclami scritti relativamente all'aspetto in esame il tema è spesso trattato dai media ed interessa la sensibilità collettiva Sono pervenute una o più comunicazioni ufficiali di organi di vigilanza TUTTE Probabilità che l evento accada (in condizioni normali, anomale, di emergenza) (P) L aspetto ambientale non è presente in condizioni normali L aspetto ambientale non è presente in condizioni anomale (es. avvio, fermata o manutenzione) L aspetto ambientale non è presente in condizioni di emergenza presenta raramente nella normale attività (cadenza mensile o stagionale) presenta in pochi casi di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento bassa (mai verificatasi finora) presenta in diversi casi nella normale attività presenta frequentemente in caso di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento media (si è già verificato una volta) presenta sempre nella normale attività presenta in tutti i casi di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento alta (si è già verificata più volte) oppure non è possibile verificarne l accadimento

8 Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali diretti e relativi punteggi VALUTAZIONE EMISSIONI IN ATMOSFERA Quantificazione (Q)/ Nessuna emissione atmosferica ad eccezione di ricambi d aria Emissioni trascurabili di inquinanti che non rientrano nell obbligo di autocampionamento Emissioni significative di inquinanti che rientrano nell obbligo di autocampionamenti periodici Vicinanza ai limiti durante gli autocampionamenti (valore > al 90% del limite) ODORI Nessuna emissione di odori apprezzabile verso l esterno Esistono emissioni di odori percettibili solo in prossimità della sorgente Esistono emissioni di odori percettibili solo in prossimità del sito Esistono emissioni di odori percettibili non solo in prossimità del sito SCARICHI IDRICI RIFIUTI SOSTANZE PERICOLOSE CFC Nessuno scarico idrico Nessun rifiuto prodotto Nessuna sostanza pericolosa presente Nessuna presenza di CFC Scarichi idrici limitati a reflui domestici o assimilati Produzione di rifiuti in gran parte recuperabili Sono presenti sostanze pericolose in quantità limitate (utilizzabili nel breve periodo) Presenza di impianti di refrigerazione o raffreddamento con contenuto inferiore a 3 kg di refrigerante Scarichi idrici relativi a reflui industriali con limiti molto inferiori a quelli di legge Produzione di rifiuti non pericolosi in notevoli quantità produzione di rifiuti pericolosi in quantità limitate Sono presenti sostanze pericolose in elevate quantità (utilizzabili a medio lungo termine) Presenza di impianti di refrigerazione o raffreddamento con contenuto compreso tra 3 kg e 100 kg di refrigerante Scarichi idrici di attività produttive con concentrazioni molto vicine ai limiti di legge Produzione di rifiuti pericolosi in quantità elevate Sono presenti sostanze pericolose per la cui detenzione è necessaria autorizzazione e/o comunicazione agli organi competenti Presenza di impianti di refrigerazione o raffreddamento con contenuto superiore a 100 kg di refrigerante

9 Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali diretti e relativi punteggi VALUTAZIONE UTILIZZO DI RISORSE IDRICHE CONSUMO DI RISORSE ENERGETICHE E MATERIE PRIME SUOLO E SOTTOSUOLO RUMORE Consumo annuo inferiore del 5% alla media degli anni Consumo annuo inferiore del 5% alla media degli anni Nessuna presenza di serbatoi / situazione del suolo conosciuta e non inquinata Impatto nullo oppure con conseguenze limitate sia nel tempo sia nell estensione dell impatto. Consumo annuo sostanzialmente invariato rispetto alla media degli anni Consumo annuo sostanzialmente invariato rispetto alla media degli anni Presenza di serbatoi con doppia intercapedine periodicamente verificati / situazione del suolo prevedibilmente non inquinata Si può registrare un disturbo locale e non duraturo oppure una rumorosità costante abbondantemente inferiore ai limiti di legge Consumo annuo superiore del 5% alla media degli anni Consumo annuo superiore del 5% alla media degli anni Presenza di serbatoi senza doppia intercapedine / situazione del suolo sconosciuta Si registra una rumorosità costante di poco inferiore ai limiti di legge Consumo annuo superiore del 15% alla media degli anni Consumo annuo superiore del 15% alla media degli anni Presenza di serbatoi contenenti sostanze pericolose e particolarmente inquinanti / accertato inquinamento del suolo Il danno è molto esteso con effetti duraturi nel tempo, oppure con coinvolgimento della popolazione. Sono presenti episodi accertati di superamento delle prescrizioni legali dagli organi di vigilanza

10 Tabella 1 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali diretti e relativi punteggi VALUTAZIONE EMISSIONI ONDE ELETTRO MAGNETICHE Nessuna emissione di onde elettromagnetiche Emissione di onde elettromagnetiche sporadica e sotto i limiti Emissione di onde elettromagnetiche costante e sotto i limiti Emissione di onde elettromagnetiche vicina ai limiti RADON Nessuna presenza di radon Emissione di radon sotto i limiti - Emissione di radon sopra i limiti AMIANTO PCB PREVENZIONE INCENDI / SICUREZZA IMPATTO VISIVO Non sono presenti manufatti contenenti amianto Nessuna presenza di PCB Nessun rischio di incendio / non vi è presenza di materiale infiammabile Non si differenzia dal contesto Le superfici contenenti amianto sono state ispezionate, e comunque appaiono intatte Presenza di trasformatori contenenti PCB/PCT in tracce inferiore a 25 ppm Rischio incendio presente ma senza la necessità di possedere CPI / presenza di materiale infiammabile Percettibile a breve distanza l aspetto impatta in modo non sensibile sul territorio Le superfici contenenti amianto non appaiono intatte Presenza di trasformatori contenenti PCB/PCT compresi fra 25 ppm e 500 ppm Rischio di incendio presente. CPI limitato ad alcuni edificizone-impianti o macchinari Percettibile a media distanza l aspetto impatta in modo sensibile sul territorio Le superfici contenenti amianto non sono state ispezionate o sono visibilmente logore Presenza di trasformatori contenenti olio con PCB/PCT superiore ai 500 ppm Elevato rischio di incendio necessità di CPI per tutti gli edifici comunali Percettibile a lunga distanza l aspetto impatta fortemente sul territorio

11 Tabella 2 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali indiretti e relativi punteggi TUTTE VALUTAZIONE Probabilità che l evento accada (in condizioni normali, anomale, di emergenza) (P) L impatto socio economico (I) L aspetto ambientale non è presente in condizioni normali L aspetto ambientale non è presente in condizioni anomale (es. avvio, fermata o manutenzione) L aspetto ambientale non è presente in condizioni di emergenza L impatto socio economico che può avere l intervento non incide sulla realtà interessata dall organizzazione presenta raramente nella normale attività (cadenza mensile o stagionale) presenta in pochi casi di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento bassa (mai verificatasi finora) L impatto socio economico che può avere l aspetto non è rilevante presenta in diversi casi nella normale attività presenta frequentemente in caso di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento media (si è già verificato una volta) L impatto socio economico che può avere l aspetto va ad incidere anche se in maniera lieve sulla realtà interessata presenta sempre nella normale attività presenta in tutti i casi di fermata e/o avviamento e/o manutenzione L emergenza ha probabilità di accadimento alta (si è già verificata più volte) oppure non è possibile verificarne l accadimento L impatto socio economico influenza fortemente la realtà interessata dall organizzazione Sensibilità collettiva (SC) Non si sono mai ricevute pressioni esterne di nessun tipo Il tema non interessa la sensibilità collettiva e la cittadinanza non è coinvolta Si sono ricevute lamentele verbali Il tema interessa la sensibilità collettiva in maniera limitata Sono pervenute uno o più reclami scritti relativamente all'aspetto in esame Il tema è spesso trattato dai media ed interessa la sensibilità collettiva Sono pervenute una o più comunicazioni ufficiali di organi di vigilanza e/o dall amministrazione comunale relativamente all'aspetto in esame La popolazione e gli enti locali sono molto coinvolti sotto tale aspetto

12 Tabella 2 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali indiretti e relativi punteggi VALUTAZIONE Possibilità per l Amministrazione di intervenire sull Aspetto Ambientale (A) L amministrazione non può intervenire in alcun modo per migliorare l aspetto ambientale L amministrazione può intervenire solo marginalmente per migliorare l aspetto ambientale L amministrazione può intervenire e può richiedere di essere consultata sulle decisioni da prendere per migliorare l aspetto ambientale L amministrazione interviene con potere decisionale riguardo alle iniziative da intraprendere per migliorare l aspetto ambientale Tabella 2 Criteri di valutazione degli impatti ambientali inerenti agli aspetti ambientali indiretti e relativi punteggi VALUTAZIONE Tutte Quantificazione (Q) Nessun impatto sull ambiente Impatti non rilevanti sull ambiente - le condizioni di emergenza non provocano pericolo per l ambiente - Aspetto impattante nel breve-medio periodo per l ambiente - In caso di emergenza è necessario intervenire per ripristinare l ecosistema - Aspetto fortemente impattante per l ambiente e per le persone nel lungo periodo - Gravi conseguenze sull ambiente e/o le persone

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

o Responsabile Sistema Gestione Ambientale o Alta Direzione o Consulente esterno

o Responsabile Sistema Gestione Ambientale o Alta Direzione o Consulente esterno QUESTIONARIO SULL ATTUAZIONE DI EMAS IN TRENTINO Nota: il presente questionario non è finalizzato a raccogliere dati per dare una valutazione dell operato dell organizzazione, ma semplicemente a conoscere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Revisione 00 Data revisione: 17/11/2010 ISO 14001:2004. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni

Revisione 00 Data revisione: 17/11/2010 ISO 14001:2004. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni Emissione QUALIFICA NOME RUOLO FIRMA RSGA ARCH. ALDO BLANDINO Prima Approvazione DIR GIUNTA Approvazione revisioni RD DOTT. GIORGIO GUGLIELMO REVISIONI DATA REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 17/11/2010 00 PRIMA

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 PROCEDURA 11 GESTIONE DELLA TUTELA DELL AMBIENTE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 5 Indice 1 SCOPO 2 CAMPO APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Progetti di miglioramento 4.2 Azioni correttive e preventive Rev. Natura modifica 0 1 2 Prima

Dettagli

Qualità - Sicurezza - Ambiente

Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità Sicurezza Ambiente UNI EN ISO 9001 BS OH SAS 18001 UNI EN ISO 14001:2004 DPR 547/1955 Il rischio è il prodotto tra la probabilità e la gravità R x G 1 2 3 4 1 1 2

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 1 di 5 Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 2 di 5 Indice 1. Scopo

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni Codice Ambientale Scopo e campo di applicazione Il presente documento, regola le norme che il personale della Società Nava deve rispettare nell esecuzione dei servizi di pulizia in merito alle modalità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 aprile 1997, n. 71-18113 D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 artt. 6, 7 e 8 e D.C.R. n. 964-17595 del 13 dicembre 1994. Autorizzazioni di carattere generale per le emissioni

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG45 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESPERTI

Dettagli

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO GUIDA TECNICA Rev. 00 1 di 12 PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO Storia delle revisioni Rev. Descrizione della revisione Autore Data Rev. 00 A.CARRANO 19-07-2004

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO - Approvato con

Dettagli

Le norme dei SGA I Sistemi di Gestione Ambientale

Le norme dei SGA I Sistemi di Gestione Ambientale 12/05/2008 Le norme dei SGA I Sistemi di Gestione Ambientale due norme di riferimento per l implementazione di SGA riconosciute internazionalmente: Norma internazionale UNI EN ISO 14001:2004 Norma europea

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 150 del 25/06/2014 - Determinazione nr. 1611 del 25/06/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Procedura AUDIT INTERNI

Procedura AUDIT INTERNI Pag. 1 di 1 SOMMARIO 1. Scopo e campo di applicazione... 2 2. Termini e definizioni... 2 3. Riferimenti... 2 4. Premessa... 2 5. Attività... 3 6. Documentazione... 5 7. Indicatori... 6 REVISIONI N REV.

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo Ditta Modulo XY N. Rev. 0 Bilancio ambientale Pagina: 1/1 Input Output Materie: Prodotti: Materiali di supporto: Rifiuti: Sostanze pericolose: Altri materiali Scarichi: MODULO 1: Bilancio ambientale Energia:

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE Convegno SURFACE TREATMENTS News 2011 Fiera di Milano Rho LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE PER ANODIZZATORI E VERNICIATORI DELL ALLUMINIO Ing. Rolando Ragazzini 1 Principali aspetti ambientali nel settore

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza della discarica per rifiuti urbani in loc. Maza di Arco ANNO 2015.

All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza della discarica per rifiuti urbani in loc. Maza di Arco ANNO 2015. Allegato n. 1 alla delibera della Giunta della Comunità n. 66 dd. 17.04.2015 IL SEGRETARIO F.to Dott. Copat Paulo Nino All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito SISTEMA DI PESATURA DELLE SCHEDE DEI REQUISITI Modalità di calcolo del punteggio pesato: 1 Voto del requisito x peso = Voto pesato del requisito 2 Somma dei voti pesati del requisito = voto dell'area di

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro

SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro SUPPORTO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI e alla redazione del documento programmatico di competenza dei datori di lavoro Finalità Destinatari Adeguare la struttura e gli impianti aziendali alla normativa sulla

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 26/05/2014 Integrazione

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana E ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Confindustria,

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli