JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI"

Transcript

1 JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 24 giugno 2015, n. 144 ed entrato in vigore il 25 giugno Il decreto attua la delega parlamentare, contenuta all art. 1, comma 7, legge 10 dicembre 2014, n. 183 (Jobs Act), relativa (i) al riordino di tutte le forme di contratto di lavoro esistenti, in un ottica di semplificazione e di adattamento al mutato contesto produttivo-occupazionale; (ii) alla modifica della disciplina codicistica delle mansioni e dell inquadramento, mediante l introduzione di legittime ipotesi di demansionamento, volte a contemperare l interesse del lavoratore al mantenimento dell occupazione con l interesse dell impresa ad un utile impiego del personale. I CONTRATTI DI COLLABORAZIONE A PROGETTO E LE COLLABORAZIONI IN REGIME DI PARTITA I.V.A. Con decorrenza dal 1 gennaio 2016 troverà applicazione in automatico la disciplina del rapporto di lavoro subordinato ai rapporti di collaborazione, anche a progetto, che si concretino in prestazioni di lavoro (i) esclusivamente personali; (ii) continuative; (iii) le cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi ed al luogo di lavoro. Gli unici casi in cui sarà ammesso il ricorso alle co.co.co., anche in presenza dei requisiti sopra evidenziati, sono: le collaborazioni espressamente disciplinate, sotto il profilo del trattamento economico e normativo, dai contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle associazioni comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del settore di riferimento (e.g. le attività di call center in regime di outbound); le collaborazioni prestate nell esercizio di professioni intellettuali per le quali è necessaria l iscrizione in appositi albi professionali; le attività prestate nell esercizio della funzione dai membri degli organi di amministrazione e controllo delle società e dai componenti di collegi o commissioni (c.d. rapporti organici); le collaborazioni rese a fini istituzionali in favore di associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I.. Gli articoli da 61 a 69-bis del decreto Biagi, contenenti la disciplina delle collaborazioni a progetto e delle collaborazioni autonome in regime di partita I.V.A., sono stati definitivamente abrogati, salvo trovare applicazione per la regolamentazione dei rapporti di lavoro già in corso alla data di entrata in vigore del decreto delegato. L intervento abrogativo del Governo ha comportato il venir meno delle ipotesi di collaborazione, possibili anche in assenza dell indicazione di un progetto specifico, di seguito elencate: - le collaborazioni fino a 30 giorni per un importo fino ad euro (art. 61,co. 2, decreto Biagi); - le collaborazioni rese nell ambito dei servizi di cura ed assistenza alla persona per un massimo di 240 ore annue (art. 61,co. 2, decreto Biagi); - le collaborazioni con i pensionati di vecchiaia (art. 61, co. 3, decreto Biagi). Sono stati, altresì, eliminati i requisiti introdotti dalla riforma Fornero del 2012, in presenza dei quali una collaborazione in regime di partita I.V.A. doveva ritenersi non genuina. L art. 69-bis decreto Biagi ora abrogato prevedeva la conversione, dapprima in collaborazioni a progetto e, ove il progetto mancasse, in rapporti di lavoro subordinato, delle prestazioni lavorative rese da persona titolare di partita I.V.A. al ricorrere di almeno due dei seguenti presupposti: a- collaborazione con il medesimo committente di durata complessiva superiore a otto mesi per due anni consecutivi; b- corrispettivo derivante dalla collaborazione e, pur se fatturato a soggetti diversi, riconducibile al medesimo centro di imputazione di interessi, superiore all 80% dei corrispettivi annui complessivamente percepiti nell'arco di due anni solari consecutivi; c- assegnazione al collaboratore di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente.

2 Come comportarsi con le collaborazioni in corso Se si tratta di collaborazioni pienamente rispondenti ai criteri fissati dagli articoli da 61 a 69-bis del decreto Biagi, allora potranno proseguire fino a scadenza, anche nel caso in cui quest ultima sia collocata in una data successiva al 1 gennaio Se, invece, dovesse trattarsi di collaborazioni di dubbia genuinità, il decreto ammette una sanatoria stabilizzante di cui gli interessati si dovranno avvalere entro l inizio del prossimo anno. A partire dal 1 gennaio 2016, tutti i datori di lavoro privati potranno assumere con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato prestatori con i quali abbiano intrattenuto rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, o collaborazioni autonome in regime di partita I.V.A., a condizione che: (i) i lavoratori interessati all assunzione sottoscrivano in sede protetta un accordo conciliativo finalizzato a definire eventuali controversie di natura economica inerenti al pregresso rapporto di (ii) lavoro ed alla relativa qualificazione; i datori di lavoro, nei 12 mesi successivi alle assunzioni, si impegnino a non recedere dai rapporti di lavoro neo-instaurati, se non per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo. A fronte della sottoscrizione dell accordo conciliativo e dell assunzione a tempo indeterminato, vengono estinti tutti gli illeciti ammnistrativi, contributivi e fiscali connessi ad una eventuale erronea qualificazione del rapporto di collaborazione, fatti salvi gli illeciti accertati a seguito di accessi ispettivi effettuati in data antecedente all assunzione. LA RISCRITTURA DELL ART DEL CODICE CIVILE E LA NUOVA DISCIPLINA IN TEMA DI MANSIONI ED INQUADRAMENTO Scompare dal primo comma dell art c.c. il concetto di equivalenza delle mansioni: nell esercizio dello ius variandi (i.e. potere di modifica dell attività lavorativa), il datore di lavoro non ha più l obbligo di adibire il lavoratore a mansioni che appartengano alla medesima area professionale di quelle pregresse, ma ha solo il dovere di rispettare il livello di inquadramento e la categoria legale delle ultime mansioni effettivamente svolte. Il datore di lavoro può assegnare un lavoratore a mansioni riferite al livello d inquadramento inferiore, purché rientranti nella medesima categoria legale (quadro, impiegato, operaio), in presenza di una modifica degli assetti organizzativi aziendali tale da incidere sulla posizione del lavoratore. La contrattazione collettiva (anche aziendale) può prevedere ulteriori ipotesi di assegnazione ad un livello di inquadramento inferiore, ma sempre nell ambito della medesima categoria legale. Il mutamento di mansioni nei casi elencati deve essere comunicato, a pena di nullità, per iscritto ed il lavoratore conserva il livello di inquadramento e la retribuzione in godimento, ad eccezione delle voci retributive connesse a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa. Possibilità per le parti di stipulare in sede protetta accordi individuali di modifica delle mansioni, della categoria legale, del livello d inquadramento ed anche della retribuzione, al fine di salvaguardare l interesse del lavoratore (i) alla conservazione del posto, (ii) all acquisizione di una diversa professionalità, (iii) al miglioramento delle condizioni di vita. L assegnazione del dipendente a mansioni superiori, salvo un suo diverso volere o che si tratti di sostituzione di altro lavoratore in servizio, diventa definitiva dopo il periodo fissato dai contratti collettivi (anche aziendali) o, in mancanza, dopo 6 mesi continuativi. LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DEL LAVORO PART TIME Lavoro supplementare: in assenza di diversa disciplina del contratto collettivo (anche aziendale), il datore di lavoro può comunque richiedere al lavoratore lo svolgimento di lavoro supplementare sino al

3 25% delle ore di lavoro settimanali concordate; la maggiorazione per lavoro supplementare sarà pari al 15% della retribuzione oraria globale di fatto. Clausole elastiche e flessibili: in assenza di diversa disciplina del contratto collettivo (anche aziendale), tali clausole possono essere inserite nel contratto di lavoro dalle parti con la sottoscrizione di un accordo individuale innanzi alle commissioni di certificazione previste dall art. 76 del decreto Biagi. L accordo dovrà prevedere: almeno 2 giorni lavorativi di preavviso; in caso di clausola elastica, una variazione in aumento non superiore al 25% della normale prestazione annua a tempo parziale; l applicazione di una maggiorazione retributiva del 15% della retribuzione oraria globale di fatto. Diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da full time a part time esteso ai lavoratori: affetti da patologie oncologiche; colpiti da gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti; con coniuge, figli o genitori affetti da patologie oncologiche; con persona convivente affetta da grave, totale e permanente inabilità. Possibilità per il lavoratore di chiedere per una sola volta, in luogo del congedo parentale, la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale, purché ciò comporti una riduzione d orario non superiore al 50%. LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DEL LAVORO INTERMITTENTE (A CHIAMATA) In difetto di previsioni della contrattazione collettiva (anche aziendale), i casi di utilizzo del lavoro intermittente saranno individuati con decreto del Ministero del Lavoro. Prima dell inizio della prestazione di lavoro intermittente o di un ciclo integrato di prestazioni di durata non superiore a 30 giorni, possibilità per il datore di lavoro di comunicarne la durata alla DTL competente mediante sms o messaggio di posta elettronica. In caso di violazione del predetto obbligo, pagamento di una sanzione amministrativa da euro 400 ad euro LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DEL LAVORO A TEMPO DETERMINATO Il contratto assistito (i.e. quello stipulato innanzi alla DTL competente una volta superato il limite dei 36 mesi) dovrà avere una durata massima di 12 mesi; inoltre, l assistenza del rappresentante sindacale non è più obbligatoria. Se le parti superano il tetto delle 5 proroghe previsto, il rapporto si trasforma a tempo indeterminato con decorrenza dalla sesta proroga. Il limite percentuale di attivazione dei contratti a termine, fissato dalla legge al 20%, potrà essere modificato anche dalla contrattazione collettiva di secondo livello. LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DEL LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE Somministrazione di lavoro a tempo indeterminato (staff leasing): liberalizzazione dell istituto attraverso l eliminazione delle ipotesi tassative di ricorso alla somministrazione a tempo indeterminato. Il

4 numero dei lavoratori somministrati a tempo indeterminato non può superare il 20% del personale a tempo indeterminato dell utilizzatore in forza al momento della stipula del contratto di assunzione, fatta salva una diversa previsione del contratto collettivo (anche aziendale) applicato dall utilizzatore. Somministrazione di lavoro a tempo determinato: possibilità di ricorrere all istituto senza necessità di indicare le ragioni giustificatrici e senza limiti di durata massima. Le proroghe al contratto sono ammesse nei casi e per la durata previsti dal contratto collettivo del somministratore. Il limite quantitativo di attivazione di contratti di somministrazione a termine è fissato dal contratto collettivo (anche aziendale) applicato dall utilizzatore. LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO Applicazione del contratto a tutele crescenti anche ai rapporti di apprendistato. Possibilità per le parti di recedere al termine del periodo di apprendistato, con preavviso decorrente dal medesimo termine. Durante il periodo di preavviso continua a trovare applicazione la disciplina del contratto di apprendistato. Apprendistato di primo livello In assenza di regolamentazione regionale, la disciplina dell istituto è demandata al Ministero del Lavoro Nessuna retribuzione per le ore di formazione svolte all interno dell istituzione scolastica, salva diversa previsione dei contratti collettivi Riduzione della retribuzione dell apprendista al 10% per le ore di formazione a carico dell azienda Il datore di lavoro deve sottoscrivere, con l istituzione formativa a cui lo studente appartiene, un protocollo contenente anche il numero di ore di formazione da effettuare in azienda Apprendistato professionalizzante Nelle aziende con più di 50 dipendenti, assunzione di nuove risorse con contratto di apprendistato professionalizzante subordinata alla conferma in servizio di almeno il 20 per cento degli apprendisti impiegati nei 36 mesi precedenti le nuove assunzioni, restando esclusi dal computo i rapporti risolti per recesso in periodo di prova, dimissioni e licenziamento per giusta causa Estensione dell apprendistato professionalizzante senza limiti di età in favore dei soggetti percettori di indennità di mobilità o di trattamento di disoccupazione Apprendistato di alta formazione e ricerca Obbligo per il datore di lavoro di sottoscrivere un protocollo con l istituzione formative o con l ente di ricerca cui lo studente appartiene, secondo uno schema definito da apposito decreto interministeriale Nessuna retribuzione per le ore di formazione svolte all interno dell istituzione formativa, salva diversa previsione dei contratti collettivi Riduzione della retribuzione dell apprendista al 10% per le ore di formazione a carico dell azienda LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DEL LAVORO ACCESSORIO Innalzamento ad euro per anno civile del limite massimo dei compensi, riferito alla totalità dei committenti.

5 Fermo restando il limite anzidetto, in favore di ciascun committente imprenditore o professionista le attività di lavoro accessorio non possono generare compensi superiori ad euro Possibilità di lavoro accessorio anche per i percettori di misure a sostegno del reddito o di integrazioni salariali nel limite di compenso di euro per anno civile. Divieto di lavoro accessorio in esecuzione di appalti di opere o di servizi. Pagamento prestazioni di lavoro accessorio mediante carnet di buoni acquistabili solo per via telematica dai committenti imprenditori o professionisti, anche presso le rivendite autorizzate dagli altri committenti. Obbligo per i committenti imprenditori o professionisti di comunicare alla DTL competente l inizio della prestazione, anche attraverso sms o messaggio di posta elettronica. La comunicazione deve contenere dati anagrafici e codice fiscale del lavoratore, il luogo della prestazione ed il periodo non superiore ai 30 giorni successivi. LE NOVITÀ INTRODOTTE NELLA DISCIPLINA DELL ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE (ART C.C.) Abrogata l associazione in partecipazione con apporto di lavoro. L apporto dell associato dovrà consistere esclusivamente in conferimento di capitali. I contratti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro in essere alla data di entrata in vigore del decreto delegato potranno proseguire fino alla loro cessazione. * * * *** Il presente elaborato è un documento informativo di sintesi e non un parere professionale. Morri Cornelli e Associati Studio Legale e Tributario Milano, 10 luglio 2015

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione IL SUPERAMENTO DEI CO.CO.PRO. E IL RITORNO DEI CO.CO.CO. D. Lgs. n. 81/2015 Due norme

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 30 giugno 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 8/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. RIFORMA DEI CONTRATTI DI LAVORO co.co.pro/co.co.co tempo determinato

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

Milano Bologna Roma Catania

Milano Bologna Roma Catania CIRCOLARE n. 6 26 giugno 2015 DECRETO LEGISLATIVO 15 GIUGNO 2015 N. 81 DISPOSIZIONI RECANTI LA DISCIPLINA ORGANICA DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA REVISIONE DELLA NORMATIVA IN TEMA DI MANSIONI, A NORMA DELL

Dettagli

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto Il Post 08/07/2015 I contratti di lavoro col Jobs Act Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto È entrato in

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 C i r c o l a r i E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.it 2 NOVITÀ CO.CO.PRO E

Dettagli

Jobs Act: La nuova disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative. Enzo De Fusco

Jobs Act: La nuova disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative. Enzo De Fusco Jobs Act: La nuova disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative Enzo De Fusco CONTRATTO A PROGETTO - NOVITA A far data dall 1/01/2016, l art. 2 si applica la disciplina del rapporto di lavoro

Dettagli

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità.

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità. JOBS ACT - PUBBLICAZIONE IN GU DEI DECRETI LEGISLATIVI IN MATERIA DI "RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E DISCIPLINA DELLE MANSIONI " E "CONCILIAZIONE VITA LAVORO" Sono stati pubblicati nella Gazzetta

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI

IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI Giugno 2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI Il 25 marzo 2015, giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il D.Lgs.

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 1 Luglio 2015 Circolare n 9/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: JOBS ACT - Pubblicato il decreto di riordino delle tipologie contrattuali. Dal giorno 25/6/2015 è in vigore il D.lgs.

Dettagli

Tutte le novità dei decreti di riordino Evento, confronto con i nostri Clienti

Tutte le novità dei decreti di riordino Evento, confronto con i nostri Clienti Tutte le novità dei decreti di riordino Evento, confronto con i nostri Clienti Firenze, 29 Settembre 2015 aula studio via F. Puccinotti, 36 Orario: 14,45 18,15 Gli otto decreti attuativi della delega 1.

Dettagli

I nuovi decreti attuativi del Jobs Act

I nuovi decreti attuativi del Jobs Act Paola Costa I nuovi decreti attuativi del Jobs Act Abstract: Con i decreti legislativi n. 80 e 81 del 15.06.2015 il Governo ha dato attuazione alle deleghe contenute nel "Jobs Act" in tema di revisione

Dettagli

RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI

RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Schema di decreto legislativo recante il testo organico delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni in attuazione della Legge delega

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Dalla Fornero ai decreti del governo Letta Avv. Pasquale Staropoli PIESSE@LIBERO.IT 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 d.lgs. 368/2001: Co. 01 Il contratto di lavoro

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante JOBS ACT Norme in materia di lavoro Milano, 24 marzo 2015 Relatore: Pierluigi Brigante Finalità Jobs Act Incremento occupazionale Riduzione tipologie contrattuali Eliminazione precariato Regole di entrata

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro Ai gentili clienti Loro sedi La nuova riforma del lavoro Premessa Con la riforma del lavoro, il legislatore ha modificato profondamente (se non riscritto) la disciplina dei rapporti di lavoro. Al fine

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

CERTEZZA E LUNGIMIRANZA NELLA GESTIONE DEI RAPPORTI DEL LAVORO

CERTEZZA E LUNGIMIRANZA NELLA GESTIONE DEI RAPPORTI DEL LAVORO Modena, 26 maggio 2015 CERTEZZA E LUNGIMIRANZA NELLA GESTIONE DEI RAPPORTI DEL LAVORO Egregio Imprenditore, Con ns. circolare del 11 maggio scorso abbiamo approfondito la sentenza della Corte costituzionale

Dettagli

Jobs Act: come cambiano le tipologie contrattuali

Jobs Act: come cambiano le tipologie contrattuali Jobs Act: come cambiano le tipologie contrattuali Disciplina del lavoro a tempo parziale (artt. 4-12) Argomento Come era Come è Cosa cambia Lavoro supplementare I contratti collettivi stipulati dai soggetti

Dettagli

LE COLLABORAZIONI A PROGETTO

LE COLLABORAZIONI A PROGETTO LE COLLABORAZIONI A PROGETTO Un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa esiste in quanto sussistano i requisiti di: continuità della prestazione; inserimento funzionale; personalità della

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro. Roma, 5.6.2014 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201400003143/AG Oggetto: Legge 16 maggio 2014, n. 78 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti

Dettagli

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Presunzioni, riqualificazioni ed abrogazioni: come vanno gestiti i contratti a progetto e le partite IVA? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro La nuova riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Prof. Avv. Massimo Lanotte Contratto a termine Contratto a termine acausale Primo rapporto Durata non superiore a 12 mesi Anche prima missione Divieto

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria?

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria? La disciplina del trattamento di fine rapporto 175 erogato il TFR. Egli riceverà invece una pensione integrativa di quella pubblica-obbligatoria alla maturazione dei requisiti pensionistici nel regime

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 17 marzo 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI disciplina del licenziamento; 3. RIFORMA

Dettagli

Riconduzione al lavoro subordinato delle collaborazioni organizzate dal committente e superamento del lavoro a progetto (art. 2 e artt.

Riconduzione al lavoro subordinato delle collaborazioni organizzate dal committente e superamento del lavoro a progetto (art. 2 e artt. Dipartimento Politiche del Mercato del Lavoro, Formazione Professionale, Politiche Contrattuali e della Contrattazione Decentrata Scheda di lettura e commento del decreto legislativo recante il testo organico

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 151 01.09.2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell INPS Fino al 31 dicembre 2015 resta in vigore la vecchia disciplina per

Dettagli

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero La riforma del mercato del lavoro proposta da Elsa Fornero entrata in vigore il 18 Luglio 2012 è orientata a razionalizzare

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

1. Disciplina organica dei contratti di lavoro: la revisione della normativa in tema di mansioni ;

1. Disciplina organica dei contratti di lavoro: la revisione della normativa in tema di mansioni ; Gentili Clienti Loro Sedi CIRCOLARE N.10/2015 Prot. 10/circ/15 Bollate, 29/06/2015 Oggetto: Recenti novità e disposizioni Sommario Jobs Act decreti attuativi pubblicati in gazzetta: 1. Disciplina organica

Dettagli

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 Ai Nostri Clienti Loro indirizzi Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 07 di SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 LE ULTIME NOVITÀ Nuovo indirizzo PEC per l invio del modello

Dettagli

Pag. (Articoli estratti)... 175

Pag. (Articoli estratti)... 175 Normativa 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947 ed entrata in vigore l 1-1-1948 (Articoli

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Jobs Act. Revisione forme contrattuali. Decreto legislativo n.81/2015

Jobs Act. Revisione forme contrattuali. Decreto legislativo n.81/2015 Jobs Act. Revisione forme contrattuali. Decreto legislativo n.81/2015 Premessa Sulla Gazzetta Ufficiale del 24 giugno 2015 è stato pubblicato il decreto legislativo 15 giugno 2015, n.81, recante la Disciplina

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE LE GUIDE DELLA FABI 1 IL JOBS ACT IN PILLOLE Il Consiglio dei Ministri venerdì 20 febbraio, ha approvato i Decreti attuativi del Jobs Act, la Riforma del lavoro. In sintesi riassumiamo i punti più salienti

Dettagli

JOBS ACT COME CAMBIANO LE REGOLE DEL LAVORO

JOBS ACT COME CAMBIANO LE REGOLE DEL LAVORO JOBS ACT COME CAMBIANO LE REGOLE DEL LAVORO LA SPEZIA, 10 luglio 2015 Avv. Luca Failla Founding Partner LABLAW Studio Legale Avv. Stefano Torchio Managing Partner LABLAW Studio Legale 1 JOBS ACT: UN PROGETTO

Dettagli

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart»

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» Sergio Barozzi Sofia Bargellini Francesco Bacchini 15.07.2015 1 Tableau de travail Lavoro a orario ridotto e lavoro flessibile Il rapporto di

Dettagli

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due anni dopo la Riforma Fornero. a cura di Stefano Petri E stata pubblicata in G. U., n. 114 del 19 maggio 2014, la Legge

Dettagli

La riforma del lavoro

La riforma del lavoro La riforma del lavoro Cosa cambia per le imprese LAVORO A CHIAMATA Contratto di lavoro con cui il lavoratore si mette a disposizione del datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione in modo discontinuo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

UFFICIO GIURIDICO BOLLETTINO INFORMATIVO N 5 AGOSTO 2015 LEGGE 183/2014 DECRETO LEGISLATIVO N 80/2015:

UFFICIO GIURIDICO BOLLETTINO INFORMATIVO N 5 AGOSTO 2015 LEGGE 183/2014 DECRETO LEGISLATIVO N 80/2015: UFFICIO GIURIDICO BOLLETTINO INFORMATIVO N 5 AGOSTO 2015 LEGGE 183/2014 DECRETO LEGISLATIVO N 81/2015: TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT

WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT Stralcio della relazione presentata, in nome dell Associazione Tela (Territorio Europa Lavoro), da Paolo Vettori versione italiana. Testo aggiornato a seguito

Dettagli

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento Mini guida: job act Contratti, licenziamenti, flessibilità, conciliazione, ammortizzatori sociali, controlli: sono i punti chiave della nuova legislazione del lavoro italiana su cui è intervenuto il Jobs

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I QUADERNI UNISIN. QUADERNO n 3-2015

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I QUADERNI UNISIN. QUADERNO n 3-2015 I QUADERNI UNISIN Approfondimenti tematici a cura del Gruppo Formazione QUADERNO n 3-2015 IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT I secondi due decreti: conciliazione vitalavoro; riordino dei contratti di lavoro

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro

Disciplina organica dei contratti di lavoro LEGISLAZIONE LAVORO Le novità nella disciplina dei contratti di lavoro Disciplina organica dei contratti di lavoro D.lgs. 15 giugno 2015, n.81, in vigore dal 25 giugno 2015. Dal 25 giugno (D.lgs n. 81

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

JOBS ACT: LA SCELTA DEL CONTRATTO DI LAVORO DOPO IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI

JOBS ACT: LA SCELTA DEL CONTRATTO DI LAVORO DOPO IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Convegno di aggiornamento JOBS ACT: LA SCELTA DEL CONTRATTO DI LAVORO DOPO IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI in collaborazione con: LA CIRCOLARE DI LAVORO E PREVIDENZA E IL GIURISTA DEL LAVORO RESPONSABILE

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Modifiche del D. Lgs. 81/2015 al Lavoro occasionale accessorio

Modifiche del D. Lgs. 81/2015 al Lavoro occasionale accessorio Lavoro occasionale accessorio Limite massimo di compensi: innalzato da 5.060 a 7.000 (lordo 9.333) per anno civile con riferimento alla totalità dei committenti, rivalutabili annualmente; Rimane invece

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Riforma del lavoro e tutela del credito:

Riforma del lavoro e tutela del credito: Riforma del lavoro e tutela del credito: nuovi scenari di un mercato in evoluzione. 26 luglio 2012 Roma ATA Hotel Villa Pamphili 2 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI A PARTITA IVA E DELLE COLLABORAZIONI

Dettagli

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 105 22.05.2014 Jobs act: le novità sul contratto di apprendistato Tutte le modifiche apportate al contratto di apprendistato

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

JOBS ACT UNA RIFORMA CHE CAMBIA IL MERCATO DEL LAVORO

JOBS ACT UNA RIFORMA CHE CAMBIA IL MERCATO DEL LAVORO JOBS ACT UNA RIFORMA CHE CAMBIA IL MERCATO DEL LAVORO DV STUDIO LEGALE M I L A N O L U G A N O - S H A N G H A I V IA L A M A R M O R A, 3 6 2 0 1 2 2 M I L A N O T EL: 0 2. 3 9. 2 9. 2 3. 6 0 F AX: 0

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

contratti, mansioni e congedi. tutte le novità relatore: gianluca spolverato elisa boscaro

contratti, mansioni e congedi. tutte le novità relatore: gianluca spolverato elisa boscaro contratti, mansioni e congedi. tutte le novità relatore: gianluca spolverato elisa boscaro DI COSA PARLIAMO 1. LAVORO A TERMINE: contrattazione aziendale, proroghe e sanzioni. 2. SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO:

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti 1 LA LEGGE DELEGA Il provvedimento noto come Jobs Act, approvato dal parlamento su iniziativa del governo Renzi, è una legge delega (L. 10 dicembre 2014

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I contratti di lavoro 8 9 maggio 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano LAVORO SUBORDINATO Art. 2094 c.c.: «E prestatore di lavoro subordinato

Dettagli

Riordino delle tipologie contrattuali. D.Lgs 81/2015 16/11/2015 JOBS ACT E CERTIFICAZIONE ASSE.CO. JOBS ACT

Riordino delle tipologie contrattuali. D.Lgs 81/2015 16/11/2015 JOBS ACT E CERTIFICAZIONE ASSE.CO. JOBS ACT JOBS ACT E CERTIFICAZIONE ASSE.CO. Studio Associato Piana Treviso, li 23 Ottobre 2015 JOBS ACT D.Lgs 81/2015 Marilisa Salmasi Consulente del lavoro Studio Associato Piana Treviso, li 23 Ottobre 2015 Riordino

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli