F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E"

Transcript

1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax GARLATI LOREDANA Nazionalità Italiana Data di nascita 06/03/1960 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e responsabilità Dal 1 novembre 2010 professore universitario di ruolo di I fascia (professore straordinario) nel settore scientifico disciplinare IUS/19 Storia del diritto medievale e moderno - Presso l Università degli Studi Milano-Bicocca. titolare del corso di Storia del diritto medievale e moderno (corso magistrale a ciclo unico, 9cfu) e del corso di Storia del diritto di famiglia (corso magistrale a ciclo unico, 6 cfu) Università degli Studi Milano-Bicocca, P.zza dell Ateneo Nuovo, Milano Università degli studi Docente universitario Dal 16/2/2011 delegata del Rettore per l orientamento presso l Università degli Studi di Milano- Bicocca. Dal 1/10/2012 Direttore del Dipartimento delle Scienze Giuridiche Nazionali ed Internazionali. Dal 1/10/2012 componente del Senato Accademico quale rappresentante dei Direttori della Macro Area Giuridico-Economico-Statistica. Membro del Collegio docenti della Scuola di dottorato in Scienze giuridiche, curriculum Storia del diritto medievale e moderno, con sede amministrativa presso l Università di Milano-Bicocca. Nell a.a. 2009/20010 è stata eletta per il triennio componente del Comitato d Area per il settore n. 8 Scienze giuridiche e nominata in tale ruolo con decreto rettorale n del 2 ottobre E stata componente di numerosi progetti Prin e titolare di progetti di ricerca Far. Ha organizzato numerosi Convegni di rilevanza nazionale ed internazionale. Ha partecipato nel corso degli anni a numerosi Convegni di rilevanza nazionale ed internazionale in qualità di relatrice. ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date (da a) Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione Laurea in Giurisprudenza con votazione 110/110 presso l Università degli Studi di Milano

2 Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio Qualifica conseguita Livello nella classificazione nazionale (se pertinente) Ambiti di ricerca: Storia del diritto penale, con particolare riferimento all età dei codici e all applicazione giurisprudenziale Storia del processo penale con particolare riferimento al processo inquisitorio e al sistema di prove legali nella pratiche criminali d età moderna (XV-XVIII secc.); Processo penale e prove nell età della codificazione ( ); Indizi e tortura; Storia del diritto di famiglia dall età medievale ad oggi. Ha pubblicato numerose monografie, saggi e articolo in volumi collettanei o riviste.

3 PERSONALI Acquisite nel corso della vita e della carriera ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali. PRIMA LINGUA ITALIANO ALTRE LINGUE Capacità di lettura Capacità di scrittura Capacità di espressione orale RELAZIONALI Vivere e lavorare con altre persone, in ambiente multiculturale, occupando posti in cui la comunicazione è importante e in situazioni in cui è essenziale lavorare in squadra (ad es. cultura e sport), ecc. ORGANIZZATIVE Ad es. coordinamento e amministrazione di persone, progetti, bilanci; sul posto di lavoro, in attività di volontariato (ad es. cultura e sport), a casa, ecc. TECNICHE Con computer, attrezzature specifiche, macchinari, ecc. INGLESE Gli incarichi assunti e svolti in questi anni hanno consentito di sviluppare capacità relazionali e di leadership. Le attività svolte necessitano di capacità di confronto con persone di esperienze e formazione culturale diverse Coordinamento di gruppi di ricerca: e organizzazione e coordinamento di gruppi di lavoro con conseguente elaborazione di progetti e proposte valutati positivamente e finanziati da centri di ricerca o dal ministero. Organizzazione di convegni, curandone sia la parte scientifica che tecnica. Uso del computer e conoscenza dei principali sistemi operativi ARTISTICHE Musica, scrittura, disegno ecc. ALTRE Competenze non precedentemente indicate. PATENTE O PATENTI Possesso della patente B ULTERIORI INFORMAZIONI

4 ALLEGATI Principali pubblicazioni: Inseguendo la verità. Processo penale e giustizia nel Ristretto della Prattica criminale per lo Stato di Milano, Giuffrè, Milano 1999, pp Prima che il mondo cambi. La Milano dei senatori nel Transunto del metodo giudiziario (1769), in Studi di storia del diritto III, Giuffrè, Milano 2001, pp Nella disuguaglianza la giustizia. Pietro Mantegazza e il Codice penale austriaco (1816), Giuffrè, Milano 2002, pp Reati intra moenia. Legami di sangue e diritto penale nell opera di Domenico Moro, in Amicitiae pignus. Studi in ricordo di Adriano Cavanna, vol. II, Milano, Giuffrè 2003, Nessun uomo è un isola. L omicidio nel codice penale di Malta tra tradizione di diritto comune e suggestioni codicistiche, in Leggi criminali per l isola di Malta e sue dipendenze (1854) rist. anast., Casi, Fonti e Studi per il diritto penale raccolti da S. Vinciguerra, s. II, Le fonti, Cedam, Padova 2003, pp. CCXI-CCXLII. Molto rumore per nulla? L abolizione della tortura tra cultura universitaria e illuminismo giuridico: le Note critiche di Antonio Giudici a Dei delitti e delle pene, in Formare il giurista. Esperienze nell area lombarda tra Sette e Ottocento, a cura di G. di Renzo Villata, Milano, Giuffré 2004, pp Il diabolico intreccio. Reo convinto e indizi indubitati nel commento di Bartolomeo da Saliceto (C ): alle radici di un problema, in Panta rei Studi dedicati a Manlio Bellomo, Il Cigno Edizioni, Roma 2004, vol. II. pp Il delitto di Erode. L infanticidio nel Codice penale di S. Marino: norme nuove per un delitto antico, in Codice penale della Repubblica di San Marino (1865), rist. anast., Casi, Fonti e Studi per il diritto penale raccolti da S. Vinciguerra, s. II, Le Fonti, Cedam, Padova 2004, pp. CLXVII- CXCIX. La magnifica ossessione : Il sistema delle pene nel codice Giuseppino: le contraddizioni di un sistema illuminato, in Codice generale austriaco del delitti e delle pene (1787), rist. anast., Casi, Fonti e Studi per il diritto penale raccolti da S. Vinciguerra, s. II, Le Fonti, Cedam, Padova 2005, pp. CXLI-CLXX. Silenzio colpevole, silenzio innocente. L interrogatorio dell imputato da mezzo di prova a strumento di difesa nell esperienza giuridica italiana, in Riti, tecniche, interessi. Il processo penale tra Otto e Novecento. Atti del Convegno (Foggia, 5-6 maggio 2006), a cura di M.N. Miletti, Giuffrè, Milano 2006, pp Reticente per difesa, convinto per forza. Imputato e giudice a confronto nel Codice di procedura penale ticinese, in Codice penale della Repubblica e Cantone del Ticino (1816), rist. anast., Casi, Fonti e Studi per il diritto penale raccolti da S. Vinciguerra, s. II, Le Fonti, Cedam, Padova 2006, pp. CVII-CXXXVII. La parola alla difesa. Profili penalistici nelle allegationes lombarde tra Sette e Ottocento, in L arte del difendere. Avvocati, allegazioni e storie di vita a Milano tra Sette e Ottocento, a cura di G. di Renzo Villata, Giuffrè, Milano 2006, pp Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del Codice Zanardelli, in Laicità e Stato di diritto, Atti del IV Convegno di Facoltà, a cura di A. Ceretti e L. Garlati, Giuffrè, Milano 2007, pp Il volto umano della giustizia. Omicidio e uccisione nella giurisprudenza del tribunale di Brescia ( ), Giuffrè, Milano 2008, pp Voce di Dio, voce di un popolo. La questione religiosa nelle Isole Jonie come fattore di unità politica, in Diritto penale XXI secolo, anno VII, n. 1 gennaio-giugno 2008, pp Quando il diritto si fa giustizia: il ruolo del magistrato penale nel Regno Lombardo-Veneto, in Acta histriae, 17 (2009), 3, pp Dal giusnaturalismo alle leggi antiebraiche. Ascesa e declino del principio d uguaglianza: la parabola di un utopia, in Il diritto di fronte all infamia nel diritto. A 70 anni dalle leggi razziali, a cura di L. Garlati e T. Vettor, Giuffrè, Milano 2009, pp Vilipendio politico e libera manifestazione del pensiero. Le scelte del Codice Zanardelli tra luci e ombre, in Diritto penale XXI secolo, anno IX, fasc.2/2010, pp Note critiche alle Osservazioni sulla tortura di Pietro Verri, in Scritti politici della maturità, a cura di Carlo Capra, Edizione Nazionale delle opere di Pietro Verri, Vol. VI, Edizione di storia e letteratura, Roma dicembre 2010, pp Il grande assurdo : la tortura del testimone nella pratiche d età moderna, in Acta histriae, 19 (1-2), 2011, pp La famiglia tra passato e presente, in Diritto della famiglia, a cura di S. Patti e M.G. Cubeddu, Giuffrè, Milano 2011, pp Reati di cui i legislatori si occupano poco e gli scrittori pochissimo: l abuso dei mezzi di correzione e i maltrattamenti in famiglia nel Codice ticinese, in Codice penale per il Cantone del

5 Ticino (1873), Cedam, Padova 2011, pp. CLXXVII-CCXII. Novità nel segno della continuità: brevi riflessioni sulla processual penalistica italiana di ieri e di oggi, in Diritti individuali e processo penale nell'italia repubblicana, a cura di D. Negri e M. Pifferi, Giuffrè, Milano 2011, pp «Colpevoli di un delitto che non c era». Il processo agli untori nella lettura di Verri e di Manzoni, in La Corte d Assise. Rivista quadrimestrale di scienze penalistiche integrate, Esi, vol. 1, fasc. 2-3 (2011), pp L intramontabile apporto interpretativo del giudice, in La giustizia criminale: premesse per un terreno di indagine comune, a cura di E. Tavilla, Pàtron Editore, Bologna 2012, pp Dichiaro che le informazioni riportate nel presente Curriculum Vitae sono esatte e veritiere. Autorizzo il trattamento dei dati personali, ivi compresi quelli sensibili, ai sensi e per gli effetti del decreto legge 196/2003 per le finalità di cui al presente avviso di candidatura. Data: 18/10/2012 Firma: