Rassegna stampa. 26 gennaio Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa. 26 gennaio 2007. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 26 gennaio 2007 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 3 ANNO GIUDIZIARIO: Inaugurazione anno giudiziario: avvocati polemici (osservatorio sulla legalità) Pag. 4 ANNO GIUDIZIARIO: In Cassazione prevista una cerimonia quasi sottotono (diritto e giustizia) Pag. 5 ANNO GIUDIZIARIO: Di Nicola: in crescita i "crimini invisibili" (la stefani) Pag. 6 CONSULTA:Consulta : incostituzionale inappellabilita' legge Pecorella (osservatorio sulla legalità) Pag. 7 CONSULTA: Le scelte per il futuro arriveranno dopo il deposito della Consulta (il sole 24 ore) Pag. 8 STATO GIUSTIZIA: Castelli: la Giustizia latita coi latitanti e promette processi brevi. È la Maga Magò? di Sen. Roberto Castelli (la padania) Pag.10 STATO GIUSTIZIA: Udienza di programma, una soluzione efficace di Francesco Contini Marco Fabri - Cnr- Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari (il sole 24 ore) Pag.11 UFFICI GIUDIZIARI: Mastella: Trasloco entro febbraio (il denaro) Pag.12 PROFESSIONI: Storia di un ddl fantasma - di Elisa Pastore (mondo professionisti) 2

3 OSSERVATORIO SULLA LEGALITA Inaugurazione anno giudiziario : avvocati polemici Si svolgera' oggi in Cassazione la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario 2007, alla presenza del capo dello Stato. Le cerimonie di inaugurazione nei singoli distretti si terranno domani. Nelle intenzioni della Corte, che aveva emanato una circolare, in linea con le modifiche introdotte dalla L. 150/2005 l'evento odierno dovrebbe assumere le forme di un pubblico dibattito sull'amministrazione della giustizia, "un autentico momento di pacato confronto fra magistrati, avvocati ed esponenti delle istituzioni sui complessi temi della giustizia". Tuttavia i penalisti - che nel frattempo hanno proclamato lo stato di agitazione contro il progetto di riforma dell'ordinamento giudiziario - hanno deciso di non intervenire. A seguito dell'invito all'assemblea Generale della Corte di Cassazione, ma avendo acquisito l'impossibilita' di intervenire con proprie dichiarazioni, l'ucpi, con una nota del presidente Oreste Dominioni e del segretario renato Borzone ha infatti deciso di non partecipare alla cerimonia e si ripromette di svolgere le proprie considerazioni in un documento successivo. Critico invece sul sistema giustizia l'organismo unitario dell'avvocatura, secondo cui non c'e' niente da festeggiare. Michelina Grillo, presidente Oua, ha dichiarato: "La giustizia è gravemente malata e con essa la democrazia... ci confrontiamo tutti i giorni con una condizione professionale invivibile, come dimostra anche la recente sentenza del giudice di Pace partenopeo, Renato Marzano, che ha condannato il dicastero della Giustizia a risarcire con 100 euro, più spese legali, gli 80 avvocati che avevano fatto causa per lo stress determinato dai disagi nello svolgimento dell attività forense presso gli uffici giudiziari napoletani... i processi sono lunghi e i tribunali sono un disastro". Grillo attribuisce la responsabilita' in larga parte ad una classe politica "che non ha saputo mettere da parte i particolarismi, che non ha avuto la capacità di uscire da sterili contrapposizioni e da inutili logiche di schieramento. Percio' l'oua, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario di domani nelle Corti d'appello, consegnera' come monito ai rappresentati del Governo il libro di Piero Calamandrei: Troppi avvocati che ironizza sulla condizione degli avvocati e sul disinteresse della politica per le loro esigenze e la dignita' del ruolo. Mauro W. Giannini 3

4 DIRITTO E GIUSTIZIA Inaugurazione dell'anno giudiziario: in Cassazione prevista una cerimonia quasi sottotono Quasi sottotono, senza inno e con meno guide rosse del solito, prenderà il via ufficialmente oggi alle undici in una Cassazione funestata dalla mancata nomina del Primo presidente e da una spiacevole sequela di ricorsi amministrativi che hanno irritato il Quirinale - la cerimonia per l'inaugurazione dell'anno giudiziario Nessuna banda, infatti, suonerà l'inno nazionale come avrebbe - invece - voluto il ministro della Giustizia Clemente Mastella che, lo scorso otto gennaio, aveva annunciato il ritorno delle note di Mameli eseguite dalla Polizia penitenziaria. Pare che una volontà più forte si sia opposta a quella del Guardasigilli e non si rinviene nessuna traccia di musica nel protocollo del cerimoniale al quale, alacremente, si sta lavorando negli uffici della Suprema Corte che questo anno subisce - per la prima volta - l'impasse di non avere un Primo presidente a fare gli onori di casa. Il compito di ricevere Napolitano e Mastella nel cortile d'onore del 'Palazzaccio' - nonchè l'onere di leggere nell'aula magna la relazione sullo stato della giustizia - toccherà al presidente di sezione piu' anziano, ossia a Gaetano Nicastro, titolare della Terza sezione civile. Siciliano di Acireale, dove è nato settantaquattro anni fa, Nicastro - sguardo vivace e temperamento cordiale - è entrato in magistratura nel 1959 e dal 1987 è inquadrato nei ranghi della Cassazione. Oltre ad essere un esperto in contratti e responsabilità professionale, soprattutto medica, è uno studioso di storia della Chiesa, storia del diritto canonico e dei rapporti tra Stato e Chiesa. Sarà lui che proclamerà ufficialmente aperto l'anno giudiziario: ad ascoltarlo nelle prime - ma non primissime - file del parterre ci sara' anche Vincenzo Carbone, il Presidente aggiunto della Cassazione, bocciato dal Csm nel concorso a Primo presidente sulla poltrona occupata da Nicola Marvulli fino allo scorso 29 ottobre. Fatale gli è stato un incarico universitario non autorizzato. E ancora più l'aver adombrato, nel suo ricorso al Tar, irregolarità nello svolgimento della votazione che lo ha stroncato e che era presieduta da Napolitano. Proprio dal Quirinale, il 30 dicembre, è arrivato lo 'stop' all'ipotesi che fosse Carbone - in quanto toga più alta della Suprema Corte - a fare le veci del Primo presidente. In quaranta minuti Nicastro illustrerà la situazione, sempre difficile, delle aule di giustizia e dei processi lumaca: ieri ha dato l'ultima limatura per prendere atto del sospirato 'requiem', pronunciato dalla Consulta, alla legge Pecorella tanto avversata dai giudici. Dopo di lui parleranno il vicepresidente del Csm Nicola Mancino, il Procuratore generale Mario Delli Priscoli, il ministro Mastella, l'avvocato generale dello Stato Oscar Fiumara, il Presidente del Consiglio Forense Guido Alpa. Hanno otto minuti di tempo per i loro interventi al cospetto - oltre che di Napolitano seduto sulla poltrona damascata rossa e di 13 ministri comunitari colleghi di Mastella - del premier Romano Prodi, dei Presidenti di Camera e Senato Fausto Bertinotti e Franco Marini. 4

5 LA STEFANI (settimanale bolognese di inchieste e servizi) Di Nicola: in crescita i "crimini invisibili" Il procuratore capo è preoccupato dall aumento dei reati economici, finanziari e dalle estorsioni mafiose. Anche il profilo dei criminali sta cambiando: «professionisti di passaggio dai metodi sempre più violenti» e nel traffico di droga Bologna si conferma punto di transito e di consumo. «Ma noi magistrati lamenta - abbiamo sempre meno potere» L'inaugurazione dell anno giudiziario è l'occasione per fare il punto sulla sicurezza in città. Le statistiche annuali sulla qualità della vita, come quelle del Sole 24 Ore e di Italia Oggi, attribuiscono a Bologna, a questa voce, un punteggio da ultima della classe: posizione che occupa già da diversi anni. Si può discutere questi dati: che del resto dipendono dai delitti "visibili" cioè, di solito, dalle denunce. Dove più si denuncia, c è più riscontro dell attività criminale. E' critico il procuratore Enrico Di Nicola: per lui questa è «una città sicura, dove i cittadini denunciano tutti i reati e il crimine non ha il controllo del territorio". Questo è un bene e un male: e lo spiega la relazione preparata per l anno giudiziario. Tra i crimini in crescita, a preoccupare più i magistrati sono proprio quelli invisibili. I reati economici e finanziari "puri", ad esempio, più difficili da perseguire. Le estorsioni mafiose, opera dei gruppi meridionali o stranieri, non vengono denunciate perché colpiscono i "connazionali", gente del sud trapiantata in Emilia o immigrati. Le vittime sono soggetti deboli, impotenti e con un rapporto precario con la città. Discorso simile per i reati di droga. Bologna è un punto di transito e di consumo, ma non di deposito: la droga viene dal sud e prosegue il suo viaggio; lo smistamento permette anche di riciclare denaro sporco. Qui la procura muove un lamento. «C'è un escalation di attività intese a sottrarre potere a noi magistrati, iniziata con il governo Berlusconi e che prosegue" spiega Di Nicola (in foto). Ne è prova, a proposito dell'anno giudiziario, il fatto che a tenere la relazione sarà il giudice della corte d'appello, e non il procuratore: una modifica istituita dal 2005, all'interno della revisione dell'ordinamento giudiziario, che non è di sola forma. «Qualche volta la forma è sostanza: non c è nessuno più competente della procura a riferire sull'attività penale, il controllo, le indagini e l'accusa di chi delinque". Questa retrocessione vorrebbe punire l'"impertinenza" dei magistrati verso l'esecutivo; ma soprattutto, sarebbe parte di una strategia tesa a limitarne l attività verso i cosiddetti reati invisibili. Tra quelli "visibili", invece, preoccupa il dato sulle rapine, specialmente ai danni degli istituti di credito. E' cambiato il profilo dei criminali: «Sono professionisti di passaggio dai metodi più violenti; sempre più spesso vengono usate armi da fuoco». In aumento anche le segnalazioni di abusi sessuali su donne e bambini: aumento modesto, e però costante, da qualche anno. «Questo è un buon segno, paradossalmente. Perché significa che non aumentano tanto i reati, quanto le denunce; e a denunciare sono anche donne straniere, che normalmente sono più soggiogate alla violenza domestica». Ecco, questa è la buona notizia. Secondo la ricerca del Sole, i reati commessi a Bologna sono cresciuti del 20% negli ultimi cinque anni: «Sarò un ottimista inguaribile, e so che altri non sono d'accordo, ma interpreto questo dato come una crescita di fiducia nella giustizia». E' forse vero che si delinque di più, ma soprattutto si denuncia di più. Eppure, anche secondo i sondaggi "soggettivi", che cioè indagano il sentimento e la percezione degli abitanti, Bologna è bocciata al capitolo sicurezza; come quello svolto recentemente da IPR marketing, che colloca la città al 96 posto su 103. E probabile che questo dipenda da una prospettiva spiazzata, quella di una città di provincia, benché evoluta su più fronti come una metropoli, davanti alle nuove realtà dell'immigrazione e del degrado urbano. Si deve inoltre distinguere tra sicurezza e degrado. E' frequente che quando i bolognesi lamentano la mancanza della prima, pensino invece al diffondersi del secondo. Incultura, individualismo, perdita di senso civico e di senso legalitario: come lo si definisca, è un fenomeno chiaro e sfacciato, all'estremo opposto, in una scala di visibilità dei fenomeni, rispetto ai grandi reati economici e finanziari. Nessuno dei due piace al procuratore Di Nicola; e tuttavia, è bene non confonderli 5

6 OSSERVATORIO SULLA LEGALITA Consulta : incostituzionale inappellabilita' legge Pecorella Il PM puo' presentare appello contro una sentenza di assoluzione di primo grado. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale ritenendo illegittimo quanto disposto dalla legge Pecorella, approvata nella scorsa legislatura. La Corte costituzionale ha accolto le questioni di incostituzionalità proposte dalle corti di Appello di Venezia, Brescia, Milano, Bologna e Roma dichiarando incostuzionale l'articolo 1, che sanciva il divieto di appello per il PM e anche l'articolo 10 della legge, che bloccava il ricorso in appello proposto dal PM anche per le sentenze di proscioglimento precedenti al 9 maggio 2006, data di entrata in vigore della legge. La legge Pecorella era gia' stata rinviata alle Camere per incostituzionalita' a suo tempo dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ma in seconda battuta egli aveva dovuto necessariamente firmarla. La legge era stata oggetto di un vivace dibattito, in parlamento e nel Paese, fra ipergarantisti e coloro che la consideravano una norma "ad personam". Ne aveva parlato anche la stampa straniera e l'economist aveva scritto: "Silvio Berlusconi, il presidente del Consiglio italiano, si avvia a portare a termine il suo incarico cosi' come l'aveva cominciato, nell'estate del 2001: con un violento attacco al sistema giudiziario. In uno dei suoi ultimi atti prima delle elezioni di aprile, il Parlamento italiano ha votato una legge presentata da Gaetano Pecorella, che e' avvocato del Signor Berlusconi e anche parlamentare di Forza Italia, il suo partito politico. Nel giugno 2001, il Signor Pecorella, che e' presidente della Commissione Giustizia della Camera, era stato anche relatore di una legge per ridurre la gravita' del reato di falso in bilancio, per il quale il presidente del Consiglio si trovava allora sotto processo...". L'Unione delle Camere penali valutava positivamente il provvedimento, considerandolo un progresso per i diritti dei cittadini, e commentando che si trattava di un esempio "di grande civiltà e correttezza". Inoltre promettevano di denunciare "qualsiasi resistenza interpretativa che stravolga la ratio della legge". L'Organismo unitario dell'avvocatura - pur giudicando il principio giusto - criticava il "continuo ricorso ad interventi settoriali sganciati da un progetto organico di riforma". Mentre le associazioni delle toghe ritenevano che la legge compromettesse il principio costituzionale della parita' delle parti nel processo, l'allora primo presidente della Corte Costituzionale, Nicola Marvulli, dichiaro' che la legge "distrugge" la funzione assegnata alla suprema Corte. Oggi Ernesto Aghina e Carlo Citterio, rispettivamente presidente e segretario generale del Movimento per la giustizia commentano che la decisione della Consulta "conferma che nella precedente legislatura vi sono stati interventi normativi consapevolmente adottati in contrasto con i principi costituzionali, nonostante specifici e approfonditi tempestivi rilievi da parte della magistratura e della comunità scientifica" e si rammaricano "per gli effetti distorsivi che norme incostituzionali hanno sin qui determinato sulla già disastrata giurisdizione".in attesa delle motivazioni della sentenza, i due esponenti delle toghe rilevano che "viene meno un altro 'alibi' perche' la nuova maggioranza parlamentare non ridisciplini le più discusse recenti normative in materia di giustizia, secondo gli impegni di programma e senza scaricare le proprie responsabilità sul giudice costituzionale" e concludono che "la politica ben può criticare ma deve rispettare le decisioni di ogni giudice, e specialmente della Corte costituzionale, garante del rispetto dei principi indisponibili anche allo stesso Legislatore ordinario; continuare a proclamare che i giudici agiscono nel modo purtroppo tipico della peggior politica partitica (o con me o contro di me, e perciò decido in un modo o nell'opposto) è solo segno di ulteriore degrado e mancanza di cultura delle Istituzioni".Il problema - ricorda l'osservatorio sulla legalita' e sui diritti - e' che viene fatta passare l'idea scorretta che il PM sia la pubblica accusa, il che nell'ordinamento giudiziario italiano non e' vero. Il Pubblico Ministero e' infatti colui che nel processo opera per conto dello Stato, quindi dei cittadini, anche quelli che non sono direttamente vittime o parte civile nel processo ma hanno diritto a che sia assicurata la giustizia. Il suo compito e' contribuire all'accertamento della verita', ed infatti spesso chiede l'archiviazione prima del processo o l'assoluzione nel corso di esso, ove non trovi prove sufficienti per l'incriminazione o si convinca dell'innocenza dell'imputato. E' ovvio che non e' questa l'immagine che viene fatta passare su certa stampa e quindi nell'immaginario collettivo. L'Osservatorio si era espresso negativamente sull'abolizione dell'appello in caso di proscioglimento gia' quando Berlusconi dichiaro' la volonta' di vararlo, nel Rita Guma 6

7 IL SOLE 24 ORE Le scelte per il futuro arriveranno dopo il deposito della Consulta Sono 921 gli appelli dichiarati inammissibili in base alla legge Pecorella nel primo semestre 2006.Il dato è stato rilevato dalla Direzione generale di statistica del ministero della Gi ui, ma è considerato interiore a quello reale perché in io Corti d appello (tra cui Roma, Firenze e Torino) sulle 29 sondate non ci sarebbe stato neanche un appello dichiarato inammissibile. Il che appare quanto meno improbabile. Peraltro, anche in Cassazione quantificano in un migliaio i ricorsi presentati sulla base della Pecorella e a essi farà riferimento, questa mattina, Gaetano Nicastro, presidente della terza sezione civile della suprema Corte, al quale spetterà il compito di leggere la relazione generale dell anno giudiziario. Da ottobre scorso, infatti, il posto di primo presidente è rimasto scoperto perché Nicola Marvulli è andato in pensione. E il presidente aggiunto Vincenzo Carbone, dopo la bocciatura da parte del Csm e il suo successivo ricorso al Tar del Lazio (nel quale contesta, tra l altro, la regolarità della votazione, imputandola indirettamente al Capo dello Stato) è stato invitato proprio da Giorgio Napolitano ad astenersi dal presiedere la cerimonia. E per evitare «imbarazzi», è probabile che Carbone non si presenti affatto nell Aula magna della Cassazione. Nella sua relazione sull andamento della giustizia nel 2006, Nicastro parlerà della Pecorella e delle ricadute negative sul lavoro della Cassazione (si veda «Il Sole-24 Ore» del 9 gennaio), soprattutto in termini di produttività, che è scesa, rispetto al 2005, del per cento. Migliaia di processi già pronti per la decisione sono stati rinviati per consentire alle parti di «aggiungere» nuovi motivi di ricorso così come prevede la Pecorella. Il che ha inciso negativamente, oltre che sul numero di processi definiti nell anno, sulla loro durata. Stamattina, anche il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, parlerà della Pecorella e della bocciatura della Consulta. Il ministro dirà che, una volta depositata la sentenza, si farà carico, se necessario, di un intervento legislativo di raccordo tra quel che resta della legge 46 e le norme in vigore. E anche in Cassazione aspettano la sentenza, tant è che ieri alcuni processi figli della Pecorella sono stati rinviati. Donatella Stasio 7

8 LA PADANIA Castelli: la Giustizia latita coi latitanti e promette processi brevi. È la Maga Magò? di Sen. Roberto Castelli Signor Ministro, il 2006 ha riportato probabilmente un po di serietà. Se le parole hanno un senso significa che prima non c era. Bene, signor ministro, raccolgo la sfida e quindi vedrò di impostare il mio intervento su questo piano. Intanto credo che Lei avrebbe dovuto leggersi l articolo di legge che introduce questa novità. Lei è qui per fare un rendiconto dell anno passato e per illustrare al Parlamento sovrano le politiche dell anno in materia di Giustizia. In materia di Giustizia, Signor Ministro. E allora la politica della giustizia si gioca oggi con una parte importante a livello internazionale. Lei ha partecipato al G8 in Russia Signor Ministro: Le sembra serio non aver detto una parola sull argomento? E l Europa? L attività in consiglio Gai (il consiglio dei ministri dell Interno e della Giustizia di tutta l Ue) in Europa è fondamentale: in questi ultimi anni essa ha assunto valore cogente per le legislazioni nazionali. Le decisioni quadro devono essere trasposte obbligatoriamente nella legislazione domestica. Le direttive Cee vanno obbligatoriamente recepite.tutto ciò avviene con procedure opache di cui il Parlamento non sa nulla. Cosa ha fatto in questi mesi nel chiuso di un Consiglio di cui non esiste nemmeno resoconto? Quali decisioni assumerà quest anno? Secondo quali direttive? Nella sua relazione c è il vuoto assoluto. Nulla, zero. Le sembra serio tutto ciò?lotta al terrorismo internazionale, la cooperazione giudiziaria, la caccia ai terroristi latitanti; cosa ha fatto e cosa farà per catturare Cesare Battisti... non si ha nessuna informazione. Le sembra serio tutto ciò?certo lei appartiene a un governo che i terroristi preferisce premiarli con cariche parlamentari o con consulenze. Ci sarà anche Lei a ricevere un noto latitante, scampato alla pena per prescrizione del reato, quando verrà ricevuto con tutti gli onori alla Camera, come è già stato annunciato? E, per stare in tema, il parlamento ha diritto di sapere cosa farà sul caso Abu Omar. Anche qui il silenzio più assoluto. Le sembra serio tutto ciò signor ministro?lei poi si è completamente dimenticato dei professionisti. Un tema importantissimo, fondamentale per il futuro del Paese. Per il ministro della Giustizia, di fronte al Parlamento, non esistono, non ci sono; zero. Esiste un fantomatico suo disegno di legge in materia, mai presentato alle Camere. Vuol dirci, di grazia, che intenzioni ha su questo punto? Ci dica se ha abdicato in favore del suo collega Bersani che ormai legifera a colpi di decreto in vece sua su questa materia, tra l altro in direzione perfettamente opposta ai suoi intendimenti. Ma adesso finalmente si è seri. Giusto signor ministro? In realtà lei nella sua lacunosa relazione si è occupato di soli due argomenti. Uno sta a cuore a lei: come liberare dalla detenzione il maggior numero possibile di criminali. Il secondo, che sicuramente è fondamentale poiché sta a cuore all Anm, è l esercizio della giurisdizione. Partiamo dal secondo, ripeto, centrale, ma che non è il solo, come ho dimostrato. Tanti bei propositi, molte giustificazioni, qualche tentativo di addossare responsabilità al precedente governo. Infine l annuncio bomba: i processi dovranno durare al massimo 5 anni. Come, signor ministro? Attraverso quali strumenti? L unico decisivo che si può presumere è la bacchetta magica. Userà quella del Mago Merlino, della Fata Turchina o della Maga Magò? E se il processo non finirà, cosa succederà? Punirà i magistrati? Risarcirà le parti? Basta vedere le reazioni sui giornali per capire che siamo di fronte ad un ballon d essai. Noi, credo, veramente e più seriamente abbiamo affrontato il problema con atti concreti, che in Parlamento vogliono dire leggi. Ecco quali: riforma dell ordinamento giudiziario, riforma di una parte del codice civile, riforma delle procedure concorsuali. Sulla riforma dell ordinamento giudiziario avete mantenuto nove decreti legislativi: ci vuole dire quali effetti hanno avuto sul sistema? La riforma del 8

9 disciplinare quali effetti sta avendo? E la riforma dell ufficio del procuratore? Vuoto assoluto, silenzio tombale. E per il manager di corte d appello? È un decreto legislativo importante che prevede un primo decentramento dal punto di vista amministrativo del ministero della Giustizia. A che punto sono le procedure? E per la scuola della magistratura? Quali novità ci sono? Per la riforma del codice civile, gli avvocati mi dicono che sta portando effetti positivi. Vorremmo sapere da Lei, signor ministro, se state monitorando la situazione anche per non legiferare al buio. È stata fatta una riforma delle procedure concorsuali che gli operatori aspettavano: ci sarebbe piaciuto che il ministro relazionasse il parlamento sugli effetti di questa riforma. Perché queste riforme, una volta approvate diventano patrimonio non di questo o quel governo ma di tutto il Paese. Invece nulla. Allora ricordiamo le parole del Governatore della Banca d Italia: «La recente riforma ha favorito una più precoce emersione dello stato di crisi e una rapida ristrutturazione di imprese: ha snellito e ammodernato le procedure di liquidazione». Vede, signor Ministro, non è sufficiente autoattribuirsi patenti di serietà per essere veramente seri. Bisogna dimostrarlo con atti concreti che fino ad ora, tranne uno su cui poi ci soffermeremo, non si sono visti. Infine vorrei ricordare che il Presidente Rognoni, nel suo discorso di commiato in Cassazione dell anno passato, elogiò la collaborazione con il mio dicastero in merito al tema di valutazione dell efficienza degli uffici. Questo è uno strumento importante nelle sue mani. Che fine ha fatto? Lo usa? Non lo vuole usare? Non glielo lasciano usare? Il fatto è che lei tutte queste cose non ce le ha dette perché non interessano per nulla all Anm. A questa associazione interessava cancellare la riforma che porta il mio nome, restaurare e rinsaldare il potere della magistratura sul ministero. Operazione peraltro riuscita solo in parte. Ora vengo al secondo dei due argomenti di cui lei ha parlato: l indulto. Lei qui, con coerenza che le va riconosciuta, ha difeso questo provvedimento, al contrario di molti che l hanno votato e ora fanno finta di non ricordarsene. E inoltre dice, cito testualmente: «Voglio anche dire con forza che la stella polare della mia azione di governo non sono associazioni o gruppi professionali, pur autorevoli ed influenti, bensì i cittadini». Qui siamo nel grottesco. Lei è davvero convinto che l indulto è andato a favore dei cittadini? Ne è davvero convinto? Ma signor ministro, l abbiamo vista sui giornali brindare con i detenuti per festeggiare l indulto. Facciamo una prova, usciamo ora insieme per le vie della città. Credo che faremo fatica a trovare qualche cittadino disposto a brindare in favore dell indulto.vede signor ministro, una delle cose per cui io vado più fiero è che se ora incontriamo quegli stessi cittadini, io a ciascuno di loro posso dire, guardandolo negli occhi, io insieme al governo e alla maggioranza che mi sosteneva non ho mai messo a repentaglio la tua sicurezza. Questo governo invece è il governo della resa. Si è arreso alla magistratura militante vanificando il principio della separazione dei poteri, si è arreso di fronte alla criminalità con l indulto. Il sottosegretario alla Giustizia, Luigi Manconi, ha mentito in Commissione Giustizia del Senato quando dichiarò che sarebbero usciti 13 mila detenuti, invece sono già 22 mila, dati ufficiali del ministero. Lei, signor ministro, si è arreso sul piano delle risorse. Bersani e Finanziaria hanno vulnerato la capacità di spesa del ministero della Giustizia, i magistrati onorari sono rimasti senza stipendio. Avvocati professionisti, giudici di pace, polizia penitenziaria, hanno tutti scioperato per protestare contro questo Governo. I cittadini a cui lei fa riferimento le hanno esternato tutto il loro scontento. Lei rischia di diventare il ministro dei detenuti: bilancio magro, in linea con quello fallimentare di tutto il governo Prodi. 9

10 IL SOLE 24 ORE ANALISI Udienza di programma, una soluzione efficace Francesco Contini Marco Fabri - Cnr- Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari Le comunicazioni del ministro della Giustizia Clemente Mastella al Parlamento contengono una serie di idee interessanti finalmente e potenzialmente utili per la riduzione della durata dei procedimenti. A questo proposito, il Guardasigilli aveva dichiarato di volersi ispirare anche alle indicazioni provenienti dal Consiglio d Europa, la cui Commissione per l efficienza della giustizia ha approvato lo scorso dicembre un Compendium di «best practices» per la gestione dei tempi dei procedimenti giudiziari che sintetizza le soluzioni adottate con successo in Europa. Vediamo allora di confrontare alcune proposte del Ministro con le «best practices» segnalate nel Compendium. In campo civile, il Ministro propone l istituzione di un udienza di programmazione dei tempi delle attività processuali, presente anche nel Compendium. Effettivamente in diversi Paesi europei (Danimarca, Norvegia, Francia) si è rivelato di notevole utilità fare incontrare le parti davanti al giudice il prima possibile (case marnagement conference), al fine di fissare un calendario degli eventi processuali realistico e coerente con la complessità del procedimento. Questa soluzione agevolerebbe gli accordi extragiudiziali fra le parti e produrrebbe una diminuzione dei rinvii delle udienze. Una delle idee guida del Compendium è che i tempi dei procedimenti non dipendono solo da carenze degli uffici giudiziari ma anche e soprattutto dalle interazioni fra i diversi attori processuali, in primis i magistrati, il personale amministrativo e gli avvocati. A questo proposito, vengono forniti alcuni esempi e soluzioni effettivamente adottate in diversi paesi europei, come la definizione di obiettivi di durata realistici, l incremento del ruolo e delle responsabilità del giudice nella gestione dei procedimenti, l elaborazione e la diffusione di dati empiricamente fondati sui tempi della giustizia e sulla produttività dei magistrati e dell ufficio. E pertanto in linea con questa impostazione la proposta del Ministro di investire in strumenti di rilevazione statistica, di valorizzare il ruolo conciliativo del giudice, di ritenerlo responsabile del procedimento e parallelamente di assegnargli poteri officiosi che gli consentano il governo del processo. Dal punto di vista delle cosiddette misure di organizzazione e razionalizzazione degli uffici viene enfatizzata «la realizzazione dell Ufficio per il processo, inteso come struttura amministrativa di supporto all attività giudiziaria (...) contenitore flessibile delle varie professionalità dell amministrazione». Si tratta di indicazioni molto vaghe, di dubbia efficacia e che si discostano decisamente dalle linee guida del Consiglio d Europa. Intanto, cosa avrebbero fatto finora le strutture amministrative degli uffici giudiziari se non contribuire all esercizio della giurisdizione? Si vuole forse istituire l ufficio del giudice tanto amato dall Associazione nazionale magistrati Edulcorandone il nome per nascondere il proposito di smembrare le cancellerie e mettere il personale amministrativo alle dirette dipendenze del singolo magistrato? Sfugge completamente, poi, il senso dell intervento normativo previsto per fissar questi principi generali, il cui risultato sarebbe quello di ingessare e burocratizzare ancora di più strutture che avrebbero invece la necessità di essere più flessibili e responsabili, di competere fra loro per confrontare le soluzioni più efficaci rispetto al contesto in cui operano. Il Compendium propone idee diverse: meccanismi di assegnazione dei procedimenti più flessibili (il sistema tabellare utilizzato in Italia è di una rigidità assoluta), l individuazione di linee guide per la scrittura dei provvedimenti, la limitazione degli incarichi extra-giudiziari dei magistrati, e soprattutto una chiara distinzione di ruolo, ma integrazione delle attività e delle responsabilità, fra il dirigente giudiziario e quello amministrativo. Forse una maggiore attenzione alle proposte del Consiglio d Europa può arricchire le linee guida del Ministro che allo stato, soprattutto in materia organizzativa, appaiono un po confuse e appiattite sulle posizioni della magistratura associata. 10

11 IL DENARO Mastella: Trasloco entro febbraio Trasferimento degli uffici del Tribunale civile e della Corte d'appello di Napoli dalla zona di Porta Capuana al Centro Direzionale: il ministero della Giustizia preme l acceleratore. L operazione stabilisce il Guardasigilli Clemente Mastella dovrà concludersi entro il 28 febbraio. Da lunedì scorso le operazioni di trasloco erano state sospese, in attesa del confronto che vedrà a Napoli, lunedì 29, protagonista il sottosegretario Luigi Scotti. Gli avvocati confermano di non essere disposti a un trasferimento a macchia di leopardo e ribadiranno il loro malumore in occasione dell apertura dell anno giudiziario, sabato 27 gennaio: ci sarà un presidio davanti a Castelcapuano e il presidente dell Ordine Franco Tortorano leggerà un documento di protesta. Trasferimento della giustizia civile a Napoli Est, il Guardasigilli Clemente Mastella accelera i tempi, il trasloco dovrà concludersi entro mercoledì 28 febbraio. Le operazioni di trasferimento, sospese da lunedì scorso, riprenderanno giovedì primo primo febbraio e - informa una nota del dicastero di Via Arenula - dovranno essere svolte in modo tale da consentire lo spostamento contemporaneo di più sezioni e uffici per volta, a blocchi, secondo priorità e modalità operative che verranno stabilite lunedì 29 gennaio, nel corso di una riunione con i capi degli uffici giudiziari e i rappresentanti del Consiglio dell'ordine degli avvocati di Napoli, in cui il ministero sarà rappresentato dal sottosegretario Luigi Scotti. Nodi al pettine Ne prendo atto - commenta il presidente dell Ordine forense Franco Tortorano - : a questo punto prima ci trasferiamo meglio sarà. Restano in piedi però - puntualizza - le nostre richieste di attuare il trasferimento in un unica soluzione, di prevedere un adeguato piano parcheggi nella zona del Centro direzionale e le nostre ripetute denunce circa la non idoneità di una struttura a sviluppo verticale, come quella di Napoli Est ad ospitare un utenza così numerosa come quella del settore giudiziario civile. Insomma, a questo punto i nodi potrebbero venire presto al pettine. Gli avvocati hanno già deliberato altri due giorni di sciopero, il 7 e l 8 febbraio, e nomineranno un comitato di difesa per chiedere, in sede giudiziaria, risarcimento dei danni che - a loro avviso - deriveranno ai professionisti per la gestione del trasferimento del settore civile a Napoli Est. Inaugurazione e protesta La classe forense napoletana, inoltre, si prepara ad azioni di protesta da attuare in occasione della cerimonia d apertura dell anno giudiziario, in agenda sabato 27 gennaio: previsto un presidio dinanzi a Castelcapuano e la presentazione di un documento - che sarà letto dal presidente dell Ordine Tortorano - in cui verranno ribadite le motivazioni del disagio lamentato dagli avvocati, non solo in ordine ai problemi della logistica giudiziaria, ma anche alle questioni più generali del settore giustizia. Giovanni Capozzi 11

12 MONDO PROFESSIONISTI Storia di un ddl fantasma di Elisa Pastore La riforma delle professioni naviga ancora sotto costa. Il disegno di legge varato dal Consiglio dei ministro nell ormai lontano primo dicembre dello scorso anno si era perso nei meandri dell arcipelago amministrativo, ma era ricomparso, a sorpresa, la scorsa settimana con l annuncio dell apposizione della firma da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Chi però pensava che stesse finalmente approdando a vele spiegate verso il Parlamento si è dovuto ricredere: il ddl è giunto, sì, alla Camera ma dal molo della commissione giustizia non è stato ancora avvistato, in quanto non è stato ancora assegnato. Se si visita il sito internet della Camera si può constatare, anzi, che il disegno di legge è stato anche numerato: è l atto Camera n. 2160, ma del testo non c è neanche l ombra. Piccola cronistoria: A non voler andare troppo lontano, gli echi di una bozza di riforma sono stati registrati dalle cronache nell a.d quando, a settembre l allora Guardasigilli del Governo Amato, Piero Fassino presentò agli ordini un articolato orientativo: un ddl delega composto in tutto da otto articoli. Evidentemente trovò una secca e non poté proseguire la navigazione. Ci provò poi anche, durante il Governo Berlusconi, il sottosegretario Michele Vietti, con un articolato di più ampia portata, composto da 36 articoli. Ma anche questo si arenò. La speranza di alcuni, il timore di altri è che subisca identica sorte l attuale disegno di legge delega al governo a procedere al riordino dell'accesso alle professioni intellettuali, alla riorganizzazione degli ordini, albi e collegi professionali, al riconoscimento delle associazioni professionali, alla disciplina delle società professionali e al raccordo di tali disposizioni con la normativa dell'istruzione secondaria superiore e universitaria". E per i più ottimisti, il ddl dopo questa lunga navigazione di avvicinamento, forse si sta attrezzando per affrontare la burrasca dell esame parlamentare. Di riforma della professioni si è parlato anche ieri nell Aula di Palazzo Madama. A ricordare l iter travagliato è stato l ex Guardasigilli, Roberto Castelli, attuale presidente dei senatori della Lega, intervenendo nel dibattito seguito alle dichiarazioni del ministro della Giustizia Clementa Mastella nella sua relazione annuale sullo stato della giustizia. "Ministro - ha detto Catelli - lei ha assolutamente dimenticato l'importante e fondamentale categoria dei professionisti, che regge in maniera importante e decisiva l'economia del Paese. Lei non ha fatto alcun riferimento né ha speso una parola su di loro nella sua relazione. Essi non esistono e non si sa né quali siano le sue idee in proposito né cosa intenda fare. È notizia di oggi e non di ieri, me ne sono interessato personalmente, che finalmente hanno depositato alla Camera il suo progetto di riforma. Avremmo voluto sapere quali fossero al riguardo i fondamenti, quali le sue prospettive, quali le possibili aperture e quali le sue intenzioni di interlocuzione con l'opposizione. Anche su questo, invece, riscontriamo il vuoto assoluto. Ma, signor Ministro, si tratta di aspetti fondamentali della sua azione di Governo e mi stupisce veramente che ella non abbia detto assolutamente niente al riguardo. In realtà, lei ha affrontato soltanto due argomenti. Il primo, del quale nessuno nega l'importanza, concerne quanto dibattuto anche in Aula in queste ore: la previsione dell'articolo 110 della Costituzione e le intenzioni del Ministro al momento dell'attivazione dei servizi per il funzionamento della giustizia e, sostanzialmente, dell'esercizio della giurisdizione. Questo tema è l'unico veramente a cuore all'associazione nazionale magistrati, preoccupatissima che in qualche modo siano coartate o toccate le prerogative dei magistrati su questo fronte". 12

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

ANSA Referendum, disco verde Cassazione su taglio tribunali

ANSA Referendum, disco verde Cassazione su taglio tribunali ANSA Referendum, disco verde Cassazione su taglio tribunali Disco verde dalla Cassazione per il referendum chiesto dalle Regioni è la prima volta nella storia repubblicana che sollecitano il ricorso alle

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione L articolo 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98), modificato dagli articoli

Dettagli

LA GIURISDIZIONALIZZAZIONE DEL PROCESSO MINORILE

LA GIURISDIZIONALIZZAZIONE DEL PROCESSO MINORILE Consiglio Superiore della Magistratura Ufficio referenti per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D Aquino, Claudio Galoppi, Giuseppe

Dettagli

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 www.excursus.org Direttore responsabile: Luigi Grisolia RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 L irragionevole durata dei processi nel nostro Paese di Luigi Grisolia Un interessante documentario dell Anm

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA Proposte di Riforme in materia di famiglia Commissione Famiglia OUA 2012/2014 Sono 10 i punti critici segnalati dalla Commissione Famiglia dell Oua per affrontare le urgenti tematiche del quadro normativa

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125)

Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Legge 07.05.1981, n. 180 (Gazzetta Ufficiale 8 maggio 1981, n. 125) Modifiche all'ordinamento giudiziario militare di pace. A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Separazioni e divorzi assistiti: procedura gratuita, amministrativa e avvocati custodi degli originali. Ecco le ultime novità dal Ministero

Separazioni e divorzi assistiti: procedura gratuita, amministrativa e avvocati custodi degli originali. Ecco le ultime novità dal Ministero Separazioni e divorzi assistiti: procedura gratuita, amministrativa e avvocati custodi degli originali. Ecco le ultime novità dal Ministero Istituiti i registri di comodo. In allegato la circolare di via

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A 4 a COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) 17 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997 Presidenza del

Dettagli

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo'

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo' http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2013/03/19/pd-verso-speranza-zanda-capigruppo-camera-senato_8425205.html Pagina 1 di 5 Il sito Internet dell'agenzia ANSA Speciali Quirinale, grazia

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Unione Camere Penali Italiane Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. 12 Libero Quotidiano 20/11/2014 LA CRAXI DENUNCIA: SI STANNO PREPARANDO I PROCESSI POLITICI (M.g.) 23 Cronache del Garantista

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace Intervento dell Avvocato Generale dello Stato Avv. Michele Dipace IN OCCASIONE DELLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 (Roma, 25 gennaio 2013) Signor Presidente della Repubblica, Autorità,

Dettagli

L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1

L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1 L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1 Camera minorile di Milano 10 ottobre 2008 Il titolo the day after posto dagli organizzatori per presentare

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Tommaso

Dettagli

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati.

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati. MEDIAZIONE decreto del fare di Claudia Di Pasquale DA CHE TEMPO CHE FA DEL 29/09/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Tra le cose che abbiamo fatto in questi cinque mesi c è stata una riforma della

Dettagli

CURRICULUM VITAE DICHIARA

CURRICULUM VITAE DICHIARA CURRICULUM VITAE La sottoscritta La sottoscritta Avv Rosi Toffano nata a Udine (prov. UD) il 23.09.66 ed ivi residente in via Ginnasio Vecchio 9, e-mail avvrositoffano@gmail.com, telefono 0432/204563 DICHIARA

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Rivolgo a voi tutti un caloroso benvenuto, a nome del Governo italiano e mio personale. E per me un onore aprire ufficialmente i lavori di presentazione

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA PRIMO SEMESTRE 2014

RASSEGNA STAMPA PRIMO SEMESTRE 2014 RASSEGNA STAMPA PRIMO SEMESTRE 2014 4 FEBBRAIO 2014 PAGINA 21 Rassegna Stampa Primo semestre 2014 Pagina 83 4 FEBBRAIO 2014 PAGINA 21 Rassegna Stampa Primo semestre 2014 Pagina 84 4 FEBBRAIO 2014 PAGINA

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Il tirocinio pratico-teorico ex art. 73 d.l. 69/2013 con gli occhi dello stagista

Il tirocinio pratico-teorico ex art. 73 d.l. 69/2013 con gli occhi dello stagista Il tirocinio pratico-teorico ex art. 73 d.l. 69/2013 con gli occhi dello stagista Il nostro legislatore è da sempre generoso nell elaborazione di riforme e/o interventi legislativi volti ad incentivare

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile ANSA Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile (ANSA) - ROMA, 30 SET - "Con il premier Letta siamo d' accordo su una cosa importante: il Paese ha bisogno di interventi sulla giustizia a

Dettagli

Rassegna Stampa del 9 ottobre 2013. Testata Titolo Pag.

Rassegna Stampa del 9 ottobre 2013. Testata Titolo Pag. Rassegna Stampa del 9 ottobre 2013 Testata Titolo Pag. PRIMA PAGINA CORRIERE DELLA SERA PRIMA PAGINA DI MERCOLEDI 9 OTTOBRE 2013 l REPUBBLICA PRIMA PAGINA DI MERCOLEDI 9 OTTOBRE 2013 2 SOLE240RE PRIMA

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

CAMERA PENALE IRPINA

CAMERA PENALE IRPINA -r, ' ~ t> ~:("~"J -, 't

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI Prot. n. 405 Latina, 27 febbraio 2014 Ill.mo Dott. Giuseppe D Auria Presidente f.f. Tribunale di Latina E p.c. Gent.ma Dott.ssa Franca Battaglia Dirigente Amministrativo del Tribunale di Latina Oggetto:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo IN EVIDENZA: 1) Lettera aperta all avvocatura italiana lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco 2) Perché iscriversi all AIGA lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

Dettagli

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968)

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Le esperienze professionali. Già coadiutore presso la Banca d Italia nel periodo 1993\1994, sono stato nominato uditore giudiziario con D.M. 8 luglio 1994. Nel

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Caso Studio: Criminalità e Sicurezza Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Sommario Dimensioni dello studio della criminalità Omicidi volontari Rapine Furti Persone

Dettagli

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013)

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Il prossimo 27 gennaio il Presidente Quaranta cessa dalla sua carica di giudice costituzionale.

Dettagli

ed autonomie locali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota di merito finale; - In data 27.09.2000 ha conseguito il diploma di

ed autonomie locali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota di merito finale; - In data 27.09.2000 ha conseguito il diploma di CURRICULUM VITAE Il sottoscritto dr. Pietro ERREDE, magistrato in servizio al Tribunale di Bari con funzione di giudice, si pregia di esporre quanto segue: - Nel mese di luglio 1985 ha conseguito il diploma

Dettagli

3. ribadisce 4. La riforma organica oggi necessaria deve riguardare l intero panorama della giustizia 5. -

3. ribadisce 4. La riforma organica oggi necessaria deve riguardare l intero panorama della giustizia 5. - UNIONE DELLE CAMERE PENALI ITALIANE INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO DEI PENALISTI ITALIANI Affinché non si cambi tutto per non cambiare nulla Delibera di astensione dalle udienze per il 27 e 28 gennaio

Dettagli

SENTENZA N. 360 ANNO 2005

SENTENZA N. 360 ANNO 2005 Consulta OnLine SENTENZA N. 360 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice -

Dettagli

Intervento dell avv. Maurizio Consoli. Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Trieste

Intervento dell avv. Maurizio Consoli. Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Trieste Intervento dell avv. Maurizio Consoli Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Trieste all assemblea indetta ex art. 86 RD 30.1.1941 n 13 come modificato dalla L. 25.7.2005 n 150 Eccellentissima

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE

CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE LA CARTA DEI SERVIZI DEL TRIBUNALE DI FIRENZE Sommario PRESENTAZIONE DELLA CARTA... 4 INTRODUZIONE ALLA CARTA DEI SERVIZI... 5 IL PROGETTO REGIONALE E LA

Dettagli

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Istituzione della scuola superiore della magistratura, nonché disposizioni in tema di tirocinio e formazione dei magistrati ordinari aggiornamento professionale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 19 luglio 2013, n. 87: Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere. (13G00130) (Gazzetta Ufficiale n. 175

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia per l innovazione digitale nella Giustizia Roma, 26 novembre 2008 Finalità Realizzare

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Ministero dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Roma, 29 ottobre 2015 Gent. mo Presidente, in riferimento al Suo invito per la giornata odierna di inaugurazione della Vostra nuova sede di

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Ag g i o r na m e n t o n. 4 31 luglio 2012 L editore mette a disposizione sul sito nella sezione download i materiali e le schede di aggiornamento

Dettagli

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 3 CASO: UNA PERSONA CON GRAVE DISABILITA E RESPONSABILE PER IL RISARCIMENTO E PERSEGUITAMENTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MANNINO Saverio F. Presidente Dott. AMORESANO Silvio

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

www.ildirittoamministrativo.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 03348/2012REG.PROV.COLL. N. 03715/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Nato a Napoli il 4 agosto 1973, residente in Roma, coniugato.

Nato a Napoli il 4 agosto 1973, residente in Roma, coniugato. Avv. RODOLFO CAPOZZI Via Asiago n. 2, 00195 ROMA tel. +39 06 99 700 164 fax +39 06 99 700 281 e-mail: rodolfocapozzi.studiolegale@fastwebnet.it sito web: www.rodolfocapozzi.it DATI ANAGRAFICI Nato a Napoli

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Guido Fubini (avvocato in Torino, già direttore della Rassegna Mensile di Israel) Sulla proposta di legge per la libertà religiosa * SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa 3. E qui affrontiamo l epoca

Dettagli

Basile Concetta Maria Antonietta 02/09/1958 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Tribunale di Catania

Basile Concetta Maria Antonietta 02/09/1958 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Tribunale di Catania INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Basile Concetta Maria Antonietta 02/09/1958 II

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO DIFESA D UFFICIO 2 Il punto della situazione Nel 2013 la Giunta UCPI costituiva l Osservatorio Difesa D Ufficio,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 15 Maggio 2006 RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 1. Case Management (gestione del procedimento) costituisce un tema molto ampio; il gruppo di lavoro ha deciso, perciò, di restringere

Dettagli

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte.

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte. ASSOCIAZIONE AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI DEL PIEMONTE ADERENTE ALL'UNIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI WWW.AVVOCATIAMMINISTARTIVISTIPIEMONTE.ORG Torino, 17 febbraio 2015 Inaugurazione Anno

Dettagli

Abstract: GIUSTIZIA:: PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO E ABI SUL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Abstract: GIUSTIZIA:: PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO E ABI SUL PROCESSO CIVILE TELEMATICO Abstract: GIUSTIZIA:: PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO E ABI SUL PROCESSO CIVILE TELEMATICO La firma domani a Roma tra il Guardasigilli, Clemente Mastella, e il presidente dell ABI, Corrado Faissola Un

Dettagli

Salone della Giustizia

Salone della Giustizia Salone della Giustizia Progetto di Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia (Corte di Appello di Bari, Corte di Appello di Lecce,

Dettagli