Rassegna stampa. 26 gennaio Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa. 26 gennaio 2007. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 26 gennaio 2007 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 3 ANNO GIUDIZIARIO: Inaugurazione anno giudiziario: avvocati polemici (osservatorio sulla legalità) Pag. 4 ANNO GIUDIZIARIO: In Cassazione prevista una cerimonia quasi sottotono (diritto e giustizia) Pag. 5 ANNO GIUDIZIARIO: Di Nicola: in crescita i "crimini invisibili" (la stefani) Pag. 6 CONSULTA:Consulta : incostituzionale inappellabilita' legge Pecorella (osservatorio sulla legalità) Pag. 7 CONSULTA: Le scelte per il futuro arriveranno dopo il deposito della Consulta (il sole 24 ore) Pag. 8 STATO GIUSTIZIA: Castelli: la Giustizia latita coi latitanti e promette processi brevi. È la Maga Magò? di Sen. Roberto Castelli (la padania) Pag.10 STATO GIUSTIZIA: Udienza di programma, una soluzione efficace di Francesco Contini Marco Fabri - Cnr- Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari (il sole 24 ore) Pag.11 UFFICI GIUDIZIARI: Mastella: Trasloco entro febbraio (il denaro) Pag.12 PROFESSIONI: Storia di un ddl fantasma - di Elisa Pastore (mondo professionisti) 2

3 OSSERVATORIO SULLA LEGALITA Inaugurazione anno giudiziario : avvocati polemici Si svolgera' oggi in Cassazione la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario 2007, alla presenza del capo dello Stato. Le cerimonie di inaugurazione nei singoli distretti si terranno domani. Nelle intenzioni della Corte, che aveva emanato una circolare, in linea con le modifiche introdotte dalla L. 150/2005 l'evento odierno dovrebbe assumere le forme di un pubblico dibattito sull'amministrazione della giustizia, "un autentico momento di pacato confronto fra magistrati, avvocati ed esponenti delle istituzioni sui complessi temi della giustizia". Tuttavia i penalisti - che nel frattempo hanno proclamato lo stato di agitazione contro il progetto di riforma dell'ordinamento giudiziario - hanno deciso di non intervenire. A seguito dell'invito all'assemblea Generale della Corte di Cassazione, ma avendo acquisito l'impossibilita' di intervenire con proprie dichiarazioni, l'ucpi, con una nota del presidente Oreste Dominioni e del segretario renato Borzone ha infatti deciso di non partecipare alla cerimonia e si ripromette di svolgere le proprie considerazioni in un documento successivo. Critico invece sul sistema giustizia l'organismo unitario dell'avvocatura, secondo cui non c'e' niente da festeggiare. Michelina Grillo, presidente Oua, ha dichiarato: "La giustizia è gravemente malata e con essa la democrazia... ci confrontiamo tutti i giorni con una condizione professionale invivibile, come dimostra anche la recente sentenza del giudice di Pace partenopeo, Renato Marzano, che ha condannato il dicastero della Giustizia a risarcire con 100 euro, più spese legali, gli 80 avvocati che avevano fatto causa per lo stress determinato dai disagi nello svolgimento dell attività forense presso gli uffici giudiziari napoletani... i processi sono lunghi e i tribunali sono un disastro". Grillo attribuisce la responsabilita' in larga parte ad una classe politica "che non ha saputo mettere da parte i particolarismi, che non ha avuto la capacità di uscire da sterili contrapposizioni e da inutili logiche di schieramento. Percio' l'oua, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario di domani nelle Corti d'appello, consegnera' come monito ai rappresentati del Governo il libro di Piero Calamandrei: Troppi avvocati che ironizza sulla condizione degli avvocati e sul disinteresse della politica per le loro esigenze e la dignita' del ruolo. Mauro W. Giannini 3

4 DIRITTO E GIUSTIZIA Inaugurazione dell'anno giudiziario: in Cassazione prevista una cerimonia quasi sottotono Quasi sottotono, senza inno e con meno guide rosse del solito, prenderà il via ufficialmente oggi alle undici in una Cassazione funestata dalla mancata nomina del Primo presidente e da una spiacevole sequela di ricorsi amministrativi che hanno irritato il Quirinale - la cerimonia per l'inaugurazione dell'anno giudiziario Nessuna banda, infatti, suonerà l'inno nazionale come avrebbe - invece - voluto il ministro della Giustizia Clemente Mastella che, lo scorso otto gennaio, aveva annunciato il ritorno delle note di Mameli eseguite dalla Polizia penitenziaria. Pare che una volontà più forte si sia opposta a quella del Guardasigilli e non si rinviene nessuna traccia di musica nel protocollo del cerimoniale al quale, alacremente, si sta lavorando negli uffici della Suprema Corte che questo anno subisce - per la prima volta - l'impasse di non avere un Primo presidente a fare gli onori di casa. Il compito di ricevere Napolitano e Mastella nel cortile d'onore del 'Palazzaccio' - nonchè l'onere di leggere nell'aula magna la relazione sullo stato della giustizia - toccherà al presidente di sezione piu' anziano, ossia a Gaetano Nicastro, titolare della Terza sezione civile. Siciliano di Acireale, dove è nato settantaquattro anni fa, Nicastro - sguardo vivace e temperamento cordiale - è entrato in magistratura nel 1959 e dal 1987 è inquadrato nei ranghi della Cassazione. Oltre ad essere un esperto in contratti e responsabilità professionale, soprattutto medica, è uno studioso di storia della Chiesa, storia del diritto canonico e dei rapporti tra Stato e Chiesa. Sarà lui che proclamerà ufficialmente aperto l'anno giudiziario: ad ascoltarlo nelle prime - ma non primissime - file del parterre ci sara' anche Vincenzo Carbone, il Presidente aggiunto della Cassazione, bocciato dal Csm nel concorso a Primo presidente sulla poltrona occupata da Nicola Marvulli fino allo scorso 29 ottobre. Fatale gli è stato un incarico universitario non autorizzato. E ancora più l'aver adombrato, nel suo ricorso al Tar, irregolarità nello svolgimento della votazione che lo ha stroncato e che era presieduta da Napolitano. Proprio dal Quirinale, il 30 dicembre, è arrivato lo 'stop' all'ipotesi che fosse Carbone - in quanto toga più alta della Suprema Corte - a fare le veci del Primo presidente. In quaranta minuti Nicastro illustrerà la situazione, sempre difficile, delle aule di giustizia e dei processi lumaca: ieri ha dato l'ultima limatura per prendere atto del sospirato 'requiem', pronunciato dalla Consulta, alla legge Pecorella tanto avversata dai giudici. Dopo di lui parleranno il vicepresidente del Csm Nicola Mancino, il Procuratore generale Mario Delli Priscoli, il ministro Mastella, l'avvocato generale dello Stato Oscar Fiumara, il Presidente del Consiglio Forense Guido Alpa. Hanno otto minuti di tempo per i loro interventi al cospetto - oltre che di Napolitano seduto sulla poltrona damascata rossa e di 13 ministri comunitari colleghi di Mastella - del premier Romano Prodi, dei Presidenti di Camera e Senato Fausto Bertinotti e Franco Marini. 4

5 LA STEFANI (settimanale bolognese di inchieste e servizi) Di Nicola: in crescita i "crimini invisibili" Il procuratore capo è preoccupato dall aumento dei reati economici, finanziari e dalle estorsioni mafiose. Anche il profilo dei criminali sta cambiando: «professionisti di passaggio dai metodi sempre più violenti» e nel traffico di droga Bologna si conferma punto di transito e di consumo. «Ma noi magistrati lamenta - abbiamo sempre meno potere» L'inaugurazione dell anno giudiziario è l'occasione per fare il punto sulla sicurezza in città. Le statistiche annuali sulla qualità della vita, come quelle del Sole 24 Ore e di Italia Oggi, attribuiscono a Bologna, a questa voce, un punteggio da ultima della classe: posizione che occupa già da diversi anni. Si può discutere questi dati: che del resto dipendono dai delitti "visibili" cioè, di solito, dalle denunce. Dove più si denuncia, c è più riscontro dell attività criminale. E' critico il procuratore Enrico Di Nicola: per lui questa è «una città sicura, dove i cittadini denunciano tutti i reati e il crimine non ha il controllo del territorio". Questo è un bene e un male: e lo spiega la relazione preparata per l anno giudiziario. Tra i crimini in crescita, a preoccupare più i magistrati sono proprio quelli invisibili. I reati economici e finanziari "puri", ad esempio, più difficili da perseguire. Le estorsioni mafiose, opera dei gruppi meridionali o stranieri, non vengono denunciate perché colpiscono i "connazionali", gente del sud trapiantata in Emilia o immigrati. Le vittime sono soggetti deboli, impotenti e con un rapporto precario con la città. Discorso simile per i reati di droga. Bologna è un punto di transito e di consumo, ma non di deposito: la droga viene dal sud e prosegue il suo viaggio; lo smistamento permette anche di riciclare denaro sporco. Qui la procura muove un lamento. «C'è un escalation di attività intese a sottrarre potere a noi magistrati, iniziata con il governo Berlusconi e che prosegue" spiega Di Nicola (in foto). Ne è prova, a proposito dell'anno giudiziario, il fatto che a tenere la relazione sarà il giudice della corte d'appello, e non il procuratore: una modifica istituita dal 2005, all'interno della revisione dell'ordinamento giudiziario, che non è di sola forma. «Qualche volta la forma è sostanza: non c è nessuno più competente della procura a riferire sull'attività penale, il controllo, le indagini e l'accusa di chi delinque". Questa retrocessione vorrebbe punire l'"impertinenza" dei magistrati verso l'esecutivo; ma soprattutto, sarebbe parte di una strategia tesa a limitarne l attività verso i cosiddetti reati invisibili. Tra quelli "visibili", invece, preoccupa il dato sulle rapine, specialmente ai danni degli istituti di credito. E' cambiato il profilo dei criminali: «Sono professionisti di passaggio dai metodi più violenti; sempre più spesso vengono usate armi da fuoco». In aumento anche le segnalazioni di abusi sessuali su donne e bambini: aumento modesto, e però costante, da qualche anno. «Questo è un buon segno, paradossalmente. Perché significa che non aumentano tanto i reati, quanto le denunce; e a denunciare sono anche donne straniere, che normalmente sono più soggiogate alla violenza domestica». Ecco, questa è la buona notizia. Secondo la ricerca del Sole, i reati commessi a Bologna sono cresciuti del 20% negli ultimi cinque anni: «Sarò un ottimista inguaribile, e so che altri non sono d'accordo, ma interpreto questo dato come una crescita di fiducia nella giustizia». E' forse vero che si delinque di più, ma soprattutto si denuncia di più. Eppure, anche secondo i sondaggi "soggettivi", che cioè indagano il sentimento e la percezione degli abitanti, Bologna è bocciata al capitolo sicurezza; come quello svolto recentemente da IPR marketing, che colloca la città al 96 posto su 103. E probabile che questo dipenda da una prospettiva spiazzata, quella di una città di provincia, benché evoluta su più fronti come una metropoli, davanti alle nuove realtà dell'immigrazione e del degrado urbano. Si deve inoltre distinguere tra sicurezza e degrado. E' frequente che quando i bolognesi lamentano la mancanza della prima, pensino invece al diffondersi del secondo. Incultura, individualismo, perdita di senso civico e di senso legalitario: come lo si definisca, è un fenomeno chiaro e sfacciato, all'estremo opposto, in una scala di visibilità dei fenomeni, rispetto ai grandi reati economici e finanziari. Nessuno dei due piace al procuratore Di Nicola; e tuttavia, è bene non confonderli 5

6 OSSERVATORIO SULLA LEGALITA Consulta : incostituzionale inappellabilita' legge Pecorella Il PM puo' presentare appello contro una sentenza di assoluzione di primo grado. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale ritenendo illegittimo quanto disposto dalla legge Pecorella, approvata nella scorsa legislatura. La Corte costituzionale ha accolto le questioni di incostituzionalità proposte dalle corti di Appello di Venezia, Brescia, Milano, Bologna e Roma dichiarando incostuzionale l'articolo 1, che sanciva il divieto di appello per il PM e anche l'articolo 10 della legge, che bloccava il ricorso in appello proposto dal PM anche per le sentenze di proscioglimento precedenti al 9 maggio 2006, data di entrata in vigore della legge. La legge Pecorella era gia' stata rinviata alle Camere per incostituzionalita' a suo tempo dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ma in seconda battuta egli aveva dovuto necessariamente firmarla. La legge era stata oggetto di un vivace dibattito, in parlamento e nel Paese, fra ipergarantisti e coloro che la consideravano una norma "ad personam". Ne aveva parlato anche la stampa straniera e l'economist aveva scritto: "Silvio Berlusconi, il presidente del Consiglio italiano, si avvia a portare a termine il suo incarico cosi' come l'aveva cominciato, nell'estate del 2001: con un violento attacco al sistema giudiziario. In uno dei suoi ultimi atti prima delle elezioni di aprile, il Parlamento italiano ha votato una legge presentata da Gaetano Pecorella, che e' avvocato del Signor Berlusconi e anche parlamentare di Forza Italia, il suo partito politico. Nel giugno 2001, il Signor Pecorella, che e' presidente della Commissione Giustizia della Camera, era stato anche relatore di una legge per ridurre la gravita' del reato di falso in bilancio, per il quale il presidente del Consiglio si trovava allora sotto processo...". L'Unione delle Camere penali valutava positivamente il provvedimento, considerandolo un progresso per i diritti dei cittadini, e commentando che si trattava di un esempio "di grande civiltà e correttezza". Inoltre promettevano di denunciare "qualsiasi resistenza interpretativa che stravolga la ratio della legge". L'Organismo unitario dell'avvocatura - pur giudicando il principio giusto - criticava il "continuo ricorso ad interventi settoriali sganciati da un progetto organico di riforma". Mentre le associazioni delle toghe ritenevano che la legge compromettesse il principio costituzionale della parita' delle parti nel processo, l'allora primo presidente della Corte Costituzionale, Nicola Marvulli, dichiaro' che la legge "distrugge" la funzione assegnata alla suprema Corte. Oggi Ernesto Aghina e Carlo Citterio, rispettivamente presidente e segretario generale del Movimento per la giustizia commentano che la decisione della Consulta "conferma che nella precedente legislatura vi sono stati interventi normativi consapevolmente adottati in contrasto con i principi costituzionali, nonostante specifici e approfonditi tempestivi rilievi da parte della magistratura e della comunità scientifica" e si rammaricano "per gli effetti distorsivi che norme incostituzionali hanno sin qui determinato sulla già disastrata giurisdizione".in attesa delle motivazioni della sentenza, i due esponenti delle toghe rilevano che "viene meno un altro 'alibi' perche' la nuova maggioranza parlamentare non ridisciplini le più discusse recenti normative in materia di giustizia, secondo gli impegni di programma e senza scaricare le proprie responsabilità sul giudice costituzionale" e concludono che "la politica ben può criticare ma deve rispettare le decisioni di ogni giudice, e specialmente della Corte costituzionale, garante del rispetto dei principi indisponibili anche allo stesso Legislatore ordinario; continuare a proclamare che i giudici agiscono nel modo purtroppo tipico della peggior politica partitica (o con me o contro di me, e perciò decido in un modo o nell'opposto) è solo segno di ulteriore degrado e mancanza di cultura delle Istituzioni".Il problema - ricorda l'osservatorio sulla legalita' e sui diritti - e' che viene fatta passare l'idea scorretta che il PM sia la pubblica accusa, il che nell'ordinamento giudiziario italiano non e' vero. Il Pubblico Ministero e' infatti colui che nel processo opera per conto dello Stato, quindi dei cittadini, anche quelli che non sono direttamente vittime o parte civile nel processo ma hanno diritto a che sia assicurata la giustizia. Il suo compito e' contribuire all'accertamento della verita', ed infatti spesso chiede l'archiviazione prima del processo o l'assoluzione nel corso di esso, ove non trovi prove sufficienti per l'incriminazione o si convinca dell'innocenza dell'imputato. E' ovvio che non e' questa l'immagine che viene fatta passare su certa stampa e quindi nell'immaginario collettivo. L'Osservatorio si era espresso negativamente sull'abolizione dell'appello in caso di proscioglimento gia' quando Berlusconi dichiaro' la volonta' di vararlo, nel Rita Guma 6

7 IL SOLE 24 ORE Le scelte per il futuro arriveranno dopo il deposito della Consulta Sono 921 gli appelli dichiarati inammissibili in base alla legge Pecorella nel primo semestre 2006.Il dato è stato rilevato dalla Direzione generale di statistica del ministero della Gi ui, ma è considerato interiore a quello reale perché in io Corti d appello (tra cui Roma, Firenze e Torino) sulle 29 sondate non ci sarebbe stato neanche un appello dichiarato inammissibile. Il che appare quanto meno improbabile. Peraltro, anche in Cassazione quantificano in un migliaio i ricorsi presentati sulla base della Pecorella e a essi farà riferimento, questa mattina, Gaetano Nicastro, presidente della terza sezione civile della suprema Corte, al quale spetterà il compito di leggere la relazione generale dell anno giudiziario. Da ottobre scorso, infatti, il posto di primo presidente è rimasto scoperto perché Nicola Marvulli è andato in pensione. E il presidente aggiunto Vincenzo Carbone, dopo la bocciatura da parte del Csm e il suo successivo ricorso al Tar del Lazio (nel quale contesta, tra l altro, la regolarità della votazione, imputandola indirettamente al Capo dello Stato) è stato invitato proprio da Giorgio Napolitano ad astenersi dal presiedere la cerimonia. E per evitare «imbarazzi», è probabile che Carbone non si presenti affatto nell Aula magna della Cassazione. Nella sua relazione sull andamento della giustizia nel 2006, Nicastro parlerà della Pecorella e delle ricadute negative sul lavoro della Cassazione (si veda «Il Sole-24 Ore» del 9 gennaio), soprattutto in termini di produttività, che è scesa, rispetto al 2005, del per cento. Migliaia di processi già pronti per la decisione sono stati rinviati per consentire alle parti di «aggiungere» nuovi motivi di ricorso così come prevede la Pecorella. Il che ha inciso negativamente, oltre che sul numero di processi definiti nell anno, sulla loro durata. Stamattina, anche il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, parlerà della Pecorella e della bocciatura della Consulta. Il ministro dirà che, una volta depositata la sentenza, si farà carico, se necessario, di un intervento legislativo di raccordo tra quel che resta della legge 46 e le norme in vigore. E anche in Cassazione aspettano la sentenza, tant è che ieri alcuni processi figli della Pecorella sono stati rinviati. Donatella Stasio 7

8 LA PADANIA Castelli: la Giustizia latita coi latitanti e promette processi brevi. È la Maga Magò? di Sen. Roberto Castelli Signor Ministro, il 2006 ha riportato probabilmente un po di serietà. Se le parole hanno un senso significa che prima non c era. Bene, signor ministro, raccolgo la sfida e quindi vedrò di impostare il mio intervento su questo piano. Intanto credo che Lei avrebbe dovuto leggersi l articolo di legge che introduce questa novità. Lei è qui per fare un rendiconto dell anno passato e per illustrare al Parlamento sovrano le politiche dell anno in materia di Giustizia. In materia di Giustizia, Signor Ministro. E allora la politica della giustizia si gioca oggi con una parte importante a livello internazionale. Lei ha partecipato al G8 in Russia Signor Ministro: Le sembra serio non aver detto una parola sull argomento? E l Europa? L attività in consiglio Gai (il consiglio dei ministri dell Interno e della Giustizia di tutta l Ue) in Europa è fondamentale: in questi ultimi anni essa ha assunto valore cogente per le legislazioni nazionali. Le decisioni quadro devono essere trasposte obbligatoriamente nella legislazione domestica. Le direttive Cee vanno obbligatoriamente recepite.tutto ciò avviene con procedure opache di cui il Parlamento non sa nulla. Cosa ha fatto in questi mesi nel chiuso di un Consiglio di cui non esiste nemmeno resoconto? Quali decisioni assumerà quest anno? Secondo quali direttive? Nella sua relazione c è il vuoto assoluto. Nulla, zero. Le sembra serio tutto ciò?lotta al terrorismo internazionale, la cooperazione giudiziaria, la caccia ai terroristi latitanti; cosa ha fatto e cosa farà per catturare Cesare Battisti... non si ha nessuna informazione. Le sembra serio tutto ciò?certo lei appartiene a un governo che i terroristi preferisce premiarli con cariche parlamentari o con consulenze. Ci sarà anche Lei a ricevere un noto latitante, scampato alla pena per prescrizione del reato, quando verrà ricevuto con tutti gli onori alla Camera, come è già stato annunciato? E, per stare in tema, il parlamento ha diritto di sapere cosa farà sul caso Abu Omar. Anche qui il silenzio più assoluto. Le sembra serio tutto ciò signor ministro?lei poi si è completamente dimenticato dei professionisti. Un tema importantissimo, fondamentale per il futuro del Paese. Per il ministro della Giustizia, di fronte al Parlamento, non esistono, non ci sono; zero. Esiste un fantomatico suo disegno di legge in materia, mai presentato alle Camere. Vuol dirci, di grazia, che intenzioni ha su questo punto? Ci dica se ha abdicato in favore del suo collega Bersani che ormai legifera a colpi di decreto in vece sua su questa materia, tra l altro in direzione perfettamente opposta ai suoi intendimenti. Ma adesso finalmente si è seri. Giusto signor ministro? In realtà lei nella sua lacunosa relazione si è occupato di soli due argomenti. Uno sta a cuore a lei: come liberare dalla detenzione il maggior numero possibile di criminali. Il secondo, che sicuramente è fondamentale poiché sta a cuore all Anm, è l esercizio della giurisdizione. Partiamo dal secondo, ripeto, centrale, ma che non è il solo, come ho dimostrato. Tanti bei propositi, molte giustificazioni, qualche tentativo di addossare responsabilità al precedente governo. Infine l annuncio bomba: i processi dovranno durare al massimo 5 anni. Come, signor ministro? Attraverso quali strumenti? L unico decisivo che si può presumere è la bacchetta magica. Userà quella del Mago Merlino, della Fata Turchina o della Maga Magò? E se il processo non finirà, cosa succederà? Punirà i magistrati? Risarcirà le parti? Basta vedere le reazioni sui giornali per capire che siamo di fronte ad un ballon d essai. Noi, credo, veramente e più seriamente abbiamo affrontato il problema con atti concreti, che in Parlamento vogliono dire leggi. Ecco quali: riforma dell ordinamento giudiziario, riforma di una parte del codice civile, riforma delle procedure concorsuali. Sulla riforma dell ordinamento giudiziario avete mantenuto nove decreti legislativi: ci vuole dire quali effetti hanno avuto sul sistema? La riforma del 8

9 disciplinare quali effetti sta avendo? E la riforma dell ufficio del procuratore? Vuoto assoluto, silenzio tombale. E per il manager di corte d appello? È un decreto legislativo importante che prevede un primo decentramento dal punto di vista amministrativo del ministero della Giustizia. A che punto sono le procedure? E per la scuola della magistratura? Quali novità ci sono? Per la riforma del codice civile, gli avvocati mi dicono che sta portando effetti positivi. Vorremmo sapere da Lei, signor ministro, se state monitorando la situazione anche per non legiferare al buio. È stata fatta una riforma delle procedure concorsuali che gli operatori aspettavano: ci sarebbe piaciuto che il ministro relazionasse il parlamento sugli effetti di questa riforma. Perché queste riforme, una volta approvate diventano patrimonio non di questo o quel governo ma di tutto il Paese. Invece nulla. Allora ricordiamo le parole del Governatore della Banca d Italia: «La recente riforma ha favorito una più precoce emersione dello stato di crisi e una rapida ristrutturazione di imprese: ha snellito e ammodernato le procedure di liquidazione». Vede, signor Ministro, non è sufficiente autoattribuirsi patenti di serietà per essere veramente seri. Bisogna dimostrarlo con atti concreti che fino ad ora, tranne uno su cui poi ci soffermeremo, non si sono visti. Infine vorrei ricordare che il Presidente Rognoni, nel suo discorso di commiato in Cassazione dell anno passato, elogiò la collaborazione con il mio dicastero in merito al tema di valutazione dell efficienza degli uffici. Questo è uno strumento importante nelle sue mani. Che fine ha fatto? Lo usa? Non lo vuole usare? Non glielo lasciano usare? Il fatto è che lei tutte queste cose non ce le ha dette perché non interessano per nulla all Anm. A questa associazione interessava cancellare la riforma che porta il mio nome, restaurare e rinsaldare il potere della magistratura sul ministero. Operazione peraltro riuscita solo in parte. Ora vengo al secondo dei due argomenti di cui lei ha parlato: l indulto. Lei qui, con coerenza che le va riconosciuta, ha difeso questo provvedimento, al contrario di molti che l hanno votato e ora fanno finta di non ricordarsene. E inoltre dice, cito testualmente: «Voglio anche dire con forza che la stella polare della mia azione di governo non sono associazioni o gruppi professionali, pur autorevoli ed influenti, bensì i cittadini». Qui siamo nel grottesco. Lei è davvero convinto che l indulto è andato a favore dei cittadini? Ne è davvero convinto? Ma signor ministro, l abbiamo vista sui giornali brindare con i detenuti per festeggiare l indulto. Facciamo una prova, usciamo ora insieme per le vie della città. Credo che faremo fatica a trovare qualche cittadino disposto a brindare in favore dell indulto.vede signor ministro, una delle cose per cui io vado più fiero è che se ora incontriamo quegli stessi cittadini, io a ciascuno di loro posso dire, guardandolo negli occhi, io insieme al governo e alla maggioranza che mi sosteneva non ho mai messo a repentaglio la tua sicurezza. Questo governo invece è il governo della resa. Si è arreso alla magistratura militante vanificando il principio della separazione dei poteri, si è arreso di fronte alla criminalità con l indulto. Il sottosegretario alla Giustizia, Luigi Manconi, ha mentito in Commissione Giustizia del Senato quando dichiarò che sarebbero usciti 13 mila detenuti, invece sono già 22 mila, dati ufficiali del ministero. Lei, signor ministro, si è arreso sul piano delle risorse. Bersani e Finanziaria hanno vulnerato la capacità di spesa del ministero della Giustizia, i magistrati onorari sono rimasti senza stipendio. Avvocati professionisti, giudici di pace, polizia penitenziaria, hanno tutti scioperato per protestare contro questo Governo. I cittadini a cui lei fa riferimento le hanno esternato tutto il loro scontento. Lei rischia di diventare il ministro dei detenuti: bilancio magro, in linea con quello fallimentare di tutto il governo Prodi. 9

10 IL SOLE 24 ORE ANALISI Udienza di programma, una soluzione efficace Francesco Contini Marco Fabri - Cnr- Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari Le comunicazioni del ministro della Giustizia Clemente Mastella al Parlamento contengono una serie di idee interessanti finalmente e potenzialmente utili per la riduzione della durata dei procedimenti. A questo proposito, il Guardasigilli aveva dichiarato di volersi ispirare anche alle indicazioni provenienti dal Consiglio d Europa, la cui Commissione per l efficienza della giustizia ha approvato lo scorso dicembre un Compendium di «best practices» per la gestione dei tempi dei procedimenti giudiziari che sintetizza le soluzioni adottate con successo in Europa. Vediamo allora di confrontare alcune proposte del Ministro con le «best practices» segnalate nel Compendium. In campo civile, il Ministro propone l istituzione di un udienza di programmazione dei tempi delle attività processuali, presente anche nel Compendium. Effettivamente in diversi Paesi europei (Danimarca, Norvegia, Francia) si è rivelato di notevole utilità fare incontrare le parti davanti al giudice il prima possibile (case marnagement conference), al fine di fissare un calendario degli eventi processuali realistico e coerente con la complessità del procedimento. Questa soluzione agevolerebbe gli accordi extragiudiziali fra le parti e produrrebbe una diminuzione dei rinvii delle udienze. Una delle idee guida del Compendium è che i tempi dei procedimenti non dipendono solo da carenze degli uffici giudiziari ma anche e soprattutto dalle interazioni fra i diversi attori processuali, in primis i magistrati, il personale amministrativo e gli avvocati. A questo proposito, vengono forniti alcuni esempi e soluzioni effettivamente adottate in diversi paesi europei, come la definizione di obiettivi di durata realistici, l incremento del ruolo e delle responsabilità del giudice nella gestione dei procedimenti, l elaborazione e la diffusione di dati empiricamente fondati sui tempi della giustizia e sulla produttività dei magistrati e dell ufficio. E pertanto in linea con questa impostazione la proposta del Ministro di investire in strumenti di rilevazione statistica, di valorizzare il ruolo conciliativo del giudice, di ritenerlo responsabile del procedimento e parallelamente di assegnargli poteri officiosi che gli consentano il governo del processo. Dal punto di vista delle cosiddette misure di organizzazione e razionalizzazione degli uffici viene enfatizzata «la realizzazione dell Ufficio per il processo, inteso come struttura amministrativa di supporto all attività giudiziaria (...) contenitore flessibile delle varie professionalità dell amministrazione». Si tratta di indicazioni molto vaghe, di dubbia efficacia e che si discostano decisamente dalle linee guida del Consiglio d Europa. Intanto, cosa avrebbero fatto finora le strutture amministrative degli uffici giudiziari se non contribuire all esercizio della giurisdizione? Si vuole forse istituire l ufficio del giudice tanto amato dall Associazione nazionale magistrati Edulcorandone il nome per nascondere il proposito di smembrare le cancellerie e mettere il personale amministrativo alle dirette dipendenze del singolo magistrato? Sfugge completamente, poi, il senso dell intervento normativo previsto per fissar questi principi generali, il cui risultato sarebbe quello di ingessare e burocratizzare ancora di più strutture che avrebbero invece la necessità di essere più flessibili e responsabili, di competere fra loro per confrontare le soluzioni più efficaci rispetto al contesto in cui operano. Il Compendium propone idee diverse: meccanismi di assegnazione dei procedimenti più flessibili (il sistema tabellare utilizzato in Italia è di una rigidità assoluta), l individuazione di linee guide per la scrittura dei provvedimenti, la limitazione degli incarichi extra-giudiziari dei magistrati, e soprattutto una chiara distinzione di ruolo, ma integrazione delle attività e delle responsabilità, fra il dirigente giudiziario e quello amministrativo. Forse una maggiore attenzione alle proposte del Consiglio d Europa può arricchire le linee guida del Ministro che allo stato, soprattutto in materia organizzativa, appaiono un po confuse e appiattite sulle posizioni della magistratura associata. 10

11 IL DENARO Mastella: Trasloco entro febbraio Trasferimento degli uffici del Tribunale civile e della Corte d'appello di Napoli dalla zona di Porta Capuana al Centro Direzionale: il ministero della Giustizia preme l acceleratore. L operazione stabilisce il Guardasigilli Clemente Mastella dovrà concludersi entro il 28 febbraio. Da lunedì scorso le operazioni di trasloco erano state sospese, in attesa del confronto che vedrà a Napoli, lunedì 29, protagonista il sottosegretario Luigi Scotti. Gli avvocati confermano di non essere disposti a un trasferimento a macchia di leopardo e ribadiranno il loro malumore in occasione dell apertura dell anno giudiziario, sabato 27 gennaio: ci sarà un presidio davanti a Castelcapuano e il presidente dell Ordine Franco Tortorano leggerà un documento di protesta. Trasferimento della giustizia civile a Napoli Est, il Guardasigilli Clemente Mastella accelera i tempi, il trasloco dovrà concludersi entro mercoledì 28 febbraio. Le operazioni di trasferimento, sospese da lunedì scorso, riprenderanno giovedì primo primo febbraio e - informa una nota del dicastero di Via Arenula - dovranno essere svolte in modo tale da consentire lo spostamento contemporaneo di più sezioni e uffici per volta, a blocchi, secondo priorità e modalità operative che verranno stabilite lunedì 29 gennaio, nel corso di una riunione con i capi degli uffici giudiziari e i rappresentanti del Consiglio dell'ordine degli avvocati di Napoli, in cui il ministero sarà rappresentato dal sottosegretario Luigi Scotti. Nodi al pettine Ne prendo atto - commenta il presidente dell Ordine forense Franco Tortorano - : a questo punto prima ci trasferiamo meglio sarà. Restano in piedi però - puntualizza - le nostre richieste di attuare il trasferimento in un unica soluzione, di prevedere un adeguato piano parcheggi nella zona del Centro direzionale e le nostre ripetute denunce circa la non idoneità di una struttura a sviluppo verticale, come quella di Napoli Est ad ospitare un utenza così numerosa come quella del settore giudiziario civile. Insomma, a questo punto i nodi potrebbero venire presto al pettine. Gli avvocati hanno già deliberato altri due giorni di sciopero, il 7 e l 8 febbraio, e nomineranno un comitato di difesa per chiedere, in sede giudiziaria, risarcimento dei danni che - a loro avviso - deriveranno ai professionisti per la gestione del trasferimento del settore civile a Napoli Est. Inaugurazione e protesta La classe forense napoletana, inoltre, si prepara ad azioni di protesta da attuare in occasione della cerimonia d apertura dell anno giudiziario, in agenda sabato 27 gennaio: previsto un presidio dinanzi a Castelcapuano e la presentazione di un documento - che sarà letto dal presidente dell Ordine Tortorano - in cui verranno ribadite le motivazioni del disagio lamentato dagli avvocati, non solo in ordine ai problemi della logistica giudiziaria, ma anche alle questioni più generali del settore giustizia. Giovanni Capozzi 11

12 MONDO PROFESSIONISTI Storia di un ddl fantasma di Elisa Pastore La riforma delle professioni naviga ancora sotto costa. Il disegno di legge varato dal Consiglio dei ministro nell ormai lontano primo dicembre dello scorso anno si era perso nei meandri dell arcipelago amministrativo, ma era ricomparso, a sorpresa, la scorsa settimana con l annuncio dell apposizione della firma da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Chi però pensava che stesse finalmente approdando a vele spiegate verso il Parlamento si è dovuto ricredere: il ddl è giunto, sì, alla Camera ma dal molo della commissione giustizia non è stato ancora avvistato, in quanto non è stato ancora assegnato. Se si visita il sito internet della Camera si può constatare, anzi, che il disegno di legge è stato anche numerato: è l atto Camera n. 2160, ma del testo non c è neanche l ombra. Piccola cronistoria: A non voler andare troppo lontano, gli echi di una bozza di riforma sono stati registrati dalle cronache nell a.d quando, a settembre l allora Guardasigilli del Governo Amato, Piero Fassino presentò agli ordini un articolato orientativo: un ddl delega composto in tutto da otto articoli. Evidentemente trovò una secca e non poté proseguire la navigazione. Ci provò poi anche, durante il Governo Berlusconi, il sottosegretario Michele Vietti, con un articolato di più ampia portata, composto da 36 articoli. Ma anche questo si arenò. La speranza di alcuni, il timore di altri è che subisca identica sorte l attuale disegno di legge delega al governo a procedere al riordino dell'accesso alle professioni intellettuali, alla riorganizzazione degli ordini, albi e collegi professionali, al riconoscimento delle associazioni professionali, alla disciplina delle società professionali e al raccordo di tali disposizioni con la normativa dell'istruzione secondaria superiore e universitaria". E per i più ottimisti, il ddl dopo questa lunga navigazione di avvicinamento, forse si sta attrezzando per affrontare la burrasca dell esame parlamentare. Di riforma della professioni si è parlato anche ieri nell Aula di Palazzo Madama. A ricordare l iter travagliato è stato l ex Guardasigilli, Roberto Castelli, attuale presidente dei senatori della Lega, intervenendo nel dibattito seguito alle dichiarazioni del ministro della Giustizia Clementa Mastella nella sua relazione annuale sullo stato della giustizia. "Ministro - ha detto Catelli - lei ha assolutamente dimenticato l'importante e fondamentale categoria dei professionisti, che regge in maniera importante e decisiva l'economia del Paese. Lei non ha fatto alcun riferimento né ha speso una parola su di loro nella sua relazione. Essi non esistono e non si sa né quali siano le sue idee in proposito né cosa intenda fare. È notizia di oggi e non di ieri, me ne sono interessato personalmente, che finalmente hanno depositato alla Camera il suo progetto di riforma. Avremmo voluto sapere quali fossero al riguardo i fondamenti, quali le sue prospettive, quali le possibili aperture e quali le sue intenzioni di interlocuzione con l'opposizione. Anche su questo, invece, riscontriamo il vuoto assoluto. Ma, signor Ministro, si tratta di aspetti fondamentali della sua azione di Governo e mi stupisce veramente che ella non abbia detto assolutamente niente al riguardo. In realtà, lei ha affrontato soltanto due argomenti. Il primo, del quale nessuno nega l'importanza, concerne quanto dibattuto anche in Aula in queste ore: la previsione dell'articolo 110 della Costituzione e le intenzioni del Ministro al momento dell'attivazione dei servizi per il funzionamento della giustizia e, sostanzialmente, dell'esercizio della giurisdizione. Questo tema è l'unico veramente a cuore all'associazione nazionale magistrati, preoccupatissima che in qualche modo siano coartate o toccate le prerogative dei magistrati su questo fronte". 12

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA?

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA? Corte Europea LA CEDU dei Diritti dell Uomo IN 50 DOMANDE ITA? AN COURT OF HUM La CEDU in 50 Domande A cura del Servizio Pubbliche Relazioni della Corte, questo documento, non vincolante per la Corte,

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini.

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. Corte dei conti Via Antonio Baiamonti, 25 00195 Roma Tel. +39 0638761 Fax +39 0638763477 www.corteconti.it C C Corte dei conti

Dettagli