sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere"

Transcript

1 soluzionisodexo sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere anno I, n.3, novembre 2012

2 benessere al lavoro Benessere al lavoro: l importanza della prevenzione per la mente e il corpo L attenzione che un azienda dedica alla persona intesa non solo come risorsa da utilizzare a beneficio della redditività economica, ma anche come portatrice di un proprio progetto fatto di desideri, valori, capacità, motivazioni, che se ben gestiti e indirizzati possono diventare un vero e proprio patrimonio aziendale rappresenta oggi un aspetto di fondamentale importanza da cui nessun datore di lavoro può più prescindere. Attenzione al benessere significa porre l accento su vari fattori, che abbracciano da un lato la salute e la sicurezza della persona, dall altro tutta una serie di aspetti che concorrono al benessere non solo fisico, ma anche morale e psicologico del lavoratore e che influenzano in modo determinante la qualità della vita sul lavoro. Ricerche e risultati Aspetti che sono stati ben evidenziati in due ricerche realizzate da Sodexo per comprendere appunto quali siano i fattori che influenzano la qualità della vita sul posto di lavoro generando benessere o che, al contrario, possono essere causa di stress e malcontento. In particolare, come vedremo in modo più approfondito nelle pagine seguenti, la ricerca Ambiente di lavoro e benessere prende in considerazione il punto di vista dei lavoratori - interrogati su cosa considerano importante per raggiungere il benessere in ufficio - mentre la ricerca Sfide, opportunità e bisogni della funzione HR, si rivolge a manager e direttori risorse umane per comprendere quali sono oggi i processi di gestione del personale più critici e dove si stanno concentrando gli sforzi delle Direzioni HR, nel presente e nel futuro più prossimo. Solo per fare qualche esempio, si tratta di fattori organizzativi, come la flessibilità di orario e di gestione della pausa pranzo o l opportunità di Due ricerche commissionate da Sodexo dimostrano che oggi la qualità della vita in azienda è la sfida e l interesse comune ai direttori risorse umane e ai lavoratori. seguire corsi di formazione e apprendimento; fattori umani, come l incentivazione all attività motoria e sportiva, la promozione di un alimentazione sana, l offerta di controlli medici o di sedute psicologiche ma anche la palestra aziendale o un servizio di mobilità come le navette interne; e infine fattori ambientali, relativi agli spazi di socializzazione, agli arredi, all illuminazione e alla climatizzazione... Possono fare la differenza Tutti aspetti che, se presenti e ben gestiti, determinano un buon grado di soddisfazione e motivazione con tutti i risvolti positivi che ne

3 benessere al lavoro 3 tra normativa e azioni volontarie, ogni azienda o istituzione può pianificare diversi interventi a favore della sicurezza dei lavoratori e del loro benessere. la qualità della vita personale si traduce in motivazione ed efficienza sul lavoro. conseguono, dalla riduzione degli errori a un minore assenteismo, da una accresciuta produttività a una maggiore identificazione con lo spirito aziendale mentre invece se assenti o trascurati possono trasformarsi in cause di stress e malcontento. Già più di due secoli fa l economista Smith diceva: Un uomo lavora produttivamente se si sente trattato da uomo dove lavora e se sa che c è interesse a che lui stia bene. Tra normativa e interventi volontari Oggi questo pensiero si è tradotto in un vero e proprio dettame legislativo: tutti i datori di lavoro hanno infatti l obbligo giuridico di tutelare la salute e la sicurezza sul lavoro dei propri dipendenti a 360, dalla sfera fisica a quella psicologica, così come previsto dal Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/2008 che ha sostituito il D.Lgs 626/1994). Naturalmente, ogni azienda o organizzazione Lo stress: non sempre è dannoso Il termine stress, ormai entrato nel linguaggio comune con un significato negativo, a indicare una condizione dannosa e pericolosa di sofferenza, ha in realtà una connotazione assolutamente neutra: fu usato per la prima volta dal medico austriaco Hans Selye, che lo definì come una sindrome generale di adattamento. Stress indica infatti lo sforzo che un organismo fa per cercare di adattarsi all ambiente in cui vive o di rispondere a una situazione. Tutta la vita è basata su continui aggiustamenti che l individuo mette in atto, spesso senza accorgersene, per affrontare efficacemente la realtà in cui vive. Questo vale anche sul lavoro, dove anzi una certa dose di stress positivo, inteso come carica d energia e attività e motivazione al fare bene, a dare il meglio di sè, è fondamentale non solo per il raggiungimento dei risultati, ma anche per il benessere e la soddisfazione individuale. Quello da combattere, semmai, è quel tipo di stress che si allontana troppo dal livello ottimale di carica personale, quello che fa stare in una condizione di eccessiva allerta, oppure lo stress prolungato nel tempo o troppo intenso, che non consente all organismo di ristabilire l equilibrio per rispondere e adattarsi ai cambiamenti, ma lo porta invece a una situazione di esaurimento. Quella che di solito è chiamata stress, appunto.

4 benessere al lavoro può scegliere di andare oltre il semplice rispetto della normativa, per esempio rendendo più confortevole l ambiente lavorativo, da un punto di vista sia materiale sia relazionale, facilitando l adozione di un sano stile di vita dei propri dipendenti oppure semplificando il loro metodo di lavoro. Come vedremo, alcuni interventi migliorativi delle condizioni di lavoro hanno dei costi, che vengono presto bilanciati dall aumento della motivazione, dell efficacia e dell efficienza delle persone, e altri richiedono soltanto di rivedere l organizzazione interna, di affrontare i processi e la gestione del personale in modo innovativo. Fattori organizzativi, umani e ambientali svolgono un ruolo fondamentale nel creare benessere per il lavoratore o, se mal gestiti o assenti, a causare stress e demotivazione. Un numero speciale di Soluzioni Questo è un numero tutto dedicato a questi temi, un vero e proprio speciale dove cerchiamo di dare un ampio quadro dei fattori che aumentano la fedeltà verso l azienda e di quelli che invece possono essere responsabili di stress (per la definizione e le sue interpretazioni vedi il box nella pagina precedente). Secondo la Research on work-related stress, dell Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, oggi lo stress negativo legato all occupazione è una vera e propria malattia che affligge un terzo delle persone attive nell Unione Europea e che quindi dovrebbe essere gestita nello stesso modo con cui si affrontano i problemi legati alla salute e alla sicurezza in generale. Vediamo allora come limitare lo stress e accrescere la soddisfazione.

5 Qualità della vita: due ricerche per orientare al meglio l azione benessere al lavoro5 Per capire quali misure adottare allo scopo di migliorare la qualità della vita in ufficio, Sodexo ha realizzato due interessanti ricerche, di cui riportiamo di seguito i principali risultati. La ricerca sui lavoratori La prima si intitola Ambiente di lavoro e benessere, ed è stata presentata in occasione della Facility Management Convention di IFMA e discussa al Convegno BenEssere, entrambi a Milano. Nell indagine sono state interpellate 600 persone assunte in aziende con più di 250 dipendenti (rappresentative per aree Nilsen), alle quali è stato chiesto di dire quali fattori - suddivisi in fattori organizzativi (servizi di supporto), ambientali (spazi) e umani (servizi per conciliare la vita privata e il lavoro) - influenzano la qualità della vita in ufficio e la fidelizzazione all azienda. Un percorso virtuoso L obiettivo della ricerca era comprendere cosa le persone considerano importante per raggiungere il benessere al lavoro, quali sono i Fin fattori dall inizio maggiormente la responsabili dello stress Campagna e quali quelli Sodexo che aumentano ha la fedeltà verso guardato l azienda. con Ecco cosa è emerso. Per la maggior parte degli intervistati i fattori fondamentali interesse e rispetto ai per stare bene al lavoro e accrescere la fedeltà contenuti all azienda dei sono: Progetti europeo relazioni e nazionale positive con i colleghi sugli orario stili di lavoro vita flessibile salutari, spazio e di ora lavoro ha adeguato ottenuto ambiente dal sicuro Ministero e pulito sistema di incentivazione equo e che rispetti le diversità. il riconoscimento della Lo stress sintonia è causato degli in particolare dall essere argomenti disturbati (violazione e della privacy), dal non poter gestire modo di autonomamente il proprio lavoro e del esprimerli dalla presenza di discriminazioni in azienda. e divulgarli con il L indagine sui manager Programma Nella seconda ricerca, invece, dal titolo Sfide, Guadagnare opportunità e salute. bisogni della funzione HR, realizzata da OD&M per Sodexo Motivation Solutions in 152 aziende di ambiti, dimensioni e zone geografiche diversi, l attenzione era rivolta invece ai Direttori Risorse Umane che, come i lavoratori, hanno interesse alla qualità della vita in azienda. L indagine era mirata a comprendere quali sono oggi i processi di gestione delle risorse umane più critici e più presidiati e dove si concentrano gli sforzi delle direzioni risorse umane, distinguendo tra priorità attuali (ultimi due-tre anni) e sfide future (prossimi tre-cinque anni). I risultati dicono che se oggi è prioritario, anche data la situazione di crisi, puntare a sviluppo e cambiamento organizzativo, costo del personale, efficienza dei processi amministrativi, la prospettiva futura si sposta verso i processi che mettono al centro la persona e l individuo: sviluppo della leadership, sistemi di incentivazione e di Performance Management, sistemi di gestione dei talenti. Un attenzione mirata e particolare ancora una volta a quei fattori umani che concorrono a migliorare la qualità di vita in azienda e a comporre quel benessere a 360 di cui ogni lavoratore dovrebbe godere.

6 benessere al lavoro fattori organizzativi ovvero strumenti e servizi per vivere meglio in ufficio Nel prendere in considerazione i fattori che possono o meno influenzare la qualità della vita in ufficio, ce ne sono alcuni talmente importanti e scontati da non essere neanche annoverati in un ipotetico elenco ma che, nel momento in cui mancano, causano nel lavoratore malcontento e stress. Come fossero una sorta di prerequisito che, se mancante o trascurato dall azienda, si trasforma in un fattore demotivante. Sono quelli emersi dalla ricerca Sodexo, cioè i cosiddetti fattori organizzativi, quella serie di servizi che un azienda può mettere a disposizone dei propri dipendenti per rendere la loro permanenza in ufficio più piacevole, e per semplificare alcune procedure lavorative. Dal wi-fi ai pasti fuori orario Tra i fattori organizzativi più sentiti come fondamentali nella vita aziendale troviamo sicuramente ai primi posti la sicurezza sul posto di lavoro e l igiene, ovvero un adeguata pulizia degli ambienti: due fattori talmente importanti da essere appunto dati per scontati come presenti sempre e ovunque. A seguire risultano di fondamentale importanza tutti quei servizi che consentono alle persone di lavorare in modo più veloce, anche lontano dalla propria postazione, o che permettono di condividere rapidamente informazioni e dati con i colleghi. Solo per fare qualche esempio, pensiamo alla possibilità di accedere rapidamente a posta e documenti condivisi, alla disponibilità di un servizio help desk efficiente, alla possibilità di connettersi con l ufficio e consultare i documenti di lavoro anche dall esterno. Sono tutte opzioni che semplificano e accelerano notevolmente il modo di operare. Non meno importanti, poi, ci sono tutta quella serie di aspetti che possono rendere più piacevole la permanenza in ufficio: a livello di ristorazione, ad esempio, è ritenuto un fattore di grande importanza la flessibilità della pausa pranzo, ovvero la possibilità di potersi gestire il momento del pasto nell orario preferito e di disporre di cibi e bevande durante tutto l arco della giornata lavorativa. Altro fattore motivante e fidelizzante riguarda poi l immagine aziendale: lavorare in un posto in cui anche l aspetto esteriore viene curato aumenta notevolmente la qualità percepita dalle persone e favorisce l attaccamento all azienda. Ecco allora come anche una reception ben curata con personale sorridente ed educato possono fare la differenza. Dal cestino da asporto da consumare dove si preferisce alle pulizie, dalla cura del verde alla gestione dell help desk, anche così Sodexo soddisfa esigenze differenti.

7 benessere al lavoro7 Fattori ambientali: tra onde sonore ed elettromagnetiche anche nell attività di ufficio sono riconoscibili, in maggiore o minore concentrazione, diversi fattori potenzialmente nocivi per l organismo umano. Esserne pienamente informati aiuta a non sottovalutare pericoli reali. Ne avevamo già parlato sul primo numero di Soluzioni, ma riprendiamo l argomento in questo Speciale, perché sicurezza e salute sono uno degli aspetti fondamentali che concorrono al benessere del lavoratore in qualsiasi ambiente si trovi: in ufficio, in fabbrica, a scuola, in ospedale... Sono tanti i fattori a cui fare attenzione, alcuni più evidenti altri a cui spesso non si pensa, ma che invece possono essere fonte di malessere e criticità. Anche questa volta ci siamo avvalsi della preziosa consulenza di Antonio Faggioli, Medico, Libero Docente in Igiene dell Università di Bologna e membro dell ISDE (Associazione Medici per l Ambiente) e del Comitato Scientifico Sodexo, che ci ha fornito altri interessanti spunti su questo tema. Rumore e inquinamento acustico Il rumore è una situazione acustica sgradevole, non voluta, che infastidisce e che può alterare o impedire l ascolto di segnali utili nel proprio ambiente. Le norme fissano valori limite del rumore diversi per l ambiente esterno agli edifici, per i luoghi di lavoro chiusi e aperti e per le abitazioni. Nel caso degli uffici si assumono, secondo prassi corrente, i limiti previsti per le abitazioni, che si distinguono a seconda che il rumore sia di origine esterna o prodotto all interno da impianti tecnologici. Per questi ultimi il valore limite è di 35 decibel (db) per i servizi a funzionamento discontinuo (ascensori, scarichi idraulici, servizi igienici e rubinetterie) e di 25 db per quelli a funzionamento continuo (apparecchi di riscaldamento, aerazione, condizionamento). Per i rumori di origine esterna può essere applicato anche negli uffici il criterio del limite differenziale previsto per le abitazioni (DPCM ). Il calcolo di tale limite richiede la misurazione preliminare del: a) rumore esterno assoluto, ossia quello complessivo prodotto nell ambiente esterno da tutte le sorgenti sonore presenti; b) rumore esterno residuo, ossia il rumore che residua dalla riduzione del valore assoluto per la cessazione di particolari sorgenti in esame. Il rumore residuo con l aggiunta di 5 db nell arco diurno (ore 6-22) e di 3 db nell arco notturno (ore 22 6), costituisce il limite differenziale da non su-

8 benessere al lavoro perare. Per esempio, se il valore residuo è di 25 db, nell arco diurno si aggiungono 5 db per cui il limite differenziale da non superare all interno dei vani è di 30 db. Un altro limite per il rumore negli uffici può essere quello di cui alla Norma ISE R 1996 (55 db), considerato che le vigenti norme sulla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs. n. 81/2008) non contemplano gli uffici tra quelli per i quali sono stati definiti limiti di rumorosità. Tuttavia, anche qualora si riscontri negli uffici la conformità al limite differenziale correlato al rumore esterno, non va trascurato quello prodotto all interno da apparecchiature di lavoro: ventola di raffreddamento dei PC (30 db), stampante laser (30 db), fotocopiatrice (50 db). Il criterio generale da applicare è quello che i rumori di origine interna non superino quello della voce parlata (40-50 db), rendendo inintelligibili le parole. In ogni caso, difficilmente il rumore prodotto all esterno e all interno dell ufficio può essere causa di danni all udito, ma piuttosto di affaticamento mentale, difficoltà di concentrazione, riduzione del rendimento lavorativo. Se l osservanza dei valori limite è un buon criterio sul piano giuridico, per la protezione della salute dei soggetti esposti, data la variabilità della sensibilità individuale, i danni alla salute non possono essere esclusi anche per valori inferiori a quelli limite, soprattutto per esposizioni prolungate e in condizioni psico-fisiche compromesse. Gli effetti del rumore sull organismo umano hanno alcune caratteristiche distintive: insorgono anche in assenza di percezione sensoriale, non danno luogo ad adattamento anche a seguito di esposizione prolungata, aumentano in proporzione maggiore rispetto agli aumenti del rumore, i tempi di recupero sono più lunghi di quelli dell esposizione e sono influenzati da variabili individuali, tra cui lo stato di salute. Gli effetti nocivi possono essere di due tipi: uditivi, tipici dell esposizione professionale in luoghi di lavoro molto rumorosi, ed extrauditivi, che interessano la comunità e i singoli individui che, a seguito di esposizioni prolungate, subiscono danni a vari organi e apparati che si manifestano dopo lunga latenza clinica. Le evidenze scientifiche hanno documentato il rischio dei seguenti effetti nocivi, rischio ovviamente condizionato dai caratteri e dall entità del rumore, dalla durata dell esposizione, e dalle variabili individuali dei soggetti esposti: sul sistema nervoso centrale e periferico: stanchezza mentale, diminuita capacità di attenzione, di concentrazione e della memoria, turbe del sonno, rallentamento dei riflessi; sul sistema neuroendocrino: risposta di difesa allo stress con vari meccanismi, tra cui l aumento della produzione surrenale di ormoni steroidei; sullo stato psicologico: ansia, depressione o ipereccitabilità psicomotoria; sullo stato psicosomatico: ipertensione e turbe del ritmo cardiaco, ipercloridria gastrica e contrazioni della muscolatura involontaria gastro-enterica, aumento della frequenza respiratoria; sulle relazioni sociali: intolleranza, aggressività, conflittualità nei rapporti interpersonali. La prevenzione dei danni alla salute da rumore presuppone pertanto il controllo dell osservanza dei valori limite di legge, l adozione dei provvedimenti tecnici necessari e la sorveglianza sanitaria adeguata a evitare l esposizione dei soggetti più suscettibili per le loro condizioni di salute psicofisica. Onde elettromagnetiche Le onde elettromagnetiche prese solitamente in considerazione sono: onde a bassa frequenza (ELF), prodotte da linee elettriche ad alta tensione o da cabine elettriche di

9 benessere al lavoro9 trasformazione (queste ultime non devono trovar sede nel corpo degli edifici); onde ad alta (HF) e altissima frequenza (VHF), prodotte da radio, televisione, telefonia cellulare, forni a microonde. Per le une e le altre le norme fissano valori limite, nonostante le evidenze scientifiche, che pure ammettono un effetto biologico, non abbiano ancora raggiunto risultati univoci circa la loro nocività. Ciò soprattutto per le onde ad alta e altissima frequenza, che sono proprio quelle che possono interessare gli uffici (prodotte da sorgenti esterne come antenne radio-televisive e antenne radio-base delle telefonia mobile e interne come videoterminali, telefoni cellulari). L Agenzia Internazionale per le Ricerche sul Cancro di Lione (IARC), nel maggio 2011 ha classificato le onde elettromagnetiche dei telefonini nel Gruppo 2B, che comprende le cause di tumore possibilmente cancerogene ; il rischio è quindi inferiore a quello delle cause del Gruppo 1 (fattori sicuramente cancerogeni) e del Gruppo 2A (fattori probabili cancerogeni), ma è superiore a quello dei fattori del Gruppo 3 (fattori non classificabili come cancerogeni). L inserimento di queste radiazioni nel Gruppo 2B significa che esiste una limitata evidenza scientifica che l uso del cellulare possa essere causa di tumore, ossia che il nesso di causalità è debole ma sufficiente per applicare il principio di precauzione tramite adeguati comportamenti nell uso dei cellulari. La stessa Agenzia di Lione ha precisato che la suddetta classificazione delle radiazioni elettromagnetiche da telefoni mobili richiede ulteriori ricerche per essere confermata o meno. Per le onde di origine esterna, le norme vigenti fissano valori limite precauzionali nei vani degli edifici adibiti a permanenze (delle persone) non inferiori a quattro ore (nel corso delle 24 ore) ; tali limiti si applicano pertanto anche agli uffici. I videoterminali producono onde elettromagnetiche, ma la loro intensità è così debole che in genere non sono neppure misurabili, per cui si ritiene non comportino rischi per gli operatori addetti e per quelli circostanti. Tuttavia, poiché una potenziale nocività dipende, come per tutti i fattori ambientali, dalla durata dell esposizione e dalle condizioni di salute degli esposti, si considera precauzionale assicurare al lavoratore una distanza dallo schermo di cm (la stessa prevista anche per la prevenzione di danni visivi) e per i circostanti colleghi una distanza laterale di almeno un metro dal videoterminale più prossimo. I telefoni cellulari comportano rischi esclusivamente per gli utilizzatori. Producono onde tra 900 e MegaHerz e interferiscono con altre apparecchiature elettroniche. Il telefono in stand by invia con continuità un segnale di riconoscimento alla rete che lo rende immediatamente rintracciabile; emette quindi costantemente un campo elettromagnetico di bassa intensità. Durante la conversazione l emissione di campi elettromagnetici ad alta frequenza aumenta. Le frequenze della maggior parte dei telefoni portatili sono comprese tra 900 MegaHerz e 2 GigaHerz e il relativo effetto biologico dipende dalla quantità di energia elettromagnetica assorbita dai tessuti della testa. A parte le caratteristiche tecniche dell apparecchio, l effetto biologico è tanto maggiore quanto maggiore è l esposizione, ossia quanto più elevato è il tempo del suo uso. Le norme non stabiliscono valori limite di esposizione ai telefoni cellulari, anche se proposti ai produttori dei telefoni da varie organizzazioni scientifiche. Ad oggi, le informazioni e i consigli sulle modalità d uso dei telefoni cellulari sono gli unici strumenti di cui gli utenti dispongano per ridurre i rischi. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 614 del 10 dicembre 2009, confermata dalla Cassazione, ha riconosciuto come malattia professionale la comparsa di un tumore dei nervi cranici (neurinoma) in un dirigente d azienda che per esigenze di lavoro faceva uso del cellulare almeno 5 ore al giorno. La Corte ha quindi affermato il nesso di causalità, ossia ha riconosciuto un associazione significativa tra l esposizione alle radiazioni elettromagnetiche del cellulare e l insorgenza del tumore 8 regole per l uso del telefono cellulare Alcuni accorgimenti possono ridurre i rischi che potrebbero essere collegati all uso dei telefoni cellulari, soprattutto se protratto a lungo durante la giornata. Eccoli: 1. Tenere l apparecchio alla maggior distanza possibile dal corpo e in particolare dalla testa, facendo uso di auricolari e di vivavoce: a 1 m di distanza i valori di campo si riducono di 50 volte rispetto a quelli registrati vicino all apparecchio. 2. Fare conversazioni di durata limitata. 3. Non tenere l apparecchio contro l orecchio nella fase di attesa della comunicazione, durante la quale lavora alla massima potenza. 4. Non usarlo quando il segnale di campo è basso, un altro dei momenti in cui l apparecchio lavora alla massima potenza. 5. Non usarlo in viaggio, poiché le potenze sono elevate per evitare cadute di linea. 6. Spegnerlo durante la notte e nei periodi in cui si pensa di non averne bisogno. 7. Non usarlo durante la guida, non solo perché è vietato ma anche perché aumenta il rischio di incidenti. 8. Adottare un comportamento civile, evitando di disturbare i colleghi di lavoro, i vicini in autobus, in treno e nei luoghi pubblici.

10 0 benessere al lavoro Case history: efficienza e benessere, le soluzioni sodexo per 3m 3M, un azienda innovativa in continuo sviluppo Marchio famoso nel mondo soprattutto per alcuni prodotti di largo uso per l ufficio, come Scotch e Post-it, 3M ha un ampia gamma di prodotti e brand in svariati settori: display e grafica, elettronica e comunicazioni, salute, sicurezza e protezione, industria e trasporti. Fondata nel 1902, la 3M è in Italia dal Oggi ha nella nostra penisola quattro unità produttive, un centro di ricerca e sviluppo e uno di distribuzione prodotti che comprende l Europa Sudorientale, una sede a Roma e la Direzione Generale a Pioltello (alle porte di Milano). Le sfide del cliente: riduzione costi e trasloco L esigenza di 3M è migliorare l efficienza dei servizi e ridurre i costi. Inoltre necessita di gestire il trasloco e riorganizzare gli spazi della Direzione Generale da Segrate all edificio di nuova costruzione nell area del Malaspina Business Park di Pioltello. Il nuovo edificio deve essere in grado di ospitare lo stesso numero di dipendenti in un area tre volte più piccola della precedente, migliorando il benessere dei collaboratori. Le soluzioni di Sodexo: efficienza e coordinazione Sodexo ha partecipato attivamente fin dall inizio a tutte le fasi di progettazione e realizzazione del trasloco della sede. La Soluzione di Servizi offerta da Sodexo, che opera nei sei siti 3M in Italia, comprende, oltre al Progetto Moving, la gestione di spazi e spostamenti, ristorazione, pulizie, disinfestazione, bar, meeting room, organizzazione eventi, handyman, giardinaggio, spaccio aziendale, call center, servizi di posta, parco auto e biciclette, archivio. Non si tratta di un mero elenco di attività: Sodexo ha collaborato con 3M per aumentare la qualità e l efficienza dei servizi, pensati come un unica offerta coerente e sinergica. Tale risultato è stato raggiunto attraverso un attenta analisi delle necessità del Cliente, la progettazione condivisa di adeguati paradigmi di servizio e la reingegnerizzazione delle attività e delle metodologie tecniche ed operative. In tale ottica 3M e Sodexo sono giunti anche al perfezionamento di una cessione / acquisto di ramo di azienda che ha visto il passaggio in Sodexo di sei risorse 3M.

11 benessere al lavoro11 postazioni di lavoro disposte in modo da favorire tanto l attività lavorativa quanto il benessere delle persone, servizi adeguati a garantire efficienza e comfort, fino ad arrivare a iniziative particolari, come il bike-sharing aziendale... Un trasloco di successo curato in ogni particolare Sodexo ha gestito il trasloco degli uffici e il trasferimento di 600 persone in ogni aspetto: pianificazione, budget, coordinamento e supporto tecnico, istruzioni e comunicazione, imballaggio, procedure di Salute Sicurezza e Ambiente, cleaning days, campagna di comunicazione e pacchetto di benvenuto. Ha inoltre attivato un help desk dedicato per affrontare i problemi dopo lo spostamento, con il quale ha gestito 366 richieste nelle tre settimane successive. I benefici: nuova location valorizzata La riorganizzazione messa in atto da Sodexo ha permesso un aumento dell efficienza e una riduzione della spesa. Durante e in seguito al trasloco non c è stata nessuna interruzione delle attività lavorative. Anche la nuova sistemazione logistica e il contesto ambientale sono stati bene accolti dal personale di 3M. Alcuni interventi specifici, studiati per valorizzare la nuova location, hanno migliorato l impatto con il nuovo luogo di lavoro. Tra questi, l introduzione del bar in sede e In bici nel parco : una postazione, attrezzata e completa di spogliatoi, per il prestito di biciclette ai dipendenti. La nuova sede si trova infatti in una delle più Promuovere attività ed eventi sportivi ed incentivare l attività motoria è uno dei metodi in cui un azienda attenta alle persone può favorirne il benessere. grandi aree verdi dell hinterland milanese, vicino al laghetto Malaspina. Con l iniziativa del bike-sharing interno, si contribuisce a valorizzare la forte connotazione di sostenibilità ambientale dell edificio e a incentivare l attività motoria del personale, migliorando la qualità della vita quotidiana e il benessere.

12 2 benessere al lavoro Fattori umani: come essere soddisfatti e realizzati Dopo aver esaminato e scartato l intelligenza, il temperamento, il tipo di personalità, il grado di introversione, [ ] tutti tratti che possono essere presenti o meno, dare il loro contributo, essere, magari, dominanti, l unico elemento veramente generale, presente in tutti è la motivazione (J. Hillman). La motivazione al lavoro può essere definita come la spinta interiore che porta l individuo ad applicarsi con impegno nella propria occupazione, come una sorta di forza interna che stimola, regola e sostiene le principali azioni compiute dalla persona. Si tratta sicuramente di una caratteristica intrinseca all individuo, ma che può essere anche indotta e stimolata mediante alcuni interventi esterni. Unita alla soddisfazione personale, la motivazione concorre a migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro, contribuendo così al benessere psicofisico della persona e alla sua realizzazione professionale. La soddisfazione e la motivazione sono due leve fondamentali per la qualità della vita delle persone sul posto di lavoro, e per la loro efficienza ed efficacia. Aumenta anche l efficacia Essere soddisfatti e motivati in ambito lavorativo significa infatti riuscire meglio nelle proprie attività quotidiane, raggiungere i propri obiettivi e realizzare i propri desideri, superare lo stress e fronteggiare con successo i problemi, esprimere se stessi e mettere a frutto le proprie potenzialità, avere relazioni gradevoli ed efficaci con le altre persone.

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP DOVE L AZIENDA TROVA IL SUO SERVIZIO GLOBALE Pensate a tutti i servizi che devono essere attivati per assicurare alla vostra

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO Quello che un datore di lavoro deve sapere per effettuare una corretta valutazione dello stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO: di cosa si

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici VIDEOTERMINALI Decreto Legislativo 81/2008 Decreto ministeriale 2 ottobre

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

decalogo sull uso corretto dei telefoni cellulari

decalogo sull uso corretto dei telefoni cellulari decalogo sull uso corretto dei telefoni cellulari Il 97% degli italiani al di sopra dei 16 anni utilizza un telefono cellulare, il 35% addirittura due! Ma quali sono i rischi legati all esposizione (spesso

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE AREA MARKETING E COMUNICAZIONE Si tratta di un area particolarmente centrale del nostro settore, che punta a sviluppare le capacità comunicative e le tecniche di marketing (anche quelle non convenzionali),

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane 1 L integrazione dei processi della gestione delle Risorse Umane 3 2 Come i Modelli di Capacità consentono di integrare i processi? 5 pagina

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Catalogo formativo COM01 COM02 COM03 COM04 COM05 COM06 COMUNICARE Team working L arte di ascoltare - modulo 1 L arte di ascoltare

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti Ambiente ufficio e benessere Dalle buone intenzioni ai fatti Indicatori di malessere organizzativo insofferenza nell'andare al lavoro assenteismo disinteresse al lavoro desiderio di cambiare lavoro alto

Dettagli

Benessere e stili di vita nell età di mezzo

Benessere e stili di vita nell età di mezzo Donne e uomini al lavoro donne e uomini in salute U.O. Formazione Aziendale Benessere e stili di vita nell età di mezzo Invecchiamento attivo e promozione della salute globale nelle Aziende Ospedaliere

Dettagli

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile,

Dettagli

Benessere e lavoro nel Comune di Modena

Benessere e lavoro nel Comune di Modena Benessere e lavoro nel Comune di Modena Dott. Giuseppe Dieci Direttore generale 1 Il Comune di Modena: alcuni dati (al 31.10.2010) Numero dipendenti a tempo indeterminato: 1916 Numero dirigenti a tempo

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk Indice degli argomenti 1. Modulo 1 Customer Care/Help Desk...2 1.1. Servizi e tecnologie...2 1.1.1. Call Center...2

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione

Cittadinanza e Costituzione Cittadinanza e Costituzione Anno Scolastico 20010/11 Progetto di Cittadinanza e Costituzione Finalità Essere cittadini di un mondo in continuo cambiamento ha come premessa il conoscere e il porre in atto

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager La mente nella Peak Performance Come gestire la nostra energia Marzio Zanato HR & Performance Manager Fisiologia della Performance 2 Marzio Zanato HR & Performance Manager Velocità del processo (frequenza)

Dettagli

La salute: un vantaggio concorrenziale

La salute: un vantaggio concorrenziale La salute: un vantaggio concorrenziale La motivazione e dei vostri collaboratori non sono scontate e non devono essere lasciate al caso. Investendo nei vostri collaboratori investite anche nel successo

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli