sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere"

Transcript

1 soluzionisodexo sodexo migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro 3 n. speciale Benessere anno I, n.3, novembre 2012

2 benessere al lavoro Benessere al lavoro: l importanza della prevenzione per la mente e il corpo L attenzione che un azienda dedica alla persona intesa non solo come risorsa da utilizzare a beneficio della redditività economica, ma anche come portatrice di un proprio progetto fatto di desideri, valori, capacità, motivazioni, che se ben gestiti e indirizzati possono diventare un vero e proprio patrimonio aziendale rappresenta oggi un aspetto di fondamentale importanza da cui nessun datore di lavoro può più prescindere. Attenzione al benessere significa porre l accento su vari fattori, che abbracciano da un lato la salute e la sicurezza della persona, dall altro tutta una serie di aspetti che concorrono al benessere non solo fisico, ma anche morale e psicologico del lavoratore e che influenzano in modo determinante la qualità della vita sul lavoro. Ricerche e risultati Aspetti che sono stati ben evidenziati in due ricerche realizzate da Sodexo per comprendere appunto quali siano i fattori che influenzano la qualità della vita sul posto di lavoro generando benessere o che, al contrario, possono essere causa di stress e malcontento. In particolare, come vedremo in modo più approfondito nelle pagine seguenti, la ricerca Ambiente di lavoro e benessere prende in considerazione il punto di vista dei lavoratori - interrogati su cosa considerano importante per raggiungere il benessere in ufficio - mentre la ricerca Sfide, opportunità e bisogni della funzione HR, si rivolge a manager e direttori risorse umane per comprendere quali sono oggi i processi di gestione del personale più critici e dove si stanno concentrando gli sforzi delle Direzioni HR, nel presente e nel futuro più prossimo. Solo per fare qualche esempio, si tratta di fattori organizzativi, come la flessibilità di orario e di gestione della pausa pranzo o l opportunità di Due ricerche commissionate da Sodexo dimostrano che oggi la qualità della vita in azienda è la sfida e l interesse comune ai direttori risorse umane e ai lavoratori. seguire corsi di formazione e apprendimento; fattori umani, come l incentivazione all attività motoria e sportiva, la promozione di un alimentazione sana, l offerta di controlli medici o di sedute psicologiche ma anche la palestra aziendale o un servizio di mobilità come le navette interne; e infine fattori ambientali, relativi agli spazi di socializzazione, agli arredi, all illuminazione e alla climatizzazione... Possono fare la differenza Tutti aspetti che, se presenti e ben gestiti, determinano un buon grado di soddisfazione e motivazione con tutti i risvolti positivi che ne

3 benessere al lavoro 3 tra normativa e azioni volontarie, ogni azienda o istituzione può pianificare diversi interventi a favore della sicurezza dei lavoratori e del loro benessere. la qualità della vita personale si traduce in motivazione ed efficienza sul lavoro. conseguono, dalla riduzione degli errori a un minore assenteismo, da una accresciuta produttività a una maggiore identificazione con lo spirito aziendale mentre invece se assenti o trascurati possono trasformarsi in cause di stress e malcontento. Già più di due secoli fa l economista Smith diceva: Un uomo lavora produttivamente se si sente trattato da uomo dove lavora e se sa che c è interesse a che lui stia bene. Tra normativa e interventi volontari Oggi questo pensiero si è tradotto in un vero e proprio dettame legislativo: tutti i datori di lavoro hanno infatti l obbligo giuridico di tutelare la salute e la sicurezza sul lavoro dei propri dipendenti a 360, dalla sfera fisica a quella psicologica, così come previsto dal Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/2008 che ha sostituito il D.Lgs 626/1994). Naturalmente, ogni azienda o organizzazione Lo stress: non sempre è dannoso Il termine stress, ormai entrato nel linguaggio comune con un significato negativo, a indicare una condizione dannosa e pericolosa di sofferenza, ha in realtà una connotazione assolutamente neutra: fu usato per la prima volta dal medico austriaco Hans Selye, che lo definì come una sindrome generale di adattamento. Stress indica infatti lo sforzo che un organismo fa per cercare di adattarsi all ambiente in cui vive o di rispondere a una situazione. Tutta la vita è basata su continui aggiustamenti che l individuo mette in atto, spesso senza accorgersene, per affrontare efficacemente la realtà in cui vive. Questo vale anche sul lavoro, dove anzi una certa dose di stress positivo, inteso come carica d energia e attività e motivazione al fare bene, a dare il meglio di sè, è fondamentale non solo per il raggiungimento dei risultati, ma anche per il benessere e la soddisfazione individuale. Quello da combattere, semmai, è quel tipo di stress che si allontana troppo dal livello ottimale di carica personale, quello che fa stare in una condizione di eccessiva allerta, oppure lo stress prolungato nel tempo o troppo intenso, che non consente all organismo di ristabilire l equilibrio per rispondere e adattarsi ai cambiamenti, ma lo porta invece a una situazione di esaurimento. Quella che di solito è chiamata stress, appunto.

4 benessere al lavoro può scegliere di andare oltre il semplice rispetto della normativa, per esempio rendendo più confortevole l ambiente lavorativo, da un punto di vista sia materiale sia relazionale, facilitando l adozione di un sano stile di vita dei propri dipendenti oppure semplificando il loro metodo di lavoro. Come vedremo, alcuni interventi migliorativi delle condizioni di lavoro hanno dei costi, che vengono presto bilanciati dall aumento della motivazione, dell efficacia e dell efficienza delle persone, e altri richiedono soltanto di rivedere l organizzazione interna, di affrontare i processi e la gestione del personale in modo innovativo. Fattori organizzativi, umani e ambientali svolgono un ruolo fondamentale nel creare benessere per il lavoratore o, se mal gestiti o assenti, a causare stress e demotivazione. Un numero speciale di Soluzioni Questo è un numero tutto dedicato a questi temi, un vero e proprio speciale dove cerchiamo di dare un ampio quadro dei fattori che aumentano la fedeltà verso l azienda e di quelli che invece possono essere responsabili di stress (per la definizione e le sue interpretazioni vedi il box nella pagina precedente). Secondo la Research on work-related stress, dell Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, oggi lo stress negativo legato all occupazione è una vera e propria malattia che affligge un terzo delle persone attive nell Unione Europea e che quindi dovrebbe essere gestita nello stesso modo con cui si affrontano i problemi legati alla salute e alla sicurezza in generale. Vediamo allora come limitare lo stress e accrescere la soddisfazione.

5 Qualità della vita: due ricerche per orientare al meglio l azione benessere al lavoro5 Per capire quali misure adottare allo scopo di migliorare la qualità della vita in ufficio, Sodexo ha realizzato due interessanti ricerche, di cui riportiamo di seguito i principali risultati. La ricerca sui lavoratori La prima si intitola Ambiente di lavoro e benessere, ed è stata presentata in occasione della Facility Management Convention di IFMA e discussa al Convegno BenEssere, entrambi a Milano. Nell indagine sono state interpellate 600 persone assunte in aziende con più di 250 dipendenti (rappresentative per aree Nilsen), alle quali è stato chiesto di dire quali fattori - suddivisi in fattori organizzativi (servizi di supporto), ambientali (spazi) e umani (servizi per conciliare la vita privata e il lavoro) - influenzano la qualità della vita in ufficio e la fidelizzazione all azienda. Un percorso virtuoso L obiettivo della ricerca era comprendere cosa le persone considerano importante per raggiungere il benessere al lavoro, quali sono i Fin fattori dall inizio maggiormente la responsabili dello stress Campagna e quali quelli Sodexo che aumentano ha la fedeltà verso guardato l azienda. con Ecco cosa è emerso. Per la maggior parte degli intervistati i fattori fondamentali interesse e rispetto ai per stare bene al lavoro e accrescere la fedeltà contenuti all azienda dei sono: Progetti europeo relazioni e nazionale positive con i colleghi sugli orario stili di lavoro vita flessibile salutari, spazio e di ora lavoro ha adeguato ottenuto ambiente dal sicuro Ministero e pulito sistema di incentivazione equo e che rispetti le diversità. il riconoscimento della Lo stress sintonia è causato degli in particolare dall essere argomenti disturbati (violazione e della privacy), dal non poter gestire modo di autonomamente il proprio lavoro e del esprimerli dalla presenza di discriminazioni in azienda. e divulgarli con il L indagine sui manager Programma Nella seconda ricerca, invece, dal titolo Sfide, Guadagnare opportunità e salute. bisogni della funzione HR, realizzata da OD&M per Sodexo Motivation Solutions in 152 aziende di ambiti, dimensioni e zone geografiche diversi, l attenzione era rivolta invece ai Direttori Risorse Umane che, come i lavoratori, hanno interesse alla qualità della vita in azienda. L indagine era mirata a comprendere quali sono oggi i processi di gestione delle risorse umane più critici e più presidiati e dove si concentrano gli sforzi delle direzioni risorse umane, distinguendo tra priorità attuali (ultimi due-tre anni) e sfide future (prossimi tre-cinque anni). I risultati dicono che se oggi è prioritario, anche data la situazione di crisi, puntare a sviluppo e cambiamento organizzativo, costo del personale, efficienza dei processi amministrativi, la prospettiva futura si sposta verso i processi che mettono al centro la persona e l individuo: sviluppo della leadership, sistemi di incentivazione e di Performance Management, sistemi di gestione dei talenti. Un attenzione mirata e particolare ancora una volta a quei fattori umani che concorrono a migliorare la qualità di vita in azienda e a comporre quel benessere a 360 di cui ogni lavoratore dovrebbe godere.

6 benessere al lavoro fattori organizzativi ovvero strumenti e servizi per vivere meglio in ufficio Nel prendere in considerazione i fattori che possono o meno influenzare la qualità della vita in ufficio, ce ne sono alcuni talmente importanti e scontati da non essere neanche annoverati in un ipotetico elenco ma che, nel momento in cui mancano, causano nel lavoratore malcontento e stress. Come fossero una sorta di prerequisito che, se mancante o trascurato dall azienda, si trasforma in un fattore demotivante. Sono quelli emersi dalla ricerca Sodexo, cioè i cosiddetti fattori organizzativi, quella serie di servizi che un azienda può mettere a disposizone dei propri dipendenti per rendere la loro permanenza in ufficio più piacevole, e per semplificare alcune procedure lavorative. Dal wi-fi ai pasti fuori orario Tra i fattori organizzativi più sentiti come fondamentali nella vita aziendale troviamo sicuramente ai primi posti la sicurezza sul posto di lavoro e l igiene, ovvero un adeguata pulizia degli ambienti: due fattori talmente importanti da essere appunto dati per scontati come presenti sempre e ovunque. A seguire risultano di fondamentale importanza tutti quei servizi che consentono alle persone di lavorare in modo più veloce, anche lontano dalla propria postazione, o che permettono di condividere rapidamente informazioni e dati con i colleghi. Solo per fare qualche esempio, pensiamo alla possibilità di accedere rapidamente a posta e documenti condivisi, alla disponibilità di un servizio help desk efficiente, alla possibilità di connettersi con l ufficio e consultare i documenti di lavoro anche dall esterno. Sono tutte opzioni che semplificano e accelerano notevolmente il modo di operare. Non meno importanti, poi, ci sono tutta quella serie di aspetti che possono rendere più piacevole la permanenza in ufficio: a livello di ristorazione, ad esempio, è ritenuto un fattore di grande importanza la flessibilità della pausa pranzo, ovvero la possibilità di potersi gestire il momento del pasto nell orario preferito e di disporre di cibi e bevande durante tutto l arco della giornata lavorativa. Altro fattore motivante e fidelizzante riguarda poi l immagine aziendale: lavorare in un posto in cui anche l aspetto esteriore viene curato aumenta notevolmente la qualità percepita dalle persone e favorisce l attaccamento all azienda. Ecco allora come anche una reception ben curata con personale sorridente ed educato possono fare la differenza. Dal cestino da asporto da consumare dove si preferisce alle pulizie, dalla cura del verde alla gestione dell help desk, anche così Sodexo soddisfa esigenze differenti.

7 benessere al lavoro7 Fattori ambientali: tra onde sonore ed elettromagnetiche anche nell attività di ufficio sono riconoscibili, in maggiore o minore concentrazione, diversi fattori potenzialmente nocivi per l organismo umano. Esserne pienamente informati aiuta a non sottovalutare pericoli reali. Ne avevamo già parlato sul primo numero di Soluzioni, ma riprendiamo l argomento in questo Speciale, perché sicurezza e salute sono uno degli aspetti fondamentali che concorrono al benessere del lavoratore in qualsiasi ambiente si trovi: in ufficio, in fabbrica, a scuola, in ospedale... Sono tanti i fattori a cui fare attenzione, alcuni più evidenti altri a cui spesso non si pensa, ma che invece possono essere fonte di malessere e criticità. Anche questa volta ci siamo avvalsi della preziosa consulenza di Antonio Faggioli, Medico, Libero Docente in Igiene dell Università di Bologna e membro dell ISDE (Associazione Medici per l Ambiente) e del Comitato Scientifico Sodexo, che ci ha fornito altri interessanti spunti su questo tema. Rumore e inquinamento acustico Il rumore è una situazione acustica sgradevole, non voluta, che infastidisce e che può alterare o impedire l ascolto di segnali utili nel proprio ambiente. Le norme fissano valori limite del rumore diversi per l ambiente esterno agli edifici, per i luoghi di lavoro chiusi e aperti e per le abitazioni. Nel caso degli uffici si assumono, secondo prassi corrente, i limiti previsti per le abitazioni, che si distinguono a seconda che il rumore sia di origine esterna o prodotto all interno da impianti tecnologici. Per questi ultimi il valore limite è di 35 decibel (db) per i servizi a funzionamento discontinuo (ascensori, scarichi idraulici, servizi igienici e rubinetterie) e di 25 db per quelli a funzionamento continuo (apparecchi di riscaldamento, aerazione, condizionamento). Per i rumori di origine esterna può essere applicato anche negli uffici il criterio del limite differenziale previsto per le abitazioni (DPCM ). Il calcolo di tale limite richiede la misurazione preliminare del: a) rumore esterno assoluto, ossia quello complessivo prodotto nell ambiente esterno da tutte le sorgenti sonore presenti; b) rumore esterno residuo, ossia il rumore che residua dalla riduzione del valore assoluto per la cessazione di particolari sorgenti in esame. Il rumore residuo con l aggiunta di 5 db nell arco diurno (ore 6-22) e di 3 db nell arco notturno (ore 22 6), costituisce il limite differenziale da non su-

8 benessere al lavoro perare. Per esempio, se il valore residuo è di 25 db, nell arco diurno si aggiungono 5 db per cui il limite differenziale da non superare all interno dei vani è di 30 db. Un altro limite per il rumore negli uffici può essere quello di cui alla Norma ISE R 1996 (55 db), considerato che le vigenti norme sulla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs. n. 81/2008) non contemplano gli uffici tra quelli per i quali sono stati definiti limiti di rumorosità. Tuttavia, anche qualora si riscontri negli uffici la conformità al limite differenziale correlato al rumore esterno, non va trascurato quello prodotto all interno da apparecchiature di lavoro: ventola di raffreddamento dei PC (30 db), stampante laser (30 db), fotocopiatrice (50 db). Il criterio generale da applicare è quello che i rumori di origine interna non superino quello della voce parlata (40-50 db), rendendo inintelligibili le parole. In ogni caso, difficilmente il rumore prodotto all esterno e all interno dell ufficio può essere causa di danni all udito, ma piuttosto di affaticamento mentale, difficoltà di concentrazione, riduzione del rendimento lavorativo. Se l osservanza dei valori limite è un buon criterio sul piano giuridico, per la protezione della salute dei soggetti esposti, data la variabilità della sensibilità individuale, i danni alla salute non possono essere esclusi anche per valori inferiori a quelli limite, soprattutto per esposizioni prolungate e in condizioni psico-fisiche compromesse. Gli effetti del rumore sull organismo umano hanno alcune caratteristiche distintive: insorgono anche in assenza di percezione sensoriale, non danno luogo ad adattamento anche a seguito di esposizione prolungata, aumentano in proporzione maggiore rispetto agli aumenti del rumore, i tempi di recupero sono più lunghi di quelli dell esposizione e sono influenzati da variabili individuali, tra cui lo stato di salute. Gli effetti nocivi possono essere di due tipi: uditivi, tipici dell esposizione professionale in luoghi di lavoro molto rumorosi, ed extrauditivi, che interessano la comunità e i singoli individui che, a seguito di esposizioni prolungate, subiscono danni a vari organi e apparati che si manifestano dopo lunga latenza clinica. Le evidenze scientifiche hanno documentato il rischio dei seguenti effetti nocivi, rischio ovviamente condizionato dai caratteri e dall entità del rumore, dalla durata dell esposizione, e dalle variabili individuali dei soggetti esposti: sul sistema nervoso centrale e periferico: stanchezza mentale, diminuita capacità di attenzione, di concentrazione e della memoria, turbe del sonno, rallentamento dei riflessi; sul sistema neuroendocrino: risposta di difesa allo stress con vari meccanismi, tra cui l aumento della produzione surrenale di ormoni steroidei; sullo stato psicologico: ansia, depressione o ipereccitabilità psicomotoria; sullo stato psicosomatico: ipertensione e turbe del ritmo cardiaco, ipercloridria gastrica e contrazioni della muscolatura involontaria gastro-enterica, aumento della frequenza respiratoria; sulle relazioni sociali: intolleranza, aggressività, conflittualità nei rapporti interpersonali. La prevenzione dei danni alla salute da rumore presuppone pertanto il controllo dell osservanza dei valori limite di legge, l adozione dei provvedimenti tecnici necessari e la sorveglianza sanitaria adeguata a evitare l esposizione dei soggetti più suscettibili per le loro condizioni di salute psicofisica. Onde elettromagnetiche Le onde elettromagnetiche prese solitamente in considerazione sono: onde a bassa frequenza (ELF), prodotte da linee elettriche ad alta tensione o da cabine elettriche di

9 benessere al lavoro9 trasformazione (queste ultime non devono trovar sede nel corpo degli edifici); onde ad alta (HF) e altissima frequenza (VHF), prodotte da radio, televisione, telefonia cellulare, forni a microonde. Per le une e le altre le norme fissano valori limite, nonostante le evidenze scientifiche, che pure ammettono un effetto biologico, non abbiano ancora raggiunto risultati univoci circa la loro nocività. Ciò soprattutto per le onde ad alta e altissima frequenza, che sono proprio quelle che possono interessare gli uffici (prodotte da sorgenti esterne come antenne radio-televisive e antenne radio-base delle telefonia mobile e interne come videoterminali, telefoni cellulari). L Agenzia Internazionale per le Ricerche sul Cancro di Lione (IARC), nel maggio 2011 ha classificato le onde elettromagnetiche dei telefonini nel Gruppo 2B, che comprende le cause di tumore possibilmente cancerogene ; il rischio è quindi inferiore a quello delle cause del Gruppo 1 (fattori sicuramente cancerogeni) e del Gruppo 2A (fattori probabili cancerogeni), ma è superiore a quello dei fattori del Gruppo 3 (fattori non classificabili come cancerogeni). L inserimento di queste radiazioni nel Gruppo 2B significa che esiste una limitata evidenza scientifica che l uso del cellulare possa essere causa di tumore, ossia che il nesso di causalità è debole ma sufficiente per applicare il principio di precauzione tramite adeguati comportamenti nell uso dei cellulari. La stessa Agenzia di Lione ha precisato che la suddetta classificazione delle radiazioni elettromagnetiche da telefoni mobili richiede ulteriori ricerche per essere confermata o meno. Per le onde di origine esterna, le norme vigenti fissano valori limite precauzionali nei vani degli edifici adibiti a permanenze (delle persone) non inferiori a quattro ore (nel corso delle 24 ore) ; tali limiti si applicano pertanto anche agli uffici. I videoterminali producono onde elettromagnetiche, ma la loro intensità è così debole che in genere non sono neppure misurabili, per cui si ritiene non comportino rischi per gli operatori addetti e per quelli circostanti. Tuttavia, poiché una potenziale nocività dipende, come per tutti i fattori ambientali, dalla durata dell esposizione e dalle condizioni di salute degli esposti, si considera precauzionale assicurare al lavoratore una distanza dallo schermo di cm (la stessa prevista anche per la prevenzione di danni visivi) e per i circostanti colleghi una distanza laterale di almeno un metro dal videoterminale più prossimo. I telefoni cellulari comportano rischi esclusivamente per gli utilizzatori. Producono onde tra 900 e MegaHerz e interferiscono con altre apparecchiature elettroniche. Il telefono in stand by invia con continuità un segnale di riconoscimento alla rete che lo rende immediatamente rintracciabile; emette quindi costantemente un campo elettromagnetico di bassa intensità. Durante la conversazione l emissione di campi elettromagnetici ad alta frequenza aumenta. Le frequenze della maggior parte dei telefoni portatili sono comprese tra 900 MegaHerz e 2 GigaHerz e il relativo effetto biologico dipende dalla quantità di energia elettromagnetica assorbita dai tessuti della testa. A parte le caratteristiche tecniche dell apparecchio, l effetto biologico è tanto maggiore quanto maggiore è l esposizione, ossia quanto più elevato è il tempo del suo uso. Le norme non stabiliscono valori limite di esposizione ai telefoni cellulari, anche se proposti ai produttori dei telefoni da varie organizzazioni scientifiche. Ad oggi, le informazioni e i consigli sulle modalità d uso dei telefoni cellulari sono gli unici strumenti di cui gli utenti dispongano per ridurre i rischi. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 614 del 10 dicembre 2009, confermata dalla Cassazione, ha riconosciuto come malattia professionale la comparsa di un tumore dei nervi cranici (neurinoma) in un dirigente d azienda che per esigenze di lavoro faceva uso del cellulare almeno 5 ore al giorno. La Corte ha quindi affermato il nesso di causalità, ossia ha riconosciuto un associazione significativa tra l esposizione alle radiazioni elettromagnetiche del cellulare e l insorgenza del tumore 8 regole per l uso del telefono cellulare Alcuni accorgimenti possono ridurre i rischi che potrebbero essere collegati all uso dei telefoni cellulari, soprattutto se protratto a lungo durante la giornata. Eccoli: 1. Tenere l apparecchio alla maggior distanza possibile dal corpo e in particolare dalla testa, facendo uso di auricolari e di vivavoce: a 1 m di distanza i valori di campo si riducono di 50 volte rispetto a quelli registrati vicino all apparecchio. 2. Fare conversazioni di durata limitata. 3. Non tenere l apparecchio contro l orecchio nella fase di attesa della comunicazione, durante la quale lavora alla massima potenza. 4. Non usarlo quando il segnale di campo è basso, un altro dei momenti in cui l apparecchio lavora alla massima potenza. 5. Non usarlo in viaggio, poiché le potenze sono elevate per evitare cadute di linea. 6. Spegnerlo durante la notte e nei periodi in cui si pensa di non averne bisogno. 7. Non usarlo durante la guida, non solo perché è vietato ma anche perché aumenta il rischio di incidenti. 8. Adottare un comportamento civile, evitando di disturbare i colleghi di lavoro, i vicini in autobus, in treno e nei luoghi pubblici.

10 0 benessere al lavoro Case history: efficienza e benessere, le soluzioni sodexo per 3m 3M, un azienda innovativa in continuo sviluppo Marchio famoso nel mondo soprattutto per alcuni prodotti di largo uso per l ufficio, come Scotch e Post-it, 3M ha un ampia gamma di prodotti e brand in svariati settori: display e grafica, elettronica e comunicazioni, salute, sicurezza e protezione, industria e trasporti. Fondata nel 1902, la 3M è in Italia dal Oggi ha nella nostra penisola quattro unità produttive, un centro di ricerca e sviluppo e uno di distribuzione prodotti che comprende l Europa Sudorientale, una sede a Roma e la Direzione Generale a Pioltello (alle porte di Milano). Le sfide del cliente: riduzione costi e trasloco L esigenza di 3M è migliorare l efficienza dei servizi e ridurre i costi. Inoltre necessita di gestire il trasloco e riorganizzare gli spazi della Direzione Generale da Segrate all edificio di nuova costruzione nell area del Malaspina Business Park di Pioltello. Il nuovo edificio deve essere in grado di ospitare lo stesso numero di dipendenti in un area tre volte più piccola della precedente, migliorando il benessere dei collaboratori. Le soluzioni di Sodexo: efficienza e coordinazione Sodexo ha partecipato attivamente fin dall inizio a tutte le fasi di progettazione e realizzazione del trasloco della sede. La Soluzione di Servizi offerta da Sodexo, che opera nei sei siti 3M in Italia, comprende, oltre al Progetto Moving, la gestione di spazi e spostamenti, ristorazione, pulizie, disinfestazione, bar, meeting room, organizzazione eventi, handyman, giardinaggio, spaccio aziendale, call center, servizi di posta, parco auto e biciclette, archivio. Non si tratta di un mero elenco di attività: Sodexo ha collaborato con 3M per aumentare la qualità e l efficienza dei servizi, pensati come un unica offerta coerente e sinergica. Tale risultato è stato raggiunto attraverso un attenta analisi delle necessità del Cliente, la progettazione condivisa di adeguati paradigmi di servizio e la reingegnerizzazione delle attività e delle metodologie tecniche ed operative. In tale ottica 3M e Sodexo sono giunti anche al perfezionamento di una cessione / acquisto di ramo di azienda che ha visto il passaggio in Sodexo di sei risorse 3M.

11 benessere al lavoro11 postazioni di lavoro disposte in modo da favorire tanto l attività lavorativa quanto il benessere delle persone, servizi adeguati a garantire efficienza e comfort, fino ad arrivare a iniziative particolari, come il bike-sharing aziendale... Un trasloco di successo curato in ogni particolare Sodexo ha gestito il trasloco degli uffici e il trasferimento di 600 persone in ogni aspetto: pianificazione, budget, coordinamento e supporto tecnico, istruzioni e comunicazione, imballaggio, procedure di Salute Sicurezza e Ambiente, cleaning days, campagna di comunicazione e pacchetto di benvenuto. Ha inoltre attivato un help desk dedicato per affrontare i problemi dopo lo spostamento, con il quale ha gestito 366 richieste nelle tre settimane successive. I benefici: nuova location valorizzata La riorganizzazione messa in atto da Sodexo ha permesso un aumento dell efficienza e una riduzione della spesa. Durante e in seguito al trasloco non c è stata nessuna interruzione delle attività lavorative. Anche la nuova sistemazione logistica e il contesto ambientale sono stati bene accolti dal personale di 3M. Alcuni interventi specifici, studiati per valorizzare la nuova location, hanno migliorato l impatto con il nuovo luogo di lavoro. Tra questi, l introduzione del bar in sede e In bici nel parco : una postazione, attrezzata e completa di spogliatoi, per il prestito di biciclette ai dipendenti. La nuova sede si trova infatti in una delle più Promuovere attività ed eventi sportivi ed incentivare l attività motoria è uno dei metodi in cui un azienda attenta alle persone può favorirne il benessere. grandi aree verdi dell hinterland milanese, vicino al laghetto Malaspina. Con l iniziativa del bike-sharing interno, si contribuisce a valorizzare la forte connotazione di sostenibilità ambientale dell edificio e a incentivare l attività motoria del personale, migliorando la qualità della vita quotidiana e il benessere.

12 2 benessere al lavoro Fattori umani: come essere soddisfatti e realizzati Dopo aver esaminato e scartato l intelligenza, il temperamento, il tipo di personalità, il grado di introversione, [ ] tutti tratti che possono essere presenti o meno, dare il loro contributo, essere, magari, dominanti, l unico elemento veramente generale, presente in tutti è la motivazione (J. Hillman). La motivazione al lavoro può essere definita come la spinta interiore che porta l individuo ad applicarsi con impegno nella propria occupazione, come una sorta di forza interna che stimola, regola e sostiene le principali azioni compiute dalla persona. Si tratta sicuramente di una caratteristica intrinseca all individuo, ma che può essere anche indotta e stimolata mediante alcuni interventi esterni. Unita alla soddisfazione personale, la motivazione concorre a migliorare la qualità della vita sul luogo di lavoro, contribuendo così al benessere psicofisico della persona e alla sua realizzazione professionale. La soddisfazione e la motivazione sono due leve fondamentali per la qualità della vita delle persone sul posto di lavoro, e per la loro efficienza ed efficacia. Aumenta anche l efficacia Essere soddisfatti e motivati in ambito lavorativo significa infatti riuscire meglio nelle proprie attività quotidiane, raggiungere i propri obiettivi e realizzare i propri desideri, superare lo stress e fronteggiare con successo i problemi, esprimere se stessi e mettere a frutto le proprie potenzialità, avere relazioni gradevoli ed efficaci con le altre persone.

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori ISPESL Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori DIPARTIMENTO DOCUMENTAZIONE INFORMAZIONE E FORMAZIONE L ISPESL favorisce la riproduzione di questa dispensa per la distribuzione a lavoratori

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli