Alla segreteria del Direttore Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alla segreteria del Direttore Generale"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse economico-finanziarie e del Personale Unità Funzionale VI Organizzazione, Relazioni sindacali, Attività d Ispezione Amministrativa Roma 4 APR 2007 Via Urbana Telef AOO /07 Circolare n. 1/07 Alla segreteria del Presidente Alla segreteria del Direttore Generale Al Direttore del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse economico-finanziarie e del personale Al Dipartimento relazioni esterne e servizi comuni di supporto alle aree di ricerca Casilina e Monteporzio Al Dipartimento informatico-statistico Ai direttori dei dipartimenti centrali Ai direttori dei dipartimenti territoriali Ai direttori delle unità funzionali del dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse economico-finanziarie e del personale Ai direttori delle unità funzionali del dipartimento relazioni esterne e servizi comuni di supporto alle aree di ricerca Casilina e Monteporzio Ai direttori delle unità funzionali del dipartimento informatico - statistico Ai direttori delle Unità Funzionali amministrative dei dipartimenti territoriali di Roma e Napoli Al responsabile del servizio prevenzione e Protezione Dpgrep. U.F. VI O.P. 1

2 Al responsabile dell Ufficio Tecnico Al capo Ufficio stampa Al responsabile Ufficio relazioni con il pubblico Al responsabile del centro ricerche di Lamezia Terme Ai membri della Commissione consultiva per i benefici socio-assistenziali S E D E e, p.c. Alla FIR-CISL Alla UIL-PA Alla FLC-CGIL All ANPRI Alla USI-RdB/Ricerca Loro SEDI Oggetto: Accordo integrativo decentrato, di livello nazionale, per la disciplina dei benefici socio assistenziali. Circolare esplicativa recante chiarimenti ed indicazioni per l erogazione dei sussidi PREMESSA In conformità a quanto sancito dall accordo integrativo, di livello nazionale, per la disciplina del trattamento economico accessorio del personale appartenente ai livelli IV - IX e I - III per l anno 2006, sottoscritto in data 3 aprile 2006 da questa Amministrazione e le OO.SS. FIR- CISL, UIL PA e FLC CGIL, le parti sono intervenute per modificare l accordo integrativo di livello nazionale per la disciplina dei benefici socio assistenziali sottoscritto in data 30 settembre Si è trattato di un importante iniziativa volta a consentire un sostanziale ampliamento dei benefici in parola, sia con riferimento al personale destinatario che alle prestazioni previste. Dpgrep. U.F. VI O.P. 2

3 Le modifiche al precedente accordo del 30 settembre 2004 sono state stabilite in un apposito accordo integrativo decentrato, di livello nazionale, sottoscritto in data 8 marzo 2007 da questa Amministrazione e dalle sopracitate OO.SS., in quanto firmatarie del richiamato accordo integrativo del 3 aprile Con la presente circolare si provvede a fornire i chiarimenti e le indicazioni necessarie per accedere alla fruizione dei sussidi in argomento. Si trasmette, inoltre, l accordo integrativo decentrato di livello nazionale dell 8 marzo 2007 (all. 1), con il quale è stato modificato il precedente accordo del 30 settembre 2004, nonché un testo aggiornato (all. 2), recante la disciplina complessiva risultante dall Accordo integrativo del 30 settembre 2004 come modificata dall Accordo dell 8 marzo 2007, al fine di consentire una lettura integrale ed esaustiva delle clausole che regolano l intera materia. VALIDITA E PERSONALE DESTINATARIO La disciplina per la erogazione dei benefici socio-assistenziali, per effetto dell accordo integrativo decentrato sottoscritto in data 8 marzo 2007, è valida per il triennio 1 gennaio dicembre Le richieste di sussidio per eventi accaduti o prestazioni ottenute entro il 31 dicembre 2006, già inoltrate al competente ufficio dopo il 6 dicembre 2006 data dell ultima riunione della Commissione consultiva istituita con l accordo integrativo del 30 settembre 2004 sono liquidate, qualora sussistano i relativi requisiti, secondo la disciplina prevista dal predetto Accordo, compresi i limiti di rimborso annui ivi previsti da riferire all anno 2006, che non si cumulano con i sussidi da erogare dal 1 gennaio Le richieste di sussidio per eventi accaduti o prestazioni ottenute entro il 31 dicembre 2006, non ancora inoltrate, possono essere presentate al competente ufficio entro e non oltre il 15 maggio Esse sono liquidate, qualora sussistano i relativi requisiti, secondo la disciplina prevista dall Accordo integrativo del 30 settembre Ai fini del rimborso delle spese sostenute non è rilevante che la documentazione amministrativo-contabile riguardi l anno 2007, rilevando nella specie il momento di svolgimento dell evento o della prestazione. Dpgrep. U.F. VI O.P. 3

4 In ordine al personale destinatario va segnalata l importante novità rispetto al passato, di aver incluso tra i beneficiari dell accordo 8 marzo 2007 il personale con contratto di lavoro a tempo determinato di tipo subordinato. La disciplina sui benefici socio-assistenziali, pertanto, si applica al personale in servizio presso l Istituto a tempo indeterminato, con estensione al personale in posizione di comando proveniente da altra amministrazione purché non usufruisca di analoghi benefici presso l amministrazione di provenienza - nonché al personale a tempo determinato con rapporto di lavoro subordinato. È escluso, conseguentemente, il personale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, titolare di borse di studio di assegni di ricerca ovvero di incarichi di ricerca. TIPOLOGIE DEI BENEFICI SOCIO-ASSISTENZIALI I dipendenti destinatari della disciplina in argomento possono presentare domande per la fruizione delle sottoindicate tipologie di benefici: a) documentate situazioni di necessità; b) gravi eventi che incidono sul bilancio familiare del dipendente; c) borse di studio ai figli dei dipendenti, nonché sussidi per l iscrizione agli asili nido e per l acquisto di libri per le scuole di istruzione primaria (scuole medie), secondaria (scuole superiori) e per l università; d) assistenza sanitaria. A. Sussidi erogati in presenza di situazioni di necessità e gravi eventi - lettere a) e b) È possibile accedere alla erogazione dei sussidi in presenza dei sottoindicati eventi: A1. Decesso del dipendente, o del figlio/a, o del coniuge, o dei genitori (questi ultimi solo se fiscalmente a carico): il sussidio è concesso per le spese funerarie conseguenti al grave evento luttuoso, nel limite di 1.500,00 euro annui. In caso di decesso del dipendente la richiesta può essere prodotta nell ordine dal coniuge superstite, dai figli e dai genitori, questi ultimi solo se fiscalmente a carico. Dpgrep. U.F. VI O.P. 4

5 Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 500,00 euro dell importo del sussidio (portato da 1000,00 a 1500,00 euro), nonché la soppressione del limite previsto con il precedente accordo (spesa sostenuta superiore al 5% del bilancio familiare). A2. Incendio della casa di proprietà o di abitazione (in locazione) del dipendente: il sussidio è concesso ove tale rischio non sia coperto da apposita polizza assicurativa. Alla erogazione del sussidio si provvede nei casi in cui i danni subiti siano superiori al 5% del bilancio familiare come risultante da dichiarazione resa al fisco. Il sussidio è concesso nel limite di 1.200,00 euro annui. Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 200,00 euro dell importo del sussidio (portato da 1000,00 a 1200,00 euro). A3. Trasloco del dipendente: alla erogazione del sussidio si provvede nel caso in cui le spese sostenute siano superiori al 5% del bilancio familiare come risultante da dichiarazioni rese al fisco. Il sussidio è concesso nel limite di 750,00 euro annui. Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 250,00 euro dell importo del sussidio (portato da 500,00 a 750,00 euro), nonché la soppressione della condizione posta con il precedente accordo (trasloco conseguente a sfratto esecutivo). I sussidi di cui alle lettere A1, A2 e A3 sono cumulabili nel corso dell anno sia per la medesima che per le tre diverse fattispecie. Documentazione da allegare alla richiesta di sussidio. Il sussidio richiesto è concesso in un unica soluzione, dietro presentazione della documentazione, in originale o in copia conforme, comprovante uno degli eventi suddetti, ed in particolare: Per l evento di cui alla lettera A1 occorre produrre: certificato di morte (del dipendente, del coniuge, del figlio/a, del genitore); ricevuta fiscale (o fattura) delle spese funerarie sostenute; Dpgrep. U.F. VI O.P. 5

6 certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale; in caso di richiesta di sussidio da parte del genitore, per decesso del dipendente, dichiarazione resa al fisco da cui si possa evincere che il genitore era fiscalmente a carico; nel solo caso di decesso del genitore, la dichiarazione resa al fisco da cui si possa evincere che il genitore era fiscalmente a carico; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Per l evento di cui alla lettera A2 occorre produrre: rogito notarile per la casa di proprietà; contratto di locazione per la casa in affitto; dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante che il rischio è privo di copertura assicurativa; denuncia all autorità giudiziaria dei danni subiti in conseguenza dell incendio; ricevuta fiscale (o fattura) delle spese sostenute; dichiarazione resa al fisco per valutare che i danni subiti sono superiori al 5% del bilancio familiare; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Per l evento di cui alla lettera A3 occorre produrre: ricevuta fiscale (o fattura) delle spese di trasloco sostenute; dichiarazione resa al fisco per valutare che le spese sostenute sono superiori al 5% del bilancio familiare; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Dpgrep. U.F. VI O.P. 6

7 B. Assegnazione di borse di studio - lettera c) Le borse di studio sono destinate esclusivamente ai figli dei dipendenti che frequentano università pubbliche e istituti di istruzione secondaria di secondo grado pubblici, a condizione che non fruiscano di altri analoghi benefici. Conseguentemente sono esclusi dai benefici i dipendenti dell Istituto. B1. Per gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado (licei, istituti tecnici, commerciali, industriali, ecc.): l assegnazione delle borse di studio è determinata dal profitto scolastico e dal reddito del nucleo familiare. Il profitto necessario per ottenere il sussidio deve essere pari, al termine dell anno scolastico, almeno alla media annua di 8/10. Il reddito del nucleo familiare per poter fruire della borsa di studio non deve essere superiore a ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare alla cui formazione concorrono altri soggetti. Al riguardo fanno prova le dichiarazioni rese al fisco. L importo della borsa di studio è determinato in 450,00 euro l anno. Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 100,00 euro dell importo della borsa di studio (portata da 350,00 a 450,00 euro), nonché l ampliamento della fascia di reddito familiare per poter fruire del beneficio in parola (portato da ,00 a ,00 euro in caso di monoreddito e da ,00 a ,00 euro in caso di reddito familiare alla cui formazione concorrono altri soggetti). B2. Per gli istituti universitari: per poter fruire delle borse di studio per le istituzioni universitarie il profitto deve essere pari almeno alla media annua di 27/30 con un minimo di cinque esami sostenuti nell anno accademico. Il reddito del nucleo familiare per poter fruire delle borse di studio non deve essere superiore a ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare alla cui formazione concorrono altri soggetti. Al riguardo fanno prova le dichiarazioni rese al fisco. L importo della borsa di studio è determinato in 700,00 euro l anno. Dpgrep. U.F. VI O.P. 7

8 Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 200,00 euro dell importo della borsa di studio (portata da 500,00 a 700,00 euro), nonché l ampliamento della fascia di reddito familiare per poter fruire del beneficio in parola B3. Asili nido: sono concessi sussidi per l iscrizione agli asili nido, sia pubblici che privati, nella misura massima di 600,00 euro annui per figlio. Il reddito del nucleo familiare per poter fruire del sussidio non deve essere superiore a ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare alla cui formazione concorrono altri soggetti. Al riguardo fanno prova le dichiarazioni rese al fisco. Relativamente a tale beneficio, si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 le parti hanno disposto un aumento di 250,00 euro dell importo del sussidio (portato da 350,00 a 600,00 euro), nonché l estensione del sussidio per l iscrizione agli asili nido pubblici. Anche per tale beneficio è stata ampliata la fascia di reddito familiare per poterne fruire. B4. Acquisto libri: sono concessi sussidi per l acquisto di libri scolastici per le scuole di istruzione primaria (scuole medie), secondaria (scuole superiori) e per le università nei limiti, rispettivamente, di 150,00, 250,00 e 400,00 euro annui per figlio. Il reddito del nucleo familiare per poter fruire del sussidio non deve essere superiore a ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare alla cui formazione concorrono altri soggetti. Al riguardo fanno prova le dichiarazioni rese al fisco. Il sussidio per l acquisto dei libri è corrisposto nella misura del 50%, nel caso in cui venga assegnata la borsa di studio. Relativamente a tale beneficio, si segnala che si tratta di un importante novità introdotta con l accordo 8 marzo Documentazione da allegare alla richiesta di sussidio. Per l erogazione dei benefici in parola il dipendente deve presentare la sottoindicata documentazione, in originale o copia conforme, ed in particolare: Dpgrep. U.F. VI O.P. 8

9 Per gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado occorre produrre: certificato scolastico attestante il profitto richiesto (almeno 8/10); dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui attestare di non aver fruito di altri analoghi benefici; dichiarazione resa al fisco da cui risulta il reddito del nucleo familiare; certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Per gli istituti universitari occorre produrre: certificato universitario attestante il profitto richiesto (almeno 27/30) e il numero di esami sostenuti nell anno accademico (almeno n. 5 esami); dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui attestare di non aver fruito di altri analoghi benefici; dichiarazione resa al fisco da cui risulta il reddito del nucleo familiare; certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Per l iscrizione agli asili nido occorre produrre: certificato di iscrizione all asilo nido; dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui attestare di non aver fruito di altri analoghi benefici; dichiarazione resa al fisco da cui risulta il reddito del nucleo familiare; Dpgrep. U.F. VI O.P. 9

10 certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale; per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. Per l acquisto di libri occorre produrre: scontrino o ricevuta fiscale o fattura della spesa sostenuta; dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui attestare di aver fruito o meno dell erogazione di borse di studio; dichiarazione resa al fisco da cui risulta il reddito del nucleo familiare; certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale; dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui attestare di non aver fruito di altri analoghi benefici per il solo personale in posizione di comando, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza. C. Assistenza sanitaria I sussidi per l assistenza sanitaria sono erogati nei soli casi non coperti da polizza assicurativa e non derivanti da infortunio sul lavoro. Si segnala che con l accordo 8 marzo 2007 è stato disposto dalle parti un sostanziale ampliamento dei benefici in parola, con l introduzione di nuovi sussidi per prestazioni di specialistica ambulatoriale, nonché per l assistenza protesica e per l acquisto di medicinali, non rimborsati, in tutto o in parte dal Servizio sanitario nazionale. I sussidi per l assistenza sanitaria sono erogati, anche in favore dei componenti del nucleo familiare (coniuge e/o figli), nei seguenti casi: C1. in caso di ricovero negli istituti di cura privati o accreditati (già convenzionati) con il Servizio sanitario nazionale, con intervento chirurgico; Dpgrep. U.F. VI O.P. 10

11 C2. in caso di ricovero negli istituti di cura pubblici, con o senza intervento chirurgico; C3. in caso di interventi chirurgici ambulatoriali in istituti di cura pubblici, privati o accreditati (già convenzionati) con il Servizio sanitario nazionale; Per i casi indicati nelle lettere C1), C2) e C3), i sussidi sono concessi nei seguenti limiti: massimo 2.500,00 euro annui per singolo dipendente; massimo 5.500,00 euro annui per nucleo familiare. C4. In caso di prestazioni specialistiche ambulatoriali previste dal D.M. 22 luglio 1996, e successive modificazioni, erogate in istituti di cura pubblici, privati o accreditati (già convenzionati) con il Servizio sanitario nazionale. I sussidi di cui alla lettera C4), sono concessi nella misura del 50% delle spese sostenute per singola prestazione e comunque entro i seguenti limiti: massimo 1500,00 euro per singolo dipendente; massimo 2500,00 euro per nucleo familiare. Non è ammesso il rimborso per le spese inferiori a 50,00 euro per singola prestazione. Conseguentemente non è ammesso il cumulo di singole notule di importo inferiore ai fini del raggiungimento del predetto limite. Le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, sono elencate nell allegato 1 del D.M. 22 luglio 1996, e successive modificazioni, pubblicato nella G.U. n. 216 del 14 settembre 1996 Serie generale a cui si rinvia per la individuazione delle tipologie di prestazioni per cui sono concessi i sussidi. Sono ammesse al rimborso le prestazioni erogate in regime di libera professione intramuraria. Tale beneficio costituisce un importante novità introdotta dall accordo 8 marzo 2007, sia per quanto concerne le numerose tipologie di prestazioni ammesse alla concessione dei sussidi, sia per quanto concerne il limite di spesa per accedere al rimborso (portato da 100,00 a 50,00 euro per singola prestazione). Dpgrep. U.F. VI O.P. 11

12 C5. Acquisto medicinali: sono concessi sussidi anche per l acquisto di specialità medicinali non rimborsate per intero o in quota parte (ticket), dal Sevizio sanitario nazionale, sulla base di apposita prescrizione medico - specialistica. È da segnalare che tale beneficio costituisce un importante novità introdotta dall accordo 8 marzo C6. Presidi medico chirurgici (assistenza protesica): sono concessi sussidi anche per l acquisto di presidi medico chirurgici non rimborsati, per intero o in quota parte, dal Servizio sanitario nazionale (ticket), sulla base di apposita prescrizione medico-specialistica. È da segnalare che tale beneficio costituisce un importante novità introdotta dall accordo 8 marzo I sussidi di cui alle lettere C5) ed C6), sono concessi nella misura del 50% delle spese sostenute per singolo acquisto e comunque entro i seguenti limiti: massimo 1500,00 euro per singolo dipendente; massimo 2500,00 euro per nucleo familiare. Non è ammesso il rimborso per le spese inferiori a 50,00 euro. Non è ammesso il cumulo di singole notule di importo inferiore ai fini del raggiungimento del predetto limite. I presidi medico chirurgici per i quali sono concessi sussidi sono quelli elencati nell allegato 1 del D.M. 27 agosto 1999, n. 332, e successive modificazioni, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227, concernente il Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, a cui si rinvia per la individuazione delle numerose tipologie di prestazioni di assistenza protesica per cui sono concessi i sussidi. Documentazione da allegare alla richiesta di sussidio. Ai fini del rimborso delle spese sostenute il dipendente deve presentare apposita certificazione medica e contabile, in originale o copia conforme, attestante l erogazione della prestazione da parte del professionista ovvero della struttura sanitaria. In caso di acquisto di medicinali e/o di presidi medico chirurgici non rimborsati per intero o in quota parte dal Servizio sanitario nazionale, Dpgrep. U.F. VI O.P. 12

13 occorre produrre scontrino o ricevuta fiscale (o fattura) della spesa sostenuta, nonché la prescrizione medico-specialistica. Nei soli casi di infortunio va presentata una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che il medesimo non è accaduto in occasione di lavoro. Nel caso in cui la richiesta di sussidio riguardi un componente del nucleo familiare (coniuge e/o figli), occorre altresì produrre un certificato di stato di famiglia o altra idonea documentazione attestante il rapporto parentale. Il personale in posizione di comando deve altresì produrre dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con cui attestare di non aver percepito il medesimo sussidio presso l amministrazione di provenienza LIQUIDAZIONE DEI SUSSIDI Per quanto riguarda la liquidazione dei sussidi si riporta di seguito quanto già stabilito in materia con l accordo 30 settembre 2004, come modificato dall accordo 8 marzo Le richieste per l erogazione dei sussidi (all. 3) devono essere inoltrate al Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse economico-finanziarie e del personale - Unità funzionale III Programmazione economica e finanziaria Bilancio e servizi a terzi, che provvederà a protocollare in ordine di arrivo, su apposito registro di protocollo, le istanze pervenute e alla istruttoria delle relative pratiche. Successivamente, l U.F. III trasmette le richieste di sussidio ad apposita Commissione consultiva chiamata ad esprime il parere in ordine alla sussistenza o meno dei requisiti per i quali è prevista la erogazione dei sussidi, nonché alla idoneità della documentazione presentata. La Commissione può chiedere, ai fini dell esame delle richieste di sussidio, tutti i chiarimenti necessari atti a comprovare il possesso dei requisiti, ivi compresi gli elementi documentali. Conclusi gli adempimenti di competenza, gli atti sono rimessi alla predetta U.F. III, Dpgrep. U.F. VI O.P. 13

14 ai fini della liquidazione dei sussidi che è effettuata di norma mensilmente. Le risorse finanziarie necessarie a liquidare mensilmente le richieste di sussidio sono determinate in un dodicesimo dell importo complessivamente disponibile su base annua. Ai fini dell ammissibilità alla erogazione dei sussidi la Commissione predispone mensilmente un apposita graduatoria attribuendo i seguenti punteggi: 1. Sussidi erogati in presenza di situazioni di necessità o da gravi eventi che incidono sul bilancio familiare, max punti 10: a) decesso del dipendente, o del figlio, o del coniuge = punti 10; b) incendio della casa di proprietà o di abitazione del dipendente = punti 9; c) trasloco del dipendente = punti Assegnazione di borse di studio e sussidi per gli asili nido e per l acquisto libri scolastici, max punti 5: a) borse di studio universitarie = punti 5; b) borse di studio in istituti di istruzione secondaria = punti 4; c) sussidi per asili nido e per acquisto libri scolastici e universitari = punti Sussidi per l assistenza sanitaria, max punti 10: a) in caso di ricovero negli istituti di cura privati o accreditati con il Servizio sanitario nazionale, con intervento chirurgico = punti 10; b) in caso di ricovero negli istituti di cura pubblici, con o senza intervento chirurgico = punti 10; c) in caso di interventi chirurgici ambulatoriali in istituti di cura privati, pubblici o convenzionati con il Servizio sanitario nazionale = punti 10; d) per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio = punti 8. Dpgrep. U.F. VI O.P. 14

15 e) per le specialità medicinali e i presidi medico-chirurgici = punti 7. A parità di punteggio sono prioritariamente ammesse alla erogazione dei sussidi, nella seduta mensile, le situazioni di necessità, poi quelle correlate a prestazioni di assistenza sanitaria ed infine quelle relative alla concessione di borse di studio e sussidi per l iscrizione agli asili nido e per l acquisto di libri. In caso di ulteriori situazioni di parità sono prioritariamente ammesse alla erogazione dei sussidi le istanze presentate prima. Le istanze che hanno ottenuto il parere favorevole della Commissione ma che non sono state ammesse al finanziamento nel mese, sono ammesse nella seduta successiva con priorità rispetto alle altre indipendentemente dal punteggio. Le dichiarazioni rese al fisco cui fare riferimento ai fini del riconoscimento dei benefici sono quelle relative all anno in cui ha avuto luogo l evento per cui si fa richiesta di sussidio. Nei casi previsti dalla legge, gli stati, le qualità personali ed i fatti richiesti dalla presente circolare per l erogazione dei sussidi inerenti ai benefici socio-assistenziali individuati, possono essere comprovati mediante dichiarazioni sostitutive di certificazione (all. 4) o dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà (all. 5), ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000 n Le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre all Amministrazione possono essere sottoscritte dall interessato in presenza del dipendente addetto a riceverle (il direttore dell U.F. III del DPGREP o un suo delegato), ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata del documento di riconoscimento del sottoscrittore. L Amministrazione si riserva di effettuare controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell articolo 71 del DPR 28 dicembre 2000 n I dati personali forniti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell ambito del procedimento per il quale le dichiarazioni Dpgrep. U.F. VI O.P. 15

16 vengono rese, secondo la normativa di cui al d.lgs. n. 196/2003 (legge sulla privacy). In materia di autenticazione delle copie dei documenti richiamati dalla presente circolare trovano applicazione gli articoli 18 e 19 del richiamato DPR 28 dicembre 2000 n La presente circolare deve essere portata a conoscenza di tutto il personale che apporrà la firma per presa visione su apposito elenco da trasmettere in copia all U.F. III del Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse economicofinanziarie e del Personale. Il Direttore Generale (dott. Umberto Sacerdote) All. c.s. Dpgrep. U.F. VI O.P. 16

17 ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO ACCORDO INTEGRATIVO DECENTRATO DI LIVELLO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI BENEFICI SOCIO-ASSISTENZIALI La delegazione di parte pubblica dell Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro-ISPESL, costituita con deliberazione del Presidente dell Istituto 25 luglio 2003 e le sottoscritte delegazioni sindacali VISTO l art. 52, punto 2, del CCNL 7 ottobre 1996, relativo al personale delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione per il quadriennio normativo ed il primo biennio economico , concernente i benefici socioassistenziali; VISTO l art. 3, punto 3, lettera j) del CCNL 21 febbraio 2002, relativo al personale delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione per il quadriennio normativo ed i bienni economici e , con il quale si demanda alla contrattazione integrativa collettiva decentrata la definizione dei criteri generali per la istituzione e la gestione delle attività socio-assistenziali per il personale; VISTO l art. 74 del CCNL 5 marzo 1998 recante disposizioni in materia di benefici socio-assistenziali per i dirigenti amministrativi; VISTI gli accordi integrativi decentrati di livello nazionale per la disciplina del trattamento economico accessorio del personale appartenente ai livelli dal I al III e 1

18 dal IV al IX, per il biennio economico , stipulati il 21 luglio 2004, ed, in particolare, gli articoli 5 e 14, concernenti, rispettivamente, i criteri generali per l attribuzione dei benefici socio-assistenziali al personale dal I al III e dal IV al IX; VISTO l accordo integrativo di livello nazionale per la disciplina del trattamento economico accessorio del personale appartenente ai livelli dal IV al IX e dal I al III per l anno 2006, sottoscritto in data 3 aprile 2006; VISTO, in particolare, il Capo I, articolo 14 e il Capo II, articolo 5 del suddetto accordo, laddove le parti hanno convenuto di rivedere l accordo del 30 settembre 2004 sopra richiamato; VISTE le osservazioni formulate dal Collegio dei revisori dei conti in ordine ai criteri generali di cui ai soprarichiamati articoli 5 e 14 degli accordi integrativi decentrati 21 luglio 2004; VISTO l accordo collettivo integrativo di livello nazionale 30 settembre 2004, recante la disciplina dei benefici socio-assistenziali, ed in particolare l articolo 7; VISTE le proposte formulate dall apposita Commissione paritetica costituita ai sensi e per gli effetti previsti dal suddetto articolo 7; VISTO il CCNL 7 aprile 2006; RITENUTO di modificare, ai sensi delle disposizioni e degli atti che precedono, la disciplina dei benefici socio-assistenziali destinati al personale appartenente ai livelli dal I al III, dal IV al IX, nonché, nelle more della definizione di un apposito accordo, per i dirigenti amministrativi di I e II fascia; VISTO il verbale n. 46 del 22 febbraio 2007 del Collegio dei revisori dei conti, con il quale è stato effettuato il controllo sulla compatibilità dei costi della contrattazione collettiva integrativa con i vincoli di bilancio, ai sensi dell articolo 29 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del 7 aprile

19 Art. 1 (Modifiche all articolo 1 dell Accordo 30 settembre 2004) 1. All articolo 1, comma 1, dell Accordo integrativo decentrato 30 settembre 2004, di seguito denominato Accordo, dopo il secondo periodo è aggiunto il seguente: La concessione dei benefici socio assistenziali è, altresì, improntata ai principi di solidarietà e mutualità. 2. All articolo 1, il comma 2 è sostituito dal seguente: 2. Il presente accordo è stipulato ai sensi delle vigenti norme previste dai CC.CC.NN.LL. del personale appartenente al comparto degli enti ed istituzioni di ricerca, nonché dei criteri generali definiti con gli accordi integrativi decentrati del 21 luglio Esso è valido per il triennio 1 gennaio dicembre Al termine di ogni anno, in sede di contrattazione integrativa, è verificato l utilizzo delle risorse ai fini delle congruità delle somme stanziate e della rimodulazione dei criteri. 3. All articolo 1, dopo il comma 2, è aggiunto il seguente 3. Il presente accordo si applica al personale in servizio presso l Ispesl a tempo indeterminato e a tempo determinato. 4. All articolo 1, dopo il comma 3, è aggiunto il seguente: 4. Le risorse destinate al finanziamento dei benefici socio assistenziali sono pari allo 0,75% delle spese per il personale, nonché dalle risorse che residuano a consuntivo dall applicazione dell Accordo. Art. 2 (Modifiche all articolo 2 dell Accordo) 1. All articolo 2, comma 1, dell Accordo, la lettera a) è sostituita dalla seguente: a) documentate situazioni di necessità ; b) gravi eventi che incidono sul bilancio familiare. 2. All articolo 2, comma 1, dell Accordo, la lettera b) è sostituita dalla seguente: c) borse di studio ai figli dei dipendenti che frequentano le università o gli istituti di istruzione secondaria pubblici, da attribuire secondo priorità determinate in base al profilo scolastico ed al reddito del nucleo familiare in rapporto alla consistenza del nucleo stesso, nonché sussidi per 3

20 l iscrizione agli asili nido e per l acquisto di libri per le scuole di istruzione primaria, secondaria e per l università. 3. All articolo 2, comma 1, dell Accordo, la lettera c) è sostituita dalla seguente: d). Art. 3 (Modifiche all articolo 3 dell Accordo) 1. All articolo 3, comma 1, dell Accordo alla lettera c) sono soppresse le parole: in conseguenza di sfratto esecutivo. 2. All articolo 3 dell Accordo, il comma 2 è sostituito dal seguente 2. Alla erogazione dei sussidi di cui alle lettere b) e c) si provvede nei casi in cui le spese sostenute o i danni subiti siano superiori al 5% del bilancio familiare come risultante da dichiarazioni rese al fisco. 3. All articolo 3 dell Accordo, il comma 3 è sostituito dal seguente: 3. I sussidi di cui al presente articolo sono erogati nei limiti di 1.500, 00 euro annui lordi per le spese funerarie conseguenti all evento di cui alla lettera a), 1.200,00 euro annui per l evento di cui alla lettera b), 750,00 euro lordi annui per l evento di cui alla lettera c). Art. 4 (Modifiche all articolo 4 dell Accordo) 1. All articolo 4, comma 4, dell Accordo le parole: ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare, sono sostituite dalle seguenti: ,00 euro annui nel caso di nucleo familiare monoreddito, ovvero ,00 euro annui nel caso di reddito familiare. 2. All articolo 4 dell Accordo, il comma 5 è sostituito dal seguente: 5. L importo della borsa di studio è determinata in 450,00 euro lordi l anno per gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado ed in 700,00 euro lordi l anno per le università. 4

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 1638 del 15 novembre 2002) Articolo 1 Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE TECNICO, AMMINISTRATIVO E DI BIBLIOTECA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Articolo 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE.

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. PREMESSO CHE: Il Consiglio regionale, stanzia annualmente

Dettagli

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. TRIENNIO 2013 2015 Il giorno 15 novembre 2012

Dettagli

ART. 2 (Termine di presentazione delle domande)

ART. 2 (Termine di presentazione delle domande) CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. QUADRIENNIO 2012 2015 Il giorno 27 ottobre 2011

Dettagli

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo

BORSA DI STUDIO. 1) Il contributo BORSA DI STUDIO 1) Il contributo Il contributo rappresenta un premio destinato agli studenti, appartenenti a nuclei famigliari con reddito ISEE non superiore ad Euro 20.300,00, con un buon profitto scolastico

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011

ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011 ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011 sottoscritto il 16 dicembre 2011 in Roma 1 In data 16 dicembre 2011 le delegazioni sottoscrivono

Dettagli

Data di sottoscrizione. 8 luglio 2013. Periodo temporale di vigenza

Data di sottoscrizione. 8 luglio 2013. Periodo temporale di vigenza RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO-FINANZIARIA ACCORDO PER LA CREAZIONE DI UN FONDO PER L'EROGAZIONE DI SUSSIDI AL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Redatta in conformità allo schema della circolare MEF-DRGS-IGOP

Dettagli

DOMANDA BORSA DI STUDIO

DOMANDA BORSA DI STUDIO DOMANDA BORSA DI STUDIO MOD. 13_8 Rev. 0 Anno scolastico o accademico NOTIZIE RELATIVE AL/LA VETERINARIO/A Veterinario/a (cognome e nome) Nato/a a Prov. il Codice Fiscale Residente in Prov. Via CAP Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 819941 Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 Il presente bando è emanato ai sensi dell art. 11 della legge

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI Modulistica per minorenni DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Artt. 5, 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) QUADRO A - DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL INVALIDO CIVILE,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 20 del mese di novembre 2012

Dettagli

AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA

AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA D I R I T T O A L L O S T U D I O 150 ORE ANNO SCOLASTICO/ACCADEMICO 2014/2015 In conformità a quanto previsto

Dettagli

Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N.

Allegato parte integrante CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. Allegato parte integrante "CRITERI PER L'EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEL VOLONTARIATO DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE 13 FEBBRAIO 1992, N. 8" Le presenti direttive si applicano in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO FONDO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA ANNUALITA 2010 Interventi a favore delle famiglie numerose in difficoltà economiche PREMESSO CHE: La Direzione Politiche Attive del

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO sottoscritto l 11.12.2007 in Roma 1 Le delegazioni sottoscrivono la seguente ipotesi di accordo: PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante Avv.Gian Paolo SASSI

Dettagli

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione)

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione) Circolare n 313 in data 27/03/2001 Allegato A MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE A. SPAZIO RISERVATO AL COMANDO O ENTE CHE INOLTRA LA RICHIESTA A PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE -

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO C O M U N E D I E S C O L C A P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Via Dante n 2 Tel. 0782808303 - Fax 0782808516 e-mail: segreteria.escolca@tiscali.it Prot. n. 2019 del 08.07.13 BANDO DI CONCORSO PER

Dettagli

il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati;

il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati; Normativa per la concessione di benefici assistenziali e premi a favore del personale tecnico-amministrativo e dei collaboratori ed esperti linguistici in servizio e delle loro famiglie (Approvata dal

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO. Regolamento per la disciplina del diritto allo studio

PROVINCIA DI PRATO. Regolamento per la disciplina del diritto allo studio PROVINCIA DI PRATO Regolamento per la disciplina del diritto allo studio Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 265 del 08.11.2011 e successive modifiche ed integrazioni approvate con Deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E DI PARITA AVVISO PUBBLICO LA PROVINCIA DI LECCE INTENDE SOSTENERE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO, ANCHE TEMPORANEO, ATTRAVERSO IL FINAZIAMENTO

Dettagli

Compilare in stampatello, in modo chiaro e perfettamente leggibile DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2014

Compilare in stampatello, in modo chiaro e perfettamente leggibile DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2014 Compilare in stampatello, in modo chiaro e perfettamente leggibile DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2014 Termine di scadenza di presentazione della domanda al Dirigente scolastico:

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14 CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE APPARTENENTI ALLA PROVINCIA DI BELLUNO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITÀ A.A. 2013/14

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134

Il Rettore. Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134 Il Rettore Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134 Visto il Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001; Visto lo Statuto dell'università degli Studi di Firenze e, in particolare, l art. 14, comma 1,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA TESTO UNICO SULLE DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI NATURA ASSISTENZIALE PER IL PERSONALE DIPENDENTE

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA TESTO UNICO SULLE DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI NATURA ASSISTENZIALE PER IL PERSONALE DIPENDENTE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA TESTO UNICO SULLE DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI NATURA ASSISTENZIALE PER IL PERSONALE DIPENDENTE Anno 2002 INDICE INTRODUZIONE 3 CAP. I - REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA Il presente Regolamento definisce i criteri e disciplina le modalità di erogazione del Fondo di Solidarietà contro la

Dettagli

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09)

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il tel. residente a Nova Milanese in via C.F. CHIEDE che gli/le venga

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 29/IFD DEL 21/03/2013 Oggetto: DGR 388/13- Bando per concessione contributo una

Dettagli

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE DOMANDA DI AMMISSIONE AL PROGETTO MICROCREDITO Il/la sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a (Prov. ), il

Dettagli

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo.

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo. MODULO S1/A (Spese Sanitarie) Modulo di richiesta di anticipazione Spese Sanitarie Pagina 1 Spett.le Fondo Aggiuntivo Pensioni per il Personale del Banco di Sardegna. Via IV Novembre, 27 07100 - Sassari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Ai sensi dell art.65 del Contratto collettivo per il personale non dirigente dell

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Ai sensi dell art. 3 del D.P.R. 23/8/88 n. 395 e dell art. 22 del CCNL integrativo del 20 settembre 2001, al fine di garantire

Dettagli

Comune di Ovindoli. Generalità del richiedente. Residenza anagrafica. Generalità dello studente

Comune di Ovindoli. Generalità del richiedente. Residenza anagrafica. Generalità dello studente Comune di Ovindoli Provincia di L'Aquila FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA LIBRI DI TESTO AGLI ALUNNI RESIDENTI NEL COMUNE DI OVINDOLI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 (ART. 27 LEGGE 23/12/1998) Generalità del

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

D. A. n 833 del 31.3.2004

D. A. n 833 del 31.3.2004 D. A. n 833 del 31.3.2004 REPUBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A Dipartimento Regionale per la Famiglia, le Politiche sociali e le Autonomie locali L ASSESSORE PER LA FAMIGLIA, LE POLITICHE

Dettagli

Comune di Villa San Pietro Provincia di Cagliari

Comune di Villa San Pietro Provincia di Cagliari Comune di Villa San Pietro Provincia di Cagliari Piazza San Pietro,6-09010 Villa San Pietro (CA) - Tel.070/90.77.01 - Fax.070/90.74.19 c.f. 00492250923 www.comune.villasanpietro.ca.it AREA SOCIO -ASSISTENZIALE

Dettagli

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Oggetto:

Dettagli

COMUNE di LAURIA Provincia di Potenza

COMUNE di LAURIA Provincia di Potenza COMUNE di LAURIA Provincia di Potenza BANDO PER LA FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO ANNO SCOLASTICO 2015/2016. (Ai sensi dell art. 27 della Legge 23.12.1998 n. 448) Articolo 1 Spese

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO Contributo per spese di trasporto Articolo n. 1 OGGETTO Il contributo per spese di trasporto

Dettagli

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti REGOLAMENTO Concessione permessi retribuiti ART. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con quanto disposto dall art.21 del C.C.N.L. 01/09/1995 del Comparto Sanità e dagli artt.22 e 23 del C.C.N.L.

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE COMUNE DI CAGLIARI Assessorato delle Politiche Sociali Area dei Servizi al cittadino Servizi Socio Assistenziali ed Asili Nido BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE Ai sensi di

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 12/IFD DEL 20/02/2014 Oggetto: DGR n. 161/2014- Bando concessione contributo una

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO SI CONVIENE E SOTTOSCRIVE QUANTO SEGUE

IPOTESI DI ACCORDO SI CONVIENE E SOTTOSCRIVE QUANTO SEGUE RIMODULAZIONE DELL ACCORDO DEL 28 NOVEMBRE 2007 RELATIVO A TRATTAMENTO ACCESSORIO 2005-2006-2007 DEL PERSONALE I-IX LIVELLO E BENEFICI ASSISTENZIALI PER TUTTO IL PERSONALE COMPRESI I DIRIGENTI IPOTESI

Dettagli

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE COMUNE DI CAMAIORE Servizi scolastici BANDO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SERVIZIO A FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI IN LISTA D ATTESA PRESSO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNALI E FREQUENTANTI UN NIDO

Dettagli

Il giorno 10 novembre 2008 Venezia presso l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in sede di contrattazione integrativa regionale TRA PREMESSO

Il giorno 10 novembre 2008 Venezia presso l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in sede di contrattazione integrativa regionale TRA PREMESSO MODIFICA CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. QUADRIENNIO 2008-2011 Il giorno 10

Dettagli

37122 VERONA D I C H I A R A DI

37122 VERONA D I C H I A R A DI A.C.N. PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI PEDIATRI DI LIBERA SCELTA - INTESA DEL 15.12.2005 E S.M.I. ART. 15 DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA GRADUATORIA REGIONALE DEL VENETO DI PEDIATRIA DI LIBERA

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE U.R.S.T.A. IL DIRETTORE GENERALE VISTO l art. 24 dello Statuto dell Ateneo; VISTA l intesa, sottoscritta in data 3.11.2011, i cui contenuti sono stati recepiti nell art. 30 - rubricato Servizi Sociali

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA Dipartimento Servizi ai Cittadini Servizio Politiche Educative

PROVINCIA DI LUCCA Dipartimento Servizi ai Cittadini Servizio Politiche Educative All. 1) PROVINCIA DI LUCCA Dipartimento Servizi ai Cittadini Servizio Politiche Educative BANDO PROVINCIALE POR OB.3 MISURA C2 Borse di studio per lingua inglese all estero Anno 2006 Premessa La Provincia

Dettagli

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P. COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.Iva 01257180909 E-mail ssociali@comune.sedini.ss.it www.comune.sedini.ss.it BANDO PER

Dettagli

COMPRENSORIO DI PRIMIERO - Via Roma, 19 38054 Tonadico (TN) -

COMPRENSORIO DI PRIMIERO - Via Roma, 19 38054 Tonadico (TN) - COMPRENSORIO DI PRIMIERO - Via Roma, 19 38054 Tonadico (TN) - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 BANDO PER LA CONCESSIONE DELLE FACILITAZIONI DI VIAGGIO DI CUI ALL ARTICOLO 9, COMMA 2, LETTERA C) DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Il giorno 20 novembre 2009 in Venezia presso l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in sede di contrattazione integrativa regionale TRA

Il giorno 20 novembre 2009 in Venezia presso l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in sede di contrattazione integrativa regionale TRA MODIFICA CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. QUADRIENNIO 2008 2011 sottoscritto

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI A CARATTERE ASSISTENZIALE A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE, DELL ALLIEVO, DEL BORSISTA DI POST- DOTTORATO E DELL ASSEGNISTA DI RICERCA ART. 1 GENERALITA 1.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il... residente in... Via... n... codice fiscale:

Il sottoscritto... nato a... il... residente in... Via... n... codice fiscale: Domanda per l assegnazione di alloggi di Edilizia Convenzionata GIOVANI COPPIE COMPLESSO RESIDENZIALE BORGO DEI MOLINI PLC COMPARTO B3/a IN VIA LA FORMA Al Sig. Sindaco del Comune di 60020 S I R O L O

Dettagli

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali Bando di concorso speciale per la formazione della graduatoria per l assegnazione in locazione semplice di n. 0 alloggi di Edilizia

Dettagli

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE Il sottoscritto, CF, nato a il residente in, documento d identità n., rilasciato da, il scadenza, in qualità di proprietario usufruttuario titolare

Dettagli

37122 VERONA D I C H I A R A DI

37122 VERONA D I C H I A R A DI MG A.C.N. PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENERALE INTESA DEL 23.3.2005 E S.M.I. ART. 15 DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA GRADUATORIA UNICA REGIONALE DEL VENETO DI MEDICINA GENERALE ANNO

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTÀ ANNUALITA 2013 DELIBERAZIONE G.R. N. 19/4 DEL 08.05.2012 DELIBERAZIONE G.R. N. 39/9 DEL 26.09.2013 1 Il presente documento disciplina

Dettagli

AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E.R.P. E MOBILITÀ SERVIZIO SVILUPPO TERRITORIALE E POLITICHE DELLA CASA

AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E.R.P. E MOBILITÀ SERVIZIO SVILUPPO TERRITORIALE E POLITICHE DELLA CASA AREA POLITICHE DEL TERRITORIO DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E.R.P. E MOBILITÀ SERVIZIO SVILUPPO TERRITORIALE E POLITICHE DELLA CASA BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE

Dettagli

al Comune di San Martino Buon Albergo

al Comune di San Martino Buon Albergo al Comune di San Martino Buon Albergo OGG: ISTANZA PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO MENSILE. l sottoscritt nat a il residente a San Martino Buon Albergo in Via n. tel. fa istanza per ottenere

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCOROSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Div.Pers.II Sez.II Roma, 20 dicembre 2002 Prot.n. 65719 Allegati : 1 Al Sig, Ispettore Generale Capo

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER I CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER I CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER I CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 Al Comune di Isola del Giglio Ufficio Segreteria Via V. Emanuele, 2 58012 Isola del Giglio (GR) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI

Dettagli

BIENNIO 2014 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

BIENNIO 2014 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio III - Personale della Scuola

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

CAP. I - REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEI SUSSIDI AL PERSONALE IN SERVIZIO

CAP. I - REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEI SUSSIDI AL PERSONALE IN SERVIZIO Istituto nazionale di statistica Direzione centrale del Personale Servizio Trattamento economico, previdenziale e norme di lavoro Ufficio D Telelavoro e attività assistenziali per il personale GUIDA SULLE

Dettagli

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135

Dettagli

AL COMUNE DI DICHIARA. 1. che il minore* per il quale richiede l erogazione dell assegno è: Cognome Nome Nat a in data

AL COMUNE DI DICHIARA. 1. che il minore* per il quale richiede l erogazione dell assegno è: Cognome Nome Nat a in data AL COMUNE DI Esente da bollo dell art. 8, comma 3 della tabella allegato B al D.P.R. 642/1972 DOMANDA PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO POST-NATALE, ai sensi della legge regionale 23.07.2010, n. 23 Testo unico

Dettagli

Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo

Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo -SERVIZI EDUCATIVI PRIMA INFANZIA- Avviso pubblico per l attribuzione di Buoni Servizio alle famiglie secondo semestre

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà FONDO DI SOLIDARIETÀ A FAVORE DEI DIPENDENTI DI AMOS SCRL Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà Art. 1 Tipologia dei trattamenti di solidarietà 1. I trattamenti del fondo di solidarietà

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA

FONDO DI SOLIDARIETA COMUNE DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Prot.n. 6369 Ufficio Servizi Sociali FONDO DI SOLIDARIETA 2009/2010 Interventi a favore delle famiglie per fronteggiare l attuale crisi economica ed occupazionale

Dettagli

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 800 contributi per bambini nati nell anno 2012, figli a carico di dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. CONCORSO per l assegnazione di 800 contributi di

Dettagli

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI VISTA la L.R. n. 21 del

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II I S T I T U T O DI R I C O V E R O E C U R A A C A R A T T E R E S C I E N T I F I C O Viale Orazio Flacco, 65-70124 Bari ITALIA Prot. n. Bari AVVISO A TUTTO IL PERSONALE

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale Allegato A REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale BANDO per l assegnazione di contributi in attuazione della legge regionale n. 70 del 19 novembre 2009, Interventi di sostegno

Dettagli

ALLEGATI ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI

ALLEGATI ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI ALLEGATI ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Allegato 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 del D.P.R. 28/12/2000 n 445) Io sottoscritto/a....... nato a. il.,

Dettagli

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli. Terra della pietra lavica REGOLAMENTO

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli. Terra della pietra lavica REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI SULLA VERIDICITÀ DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE E DEI CONTENUTI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE UNICHE RIFERITE ALL'ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE A STUDENTI UNIVERSITARI MERITEVOLI DELL ALTA VALTELLINA - ANNO ACCADEMICO

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE A STUDENTI UNIVERSITARI MERITEVOLI DELL ALTA VALTELLINA - ANNO ACCADEMICO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE A STUDENTI UNIVERSITARI MERITEVOLI DELL ALTA VALTELLINA - ANNO ACCADEMICO 2013/2014 (Deliberazione Giunta Esecutiva della Comunità Montana Alta

Dettagli

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali)

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) e sue successive modifiche ed integrazioni; Visto in

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO SOCIALE 1 Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione del Fondo sociale e il funzionamento

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11.

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. C O M U N E D I S E N I G A L L I A BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. I L D I R I G E N T E Visti: - l art. 11 della Legge n. 431 del 9 dicembre

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1328 del 15/10/2015 OGGETTO: Permessi retribuiti per motivi di studio anno scolastico / accademico 2015/2016.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE U.R.S.T.A. IL DIRETTORE GENERALE VISTO l art. 24 dello Statuto dell Ateneo; VISTO l art. 19 del C.C.I. sottoscritto in data 28/4/2014 che rinvia in toto all art. 30 - rubricato Servizi Sociali del Contratto

Dettagli