06/02/2015 L'ESPRESSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "06/02/2015 L'ESPRESSO"

Transcript

1 06/02/2015 L'ESPRESSO

2 INDICE RASSEGNA STAMPA 06/02/2015 L'ESPRESSO ESPRESSO 12/02/15 P. 38 Primarie d'oro in laguna Politica Gianfrancesco 1 Turano 12/02/15 P. 58 Salvate Padova Politica Roberto Di Caro 5 12/02/15 P. 48 Bentornato fannullone Personale Stefano Livadiotti 13 12/02/15 P. 54 Ma intanto arrivano più BONUS PER TUTTI Personale Paolo Fantauzzi 14 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 PRIMARIE D'ORO IN LAGUNA A Venezia la corsa per ii candidato sindaco del Pd si intreccia con progetti mil' ' per porto. Tra la cautela di Felice Casson e ii modernismo deiio sfidante Peiiìcam DI GIANFRANCESCO TURANO Gli ultimi soldi per il Mose e gli ultimi rinvii a giudizio per l'inchiesta sulle dighe mobili non sono ancora arrivati che in laguna già si progettano i grandi appalti prossimi venturi. Il più importante è il porto offshore, che vale quasi 2,2 miliardi di curo. Poi c'è lo scavo del canale Contorta, che dovrebbe consentire il transito delle grandi navi da crociera. C'è la risistemazione del quadrante di Tessera, nella zona dell'aeroporto, con un progetto che include il nuovo casinò e il nuovo stadio di calcio, ammesso e non concesso che il presidente della squadra, il russo Yury Korablin, riesca a investire in laguna dopo sei mesi di assenza e il blocco dei fondi per l'embargo internazionale. L'elenco prosegue con l'arsenale, l'ospedale al mare, la bonifica di porto Marghera e la cessione di palazzi storici e isolotti al fondo immobiliare della Cassa depositi e prestiti nella speranza di una privatizzazione che porti ossigeno alle casse comunali. Nel paesaggio veneziano con infrastrutture lo sfondo del quadro è il voto per le primarie Pd fissate per domenica 15 marzo. È il primo passo per chiudere e dimenticare il periodo di gestione commissariale seguita all'arresto e alle dimissioni del sindaco Giorgio Orsoni, travolto dall'inchiesta sul Consorzio Venezia Nuova (Cvn) nove mesi fa. È vero che, per un commissario che se ne va, due sono appena arrivati, Luigi Magistro e Francesco Ossola, i nuovi amministratori del Cvn e dunque del Mose. Ma la politica lagunare, spesso messa nell'angolo in nome di superiori interessi e intrighi nazionali, tenta di uscire dal fango. Il voto delle primarie non è soltanto la prima occasione. È la chance più importante tE spleaao 1 12 febbraio 2015 Politica Pagina 1

4 Chi vince il15 marzo ha la strada spianata verso la poltrona di sindaco nel palazzo duecentesco di Ca' Farsetti, con affaccio sul Canal Grande. Le vere elezioni cittadine saranno quelle del Pd dato che, a oggi, il centrodestra non ha chance né candidati e dovrà accontentarsi di appoggiare il democrat meno sgradito. Il quartetto degli aspiranti sindaci è composto da Felice Casson, senatore a Roma ed ex magistrato in laguna, dal renziano Jacopo Molina, consigliere dissidente durante il governo Orsoni, dall'ex rifondaiolo Sebastiano Bonzio, anch'egli consigliere uscente, e da Nicola Pellicani, UNA VEDUTA NOTTURNA DEL CANAL GRANDE DI VENEZIA giornalista e presidente della Fondazione intitolata al padre Gianni, storico esponente del Pci-Pds-Ds ed ex presidente della Save, la società che gestisce l'aeroporto internazionale Marco Polo. Intorno alle primarie veneziane l'atmosfera è improntata a un deciso agonismo, soprattutto fra Casson e Pellicani, i due favoriti per la vittoria finale. Pellicani, per ora, evita di personalizzare lo scontro e punta dritto al rinnovamento che è il vero polo ideologico della politica lagunare in contrapposizione con lo spirito conservativo di chi, come Casson, punta alle soluzioni "graduali, reversibili e sperimentali" previste dalla legislazione speciale su Venezia. «La città», ha dichiarato Pellicani, «viene percepita dagli stranieri come vecchia e poco innovativa. Cambiamo il modo di presentarla al mondo. Servono nuove politiche di storytelling rilanciando il binomio cultura e turismo». Lo storytelling non è la specialità di Casson. L'ex sostituto procuratore commenta il duello in modo molto più 12 febbraio Espresso 139 Politica Pagina 2

5 Attualità secco: «Pellicani? Non è del Pd». Il senatore ricorda le polemiche che accompagnarono la sua candidatura nel 2005, quando proprio lui era l'esterno e l'interno era Massimo Cacciari, vittorioso alle primarie contro il magistrato per soli 200 voti. Dieci anni dopo la situazione sembra essersi ribaltata, con il Pd locale che appoggia l'esterno Pellicani. Ma il pericolo vero non arriva dal fuoco amico, già indebolito dallo tsunami giudiziario che ha portato sotto inchiesta, oltre a Orsoni, i parlamentari Davide Zoggia e Michele Mognato e il consigliere regionale Michele Marchese. A Venezia il sindaco, e a maggior ragione l'aspirante sindaco, deve confrontarsi con una serie di dogi-ombra, ognuno determinato a conservare o ad aumentare il suo potere chiunque venga eletto. L'elenco include un banchiere intramontabile come Giuliano Segre, della Fondazione di Venezia (articolo nella pagina a fianco), un finanziere come Enrico Marchi, fondatore della Finint e attuale presidente della Save controllata dalla stessa Finint, l'imprenditore Romeo Chiarotto, proprietario della Mantovani e principale costruttore del Mose, e - ultimo ma non meno importante - il presidente dell'autorità portuale Paolo Costa. L'ex sindaco ed ex europarlamentare ha in mano il progetto più importante dopo le paratoie mobili. Il porto offshore vale 2,13 miliardi di curo a prezzi di partenza e dovrebbe nascere dalle acque a otto miglia da Chioggia con una diga foranea lunga 4,2 chilometri destinata ad accogliere le grandi navi portacontainer e il terminal energetico concepito per spostare dalla laguna il traffico delle petroliere. La soluzione del porto di altura, secondo l'autorità presieduta da Costa, non avrebbe soltanto il merito di risolvere la causa maggiore degli sconvolgimenti ambientali intorno a Venezia ma accrescerebbe i volumi di traffico in un settore vitale per l'economia del Nordest, già colpita dalla crisi. Gli ultimi dati disponibili della Venice Port Authority, aggiornati a novembre del 2014, sono negativi su tutta la linea e fanno segnare un -12,2 per cento nel tonnellaggio complessivo, con 199 navi in meno e un calo di 140 mila passeggeri. La diminuzione più forte è nel settore delle crociere che, per la prima volta dopo anni di crescita, passa da 1,84 a 1,73 milioni di turisti (-5,6 per cento). Il progetto originale era stato affidato prima alla sovrintendenza del Magistrato alle Acque e poi all'autorità portuale. A fornire il primo layout dell'opera è stata la Thetis, società di progettazione veneziana presieduta da Giovanni Mazzacurati, il presidente del Consorzio Venezia Nuova finito agli arresti nel luglio Il Cipe non è mai arrivato a pronunciarsi sullo schema della Thetis, oggi definitivamente accantonato, per una battaglia fra interessi localistici. Lo schieramento dei parlamentari triestini ha sempre osteggiato "pro porto suo" l'offshore veneziano e anche Deborah Serracchiani, governatore del Friuli Venezia Giulia e vicesegretario democrat, non ha mai visto di 40 11EspressO 112 febbraio 2015 Politica Pagina 3

6 DA SINISTRA: PAOLO COSTA, NICOLA PELLICANI E FELICE CASSON. NELL'ALTRA PAGINA: UN RENDERING DEL PORTO OFFSHORE buon occhio l'attivismo di Costa che peraltro,come nota sempre Casson, «non è iscritto al Pd da anni». Casson aggiunge: «Per Venezia è fondamentale lo sviluppo della portualità, crociere incluse. Ma bisogna garantire i posti di lavoro senza interventi distruttivi. Ci sono le alternative all'offshore come ci sono le alternative alle grandi navi da crociera nel canale Contorta. Queste alternative vanno esplorate tenendo conto che il piano finanziario per il porto offshore prevede tempi di rientro lunghissimi per gli investitori. Non so chi possa avere voglia di metterci i soldi». La replica di Costa emana ottimismo nonostante la battuta d'arresto incassata sul progetto per lo scavo del canale Contorta, con una richiesta di 27 chiarimenti da fornire entro il 21 febbraio al ministero dell'ambiente. Sul porto offshore l'ex sindaco ex Pd è convinto di partire l' 11 maggio, quando è previsto il via libera del Cipe. Costa ha un gentleman agreement con la presidenza del Consiglio e con il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. L'accordo prevede che entro la fine dell'anno l'autorità portuale trovi milioni di euro di fondi privati tra armatori e spedizionieri internazionali non ancora identificati. A quel punto, e solo a quel punto, lo Stato metterà altrettanto. L'Autorità sostiene che l'ue parteciperà per il 20 per cento dell'investimento (oltre 400 milioni) dopo avere messo a Il nuovo doge tra politica, affari e musei disposizione, nel 2012, 770 mila euro per la fase preliminare. Poi si procederà alle gare internazionali su tre lotti: la diga e i moli, che sono la parte finanziata dallo Stato (948 milioni), il terminal energetico (625 milioni) e la parte dei servizi e delle infrastrutture (563 milioni) che include le cosiddette "Mama vessel", le grandi chiatte incaricate di portare a riva il carico. La cifra che manca, e mancano diverse centinaia di milioni di euro, sarà finanziata dai privati in una fase successiva del progetto. Cioè, se l'esperienza del project financing in Italia ha insegnato qualcosa, mai. Ma l'importante è partire. Per i ritocchi, le aggiunte e le revisioni prezzi ci sarà tempo in corso d'opera. n Presidente quasi a vita. È un record nazionale quello di Giuliano Segre, nato nel 1940, economista consulente negli anni Ottanta della presidenza del Consiglio, dei ministeri delle Finanze e del Tesoro, del doge socialista delle partecipazioni statali, Gianni De Michelis. Da ventotto anni è al vertice prima della Cassa di Risparmio di Venezia e poi della Fondazione di Venezia ( ex Fondazione Cassa di Risparmio). La sua carriera è passata attraverso la Prima e la Seconda Repubblica ed è stata appena scalfita dalla bancarotta della vicentina Trevitex per cui era stato condannato a 4 anni e alla fine assolto dalla Cassazione. Il regno del banchiere veneziano ha superato cambi di governo, di sindaci e presidenti di regione, e di assetti societari. Oggi Segre è punto di riferimento non solo nella finanza ma anche nella politica veneziana. Sposato con Laura Fincato, anche lei sottosegretario con il Psi e oggi nel Pd, ha affidato la presidenza della Polymnia, società strumentale della Fondazione, a Plinio Danieli, architetto socialista di lungo corso e oggi tra i primi immobiliaristi di Mestre. La Fondazione di Segre non si accontenta dei contributi alla cultura. «Respingendo ogni tendenza al mero mecenatismo», si legge sulla home page del sito, «la Fondazione ha intrapreso una via imprenditoriale, consistente nel creare iniziative inedite, di proprio disegno e diretta gestione». Fra queste ci sono operazioni immobiliari come il progetto M9 per il nuovo Museo di Mestre. Cento milioni di euro sono stati messi a disposizione per realizzare un complesso con spazi museali ma anche servizi e edifici. È stato finanziato anche il restauro di lusso della nuova sede della Fondazione sul Rio Novo, a Venezia. Fra le attività culturali, ci sono le collaborazioni con la società Civita Trevenezie, che fa capo alla Marsilio di Cesare De Michelis, la partecipazione alla Civita di Gianni letta, i contributi alla Fenice, alla Fondazione Pellicani e alla Fondazione Venezia 2000 guidata dall'ex rettore dell'luav Marino Folin. Alberto Vitucci 12 febbraio MSpresso 141 Politica Pagina 4

7 UNA ROULOTTE NEL CAMPO DEGLI ZINGARI BOSNIACI DI VIA BASSETTE, ALLA PERIFERIA OVEST DI PADOVA Le guerre tra poveri. Le gang di ogni colore. La tolleranza zero. I senza casa. E gli studenti che non vengono più. L'ex città gioiello vive il suo momento più difficile DI ROBERTO DI CARO FOTO DI MATTIA BALSAMINI PER L'ESPRESSO 58 I l SpeeaaO 112 febbraio 2015 Politica Pagina 5

8 Politica Pagina 6 23 N'ai

9 I11I6 3t Ili lli'll 60 I lampresso 112 febbraio 2015 Politica Pagina 7

10 Celi-alveari della paura In.questa foto: il parco d' Europa, quartiere Stanga, vicino al centro Fierist cd.a sinistra: il complesso abitativo Serenissima divia Anelli, sempre quartiere Stanga, visto dall 'interno. In basso, da sinistra verso destra: garage e condomini di via Brofferio, quartiere Guizza; una residente nei condomini della stessa via: esce pochissimo, dice, per paura dei furti nelle abitazioni; una delle cinque palazzine del complesso Serenissima Politica Pagina 8

11 Operai, nomadi e CasaPound Manifestazione dei lavoratori della logistica. Nell'altra pagina: il campo nomadi di Via Bassette e, subito sotto, due sorelle romene arrivate in Italia con la promessa di un lavoro poi risultato inesistente: oggi sono senza tetto. In basso, da sinistra: pattuglia dei vigili in zona stazione; un immigrato nigeriano a terra dopo che aveva cercato di sottarrsi a un controllo ; un manifesto di CasaPound in via Mameli Politica Pagina 9

12 Reportage Nessuno sa quanti sono gli stranieri irregolari. Ma si parla di almeno 30 mila persone. Che dormono all'addiaccio. O occupano case e capannoni dismessi f q iyt i F 5 ( W j1v = 1 i= t w >, A! khcia 11 ccade tutto in un paio di minuti, zona Stazione, le sei di sera. In tre Si sottraggono al controllo di Carabinieri in borghese e Polizia locale in divisa e cane antidroga. Urla, tafferuglio, un corpulento nigeriano di 28 anni stende a pugni in pancia due militi, viene bloccato a terra, verrà fermato, gli altri scappano. Il fotografo documenta, le immagini stanno in queste pagine. Sono sempre più frequenti blitz del genere, da quando nel giugno scorso a Padova è stato eletto sindaco Massimo Bitonci, Lega Nord, parole d'ordine sicurezza, lotta al degrado e all'immigrazione clandestina. Ha scalzato un centrosinistra che per dieci anni su sicurezza e mano forte aveva capitalizzato voti e immagine, con il "muro della legalità" eretto dal sindaco-sceriffo Flavio Zanonato attorno ai sette palazzi verdino sporco di via Anelli, regno di spacciatori, prostitute e papponi. Il muro non c'è Politica Pagina 10

13 Reportage più, il ghetto è svuotato e chiuso, la storia no: 125 privati, vittime alcuni e altri che speculando han comprato a due soldi, fanno sì che Comune e Ater non raggiungano il 75 per cento di proprietà necessaria a riqualificare o abbattere. Quale malessere sfilaccia la città del Santo e del Petrarca, di Freda e Ventura e di Toni Negri? Il centro nobile, fra il Giotto degli Scrovegni e il Caffè Pedrocchi, dove la guerra è con gli studenti che lo invadono ogni mercoledì notte: «Vivaddio, l'università si apre alla città, 20 mila giovani sono emigrati in tre anni!», per la neuropsichiatra Beatrice Dalla Barba, Padova 2020 scissione a sinistra dal Pd; o «bevono, urlano, pisciano, spaccano vetri, peggio degli extracomunitari», per Pierluigi l'anziano taxista pro-bitonci. Le periferie, poi. La Guizza a sud, linde villette fascia medio-alta a fianco dei palazzoni popolari disastrati di via Brofferio dove usuali sono i furti in appartamento. Mortise a est, case Ater dove cornicioni e tubature cadono a pezzi, ma un anno fa il Comune gli ha fatto dipingere quattro enormi murales, «forse per dare un'allure di Bronx: 25 mila euro di spesa, pare», è il sarcasmo di Alain Luciani, capogruppo lista Bitonci sindaco, che qui ci vive. A nord, l'arcella, 40 mila abitanti, trafficanti albanesi, tunisini per lo spaccio al dettaglio: ma Silvestrin il gallerista, Gharazeudine il pizzaiolo, Bellon il parrucchiere, la Allegretto della gioielleria, Associazione botteghe di via Buonnarroti, ti mostrano fioriere, panchine e nuova illuminazione: Politica 7M= 1& I «Ne abbiamo abbastanza di veder dipinta l'arcella come un ricettacolo di delinquenza: è piena di stranieri integrati e onesti, comprano come gli italiani, i bambini vanno a scuola, episodi deprecabili accadono dappertutto, comunque ci siamo noi a vigilare». Come mai, rattoppata una falla nel tessuto sociale, subito se ne apre un'altra, non nel marasma delle metropoli Roma o Napoli dove non sai dove mettere le mani ma in una città di 200 mila anime, in parte ancora opulenta, nell'operoso Veneto? Le Cucine popolari di via Tommaseo, due sale per mangiare, docce, lavanderia, ambulatorio, all'ingresso un caotico viavai, sono ricettacolo di una disparata umanità. Operai rumeni senza cantiere, badanti moldave e ucraine senza più nessuno cui badare. Italiani con i capelli ondulati anni Sessanta, con una casa ma senza un soldo, che qui mangiano un pasto a 2 euro e mezzo o un piatto unico a 50 I problemi sociali si misurano nella mensa di Suor Lia. Che dice: «Arrivano sbandati a tutte le ore. Noi siamo solo una goccia in un mare di bisogno» =T centesimi. Senzatetto ospitati negli 82 posti dell'asilo notturno del Comune e altri trecento da Africa, Asia, Est Europa. Persone che dormono su una panchina, sotto un viadotto, in edifici abbandonati o in case scassinate alla bisogna (sì, capita, specie alla Stanga). Il tossico che urla e mostra i pugni. La sballata che torva ti avverte, i giornalisti non ci piacciono. E lui, Hassan, somalo di 26 anni, che apre la cartella e mostra un pacco di diplomi di italiano, informatica e quant'altro, sul cellulare le foto sue di quand'era a Torino, con il console somalo, il sindaco Fassino, la ministra Kyenge: progetti per i connazionali, non foto-opportunity. E a Padova da 8 mesi. Dove dorme? «Sotto dei cartoni, dove trovo un posto libero». Le Cucine esistono da 130 anni, sono della Diocesi, contano su tredici operatori, cento volontari a turno e lei, suor Lia, minuta, capelli bianchi, dedizione totale ma anche la durezza necessaria a fronteggiare situazioni ardue: dove ora parliamo, un tunisino ha sgozzato un connazionale, storia di soldi e droga. Dice suor Lia che «arrivano sbandati a tutte le ore, la gente che cerca di sopravvivere sulla strada è tanta e senza riferimenti certi, ciò che noi riusciamo a dare è una goccia in un mare di bisogno». Non è tenera nemmeno verso quanti, «generosi e disponibili al volontariato, appena proponi servizi d'accoglienza vicino a casa loro firmano petizioni contro: aiutiamoli, ma un passo più in là». Quadro fosco: «Dirigo le Cucine da vent'anni. Vedo oggi tornare molti che avevamo sistemato Pagina 11

14 DA SINISTRA: I PALAZZI POPOLARI DI VIA CARRARO AMMINISTRATI DALL' ATER; L'INTERNO DELLE "CUCINE ECONOMICHE POPOLARI" GESTITE DA SUOR LIA; SCORTE DI CIBO NELLA SEDE NAZIONALE DEI "BEATI COSTRUTTORI DI PACE"; MASSIMO BITONCI, SINDACO LEGHISTA DI PADOVA DAL GIUGNO 2014 allora. Senza niente. E hanno perso anche la speranza». Lì dentro entrano spacciatori, bisogna poterli identificare, ha dichiarato il sindaco Bitonci. Non si schedano gli affamati, gli ha risposto secco Antonio Mattiazzo, arcivescovo di Padova e teologo. Esci, giri l'angolo, al muro un manifesto di Casa Pound: «Veneto crocifisso. Stop invasione. Basta porgere l'altra guancia». Sono 32 mila, a Padova, gli stranieri regolari, altrettanti nel resto della provincia. 32 i rifugiati e richiedenti asilo entro il Progetto nazionale Sprar. 103 i minori stranieri non accompagnati, ospitati in istituti cattolici, costo per il Comune 850 mila euro. Meno di 200 i profughi in gestione alle cooperative, 34 euro al dì dalla Prefettura: ma arrivano, scappano, altri li sostituiscono. «Ora però siamo saturi, i bandi sono esauriti, le amministrazioni non ci aiutano», ha dichiarato nel bilancio di fine anno il prefetto Patrizia Impresa, elencando un lieve calo dei furti in casa, il crollo del consumo di cocaina che costa troppo e il folle aumento di eroina, tre volte tanto, 20 euro a dose, fumata o sniffata. Ma gli irregolari, i clandestini? Se lo chiedi al prefetto cala il gelo, niente cifre a casaccio. Altri 30 mila, secondo stime ufficiose. Incontrarli è facilissimo. Anche cacciarli dagli edifici che occupano e sbarrare gli accessi, salvo ritrovarli tre giorni dopo nello stesso posto, però all'addiaccio. Tipo Elena, incinta, e Sabrina, con problemi ai polmoni. Romene, sui trent'anni. All'ex Laboratorio di chimica agraria di corso Australia. Di che vivono? «Elemosine. Se no di quello che troviamo nei cassonetti». Lo stesso al decrepito ex- Macello, senza vetri alle finestre. E all'ex- Foro Boario, 15 zingari serbi e 30 romeni. «Certo, operiamo con politiche aggressive, ma nel pieno rispetto delle regole», rivendica Bitonci, alle spalle un bel dipinto della Battaglia di Lepanto con la flotta musulmana in rotta; e difende il suo nuovo regolamento di polizia, divieto di accattonaggio anche non molesto, di vendita alcolici sotto i 18 anni anziché i 16 di legge, di consumo cibi e bevande per strada se non nelle vicinanze dei dehors. E la regola che, nell'assegnazione di case popolari, privilegia chi a Padova risiede da 20 anni. «L'amministrazione si accanisce su piccole situazioni di grave disagio ma non ha un'idea né un progetto per accoglienza e assistenza. Non che il centrosinistra abbia fatto molto di più, chiacchiere a parte», attacca Nicola Grigion di Razzismo Stop. Ti porta prima a vedere quattro palazzi Ater in via Strattico, «42 alloggi vuoti, ma in provincia tra pubblico e privato sono 40 mila»: al centro una serra subito eretta per incassare i fondi europei. Poi nella sede di una società di meeting fallita, occupata un anno fa da 55 eritrei, somali, sudanesi, ghanesi, ivoriani, battezzata Casa dei diritti Don Gallo: «Vedi quei pancali usati? Ci fanno poltrone, le vendono a 70 euro». Tanta gente che arranca. Guerra tra poveri. Aree dove le regole vanno ripristinate, ma regole che quando le applichi generano ingiustizia e assurdità. Vai da don Albino Bizzotti, fondatore trent'anni fa di Beati i costruttori di pace: «Due zingare, Sue Ellen e Jamaica, vendono piantine fuori dall'ospedale. Sequestro e multa di euro. Devono andare a rubare?» Nella sede dei Beati, un magazzino pieno di roba da mangiare: assistono famiglie. Anziani soli. Immigrati senza nulla. Sinti e rom. «Per loro siamo il punto di riferimento principale». Lo conferma Elvis Seferovic, quando vai a trovare lui e la sua famiglia, 16 adulti e 38 bambini, fra le otto roulotte e le baracche, povere all'esterno curatissime all'interno, sotto un cavalcavia fra due tangenziali in via Bassette: su terreno privato, uno dei 12 campi nomadi in città, due soli comunali. «Ferrivecchi. Da aziende in Veneto e Friuli raccogliamo e smontiamo lavatrici, stufe e frigoriferi per un po' di rame e ottone. Non abbiamo avuto niente dal Comune né abbiamo mai chiesto niente», ti dice attorno a un falò. Affitta, vivi come un padovano, gli ha detto il sindaco. «In un alloggio popolare riusciremmo a pagare il canone, ma quale privato affitta a una famiglia con otto figli? E a che prezzo?» Roberto Di Caro Politica Pagina 12

15 r- r- L-B ILI L L]MÀIll Sei anni fa veniva +9,4% +8,4% +8% approvata la legge Brunetta. Ma oggi le assenze nel pubblico impiego sono di nuovo in crescita. Mentre calano nel privato DI STEFANO LIVADIOTTI n settore pubblico n settore privato DATI SULLE ASSENZE DEI LAVORATORI PER MALATTIA. VARIAZIONI % TRA IL 2012 E IL 2014 TOTALE NUMERO GIORNI CERTIFICATI MEDICI DI MALATTIE DI LAVORO PERSI -2,9% -4,4% -2,1% Personale Pagina 13

16 Ma intanto arrivano più BONUS PER TUTTI I dipendenti licenziati per motivi disciplinari sono una rarità. Mentre gli incentivi di produttività sono diventati una farsa DI PAOLO FANTAUZZI Se finirà con una semplice tirata d'orecchi, è presto per dirlo: il procedimento è ancora in corso e ci vorranno giorni prima di arrivare a una conclusione definitiva. A ogni modo i vigili urbani della capitale che la notte di Capodanno hanno dato forfait in massa, nemmeno fossero stati colpiti da un'improvvisa pandemia, in teoria avrebbero ben poco da stare tranquilli. Perché è una leggenda metropolitana la vulgata secondo cui «i licenziamenti nel pubblico impiego non esistono». E non solo l'attestazione di un falso stato di malattia, come sembra sia accaduto a Roma, è una delle fattispecie che prevedono la giusta causa per l'allontanamento, ma ora il governo - proprio sulla scorta di quanto accaduto - intende facilitare sanzioni e rimozioni (vedere il riquadro a pagina 56). CHE FAI, MI CACCI? Che il tema sia spinoso e la situazione tutt'altro che semplice lo dimostra tut- tavia la vaghezza assoluta che circonda l'argomento. Al punto che neppure lo Stato ha una visione esatta del fenomeno. Secondo la Ragioneria generale nel 2013 sono stati 620 i dipendenti pubblici licenziati, mentre al ministero della Semplificazione ne sono stati comunicati molti meno: 220. Altrettanto impossibile è sapere con esattezza quanti sono stati i reintegri a seguito di sentenze dei giudici, perché il dato a livello aggregato non viene monitorato. Meno incertezza La pubblica amministrazione in Italia Costo dei dipendenti statali pari al 11,6% del PIL (dati 2013) Totale dei dipendenti statali (dati 2013) Licenziamenti nel 2013 Enti locali 339 Serv. sanitario naz. 114 Scuola 48 Agenzie fiscali 28 Enti pubb. non economici 26 Ministeri 20 Università 18 Vigili del fuoco 11 Ex lacp 8 Enti di ricerca 3 Organi costituzionali 2 Autorità indipendenti 2 Corpo forestale 1 per un totale di 620 pari allo 0,018% dei dipendenti Personale Pagina 14

17 IL MINISTRO MARIANNA MADIA, CHE DEVE RIFORMARE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE sorprese. A cominciare dai 16 insegnanti di religione alle medie, ai quali vanno sommati 28 dipendenti delle agenzie fiscali, 15 medici del Servizio sanitario nazionale e così via. Un panorama variegato, che comprende pure qualche dirigente: 26 in tutto, dalla Regione Toscana all'ater di Gorizia, dall'università di Siena alla Provincia di Monza, dove i manager mandati a casa sono stati addirittura due. Numeri infinitesima- li, rispetto ai tre milioni e 233 mila impiegati statali: i licenziamenti ammontano allo 0,02 per cento. Uno statale ogni 5 mila. Tutt'altra storia rispetto al settore privato. Ma sono la prova che gli strumenti per punire l'improduttività c'è invece sui procedimenti disciplinari, censiti unicamente dall'ispettorato della Funzione pubblica: quasi 7mila, conclusi per lo più con sanzioni minori (multe, rimproveri verbali o scritti) ma non di rado con la sospensione dal servizio, la punizione più grave prima della perdita del posto, che a seconda della gravità dell'illecito può arrivare fino a sei mesi (vedere il grafico). "L'Espresso" ha ricostruito i profili di chi ha perso il posto e non mancano le Licenziamenti ultimo triennio Dirigenti E Medici 2011 Cause dei licenziamenti Assenteismo 45% Esito dei proced. disciplinari Licenziamenti Archiviazione 3,5% \ _ I 28% 521 di cui e di cui e di cui e16 I Reati t 36% Negligenza 16% Doppio lavoro 3% La ripartizione si riferisce solo ai 220 licenziamenti censiti dal Ministero della PA Sanzioni Sospensioni \ minori 22,1% 46,4% Ministeri, obiettivi raggiunti? 100% Esteri, Ambiente, Università e ricerca, Lavoro, Politiche agricole, Salute, Interno 99% Trasporti 98% Giustizia 97% Beni culturali, Sviluppo 77% Difesa Fonte: Ragioneria generale dello Stato Fonte: Funzione pubblica Fonte: Autorità Anticorruzione Personale Pagina 15

18 e aggredire furbizie, lassismo e assenteismo ci sarebbero. A volerli utilizzare. UNO STATO QUASI PERFETTO A confermare che finora non sia affatto così è il governo stesso, visto che nel disegno di legge delega sulla Pubblica amministrazione punta a «rendere concreto l'esercizio dell'azione disciplinare». Parole che suonano come un'implicita ammissione: le norme ci sono ma non vengono utilizzate. D'altronde, che la situazione si stia avvitando lo dicono i numeri. Un paio di anni fa per concludere un procedimento sanzionatorio ci volevano in media 78 giorni e nei settori più lenti non si superava il semestre. Oggi di giorni ne servono 102, con punte di oltre sette mesi. A dimostrazione che la riforma Brunetta, annunciata dal suo promotore come una rivoluzione copernicana in grado di risolvere tutti i mali, ha introdotto una serie di adempimenti formali che hanno intaccato assai limitatamente vizi e pigrizie della macchina statale. Eppure, a leggere le relazioni che gli uffici devono stilare sulla base dell'attività svolta, si direbbe che il comparto pubblico in Italia è composto da un esercito di indefessi stakanovisti tali da assicurare un'efficienza teutonica. Ministeri ed enti parco dichiarano un tasso di raggiungimento degli «obiettivi strategici» del 97 per cento e gli enti previden- ziali fanno ancora meglio, rasentando la perfezione: il 99 per cento. Una scrupolosità che stride col senso comune. Anche perché spesso questi traguardi non sono vette così ardue da scalare. Il ministero dell'istruzione, ad esempio, si è fissato quello di garantire il funzionamento degli uffici regionali in modo da «assicurare l'ordinato avvio dell'anno scolastico». Non dovrebbe essere scontato? Idem alle Politiche agricole, dove in tempi di tagli è ritenuto un grande risultato farsi bastare i soldi. Ovvero ripartire i fondi «per assicurare il livello minimo dei servizi in presenza di insufficienti stanziamenti». Nemmeno questo un obiettivo improbo, ma ritenuto comunque strategico. E così via di questo passo, dalla «definizione di una mappa dei servizi erogati» (Croce rossa) alla generica «valorizzazione del personale» (ministero dei Trasporti). Fino al vaghissimo proposito di «conseguire economie strutturali» che si è prefissato l'inail. Tutti traguardi, ça va sans dire, raggiunti al 100 per cento. BONUS PER TUTTI In realtà questo non è affatto un buon motivo per essere ottimisti. Tutt'altro, secondo l'autorità nazionale anticorruzione: «Gli straordinari risultati positivi appaiono irrealistici ed in contrasto con la percezione dei cittadini» si legge nell'ul- Lo scandalo vigili rilancia le sanzioni Anche se non ci saranno conseguenze, l'hanno combinata grossa. Non fosse stato per i vigili urbani della capitale, il giro di vite del governo su licenziamenti e sanzioni infatti non ci sarebbe stato. Tant'è vero che nel ddl Madia, varato la scorsa estate e ora all'esame del Senato, il tema non veniva affrontato. Ora, dopo il caso di Roma, l'esecutivo è stato costretto a intervenire. E il risultato si è visto il 20 gennaio, quando a Palazzo Madama è arrivato un emendamento ad hoc all 'articolo 13, quello dedicato al riordino della disciplina del lavoro : cinque stringati commi che ampliano la delega al governo e inseriscono temi nuovi relativi a controlli, valutazione e procedimenti disciplinari. Il menu prevede di affidare la competenza sulle visite fiscali dalle Asl all'inps (che però negli ultimi anni ha visto costantemente ridotti i fondi a disposizione ) e in caso dare vita ad apposite commissioni per valutare la condotta dei dipendenti. Ma il perno è la semplificazione delle procedure sanzionatorie, al momento lunghe e farraginose anche per una duplice lentezza, non sempre disinteressata : quella dei dirigenti che muovono rilievi ai loro subordinati e quella con cui le contestazioni vengono notificate una volta che l'istruttoria si è conclusa. Preoccupazioni tutt'altro che campate in aria, perché la legge fissa termini temporali ben precisi per esercitare l'azione disciplinare. Dovrebbe invece restare la possibilità di riammissione in caso di licenziamento disciplinare illegittimo. Dopo lo stucchevole dibattito se il Jobs act fosse applicabile anche al pubblico impiego, che a fine anno ha tenuto banco per giorni, a tagliare la testa al toro ci ha pensato il ministro Marianna Madia, che nei giorni scorsi si è detta convinta della necessità di «prevedere sempre il reintegro» per gli statali. Personale LE VALUTAZIONI DEI DIRIGENTI SONO SEMPRE AL MASSIMO LIVELLO: E COSÌ POSSONO INTASCARE UN EXTRA CHE ARRIVA FINO A 30 MILA EURO L'ANNO tima relazione sulla performance della pubblica amministrazione: «È evidente il "cortocircuito logico" tra le difficoltà del contesto, la riduzione delle risorse disponibili, le criticità organizzative e, a dispetto di tutto ciò, la capacità di conseguimento brillante degli obiettivi strategici». E i protagonisti di questo apparente miracolo sono ovviamente i capi, che riescono quasi sempre a ottenere il punteggio massimo: «Appare preoccupante che, nella gran parte dei casi in cui è applicata, la valutazione dei dirigenti di prima e seconda fascia registri una significativa concentrazione nella classe più alta: la quasi totalità ha conseguito una valutazione non inferiore al 90 per cento del livello massimo atteso». Un po' come se la totalità degli alunni italiani, da Torino a Palermo, avesse una pagella con una sfilza di nove, a prescindere dall'impegno dimostrato durante l'anno scolastico. Tutti diligenti sgobboni? Fra l'altro questa manica larga non è priva di conseguenze sul piano pratico. Al contrario, è determinante per incassare la cosiddetta "retribuzione di risultato", una sorta di premio produttività annuale che è ormai una realtà in tutta Europa: diffusa quasi ovunque, negli ultimi anni è stato introdotta anche in Bulgaria, Lussemburgo, Portogallo e Slovacchia, mentre a Cipro ci stanno pensando. L'incentivo economico doveva essere una delle leve per innescare l'efficienza. Solo che, proprio grazie a una valutazione assai generosa, è diventato un bonus erogato indiscriminatamente a tutti. E nemmeno di così poco conto, visto che si aggira intorno al 20 per cento dello stipendio. Tradotto in cifre, circa mila curo l'anno, a seconda del livello ricoperto. Pagina 16

19 LA SALA OPERATORIA DI UN OSPEDALE: 114 DIPENDENTI DELLE ASL SONO STATI LICENZIATI NEL 2013 Insomma, per assurdo che possa apparire, i soldi a disposizione diminuiscono, da anni il ricambio del personale è fermo, eppure i manager riescono a centrare tutti i target. E a volte ci riescono anche quando non ce ne sono. A Matera, per esempio, alcuni funzionari e amministratori sono stati condannati dalla Corte dei conti per aver liquidato 18 mila curo di bonus ai dirigenti del Comune: nulla di male, se prima avessero almeno assegnato loro qualche obiettivo. CONTROLLATO 0 CONTROLLORE? «C'è una forte resistenza e diffidenza verso il nuovo, ma c'è soprattutto grande difficoltà nel fare buona valutazione, un concetto già alla base della riforma Bassanini, con lo scopo di inoculare cultura della leadership dirigenziale e capacità di far squadra, ma che spesso non è stato riempito di contenuti come si doveva» spiega Gabriella Nicosia, docente di Diritto del lavoro all'università di Catania ed esperta di dirigenza pubblica. «Così, grazie anche a modelli di misurazione della performance e sistemi di rilevazione poco efficaci, ancora oggi ci sono ampi margini di inadeguatezza nell'attribuzione delle retribuzioni di risultato ai dirigenti». Il problema è che le conseguenze sono a cascata. Perché un capo che sa di non rischiare nulla e di poter contare con certezza sul bonus sarà portato a preferire la tranquillità del quieto vivere piuttosto che contestare lo scarso rendimento dei suoi sottoposti. Bacchetta non a caso la Corte dei Conti nell'ultimo Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica, dove un intero capitolo è dedicato ai «nodi irrisolti della dirigenza pubblica»: «A fronte di una sostenuta dinamica retributiva non è mai entrato a regime un idoneo sistema di valutazione della capacità manageriale, presupposto per la corresponsione della cosiddetta retribuzione di risultato». Si dirà: ma non c'è nessuno che verifica? Certo che c'è. A validare le relazioni sulle performance e proporre l'attribuzione dei premi ai dirigenti sono gli Organismi indipendenti di valutazione (Oiv). Solo che non sempre l'indipendenza vantata nel nome trova corrispondenza nei fatti. Chi nomina infatti (e quindi retribuisce) i componenti? L'apparato politico, ovvero quello che impartisce le direttive e decide promozioni e spostamenti. Una vicinanza che, oltre ad abbattere le distanze fino a rischiare di confondere controllato e controllore, è anche foriera di potenziali conflitti di interessi. Eventualità non proprio peregrina, se l'anticorruzione ha dovuto chiarire che non può essere nominato nell'oiv di un Comune chi è stato candidato in una lista a sostegno del sindaco. Qualche precedente assai particolare del resto non manca. Nel 2010 l'allora presidente della Provincia di Salerno, il deputato di Fratelli d'italia ed ex An Edmondo Cirielli, scelse "in casa" i membri dell'organismo di valutazione: su sei componenti, ben tre erano stati nell'esecutivo locale di Alleanza nazionale e un altro era stato candidato senza successo alle regionali di pochi mesi prima con una lista di centrodestra. Come presidente era invece stato nominato un avvocato con un passato da assessore comunale. Quanto meno in quota Udeur. n Personale Pagina 17

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna La Nuova Venezia mercoledì 6 novembre 2013 L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna di ENRICO TANTUCCI 06 Novembre 2013 20 Grandi navi, stop dal governo di Enrico Tantucci Incontro

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Grecia: fra uno stereotipo e un tavolino del bar, passando per la poesia

Grecia: fra uno stereotipo e un tavolino del bar, passando per la poesia Grecia: fra uno stereotipo e un tavolino del bar, passando per la poesia C era un periodo in cui nessuno parlava della Grecia se non per le isole e le vacanze. Che bella Santorini. Eccetera. Lo sai che

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

RassegnaStampa 03/08/2015. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547

RassegnaStampa 03/08/2015. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 RassegnaStampa 03/08/2015 ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 Rassegna del 03 agosto 2015 ATTIVITA' ECONOMICHE Corriere Della Sera 7 LA CORSA CONTRO IL TEMPO PER INVESTIRE I 12 MILIARDI

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015

RASSEGNA STAMPA. DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/2015 giovedì 23 luglio 205 RASSEGNA STAMPA DIRITTO E IMPRESA Antincendio negli hotel con regola Italia Oggi pag. 33 del 23/07/205 EDILIZIA Edilizia privata: basta ritardi L Unione Sarda pag.8 del 23/07/205

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

DOSSIER BUSINESS DELL INVASIONE

DOSSIER BUSINESS DELL INVASIONE DOSSIER BUSINESS DELL INVASIONE

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

LEGGE. n. 8580 del 17/02/2000. Sui partiti politici

LEGGE. n. 8580 del 17/02/2000. Sui partiti politici LEGGE n. 8580 del 17/02/2000 Sui partiti politici (Modificata dalla decisione della Corte costituzionale n. 33 del 05/09/2001, G.U. n. 30) (Modificata dalla Legge n. 9452, del 02/02/2006 G.U. n. 15) (Modificata

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2135. Disposizioni in materia di costi per la rimozione dei materiali contenenti amianto

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2135. Disposizioni in materia di costi per la rimozione dei materiali contenenti amianto Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2135 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori D ALIA e BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 APRILE 2010 Disposizioni in materia di costi per la rimozione

Dettagli

Adozione dell elenco annuale 2014 e del programma triennale dei lavori pubblici 2014-2016

Adozione dell elenco annuale 2014 e del programma triennale dei lavori pubblici 2014-2016 Consiglio di Amministrazione del 11/10/2013 PROPOSTA DI DELIBERA UOP proponente: ASIA RPA: Pompele Tiziano Adozione dell elenco annuale 2014 e del programma triennale dei lavori pubblici 2014-2016 Premessa

Dettagli

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 768 VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI 18 settembre

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE Gazzettino 18/11/14 P. 6 A rischio 6.600 comuni, in Friuli il 92% 1 PROTEZIONE CIVILE Gazzettino 18/11/14 P. 6 L'Italia è fragile, sono 6.600 i comuni a rischio 2 Gazzettino

Dettagli

Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione

Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione Sintesi del ddl delega su Pubblica amministrazione Ruolo unico per i dirigenti statali che potranno rimanere in carica per 4 anni (con l'aggiunta di 2 anni se necessario, ma per una sola volta). Licenziamenti

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO Invece sulla questione dei rigassificatori non c è dubbio che dovremmo averne qualcuno e qui c è una storia che è proprio tutta italica. da A

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 www.excursus.org Direttore responsabile: Luigi Grisolia RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 L irragionevole durata dei processi nel nostro Paese di Luigi Grisolia Un interessante documentario dell Anm

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

"Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi

Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi "Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi Sogno di bimbi Aggiornamento a novembre 2010 ALL 88 PRO 06.05 bis Rev. 0 01/09/2007 LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: PROGETTO: RESPONSABILE: BENEFICIARI DIRETTI:

Dettagli

Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza.

Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza. Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza. Lo scopo di questa proposta di legge è portare al centro dell attenzione il tema

Dettagli

Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo

Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo Un contributo di Francesca Paini, presidente della Fondazione G.B. Scalabrini per l housing sociale, presidenza di Federsolidarietà

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1

18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE 24 ORE Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 GAZZETTA DEL SUD Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE 24 ORE Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

BUON LAVORO. 20 anni dall approvazione della legge 381. 20 anni (circa) di lavoro nella cooperazione sociale. 20 storie di cooperative sociali

BUON LAVORO. 20 anni dall approvazione della legge 381. 20 anni (circa) di lavoro nella cooperazione sociale. 20 storie di cooperative sociali BUON LAVORO 20 anni dall approvazione della legge 381 20 anni (circa) di lavoro nella cooperazione sociale 20 storie di cooperative sociali E se non ci fossero? Se non ci fossero, cosa avremmo perso? quale

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il cartone vince sul degrado

Il cartone vince sul degrado 1. Il cartone vince sul degrado inshare Il cartone vince sul degrado di Sergio Ferraris Al Rione Sanità ogni giorno si raccolgono 2,3 tonnellate di cartone. Un risultato eccellente dovuto non solo alla

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Domenica 01 Giugno 2014 P. 25

Domenica 01 Giugno 2014 P. 25 Domenica 01 Giugno 2014 P. 25 1 Domenica 01 Giugno 2014 P. 28 2 Domenica 01 Giugno 2014 P. 29 3 Domenica 01 Giugno 2014 P. 15 4 Domenica 01 Giugno 2014 P. 31 5 Domenica 01 Giugno 2014 P. 3 6 7 8 Domenica

Dettagli

COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?!

COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?! COSA CAMBIA PER I NEO-COMUNITARI?! RUMENI E BULGARI Dal 1 gennaio del 2007, secondo le direttive europee, i cittadini bulgari e rumeni sono diventati a tutti gli effetti cittadini comunitari.la legge Bossi-Fini

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri LA NOTA Monitoraggio sulla legislazione, la giurisprudenza, le disposizioni fiscali e previdenziali, gli indicatori economici attinenti la professione degli ingegneri

Dettagli

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati ANCI PDF 29/10/2008 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

GRUPPO CIT IN A.S. BREVE PROFILO DELLE ATTIVITA OGGETTO DI CESSIONE

GRUPPO CIT IN A.S. BREVE PROFILO DELLE ATTIVITA OGGETTO DI CESSIONE BREVE PROFILO DELLE ATTIVITA OGGETTO DI CESSIONE Le attività oggetto di cessione del Gruppo CIT in A.S. Il Gruppo CIT opera da anni con riconoscimento a livello internazionale nell attività di offerta,

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE LA CASA DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno! B- Buongiorno, signore cosa desidera? A- Cerco un appartamento. B- Da acquistare o in affitto? A- Ah, no, no in affitto. Comprare una casa è troppo impegnativo,

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

IL CESIO-137 A BRESCIA (1)

IL CESIO-137 A BRESCIA (1) IL CESIO-137 A BRESCIA (1) L «EX CAVA PICCINELLI» DI VIA CERCA Nei pressi dell'"ex cava Piccinelli" di via Cerca Alle porte di Brescia, nei pressi dello stabilimento Alfa Acciai, c è un terreno pieno zeppo

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

Siamo alle solite! Notiziario interno. Siamo alle solite! Accordo SIDAC IN QUESTO NUMERO

Siamo alle solite! Notiziario interno. Siamo alle solite! Accordo SIDAC IN QUESTO NUMERO Notiziario interno FASTFERROVIE NUMERO 7 ANNO 2007 12 MARZO 2007 Siamo alle solite! IN QUESTO NUMERO Siamo alle solite! Accordo SIDAC Agenda della settimana DATA ORA EVENTO 15/03 09.00 Incontro con l A.D.

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO CGIL-CISL-UIL PIEMONTE SUNIA-SICET-UNIAT PIEMONTE RELAZIONE INTRODUTTIVA EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO In Piemonte come in Italia la pesante crisi economica ha generato

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti.

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. di Gabriele De Stefani A casa 350 dei 390 dipendenti della raffineria destinata, da qui alla fine dell' anno, a

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI PROGETTI STAZIONI ITALIANE LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI Dalla politica di valorizzazione del patrimonio immobiliare delle Ferrovie dello Stato nasce una strategia di riassetto globale delle

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARRESCIA, COMINELLI, CAPONE, BIONDELLI, CIMBRO, D INCECCO, FRAGOMELI, LODOLINI, PETITTI, RUBINATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARRESCIA, COMINELLI, CAPONE, BIONDELLI, CIMBRO, D INCECCO, FRAGOMELI, LODOLINI, PETITTI, RUBINATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1948 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARRESCIA, COMINELLI, CAPONE, BIONDELLI, CIMBRO, D INCECCO, FRAGOMELI, LODOLINI, PETITTI,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 478 LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 29 novembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente

Dettagli

Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014

Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014 Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014 Nel 2014 abbiamo assistito 1.362 lavoratori di cui 698 per delle vertenze individuali, mentre 664 nelle procedure concorsuali.

Dettagli

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 IN PRIMO PIANO IN QUESTO NUMERO In primo piano INPS. Sindacati, con Poletti incontro interlocutorio, attesa proposta Governo (Adnkronos) p. 1 Lo sciopero

Dettagli

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università Miur Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università In allegato il testo del ddl 28 ottobre 2009 CDM, VIA LIBERA A DDL RIFORMA UNIVERSITA' 2009-10-28 11:11 * * * In allegato, il comunicato

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 25/01/2012 Indice IL MATTINO 2 Fondi Inail, la città perde 65 milioni di euro (articolo di sabato 21 gennaio 2012) 3 Ecco perché l Università ha rinunciato ai Fondi

Dettagli

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI CAMERA DEI DEPUTATI 41 MARTEDÌ 20 GENNAIO 2015 XVII LEGISLATURA BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI INDICE DELEGAZIONE PRESSO L ASSEMBLEA PARLAMENTARE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Codice Vecchia Qualifica

Codice Vecchia Qualifica Codice Vecchia Qualifica Codice Nuova Qualifica Descrizione Vecchia Qualifica Descrizione Nuova Qualifica MEMBRI DI ORGANISMI DI GOVERNO E DI ASSEMBLEE CON POTESTA' LEGISLATIVA E REGOLAMENTARE NAZIONALI

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli