RASSEGNA STAMPA CGIL FVG venerdì 12 giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA CGIL FVG venerdì 12 giugno 2015"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA CGIL FVG venerdì 12 giugno 2015 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata prevalentemente ad argomenti locali di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet dei quotidiani indicati. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE (pag. 2) Posti fissi, il primato va al Fvg (+75%) (Piccolo) I fari dell Antimafia su Fincantieri (Piccolo) «Seimila euro, Isee troppo basso» (Gazzettino) Ok dal commissario al piano: ai prestatori fino al 36% del capitale (M. Veneto) Le navi trainano l export regionale (M. Veneto) Esauriti i posti per minori. I sindaci devono arrangiarsi (M. Veneto) Bonus studi agli stranieri fino alla laurea (Piccolo) I dubbi di sindacati e onlus sugli assegni anti povertà (Piccolo) CRONACHE LOCALI (pag. 10) Cassa integrazione per un anno alla Vetroresina (M. Veneto Udine) Lavinox, l offerta non arriva e cresce l ansia (M. Veneto Pordenone) I reclami dei pazienti. Le "pagelle" ai reparti (Gazzettino Pordenone) Pensionati, i sindacati mobilitati per le scadenze (M. Veneto Pordenone) Cgil, vademecum anti-visite fiscali (Gazzettino Pordenone) Roma congela il via libera al rigassificatore (Piccolo Trieste) Giovani e politica, Belci presenta il libro Tra padri e figli (Piccolo Trieste) La protesta dei docenti manda in tilt gli scrutini (Piccolo Trieste) Detroit di Ronchi sul web per 6,5 milioni (Piccolo Gorizia-Monfalcone) Petizione alla Serracchiani: «Basta carbone dopo il 2017» (Piccolo Gorizia-Monfalcone)

2 ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE Posti fissi, il primato va al Fvg (+75%) (Piccolo) di Piercarlo Fiumanò TRIESTE Effetto Jobs Act sull economia del Friuli Venezia Giulia con oltre 4mila assunzioni in più a tempo indeterminato nei primi quattro mesi dell anno. Il dato, che addirittura proietta il Fvg al primo posto nella classifica delle regioni più virtuose, è contenuto nell Osservatorio sul precariato diffuso dall Inps che per la prima volta contiene una mappa del lavoro su scala regionale sulla base delle segnalazioni delle aziende. Dall Osservatorio emerge anche una ripresa delle assunzioni a termine (da a ). Risultati tutti da decifrare ma che sembrano confermare un venticello di ripresa. Secondo il rapporto, su scala nazionale, nel primo quadrimestre del 2015 aumentano le assunzioni a tempo indeterminato ( ) e i contratti a termine ( ) mentre diminuiscono le assunzioni in apprendistato ( ). Il Friuli Venezia Giulia, a sorpresa, si conferma così la regione più dinamica, primo in valori assoluti con nuovi contratti stabili (+75,3%) ben oltre la media nazionale. In ripresa anche le assunzioni a termine (da a ). Se consideriamo invece il complesso delle assunzioni nel periodo (comprese quindi quelle a termine e in apprendistato) l aumento è pari a posti. Il Friuli Venezia Giulia batte regioni come Umbria (+59,4%), Marche (+50,6%), Piemonte (+48,3%) ma soprattutto allunga il passo rispetto alle roccaforti del Nordest che pure hanno registrato buone performance come il Veneto (+40%) e il Trentino (+41%). Tornando allo scenario nazionale nel quadrimestre le nuove assunzioni a tempo indeterminato sono state e se si considerano anche le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine comprese le trasformazioni degli apprendisti (+23,4%), la quota di assunzioni con rapporti stabili è passata dal 35,51% del primo quadrimestre 2014 al 40,93% dei primi 4 mesi del In particolare, ad aprile la quota di nuovi rapporti stabili ha raggiunto la misura del 45% e sul complesso delle assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato oltre il 61% fruisce dell'esonero contributivo triennale introdotto dalla legge di stabilità Per l assessore regionale al Lavoro, Loredana Panariti è una buona base di partenza per cavalcare la nascente ripresa: «Possiamo guardare al futuro con fiducia per arrivare a un nuovo modello di uscita dalla crisi. Vogliamo che il Fvg sia una regione innovativa nella quale sostenibilità e competitività possano essere raggiunti con la valorizzazione del lavoro competente e stabile». Per la Cgil regionale non c è solo l effetto Jobs Act. Orietta Olivo, responsabile lavoro, sottolinea come «sui dati incidono sicuramente gli sgravi contributivi introdotti dalla Finanziaria 2015, come testimonia il forte aumento dei contratti a tempo indeterminato e la crescita di quelli a tempo determinato». Per Olivo c è anche un effetto voucher con un tetto annuo che il governo aumenta da 5mila a 7mila euro. Il fatto che crescano anche i posti a termine potrebbe però essere interpretato come un sintomo di ripresa: «Restiamo prudenti anche alla luce dei recenti dati Istat, che parlano di una diminuzione di occupati in regione nel confronto tendenziale col primo trimestre 2014». Questa ripresa del lavoro in regione arriva peraltro all indomani della presentazione del rapporto sull economia regionale di Bankitalia che fotografa l andamento del 2014, come un anno di stagnazione per l occupazione seppur con minore intensità rispetto al 2013 soprattutto per meccanica, legno e mobili e edilizia.

3 I fari dell Antimafia su Fincantieri (Piccolo) TRIESTE Claudio Fava, il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia, oggi in missione a Trieste, aveva anticipato il confronto anche con le parti sociali. Ma la sessione serale della giornata di Rosy Bindi e dei colleghi di Camera e Senato promette scintille: dopo non poche polemiche, uno dopo l altro arriveranno in Prefettura Franco Belci e Giuseppe Bono. Il tema, visto l interlocutore, sarà proprio quello che ha diviso il segretario della Cgil e il presidente di Confindustria regionale, amministratore delegato di Fincantieri, vale a dire le presunte infiltrazioni mafiose in Fvg. Belci ha più volte invitato il colosso dei cantieri navali a sottoscrivere il protocollo sulla legalità con i sindacati e il prefetto di Gorizia. Bono ha replicato di recente chiamando la controparte a essere «più responsabile e costruttiva». Nel tardo pomeriggio i due si confronteranno con la cinquantina di parlamentari attesi a Trieste. E Belci affila già le armi: «La presidente Bindi ha accolto la richiesta di audizione della parti sociali e non ci faremo sfuggire l occasione di trasmettere alla commissione quello che sosteniamo da tempo». Il segretario della Cgil Fvg non cambia idea: «Le infiltrazioni mafiose, certo non solo a Fincantieri, sono presenti purtroppo anche in regione. Lo hanno ulteriormente confermato i risvolti dell inchiesta Apocalisse della Procura di Palermo con chiari riferimenti a uno spostamento delle attività malavitose pure verso la portualità del Nord Est». Bono? «Da lui non mi aspetto niente, racconterà il suo punto di vista dice ancora Belci. Ma alla commissione farò presente che non sarebbe male dare un occhiata dentro il cantiere alla presenza delle forze dell ordine. Magari senza preavviso». La visita dell antimafia inizierà a mezzogiorno in Prefettura, presente anche il prefetto di Gorizia. Si inizierà con i colloqui con questore, carabinieri, Finanza e Direzione investigativa antimafia. Dopo la pausa pranzo si riprenderà alle con la sfilata dei responsabili di Procura, Capitaneria di porto, Autorità portuale, Consorzio per lo sviluppo industriale di Monfalcone, Cgil, Cisl, Uil e Confindustria. (m.b.) «Seimila euro, Isee troppo basso» (Gazzettino) TRIESTE - L'Isee che la maggioranza di Centrosinistra in Consiglio regionale ha fissato in 6mila euro netti all'anno per accedere al sostegno al reddito non va bene. La posizione della Cisl regionale, espressa durante l'audizione in 3.Commissione consiliare, trova sponda anche nelle altre forze sociali. «Ci lascia perplessi - afferma Luciano Bordin - perchè colpisce una fascia importante di famiglie che hanno una gestione complicata del reddito, auspichiamo una misura che deve essere equa e un testo unico per evitare il rischio di una guerra tra poveri». La Cisl chiede anche «una verifica in corso d'opera delle politiche messe in campo» mentre sul patto di inclusione sociale avverte: «Funziona solo se rispettato da entrambe le parti». Ma le osservazioni si sono focalizzate soprattutto sulla soglia Isee: si tratterà di trovare una mediazione tra la proposta della maggioranza, quella del Movimento 5 Stelle che lo indicano in 8mila euro (la proposta dei grillini è stata la prima in tal senso e risale ad aprile dello scorso anno) mentre Ncd fissa la soglia in 9mila euro. «Le forze sociali - riferisce il grillino Cristian Sergo - chiedono che l'isee venga fissato tra gli 8mila e i 9mila euro reputando troppo basso il paramentro della maggioranza». Convince poco anche l'entità dell'assegno pari a 500 euro mensili. Il capogruppo del Pd Diego Moretti assicura: «Stiamo ragionando e verificando le compatibilità finanziarie». L'obiettivo è uscire dal comitato ristretto, che si riunirà il 17 giugno, con un'unica proposta che faccia sintesi tra le tre prendendo come testo base quello del centrosinistra. Obiettivo del gruppo pentastellato è cambiare la proposta della maggioranza puntando sulla condizionalità della ricerca di un lavoro, restituzione del beneficio svolgendo lavori socialmente utili e su un sistema di controllo per non cadere nell'assistenzialismo. E.B.

4 Ok dal commissario al piano: ai prestatori fino al 36% del capitale (M. Veneto) di Domenico Pecile UDINE Disco verde del commissario giudiziale, Fabiola Beltramini, al piano di concordato preventivo di CoopCa. L ok al documento - che segue di poche ore la decisione del cda della Banca popolare di Cividale di acquisire il Cedi di Amaro per 10,8 milioni - è contenuto nella relazione di 145 pagine che la stessa Beltramini ha provveduto a inoltrare immediatamente ai soci prestatori. Quest ultimi, nell adunata dei chirografi già programmata per il prossimo 20 di giugno, a Udine, decideranno se avallare o respingere il Piano. Per il commissario giudiziale non ci sono dubbi nella scelta tra la convenienza della proposta di concordato rispetto all alternativa del fallimento e/o di amministrazione straordinaria. La stessa Beltramini nella parte conclusiva della sua relazione sottopone all attenzione dei creditori il fatto che qualora «ad esito delle indagini su alcuni componenti del cda e del collegio sindacale emergessero fatti di bancarotta, i reati connessi rileverebbero, anche, nell ambito della procedura concordataria, così come è anche riconosciuto al commissario giudiziale il diritto di costituirsi parte civile nel procedimento penale per i reati predetti». Non solo, ma nella stessa relazione viene sottolineato il fatto che un elemento di sicura rilevanza è rappresentato dal fatto che tute le offerte di acquisto fin qui pervenute (fatta eccezione per l offerta di due uffici «di modestissimo valore») sono subordinati all approvazione della procedura di concordato. «L interruzione di questa procedura - ricorda la Beltramini - comporterebbe il venire meno delle offerte di acquisto dei 14 punti vendita e di una parte cospicua del patrimonio immobiliare direttamente o indirettamente riferibile a CoopCa oltre a quota parte del consistenze del magazzino». Insomma, secondo le previsioni «appare realizzabile il pagamento integrale delle spese di procedura, dei crediti in prededuzione e dei crediti privilegiati e la soddisfazione dei creditori chirografi». Ma ecco nel dettaglio le cifre fornite. L attivo concordatario (vale a dire la somma che si presume di incassare da tutto il patrimonio di CoopCa) ammonta stando alla relazione del commissario - a 48 milioni 610 mila 684 euro, da cui si deve sottrarre il pagamento degli oneri dovuti ai professionisti di 2 milioni 274 mila 622 euro. Per cui il residuo attivo per i creditori privilegiati e quelli chirografari sarà di 45 milioni 886 mila 62 euro. Di questi, ai privilegiati spetteranno 31 milioni 159 mila 324 euro. Il residuo per i chirografari è di 14 milioni 726 mila 738 euro così suddivisi: l 1 per cento agli istituti bancari, il 32 per cento ai fornitori e il restante 67 per cento ai soci privilegia. Dunque, a quest ultimi spetterebbe la somma di 9 milioni 866 mila 914,46 euro sui complessivi 27 milioni 157 mila 702 euro di depositi complessivi. Dunque, se tutto dovesse verificarsi come prospettato dal commissario giudiziale - stante che si tratta ovviamente di ipotesi tutte da verificare sul campo - ai soci prestatori verrebbe riconosciuto il 36 per cento dei loro depositi. A questo presunto credito si dovrebbe aggiungere il 50 per cento del prestito promesso dal Legacoop Fvg e dal Distretto Adriatico e che dovrebbe essere formalizzato se ci sarà l ok al piano concordatario. Ma si tratta - giova ripetere - di calcoli ancora teorici. In realtà la stima è che i rimborsi dal piano oscillino tra il 5 e il 36 per cento a seconda dei risultati delle gare per la vendita del patrimonio.

5 Le navi trainano l export regionale (M. Veneto) di Elena Del Giudice UDINE Grazie alla cantieristica l export del Friuli Venezia Giulia vola nel primo trimestre Realizza infatti un incremento del 31,83 per cento, prima tra le regioni italiane. Disaggregando il dato per province, Udine flette di -2,13 per cento, Pordenone cresce dello 0,51 per cento, Gorizia realizza +269,03 per cento, e Trieste +92,56 per cento. Udine Nella provincia friulana crescono le esportazioni del settore primario, dei prodotti da forno, degli altri prodotti alimentati e delle bevande. Cede la chimica (-25,3), la plastica e il vetro. Ma soprattutto flette la siderurgia, da 254,2 milioni del 1 trimestre 2014 ai 238,7 di quest anno (6 per cento). Incerta la meccanica dove crescono le macchine di impiego generale ma scendono quelle speciali (da 184,5 a 136,2 milioni, -26,2 per cento). Modesto incremento per i mobili, +1,4 a 110 milioni. Pordenone Nel Friuli occidentale le piante vive (soprattutto barbatelle) incrementano di quasi il 50%; +15,1 per cento la gomma, +2,5 la plastica, - 1,3 il vetro. Bene le coltellerie, +18% a 24,9 milioni, e stabili (+0,9) gli altri prodotti in metallo a 25,5 milioni. I motori salgono di +14 per cento a 29 milioni, mentre l elettrodomestico cede il 6,5 per cento (da 82,8 a 77,5 milioni). L aggregato macchine cede il 9,4 per cento, da 291 a 264 milioni. Brillante il mobile che passa da 146,4 a 170,6 milioni, +16,5 per cento. Trieste Nel capoluogo regionale ottimo l incremento degli altri prodotti alimentari, +12,9 per cento, da 33,7 a 38 milioni; l industria cartaria segna -21,2 per cento, da 32,7 a 25,7 milioni. Gli elementi da costruzione in metallo passano da 890 mila euro a 18,9 milioni ( per cento), mente le macchine cedono il 32,6 per cento. Navi e imbarcazioni passano da 81 mila euro a 273 milioni. Gorizia Uno stratosferico ,5 per cento per le navi e imbarcazioni a Gorizia, salite da 5,7 a 538,5 milioni di euro, Nel capoluogo isontino bene anche la meccanica e il mobile (+0,6).

6 Esauriti i posti per minori. I sindaci devono arrangiarsi (M. Veneto) di Mattia Pertoldi UDINE Abolire o sospendere il trattato di Schengen non risolverà il problema degli arrivi dei profughi in Italia e, quella di Maroni, è mera propaganda. L assessore regionale Gianni Torrenti boccia la proposta avanzata dal governatore della Lombardia nel corso dell audizione che l ex ministro degli Interni ha svolto al Comitato parlamentare di controllo sull attuazione degli di Schengen. In Regione, intanto, resta viva la problematica dei minori stranieri non accompagnati perché se i 25 arrivati a Romans d Isonzo nei giorni scorsi hanno trovato una collocazione, lo stesso non si può dire per i tre di Tarvisio dove il sindaco Renato Carlantoni ha, per il momento, sospeso la minaccia di portarli in Prefettura, ma ha scritto direttamente al ministro Angelino Alfano. La richiesta di bloccare la libera circolazione delle persone all interno dei confini comunitari era stata già avanzata dal segretario regionale del Sap Olivio Comelli e, ieri, è stata reiterata da Roberto Maroni a Montecitorio. Una proposta abbinata alla richiesta di bloccare le partenze intervenendo direttamente sulle coste del nord Africa, ma che Torrenti rispedisce al mittente bollandola come inutile e populista. «Da un punto di vista prettamente cinico ha spiegato l assessore regionale, visto che l Italia è il principale luogo in cui sbarcano queste persone, la chiusura dei confini penalizzerebbe soltanto il nostro Paese. Ma al di là di questo, accettare le richieste di Maroni rappresenterebbe un grave errore politico, nonché una forte contraddizione, rispetto alla richiesta che tutte le forze politiche continuano a porre all Europa per gestire congiuntamente una crisi umanitaria di queste dimensioni e complessità. La realtà è che Maroni fa la solita e mera propaganda». Le schermaglie politiche non cancellano, però, i problemi che Regione ed enti locali si trovano a dover affrontare in Fvg. Il più impellente, al momento, è quello legato alla reperibilità di nuove strutture di accoglienza per i minori stranieri non accompagnati dopo che i cinque centri di accoglienza attualmente convenzionati risultano essere ormai saturi. Ieri 25 minori arrivati a Romans d Isonzo hanno trovato una sistemazione, ma resta in piedi il nodo di Tarvisio dove Renato Carlantoni, per il momento, ha preso tempo posticipando la minaccia di trasferire i profughi in Prefettura. Ma il primo cittadino di Tarvisio non getta la spugna e, ieri, ha scritto ad Alfano oltre che a Serracchiani e al prefetto di Udine Provvidenza Delfina Raimondo - ponendo come dead line per la risoluzione il fine settimana. «Il prefetto mi ha chiamato alle 13 dicendomi che la soluzione era trovare un adulto maggiorenne al quale affidarli o cercare altre strutture convenzionate in Fvg e fuori Regione, ma al momento non le ho trovate, sono tutte occupate. Ho replicato al prefetto che non si affrontano così i problemi: qui c è un evidente scarica barile nel quale io mi sono assunto la responsabilità di mandarli in albergo. Le ho anche chiesto cosa farebbe se le portassi i minori in Prefettura e la risposta è stata che avrebbe provveduto a rimandarli a Tarvisio. Sono basito e senza parole. Se entro questo fine settimana non verranno trovate soluzioni, prenderò gli opportuni provvedimenti. Siamo di fronte alla totale incertezza giuridica e alla responsabilizzazione dei sindaci. Non stiamo giocando al casinò, ma stiamo parlando di vite umane e di un emergenza nazionale che dev essere affrontata dal Governo e dai prefetti».

7 Bonus studi agli stranieri fino alla laurea (Piccolo) di Gianpaolo Sarti TRIESTE Mediatori culturali in scuole e ospedali. Spazi pubblici da usare come centri di aggregazione. Assistenza sanitaria. Formazione professionale e tirocini. Insegnamento dell italiano, ma anche fondi per l apprendimento delle lingue d origine degli stranieri. E, ancora, alloggi sociali e sostegno per la casa, l arredamento e il pagamento dell affitto. Il tutto con contributi regionali ad associazioni e onlus. Il centrosinistra che siede in Consiglio regionale prepara la svolta sull immigrazione con una nuova legge. Primo firmatario il Pd Franco Codega. Il poderoso provvedimento si rivolge all intera popolazione straniera in Fvg, compresi richiedenti asilo e rifugiati: 107mila persone, il 9% dei residenti. «Assieme al Molise siamo rimasti gli unici in Italia ad essere privi di una norma», si fa notare nel testo depositato in questi giorni in piazza Oberdan. «Della presenza degli stranieri va fatta una lettura seria», anche perché «un esame approfondito evidenzia caratteristiche molto diverse dalla percezione corrente». Il centrosinistra punta così a realizzare in Fvg «una società plurale e coesa, tale da favorire la valorizzazione delle culture di origine», contrastando «fenomeni di razzismo e discriminazione». I numeri immigrati in Fvg per un totale di occupati, il 10,6% del totale, per un gettito fiscale stimabile in milioni di euro. Quasi il 50% lavora in alberghi, ristoranti, commercio al dettaglio, servizi alle imprese e alla persona badanti. «Una risorsa per la comunità», osserva la legge. Il testo si richiama ai principi del «pluralismo delle culture, del reciproco rispetto e dell integrazione partecipe» per «rimuovere gli ostacoli che si oppongono all esercizio dei diritti civili e sociali da parte dei migranti». La legge Il provvedimento è firmato dai gruppi di maggioranza: Pd, Sel e Cittadini. La legge intende normare «le relazioni e le opportunità culturali degli immigrati presenti sul territorio, al fine di garantire una loro integrazione con la comunità». Integrazione, si precisa, «è sinonimo di sicurezza sociale». Anche perché, «negli ultimi mesi al problema immigrazione si è sovrapposta la questione profughi». E «una trattazione disinvolta di questa emergenza, soprattutto da parte dei media, ha creato non poca confusione e ha contribuito a gettare un allarme che non ha motivo di esistere». Il provvedimento nasce dopo un lungo iter di elaborazione assieme a prefetti, sindacati, amministratori locali, associazioni, Caritas ed enti di formazione. L obiettivo è chiaro: garantire parità di accesso ai servizi e l effettivo esercizio dei diritti, guardando «al primato della persona indipendentemente dalla cittadinanza». Gli interventi La Regione promuoverà progetti di prima accoglienza per le persone alle quali è stato riconosciuto il diritto alla protezione internazionale. Saranno invece i Comuni ad attuare misure di aiuto per la ricerca del lavoro e di una casa, ma anche iniziative per l integrazione. Una sottolineatura è riservata alle politiche abitative, da favorire anche «con appositi fondi di rotazione e alloggi sociali». La Regione, attraverso associazioni e onlus, si affiancherà per il pagamento dei lavori di manutenzione, l arredamento e per gli affitti. L istruzione, inoltre, sarà sostenuta pure dopo il raggiungimento della maggiore età, dunque anche l università. Ma la Regione intende anche accompagnare il rientro degli immigrati nei Paesi di origine e il loro reinserimento. Il capitolo corsi di formazione spunta un po dappertutto nella legge, a cominciare dai mediatori culturali e dall aggiornamento di chi lavora nella pubblica amministrazione e nelle associazioni che operano con immigrati. Le onlus Particolare rilievo, per le finalità della norma, viene assegnato al ruolo di associazioni, onlus e cooperative. Che la Regione intende supportare per le attività di informazione, sensibilizzazione, dialogo interculturale, assistenza nelle pratiche amministrative per il rilascio e rinnovo dei titoli di soggiorno, oltre che la prima accoglienza. In Fvg sorgerà un organismo apposito: la Consulta regionale per l integrazione, con compiti di proposta per la stesura dei Piani per l integrazione, oltre che di coinvolgimento in studi sui fenomeni migratori e sulle condizioni di vita e lavoro degli stranieri.

8 I dubbi di sindacati e onlus sugli assegni anti povertà (Piccolo) di Diego D Amelio TRIESTE La crisi è pesante e si fa sentire. Servono allora misure che intercettino il bisogno di una parte della cittadinanza, messa in ginocchio dalla povertà o a rischio di trovarvisi invischiata. Una povertà dai tanti volti, a volte temporanea, a volte prolungata, ma sempre caratterizzata dalla compresenza di più problematiche, fra cui il dato economico è solo uno degli elementi in gioco. Una misura anti-povertà, che tenga conto di questa multifattorialità, è ritenuta dunque urgente da tutti gli intervenuti all'audizione organizzata ieri dalla terza commissione, per aprire un confronto sulle forme di sostegno al reddito in discussione in Consiglio. C erano tutti: amministratori locali, sindacati, associazioni, consumatori, disabili, terzo settore e cooperative, che hanno comunque rimandato il giudizio a un testo più definito, frutto dell'annunciato tentativo di fare sintesi tra la proposta della maggioranza e quelle presentate da M5S e Ncd. A serpeggiare in aula è anzitutto il dubbio sull'efficacia che il provvedimento avrà nel difficile quadro socio-economico attuale. Le osservazioni hanno riguardato in particolare la possibilità di avviare percorsi lavorativi stabili, in un momento di grave crisi economica e occupazionale. Per tale ragione si è molto insistito sulla necessità di definire natura e modalità dei corsi di formazione e dei tirocini previsti. Fra le questioni difficilmente ignorabili c'è inoltre la possibilità di garantire una copertura finanziaria adeguata alla legge, senza sottrarre fondi ad altre voci di bilancio e dando nel contempo respiro a una platea di circa 10mila nuclei familiari. Tali sarebbero infatti i potenziali richiedenti, nel caso la soglia Isee rimanesse fissata a 6mila euro, limite che tutti gli enti hanno però chiesto di innalzare. Alle considerazioni di ordine economico, si sono sommate quelle di carattere gestionale, con l'invito a chiarire le modalità burocratiche degli interventi e a scongiurare aggravi per i Comuni che erogheranno i servizi. L'accento è stato posto ancora sulla necessità di verifiche costanti, sia sul piano generale sia su quello dei percorsi individuali, che dovranno essere necessariamente personalizzati e maggiormente incentrati, a seconda dei casi, sugli aspetti sociali o su quelli occupazionali. Non solo danaro a pioggia, insomma, ma erogazione di servizi, che prendano in carico il disagio sociale e psicologico, i problemi sanitari, il sostegno familiare, le necessità educative, le difficoltà linguistiche: soltanto risolvendo o attutendo simili problemi, i richiedenti potranno infatti rispettare il patto di inserimento sociale, coniugando diritti e responsabilità individuali. Molti fra gli intervenuti hanno infine rimarcato la necessità di accorpare i provvedimenti assistenziali attualmente in funzione a livello regionale, al fine di coordinare le misure anti povertà e porre sotto un unico ombrello le categorie potenzialmente colpite: disoccupati, pensionati, disabili, giovani, divorziati e cosiddetti working poors, cioè lavoratori a redditi minimi. L'impegno è stato assunto senza titubanze dal presidente di commissione, Franco Rotelli, che ha assicurato che la proposta di legge punta ad essere la base per riorganizzare il comparto. I sindacati hanno elogiato la centralità che tutte e tre le proposte hanno tributato al tema del lavoro. Più critico il ragionamento della Cgil, secondo cui la proposta della maggioranza si discosta dall'idea di workfare avanzata dalla Cgil nei mesi scorsi. L'importanza del lavoro non emergerebbe a sufficienza dal disegno dell'attuale maggioranza, troppo legato ad assistenza e servizi sociali: secondo la Cgil il percorso di avviamento al lavoro va invece battuto con convinzione per tutte le persone in grado di venire occupate. Luciano Bordin della Cisl ha di contro ricordato che la legge vedrà il coinvolgimento di nuclei familiari in grande difficoltà sociale, che non sempre trovano nel lavoro la soluzione della propria fragilità. A margine dell'incontro, Orietta Olivo (Cgil) ha poi evidenziato l'importanza di aumentare la durata del beneficio che il suo sindacato ritiene dover essere di almeno 24 mesi, eventualmente rinnovabili, per garantire un reale inserimento lavorativo. Pienamente condivisa, invece, la scelta dei 12 mesi di residenza, su cui l'audizione ha fornito chiavi di lettura anche molto diverse: dai 24 mesi di Cittadinanzattiva ai ben 72 proposti dall'ugl. Quest'ultima sigla ha sposato quasi in toto la proposta del Ncd, rimarcando la necessità di innalzare l'isee a euro, inserire correttivi per le famiglie con disabili e prevedere la restituzione del beneficio economico dopo l'avvenuta occupazione, aspetto che la maggior parte delle altre organizzazioni ha ritenuto poco praticabile in tempi di crisi.

9 CRONACHE LOCALI Cassa integrazione per un anno alla Vetroresina (M. Veneto Udine) di Barbara Cimbaro POVOLETTO È stato siglato ieri a Trieste l accordo relativo alla Cigs per 12 mesi per i 60 lavoratori della Vetroresina Ap. Per i 4 di Vetroresina Enginia, invece, l ammoritzzatore sociale individuato come unico possibile è stato quello della Naspi. L intesa di ieri è stata sottocritta dalle Rsu aziendali e dalle segreterie di Cgil, Cisl e Uil. Erano presenti i segretari territoriali, nell ordine Modotto, Salvador e Melloni. Lunedì, alle 9, nello stabilimento di Povoletto, è prevista l assemblea generale che permetterà di illustrare alle maestranze i contenuti dell accordo siglato. Da quanto si è appreso, ci sarebbe già una manifestazione di interesse e in breve è quindi prevedibile che possa essere avanzata una proposta per l affitto di ramo d'azienda. Appena questo passo fosse perfezionato, lo step successivo sarebbe un incontro congiunto, come previsto dall'articolo 47 della legge 428 del 90, dove si potrebbero discutere molti aspetti del futuro dell'attività dell azienda di Povoletto, come, per esempio, il numero dei lavoratori che potrebbero passare all azienda subentrante e le condizioni dello stesso passaggio. «È positivo che ci sia la possibilità di aprire un percorso commenta Augusto Salvador : sarà compito delle parti, sindacati, curatela, subentranti, Confindustria e istituzioni sostenere il salvataggio di questa azienda, pur con le mille difficoltà che ci sono. Si dovrà infatti velocemente ricostruire l'apparato commerciale e soprattutto un portafoglio ordini che possa convincere anche il credito, che a sua volta possa dare un aiuto incisivo e concreto». Alla fine di maggio il tribunale di Udine aveva decretato il fallimento dell azienda di Povoletto, facendo tramontare le speranze, a lungo accarezzate da più parti, di un concordato. Vetroresina, lo ricordiamo, ha dalla sua parte un know how raro e consolidato, frutto di una lunga esperienza maturata, anche in contesti internazionali, fin dall epoca della sua fondazione, avvenuta alla fine degli anni Sessanta. Lavinox, l offerta non arriva e cresce l ansia (M. Veneto Pordenone) Non è stata ancora depositata un offerta di acquisizione dell ex Lavorazioni Inox di Villotta di Chions: nel tavolo di mercoledì in Regione, Lavinox aveva annunciato che avrebbe presentato una nuova proposta a stretto giro, ma sino a ieri nulla è stato messo nero su bianco. Sono ore di attesa e preoccupazione per i 209 dipendenti, che continueranno a riunirsi in presidio fuori dello stabilimento sino a quando non si registrerà una svolta concreta. Ieri, inoltre, stando almeno a quanto annunciato al tavolo regionale, ci sarebbe dovuto essere un incontro tra Electrolux Professional, principale cliente dell azienda di Villotta, e Regione, per capire gli intendimenti della multinazionale. Vero è che esiste un accordo tra l impresa di Villotta e il Professional, che garantisce volumi sino al 2017, ma l intenzione del vicegovernatore Sergio Bolzonello è capire le intenzioni future della multinazionale. Da quanto si è appreso però, non c è stato un incontro, ma solamente un giro di telefonate. Intanto, i lavoratori attendono di capire anche se il potenziale acquirente di cui ha parlato la Regione durante il confronto intenda farsi avanti. «Non possiamo fermarci ai proclami: serve concretezza commenta Angela De Marco (Rsu Fiom). Siamo in difficoltà e l auspicio è che possa concretizzarsi a stretto giro una proposta di acquisizione seria, anche sul fronte occupazionale. L'atteggiamento di Lavinox, invece, ci lascia perplessi: in Regione annuncia che per il deposito dell'offerta era questione di ore, ma stanno passando giornate». Giulia Sacchi

10 I reclami dei pazienti. Le "pagelle" ai reparti (Gazzettino Pordenone) Loris Del Frate Le "pagelle" a Servizi del territorio e reparti dell ospedale. I "voti", pur indirettamente, li hanno dato gli stessi pazienti che hanno compilato il bollettino dei reclami. Ma anche quello degli encomi. E non mancano le sorprese. Modalità di erogazione delle prestazioni, tempi di attesa troppo lunghi ed eccessivo peso della burocrazia. Ancora: aspetti relazioni con il personale, logistica, vetustà delle strutture e poca soddisfazione sul fronte della prestazione sanitaria ricevuta. Sono queste a grandi linee le lamentele degli utenti - pazienti che hanno avuto contatto con l ospedale Santa Maria degli Angeli (ricoveri, prestazioni in day hospital o semplici visite ed esami) e i Servizi territoriali che ora dipendono dall Azienda unica 5. A mettere nero su bianco i reclami che vengono visionati, discussi e commentati prima all Urp, poi setacciati ai raggi X dal Servizio programmazione e controllo dell ospedale. L ultimo report è relativo al Cosa non funziona. Secondo le segnalazioni (reclami, segnalazioni ed encomi scritti sono stati oltre 300) sono gli aspetti amministrativi. In pratica sono le modalità di erogazione dei servizi che devono essere migliorate. Troppa burocrazia, troppo tempo di attesa anche per consegnare le carte, ricevere informazioni o chiedere le cartelle cliniche. Subito dietro, però, sono gli aspetti relazionali a essere segnalati come carenti. Per carità, i numeri di chi si lamenta sono limitati rispetto alle migliaia di accessi e contatti, ma tenerne conto diventa importante. I pazienti (e i familiari) hanno segnalato che spesso c è difficoltà a parlare con i medici e a volte mancano cortesia e gentilezza. Subito dietro c è un altro aspetto che si lega: l umanizzazione carente. Ultimo, ma non certo per importanza, l aspetto professionale di chi opera anche se molto spesso manca la qualifica per mettere in discussione l operato di medici e infermieri. Si tratta, insomma, di sensazioni. I reparti. La statistica su questo fronte è un po meno aggioranta, ma resta significativa. I due reparti maggiormente coinvolti dai reclami sono Ortopedia e Traumatologia e del Servizio di emergenza, in particolare il Pronto soccorso dove il reclamo principale è legato al tempo di attesa. Limitatissime, invece, le lamentele legate al tipo di prestazione e alla qualità delle cure ricevute. Parecchie le lamentele, invece, per il pagamento del ticket. Ogni anno al pronto soccorso, però, ci sono circa 75 mila accessi e lo stesso servizio è tra quelli che ha ricevuto il maggior numero di elogi. Territorio. In questo caso il report è stato realizzato con i dati del 2014 quando ancora c era l Ass 6. Ebbene, sono arrivate complessivamente 220 segnalazioni di cui il 30 generiche, il 68% reclami con precisi indirizzi rispetto ai Servizi e il 2% sono invece elogi. Tra i più bersagliati il Dipartimento di prevenzione, mentre sul territorio la palma dei maggiori reclami spetta al Distretto Est e nello specifico ai poliambulatori specialistici di San Vito. Sette le segnalazioni al Nord, 12 all Ovest, 7 al Sud e 23 al distretto Urbano dove l assistenza protesica, il servizio infermiersitico, la Continuità assistenziali e il poliambulatorio di Cordenons sono quelli più contrastati dagli utenti. Restano comunque numeri indicativi anche se c è sempre da calcolare il grande numero di prestazioni che vengono erogate nei distretti e negli ambulatori del territorio.

11 Pensionati, i sindacati mobilitati per le scadenze (M. Veneto Pordenone) SACILE Lo chiamano ingorgo di scadenze fiscali allo sportello Cisl di Sacile: tanti cittadini sono in fila tutti i giorni per calcolare Tasi, Imu e Irpef. «Prima scadenza il 16 giugno hanno ricordato ieri i sindacalisti Cisl Michele Campanile e Adriano Paoluzzi -. Ma tanti pensionati forse non lo sanno». Lo sportello Cisl. «Una cosa è certa: sul pagamento della Tasi e Imu poi 730 è il caos di rito valutano gli anziani allo sportello in vicolo Dal Fabbro. Ma Tasi e Tari non sono la stessa cosa? Siamo tutti rassegnati al salasso continuo». Sono frasi così a fotografare il caos che regna in questi giorni nei Caf cittadini. Tasi, Tari, Imu, 730, conguagli: l ingorgo fiscale è servito e questo martedì sarà il giorno della scadenza unica. Le sanzioni per i ritardatari saranno anche blande, ma in tempi di crisi dei salari e delle pensioni, bruciano i risparmi. «I cittadini vanno più informati Campanile dice che a Sacile va molto meglio che in altre città. C è chi confonde il nome delle singole tasse, chi pensa di non dover pagare, chi addirittura crea acronimi inediti, e inesistenti». Quello che la gente, in fila, sa? «Entro martedì so che dovrò sborsare un sacco di soldi, ma non so esattamente per cosa confida un pensionato iscritto alla Cisl. La mia pratica e più calda del sole accecante fuori». I sindacalisti volontari lo dicono. «I calcoli sono diventati complessi come le detrazioni dice Campanile e il recupero del Cud online. Tanti anziani non hanno il computer allacciato a Internet». Lo sportello Cgil. Sono giorni di passione anche alla Cgil in via Carli: qui troviamo tanti cittadini convinti che i bollettini dell Imu non esistano più, o ancora che il Cud arrivi via posta dall Inps. «Ci diamo da fare al massimo dice Ezio Vendruscolo vertice Cgil-Spi per dare una mano agli iscritti. A centinaia arrivano nei nostri uffici per farsi fare il calcolo esatto delle detrazioni». La novità è la detrazione Irpef per le case popolari come l Ater. «Nel territorio vasto di Sacile e Comuni dell Ambito sono quasi 800 ha calcolato Vendruscolo gli inquilini che hanno diritto alla detrazione. Anche con reddito sotto i euro (incapienti): così creano un credito di imposta. Devono compilare il Modello 730 o l Unico. La detrazione spettante è pari a: 900 euro se il reddito dell inquilino non supera ,71 euro. Di 450 euro se il reddito dell inquilino è maggiore di ,71 euro ma non supera ,41 euro».(c.b.)

12 Cgil, vademecum anti-visite fiscali (Gazzettino Pordenone) Valentina Silvestrini Se per gran parte degli studenti pordenonesi le vacanze sono iniziate ieri, ultimo giorno di lezione, l impegno non finisce per gli allievi e i docenti interessati dagli esami di maturità. Da mercoledì prossimo 17 giugno, data della prima prova scritta, inizierà infatti l'ultimo e più impegnativo periodo dell'anno scolastico, soprattutto per gli insegnanti impegnati nelle commissioni. Attenzione però, per chi dovesse, "causa malattia", saltare questa sessione di esami, anticipando di fatto la pausa estiva, perchè non scamperà ai controlli delle visite collegiali, ovvero gli accertamenti medici con cui si verifica l'inidoneità a prestare servizio. A ricordare che i lavoratori saranno sottoposti a rigidi controlli è il sindacato Flc Cgil, il quale raccomanda ai dipendenti della scuola di osservare rigidamente orari e modalità previste per le visite collegiali, in caso dovessero saltare la maturità per sopraggiunti problemi di salute. Tanto più, aggiunge, se si pensa «che per essere "bollati" come assenti ingiustificati è sufficiente che manchi per esempio il proprio nome sul citofono di casa: perchè il controllo diventa impossibile a causa dell incuria o della negligenza del lavoratore». Le raccomandazioni della Cgil trovano giustificazione nel crescente numero di ricorsi presentati al Comitato provinciale dell'inps da parte di insegnanti in malattia che si sono visti negare l'indennità per assenza ingiustificata durante le visite fiscali. «Occorre informarsi in modo scrupoloso ed evitare così sia di perdere l'indennità sia di incorrere in sanzioni disciplinari» sottolinea Gianfranco Dall'Agnese della Flc Cgil. Si stima che in un anno scolastico, dei circa lavoratori della scuola in provincia di Pordenone (numero che comprende gli insegnanti e il personale ausiliario tecnico amministrativo), circa il 17% usufruisca delle giornate di malattia: quasi 1500 persone. Le visite fiscali scattano obbligatoriamente nel caso in cui uno dei giorni di malattia sia precedente o successivo una festività. Nelle altre situazioni dipende dai dirigenti scolastici. Quanto alle visite fiscali richieste dai presidi si stima ne vengano effettuate solo un terzo e nel 10% dei casi viene constatata l'assenza ingiustificata. Che siano imputabili a falsi malati o a episodi negligenza (occorre segnalare l'assenza da casa anche se per una visita ambulatoriale, così come il cambio di domicilio. La giustificazione del campanello rotto non salva dalla penalizzazione) il rischio è il medesimo: perdita di indennità a seconda del numero di visite in cui si risulta assenti, fino addirittura a sanzioni se si certifica il dolo.

13 Roma congela il via libera al rigassificatore (Piccolo Trieste) di Massimo Greco Novanta giorni di sospensione per ottenere la documentazione ancora mancante: non è evidentemente il verdetto, ma è la tregua che il ministero dello Sviluppo Economico ha accordato prima di riconvocare la conferenza dei servizi sul rigassificatore di Zaule, che ieri a Roma ha visto la sua prima e interlocutoria riunione. Iter bloccato, ha dunque deciso la responsabile ministeriale del procedimento Concetta Cecere, che al dicastero di via Molise ha moderato l ampio dibattito tra i numerosi convenuti, pubblici e privati (tra questi ultimi, ovviamente, la proponente Gas Natural), durato dalla tarda mattinata alle 15. La Regione Friuli Venezia Giulia, rappresentata dall assessore all Ambiente Sara Vito, ha eccepito che all appello delle carte non risultavano tre atti determinanti per decidere: al ministero dell Ambiente pendono ancora i pareri tecnici sulla valutazione d incidenza dell Area marina di Miramare e sull elettrodotto interrato di collegamento tra il terminal Gnl e la rete elettrica. E, sempre all Ambiente, non si è ancora conclusa la procedura di Via (valutazione impatto ambientale) relativa al metanodotto Sealine, progettato da Snam. Senza contare - ha incalzato l assessore Vito - che Italia e Slovenia non hanno definito l accordo sull ubicazione del rigassificatore nell alto Adriatico. Comunque, nella sostanza, la Regione ha ribadito che il terminal Gnl a Zaule è «incoerente» rispetto al modello di sviluppo elaborato dall Autorità portuale triestina, in quanto il traffico container e ro-ro assume rilevanza prioritaria rispetto alle infrastrutture energetiche come il rigassificatore con relative gasiere. Argomenti questi sui quali ha insistito Zeno D Agostino, commissario straordinario dell Autorità portuale, che proprio sulla gestione del traffico nel Canale sud ha sollevato questioni di incompatibilità operativa. Sul coordinato-disposto tra ragioni proceduraliportuali-ambientali sono tornati gli assessori provinciale e comunale all Ambiente, rispettivamente Vittorio Zollia e Umberto Laureni, per ribadire il no alla costruzione del rigassificatore, del resto già evidenziato nella raffica di ricorsi al Tar Lazio contro il parere di compatibilità espresso dalla commissione Via all inizio dello scorso febbraio. Sia Zollia che Laureni hanno polemicamente sottolineato come alla riunione avessero dato forfait sia il ministero dell Ambiente che quello dei Beni Culturali. Ma, a fronte del muro unanimemente eretto dalle istituzioni territoriali, ci sono anche pubblici organi che non si sono opposti al progetto: è il caso dei Vigili del fuoco e della Capitaneria di nporto, sia pure con prescrizioni. Secondo quanto ufficiosamente raccolto, anche AcegasApsAmga (controllata dal gruppo Hera) avrebbe manifestato un parere favorevole. Giovani e politica, Belci presenta il libro Tra padri e figli (Piccolo Trieste) Politica e partiti sono profondamente cambiati negli ultimi tre decenni, perdendo per strada molti degli ideali e dei valori che avevano contrassegnato il ritorno alla democrazia dopo il 45. Come reagiscono le nuove generazioni a questi mutamenti? Che lettura dare al crescente astensionismo? E come recuperare l interesse e l impegno - dei giovani in primo luogo - per una cittadinanza consapevole ed attiva? Il libro del segretario regionale della Cgil Franco Belci Tra padri e figli. Incontri e scontri di generazioni - che sarà presentato martedì alle 18 all Impact Hub di via Cavana 14 - intreccia la riflessione del suo rapporto con la generazione precedente, quella dei genitori, e con quella successiva, dei propri figli. Considerato l impegno attivo di Belci nel mondo del lavoro, e il ruolo avuto da Corrado, suo padre, personalità di primo piano della politica locale e nazionale, il libro non poteva limitarsi alla sfera personale e finisce per misurarsi con la disaffezione odierna verso la politica. Ne deriva più di uno spunto per individuare possibili vie d uscita, scongiurando il pericolo di una democrazia senza popolo. La presentazione sarà introdotta da Giorgio Rossetti, presidente di Dialoghi Europei. Interverranno Debora Serracchiani, presidente della Regione e vicesegretario nazionale del Pd, il sindaco Roberto Cosolini, lo scrittore Pino Roveredo e lo stesso Belci. Coordinerà il dibattito Paolo Possamai, direttore del Piccolo.

14 La protesta dei docenti manda in tilt gli scrutini (Piccolo Trieste) di Giulia Basso Adesione molta alta anche a Trieste al blocco degli scrutini indetto a livello nazionale per protestare contro il decreto Buona Scuola, con punte del 100% in alcuni istituti superiori cittadini. E i giochi non sono chiusi, perché per ora si vedono soltanto i risultati dello sciopero indetto dai sindacati confederali (Cgil,Cisl, Uil, Snals e Gilda) per i primi due giorni di scrutinio nelle singole scuole, mentre oggi e domani sarà la volta, per il Friuli Venezia Giulia, dello sciopero indetto dai Cobas con le stesse modalità. Dopo lo svolgimento degli scrutini per le classi quinte, che per legge non si potevano bloccare, mercoledì al liceo Petrarca c'è stato uno stop completo di tutti gli scrutini, mentre ieri si sono svolti regolarmente. Blocchi anche al liceo Carducci-Dante dove, a parte le quinte, degli altri 17 scrutini convocati tra mercoledì e giovedì se ne sono svolti regolarmente soltanto 3. Al liceo Oberdan mercoledì sono saltati 7 scrutini su 9, ieri ci sono stati dei blocchi e per oggi e domani si prevede un'adesione alla protesta del 70%. Al Max Fabiani ci sono state defezioni martedì, mercoledì e giovedì, con un 60% di scrutini andati a vuoto. Al Galilei, dopo due giorni d'interruzione ora procede tutto liscio, dice la dirigente scolastica, anche perché gli scrutini sono stati anticipati sul calendario per cercare di ridurre al minimo l'incidenza dello sciopero. Qualche defezione c'è stata anche al Nautico e al Carli-da Vinci-Sandrinelli, mentre al Volta gli insegnanti si sono organizzati per far saltare tutti gli scrutini sia mercoledì sia giovedì. «Che non si dica che i nostri insegnanti non sanno organizzarsi - commenta la preside Clementina Frescura, ricordando che basta un solo docente assente per far saltare uno scrutinio -: la settimana prossima ci toccherà fare le ore piccole per riuscire a recuperare, senza contare che da lunedì prossimo iniziano anche gli esami di maturità». Nessuno per ora minaccia di far lavorare gli insegnanti di domenica e i docenti stessi ci tengono a sottolineare che questo sciopero è un sacrificio anche per loro, perché gli scrutini non fatti saranno comunque da recuperare, per legge, entro i cinque giorni successivi. Esultano i sindacati che, nel registrare un'adesione massiccia in tutta la regione, parlano di uno sciopero pienamente riuscito, grazie all'auto-organizzazione dei lavoratori. «Erano 40 anni che il mondo della scuola non si mobilitava così - commenta Daniela Antoni, dei Cobas -: per la manifestazione dello scorso mese contro il ddl Buona scuola abbiamo registrato un'adesione al 70% e anche questo blocco degli scrutini sta funzionando molto bene. Ci ricattano dicendo che se non passa il ddl non passerà neppure la prevista assunzione di precari, ma è l'europa che l'ha chiesta e se non verrà messa in atto il nostro Paese rischia di essere multato dall'ue. Vogliamo infine ricordare agli insegnanti che l'unica a decidere in merito alla legittimità di uno sciopero è la Commissione di garanzia, che ha già dichiarato pienamente legittimo lo sciopero indetto dai Cobas per oggi e domani».

15 Detroit di Ronchi sul web per 6,5 milioni (Piccolo Gorizia-Monfalcone) di Luca Perrino RONCHI DEI LEGIONARI Nel giorno in cui il presidente della Provincia corre a Trieste per un tavolo dal quale, purtroppo, escono solo auspici, ecco che, navigando in rete esce la vera novità sulla Detroit. Sul sito della Gabetti immobiliare, agenzia di Udine, accanto alle case, agli appartamenti, ai terreni salta fuori anche una vendita importante, quella dello dello stabilimento che, sino a poche settimane fa, ospitava, a Ronchi dei Legionari, proprio la sede della Detroit Refigeration. La descrizione del grande capannone di via Redipuglia è impeccabile e spicca anche il prezzo dell affare: 6 milioni e 500mila euro che, evidenzia l agenzia, sono trattabili. Viene da pensare, a questo punto, che la proprietà, il gruppo veneto De Rigo, non abbia all orizzonte proposte concrete e credibili per il passaggio del vasto complesso industriale, metri quadrati complessivi, e che, forse ultima spiaggia, voglia tentare anche questa carta. Mattone è mattone e chi, meglio di un agenzia specializzata, può pensare di piazzarlo. Tutto ciò, come detto, mentre ieri mattina, a Trieste, il presidente della Provincia, Enrico Gherghetta, ha incontrato i funzionari regionali (nessun assessore era presente), l assessore comunale ronchese, Riccardo Aviani e i vertici della Fiom. Dal vertice il numero uno di corso Italia è uscito solo con delle speranze e con un arrivederci fra dieci giorni, quando si potrà, forse, fare il punto della situazione. «C è un interesse spiega Gherghetta ma non sappiamo ancora quella che sia la sua bontà. Certo è, l ho detto in tante occasioni, il prezzo indicato non è qualcosa di poco conto, ma a questo punto non ci resta che aspettare. La situazione è fluida, ci sono delle speranza all orizzonte e non molleremo la presa». Ma intanto i dipendenti superstiti sono in mobilità, lo stabilimento desolatamente vuoto e i banchi frigoriferi che hanno reso Detroit famosa in tutto il mondo si producono in Veneto e in Serbia. Quale effetto produrrà la messa in vendita on line del sito di via Redipuglia? Non è certo come acquistare una villetta con giardino. Si punta su alcune peculiarietà per fare breccia su eventuali acquirenti. Il capannone industriale, infatti, in prossimità della bretella di raccordo con il casello autostradale dell A4, perfettamente servito dalla viabilità ad alto scorrimento. «Dal casello autostradale si legge - si può velocemente raggiungere il confine di Tarvisio per l'austria ed i Paesi del nord Europa, il confine di Fernetti o quello di Nova Goriza per la Slovenia e i Paesi dell Est, oppure si può prendere la direttrice Venezia-Milano. La struttura industriale inoltre è vicinissima all aeroporto di Ronchi dei Legionari». La palazzina uffici, ancora, è strutturata su due piani di circa 500 metri quadrati ciascuno, davanti alla stessa è stata realizzata una grande area asfaltata destinata a parcheggio privato, spazi di manovra e passaggi pedonali, dove possono trovare spazio di sosta ben 110 autovetture. Sul tetto dell immobile è stato installato nel 2011 un impianto fotovoltaico formato da 3420 moduli "Solarworld", che annualmente può produrre KW i cui benefici fiscali possono essere contabilizzati fino al Arriverà il compratore?

16 Petizione alla Serracchiani: «Basta carbone dopo il 2017» (Piccolo Gorizia-Monfalcone) di Laura Borsani I cinque Comitati di quartiere assieme all Associazione Rione Enel si mobilitano chiamando in causa la voce dei cittadini in merito al futuro della centrale termoelettrica. Questa volta si tratta di una petizione popolare, a carattere mandamentale, per dire no al carbone dopo il 2017, data di scadenza dell Autorizzazione integrata ambientale per l impianto cittadino. Un iniziativa, viene subito sottolineato, apolitica e apartitica. Le firme che verranno raccolte saranno inviate direttamente alla presidente della Regione, Debora Serracchiani. Dopo, dunque, la petizione già avviata da parte del Comitato Monfalcone Pulita, con la partecipazione attiva dell ex assessore all Ambiente, Gualtiero Pin, volta a promuovere un referendum consultivo contro la realizzazione del mini-rigassificatore proposto da SmartGas, all attenzione della comunità si profila il destino della centrale, con il coinvolgimento dei cittadini. Il tutto mentre A2A sta procedendo all installazione dei denitrificatori utili all abbattimento degli ossidi di azoto, secondo le prescrizioni ministeriali, che andranno a regime commerciale nel gennaio Un intervento da 25 milioni di euro. L Associazione Rione Enel e i cinque Comitati di rione stanno lavorando al progetto. Il presidente Adriano Bernardel è stato incaricato di mettere a punto il volantino per la raccolta delle firme, che sarà poi sottoposto ai direttivi dei Comitati ai fini della supervisione, delle eventuali modifiche da apporre e alla relativa approvazione. Contestualmente, si sta valutando la modalità per la raccolta delle sottoscrizioni, nel rispetto, viene precisato, delle normative. Con la petizione si punta a formare un movimento di opinione popolare, al fine di dire basta al carbone dopo il Il che presuppone automaticamente fermare il rinnovo dell Autorizzazione integrata ambientale necessaria per l impianto termoelettrico al fine di garantire la produzione a carbone per altri anni. La petizione non prevede il ricorso al referendum consultivo che, secondo la giurisprudenza e in base alle sentenze già pronunciate a più livelli giudiziari, non sarebbe ritenuto ammissibile, trattandosi di una procedura autorizzatoria che per un impianto come la centrale, coinvolge più enti pubblici, quindi non è di esclusiva competenza del Comune. È, insomma, lo stesso principio valido anche per impianti come i rigassificatori. Il presidente dell Associazione Rione Enel, Adriano Bernardel, osserva: «Voglio su tutto chiarire che l iniziativa alla quale stiamo lavorando non ha alcuna connotazione politica o partitica, partendo esclusivamente dal basso e dai quartieri, nel porre sul tappeto e all attenzione della comunità tutta una questione che attiene alla tutela della salute pubblica e dell ambiente, una sensibilità che abbiamo sempre sostenuto per il bene e la tranquillità del territorio». Quindi, Bernardel spiega: «Ci siamo informati sulla fattibilità di un referendum consultivo e abbiamo constatato l impossibilità di percorrere questa strada. Abbiamo, pertanto, pensato assieme ai Comitati di rione di organizzare la petizione popolare coinvolgendo non solo i cittadini di Monfalcone, ma anche quelli dell intero mandamento, per dire basta al carbone dopo il Le firme verranno inoltrate alla presidente della Regione, Debora Serracchiani, la quale, peraltro, nell ambito del suo programma elettorale, aveva indicato chiaramente la sua posizione in merito proprio alla chiusura della centrale». Bernardel ricorda anche la posizione dichiarata dal presidente della Provincia, Enrico Gherghetta: «In un incontro pubblico avvenuto circa un anno e mezzo fa - dice -, il presidente Gherghetta aveva affermato che, se fosse stato il caso, si sarebbe andati a referendum per dire no al carbone dopo il Anche il sindaco Silvia Altran pubblicamente si è schierata in tal senso, così come altri esponenti politici». Il presidente aggiunge: «Confidiamo di avere un incontro con l assessore regionale all Ambiente, Sara Vito, che peraltro s è impegnata a fornire i dati completi del 2014 in ordine allo stato di inquinamento del territorio, per avere contezza sulla situazione complessiva».

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli