Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Napoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Napoli"

Transcript

1 Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Napoli C.I. DI METODOLOGIA CLINICA E SEMEIOTICA Prof. Corrado Astarita A CEFALEA SINCOPE VERTIGINI B VOMITO DISPEPSIA DIARREE/STIPSI Pablo Picasso scienza e carità 2 1

2 LE CEFALEE CEFALEA :definizione Dolore percepito nella volta cranica o intorno ad essa comprende anche il dolore retro-oculare il dolore alla giunzione fra il collo e la parte posteriore del capo 2

3 LA CEFALEA LA CEFALEA 3

4 COSA E LA CEFALEA Innervazione sensitiva della testa Fibre sensitive somatiche ( per la cute dell orecchio esterno) del Facciale bis o nervo Intermedio di Wrisberg Fibre Sensitive somatiche condotto uditivo esterno 4

5 Trasmissione del dolore trigeminale Strutture algogene del cranio 5

6 CLASSIFICAZIONE DELLE CEFALEE ( IHS 2004) Parte prima: Cefalee primarie 1. Emicrania 2. Cefalea di tipo tensivo 3. Cefalea a grappolo ed altre cefalee autonomico-trigeminali 4. Altre cefalee primarie Parte seconda: Cefalee secondarie 5. Cefalea attribuita a trauma della testa o del collo 6. Cefalea attribuita a patologia vascolare del cranio o cervicale 7. Cefalea attribuita a patologia endocranica non vascolare 8. Cefalea attribuita ad assunzione o sospensione di sostanze 9. Cefalea attribuita ad infezioni 10. Cefalea attribuita a patologie dell omeostasi 11. Cefalee o dolori facciali attribuiti a patologie del cranio, collo, occhi, orecchi, naso e seni paranasali, denti, bocca o di altre strutture facciali o craniche 12. Cefalea attribuita a patologie psichiatriche Parte terza: Nevralgie craniche,dolori facciali primari e centrali ed altre cefalee 13. Nevralgie craniche e dolore facciale centrale 14. Altre cefalee, nevralgie craniche e dolori facciali primari o centrali 6

7 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA LE CEFALEE PRIMARIE E SECONDARIE Cefalea Primaria Insorge in assenza di una causa organica chiaramente identificabile (es. lesione strutturale a livello cerebrale). E di solito presente familiarità per cefalea. Cefalea Secondaria Insorge in conseguenza di uno specifico evento/processo patologico (es. trauma, infezione, problema vascolare, tumore). Scompare alla risoluzione del processo stesso. PREVALENZA CEFALEE PRIMARIE CEFALEA TENSIVA EMICRANIA CEFALEA A GRAPPOLO 69 % 16 % 0.1 % PREVALENZA CEFALEE SECONDARIE TRAUMA CRANICO PATOLOGIA ENDOCRANICA NON VASCOLARE 4 % 0.5 % Rasmussen et al

8 IHS 2004 CEFALEE PRIMARIE Emicrania 2. Cefalea di tipo tensivo 3. Cefalea a grappolo ed altre cefalalgie autosomicotrigeminali 4. Altre cefalee primarie EMICRANIA concetti introduttivi È un disordine cefalalgico primario di notevole impatto sociale ed economico perché frequente perché invalidante per buona parte della vita del paziente perché interessa particolarmente i soggetti nel pieno della loro età produttiva (25 55 anni) L OMS (2001) identifica l emicrania al 19 posto tra le principali cause responsabili di anni di vita vissuta con disabilità (per entrambi i sessi e tutte le età) Costi sociali dell emicrania estremamente ingenti COSTI DIRETTI 10% = consumo di risorse per la gestione della malattia COSTI INDIRETTI 90% = perdita di giornate lavorative e ridotta efficienza sul lavoro COSTI INTANGIBILI = conseguenze psicofisiche soggettive 8

9 PREVALENZA DELL EMICRANIA NEL MONDO 8 % - 12 % in media - Femmine : 12 % - 25 %; Maschi: 4 % - 12 % Distribuzione geografica non uniforme Perù : 32 % ; Germania : 28 % Etiopia e Arabia : 3%; Hong Kong : 1,5 % EPIDEMIOLOGIA EMICRANIA CON E SENZA AURA In tutti gli studi epidemiologici la prevalenza della Emicrania senza aura è maggiore rispetto alla Emicrania con aura EMICRANIA SENZA AURA 80% delle emicranie EMICRANIA CON AURA 15-18% delle emicranie 9

10 Cosa è l Aura Disturbo ricorrente che si manifesta con attacchi caratterizzati da: sintomi neurologici focali che generalmente si sviluppano gradualmente nell arco di 5-20 minuti e durano per meno di 60 minuti. La cefalea, con le caratteristiche dell emicrania senz aura, abitualmente insorge dopo l aura. Meno frequentemente la cefalea non ha i requisiti tipici dell emicrania o è addirittura assente. EPIDEMIOLOGIA DELL EMICRANIA NEL BAMBINO La prevalenza dell emicrania nell età infantile è di circa il 5-6% (rapporto M/F quasi pari sotto i 12 anni) Al di sopra dei 12 anni (età adolescenziale) la prevalenza sale al 10,6% Emicrania senza aura : 7,8 % Emicrania con aura : 2,8 % 10

11 MEDICI CONSULTATI PER EMICRANIA 1. Medico di famiglia 2. Neurologo 3. Internista/Pediatra 4. Ginecologo 5. Oculista Prima visita (n=725) Visite ripetute (n=274) Medico di PS 7. Specialista del dolore/cefalea 8. Altri The American Migraine Study. Lipton et al (1998) UNA QUOTA ELEVATA DI PAZIENTI NON CONSULTA MAI IL MEDICO (Dati %) Lifestyle Study (1997) CANADA (Edmeads et al, 1993) DANIMARCA (Rasmussen et al, 1992) GERMANIA (Koehler et al, 1992) GIAPPONE (Sakai & Igarashi, 1997) UK (Mountstephen & Harrison, 1995) USA (Lipton & Stewart, 1994) Mac Gregor,

12 CLASSIFICAZIONE IHS 2004 CEFALEE PRIMARIE 1. EMICRANIA 1.1 E. senza aura 1.2 E. con aura 1.3 Sindromi periodiche dell infanzia 1.4 E. retinica 1.5 Complicanze dell E. 1.6 Probabile E. ICHD 2ND EDS CEPHALALGIA 2004 SUPPL 1 EMICRANIA CARATTERISTICHE CLINICHE SOGLIA EMICRANICA E FATTORI SCATENANTI PSICOLOGICI Emozioni Rilassamento dopo stress Diminuzione del tono dell umore AMBIENTALI Fattori climatici Altitudine Viaggi Rumori Odori Fumo di sigaretta ORMONALI Mestruazioni Ovulazione Contraccettivi orali HRT FARMACI Nitroglicerina Reserpina Fenfluramina Estrogeni ALIMENTARI Alcool Eccesso/privazione di cibo Cibi/bevande contenenti: nitrati glutammato tiramina feniletilamina ALTRI Privazione/eccesso di sonno Stanchezza fisica 12

13 EMICRANIA CARATTERISTICHE CLINICHE FATTORI SCATENANTI L ATTACCO 1. Stress psico-fisico * 2. Mestruazioni * 3. Stimoli sensoriali 4. Cibi 5. Vino/birra/superalcolici 6. Fatica fisica 7. Modificazioni atmosferiche Rasmussen 1993 Robbins 1994 Russell 1995 EMICRANIA SENZA AURA -Caratteristiche del dolore- Gli attacchi possono durare 1-72 ore La distribuzione del dolore 1. è generalmente bilaterale nei bambini /adolescenti; 2. la tipica unilateralità compare di solito nell età adulta 3. La lateralità anche nello stesso paziente può essere variabile La sede del dolore è generalmente frontotemporale. 1. Il dolore occipitale, unilaterale o bilaterale e raro e pertanto meritevole di particolare attenzione Vi è presenza di fotofobia e/o fonofobia e/o nausea e/o vomito durante l attacco ICHD 2ND EDS CEPHALALGIA 2004 SUPPL 1 13

14 1.1 Emicrania senza aura Criteri diagnostici: A. Almeno 5 attacchi che soddisfino i criteri B-D successivi B. La cefalea dura 4-72 ore (non trattata o trattata senza successo) C. La cefalea (dolore) presenta almeno DUE delle seguenti caratteristiche: 1. localizzazione unilaterale 2. tipo pulsante 3. dolore con intensità media o forte 4. aggravata da o che limiti le attività fisiche di routine D. Alla cefalea si associa almeno UNA delle seguenti condizioni: 1. presenza di nausea e/o vomito 2. presenza di fotofobia e fonofobia E. Non attribuita ad altra condizione o patologia Il paziente tende all isolamento, buio, silenzio, riposo EMICRANIA CARATTERISTICHE CLINICHE DURATA FASE ALGICA La maggior parte degli attacchi si risolve in 24 ore. In alcuni casi persiste oltre i 3 giorni 100% < 24 h 50% h >48 h > 72 ore = Stato emicranico: 1% Russell et al,

15 FREQUENZA DELLE CRISI EMICRANICHE >4/mese 1/mese 4/mese 2/mese 3/mese Silberstein SD, 1995 Frequenza degli Attacchi Emicranici 41% 10% < 1/mese 1/mese 32% 17% 2-4/mese > 1/sett. La frequenza mediana delle crisi è 1/mese Il 20% degli emicranici subisce oltre la metà degli attacchi Henry et al., Cephalalgia 1992;12:

16 1.1 EMICRANIA SENZA AURA NOTE 1. Se sono soddisfatti i criteri per Emicrania senza aura (1.1) ma sono presenti meno di 5 attacchi la diagnosi attribuita deve essere di Emicrania senza aura probabile (1.6.1) 2. Se il paziente si addormenta durante l attacco e si risveglia senza cefalea, la durata dell attacco deve essere calcolata fino al momento del risveglio 3. Quando gli attacchi si presentano con frequenza 15 giorni/mese per >3 mesi, si configura la diagnosi di Emicrania cronica (1.5.1) ICHD 2ND EDS CEPHALALGIA 2004 SUPPL EMICRANIA SENZA AURA NEI BAMBINI 1. Gli attacchi possono durare anche solo 1 ora 2. Il dolore e generalmente bilaterale. 3. La sede è generalmente fronto-temporale. Il dolore occipitale, unilaterale o bilaterale e raro e pertanto meritevole di particolare attenzione 4. La presenza di fotofobia e fonofobia può essere dedotta dal comportamento durante l attacco ICHD 2ND EDS CEPHALALGIA 2004 SUPPL 1 16

17 1.1 EMICRANIA SENZA AURA CARATTERISTICHE CLINICHE FASE PRODROMICA Può precedere la fase algica da ore a due giorni. Prevalenza: ampiamente variabile (circa 50%) Consiste in modificazione di: Appetito, con aumentata sensazione di fame Ritmo sonno/veglia, con prevalente stato di sonnolenza Stimoli neurosensoriali, che sono accentuati per: - luci - rumori - odori Bilancio idrico, con prevalente ritenzione idrica Stato emotivo, con prevalente facilità alle emozioni 1.1 EMICRANIA SENZA AURA CARATTERISTICHE CLINICHE della Fase ALGICA Esordio della Cefalea Di solito graduale, progressivo Raggiunge in l acme di intensità (medio-elevata) Non raro l esordio nel sonno Durata totale e andamento della Cefalea La fase algica si protrae al max per 72 h ad eccezione (1% dei casi) degli stati emicranici 17

18 FASI DELL ATTACCO EMICRANICO CEFALEA Appetito Sonno-veglia Luce Rumori Odori Bilancio idrico Normalità I Prodromi II Aura 1 h. 2/3-48 h min h. III Cefalea IV Posdromi V Recupero Normalità Modificato da Blau, 1997 IHS Emicrania con aura Aura tipica con cefalea emicranica Aura tipica con cefalea non emicranica Aura tipica senza cefalea Emicrania emiplegica familiare Emicrania emiplegica sporadica Emicrania di tipo basilare 18

19 1.2 EMICRANIA CON AURA (15% delle forme emicraniche) EMICRANIA CON AURA E fondamentale distinguere l aura dai sintomi premonitori Aura: sintomi neurologici focali che generalmente si sviluppano gradualmente nell arco di 5-20 minuti e durano per meno di 60 minuti Sintomi premonitori: si presentano da alcune ore fino a 1-2 giorni prima dell attacco emicranico (con o senz aura): astenia, difficoltà di concentrazione, rigidità del collo, fotofobia o fonofobia, nausea, visione offuscata, sbadigli, pallore, in varia combinazione 19

20 EMICRANIA CON AURA CRITERI CLINICI DIAGNOSTICI Con cefalea emicranica Aura tipica Con cefalea non emicranica A. Almeno DUE attacchi che soddisfino i criteri B-D successivi B. Aura con almeno uno dei seguenti sintomi, in assenza di deficit motori: 1. Sintomi visivi completamente reversibili, positivi (come luci tremolanti, macchie, linee) e/o negativi (es. perdita del visus) 2. Sintomi sensitivi / sensoriali di vario tipo ma non visivi completamente reversibili, positivi ( es. punture di spilli / ) e/o negativi (es. ipoestesia) 3. Disturbi del linguaggio completamente reversibili C. Presenza di almeno DUE delle seguenti caratteristiche: 1. Disturbi visivi omonimi e/o sensitivi unilaterali 2. Almeno un sintomo dell aura si sviluppa gradualmente in 5 min. e/o diversi sintomi si susseguono in 5 min 3. Ogni sintomo dura 5 min e 60 min D. Una cefalea, che soddisfa i criteri B-D per 1.1 Emicrania senz aura, e che inizia durante l aura o la segue entro 60 E. Non attribuita ad altra condizione o patologia EMICRANIA CON AURA IPOTESI PATOGENETICA Onda di depolarizzazione, associata ad una depressione transitoria della attività neuronale ( spreading depression di Leao), che si propaga lungo la corteccia (2 3 mm/min), preceduta da eccitazione neuronale lungo il fronte di progressione. Da: Olesen J et al, Ann Neurol,

21 2. CEFALEA DI TIPO TENSIVO Prevalenza. o 30-78% della popolazione adulta Sesso maggiormente colpito. o Femminile (70-88% delle donne vs 63% degli uomini) Episodi di cefalea di durata variabile da minuti a giorni Il dolore è tipicamente bilaterale, di qualità gravativo - costrittiva, di intensità da lieve a media e non risulta aggravato dall attività fisica di routine. La nausea è assente, ma possono essere presenti fotofobia o fonofobia Il pz presenta solo lievi modificazioni della propria attività Cefalea di tipo tensivo sporadica episodica Con o senza dolorabilità mm pericranici Cefalea di tipo tensivo Con o senza dolorabilità mm pericranici frequente Con o senza dolorabilità mm pericranici cronica Con o senza dolorabilità mm pericranici 21

22 CEFALEA DI TIPO TENSIVO EPISODICA- SPORADICA A. La cefalea è presente da 1 a 12 volte /anno B. La cefalea dura da 30 minuti a 7 giorni C. La cefalea presenta almeno 2 delle seguenti caratteristiche: 1. Qualità gravativo - costrittiva 2. Intensità lieve o media (può inibire, ma non impedire la normale attività quotidiana) 3. Sede bilaterale 4. Non è aggravato da attività fisiche routinarie D. Si verificano entrambe le seguenti condizioni: 1. Assenza di Nausea o vomito (può presentarsi anoressia) 2. Possono presentarsi, ma non contemporaneamente, fono e fotofobia A. La cefalea è presente CEFALEA DI TIPO TENSIVO EPISODICA- FREQUENTE da 1 a 15 giorni/mese per almeno 3 mesi ( attacchi/anno) B. La cefalea dura da 30 minuti a 7 giorni C. La cefalea presenta almeno 2 delle seguenti caratteristiche: 1. Qualità gravativo - costrittiva 2. Intensità lieve o media (può inibire, ma non impedire la normale attività quotidiana) 3. Sede bilaterale 4. Non è aggravato da attività fisiche routinarie D. Si verificano entrambe le seguenti condizioni: 1. Assenza di Nausea o vomito (può presentarsi anoressia) 2. Possono presentarsi, ma non contemporaneamente, fono e fotofobia 22

23 CEFALEA DI TIPO TENSIVO CRONICA A. La cefalea è presente per più 15 giorni/mese per più di 3 mesi (più di 180 attacchi/anno) B. La cefalea dura da 30 minuti a 7 giorni C. La cefalea presenta almeno 2 delle seguenti caratteristiche: 1. Qualità gravativo - costrittiva 2. Intensità lieve o media (può inibire, ma non impedire la normale attività quotidiana) 3. Sede bilaterale 4. Non è aggravato da attività fisiche routinarie D. Si verificano entrambe le seguenti condizioni: 1. Assenza di Nausea o vomito (può presentarsi anoressia) 2. Possono presentarsi, ma non contemporaneamente, fono e fotofobia ICH Cefalea a Grappolo e altre cefalalgie autonomico-trigeminali 3.1 Cefalea a Grappolo Cefalea a Grappolo episodica (90%) Cefalea a Grappolo cronica (10%) 3.2 Hemicrania parossistica Hemicrania parossistica episodica Hemicrania parossistica cronica 3.3 SUNCT (Short-lasting Unilateral Neuralgiform headache attacks with Conjunctival injection and Tearing) 3.4 Probabile cefalalgia autonomico trigeminale Probabile cefalea a grappolo Probabile Hemicrania parossistica Probabile SUNCT 23

24 3.1 CEFALEA A GRAPPOLO Prevalenza. 0.1% Sesso maggiormente colpito. Maschile (Rapporto M/F:3/1) Il paziente presenta grave irrequietezza ed agitazione CRITERI DIAGNOSTICI PER LA CEFALEA A GRAPPOLO (IHS- 2004) A. Almeno 5 attacchi che soddisfino i criteri B-E A. Dolore di intensità severa, unilaterale, in sede orbitaria, sovraorbitaria e/o temporale, della durata da 30 a 180 minuti (senza trattamento) C. La cefalea è associata ad almeno uno dei seguenti segni: 1. Iniezione congiuntivale e/o lacrimazione ipsilaterale 2. Ostruzione nasale e/o rinorrea ipsilaterale 3. Edema palpebrale ipsilaterale 4. Sudorazione frontale e facciale ipsilaterale 5. Miosi e/o ptosi palpebrale ipsilaterali 6. Agitazione psicomotoria D. La frequenza degli attacchi è compresa tra 1 attacco ogni 2 giorni e 8 attacchi al giorno E. Esclusione delle forme sintomatiche 24

25 Il pz presenta grave irrequietezza ed agitazione Cefalea a grappolo EPISODICA con periodi attivi della durata da 7 gg. a 1 anno, intervallati da periodi di remissione che durano almeno 1 mese CRONICA gli attacchi sono presenti da più di un anno, senza remissioni o con remissioni che durano meno di un mese 25

26 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA LE CEFALEE PRIMARIE Familiarità Distribuzione per sesso F :M Qualità del dolore Sede Intensità Durata Profilo temporale Sintomi e segni associati Esacerbazione da sforzo Comportamento del paziente Emicrania presente 3:1 pulsante unilaterale medio-forte 4-72 ore episodico nausea e/o vomito fono e fotofobia + isolamento, buio, silenzio, riposo Cefalea di tipo tensivo assente 2:1 gravativo-costrittivo bilaterale lieve o media 30 minuti- 7 giorni episodico fono o fotofobia - lievi modificazioni Cefalea a grappolo presente 1: 4 trafittivo-lancinante unilaterale costante orbitale forte minuti cronobiologico lacrimazione, iperemia congiuntivale, ptosi, congestione nasale, miosi, rinorrea - irrequietezza 26

27 ^ 4. Altre cefalee primarie (IHS 2004) 4.1 Cefalea primaria trafittiva 4.2 Cefalea primaria da tosse 4.3 Cefalea primaria da attività fisica 4.4 Cefalea primaria associata ad attività sessuale 4.5 Cefalea Ipnica 4.6 Cefalea primaria a rombo di tuono 4.7 Hemicrania continua (Cefalea persistente strettamente unilaterale che trae beneficio dal trattamento con indometacina). 4.8 New Daily-Persistent Headache (La cefalea è quotidiana e senza remissioni sin dall'esordio, o lo diviene entro 3 giorni, e duri almeno 3 mesi. Il dolore è tipicamente bilaterale, gravativo o costrittivo, di intensità lieve-media. Possono associarsi fotofobia, fonofobia o nausea lieve.) 4.4 CEFALEA ASSOCIATA AD ATTIVITÀ SESSUALE CARATTERISTICHE CLINICHE Prevalenza life-time: 1% Rasmussen, 1992 Il 4-12% delle Emorragie Sub-Aracnoidee si manifestano dopo attività sessuale Cefalea da orgasmo Fisher, 1968; Lundberg, 1974 Durante l orgasmo aumento della pressione sistolica (~ mmhg) e diastolica (~20-50 mmhg) Ruolo delle variazioni PA? 27

28 IHS 2004 CEFALEE SECONDARIE * Dimostrazione di una condizione o patologia causale * La cefalea si manifesta in stretta relazione temporale con la condizione o patologia di cui sopra e/o altra evidenza di causalità * La cefalea migliora o scompare entro 3 mesi ( o per periodi minori in alcuni casi ) dalla eliminazione o dalla remissione spontanea del fattore causale L ultimo criterio non può essere sempre verificato, anche perché alcune condizioni non sono eliminabili IHS 2004 CEFALEE SECONDARIE 1. Cefalea attribuita a trauma cranico e/o cervicale 2. Cefalea attribuita a disturbi vascolari cranici o cervicali 3. Cefalea attribuita a disturbi intracranici non vascolari 4. Cefalea attribuita all uso di una sostanza o alla sua sospensione 5. Cefalea attribuita a infezione 6. Cefalea attribuita a disturbi dell omeostasi 7. Cefalea o dolori facciali attribuiti a disturbi di cranio, collo, occhi, orecchie, naso, seni paranasali, denti bocca o altre strutture facciali o craniche 8. Cefalea attribuita a disturbo psichiatrico 28

29 5. Cefalea attribuita a trauma cranico e/o cervicale Cefalea post traumatica acuta: durata < 3 mesi dal trauma Cefalea post traumatica cronica: durata >3 mesi dal trauma Possono essere causate da alterazioni vascolari contratture muscolari residuate in seguito ad un trauma, ma più spesso la componente emotiva è il fattore mantenente principale. In alcuni casi alla cefalea possono accompagnarsi vertigini 6.Cefalea attribuita a disturbi vascolari cranici o cervicali o TIA e ictus tromboembolico o arteriti ( arterite temporale di Horton *) o dissezione a.carotide o vertebrale o post endoarteriectomia o ipertensione arteriosa: essenziale, da feocromocitoma, maligna, eclampsia e pre eclampsia Cefalea pulsante spesso occipitale o Emorragie cerebrali non traumatiche Arteria poco o non pulsante 29

30 Cefalea da emorragie cerebrali: caratteri clinici Ematoma extradurale /subdurale Intervallo libero più ( extradurale ) o meno ( subdurale ) lungo!! Prevalentemente post traumatiche Emorragia cerebrale La cefalea, molto intensa, precede di poco l insorgenza del deficit neurologico Prevalentemente non traumatica Emorragie subaracnoidee. Causa più comune di cefalea intensa ad esordio improvviso Grave : 50% morte, 50% disabilità permanente prima del PS Dolore intenso che aumenta con la tosse e si associa a segni di irritazione meningea (rigidità nucale) Diagnosi: TC senza MdC; RM; Puntura lombare Prevalentemente non traumatica 7.Cefalea attribuita a disturbi intracranici non vascolari Ipertensione endocranica Dolore continuo si acutizza con la tosse e con gli sforzi e a cui si associano bradicardia, vomito,papilla da stasi, obnubilamento del sensorio caratteristiche ma non frequenti le impronte digitate che si osservano all Rx del cranio Cause considerabili Meningiti / ascessi / tumori cerebrali/ Idrocefalo Ipotensione endocranica Dolore brusco post rachicentesi, da trazione sui vasi che risentono della caduta rapida della tensione intracranica Il dolore è pulsante, localizzato in regione occipitale con eventuale diffusione frontale, cervicale e dorsale Il dolore si attenua in posizione supina e viene aggravato dall ortostatismo. Durata media : ore. 30

31 7.4 CEFALEA ATTRIBUITA A NEOPLASIA INTRACRANICA CARATTERISTICHE CLINICHE del dolore Criteri IHS: Sintomi o segni di malattia endocranica Conferma mediante esami appropriati Rapporto temporale Caratteristiche di tipo tensivo nel 77% Nel 9% caratteri emicranici. Distribuzione spesso bilaterale (72%) Frequentemente sede frontale (68%) Forsyth e Posner, Cefalee da infezione 9.1 Infezione intracranica (Meningiti / Ascessi) 9.2 Infezione sistemica 9.3 Infezione da HIV 9.4 Cefalea post infettiva 31

32 9.1 e 9.2 Cefalea attribuita a meningite Criteri diagnostici: A. Cefalea con almeno una delle seguenti caratteristiche e che soddisfi i criteri C e D: 1. dolore diffuso 2. intensità ingravescente fino a diventare forte 3. associata a nausea, fotofobia e/o fonofobia B. Evidenza di meningite all esame del liquor ( cellularità; glucorrachia [ dosaggio lattati ] ; protidorrachia) Protidorrachia: mg/dl (>) Glucorrachia: mg/dl (60% della glicemia) (</>) Cellule: 0-10 leucociti/ml (linfociti) (>) C. La cefalea si sviluppa durante la meningite D. Uno dei seguenti: 1. la cefalea scompare entro 3 mesi dalla risoluzione della meningite 2. la cefalea persiste, ma non sono passati ancora 3 mesi dalla risoluzione della meningite Commento: La cefalea è il sintomo più comune e può essere spesso quello di esordio di una meningite infettiva. Essa rappresenta il sintomo chiave delle sindromi meningitiche o del meningismo, che in genere si presentano con cefalea, rigidità nucale e fotofobia. La cefalea è legata alla stimolazione diretta delle terminazioni sensitive localizzate nelle meningi da parte dell infezione. I prodotti batterici (tossine), i mediatori della flogosi come le bradichinine, le prostaglandine, le citochine e altri agenti che si producono con l infiammazione, oltre a causare dolore in maniera diretta, inducono anche sensibilizzazione al dolore e rilascio di neuropeptidi (Flogosi Neurogenica). Quando la cefalea persiste oltre i 3 mesi, va codificata come Cefalea cronica post infettiva attribuita a meningite. SINDROME MENINGEA-1 Segni di irritazione delle terminazioni nervose meningee e di contrura antalgica Iperestensione del capo e del tronco = Opistotono Contemporaneo atteggiamento in flessione degli arti inferiori = Posizione a "cane di fucile Il paziente, causa della rigidità del dorso, non riesce ad assumere la posizione seduta senza l'ausilio delle mani appoggiate sul piano del letto = Segno di Amoss o del treppiede Contrattura dei muscoli dell'addome ( incostante) = Ventre a barca 32

33 SINDOME MENINGEA-2 MANOVRE SEMEIOLOGICHE PER FLOGOSI MENINGI: (PAZIENTE IN POSIZIONE SUPINA) La flessione passiva della gamba sul bacino è impossibile a gamba estesa = segno di Lasègue La flessione passiva del capo provoca la flessione degli arti inferiori = segno di Brudzinski I La flessione attiva della coscia vs il bacino è impossibile a gamba estesa = s. di Kernig I La flessione attiva della coscia vs il bacino, anche a gamba flessa, comporta la flessione del ginocchio controlaterale = s. di Brudzinski II Il tentativo di far passare passivamente il paziente dalla posizione supina a quella seduta provoca la flessione degli arti inferiori = segno di Kernig II SINDROME MENINGEA-3 SEGNI DI IPERTENSIONE ENDOCRANICA Cefalea,vomito a getto (cerebrale), bradicardia, papilla da stasi (edema e sollevamento bordi) SEGNI DI DEFICIT NEUROLOGICI Torpore o coma; ritenzione urinaria; paralisi nervi cranici: emiparesi ; alterazioni del respiro Alternanza irregolare di gruppi di atti respiratori di ampiezza normale/ ridotta con pause di apnea = respiro meningitico di Biot SEGNI DI IRRITAZIONE DEL SNC Delirio confuso, fotofobia, crisi convulsive N.B.: LA RIGIDITÀ NUCALE PUÒ ESSERE L UNICO SEGNO 33

34 Segno di Lasegue assente 11. CEFALEE O DOLORI FACCIALI ATTRIBUITE A PATOLOGIE DEL CRANIO, COLLO, OCCHI, ORECCHI, NASO E SENI PARANASALI, DENTI, BOCCA O ALTRE STRUTTURE DEL CAPO 11.1 Cefalea attribuita a patologia delle ossa craniche 11.2 Cefalea attribuita a patologie del collo 11.3 Cefalea attribuita a patologie degli occhi Cefalea attribuita a glaucoma acuto Cefalea attribuita a vizi di rifrazione Cefalea attribuita a eteroforia (Strabismo Latente) o eterotopia (Strabismo Manifesto) Cefalea attribuita a patologia infiammatoria 11.4 Cefalea attribuita a patologie degli orecchi 11.5 Cefalea attribuita a rinosinusite 11.6 Cefalea attribuita a patologia dei denti, mandibola e strutture correlate 11.7 Cefalea/dolori facciali da alterazioni dell Artic. Temp.-Mand. (ATM) 11.8 Cefalea attribuita ad altri disordini 34

35 Criteri diagnostici: Cefalee da rinosinusite-1 A. Cefalea frontale accompagnata da dolore in una o più regioni del volto, orecchie o denti che soddisfi i criteri C e D B. Segni clinici, endoscopici, neuroradiologici (tomografia computerizzata e/o risonanza magnetica) e/o laboratoristici di rinosinusite acuta o cronica riacutizzata, C. La cefalea e il dolore facciale si manifestano simultaneamente alla comparsa o alla riacutizzazione della rinosinusite D. La cefalea e/o il dolore facciale si risolvono entro 7 giorni dalla remissione o dal trattamento efficace della rinosinusite acuta o cronica riacutizzata 35

36 Note: Cefalee da rinosinusite-2 I segni clinici possono includere la presenza di secrezioni nasali purulente, di ostruzione nasale, di ipoosmia o anosmia e/o di febbre. Non è dimostrato che la sinusite cronica sia causa di cefalea o di dolore facciale a meno che non sia in fase di riacutizzazione Sinusite acuta o dolore spontaneo da irradiazione/ vicinanza per idrope delle cavità paranasali Sinusite cronica o Dolore spesso non spontaneo e poco localizzato o Dolore evocabile con la pressione dei seni corrispondenti frontali e/o mascellari (confronto vs dolore evocato al mento ) INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO 1. Anamnesi (generale e specifica) 2. Esame obiettivo (generale e neurologico) 3. Eventuali esami strumentali e/o laboratoristici (TC, RMN. Doppler transcranico) 36

37 Segnali di allarme ( red flags ) anormalità dell es.obiettivo generale e/o neurologico esordio acuto se non è presente storia di cefalea sintomi neurologici diversi dall aura tipica cefalea con anamnesi di trauma cranico cefalea di nuova insorgenza in pazienti con: fattori di rischio età superiore ai 55 anni la peggiore cefalea o se il paziente non ne ha mai sofferto in passato insorgenza in seguito ad uno sforzo fisico modificazione di cefalea preesistente e reftrattarietà alla terapia Storia pregressa di cefalea E.O. Generale e Neurologico nella norma Quadro clinico soddisfa i criteri IHS per cefalea primaria CEFALEA PRIMARIA Modificazione quadro clinico Segni d allarme Esami strumentali No Esami strumentali Si Cefalea ingravescente o improvvisa senza storia pregressa E.O. Neurologico positivo POSSIBILE CEFALEA SECONDARIA Esami strumentali Si Emicrania oftalmoplegica E. Emiplegica Familiare Emicrania Basilare E. con aura prolungata Ripetuti episodi di aura senza cefalea ESCLUDERE PATOLOGIA ORGANICA Aneurisma c.i., Tolosa-Hunt processo espansivo parasellare Tumore fossa cranica posteriore, infarto cerebellare Patologia vascolare acuta Esami strumentali Si Cerbo & Barbanti,

38 Le alterazioni della coscienza e dell equilibrio C. A. 38

39 I disturbi di coscienza Sincope : definizione La sincope è una Perdita di Coscienza Transitoria (PdCT) dovuta ad una Transitoria Ipoperfusione Cerebrale Globale, a rapida insorgenza di breve durata e con risoluzione spontanea e completa 39

40 Sincope classica e con prodromi Sincope classica Nella maggioranza dei casi la insorgenza della PdCT è improvvisa Sincope con prodromi presincopali Il termine definisce una sindrome clinica caratterizzata da progressivo sviluppo di ipostenia associata spesso ad incapacità a mantenere il tono posturale e preceduta da sintomi vegetativi (pallore, sudorazione, senso di mancamento, cardiopalmo ) che si conclude con una PdCT Approccio al paziente con PdCT Dottore, stavo camminando verso casa e mi sono risvegliato con un sacco di gente intorno... SINCOPE CLASSICA 40

41 Approccio al paziente con PdCT Dottore, stavo camminando verso casa e mi sono sentito debole ed ho cominciato a sudare e mi sono risvegliato con un sacco di gente intorno... SINCOPE CON PRODROMI Prèsincope (Quasi Sincope) Malessere improvviso che decorre Con pallore, sudorazione fredda, alterazioni visive, ipoacusia, acufeni, astenia profonda, sensazione di imminente perdita di coscienza Senza perdita di coscienza 41

42 Approccio al paziente con PdCT Dottore, stavo camminando verso casa e mi sono sentito debole ed ho cominciato a sudare e mi sono dovuto sedere a terra ed in pochi minuti mi sono ritrovato con un sacco di gente intorno... PRESINCOPE Manca la perdita di coscienza! 42

43 Classificazione fisiopatologica della Sincope A C B Basi fisiopatologiche della classificazione della sincope-1 La interruzione del flusso cerebrale di soli 6-8 s è in grado di provocare una completa PdC. Dall esperienza derivata dal tilt test, è stato evidenziato che un calo della PA sistolica fino a 60 mmhg è associato a sincope La PA sistemica dipende dalla Gettata Cardiaca(GC) dalle Resistenze Vasc. Perif. Tot. La riduzione di una di esse può causare la sincope 43

44 Basi fisiopatologiche della sincope riflessa La inadeguata attivazione di un riflesso cardiovascolare, fisiologico in posizione eretta nel controllo delle resistenze periferiche e della frequenza cardiaca, può comportare eccessiva Vasodilatazione e/o Bradicardia che si manifestano sotto forma di Sincope cardioinibitoria Sincope vasodepressiva Sincope mista Ridotte o basse resistenze periferiche possono anche essere secondarie a un danno funzionale o strutturale del SNA accompagnato da insufficienza autonomica (autonomic failure, ANF) primitiva e secondaria o indotta da farmaci. In presenza di ANF i centri vasomotori simpatici non sono in grado di aumentare le resistenze vascolari periferiche totali in risposta alla postura eretta. Lo stress gravitazionale in associazione alla disfunzione vasomotoria determina un accumulo di sangue venoso sotto il diaframma, provocando una riduzione del ritorno venoso e, in conseguenza, della GC. 88 Basi fisiopatologiche della sincope da ipotensione ortostatica 44

45 Basi fisiopatologiche della sincope cardiaca Tre sono le cause di una riduzione transitoria della GC. La prima è rappresentata da un meccanismo riflesso che causa bradicardia, che va sotto il nome di sincope riflessa di tipo cardioinibitorio La seconda è di natura cardiovascolare ed è dovuta ad aritmie o patologie strutturali comprese l embolia polmonare e l ipertensione La terza è legata ad un inadeguato ritorno venoso secondario ad ipovolemia o accumulo di sangue nel comparto venoso. I tre meccanismi finali della Sincope, riflesso, da ipotensione ortostatica(i.o.) e cardiovascolare sono riportati nella Figura all esterno dei cerchi la Sincope riflessa e quella secondaria ad I.O. racchiudono le due maggiori categorie fisiopatologiche 45

46 SINCOPE RIFLESSA Comprende un gruppo eterogeneo di condizioni (Sindrome), tutte caratterizzate da Disfunzione di un riflesso cardiovascolare, che normalmente è utile per il controllo della circolazione, il quale, nella sincope, si innesca in maniera intermittente ed inadeguata, dando luogo a vasodilatazione e bradicardia e, quindi, ad un calo della PA e della perfusione cerebrale globale. Essa viene generalmente classificata a seconda che le vie efferenti coinvolte siano di tipo simpatico o parasimpatico. Il termine di tipo vasodepressiva sta ad indicare solitamente la prevalenza di ipotensione dovuta ad una perdita del tono vasocostrittore in posizione eretta (prevale il deficit di attivazione del s.n.a. simpatico) cardioinibitoria sta ad indicare la prevalenza di bradicardia o asistolia (prevale l eccesso di attivazione del s.n.a. parasimpatico) mista definisce l associazione dei due meccanismi. ella maggior parte dei casi la via efferente non è strettamente dipendente dal tipo di trigger Sincope riflessa: cause (vie afferenti) Nei giovani atleti esprime una sindrome riflessa Negli anziani/mezza età esprime una precoce di ANF prima dello sviluppo di una tipica I.O. 46

47 La sincope riflessa senocarotidea Esagera un riflesso fisiologico Riconosce una eziologia funzionale Tipicamente insorge senza prodromi La rara forma spontanea viene innescata dalla manipolazione meccanica occasionale dei seni carotidei ( collo camicia stretto; rasatura con rasoio elettrico) La forma più diffusa non risulta mediata da un trigger meccanico, ma viene diagnosticata mediante l esecuzione del massaggio del seno carotideo Sincope da Ipotensione Ortostatica Contrariamente a quanto avviene nella sincope riflessa, in corso di ANF il sistema simpatico efferente subisce un danno cronico, compromettendo così la vasocostrizione. Non appena assunta la posizione eretta, la PA scende causando sincope o presincope. L IO viene definita come una riduzione anomala della PA sistolica in posizione eretta. Da un punto di vista prettamente fisiopatologico, la sincope riflessa e l ANF rappresentano due condizioni distinte, ma la loro presentazione clinica è spesso sovrapponibile, rendendo problematica la diagnosi differenziale. L espressione intolleranza ortostatica si riferisce a quei sintomi e segni durante la posizione eretta che si sviluppano a seguito di un disturbo della circolazione. La sincope rappresenta uno di questi sintomi, mentre gli altri sono: a) vertigini/capogiri, presincope; b) debolezza, astenia, letargia; c) cardiopalmo, sudorazione; d) turbe della visione (inclusi annebbiamento, abbagliamento,restrizione della vista periferica); e) turbe dell udito (inclusi calo uditivo, crepitii e acufeni); f) dolore al collo (nella regione occipitale/paracervicale e alle spalle), dolore lombare o precordiale 47

48 Sincope da I.O. : cause La IO (OH) iniziale è caratterizzata da una riduzione della PA >40 mmhg subito dopo l assunzione della posizione eretta, seguita da una spontanea e rapida normalizzazione della PA..Il periodo di ipotensione e in cui si manifestano i sintomi è quindi di breve durata (<30 s) Sindromi da intolleranza ortostatica che possono provocare la sincope L OH classica è un segno fisico definito come una diminuzione della PA sist. 20 mmhg e della PA diast. 10 mmhg entro 3 min dalla assunzione della posizione eretta, e descritto in pazienti con ANF o ipovolemia l OH ritardata (progressiva) negli anziani, è attribuita ad una compromissione dei riflessi compensatori correlata all età ed alla rigidità del cuore nei agli effetti di una diminuzione del precarico. L OH ritardata è caratterizzata da una graduale riduzione della PA sistolica durante l assunzione della postura eretta e si differenzia dalla sincope riflessa per la mancanza abituale di bradicardia riflessa.. Sindrome della tachicardia posturale ortostatica Alcuni pazienti, giovani e di sesso femminile, presentano gravi disturbi di intolleranza ortostatica senza episodi sincopali, accompagnati da un aumento estremamente marcato della frequenza cardiaca (FC) (>30 b/min fino anche >120 b/min) e da variabilità pressoria. La POTS è spesso associata a sindrome da stanchezza cronica. I meccanismi fisiopatologici sottostanti non sono stati ancora chiariti

49 Sincope Cardiaca: cause Quando il recupero della coscienza non è spontaneo, l episodio non può essere classificato come sincope ma rappresenta un vero e proprio arresto cardiaco Una malattia strutturale cardiaca può causare sincope quando il fabbisogno circolatorio supera la compromessa capacità del cuore di incrementare la gettata Di contro, la sincope non si verifica solo per una riduzione della GC, ma può essere in parte dovuta ad un riflesso inappropriato o allo stato di IO(OH). Ad esempio, in un quadro di stenosi valvolare aortica, l incapacità di vasocostrizione riflessa e/o un aritmia cardiaca primaria possono costituire delle possibili concause Condizioni erroneamente diagnosticate come Sincope 49

50 Come diagnosticare una sincope TILT TEST:. Il test viene eseguito a digiuno. Il paziente viene posizionato su un letto che viene inclinato a 60 gradi per 45 minuti Si monitorizza la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca. Negli individui predisposti alla sincope vasovagale si può manifestare una caduta repentina della frequenza cardiaca (risposta cardioinibitoria) o della pressione arteriosa (risposta vasoinibitoria) o di entrambe (risposta mista). Se dopo i primi 45 minuti il paziente non manifesta alcuna alterazione può essere somministrata nitroglicerina per via sublinguale e si prosegue l osservazione per altri 20 minuti ECG; ECG dinamico 24/48 ore; Ecocardiogramma ; Studio Elettrofisiologico cuore Elettroencefalogramma Cause principali e frequenza delle perdite di coscienza di breve durata Da cause anamnesticamente evidenti Sincope commotiva post traumatica (capo) Ipoglicemia in diabetico (insulina) Da cause non evidenti Frequenza Sincope (flusso ematico cerebrale <40%) 65% Primitivamente neurogena-vasodepressoria 55% Primitivamente cardiogena 10% SNC <10% Prima crisi epilettica Insufficienza cerebrovascolare Emorragia subaracnoidea Onde di pressione endocranica Da cause tossiche/metaboliche <10% Alcol-sedativi Overdose di narcotici Ipoglicemia Farmaci antiipertensivi Diagnosi eziologica sconosciuta 50

51 Perdite di coscienza transitorie (PCT) ipoglicemiche ed epilettiche o isteriche Cali della glicemia < 40 mg % La crisi epilettica tipica ( grande male ) è preceduta da manifestazioni psicosensoriali o motorie (Aura) di vario tipo ma che sono ripetitive nel singolo paziente ed indicano l area cerebrale ( focus epilettogeno) dalla quale si diparte l onda anormale di eccitabilità encefalica La crisi si realizza dopo l aura con Caduta a terra in preda ad incoscienza e convulsioni Perdita di feci ed urine Lesioni da caduta ( lingua) Presenza del segno di Babinski Le Assenze sono arresti improvvisi e fugaci (secondi) della coscienza, preceduti o meno dall aura. Non vi sono convulsioni ma solo attimi di silenzio, pallore e fissità dello sguardo di cui il paziente non ha memoria. Sono tipiche del piccolo male La sincope isterica Disturbo da conversione con il significato di fuga dalla malattia Nella caduta il paziente non riporta non riporta alcuna lesione ( corpo o lingua) Segno di Babinski Il riflesso cutaneo plantare si evoca strisciando una punta smussata lungo il margine laterale della pianta del piede, partendo da sopra il tallone, e portandola verso la parte supero-interna fino al primo metatarso. Nell'adulto, in condizioni di normalità, si induce la flessione plantare delle dita del piede. In presenza di lesioni a carico del sistema corticospinale, lo stesso stimolo evoca l'estensione dorsale dell'alluce e l'apertura "a ventaglio" delle altre dita, determinando quindi l'inversione del riflesso cutaneo plantare. Altre manovre semeiologiche sono in grado di elicitare l'estensione dell'alluce, ed hanno lo stesso significato del segno di Babinski. Queste sono il segno di Oppenheim (che si evoca strisciando il proprio pollice unito all'indice lungo la cresta tibiale del paziente, partendo dal ginocchio verso il piede) il segno di Chaddock (che si elicita strisciando una punta smussa lungo il margine del malleolo esterno verso la parte anteriore del piede). Significato patologico Tale risposta anomala sarebbe dovuta al mancato controllo, da parte dei centri nervosi superiori lesionati, del riflesso spinale di allontanamento dagli stimoli nocivi. In accordo con tale ipotesi, è da notare che nei neonati, nei quali lo sviluppo del sistema nervoso centrale non è ancora completo, il riflesso plantare cutaneo è normalmente in estensione dorsale (come del resto può avvenire in alcune fasi del sonno in cui si allenta il controllo corticale sui riflessi). La risposta in flessione plantare è generalmente evocabile in soggetti di età superiore ad un anno 51

52 Picasso a Roma L italiana C. A. 52

53 Cosa è l equilibrio Il Sistema Integrato di Controllo dell Equilibrio e della Postura 53

54 Il sistema dell equilibrio si basa su informazioni ridondanti ma in sintonia Patologia: Lesione di un sistema Sintonia mismatch sensoriale Fisiologia: Chinetosi ; acrofobia Sintomi e segni Sviluppo di fenomeni di compenso ed adattamento L orecchio interno e le sue connessioni nervose 54

55 Il sistema vestibolare E destinato a rilevare le accelerazioni della testa Angolari: canali semicircolari Lineari (gravità!!!): utricolo e sacculo e a trasmettere tali informazioni al SNC La risposta motoria è tale da mantenere costante nello spazio La linea di sguardo: risposta vestibolo oculomotoria (VOR) La posizione del corpo: risposta vestibolo-spinale Il sistema vestibolare è in equilibrio la testa è ferma Il SNC recepisce la presenza di movimento dall attività di entrambi i sistemi A testa ferma i due emisistemi (destro e sinistro) hanno una attività tonica ( 0) sovrapponibile 55

56 Il sistema vestibolare è in disequilibrio la testa sta ruotando Se la testa ruota (accelera) verso sinistra: i due emisistemi si sbilanciano: a sinistra si produce eccitazione a destra si produce inibizione Per il SNC: sbilanciamento = rotazione direzione = verso il lato che è eccitato Fenomeni simili - ma speculari- si realizzano quando la testa ruota verso destra Il sistema vestibolare è in disequilibrio Vestibolo sx Vestibolo dx SNC Nessuna Rotazione Rotazione a DX Rotazione a SX Verso dx Verso sx 56

57 Il sistema vestibolare è in disequilibrio Risposta riflessa di mantenimento dell equilibrio oculomotorio = Mantenere costante la direzione della linea di sguardo = V..estibulo O..cular R..eflex (VOR) Il sistema vestibolare è in disequilibrio In tale condizione: La direzione della linea di sguardo dipende dalla posizione della testa dalla posizione degli occhi nell orbita Poiché il VOR tende a mantenere costante la direzione della linea dello sguardo al muoversi della testa, se: la testa ruota verso > destra; sinistra: alto; basso gli occhi ruotano verso> sinistra; destra; basso; alto 57

58 Verso dx Se si uccide il labirinto destro Vestibolo sx Vestibolo dx SNC No Rot Rot SX Destro out Verso sx Pure in assenza di rotazione, per il SNC: Sto ruotando verso sinistra. Devo muovere gli occhi verso destra Se si uccide il labirinto destro Gli occhi si muovono verso destra lentamente Il movimento verso destra viene interrotto e gli occhi vengono riportati al centro dell orbita rapidamente Fase lenta + Fase rapida = IL NISTAGMO A SCOSSE È UN MOVIMENTO INVOLONTARIO DEGLI OCCHI CON UNO SPOSTAMENTO DAPPRIMA LENTO IN UNA DIREZIONE E QUINDI RAPIDO NELLA DIREZIONE OPPOSTA Nistagmo a scosse 58

59 Alterazioni del sistema dell equilibrio Tre (3) sintomi principali: Instabilità Nistagmo Vertigine Sintomi accessori: Neurovegetativi Uditivi Neurologici. Reazione psicoemotiva del paziente. Instabilità:definizione Reale incapacità di mantenere con sicurezza una determinata posizione, statica o dinamica. Legata ad una vera e propria incoordinazione del tono muscolare Evidente anche ad un osservatore esterno. Patologia del cervelletto a livello della sua porzione centrale (verme) che comporta instabilità posturale statica (Atassia statica) e/o vertigine di origine centrale (per le connessioni con i nuclei vestibolari) degli emisferi che comporta instabilità posturale dinamica per la incapacità a coordinare i movimenti (Atassia dinamica) 59

60 Il Nistagmo e le sue tre forme Il nistagmo è definito come una oscillazione di va e vieni degli occhi involontaria, ritmica e ripetitiva, di ampiezza variabile 1. Nistagmo a scosse: caratterizzato da un movimento lento di deriva seguito da un movimento rapido. a scosse, di tipo correttivo ( di rifissazione ) La direzione del nistagmo è descritta in accordo a quella del movimento rapido correttivo ( batte a destra, sinistra, in alto, in basso) 2. Nistagmo pendolare: il movimento di deriva e quello correttivo sono entrambi lenti. 3. Nistagmo misto: si osserva un nistagmo pendolare nella posizione primaria dello sguardo (quello in avanti) e un nistagmo a scosse durante lo sguardo laterale Nistagmo : descrizione L oscillazione può essere descritta secondo 1. la direzione del piano sul quale si realizza : orizzontale, verticale, torsionale(rotatoria), obliqua o combinata 2. l ampiezza: fine o grossolana 3. la frequenza : alta, moderata o bassa 4. Il coinvolgimento o meno di entrambi gli occhi: bi o unilaterale 5. la concordanza direzionale: simmetrica, asimmetrica 6. la contemporaneità o meno: coniugata, non coniugata Sono stati descritti circa 40 tipi clinici diversi di Nistagmo distribuiti nelle 3 forme principali già descritte 60

61 Nistagmo: genesi Il nistagmo può essere fisiologico ed è evocato dalla stimolazione visiva (Ni. Opticocinetico) dalla stimolazione labirintica ( Ni. Vestibolare) Esso è finalizzato, in entrambi i casi, alla stabilizzazione sulla retina delle immagini in movimento o durante la rotazione del capo. Il nistagmo patologico è dovuto ad uno squilibrio dei meccanismi che regolano la fissazione e può essere: Congenito : compare alla nascita oppure nei primi 6 mesi di vita Può essere a scosse o pendolare, solitamente orizzontale, bilaterale e simmetrico. Può essere secondario a deficit sensoriale o a deficit motorio. Acquisito : in conseguenza di patologie oculari : con compromissione del sistema visivo afferente e perdita della visione centrale mono o bilaterale Ni. solitamente pendolare, presente anche in posizione dello sguardo primaria (in avanti) secondario ad oftalmoplegia: per paralisi periferica dell'oculomotricità Ni. solitamente unilaterale che compare durante la fissazione dell'occhio paretico disordini di origine vestibolare : periferici o centrali Nistagmo vestibolare periferico 1 Cause: affezioni labirintiche, neurite vestibolare, alterazioni traumatiche o vascolari Caratteri del nistagmo Un nistagmo a scosse con traiettoria generalmente orizzontale - rotatoria Il piano secondo cui «batte» il nistagmo (orizzontale, verticale, obliquo, rotatorio, ecc.) dipende principalmente dal canale semicircolare interessato (trovandosi i 3 canali disposti su tre assi differenti). Nelle alterazioni labirintiche è il canale semicircolare laterale (orizzontale) quello predominante sia in fase irritativa, quindi iperfunzionante, sia in fase degenerativa, quindi ipofunzionante. Il nistagmo è regolato dalla legge di Ewald. la scossa lenta, movimento lento e coniugato degli occhi è il vero movimento attivo in direzione del lato relativamente ipofunzionante ma è più difficile da esplorare per la sua estrema lentezza il movimento rapido ha una funzione semplicemente di ritorno e passiva, ed è più facile da esplorare e batte verso il lato opposto normo /iperfunzionante 61

62 Nistagmo vestibolare periferico 2 Questo nistagmo ha esordio tipicamente acuto, é spontaneo in associazione alla vertigine ed è caratterizzato da fastidioso tinnito, nausea e oscillopsia ( visione tremolante degli oggetti ) Dipende dalla posizione dello sguardo Per la legge di Alexander = l intensità del nistagmo è massima [minima] quando la direzione dello sguardo coincide con [è opposta a] quella del nistagmo Risposta ad input visivi Le strutture del SNC sono integre la disponibilità di un input visivo riduce l intensità (annulla) il nistagmo Risposta a variazioni posizionali La componente orizzontale diminuisce quando il soggetto giace con l orecchio intatto diretto verso il basso, mentre lo si esacerba quando si tiene il capo con l orecchio affetto verso il basso. Può aumentare cambiando posizione del capo, ma anche scuotendo vigorosamente il capo Nistagmo vestibolare centrale Cause: lesioni dei nuclei vestibolari e delle loro proiezioni (lesioni del cervelletto e/o del tronco encefalico) di origine vascolare, infiammatoria demielienizzante, malformativa, neoplastica, traumatica Caratteristiche: la direzionalità molto spesso è pura Rotatoria con fase rapida battente verso l'alto (antioraria) o il basso (oraria) oppure pura Orizzontale o pura Verticale Dipende dalla posizione dello sguardo Per la legge di Alexander = l intensità del nistagmo è massima [minima] quando la direzione dello sguardo coincide con [è opposta a] quella del nistagmo Risposta ad input visivi Le strutture del SNC sono lesionate, > quindi la disponibilità di un input visivo è indifferente per il nistagmo Influenza delle variazioni posizionali del capo nessuna 62

63 Nistagmo vestibolare a scossa : caratteri differenziali tra quello di origine centrale o periferica Parametro di valutazione NIST. CENTRALE NIST. PERIFERICO Modificazioni di ampiezza /frequenza con fissazione dello sguardo Nessuna Diminuzione L a abolizione della fissazione dello sguardo (Lenti di Frenzel) modifica l ampiezza / frequenza del Nistagmo No Si ( ) Variazione della direzionalità della battuta del Nistagmo con variazioni direzionali dello sguardo Direzionalità del movimento oscillatorio Si ( Non sempre ) Puro: Verticale o Orizzontale Combinato: Or. - Torsivo. No Combinato: Or. / Torsivo. Mai puro O/T; mai Vert. Lo sguardo direzionato vs la battuta del Nistagmo : Influenza dello spostamento del capo sulla ampiezza e frequenza del Nistagmo Il Nistagmo tende a non ricomparire con ripetuti movimenti della testa Aumenta l ampiezza del Nistagmo ( legge di Alexander) Aumenta l ampiezza del Nistagmo ( legge di Alexander) No Si ( ) (Nistagmo Posizionale) No Si (Nistagmo Posizionale) VERTIGINE: definizione Una falsa sensazione di rotazione o di spostamento 1. del proprio corpo, o della testa (Ver. Soggettiva) 2. degli oggetti dell ambiente circostante (Ver. Oggettiva) percepita solo in una delle direzioni dei canali semicircolari senza deficit di coscienza ma con frequenti sintomi di accompagnamento Falsa: non un disturbo reale dell equilibrio, ma della percezione dell equilibrio stesso. Disfunzione di un vestibolo o delle sue connessioni centrali

Classificazione Internazionale delle Cefalee

Classificazione Internazionale delle Cefalee Classificazione Internazionale delle Cefalee Al fine di agevolare la comprensione delle dizioni diagnostiche utilizzate, si riporta di seguito la forma ridotta della versione italiana della Classificazione

Dettagli

! " # $ # % &' (' ) * $

!  # $ # % &' (' ) * $ ! " # $ # % &' (' ) * $ + + , -*$. %/) -*$ %/!!) -*$0 %!1) -*$/%1) -*$2 %!!!!!) + 3 + 45 Nervo trigemino -,*$. -,*$!11 2 6 / 7 8 7 N. trigemino VII, IX, X C2-C3 !. 5. 2 9! "#$""%&!$&"'()*+ * "#$""",$&"'-)*+

Dettagli

Caratteristiche cliniche delle cefalee primarie e diagnosi differenziale. C. Cavestro

Caratteristiche cliniche delle cefalee primarie e diagnosi differenziale. C. Cavestro Caratteristiche cliniche delle cefalee primarie e diagnosi differenziale C. Cavestro Emicrania: caratteristiche generali Frequenza degli attacchi 17% 1 al mese 32% 1 al mese 40% 2-4 al mese 10% > 1 alla

Dettagli

Prof. Edoardo Raposio. ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Prof. Edoardo Raposio. ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Prof. Edoardo Raposio ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma EMICRANIA e CEFALEE DAL SINTOMO ALLA TERAPIA 2 Classificazione

Dettagli

LE CEFALEE. Diagnosi

LE CEFALEE. Diagnosi + LE CEFALEE Diagnosi 1 + Epidemiologia 2 3 anni 5 anni 7 anni 7-15 anni 3-8 % 19,5 % 37-51 % 26-82 % + Le cefalee 3 * Cefalea non secondaria ad altra patologia CEFALEA PRIMARIA * Cefalea secondaria ad

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Napoli C.I. CI DI METODOLOGIA CLINICA E SEMEIOTICA AA 2011 2012 Prof. Corrado Astarita CEFALEA SINCOPE VERTIGINI Vomito Dispepsia Diarree/Stipsi Pablo Picasso

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA)

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) L. Tadini EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) E caratterizzata da un sanguinamento nello spazio subaracnoideo con spandimento di sangue tra le due leptomeningi. Può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ma

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

Emicrania. L'emicrania senza aura.

Emicrania. L'emicrania senza aura. Emicrania La più comune forma di cefalea primaria. Si tratta di una forma di cefalea di origine neuro vascolare, dove la vasodilatazione si esprime con dolore ed attivazione neuronale. L'emicrania si manifesta

Dettagli

Oggetto: indicazioni operative per la valutazione delle cefalee nell ambito dell invalidità civile.

Oggetto: indicazioni operative per la valutazione delle cefalee nell ambito dell invalidità civile. PUBBLICATO SUL BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA SEDE ORDINARIA N. 3 15 GENNAIO 2007 Prot.G1.2006.0019089 del 14.12.2006 Giunta regionale Direzione Generale Famiglia e Solidarietà sociale Direzione

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

La pressione arteriosa

La pressione arteriosa La pressione arteriosa Inquadramento semeiologico e diagnostico al paziente iperteso Prof. Giovanni Murialdo Corso Integrato di Semeiotica e Metodologia Clinica La Progressione dell Insufficienza Cardiaca

Dettagli

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 Rinorrea purulenta 21 Rinorrea crotosa 30 LESIONI DELLA

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

DISTURBI DELL EQUILIBRIO

DISTURBI DELL EQUILIBRIO DISTURBI DELL EQUILIBRIO Dott. Sergio BERTOLDI Dott. Luigi BURRUANO Dott. Vittorio GAVEGLIA Dott. Giampiero GIULIANI Ogni alterazione del sistema deputato al controllo dell equilibrio determina sintomi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE CEFALEE EDIZIONE 2003-04

CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE CEFALEE EDIZIONE 2003-04 CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE CEFALEE EDIZIONE 2003-04 Headache Classification Committee of the International Headache Society The International Classification of Headache Disorders (ICHD-2) Cephalalgia

Dettagli

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico?

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico? ALCUNE DOMANDE DEL COMPITO SCRITTO DI NEUROLOGIA DEL 31 GENNAIO Mielite trasversa, caratteristiche cliniche. SLA Lobo più colpito nel morbo d Alzheimer Sede più frequente di emorragia intraparenchimale

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione sino a provocare

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Dott. Ferrari Giuliana. Scuola di Regionale di Formazione Specifica in Medicina Generale. 8 maggio 2013

Dott. Ferrari Giuliana. Scuola di Regionale di Formazione Specifica in Medicina Generale. 8 maggio 2013 Dott. Ferrari Giuliana Scuola di Regionale di Formazione Specifica in Medicina Generale 8 maggio 2013 Il mal di testa è,per frequenza, la nona causa di richiesta di visita medica nell ambulatorio del MMG

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

L IPERTENSIONE ENDOCRANICA:

L IPERTENSIONE ENDOCRANICA: L IPERTENSIONE ENDOCRANICA: L ipertensione endocranica consiste generalmente in un aumento della pressione all interno della scatola cranica, che può essere dovuto generalmente a tre fattori: ---aumento

Dettagli

Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari. Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche

Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari. Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche Corso Livello Avanzato per Soccorritori Volontari Emergenze Cardiache e Emergenze Neurologiche Obiettivi - Cenni di anatomia e fisiologia dell apparato cardio- cricolatorio - Principali urgenze cardiache

Dettagli

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll link simulazione http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll username: studente bisazza password: bisazza La nocicezione, risultato di una somma algebrica L intensità dell informazione nocicettiva

Dettagli

Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza. Lezione VII 21 aprile 2015. Orecchio interno

Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza. Lezione VII 21 aprile 2015. Orecchio interno Giovanni Ralli (gralli@libero.it) Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza Lezione VII 21 aprile 2015 Orecchio interno 1 Lezione VII La presbiastasia La malattia di Menière La neurite

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

PRINCIPI DI NEUROLOGIA

PRINCIPI DI NEUROLOGIA Indice 1 2 INTRODUZIONE........................... 1 1.1 Sviluppo della tecnica del massaggio connettivale................ 1 1.2 Diagnostica dell area del riflesso............ 4 Cambiamenti di tipo nervoso

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Diagnosi e terapia delle convulsioni Coordinatore E. Veneselli Responsabile U.O. Neuropsichiatria Infantile. Le convulsioni nel bambino M.

Diagnosi e terapia delle convulsioni Coordinatore E. Veneselli Responsabile U.O. Neuropsichiatria Infantile. Le convulsioni nel bambino M. Diagnosi e terapia delle convulsioni Coordinatore E. Veneselli Responsabile U.O. Neuropsichiatria Infantile Le convulsioni nel bambino M. Mancardi 1 Dicembre 2009 Primo episodio di convulsioni Percorso

Dettagli

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale.

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Università degli Studi di Messina Dipartimento di Diagnostica per Immagini U.O.S di Neuroradiologia L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Vinci S. Pitrone A. Farago

Dettagli

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo GESTIONE RAGIONATA DELLA CEFALEA A GAPPOLO CRONICA La diagnosi di cefalea a grappolo Nella cefalea a grappolo le crisi dolorose sono molto intense, strettamente unilaterali, in sede orbitaria, sovraorbitaria,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE PALMANOVA 1 Sistema Nervoso COMITATO LOCALE PALMANOVA 2 A COSA SERVE? Riceve e coordina le informazioni provenienti dall esterno e dall interno. Controlla le risposte

Dettagli

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio Lo sviluppo della capacita' visiva: Il sistema visivo completa il proprio sviluppo nei primi anni di vita del bambino, grazie alla progressiva maturazione delle strutture che collegano occhio e cervello.

Dettagli

STATO COMATOSO - cause

STATO COMATOSO - cause STATO COMATOSO STATO COMATOSO - cause INTRACRANICHE Infiammatorie (meningiti encefaliti) Vascolari (ictus edemi) Traumatiche Neoplastiche EXTRACRANICHE Alterazioni del metabolismo (coma ipoglicemico, diabetico,

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

( ) %'!"#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)"$& +1 (( (!)*%%!"(!!($%!&(

( ) %'!#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)$& +1 (( (!)*%%!(!!($%!&( !"##"$!"#!" %&#' ) %'!"#$%!&'!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'!)"$& +1!)*%%!"!!$%!&!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 2 & * ## $! #!"! "!""!+"&#,-!&! 1/3 4#56!7#5 # 8 1#/ 3 ' *,,!9%"$%!- 8 / #8,*)$!*:$9%"$%!-'

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore SCLEROSI MULTIPLA Malattia autoimmune Colpisce in generale soggetti giovani: 15-35 anni Anticorpi contro le cellule gliali: i neuroni in linea di principio sono risparmiati Andamento a ricadute e remissioni

Dettagli

GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE

GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE GENERALITA COSCIENZA: QUESTA SCONOSCIUTA CONSAPEVOLEZZA DI SE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE DIVERSI CONTENUTI, TRA I QUALI: VIGILANZA, CONTENUTO DELLA COSCIENZA, MEMORIA. ORIGINE DELLA COSCIENZA GENERALITA

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Il paziente è per terra

Il paziente è per terra ? SINCOPE Definizione: La sincope è una perdita di coscienza transitoria dovuta ad ipoperfusione cerebrale globale, caratterizzata da rapida insorgenza, breve durata, recupero rapido e spontaneo. COME

Dettagli

Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale

Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale Sistema nervoso Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale Catania 18.02.2006 Anatomia e Fisiologia Trauma cranico Trauma della colonna vertebrale Convulsione Epilessia Coma Prof. F. Ventura

Dettagli

Comitato Provinciale Trento - Formazione

Comitato Provinciale Trento - Formazione Croce Rossa Italiana SHOCK E MALORI SHOCK PRE-SINCOPE E SINCOPE ICTUS E TIA EPILESSIA CONVULSIONI FEBBRILI COLPO DI SOLE E DI CALORE INTOSSICAZIONI SHOCK SITUAZIONE DI SCARSA IRRORAZIONE SANGUINEA AI TESSUTI

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

www.tizianoguadagnin.com www.tizianoguada

www.tizianoguadagnin.com www.tizianoguada gnin.com www.tiz gnin.com La diagnosi differenziale dei più comuni tipi di vertigine periferica Tiziano Guadagnin A.S.L. 9 TREVISO - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA SERVIZIO DI AUDIOLOGIA E FONIATRIA

Dettagli

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 La diagnosi di morte: la morte encefalica Dr. A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 Premessa indispensabile per poter parlare di prelievi d organo a scopo di trapianto è il concetto di morte

Dettagli

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA.

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA. PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE deplezione SALINA deplezione IDRICA COLPO DI CALORE CRAMPI DA CALORE Insorgono in seguito ad una giornata di

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie neurologiche Patologia Patente A-B Patente C-D-E Accertamenti Idoneità Non idoneità Idoneità Non idoneità Paraplegia spastica da: Lesione midollare Sclerosi multipla

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

Dr Anna Simoncelli, 2010. Il Sistema Nervoso

Dr Anna Simoncelli, 2010. Il Sistema Nervoso Il Sistema Nervoso Il Sistema Nervoso Rete di cellule nervose (neuroni) in circuiti Inviano messaggi attraverso segnali elettrici 2 parti: Centrale Periferico Neuroni 100 miliardi nel cervello! Corpo con

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE:

ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE: ALLEGATO I REQUISITI PSICOFISICI 1. APPARATO CARDIOVASCOLARE: a. Una visita cardiologia è richiesta alla prima visita di rilascio. b. Un elettrocardiogramma è richiesto alla prima visita di rilascio e

Dettagli

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia)

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) Enrico Granieri Direttore delle Scuole di Specializzazione in Neurologia e Neurochirurgia Direttore della Sezione di Neurologia e del Dipartimento di Discipline

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto.

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto. Sclerosi multipla FONTE : http://www.medicitalia.it/salute/sclerosi-multipla La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche

ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO ANATOMIA ANATOMIA. Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche ANATOMIA E PATOLOGIA DEL NERVO OTTICO Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria ANATOMIA Rappresenta il primo tratto delle vie ottiche Origina dalla confluenza degli assoni delle cellule ganglionari

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Emispasmo del nervo facciale

Emispasmo del nervo facciale Emispasmo del nervo facciale Cos è l emispasmo del nervo facciale? L emispasmo del nervo facciale o emispasmo facciale (EF) è un disturbo caratterizzato da una contrazione unilaterale, involontaria ed

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

VERTIGINE Errata sensazione (illusione) di movimento dell'ambiente circonstante rispetto al nostro corpo o del nostro corpo rispetto all'ambiente.

VERTIGINE Errata sensazione (illusione) di movimento dell'ambiente circonstante rispetto al nostro corpo o del nostro corpo rispetto all'ambiente. VERTIGINE Errata sensazione (illusione) di movimento dell'ambiente circonstante rispetto al nostro corpo o del nostro corpo rispetto all'ambiente. Il termine indica un sintomo e non una patologia, e quindi

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 Sistema nervoso Il sistema nervoso è suddiviso in "sistemi", che sono connessi fra loro e lavorano insieme il

Dettagli

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso Corso BASE Relatore:

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Gabriela Sangiorgi Nicola Alvaro

Gabriela Sangiorgi Nicola Alvaro LA MORTE ENCEFALICA - inizio di un percorso verso la vita - Gabriela Sangiorgi Nicola Alvaro Centro Riferimento Trapianti Emilia - Romagna MORTE CARDIACA E MORTE ENCEFALICA La prima è un concetto più intuibile

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

Confronto tra ICHD2 e ICHD3

Confronto tra ICHD2 e ICHD3 Centro Cefalee e Abuso di Farmaci Università di Modena Confronto tra ICHD2 e ICHD3 Michela Cainazzo, Fabrizio Canalini, Filippo Gori, Ilaria Tiraferri Luigi Alberto Pini Classificazione Internazionale

Dettagli

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come PARAMETRI VITALI Definizione : I parametri vitali esprimono le condizioni generali della persona. Principali parametri vitali 1- Respiro 2- Polso 3- Pressione arteriosa 4- Temperatura corporea RESPIRO

Dettagli

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA Bosisio Parini 14 marzo 2015 XXII INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA E. Piozzi A. Del Longo S.C.Oculistica Pediatrica Azienda

Dettagli