QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO"

Transcript

1 QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies

2 Executive summary Una ricerca e stata condotta a livello globale nel mese di giugno 2012 per esaminare benefici derivanti dall implementazione di soluzioni per la collaborazione in ambienti per l apprendimento, attraverso la combinazione di tecnologia per la didattica e buone pratiche. Lo studio rivela alcuni risultati interessanti: Livelli di avanzamento nella collaborazione Ci sono diversi livelli di sviluppo che gli istituti scolastici mostrano mano a mano che diventano competenti nella collaborazione. Questi livelli rappresentano lo stato di avanzamento nella collaborazione in base agli investimenti effettuati per strumenti tecnologici e in buone pratiche. I benefici ottenuti dall implementazione di tecnologie per la didattica crescono con il crescere dei livelli di avanzamento nella collaborazione. I benefici derivanti da un avanzamento nella collaborazione Le organizzazioni scolastiche con più alti livelli di avanzamento raggiungono maggiori benefici dai loro investimenti in tecnologie per la didattica. Secondo i partecipanti, i benefici in tali investimenti si concretizzano in maggiore rendimento degli studenti, maggiore approccio pedagogico degli insegnanti e maggiore capacità di adattarsi a nuove pratiche e modelli. Avanzare nel livello di collaborazione I massimi vantaggi dall implementazione di tecnologie per la didattica si hanno con una combinazione equilibrata di strumenti tecnologici e buone pratiche. Una strategia d implementazione ben sviluppata che comprenda anche un focus sulle persone, sui processi e sulle tecnologie è essenziale per il successo. Buone pratiche per la collaborazione Le organizzazioni scolastiche che hanno partecipato allo studio si sono auto-classificate in 32 migliori pratiche. Lo studio ha misurato sia le prestazioni dei partecipanti sia i benefici degli investimenti. Gli ambiti che i partecipanti hanno comunemente indicato come bisognosi di miglioramento sono: Gli investimenti nella definizione di una strategia dovrebbero precedere quelli in tecnologia. Un azione consapevole e mirata ha una grande importanza nel raggiungimento dei benefici. Una visione inclusiva degli utenti finali della tecnologia ed una profonda comprensione delle loro esigenze dovrebbe guidarne l adozione. Fornire appositi spazi per la collaborazione e abilitare la tecnologia in contesti informali è importante per l innovazione e la creatività. L integrazione di una tecnologia robusta con buone pratiche è importante per raggiungere un livello avanzato nella collaborazione e per massimizzare i benefici del proprio investimento. Le organizzazioni scolastiche con livelli di avanzamento nella collaborazione più alti ottengono benefici maggiori di quelli attesi grazie ai loro investimenti in tecnologie per la didattica Valutare il livello di avanzamento nella collaborazione Le organizzazioni scolastiche possono partecipare alla ricerca e compilare il questionario di auto-valutazione, ricevendo anche i suggerimenti per aumentare l efficacia della collaborazione all indirizzo smarttech.com/appraisal. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 2

3 Introduzione I direttori di tutti i tipi di organizzazioni in tutto il mondo, dalle scuole alle aziende multinazionali, sono sempre più focalizzati sulla collaborazione efficace in quanto rappresenta un opportunità per portare a una trasformazione organizzativa. Infatti, l ultimo studio di IBM a livello globale sui CEO stima che la collaborazione è la caratteristica n. 1 che i CEO ricercano nei nuovi assunti come parte del loro impegno per creare una cultura aziendale sempre più collaborativa. Creare ambienti per l apprendimento collaborativi è un elemento essenziale per preparare gli studenti a un successo professionale futuro. In questo contesto, SMART Technologies ha commissionato una ricerca globale sull implementazione di soluzioni collaborative per l apprendimento in ambienti per la didattica. Lo studio ha voluto analizzare i possibili investimenti fatti in soluzioni per la collaborazione sotto forma sia di tecnologie per la didattica sia di pratiche di collaborazione e i benefici derivanti. Cinque livelli di avanzamento Negli ambienti educativi, in base alle risposte dei partecipanti, la ricerca ha scoperto cinque livelli di avanzamento correlati con l implementazione efficace della tecnologia e le buone pratiche associate. Emergente: La tecnologia per la didattica, i processi e le strategie sono sviluppati in modo insufficiente per avere un impatto positivo sul rendimento degli studenti e insegnanti. Implementato: La tecnologia per la didattica è implementata solo parzialmente e con funzioni base. Gli elementi tecnologici non operano efficacemente tra loro per massimizzare il rendimento di studenti e insegnanti. Integrato: La tecnologia per la didattica è ampiamente implementata e i processi pedagogici si sono evoluti per sostenere l uso efficace della tecnologia in classe e per iniziare forme di apprendimento collaborativo. Collaborativo: L apprendimento collaborativo e i modelli educativi avanzati sono pienamente supportati dalla tecnologia, dai processi e dalle persone. Gli studenti possono collaborare nelle loro postazioni e ambienti, potenziando e valorizzando il proprio apprendimento. Trasformativo: L apprendimento collaborativo e i modelli educativi avanzati sono pienamente supportati dalla tecnologia, dai processi e dalle persone. 35% Livello di avanzamento e benefici Molto alto Percentuale sul totale 24.8% 30.1% 25.1% 14.7% Benefici ricevuti Distribuzione dei rispondenti per livello di avanzamento Benefici didattici a seconda del livello di avanzamento 0% 5.3% Molto basso Emergente Implementato Integrato Collaborativo Trasformativo SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 3 * Fonte: IBM C-Suite Studies (2012) Leading through Connections; Insights from the Global Chief Executive Officer Study. Disponibile all indirizzo:

4 I benefici dell avanzamento nella collaborazione La ricerca indica che molte organizzazioni scolastiche hanno raggiunto risultati notevoli implementando in maniera efficace strumenti e pratiche in base alle esigenze di insegnanti e studenti. I dati mostrano che le realtà con più alti livelli di avanzamento nella collaborazione ottengono risultati migliori, sia in termini di benefici sia in termini di risultati specifici. I migliori risultati, definiti come quelli che incrementano di pari passo con il crescere dei livelli di avanzamento, sono elencati di seguito. PRINCIPALI RISULTATI NELLA DIDATTICA 2.5x 1.3x Capacità di provare e implementare nuovi modelli didattici 2.4x Vantaggio tangibile nei profitti dello studente 2.1x Mantenere e reclutare insegnanti di qualità Maggiore efficacia nell insegnamento 1.3x Maggiore efficienza nell insegnamento 1.3x Capacità di offrire formazione differenziata 1.5x Maggiore efficacia nell insegnamento Quando le tecnologie per la didattica e le buone pratiche sono allineate alle esigenze di insegnanti e studenti, si possono registrare importanti cambiamenti: La tecnologia per la didattica ha il potenziale per migliorare in modo significativo la portata e la qualità del piano di studi. Questi strumenti usati con le corrette pratiche pedagogiche permettono agli studenti di accedere a un mondo che sta al di fuori della classe, dove il tempo e lo spazio diventano relativi. Gli insegnanti possono mettere insieme le lezioni con le esigenze e gli interessi degli studenti, per creare percorsi di apprendimento personalizzati e coinvolgerli in modi nuovi. La tecnologia didattica offre un apprendimento flessibile e modi alternativi di fare lezione. I partecipanti che hanno implementato tecnologie per la didattica più efficaci hanno anche riportato di avere fatto implementazioni di nuovi modelli di insegnamento con maggior successo. L implementazione efficace di tecnologie didattiche può offrire riscontri notevoli. Gli studenti possono ottenere un riscontro immediato se lavorano in modo collaborativo con altri studenti in tutta la classe, in piccoli gruppi e anche da remoto. I partecipanti ai più alti livelli di avanzamento hanno indicato miglioramenti tangibili in termini di rendimento degli studenti 2,4 volte più frequentemente di quelli posizionati a livelli di avanzamento più bassi. La combinazione di tecnologie complementari consente agli insegnanti di passare senza problemi da una lezione frontale a una collaborazione di gruppo fino all insegnamento individuale, mantenendo sempre alta l attenzione degli studenti. I partecipanti hanno indicato che con la più alta adozione di tecnologie complementari si ottengono i maggiori benefici dell investimento. I risultati includono maggiore efficienza degli insegnanti e migliorata esperienza degli studenti. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 4

5 Mix tecnologico e benefici che ne derivano Ambienti per l apprendimento flessibili o multipli sono agevolati dall implementazione efficace di lavagne interattive e dispositivi personali, come i computer portatili e gli ipad. I risultati dello studio hanno mostrato che l uso congiunto di dispositivi personali e lavagne interattive offre maggiori benefici dell uso isolato di questi strumenti. Lavagne interattive e dispositivi personali Ampio uso di entrambi Uso prevalente di LIM rispetto ai dispositivi personali Utilizzo moderato d entrambi Elevato utilizzo di entrambi Il grafico a sinistra mostra i benefici ottenuti in media in base all uso combinato di lavagne interattive (LIM) e di dispositivi (PC, tablet, ecc) Scarso utilizzo di entrambi Benefici bassi Benefici molto alti La combinazione di dispositivi personali e di lavagne interattive in ambienti di apprendimento porta più benefici rispetto al loro uso separato. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 5

6 Raggiungere un alto livello di collaborazione Lo studio indica che le scuole leader riescono a trarre vantaggi dalla loro implementazione di tecnologie per la didattica grazie a una chiara strategia che prende in considerazione investimenti nel sapere, nelle persone, nelle tecnologie e nei processi. Questo approccio globale e integrato ha avuto successo per le organizzazioni scolastiche più all avanguardia. E chiaro che solo l investimento in strumenti tecnologici non è sufficiente per ottenere i benefici associati ad alti livelli di avanzamento nella collaborazione. A bassi livelli di avanzamento, i dati suggeriscono che le organizzazioni scolastiche dovrebbero concentrarsi maggiormente nel costruire l infrastruttura tecnologica e gli spazi fisici necessari per l adozione. Ad alti livelli ci si dovrebbe invece concentrare sul perfezionamento delle pratiche di collaborazione. Per le realtà a livelli di avanzamento moderato è fondamentale bilanciare l impegno per promuovere le pratiche di collaborazione (persone e processi) e la tecnologia. Il mix ideale tra tecnologia e pratiche per la collaborazione è determinato dal livello di avanzamento: Basso livello Livello moderato Alto livello focus sulla tecnologia mix bilanciato di tecnologia e pratiche focus sulle pratiche SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 6

7 Raccomandazioni sui prossimi passi Le seguenti raccomandazioni si basano sull analisi di una serie di pratiche tratte dal sondaggio. Queste sono utili per confrontare le caratteristiche a livello di prestazioni delle organizzazioni scolastiche dal momento che progrediscono e per fornire alcune informazioni su come altri hanno progredito lungo i livelli. Per iniziare Le organizzazioni scolastiche che hanno appena iniziato a dotarsi di tecnologia per la didattica dovrebbero concentrarsi nel creare un piano tecnologico chiaro e una strategia a sostegno della collaborazione tra studenti e insegnanti. Dovrebbero impegnarsi nello sviluppare tecnologie e pratiche nelle seguenti aree: Installare hardware interattivo. Assicurarsi che i dispositivi selezionati si integreranno con gli le implementazioni tecnologiche future (dispositivi personali e sistemi di risposta automatica). Assicurarsi che l architettura tecnologia scelta sia facile da usare e da imparare e che abbia un impatto sicuro sull esperienza di studenti e insegnanti. Implementare software per l apprendimento collaborativo che consenta l interattività e incoraggi gli studenti a partecipare e collaborare. Facilità d uso e capacità di integrarsi con tutte le piattaforme dovrebbero essere elementi fondamentali nel processo decisionale. Stabilire una cultura dell apprendimento che incoraggi l interazione, la fiducia e l apertura, un desiderio di lavorare con altre persone e che coinvolga gli studenti tra di loro per costruire una migliore comprensione dei concetti e dei problemi del mondo reale. Costruire una comunità di apprendimento con un infrastruttura che permetta a insegnanti, studenti e genitori di essere connessi e di collaborare virtualmente. Il contenuto è la chiave. Utilizzare contenuti provenienti da diverse fonti può aiutare a creare lezioni di alta qualità in linea con gli obiettivi del piano di studi. Raccolte di contenuti sono risorse preziose per aumentare l efficienza degli insegnanti, permettendo loro di condividere le lezioni. Lo sviluppo professionale dei docenti e degli amministratori è essenziale per garantire una buona adozione e portare a risultati consolidati. Gli insegnanti devono essere a loro agio con le nuove tecnologie e devono essere supportati con le pratiche per sfruttare al meglio questi investimenti. I Dirigenti Scolastici hanno bisogno di sapere come sostenere i propri insegnanti e creare un cambiamento all interno della struttura. Passare da un livello di maturità basso a uno moderato A un basso livello di maturità vi è probabilmente una tecnologia di base e si è iniziata l implementazione di buone pratiche. La fase successiva a livello di tecnologia e di pratiche prevede: Continuare a concentrarsi sulla cultura dell apprendimento, l apprendimento attraverso la collaborazione, la costruzione di una comunità di condivisione del sapere ed espandere tutto ciò in reti per l apprendimento e nel coinvolgimento degli studenti. A questo punto, cominciare a gettare le basi per modelli avanzati di apprendimento e ambienti di apprendimento flessibili. Si tratta di selezionare la tecnologia in grado di soddisfare le esigenze di diversi modelli didattici. Implementare un sistema di risposta interattivo a supporto della didattica. L apprendimento centrato sullo studente necessita di un sistema di raccolta dati che consenta agli insegnanti di modulare l insegnamento sulla base di riscontri immediati durante la lezione. In tempo reale, i dati degli studenti aiutano gli insegnanti a dare il ritmo alle lezioni e a differenziare la lezione stessa in base alle esigenze e agli interessi degli alunni. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 7

8 Passare da un livello moderato a uno elevato di maturità A questo punto nel modello di avanzamento vi è una solida conoscenza delle tecnologie didattiche. E presente una grande quantità di tecnologia e sta cominciando a essere utilizzata in modo integrato. Le pratiche si sono sviluppate al punto in cui possono essere eseguiti un certo numero di approcci e si può avere un solido risultato. Il passo successivo è quello di potenziare l approccio. Continuare a concentrarsi sulla cultura, sulla community e sull impegno degli studenti verso l apprendimento. A questo si aggiunge una forte attenzione nel continuare a sostenere gli insegnanti a utilizzare la soluzione tecnologica integrata per consentire la collaborazione. Implementare pratiche che supportano la produttività e che continuano a guidare i risultati degli studenti per quello che riguarda lo sviluppo di un pensiero critico, il problem solving e l apprendimento sociale. Queste competenze del 21 secolo supportano la collaborazione. Collaborazione efficace e capacità di elaborare progetti in modo collaborativo è un requisito fondamentale per preparare gli studenti a un mondo basato sulla forza lavoro globalizzata. Passare da un livello alto di maturità a una completa trasformazione Le scuole a questo livello non sono sole, ma certamente sono pioniere. Queste organizzazioni dovrebbero condividere successi e collaborare e dovrebbero concentrarsi sui seguenti aspetti: Preparare gli studenti a diventare collaboratori nel futuro. Migliorare le capacità che faranno avere loro successo negli ambienti di lavoro collaborativi di domani. Insegnate loro a sfruttare efficacemente le reciproche capacità per raggiungere un obiettivo comune. In questa fase, prestazioni bilanciate sono necessarie affinché non ci si focalizzi solo su una specifica buona pratica. Sforzatevi di portarle avanti tutte al meglio, traendo esempio da quelle pratiche innovative che hanno dimostrato di essere valide e poi condividetele. Il successo richiede un approccio globale Il raggiungimento di elevati benefici richiede impegno, dall installazione all ispirazione per praticare l eccellenza. Significa selezionare prodotti che si integrano facilmente tra loro e con la tecnologia esistente. Si richiede inoltre pratiche che aiutino gli insegnanti ad adattarsi ai nuovi strumenti e modelli pedagogici, tra cui spazi integrati e ambienti flessibili per l apprendimento. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 8

9 Buone pratiche sulla collaborazione Più di 300 docenti a livello mondiale hanno preso parte allo studio valutando l impatto di 32 buone pratiche sulla loro capacità di raggiungere il giusto livello di avanzamento nella collaborazione. Hanno partecipato allo studio utenti finali e decision maker che rappresentano di differenti organizzazioni scolastiche per dimensioni e per livelli di istruzione. I partecipanti hanno individuato le seguenti quattro buone pratiche in ambito di tecnologie per la didattica come quelle con elevati benefici e impatto sulle prestazioni in generale: 1. L investimento in strategia dovrebbe precedere quello in tecnologia. Agire avendo in mente l obiettivo in termini di raggiungimento di benefici e di alti livelli di avanzamento nella collaborazione. Lo studio ha dimostrato una forte relazione tra raggiungere i benefici e implementare le diverse attività strategiche e di pianificazione. I partecipanti hanno indicato che le loro pratiche di attuazione spesso non comprendono tutte le necessarie considerazioni tecnologiche e di processo. 2. Una visione onnicomprensiva della tecnologia per la didattica e una profonda comprensione delle necessità degli utenti dovrebbe guidare l adozione e i benefici. Nell ambito dello studio, questo si riferisce alle aree di analisi dei bisogni e definizione dei requisiti. Entrambi sono stati indicati come aree per il miglioramento. Circa il 30% dei partecipanti allo studio ha indicato di non allineare efficacemente i bisogni con le priorità di attuazione. 3. Fornire una tecnologia appropriata e spazi per supportare la collaborazione informale è importante per promuovere l innovazione e la creatività. Fornire spazi collaborativi adatti per l inserimento di tecnologie in ambienti flessibili (aule, corridoi e sale del personale) ha un rapporto diretto con i risultati misurabili. Tradizionalmente, la collaborazione si teneva in modelli di classe altamente strutturati. I partecipanti allo studio hanno individuato un cambiamento generale verso l implementazione di spazi trasformativi dove insegnanti e studenti possono collaborare senza vincoli. 4. Un integrazione tecnologica robusta abbinata a buone pratiche è importante per raggiungere livelli avanzati nella collaborazione e nei risultati ad essi associati. I partecipanti allo studio hanno indicato che fornire una sostanziosa soluzione tecnologica che mette in primo piano l utente ha avuto un forte impatto sul valore percepito degli investimenti. La tecnologia dovrebbe essere facile da impostare e installare e facile da usare con altre tecnologie. Una soluzione potente e integrata aiuta a fare circolare facilmente le informazioni tra le piattaforme. I partecipanti hanno indicato che un miglioramento potrebbe essere fatto qui e hanno rilevato una forte relazione tra queste pratiche e la possibilità di raggiungere elevati benefici. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 9

10 Conclusioni Le competenze nella collaborazione sono fondamentali in ogni fase del percorso che va dalla scuola al mondo del lavoro. Le aziende hanno bisogno i dipendenti con capacità di collaborazione altamente sviluppate per sfruttare la natura connettiva e interdipendente degli ambienti di lavoro di oggi. Gli insegnanti devono preparare i loro studenti per questo ambiente, sfruttando i numerosi vantaggi legati all apprendimento collaborativo. Le organizzazioni scolastiche hanno raggiunto diversi livelli di avanzamento nell implementare soluzioni per la collaborazione e ci sono opportunità per un miglioramento significativo in molte aree. Questo studio ha messo in evidenza queste aree e ha individuato quello che le organizzazioni scolastiche possono imparare le une dalle altre. Gli ambiti più significativi di miglioramento includono lo sviluppo della strategia, la pianificazione, le ampie esigenze degli utenti, il supporto alla collaborazione informale e soluzioni solidamente integrate. Anche se lo studio ha evidenziato aree di miglioramento che potrebbero essere adatte per qualsiasi organizzazione scolastica, il miglioramento significativo si ottiene solo nel contesto di ogni specifica situazione. Non è possibile fare generalizzazioni circa le azioni specifiche necessarie per raggiungere elevati livelli di avanzamento nella collaborazione. Per compilare il questionario di auto-valutazione e ricevere un report personalizzato e un piano d azione gratuito che metterà a confronto la vostra organizzazione nel database della ricerca, si prega di visitare il sito smarttech.com/appraisal. SMART Technologies Filigree Consulting BUONE PRATICHE PER L APPRENDIMENTO COLLABORATIVO 10

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano Semplice Efficace Gratuita Molto più di una piattaforma! i-d-e-e.it è in realtà una multipiattaforma didattica, la prima appositamente dedicata

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali.

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali. Ministero Dell Istruzione, Dell Università e Della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Milani Via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax 0332/473798 sito Web: www.icbisuschio.gov.it e-mail

Dettagli

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Prof. Piera Schiavone 1 PER FORMARE I DOCENTI E PROGETTARE L INNOVAZIONE A SCUOLA Animatore digitale Formazione interna: stimolare la formazione interna alla

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro

Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro La nuova scuola digitale Google Apps for education è una suite gratuita di applicazioni per l'email e la collaborazione progettate specificamente per istituti

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

EVOLVE. Soluzioni per la gestione delle differenze inventariali e l eccellenza operativa.

EVOLVE. Soluzioni per la gestione delle differenze inventariali e l eccellenza operativa. EVOLVE Soluzioni per la gestione delle differenze inventariali e l eccellenza operativa. EVOLVE evolve la tua eccellenza operativa e migliora la tua redditività I punti vendita sono costretti ad adattarsi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

Studenti Rafforzare la sicurezza Innovare la didattica per crescere meglio culturalmente ed eticamente Valorizzare il senso di appartenenza

Studenti Rafforzare la sicurezza Innovare la didattica per crescere meglio culturalmente ed eticamente Valorizzare il senso di appartenenza Istituto Statale Alberghiero Formia Siamo lieti di informare le Famiglie che da quest anno il nostro Istituto si è dotato di un sistema tecnologicamente avanzato al fine di realizzare una Scuola di Eccellenza

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera Docenti: Gruppo N. 4 Gruppo di lavoro per la progettazione di Alternanza Scuola Lavoro costituito da: Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device La rete delle scuole per una didattica innovativa a.s. 2010/2011: Liceo Scientifico F.Lussana la 4L inserisce l ipad come

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Formazione Linguistica Aziendale

Formazione Linguistica Aziendale Formazione Linguistica Aziendale Panorama TJ Taylor FORMAZIONE TJ Taylor Formazione in Inglese fornisce servizi efficaci di formazione linguistica e consulenza a numerosi clienti italiani e multinazionali.

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Ambienti di apprendimento e TIC

Ambienti di apprendimento e TIC Piano Nazionale di Formazione Degli Insegnanti sulle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Ambienti di apprendimento e TIC OBIETTIVI DEL MODULO Il concetto di ambiente di apprendimento Le

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT)

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Presentazione del corso: CCNA Discovery 1: Networking for Home and Small Businesses Opportunità Internet sta cambiando la vita come noi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

Consulenza, Progettazione e Realizzazione. Nuove Tecnologie per la Didattica

Consulenza, Progettazione e Realizzazione. Nuove Tecnologie per la Didattica Via C.L. Maglione 151/A 80026 Casoria (NA) Tel 081 19718013 Mobile 334 8349047 Fax 081 19718013 info@dfrsystem.it www.dfrsystem.it Casoria 80026 (NA)www.techinform-an.it Consulenza, Progettazione e Realizzazione

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it Progetti e iniziative in corso con uso di ICT Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it PROGETTI PER PROGETTI PER I PARTNER Ministero dell Istruzione Uffici Scolastici Regionali Università Regioni

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 2 3 Cambiamenti nell istruzione e nel mercato del lavoro XX SECOLO XXI

Dettagli

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi PROFILO D IMPRESA BENVENUTI IN EBS INFORMATICA L AZIENDA 01 L AZIENDA IL FUTURO DIPENDE DAL NOSTRO PRESENTE Ebs Informatica è nata da una consolidata esperienza del suo fondatore nell ambito della consulenza

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese Un profilo personalizzato di adozione della tecnologia commissionato da Cisco Gennaio 2014 Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese 1 Introduzione In un panorama aziendale

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole

(ISC) 2 Italy Chapter: Sicurezza in Internet per le Scuole (ISC) 2 Italy Chapter: curezza in Internet per le Scuole Milano, 15/10/2015 Gentile Dott.ssa Righi, Preside Istituto Comprensivo Narcisi via Narcisi 2, Milano (ISC) 2 Italy Chapter è il capitolo italiano

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile.

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per tarature con possibilità illimitate. Chi deve tarare? Che cosa? Quando? Con quali risultati? Pianificare,

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli