BILANCIAMENTO DEL B IANCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIAMENTO DEL B IANCO"

Transcript

1 GLOSSARIO 1G: La sigla 1G sta a indicare la prima generazione della telefonia mobile cellulare, ancora basata su una tecnologia analogica che è in grado di trasportare solo la voce. 2G: 2G sta a indicare la seconda generazione della telefonia mobile cellulare. Si basa sul digitale e permette la trasmissione di voce compressa digitalmente a elevata qualità e con diversi livelli di criptazione digitale. Viene inoltre introdotta la tecnologia SMS. 2.5G: 2.5G estende la seconda generazione con ulteriori funzionalità come MMS, WAP2, giochi. Questo anche grazie a una maggiore velocità di trasferimento dati garantita dale tecnologie EDGE e GPRS. 3G: La terza generazione UMTS permette una velocità di trasferimento dati ancora maggiori (144 kbps e oltre), rendendo possibili servizi quali la videotelefonata, la registrazione e distribuzione di video ad alta qualità, l'accesso a internet a banda larga. ANALOGICO / DIGITALE: Un sistema che dà informazioni su qualcosa di reale imitando in modo simile (analogo) le sue caratteristiche si chiama analogico. Per esempio, la pellicola fotografica è analogica perché viene impressionata in modo simile o analogo a come la luce rendeva visibile quella stessa scena nella realtà. Invece un sistema che dà informazioni su questi stessi dati infiniti (continui) della realtà trasformandoli in una serie finita (discreta) di dati si chiama digitale. Questo tipo di sistema traduce i dati reali semplicemente dando a ognuno di essi un valore espresso da un numero binario, cioè composto solo da 0, da 1 o dalle loro infinite combinazioni, e rendendoli così molto più gestibili e controllabili dei dati analogici. BILANCIAMENTO DEL BIANCO: La luce non è sempre bianca, ma a seconda delle ore del giorno e delle fonti che la producono cambia colore. Rossa al tramonto, bluastra quella delle ombre prodotte dal sole, verde quella delle lampade al neon... L'occhio umano si adatta abbastanza a queste variazioni, la pellicola e i sensori delle fotocamere e dei telefonini no: per annullare le diverse dominanti si usa il bilanciamento del bianco. La maggior parte delle fotocamere digitali e dei telefonini attiva automaticamente questa funzione. BITMAP o RASTER (immagine): Tipo di immagine digitale formata da pixel. Al contrario di una immagine vettoriale non può essere ingrandita oltre un certo limite perché altrimenti perde definizione e qualità. Più alta è la risoluzione di una immagine bitmap, più sarà possible ingrandirla senza danni. Le fotografie digitali sono immagini bitmap. BLUETOOTH: Bluetooth è la tecnologia di trasferimento dati senza fili (wireless) sviluppata da Ericsson, Intel, Nokia e Toshiba, che permette di connettere tra loro telefoni cellulari, computer, PDA e periferiche. Si basa su un trasferimento dati su banda radio a 2.4 Ghz e permette una interconnessione, nella versione più potente, entro un raggio di 100 metri. BLOG: Blog è l'abbreviazione di web log, letteralmente sito che contiene appunti. Un diarioonline con riflessioni e racconti che tutti possono leggere.

2 CCD o SENSORE: E' quel dispositivo, composto da una griglia di migliaia di pixel, che nello scanner o nella macchina fotografica digitale registra l'intensità della luce e la trasforma in segnali elettrici. Per produrre l'immagine, questa corrente elettrica deve essere però poi ancora trasformata in una serie di dati digitali attraverso un convertitore a/d. Il CCD (Charge-Coupled Device) è solo uno dei sistemi usati per catturare i pixel. I telefonini come il Nokia 7610 e il Nokia 6670, invece, si basano sul CMOS (Complementary Metal- Oxide Semiconductor). CDMA (Code Division Multiple Access): È una tecnologia digitale di trasferimento dati wireless che utilizza un procedimento di suddivisione del segnale radio attraverso un ampio spettro di frequenze. CDMA è una tecnologia utilizzata nel 2G mentre per il 3G viene utilizzata una sua evoluzione: WCDMA. CHTML (Compact HTML): È una versione compatta e ristretta del linguaggio HTML con il quale vengono realizzate le pagine dei siti internet. Essendo una versione limitata dell'html (non supporta le tabelle, i font, gli stili, i colori di sfondo ecc.), è compatibile con tutti i browser inseriti in dispositivi come PDA e cellulari. CMOS: Da Complementary Metal-Oxide Semiconductor, significa semiconduttore a ossido di metallo complementare. Viene utilizzato come sensore in alternativa al CCD in fotocamere e telefonini. Rispetto al CCD consuma meno energia e si integra più facilmente con gli altri componenti del dispositivo. Il CMOS viene usato anche nelle machine fotografiche reflex (SLR: Single Reflex Camera). CMYK: E' il sistema usato per rappresentare i colori quando una immagine viene stampata. Si basa sulla capacità dei pigmenti dell'inchiostro di assorbire una certa porzione dello spettro dei colori della luce. Quando un pigmento assorbe una parte della luce, l'occhio umano vede solo quello che resta, cioè le lunghezze d'onda che vengono invece riflesse. Gli inchiostri sono formati da pigmenti cyan, magenta e giallo. Un pigmento cyan sottrae la luce rossa e trasmette la luce blu e verde; un pigmento magenta sottrae la luce verde; un pigmento giallo sottrae la luce blu. Il bianco riflette tutte le lunghezze d'onda, il nero le assorbe tutte. Per ottenere un nero perfetto un insieme di pigmenti CMY (Cyan, Magenta, Yellow) non è abbastanza denso, per questo viene aggiunto anche dell'inchiostro nero (black). CONVERTITORE A/D: In una macchina fotografica digitale o in uno scanner, il sensore, che è composto da una griglia di migliaia di pixel, filtra la luce e la trasforma in tanti segnali elettrici. Questi segnali elettrici però sono ancora analogici e bisogna trasformarli in segnali digitali. A questo serve il convertitore analogico/digitale. I valori della luce vengono trasformati in un determinato numero di livelli, o sfumature, che dipendono dalla precisione del convertitore. Più alto è il numero dei livelli, maggiore è la definizione dell'immagine. DENSITA' DI BIT: Indica il numero delle sfumature di colore che il dispositivo (macchina fotografica, fotofonino, scanner, ecc.) può registrare. L'immagine digitale è prodotta dalgli impulsi elettrici generati dal sensore quando viene colpito dalla luce. Questi impulsi elettrici vengono trasformati dal convertitore a/d in dati digitali, cioè in un numero finito di livelli o sfumature di grigio (il sensore non è in grado di riprodurre il colore, per questo vengono anteposti ai pixel dei filtri secondo il sistema RGB). Se questo numero di livelli è troppo basso, le diverse tonalità non possono

3 sfumare gradatamente l'una nell'altra e la resa finale sarà piuttosto scadente. L'unità di misura per definire il numero di questi livelli è il bit, cioè un numero binario che può assumere solo due valori: 1 o 0, acceso o spento. Le combinazioni possibili, che corrispondono ai livelli possibili, dipendono dal numero dei bit: per esempio, 2 bit possono assumere 4 valori (00, 11, 01, 10). Quindi se l'immagine digitale ha la profondità di 2 bit, potrà avere 4 tonalità. Per riprodurre in modo soddisfacente le sfumature che vanno dal bianco al nero servono almeno 256 livelli che corrispondono a una profondità di 8 bit (28), cioè a 1 byte. Se si usa una profondità di 8 bit per canale, cioè per ogni colore fondamentale (rosso, verde e giallo nel sistema RGB), si possono descrivere più di sedici milioni di colori. DIAFRAMMA: dispositivo meccanico (di solito una serie di lamelle disposte in modo da imitare l'iride dell'occhio umano) inserito internamente o dietro agli obiettivi, con la funzione di ridurre la quantità di luce che andrà a colpire la pellicola o il sensore. Una delle ghiere presente sugli obiettivi serve per regolare manualmente la sua apertura. Nelle macchine delle ultime generazioni viene comandato automaticamente dai sensori della fotocamera. DoCoMo: DoCoMo (in giapponese significa "in ogni luogo") è la più grande compagnia di telefonia mobile del Giappone che ha sviluppato una piattaforma di fruizione di servizi e accesso a internet diventata la più diffusa in quel paese (i-mode). Esportata in tutto il mondo, questa tecnologia permette di rimanere collegati a internet con il cellulare potendo usufruire di tutti i servizi come e- mail, consultazione delle pagine web ecc. DPI: Da Dot Per Inch, punti per pollice. La nitidezza di un'immagine prodotta da una stampante è determinata dalla quantità di punti d'inchiostro per ogni pollice di carta stampata. EDGE (Enhanced Data GSM Environment): EDGE è la tecnologia che permette di elevare la velocità di trasferimento dati sui network GSM fino a 384 Kbps. In questo modo contenuti multimediali di elevata qualità possono venire trasmessi sui cellulari GSM senza dover necessariamente passare al 3G. ENCRYPTION: La critpazione è un procedimento digitale che rende impossibile la gestione di informazioni digitali da parte di terzi durante la trasmissione. EPOC: EPOC è un sistema operativo nato sulla piattaforma PSION e che poi si è evoluto in Symbian. Attualmente Symbian è il sistema operativo per celllualri e PDA più diffuso al mondo. GPRS (General Packet Radio Service): GPRS è una tecnologia che lavora sui network GSM che permette di utilizzare il protocollo a commutazione di pacchetto tipico dei network dati. Con il GPRS si possono trasmettere dati provenienti da internet e da altri sistemi come SMS, MMS e- mail e applicazioni WAP. GSM (Global System for Mobile communications): GSM (identificato con la sigla 2G) è diventato di fatto lo standard europeo per i servizi telefonici cellulari. Disponibile oramai in tutto il mondo, è la tecnologia più usata tra le tre per la telefonia digitale (TDMA, CDMA e GSM, appunto). GSM supporta voce, dati e messaggi di testo, potendo sfruttare anche il roaming sugli altri operatori. Sulla SIM card (Modulo Indentificatore del Sottoscrittore del servizio) sono memorizzate tutte le

4 informazioni necessarie per accedere al network da parte del cliente. Il GSM lavora su bande di frequenza di 900, 1800 e 1900 Mhz (quest'ultima utilizzata soprattutto negli USA). H.323: E' lo standard per quanto riguarda la compressione audio/video in internet e tra apparati che lavorano tramite protocollo IP. Viene utilizzato sia in connesioni punto punto che in connessioni multipunto. HDML (Handheld Device Markup Language): HDML è il linguaggio HTML per gli apparecchi mobili/palmari che deriva direttamente dall'html ed è il linguaggio di costruzione delle pagine internet che possono essere visualizzate da queste apparecchiature. Creato dalla Openwave è un linguaggio proprietario che funziona solo sui browser della Openwave identificato anche dal suo protocollo HDTP (Handheld Device Transport Protocol). Pur essendo stato creato prima del WAP non è riuscito a imporsi come quest'ultimo. HDTP (Handheld Device Transport Protocol): Il protocollo di comunicazione per il linguaggio HDML della Openwave. HOTSPOT: E' l'area servita da un punto di accesso wireless. All'interno di quest'area è possibile abilitare e attivare la connessione del proprio dispositivo a internet utilizzando la tecnologia senza fili WiFi. IDEN: È una speciale tecnologia radio che combina una vera e propria comunicazione radio 2 way, telefono e messaggi testuali in un solo network. I-MODE: DoCoMo, la più grande compagnia di telefonia cellulare giapponese, lanciò la tecnologia proprietaria I-mode nel Assolutamente all'avanguardia per l'epoca, permette di lavorare sia sul network 2G che 3G e permette di veicolare informazioni, internet, video, audio, ecc. INTERPOLAZIONE o RICAMPIONATURA: Quanto più alta è la risoluzione di una immagine digitale, tanto più sarà possibile ingrandirla senza perdere in nitidezza. Certe volte la risoluzione del mezzo con cui prendere l'immagine digitale, e di conseguenza dell'immagine che con esso verrà prodotta, può essere decisa in partenza. Per esempio, se si deve acquisire una foto con uno scanner, basterà indicare la risoluzione e le dimensioni che ci servono e ci penserà lo scanner stesso a trasformarla in un file con le caratteristiche che abbiamo chiesto. Ma ogni scanner ha una risoluzione oltre la quale non può andare. Così come ogni macchina fotografica digitale produce immagini per mezzo di un sensore che può arrivare a una certa risoluzione e non di più. E se servisse ingrandire l'immagine oltre quello che consente la risoluzione massima del mezzo con il quale l'abbiamo prodotta? Entro certi limiti, si può ricorrere a un procedimento chiamato interpolazione, o ricampionatura. Il risultato è una immagine più grande, senza che vengano aumentate le informazioni contenute nei pixel di partenza. In pratica vengono aggiunti dei pixel, facendo una media delle informazioni di quelli vicini e riproducendole. In questo modo viene aumentato il numero dei pixel totali, che così diventano più piccoli e concentrati e danno una impressione di maggiore nitidezza. Ma in realtà non sono stati aggiunti pixel con informazioni nuove e più accurate: è solo una specie di illusione ottica. IRDA (Infrared Data Association): Questa associazione ha definito lo standard IrDA per lo scambio di dati tra vari apparati per lo più mobili attraverso la porta infrarossi. Tipicamente si

5 possono trasmettere dati fino a 2 metri di distanza a una velocità che varia tra i Kbps ai 4 Mbps. J2ME (Java 2 Micro Edition): J2ME è la piattaforma di sviluppo appositamente sviluppata per la realizzazione degli applicativi java predisposti per cellulari e PDA. Attraverso una Virtual machine e delle API specifiche per ogni tipo di apparato, permette di realizzare delle applicazioni stand alone o che si connettono a server o ad altri apparecchi per lo scambio di dati. JAVA: Java è il linguaggio di programmazione con il quale vengono realizzate le applicazioni e/o i giochi. Attraverso le API si riescono a personalizzare le applicazioni per sfruttare le caratteristiche proprie di ogni apparecchio mobile, che sia un cellulare o un PDA. JPEG: E' un formato di compressione delle immagini bitmap, cioè formate da pixel. Il nome deriva da Joint Picture Expert Group, il gruppo che nel 1992 lo ha elaborato. In generale, un formato di compressione permette di salvare una foto diminuendo lo spazio che occuperebbe su un hard disk o su un altro supporto, come un CD. In questo modo in uno stesso supporto sarà possibile conservare più immagini. Non solo, per certi usi, come per internet, limitare le dimensioni delle immagini diventa necessario. Alcuni sistemi di compressione (come TIFF LZW) sono detti lossless, perché applicandoli non si perde nessun pixel dell'immagine iniziale. Jpeg, invece, è un sistema lossy, cioè che comporta una certa perdita di pixel. La sua logica si basa sul principio che l'occhio umano è molto sensibile alle piccole variazioni di luminosità e invece meno sensibile alle variazioni di colore. Per questo se ci sono due pixel di luminosità simile, jpeg li conserva entrambi, ma se ci sono due pixel di colore simile, jpeg ne conserva uno solo. Alla fine rispetto alla immagine prima della compressione ci saranno meno pixel da salvare, quindi meno informazioni e una dimensione inferiore del file. Con jpeg possiamo anche decidere se la compressione deve essere più o meno forte: più drastica sarà questa operazione e più qualità si perderà della immagine iniziale. Jpeg è molto adatto a comprimere le fotografie e tutte le immagini che hanno sfumature. LUMINOSITA' DELL'OBIETTIVO: Il principio base della fotografia è che le immagini vengono registrate dalla pellicola o dal sensore delle fotocamere digitali perchè questi vengono colpiti dalla luce riflessa dagli oggetti ripresi. Il fascio di luce in questione entra nella fotocamera attraverso l'obiettivo. Più grande è l'obiettivo maggiore sarà la luce che lascia passare. Il valore per indicare la sua apertura massima si indica con un numero che è il risultato della sua lunghezza focale diviso il suo diametro. MESSAGING: SMS (Short Message Service): servizio per cellulari che permette di inviare e ricevere piccoli messaggi di testo (al massimo 160 caratteri). Picture Messaging: servizio che permette di inviare, oltre a piccoli messaggi di testo, disegni che possono anche essere realizzati con un editor interno al telefono. SMS Chat: servizio di chat attraverso gli SMS. MMS (Multimedia Messaging Service): nuovo standard per l'invio su e da cellulari in grado di gestire immagini, foto, audio, video. MICROBROWSER: Anche chiamato mini browser, è un applicativo che risiede sul telefonino. Permette di visualizzare speciali pagine internet realizzate con linguaggi Html appositi. MIDP (Mobile Information Device Profile): Set di API Java per realizzare applicazioni singole o applicazioni di tipo client server che permettono al cellulare di interagire con altri cellulari o con un server. Questa tecnologia si utilizza anche sui PDA e su altri tipi di dispositivi mobili.

6 MMS (Multimedia Messaging Service): Con gli MMS si riescono a inviare e ricevere con i cellulari messaggi multimediali che contengono testo, immagini, foto, audio e video. MOBLOG: Un modo contemporaneo per condividere le proprie foto. Versione al cellulare del diffusissimo "blog", il "moblog" (mobile blog) è alimentato per testi e foto dal telefonino. Una delle più note e numerose comunità è l'americana Textamerica. MP3: È lo standard per la compressione digitale del suono che riesce a mantenere elevata qualità pur riducendo di molto il peso del file sonoro. Alcuni modelli di telefoni cellulari e PDA permettono la riproduzione di file MP3. MPEG (Motion Picture Experts Group): Il gruppo di lavoro internazionale che ha codificato lo standard per la compressione del video MPEG. Attualmente con i cellulari 2.5G e 3G si possono realizzare e inviare tramite gli MMS piccoli filmati MPEG. OTTURATORE: È un congegno incorporato nella fotocamera che si apre al momento dello scatto per un certo periodo di tempo, variabile da qualche secondo a qualche millesimo. Il tempo d'apertura dell'otturatore determina la quantità di luce che colpisce il sensore (nelle vecchie fotocamere la pellicola). La durata di questo tempo viene decisa manualmente o automaticamente (inserendo la funzione auto della fotocamera) e prende il nome di tempo d'esposizione. Nei telefonini il tempo di esposizione viene determinato automaticamente dai sensori della luminosità. Naturalmente, più è buio e più lungo sarà il tempo di esposizione con conseguente pericolo di immagini mosse. PalmOS: È un sistema operativo dedicato essenzialmente ai palmari PalmPilot. Lavora su dispositivi portatili con schermo di dimensione specifica. PAN (Personal Area Network): È la più piccola rete di computer e/o apparecchiature, come PDA, cellulari ecc., che permette uno scambio di informazioni personali, nel senso che si presume che i dispositivi appartenenti a questa rete siano di proprietà della stessa persona. PDA (Personal Digital Assistant): Il PDA, comunemente chiamato palmare, racchiude in sé molte funzioni che possono andare al di là del semplice computer palmare, integrando telefono cellulare, gps, navigatore satellitare, fotocamera digitale. Di base, comunque, il PDA viene indicato come computer palmare le cui funzioni principali sono di rubrica e agenda. PERSONALJAVA: E' la piattaforma Java ottimizzata espressamente per il mondo dei dispositivi cellulari. PICTURE MESSAGING: Sono speciali messaggi inviati tramite telefoni cellulari che, oltre al testo, contengono anche piccole immagini, di solito in bianco e nero o con pochi colori. Alcuni cellulari hanno anche un editor apposito. PIXEL: Pixel deriva dalla fusione di due parole inglesi: picture element, elemento dell'immagine. Una immagine digitale, infatti, è composta da un mosaico di tanti quadratini e questi quadratini sono i pixel. Normalmente non si riesce a distinguerli, perché l'occhio umano non è in grado di percepire gli elementi che compongono una immagine se sono più piccoli di una certa dimensione: in questo caso

7 li vede come se fossero un tutto continuo e non un insieme di tasselli. Ma certe volte, se la foto che visualizzate sul vostro computer è di qualità molto bassa e i pixel molto grandi, potete proprio vedere che sembra un mosaico fatto con tanti quadrati o rettangoli di grandezza uguale attaccati uno accanto all'altro. Più alta è la qualità dell'immagine, maggiore è la quantità dei pezzettini o pixel che la costituiscono cioè minore la loro dimensione e più fitta la griglia, tanto che sarà impossibile accorgersi che ci sono senza dover ingrandire moltissimo. Ogni pixel può avere colore, intensità e luminosità diversi. La precisione dell'immagine aumenta anche se aumenta la quantità di colori che può contenere ogni singolo pixel. Questa quantità dipende dal numero di bit per ogni pixel e per questo la griglia dei pixel si chiama bitmap, cioè mappa dei bit che descrivono ogni pixel. POCKET PC: E' il sistema operativo di Microsoftper i dispositivi palmari. Basato su Windows CE, ha molte funzionalità paragonabili ai sistemi operativi Windowsdei computer desktop: giochi, multimedia, possibilità di navigare in internet sono solo alcune delle caratteristiche. Per poter realizzare i programmi sono disponibili linguaggi di programmazione come Visual C++, Visual Basic Embeddedo.NET. RASTER = BITMAP RGB: E' il sistema per rappresentare i colori usato negli scanner, nelle macchine fotografiche digitali e nei monitor dei computer. Nel sistema RGB (dall'inglese Red, Green, Yellow) i colori primari sono il rosso, il verde e il giallo e tutti gli altri colori derivano da una combinazione di questi tre. Per esempio il bianco è composto da ognuno dei tre primari in parti uguali, il magenta è composto da rosso e da blu, il nero è assenza totale di colori. RICAMPIONATURA = INTERPOLAZIONE RISOLUZIONE: Una immagine digitale bitmap è composta da un certo numero di pixel che dipende dalle possibilità del dispositivo macchina fotografica, scanner, telefonino che l'ha prodotta. Questo numero totale di pixel, che è la risoluzione del sensore, viene deciso in fabbrica e non può essere cambiato. Invece può cambiare la risoluzione dell'immagine una volta che questa viene visualizzata o stampata, a seconda delle dimensioni che vengono stabilite. Questa risoluzione dell'immagine si misura in in DPI (Dots per Inch, punti per pollice) o, meno frequentemente, in PPI (Pixels per Inch, pixel per pollice). Se l'immagine digitale è un mosaico di pixel, la concentrazione di questi pixel per ogni pollice, che equivale a 2,54 cm., dell'immagine stessa corrisponde alla sua risoluzione. Entro certi limiti, questa concentrazione si può diluire (e di conseguenza ingrandire la foto), senza che si percepiscano perdite di qualità. La regola generale è che se la risoluzione aumenta, diminuiscono le dimensioni della foto e viceversa. In ogni caso, più è grande in partenza la risoluzione del sensore dello scanner o della macchina fotografica (cioè più pixel è in grado di produrre), più potremo ingrandire l'immagine e usarla per scopi diversi senza perdere definizione e qualità. SENSORE = CCD SIM (Subscriver Identity Module): La SIM è la piccola schedina che contiene le informazioni personali che permettono l'accesso al network GSM. Sulle SIM, di solito con capacità di memoria limitate, vengono immagazzinati anche numeri di telefono e altre informazioni.

8 SISTEMA OPERATIVO: Il software che permette di gestire tutte le funzioni del cellulare. Il sistema operativo (OS: Operating System) offre anche strumenti di sviluppo per la creazione di veri e propri software che aumentano le funzionalità del computer o nel nostro caso del telefonino. SMART CARD: E' una piccola scheda di memoria che contiene le informazioni personali di identificazione dell'utente sul network GSM. Senza queste informazioni l'utente non può ricevere né fare telefonate. Nei telefoni GSM, le SIM card permettono di registrare le informazioni personali dell'utente e per questo nella maggior parte dei casi sono chiamate anch'esse smart card. SMARTPHONE: Il nome generico che identifica un telefono cellulare che, oltre alla capacità "vocale", offre anche potenzialità di informazioni testuali.sms (Short Message Service): I telefonini dalla seconda generazione in poi (2G) permettono di inviare e ricevere piccoli messaggi di testo di massimo 160 caratteri. SMS sta infatti per Short Message Service. Con un editor testuale più o meno evoluto e con l'uso di dizionari di varie lingue, è sempre più facile e veloce scrivere i messaggi SMS. SYMBIAN: Symbian è una joint venture tra Ericcson, Motorola, Nokia e Psion per lo sviluppo di un sistema operativo adatto ai dispositivi mobili come cellulari e PDA. SYMBIAN OS: Symbian's operating system è il sistema operativo di molti telefonini (il Nokia 7610 e il Nokia 6670 sono tra questi) sviluppato dal consorzio Symbian. VETTORIALE (immagine): Tipo di immagine digitale composta da vari elementi indipendenti pensate alle diverse linee e parti che compongono il disegno di un oggetto che sono ognuno la traduzione grafica di definizioni matematiche. Mentre disegnate una ruota di bicicletta, per esempio, questa in realtà viene individuata dal programma apposito di cui vi state servendo, tipo Corel Drawo Free Hando Adobe Illustrator, come un cerchio con determinate caratteristiche geometriche, un certo diametro, raggi, colore, ecc. calcolati attraverso formule matematiche. A differenza di una immagine bitmap, può essere ingrandita o rimpicciolita senza perdere qualità e definizione: al programma basterà solo aumentare o rimpicciolire di quanto richiesto i valori contenuti in quelle determinate formule senza alterarne la struttura. VGA: Video Graphics Array, cioè matrice grafica video. È la più bassa risoluzione che un computer utilizza normalmente per visualizzare un'immagine. La dimensione delle immagini è di 640x480 pixel. ZOOM: Lo zoom non va, come spesso accade, confuso con il tele. Il teleobbiettivo è un'ottica fissa che ingrandisce e quindi avvicina il soggetto rispetto all'ottica normale. Lo zoom è invece un obiettivo a focale e quindi angolo di campo variabile. Possiamo avvicinarci o allontanarci dal soggetto senza muoverci e usando uno stesso obiettivo. Basterà ruotare la ghiera da grandangolare a tele o viceversa. Esistono zoom ottici e digitali come quelli attualmente incorporati nei cellulari. Questo vuol dire che la variazione di focale dell'obiettivo si ottiene agendo sui singoli pixel catturati dal sensore e non su una variazione ottica dell'obiettivo.

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni?

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? In questo caso la situazione sembra del tutto diversa. Il testo scritto è costruito combinando

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

Le immagini. Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni?

Le immagini. Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? In questo caso la situazione sembra del tutto diversa. Il testo scritto è costruito combinando

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 2. Approfondimento su immagini e grafica IMMAGINI l immagine digitale è una matrice bidimensionale di numeri,

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI asdf LA CODIFICA DELLE IMMAGINI 3 March 2012 Premessa L'articolo che segue vuole essere, senza alcuna pretesa di rigore scientifico e di precisione assoluta, in quanto non ne possiedo le competenze, una

Dettagli

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd Esistono due tipi di immagini digitali: Immagini vettoriali, rappresentate come funzioni vettoriali che descrivono curve e poligoni Immagini bitmap, (o raster) rappresentate sul supporto digitale come

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

corso di photoshop full immersion

corso di photoshop full immersion I S T I T U T O PALMISANO corso di photoshop full immersion Basic BITMAP La grafica bitmap, o grafica raster (in inglese bitmap graphics, raster graphics), è una tecnica utilizzata in computer grafica

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: angelo.nicolosi@unict.it Le immagini digitali scansione di fotografie esistenti

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

Immagini Digitali Immagini digitali

Immagini Digitali Immagini digitali Immagini digitali Processi e metodi per la codifica e il trattamento dei formati raster e vettoriali Immagini raster Fondamenti Le immagini raster, chiamate anche pittoriche o bitmap, sono immagini in

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Esercitazioni di Informatica Grafica A.A. 2009-2010

Esercitazioni di Informatica Grafica A.A. 2009-2010 Esercitazioni di Informatica Grafica A.A. 2009-2010 Ing. Simone Garagnani simone.garagnani@unibo.it UNIVERSITA DI BOLOGNA Simone Garagnani - Esercitazioni di Informatica Grafica PARTE II Gli strumenti

Dettagli

Lezione 2: Immagini digitali (1)

Lezione 2: Immagini digitali (1) Lezione 2: Immagini digitali (1) Informatica e produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Immagini digitali Digitalizzazione o acquisizione di immagini del mondo reale (es. da una fotografia).

Dettagli

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni La codifica delle Immagini Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori, infatti

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini La codifica delle immagini La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: 1. Il numero dei campionamenti o di misurazioni

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

Codifica delle immagini (parte I)

Codifica delle immagini (parte I) Codifica delle immagini (parte I) Prof. Marco Dell Oro December 11, 2013 1 Elementi della codifica Le immagini digitali sono risultato della composizione sugli schermi di una serie di elementi di colore

Dettagli

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia Grafica Digitale Concetti di base della computer grafica Oliviero Neglia Per grafica digitale intendiamo quell'insieme di processi che ci permettono di creare, modificare e visualizzare immagini attraverso

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Personal Digital Evidence. Contenuti. Dispositivi per la comunicazione I. Definizioni. Una introduzione alla. Mobile forensics

Personal Digital Evidence. Contenuti. Dispositivi per la comunicazione I. Definizioni. Una introduzione alla. Mobile forensics Personal Digital Evidence Una introduzione alla Mobile forensics Corso di Informatica Forense - OIG Facoltà di Giurisprudenza Università degli studi di Bologna Dr. Stefano Fratepietro m@il: stefano.fratepietro@unibo.it

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione 3. LA RISOLUZIONE La risoluzione di un immagine indica il grado di qualità di un immagine. Generalmente si usa questo termine parlando di immagini digitali, ma anche una qualunque fotografia classica ha

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA PREMESSA Nel settore della videosorveglianza vengono attualmente usate molte tipologie di sistemi e dispositivi per il monitoraggio e la protezione di edifici e persone. Per meglio comprendere la portata

Dettagli

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi Le immagini digitali formati, caratteristiche e uso Testo e foto di Mario Ceppi GIF Ideale per la rappresentazione di immagini sul Web come gif animate, pulsanti e intestazioni, non è invece adatto alle

Dettagli

Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale. Il conteggio dei pixel è veramente così importante?

Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale. Il conteggio dei pixel è veramente così importante? Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale La parte più importante di una fotocamera digitale è l'obiettivo poiché tutta la luce deve passare attraverso

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

invisibile Bluetooth, la porta

invisibile Bluetooth, la porta Tecnologia Mobile Bluetooth, la porta invisibile L interfaccia Bluetooth, presente ormai in una gran parte dei moderni telefoni cellulari, permette di collegare numerose periferiche: ecco come funziona

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

Glossario GLOSSARIO MOBILITY. Bussola. d Impresa Orizzontarsi per decidere

Glossario GLOSSARIO MOBILITY. Bussola. d Impresa Orizzontarsi per decidere Glossario GLOSSARIO MOBILITY Bussola d Impresa Orizzontarsi per decidere Dispositivo che funziona come un antenna trasmettente /ricevente tra una rete Wireless e una rete di tipo tradizionale. Tecnologia

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

TEORIA DEL COLORE E METODI

TEORIA DEL COLORE E METODI Università degli studi Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2011/2012 - Corso di Tecniche di Rappresentazione Prof.ssa G. Grütter Arch. S. Silli M. Gattini GRAFICA DIGITALE La grafica digitale si divide

Dettagli

La rappresentazione dell informazione

La rappresentazione dell informazione La rappresentazione dell informazione Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali I caratteri alfanumerici non costituiscono

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Informatica Personale. Contributi digitali per rappresentare immagini e suoni: Parte I. Dante Picca

Informatica Personale. Contributi digitali per rappresentare immagini e suoni: Parte I. Dante Picca Informatica Personale Contributi digitali per rappresentare immagini e suoni: Parte I Dante Picca 1 Premessa Nella prima parte del corso abbiamo visto che un elaboratore elettronico deve essere in grado

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Quick Start Guide. Motorizr Z3

Quick Start Guide. Motorizr Z3 Quick Start Guide Motorizr Z3 Contenuto 1. Preparazione 33 2. Come utilizzare il proprio cellulare 35 3. La fotocamera 37 4. Come inviare MMS 39 5. Vodafone live! 42 6. Download 43 7. Altre funzioni e

Dettagli

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB Teoria del colore A partire da tre colori Rosso, Verde, Blu è possibile generare tutta la rimanente scala cromatica mescolando con le dovute percentuali questa terna di riferimento. Si immagini di proiettare

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Elaborazione grafica in 2D 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di applicazioni grafiche Conoscenza elementare di dispositivi grafici Elementi di numerazione binaria 2 1

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni A queste rappresentazioni si possono applicare le operazioni aritmetiche: riporti 1 1 0 + 1 0 = 1 0 0 24 Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione

Dettagli

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario

La rappresentazione dell informazione. La codifica dei dati multimediali. Sommario La rappresentazione dell informazione Su questa parte vi fornirò dispense Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 Introduzione all immagine digitale Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 immagine digitale RASTER tipologie caratteristiche VETTORIALE molte informazioni dimensione fissa dipendente dalla risoluzione

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI TPO PROGETTAZIONE UD 19 Fotoritocco 1 PARTE 1 INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI A.F. 2011/2012 1 L AVVENTO DEL DIGITAL IMAGING La sfera dell Imaging include processi di produzione e riproduzione

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Elementi di progettazione di un sito web

Elementi di progettazione di un sito web Elementi di progettazione di un sito web Lo scopo del web designer è quello di rendere accessibile il proprio sito al maggior numero possibile di utenti, alla luce di questo è importantissimo tenere in

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Elaborazione testi: immagini

Elaborazione testi: immagini by Studio Elfra sas Gestione Immagini Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi: immagini Il testo di un documento di Word può essere integrato con immagini di vario tipo: 2 1 Elaborazione

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Immagini digitali: concetti di base

Immagini digitali: concetti di base Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 2 c.f.u. Anno Accademico 28/29 Docente: ing. Salvatore Sorce

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Codifica di immagini Codifica di immagini o Un immagine è un insieme continuo di informazioni A differenza delle cifre e dei caratteri alfanumerici, per le immagini non esiste un'unità minima di riferimento

Dettagli

Quick Start Guide MOTOKRZR K1

Quick Start Guide MOTOKRZR K1 Quick Start Guide MOTOKRZR K1 Contenuto 1. Preparazione 33 2. Come utilizzare il proprio cellulare 35 3. La fotocamera 37 4. Come inviare MMS 39 5. Vodafone live! 42 6. Download 43 7. Altre funzioni e

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Le mille risorse degli smartphone

Le mille risorse degli smartphone Le mille risorse degli smartphone I più evoluti telefoni cellulari hanno caratteristiche tecniche simili a quelle dei personal computer di pochi anni fa. Con i software giusti, infatti, uno smartphone

Dettagli

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009 A cura di Giancarlo Caperna bfi I PIXEL I pixel di un immagine digitale sono l analogo dei granuli di sali della

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Memory card microsd da 4 GB (con l'applicazione Nokia Maps mega-regione precaricata) fino a 50 MB di memoria utente interna

Memory card microsd da 4 GB (con l'applicazione Nokia Maps mega-regione precaricata) fino a 50 MB di memoria utente interna Dimensioni Display e 3D Memoria Alimentazione Apertura a scorrimento Dimensioni: 104,8 x 50,1 x 14,9 mm Peso: 117 g Volume: 71 cc Comodo design arrotondato Dimensioni: 2,6 Risoluzione: 320 x 240 pixel

Dettagli

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Classificazione delle immagini Le immagini si suddividono in raster e vettoriali. Le immagini raster sono di tipo

Dettagli

ESTENSIONI FOTOGRAFICHE

ESTENSIONI FOTOGRAFICHE ESTENSIONI FOTOGRAFICHE Il termine estensione indica una sequenza di caratteri alfanumerici, aggiunti dopo il nome di un file e separati da quest'ultimo da un punto. L'estensione permette all'utente di

Dettagli

Le immagini digitali. Modulo 2. Rappresentazione analogica. Rappresentazione digitale. Una palette a 16 colori

Le immagini digitali. Modulo 2. Rappresentazione analogica. Rappresentazione digitale. Una palette a 16 colori Foto digitale, invio via mail e inserimento in una pagina web Modulo 2 Cosa si intende con analogico e digitale? Come avviene la rappresentazione digitale delle immagini? Come è possibile trasformare un

Dettagli

La rappresentazione delle informazioni

La rappresentazione delle informazioni La rappresentazione delle informazioni In queste pagine cercheremo di capire come sia possibile rappresentare mediante numeri e memorizzare in un file testi, immagini, video, suoni Il computer per lavorare

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO. Supporti Magnetici. Dischi Magnetici. Dischi Magnetici 13/03/2009. Dispositivi per la Memoria di Massa

I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO. Supporti Magnetici. Dischi Magnetici. Dischi Magnetici 13/03/2009. Dispositivi per la Memoria di Massa 2 Dispositivi per la Memoria di Massa I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO Informatica per le Discipline Umanistiche Dispositivi per la Memoria di Massa Supporti Magnetici 3 4 persistenza (non volatilità) grande

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Libretto e71/e73 pro:

Libretto e71/e73 pro: Libretto e71/e73 pro: Annotare il proprio numero IMEI inserito nel vano batteria per questioni di sicurezza è necessario nel caso di denuncia. Si consiglia l'uso del codice pin della sim card e il pin

Dettagli

Dichiarazione di conformità Noi dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto è conforme alle disposizioni della

Dichiarazione di conformità Noi dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto è conforme alle disposizioni della Dichiarazione di conformità Noi dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto è conforme alle disposizioni della standby! È possibile installare due SIM GSM e permettere loro l entrambi

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2. Codifica delle immagini

Fondamenti di Informatica 2. Codifica delle immagini Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Codifica delle immagini Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. 1 Scalare vs Vettoriale Per codificare

Dettagli

Nokia C5-5MP con TALKS bundle

Nokia C5-5MP con TALKS bundle kia C5-5MP con TALKS bundle Un telefono cellulare compatto e leggero, in vero acciaio inossidabile, piacevole da utilizzare. Foto e video Fissa ogni istante con la fotocamera full focus da 5 megapixel

Dettagli

399 Eu Installazione a Roma GRATIS!

399 Eu Installazione a Roma GRATIS! 34 8344 1101 D.R Impianti di Dario Reggimenti P.I 07123690724 Rivenditore ufficiale бесплатный шаблон сайта psdsite.ru 399 Eu Installazione a Roma GRATIS! + 2 4 0 4 4 6 3 3 GIORNI ORE MINUTI SECONDI Solo

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione Rappresentazione digitale dell informazione Introduzione Nelle scorse lezioni, abbiamo mostrato come sia possibile utilizzare stringhe di bit per rappresentare i numeri interi e frazionari, con o senza

Dettagli

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione?

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione? IL MONDO DIGITALE La rivoluzione digitale Sistema Le immagini diventano numeri Dal testo ai numeri e viceversa E i suoni? Anche il video diventa digitale La rivoluzione digitale Musica digitale, cinema

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale

Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale ITCG CATTANEO CON LICEO DALL'AGLIO- via Matilde di Canossa, 3 - Castelnovo ne Monti (RE) Sezione ITI - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale Grafica vettoriale :

Dettagli