RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI"

Transcript

1 Prof. Giuseppe F. Rossi Homepage: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2007/08 - I Semestre RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI Capitolo XI 1/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

2 Struttura del capitolo Introduzione alle comunicazioni wireless Wireless LAN Wireless MAN Wireless PAN Capitolo XI 2/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

3 Reti wireless Le tipologie WPAN (Wireless Personal Area Network) Comunicazioni all'interno di un "sistema" (fino ad una decina di metri) WLAN (Wireless Local Area Network) Comunicazioni all'interno di un'area locale delimitata (fino a qualche centinaio di metri) WMAN (Wireless Metropolitan Area Network) Comunicazioni estese su aree residenziali anche di dimensioni significative (fino ad una decina di Km) WWAN (Wireless Wide Area Network) Comunicazioni estese in un'area geografica Capitolo XI 3/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

4 Reti wireless Gli standard WPAN (Wireless Personal Area Network) Standard IEEE (Bluetooth) WLAN (Wireless Local Area Network) Famiglia di standard IEEE WMAN (Wireless Metropolitan Area Network) Famiglia di standard IEEE WWAN (Wireless Wide Area Network) Reti cellulari GSM-GPRS, UMTS Standard IEEE Capitolo XI 4/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

5 Comunicazioni wireless Alcuni problemi comuni Attenuazione del segnale Distanze tra i nodi di rete Fenomeno del multipath fading Tasso d'errore Prestazioni Sicurezza Capitolo XI 5/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

6 Reti wireless Multipath fading Un segnale emesso da una sorgente può essere riflesso (anche più volte) da vari oggetti facenti parte dello spazio circostante Uno stesso segnale quindi, seguendo percorsi diversi, può essere ricevuto più volte da una stazione destinataria Il fenomeno di interferenza distruttiva che ne può derivare sul destinatario (due copie dello stesso segnale arrivano in opposizione di fase) prende il nome di multipath fading Imprevedibilità della propagazione in aria del segnale elettromagnetico Mappa dell'intensità del segnale misurato in una stanza quadrata con una scrivania metallica (in basso a sinistra) e una porta aperta (in alto a destra). Naturalmente si tratta di un'istantanea: basta variare anche di poco un parametro ambientale (posizione oggetti,... ) e tutto può cambiare anche notevolmente. (Immagine tratta da ANSI/IEEE Std , 1999 Edition (R2003)) Capitolo XI 6/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

7 Wireless LAN Una Wireless LAN (WLAN) è una rete locale che utilizza un canale trasmissivo senza fili e sfrutta come portante un'onda elettromagnetica sulle frequenze RF o IR Capitolo XI 7/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

8 Wireless LAN Quale protocollo d'accesso al canale utilizzare? Una rete WLAN utilizza un canale condiviso ad accesso multiplo simile ad un bus (lo spazio circostante) e quindi potrebbe essere interessante esplorare la possibilità di utilizzare il protocollo d'accesso a contesa CSMA/CD utilizzato per le Ethernet Purtroppo la cosa permette di ottenere solo modesti risultati in quanto, a causa della caratteristica del canale wireless, si possono avere alcune condizioni anomale Problema dei terminali nascosti (hidden terminal) Stazioni mittenti in collisione non sono in grado di rilevare tale condizione, ma credono che la trasmissione stia avvenendo con successo Problema dei terminali esposti (exposed terminal) Una stazione mittente non inizia una trasmissione, anche se quest'ultima potrebbe avvenire con successo Capitolo XI 8/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

9 Wireless LAN Quale protocollo d'accesso al canale utilizzare? Il problema dei terminali nascosti causato dall'utilizzo del protocollo d'accesso CSMA/CD su una WLAN limite della propagazione del segnale di A limite della propagazione del segnale di C A sta trasmettendo a B C deve trasmettere a B C ascolta il canale e lo sente libero (in quanto non riceve la trasmissione di A) A B C C inizia la trasmissione Su B si verifica una collisione ma A e C non se ne accorgono Capitolo XI 9/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

10 Wireless LAN Quale protocollo d'accesso al canale utilizzare? Il problema dei terminali esposti causato dall'utilizzo del protocollo d'accesso CSMA/CD su una WLAN B sta trasmettendo ad A C deve trasmettere a D C ascolta il canale e lo sente occupato, quindi aspetta A B C D In realtà C potrebbe comunque iniziare a trasmettere in quanto si verificherebbe una collisione solo nella zona tra B e C e non tra A e B né tra C e D Capitolo XI 10/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

11 Wireless LAN Quale protocollo d'accesso al canale utilizzare? Perchè in presenza di un canale wireless CSMA/CD genera il problema dei terminali nascosti? Ciò che trasmette una stazione non è detto che venga sentito da tutte le altre CSMA/CD permette di sentire solo se vi sono trasmissioni "vicino" alla stazione che sta ascoltando il canale Soluzione al problema Una stazione, prima di iniziare la trasmissione, dovrebbe verificare se vi sono delle trasmissioni nell'intorno della stazione destinataria Protocollo d'accesso CSMA/CA (Carrier Sense Multiple Access / Collision Avoidance) Capitolo XI 11/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

12 Wireless LAN Gli standard IEEE Il primo standard (anno 1997) IEEE Alla luce delle nuove esigenze (di velocità), a partire dal '99, il gruppo di lavoro IEEE ha iniziato a suddividersi in diversi sottogruppi, ciascuno dei quali ha prodotto un suo nuovo standard (più o meno integrabile e/o compatibile con gli altri) IEEE a IEEE b IEEE g IEEE h Le evoluzioni a, b, g,..., hanno riguardato solo interventi a livello fisico Capitolo XI 12/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

13 Standard IEEE Le strutture topologiche di una rete wireless Una WLAN è organizzata "a celle": ciascuna cella può avere 2 strutture Rete ad hoc (anche nota come topologia peer-to-peer) Le stazioni hanno un ruolo paritetico e comunicano direttamente tra loro Rete con infrastruttura (talvolta nota anche come topologia base-to-remote) Esiste una stazione, chiamata in vari modi (stazione base, access point (AP),... ), che governa il funzionamento della cella (autenticazione,... + altre eventuali funzioni) Le comunicazioni tra 2 stazioni non-ap devono passare per l'ap (MAC-relaying), il quale deve quindi svolgere una funzione di commutazione (a livello 2) Rete ad hoc Rete con infrastuttura AP Capitolo XI 13/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

14 Standard IEEE Modalità operative Basic Service Set (BSS) Tutte le stazioni appartengono ad 1 sola cella Strutture ammesse Ad hoc (caso particolare chiamato anche Independent BSS o IBSS) Infrastructure Extended Service Set (ESS) Le stazioni wireless appartengono a più celle interconnesse tra le quali è permesso il roaming Unica struttura ammessa: Infrastructure Per ogni cella è richiesta la presenza di un access point (AP) / stazione base, il quale è collegato agli AP delle altre celle (con link wired o wireless) Capitolo XI 14/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

15 Standard IEEE Modalità BSS Independent BSS (IBSS) Tutte le stazioni della cella sono "alla pari" e nessuna controlla l'ingresso nella cella 2 stazioni parlano tra loro direttamente Può essere considerato un caso particolare della modalità BSS Cella WLAN ad hoc network Capitolo XI 15/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

16 Standard IEEE Modalità BSS BSS Infrastructure Esiste un nodo chiamato AP (Access Point) il quale controlla l'accesso della stazione alla cella ed esegue la commutazione delle frame scambiate tra le stazioni La stazione ricerca l'ap tramite passive scanning (attesa del beacon frame dall'ap) o active scanning (invio di probe request frame e attesa della ricezione del probe response frame) Processo di autenticazione della stazione sull'ap (scambio di userid, psw,... )... Cella WLAN infrastructure AP Capitolo XI 16/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

17 Standard IEEE Modalità ESS Sistema articolato composto da 2 o più celle (BSS infrastructure), aventi ciascuna un AP, collegate attraverso un sistema di interconnessione (es. LAN Ethernet) chiamato DS (Distribution System) Ogni stazione deve sempre seguire le varie procedure di ingresso nelle varie celle Gli AP, oltre alla commutazione delle frame, devono anche supportare il roaming tra le celle, mascherando la mobilità ai livelli superiori al MAC (ai quali il tutto appare come un'unica LAN) DS AP AP Cella WLAN Roaming tra celle Cella WLAN Capitolo XI 17/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

18 Standard IEEE Le specifiche fisiche Lo standard IEEE del '97 prevede le seguenti caratteristiche Velocità di 1 e 2 Mbps Sono previste 2 diverse tecnologie trasmissive Trasmissione a radiofrequenza Tecnica spread spectrum FHSS o DSSS Banda ISM dei 2,4 GHz ( MHz) Trasmissione ad infrarosso diffuso Lunghezze d'onda di 0,85 e 0,95 µm Capitolo XI 18/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

19 Standard IEEE Le specifiche fisiche Caratteristiche fisiche della trasmissione ad infrarosso diffuso Codifica ridondante (utilizzo di codice Gray) Codifica a 1 Mbps: gruppi di 4 bit sono codificati attraverso una parola di 16 bit (con un solo bit a "1") Codifica a 2 Mbps: gruppi di 2 bit sono codificati attraverso una parola di 4 bit (con un solo bit a "1") Terza configurazione a partire da "0000" Seconda configurazione a partire da "00" 0 1 Bit della frame Bit trasmessi Terzo bit Secondo bit Capitolo XI 19/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

20 Standard IEEE La struttura architetturale Livelli architetturali specificati dallo standard WLAN IEEE Fisico MAC Tutte le evoluzioni successive dello standard IEEE del '97 hanno fondamentalmente riguardato il livello fisico Principali funzioni del livello MAC IEEE Liv. 2 Liv. 1 DSSS LLC IEEE MAC IEEE FHSS IR Protocollo di comunicazione Confermato Stop&Wait per destinazioni unicast Non confermato per multicast e broadcast Supporto della frammentazione (al fine di ridurre la dimensione della frame e quindi la probabilità d'errore sulla singola trasmissione) Protocollo d'accesso al canale di trasmissione Gestione dell'eventuale mobilità delle stazioni (roaming) tra diverse celle Capitolo XI 20/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

21 Standard IEEE Tipologie di WLAN MAC IEEE prevede 2 modalità operative (cioè 2 diversi tipi di protocollo d'accesso) DCF (Distributed Coordination Function) Possibile sia con la modalità ad hoc che con la modalità infrastructure Il controllo dell'accesso al canale è distribuito sulle stazioni Tutte le implementazioni WLAN devono supportare questa modalità PCF (Point Coordination Function) Possibile solo con la modalità infrastructure Il controllo dell'accesso al canale è centralizzato sull'ap Nelle implementazioni la modalità PCF è opzionale (è presente nello standard ma di fatto non è stata implementata nei prodotti commerciali) Capitolo XI 21/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

22 Standard IEEE Modalità DCF (Distributed( Coordination Function) DCF prevede l'utilizzo del protocollo d'accesso CSMA/CA (Carrier Sense Multiple Access / Collision Avoidance) e può funzionare in 2 modalità operative Physical carrier sense Una stazione trasmette solo se il canale è libero, altrimenti rimanda l'operazione Modalità utilizzata per l'invio di frame broadcast, multicast e unicast (queste ultime solo se sono sotto una certa dimensione di valore impostabile) Virtual carrier sense Questa modalità viene illustrata nella slide che segue Ha l'obiettivo di risolvere il problema degli hidden terminal Modalità utilizzata per l'invio di frame unicast (di dimensione superiore ad un valore impostabile) Capitolo XI 22/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

23 Standard IEEE Modalità DCF (Distributed( Coordination Function) Virtual carrier sense Una stazione, prima di trasmettere una frame, ascolta se vi sono trasmissioni sul canale Se occupato aspetta Se libero lo "prenota" per il tempo necessario alla trasmissione della frame (questo tuttavia non elimina completamente il rischio di una collisione) Il mittente invia una (breve) frame RTS (Request To Send) di servizio verso il destinatario contenente la durata prevista della futura trasmissione Il destinatario autorizza la trasmissione restituendo una (breve) frame CTS (Clear To Send) di servizio verso il mittente con la durata prevista della futura trasmissione Tutte le altre stazioni che sentono RTS e/o CTS aspettano per la durata indicata (impostazione dell'indicatore di NAV) Il mittente invia la frame dati e aspetta per un time-out la PDU-ACK del MAC Capitolo XI 23/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

24 Standard IEEE Modalità DCF (Distributed( Coordination Function) Esempio di funzionamento di una WLAN IEEE di 4 stazioni in modalità virtual carrier sense: comunicazione da A a B (Nota: gli intervalli NAV non sono trasmissioni, bensì stati di inibizione per eventuali trasmissioni di C e D) Limite del segnale emesso da A Limite del segnale emesso da B A RTS A B C D DATI B CTS ACK C NAV (innescato da RTS) D NAV (innescato da CTS) Capitolo XI 24/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

25 Standard IEEE Modalità PCF (Point( Coordination Function) La modalità PCF permette un trasferimento di frame contention-free PCF è costituito da una serie di funzioni aggiuntive (opzionali) residenti negli AP, costruite al di sopra delle funzioni DCF In sostanza la modalità PCF prevede che l'ap acquisisca il controllo del canale e quindi poi ne ripartisca l'utilizzo tra le varie stazioni attraverso uno schema a polling Le due modalità DCF e PCF possono coesistere (si possono alternare intervalli in cui la cella funziona in modalità contention ad intervalli in cui la cella funziona in modalità contention-free) Non implementato nei prodotti reali Capitolo XI 25/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

26 Standard IEEE a Caratteristiche IEEE Standard for Information technology Telecommunications and information exchange between systems Local and metropolitan area networks Specific requirements Part 11: Wireless LAN Medium Access Control (MAC) and Physical Layer (PHY) specifications Amendment 1: High-speed Physical Layer in the 5 GHz band Evoluzione del livello fisico di IEEE Velocità fino a 54 Mbps Trasmissione sulla banda ISM dei 5 GHz Tecnica OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) utilizzante 52 sottoportanti WLAN commercializzata in USA Incompatibile con IEEE b, IEEE g, IEEE h (a meno di non costruire apparecchi dual mode) Capitolo XI 26/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

27 Standard IEEE b Caratteristiche Supplement to ,Wireless LAN MAC and PHY specifications: Higher speed Physical Layer (PHY) extension in the 2.4 GHz band Evoluzione del livello fisico di IEEE Velocità supportate: fino a 11 Mbps Trasmissione sulla banda ISM dei 2,4 GHz Tecnica HR-DSSS (High Rate Direct Sequence Spread Spectrum) Non è un evoluzione di IEEE a, né con esso è compatibile (802.11b è stata approvato ed è arrivato prima sul mercato rispetto a a... ) Standard commercialmente conosciuto come Wi-Fi (Wi-Fi in realtà è il nome della certificazione di interoperabilità multivendor tra apparati conformi a b) Capitolo XI 27/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

28 Standard IEEE g Caratteristiche IEEE Standard for Information technology Telecommunications and information exchange between systems Local and metropolitan area networks Specific requirements Part 11: Wireless LAN Medium Access Control (MAC) and Physical Layer (PHY) specifications Amendment 4: Further Higher-Speed Physical Layer Extension in the 2.4 GHz Band Evoluzione del livello fisico di IEEE (IEEE g ammette più livelli fisici, come spiegato nella prossima slide) Velocità supportate: fino a 54 Mbps Trasmissione sulla banda ISM dei 2,4 GHz Tecnica OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) Evoluzione di IEEE b (gli apparati IEEE g devono essere compatibili con gli apparati IEEE b) Capitolo XI 28/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

29 Standard IEEE h Caratteristiche IEEE Standard for Information technology Telecommunications and Information Exchange Between Systems LAN/MAN Specific Requirements Part 11: Wireless LAN Medium Access Control (MAC) and Physical Layer (PHY) Specifications: Spectrum and Transmit Power Management Extensions in the 5GHz band in Europe Evoluzione europea di a a e h sono tuttavia incompatibili Capitolo XI 29/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

30 Wireless MAN Accesso wireless per (anche vaste) aree residenziali Accesso a banda larga (broadband) Supporto di traffico dati, voce, video (quindi anche traffico real-time) Un possibile scenario Capitolo XI 30/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

31 Wireless MAN Gli standard Come sempre, sono comparse sul mercato una serie di soluzioni proprietarie Standard IEEE IEEE definisce le specifiche dei primi 2 livelli architetturali (Physical e DLC), i quali, come si vedrà più avanti, sono composti da diversi sottolivelli Il gruppo di lavoro viene costituito nel Luglio 1999 Standard completato nell'ottobre 2001 e pubblicato nell'aprile 2002 IEEE Air Interface for Fixed Broadband Wireless Access Systems Come tutti gli standard IEEE ha poi subìto una serie di evoluzioni Il logo del gruppo di lavoro IEEE Capitolo XI 31/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

32 IEEE La stratificazione Come in tutti gli standard aderenti alla struttura IEEE 802, anche in questo caso vengono specificati i primi 2 livelli, i quali, presentano sottostrutture al loro interno Livelli superiori (> 2) non facenti parte di IEEE Physical layer Sono ammessi diversi livelli fisici Privacy sublayer Autenticazione, scambio di chiavi, encription MAC common part sublayer Liv. 2 Liv. 1 Convergence sublayer MAC common part sublayer Privacy sublayer Physical layer Protocolli d'accesso al canale wireless e dei protocolli di comunicazione Convergence sublayer Mapping verso protocolli connectionless e connection-oriented Capitolo XI 32/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

33 IEEE Alcune caratteristiche dei livelli Physical layer GHz (comms line-of-sight) & 2-11 GHz (comms non-line-of-sight) Diversi tipi di modulazioni (che determinano diversi tipi di velocità di trasferimento) MAC common part sublayer E' un protocollo connection-oriented Ciascuna SS è identificata da un indirizzo MAC universale a 48 bit Utilizzo di codifiche per la diagnosi e la correzione degli errori (è una cosa insolita in quanto di norma questa operazione avviene solo a livello 2) Capitolo XI 33/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

34 IEEE Caratteristiche dello standard di base Struttura point-to-multipoint a multi-celle create attraverso una stazione base con antenne direzionali Gamme di frequenza GHz 2-11 GHz (introdotte da IEEE a) Diversi schemi di modulazione in funzione della qualità del canale, che permettono velocità elevate con canali poco rumorosi, mentre velocità inferiori con canali più rumorosi Subscriber Station (SS) Base Station (BS) Subscriber Station (SS) Capitolo XI 34/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

35 IEEE Cenni alle fasi della comunicazione All'inizializzazione ogni SS deve attivare una serie di connection di servizio con la BS Una SS, quando deve trasmettere "dati", chiede banda alla SS per attivare una o più connection per il trasferimento di tali "dati" (in questa fase ci può essere contesa tra più SS e quindi collisione) Quando la richiesta di banda in contesa ha successo (= non si verifica la collisione) allora la stazione otterrà la propria banda dedicata Capitolo XI 35/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

36 IEEE & WiMAX Forum Associazione no-profit nata nel Giugno del 2001, formata da costruttori/fornitori di apparati wireless Per saperne di più... Obiettivo primario dell'associazione Promuovere e facilitare lo sviluppo e la diffusione di apparati wireless a banda larga basati sugli standard IEEE Aspetto fondamentale Garantire l'interoperabilità tra apparati di costruttori diversi (WiMAX Forum Certified ), attraverso una serie di test svolti in laboratorio Il logo di WiMAX Forum Capitolo XI 36/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

37 Wireless Personal Area Network (WPAN) Il caso Bluetooth Nel 1998 un gruppo di produttori (Ericsson, IBM, Intel, Nokia, Toshiba), interessati a sviluppare una tecnologia universale senza fili per collegare telefoni, cuffie telefoniche, computer tascabili, scanner, stampanti, PC, fax e altri apparecchi portatili, costituisce un SIG (Special Interest Group) chiamato Bluetooth Il nome Bluetooth viene scelto in onore del re danese Harald Blaatand II, detto Bluetooth, che unificò Danimarca e Svezia Bluetooth si afferma anche per realizzare piccole reti locali con velocità di trasmissione di 1 Mbps fino a 10 metri di raggio (=> concorrenza con IEEE ) Nel 1998 SIG Bluetooth pubblica la v. 1.0 delle specifiche tecniche Nel giro di poco tempo il gruppo di lavoro IEEE adotta Bluetooth v. 1.0 come punto di partenza per lo sviluppo di uno standard per le WPAN Nel 2002 viene approvato il primo standard PAN IEEE Nota sugli standard Bluetooth specifica l'intero sistema (dal livello fisico al livello applicativo) IEEE specifica solo i livelli 1 e 2 Il logo del SIG Bluetooth Capitolo XI 37/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

38 Bluetooth La struttura della rete L'unità di base è composta da una piconet (1 master + max 7 slave attivi situati in un raggio di 10 m.) Più piconet possono essere collegate tra loro attraverso un bridge per formare una struttura chiamata scatternet Sono possibili solo comunicazioni tra master e slave, ma non tra slave e slave L'accesso alla piconet viene gestito a divisione di tempo dal master (il quale decide quale dispositivo può comunicare in un dato intervallo temporale) S S S S M S M S S S Bridge S S Capitolo XI 38/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

39 Bluetooth Lo strato fisico (radio) Utilizzo della banda ISM (2,4 GHz) Trasmissione spread spectrum frequency hopping con cambi di canale al secondo La sequenza delle frequenze da utilizzare viene decisa dal nodo master Trasmissione con bassissima potenza (all'incirca 1 mw) L'utilizzo del canale wireless avviene a divisione di tempo Il master utilizza gli slot (di tempo) pari Gli slave, quando devono trasmettere, utilizzano gli slot (di tempo) dispari Capitolo XI 39/39 Copyright Ing. G. F. Rossi,

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System A.R.I. Sezione di Reggio Emilia presenta: Introduzione al sistema A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System *APRS è un marchio depositato da Bob Bruninga, WB4APR Copyright 2002-03 Alessandro Bondavalli

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 19 maggio 2015 Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 62 punti d accesso in tutta la città, una copertura di quasi 1,3 milioni di metri quadrati, con una tecnologia all avanguardia e una potenza

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless

Cos è ZigBee. Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Cos è ZigBee Specifica per un insieme di protocolli per la comunicazione wireless Basato sullo standard 802.15.4-2003 Wireless Personal Area Networks Settori d impiego: Automazione casalinga Domotica AMR

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

COMUNE DI TREVISO DIZIONARIO PER L USO E L ACQUISTO CONSAPEVOLE DEL CELLULARE

COMUNE DI TREVISO DIZIONARIO PER L USO E L ACQUISTO CONSAPEVOLE DEL CELLULARE COMUNE DI TREVISO DIZIONARIO PER L USO E L ACQUISTO CONSAPEVOLE DEL CELLULARE Settore Ambiente INDICE 1. Introduzione 1 2. L elettricità 3 3. Radiazione Infrarossa 5 4. Android 8 5. Bluetooth 11 6. Cell

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS MANUALE D USO RTSDOREMIPOS PROGRAMMA DI GESTIONE SCAMBIO IMPORTO E ALTRE FUNZIONI TRA APPLICATIVO GESTIONALE E POS INGENICO PER PAGAMENTO ELETTRONICO (prot. 17) Versione 1.0.0.0 INDICE INDICE... 2 LEGENDA...

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

EPICENTRO. Software Manual

EPICENTRO. Software Manual EPICENTRO Software Manual Copyright 2013 ADB Broadband S.p.A. Tutti i diritti riservati. Questo documento contiene informazioni confidenziali e di proprietà di ADB. Nessuna parte di questo documento può

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

QUADERNI CORECOM PIEMONTE

QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE. STUDIO SULL IMPATTO DELLA TELEFONIA CELLULARE E SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEL TELEFONINO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE.

Dettagli

MANUALE D USO. Modem ADSL/FIBRA

MANUALE D USO. Modem ADSL/FIBRA MANUALE D USO Modem ADSL/FIBRA Copyright 2014 Telecom Italia S.p.A.. Tutti i diritti sono riservati. Questo documento contiene informazioni confidenziali e di proprietà Telecom Italia S.p.A.. Nessuna parte

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli