D. M. Mc Dowell, The Law in Classical Athens, Ithaca, New York, Cornell U.P. 1978, Preface, p.8 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D. M. Mc Dowell, The Law in Classical Athens, Ithaca, New York, Cornell U.P. 1978, Preface, p.8 1"

Transcript

1 Parlare della famiglia in Grecia è tutt altro che semplice. In primo luogo, come ben noto, la Grecia classica (alla quale limiteremo queste considerazioni, salvo qualche riferimento, quando necessario, all eta arcaica) non era una nazione. Era un territorio sul quale esistevano diverse comunita politiche, le poleis, ciascuna delle quali era indipendente, autonoma e sovrana. Di conseguenza -anche se, come scrive Erodoto, tutti i greci rispettavano gli stessi costumi (ethe)- ciascuna polis aveva le sue leggi. E poiche non tutte le poleis avevano le stesse origini etniche, queste leggi erano spesso così diverse tra loro da indurre gli storici del diritto a chiedersi se sia possibile parlare di un diritto greco, o si debba parlare, piuttosto, di tanti, diversi diritti greci (tot iura quot civitates). Ma non è questa, ovviamente, la sede per affrontare questo problema: qui basterà ricordare in primo luogo che le poleis ioniche e quelle doriche concepivano i rapporti tra gli individui e lo Stato in modo cosi diverso che tra i costumi e le regole familiari delle une e delle altre vi era una distanza molto significativa. In secondo luogo, che al di là di questo, come ha osservato a suo tempo Douglas Mc Dowell, every city state has his own laws; no doubt there were similarities and some state copied laws from others, but we should never assume without evidence that any particolar rule was shared by two different states 1. Nelle pagine che seguono, dunque, non parleremo de la famiglia greca : anche se, come già detto, ci occuperemo solo dell epoca classica delle poleis (escludendo, dunque, sia la Grecia micenea, sulla cui organizzazione familiare non possediamo peraltro alcuna informazione, sia quella ellenistica), questo sarebbe impossibile. Parleremo, invece, de la famiglia in Grecia, dividendo l argomento in due sezioni dedicate rispettivamente alla città di Atene, come modello delle poleis ioniche (ovviamente, con le riserve sopra esposte a proposito del valore di questo e qualsiasi altro modello ), e a Sparta e a Gortina, le due uniche città doriche di cui è possibile tentare di ricostruire quantomeno le linee fondamentali della storia familiare. Ma prima di entrare nel merito del discorso è necessario un avvertimento: Atene, grazie al numero e alla qualità delle fonti arrivate sino a noi, è la sola polis le cui istituzìoni possono essere ricostruire con una certa completezza. Molto diversa, invece, la situazione per quanto riguarda Sparta e Gortina. Le informazioni su Sparta, infatti, oltre che sporadiche, non sono mai obiettive, in quanto 1 D. M. Mc Dowell, The Law in Classical Athens, Ithaca, New York, Cornell U.P. 1978, Preface, p.8 1

2 provengono o da ammiratori del sistema spartano, come Senofonte e Plutarco, o da autori anti-spartani come Aristotele: di conseguenza vanno valutate con grande cautela e attenzione critica. Le informazioni su Gortina, invece, provengono da una celebre e importante legge locale, ma purtroppo, al di là degli altri resti archeologici (la legge è iscritta su un edificio) sono l unica documentazione proveniente dalla città. Di conseguenza, non sappiamo nulla sulla vita reale della città, sul grado di applicazione delle regole giuridiche e sullo scarto che sempre esiste tra il rigore della regola formale, da un canto, e la mentalità e la pratica sociale, dall altro. E questo è un limite non da poco, se, come è inevitabile, si intende la storia come integrazione tra queste due diverse realtà. 2 Infine, prima di entrare nell argomento, e necessario ricordare che i termini greci per famiglia (oikos, oikia) hanno un valore semantico diverso da quello odierno. L oikos, infatti, è qualcosa di più composito di quel che noi chiaha questo termine (famiglia patriarcale, famiglia nucleare, famiglia mista o composta, famiglia di fatto). Per cominciare, infatti, come scrive Aristotele, gli oikoi comprendono anche la ktesis (vale a dire la proprietà) (Pol., I, 3, 1253 b 2-8). Inoltre, ogni oikos ha i suoi culti, che sono elemento importante ai fini di identificazione e coesione del gruppo. Infine, per quanto riguarda le persone, va ricordato che dell oikos fanno parte anche gli schiavi, che pur avendo capacità sacrale, dal punto di visto di giuridico non sono oggetti, ma oggetti di diritto, e dunque parte del patrimonio. L oikos insomma -secondo una felice definizione di U.E. Paoli- è un complesso di persone, di beni e di riti 3. Nelle pagine che seguono, tuttavia, per ovvie ragioni di praticità, tradurremo oikos con famiglia. 2 Vedi sul punto C.A. Cox, Household Interests, Property, Marriage Strategies, and Family Dinamics in Ancient Athens, Princeton, 1998, Introduction, pp XIII.XIV e Davies, The Gortyn Laws,.in M: Gagarin, D.Cohen (eds.), The Cambridge Companion to Greek Law, Cambridge University Press, 2005, pp U.E. Paoli, voce Famiglia (diritto attico), in Novissimo Digesto Italiano VII, Torino, UTET, 1961, pp (vedi p. 36). Sul difficile problema di rendere in termini moderni il semantico di oikos e i conseguenti problemi posti dal tentativo di descrivere la famiglia in Grecia vedi a lungo, più recentemente, S.B. Pomeroy, Families in Classical and hellenistic Greece. Representations and Reality, Oxford, Clarendon Press 1997 ( cap.1: Defining the Family,pp.1-65 ); C.A. Cox, Household Interests, Property, Marriage Strat gies, and Family Dinamics in Ancient Athens, cit., pp ) e S. Ferrucci, L oikos nelle leggi della polis. Il privato ateniese tra diritto e società, in Etica & Politica/Ethics and Politics IX, 2007, pp Per una ampia discussione della recente bibliografia sui rapporti familiari vedi C, Patterson, The Family in Greek History. Cambridge, MA and London 1998, pp,

3 La famiglia ad Atene. Il modo migliore per capire la famiglia ateniese, ancor prima di esaminare le norme giuridiche che la regolavano, è leggere quel che ne scrive Aristotele. La famiglia infatti è l elemento centrale del progetto politico del filosofo stagirita, che ad essa dedica una grande attenzione, svolgendo considerazioni molti importanti per capire il modello dei rapporti familiari da lui proposti ai suoi concittadini. Dopo aver definito l uomo come animale politico (politikon zoon), Aristotele scrive che ogni polis è composta di oikiai, termine usato a volte come in questo caso- quale sinonimo di oikos, altre volte per indicare la casa in quanto edifici). E quindi aggiunge che le oikiai, a loro volta, sono costruite intorno a tre rapporti fra individui: quello tra padrone e schiavo, quello tra marito e moglie, e quello tra padre e figlio. (Pol. I, 1153 b2-8). Poiché, di questi tre rapporti, quello tra marito e moglie è quello da cui nasce e su cui si basa la perpetuazione della famiglia cominciamo con l analisi di quanto dice Aristotele sui rapporti tra i coniugi, sia nella Politica sia nell Etica Nicomachea. Per tutto quanto riguarda la celebrazione del matrimonio e i suoi effetti giuridici rinviamo invece all articolo matrimonio. a) Gli esseri umani, dice il filosofo, sono naturalmente portati ad accoppiarsi non solo per riprodursi, come gli animali, ma anche per rendere la loro vita più piacevole, organizzando il lavoro e dividendo i beni. Per questa ragione è al tempo stesso utile e piacevole che tra marito e moglie esista una relazione affettiva, qui come altrove indicata con il nome di philia, uno dei due termini che i greci usavano, insieme a eros, per descrivere l amore. Per capire come avrebbero dovuto essere i rapporti fra coniugi secondo Aristotele, dunque, bisogna capire la diversità tra questi due amori. E la differenza è veramente notevole: eros, infatti, era l amore passionale, che nasceva quando un dio -Eros, appunto, giovane e irruento figlio di Afrodite- colpiva la vittima con una delle sue frecce, che provocavano un immediato, irresistibile e insaziabile desiderio sessuale. La philia invece (termine che molto significativamente comprendeva anche l amicizia) 4 era un sentimento, come dice Aristotele, diverso a seconda che fosse basato sull uguaglianza, come la philia fra amici, o sulla 4 Vedi D. Konstan 199, Frienship in the classical World, Cambridge

4 superiorità, come la philia tra padre e figlio, tra marito e moglie, e tra governati e governati (Eth. Nic.,VIII, 1158 b ff.). Quando indicava il rapporto tra marito e moglie, dunque, la philia corrispondeva a un sentimento che oggi chiamiamo amore: ma non era certamente l amour passion. Era un sentimento tranquillo, pacifico, necessario all armonia dell oikos, la cui natura era ovviamente legata all idea che, tra le due persone che la provavano, vi fosse un inferiore (ovviamente la moglie) un superiore (ovviamente il maschio). Il maschio scrive esplicitamente Aristotele, a proposito del rapporto coniugale- è più adatto al comando della femmina, tolte alcune eccezioni contro natura. 5 Di conseguenza, il marito ha sulla moglie l autorità dell uomo di Stato : ma mentre l autorità dell uomo di Stato comporta un alternanza di comando fra i cittadini, nel rapporto uomo-donna non c è alternanza: nella relazione del maschio verso la femmina l uno è per natura superiore, l altra è comandata, ed è necessario che fra tutti gli uomini sia proprio in questo modo. (Pol., I, 12,1259 b). Non meno importate, per capire i rapporti coniugali, quanto si legge nell Etica Nicomachea, ove, dopo aver tracciato un parallelo tra costituzioni politiche e strutture familiari, Aristotele spiega che la comunità tra marito e moglie è di tipo aristocratico, in quanto il marito esercita l autorità conformemente al suo merito, e nell ambito in cui è lui che deve comandare. Quale fosse l ambito in cui il comando spettava alla moglie non è peraltro specificato (Eth. Nic., VIII, 10, 1160 b). 6 Questo il modello dei rapporti coniugali secondo Aristotele. Corrispondeva o non corrispondeva alla realtà? L analisi delle norme sociali e giuridiche ateniesi sembra dare risposta positiva. b). Le regole del diritto sancivano senza alcuna possibilità di dubbio l asimmetria del rapporto coniugale. A darne un idea sembra sufficiente ricordare che ad Atene il matrimonio era monogamico, ma solo le mogli erano tenute alla fedeltà sessuale. Ai mariti, infatti, era concesso, senza conseguenze di carattere penale e senza biasimo sociale, avere incontri e 5 Solo il marito, tra l altro, e non la moglie, possiede nella sua pienezza il logos e quindi la capacità di deliberare; la moglie, in quanto donna, possiede una ragione minore e imperfetta, incapace di controllare la sua parte concupiscibile: anche se non le manca del tutto la parte deliberante, la possiede senza autorità. (Pol., I, 13, 1260 a) 6 Nel rapporto tra padre e figlio:, invece, il padre ha l autorità di un re (e non di un magistrato) (Pol., I, 12, 1259 a). Come tale, dunque, non è di tipo dispotico: la tirannide infatti è una degerazione del regno, perchè il tiranno persegue il bene suo personale, e non quello dei sudditi, come fa il re, e come fa il padre nei confronti dei figli (Eth.Nic.,VIII, 10, 1260 b). 4

5 relazioni con più di una donna (per non parlare delle eventuali e frequenti relazioni con i paides). Come si legge in un celebre passo attribuito a Demostene (PsDem., c. Neaer., 122), un ateniese poteva avere tre donne: una moglie (damar) per la procreazione di figli legittimi, una concubina (pallake) per la cura del corpo (espressione ambigua, che allude alla possibilità di una relazione paraconiugale, con conseguente possibilità di rapporti sessuali regolari, se non quotidiani), e una compagna, etera (hetaira) per il piacere (l etera era una prostituta di alto livello, che accompagnava un uomo anche nelle occasioni sociali cui la moglie, come tutte le donne perbene non era ammessa). Massima libertà per il marito, dunque: nessuna libertà, invece, per la moglie. La eventuale infedeltà di questa, infatti, rientrava nel reato detto moicheia, abitualmente tradotto adulterio, ma assai più vasto del comportamento oggi così definito, in quanto includeva qualunque rapporto sessualo intrattenuto da una donna fuori del matrimonio, anche se nubile o vedova. I confini amplissimi di questo reato risultano da una legge di Draconte, del a.c., che dopo aver previsto le pene per l omicidio, aveva previsto alcuni casi, tassativamente elencati, nei quali l omicidio non veniva punito, perchè considerato legittimo (dikaios); 7 e uno di questi casi era quello dell uomo che sorprendeva nel proprio oikos un altro uomo (definito moichos) nel momento in cui aveva un rapporto sessuale con la di lui moglie, madre, figlia, sorella, o concubina libera 8. La moicheia, dunque, era un crimine che comprendeva qualunque rapporto sessuale intrattenuto da un ateniese con una delle donne che appartenevano al gruppo familiare di un altro cittadino, ivi compresa la concubina, che pur non essendo parte di questo gruppo dal punto di vista giuridico, vi apparteneva socialmente e affettivamente. 9 7 Della legge, databile al a.c., ci è giunto per via epigrafica una parte del testo ripubblicato nel dagli angrapheis, oggi conservato al Museo Epigrafico di Atene, pubblicato da Ronald Stroud nel La parte del testo che riporta questa disposizione è illeggibile sulla stele ritrovata, ma è riportata da Dem A partire dal 1984, D. Cohen ha messo in discussione questa definizione del reato di moicheia, sostenendo che esso si realizzava solo nel caso di rapporto con moglie altrui (D. Cohen, The Athenian Law of Adultery, in RIDA 31, 1984, 147 sgg., ID. The social context of adultery at Athens, in Law, sexuality and Society, Cambridge, 1991). Contra vedi E. Cantarella, Moicheia, reconsidering a Problem in Symposion. 1990, Papers on Greek and hellenistic Legal History, ed. by M. Gagarin, Koeln, Weimar, Wien 1991, 289 ss), e quindi I reati sessuali nel diritto ateniese. Alcune considerazioni su moicheia e violenza sessuale, in Studi in onore di M. Talamanca, Jovene, Napoli, 2002, pp Sulla stessa linea C. Carey, Rape and Adultery in Athenian law, in The Classical Quartely 45, 2 (1995) 4O7 sgg; D. Ogden, Greek Bastardy in the classical and hellenistic Period, Oxford, 1996, cap. 3, con modifiche in Rape, Adultery and the Protection of Bloodlines in classical Athens, in S. Deacy-K. Pierce (eds), Rape in Antiquity, Sexual Violence in the Greek and Roman World, London, 1997, p. 25 sgg. (in particolare p. 27). e 5

6 Ma qual era il bene giuridico tutelato dalla moicheia? Indiscutibilmente, la certezza della paternità. Ma non solo questa: la moicheia metteva in gioco anche un altro bene di fondamentale importanza, per un ateniese, vale a dire il suo onore (timè), strettamente legato -come del resto in altre culture, anche moderne- all integrità sessuale delle donne del gruppo. A dimostrarlo con assoluta evidenza sta, ancora nel IV secolo a.c., l orazione di Lisia in difesa di Eufileto. Accusato di aver ucciso Eratostene, amante di sua moglie, Eufileto si difende sostenendo di aver ucciso in ossequio alle leggi della città, che gli imponevano di punire colui che, come gli dice. ha commesso moicheia su mia moglie, la ha corrotta (diephtheire) e ha svergognato me e i miei figli, entrando nella mia casa. La moicheia, dunque, era ancora percepita, nel IV secolo, come un atto che offendeva in primo luogo non la donna (considerata corrotta), ma il marito o l uomo cui spettava il diritto di controllare le sua vita sessuale. 10 E quanto questo oltraggio all onore fosse grave è confermato dal fatto che, quando non era commessa nelle circostanze che giustificavano il phonos dikaios del moichos, (vale a dire la sorpresa in flagranza, all interno dell oikos), questo reato poteva essere perseguito con una un azione pubblica (graphe) esperibile da qualunque cittadino ateniese (Aristot., Ath. Pol., 59, 3), che poteva concludersi anche con la condanna a morte. 11 Alla luce di quanti sin qui visto, il reato di moicheia e le regole della sua repressione si rivelano una chiave fondamentale per comprendere l ideologia e le dinamiche familiari, sia nel diritto sia nella società ateniese, dall inizio della storia della polis sino al momento in cui essa si avvia al tramonto. R Omitowoju, Regulating Rape: Soap operas and self-interest in the athenian Courts, in S. Deacy- K. Pierce (eds.), Rape in Antiquity, cit., p. 1 sgg. (in particolare pp.14-16). 10 Vedi ampiamente, sul punto, E. Cantarella, I reati sessuali nel diritto ateniese. Alcune considerazioni su moicheia e violenza sessuale, cit. pp Una legge riportata nella pseudodemostenica contro Neera (c. Neaer., 87), inoltre, obbligava il marito a ripudiare la moglie sorpresa con il moichos, pena la atimia, e vietava alla donna di presenziare alle cerimonie del culto pubblico. Se vi presenziava, poteva subire la pena scelta da chi la aveva sorpresa, tranne la morte. Su tutto questo, vedi di nuovo E.Cantarella, I reati sessuali nel diritto ateniese, cit. 6

7 Il patrimonio: parentela e successioni. Oltre a rapporti personali tra gli appartenenti al gruppo, la polis si preoccupava di regolare anche la sorte del patrimonio familiare, garantendo che, nel momento in cui moriva il titolare di un kleros, questo non finisse in mani estranee, ma rimanesse all interno del gruppo. La successione, infatti (che dal punto di vista patrimoniale, comportava l acquisto dei beni materiali immobili e mobili del de cuius, nonchè l acquisto dei suoi crediti e i suoi debiti), non era un fatto solamente economico: chi ereditava subentrava anche nella titolarità dei culti familiari, considerati un importate elemento di coesione tra gli appartenenti al gruppo, ed era tenuto ad assicurarne la continuità Per questa ragione, dunque, si riteneva necessario che, alla morte del de cuius, il kleros venisse ereditato all interno delle cerchia dei parenti in linea sia maschile che femminile entro il sesto grado, detta anchisteia ( Isae., de Hagn., 11; ps.dem. Macart., 51). Per questa ragione, originariamente non era prevista la possibilità di fare testamento, che venne concessa solo da Solone, e solo a chi non aveva figli legittimi. All interno del gruppo degli anchisteie, l ordine dei successibili, (vale a dire le categorie di persone cui, nell ordine, spettava l eredità) era il seguente. 12 1) I figli maschi legittimi, naturali o adottivi (Isae., de Philokt., 25), tra cui il patrimonio era diviso per quote. In presenza di maschi, alle figlie femmine, a compensarle dalla loro esclusione dall eredità, veniva di regola assegnata una dote. Per questo esse erano dette epiproikoi (da proix, dote). 2) Le figlie femmine, in questo caso dette epikleroi. Queste peraltro non ereditavano personalmente, erano solo il tramite per trasmettere il patrimonio ai loro figli maschi, e al fine di evitare che il patrimonio finisse in mani estranee il diritto ateniese stabiliva che esse dovessero sposare il parente più stretto in linea maschile (normalmente il fratello del padre). 3) gli ascendenti, la cui inclusione nell elenco dei successibili è peraltro controversa, perchè la legge che lo riporta nell orazione pseudodemostenica contro Macartato (par. 51) non li cita. Ma poiché questa legge non cita neppure i figli maschi, parte della scholarship ritiene che vi fossero inclusi Cfr.Harrison, The Law of Athens, I,. p. 123 C.A. Cox, Household Interests, Property, Marriage Strategies, and Family Dinamics in Ancient Athens, cit, p L ipotesi della inclusione degli ascendenti tra i successibili è stata avanzata da U.E. Paoli, L anchisteia nel diritto successorio attico, in Studia et Documenta Historiae et Iuris 2, 1936, 77 ss. = Altri studi di diritto greco e romano, Milano 1976,pp. 323 ss.,e ripresa da A..Biscardi, La successione legittima degli ascendenti nel diritto ereditario panellenico: uno spunto epigrafico del VI o V secolo a.c:, in A. Biscardi, Scritti di diritto greco, a cura di E. Cantarella e A. Maffi, 7

8 4) In mancanza di figli e di ascendenti (ammesso che questi facessero parte dell orine dei successibili) una parte, anche se minoritaria della scholarship ritiene che l eredità spettasse ai figli illegittimi (nothoi). La c posizione dei nothoi peraltro, negli ultimi anni ha sollevato molte controversie. legate alla interpretazione di una legge attribuita a Solone e riportata in Aristofane, (Aristoph., Av., ). Secondo alcuni infatti da questa legge stabilirebbe che in mancanza di figli legittimi l eredità passava sempre e comunque ai parenti collaterali; 14 secondo altri che i nothoi dividevano l eredità con i collaterali, 15 e secondo altri, ancora, che i nothoi prevalevano sui collaterali. 16 5) Al di là di questa controversia, il grado ulteriore dei successibili era composto dai collaterali nel seguente ordine: a) i fratelli dello stesso padre e i loro discendenti; b) le sorelle dello stesso padre e i loro discendenti; c)gli zii paterni, e i figli e i figli dei figli di questi; d) le zie paterne con i loro figli e i figli dei figli; e) i great uncles paterni con figli e nipoti)); i fratelli della stessa madre e i loro discendenti; f)le sorelle della stessa madre e i loro discendenti; gli zii materni e i loro figli e nipoti; g) le zie materne e i loro figli e nipoti, h) i prozii (great uncles) materni con figli e nipoti; i) le prozie (great aunts) materne con figli e nipoti Con i collaterali sin qui elencati terminava il gruppo dei parenti inclusi nella anchisteia, a proposito dei quali, peraltro, va ricordato che l appartenenza a questo gruppo non aveva importanza solo ai fini ereditari: La anchisteia infatti segnava anche il limite entro il quale valeva la solidarietà familiare, e dunque gli anchisteis avevano da un canto il Milano, 1999, pp Tra i sostenitori della tesi opposta vedi Lipsius, das Attishe Recht und Rechtsvervahren, Leipzig , ristampa Hildesheim 1966, 2.2.,p. 537 ss.e in tempi meno lontani Jones, Law and legal Theory of the Greeks, Oxford 1956.p.191 ss. e Lacey, The Family in classical Greece, London. Southamptiopn 1968, p. 125 ss. Esèprime invece molte incertezze in proposito Harrison, p.138 ss. 14 D. Lotze, Zwishen Politen und Metoechen: Pâssivbuerger im klassichen Athen? in Klio 63 (1981), pp , in particolare pp , in particolare pp Harrison, I, Cantarella, 1997, Al di là di queste controversie, comunque, è opinione generale è che la legge di Solone diede inizio a una processo di discriminazione dei nothoi (cfr.ad esempio, a distanza di molti decenni, H. J. Wolff, Marriage Law and family Organisation in ancient Athens, in Traditio 2,1944, 43-95, e C. Patterson, Those Athenian Bastards, in Classical Antiquity, 9,1 (1990) 39-73;. e Perikles Citizenship Law of , Salem, Mass.,1981). Questo processo terminò con la loro totale esclusione attorno alla metà del V secolo, forse nel 403 (Dem., c. Macartat., 50-51). 8

9 dovere di esperire l azione di omicidio nel caso un membro del gruppo venisse ucciso (l azione per omicidio ad Atene era un azione privata, esperibile solo dai parenti dell ucciso), dall altro il potere di concedere il perdono a chi veniva accusato di aver ucciso un membro del gruppo, consentendo all omicida di evitare la pena dell esilio, prevista per questo reato. 17 Gli anchisteis inoltre erano tenuti a costituire la dote alle ragazze da marito appartenenti al gruppo cui i genitori non potevano fornirla, e a seppellire gli altri anchisteis. I maschi del gruppo, infine, avevano il diritto-dovere di sposare la epikleros (Pomeroy p. 19). E infine, per chiudere il discorso sui successibili: in mancanza di anchisteis (ipotesi peraltro assai improbabile) l eredità spettava al parente più vicino in linea paterna (c. Macart.,51). 18 Filiazione legittima e cittadinanza. L ultimo problema che è necessario affrontare quello più importante per capire il rapporto tra la famiglia e la polis, è legato alla interpretazione del decreto di Pericle, che nel 450 a.c. stabilì che la cittadinanza spettava solo a chi nasceva kata tous nomous (secondo la legge).l interpretazione di questa legge, infatti, ha diviso e continua a dividere la scholarship: secondo alcuni, infatti, questa legge avrebbe escluso i nothoi dalla cittadinanza; 19 secondo altri, invece, avrebbe consentito loro, per la prima volta, di essere cittadini. 20 La risposta al quesito non è facile: poiché la cittadinanza dipendeva, sino al tempo di Clistene, dalla appartenenza alla fratria, e dopo quell epoca dalla appartenenza al demo, questa risposta dipende dalla identificazione i criteri per l ammissione alle frarie e ai demi. E a complicare la questione, interviene anche il fatto che lo stesso concetto di nothoi è controverso. Secondo alcuni infatti il termine nothoi indicherebbe non solo i figli nati fuori dal matrimonio,, ma anche quelli nati da una madre straniera (Carlier). La ragione principale di questa e altre controversie legate al matrimonio dovuta alle diverse interpretazioni del famoso decreto di Pericle del a. C., noto come la legge sulla cittadinanza., secondo il quale, a partire da quel momento, non sarebbero più stato cittadino ateniese chi 17 La possibilità di ottenere il perdono, peraltro, era concessa solo a chi era stato accusato di omicidio involontario, mentre era esclusa er l omicidio volontario, punito con la pena di morte 18 S.B. Pomeroy, Families in Classical and hellenistic Greece. Representations and Reality, cit., p Wolff, Humphreys, Rhodes, Patterson, Lotze e Maffi and Ogden e Maffi 20 Latte, Mac Dowell, Hignett, Walters, Cantarella 9

10 nasceva padre ateniese, come sino a quel momento, (Aristotle, Ath. Pol. 42,1-2; Cf. Aristotle, Pol.s 1278 a and 131 b 8-10), ma solo chi era nato anche da madre cittadina (ex amphoteriìon aston gegonotos). Alcuni studiosi infatti ritengono che questo decreto comportasse, implicitamente, il divieto di sposare una donna straniera, reso esplicito nel 403, quando il decreto di Pericle fu riconfermato. Secondo altri, invece, Pericle non proibì di sposare una straniera, e dunque tra il e il 403 figli nati da legittimo matrimonio con una straniera sarebbero statio nothoi. (Carlier,) La famiglia nelle città doriche : Sparta e Gortina. Come abbiamo già accennato, ricostruire le linee del sistema familiare di queste due città è tutt altro che facile. La conoscenza delle istituzioni spartane, lo abbiamo detto, dipende da fonti ideologiche, a seconda dei casi favorevoli (nel caso di Senofonte e Plutarco), in altri sfavorevoli (nel caso di Aristotele). E le informazioni su Gortina, pur provenendo dalla città stessa, sono ugualmente ideologiche. Esse consistono infatti esclusivamente in una serie di norme di legge, e le leggi, ovviamente, sono per definizione il prodotto di una scelta ideologica. Esse codificano le regole di comportamento che il legislatore ritiene opportune o necessarie, ovvero pericolose o intollerabili: in altre parole descrivono quello che dovrebbe essere il comportamento dei cittadini, ma non dicono nulla sul comportamento reale. In mancanza di altre fonti, pertanto (e a Cortina,purtroppo, non esistono altre fonti) non è possibile sapere se e quanto questa ideologia fosse condivisa, e dunque se e sino a che punto le regole venissero rispettate. Ma questo non toglie che la Grande Epigrafe di Gortina, che ci ha restituito queste leggi, sia un documento senza uguali, che consente di conoscere in modo organico interi pezzi di un sistema giuridico Nella trattazione che segue, dunque, cercheremo di usare le fonti su Sparta e quelle gortinee, per ragioni diverse, con la massima cautela. Che non impedirà, tuttavia -pur avendo sempre presente il principio tot iura quot civitates- al punto di negare ogni rilevanza delle regole gortinie ai fini della comprensione del sistema spartano, o quantomeno delle sue linee generali. Come ha fatto, tra gli altri, del resto, nel suo manuale sul diritto spartano, lo stesso Macdowell, cui si deve l avvertenza a non desumere 10

11 dalle regole attestate con certezza in una città l esistenza in un altra della stessa regola. 21 Sparta. La prima considerazione da fare, a proposito della famiglia a Sparta, è la particolarità del rapporto pubblico/privato in quella città, della quale è facile rendersi conto a partire dalle prime regole in materia, che la tradizione attribuisce a Licurgo. Questo leggendario legislatore, infatti, avrebbe introdotto un sistema educativo secondo il quale i figli dei cittadini (vale a dire gli Spartiati) non venivano educati in famiglia, ma dallo Stato. Secondo il racconto di Plutarco, più precisamente (Vite parallele, Vita di Licurgo, 16), i bambini, appena nati, venivano esaminati dagli anziani. Se questi li trovavano malato o deformi li abbandonavano sul monte Taigeto; se invece li trovavano di costituzione sana e robusta assegnavano per il loro mantenimento uno dei novemila lotti in cui la terra era stata divisa. Non appena avevano raggiunto l'età di sette anni, poi, i ragazzi lasciavano la famiglia e andavano a vivere in gruppi (agelai), ove vivevano in comunità, e sotto la guida di un ragazzo più grande imparavano ad affrontare le difficoltà. Rasati a zero, abituati a camminare scalzi e a giocare nudi, essi imparavano a stento a leggere e scrivere: l obiettivo principale della educazione spartana infatti era quello creare i migliori dei soldati. Infine, a vent'anni, i giovani Spartiati diventavano ireni (eirenes), e cominciavano ad addestrare alla guerra i più giovani. Come osserva non senza ragione Plutarco, insomma, a Sparta i figli non erano possesso privato dei patri, ma comune dello stato (Plut., Lyc., 15, 8). E Senofonte conferma: nelle altre poleis ogni padre esercita il controllo sui suoi figli. Licurgo invece diede a ogni uomo l autorità sui suoi figli e su quelli degli altri (Xen., Lac. Pol., 6,1) Non meno invadente, se vogliamo usare questo termine, era l ingerenza dello Stato nella vita coniugale degli Spartiati: a prescindere dal fatto che il matrimonio era obbligatorio, e che chi rifiutava di sposarsi poteva essere colpito da atimia, (Plut., Lyc. 15, 1-2) i mariti, a partire dai trent anni (età in cui acquistavano il diritto di voto nell'apella, vale a dire l assemblea) e sino a quando non avevano raggiunto i sessanta (età nella quale cessavano gli obblighi militari), erano tenuti a partecipare tutte le sere, insieme agli 21 D.M.Macdowell, Spartan Law, Edinburgh, In materia di matrimonio, più specificamente, al diritto di Gortina ha fatto ricorso C Leduc, Marriage in ancient Greece, in P. Schmitt Pantel (ed.), A History of Women in the West, I, Cambridge Mass.,1952, pp

12 altri uomini ai banchetti comuni, detti sissizi (syssitia). Lo spazio lasciato alla vita personale, dunque, era limitato, e quello dedicato ai rapporti sessuali, quantomeno in teoria, era controllato. Secondo quanto racconta Senofonte, Licurgo, avendo notato che la possibilità di avere rapporti sessuali senza limite diminuiva il desiderio, avrebbe imposto ai giovani sposi delle restrizioni: i figli nati da queste unioni infatti -egli riteneva- erano più forti e vigorosi di quelli nati da coniugi reciprocamente ormai sazi. 22 Forse per aumentare il reciproco desiderio, dunque, lo sposo, come racconta Plutarco, dopo la cerimonia nuziale lasciava la moglie per partecipare al sissizio, e consumava il matrimonio solo al ritorno, prima di tornare dai compagni, con cui passava la notte (Plut., Lyc., 15, 3-5). Ulteriore prova della prevalenza degli interessi cittadini su quelli familiari sta nella pratica di scambiarsi le donne per aumentare il numero dei figli. In un passo delle vite di Licurgo e Numa (Lyc-Numa, 3, 1) Plutarco scrive che ambedue questi personaggi con una sana politica, convinsero i mariti a liberarsi da egoistiche gelosie. Tuttavia, i loro metodi non erano uguali: se un marito romano aveva un numero sufficiente di figli, un altro, che non aveva figli, poteva convincerlo a lasciargli sua moglie, a tutti gli effetti, o solo per una stagione; il marito spartano, invece, al fine di avere figli, poteva consentire a un altro uomo di dividere con lui sua moglie, mentre sua moglie rimaneva nella di lui casa e il matrimonio manteneva i suoi diritti e i suoi doveri originari. Anche se il passo ha dato luogo a molte discussioni, queste riguardano soprattutto la possibilità che anche i romani usassero ricorrere alle mogli altrui per procurarsi una prole. 23 Che lo facessero gli spartani, infatti, è cosa che trova conferma in Senofonte 24, e che oggi viene comunemente 22 Xen., Lac.Pol., 14, 1. Osserva S.B. Pomeroy, a proposito di questo passo, che Senofonte, vissuto a Sparta per oltre vent anni, e legato anche successivamente da forti rapporti con la cittàla nostra fdonte più attendibile sulla famiglia spartana (S.B. Pomeroy, Families in Classical and Hellenistic Greece. Representations and Reality, cit., p Vedi Y. Thomas, Le ventre. Corps maternel, droit paternel, in Le genre humain» 14 (1986) 211 sgg. Vedi anche, dello stesso autore, A Rome, pères citoyens et cité des pères (II siecle avant JC-III siecle après J.C), in C. Levy Strauss- J.Duby (a cura di), Histoire de la famille, I, Paris, 1986, p. 216 sgg. ; E. Cantarella, Marriage and Sexuality in Republican Rome, in M. C. Nussbaum and J. Sihvola (eds), The Sleep of Reason, The University of Chicago Press, Chicago-London, 2002, pp , trad.ital. Matrimonio e sessualità nella Roma repubblicana. Una storia d amore coniugale, in Bullettino dell Istituto di Diritto Romano 100, 2002, 24 Xen., Lac. Pol., 1, Torna sul tema anche Plut., Lyc., XV,

13 considerata un fatto storico. 25 Infine in Plutarco leggiamo che a Sparta non esistevano né adulterio né violenza sessuale (Lyc., 15, 9-10), e secondo alcuni questo potrebbe significare che non esistevano leggi in materia. 26 Ma nulla fa pensare che Plutarco alluda alle leggi. In questo caso si tratta di una evidente idealizzazione della famiglia, e in particolare delle donne spartane, forse dettata dal desiderio di contrastare il luogo comune ateniese (esplicitamente avallato da Aristotele (Pol. II, 1269 b), secondo cui le donne spartane erano licenziosissime, e la mancanza di regole relative al loro comportamento avrebbe determinato un disequilibrio nella costituzione della città che avrebbe concorso anche a fomentare l avidità di denaro. Queste, nelle descrizioni delle principali fonti su Sparta, le linee (e l ideologia) della organizzazione familiare spartana, che per quanto ne sappiamo immutate per secoli. Ma Senofonte si interroga in proposito: io non so se queste leggi sono rimaste in vigore dice- perchè oggi sono spesso disobbedite (Xen., Lac. Pol., 14,c1). Come detto inizialmente, le informazioni su Sparta, per la loro scarsità e la loro mancanza di obiettività, impediscono di credere alla lettera a tutto quello che riferiscono. Ma al di là di dettagli che sembrano chiaramente riflettere una realtà idealizzata (ad esempio, il controllo dello stato, ora per ora, sulla prima notte di nozze) esse sono tuttavia sufficiente a dare il quadro di un organizzazione familiare che ha ben poco in comune con quella ateniese, in quanto, come gia detto, ispirata a un idea totalmente diversa dei rapporti pubblico/privato e dei diritti e doveri dei cittadini. Una diversità, questa, che si riflette anche sulla organizzazione e la regolamentazione della proprietà familiare. Nonostante la difficoltà di individuare le informazioni attendibili all interno di descrizioni spesso fantasiose, sembra plausibile, in primo luogo, la notizia secondo la quale Licurgo avrebbe assegnato a ciascun cittadino, al momento della sua nascita, un appezzamento di ugual misura della terra che Sparta aveva conquistato sottomettendo la Messenia. A coltivare questa terra provvedevano gli Iloti, vale a dire i Messeni sconfitti, divenuti servi pubblici di Sparta, tenuti a versare una quota del prodotto all attuale possessore del kleros. Ciascun sarebbe stato tale da produrre una rendita di 70 medimni di barley per ogni uomo e 12 per sua 25 Vedi già in questo senso W.K. Lacey, The Family in classical Greece, Ithaca, New York, Cornell Univ. Press p Pomerpy, p.56 13

14 moglie, nonché quantità proporzionali di tutti gli altri prodotti. (Lyc., 8). 27 Dalle informazioni a noi giunte, non risulta se la terra fosse assegnata anche alle donne. Secondo alcuni, esse ne sarebbero state escluse 28 Ma Aristotele dice che quasi due quinti della terra appartenevano alle donne, sia perchè ci erano molte patroukoi (l equivalente delle epikleroi ateniesi) sia perchè si usava dare doti molto ricche (Pol., 1270 a 23-5), sia perchè la ricevevano in dote, 29 E questo induce dei dubbi sia sul fatto che non ne venissero fornite alla nascita, sia sulla notizia, data sempre da Plutarco, che alla morte di colui al quale il kleros era stato assegnato esso tornava allo Stato, per essere ridistribuito. Inoltre, sappiamo che che nel IV secolo a.c. gli spartiati potevano disporre del loro patrimonio, inclusa la terra, sia inter vivos sia mortis causa. (Plut., Agis, 5, 1, 3-4). Le incertezze, concludendo, sono molte. Quel che risulta con evidenza, tuttavia, è la maggior ingerenza dello stato, che ovviamente si traduceva in limitazioni ai poteri dei possessori del kleros. Il fatto, tuttavia che in un momento che non possiamo precisare sia stato consentito di disporre del kleros anche per testamento dimostra un progressivo ampliamento dell autonomia delle famiglie rispetto allo stato. b) Gortina. A differenza delle donne ateniesi, che non partecipavano all eredità paterna (ma avevano diritto solo a una dote), le donne gortinie vi partecipavano, anche se in condizioni di inferiorità rispetto ai figli maschi. A questi infatti, era riservata una serie di beni, sulla cui precisa individuazione si discute (ma tra i quali rientravano certamente, ad esempio, le case di città). Il resto era diviso in tre parti, due delle quali 27 Successivmente, per eliminare tutte le disuguaglianze e i contrasti, avrebbe tentato di dividere anche i beni mobili, ma si sarebbe accorto della ostilità che questa misura avrebbe suscitato, per cui avrebbe rinunciato e, per contrastare la loro avidità (greed), sarebbe ricorse ad altre misure in conseguenza delle quali, comunque (?) i più ricchi non avrebbero avuto modo di godere delle loro ricchezze, perchè non c era outlet per esse, e avrebbero dovuto tenerle nei loro depositi domestici.lyc.,9) 28 Pomeroy, p Anche a proposito della dote le fonti sono contraddittorie. Scrive infatti Plutarco (Plutarch, Moralia ) che per evitare che le donne povere restassero nubili era proibita la dote. Secondo MacDowell, la contraddizione tra i due testi dimostrerebbe che i padri non rispettavano la legge (MacDowell, 1987, 82). 14

15 andavano ai maschi e una delle quali era divisa tra le femmine, indipendentemente dal loro numero (IV, 31-48). Pur non equiparate ai fratelli (come le donne romane, ad esempio), le donne di Gortina, dunque, alla morte del padre acquistavano una certa autonomia patrimoniale, come dimostrano, a Gortina, le norme che regolavano il matrimonio della patroiochos, vale a dire l equivalente della epikleros ateniese Ma le norme che regolavano la vita e i diritti ereditari delle ereditiere gortinee erano diverse da quelle ateniesi. Le linee della IV colonna, infatti, stabilivano che se la ereditiera non voleva sposare il parente più stretto (ho epiballon), poteva evitarlo versando al pretendente respinto una compensazione patrimoniale, tenendo per sé la casa di città e la metà degli altri beni. Una regola che, indiscutibilmente, segnala un rispetto per la volontà delle donne del tutto ignoto al diritto degli ateniesi. Ma per tentare di avere un quadro quanto più possibile ampio della condizione femminile a Gortina è necessario dedicare attenzione a un argomento assolutamente fondamentale per capire questa condizione, vale a dire i reati sessuali. La regolamentazione di questi reati, infatti, a Gortina come altrove (e in ogni tempo) è una delle spie più chiare e significative della mentalità di chi ha dettato le regole in materia di rapporto fra i sessi, e solo a partire dalla loro individuazione è possibile capire quale ruolo siadato ammesso che un ruolo venga dato al consenso femminile, e cosa si intenda per violenza sessuale. Quali erano, dunque, i comportamenti considerati reati sessuali a Gortina? Il primo di essi era la moicheia, negli ultimi anni oggetto di molte ricerche, peraltro dedicate pressoché esclusivamente ad Atene. Poca attenzione, invece, è stata data alla moicheia a Gortina, nonostante la Grande Epigrafe offra informazioni assai più ampie e dettagliate di quelle fornite dalle fonti attiche (e, come vedremo, aiuti a risolvere alcuni problemi lasciato aperti da questa- 1 PLUT., Sol., 20,4. 2 DEM., c. Macart., 59. (05 15

16 ai paragrafi della II colonna della Grande Epigrafe, si legge: se qualcuno è sorpreso mentre commette moicheia su una donna nella casa del padre, del fratello o del marito di lei, pagherà cento stateri.se nella casa di un altra persona, cinquanta. Se sulla donna di un apetairos (pagherà) dieci stateri Ma se uno schiavo (commette moicheia ) su donna libera, pagherà il doppio. E se uno schiavo su una schiava, cinque. L Epigrafe, dunque, conferma chiaramente che la moicheia era un reato più ampio di quello che oggi chiamiamo adulterio: ovviamente, la donna gortinia che commetteva moicheia nella casa del padre o del fratello altro non poteva essere che nubile, divorziata, o vedova. Difficile pensare che una donna sposata scegliesse la casa paterna come luogo per commettere l adulterio. E ora veniamo alla pena: a Gortina la pena per l adulterio era pecuniaria, e ai maschi della famiglia non era consentito uccidere impunemente il moichos, come in determinati casi accadeva ad Atene. In altre parole, il diritto di Gortina imponeva l accettazione di una compensazione (che nel diritto attico i parenti della vittima erano liberi di rifiutare) e stabiliva tassativamente la misura di questa. Siamo di fronte, evidentemente, a due momenti diversi di evoluzione delle regole del diritto penale. Altra considerazione interessante: la pena era maggiore se la moicheia era stata commessa nella casa del padre, del marito o del fratello della donna, ed era minore se il reato veniva commesso con la donna di un apetairos o di uno schiavo, vale a dire di persone di status inferiore.evidentemente, la moicheia era punita come reato non solo perché mettevain dubbio la certezza che nella famiglia non entrassero figli spuri, ma anche e soprattutto perché il comportamento sessualmente trasgressivo di una donna ledeva l onore familiare, diverso a seconda della collocazione sociale del capofamiglia. Di conseguenza, la moicheia con donna appartenente a famiglia di livello sociale inferiore era reato meno grave di quella con donna appartenente a famiglia di rango più elevato. BIBLIOGRAPHY 16

17 Blundell 1995 (o 1985?) = S. Blundell, Women in Ancient Greece, Cambridge Mass. Harvard Univ. Press. Cantarella 1964= La "eggue" nel diritto matrimoniale attico, "Rend. Ist. Lombardo Scienze e Lettere", 98, 1964, Cantarella 1991 = E. Cantarella, Moicheia, reconsidering a Problem in Symposion. 1990, Papers on Greek and hellenistic Legal History, ed. by M. Gagarin, Koeln, Weimar, Wien, Boelau, Cantarella, 1993 = E. Cantarella, Pandora s daughters, The Role and Status of Women in Greek and Roman Antiquity, Baltimore and London, The Johns Hopkins Univ. Press, forth printing Cantarella 1997 = E. Cantarella, Filiazione e cittadinanza ad Atene, in Symposion 1995, Vortraege zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte, herausgegeben von G.Thuer unad J. Veliasaropoulos- Karakostas, Koeln-Weimar-Wien, Boelau,, Cantarella 2002 b = E. Cantarella Bisexuality in the ancient World, second edition, New Haven and London,Yale Univ Press Carlier 1992= P. Carlier, Observations sur le nothoi, in L' Etranger dans le Mond Grec, II (Actes Deuxieme Colloque sur l' Etranger, Nancy, septembre, reunis par R. Lonis 1991, Presses Univ. de Nancy, 1992, pp ; Cartledge 1981= P. Cartledge, Spartan Wives Liberation or Licence? In CQ 31 (1981) Cohen D = D. Cohen The Athenian Law of Adultery, RIDA 31: Cohen D.1985=. D. Cohen A Note on Aristophanes and the Punishment of Adultery in Athenian Law, in ZRG, Romanistische Abteilung 102: Cohen D = D. Cohen Law, sexuality and Society,the Enforcemnet of Morals in Classical Athens, Cambridge, Cambridge Univ. Press, Cohen D., 1996= D: Cohen, Seclusion, separation and the status of women in classical Athens, in I. McAuslan and P.Walcot, (eds.), Women in Antiquity (=Greece and Rome Studies III), Oxford, Oxford Univ.Press, Fisher 1990= N.R.E. Fisher, The Law of hybris in Athens, in P. Cartledge, P. Millett and S. Todd, eds., Nomos: Essays in Athenian Law, Politics and Society, Cambridge, Cambridge Univ. Press, Fisher 1992= N.R.E. Fisher, Hybris: A Study of the values of Honour and Shame in Ancient Greece, Warminster, Aris and Phillips 17

18 Fisher 1995 = N.R.E. Fisher, Hybris, Status and Slavery, in A. Powell (ed.), The Greek World, London, New York, Routledge Foxhall 1989 = L. Foxhall, Household, gender and Property in Classical Athens, CQ. 39: Gagarin 1979 = M. Gagarin, The Athenian Law against Hybris, in G.W. Bowersock et al. (eds), Arktouros: Hellenic Studies presented to Bernard M. W. Knox, Berlin, De Gruyter, Harrison 1968 = A.R.W.Harrison, The Law af Athens, I, Oxford, Clarendon Press Karabelias 2002= E. Karabelias, L epiklerat attique, Athénes, 2002, Academie d Athenes Bibliography Leduc 1991= C. Leduc, Comment la donner en marriage? in P. Schmitt-Pantel (ed.), Histoire des femmes en Occident I, L antiquité, Paris, Plon, ; , english translation A History of Women, vol. I, Cambridge Mas. 1992, transl. A.Goldhammer, pp , Harvard University Press MacDowell 1976 = D. MacDowell, Hybris in Athens, in GR 23: Maffi 1985=A.Maffi, Matrimonio, concubinato e filiazione illegittima nell' Atene degli oratori in G. Thuer (ed.), Symposion 1985 (Cologne), Maffi 1997= A. Maffi, Il diritto di famiglia nel codice di Gortina, Milano, Cuem, 1997 Maffi 2005= A.Maffi, Family and Property Law, in Companion Morris 1999= I. Morris, Gender Relations in the classical Greek Household: the Archaeological Evidence, ABSA 90, Morris 1999 b= I. Morris, Archaeology and gender Ideologies in Early Archaic Greece, in TaPha 129: McDowell 1976= D.M. MacDowell, Bastards as athenin Citizens, in CQ 70, 1976, MacDowell, 1978= D.M. MacDowell The Law in classical Athens, London, 1978, Thames and Hudson MacDowell, 1986= D.M. MacDowell Spartan Law, Edimburgh, Scottish Academy Press,

19 Nevett, 1999 = L. Nevett, House and Society in ancient Greek World, Cambridge, Cambridge Univ. Press, 1999 Ogden 1996 = D. Ogden, Greek Bastardy in the classical and hellenistic periods,, Oxford, Clarendon Press Paoli 1950= U. E. Paoli, Il reato di adulterio (moicheia) in diritto attico, in Studia et Documenta Historiae et Iuris 16: = Altri studi di diritto greco e romano, Milano, Giuffrè, 1976, Pomeroy 2002 = S. B. Pomeroy, Spartan Women, New York, Oxford University Press, 2002 Shaps 1979= D.M. Shaps, Economic Rights of Women in ancient Greece, Edinburgh, Edinburgh Univ. Press Todd 1993 = S. Todd, The Shape of Athenian Law, Oxford Controllare Pauline Histoire des femmes e History of women,sono la stessa cosa? 19

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

L «OIKOS» NEL DIRITTO ATTICO Pubblico, privato e individuale nella democrazia ateniese classica

L «OIKOS» NEL DIRITTO ATTICO Pubblico, privato e individuale nella democrazia ateniese classica Stefano Ferrucci L «OIKOS» NEL DIRITTO ATTICO Pubblico, privato e individuale nella democrazia ateniese classica Estratto da DIKE Rivista di storia del diritto greco ed ellenistico 9 (2006) Stefano Ferrucci

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli